Il Possesso. OPERA FORENSIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Possesso. www.mayorastudigiuridici.it OPERA FORENSIS"

Transcript

1 Il Possesso Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 31 maggio 18 settembre 2012, n L'azione di reintegrazione non è proponibile nei confronti dell'ente erogatore dell'energia elettrica nei casi di interruzione della stessa mediante il distacco dei fili conduttori o altra operazione materiale, in quanto in tali casi si potrà esercitare solo l azione contrattuale di inadempimento. Invece, nella fattispecie in cui ciò che viene in discussione non è né la erogazione dell'energia elettrica, né quella dell'acqua in quanto tali, da parte degli enti erogatori del servizio, ma la incidenza della sospensione della erogazione di energia e acqua in una casa di civile abitazione, non da parte dell'ente erogatore, ma da parte di un terzo (nella specie, da parte della promittente venditrice), sarà esperibile, da parte del promissario acquirente in qualità di detentore qualificato dell immobile, l azione di reintegrazione ex art c.c. È noto, del resto, che gli impianti volti a dotare un'abitazione di acqua ed energia elettrica sono indispensabili ai fini di una reale abitabilità dell'appartamento, intesa nel senso di una condizione abitativa che rispetti l'evoluzione delle esigenze generali dei cittadini e lo sviluppo delle moderne concezioni in tema di igiene. Fatto. Con ricorso in data 12 agosto 1999, P.A., assumendo di essere in possesso dell'appartamento sito in (omissis), in forza di contratto preliminare di vendita stipulato con la. s.r.l., agiva in giudizio per la reintegrazione del possesso di cui asseriva aver subito lo spoglio ad opera della promissaria venditrice. Quest'ultima, sosteneva il ricorrente, avendo richiesto inutilmente la restituzione del bene per un suo asserito inadempimento, aveva proceduto arbitrariamente e violentemente a privarlo di tale possesso mediante distaccamento della rete elettrica e recisione delle tubature idriche centrali. Notificato il ricorso, la s.r.l. non si costituiva. Con ordinanza del 3 settembre 1999 il giudice istruttore, sulla base di una sommaria cognizione, valutata la sussistenza dello spossessamento - ritenuto concretato anche da un atto idoneo a diminuire o a rendere meno comodo l'esercizio del possesso - e riconosciuta l'urgenza, disponeva in via cautelare la reintegrazione del P. nel possesso dell'immobile in questione. All'atto dell'instaurazione del giudizio di merito il P., oltre alla reintegrazione, chiedeva il risarcimento dei danni patrimoniali e biologici subiti in conseguenza del comportamento di controparte, la quale nelle more del giudizio aveva perseverato in comportamenti intimidatori procedendo ad impedire la fruizione del servizio fognario. Costituitasi, la s.r.l. eccepiva in via pregiudiziale l'incompetenza del giudice adito e la nullità del procedimento per difetto di notificazione del ricorso introduttivo e, nel merito, rilevava che gli allacciamenti ai servizi erano solo provvisorie utenze di cantiere delle quali, pertanto, il P. non aveva il possesso. 1

2 Ritenute infondate le eccezioni pregiudiziali, il Tribunale di Tempio Pausania, con sentenza del 4 febbraio 2003, rigettava la domanda di reintegrazione ritenendo non configurabile un possesso di acqua ed energia elettrica in capo all'attore, non avendo questi stipulato alcun contratto di somministrazione. Reputava altresì mancante ogni prova in ordine alla lamentata interruzione del servizio fognario. Avverso tale sentenza P.A. proponeva appello dinnanzi alla Corte di Cagliari, Sez. Distaccata di Sassari, rilevando, in particolare, che il Tribunale era incorso nell'errore logico-giuridico di confondere la parte col tutto, confondendo l'azione per la reintegrazione nel possesso dell'appartamento con quella per la reintegrazione nel possesso delle forniture elettriche, fognarie ed idriche. La società appellata si costituiva chiedendo il rigetto del gravame e proponendo appello incidentale dolendosi della compensazione delle spese processuali. Con sentenza depositata il 16 marzo 2005, la Corte d'appello di Cagliari, sezione distaccata di Sassari, rigettava tanto il gravame principale quanto quello incidentale. LA NOTA. La sentenza oggetto d esame offre un percorso interpretativo in merito all istituto del possesso che, passando attraverso la definizione dell istituto medesimo, attraverso la differenza tra il possesso e la detenzione, approderà, infine, nell approfondimento delle azioni poste a tutela dell istituto oggetto d esame, e in modo particolare, dell azione della reintegra ex art c.c. Nell ordinamento giuridico vigente il possesso è disciplinato dall art e ss. c.c. e, richiamando il primo comma di quest ultimo, può essere definito come il potere di fatto su una cosa che si manifesta, non solo in un attività corrispondente all esercizio della proprietà, ma anche di qualsiasi altro diritto reale. E bene, prima di tutto, distinguere il possesso dalla proprietà, sottolineando che quest ultima è una situazione di diritto, a differenza del possesso che è, invece, una situazione di fatto, definizione, questa, molto frequente tanto in dottrina quanto in giurisprudenza. Invero, il possesso non è conseguenza automatica della titolarità del diritto, ma è esercizio concreto di un potere, attività effettiva espletata sia dal titolare del diritto (possesso come esercizio del diritto: ius possidendi), sia da chi non è titolare del diritto (puro possesso). In entrambe le ipotesi si ha un factum possessionis, che prescinde dalla circostanza che esso sia attuato dal titolare di un diritto; dal factum sorge lo ius possessionis, cioè il diritto di possedere e di invocare la tutela possessoria. Oggetto di tale diritto è la cosa considerata non in sé e in forma esclusiva, ma ellitticamente nel senso delle utilità che può offrire, variabili secondo le circostanze; ciò spiega anche la possibilità, in relazione ad una medesima cosa, di una contemporanea esistenza di più possessi sia pure di diverso contenuto. 2

3 Dunque, il possesso anche se definito come una situazione di fatto non è certo giuridicamente irrilevante; infatti l art ss c.c., non soltanto lo definisce, ma ne prevede anche una meticolosa disciplina: il nostro codice, infatti, tutela i diritti del possessore e regola il loro esercizio. All impossessamento di fatto, senza che si abbia un diritto di impossessarsi, segue una situazione cosi detta di fatto giuridicamente rilevante. Elementi costitutivi del possesso, secondo la dottrina tradizionale e la giurisprudenza dominante, sono due, uno oggettivo e l altro soggettivo. Il primo si identifica con il corpus possessionis, ovverosia nel comportamento del soggetto che agisce svolgendo un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale. Il secondo si identifica con l animus possidendi, ovverosia l intenzione di tenere la cosa come proprietario o come titolare di un altro diritto reale, che non esclude la consapevolezza del possessore di non aver alcun valido titolo che legittimi il potere, posto che l animus possidendi consiste unicamente nell intento di tenere la cosa come propria mediante l attività corrispondente all esercizio della proprietà o altro diritto reale, indipendentemente dall effettiva esistenza del relativo diritto o della conoscenza del diritto altrui. Particolare rilevanza riveste quest'ultimo elemento, l'elemento soggettivo, perché è da questo che riusciamo a distinguere il possesso dalla detenzione, la quale può essere definita come una sorta di possesso minore. Per individuare la differenza tra possesso e detenzione occorre un indagine in merito allo stato soggettivo che caratterizza il potere materiale che si esercita sulla cosa nel senso che, mentre il possesso, come detto, presuppone la volontà di comportarsi come titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale, la detenzione è carente di questo requisito soggettivo in quanto presuppone l altruità del diritto di proprietà o di altro diritto reale. Caratteristica fondamentale, ed elemento costitutivo della detenzione, è l animus detinendi che si differenzia dall animus possidendi in quanto il detentore, diversamente dal possessore, esercita il potere sulla cosa con la consapevolezza di non voler tenere la cosa come titolare di un diritto reale, ma per ragioni diverse, come per ragioni di amicizia, o perché è un conduttore, e cosi via. In presenza, dunque, di un titolo giustificativo di una situazione di fatto di tipo possessorio, qualora il titolo sia costitutivo di un diritto personale di godimento, si avrà la detenzione, qualora il titolo sia costitutivo di un diritto di proprietà o di altro diritto reale, si avrà il possesso. Si avrà possesso anche in mancanza di titolo in forza della presunzione di cui all art c.c. primo comma. Un ulteriore differenza riguarda la detenzione qualificata e la detenzione non qualificata. La prima è esercitata nell'interesse proprio, come accade, ad esempio, per il conduttore; la seconda è esercitata nell'interesse altrui, come accade, ad esempio, per il depositario. L art.1141 c.c. al secondo comma, ammette che la detenzione possa mutarsi in possesso, fenomeno questo detto interversione del possesso. Il mutamento dovrebbe avvenire nel momento in cui il detentore agisca con l'animus del possessore, ma da solo questo elemento non è sufficiente; sono infatti necessari atti esteriori che diano 3

4 riconoscibilità al mutamento dell'animus, e il secondo comma dell'art li riconosce in due ipotesi. La prima è l ipotesi in cui un terzo essendo possessore del bene, trasferisca il possesso al detentore o il corrispondente diritto; la seconda è l ipotesi in cui il detentore manifesta al possessore la sua volontà di acquisire il possesso del bene. Invero, l interversione del possesso non può avere luogo mediante un semplice atto di volizione interna, ma deve estrinsecarsi in una manifestazione esteriore, dalla quale sia consentito desumere che il detentore abbia cessato di esercitare il potere di fatto sulla cosa in nome altrui e abbia iniziato ad esercitarlo esclusivamente in nome proprio, con correlata sostituzione al precedente animus detinendi dell animus rem sibi habendi. Tale manifestazione deve essere rivolta specificatamente contro il possessore, in maniera che questi sia posto in grado di rendersi conto dell avvenuto mutamento, e quindi tradursi in atti ai quali possa riconoscersi il carattere di una concreta opposizione all esercizio del possesso da parte sua. A tal fine sono inidonei atti che si traducono nell inottemperanza alle pattuizioni in forza delle quali la detenzione era stata costituita, ovvero si traducano in meri atti di esercizio del possesso. Venendo ora alla sentenza oggetto d esame, è bene precisare che, coma ha più volte affermato anche la Suprema Corte, la condizione del promissario acquirente, esercitando un potere di fatto sull immobile che ha ricevuto in consegna alla stipula del preliminare di compravendita e che egli conserva anche dopo che il previsto contratto definitivo non è stato stipulato, si configura come detenzione qualificata e non come possesso utile ad usucapionem. Tale ultima osservazione è fondamentale in quanto, il detentore qualificato, al pari del possessore, ha titolo per esperire l azione di reintegrazione ex art secondo comma c.c., come nel caso della recentissima sentenza in commento, dove il promissario acquirente detentore qualificato aveva subito uno spoglio ad opera della promissaria venditrice, mediante il distaccamento, violento e arbitrario, della rete elettrica e idrica. Il possesso, quindi, è tutelato nel nostro ordinamento con le azioni di reintegrazione e manutenzione, previste, rispettivamente, dagli articoli 1168 e 1170 c.c. La ratio di tale tutela va ricercata nell interesse collettivo, al fine di garantire il diritto soggettivo alla sua conservazione contro gli atti di spoglio violento o clandestino, e di molestia, e per evitare turbamento della pace sociale, a prescindere dall esistenza di un titolo giustificativo, essendo considerato di per sé un valore meritevole di tutela. Le azioni a difesa del possesso, dette azioni possessorie, sono, come innanzi accennato, l azione di reintegrazione ex art c.c. e l azione di manutenzione ex art c.c. La prima spetta sia al possessore che al detentore qualificato, che sia stato violentemente e clandestinamente, ovvero con l uso della forza o con minacce e di nascosto dal possessore, spossessato di una cosa mobile o immobile. Può essere esercitata entro un anno dallo spoglio, o se questo è stato clandestino, dalla sua scoperta e consente al possessore spogliato di ottenere, sulla semplice notorietà del fatto in sé dello spoglio, 4

5 la reintegrazione del possesso, ossia l ordine rivolto dal giudice all autore dello spoglio di restituire la cosa al possessore. La seconda azione, invece, riguarda solo i beni immobili e le universalità di mobili ed ha un duplice campo di applicazione: spetta al possessore che sia stato molestato, ossia impedito, ostacolato, nel possesso della cosa o, secondo un altra espressione, che abbia subito turbative del possesso; spetta, inoltre, al possessore che abbia subito uno spoglio non violento o clandestino. Può essere esercitata, anche qui, entro un anno dalle turbative o dallo spoglio e mira ad ottenere, nel primo caso, un provvedimento che ordini la cessazione delle molestie e, nel secondo, la restituzione della cosa. Alla luce delle considerazioni di cui innanzi, e venendo alla sentenza oggetto d esame, risulta lapalissiano il diritto di P.A., promissario acquirente e quindi detentore qualificato dell immobile, di esperire l azione di reintegrazione in quanto era stato violentemente e clandestinamente privato della fornitura elettrica e idrica. Infine, è bene sottolineare, che tale azione è giustificata dal fatto che lo spoglio avveniva ad opera della promissaria venditrice e non ad opera dell ente somministrante; in tal caso, infatti, il promissario acquirente avrebbe dovuto esperire un azione contrattuale di inadempimento, non potendosi concretamente configurare una situazione di autonomo possesso dell utente sull energia elettrica fornitagli in base a contratto di somministrazione. Bibliografia Francesco Galgano Istituzioni di diritto privato, CEDAM Pietro Perlingieri Il diritto civile nella legalità costituzionale secondo il sistema italocomunitario delle fonti, Edizioni Scientifiche Italiane Cassazione Civile , n Cassazione Civile , n Cassazione Civile , n Cassazione Civile , n Cassazione Civile , n Cassazione Civile , n Nicola Comite p.avv. del foro di Vallo della Lucania 5

6 6

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio: non sono sinonimi. La Massima Si ha mutatio libelli quando si propone una domanda obiettivamente diversa da quella originaria, introducendo

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE.

DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE. GUIDO BELLI DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE. Non tutti i soggetti della cui attività il debitore si avvalga per l adempimento della propria obbligazione sono suoi ausiliari nei termini

Dettagli

Cassazione civile sez. II, sentenza n.9367 del 08 giugno 2012. Pres. Felicetti, Est. Giusti

Cassazione civile sez. II, sentenza n.9367 del 08 giugno 2012. Pres. Felicetti, Est. Giusti . PRELIMINARE COMPLESSO, CAPARRA CONFIRMATORIA E DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA Cassazione civile sez. II, sentenza n.9367 del 08 giugno 2012 Pres. Felicetti, Est. Giusti La somma di denaro che, all'atto

Dettagli

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino Page 1 of 5 numero 21.2011 25 maggio 2011 IL PUNTO Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino di Federica Caponi, SELF Servizi e Formazione

Dettagli

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707.

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. REGOLAMENTO DI CONDOMINIO LIMITAZIONI - INTERPRETAZIONE Le norme contenute

Dettagli

Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento

Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento Corte d'appello, Napoli, sez. II civile, sentenza 06/05/2015 n 1727 Pubblicato il 09/07/2015 La sentenza

Dettagli

LA PRELAZIONE IN AMBITO LOCATIVO IMMOBILI USO DIVERSO E USO ABITATIVO

LA PRELAZIONE IN AMBITO LOCATIVO IMMOBILI USO DIVERSO E USO ABITATIVO LA PRELAZIONE IN AMBITO LOCATIVO IMMOBILI USO DIVERSO E USO ABITATIVO Per prelazione si intende il diritto che taluno acquisisce, vuoi in virtù della legge, vuoi in un atto di autonomia privata, ad essere

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI NANNI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge e salvo indennizzo, espropriata per motivi di interesse generale.

La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge e salvo indennizzo, espropriata per motivi di interesse generale. Il diritto di proprietà (art. 42 costituzione + 832-833-840-1140 c.c.) il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in in modo pieno ed esclusivo entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo Nel diritto.it MASSIMA Costituisce domanda nuova vietata in appello e anche in primo grado (ancorché,

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti Motivi della decisione 1. Il primo motivo di ricorso. 1.1. Col primo motivo di ricorso i ricorrenti lamentano

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a Treviso, xxxxx, rappresentato e difeso dall Avv. xxxxxx,

Dettagli

Nel 2008 i proprietari degli immobili occupati chiedevano al Comune l immediata restituzione dei beni con il ripristino dei luoghi.

Nel 2008 i proprietari degli immobili occupati chiedevano al Comune l immediata restituzione dei beni con il ripristino dei luoghi. Occupazione d'urgenza: da quando decorre l'usucapione a favore della p.a.? TAR Sicilia-Palermo, sez. III, sentenza 05.07.2012 n. 1402 (Riccardo Bianchini) In caso di trasformazione irreversibile di un

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n.

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. 610) di MONICA PILOT Avvocato del Foro di Pordenone 1. Premessa 2.

Dettagli

CAPITOLO 15. Contratto preliminare a effetti anticipati e prescrizione del diritto alla stipula del definitivo

CAPITOLO 15. Contratto preliminare a effetti anticipati e prescrizione del diritto alla stipula del definitivo CAPITOLO 15 Contratto preliminare a effetti anticipati e prescrizione del diritto alla stipula del definitivo (Cassazione Civile, Sezione Seconda, 15 novembre 2012, n. 20011, nonché Cassazione Civile,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

Le massime estrapolate

Le massime estrapolate Pagina 1 di 7 Condominio. Delibera assembleare che approva il rendiconto annuale dell amministratore, impugnazione ex art. 1137, comma III, solo per ragioni di mera legittimità. Le massime estrapolate

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente

ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente - Alfio FINOCCHIARO Giudice - Alfonso QUARANTA - Franco

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 COLLEGATO LAVORO: LIMITI AGLI INDENNIZZI RETROATTIVI Limitata l applicazione retroattiva

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA. Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA. Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra (Omissis) (avv.to (Omissis)) intimante E (Omissis)

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

Diritto romano. Corso 2010. Usucapio. I puntata. 1. L usucapione nel diritto italiano vigente.

Diritto romano. Corso 2010. Usucapio. I puntata. 1. L usucapione nel diritto italiano vigente. Diritto romano. Corso 2010. Usucapio. I puntata. 1. L usucapione nel diritto italiano vigente. L istituto della usucapione è considerato nel libro terzo del codice civile, dedicato alla proprietà; in esso

Dettagli

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 04.10.2010 n 20566 http://www.altalex.com/index.php?idnot=50642 Le intimidazioni generiche

Dettagli

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA PREMESSA Ai sensi dell art. 166 c.p.c., il convenuto si costituisce in giudizio mediante deposito in cancelleria della comparsa di risposta, della copia della citazione notificata, della procura e dei

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL LEGALE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: ILLEGITTIME LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE LO AFFERMA LA CORTE DI CASSAZIONE IN UNA RECENTE PRONUNCIA Segnaliamo che la Suprema Corte ha dichiarato invalide le clausole

Dettagli

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Altalex.it (Pierluigi D'Urso) L'ordinanza in rassegna accorda

Dettagli

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Cassazione Civile, sez. III, sentenza 30/07/2015 n 16181 di Carmine Lattarulo Pubblicato il 15/09/2015 Il nuovo Codice

Dettagli

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640. Presidente Triola - Relatore Falaschi. Svolgimento del processo

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640. Presidente Triola - Relatore Falaschi. Svolgimento del processo Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640 Presidente Triola - Relatore Falaschi Svolgimento del processo Con atto di citazione notificato il 9 luglio 1998 M.M. evocava, dinanzi

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE III^

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE III^ SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE III^ Sezione civile Sentenza n. 22129 Del 20 settembre-24 novembre 2004, n. 22129 Svolgimento del processo L. L. intimò alla Snc xxxxxx sfratto per finita locazione. Espose:

Dettagli

Alcoltest: prima rifiuta, poi acconsente. Ma non evita la condanna Cassazione penale, sez. IV, sentenza 06.02.2013 n 5909.

Alcoltest: prima rifiuta, poi acconsente. Ma non evita la condanna Cassazione penale, sez. IV, sentenza 06.02.2013 n 5909. Alcoltest: prima rifiuta, poi acconsente. Ma non evita la condanna Cassazione penale, sez. IV, sentenza 06.02.2013 n 5909.commento e teto (Simone Marani) Altalex.it Deve essere condannato l'automobilista

Dettagli

IL GENITORE NATURALE È TENUTO A PROVVEDERE SIN DAL MOMENTO DELLA NASCITA AL MANTENIMENTO DEL FIGLIO NATURALE

IL GENITORE NATURALE È TENUTO A PROVVEDERE SIN DAL MOMENTO DELLA NASCITA AL MANTENIMENTO DEL FIGLIO NATURALE IL GENITORE NATURALE È TENUTO A PROVVEDERE SIN DAL MOMENTO DELLA NASCITA AL MANTENIMENTO DEL FIGLIO NATURALE L AZIONE DI RIMBORSO PRO QUOTA DEL GENITORE CHE HA PROVVEDUTO IN ESCLUSIVA PRESUPPONE UNA SENTENZA

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 dicembre 2011 a cura di Diana Selvaggi 1. Corte di Cassazione, Sez. III Civile, sentenza n. 26709 del 13 dicembre 2011: contratto di locazione, inadempimento

Dettagli

III 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU

III 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU Tribunale di Torino, Sez. III Civile, n 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU Paola Ferrero. Appellante Real srl (avv. Arcudi), appellata Aurora spa e altri (avv. Fossati). Assicurazione RC Auto. Azione diretta

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette

Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette Tribunale di Torino, 16 febbraio 2015. Giudice Rizzi. Rimborso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294

Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294 Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294 Presidente Senese relatore Toffoli Pm Frazzini difforme ricorrente Rossetto controricorrente Banco di Sicilia Spa Svolgimento del

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

OBBLIGAZIONI E CONTRATTI Adempimento in genere. VENDITA Vendita di cose altrui o parzialmente altrui

OBBLIGAZIONI E CONTRATTI Adempimento in genere. VENDITA Vendita di cose altrui o parzialmente altrui Juris data Archivio selezionato : Sentenze Civili Documento n. 1 di 1 OBBLIGAZIONI E CONTRATTI Adempimento in genere VENDITA Vendita di cose altrui o parzialmente altrui Vendita - Vendita di cosa altrui

Dettagli

Il condominio inteso come consumatore: dagli scenari di tutela alle difficolta applicative del diritto dei consumi.

Il condominio inteso come consumatore: dagli scenari di tutela alle difficolta applicative del diritto dei consumi. Il condominio inteso come consumatore: dagli scenari di tutela alle difficolta applicative del diritto dei consumi. (Avv. Vincenzo Savasta www.consumerlaw.it) E argomento già ampiamente dibattuto quello

Dettagli

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n.363 R.G.A.C. per l anno 2003

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. Svolgimento del processo

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. Svolgimento del processo Sentenza 6643/2012 Cassazione Civile, Sezione Lavoro, Sentenza 02-05-2012, n. 6643 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Svolgimento del processo

Dettagli

di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale

di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale LA DIFFUSIONE DELLA PASSWORD ALL ESTERNO CONFIGURA IL LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale Il dipendente che diffonde all esterno dell

Dettagli

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) - n. 19111 del 9 aprile 2013 (dep. 3 maggio 2013) - Collegio

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA IMMOBILIARE. - ATTUALITA DI DIRITTO IMMOBILIARE - 13 novembre 2008 - Milano -

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA IMMOBILIARE. - ATTUALITA DI DIRITTO IMMOBILIARE - 13 novembre 2008 - Milano - SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA IMMOBILIARE - ATTUALITA DI DIRITTO IMMOBILIARE - 13 novembre 2008 - Milano - ASPESI - VALENTE & PARTNERS STUDIO LEGALE Legge 9 dicembre 1998, n. 431 : dieci anni di

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 11 giugno 2 novembre 2015, n. 22353 Presidente Venuti Relatore Ghinoy Svolgimento del processo Con la

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 11 giugno 2 novembre 2015, n. 22353 Presidente Venuti Relatore Ghinoy Svolgimento del processo Con la Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 11 giugno 2 novembre 2015, n. 22353 Presidente Venuti Relatore Ghinoy Svolgimento del processo Con la sentenza n. 1069 del 2010, la Corte d'appello di L'Aquila

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - Prof. Avv. Enrico Quadri... Presidente - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

29.11.2011 2069 - - B. F., G. R., I. V., S. A., I. C., O. G., G. A.

29.11.2011 2069 - - B. F., G. R., I. V., S. A., I. C., O. G., G. A. Processo civile - Opposizione all esecuzione Inidoneità del titolo Questione rilevata d ufficio e sottratta alla cognizione delle parti Vizio di ultrapetizione Esclusione - Potere dovere del giudice dell

Dettagli

Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario

Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia d'impresa, 19 febbraio

Dettagli

Sez. 6-3, Ordinanza n. 5928 del 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA SOTTOSEZIONE 3

Sez. 6-3, Ordinanza n. 5928 del 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA SOTTOSEZIONE 3 Sez. 6-3, Ordinanza n. 5928 del 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA SOTTOSEZIONE 3 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FINOCCHIARO

Dettagli