Corso di Chemioterapia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Chemioterapia"

Transcript

1 Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO

2 IV ANNO Corso di Laurea Magistrale in Farmacia II semestre LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI ,00 Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule 1+3 Compl. Chim Farm. De Filippis Aula 2 Compl. Chim Farm. De Filippis Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 ANALISI DEI MEDICINALI 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 Tecn.Soc.Leg.San.I (Sozio) Aule 1+3 Tecn.Soc.Leg.San.I (Sozio) Aule 1+3 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula Chemioterapia Orlando Aula Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G) ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G) ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Compl. Chim Farm. De Filippis Aula 2 Chemioterapia Orlando Aula 2 Chemioterapia Orlando Aula Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G)/ Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I / Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G) Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z)

3 Diapositive dal Corso di Chemioterapia del Prof. Giustino Orlando Il presente materiale didattico deve considerarsi un sussidio per la preparazione dell esame di Chemioterapia. Esso non può sostituire la frequenza dello studente alle lezioni, secondo il calendario stabilito, nonché lo studio approfondito degli argomenti trattati sui libri di testo consigliati dal docente e scelti dallo studente.

4 Dal Lunedì al venerdì: Dove trovarmi Laboratorio di Farmacologia IV livello corpo A oppure in Presidenza di Facoltà I livello corpo A Tel Fax

5 Testi consigliati Katzung, Farmacologia generale e clinica, Piccin Goodman & Gilman's, The pharmacological basis of therapeutics, McGraw Hill Farmacologia, Rossi Cuomo Riccardi, Minerva medica Munson, Principi di farmacologia, Piccin Rang-Dale-Ritter, Farmacologia, CEA

6

7 La Farmacologia La Farmacologia può essere definita come la scienza che indaga sull azione di sostanze che interagiscono con sistemi viventi mediante processi chimici e soprattutto per mezzo di legami con molecole regolatrici, nonché attraverso l attivazione o l inibizione di normali processi organici. Caratterizzare gli effetti delle sostanze sull organismo Scoprire i meccanismi d azione di queste sostanze Studiare il destino nell organismo delle sostanze somministrate

8 La Farmacologia La farmacologia tratta concetti generali dello studio dei farmaci: assorbimento biotrasformazione eliminazione meccanismi molecolari variabilità della risposta danni e malattie da farmaci metodi di studio di nuovi farmaci

9 FARMACOLOGIA CLINICA effetti dei farmaci nell'uomo CHEMIOTERAPIA FARMACOTERAPIA utilità terapeutica o profilattica nelle malattie TOSSICOLOGIA reazioni avverse da farmaci sostanze tossiche ambientali o industriali

10 Farmaco Sostanza capace di determinare variazioni funzionali in un organismo vivente FARMACO secondo l'oms: Qualsiasi sostanza o prodotto usato o che si intenda usare per modificare od esplorare sistemi fisiologici o patologici con beneficio di chi lo riceve. F. medicamentoso beneficio curativo o profilattico F. diagnostico

11 Classificazione in base alla modalità d azione Farmaci eziologici (agiscono direttamente sugli agenti causali di una patologia): chemioterapici (capaci di colpire direttamente l agente infettivo); farmaci usati a scopo preventivo (es. anticoagulanti per prevenire complicanze cardiovascolari) Farmaci sintomatici (alleviano i sintomi collegati a una certa patologia): antifebbrili, decongestionanti nasali nelle patologie da raffreddamento La distinzione tra farmaci eziologici e sintomatici non è sempre chiara, in quanto alcuni farmaci possono esplicare entrambe le azioni (es. i farmaci antiipertensivi riducono i sintomi causati dall eccessiva pressione arteriosa ma prevengono allo stesso tempo gravi patologie del sistema cardiovascolare indotte dal perdurare di uno stato di ipertensione) Farmaci sostitutivi (integrano una carenza dovuta a cause diverse): supplementi vitaminici (per supplire a una dieta non equilibrata); insulina nel diabete (per supplire ad una carenza dovuta a fattori patologici)

12 FARMACI CHEMIOTERAPICI ASPETTI STORICI 1877 Pasteur 1904 Ehlrich 1928 Fleming Osservazione dell inibizione Nascita della Inibizione di crescita di una di crescita fra diversi chemioterapia colonia batterica contaminata da microrganismi nella Penicillium notatum stessa coltura 1877 Concetto di inibizione batterica (Pasteur) 1900~ Chemioterapia (Ehrlich) 1910 Salvarsan = arsfenamina (Ehrlich) 1928 Scoperta penicillina (Fleming) 1935 Prontosil -> sulfamidici (Domagk) 1940 Antimetaboliti (Woods-Fildes) 1942 Concetto di antibiotico (Waksman) 1943 Isolamento penicillina (Chain)

13 CHEMIOTERAPIA Terapia con prodotti chimici Farmaci ottenuti per sintesi chimica: Chemioterapici Farmaci ottenuti dal metabolismo di microrganismi: Antibiotici

14 CHEMIOTERAPIA..insieme dottrinale e metodologico volto alla ricerca di sostanze chimiche artificiali e naturali dotate di tossicità selettiva nei confronti di cellule procariote o eucariote responsabili di infezioni, infestazioni, neoplasie o disordini immunologici (P. Ehrlich, 1910)

15 Mortalità per malattie infettive e parassitarie nel mondo industrializzato mortalità/ abitanti sulfanilamide clorochina benzilpenicillina streptomicina eritromicina ampicillina cefalotina Malattie infettive e parassitarie del mondo industrializzato aztreonam imipenem aciclovir ceftriaxone cefpiroma anno

16 The ten leading causes of death in the United States in 1900 and 1997 (M.L. Cohen Nature, August 2000)

17 CHEMIOTERAPIA Si distinguono, in funzione dei diversi bersagli, tre settori della chemioterapia: 1) ANTIMICROBICA (ETIOTROPA: antibatterica, antivirale, antimicotica) 2) ANTIBLASTICA 3) IMMUNOMODULANTE Dall'introduzione dei primi agenti chemioterapici (1935) la mortalità per malattie infettive e parassitarie si è ridotta drasticamente

18 Proiettili Magici Poiché il target della terapia chemioterapica antimicrobica è l'agente etiologico della malattia infettiva (batterio, virus, protozoo, micete o elminta) i farmaci usati a questo scopo sono "selettivi" e ben si applica a queste molecole il concetto di "tossicità selettiva" (Paul Erlich)

19 Infezioni Batteriche Semmelweis nel 1847 introdusse nel suo reparto di ostetricia la pratica del lavaggio delle mani con cloruro di calcio, riducendo drasticamente la mortalità da febbre puerperale Il 50 per cento dei soldati feriti durante la guerra di secessione Americana ( ) morirono in conseguenza di infezioni batteriche Grazie a procedimenti antisettici e a molecole come il Fenolo, introdotto da Joseph Lister, questa percentuale era scesa a livelli decisamente inferiori durante la Prima guerra mondiale La grande influenza pandemica del uccise più di 20 milioni di persone in tutto il mondo, un tributo di vite umane molto maggiore di quello della Prima guerra mondiale L influenza era di origine virale, ma la causa di morte era di solito un infezione secondaria di polmonite batterica

20 Interventi di Bonifica Ambientale Lotta contro i Microrganismi Asepsi Antisepsi Disinfezione Sterilizzazione Lotta contro i Vettori = Disinfestazione

21

22

23

24 Disinfezione e sterilizzazione Processi in grado di distruggere batteri e altri microrganismi nell ambiente Asepsi = insieme di norme e metodi atti ad impedire una contaminazione microbica Antisepsi o batteriostasi = processi che impediscono o rallentano la moltiplicazione dei microrganismi Disinfezione = distruzione di microrganismi patogeni Sterilizzazione = distruzione di patogeni e non, spore e forme vegetative Uno stesso agente può essere batteriostatico disinfettante o sterilizzante a seconda della concentrazione del tempo di esposizione o della temperatura

25 Disinfettanti naturali Frazione UV della luce solare Calore solare Concorrenza vitale (antagonismo dei microrganismi ambientali) Batteriofagi (virus ad azione litica) Processi meccanici (filtrazione, diluizione, sedimentazione)

26 Disinfettanti artificiali Utilizzati non solo in campo sanitario ma anche industriale alimentare ambientali 1. Fisici - Meccanici (lavaggio e detersione, aspirazione con filtri elettrostatici o meccanici, membrane filtranti) 2. Ultrasuoni vibrazioni meccaniche ad alta frequenza ( periodi /sec) agiscono su germi contenuti in un mezzo liquido sia per azione distruttiva meccanica diretta sulla parete cellulare sia per il formarsi di bolle nel protoplasma cellulare del microrganismo, utilizzati quasi esclusivamente per la sterilizzazione dei vaccini 3. Radiazioni raggi UV (migliori) sono prodotti da lampade a vapori di mercurio a bassa pressione. Agiscono danneggiando il DNA (nocivi per cute e congiuntiva) hanno scarsa capacità di penetrazione e quindi sono usati per la sterilizzazione di superfici esposte (sale operatorie, cappe, reparti per prematuri) Radiazioni gamma sono ionizzanti quindi in grado di espellere elettroni dalle molecole colpite hanno alta capacità di penetrazione (sterilizzazione di materiale monouso)

27 Disinfettanti artificiali 4. Alte temperature alterano le sostanze chimiche costitutive della cellula microbica. Possono essere usate come fiamma diretta (inceneritori, bunsen..); come calore secco (aria riscaldata in stufe: 100 x1 h = disinfezione; 160 x1h = sterilizzazione); calore umido per ebollizione (100 x 10-15m ) pastorizzazione (63 Cx30m ) HT (72 x 15sec) UHT ( 90 x 1 sec). Attivo solo sulle forme vegetative. Calore umido sotto forma di vapore d acqua saturo sotto pressione (autoclave) ( C x15-20m ) per vetreria, terreni di coltura, farmaci 5. Basse temperature sono batteriostatiche ma non disinfettanti.

28 Caratteristiche Disinfettante Chimico 1. Efficacia: uccisione di tutti i germi patogeni 2. Rapidità e Persistenza di azione nel tempo 3. Innocuità: assenza di tossicità acuta e cronica: non irritante per cute, mucose e occhi 4. Assenza di azione sensibilizzante 5. Non alterazione del substrato su cui agisce 6. Facile applicabilità 7. Capacità di azione anche in presenza di materiale organico 8. Ampio spettro d azione 9. Facile reperibilità 10. Stabilità chimica 11. Economicità

29 Batteri sono molto sensibili ai disinfettanti chimici Virus sono più resistenti perché la loro distruzione avviene attraverso la denaturazione delle proteine del capside Spore sono molto resistenti

30 Agenti chimici Disinfettanti ambienti e oggetti Antisettici tessuti viventi Sostanze organiche o inorganiche che agiscono tramite reazioni chimiche provocando inattivazione degli enzimi e alterazioni della membrana Non selettivi danneggiano anche le cellule eucariote devono essere atossici, deodorati, detergenti, penetranti, di facile impiego, poco costosi e delle condizioni ambientali che possono interferire (ph, temperatura, tempo di esposizione, presenza di grasso, muco o essudato) Valutare se sono idonei per i microrganismi e i materiali da trattare. Si dividono in: 1. Ossidanti e alogeni: cloro, iodio, acqua ossigenata, ozono, ac. peracetico 2. Metalli pesanti: mercurio, argento, rame

31 Agenti chimici 3. Acidi e alcali: ac. solforico (miscelato con cresolo = miscela di Laplace per stalle e fogne), idrato di calcio (calce spenta), idrato di sodio (soda caustica), carbonati di sodio, carbonati di potassio (lisciva) 4. Alcoli: alcool etilico (50-70 % in soluzione acquosa) 5. Fenolo: (acido fenico) e suoi derivati alogenati (cresolo, esaclorofene) 6. Agenti alchilanti: formaldeide (utilizzata nella sua forma liquida Formalina per ambienti; la forma gassosa per strumentazioni deteriorabili 7. Detergenti cationici : detergenti sintetici come i sali di ammonio quaternario

32 Sostanze chimiche troppo tossiche per l uso sistemico, ma sufficientemente poco tossiche per l uso topico Alcooli Clorexidina Tintura di iodio Perossido di idrogeno ANTISETTICI Nel 1867/8 Joseph Lister, basandosi sugli studi di Pasteur, introdusse la pratica della disinfezione delle ferite, chirurgiche e accidentali, con acido fenico, riducendo drasticamente il numero di amputazioni e la letalità dovuta a sepsi. ON THE ANTISEPTIC PRINCIPLE IN THE PRACTICE OF SURGERY. The Lancet Sep 21, 1867: 90 (2299), 353-6

33 Lord Joseph Lister, 1º Barone di Lister (Upton, 5 aprile Walmer 10 febbraio 1912)

34 Enrico Bottini Chirurgo e poi primario della chirurgia dell Ospedale Maggiore di Novara, già dal I86I usava una soluzione acquosa di acido fenico al 5% per lavare piaghe e ferite e disinfettare gli strumenti chirurgici, anticipando Joseph Lister per la preparazione tassidermica e nelle piaghe suppuranti onde impedire la decomposizione putrida Enrico Bottini. Dell acido fenico nella chirurgia pratica e nella tassidermica. Annali universali di medicina. Dic 1866, Vol. CXCVIII, 590

35 Fenolo Il Fenolo all 1% è assunto come termine di paragone per valutare l attività battericida di un nuovo disinfettante tramite il coefficiente fenolico Batteriostatico 0,2-1% attivo sui Gram+ meno Gram- poco attivo su miceti DL 50 ratto per os 530 mg/kg Ingestione di piccole quantità provocano nausea, vomito, collasso, paralisi, cardiocircolatorio, coma Dose fatale uomo 15 g

36 DISINFETTANTI sono sostanze chimiche anti-infettive la cui tossicità è tale da consentirne l applicazione unicamente a superficie inanimate Aldeidi (formaldeide, glutaraldeide) Aldeidi (formaldeide, glutaraldeide) Ipoclorito di sodio (candeggina)

37 Requisito fondamentale per un antibiotico o chemioterapico Colpire la cellula microbica con estrema selettività, senza interferire con le cellule eucariote dell organismo ospite

38 Azione Chemioterapici/Antibiotici Un chemioterapico/antibiotico può essere attivo verso un microrganismo: A - inibendone la crescita attività batteriostatica B - determinandone la morte attività battericida

39 Battericidi o Batteriostatici La distinzione tra antibiotici battericidi e batteriostatici non è molto rigorosa; infatti un antibiotico battericida, se usato al disotto di certe concentrazioni, può avere azione batteriostatica o mostrare effetto battericida ritardato Per contro, un antibiotico ad effetto batteriostatico può anch esso causare una certa diminuzione del numero di cellule vive Tuttavia è di fondamentale importanza, soprattutto per l uso terapeutico, tener ben distinti gli agenti che dopo parecchie ore di trattamento riducono di poco o nulla il numero di batteri vivi, da quelli che invece provocano l abbassamento del numero di batteri in misura massiccia

40

41

42 CHE COS È LA CHEMIOTERAPIA? La chemioterapia è una branca della farmacoterapia che si riferisce all uso di farmaci con lo scopo di uccidere organismi estranei patogeni presenti nel paziente (o almeno di inibirne la crescita)

43 I farmaci antiinfettivi sono composti di origine naturale, sintetica o semisintetica in grado di combattere le infezioni microbiche o virali Gli agenti infettanti comprendono batteri, protozoi, funghi e virus Comunemente i farmaci antiinfettivi vengono suddivisi in due gruppi: per uso esterno e per uso sistemico FARMACI ANTIINFETTIVI

44 ANTISETTICI DISINFETTANTI - CHEMIOTERAPICI Gli antisettici comprendono i farmaci antiinfettivi che si utilizzano per uso esterno su tessuti animali e dell uomo, caratterizzati in genere da ampio spettro ma aspecifico I disinfettanti comprendono farmaci germicidi utilizzati per la disinfezione di superfici o oggetti (es. ferri chirurgici) I chemioterapici comprendono i farmaci antiinfettivi per via interna, sia ad azione sistemica che locale La loro caratteristica primaria è costituita dall elevata specificità di azione nei confronti dell agente infettante Oggi non ha più molto valore la distinzione fra chemioterapici (composti chimici attivi contro germi patogeni) ed antibiotici di origine naturale Mentre nel termine chemioterapici sono compresi gli antibiotici, con antibiotici si definiscono solo quelli di origine naturale o semisintetica Anche gli antitumorali vengono definiti chemioterapici in realtà questa definizione può risultare impropria in quanto il tumore non è una malattia di natura batterica

45 BERSAGLI DELLA CHEMIOTERAPIA Batteri Virus e funghi Parassiti Protozoi Cellule tumorali Elminti

46 Salvarsan arsenobenzolo (606) Paul Ehrlich Treponema pallidum

47 Gerhard Domagk Nel 1939 Domagk ottenne il premio Nobel per la Medicina e la fisiologia, ma il governo nazista gli proibì di accettarlo; lo ricevette nel La Chemioterapia e il primo sulfamidico Decise di usare un colorante per curare sua figlia, gravemente malata a causa di un infezione streptococcica contratta con una semplice puntura di spillo Aveva sperimentato il Prontosil rosso nei laboratori della IG Farben e benché non avesse manifestato alcuna attività contro batteri allevati in colture da laboratorio, inibì la crescita di streptococchi in topi da laboratorio Somministrò alla figlia una dose orale del colorante.

48

49 Sulfamidici (1935) e Trimetoprim (1962)

50 Ampio spettro: Inibitori della sintesi proteica Cloramfenicolo Tetracicline Spettro moderato: Macrolidi Chetolidi Spettro ristretto: Lincosamidi Streptogramine Linezolid Sintesi proteica batterica Sintesi proteica mammiferi

51 Meccanismo d azione Inibitori BATTERIOSTATICI della sintesi proteica subunità 30S Tetracicline Subunità 50S Cloramfenicolo Macrolidi Chetolidi Lincosamidi Streptogramine Linezolid

52 Cloramfenicolo inibisce la transpeptizzazione (peptidiltrasferasi) bloccando il legame del trna al sito accettore del mrna Macrolidi Telitromicina Clindamicina bloccano la traslocazione del peptidil-trna dal sito accettore al donatore per occupazione del sito Tetracicline blocca il legame del trna al sito accettore del complesso ribosoma mrna Streptogramine battericide per blocco del canale di uscita del polipeptide

53 A poster from World War Two

54 I capostipiti 1935 PRONTOSIL ROSSO (Domagk) 1941 PENICILLINA G (1929) (Fleming, Chain, Florey) 1944 STREPTOMICINA (Waksman, Shatz, Bugle) 1945 CEFALOSPORINE P,N,C (Brotzu) 1947 CLORTETRACICLINA (Duggar) 1947 CLORAMFENICOLO (Burkholder) 1952 ISONIAZIDE (Fox) 1952 ERITROMICINA (Mc Guire) 1955 VANCOMICINA (Mc Cormick) 1955 AMFOTERICINE A,B (Gold) 1959 RIFAMICINE A,B,C,D,E (Sensi) 1959 STAFILOMICINA (Vanderhaege) 1962 AC. NALIDIXICO (Lesher) 1987 DuP 721

55 Batteri patogeni comuni Gram positivi (colorati Rosa) Staphylococcus aureus Micrococcus Lactococcus Lactobacillus Clostridium Bacillus Streptococcus Enterococcus Listeria Gram negativi (colorati Blu-violetto) Enterobacteriaceae Proteus, Enterobacter, Shigella, klebsiella, Salmonella, Escherichia coli, Yersinia pestis Vibrio cholerae Pseudomonas Neisseria

56

57 Parete cellulare nelle specie Gram+ e Gram-

58 BASI DELLA SELETTIVITÀ D AZIONE DEI CHEMIOTERAPICI Bersagli esclusivi: presenti unicamente nell organismo patogeno, (o nella cellula patologica) Bersagli selettivi: presenti sia nell ospite sia nell organismo patogeno, ma con caratteristiche farmacologiche differenti Bersagli comuni: presenti sia nell ospite sia nell organismo patogeno, ma essenziali solo per quest ultimo

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70 Efficacia clinica di un farmaco CHEMIOTERAPICO a) Tipo di meccanismo d'azione b) Distribuzione agente antimicrobico nella sede di infezione c) Raggiungimento di concentrazioni efficaci (>MIC) per tempi adeguati d) Acquisita resistenza delle specie microbiche farmacosensibili

71 FARMACOCINETICA Dose assorbimento CONCENTRAZIONE EMATICA Eliminazione TESSUTI FACILMENTE ACCESSIBILI metabolismo TESSUTI DIFFICILMENTE ACCESSIBILI EFFICACIA E DURATA EFFETTO ANTIMI- CROBICO BARRIERE FARMACODINAMICA

72 Patogeno chemiosensibilità chemioresistenza Farmaco Ospite

73 Velocità d azione Chemioterapici/Antibiotici I farmaci battericidi sono ulteriormente divisi in base alla velocità d azione: farmaci rapidamente battericidi (o dose-dipendenti): AMINOGLICOSIDI e FLUOROCHINOLONICI farmaci battericidi lenti (o tempo-dipendenti): BETALATTAMICI

74 Chemioterapici ad azione battericida CONCENTRAZIONE - DIPENDENTE

75 Chemioterapici ad azione battericida TEMPO - DIPENDENTE

76 CHEMIOTERAPICI E SVILUPPO DI RESISTENZA DOSAGGIO INSIFFICENTE INSUFFICENTE DURATA DELLA TERAPIA INTERVALLI TRA LE DOSI INAPPROPRIATI SCELTA INAPPROPRIATA DELL ANTIBIOTICO RICORSO ALLA SOLA CHEMIOTERAPIA IN INFEZIONI CON COMPLICANZE USO DI ANTIBIOTICI NELL ALLEVAMENTO DEL BESTIAME

77 β-lattamine, aminoglicosidi Tetracicline β-lattamine,sulfamidici, macrolidi

78 MECCANISMI DI CHEMIORESISTENZA BATTERICA MODIFICA DEL BERSAGLIO Betalattamine Macrolidi Cotrimoxazolo (trimetoprim + sulfametoxazolo) Glicopeptidi Fluorochinoloni RIDOTTA PERMEABILITÁ (porine, efflusso) Fluorochinoloni Betalattamine Macrolidi Tetracicline Aminoglicosidi Cotrimoxazolo INATTIVAZIONE ENZIMATICA Betalattamine Amminoglicosidi Macrolidi

79

80

81

82

83

84

85

86 USO DI COMBINAZIONI DI CHEMIOTERAPICI ASPETTI QUANTITATIVI

87

88 Differenze molecolari tra cellule pro- ed eucariote e possibili bersagli della terapia antimicrobica Struttura cellulare Procarioti Eucarioti Farmaci Membrana cellulare Pochi steroli Molti steroli Polimixina Ribosomi 70S 80S Macrolidi, Lincomicina, cloramfenicolo Parete cellulare Peptidoglicano Divisione cellulare Assenza di mitosi assenza β-lattamine, vancomicina Mitosi

89 NOMENCLATURA La nomenclatura è molto varia ma viene usato comunque un criterio unificatore, ad esempio le penicilline vengono prodotte da funghi e quasi tutte mantengono il suffisso cillina Anche le cefalosporine sono prodotte da funghi ma si usa il prefisso cef- I fluorochinoloni finiscono in floxacina Molti dei rimanenti sono prodotti per fermentazione da organismi di varie specie di Streptomices e sono identificati con il suffisso -micina A livello clinico si usa la terminologia di antibiotici: a spettro limitato se agiscono su solo su pochi generi di microorganismi [vancomicina su pochi microrganismi Gram (+)] ad ampio spettro se agiscono su un notevole numero di microorganismi Gram (+) e Gram (-) (tetracicline) In genere i Gram (+) sono più sensibili agli antibiotici rispetto ai Gram (-)

90 TERAPIA Una corretta terapia presuppone la conoscenza delle specie batteriche infettanti relative a specifiche Prima che emergesse la resistenza batterica tale criterio era sufficiente mentre oggi sono necessari studi di laboratorio La scelta sperimentale della terapia antibiotica (antibiogramma) prevede: la raccolta del materiale biologico infetto la coltura del microorganismo che viene identificato e quindi fatto crescere in presenza di vari antibiotici tale metodo consente di stabilire quale sia l antibiotico attivo e la sua concentrazione espressa in m.i.c. (minima concentrazione inibente pari a 99% o più) La tecnica di Kirby e Bauer utilizza dischetti sterili di carta imbevuti di concentrazioni diverse di antibiotico che vengono messi nel terreno di coltura contenente il microrganismo L antibiotico attivo genera intorno al dischetto un alone di inibizione proporzionale all attività

91 Approccio Terapeutico

92 Fattori Batterici Antibiogramma Sensibilità del Batterio Potenza dell Antibiotico 1-9 millimetri: batterio resistente millimetri: resistenza intermedia millimetri: batterio sensibile

93

94 Piastra insemenzata con una coltura batterica su cui sono stati posti dischetti di carta bibula impregnati con antibiotici diversi. Il diametro dell alone di inibizione fornisce la misura della sensibilità all antibiotico (Metodo Kirby-Bauer)

95 Antibiogramma E-test Determinazione della MIC

96 Produzione mondiale di antibiotici

97 CARATTERIZZAZIONE FARMACI ANTIMICROBICI MIC minima concentrazione inibente MBC minima concentrazione battericida Antibiotici Aminoglicosidi Macrolidi Glicopeptidi Colistina Batteri naturalmente resistenti Streptococchi-anaerobi Enterobatteri Batteri Gram negativi Batteri Gram positivi

98 DETERMINAZIONE DELLA MIC e DELLA MBC

99

100 Minimal Inhibitory Concentration (MIC) vs. Minimal Bactericidal Concentration (MBC) 32 ug/ml 16 ug/ml 8 ug/ml 4 ug/ml 2 ug/ml 1 ug/ml Sub-culture to agar medium MIC = 8 ug/ml MBC = 16 ug/ml

101 BATTERICIDI E BATTERIOSTATICI SENSIBILITÁ DEI BATTERI Quasi tutti gli antibiotici possono essere batteriostatici o battericidi in funzione della loro concentrazione (per la gentamicina 2 o 4 volte la dose) La concentrazione di tetraciclina invece dovrebbe essere 40 volte maggiore e comporterebbe problemi al paziente Sarebbe preferibile utilizzare gli antibiotici come battericidi, il ché consentirebbe di eliminare tutti i batteri, ma si utilizzano in genere come batteriostatici, lasciando all organismo il compito di eliminarli La resistenza è l incapacità di uccidere i batteri o di inibirne la crescita mediante il trattamento con antibiotici Essa può insorgere dopo trattamenti ripetuti dei batteri con dosi subletali di antibiotici ed è generata o da una diminuzione di sensibilità del bersaglio o dall impedimento della sua incorporazione nella membrana

102 SENSIBILITÁ DEI BATTERI I fattori di resistenza (R) possono essere di vario tipo produzione da parte dei batteri di enzimi che inattivano l antibiotico mutazioni che portano a chemioresistenza possono derivare da Plasmidi a) mutazioni puntuali, inserzioni, delezioni, inversioni, duplicazioni, trasposizioni di segmenti di geni b) da acquisizione di DNA estraneo da plasmidi, da batteriofagi o da materiale genetico trasponibile Il plasmide può avere DNA codificante per enzimi diversi in grado di inattivare antibiotici diversi Questo DNA può anche migrare nella cellula da un plasmide all altro o ad un cromosoma (trasposizione)

103 SENSIBILITÁ DEI BATTERI I plasmidi possono anche migrare da una cellula all altra per coniugazione (pilo sessuale), trasduzione (vettore virale), trasformazione (escrezione di DNA da una cellula e assorbimento da parte di un altra) Alcuni antibiotici esercitano un attività significativa anche dopo la fine della loro somministrazione (effetto post-antibiotico PAE) L antibiotico potrebbe aderire a bersagli intercellulari evitando di essere eliminato o potrebbe agire su altri bersagli indebolendo i batteri ed è possibile diminuire le dosi o la frequenza di somministrazione L effetto inoculo, derivato dalla presenza di enzimi prodotti dai batteri che inattivano l antibiotico, risente della carica batterica (beta-lattamici)

104 TERAPIA Si possono combinare due antibiotici ad esempio beta-lattamico ed amminoglucosidico nella terapia di attacco della setticemia (terapia fucile da caccia Shotgun therapy) I beta-lattamici inibiscono la formazione della parete batterica e gli amminoglucosidici interferiscono con la biosintesi delle proteine e le funzioni della membrana Un antibiotico fortemente legato alle proteine plasmatiche non può essere di prima scelta nel trattamento delle setticemie; poco legato verrà eliminato velocemente Purtroppo si utilizzano ancora antibiotici per uso profilattico Si usano anche in agricoltura/allevamenti e da qui arrivano all uomo

105

106

107 Classificazione secondo la Ionizzazione Gli antibiotici a carattere acido si comportano come anioni (penicilline, cefalosporine, chinoloni ) dipendenza dal ph Gli antibiotici a carattere basico si comportano come cationi (aminoglicosidi, macrolidi ) dipendenza dal ph Gli antibiotici a carattere neutro si comportano come molecole non ionizzate (cloramfenicolo)

108 Meccanismi principali Inibizione della sintesi della parete cellulare Inibizione della sintesi proteica per azione sui ribosomi Inibizione del meccanismo di replicazione e trascrizione degli acidi nucleici DNA e RNA Antimetaboliti Disorganizzazione della struttura della membrana batterica

109 Sintesi della parete cellulare Battericidi nella prima fase di sintesi (inibizione della fosfoenolpiruvato transferasi): Fosfomicina nella seconda fase (trasferimento e polimerizzazione del mucopeptide parietale): Vancomicina a livello terminale (fase di transpeptidizzazione): Penicilline, Cefalosporine oppure (mancata utilizzazione della alanina): Cicloserina

110 Acido para-aminobenzoico Precursore Acido tetraidrofolico Timidina Purine Metionina DNA DNA RNA trna, proteine

111

112

113 PROTOZOI Plasmodium Trichomonas Trypanosoma falciparum vaginalis cruzi Entamoeba histholytica

114 Elminti Nematodi Trematodi Cestodi Ossiuri Schistosoma Tenia solium Tenia saginata

115 Alcuni farmaci da funghi Farmaco Fungo Uso/malattia Penicilline e Cefalosporine Statine (Lovastatina, mevastatina, pravastatina) Penicillum notatum Cephalosporum acremonium Penicillum brevicompactum Aspergillus terrus, Monascus ruber Antibiotici per infezioni batteriche Prevenzione disturbi cardiovascolari abbassando i livelli plasmatici di LDH Ciclosporina A Tolypocladium inflatum W. Attività immunosoppressiva e Gams antirigetto Ergotamina Claviceps purpurea Attività vasocostrittrice, usata nel mal di testa Macrolidi Saccharopolyspora erythraea Streptomyces erythreus Antibiotico per infezioni batteriche Doxorubicina Streptomices peucetius var. caesius Antitumorale ad ampio spettro

116 Sir Alexander Fleming

117 Fleming nacque in una fattoria a Lochfield nell'ayrshire in Scozia il 6 agosto 1881 Studiò al "St Mary's Hospital a Londra Partecipò al I conflitto mondiale sul fronte francese Successivamente riprese gli studi sugli antisettici

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Protezione e decorazione delle murature Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE

PROTOCOLLO EMOCOLTURE E.O. OSPEDALI GALLIEA - GENOVA POTOCOLLO EMOCOLTUE PEPAATO VEIFICATO APPOVATO ACHIVIATO Bavestrello L., Brenta M., Cangi., Costa M., Crinoldi F., D'Antonio S., Della Monica E., Drago D., Fiorellino D.,

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli