Deliberazione della Giunta Comunale N. 58 del 12/04/2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione della Giunta Comunale N. 58 del 12/04/2005"

Transcript

1 ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale N. 58 del 2/04/2005 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ANNO LA GIUNTA COMUNALE Premesso che con deliberazione del consiglio comunale nr. 2 del , esecutiva ai sensi di legge, é stato approvato il bilancio di previsione per l'esercizio 2005, il bilancio pluriennale e la relazione previsionale e programmatica per il triennio ; Visto l'art. 69 del Decreto Leg.vo nr. 267 che prevede l'adozione da parte dei comuni di un Piano Esecutivo di Gestione, sulla base del bilancio deliberato, con il quale vengono determinati gli obiettivi di gestione che unitamente alle dotazioni necessarie vengono affidati ai responsabili dei servizi; Visto il Decreto nr. 6 del febbraio 2003, confermato con successivo Decreto nr. 72 in data con i quali il Sindaco ha nominato il Direttore Generale ed attribuito, tra l'altro, ai sensi della vigente normativa, il compito di presentare la proposta del piano esecutivo di gestione; Dato atto che l'adozione di tale documento, che contiene un ulteriore graduazione delle risorse dell'entrata e degli interventi della spesa in capitoli, e' facoltativa per gli enti locali con popolazione inferiore a abitanti; Considerato, però, che l'art. 7 del vigente regolamento di contabilità comunale prevede che allo scopo di pervenire all'attribuzione di precise responsabilità di gestione e di risultato nonché alla formulazione di articolate previsioni di bilancio ed all attivazione del controllo di gestione, il comune adotti la metodica di budget con l'approvazione di idoneo Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.); Dato atto che in base alle previsioni regolamentari il PEG é costituito da: il documento di direttive elaborato dalla giunta comunale, i budget dei singoli centri di responsabilità, a cui é preposto un responsabile; Visto il Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi; Vista la vigente dotazione organica; Visto il Decreto Leg.vo nr.267; Considerato che sono attribuiti ai Responsabili di servizio ed ai Capi Area dell'ente preposti ai centri di responsabilità, i sottoindicati poteri, doveri e responsabilità: - assumeranno gli atti di impegno ed accertamento della spesa e dell'entrata, che prenderanno il nome di determinazioni, gestendo quindi il bilancio sia per quanto riguarda la competenza che i residui; - proporranno all'organo esecutivo, per il tramite del Direttore Generale a seguito di idonea valutazione, motivate proposte di modifica alle dotazioni finanziarie assegnate con le modalità previste dal regolamento di contabilità, mentre la giunta comunale motiverà l'eventuale mancata accettazione delle modifiche proposte; - sono responsabili del raggiungimento degli obiettivi assegnati e rispondono del risultato della loro attività sotto il profilo dell'efficacia (intesa come soddisfacimento dei bisogni in termini di risorse assegnate) e dell'efficienza (intesa come completo e tempestivo reperimento delle risorse assegnate e contenimento dei costi di gestione). Essi rispondono inoltre delle procedure di reperimento e di acquisizione dei fattori produttivi; - dovranno vigilare e controllare l'attività dei responsabili del dei singoli centri di responsabilità, individuati con apposite determinazioni; Visto l'allegato documento di direttive e dato atto che gli obiettivi di gestione in esso prefissati sono coerenti con i programmi illustrati nella relazione previsionale e programmatica;

2 Considerato di definire i budget dei singoli centri di responsabilità, che costituiscono il PEG, così come indicato dalle schede allegate al presente provvedimento, dando atto che il contenuto finanziario di tale documento corrisponde alle previsioni finanziarie del bilancio annuale per il 2005, aggiornate alla data odierna; Considerato di fornire in ordine alla gestione dei budget da parte dei singoli responsabili di servizi e dei Capi Area le seguenti precisazioni: - alcuni centri di responsabilità, in determinate situazioni, possono fungere da unità di supporto all'attività di altri centri di responsabilità ad esempio: a) l'ufficio economato per quanto riguarda le procedure di acquisizione di beni od il pagamento di minute spese; b) l'ufficio personale sovrintende alle procedure di assunzione e sostituzione del personale di ruolo ed a tempo determinato per tutti gli uffici; c) l'ufficio manutenzione patrimonio provvede a garantire la funzionalità di tutti gli immobili comunali nonché è di supporto per la realizzazione delle attività e le manifestazioni socio culturali; d) l ufficio contratti provvede a seguire le procedure d appalto ad evidenza pubblica sulla base dei capitolati di gara elaborati dai singoli uffici. Nei casi prospettati e negli altri analoghi le cosiddette unità di supporto si attivano su richiesta, eventualmente anche scritta, dei preposti ai singoli centri di responsabilità. Si precisa, inoltre, che tra i diversi centri di responsabilità devono essere realizzate quelle necessarie sinergie per il raggiungimento degli obiettivi che richiedano l'utilizzo di risorse umane appartenenti alla dotazione organica di altri centri di responsabilità, anche se non espressamente richiamate nei singoli Piani Esecutivi di Gestione; Tutti i responsabili dei servizi e Capi Area possono assumere determinazioni relative alla gestione del budget previsto in tali capitoli e sono tenuti a comunicare per tempo al servizio finanziario le proprie necessità di variazione al PEG che verranno sottoposte alla giunta comunale; L'ufficio ragioneria provvede direttamente ad accertare od impegnare su ogni capitolo del PEG, se pur gestito da altri centri di responsabilità, le somme previste dagli artt. 79 e 83 del decreto Leg.vo nr. 267 e dagli artt. 25 e 38 del regolamento comunale di contabilità; Ritenuto, per ragioni di semplificazione amministrativa e trasparenza di dettare il seguente criterio: la scelta dei gruppi, degli artisti, dei relatori di convegno ecc. è rimessa all Assessore competente per materia, su eventuale segnalazione del dipendente incaricato a seguire l iniziativa o di altri soggetti idonei (ad esempio il comitato di gestione della biblioteca) che effettueranno la segnalazione sulla base dei curriculum presentati, delle precedenti esperienze lavorative avute con l ente o dall esito di eventuali colloqui o contatti diretti; operativamente l Assessore visterà l offerta di collaborazione presentata dal soggetto prescelto o la proposta dell ufficio o sarà data l indicazione scritta dei nominativi dei soggetti da incaricare; I lavori finalizzati al miglioramento delle opere sotto il profilo della funzionalità e della sicurezza per importi non superiori a Euro 0.000,00 + IVA sono decisi direttamente dal responsabile dell area Gestione del territorio sentito l Assessore di competenza ed eseguiti ai sensi del regolamento dei lavori da eseguirsi in economia; Le opere di manutenzione straordinaria e/o i nuovi interventi finanziati con proventi di concessione, saranno realizzate in base alle priorità date dall amministrazione con riferimento al gettito effettivo degli stessi; Dato atto di assegnare ai responsabili di servizio ed ai Capi Area la competenza a valutare la convenienza dell alienazione e o dismissioni di beni mobili di modico valore, fino a Euro 5.65,00 non più utili all attività dell Ente e di procedere con opportuno provvedimento; Considerato che il nucleo di valutazione ha il compito di valutare l'attività gestionale dei responsabili dei servizi ed al fine di attuare un controllo sul raggiungimento degli obiettivi e di misurare i risultati dell'attività di gestione in termini di efficacia e di efficienza; Ricordato che rimane di competenza degli organi comunali l'adozione di atti o provvedimenti specificatamente previsti dalla normativa vigente; Precisato che in relazione alle spese di rappresentanza che concorrono a migliorare l'immagine dell'ente ed alla funzione di accrescimento della stessa nei confronti dell'opinione pubblica, si deve intendere che i capitoli di spesa sono comprensivi di somme a ciò destinate. Nei limiti delle risorse attribuite ai centri di responsabilità, il Sindaco indica di volta in volta la tipologia delle spese di rappresentanza che devono essere assunte a carico dell'ente;

3 Dato atto che l indicazione dei responsabili di nelle schede di PEG ha valore puramente illustrativo essendo fatta salva la competenza dei responsabili di servizio e Capi Area per quanto riguarda l individuazione degli stessi e la definizione delle materie di competenza; Visto lo statuto comunale, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 32 del , in particolare gli artt. 26, 29 e 4 relativi alle attribuzioni degli organi politici e dei dirigenti; Acquisito il parere favorevole del Direttore Generale e del Capo Area Economico Finanziaria, ai sensi dell art. 49 del Decreto L.gvo nr. 267; Ad unanimità di voti espressi nei modi di legge, D E L I B E R A ) di approvare il Piano Esecutivo di Gestione per l'esercizio finanziario 2005, proposto del Direttore Generale, che si compone dei seguenti documenti: documento di direttive nel quale sono stati prefissati gli obiettivi da conseguire ed i tempi di realizzazione degli stessi coerentemente con i programmi illustrati dalla relazione previsionale e programmatica, allegato al presente atto (A); budget dei singoli centri di responsabilità a cui è preposto un responsabile, per gli importi che risultano dalle schede allegate (B) al presente atto; 2) di confermare gli indirizzi e le precisazioni in ordine alla gestione dei budget formulate nelle premesse al presente provvedimento; 3) di dare atto che i capitoli del PEG di cui all allegato elenco C) sono rilevanti ai fini IVA; 4) di approvare l elenco dei centri di responsabilità allegato D); Quindi con separata votazione parimenti unanime, espressa nei modi e forme di legge, D E L I B E R A di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi del comma 4 dell art. 34 del Decreto Leg.vo nr.267, al fine di introdurre quanto prima le nuove modalità di gestione dei servizi e del bilancio, che meglio rispondono alle esigenze di efficienza dell'erogazione dei servizi prevista dalla normativa vigente. * * * La proposta di delibera ha conseguito i pareri in base all'art. 49, c., del D.lgvo , n. 267: Tecnico Favorevole Motivazione: Regolarità Contabile Favorevole Motivazione: PARERE DATA FORMULAZIONE PARERE RESPONSABILE PARERE 2/04/2005 BABETTO FRANCESCO 2/04/2005 DAL BRUN FEDERICA

4 DIREZIONE GENERALE Centro di Responsabilità UNITA DI STAFF - Segreteria Codice del centro di Responsabilità 000 Responsabile del servizio Dr. Babetto Francesco Responsabile dell unità organizzativa Dr. Menorello Cristina. Descrizione sintetica dell attività svolta dal centro di responsabilità Attività di carattere istituzionale relativa agli Uffici Segreteria, Protocollo, Messi Comunali, Segreteria del Sindaco, Centralino. 2. Risorse umane esistenti e previste Istruttore Direttivo Amministrativo: Menorello dr.ssa Cristina Istruttori Amministrativi Ufficio Segreteria: Gamba Lucia, Dr. Alberto Lorenzin per il 20% Segreteria Sindaco: Beggiato Bernardina Esecutore Amministrativo Ufficio Messi: Chiara Milan Messi Comunali: Fontolan Adriano e Beggiato Nicola Protocollo: Sara Ferracin Centralino: Giacometti Angelo 3. Mezzi e strumenti a disposizione esistenti Testi legislativi e raccolte giurisprudenziali su supporto cartaceo ed informatico. Nr. 6 PC e nr. 4 stampanti. SE/2004/326. OBIETTIVI FINANZIARI

5 Centro di responsabilità: 000 SEGRETERIA / E Contributi Comunitari euro 2.000,00 Richiesta di concessione di un contributo europeo per il finanziamento delle spese organizzative correlate ad eventuali soggiorni a Rubano cittadini francesi, nell ambito delle iniziative per la realizzazione del gemellaggio con il Comune di Notre Dame de Gravenchon. Non sussistono le condizioni per presentare la domanda. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello / E Contributo prov.le potenziamento trasporto pubblico euro 2.076,02 Concessione di un contributo provinciale per il finanziamento della continuazione di un progetto già attivato con SITA S.p.A. per potenziare il trasporto pubblico all interno del Comune al fine di migliorare il collegamento delle frazioni e per tutelare l utenza debole. Entro giugno, fatta salva la conclusione degli accordi con la Provincia. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba / E Diritti sugli atti del Giudice Conciliatore diritti notifica euro 2.000,00 Entrate relative al rimborso spese richiesto, ai sensi della delibera di G.C. nr. 97 del , per ciascun atto notificato per conto dei Comuni che non aderiscono alla condizione di reciprocità e dell Amministrazione finanziaria. Al termine di ciascun semestre.

6 2 Versamento in Tesoreria delle somme per diritti di notifica nell espletamento dell attività di conciliazione. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. Successivamente alla restituzione dell atto munito di relata di notifica al richiedente / E Trasferimenti dal Consorzio di Polizia Municipale Padova Ovest per i proventi delle contravvenzioni Euro 80.44,07 Entrate derivanti da proventi per contravvenzioni, trasferiti dal Consorzio di Polizia Municipale Padova Ovest. Nel corso dell anno. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello / E Trasferimenti dal Consorzio di Polizia Municipale Padova Ovest per sanzioni amministrative. euro 0.000,00 Trasferimento dal Consorzio di Polizia Municipale Padova Ovest delle somme introitate a titolo di sanzioni amministrative applicate. Nel corso dell anno. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. 000 / U Indennità di carica a Sindaco e Assessori euro 3.000,00 Finanziamento oneri per indennità di carica, come previsto dall art. 82 del D.lgs 267/2000. Entro il giorno 27 di ogni mese, ai sensi dell art. 60 del Regolamento Comunale di Contabilità e dell art comma lett.

7 c) D. Lgs. 267/00, in quanto trattasi di spese dovute per legge che costi tuiscono impegno sui relativi stanziamenti. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba. 005 / U Indennità di fine mandato euro 4.000,00 Quota annuale di accantonamento dell indennità di fine rapporto, nella cifra massima pari al dodicesimo dell indennità di carica annua, ai sensi dell art. 86 comma 3 del D.lgs 267/2000. In corso d anno. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba. 0020/ U Gettoni di presenza Consiglieri e componenti Commissioni Comunali diverse Euro 0.000,00 Finanziamento spese dovute a titolo di indennità di presenza spettanti ai consiglieri comunali ed ai componenti delle commissioni consiliari ai sensi dell art. 82 comma 2 del D.lgs 267/2000. Al termine di ciascun semestre, ai sensi dell art. 60 comma 2 del regolamento Comunale di Contabilità e dell art. 83, comma 2 lett. c), del D. Lgs. 276/00, in quanto trattasi di spese dovute per legge che costituiscono impegno sui relativi stanziamenti. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba.

8 0030 / U Spese diverse per Consiglio e Giunta euro 2.000,00 Rimborso delle spese sostenute da parte degli Amministratori del Comune per: - Spese di viaggio - Indennità di missione nell effettuazione di viaggi connessi alla loro carica ai sensi di quanto previsto dal Regolamento Comunale per la Disciplina dei rimborsi spese effettive di viaggio sostenute dagli amministratori del Comune per missioni fuori sede, su autorizzazione del Sindaco e dietro presentazione del modulo per il rimborso delle indennità ed altresì dei documenti giustificativi delle spese effettivamente soste nute, ai sensi dell art. 84 del D.Lgs. 267/2000. Al termine di ciascun semestre, ai sensi dell art. 60 comma 2 del regolamento Comunale di Contabilità RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba / U Oneri per assenze di lavoro Amministratori Euro ,00 NR. 2 Finanziamento degli oneri previdenziali assistenziali e assicurativi dovuti ai datori di lavoro degli amministratori in aspettativa per l espletamento del mandato elettorale, ai sensi di quanto previsto dall art. 86 del D.lgs 267/200. Rimborso ai datori di lavoro degli oneri per le assenze di lavoro degli amministratori che usufruiscono di permessi per partecipare a sedute di Consigli Comunali, Giunta Comunale, Commissioni Consiliari, ovvero per l espletamento del mandato elettorale, ai sensi di quanto previsto dall art. 80 del D.lgs 267/2000. Versamento della quota mensile da parte dell Ufficio Ragioneria entro la fine del mese successivo a quello di riferimento. Entro 20 giorni dalla richiesta pervenuta da parte del datore di lavoro, per consentire l emissione del mandato di pagamento entro 30 giorni dalla richiesta, come previsto dall art. 80 del D.Lgs 267/2000. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba.

9 00300 / U Spese di rappresentanza ed iniziative diverse euro 5.000,00 Spese per iniziative promozionali dell attività dell Ente, patrocini, feste civili del 25 Aprile, 2 Giugno e del 4 Novembre, Festa del Lavoro. euro 2.300, Pagamento quote associative relative all Associazione Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa euro 700,00 Acquisto fornitura di gadgistica comunale da utilizzare per varie iniziative ai fini di promozione dell immagine dell Ente. euro.500,00 Organizzazione di un viaggio a Strasburgo da parte di un gruppo di cittadini rubanesi per la visita al Parlamento europeo. 500,00 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. Referente: Beggiato Bernardina. All occorrenza. All inizio dell anno, con liquidazione della somma dovuta a seguito presentazione dell apposita cartella esattoriale. All occorrenza. In corso d anno / U Spese per attività di gemellaggio Euro 5.000,00 Spese per l organizzazione di un soggiorno a Rubano da parte di alcuni cittadini francesi provenienti da Notre dame de Gravenchon, nell ambito delle iniziative per il gemellaggio. Entro Giugno. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. Referente: Beggiato Bernardina.

10 02600 / U Spese per servizio mensa stagisti Euro 260,00 Assunzione spese per assicurare il buono pasto agli studenti che effettuano stages presso il Comune di Rubano. Nel corso dell anno, in relazione ad incarichi assegnati a stagisti. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba / U Spese e consulenza per uffici comunali euro 7.000,00 Servizio di trascrizione delle sedute consiliari. euro 4.000,00 Incarico annuale e liquidazione semestrale. 2 Affidamento dei seguenti incarichi per la consulenza agli Uffici comunali: partecipazione all eventuale nuova gara d appalto per la concessione di progettazione, costruzione e gestione dell impianto di cremazione presso il cimitero di Rubano da parte di nr. 2 membri esperti 2.000,00 altre eventuali consulenze per gli uffici comunali euro.000,00 All occorrenza. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO per l obiettivo nr. : Lucia Gamba. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO per l obiettivo nr. 2: Cristina Menorello / U Spese per Francopost e francobolli euro ,00 Spese per affrancatura postale automatica, per lettere tassate e francobolli. euro 2.500,00 Ad inizio anno, con eventuale successivo incremento.

11 2 Spese di volantinaggio per la diffusione alla popolazione di iniziative comunali. All occorrenza ciascuna iniziativa. per euro 500,00 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO per gli obiettivi nr. : Cristina Menorello. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO per l obiettivo nr. 2 : Alberto Lorenzin / U Spese per liti, arbitraggi e risarcimenti. euro ,00 Affidamento di incarichi per la difesa legale o di perizie nelle cause, ricorsi o arbitrati di cui è parte il Comune di Rubano. All occorrenza. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello / U Contr. Pubbl. Relazioni iniziative diverse euro.000,00 Assegnazione contributi vari ai sensi del vigente Regolamento comunale in materia, per finalità di promozione dell immagine esterna dell ente. All occorrenza previa adozione di appositi indirizzi di Giunta Comunale. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. Referente: Beggiato Bernardina / U Quote di partecipazione ad Associazioni Istituzionali euro 3.400,00 Contributo quota annuale ANCI Veneto. euro.200,00 Entro il primo quadrimestre dell anno.

12 2 Contributo annuale associativo/anci. euro 2.200,00 A seguito presentazione della cartella esattoriale. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba / U Contributo alla Provincia per Difensore Civico euro 948,00 Pagamento del contributo annuo a carico del Comune per l'esercizio in forma associata delle funzioni di Difensore Civico. Entro il mese di Marzo a favore della Provincia di Padova. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Alberto Lorenzin / U Spese diverse per attività di polizia municipale euro.000,00 Finanziamento di spese pregresse, anteriori al 2002, per la custodia di veicoli sequestrati, ai sensi dell art. DPR 57/82, ed eventuali ulteriori spese diverse. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello A seguito di presentazione di fattura / U Spese per la prevenzione del randagismo euro 4.600,00 Convenzione tra il Comune di Rubano e la Lega Nazionale per la Difesa del Cane per la custodia e la cura dei cani randagi presso il Rifugio del cane di Rubano. euro 2.500,00 Liquidazione semestrale a seguito presentazione di fattura.

13 2 Spese di mantenimento dei cani randagi presso il canile sanitario gestito dall USSL 6. euro 2.00,00 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Alberto Lorenzin. Liquidazione semestrale a seguito presentazione di fattura / U Trasferimenti al Consorzio di vigilanza Padova Ovest euro ,00 Trasferimenti correnti annuali al Consorzio di Polizia Municipale Padova Ovest ai sensi della vigente convenzione. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. Secondo la tempistica indicata dalla convenzione con le seguenti modalità: il 40% entro il mese di Gennaio sulla base del bilancio preventivo di esercizio; il 50% entro il mese di Luglio, sulla base del bilancio preventivo di esercizio; il saldo, a conguaglio, entro 60 gg dalla presentazione del rendiconto consuntivo da presentare ai Comuni entro il 3 Marzo di ogni anno / U Spese per servizio trasporto pubblico euro ,00 Spese per servizio di trasporto pubblico sub urbano APS Holding in base all approvazione del nuovo contratto di servizio. euro ,00 Con scadenze differenziate nel corso dell anno, a seguito presentazione della richiesta.

14 Rinnovo convenzione per trasporto pubblico con SITA/FTV. euro ,00 Rinnovo convenzione per trasporto pubblico relative alla convenzione la Cartoleria Euganea per l integrazione tariffaria per abbonamenti in pool FTV. euro 3.940,00 Spese per potenziamento servizio di trasporto pubblico sul territorio comunale per il collegamento delle frazioni: circolare interna. euro ,00 Spese per potenziamento servizio di trasporto pubblico in occasione delle giornate di blocco del traffico. euro.000,00 Rinnovo entro Marzo. convenzione Liquidazione competenze trimestrale a seguito presentazione di fattura per l abbonamento convenzionato, e mensile per l integrazione tariffaria. Quattro rate anticipate entro il 20 dei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre. Approvazione entro febbraio, fatta salva la conclusione degli accordi con la Provincia. All occorrenza. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba / U Spese per tirocini e stages Euro 2.000,00 Assunzione spese per l assegnazione di borse di studio agli studenti che effettuano stages presso il Comune di Rubano. Nel corso dell anno, in relazione ad incarichi assegnati a stagisti. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba.

15 OBIETTIVI NON FINANZIARI Centro di responsabilità: 000 SEGRETERIA AZIONE AZIONE 2 Convenzionamento con istituti superiori e Università per l effettuazione di stages presso il nostro Ente prioritariamente nel periodo estivo. Richiesta attivazione stages a diversi istituti superiori o università. Approvazione convenzione con i diversi istituti e perfezionamento. In corso d anno In relazione alle esigenze di attivazione In relazione alle esigenze di attivazione RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba. 2 Adozione provvedimenti in materia di Protocollo informatico, con particolare riferimento al manuale di gestione e relativi allegati. Entro giugno 2005 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. 3 Diffusione circolari agli uffici relativamente a: - Protocollo e posta - Forniture di beni e servizi Entro giugno 2005 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. 4 Gestione attività correlate alla promozione dell immagine esterna dell Ente, con particolare riferimento a: programma delibere sul sito web, invio sms a consiglieri ed amministratori, predisposizione newsgroup, predisposizione impostazione carta intestata e biglietti da visita. In corso d anno RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba.

16 5 Organizzazione incontri con i nuovi residenti del Comune e con i cittadini residenti nel Nuovo centro di Rubano. Entro dicembre 2005 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Lucia Gamba. 6 Adozione provvedimenti in materia di tutela della riservatezza personale, con particolare riferimento al documento programmatico per la sicurezza ed alle nomine dei responsabili del trattamento e dei rispettivi incaricati. Entro Dicembre 2005 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. 7 Revisione dei regolamenti dell Ente, nelle materie di competenza del settore, che debbono essere aggiornati in conseguenza a mutamenti normativi, ed in particolare Regolamento per l esercizio del diritto di accesso agli atti e flussi documentali. Entro dicembre 2005 AZIONE Studio e predisposizione bozza di regolamento Entro settembre 2005 AZIONE 2 Sottoposizione regolamento all esame da parte della competente Commissione istituzionale Entro novembre 2005 AZIONE 3 Approvazione mediante delibera di C.C. Entro fine dicembre 2005 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello.

17 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2005 Centro di Responsabilità UNITA DI STAFF - Contratti Codice del centro di Responsabilità 0002 Responsabile del servizio Dr. Francesco Babetto Responsabile dell unità organizzativa Dr. Menorello Cristina. Descrizione sintetica dell attività svolta dal centro di responsabilità Attività contrattuale comunale e procedure di gara d appalto. 2. Risorse umane esistenti e previste Istruttore direttivo amministrativo: Menorello dr.ssa Cristina Istruttore Amministrativo: Dr. Alberto Lorenzin per l 80% 3. Mezzi e strumenti a disposizione esistenti Testi legislativi e raccolte giurisprudenziali su supporto cartaceo ed informatico. Nr. 3 PC e nr. 3 stampanti.

18 OBIETTIVI FINANZIARI Centro di responsabilità: 0002 CONTRATTI / E Depositi per spese contrattuali e d asta euro ,00 Introito somme, per diritti di rogito, registrazione e trascrizione contratti, nonché per visure ipo catastali, le cui spese sono a carico dei contraenti. All occorrenza nel corso dell anno, in relazione alla necessità di registrazione dei contratti. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello / U Quota diritti di rogito al Segretario Comunale euro 6.00,00 Ripartizione somme spettanti al Segretario C.le per la stipulazione degli atti contrattuali e procedurali connessi di cui ai numeri,2,3,4, e 5 della Tabella D allegata alla L nr. 786, ai sensi dell art. 4 della L nr. 32, che attribuisce al Segretario rogante, con decorrenza , una quota pari al 75% del provento spettante al Comune ai sensi dell art. 30 della L nr. 734, come modificato dall art. 25 D.L nr. 786 e convertito in legge nr. 5, quota dei diritti di segreteria che è pari al 90% del provento annuale, per una percentuale risultante del 67,50% del provento annuale, con il limite del terzo dello stipendio in godimento. Liquidazione trimestrale. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Alberto Lorenzin.

19 05900 / U Spese per gare d appalto e contratti euro , Trattativa privata per l affidamento del servizio di pubblicità per gare d appalto di lavori, servizi e forniture e spese per la pubblicazione dei bandi di gara sulla GURI. euro ,00. Stipulazione e registrazione di contratti con imposte a carico del Comune in base ad appositi atti di indirizzo, in particolare per la locazione di immobili adibiti a civile abitazione per anziani, e, conformemente a specifiche previsioni contrattuali, per la metà dell importo annuale dell imposta di registro relativa al contratto di locazione con l USSL. 6, per la totalità dell importo annuale dell imposta di registro relativa al contratto di locazione stipulato con la Prefettura di Padova per la Caserma dei Carabinieri, ed spese relative ad eventuali nuovi contratti con somme a carico del Comune. euro 2.000,00 Trascrizione contratti presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari e relative visure ipo catastali qualora le spese siano poste a carico dell Ente in base ad apposito atto di indirizzo. Entro Marzo. Alle scadenze di legge nel corso dell anno. All occorrenza in corso d anno Euro.000,00 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO per l obiettivo nr. : Cristina Menorello. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO per gli obiettivi nr. 2 e 3: Alberto Lorenzin / U Restituzioni depositi contrattuali e d asta euro ,00

20 Prelevamento somme, introitate al cap , per la registrazione dei contratti le cui spese sono a carico dei contraenti. All occorrenza in relazione alla necessità di registrazione dei contratti. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello.

21 OBIETTIVI NON FINANZIARI Centro di responsabilità: 0002 CONTRATTI SETTORE CONTRATTI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Cristina Menorello. Redazione e trascrizione di contratti di compravendita di aree, di nr. 30 atti di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà con relative convenzioni e di nuove convenzioni per i proprietari di residenze PEEP. Nel corso dell anno. 2 Procedura di gara e contrattuale per gli appalti indetti da parte del Comune in base alle richieste di supporto pervenute da parte degli uffici C.li Secondo la tempistica di seguito indicata. AZIONE Consulenza sul Capitolato Speciale d Appalto. All occorrenza. AZIONE 2 Predisposizione bando ed avviso di gara. Entro 20 gg. dalla approvazione del C.S.A. AZIONE 3 AZIONE 4 Approvazione bando e nomina commissione tecnica di gara con determinazione. Pubblicazione bando ed avviso di gara ed invio dei medesimi al concessionario per la pubblicità. Entro 5 gg. dalla predi sposizione. Entro 5 gg. dalla appro vazione. AZIONE 5 Redazione del verbale di gara ed avviso di aggiudicazione. In data coincidente con l espletamento della gara d appalto Avviso entro 0 gg. AZIONE 6 Verifica requisiti in capo all aggiudicatario Entro 20 gg. dall aggiu dicazione AZIONE 7 Richiesta di deposito documenti all aggiudicatario per il quale risulti positiva la verifica del possesso dei requisiti. Entro 5 giorni dall aggiu dicazione definitiva. AZIONE 8 Redazione, stipulazione e registrazione contratto d appalto. Entro mese dall aggiu dicazione definitiva.

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI Il programma garantisce il funzionamento degli uffici e dei servizi di carattere generale: tra questi i più importanti riguardano: a) la segreteria generale dell ente per

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE servizi per la gestione delle risorse economico-finanziarie servizi di provveditorato ed economato servizi tributari servizio del personale servizi istituzionali

Dettagli

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000)

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) COMUNE DI FAENZA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) Il presente lavoro è redatto e comunicato, ai sensi della citata normativa, per l adempimento degli obblighi propri

Dettagli

STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI. Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA. Art.

STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI. Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA. Art. Pagina 1 di 5 STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA Art. 72 La programmazione di bilancio 1. La programmazione dell'attività

Dettagli

Servizio Bilancio e Controllo di Gestione

Servizio Bilancio e Controllo di Gestione Servizio Bilancio e Controllo di Gestione Responsabile settore: Mara Fabbiani Telefono: 0522 610 214 e mail: m.fabbiani@comune.castelnovo-nemoti.re.it Dotazione organica Loretta Marciani Rossella Tognetti

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE

SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE ALLEGATO 1 PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI E DELLA PERFORMANCE - PAROP SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE

Dettagli

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo UFFICIO PERSONALE OGGETTO: Attribuzione alla Dr.ssa MARINA MARCHEGIANI Responsabile del Settore N. 6 Bilancio-ragioneria-economato-tributi-farmacia-informatizzazione di compiti e funzioni di cui all articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

AREA RISORSE UMANE, INFORMATICA E SERVIZI DEMOGRAFICI SETTORE RELAZIONI CON IL PUBBLICO

AREA RISORSE UMANE, INFORMATICA E SERVIZI DEMOGRAFICI SETTORE RELAZIONI CON IL PUBBLICO AREA RISORSE UMANE, INFORMATICA E SERVIZI SETTORE RELAZIONI CON IL PUBBLICO Responsabile del Settore: Bittarelli Luciana Cura il front - office del comune ed in particolare svolge le seguenti attività:

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Dotazione Organica UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Collaboratore Amministrativo Cat. B/3 Collaboratore Amministrativo-Messo Cat. B/3 UFFICI : Segreteria Generale - Protocollo Messo

Dettagli

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce)

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Città di Campi Salentina di Guagnano di Novoli di Surbo di Trepuzzi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (ART. 33

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P.

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. IVA 00675950364 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. generale 112 data

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il Comune di Bari, nell esercizio delle sue funzioni, provvede alla gestione dei servizi sociali, qualificati

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010 PARTE ENTRATA E 00190 000 2010 IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI 1.336.000,00 E 00191 000 2007 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 37.420,44 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 ESTRATTO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 Responsabile del Servizio : DOTT.SSA CLELIA PAOLA VIGORITO N. 168 OGGETTO : AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE COMUNE DI CASNATE CON BERNATE RELAZIONE AGGIORNAMENTO MISURE CONTENIMENTO SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGG., L. 24.12.2007 N. 244 A) Premessa. L art. 2, commi 594 e segg. della legge

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 COMUNE DI ANZANO DI PUGLIA PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 Adottato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

SERVIZIO 1 RESPONSABILE SIG.RA LUISA GALLINI. MAIL: ragioneria.tributi@comune.marcignago.pv.it

SERVIZIO 1 RESPONSABILE SIG.RA LUISA GALLINI. MAIL: ragioneria.tributi@comune.marcignago.pv.it TABELLA A1 Descrizione procedimento SERVIZIO 1 RESPONSABILE SIG.RA LUISA GALLINI MAIL: ragioneria.tributi@comune.marcignago.pv.it Termine conclusione procedimento (gg.) Attivazione procedimento (/istanza)

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI

SETTORE AFFARI GENERALI SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZI: SEGRETERIA, LEGALE E AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E APPALTI SEGRETERIA SINDACO RELAZIONI ESTERNE U.R.P. CENTRO DI RESPONSABILITA : COD.02 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO

Dettagli

3LDQRHVHFXWLYRGLJHVWLRQH

3LDQRHVHFXWLYRGLJHVWLRQH &RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQOEHUJR %,/&,2',59,6,2 LDQRHVHFXWLYRGLJHVWLRQH P.E.G. Servizio: ECONOMICO FINANZIARIO RESPONSABILE: Firma: " ) ) % ' # I Centro di Costo Bilancio e Ragioneria coordina le attività

Dettagli

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE. di GESTIONE PROVVISORIO

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE. di GESTIONE PROVVISORIO PIANO ESECUTIVO di GESTIONE PROVVISORIO 2012 Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 48-1482 del 24/01/2012 Obiettivi e dotazioni Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE Piano

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI

CARTA DEI SERVIZI SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CARTA DEI SERVIZI SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CDR 01 AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Il settore fornisce il supporto amministrativo all insieme di attività connesse al funzionamento degli

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA 2^ RIPARTIZIONE SERVIZI FINANZIARI D E T E R M I N A Z I O N E N. 1109 REG. GEN. del 31-12-2013 N. 135 SERVIZI FINANZIARI OGGETTO: Aggiudicazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 VISTO il Decreto legislativo 22 ottobre 2009 n. 150 all art. 11 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche attraverso

Dettagli

COMUNE di CAMOGLI Comando Polizia Locale

COMUNE di CAMOGLI Comando Polizia Locale COPIA UFFICIO POLIZIA MUNICIPALE DETERMINAZIONE N 254 del 16.05.2013 h. 12.00 OGGETTO: Approvazione Capitolato progetto del varco e lettera di invito. Procedura negoziata per la fornitura e posa in opera

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PANCHIA PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 OGGETTO: Individuazione atti di competenza responsabile. Anno 2015 L anno duemilaquindici addì ventitre del mese

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE

REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE Approvato dal Consiglio dell Ordine nella seduta del 9 luglio 2015 Pagina 1 di 11 TITOLO I (NORME GENERALI) Articolo 1 (Finalità

Dettagli

PARTE II - SPESA 1.500,00 AREA 7 - COMUNICAZIONE

PARTE II - SPESA 1.500,00 AREA 7 - COMUNICAZIONE Pag. / 5 Codice Cap/Art Disavanzo di amministrazione TITOLO I Spese correnti Funzione Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio Organi istituzionali, partecipazione e decentramento

Dettagli

SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO COMUNE di MARTELLAGO SCHEDE DI BUDGET 2012 SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO SERVIZI Urp, Protocollo, Centralino e Messi (19) Dott.ssa Sonia Pattaro Responsabile Bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI BORGO A MOZZANO pagina 1 CONTO DI BILANCIO - ANNO 2007

COMUNE DI BORGO A MOZZANO pagina 1 CONTO DI BILANCIO - ANNO 2007 COMUNE DI BORGO A MOZZANO pagina 1 Titolo I Spese correnti Funzione/Servizio 0101 - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 1010102 UFFICIO RELAZIONI COL IL PUBBLICO RS 14,00 1 14,00 0,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE DELIBERA C.C. N. 89 DEL 21.11.2000 DELIBERA C.C. N. 15 DEL 30.03.2010 DELIBERA C.C. N. 22 DEL 14.04.2014 Regolamento per la disciplina generale delle

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLARI TIZIANO Indirizzo VIALE PICENO, 60 20129 MILANO Telefono 02.7740.2569 Fax 02.7740.2499 E-mail t.cappellari@provincia.milano.it

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Settore Attività Economico Finanziarie Sezione Ragioneria. (All. I)

COMUNE DI ROVIGO Settore Attività Economico Finanziarie Sezione Ragioneria. (All. I) COMUNE DI ROVIGO Settore Attività Economico Finanziarie Sezione Ragioneria (All. I) INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000033453 Ente Descrizione COMUNE DI ROVIGO Categoria Province

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COM UNI DEL CAM POSAMPI ERESE

UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COM UNI DEL CAM POSAMPI ERESE UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE STATUTO Delibera Giunta Unione n. del 21 settembre 2010 1 Titolo I Principi Fondamentali Art. 1 Oggetto Il presente Statuto disciplina, ai sensi

Dettagli

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009 ORGANI ISTITUZIONALI Indennità al sindaco, assessori e cons. comunali 28.000,00 Spese diverse per il consiglio e la giunta municipale 700,00 Polizza Amministratori 1.048,00 da finanziare 29.748 SERVIZI

Dettagli

SETTORE 2 DIPENDENTE CATEGORIA SERVIZIO/UFFICIO FARRIS GIANCARLO C ISTRUTTORE CONTABILE RAGIONERIA RAGIONERIA CONTABILE

SETTORE 2 DIPENDENTE CATEGORIA SERVIZIO/UFFICIO FARRIS GIANCARLO C ISTRUTTORE CONTABILE RAGIONERIA RAGIONERIA CONTABILE SETTORE 2 RESPONSABILE LINDIRI DANIELA DIPENDENTE CATEGORIA SERVIZIO/UFFICIO FARRIS GIANCARLO C ISTRUTTORE CONTABILE RAGIONERIA NONNIS GINO D ISTRUTTORE DIRETTIVO CONTABILE RAGIONERIA GRAMAI ANNARELLA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

COMUNE DI CORATO REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORATO REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI 1 COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 4/C del 19.02.2013 (art. 42 TUEL) 2 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITA

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO 2013 GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO 2013 GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO 2013 Attività e Obiettivi Gestionali Anno 2013 GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE Responsabile Machetti Duccio

Dettagli

Comune di ACQUAVIVA D ISERNIA Provincia di Isernia

Comune di ACQUAVIVA D ISERNIA Provincia di Isernia Reg. Pubbl. N 381 del 27/03/2014 Comunicata ai Capigruppo Il 27/03/2014 Prot. n 419 Deliberazione n 13 Comune di ACQUAVIVA D ISERNIA Provincia di Isernia Originale /Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 344 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 40 DEL 01/04/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 344 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 40 DEL 01/04/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 344 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 40 DEL 01/04/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO, PER L ANNO 2015, IN FAVORE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA CITTA DI STRESA (Provincia del Verbano-Cusio-Ossola) REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 104 del 27.12.2013 INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto del

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ -

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ - PON SICUREZZA 20072013 FAQ 1. Quale è la procedura di presentazione dei progetti aventi valenza territoriale? La procedura di presentazione delle proposte progettuali nell ambito del PON è sempre aperta

Dettagli

SETTORE N. 3 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E

SETTORE N. 3 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA EX PROVINCIA OLBIA TEMPIO Legge Regionale 12 marzo 2015, n. 7 Delibera Giunta Regionale n.14/8 del 8.4.2015 SETTORE N. 3 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE D E T E R

Dettagli

Obiettivi degli organismi gestionali dell ente

Obiettivi degli organismi gestionali dell ente Obiettivi degli organismi gestionali dell ente Con decreto sindacale prot. n. 50 del 2 gennaio 2014 sono state attribuite le Posizioni Organizzative ai dipendenti comunali apicali nei rispettivi settori

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009 DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009 OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART.2 COMMI DA 594 A 599 LEGGE 24/12/2007 N.244 /LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 56 DEL 20/03/2015 OGGETTO: FORNITURA MODULO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) COMUNE DI PONTBOSET Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2014 2016 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 20 febbraio 2014 con deliberazione n. 4 della

Dettagli

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Affari Generali e Istituzionali

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Affari Generali e Istituzionali Comune di Empoli Provincia di Firenze Settore V Affarii Generallii e Istiituziionallii Attività e competenze dei servizi del Settore Affari Generali e Istituzionali Servizio URP e Ufficio Stranieri Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE GENERALE Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. Art. 6. Art. 7. Art. 8. Art. 9. Art. 10.

Dettagli

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000)

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) COMUNE DI FAENZA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) Il presente lavoro è redatto e comunicato, ai sensi della citata normativa, per l adempimento degli obblighi propri

Dettagli

DETERMINA N. 239 / 12 DEL 19/06/2012

DETERMINA N. 239 / 12 DEL 19/06/2012 COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) SETTORE VIGILI CODICE SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DETERMINA N. 239 / 12 DEL 19/06/2012

Dettagli

PIANO TRASPARENZA 2014-2015-2016. Responsabile. Decorrenza pubblicazione. caricamento sul sito. Responsabile CED Maritan G.

PIANO TRASPARENZA 2014-2015-2016. Responsabile. Decorrenza pubblicazione. caricamento sul sito. Responsabile CED Maritan G. DISPOSIZIONI GENERALI Programma per la trasparenza e l'integrità Atti Oneri informativi per cittadini e imprese Scadenziario obblighi amministrativi Burocrazia zero art. 10, c. 8, lett a) D.L.gs 33/13

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI DI GESTIONE DELLE RISORSE ASSEGNATE

INDIRIZZI GENERALI DI GESTIONE DELLE RISORSE ASSEGNATE INDIRIZZI GENERALI DI GESTIONE DELLE RISORSE ASSEGNATE La gestione delle risorse da parte dei responsabili dei servizi avviene mediante determinazioni che saranno datate e numerate progressivamente con

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA MACRO STRUTTURA COMUNE DI PALMANOVA

FUNZIONIGRAMMA MACRO STRUTTURA COMUNE DI PALMANOVA FUNZIONIGRAMMA MACRO STRUTTURA COMUNE DI PALMANOVA STAFF 1 Uffici di supporto organi direzione politica (SINDACO) - Segreteria del Sindaco - Segreteria dell Associazione intercomunale del Palmarino - Attività

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ALLEGATO B COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ************ REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE E SULLA ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (O.I.V.)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA

RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA L amministrazione comunale di Fabriano insediatasi nel mese di maggio 2012 ha intenzione di dare attuazione al programma un amministrazione moderna per i cittadini

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE 95 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 84 Reg./21 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 10/05/2011 Art.

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 ==================================================================== OGGETTO : APPROVAZIONE DEL

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PARCO DI PORTO CONTE

AZIENDA SPECIALE PARCO DI PORTO CONTE AZIENDA SPECIALE PARCO DI PORTO CONTE Statuto Adottato con Delibera del Consiglio Comunale di Alghero N 21 del 5.5.2000, resa esecutiva dal Provvedimento del CO.RE.CO. N 1769/021 del 21.6.2000, e approvato

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria Piazza Municipio, 89064 Montebello Jonico; tel. 0965 779005-06; fax 0965 786040 partita I.v.a. 00710360801 PIANO CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

A.DI.S.U. PERUGIA. : Bilancio di Previsione su 6 colonne : D:\AscotWeb\tmp\ascotweb\FBI34481.ist. Data della stampa : 16/02/2015

A.DI.S.U. PERUGIA. : Bilancio di Previsione su 6 colonne : D:\AscotWeb\tmp\ascotweb\FBI34481.ist. Data della stampa : 16/02/2015 A.DI.S.U. PERUGIA Stampa : Bilancio di Previsione su 6 colonne Nome file : D:\AscotWeb\tmp\ascotweb\FBI34481.ist Eseguito da : F00CAPST Data della stampa : 16/02/2015 +----------------------------------------------+

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

UNIONE COLLINE MATILDICHE (Provincia di Reggio nell'emilia)

UNIONE COLLINE MATILDICHE (Provincia di Reggio nell'emilia) UNIONE COLLINE MATILDICHE (Provincia di Reggio nell'emilia) BILANCIO DI 2015 - UNIONE COLLINE MATILDICHE - bilancio di previsione 2015 - ENTRATE Codice Cen. Descrizione bilancio Cst 2015 2016 0 100 9000

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari DI DETERMINAZIONE

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari DI DETERMINAZIONE COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari Servizio Affari Generali COPIA DI DETERMINAZIONE Registro del Servizio N. 1 del 07.01.2014 OGGETTO: Acquisizione in economia mediante cottimo fiduciario tramite

Dettagli

COMUNE DI GALLIERA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2012

COMUNE DI GALLIERA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2012 COMUNE DI GALLIERA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2012 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RESPONSABILE dott.ssa PIRANI CATIA SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RESPONSABILE: Pirani Catia ASSESSORE REFERENTE: Vergnana

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative

Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative 1) Premessa Decreto legge n. 78/2009 L articolo 9 del decreto legge n. 78/2009 obbliga tutte le

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Considerata la necessità di disciplinare il servizio di bike sharing e di approvarne le tariffe d uso;

LA GIUNTA COMUNALE. Considerata la necessità di disciplinare il servizio di bike sharing e di approvarne le tariffe d uso; LA GIUNTA COMUNALE Considerata la necessità di disciplinare il servizio di bike sharing e di approvarne le tariffe d uso; Richiamato il documento istruttorio a firma del Dirigente del Settore Servizi al

Dettagli