Il primo manoscritto. In fede. Cioffi Umberto. Ti saluto con tanto affetto. L uomo insignificante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il primo manoscritto. In fede. Cioffi Umberto. Ti saluto con tanto affetto. L uomo insignificante"

Transcript

1 Premessa Umberto Cioffi è nato a Ravello nel 1938, ha cominciato a lavorare la terra ed è andato in pensione come impiegato del carcere romano di Rebibbia. Nel mezzo, altri lavori, matrimonio, figli. Scrive da sempre; scrive per se, scrive per esserci. Dice di se "l'uomo insignificante" non per falsa modestia ma per vera saggezza. Ha visto tante cose ed ama e teme, con sincero ed amaro distacco, la vita. Due sono i temi dominanti di questi scritti: l'amore ed il timore che la giovinezza e la bellezza di cui conosce la fragilità, gli ispirano e la speranza, caparbia oltre la certezza della delusione, che ognuno faccia il suo dovere, che lo faccia per il prossimo, che sappia vivere bene per far vivere bene tutti. Umberto Cioffi crede e la sua è fede senza domande, senza pretese, crede per amore. Non manda messaggi, constata; non moralizza, spera; non giudica, piange per lo spreco. Beati i puri di cuore perché vedranno Dio. Lettere Pag. 1

2 Il primo manoscritto Caro Stefano ho verificato la tua premurosa richiesta con cura, per quanto riguardava i concorsi al Ministero degli Interni, con rammarico purtroppo le devo comunicare che non risulta nulla. Una buona notizia si è verificata al Ministero degli Esterni, una afflussa richiesta di lavoro per impiegati, operai, diplomati professionali e laureati oltre il 99% dei disoccupati possono cominciare a lavorare dal primo giugno Aggiungo con dispiacere che purtroppo quest anno dovranno rinunciare alle ferie estive. In fede Cioffi Umberto P.S. Caro Stefano scusami, se verifichi qualche sbaglio perché sono le due del mattino e devo ancora pensare per affrontare la giornata che si presenta. Ti saluto con tanto affetto L uomo insignificante Roma, 6/6/1995 Lettere a Selezione del Reader s Digest Pag. 2

3 Egregi signori della Selezione dal Reader s digest. Il sottoscritto Cioffi Umberto fa presente che in vita sua non ha mai vinto niente, dico la verità una volta mi giocai la mia data di nascita è vinsi centomila lire, con la speranza di vincere qualcosa in più, rigiocai e persi anche quelli. L unica vincita che la vita mi ha regalato è che lavoro da quando avevo cinque o sei anni, praticamente da quando mi reggevo in piedi per questo ringrazio sempre il Creatore nostro Signore Io lavorando da piccolo sono diventato uomo, padre e se DIO vuole anche nonno un giorno, uomo lavoratore e rispettabile, e continuerò a lavorare fino a quando avrò le forze necessarie. Per quanto riguardo la vincita quasi sicura che voi proponete di 500 milioni, sono bene accettate, servirebbero a premiare una persona che non ha mai avuto paura di lavorare a qualunque ora del giorno a fare tutti lavori che si sono presentati senza umiliarsi di fronte a nessuno. Mi comprerei una casetta al centro di Ravello perché io sono nativo di Sambuco frazione di Ravello Per quanto riquarda l abbonamento annuale per la vostra rivista non la farò, prima che io vinca, questione di principio. Il lavoro mi venne incontro quando ero bambino per necessità. La vincita che voi proponete per il concorso deve essere ancora più acerba cattiva malvagia e spregevole. Deve venire di notte quando io per una settimana non sono riuscito a dormire e poi finalmente riuscirei a dormire, in quell ora deve venire la vincita se mi vuole! Se no la ringrazio lo stesso, ringrazio voi della vostra generosità con tutto il mio cuore, l uomo insignificante rispetta sempre chi lavora e continuerà a lavorare con dignità e amore. Roma, 16/06/1995 Cioffi Umberto Pag. 3

4 Lettera al Sindaco Al carissimo signor Sindaco RUTELLI primo cittadino di Roma, le scrivo queste poche parole per esprimere il mio pensiero di cittadino italiano, nativo di Ravello ( SA ) residente in Roma dal Il nostro scarpone è bello veramente bello, Roma come città non viene superata da nessuna altra al mondo per le sue opere d arte prepotenti e belle, ogni mattone è una storia. Ravello come paese è bello, bello come ha voluto il nostro Creatore del bene. Fa parte delle quattro Repubbliche marinare come storia e le sue bellezze naturali di tutta la costiera amalfitana. I romani circa duemila anni fa erano già a Ravello. Io da cittadino insignificante vedo che tutte le nostre opere d arte vanno frantumandosi polverizzandosi in quanto non vi sono soldi, e gli Italiani non ne avranno mai tanti per sistemare continuamente questo patrimonio inestimabile di cultura mondiale, che poi il mondo intero lo conosce meglio degli italiani, perché gli italiani lavoratori, che sono oltre il sessantacinque per cento, non le hanno neanche visitate sia per motivi economici o per motivi di espatrio o per motivi del fabbisogno familiare che è sempre squilibrato per un motivo o per l altro. Io cittadino insignificante propongo che tutti i cittadini del mondo hanno diritto a visitare quando vogliono, le nostre bellezze naturali e le nostre opere d arte costruite e inventate dai nostri nonni bisnonni etc.etc.. Io cittadino insignificante propongo anche che tutti i governi del mondo devono contribuire a finanziare il mantenimento, e la ristrutturazione continua delle opere d arte con il proprio contributo, tutto quello che si può ancora salvare. Chiedo scusa per averla disturbata ma purtroppo la penso così. Ringrazia anticipatamente Roma, 19/4/1996 Cioffi Umberto Ma chi ce l ha mandati! (forse l eroe dei due mondi) non credo proprio! Carissimo signor Bossi, signora Pivetti, signor Maroni e signor Speroni, è l uomo insignificante che scrive. Vorrei sapere da voi che significa dividere l Italia, questo lo sanno fare i peggiori uomini, tutti sanno dividere: i figli dividono l avere del padre ed è facile, anzi qualcuno uccide i propri genitori per prendersi quello che avevano accumulato con tanti sacrifici nella vita. Voi siete uomini superiori ad altri uomini in quanto avete fatto fallire un governo. Pag. 4

5 Voi siete venuti per costruire non per distruggere, voi quattro siete venuti sulla terra per costruire il sud d Italia e ne sono certo noi Di Pietro l aspettavamo da 40 anni e a voi vi aspettavamo da 50. Di Pietro ha capito subito perché è stato mandato su questa terra. Voi cominciate a capire adesso perché, carissimo signor Bossi, lei se è un vero battagliero deve continuare la sua missione vendere la sua casa e andare a vivere in Sicilia e deve continuare il resto rimasto in sospeso dal grande amatissimo generale, dove per riunire l Italia ha bagnato la terra di sangue ( GARIBALDI ) per rifare gli Italiani e portare l Italia a livello produttivo con la sua Sicilia come la padania. Per quanto riguarda l ammiratissimo Maroni deve lasciare la sua casa nel nord e deve vivere in Calabria, è la stessa formula come la Sicilia vale per lei. Perché carissimo, lei in Calabria è riuscito ad asciugare una lacrima ad una nobile Baronessa disperata, e queste cose non possono rimanere in sospeso, per la baronessa e per tutta la Calabria. Il signor Speroni l aspettano in Puglia come l acqua, quando per motivi qualsiasi, non si riesce a bere per una settimana, La formula e sempre quella diventare cittadino pugliese, produrre come il nord, valorizzare, e stimare le persone del sud come se stesso. La stimatissima signora Pivetti deve lasciare la sua residenza e andare a vivere in Campania - Napoli la formula è sempre quella anche per lei produrre e cambiare in bene ogni cosa e aiutare le persone che hanno bisogno, queste persone sono state abbandonate da tutti, con i loro problemi. Prego tutti voi, di essere presenti al governo di Roma, in quanto è la, che si decide il bene e il male. Propongo a tutti insieme che il male deve sparire in questo bellissimo e amatissimo scarpone. Noi abbiamo una storia di cultura generale creata dai nostri nonni, bisnonni etc.. L uomo insignificante chiede di dare esempio di civiltà e di bene a tutti i cittadini Roma, 3/5/ Cioffi Umberto Il nostro creatore Anche se il nostro creatore degli uomini e di tutte le cose esistenti IDDIO, ha sofferto anche lui, appena creò l uomo e le affiancò la donna vicino, subito si accorse che l uomo non era forte per seguire i suoi insegnamenti. Si è compiaciuto lo stesso lasciandolo fare a modo suo, la buona parte degli uomini credono di vivere in alcune leggi da lui dettate nei tempi di Mosè, sono pochi secondo me quelli che rispettano alla perfezione i DIECI Comandamenti. Pag. 5

6 Il nostro padre celeste soffre anche lui come un buon capo di famiglia, quando tutto costruisce, dopo anni e anni di lavoro, con il suo sentimento di insegnare alla sua famiglia moglie, figli, parenti e altre persone conoscenti, le cose giuste e buone. Ma sono pochi i capi di famiglia che sono veramente felici, alla fine della loro vita, quando si accorgono che neanche la minima parte è stata messa in pratica specialmente in quest aria di tempo che attraversiamo. Ha mandato il figlio con la stessa bontà di bene del padre, anzi molto di più, perseguitato per tutta la sua vita, alla fine inchiodato sulla croce senza dire una parola in sua difesa, per venire in aiuto ai suoi creati che erano in difficoltà e tanto amava. Il suo popolo soffre ancora per le tante ingiustizie che crea l uomo. Spesso l uomo manca ancora di sapienza e di bontà, e di capire l altro uomo quanto dice il giusto. Chi realmente insegna il bene vive nel bene. Ma perché c è la corsa verso il male e tutti sono infatuati dal male? Non riesco a capire le persone che vivono nel male. Come riescono a dormire la notte? Forse sono persone che non hanno mai praticato o capito il bene o non sanno vivere con la coscienza grosso modo pulita. Trovare per tutta l umanità altre forme di vita usando realmente i sistemi benigni quelli scritti da Mosè Pag. 6

7 Mi direte che purtroppo nella storia non c è riuscito nessuno, è vero, infatti si dovrebbero riunire tutte le forze umane e studiare il meglio che l uomo sa produrre per poi tutti insieme metterlo in funzione con la massima sorveglianza. Voi mi domandate: perché scrivo queste cose? Vi spiego: E da tanto tempo che quando giro per la città, e quei pochi paesi che ho visitato le persone che mi sfiancano senza accorgersene, sono tutte di una proprietà sola, però ognuno di loro dà un contributo, non di soldi non di lavoro e non fa parte di queste cose. Danno un contributo come il mese di Maggio dove nei campi vi sono sempre fiori in fioritura, noi non ci accorgiamo, ma il mondo umano con tutte le sue razze umane diverse è un giardino di fiori in fioritura continua. Ecco perché IDDIO da li su ci guarda, anche se la cattiveria in questo pianeta è tanta, veramente tanta, forse incoscienza. Lui da li su ci guarda come un grande giardino di fiori in fiore che è sempre in fiore, con la speranza che un giorno noi diventiamo un giardino di fiori puliti e sinceri così la smettiamo di farci del male fra di noi. L uomo insignificante aspetta e spera che sparisca la malvagità così gli uomini possano diventare buoni e sinceri. Pag. 7

8 Roma, 13/6/1996 Cioffi Umberto I nostri cari antenati ci chiamano Vorrei che fosse in vita un soldato dell esercito dell Impero di Roma. Amavano questa terra da loro vissuta. L immagine lasciata dal soldato all Imperatore, commuove continuamente i cuori di ogni essere capiente. In quanto non era facile far rispettare le leggi, dopo circa 2000 anni la storia è sempre quella forse anche peggio. I soldati come esecutori d ordine facevano lavorare schiavi e progettisti nei modi disumani. Gli schiavi costruivano opere maestose ma a fine lavoro, metà di loro era trasferito all altro mondo per disgrazia sul lavoro e malattia. Con tutto ciò hanno lasciato la storia, la cultura, la civiltà i monumenti e quanto si sente dire la parola ( IMPERO ROMANO ) ogni volta che immagino l Impero Romano voglio sempre più bene a questa terra benedetta e bella. Però noi che viviamo sulla terra degli schiavi lavoratori, dal soldato all Imperatore offendiamo in continuazione la loro memoria. Pag. 8

9 La puzza e lo smog delle macchine al centro della città, tutto messo insieme, non sappiamo fare altro che distruggere il loro operato. Esempio in tutti gli anni passati non sono stati ristrutturati le loro opere lasciate. La buona parte dei treni locali sono imbrattati perfino i vetri, delle peggiore scritte e verniciature che esistono su questo mondo. Sono chiamati i treni degli orrori, ( fanno paura e pensare se prenderli!) ma purtroppo non vi sono altri. Sotto le metropolitane non si fa in tempo a lavare le pietre di travertino che già sono imbrattate di scritte e verniciate. Tutti i luoghi comuni vengono danneggiati, compresi la decapitazione delle statue nelle ville pubbliche. Perché secondo noi non è proprietà nostra? Invece è tutta proprietà nostra, i viventi di tutto il pianeta di questa terra (presenti e futuri), le opere pubbliche sono sempre proprietà di tutti. Offendiamo tutto quello da loro rimasto, hanno già rubato e distrutto tutto, è rimasto qualche sasso del loro passato. Proteggiamolo, così loro dallo schiavo all Imperatore, cessano di soffrire. E l uomo insignificante che scrive, vorrei che questo scritto sia cantato e suonato con trombe squillanti. Cioffi Umberto Roma, 19/7/1996 Il riposo del povero uomo sesso maschile Pag. 9

10 Dal supremo, nostro Signore con la sua saggezza creò la notte, a tutti sembra nera, un mostro di bruttezza, orribile e forse per alcuni esseri umani è creduta così. Saranno quelli a cui la vita gli sorride sempre in ogni cosa e allora loro di giorno hanno la felicità, ogni bene, sono amati dal sesso femminile, se non cambiano, si possono permettere di fare e disfare senza pudore e senza problemi, perché la vita glielo permette e gli sorride. Per una buona percentuale di persone che per motivi qualsiasi per esempio non hanno i soldi, non lavorano e, se specialmente in una famiglia dove lavora solo la moglie e che ha anche un posto importante e da i soldi al l uomo per lui e per i figli per vivere, a quel punto il povero essere maschile se riesce a sopravvivere, ringrazia il Signore con tutta la sua mente, con tutte le sue forze, con tutta la sua anima, e loda il Signore di aver creato la notte profonda. Perché lui se riesce a sprofondare nel sonno non guarda più quel viso che amava e gli dava sicurezza. Non guarda l ingiustizia che lo circonda e che forse senza volerlo l altro uomo gli ha creato e gli crea ancora giorno per giorno. Per questi uomini sfortunati sulla terra, l Onnipotente ha regalato la notte, se riescono a dormire. Così quelle poche ore che riesce a dormire è tutto quello che la vita gli concede, loro ringraziano lo stesso, perché in quelle poche ore che dormono sono anche loro degli angeli felici. Quell uomo pensa ripensa cammina senza accorgersi e non riesce a capire chi l ha ridotto così, di giorno è un fantasma che cammina. Dal principio il lavoro era destinato al l uomo, la donna era la sua compagna, la sua interlocutrice, la sua consolatrice, la mamma dei suoi figli che faceva crescere con tanto amore e bene educati. La donna negli ultimi tempi è riuscita a prendersi anche il lavoro dell uomo mandandolo a fare i lavori di fatica e di precisione, sbarazzandosi dei figli in tenera età o di assistere qualche genitore vecchio oppure ammalato. Tutto è diventato simile alle fabbriche che hanno le catene di montaggio dove ognuno segue i suoi ingranaggi. Alla fine a rimetterci sono le donne stesso, i bambini che sono anime innocenti non sanno chi realmente l ha condannati appena nati. Il sesso maschile che non sa più qual è la strada giusta da percorrere. Abbiamo solo distrutto quel poco di buono e di felicità che il buon DIO ci aveva regalato, perché alla fine al la sera siamo tutti stanchi di noi stessi E l uomo insignificante che scrive. Roma, 4/9/1996 Cioffi Umberto Pag. 10

11 La Scuola L insegnamento della vita nella scuola sia sul presente che sul futuro, scritto sui vecchi testi devono diventare facoltativi. Ai bambini, adolescenti e giovani va insegnato come affrontare la vita presente e futura, questa è la scuola che interessa ai nostri cari figli dello stato Italiano in questo periodo di tempo in cui sono molto deboli e avviliti. E l uomo insignificante che scrive, con il cambio del sistema scolastico secondo me si costruiranno meno case di reclusione, case circondariali, istituti minorili e ospedali di osservazione, in questo modo non si crescono i cittadini, per poi processarli e rinchiuderli come i peggiori animali e sepolti vivi con tutti i problemi attribuiti. Una volta per sempre alla scuola non va fatto nessun taglio anzi va potenziata su tutti i punti di vista, i bambini devono essere cresciuti dando loro il migliore dell intelletto dei professori laureati e preparati. All insegnamento della vita presente e futura, mattina e pomeriggio, gli studi vanno fatti e aiutati dai professori senza dar peso ai studenti, come il contadino che lavora con tanta attenzione e precisione per poter crescere bene le sue piantine con la schiena curva e in ginocchio. Per poi raccogliere i suoi frutti sani, belli e coloriti selezionarli secondo il valore che hanno. La stessa cosa vale per i figli dello Stato, esempio se un ragazzo vuol fare un mestiere qualsiasi è bene che lo faccia, se non ha le doti per essere un professore o essere un dottore oppure uno scienziato, non si deve spingere a quello che non si vuole oppure non è portato a fare, ma neanche umiliarlo, anzi aiutarlo e spiegargli che si vive bene anche facendo lavori artigianati. Pag. 11

12 Abolire tutte le vecchie storielle che non importano niente a nessuno anzi questi tipi di scritti hanno stancato perciò diventino facoltativi. I libri di testo devono essere scritti sul presente e sul futuro da affrontare quotidianamente, il passato in questo periodo di tempo è facoltativo. Il presente va studiato per far sapere come costruire la vita per le nuove generazioni e per non farli incorrere nell errore diventare fuorilegge, bisogna prepararli con tutte le nostre forze, insegnandogli che nella vita si deve sempre lavorare per il bene di tutti e dare il massimo di se stesso, i bambini estroversi i bambini in difficoltà d inserimento, i bambini ritardati negli studi, vanno tutti aiutati al massimo delle loro possibilità, perché nessun figlio dello stato Italiano si deve sentire inferiore all altro, si devono imparare ogni sport preferito, e invogliarli a tutte le attività e iniziative. I bambini, gli adolescenti e i giovani tutti devono avere una buona educazione un rapporto sincero fra di loro stessi, senza mai farsi delle cattiverie, un rapporto educativo verso gli adulti, generalmente verso gli anziani. Bisogna essere presenti nelle famiglie dove non lavora nessuno e non vi sono soldi per la sopravvivenza, subito devono intervenire gli organi dello stato e dare un aiuto per la sopravvivenza. I bambini, gli adolescenza, i giovani, gli adulti, le persone anziane e i malati, devono fare in modo che tutti abbiano il minimo indispensabile. Tutti insieme devono avere la forza anche di sorridere durante il giorno quotidiano L uomo insignificante saluta tutti i futuri scolari. Roma, 30/9/1996 Cioffi Umberto Il bambino della seconda guerra mondiale a cui non è stato concesso niente di quello che gli spettava Carissimi ho capito che con il mio modo di fare e parlare un po di troppo do fastidio ai parenti e a tutti gli esseri umani che s incontrano sul mio cammino anche se io voglio molto bene all umanità e tutti gli esseri di questa terra. Avete ragione un po di vivacità l ho sempre avuta il resto mi ha trasformato in questo modo, il seguito della vita difficile ed amara come il fiele. Quando ero bambino piangevo sempre perché non avevo la forza fisica per fare i lavori che ci obbligavano a fare, mi sentivo inferiore, il mio cervello già lavorava e pensava per trovare un lavoro adatto a me per poi costruire tutto sulle mie forze e sul mio intelletto per farmi una famiglia e una casa, senza chiedere niente a nessuno. Pag. 12

13 Quel briciolo di amore che mi aspettava di diritto perché era un bambino figlio della seconda guerra mondiale, non è arrivato da bambino, non è arrivato da adolescente non è arrivato da giovane, e neanche da sposato, e neanche adesso me lo può concedere nessuno. Ormai il tempo perso non sarà più concesso, perché adesso che io non riesco più ad avere l educazione di mentire o di capire o far finta di nulla, quando l altro di fronte a me fa il furbo o si aggiusta tutto a modo suo facendo il vigliacco, il maligno e a quel punto esplodo ad alta voce con il mio vocione, senza pensare che do fastidio alle altre persone che sono vicino dicendo anche la verità che fa male a chi non la vuole e dire che io non sopporto i vigliacchi e i traditori sia che siano parenti sia che siano persone straniere per me è la stessa cosa. Carissimi come bene sapete ho cercato sempre di lavorare nel migliore dei modi per non far soffrire gli altri essere umani che si trovano vicino o lontano, per tanti motivi. Molti aspettano la nostra grazia per andare ben vestiti o vestiti. Io ero solo da bambino, come tutti siamo soli in qualche modo nella vita. Anche se la nostra famiglia era formata da 7 sette, fratelli e sorelle, ognuno di noi ha il compito di risolvere e gestire la sua vita nel bene e nel male, ricordati che sempre solo sei. Carissimi io credo che ho sempre lavorato per dare il meglio di me stesso anche quando parlo mi sforzo a modo mio d insegnare quel poco di buono che mi hanno insegnato e che nella vita sono riuscito ad accumulare ma da solo incontro troppe difficoltà sia sul lavoro che sulla vita privata Il fatto che io diventa sempre più forte con la mente e con le buone azione io non riesco più a fermarmi. L unica cosa che mi da pace e quando lavoro la mia terra e sgorga il sudore come una pioggia dal mio corpo o quando riesco a dormire e non più a pensare. E una parte dell uomo insignificante che scrive, purtroppo questa e la vita ognuno ha il suo destino. Cioffi Umberto Pag. 13

14 Roma, 14/10/1996 Le guerre dei Capi di Stato Il cervello mi distrugge pensando alle guerre. E l uomo insignificante che scrive, stavo nella sala da pranzo a vedere la televisione non ricordo il programma, ricordo solo mio figlio che mi è venuto a salutare e poi è andato a letto. Non riuscivo altro che pensare che pensare sempre di scrivere questo manoscritto e poi riposarmi. E uno scritto che dedico a tutti i Capi di Stato di questo pianeta, io sono l uomo insignificante da quattro soldi. A quelli che non vogliono la pace, a quelli che tentano ad iniziare qualche focolaio di guerra, a quelli che hanno fatto la guerra e non vogliono ancora capire, a quelli che continuano a sperimentare armi che distruggono l umanità e ogni cosa creata dal Supremo SIGNORE, e a tutti quelli che ammazzano altri essere umani per guadagni di soldi facili, a tutti quelli che si vanno a divertire, ma poi rimangono disintegrati sulle strade morendo prima dei genitori mi domando: questi genitori che peccato hanno fatto? in questi casi sono dei fantasmi che piangono sulle tombe dei loro figli. Mi rivolgo a tutti voi che avete studiato e siete il meglio dell intelletto, voi capi di stato che siete come i capi di famiglia, un capo di famiglia da la propria vita per i suoi figli. In uno Stato lo sanno tutti che cambiando modo di governare si migliora e si protegge il popolo, io dico che avvenga subito! Perché l educazione del popolo avviene dai Capi di Stato, dalle buone leggi dello Stato e dai buoni papà e mamme. Domando a voi: non sentite il grido e i pianti di queste anime che gridano, soffrono e piangono? Non vedete in ogni guerra che finisce lo strazio umano che rimane? La miseria umana e i dolori? Persone a cui mancano gli occhi per vedere e a molti mancano gli arti, tanti altri hanno il corpo bruciato dalle bombe e vi sono esseri umani che si vergognano di mostrare il proprio viso, in quanto prima della guerra questi avevano il viso bello e sorridente, le guerre non fanno altro che distruggere e bagnare la terra di sangue e lasciare cadaveri per terra le altre persone che rimangono in vita, per tutta la vita hanno la registrazione della guerra e di tutto il male subito nel cervello Ma come si fa a dormire con tutti questi morti, invalidi e persone trasformate in fantasmi? Su questo pianeta abbiamo fatto passi da gigante usando il nostro buon cervello, per esempio abbiamo la radio, la televisione, l acqua nelle case, il telefono, la corrente elettrica, l aereo che vola,i treni, la scienza medica che da tanta speranza e arriva dove può dando il meglio di se stessa. Ma la cattiva politica, il male che produce l uomo con le guerre, che aspettiamo ad eliminarli questi mostri che fanno rimanere solo tristezza e morti. E il grido degli innocenti e delle persone pacifiche che ci accusano di ipocrisia di essere buoni a nulla e senza cervello. Pag. 14

15 L uomo insignificante rimane molto dispiaciuto perché ha dovuto scrivere questo manoscritto per essere in pace con la sua coscienza. Era da anni che il cervello soffriva per l ingiustizia recata agli esseri umani indifesi e buoni. Cioffi Umberto Roma, 22/10/1996 Ore 4,30 ma sveglio dall una della mattina Il sogno dell uomo insignificante che è rimasto male molto male. Questo è il sogno; Roma 26/10/1996 mi sono svegliato all una di mattina non ho potuto più dormire, verso le ore quattro mi sono messo a letto e ho dormito per dieci minuti. Ho sognato che mi trovavo in un giardino dove c era un tavolo grande e lì c erano degli anziani uomini che giocavano a carte. Lontano dal tavolo vi erano tanti alberelli di una altezza di circa tre metri, sembravano allori. Dei ragazzi piccoli e grandi si divertivano a salire e a scendere piegando gli alberelli. Io invece stavo a potare un albero di diametro grosso ma era molto invecchiato, aveva un pezzo di ramo con corporatura grossa e insecchita, pensavo di chiedere ai ragazzi di darmi una mano per segarlo. Invece si giovani ragazzi tutti che gli anziani li perché rovinavano gli Io ho spiegato erano padri dei loro età bisognava capirli, i andarono. Mentre io mi angolo del giardino soli bambini piccoli che Ad un certo punto bambino io non ho maschietto o una piccoli erano maschie e Vedo che si apre Pag. 15 presentano vicino a me i dispiaciuti dicendomi avevano rimproverati alberelli. loro grandi e piccoli, che padri e che con la loro giovani persuasi se ne allontanai all altro intorno a me vi erano giocavano. ho sentito un grido di un capito se era un femminuccia perché i femmine. un forellino di circa dieci

16 centimetri quadrati da cui veniva risucchiato giù il bambino. Dallo spavento, gridai di terrore nella mia mente gridavo ad alta voce, sempre nella mente, ma non sono riuscito a salvare il bambino. L unica che ho visto sulla mia sinistra era una giovane donna. Guardavamo insieme, il buco che si era allargato e il bambino era sprofondato nell acqua piena di bollicine che sembrava acqua e sapone sporco. Svegliandomi dallo spavento ho detto: mio DIO ma perché anche quando dorme devo soffrire?. Mi sono preparato e vestito e sono subito uscito di casa, così l uomo insignificante girava di mattina presto per la città. Roma, 27/10/1996 Cioffi Umberto Il mio amore a venti anni per fotografia L uomo insignificante scrive questa lettera d amore di quando avevo sui vent anni, la bella innamorata la conoscevo solo in fotografia. Come già ho scritto precedentemente, sono stato sempre un ragazzo vivace scherzoso aveva sempre voglia di stare con i miei amici d infanzia, di sera dopo il lavoro e la domenica. Qualche volta vi scappava anche una sbronza di marsala o altri liquori, facendo il sotto e il padrone, ma si poteva fare perché non vi erano macchine che circolavano. Potevamo strillare con tutto il fiato che avevamo in corpo in quanto la strada da percorrere per tutti noi era di campagna non circolava nessuno, noi abitavamo in una frazione del paese. Comunque la storia di un amore per lettera comincia così: in quei tempi tutti emigravano forse nel mondo intero per guadagnare qualche lire in più. In quegli anni io facevo il mezzo muratore, eravamo circa una decina lavoravamo per la stessa ditta. In mezzo a noi vi era un bravo padre di figli che si chiamava come il mio papà. Parlando, scherzando, quando mangiavamo a mezzogiorno venne fuori che io volevo andarmene in Inghilterra per guadagnare un po di soldi in più, questo signore mi disse che dai perenti suoi in Inghilterra vi era una brava ragazza che lavorava insieme a loro emigrata anche lei dall Italia, brava è lavoratrice. Lui non mi voleva dare l indirizzo a me perché io ero troppo giocherellone e gli avrei fatto fare una brutta figura, ma purtroppo mi sono messo alle costole fino a quando non sborsò l indirizzo Lui raccomandandosi di non darle dispiacere, io lo rassicurai di non preoccuparsi che aveva buone intenzioni di sposarla. Questa ragazza aveva il nome della Santa, protettrice degli occhi, le scrissi e mi mandò la sua bella foto, con degli occhi e capelli neri, nello stesso tempo le mandai la mia foto. Ci piacemmo e continuammo a fare l amore per lettera, lei ogni volta che mi scriveva, metteva una sigaretta nella busta, io quando rispondevo inviavo un fiorellino di prato. La sigaretta non la fumava, a quei tempi si sconsigliava di non mangiare o fumare delle cose che donavano persone che non si conoscevano. Pag. 16

17 Questa storia si trascinò per più di un anno scrivendoci, un bel giorno mi chiese di cominciare a sveltire le carte per sposarci per procura. Io andai in tilt! no! senza vederti con i miei occhi non ti sposo, la ragazza era brava faceva sul serio. Si anche se non l avevo sfiorata neanche con il mio viso, ma con quelle lettere, gli volevo bene lo stesso. Ma di lasciare il mio paese non mi faceva ragionare. Non mi faceva ragionare di avere un altra patria per i miei figli, non più figli della mia bella Italia, che farei qualunque cosa per vederla come mi piacerebbe a me. Decisione, presi tutte le lettere la foto e le sigarette, feci una raccomandata, l amore della mia terra e più forte dell amore di una donna. In Inghilterra non vi ero mai andato, ma circa sette mesi fa sono andato per un matrimonio. Fin quando non sono sceso dall aereo non mi rendevo conto. Quando ho cominciato a domandare delle informazioni a quegli angeli biondi, belli con i capelli dorati, educati, e quei sorrisi che mi animavano. Mi sono reso conto, che io non potevo comunicare con gli angeli biondi che sono così belli perché non ho studiato la lingua. Al matrimonio stavamo al centro della sala di fronte agli sposi, con tutti quelli che sono venuti dall Italia che lavoravano li da tanti anni Ci divertivamo al massimo raccontando delle barzellette schiattando di risate. Tutti quegli angeli biondi e belli con gli occhi di stelle lucenti che ci guardavano e non capivano, domando forse sarebbe bene parlare una sola lingua in tutto il pianeta terra per poter comunicare con tutti gli angeli. La scena tremante avviene alla fine di tutto, quando tutti si salutano e vanno via. Mi cominciano a salutare un gruppo di circa quindici angeli biondi molto giovani, sia ragazze che ragazzi a quel punto, tutti gli Italiani vanno via, io continuo a chiacchierare con gli angeli che vogliono capire quello che io gli ho detto. Io gli ho detto che l aspettavo nel 2000 a Roma. Non sentendomi di andarmene e lasciare così male quei ragazzi, per fortuna avvenne che un amico mio che conosceva la loro lingua venne a cercarmi e così spiegò loro quello che io avevo detto. Io che ho messo piede per la prima volta sulla terra di questi belli angeli con i capelli dorati e con gli occhi stellati il viso che sprigiona amore visi sorridenti, che ti fanno sorridere. Perché questi angeli non si stringono la mano fanno una festa è dimenticano tutto il male che si fanno per oltre trent anni, con gli angeli dell isola vicino. Che anche loro sono belli dorati con gli occhi di stelle celesti. Al limite per far riuscire una buona festa di allegria ben riuscita, e a fin di bene, il buon vino lo possono ordinare da noi dello stivale, fatto dai cattivi angeli dello scarpone così un giorno tutti insieme diventiamo bravi è rispettosi reciprocamente. L uomo insignificante vi regala questo manoscritto con tanti e tanti auguri. Roma, 30/10/1996 Cioffi Umberto Pag. 17

18 Il brevetto Il sottoscritto uomo insignificante alle ore 5,25 del mattino in pizza Risorgimento domanda al tranviere del 19, che percorre la via Prenestina se c era un bagno in quella piazza, lui con tanta gentilezza mi rispose che vi era solo di giorno quando funzionava perché molte volte era chiuso, di notte era sempre chiuso e allora io gli disse: e voi come fate di notte? Il tranviere mi rispose: si va in qualche bar e se no ti arrangi per strada. La mia risposta è che in tutte le città si devono piazzare dei bagni sia per le donne che per gli uomini. Mettendo una moneta si aprono le porte a tempo, passato il tempo si riaprono le porte e le persone che stanno dentro sono costrette ad uscire o a mettere un altra moneta. Naturalmente si formerà una squadra che raccoglie l incasso e tiene tutto in ordine e pulito. Questo brevetto sarebbe utile di giorno e di notte per tutte le persone che girano nella città. L uomo insignificante pensa che questo brevetto si deve studiare e mettere in pratica in tutte le città del mondo. Pag. 18 Cioffi Umberto

19 Roma, 31/10/ Il bambino vecchio carbonaio e Minicuccio Minicuccio un bel giovane biondo sempre allegro, era assistente ai lavori dei boschi e guardiano, faceva di tutto, la mattina all alba lui mi salutava così: Buongiorno vecchio carbonaio. Negli anni, dal 1945 al 1950 i bambini lavoravano, specialmente i bisognosi e chi abitava in campagna, i quali, avevano degli appezzamenti di terreno e le famiglie di quella frazione avevano tutto della terra da coltivare in quanto con la guerra del 40 da un bosco, i nostri padri avevano tirato fuori terra fertile da coltivare e il lavoro di montagna per i boscaioli e i contadini. Tutti avevano le mucche da sfamare e le proprie famiglie, le risorse erano quelle, lavoro di montagna e lavoro di contadino. Le famiglie erano numerose, il minimo di una famiglia sei sette persone, la vita del vecchio carbonaio comincia quando aveva sette otto anni bambino che non ricorda niente di bello di tutta l infanzia, solo lavoro e sempre lavoro, perfino l acqua si andava a prendere alla sorgente lontano. La scuola come sempre si chiude nel mese di Giugno, ma poi quale scuola, ho studiato fino alla terza elementare, in quei anni la sopravvivenza te la dovevi guadagnare Mio padre con i miei fratelli e sorelle più grandi compreso io andavamo a fare i lavori di montagna esattamente a tramutare la legna di montagna in carboni Una procedura che è un arte difficile e laboriosa la legna selezionata e segata di circa un metro, in autunno e in pieno inverno. Nella fine di giugno quando il caldo si faceva sentire si cominciava a preparare i grandi spiazzi, grandi e puliti, siccome le montagne sono tutte in pendio in queste piazzole al centro i maestri boscaiolo di cui uno dei tanti era mio Padre ci montavano dei grandi mucchi di legna fatti con maestria con un buco al centro chiamati catozzi in dialetto. Questi catozzi di legno si coprono con frasche e fogliame e pagliente di terra e terra, quando sono tutti pronti si butta dentro della brace di fuoco. Dopo una decina di giorni con tanta cura, quella legna diventa tutto un masso di fuoco e carbone vero, a quel punto, si toglie la terra infuocata e spiana la terra fresca, si aggiungono 8-10 barili d acqua nei vari punti delle parte superiore del catozzo per spegnere il fuoco, si apre il catozzo e si mettono i carboni ai bordi della piazzola, si raffreddavano,e quella legna diventava carbone. A quei tempi all alba ancora buio venivano le squadre che trasportavano sulle spalle tutti i tipi di materiale, cominciavano a riempire i sacchi di carboni, io con il fratello più grande aiutavamo a riempire i sacchi, i mesi per fare questi lavori era Luglio, Agosto, Pag. 19

20 Settembre, anche il guardiano Minicuccio arrivava presto, appena mi vedeva mi salutava così : Buongiorno vecchio carbonaio. E chiaro io ero un bambino di 7-8 anni, mezzo addormentato già sporco di carbone, perché la sera non mi ero neanche lavato perché dormivo sulla paglia del pagliaio e le zanzare ti massacravano di pizzicate. Scalzo perché non mi ricordo di avere avute scarpe, si portavano le pezze ai piedi, siccome ero piccolo non le sapevo mettere e così facevo prima a camminare scalzo che a piede nudi, con pantaloncini corti e sporco e pieno di piaghe alle gambe e alle mani, ero in quelle piazzette di carboni ad aiutare le donne che riempivano i sacchi di carboni, arrivava il guardiano ispettore dei lavori mi vedeva e gli facevo pena sicuramente perché io era solo un bambino sporco denutrito, insonnolito, pieno di piaghe per tutto il corpo. Minicuccio mi incoraggiava dicendomi: Buongiorno vecchio carbonaio come va il lavoro? io con i miei occhi lo guardavo e gli facevo un sorriso malinconico, di stanchezza e mezzo addormentato. Ma il lavoro continuava, finiti di riempire i sacchi si pesavano con la stadera, le donne sposate e anche signorine belle e piene di salute, adolescenti, giovani e padri di famiglia si caricavano sulle spalle i sacchi pieni di carboni e li portavano in paese a scaricarle in magazzino. Queste squadre trasportavano tutto addosso, carboni, pali lunghi per fare pergolati, fasci di frasche per coprire le piante di limoni per la protezione dal freddo e altri prodotti per dar da mangiare agli animali. Il bello era che queste persone sembravano tutte allegre cantavano ridevano, lavoravano e cantavano. Ma tutti rispettavano il vecchio carbonaio che non si reggeva in piedi, che ero io l uomo insignificante di adesso. Roma, 20/2/1997 Cioffi Umberto Pag. 20

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli