Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie"

Transcript

1 Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar attnzion nlla prdisposizion dll clausol contrattuali. Purtroppo, l analisi di contratti di sttor rivla la prsnza di clausol contrari all disposizioni dll Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas vssatori ai snsi dl Codic dl Consumo. Storicamnt, la libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica si è ralizzata in Italia pr fftto dl Dcrto Lgislativo n. 79/1999, ch ha rcpito la Dirttiva 96/92/CE, concrnnt l norm comuni pr il mrcato intrno dll nrgia lttrica. Il dcrto dl 1999 ha stabilito ch sono compltamnt libr l attività di produzion, importazion, sportazion, acquisto vndita di nrgia lttrica, mntr l attività di trasmission dispacciamnto sono risrvat allo Stato, il qual l attribuisc in concssion al Gstor dlla Rt Trasmission Nazional (GRTN). Pr trasmission si intnd l attività consistnt nl trasporto nlla trasformazion dll nrgia lttrica sulla rt intrconnssa ad alta tnsion; pr dispacciamnto, invc, si intnd l attività dirtta a impartir disposizioni pr l utilizzazion l srcizio coordinato dgli impianti di produzion, dlla rt di trasmission di srvizi ausiliari. Il GRTN provvd a connttr alla rt di trasmission nazional tutti i soggtti ch n facciano richista, nl risptto di dtrminat rgol tcnich di condizioni tcnico-conomich di accsso di intrconnssion fissat dall Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas. Inoltr il GRTN fornisc ai soggtti rsponsabili di ogni altra rt dll Union uropa intrconnssa con la rt di trasmission nazional, l informazioni ncssari pr garantir il funzionamnto sicuro d fficint, lo sviluppo coordinato l introprabilità dll rti intrconnss. La distribuzion è il trasporto la trasformazion di nrgia lttrica su rti di distribuzion a mdia bassa tnsion pr l consgn ai clinti finali. 1 L autor ringrazia pr la collaborazion il dott. Giuspp Tondi la dott.ssa Francsca Epifani. Eliana Romano Camra di Commrcio di Milano numro 2/2008 Argomnti Mrcato 103

2 L attività di distribuzion vin svolta da imprs ch oprano sulla bas di concssioni rilasciat dallo Stato. L attività di vndita dll nrgia lttrica è srcitata dai cosiddtti clinti grossisti, ch acquistano vndono nrgia lttrica snza srcitar l attività di produzion, trasmission distribuzion. Il D.Lgs. n. 79/1999 ha il compito di individuar la figura dl clint idono com la prsona fisica o giuridica ch ha la capacità di stipular contratti di fornitura con qualsiasi produttor, distributor o grossista sia in Italia sia all stro, in rifrimnto a sogli di consumo, inizialmnt fissat in 30 GWh/anno, poi ridott a 20 dal 1 gnnaio 2000, infin, a 9 dal 1 gnnaio A dcorrr dal 1 luglio 2004 è stato ritnuto clint idono ogni clint final non domstico, mntr dal 1 luglio 2007 è clint idono ogni clint final, ralizzando, di fatto, la pina libralizzazion dl sttor dll nrgia lttrica. Il principio ispirator posto alla bas dl D.Lgs. n. 79/1999 sta nl fatto ch il mrcato lttrico, prima dlla riforma, ra concntrato in un solo oprator intgrato, l Enl, ch avva il compito di curar ogni fas dl sttor lttrico consistnt, in particolar, nlla gnrazion o produzion, trasmission, dispacciamnto, distribuzion vndita di nrgia lttrica; il dcrto ha disposto, scondo opportun norm, la sparazion socitaria propritaria, a sconda di casi, di ciascuna di qust fasi. In qusto modo, attravrso la sparazion, ciascuna fas vin opportunamnt rgolamntata in modo da ottnr l migliori condizioni pr garantir l ffttiva ralizzazion dll aprtura dl mrcato. Tal aprtura dovrbb garantir l ingrsso di capitali privati una concorrnza tra moltplici opratori con il fin ultimo di avr tariff più bass risptto a una situazion di monopolio, confrndo, poi, a particolari soggtti a carattr pubblico, il compito di ottimizzar il funzionamnto dl mrcato. In sguito al D.Lgs. 79/1999, attuandosi una division socitaria dlla rt di trasmission nazional prcdntmnt possduta da Enl, è nata una nuova socità ch gstisc sclusivamnt tal tipo di infrastruttura, dnominata Trna. Insim alla gstion dlla trasmission di nrgia lttrica, a Trna vin affidata anch la funzion di dispacciamnto, ovvro la gstion in tmpo ral di flussi di nrgia lttrica sulla rt, in modo da garantir nll unità di tmpo la prftta uguaglianza tra nrgia immssa in rt d nrgia consumata, condizion irrinunciabil pr il corrtto funzionamnto dl sistma lttrico. In qusto modo, nl novmbr 2005, attravrso la nascita di Trna, è divnuta oprativa la riunificazion di proprità gstion dlla rt di trasmission nazional. 104 numro 2/2008 Argomnti Mrcato

3 Il ruolo dll Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas pr la tutla di consumatori In qusto sttor, oltr alla Camra di Commrcio, 2 il principal organo prposto alla tutla di clinti dl mrcato è l Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas, un autorità indipndnt con lo scopo di favorir il pino sviluppo di un mrcato concorrnzial nl sttor dll nrgia in sguito alla sua privatizzazion. Nll anno 2006 l Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas ha msso in campo un incisiva attività pr la tutla dl consumatori; in particolar, nl maggio 2006, con la Dlibra n. 105, è stato adottato il Codic di Condotta Commrcial pr la vndita di nrgia lttrica ai clinti finali. Tal Codic è ntrato in vigor il 1 gnnaio 2007 con l obittivo di prscrivr, a carico di soggtti vnditori, spcifici obblighi di comportamnto, primo tra tutti qullo di informazion, nl contatto con i possibili clinti nlla fas di formazion dl contratto di fornitura con gli stssi. Il principio posto alla bas dlla dlibra introduttiva dl Codic di Condotta Commrcial sta nl fatto ch, in un sistma di mrcato ormai compltamnt libralizzato, la concorrnza tra i vari opratori dovrbb fornir sufficinti garanzi sull possibilità, pr tutti i clinti finali, di disporr di un srvizio di qualità adguata all propri signz a un przzo ragionvol. Attravrso l aprtura dl mrcati, infatti, i consumatori hanno la possibilità di oprar una sclta fra una vasta gamma di offrt a przzi diffrnziati; tuttavia, la rsistnza al cambiamnto dl fornitor costituisc un ostacolo alla crazion di condizioni concorrnziali una barrira all ntrata pr i nuovi opratori. In qust ottica, il Codic di Condotta Commrcial prvd un informazion complta, corrtta comprnsibil, al fin di consntir ai clinti di conoscr l carattristich l condizioni conomich dl srvizio di confrontar l offrt, bnficiando appino dll aprtura dl mrcato dlla consgunt nascita di un rgim concorrnzial. In lina gnral, il Codic di Condotta Commrcial si applica a tutti i soggtti srcnti l attività di vndita di nrgia lttrica ni confronti di clinti idoni finali connssi a bassa tnsion. Indicando l informazioni minim rlativ all condizioni conomich contrattuali di un offrta commrcial ch dbbono ssr rs not ai clinti prima 2 La Camra di Commrcio ha il compito di garantir la corrttzza di rapporti di mrcato, com part trza risptto agli intrssi coinvolti. Tra l vari funzioni ch l sono stat attribuit dalla Lgg 580/93, c è qulla dlla rgolazion dl mrcato, con il compito di controllar la vntual abusività ni contratti stipulati con i consumatori (art. 37 co. 1) al fin di vitar ch si cri uno squilibrio di diritti obblighi drivanti dal contratto, con il compito di promuovr la trasparnza dl mrcato anch ni sttori di pubblica utilità. Il mrcato dll nrgia lttrica, poi, costituisc un smpio mblmatico di sttor dov si possono rinvnir vntuali squilibri contrattuali a danno dl consumator giacché il modllo di fornitura di nrgia lttrica, attualmnt concorrnzial, prima dlla libralizzazion ra basato su un monopolio lgal sia orizzontal sia vrtical in tutt l fasi dlla filira produttiva. Nl sttor, la Camra di Commrcio di Milano ha già msso vari parri (Parr sulla somministrazion di gas d nrgia ai consumatori [2000], Equilibri contrattuali nlla fornitura di gas mtano all PMI dl 6 dicmbr 2005, Parr sulla fornitura di nrgia lttrica all PMI dl 31 ottobr 2007). numro 2/2008 Argomnti Mrcato 105

4 dlla conclusion di un contratto, fissa, allo stsso tmpo, l rgol di corrttzza da ossrvar nlla promozioni dll offrt commrciali. Inoltr, pr tutti i contratti stipulati fuori dai locali commrciali dll srcnt oppur conclusi attravrso form di comunicazion a distanza, prvd il diritto al ripnsamnto ntro 10 giorni anch pr i clinti ch non sono consumatori ai snsi dl Codic dl Consumo. Infin, nl caso di modifich unilatrali dll condizioni di contratto propost dall srcnt, prvd ch il clint possa rcdr dal contratto snza onri pon a carico dll srcnt un obbligo di pravviso di almno 60 giorni prima dlla modifica. Vi è, comunqu, da spcificar ch il Codic di Condotta Commrcial non incid dirttamnt sul contnuto dl contratto di fornitura, ch vin lasciato alla libra disponibilità dll parti; tuttavia, sso impon dll rgol di corrttzza nlla promozion dll offrt commrciali nlla conclusion di contratti. Già in passato, con la Dlibra 200/1999, l Autorità pr l nrgia avva dfinito l clausol contrattuali minim indrogabili da applicar a tutt l fornitur pr i clinti dl srvizio lttrico vincolati ovvro pr tutti coloro ch non potvano scglir libramnt il proprio fornitor. A partir dal 1 luglio 2007, con la total libralizzazion dlla vndita di nrgia lttrica, potndo ogni clint scglir libramnt da qual vnditor a quali condizioni comprar l nrgia, l Autorità ha stabilito l condizioni contrattuali di fornitura pr i clinti dl srvizio lttrico, prvdndo clausol contrattuali spcifich. Tali clausol, scondo quanto stabilito dalla dlibra, sono minim indrogabili, cioè dvono ssr smpr comunqu ossrvat. Clausol vssatori contratti pr adsion Quando un consumator stipula un contratto con un profssionista 3 gli dv considrarsi, in lina di principio, la part dbol dl contratto poiché, di norma, si trova a dovr sottoscrivr un insim di clausol contrattuali già prdispost da altri, sul cui contnuto non ha avuto una ffttiva possibilità di incidr. Sulla scorta di tali considrazioni sia il lgislator comunitario sia qullo nazional hanno rputato ncssario prdisporr adguati mzzi di tutla, ch consntano di intrvnir allorquando l condizioni contrattuali accttat in blocco dal consumator si rivlano iniqu, cioè stabiliscono un asstto di rciproci obblighi diritti sbilanciato a favor dl profssionista. La normativa in qustion mira, quindi, a vitar ch il profssionista abusi dlla propria forza contrattual pr imporr al consumator condizioni non quilibrat Scondo l art. 3, co.1, ltt. c) dl Codic dl Consumo, è profssionista la prsona fisica o giuridica ch agisc nll srcizio dlla propria attività imprnditorial o profssional. numro 2/2008 Argomnti Mrcato

5 Prima dll adozion dl Codic dl Consumo, i mzzi prdisposti pr la tutla dl consumator rano dlinati all art bis s.s. dl Codic Civil, ch avva il compito di spcificar il contnuto dll clausol vssatori ni contratti stipulati tra il profssionista il consumator, avnti a oggtto la cssion di bni o la prstazion di srvizi; ra prvisto, quindi, un apposito lnco vniva sancita la loro infficacia. Tali articoli furono introdotti dalla L. 52/1996, la qual ha dato attuazion alla Dirttiva 93/13/CEE; attravrso qusta lgg si è introdotto un capo apposito, all intrno dl Codic Civil, al fin di dar un ffttiva collocazion a un ampio ambito disciplinar noto com diritto di consumatori. Con il D.Lgs. 206/2005 è stato introdotto il Codic dl Consumo, ch nasc dall signza di raccoglir in un unico tsto l disposizioni sulla tutla di consumatori, coordinando smplificando l disposizioni normativ incntrat intorno alla figura dl consumator. Scondo il primo comma dl vcchio art bis dl c.c. dll attual art. 33 dl Codic dl Consumo «dvono considrarsi vssatori l clausol ch, malgrado la buona fd, dtrminano a carico dl consumator un significativo squilibrio di diritti dgli obblighi drivanti dal contratto». Il critrio cntral, quindi, è qullo dl significativo squilibrio tra l prstazioni, con la dovuta prcisazion, prò, ch sso dv ssr intso com squilibrio normativo (rifrito cioè ai diritti agli obblighi rciproci drivanti dall clausol) non conomico. Vi è, prò, da prcisar ch l sprssion malgrado la buona fd costituisc, purtroppo, com unanimmnt riconosciuto, un rror di traduzion di trmini dlla dirttiva comunitaria d è, prtanto, da intrprtarsi nl snso di contrariamnt alla buona fd. L clausol vssatori sono attualmnt, scondo l art. 36 dl Codic dl Consumo, ritnut null, corrggndo così quanto dlinato prcdntmnt all art quinquis c.c. ch n sanciva la smplic infficacia. Vin, quindi, attribuita all associazioni di consumatori di profssionisti, nonché all Camr di Commrcio, la possibilità o di convnir in giudizio il profssionista, oppur di proporr un azion inibitoria x art. 140 dl Codic dl Consumo art. 700 c.p.c. Molto spsso la prsnza dll clausol vssatori vin riscontrata all intrno di cosiddtti contratti pr adsion, ni quali l condizioni di contratto sono stabilit a priori da una dll parti vngono propost a una gnralità di contranti; la part ch adrisc si limita a manifstar il proprio consnso attravrso la sottoscrizion di un modulo o formulario già prdisposto. Ciò significa, quindi, ch ni contratti pr adsion non sist alcuna trattativa, anch s qusta, in lina di principio, non è sclusa dalla lgg. In proposito occorr ricordar ch, ai snsi dll art. 34 co. 5 dl Codic dl Consumo, «nl contratto concluso mdiant sottoscrizion di moduli o formulari prdisposti pr disciplinar in manira uniform dtrminati rapporti contrattuali, incomb sul profssionista l onr di provar ch l clausol, o gli lmnti di clausola, numro 2/2008 Argomnti Mrcato 107

6 malgrado siano dal mdsimo unilatralmnt prdisposti, siano stati oggtto di spcifica trattativa con il consumator». Il contratto stipulato mdiant sottoscrizion di moduli ha rapprsntato sicuramnt un significativo passo avanti, soprattutto pr l azind, poiché ha svltito la fas dll trattativ, ncssitando solo l adsion dl contrant, ha anch diminuito la litigiosità stabilndo nl rgolamnto contrattual quali sono i diritti gli obblighi dll parti drivanti dal contratto. Tuttavia, qusti moduli sono spsso gravosi pr il consumator, il qual si trova in situazioni di disparità, poiché, pur sussistndo il rgim dlla doppia firma, pr cui alla firma dl proponnt sgu la firma dll accttant, non vi è in ogni caso una vra contrattazion. Analisi di contratti L analisi di contratti analizzati vrt principalmnt sul confronto tra l indicazioni prscritt dall Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas insim all rgol civilistich al Codic dl Consumo l condizioni gnrali di contratti dll vari socità ch vndono nrgia lttrica prsnti sul mrcato fatti prvnir alla Camra di Commrcio di Milano. Com anticipato, l Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas, con la Dlibra 200/1999, ha stabilito l condizioni contrattuali di fornitura pr i clinti minim indrogabili, oggi applicabili a tutti i clinti domstici all piccol imprs. Il succssivo Codic di Condotta Commrcial pr la vndita di nrgia lttrica (Allgato A dlla Dlibra 105/2006) disciplina principalmnt la fas prcontrattual (in particolar l modalità di rdazion comunicazion dll offrt commrciali, la comunicazion di przzi di fornitura dl srvizio, l informazioni prliminari alla conclusion dl contratto), ma contin anch disposizioni rlativ ai trmini l modalità di pravviso pr la variazion dll clausol contrattuali. In sguito a quanto stabilito dalla Dlibra 200/1999, dal Codic Civil dal Codic dl Consumo agli artt. 33 ss. mrg ch, nlla gnralità di contratti analizzati, la gran part dll clausol è adguata all disposizioni dll Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas all norm di lgg; tuttavia non mancano, a onor dl vro, divrsi punti controvrsi. Disposizioni contrari alla Dlibra 200/1999 dll AEEG 108 Autolttura dl contator Dalla Dlibra 200/1999 mrg l obbligo a carico dl fornitor di consntir al clint di ffttuar la cosiddtta autolttura dl proprio contator attravrso la prdisposizion di strumnti quali il numro vrd, Intrnt o l cartolin po- numro 2/2008 Argomnti Mrcato

7 stali, pr consntir al clint di comunicar dirttamnt al proprio fornitor il consumo vidnziato sul contator. Qusta possibilità di lttura, altrnativo o paralllo alla lttura dl contator ffttuata dirttamnt dal fornitor tramit un incaricato incid profondamnt sul calcolo di consumi, quindi, sulla fatturazion, poiché s, pr qualunqu motivo, il clint non riusciss ad assistr alla lttura ffttuata dal fornitor, la fatturazion si basrbb smpr su un calcolo prsunto di consumi, quindi, il consumator non avrbb a disposizion un chiaro prosptto di consumi ffttuati di rlativi costi sostnuti. In fftti, la possibilità di ffttuar l autolttura dl contator è mnzionata solo in alcuni di contratti saminati; solo in un caso il fornitor si obbliga a rndr disponibil al clint qusta modalità di dtrminazion di consumi - snza tuttavia spcificar l modalità con cui gli stssi potranno ssrgli comunicati. Qusto comportamnto non può ch ssr dfinito vssatorio, in quanto dtrmina a carico dl consumator un significativo squilibrio di diritti dgli obblighi drivanti dal contratto. Dposito cauzional Scondo quanto prscritto dall Autorità, il fornitor può chidr al clint, al momnto dlla stipulazion dl contratto, il vrsamnto di un dposito cauzional o di analoga garanzia. Tal somma dpositata è fruttifra dv ssr rstituita, al trmin dl rapporto contrattual, maggiorata dgli intrssi lgali; nlla quasi totalità di contratti qusta prscrizion non vin rispttata, anzi, in alcuni vin spcificato, invc, ch tal somma non è considrata fruttifra ch non dbba ssr rstituita. In ogni caso, non vin prvista la possibilità pr il clint di sigr il doppio dlla caparra dal fornitor qualora foss costui a rcdr dal contratto o a non stipularlo, com invc impon l art. 33 comma 2 ltt. ) dl Codic dl Consumo. Un asptto controvrso dl dposito cauzional è la possibilità ch dbba ssr prstato nlla forma di fidiussion bancaria. Scondo alcuni, tal clausola dovrbb ssr considrata vssatoria; tuttavia, l Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas ha ammsso sprssamnt tal possibilità. Imprsa distributric, Gstor dlla Rt mandato al fornitor Com spcificato all inizio di qusta rlazion, l attività di vndita di nrgia lttrica vin srcitata dai grossisti ch, prò, non si occupano anch dll attività di produzion, trasmission distribuzion. Ciò significa, quindi, ch pr potr vndr nrgia lttrica, i grossisti dbbono ffttuar primariamnt un contratto con l imprsa distributric poi qullo succssivo di vndita con il clint final. numro 2/2008 Argomnti Mrcato 109

8 Qusto passaggio si tramuta in una sottoscrizion a carico dl futuro clint di una clausola ch confrisc spcifico mandato al fornitor di stipular un contratto con l imprsa distributric con il Gstor dlla Rt di Trasmission Nazional (Trna), in nom pr conto dl clint, pr i srvizi di dispacciamnto di trasporto di nrgia lttrica. Sul punto appar innanzitutto contstabil il mccanismo di attribuzion dl mandato, poiché sso avvin con la sola sottoscrizion dl contratto di fornitura, comunqu, non vngono mai dlinati i limiti il contnuto dl mandato stsso. Ma, a bn vdr, nlla gnralità di contratti, ciò ch appar maggiormnt discutibil è ch, pur citandosi l art c.c., il fornitor non è mai tnuto ad alcun obbligo di rndiconto sulla gstion dl mandato al clint, com prvisto dal Codic Civil, in ogni caso, non è mai ritnuto rsponsabil pr gli vntuali inadmpimnti dll imprs con cui ha sottoscritto il contratto. In pratica vin spcificato ch il fornitor ha la facoltà di sostituir a sé un trzo nl compimnto di mandati, ma allo stsso tmpo vin limitata la possibilità pr il clint di conoscr il contnuto dl mandato, di risolvr il contratto pr inadmpimnto dl trzo di avr un potr di controllo dl mandatario. Dl rsto lo stsso Codic dl Consumo, all art. 33 co. 2 ltt. q) considra sprssamnt com vssatoria la possibilità di limitar la rsponsabilità dl profssionista nll obbligazioni drivanti dai contratti stipulati dai mandatari. In gnral, il tma di rapporti tra il fornitor il soggtto ch distribuisc l nrgia è abbastanza complsso spsso comporta uno sgravio di rsponsabilità dl fornitor ni confronti dl distributor, a scapito dl consumator. Pr qusto motivo è auspicabil il raggiungimnto di spcifici accordi tra il fornitor il distributor al fin di migliorarn il srvizio, in modo da non rivrsar i rischi di possibili diftti dlla rt sul clint. 110 Rcsso dal contratto In mrito al tma dl rcsso dal contratto di fornitura, la Dlibra n. 144/2007 dll Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas ha spcificato alcun rgol su qusto punto. Innanzitutto ha indicato quali sono i trmini di tmpo ntro cui far valr il rcsso, stabilndo ch, pr i clinti domstici a bassa tnsion, il trmin non può ssr infrior al ms pr il fornitor è di si msi. Pr ntramb l figur contrattuali, il rcsso dv ssr comunicato all altra part in raccomandata a/r, inoltr, non è possibil mai prvdr una limitazion alla facoltà di srcitar il rcsso, così com non dvono nanch ssr prvisti di costi a carico dl clint pr l srcizio dllo stsso. È lgittima la prvision di una clausola pnal x art c.c. nl solo caso in cui non vnga rispttato il tmin di tmpo pr far valr il rcsso. Dall analisi di contratti saminati, si riscontra una gnral adrnza alla dlibra dll Autorità, tuttavia in alcuni casi non vin spcificato il trmin di numro 2/2008 Argomnti Mrcato

9 tmpo oppur vngono prvisti di costi a carico dl clint pr srcitar tal diritto. Sospnsion dlla fornitura Nlla Dlibra 200/1999 l Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas ha chiarito quali siano l modalità i tmpi di sospnsion dlla fornitura, chiarndo ch, in caso di mancato pagamnto dl clint ntro i trmini indicati in bolltta, l imprsa distributric è tnuta a inviar una raccomandata con l indicazion dl trmin ultimo pr procdr al pagamnto all modalità con cui comunicar l avvnuto pagamnto. Qualora il clint prsista nl non pagar, il fornitor avrà tutta la possibilità di procdr alla sospnsion di nrgia lttrica. Tuttavia, l Autorità ha stabilito di casi tassativi in cui non è mai possibil sospndr la fornitura, quali a titolo smplificativo non saustivo: quando il pagamnto dlla bolltta è stato sguito, ma non ancora comunicato; ni giorni di vnrdì, sabato, domnica in tutti i giorni fstivi prfstivi; quando l nrgia lttrica è ncssaria pr il funzionamnto di apparati di cura; in prsnza di un rclamo scritto cc. Gli unici du soli casi in cui l imprsa fornitric è autorizzata a sospndr la fornitura snza pravviso sono: pr caus di oggttivo pricolo, pr furto di nrgia lttrica riattivazion non autorizzata a sguito di distacco pr mora. Sul punto si riscontra una scarsa adrnza all prscrizioni dll Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas, anzi, nlla gnralità di contratti, non è quasi mai insrita una clausola ch disponga prcisamnt l vntualità dlla sospnsion, lasciando così incrto pr il clint sapr quali siano l prvisioni in mrito. In alcuni casi, poi, vin sprssamnt prvisto ch, anch nll ipotsi in cui il pagamnto dlla bolltta non foss prvnuto nl trmin indicato, l imprsa fornitric, oltr ad applicar intrssi di mora supriori al tasso lgal non prvdr a coprtura dl dbito quanto dato in dposito cauzional, avrbb avuto la facoltà di sospndr snza pravviso la fornitura di nrgia lttrica. Altr disposizioni contrari alla Dlibra 200/1999 In un caso, si ammtt la possibilità ch la fatturazion avvnga con cadnza suprior ai du msi, mntr la Dlibra 200/99 richid una cadnza almno bimstral. Nllo stsso contratto il fornitor si risrva la possibilità di intrrompr il srvizio in caso di mancato pagamnto, quando invc ciò è consntito solo s l importo dovuto è suprior all ammontar dl dposito cauzional. numro 2/2008 Argomnti Mrcato 111

10 Clausol vssatori ai snsi dll art. 33 co. 2 dl Codic dl Consumo Trmin pr la disdtta L art. 33 co. 2 ltt. i) dl Codic dl Consumo dfinisc com vssatoria la clausola ch stabilisc un trmin ccssivamnt anticipato risptto alla scadnza dl contratto pr comunicar la disdtta al fin di vitar la tacita proroga o il rinnovo. Inoltr, la Dlibra 184/2001 dll AEEG, succssivamnt modificata dalla Dlibra 207/2002 dalla già citata 144/2007, ha chiarito ch dv ssr riconosciuta al clint la facoltà di rcdr dal contratto con un pravviso non suprior ai 30 giorni. In du di contratti saminati, invc, il trmin di pravviso pr il rcsso dl clint è fissato in tr msi. Tal clausola, non solo vssatoria, ma anch contraria all disposizioni dll Autorità, non può crtamnt trovar applicazion. Modifich unilatrali dl contratto Scondo l art. 33 co. 2 ltt. m) dl Codic dl Consumo, è ritnuta vssatoria la clausola ch consnt al profssionista di modificar unilatralmnt l clausol dl contratto snza un giustificato motivo indicato nl contratto stsso. Ciò significa ch anch nll ipotsi in cui vi sia stata la spcifica approvazion dlla clausola da part di ntramb l parti, in ogni caso il contnuto dll modifich non può mai ssr pggiorativo pr il clint dv ssr smpr fatta salva la possibilità di rcdr dal contratto s non si è d accordo sull modifich da ffttuarsi. Qusta prvision trova la sua giustificazion nl fatto ch, quando si stipula un contratto, si intndono approvat da ntramb l parti l clausol insrit in qul contratto, quindi quando si ffttuano dll modifich succssiv, qust gnrano una nuova proposta contrattual ch è suscttibil di spcifica approvazion. Nonostant tali disposizioni, i contratti saminati consntono al fornitor la modifica unilatral dll condizioni di contratto dll carattristich dl srvizio, snza indicar i giustificati motivi ch la lgittimano. È, invc, gnralmnt applicata la disposizion ch consnt, in caso di modifich unilatrali dl fornitor, la possibilità dl clint di rcdr dal contratto. 112 Cssion dl contratto Scondo l art. 33 co. 2 ltt. s) dl Codic dl Consumo, dv considrarsi vssatoria la clausola ch consnt al profssionista di sostituir a sé un trzo ni rapporti drivanti dal contratto, anch nl caso di prvntivo consnso dl consumator, qualora risulti diminuita la tutla di diritti di qust ultimo. Sotto qusto asptto, nlla quasi totalità di tsti saminati il fornitor si attribuisc prvntivamnt la facoltà di cdr il contratto a trzi, snza ch sia assicurato al clint cduto un livllo di srvizio quivalnt; in alcuni casi non si mn- numro 2/2008 Argomnti Mrcato

11 ziona nppur l obbligo di comunicar al clint l avvnuta cssion, scondo quanto invc prvd l art co. 1 c.c. Altrttanto frqunt è la clausola ch vita al clint di cdr il contratto, in assnza dl prvio consnso scritto dl fornitor. Qusta clausola costituisc, in fftti, una rstrizion dlla librtà contrattual dl consumator ni rapporti con i trzi, prciò, dv ssr considrata vssatoria ai snsi dll art. 33 co. 2 ltt. t). Limitazioni alla facoltà di opporr cczioni Scondo l art. 33 co. 2 ltt. t) sono vssatori l clausol ch pongono limitazioni alla facoltà di porr cczioni da part dl clint. A proposito, in uno di contratti saminati, l intrruzioni o l limitazioni di fornitura non dirttamnt imputabili a colpa grav dl fornitor non danno luogo a risarcimnto danni, né a riduzioni di corrispttivi o a risoluzion dl contratto. In un altro di tsti saminati, si sostin, più radicalmnt, ch nssun risarcimnto potrà ssr richisto al fornitor pr danni dirtti o indirtti causati dall utilizzo o dal mancato utilizzo di srvizi - in pratica, scludndo qualsiasi possibilità di azion da part dll utnt; tal clausola dv considrarsi non solo vssatoria, ma anch contraria all disposizioni di lgg - prtanto inapplicabil anch in caso di spcifica sottoscrizion da part dl clint. Foro comptnt In molti casi, è prvista com sd dl foro comptnt pr l controvrsi qulla di Roma, o qulla di altro capoluogo di provincia (vrosimilmnt la sd lgal dl fornitor) mntr invc, scondo la lttra u) dll art. 33 co. 2, ssa dv ssr smpr qulla dl luogo di rsidnza o domicilio dl consumator. 4 Altr clausol vssatori o contrari a disposizioni di lgg Ni contratti considrati sono prsnti anch altr clausol vssatori ai snsi dll art. 33 co. 2 dl Codic dl Consumo. In un caso, pr smpio, si prvd pr il consumator l obbligo di pagar l intro ammontar di fattur contstat in sd di rclamo. In raltà, s vi è stato rror di calcolo da part dl fornitor, l obbligazion di qust ultimo non risulta dl tutto admpiuta, di consgunza, il clint, ai snsi dll art c.c., può rifiutarsi di sguir il pagamnto. La disposizion è in ogni caso vssatoria ai snsi dll art. 33. co. 2 ltt. b) dl 4 Scondo l orintamnto consolidato dlla giurisprudnza, dll art bis, co. 3, n. 19 c.c, poi trasposto nlla ltt. u) dll art. 33, co. 2 dl Codic dl Consumo, nl prsumr la vssatorità dlla clausola ch stabilisc com sd dl foro comptnt una località divrsa da qulla di rsidnza o domicilio lttivo dl consumator ha introdotto un foro sclusivo spcial (ordinanza dll Szioni Unit dlla Cort di Cassazion n /2003, Cass /2004; Cass. 452/2005). numro 2/2008 Argomnti Mrcato 113

12 Codic dl Consumo, in quanto limita i diritti dl consumator in caso di admpimnto insatto dl profssionista. In un altro caso, la possibilità di concludr il contratto di fornitura di nrgia lttrica con l imprsa fornitric è risrvata ai clinti ch abbiano già, con la stssa imprsa, un rapporto contrattual di fornitura di gas natural. Ciò comporta una pals violazion dll rgol sulla concorrnza dl mrcato anch una violazion dll rgol stabilit dal Codic Civil sull autonomia contrattual, in quanto il clint ch non abbia la possibilità di stipular un contratto pr la fornitura dl gas non ha nppur la possibilità di stipular un contratto di fornitura di nrgia lttrica. La scarsa attnzion alla normativa vignt, talvolta, si rivla anch in altri modi: pr smpio, un contratto cita com tsto lgislativo di rifrimnto pr la tutla di dati prsonali la Lgg 675/1996, sostituita divrsi anni fa dal D.Lgs. 196/2003. Conclusioni L analisi di contratti di fornitura di nrgia lttrica agli utnti domstici ha msso in vidnza, in primo luogo, la sostanzial uniformità di tsti saminati. La libralizzazion dl sttor avrbb dovuto condurr a un offrta diffrnziata non solo dal punto di vista conomico, ma soprattutto sotto il profilo dll condizioni contrattuali; smbra, invc, ch la divrsità dll offrta si limiti al solo asptto tariffario. In qusto snso, la libralizzazion smbra ssr un procsso ancora agli inizi. Dal punto di vista di consumatori, i tsti contrattuali contngono divrs disposizioni ch, a vario titolo, posso dfinirsi vssatori. In alcuni casi, ss trovano spigazion nlla trascuratzza con cui il tsto è stato rdatto, vidntmnt in assnza di rifrimnti normativi aggiornati. Talvolta, invc, mrg il tntativo, da part dl fornitor, di approfittar dlla sua posizion di forza ni confronti dl clint, ch si crca di vincolar a clausol contrari non solo all disposizioni dll AEEG, ma addirittura ai principi gnrali dl diritto contrattual. Qusti casi vidnziano ch la disciplina dll clausol vssatori, più in gnral, gli strumnti normativi prdisposti a tutla di consumatori non possono ancora considrarsi acquisiti dagli opratori richidono una costant attnzion da part dll associazioni di consumatori dll autorità di vigilanza. 114 numro 2/2008 Argomnti Mrcato

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

La fattura Hera Comm. Energia Elettrica

La fattura Hera Comm. Energia Elettrica La fattura Hera Comm. Energia Elettrica Hera Comm è la società del Gruppo Hera che fattura i servizi Gas ed Energia elettrica. Nella bolletta multiservizio, il secondo contratto fatturato da Hera Comm

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas)

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Direzione Consumatori e Utenti Seminario online - organizzazioni PMI 5 marzo 2014

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Istituto per l innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Il presente documento intende

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE Un agenda digitale europea RISERVA COMPLEMENTARE Né la Commissione europea né alcuna persona operante a nome della Commissione è responsabile dell uso che possa

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli