Allegato 4. Nozioni per il soccorso sanitario su piattaforma ferroviaria elettrificata. A cura del 118 GECAV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 4. Nozioni per il soccorso sanitario su piattaforma ferroviaria elettrificata. A cura del 118 GECAV"

Transcript

1 Allegato 4 Nozioni per il soccorso sanitario su piattaforma ferroviaria elettrificata A cura del 118 GECAV

2

3 Indice

4 Introduzione L avanzamento delle lavorazioni per la conclusione e successiva messa in opera della tratta Alta Velocità BO-FI, ha introdotto un nuovo aspetto di alta rilevanza, ovvero l elettrificazione. Tale situazione introduce nuovi aspetti, sia per i lavoratori, sia per gli operatori del soccorso incaricati all intervento in tali luoghi. Nell ottica di garantire un valido soccorso sanitario, mantenendo standard di sicurezza elevati per gli operatori incaricati, si è voluto comprendere e descrivere, i sistemi di elettrificazione, i rischi e le misure di sicurezza da adottare per gli operatori sanitari. Lo scopo del presente opuscolo è quello di costituire la base per la stesura dell istruzione operativa per l accesso su ferrovia con mezzi bimodali di soccorso sanitario su tratta elettrificata. Tale opuscolo è stato redatto inoltre per essere uno strumento informativo, per gli operatori del GECAV incaricati.

5 Cenni di base sulla corrente elettrica Come dice la parola stessa, corrente e' qualcosa che scorre, che fluisce. La corrente elettrica e' un flusso di cariche elettriche che ha luogo all'interno di alcuni materiali. Tali materiali, proprio perché si prestano a consentire questo flusso, vengono definiti conduttori. Altri materiali, che invece si oppongono al passaggio della corrente, vengono definiti isolanti. La corrente elettrica puo' essere debolissima, come quella che, all'interno degli organismi viventi trasmette gli impulsi nervosi; puo' essere abbastanza forte, come quella che accende la lampadina della nostra stanza e puo' essere fortissima, come quella che fonde i metalli in un altoforno o fa viaggiare un treno a 300 km all'ora. La corrente comunemente utilizzata per uso domestico e industriale, viene prodotta da centrali e distribuita attraverso reti lunghe anche centinaia di chilometri. La corrente elettrica può avere caratteristiche variabili, le unità di misura principali di riferimento per l energia elettrica descritte sono 4: Intensità misurata in ampere A Differenza di potenziale o Tensione misurata in volt V Resistenza misurata in ohm Ω Potenza misurata in Watt W Intensità della corrente L'ampere (simbolo: A) è l'unità base SI (Sistema Internazionale Unità di Misura) usata per misurare l'intensità della corrente elettrica. Essendo una delle sette unità fondamentali del SI, tutte le altre unità elettromagnetiche sono derivate da essa. Per analogia, l'intensità di corrente è paragonabile alla quantità di acqua che passa per un tubo misurata in kg/secondo, dove la massa d'acqua rappresenta la carica elettrica. Quindi la quantità di elettroni che attraversa un conduttore, si può esprimere in Ampere/ora (Ah), ovvero la quantità totale di carica che scorre, con l'intesità di un ampere, in un conduttore in un ora. Differenza di potenziale o Tensione Il Volt (simbolo: V) è l unità derivata SI usata per misurare il potenziale elettrico e la differenza di potenziale. Il volt misura la forza che hanno i singoli elettroni, che moltiplicato con gli ampere, che misurano gli elettroni che passano nel tempo, si ottiene la potenza in watt. Per analogia con i sistemi idraulici il volt è l'altezza da cui l'acqua scende, e l'ampere è la portata. Potenza Il watt (simbolo: W) è l unità derivata SI usata per misurare la potenza.

6 Resistenza L Ohm (simbolo: Ω ) è l unità di misura usata per misurare la resistenza. La resistenza elettrica è una grandezza fisica che misura la tendenza di un conduttore di opporsi al passaggio di una corrente elettrica quando è sottoposto ad una tensione. Questa opposizione dipende dal materiale con cui è realizzato, dalle sue dimensioni e dalla sua temperatura. Produzione di corrente elettrica La produzione di energia elettrica avviene in strutture denominate centrali elettriche. In tutte le centrali elettriche, escluse le solari fotovoltaiche, l'energia meccanica viene trasformata in energia elettrica tramite lo stesso procedimento di base. La corrente elettrica è costituita dal moto ordinato degli elettroni, che dà luogo a elettricità perché queste particelle sono dotate di una particolare proprietà fisica: la carica elettrica. Per mettere in moto gli elettroni si sfrutta un dispositivo detto alternatore, che consiste in una serie di avvolgimenti di filo conduttore che vengono investiti da un campo magnetico rotante: la variazione del flusso del campo magnetico all'interno delle spire genera una forza che mette in moto gli elettroni. Nelle centrali elettriche il campo magnetico è generato da potenti elettrocalamite, ovvero un nucleo di ferro sul quale è avvolto un altro circuito attraversato da corrente, messo in rotazione mediante delle turbine, mosse a loro volta dall'energia del vapore, del vento, dell'acqua, ecc. L energia elettrica per uso domestico e industriale è di tipo alternato a 50 Hertz, ovvero il flusso non è continuo ma avviene in maniera alternato con una inversione di polarità di 50 volte al secondo.

7 Elettricità ed atomo Veniamo a descrivere in maniera sintetica ciò che avviene a livello atomico che consente la produzione di energia elettrica. L atomo è costituito da tre particelle: 1. Protoni: fanno parte del nucleo e hanno carica positiva 2. Neutroni: fanno parte del nucleo e hanno carica neutra 3. Elettroni: disposti nell orbita del nucleo e hanno carica negativa Come mostrato nell immagine possiamo vedere neutroni e protoni al centro che costituiscono il nucleo mentre sulle orbite ruotano gli elettroni. In condizioni normali (caotiche) il sistema è in equilibrio ovvero cariche positive e negative si compensano. Bisogna considerare che gli elettroni più periferici hanno un legame più debole e possono essere strappati dal loro legame. Lo spostamento di un elettrone dalla propria orbita crea una carica positiva (il nucleo è privato di un elettrone) e una negativa. Quindi innescando un movimento ordinato di cariche elettriche si ha la produzione di energia elettrica. In sostanza creando una regione con carica positiva (polo +) e una con carica negativa (polo -) si avrà un passaggio di cariche tra poli opposti. Questo movimento di elettroni che avviene attraverso i conduttori provoca una cessione di energia che degrada in calore provocando il cosiddetto effetto joule.

8 Classificazione degli impianti elettrici Gli impianti elettrici, come accennato in precedenza hanno innumerevoli caratteristiche, per esempio: la messa a terra, tensione, tipo di corrente. Definire in quale classe di impianto si va ad operare è fondamentale per comprendere rischi e misure di sicurezza da adottare. La classificazione degli impianti elettrici in relazione alla tensione è successivamente descritta: Sistema di categoria 0 con U <= 50 V in C.a. e 120V in C.c. Sistemi di categoria I con U >50V <=1000 in C.a. e >75V <=1550V in C.c. Sistemi di categoria II con U>1000V <=30000V in C.a. e >1500V <=30000V in C.c. Sistemi di categoria III con U > V sia in C.a. che in C.c. Il DPR 547/1955 fissa il limite tra alta e bassa tensione in 400V per la C.a. e in 600V per la C.c. Per i sistemi con V n > di 1000V C.a. e 1500V C.c. ad ogni valore nominale di tensione si abbina anche un valore di tensione riferito all isolamento, rispetto al quale devono essere dimensionate le apparecchiature. I sistemi elettrici in relazione alla messa a terra vengono cosi denominate: 1 a lettera = T Il neutro è collegato a terra 1 a lettera = I Il neutro non è collegato a terra oppure è collegato a terra tramite un impedenza 2 a lettera = T Masse collegate a terra 2 a lettera = N Masse collegate al neutro del sistema I sistemi elettrici sono classificati in base allo stato del neutro e delle masse rispetto alla terra. Vengono indicati con due lettere. La legislazione italiana definisce che gli impianti elettrici debbano essere costruiti a regola d arte, più precisamente la legge 186/1968 sancisce che: Art. 1 Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le istallazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d arte ; Art. 2 I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le istallazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le norme del CEI si considerano costruiti a regola d arte (dunque condizione sufficiente ma non necessaria!). Quindi il CEI è l'ente riconosciuto dallo Stato Italiano e dall'unione Europea preposto alla normazione tecnica nei settori elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni. Le norme tecniche CEI contribuiscono a definire ciò che le leggi citano come "regola dell'arte".

9 In ambito europeo esiste il CENELEC (Comitato Europeo per la Normalizzazione Elettrotecnica). Partendo da ciò che il CEI attraverso alcune norme ha emanato, possiamo definire alcuni aspetti specifici utili a comprendere meglio il rischio elettrico e le misure di protezione, per prestare soccorso in zone con impianti sotto tensione o fuori tensione. Struttura sistema di elettrificazione TAV Gli impianti per la trazione elettrica hanno la funzione di rendere disponibile al mezzo di trazione, energia elettrica per la locomozione. Gli impianti dei sistemi di trazione elettrica sono: Linee di alimentazione ad alta tensione - hanno lo scopo di trasportare l energia elettrica alle sottostazioni secondarie (SSE) Sottostazioni di trasformazione e di trasformazione e conversione hanno lo scopo di trasformare la linea AT per renderla fruibile dagli utilizzatori trasformando la corrente elettrica da 132 kv-50hz a 25 kv-50hz Linea di contatto rende disponibile l energia al treno attraverso un organo di captazione (pantografo) ed è costituita da: sostegni, sospensioni, condutture elettriche (catenaria :corda e filo di contatto), circuito di ritorno e circuito di protezione Impianti di telecomando Il sistema della TAV nel tratto di competenza del 118 GECAV prevede l elettrificazione con il sistema a tensione alternata monofase 2 x 25 kv a frequenza industriale (f=50 60 Hz). In estrema sintesi, il sistema è costituito da sottostazioni equipaggiate con trasformatori a 50 kv i cui secondari hanno tre morsetti. Ai due morsetti estremi sono

10 collegati, rispettivamente, la linea di contatto ed un conduttore detto alimentatore negativo che viaggia in parallelo alla linea di contatto sugli stessi pali di sostegno, in modo da minimizzare l impedenza di linea. Al morsetto centrale è collegato il binario, in modo che il motore si trovi alimentato alla tensione di 25 kv. Lungo la linea, ad intervalli regolari dell ordine di km, sono disposti autotrasformatori a 50 kv con morsetto centrale collegato al binario. Gli autotrasformatori hanno il compito di distribuire la corrente assorbita dai convogli tra la linea di contatto e l alimentatore negativo senza interessare l intera tratta alimentata da ciascuna sottostazione, con vantaggi immediati in termini di riduzione delle perdite per caduta di tensione e, aspetto non trascurabile, di riduzione dell inquinamento elettromagnetico nell ambiente, altrimenti sensibile nel sistema monofase classico. La struttura della linea di contatto è costituita da elementi quali: Catenaria formata da una fune portante (corda in rame) e da un filo di contatto, da cui il treno preleva la corrente di alimentazione; Conduttore di ritorno (feeder) di alluminio-acciaio, in cui scorre la corrente di ritorno verso le SSE (presente solo nel caso di linea elettrificata a 25kV); Circuito di terra, costituito da due sottosistemi dispersivi: un conduttore in rame interratomlateralmente alla linea su entrambi i lati al quale fanno capo le messe a terra di tutti i sostegni e un conduttore in lega di alluminio installato sui sostegni ad una certa quota rispetto al piano del ferro; Sostegni TE costituiti da grappe, pali tralicciati o portali. Sospensioni del tipo a puntone inclinato in lega di alluminio con accoppiamenti in acciaio Inox. Isolatori in materiale composito (fibra di vetro e gomma siliconica). La linea di contatto a 2x25 kv della tratta Bologna-Firenze è alimentata in due punti distinti e sezionata opportunamente in corrispondenza dei Posti di servizio (PC, PM e PJ), delle SSE, dei PPD/PPS ed in corrispondenza delle gallerie; in tal modo sarà possibile isolare tratti distinti, consentendo sia gli interventi di emergenza con l impiego dell impianto antincendio o con il blocco della circolazione ferroviaria, sia gli interventi manutentivi. Punti particolari della linea AV sono i Posti di Commutazione dove, in via automatica grazie al segnalamento ERTMS, avverrà il passaggio dall alimentazione in tensione continua a quella in alternata monofase e viceversa. Il sistema elettrico sarà alimentato in fase finale dei lavori da due sottostazioni SSE: Idice, al km 59 circa, a sua volta alimentata dalla SSE Enel di S.Benedetto al Querceto; Firenze Castello al km a sua volta alimentata dalla SSE Enel di Prato Calenzano. Nel caso in cui la SSE di Idice risulti fuori servizio, gli autotrasformatori del PPS di Savena e del PPD Laurinziano siano esclusi e gli interruttori e sezionatori del tratto neutro di Idice siano aperti, la linea di contatto è progettata per essere collegata all alimentazione di soccorso.

11 La struttura del sistema elettrico descritta in precedenza, prevede elementi anche esterni (per es. SSE) e non direttamente legati all ambito di azione del PASS, per questo motivo successivamente verrà decritta in maniera più accurata ciò che è presente sul binario, in tema di elettricità, in modo da informare il personale di soccorso ove e come agire. Possiamo immaginare il sistema ferroviario suddiviso in alcune parti: Parte motrice: l insieme di conduttori, funi, corde, tiranti, isolatori e sostegni in cui di norma è presente l alta tensione, ed è sistemata ad un altezza dal piano ferroviario di mt 5.30 Piano ferroviario: Traverse e binari che hanno lo scopo di fare circolare su di esse i convogli ferroviari, queste non hanno mai tensione. Sistemi di controllo, comunicazione, antincendio, illuminazione che sono tecnologicamente avanzati ma non offrono particolari problemi di pericolo per i soccorritori. Il presente opuscolo in questa sezione prende in esame la parte motrice, dal momento che l azione di soccorso da parte del PASS potrebbe prevedere il contatto o l avvicinamento a tale parte. Di fatto durante le attività i lavoratori potrebbero trovarsi in condizione particolari, dovute all impiego di macchinari dedicati (per es. cestelli), ciò ne consegue la possibilità di avere condizioni a rischio anche da parte del PASS. La parte motrice può essere considerata tutto ciò che consente il passaggio di corrente elettrica per la trazione e le strutture annesse (sempre sospese). Un treno per poter viaggiare necessità di energia, in questo caso l energia è elettrica. I motori ferroviari per funzionare prelevano corrente da un cavo, denominato cavo di contatto attraverso un organo denominato pantografo ubicato sul locomotore. Il pantografo cattura per contatto corrente e la indirizza ai motori, in questo caso si ha passaggio di corrente dalla linea di contatto attraverso i motori con passaggio a terra. Come già anticipato la tensione di esercizio dalla tratta è di 25 kv a 50 Hz, questa corrente è presente su conduttori (cavi) scoperti provvisti del potenziale energetico da trasferire ai motori ferroviari, quindi sono sempre in tensione. Il cavo di contatto situato all altezza di 5,30 dal piano ferroviario in realtà è un sistema più complesso composto da tre elementi denominato catenaria in cui è presente tensione.

12 2 3 1 In rosso sono evidenziati i tre elementi della catenaria (1) filo di contatto, che viaggia in maniera parallela al piano ferroviario, (2) corda portante, che ha lo scopo di mantenere in tensione il cavo di contatto con l ausilio di tiranti denominati (3) pendini. Questi sono elementi sempre in tensione per questo motivo come sarà specificato più avanti, la verifica con il rilevatore di tensione deve avvenire sempre sul filo di contatto (quello più basso) tenendo in considerazione che questo è collegato alla corda portante attraverso i pendini. In giallo è mostrato il feeder anch esso alimentato con corrente a 25 kv a 50 Hz, ma in questo caso la frequenza è sfasata di 180 rispetto alla linea di contatto, questo crea opposizione tra i cavi di alta tensione, annullando o riducendo fortemente i campi magnetici consentendo così la possibilità di impiego dei sistemi GSM alla base del sistema ferroviario AV. L altezza prevista per i feeder è di mt In verde è mostrata la corda di terra, collegata alla base di ogni palo in esterno, mentre in galleria sono presenti cavi che attraversano la parete che provvedono alla dispersione a terra, in questi cavi non è presente tensione, viaggiano ad una altezza di mt 8,00. Qualifiche del personale per i lavori elettrici Il CEI attraverso l emanazione di alcune norme (CEI 11-27, CEI 11-27/1, CEI EN E CEI EN ) definisce le qualifiche per gli addetti ai lavori eletrrici. La norma CEI 11-27/1 modificando la precedente definizione riportata nella norma CEI (CEI EN ) riporta nuove definizioni di tipologie di lavoratori, individuando compiti e limiti di attività in base alle effettive competenze (teoriche e pratiche) degli elettricisti ; la stessa norma prevede,che le persone

13 incaricate per l'effettuazione dei lavori elettrici, debbano avere una serie di prescrizioni in merito alla attestazione della formazione teorica e pratica. Nella tabella successiva vengono riportate tutte le figure previste dalla norma CEI 11-27/1, con i limiti di competenze fissati in base al livello di preparazione teorico-pratica necessarie per svolgere lavori su impianti elettrici CLASSIFICA DEFINIZIONE COMPETENZE PEI Persona Idonea Lavori SOTTO TENSIONE PES Persona Esperta Persona formata in possesso di specifiche istruzioni ed esperienza tali da consentire di evitare pericoli che l elettricità può creare PAV Persona Avvertita Persona formata, adeguatamente istruita in relazione alle circostanze contingenti, da PES per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare (può operare solo se coordinato da un PES). PEC Persona Comune Persona non esperta e non avvertita nel RI PL Responsabile dell impianto Preposto ai lavori campo delle attività elettriche. Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione dell impianto elettrico. All occorrenza, parte di tali compiti può essere designata ad altri Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione del lavoro. All occorrenza, parte di tali compiti può essere demandata ad altri La qualifica delle persone Chi effettua lavori elettrici deve essere una persona che abbia una sufficiente preparazione, conosca le misure di sicurezza da applicare, sia seria e affidabile. In relazione ai lavori elettrici si distinguono i seguenti tipi di persone. Persona esperta (PES). Ha un adeguata istruzione sull impiantistica e normativa elettrica, ha esperienza di lavori elettrici, è equilibrata e precisa; è quindi in grado di valutare i rischi connessi con i lavori elettrici, di attuare le misure di protezione necessarie e di affrontare gli imprevisti che si possono verificare in occasione dei lavori elettrici. Persona avvertita (PAV). Ha caratteristiche analoghe alla persona esperta, ma a un livello minore. Può infatti eseguire in autonomia solo lavori semplici, seguendo procedure di lavoro prestabilite, mentre può eseguire lavori elettrici più complessi soltanto sotto la supervisione di persone esperte. Persona idonea (PEI). Ha tutte le caratteristiche della persona esperta, inoltre conosce le misure di sicurezza e ha esperienza per condurre lavori sotto tensione. La qualifica suddetta è di competenza del datore di lavoro, che l attribuisce per iscritto in ambito aziendale, tenuto conto dell iter formativo, dell esperienza di lavoro e dell affidabilità di ciascuno. La norma CEI 11-27/1 indica l iter formativo relativo a ciascuna qualifica. Modulo 1 A (teoria) + modulo 1B (pratica) per PES o PAV. Modulo 2A (teoria) + modulo 2B (pratica) per PEI. In altri Paesi, la qualifica a eseguire lavori elettrici è conferita dall autorità; non così in Italia, dove la responsabilità ricade sul datore di lavoro. I lavori sotto tensione possono essere seguiti soltanto da persone idonee. Gli altri tipi di lavori elettrici devono essere eseguiti da persone esperte o avvertite, quest ultima nei limiti suindicati. Quando più persone sono adibite a uno stesso lavoro elettrico, il datore di lavoro, o chi per lui, nomina un preposto ai lavori, il quale ha tra gli altri compiti, quello di far rispettare le misure di sicurezza.

14 La novità della norma CEI 11-27/1 consiste nel fatto che i datori di lavoro continuando ad incaricare solo personale formato ed informato per lavori elettrici sotto tensione e fuori tensione (nell ambito delle categorie 0 e I) rispettando la normativa preesistente (D.P.R. 547/55, D.P.R. 164/56, D. Lgs. 626/94, Norma CEI 11-48, Norma CEI 11-27), devono attribuire per iscritto nell'ambito aziendale le condizioni di PES e PAV a ciascun lavoratore incaricato di effettuare lavori fuori tensione ed in prossimità, attestato d'idoneità per iscritto dei lavoratori incaricati per i lavori sotto tensione di cui al cap. 6 della Norma CEI 11-27/1. Il Datore di lavoro potrà autorizzare a svolgere i lavori sotto tensione solo le persone idonee (PEI) che oltre ad avere le conoscenze PEI e PAV siano state specificamente addestrate e formate come da capitolo 6.3 Lavori sotto tensione della norma CEI EN (11-48) e siano sottoposte a riesame continuo della autorizzazione ( punto B.1.1 della succitata norma.) Per valutare correttamente quale profilo professionale (PES, PAV o PEC) attribuire ad un operatore, è necessario riferirsi ai seguenti tre requisiti tra loro complementari: istruzione, cioè la conoscenza dell impiantistica elettrica, dei pericoli ad essa connessi e della relativa normativa di sicurezza; esperienza di lavoro maturata, per poter avere confidenza della conoscenza o meno delle situazioni caratterizzanti una o più tipologie di lavori e della maggior parte delle situazioni anche non ricorrenti; caratteristiche personali, quelle maggiormente significative dal punto di vista professionale, quali le doti di equilibrio, attenzione, precisione e ogni altra caratteristica che concorra a fari ritenere l operatore affidabile. Se le normative CEI indicano in maniera chiara la tipologia di qualifica richiesta ai lavoratori su linee elettriche, non viene ben definito il tipo di qualifica necessario per i soccorritori sanitari che devono operare in zone sotto tensione o senza tensione. Vista la necessità di dovere intervenire in gallerie elettrificate con alta tensione gli operatori del soccorso sanitario necessitano di una informazione sul rischio elettrico e sulle misure di sicurezza da adottare in caso di intervento sulla tratta TAV di competenza. Il Personale Addetto al Soccorso Sanitario (GECAV 118) definito in via informale e solo in questo opuscolo è il PASS. Il Personale Addetto al Soccorso Sanitario (GECAV 118) Il PASS, può essere inserito in una posizione intermedia tra la PEC e la PAV, ovvero avere modeste conoscenze elettrotecniche, conoscenze di base sui rischi specifici e gestione della sicurezza ed autonomia limitata. Visto che il PASS deve accedere nella tratta TAV elettrificata in condizioni non programmabili e non per lavorazioni elettriche, ma per soccorso, tale personale deve essere a conoscenza del rischio elettrico e conoscere ed adottare le procedure di

15 sicurezza per la messa fuori tensione dell impianto, nonché deve conoscere le misure di sicurezza. Il presente opuscolo nella sezione accesso su piattaforma ferroviaria elettrificata descrive le modalità da adottare in caso di intervento sanitario. Lavorazioni Lavoro elettrico: Per lavoro elettrico si intende un lavoro su impianti elettrici con accesso alle parti attive e conseguente pericolo di folgorazione o di arco elettrico. Il lavoro elettrico può assumere diverse forme: Lavoro elettrico fuori tensione, E la forma di lavoro più comune, in cui l operatore mette fuori tensione e in sicurezza l impianto e poi opera sulle parti fuori tensione. A tal fine non basta aprire l interruttore, occorre: Determinare la zona di lavoro Aprire i dispositivi di sezionamento di tutte le parti attive che distano meno della distanza DV (distanza prossima) dalla zona di lavoro, pari a 65 cm in bassa tensione, mentre aumenta con la tensione in alta tensione, ad esempio a 20 kv si ha DV = 128 cm. Chiudere a chiave il dispositivo di sezionamento, in modo che altri non possano richiuderlo ed esporre il cartello Lavori in corso non effettuare manovre. Verificare l assenza di tensione; il dispositivo di sezionamento potrebbe essere infatti difettoso, oppure è stato sezionato un circuito diverso da quello sul quale si vuole lavorare. Mettere a terra e in cortocircuito le parti sezionate; sempre in alta tensione, nei casi indicati dalla norma in bassa tensione. Le azioni sopra riassunte costituiscono le cinque regole d oro per la sicurezza di chi effettua lavori elettrici fuori tensione. Lavoro elettrico sotto tensione (a contatto). L operatore entra in contatto con le parti attive, o si avvicina a distanza inferiore a DL (distanza di guardia) sicché il contatto con le parti attive è probabile. Questo lavoro è permesso in bassa tensione (fino a 1000 V), è proibito in alta tensione. Per lavorare in sicurezza l operatore deve, tra l altro: indossare i guanti isolanti; indossare l elmetto con visiera (per evitare gli effetti dell arco elettrico); utilizzare strumenti isolanti o in alternativa indossare stivaletti isolanti o predisporre tappetini isolanti.

16 Lavoro elettrico sotto tensione a distanza. L operatore entra nella zona di guardia con aste isolanti, ma rimane con il corpo fuori della zona prossima. La sicurezza risiede soprattutto nell asta isolante. Lavoro elettrico in prossimità. L operatore opera vicino alle parti attive, cioè a distanza inferiore a DV, ma può toccare le parti attive solo accidentalmente, poiché non deve entrare nella zona di guardia. In tal caso bisogna posare delle barriere isolanti nei confronti delle parti attive che distano meno di DV dalla zona di lavoro, oppure si può applicare la protezione mediante distanza con sorveglianza (un altra persona sorveglia affinché l operatore non entri nella zona di guardia). Lavoro elettrico misto. L operatore compie un lavoro fuori tensione sulle parti attive con le quali entra in contatto, ma contemporaneamente si trova a distanza inferiore a DV da altre parti rimaste in tensione, sicché compie un lavoro fuori tensione e insieme un lavoro in prossimità. Deve quindi applicare le misure di sicurezza indicate per entrambi i tipi di lavoro. Attività di lavoro di seconda fase in galleria, finestre e fabbricati Il termine delle lavorazioni di prima fase, ovvero quelle dell armamento ferroviario già ampiamente descritte nell allegato 1, coincide con la messa in opera di nuove attività definite di seconda fase, queste possono essere definite in : Attività in calotta delle gallerie Le lavorazioni saranno eseguite mediante l utilizzo di ponti sviluppabili e motocarrelli che si sposteranno sui binari con l impiego di utensili manuali e pneumatici. Per queste attività non si può escludere l utilizzo di elettroutensili quali ad esempio mole angolari. Attività sulle pareti delle gallerie Le lavorazioni saranno eseguite mediante l utilizzo di ponti sviluppabili e motocarrelli che si sposteranno sui binari e con l ausilio di elettroutensili (trapani ecc.), oltre ad attrezzatura manuali. Attività a terra riguarderanno principalmente la posa dell impianto di segnalamento e quello per i deviatoi, nel corso delle lavorazioni saranno posate apparecchiature a lato dei binari e collegate ad essi.

17 Durante lo svolgimento di questi lavori potrà essere necessario aprire pozzetti, cavedi, cabalette ecc. Il personale raggiungerà i posti di lavoro a piedi o con l ausilio di mezzi rotabili (a seconda dell ubicazione dei posti di lavoro) le lavorazioni saranno svolte con l ausilio di elettroutensili (trapani ecc.) trapani forarotaie con motore endotermico, per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine, oltre ad attrezzatura manuale. Attività nelle nicchie/nicchioni saranno inerenti alla posa di quadri ed apparecchiature afferenti ai vari impianti, i collegamenti delle stesse/i con i cavi posati in prima fase. Durante lo svolgimento di questi lavori sarà necessario aprire pozzetti, cavedi, canalette ecc. Il personale raggiungerà i posti di lavoro a piedi o con l ausilio di mezzi rotabili (a seconda dell ubicazione dei posti di lavoro) le lavorazioni saranno svolte con l ausilio di elettroutensili (trapani ecc.) oltre ad attrezzatura manuale; per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine. Attività nei fabbricati tecnologici, posti al termine delle finestre in prossimità della galleria,saranno inerenti alla posa di quadri ed apparecchiature afferenti ai vari impianti, i collegamenti delle stesse/i con i cavi posati in prima fase. Inoltre nei fabbricati saranno realizzati gli impianti antincendio, condizionamento elettrico ecc.; questi saranno posizionati nelle pareti e nei soffitti. Durante questa fase sarà necessario aprire pozzetti, cavedi, canalette ecc. Il personale raggiungerà i posti di lavoro con mezzi gommati; le lavorazioni saranno svolte con l ausilio di elettroutensili (trapani, smerigliatrici angolari ecc.) per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine, oltre ad attrezzatura manuale. Attività nelle finestre riguarderanno la posa in parete di: canalette portatavi, cavi, corpi illuminanti, apparecchiature per l impianto antintrusione, diffusori sonori, cavo fessurato (h. 5 mt circa) ed apparecchiature minori. Durante lo svolgimento di questi lavori potrà essere necessario aprire pozzetti, cavedi, cabalette ecc. Le lavorazioni saranno svolte mediante l utilizzo di piattaforme gommate e furgoni e con l ausilio di elettroutensili (trapani, smerigliatrici angolari ecc.) per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine, oltre ad attrezzatura manuale. Attività di armamento Queste lavorazioni avvengono in zone in cui no si svolgono attività tecnologiche di seconda fase e possono essere sintetizzate in: Attività residue armamento: Transito di convogli, livellazione del binario, posa scambi ferroviari e risoluzione di non conformità. Attività residue Opere Civili:Finiture, piccoli ripristini e risoluzioni non conformità. Attività di monitoraggio e collaudo: Monitoraggi topografici e collaudi tecnici.

18 Piano di emergenza Il piano generale di emergenza della tratta A.V. compresa fra la progressiva e la progressiva (la tratta di competenza 118 GECAV), del luglio 2008, introduce nuovi aspetti legati alle lavorazioni di elettrificazione e riprogressivazione della tratta. Nel presente allegato vengono inserite le novità apportate dal piano, quello che non viene descritto o menzionato nel presente documento è possibile reperirlo nell allegato 1 Nozioni per l accesso sulla piattaforma ferroviaria per i mezzi bimodali di soccorso sanitario. Riprogressivazione: Questo è un aspetto fondamentale introdotto dal nuovo PE, ovvero le progressive chilometriche utilizzate fino ad oggi sono passate in disuso. Durante i lavori di scavo ed avanzamento dei lavori, per la tratta Bologna Firenze dell A.V. veniva utilizzato un sistema di classificazione chilometrica per la tratta da Nord ( Bologna p.k. 0) a Sud (Firenze p.k ). Il nuovo PE prevede una classificazione chilometrica della tratta inverso ovvero da Sud (Firenze) a Nord (Bologna). Questo porta ad un sostanziale cambiamento per l individuazione del luogo di una eventuale chiamate di soccorso. In seguito alla riprogressivazione della tratta sono state aggiornate tutte le postazioni SOS (vedi tabelle successive) ed identificativi di chiamata da parte della CO, è stata modificata tutta la cartellonistica lungo la tratta è stata fatta opera di informazione al personale di Soccorso sui nuovi indicatori di progressiva, nonché sono state fornite a ciascuna postazione di soccorso una planimetria aggiornata.

19

20

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN 50110-1 (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN 50110-2 (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati

Dettagli

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing.

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing. Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni Prof.ing. Alfonso Capasso Torino 26 Maggio 2009 LINEE FERROVIARIE AV CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO Il rischio elettrico coinvolge tutti coloro che a qualsiasi titolo vengono a contatto con gli impianti e gli utilizzatori elettrici. Il contatto

Dettagli

L esercizio degli impianti elettrici

L esercizio degli impianti elettrici L esercizio degli impianti elettrici Dispositivi di protezione individuale (DPI) contro il rischio elettrico I dispositivi di protezione individuale stabiliscono una barriera di sicurezza fra gli operatori

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

Sicurezza degli Impianti Elettrici

Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Definizione di

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08)

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08) LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI (principali novità anche in relazione al DLgs 81/08) Bologna 15 aprile 2014 La sicurezza degli impianti elettrici nel loro utilizzo

Dettagli

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Sezione Toscana e Umbria I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014

LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014 LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014 COSA CAMBIA PER LA SICUREZZA NEI LAVORI ELETTRICI OBBLIGATORIA DAL 1 FEBBRAIO 2015 27 gennaio 2015 Autore: www.portaleconsulenti.it LA NUOVA EDIZIONE DELLA

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali Conduttori: sostanze nelle quali alcune o tutte le cariche elettriche possono muoversi liberamente sotto l'azione di forze elettriche (es: metalli, soluzioni acquose). Isolanti (dielettrici): materiali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

Le linee AC/AV in Italia

Le linee AC/AV in Italia Le linee AC/AV in Italia Gli impianti di energia e trazione elettrica delle nuove linee ferroviarie ad Alta Velocità sono realizzati con il sistema 2 x 25 kv a 50 Hz. Si tratta di linee con velocità superiori

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici

La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici Ing. Ciro Ruocco Responsabile ANCORS Angri CR Elettroambiente relation1@tin.it Battipaglia, 21 Maggio

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI

D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI PARTE SPECIFICA RISCHI: MECCANICO ED ELETTRICO CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI RISCHIO DA AMBIENTI DI LAVORO RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO, MACCHINE

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI Ing. Domenico Corbo Siena, 24 ottobre 2014 SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI perche' e' necessario parlarne? per i seguenti motivi : sempre

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A.

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4 40131 Bologna Tel. 051 6347139 - Fax 051 4233061 C.F. 92027230371

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

Il rischio fulminazione nel cantiere

Il rischio fulminazione nel cantiere Il rischio fulminazione nel cantiere 38 La valutazione del rischio fulminazione Secondo quanto previsto al capo III Titolo III del D.lgs 81/08, il datore di lavoro deve valutare anche il rischio fulminazione

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

D.P.R. 20 marzo 1956, n. 323 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

D.P.R. 20 marzo 1956, n. 323 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 20 marzo 1956, n. 323 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Vista la legge 12 febbraio 1955, n. 51, che delega al Governo l'emanazione di norme generali e speciali in materia di prevenzione infortuni e

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

RICHIAMI DI ELETTROTECNICA

RICHIAMI DI ELETTROTECNICA RICHIAMI DI ELETTROTECNICA Premessa Per comprendere gli argomenti presentati nelle pagine dell area tematica sul rischio elettrico, è necessario conoscere il significato di alcune grandezze elettriche

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I IMPIANTI ELETTRICI 1 CORRENTE ELETTRICA La corrente alternata è caratterizzata da cariche elettriche in moto variabile nel tempo sia in intensità che in direzione. Normalmente la corrente elettrica viene

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME Ordine di Servizio/Disposizione Data di entrata in vigore 1 41/2001 20/06/02 2 39/2003 08/02/04 3 38/2004

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio Elettrico TERZA PARTE Misure di protezione D.lgs. 9 aprile

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole Le novità normative per i lavori sotto tensione su sistemi elettrici di categoria II e III Dr. Giorgio De Donà TERNA Rete Italia S.p.A: Segretario del TC 78 del CEI ROMA, 11 MARZO

Dettagli

Sezionamento e comando

Sezionamento e comando Sezionamento e comando Da CEI 64-8/2 28.1 Sezionamento Funzione che contribuisce a garantire la sicurezza del personale incaricato di eseguire lavori, riparazioni, localizzazione di guasti o sostituzione

Dettagli

Impianti elettrici negli ambienti medici

Impianti elettrici negli ambienti medici Impianti elettrici negli ambienti medici Un po di storia Panorama Legislativo per la realizzazione degli impianti Decreto del Duce e del Fascismo 29/07/1939 Approvazione per le costruzioni ospedaliere

Dettagli

Il rischio elettrico nei cantieri

Il rischio elettrico nei cantieri Il rischio elettrico nei cantieri Per i datori di lavoro e i lavoratori alla luce del D.Lgs. 81/08 e s.m. Dante Melito Libero professionista, progettista di impianti elettrici, CTU del tribunale di Varese,

Dettagli

Struttura dell atomo

Struttura dell atomo Proprietà elettriche dei materiali Attrazione e repulsione delle cariche Se si sfregano due bacchette di plastica con un panno di lana e poi le bacchette vengono avvicinate, si vede che esse tendono a

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata

16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata 16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI Trazione Elettrica corrente alternata I sistemi di trazione elettrica ferroviaria La trazione elettrica in corrente continua: - a 1,5 kv - a 3 kv La trazione elettrica

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici

Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - Art. 1 - Campo di applicazione

Dettagli

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 1 NOVITA GUIDA CEI 82-25 1. Novità normative: guida CEI 82-25 edizione settembre 2010 2. Novità tecniche: impianti fotovoltaici a concentrazione

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

Utilizzo in sicurezza dell elettricità

Utilizzo in sicurezza dell elettricità Pag. 1/8 Utilizzo in sicurezza dell tà Pag. 2/8 1. SCOPO DELLA PROCEDURA Prevenire i rischi principali connessi all impiego dell tà, che corrispondono all azione delle correnti elettriche sulle due più

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO ORDINE DEGLI INGEGNERI della Provincia di Latina Piazza Celli, 3-04100 Latina (LT) Tel. 0773.694208 - Fax 0773.662628 IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO Relatore: Ing. Giovanni Andrea POL Ordine

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA Gruppi di continuità UPS Line Interactive PC Star EA Modelli: 650VA ~ 1500VA MANUALE D USO Rev. 01-121009 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza... 1 Principi di funzionamento... 2 In modalità presenza

Dettagli

Capitolo 8 Documenti di progetto

Capitolo 8 Documenti di progetto Capitolo 8 Documenti di progetto (8.1) Guida CEI 0-2 In questo capitolo è riportata la descrizione dei documenti richiesti dalla Guida CEI 0-2 (Guida per la definizione della documentazione di progetto

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25kV c.a.

Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25kV c.a. Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25k c.a. Gian Luca Mariotti, Roberto Paggi ItalConsul S.r.l. Roma, Italia Email: italconsul@italconsul.it Web: www.italconsul.it 1 Riassunto

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli