Allegato 4. Nozioni per il soccorso sanitario su piattaforma ferroviaria elettrificata. A cura del 118 GECAV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 4. Nozioni per il soccorso sanitario su piattaforma ferroviaria elettrificata. A cura del 118 GECAV"

Transcript

1 Allegato 4 Nozioni per il soccorso sanitario su piattaforma ferroviaria elettrificata A cura del 118 GECAV

2

3 Indice

4 Introduzione L avanzamento delle lavorazioni per la conclusione e successiva messa in opera della tratta Alta Velocità BO-FI, ha introdotto un nuovo aspetto di alta rilevanza, ovvero l elettrificazione. Tale situazione introduce nuovi aspetti, sia per i lavoratori, sia per gli operatori del soccorso incaricati all intervento in tali luoghi. Nell ottica di garantire un valido soccorso sanitario, mantenendo standard di sicurezza elevati per gli operatori incaricati, si è voluto comprendere e descrivere, i sistemi di elettrificazione, i rischi e le misure di sicurezza da adottare per gli operatori sanitari. Lo scopo del presente opuscolo è quello di costituire la base per la stesura dell istruzione operativa per l accesso su ferrovia con mezzi bimodali di soccorso sanitario su tratta elettrificata. Tale opuscolo è stato redatto inoltre per essere uno strumento informativo, per gli operatori del GECAV incaricati.

5 Cenni di base sulla corrente elettrica Come dice la parola stessa, corrente e' qualcosa che scorre, che fluisce. La corrente elettrica e' un flusso di cariche elettriche che ha luogo all'interno di alcuni materiali. Tali materiali, proprio perché si prestano a consentire questo flusso, vengono definiti conduttori. Altri materiali, che invece si oppongono al passaggio della corrente, vengono definiti isolanti. La corrente elettrica puo' essere debolissima, come quella che, all'interno degli organismi viventi trasmette gli impulsi nervosi; puo' essere abbastanza forte, come quella che accende la lampadina della nostra stanza e puo' essere fortissima, come quella che fonde i metalli in un altoforno o fa viaggiare un treno a 300 km all'ora. La corrente comunemente utilizzata per uso domestico e industriale, viene prodotta da centrali e distribuita attraverso reti lunghe anche centinaia di chilometri. La corrente elettrica può avere caratteristiche variabili, le unità di misura principali di riferimento per l energia elettrica descritte sono 4: Intensità misurata in ampere A Differenza di potenziale o Tensione misurata in volt V Resistenza misurata in ohm Ω Potenza misurata in Watt W Intensità della corrente L'ampere (simbolo: A) è l'unità base SI (Sistema Internazionale Unità di Misura) usata per misurare l'intensità della corrente elettrica. Essendo una delle sette unità fondamentali del SI, tutte le altre unità elettromagnetiche sono derivate da essa. Per analogia, l'intensità di corrente è paragonabile alla quantità di acqua che passa per un tubo misurata in kg/secondo, dove la massa d'acqua rappresenta la carica elettrica. Quindi la quantità di elettroni che attraversa un conduttore, si può esprimere in Ampere/ora (Ah), ovvero la quantità totale di carica che scorre, con l'intesità di un ampere, in un conduttore in un ora. Differenza di potenziale o Tensione Il Volt (simbolo: V) è l unità derivata SI usata per misurare il potenziale elettrico e la differenza di potenziale. Il volt misura la forza che hanno i singoli elettroni, che moltiplicato con gli ampere, che misurano gli elettroni che passano nel tempo, si ottiene la potenza in watt. Per analogia con i sistemi idraulici il volt è l'altezza da cui l'acqua scende, e l'ampere è la portata. Potenza Il watt (simbolo: W) è l unità derivata SI usata per misurare la potenza.

6 Resistenza L Ohm (simbolo: Ω ) è l unità di misura usata per misurare la resistenza. La resistenza elettrica è una grandezza fisica che misura la tendenza di un conduttore di opporsi al passaggio di una corrente elettrica quando è sottoposto ad una tensione. Questa opposizione dipende dal materiale con cui è realizzato, dalle sue dimensioni e dalla sua temperatura. Produzione di corrente elettrica La produzione di energia elettrica avviene in strutture denominate centrali elettriche. In tutte le centrali elettriche, escluse le solari fotovoltaiche, l'energia meccanica viene trasformata in energia elettrica tramite lo stesso procedimento di base. La corrente elettrica è costituita dal moto ordinato degli elettroni, che dà luogo a elettricità perché queste particelle sono dotate di una particolare proprietà fisica: la carica elettrica. Per mettere in moto gli elettroni si sfrutta un dispositivo detto alternatore, che consiste in una serie di avvolgimenti di filo conduttore che vengono investiti da un campo magnetico rotante: la variazione del flusso del campo magnetico all'interno delle spire genera una forza che mette in moto gli elettroni. Nelle centrali elettriche il campo magnetico è generato da potenti elettrocalamite, ovvero un nucleo di ferro sul quale è avvolto un altro circuito attraversato da corrente, messo in rotazione mediante delle turbine, mosse a loro volta dall'energia del vapore, del vento, dell'acqua, ecc. L energia elettrica per uso domestico e industriale è di tipo alternato a 50 Hertz, ovvero il flusso non è continuo ma avviene in maniera alternato con una inversione di polarità di 50 volte al secondo.

7 Elettricità ed atomo Veniamo a descrivere in maniera sintetica ciò che avviene a livello atomico che consente la produzione di energia elettrica. L atomo è costituito da tre particelle: 1. Protoni: fanno parte del nucleo e hanno carica positiva 2. Neutroni: fanno parte del nucleo e hanno carica neutra 3. Elettroni: disposti nell orbita del nucleo e hanno carica negativa Come mostrato nell immagine possiamo vedere neutroni e protoni al centro che costituiscono il nucleo mentre sulle orbite ruotano gli elettroni. In condizioni normali (caotiche) il sistema è in equilibrio ovvero cariche positive e negative si compensano. Bisogna considerare che gli elettroni più periferici hanno un legame più debole e possono essere strappati dal loro legame. Lo spostamento di un elettrone dalla propria orbita crea una carica positiva (il nucleo è privato di un elettrone) e una negativa. Quindi innescando un movimento ordinato di cariche elettriche si ha la produzione di energia elettrica. In sostanza creando una regione con carica positiva (polo +) e una con carica negativa (polo -) si avrà un passaggio di cariche tra poli opposti. Questo movimento di elettroni che avviene attraverso i conduttori provoca una cessione di energia che degrada in calore provocando il cosiddetto effetto joule.

8 Classificazione degli impianti elettrici Gli impianti elettrici, come accennato in precedenza hanno innumerevoli caratteristiche, per esempio: la messa a terra, tensione, tipo di corrente. Definire in quale classe di impianto si va ad operare è fondamentale per comprendere rischi e misure di sicurezza da adottare. La classificazione degli impianti elettrici in relazione alla tensione è successivamente descritta: Sistema di categoria 0 con U <= 50 V in C.a. e 120V in C.c. Sistemi di categoria I con U >50V <=1000 in C.a. e >75V <=1550V in C.c. Sistemi di categoria II con U>1000V <=30000V in C.a. e >1500V <=30000V in C.c. Sistemi di categoria III con U > V sia in C.a. che in C.c. Il DPR 547/1955 fissa il limite tra alta e bassa tensione in 400V per la C.a. e in 600V per la C.c. Per i sistemi con V n > di 1000V C.a. e 1500V C.c. ad ogni valore nominale di tensione si abbina anche un valore di tensione riferito all isolamento, rispetto al quale devono essere dimensionate le apparecchiature. I sistemi elettrici in relazione alla messa a terra vengono cosi denominate: 1 a lettera = T Il neutro è collegato a terra 1 a lettera = I Il neutro non è collegato a terra oppure è collegato a terra tramite un impedenza 2 a lettera = T Masse collegate a terra 2 a lettera = N Masse collegate al neutro del sistema I sistemi elettrici sono classificati in base allo stato del neutro e delle masse rispetto alla terra. Vengono indicati con due lettere. La legislazione italiana definisce che gli impianti elettrici debbano essere costruiti a regola d arte, più precisamente la legge 186/1968 sancisce che: Art. 1 Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le istallazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d arte ; Art. 2 I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le istallazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le norme del CEI si considerano costruiti a regola d arte (dunque condizione sufficiente ma non necessaria!). Quindi il CEI è l'ente riconosciuto dallo Stato Italiano e dall'unione Europea preposto alla normazione tecnica nei settori elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni. Le norme tecniche CEI contribuiscono a definire ciò che le leggi citano come "regola dell'arte".

9 In ambito europeo esiste il CENELEC (Comitato Europeo per la Normalizzazione Elettrotecnica). Partendo da ciò che il CEI attraverso alcune norme ha emanato, possiamo definire alcuni aspetti specifici utili a comprendere meglio il rischio elettrico e le misure di protezione, per prestare soccorso in zone con impianti sotto tensione o fuori tensione. Struttura sistema di elettrificazione TAV Gli impianti per la trazione elettrica hanno la funzione di rendere disponibile al mezzo di trazione, energia elettrica per la locomozione. Gli impianti dei sistemi di trazione elettrica sono: Linee di alimentazione ad alta tensione - hanno lo scopo di trasportare l energia elettrica alle sottostazioni secondarie (SSE) Sottostazioni di trasformazione e di trasformazione e conversione hanno lo scopo di trasformare la linea AT per renderla fruibile dagli utilizzatori trasformando la corrente elettrica da 132 kv-50hz a 25 kv-50hz Linea di contatto rende disponibile l energia al treno attraverso un organo di captazione (pantografo) ed è costituita da: sostegni, sospensioni, condutture elettriche (catenaria :corda e filo di contatto), circuito di ritorno e circuito di protezione Impianti di telecomando Il sistema della TAV nel tratto di competenza del 118 GECAV prevede l elettrificazione con il sistema a tensione alternata monofase 2 x 25 kv a frequenza industriale (f=50 60 Hz). In estrema sintesi, il sistema è costituito da sottostazioni equipaggiate con trasformatori a 50 kv i cui secondari hanno tre morsetti. Ai due morsetti estremi sono

10 collegati, rispettivamente, la linea di contatto ed un conduttore detto alimentatore negativo che viaggia in parallelo alla linea di contatto sugli stessi pali di sostegno, in modo da minimizzare l impedenza di linea. Al morsetto centrale è collegato il binario, in modo che il motore si trovi alimentato alla tensione di 25 kv. Lungo la linea, ad intervalli regolari dell ordine di km, sono disposti autotrasformatori a 50 kv con morsetto centrale collegato al binario. Gli autotrasformatori hanno il compito di distribuire la corrente assorbita dai convogli tra la linea di contatto e l alimentatore negativo senza interessare l intera tratta alimentata da ciascuna sottostazione, con vantaggi immediati in termini di riduzione delle perdite per caduta di tensione e, aspetto non trascurabile, di riduzione dell inquinamento elettromagnetico nell ambiente, altrimenti sensibile nel sistema monofase classico. La struttura della linea di contatto è costituita da elementi quali: Catenaria formata da una fune portante (corda in rame) e da un filo di contatto, da cui il treno preleva la corrente di alimentazione; Conduttore di ritorno (feeder) di alluminio-acciaio, in cui scorre la corrente di ritorno verso le SSE (presente solo nel caso di linea elettrificata a 25kV); Circuito di terra, costituito da due sottosistemi dispersivi: un conduttore in rame interratomlateralmente alla linea su entrambi i lati al quale fanno capo le messe a terra di tutti i sostegni e un conduttore in lega di alluminio installato sui sostegni ad una certa quota rispetto al piano del ferro; Sostegni TE costituiti da grappe, pali tralicciati o portali. Sospensioni del tipo a puntone inclinato in lega di alluminio con accoppiamenti in acciaio Inox. Isolatori in materiale composito (fibra di vetro e gomma siliconica). La linea di contatto a 2x25 kv della tratta Bologna-Firenze è alimentata in due punti distinti e sezionata opportunamente in corrispondenza dei Posti di servizio (PC, PM e PJ), delle SSE, dei PPD/PPS ed in corrispondenza delle gallerie; in tal modo sarà possibile isolare tratti distinti, consentendo sia gli interventi di emergenza con l impiego dell impianto antincendio o con il blocco della circolazione ferroviaria, sia gli interventi manutentivi. Punti particolari della linea AV sono i Posti di Commutazione dove, in via automatica grazie al segnalamento ERTMS, avverrà il passaggio dall alimentazione in tensione continua a quella in alternata monofase e viceversa. Il sistema elettrico sarà alimentato in fase finale dei lavori da due sottostazioni SSE: Idice, al km 59 circa, a sua volta alimentata dalla SSE Enel di S.Benedetto al Querceto; Firenze Castello al km a sua volta alimentata dalla SSE Enel di Prato Calenzano. Nel caso in cui la SSE di Idice risulti fuori servizio, gli autotrasformatori del PPS di Savena e del PPD Laurinziano siano esclusi e gli interruttori e sezionatori del tratto neutro di Idice siano aperti, la linea di contatto è progettata per essere collegata all alimentazione di soccorso.

11 La struttura del sistema elettrico descritta in precedenza, prevede elementi anche esterni (per es. SSE) e non direttamente legati all ambito di azione del PASS, per questo motivo successivamente verrà decritta in maniera più accurata ciò che è presente sul binario, in tema di elettricità, in modo da informare il personale di soccorso ove e come agire. Possiamo immaginare il sistema ferroviario suddiviso in alcune parti: Parte motrice: l insieme di conduttori, funi, corde, tiranti, isolatori e sostegni in cui di norma è presente l alta tensione, ed è sistemata ad un altezza dal piano ferroviario di mt 5.30 Piano ferroviario: Traverse e binari che hanno lo scopo di fare circolare su di esse i convogli ferroviari, queste non hanno mai tensione. Sistemi di controllo, comunicazione, antincendio, illuminazione che sono tecnologicamente avanzati ma non offrono particolari problemi di pericolo per i soccorritori. Il presente opuscolo in questa sezione prende in esame la parte motrice, dal momento che l azione di soccorso da parte del PASS potrebbe prevedere il contatto o l avvicinamento a tale parte. Di fatto durante le attività i lavoratori potrebbero trovarsi in condizione particolari, dovute all impiego di macchinari dedicati (per es. cestelli), ciò ne consegue la possibilità di avere condizioni a rischio anche da parte del PASS. La parte motrice può essere considerata tutto ciò che consente il passaggio di corrente elettrica per la trazione e le strutture annesse (sempre sospese). Un treno per poter viaggiare necessità di energia, in questo caso l energia è elettrica. I motori ferroviari per funzionare prelevano corrente da un cavo, denominato cavo di contatto attraverso un organo denominato pantografo ubicato sul locomotore. Il pantografo cattura per contatto corrente e la indirizza ai motori, in questo caso si ha passaggio di corrente dalla linea di contatto attraverso i motori con passaggio a terra. Come già anticipato la tensione di esercizio dalla tratta è di 25 kv a 50 Hz, questa corrente è presente su conduttori (cavi) scoperti provvisti del potenziale energetico da trasferire ai motori ferroviari, quindi sono sempre in tensione. Il cavo di contatto situato all altezza di 5,30 dal piano ferroviario in realtà è un sistema più complesso composto da tre elementi denominato catenaria in cui è presente tensione.

12 2 3 1 In rosso sono evidenziati i tre elementi della catenaria (1) filo di contatto, che viaggia in maniera parallela al piano ferroviario, (2) corda portante, che ha lo scopo di mantenere in tensione il cavo di contatto con l ausilio di tiranti denominati (3) pendini. Questi sono elementi sempre in tensione per questo motivo come sarà specificato più avanti, la verifica con il rilevatore di tensione deve avvenire sempre sul filo di contatto (quello più basso) tenendo in considerazione che questo è collegato alla corda portante attraverso i pendini. In giallo è mostrato il feeder anch esso alimentato con corrente a 25 kv a 50 Hz, ma in questo caso la frequenza è sfasata di 180 rispetto alla linea di contatto, questo crea opposizione tra i cavi di alta tensione, annullando o riducendo fortemente i campi magnetici consentendo così la possibilità di impiego dei sistemi GSM alla base del sistema ferroviario AV. L altezza prevista per i feeder è di mt In verde è mostrata la corda di terra, collegata alla base di ogni palo in esterno, mentre in galleria sono presenti cavi che attraversano la parete che provvedono alla dispersione a terra, in questi cavi non è presente tensione, viaggiano ad una altezza di mt 8,00. Qualifiche del personale per i lavori elettrici Il CEI attraverso l emanazione di alcune norme (CEI 11-27, CEI 11-27/1, CEI EN E CEI EN ) definisce le qualifiche per gli addetti ai lavori eletrrici. La norma CEI 11-27/1 modificando la precedente definizione riportata nella norma CEI (CEI EN ) riporta nuove definizioni di tipologie di lavoratori, individuando compiti e limiti di attività in base alle effettive competenze (teoriche e pratiche) degli elettricisti ; la stessa norma prevede,che le persone

13 incaricate per l'effettuazione dei lavori elettrici, debbano avere una serie di prescrizioni in merito alla attestazione della formazione teorica e pratica. Nella tabella successiva vengono riportate tutte le figure previste dalla norma CEI 11-27/1, con i limiti di competenze fissati in base al livello di preparazione teorico-pratica necessarie per svolgere lavori su impianti elettrici CLASSIFICA DEFINIZIONE COMPETENZE PEI Persona Idonea Lavori SOTTO TENSIONE PES Persona Esperta Persona formata in possesso di specifiche istruzioni ed esperienza tali da consentire di evitare pericoli che l elettricità può creare PAV Persona Avvertita Persona formata, adeguatamente istruita in relazione alle circostanze contingenti, da PES per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare (può operare solo se coordinato da un PES). PEC Persona Comune Persona non esperta e non avvertita nel RI PL Responsabile dell impianto Preposto ai lavori campo delle attività elettriche. Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione dell impianto elettrico. All occorrenza, parte di tali compiti può essere designata ad altri Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione del lavoro. All occorrenza, parte di tali compiti può essere demandata ad altri La qualifica delle persone Chi effettua lavori elettrici deve essere una persona che abbia una sufficiente preparazione, conosca le misure di sicurezza da applicare, sia seria e affidabile. In relazione ai lavori elettrici si distinguono i seguenti tipi di persone. Persona esperta (PES). Ha un adeguata istruzione sull impiantistica e normativa elettrica, ha esperienza di lavori elettrici, è equilibrata e precisa; è quindi in grado di valutare i rischi connessi con i lavori elettrici, di attuare le misure di protezione necessarie e di affrontare gli imprevisti che si possono verificare in occasione dei lavori elettrici. Persona avvertita (PAV). Ha caratteristiche analoghe alla persona esperta, ma a un livello minore. Può infatti eseguire in autonomia solo lavori semplici, seguendo procedure di lavoro prestabilite, mentre può eseguire lavori elettrici più complessi soltanto sotto la supervisione di persone esperte. Persona idonea (PEI). Ha tutte le caratteristiche della persona esperta, inoltre conosce le misure di sicurezza e ha esperienza per condurre lavori sotto tensione. La qualifica suddetta è di competenza del datore di lavoro, che l attribuisce per iscritto in ambito aziendale, tenuto conto dell iter formativo, dell esperienza di lavoro e dell affidabilità di ciascuno. La norma CEI 11-27/1 indica l iter formativo relativo a ciascuna qualifica. Modulo 1 A (teoria) + modulo 1B (pratica) per PES o PAV. Modulo 2A (teoria) + modulo 2B (pratica) per PEI. In altri Paesi, la qualifica a eseguire lavori elettrici è conferita dall autorità; non così in Italia, dove la responsabilità ricade sul datore di lavoro. I lavori sotto tensione possono essere seguiti soltanto da persone idonee. Gli altri tipi di lavori elettrici devono essere eseguiti da persone esperte o avvertite, quest ultima nei limiti suindicati. Quando più persone sono adibite a uno stesso lavoro elettrico, il datore di lavoro, o chi per lui, nomina un preposto ai lavori, il quale ha tra gli altri compiti, quello di far rispettare le misure di sicurezza.

14 La novità della norma CEI 11-27/1 consiste nel fatto che i datori di lavoro continuando ad incaricare solo personale formato ed informato per lavori elettrici sotto tensione e fuori tensione (nell ambito delle categorie 0 e I) rispettando la normativa preesistente (D.P.R. 547/55, D.P.R. 164/56, D. Lgs. 626/94, Norma CEI 11-48, Norma CEI 11-27), devono attribuire per iscritto nell'ambito aziendale le condizioni di PES e PAV a ciascun lavoratore incaricato di effettuare lavori fuori tensione ed in prossimità, attestato d'idoneità per iscritto dei lavoratori incaricati per i lavori sotto tensione di cui al cap. 6 della Norma CEI 11-27/1. Il Datore di lavoro potrà autorizzare a svolgere i lavori sotto tensione solo le persone idonee (PEI) che oltre ad avere le conoscenze PEI e PAV siano state specificamente addestrate e formate come da capitolo 6.3 Lavori sotto tensione della norma CEI EN (11-48) e siano sottoposte a riesame continuo della autorizzazione ( punto B.1.1 della succitata norma.) Per valutare correttamente quale profilo professionale (PES, PAV o PEC) attribuire ad un operatore, è necessario riferirsi ai seguenti tre requisiti tra loro complementari: istruzione, cioè la conoscenza dell impiantistica elettrica, dei pericoli ad essa connessi e della relativa normativa di sicurezza; esperienza di lavoro maturata, per poter avere confidenza della conoscenza o meno delle situazioni caratterizzanti una o più tipologie di lavori e della maggior parte delle situazioni anche non ricorrenti; caratteristiche personali, quelle maggiormente significative dal punto di vista professionale, quali le doti di equilibrio, attenzione, precisione e ogni altra caratteristica che concorra a fari ritenere l operatore affidabile. Se le normative CEI indicano in maniera chiara la tipologia di qualifica richiesta ai lavoratori su linee elettriche, non viene ben definito il tipo di qualifica necessario per i soccorritori sanitari che devono operare in zone sotto tensione o senza tensione. Vista la necessità di dovere intervenire in gallerie elettrificate con alta tensione gli operatori del soccorso sanitario necessitano di una informazione sul rischio elettrico e sulle misure di sicurezza da adottare in caso di intervento sulla tratta TAV di competenza. Il Personale Addetto al Soccorso Sanitario (GECAV 118) definito in via informale e solo in questo opuscolo è il PASS. Il Personale Addetto al Soccorso Sanitario (GECAV 118) Il PASS, può essere inserito in una posizione intermedia tra la PEC e la PAV, ovvero avere modeste conoscenze elettrotecniche, conoscenze di base sui rischi specifici e gestione della sicurezza ed autonomia limitata. Visto che il PASS deve accedere nella tratta TAV elettrificata in condizioni non programmabili e non per lavorazioni elettriche, ma per soccorso, tale personale deve essere a conoscenza del rischio elettrico e conoscere ed adottare le procedure di

15 sicurezza per la messa fuori tensione dell impianto, nonché deve conoscere le misure di sicurezza. Il presente opuscolo nella sezione accesso su piattaforma ferroviaria elettrificata descrive le modalità da adottare in caso di intervento sanitario. Lavorazioni Lavoro elettrico: Per lavoro elettrico si intende un lavoro su impianti elettrici con accesso alle parti attive e conseguente pericolo di folgorazione o di arco elettrico. Il lavoro elettrico può assumere diverse forme: Lavoro elettrico fuori tensione, E la forma di lavoro più comune, in cui l operatore mette fuori tensione e in sicurezza l impianto e poi opera sulle parti fuori tensione. A tal fine non basta aprire l interruttore, occorre: Determinare la zona di lavoro Aprire i dispositivi di sezionamento di tutte le parti attive che distano meno della distanza DV (distanza prossima) dalla zona di lavoro, pari a 65 cm in bassa tensione, mentre aumenta con la tensione in alta tensione, ad esempio a 20 kv si ha DV = 128 cm. Chiudere a chiave il dispositivo di sezionamento, in modo che altri non possano richiuderlo ed esporre il cartello Lavori in corso non effettuare manovre. Verificare l assenza di tensione; il dispositivo di sezionamento potrebbe essere infatti difettoso, oppure è stato sezionato un circuito diverso da quello sul quale si vuole lavorare. Mettere a terra e in cortocircuito le parti sezionate; sempre in alta tensione, nei casi indicati dalla norma in bassa tensione. Le azioni sopra riassunte costituiscono le cinque regole d oro per la sicurezza di chi effettua lavori elettrici fuori tensione. Lavoro elettrico sotto tensione (a contatto). L operatore entra in contatto con le parti attive, o si avvicina a distanza inferiore a DL (distanza di guardia) sicché il contatto con le parti attive è probabile. Questo lavoro è permesso in bassa tensione (fino a 1000 V), è proibito in alta tensione. Per lavorare in sicurezza l operatore deve, tra l altro: indossare i guanti isolanti; indossare l elmetto con visiera (per evitare gli effetti dell arco elettrico); utilizzare strumenti isolanti o in alternativa indossare stivaletti isolanti o predisporre tappetini isolanti.

16 Lavoro elettrico sotto tensione a distanza. L operatore entra nella zona di guardia con aste isolanti, ma rimane con il corpo fuori della zona prossima. La sicurezza risiede soprattutto nell asta isolante. Lavoro elettrico in prossimità. L operatore opera vicino alle parti attive, cioè a distanza inferiore a DV, ma può toccare le parti attive solo accidentalmente, poiché non deve entrare nella zona di guardia. In tal caso bisogna posare delle barriere isolanti nei confronti delle parti attive che distano meno di DV dalla zona di lavoro, oppure si può applicare la protezione mediante distanza con sorveglianza (un altra persona sorveglia affinché l operatore non entri nella zona di guardia). Lavoro elettrico misto. L operatore compie un lavoro fuori tensione sulle parti attive con le quali entra in contatto, ma contemporaneamente si trova a distanza inferiore a DV da altre parti rimaste in tensione, sicché compie un lavoro fuori tensione e insieme un lavoro in prossimità. Deve quindi applicare le misure di sicurezza indicate per entrambi i tipi di lavoro. Attività di lavoro di seconda fase in galleria, finestre e fabbricati Il termine delle lavorazioni di prima fase, ovvero quelle dell armamento ferroviario già ampiamente descritte nell allegato 1, coincide con la messa in opera di nuove attività definite di seconda fase, queste possono essere definite in : Attività in calotta delle gallerie Le lavorazioni saranno eseguite mediante l utilizzo di ponti sviluppabili e motocarrelli che si sposteranno sui binari con l impiego di utensili manuali e pneumatici. Per queste attività non si può escludere l utilizzo di elettroutensili quali ad esempio mole angolari. Attività sulle pareti delle gallerie Le lavorazioni saranno eseguite mediante l utilizzo di ponti sviluppabili e motocarrelli che si sposteranno sui binari e con l ausilio di elettroutensili (trapani ecc.), oltre ad attrezzatura manuali. Attività a terra riguarderanno principalmente la posa dell impianto di segnalamento e quello per i deviatoi, nel corso delle lavorazioni saranno posate apparecchiature a lato dei binari e collegate ad essi.

17 Durante lo svolgimento di questi lavori potrà essere necessario aprire pozzetti, cavedi, cabalette ecc. Il personale raggiungerà i posti di lavoro a piedi o con l ausilio di mezzi rotabili (a seconda dell ubicazione dei posti di lavoro) le lavorazioni saranno svolte con l ausilio di elettroutensili (trapani ecc.) trapani forarotaie con motore endotermico, per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine, oltre ad attrezzatura manuale. Attività nelle nicchie/nicchioni saranno inerenti alla posa di quadri ed apparecchiature afferenti ai vari impianti, i collegamenti delle stesse/i con i cavi posati in prima fase. Durante lo svolgimento di questi lavori sarà necessario aprire pozzetti, cavedi, canalette ecc. Il personale raggiungerà i posti di lavoro a piedi o con l ausilio di mezzi rotabili (a seconda dell ubicazione dei posti di lavoro) le lavorazioni saranno svolte con l ausilio di elettroutensili (trapani ecc.) oltre ad attrezzatura manuale; per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine. Attività nei fabbricati tecnologici, posti al termine delle finestre in prossimità della galleria,saranno inerenti alla posa di quadri ed apparecchiature afferenti ai vari impianti, i collegamenti delle stesse/i con i cavi posati in prima fase. Inoltre nei fabbricati saranno realizzati gli impianti antincendio, condizionamento elettrico ecc.; questi saranno posizionati nelle pareti e nei soffitti. Durante questa fase sarà necessario aprire pozzetti, cavedi, canalette ecc. Il personale raggiungerà i posti di lavoro con mezzi gommati; le lavorazioni saranno svolte con l ausilio di elettroutensili (trapani, smerigliatrici angolari ecc.) per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine, oltre ad attrezzatura manuale. Attività nelle finestre riguarderanno la posa in parete di: canalette portatavi, cavi, corpi illuminanti, apparecchiature per l impianto antintrusione, diffusori sonori, cavo fessurato (h. 5 mt circa) ed apparecchiature minori. Durante lo svolgimento di questi lavori potrà essere necessario aprire pozzetti, cavedi, cabalette ecc. Le lavorazioni saranno svolte mediante l utilizzo di piattaforme gommate e furgoni e con l ausilio di elettroutensili (trapani, smerigliatrici angolari ecc.) per la realizzazione di alcuni giunti saranno utilizzati riscaldatori a fiamma libera per guaine termorestringenti o per la preparazione delle resine, oltre ad attrezzatura manuale. Attività di armamento Queste lavorazioni avvengono in zone in cui no si svolgono attività tecnologiche di seconda fase e possono essere sintetizzate in: Attività residue armamento: Transito di convogli, livellazione del binario, posa scambi ferroviari e risoluzione di non conformità. Attività residue Opere Civili:Finiture, piccoli ripristini e risoluzioni non conformità. Attività di monitoraggio e collaudo: Monitoraggi topografici e collaudi tecnici.

18 Piano di emergenza Il piano generale di emergenza della tratta A.V. compresa fra la progressiva e la progressiva (la tratta di competenza 118 GECAV), del luglio 2008, introduce nuovi aspetti legati alle lavorazioni di elettrificazione e riprogressivazione della tratta. Nel presente allegato vengono inserite le novità apportate dal piano, quello che non viene descritto o menzionato nel presente documento è possibile reperirlo nell allegato 1 Nozioni per l accesso sulla piattaforma ferroviaria per i mezzi bimodali di soccorso sanitario. Riprogressivazione: Questo è un aspetto fondamentale introdotto dal nuovo PE, ovvero le progressive chilometriche utilizzate fino ad oggi sono passate in disuso. Durante i lavori di scavo ed avanzamento dei lavori, per la tratta Bologna Firenze dell A.V. veniva utilizzato un sistema di classificazione chilometrica per la tratta da Nord ( Bologna p.k. 0) a Sud (Firenze p.k ). Il nuovo PE prevede una classificazione chilometrica della tratta inverso ovvero da Sud (Firenze) a Nord (Bologna). Questo porta ad un sostanziale cambiamento per l individuazione del luogo di una eventuale chiamate di soccorso. In seguito alla riprogressivazione della tratta sono state aggiornate tutte le postazioni SOS (vedi tabelle successive) ed identificativi di chiamata da parte della CO, è stata modificata tutta la cartellonistica lungo la tratta è stata fatta opera di informazione al personale di Soccorso sui nuovi indicatori di progressiva, nonché sono state fornite a ciascuna postazione di soccorso una planimetria aggiornata.

19

20

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

Rischio Elettrico nei laboratori dei

Rischio Elettrico nei laboratori dei UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI TERAMO Rischio Elettrico nei laboratori dei Dipartimenti Scientifici Dott. Giuseppe Mazziotti di Celso Università degli Studi di Teramo 16 Novembre 2010, Teramo LA CORRENTE ELETTRICA

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli