Corso di Chemioterapia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Chemioterapia"

Transcript

1 Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO

2 IV ANNO Corso di Laurea Magistrale in Farmacia II semestre LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI ,00 Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 Tecn. Soc. Leg.San I.(Sozio) Aule 1+3 Compl. Chim Farm. De Filippis Aula 2 Compl. Chim Farm. De Filippis Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 ANALISI DEI MEDICINALI 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 Tecn.Soc.Leg.San.I (Sozio) Aule 1+3 Tecn.Soc.Leg.San.I (Sozio) Aule 1+3 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula Chemioterapia Orlando Aula Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G) ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G) ANALISI DEI MEDICIN 2 (Giampietro)H-Z Aula 2 ANALISI DEI MEDICIN 2 (Mollica)A-G Aula 2 Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Compl. Chim Farm. De Filippis Aula 2 Chemioterapia Orlando Aula 2 Chemioterapia Orlando Aula Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G)/ Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Esercitazioni di Tecn. Soc. Leg. San I / Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z) Es.Tecn. Soc. Leg. San I Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (A-G) Esercitazioni ANALISI DEI MEDICINALI 2 (H-Z)

3 Diapositive dal Corso di Chemioterapia del Prof. Giustino Orlando Il presente materiale didattico deve considerarsi un sussidio per la preparazione dell esame di Chemioterapia. Esso non può sostituire la frequenza dello studente alle lezioni, secondo il calendario stabilito, nonché lo studio approfondito degli argomenti trattati sui libri di testo consigliati dal docente e scelti dallo studente.

4 Dal Lunedì al venerdì: Dove trovarmi Laboratorio di Farmacologia IV livello corpo A oppure in Presidenza di Facoltà I livello corpo A Tel Fax

5 Testi consigliati Katzung, Farmacologia generale e clinica, Piccin Goodman & Gilman's, The pharmacological basis of therapeutics, McGraw Hill Farmacologia, Rossi Cuomo Riccardi, Minerva medica Munson, Principi di farmacologia, Piccin Rang-Dale-Ritter, Farmacologia, CEA

6

7 La Farmacologia La Farmacologia può essere definita come la scienza che indaga sull azione di sostanze che interagiscono con sistemi viventi mediante processi chimici e soprattutto per mezzo di legami con molecole regolatrici, nonché attraverso l attivazione o l inibizione di normali processi organici. Caratterizzare gli effetti delle sostanze sull organismo Scoprire i meccanismi d azione di queste sostanze Studiare il destino nell organismo delle sostanze somministrate

8 La Farmacologia La farmacologia tratta concetti generali dello studio dei farmaci: assorbimento biotrasformazione eliminazione meccanismi molecolari variabilità della risposta danni e malattie da farmaci metodi di studio di nuovi farmaci

9 FARMACOLOGIA CLINICA effetti dei farmaci nell'uomo CHEMIOTERAPIA FARMACOTERAPIA utilità terapeutica o profilattica nelle malattie TOSSICOLOGIA reazioni avverse da farmaci sostanze tossiche ambientali o industriali

10 Farmaco Sostanza capace di determinare variazioni funzionali in un organismo vivente FARMACO secondo l'oms: Qualsiasi sostanza o prodotto usato o che si intenda usare per modificare od esplorare sistemi fisiologici o patologici con beneficio di chi lo riceve. F. medicamentoso beneficio curativo o profilattico F. diagnostico

11 Classificazione in base alla modalità d azione Farmaci eziologici (agiscono direttamente sugli agenti causali di una patologia): chemioterapici (capaci di colpire direttamente l agente infettivo); farmaci usati a scopo preventivo (es. anticoagulanti per prevenire complicanze cardiovascolari) Farmaci sintomatici (alleviano i sintomi collegati a una certa patologia): antifebbrili, decongestionanti nasali nelle patologie da raffreddamento La distinzione tra farmaci eziologici e sintomatici non è sempre chiara, in quanto alcuni farmaci possono esplicare entrambe le azioni (es. i farmaci antiipertensivi riducono i sintomi causati dall eccessiva pressione arteriosa ma prevengono allo stesso tempo gravi patologie del sistema cardiovascolare indotte dal perdurare di uno stato di ipertensione) Farmaci sostitutivi (integrano una carenza dovuta a cause diverse): supplementi vitaminici (per supplire a una dieta non equilibrata); insulina nel diabete (per supplire ad una carenza dovuta a fattori patologici)

12 FARMACI CHEMIOTERAPICI ASPETTI STORICI 1877 Pasteur 1904 Ehlrich 1928 Fleming Osservazione dell inibizione Nascita della Inibizione di crescita di una di crescita fra diversi chemioterapia colonia batterica contaminata da microrganismi nella Penicillium notatum stessa coltura 1877 Concetto di inibizione batterica (Pasteur) 1900~ Chemioterapia (Ehrlich) 1910 Salvarsan = arsfenamina (Ehrlich) 1928 Scoperta penicillina (Fleming) 1935 Prontosil -> sulfamidici (Domagk) 1940 Antimetaboliti (Woods-Fildes) 1942 Concetto di antibiotico (Waksman) 1943 Isolamento penicillina (Chain)

13 CHEMIOTERAPIA Terapia con prodotti chimici Farmaci ottenuti per sintesi chimica: Chemioterapici Farmaci ottenuti dal metabolismo di microrganismi: Antibiotici

14 CHEMIOTERAPIA..insieme dottrinale e metodologico volto alla ricerca di sostanze chimiche artificiali e naturali dotate di tossicità selettiva nei confronti di cellule procariote o eucariote responsabili di infezioni, infestazioni, neoplasie o disordini immunologici (P. Ehrlich, 1910)

15 Mortalità per malattie infettive e parassitarie nel mondo industrializzato mortalità/ abitanti sulfanilamide clorochina benzilpenicillina streptomicina eritromicina ampicillina cefalotina Malattie infettive e parassitarie del mondo industrializzato aztreonam imipenem aciclovir ceftriaxone cefpiroma anno

16 The ten leading causes of death in the United States in 1900 and 1997 (M.L. Cohen Nature, August 2000)

17 CHEMIOTERAPIA Si distinguono, in funzione dei diversi bersagli, tre settori della chemioterapia: 1) ANTIMICROBICA (ETIOTROPA: antibatterica, antivirale, antimicotica) 2) ANTIBLASTICA 3) IMMUNOMODULANTE Dall'introduzione dei primi agenti chemioterapici (1935) la mortalità per malattie infettive e parassitarie si è ridotta drasticamente

18 Proiettili Magici Poiché il target della terapia chemioterapica antimicrobica è l'agente etiologico della malattia infettiva (batterio, virus, protozoo, micete o elminta) i farmaci usati a questo scopo sono "selettivi" e ben si applica a queste molecole il concetto di "tossicità selettiva" (Paul Erlich)

19 Infezioni Batteriche Semmelweis nel 1847 introdusse nel suo reparto di ostetricia la pratica del lavaggio delle mani con cloruro di calcio, riducendo drasticamente la mortalità da febbre puerperale Il 50 per cento dei soldati feriti durante la guerra di secessione Americana ( ) morirono in conseguenza di infezioni batteriche Grazie a procedimenti antisettici e a molecole come il Fenolo, introdotto da Joseph Lister, questa percentuale era scesa a livelli decisamente inferiori durante la Prima guerra mondiale La grande influenza pandemica del uccise più di 20 milioni di persone in tutto il mondo, un tributo di vite umane molto maggiore di quello della Prima guerra mondiale L influenza era di origine virale, ma la causa di morte era di solito un infezione secondaria di polmonite batterica

20 Interventi di Bonifica Ambientale Lotta contro i Microrganismi Asepsi Antisepsi Disinfezione Sterilizzazione Lotta contro i Vettori = Disinfestazione

21

22

23

24 Disinfezione e sterilizzazione Processi in grado di distruggere batteri e altri microrganismi nell ambiente Asepsi = insieme di norme e metodi atti ad impedire una contaminazione microbica Antisepsi o batteriostasi = processi che impediscono o rallentano la moltiplicazione dei microrganismi Disinfezione = distruzione di microrganismi patogeni Sterilizzazione = distruzione di patogeni e non, spore e forme vegetative Uno stesso agente può essere batteriostatico disinfettante o sterilizzante a seconda della concentrazione del tempo di esposizione o della temperatura

25 Disinfettanti naturali Frazione UV della luce solare Calore solare Concorrenza vitale (antagonismo dei microrganismi ambientali) Batteriofagi (virus ad azione litica) Processi meccanici (filtrazione, diluizione, sedimentazione)

26 Disinfettanti artificiali Utilizzati non solo in campo sanitario ma anche industriale alimentare ambientali 1. Fisici - Meccanici (lavaggio e detersione, aspirazione con filtri elettrostatici o meccanici, membrane filtranti) 2. Ultrasuoni vibrazioni meccaniche ad alta frequenza ( periodi /sec) agiscono su germi contenuti in un mezzo liquido sia per azione distruttiva meccanica diretta sulla parete cellulare sia per il formarsi di bolle nel protoplasma cellulare del microrganismo, utilizzati quasi esclusivamente per la sterilizzazione dei vaccini 3. Radiazioni raggi UV (migliori) sono prodotti da lampade a vapori di mercurio a bassa pressione. Agiscono danneggiando il DNA (nocivi per cute e congiuntiva) hanno scarsa capacità di penetrazione e quindi sono usati per la sterilizzazione di superfici esposte (sale operatorie, cappe, reparti per prematuri) Radiazioni gamma sono ionizzanti quindi in grado di espellere elettroni dalle molecole colpite hanno alta capacità di penetrazione (sterilizzazione di materiale monouso)

27 Disinfettanti artificiali 4. Alte temperature alterano le sostanze chimiche costitutive della cellula microbica. Possono essere usate come fiamma diretta (inceneritori, bunsen..); come calore secco (aria riscaldata in stufe: 100 x1 h = disinfezione; 160 x1h = sterilizzazione); calore umido per ebollizione (100 x 10-15m ) pastorizzazione (63 Cx30m ) HT (72 x 15sec) UHT ( 90 x 1 sec). Attivo solo sulle forme vegetative. Calore umido sotto forma di vapore d acqua saturo sotto pressione (autoclave) ( C x15-20m ) per vetreria, terreni di coltura, farmaci 5. Basse temperature sono batteriostatiche ma non disinfettanti.

28 Caratteristiche Disinfettante Chimico 1. Efficacia: uccisione di tutti i germi patogeni 2. Rapidità e Persistenza di azione nel tempo 3. Innocuità: assenza di tossicità acuta e cronica: non irritante per cute, mucose e occhi 4. Assenza di azione sensibilizzante 5. Non alterazione del substrato su cui agisce 6. Facile applicabilità 7. Capacità di azione anche in presenza di materiale organico 8. Ampio spettro d azione 9. Facile reperibilità 10. Stabilità chimica 11. Economicità

29 Batteri sono molto sensibili ai disinfettanti chimici Virus sono più resistenti perché la loro distruzione avviene attraverso la denaturazione delle proteine del capside Spore sono molto resistenti

30 Agenti chimici Disinfettanti ambienti e oggetti Antisettici tessuti viventi Sostanze organiche o inorganiche che agiscono tramite reazioni chimiche provocando inattivazione degli enzimi e alterazioni della membrana Non selettivi danneggiano anche le cellule eucariote devono essere atossici, deodorati, detergenti, penetranti, di facile impiego, poco costosi e delle condizioni ambientali che possono interferire (ph, temperatura, tempo di esposizione, presenza di grasso, muco o essudato) Valutare se sono idonei per i microrganismi e i materiali da trattare. Si dividono in: 1. Ossidanti e alogeni: cloro, iodio, acqua ossigenata, ozono, ac. peracetico 2. Metalli pesanti: mercurio, argento, rame

31 Agenti chimici 3. Acidi e alcali: ac. solforico (miscelato con cresolo = miscela di Laplace per stalle e fogne), idrato di calcio (calce spenta), idrato di sodio (soda caustica), carbonati di sodio, carbonati di potassio (lisciva) 4. Alcoli: alcool etilico (50-70 % in soluzione acquosa) 5. Fenolo: (acido fenico) e suoi derivati alogenati (cresolo, esaclorofene) 6. Agenti alchilanti: formaldeide (utilizzata nella sua forma liquida Formalina per ambienti; la forma gassosa per strumentazioni deteriorabili 7. Detergenti cationici : detergenti sintetici come i sali di ammonio quaternario

32 Sostanze chimiche troppo tossiche per l uso sistemico, ma sufficientemente poco tossiche per l uso topico Alcooli Clorexidina Tintura di iodio Perossido di idrogeno ANTISETTICI Nel 1867/8 Joseph Lister, basandosi sugli studi di Pasteur, introdusse la pratica della disinfezione delle ferite, chirurgiche e accidentali, con acido fenico, riducendo drasticamente il numero di amputazioni e la letalità dovuta a sepsi. ON THE ANTISEPTIC PRINCIPLE IN THE PRACTICE OF SURGERY. The Lancet Sep 21, 1867: 90 (2299), 353-6

33 Lord Joseph Lister, 1º Barone di Lister (Upton, 5 aprile Walmer 10 febbraio 1912)

34 Enrico Bottini Chirurgo e poi primario della chirurgia dell Ospedale Maggiore di Novara, già dal I86I usava una soluzione acquosa di acido fenico al 5% per lavare piaghe e ferite e disinfettare gli strumenti chirurgici, anticipando Joseph Lister per la preparazione tassidermica e nelle piaghe suppuranti onde impedire la decomposizione putrida Enrico Bottini. Dell acido fenico nella chirurgia pratica e nella tassidermica. Annali universali di medicina. Dic 1866, Vol. CXCVIII, 590

35 Fenolo Il Fenolo all 1% è assunto come termine di paragone per valutare l attività battericida di un nuovo disinfettante tramite il coefficiente fenolico Batteriostatico 0,2-1% attivo sui Gram+ meno Gram- poco attivo su miceti DL 50 ratto per os 530 mg/kg Ingestione di piccole quantità provocano nausea, vomito, collasso, paralisi, cardiocircolatorio, coma Dose fatale uomo 15 g

36 DISINFETTANTI sono sostanze chimiche anti-infettive la cui tossicità è tale da consentirne l applicazione unicamente a superficie inanimate Aldeidi (formaldeide, glutaraldeide) Aldeidi (formaldeide, glutaraldeide) Ipoclorito di sodio (candeggina)

37 Requisito fondamentale per un antibiotico o chemioterapico Colpire la cellula microbica con estrema selettività, senza interferire con le cellule eucariote dell organismo ospite

38 Azione Chemioterapici/Antibiotici Un chemioterapico/antibiotico può essere attivo verso un microrganismo: A - inibendone la crescita attività batteriostatica B - determinandone la morte attività battericida

39 Battericidi o Batteriostatici La distinzione tra antibiotici battericidi e batteriostatici non è molto rigorosa; infatti un antibiotico battericida, se usato al disotto di certe concentrazioni, può avere azione batteriostatica o mostrare effetto battericida ritardato Per contro, un antibiotico ad effetto batteriostatico può anch esso causare una certa diminuzione del numero di cellule vive Tuttavia è di fondamentale importanza, soprattutto per l uso terapeutico, tener ben distinti gli agenti che dopo parecchie ore di trattamento riducono di poco o nulla il numero di batteri vivi, da quelli che invece provocano l abbassamento del numero di batteri in misura massiccia

40

41

42 CHE COS È LA CHEMIOTERAPIA? La chemioterapia è una branca della farmacoterapia che si riferisce all uso di farmaci con lo scopo di uccidere organismi estranei patogeni presenti nel paziente (o almeno di inibirne la crescita)

43 I farmaci antiinfettivi sono composti di origine naturale, sintetica o semisintetica in grado di combattere le infezioni microbiche o virali Gli agenti infettanti comprendono batteri, protozoi, funghi e virus Comunemente i farmaci antiinfettivi vengono suddivisi in due gruppi: per uso esterno e per uso sistemico FARMACI ANTIINFETTIVI

44 ANTISETTICI DISINFETTANTI - CHEMIOTERAPICI Gli antisettici comprendono i farmaci antiinfettivi che si utilizzano per uso esterno su tessuti animali e dell uomo, caratterizzati in genere da ampio spettro ma aspecifico I disinfettanti comprendono farmaci germicidi utilizzati per la disinfezione di superfici o oggetti (es. ferri chirurgici) I chemioterapici comprendono i farmaci antiinfettivi per via interna, sia ad azione sistemica che locale La loro caratteristica primaria è costituita dall elevata specificità di azione nei confronti dell agente infettante Oggi non ha più molto valore la distinzione fra chemioterapici (composti chimici attivi contro germi patogeni) ed antibiotici di origine naturale Mentre nel termine chemioterapici sono compresi gli antibiotici, con antibiotici si definiscono solo quelli di origine naturale o semisintetica Anche gli antitumorali vengono definiti chemioterapici in realtà questa definizione può risultare impropria in quanto il tumore non è una malattia di natura batterica

45 BERSAGLI DELLA CHEMIOTERAPIA Batteri Virus e funghi Parassiti Protozoi Cellule tumorali Elminti

46 Salvarsan arsenobenzolo (606) Paul Ehrlich Treponema pallidum

47 Gerhard Domagk Nel 1939 Domagk ottenne il premio Nobel per la Medicina e la fisiologia, ma il governo nazista gli proibì di accettarlo; lo ricevette nel La Chemioterapia e il primo sulfamidico Decise di usare un colorante per curare sua figlia, gravemente malata a causa di un infezione streptococcica contratta con una semplice puntura di spillo Aveva sperimentato il Prontosil rosso nei laboratori della IG Farben e benché non avesse manifestato alcuna attività contro batteri allevati in colture da laboratorio, inibì la crescita di streptococchi in topi da laboratorio Somministrò alla figlia una dose orale del colorante.

48

49 Sulfamidici (1935) e Trimetoprim (1962)

50 Ampio spettro: Inibitori della sintesi proteica Cloramfenicolo Tetracicline Spettro moderato: Macrolidi Chetolidi Spettro ristretto: Lincosamidi Streptogramine Linezolid Sintesi proteica batterica Sintesi proteica mammiferi

51 Meccanismo d azione Inibitori BATTERIOSTATICI della sintesi proteica subunità 30S Tetracicline Subunità 50S Cloramfenicolo Macrolidi Chetolidi Lincosamidi Streptogramine Linezolid

52 Cloramfenicolo inibisce la transpeptizzazione (peptidiltrasferasi) bloccando il legame del trna al sito accettore del mrna Macrolidi Telitromicina Clindamicina bloccano la traslocazione del peptidil-trna dal sito accettore al donatore per occupazione del sito Tetracicline blocca il legame del trna al sito accettore del complesso ribosoma mrna Streptogramine battericide per blocco del canale di uscita del polipeptide

53 A poster from World War Two

54 I capostipiti 1935 PRONTOSIL ROSSO (Domagk) 1941 PENICILLINA G (1929) (Fleming, Chain, Florey) 1944 STREPTOMICINA (Waksman, Shatz, Bugle) 1945 CEFALOSPORINE P,N,C (Brotzu) 1947 CLORTETRACICLINA (Duggar) 1947 CLORAMFENICOLO (Burkholder) 1952 ISONIAZIDE (Fox) 1952 ERITROMICINA (Mc Guire) 1955 VANCOMICINA (Mc Cormick) 1955 AMFOTERICINE A,B (Gold) 1959 RIFAMICINE A,B,C,D,E (Sensi) 1959 STAFILOMICINA (Vanderhaege) 1962 AC. NALIDIXICO (Lesher) 1987 DuP 721

55 Batteri patogeni comuni Gram positivi (colorati Rosa) Staphylococcus aureus Micrococcus Lactococcus Lactobacillus Clostridium Bacillus Streptococcus Enterococcus Listeria Gram negativi (colorati Blu-violetto) Enterobacteriaceae Proteus, Enterobacter, Shigella, klebsiella, Salmonella, Escherichia coli, Yersinia pestis Vibrio cholerae Pseudomonas Neisseria

56

57 Parete cellulare nelle specie Gram+ e Gram-

58 BASI DELLA SELETTIVITÀ D AZIONE DEI CHEMIOTERAPICI Bersagli esclusivi: presenti unicamente nell organismo patogeno, (o nella cellula patologica) Bersagli selettivi: presenti sia nell ospite sia nell organismo patogeno, ma con caratteristiche farmacologiche differenti Bersagli comuni: presenti sia nell ospite sia nell organismo patogeno, ma essenziali solo per quest ultimo

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70 Efficacia clinica di un farmaco CHEMIOTERAPICO a) Tipo di meccanismo d'azione b) Distribuzione agente antimicrobico nella sede di infezione c) Raggiungimento di concentrazioni efficaci (>MIC) per tempi adeguati d) Acquisita resistenza delle specie microbiche farmacosensibili

71 FARMACOCINETICA Dose assorbimento CONCENTRAZIONE EMATICA Eliminazione TESSUTI FACILMENTE ACCESSIBILI metabolismo TESSUTI DIFFICILMENTE ACCESSIBILI EFFICACIA E DURATA EFFETTO ANTIMI- CROBICO BARRIERE FARMACODINAMICA

72 Patogeno chemiosensibilità chemioresistenza Farmaco Ospite

73 Velocità d azione Chemioterapici/Antibiotici I farmaci battericidi sono ulteriormente divisi in base alla velocità d azione: farmaci rapidamente battericidi (o dose-dipendenti): AMINOGLICOSIDI e FLUOROCHINOLONICI farmaci battericidi lenti (o tempo-dipendenti): BETALATTAMICI

74 Chemioterapici ad azione battericida CONCENTRAZIONE - DIPENDENTE

75 Chemioterapici ad azione battericida TEMPO - DIPENDENTE

76 CHEMIOTERAPICI E SVILUPPO DI RESISTENZA DOSAGGIO INSIFFICENTE INSUFFICENTE DURATA DELLA TERAPIA INTERVALLI TRA LE DOSI INAPPROPRIATI SCELTA INAPPROPRIATA DELL ANTIBIOTICO RICORSO ALLA SOLA CHEMIOTERAPIA IN INFEZIONI CON COMPLICANZE USO DI ANTIBIOTICI NELL ALLEVAMENTO DEL BESTIAME

77 β-lattamine, aminoglicosidi Tetracicline β-lattamine,sulfamidici, macrolidi

78 MECCANISMI DI CHEMIORESISTENZA BATTERICA MODIFICA DEL BERSAGLIO Betalattamine Macrolidi Cotrimoxazolo (trimetoprim + sulfametoxazolo) Glicopeptidi Fluorochinoloni RIDOTTA PERMEABILITÁ (porine, efflusso) Fluorochinoloni Betalattamine Macrolidi Tetracicline Aminoglicosidi Cotrimoxazolo INATTIVAZIONE ENZIMATICA Betalattamine Amminoglicosidi Macrolidi

79

80

81

82

83

84

85

86 USO DI COMBINAZIONI DI CHEMIOTERAPICI ASPETTI QUANTITATIVI

87

88 Differenze molecolari tra cellule pro- ed eucariote e possibili bersagli della terapia antimicrobica Struttura cellulare Procarioti Eucarioti Farmaci Membrana cellulare Pochi steroli Molti steroli Polimixina Ribosomi 70S 80S Macrolidi, Lincomicina, cloramfenicolo Parete cellulare Peptidoglicano Divisione cellulare Assenza di mitosi assenza β-lattamine, vancomicina Mitosi

89 NOMENCLATURA La nomenclatura è molto varia ma viene usato comunque un criterio unificatore, ad esempio le penicilline vengono prodotte da funghi e quasi tutte mantengono il suffisso cillina Anche le cefalosporine sono prodotte da funghi ma si usa il prefisso cef- I fluorochinoloni finiscono in floxacina Molti dei rimanenti sono prodotti per fermentazione da organismi di varie specie di Streptomices e sono identificati con il suffisso -micina A livello clinico si usa la terminologia di antibiotici: a spettro limitato se agiscono su solo su pochi generi di microorganismi [vancomicina su pochi microrganismi Gram (+)] ad ampio spettro se agiscono su un notevole numero di microorganismi Gram (+) e Gram (-) (tetracicline) In genere i Gram (+) sono più sensibili agli antibiotici rispetto ai Gram (-)

90 TERAPIA Una corretta terapia presuppone la conoscenza delle specie batteriche infettanti relative a specifiche Prima che emergesse la resistenza batterica tale criterio era sufficiente mentre oggi sono necessari studi di laboratorio La scelta sperimentale della terapia antibiotica (antibiogramma) prevede: la raccolta del materiale biologico infetto la coltura del microorganismo che viene identificato e quindi fatto crescere in presenza di vari antibiotici tale metodo consente di stabilire quale sia l antibiotico attivo e la sua concentrazione espressa in m.i.c. (minima concentrazione inibente pari a 99% o più) La tecnica di Kirby e Bauer utilizza dischetti sterili di carta imbevuti di concentrazioni diverse di antibiotico che vengono messi nel terreno di coltura contenente il microrganismo L antibiotico attivo genera intorno al dischetto un alone di inibizione proporzionale all attività

91 Approccio Terapeutico

92 Fattori Batterici Antibiogramma Sensibilità del Batterio Potenza dell Antibiotico 1-9 millimetri: batterio resistente millimetri: resistenza intermedia millimetri: batterio sensibile

93

94 Piastra insemenzata con una coltura batterica su cui sono stati posti dischetti di carta bibula impregnati con antibiotici diversi. Il diametro dell alone di inibizione fornisce la misura della sensibilità all antibiotico (Metodo Kirby-Bauer)

95 Antibiogramma E-test Determinazione della MIC

96 Produzione mondiale di antibiotici

97 CARATTERIZZAZIONE FARMACI ANTIMICROBICI MIC minima concentrazione inibente MBC minima concentrazione battericida Antibiotici Aminoglicosidi Macrolidi Glicopeptidi Colistina Batteri naturalmente resistenti Streptococchi-anaerobi Enterobatteri Batteri Gram negativi Batteri Gram positivi

98 DETERMINAZIONE DELLA MIC e DELLA MBC

99

100 Minimal Inhibitory Concentration (MIC) vs. Minimal Bactericidal Concentration (MBC) 32 ug/ml 16 ug/ml 8 ug/ml 4 ug/ml 2 ug/ml 1 ug/ml Sub-culture to agar medium MIC = 8 ug/ml MBC = 16 ug/ml

101 BATTERICIDI E BATTERIOSTATICI SENSIBILITÁ DEI BATTERI Quasi tutti gli antibiotici possono essere batteriostatici o battericidi in funzione della loro concentrazione (per la gentamicina 2 o 4 volte la dose) La concentrazione di tetraciclina invece dovrebbe essere 40 volte maggiore e comporterebbe problemi al paziente Sarebbe preferibile utilizzare gli antibiotici come battericidi, il ché consentirebbe di eliminare tutti i batteri, ma si utilizzano in genere come batteriostatici, lasciando all organismo il compito di eliminarli La resistenza è l incapacità di uccidere i batteri o di inibirne la crescita mediante il trattamento con antibiotici Essa può insorgere dopo trattamenti ripetuti dei batteri con dosi subletali di antibiotici ed è generata o da una diminuzione di sensibilità del bersaglio o dall impedimento della sua incorporazione nella membrana

102 SENSIBILITÁ DEI BATTERI I fattori di resistenza (R) possono essere di vario tipo produzione da parte dei batteri di enzimi che inattivano l antibiotico mutazioni che portano a chemioresistenza possono derivare da Plasmidi a) mutazioni puntuali, inserzioni, delezioni, inversioni, duplicazioni, trasposizioni di segmenti di geni b) da acquisizione di DNA estraneo da plasmidi, da batteriofagi o da materiale genetico trasponibile Il plasmide può avere DNA codificante per enzimi diversi in grado di inattivare antibiotici diversi Questo DNA può anche migrare nella cellula da un plasmide all altro o ad un cromosoma (trasposizione)

103 SENSIBILITÁ DEI BATTERI I plasmidi possono anche migrare da una cellula all altra per coniugazione (pilo sessuale), trasduzione (vettore virale), trasformazione (escrezione di DNA da una cellula e assorbimento da parte di un altra) Alcuni antibiotici esercitano un attività significativa anche dopo la fine della loro somministrazione (effetto post-antibiotico PAE) L antibiotico potrebbe aderire a bersagli intercellulari evitando di essere eliminato o potrebbe agire su altri bersagli indebolendo i batteri ed è possibile diminuire le dosi o la frequenza di somministrazione L effetto inoculo, derivato dalla presenza di enzimi prodotti dai batteri che inattivano l antibiotico, risente della carica batterica (beta-lattamici)

104 TERAPIA Si possono combinare due antibiotici ad esempio beta-lattamico ed amminoglucosidico nella terapia di attacco della setticemia (terapia fucile da caccia Shotgun therapy) I beta-lattamici inibiscono la formazione della parete batterica e gli amminoglucosidici interferiscono con la biosintesi delle proteine e le funzioni della membrana Un antibiotico fortemente legato alle proteine plasmatiche non può essere di prima scelta nel trattamento delle setticemie; poco legato verrà eliminato velocemente Purtroppo si utilizzano ancora antibiotici per uso profilattico Si usano anche in agricoltura/allevamenti e da qui arrivano all uomo

105

106

107 Classificazione secondo la Ionizzazione Gli antibiotici a carattere acido si comportano come anioni (penicilline, cefalosporine, chinoloni ) dipendenza dal ph Gli antibiotici a carattere basico si comportano come cationi (aminoglicosidi, macrolidi ) dipendenza dal ph Gli antibiotici a carattere neutro si comportano come molecole non ionizzate (cloramfenicolo)

108 Meccanismi principali Inibizione della sintesi della parete cellulare Inibizione della sintesi proteica per azione sui ribosomi Inibizione del meccanismo di replicazione e trascrizione degli acidi nucleici DNA e RNA Antimetaboliti Disorganizzazione della struttura della membrana batterica

109 Sintesi della parete cellulare Battericidi nella prima fase di sintesi (inibizione della fosfoenolpiruvato transferasi): Fosfomicina nella seconda fase (trasferimento e polimerizzazione del mucopeptide parietale): Vancomicina a livello terminale (fase di transpeptidizzazione): Penicilline, Cefalosporine oppure (mancata utilizzazione della alanina): Cicloserina

110 Acido para-aminobenzoico Precursore Acido tetraidrofolico Timidina Purine Metionina DNA DNA RNA trna, proteine

111

112

113 PROTOZOI Plasmodium Trichomonas Trypanosoma falciparum vaginalis cruzi Entamoeba histholytica

114 Elminti Nematodi Trematodi Cestodi Ossiuri Schistosoma Tenia solium Tenia saginata

115 Alcuni farmaci da funghi Farmaco Fungo Uso/malattia Penicilline e Cefalosporine Statine (Lovastatina, mevastatina, pravastatina) Penicillum notatum Cephalosporum acremonium Penicillum brevicompactum Aspergillus terrus, Monascus ruber Antibiotici per infezioni batteriche Prevenzione disturbi cardiovascolari abbassando i livelli plasmatici di LDH Ciclosporina A Tolypocladium inflatum W. Attività immunosoppressiva e Gams antirigetto Ergotamina Claviceps purpurea Attività vasocostrittrice, usata nel mal di testa Macrolidi Saccharopolyspora erythraea Streptomyces erythreus Antibiotico per infezioni batteriche Doxorubicina Streptomices peucetius var. caesius Antitumorale ad ampio spettro

116 Sir Alexander Fleming

117 Fleming nacque in una fattoria a Lochfield nell'ayrshire in Scozia il 6 agosto 1881 Studiò al "St Mary's Hospital a Londra Partecipò al I conflitto mondiale sul fronte francese Successivamente riprese gli studi sugli antisettici

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Antibiotici: servono sempre? Relatore: Dr. Del Monte 05 febbraio 2014 sala Piccolotto ANTIBIOTICI: servono sempre? Dott.ssa Daniela Signori Dott. Vincenzo Catena

Dettagli

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI Vezzani G., Caberti L., Cantadori L., Mordacci M., Nicolopoulou A., Pizzola A. U.O. di Anestesia Rianimazione

Dettagli

Mortalità per malattie infettive e parassitarie nel mondo industrializzato

Mortalità per malattie infettive e parassitarie nel mondo industrializzato Farmacologia Chemioterapia_1 Chemioterapia Insieme dottrinale e metodologico volto alla ricerca di sostanze chimiche artificiali e naturali dotate di tossicità selettiva nei confronti di cellule procariotiche

Dettagli

Controllo della crescita microbica

Controllo della crescita microbica Controllo della crescita microbica I microrganismi sono praticamente ubiquitari. In un laboratorio possono contaminare: - aria - superfici e strumenti - operatori Sia che si lavori con colture pure, sia

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un

STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un ambiente,comprese le spore. Sterilizzazione Si può ottenere

Dettagli

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE PREVENZIONE complesso delle misure di profilassi volte ad evitare l insorgenza di una malattia in una popolazione. PROFILASSI complesso delle misure utili a prevenire la comparsa

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE MATERIALE NON CRITICO Strumenti che vengono in contatto con la cute intatta ed hanno basso rischio di trasmissione delle infezioni. Garze Letterecci Stetoscopi Stoviglie,

Dettagli

Profilassi delle malattie infettive

Profilassi delle malattie infettive Profilassi delle malattie infettive SPECIFICA DIRETTA INDIRETTA Soggetto suscettibile IMMUNOPROFILASSI Sorgente/serbatoio di infezione Veicoli, Vettori NOTIFICA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA ISOLAMENTO DISINFEZIONE

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo DISINFETTANTE PER SUPERFICI Il principio attivo di PURE è l argento diidrato citrato (SDC), ovvero ioni d argento stabilizzati in acido

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI

DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI 1 INTRODUZIONE Le infezioni contratte in ambito professionale costituiscono un problema rilevante in termini sanitari, sociali ed economici. In relazione

Dettagli

Tecniche di sterilizzazione e disinfezione

Tecniche di sterilizzazione e disinfezione Tecniche di sterilizzazione e disinfezione Sistemi di controllo microbici Agenti fisici :calore e radiazioni Agenti chimici Metodi di rimozione meccanica sterilizzazione completa eliminazione di tutti

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Il piede nel diabetico L ULCERA ISCHEMICA INFETTA: ANTIBIOTICOTERAPIA PARENTERALE

Il piede nel diabetico L ULCERA ISCHEMICA INFETTA: ANTIBIOTICOTERAPIA PARENTERALE III Corso avanzato di aggiornamento La riparazione tessutale delle lesioni croniche cutanee Campolongo Hospital Eboli, 28-30 ottobre 2004 Direttore Scientifico: F. Petrella Coordinatore Didattico: G. Nebbioso

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE CHIMICO AMBIENTE MATERIALE ILTRIANGOLO DELLA SALUTE (Modolo, 2005) INDIVIDUO AMBIENTE IMMATERIALE Igiene e Sanità Pubblica L

Dettagli

Tecniche per la valutazione della attività in vitro degli antibiotici: Antibiogramma

Tecniche per la valutazione della attività in vitro degli antibiotici: Antibiogramma C.L. Medicina e Chirurgia Università di Chieti-Pescara Anno Accademico 2015-2016 Tecniche per la valutazione della attività in vitro degli antibiotici: Antibiogramma Giovanni DI BONAVENTURA, PhD Dipartimento

Dettagli

Dott.ssa Alessandra Palmieri

Dott.ssa Alessandra Palmieri Università degli Studi di Sassari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dott.ssa Alessandra Palmieri Istituto di Igiene e Medicina Preventiva PROFILASSI Tutte quelle attività che hanno l obiettivo di impedire

Dettagli

Colture Cellulari: introduzione

Colture Cellulari: introduzione Colture Cellulari: introduzione! Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Alcool etilico alcool isopropilico

Alcool etilico alcool isopropilico DISINFETTANTI DISINFETTANTI Detergenti: modifica tensione superficiale e rimozione dello sporco Decontaminazione: I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante

Dettagli

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia?

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia? (Auto)analisi microbiologiche in farmacia? Prof. Giovanni Antonini Dipartimento di Biologia, Università Roma Tre PERCHE OCCORRE FARE ANALISI MICROBIOLOGICHE? Sta assumendo sempre maggiore importanza l

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

ENJOY SANITY PREVENZIONE E DIFESA DALLE INFEZIONI

ENJOY SANITY PREVENZIONE E DIFESA DALLE INFEZIONI ENJOY SANITY PREVENZIONE E DIFESA DALLE INFEZIONI E' un sistema di DISINFEZIONE e SANIFICAZIONE degli ambienti a base di PEROSSIDO DI IDROGENO e IONI D'ARGENTO vaporizzati PROCEDIMENTO DI DISINFEZIONE

Dettagli

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy & ECOLAB F&B Agri Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando Dott. D. Borella Application Manager F&B Italy Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando La mastite in sala mungitura Agenti

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA CRESCITA MICROBICA

IL CONTROLLO DELLA CRESCITA MICROBICA 6 IL CTRLL DELLA CRESCITA MICRBICA Popolazione cellulare Tempo FIGURA 6.1 In idonee condizioni di crescita l incremento numerico della popolazione microbica è di tipo esponenziale. 6.1. ITRDUZIE Quando

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione

Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione Dott.ssa Pamela Di Giovanni Definizioni Sterilizzazione Distruzione di tutte le forme microbiche presenti (batteri, virus e spore), che può essere

Dettagli

STERILIZZAZIONE Un materiale è considerato sterile quando la probabilità di trovarvi un microrganismo è inferiore ad uno su un milione

STERILIZZAZIONE Un materiale è considerato sterile quando la probabilità di trovarvi un microrganismo è inferiore ad uno su un milione STERILIZZAZIONE La sterilizzazione consiste in qualsiasi processo chimico o fisico che porti all'eliminazione di ogni forma microbica vivente, sia patogena che non, comprese le spore e i funghi. Un materiale

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Antibiotici, usali con cautela Campagna di comunicazione per un uso corretto degli antibiotici L Italia tra i Paesi UE ad più alto consumo,

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione PROCEDURA Procedure di disinfezione e sterilizzazione Paola Tomao Metodica di lavoro riguardante l insieme delle azioni da organizzare in uno spazio temporale definito e in cui si riconoscono le responsabilità,

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians Close this window to return to IVIS www.ivis.org International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians May 19 21 2006 Rimini, Italy Next Congress : 62nd SCIVAC International

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

IVANA MORANDO ASTI 20 febbraio 2007 06/03/2007 Ivana Morando 1 SANIFICAZIONE 06/03/2007 Ivana Morando 2 1 06/03/2007 Ivana Morando 3 SANIFICAZIONE Consiste nel risanamento dell ambiente e delle attrezzature

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Le biotecnologie e l ingegneria genetica 1

Le biotecnologie e l ingegneria genetica 1 Le biotecnologie e l ingegneria genetica 1 Le biotecnologie... Molti prodotti alimentari, come il pane, il vino e lo yogurt, da migliaia di anni presenti sulle nostre tavole, sono vivi, perché nella loro

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Plasmidi come vettori di clonaggio

Plasmidi come vettori di clonaggio Plasmidi come vettori di clonaggio Un vettore plasmidico di buona qualità deve possedere le seguenti proprietà: 1. Piccole dimensioni (

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI DISINFETTANTI CHIMICI

CLASSIFICAZIONE DEI DISINFETTANTI CHIMICI CLASSIFICAZIONE DEI DISINFETTANTI CHIMICI Inorganici Acidi Alcali Sali dei metalli pesanti Ossidanti Alogeni Organici Alcoli Aldeidi Derivati del fenolo Composti tensioattivi Essenze Acidi inorganici Sono

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE IGIENE E SICUREZZA DEI CIRCUITI IDRICI DEI RIUNITI L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE TRATTAMENTO E DISINFEZIONE ACQUE PERCHE TRATTARE E DISINFETTARE L ACQUA IN AMBITO ODONTOIATRICO? INFEZIONE

Dettagli

Rischio di esposizione ad Agenti Biologici (Titolo VIII, D. L.vo 626/94)!"#$%&$'

Rischio di esposizione ad Agenti Biologici (Titolo VIII, D. L.vo 626/94)!#$%&$' Rischio di esposizione ad Agenti Biologici (Titolo VIII, D. L.vo 626/94)!"#$%&$' !"# $ % $ %%% & %% ' $ (# )*+)!+* " # $ &(,& %& $ %' %% Università e centri di ricerca, Sanità, Zootecnica e Veterinaria,

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA PROGRAMMA (di massima) DI BIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CONTENUTI PER LA CLASSE QUINTA TEORIA METABOLISMO ED ENERGIA Le fermentazioni BIOLOGIE MICROBICHE Biotecnologie

Dettagli

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico.

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione (Figura 1). L ossidazione è un processo

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522. Lotto Descrizione Articolo CIG

PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522. Lotto Descrizione Articolo CIG PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522 Lotto Descrizione Articolo CIG ANTISETTICI PER CUTE INTEGRA 1 2 3 4 5 Clorexidina gluconato 4% soluzione detergente per lavaggio

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche Incontro aggiornamento professionale ODAF di Caserta Torcino-Ciorlano/Presenzano 20-XII-2014 Laboratorio Analisi Zootecniche srl Via Volturno snc 81012 Alvignano - Caserta tel/fax: 0823865131-3383238263

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

CHEMIOTERAPICI SISTEMICI

CHEMIOTERAPICI SISTEMICI CEMITERAPICI SISTEMICI Farmaci ad Azione Battericida o Batteriostatica Trasportati dal circolo ematico e linfatico MECCANISMI DI AZINE 1. INTERFERENZA CN LA SINTESI DEL DNA 2. INTERFERENZA CN LA SINTESI

Dettagli

ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA" per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari

ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA" per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari SANITIZZAZIONE La cleaning di un ambiente a contaminazione controllata prevede tre step principali: Fase

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule La crescita microbica La crescita microbica 1 2 2 2 2 3 2 4 2 n Progressione geometrica in base 2 La crescita microbica Tempo di duplicazione

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE. HBsAg. Anti HBs. HBeAg HBV DNA. Infezione ALT. Anti Hbe. Infezione. Anti HBc IgM. Da Virus.

INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE. HBsAg. Anti HBs. HBeAg HBV DNA. Infezione ALT. Anti Hbe. Infezione. Anti HBc IgM. Da Virus. PERIODO DI FASE INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE HBsAg contemp poranea B + Virus Delta Infezione Da Virus solo da Virus B Infezione Anti HBs HBeAg HBV DNA Anti Hbe Anti HBc IgM Anti HBc IgG ALT Anti

Dettagli

DEFINIZIONI: DISINFESTAZIONE: Distruzione di macroparassiti-vettori

DEFINIZIONI: DISINFESTAZIONE: Distruzione di macroparassiti-vettori DEFINIZIONI: DISINFESTAZIONE: Distruzione di macroparassiti-vettori Norma U.N.I. EN 556 Sterilizzazione dei dispositivi medici il livello di assicurazione di sterilità (SAL: Sterility Assurance Level )

Dettagli

I PRODOTTI ADULTICIDI E LARVICIDI - CAMPAGNA 2011

I PRODOTTI ADULTICIDI E LARVICIDI - CAMPAGNA 2011 I PRODOTTI ADULTICIDI E LARVICIDI - CAMPAGNA 2011 PREMESSA La linea intrapresa, per la disinfestazione contro le zanzare, dal Comune di Milano, predilige la lotta larvicida, rispetto a quella adulticida,

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

questi farmaci vengono raggruppati: A seconda del meccanismo d azione. Esistono, infatti, antibiotici batteriostatici,

questi farmaci vengono raggruppati: A seconda del meccanismo d azione. Esistono, infatti, antibiotici batteriostatici, Con l arrivo delle patologie invernali, facciamo il punto sulle diverse opzioni disponibili per la scelta, da parte del medico, della terapia antibiotica di Chiara Chiodini Farmacista La terapia antibiotica

Dettagli

L occhio secco: terapie non convenzionali

L occhio secco: terapie non convenzionali L occhio secco: terapie non convenzionali Pierluigi Trabucchi Natale Di Giacomo Terapie non convenzionali Terapie alternative ai sostituti lacrimali oppure utilizzabili in associazione alla terapia sostitutiva

Dettagli

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4 Determinazione dell attività sanificante del sistema SUNOX (Pure Health ) indotta dal TiO 2 su superfici contaminate da Listeria monocytogenes, Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa. RELAZIONE

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli