Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni"

Transcript

1 Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza. di Giuseppe Agostini, Electro Graphics Cause dei guasti, probabilità e percentuali La rete di distribuzione dellenergia elettrica è un sistema unico con gli utenti, nel quale i disservizi del singolo si ripercuotono anche sugli altri. Il guasto a terra è una delle principali emergenze che avvengono nelle reti di media tensione: esso copre circa lottanta percento del totale dei guasti. Può avere carattere degenerativo, ossia propagarsi ad una seconda fase o a tutte e tre a causa degli archi di corrente che si innestano nelle vicinanze. Ai fini della continuità di servizio occorre che le protezioni siano selettive, in modo da evitare che un guasto su un impianto utente determini il distacco di un intero ramo della rete MT e di tutti gli altri utenti ad esso allacciati. Nella figura in basso è rappresentata una semplice rete di distribuzione in media, ove la zona colorata in verde rappresenta la rete di un utente, allacciato allenel e vicino ad altri utenti. Figura 1 - Rete definita con Ampère Professional ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 1 di 20

2 Contesto Normativo e Legislativo LAutorità per lenergia elettrica e il gas prescrive a tutte le Aziende Elettriche: (Delibera AEEG 4/04, Testo integrato dellautorità per lenergia elettrica in materia di qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dellenergia elettrica. Periodo di regolazione ): o Di presentare entro il 30 aprile 2004 una proposta avente ad oggetto i requisiti tecnici per il coordinamento delle protezioni, atti a selezionare i guasti originati negli impianti di utenza dei clienti di maggiore dimensione e a evitare che tali guasti si propaghino alla rete di distribuzione. o Di adeguare la propria rete di distribuzione dellenergia al fine di raggiungere gli standard richiesti entro il Le indicazioni del fornitore ENEL Per aumentare la continuità di servizio della rete di distribuzione in MT, e limitare i disagi dovuti a situazioni di emergenza, ENEL ha deciso di seguire due strade tra loro correlate: o modificare il sistema di gestione del neutro passando da isolato a compensato; o garantire la selettività tra le proprie protezioni e quelle degli utenti in MT. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 2 di 20

3 Protezione a sovraccarico e a corto circuito Come primo passo, vediamo le prescrizioni ENEL per garantire la selettività delle sue protezioni con quelle dellutente. Le tipologia di protezione utilizzate da ENEL a sovracorrente sono: o soglia contro i sovraccarichi (detta 51.S1 o 51); o soglia contro i cortocircuiti (detta 51.S2 o 50). Pertanto, il dispositivo di protezione generale di un utente MT ha il compito di aprire in caso di guasto a valle in modo selettivo con la protezione ENEL. La protezione utente può essere di due tipi: o interruttore automatico con relè a due soglie; o interruttore di manovra sezionatore con fusibili in MT. Caratteristiche Soglia corrente 51.S1 o 51 (sovraccarico): o Soglia A, a gradini di 15A (valori primari) o Tempo di ritardo 0,05-5 s, a gradini do 0,05s Soglia corrente 51.S2 o 50 (corto circuito): o Soglia A, a gradini di 15A (valori primari) o Tempo di ritardo 0,05-5 s, a gradini do 0,05s Quanto sopra è riferito a TA conformi a quelli indicati al par della DK 5600 ed. V, cioè con rapporto di trasformazione 300:5. In caso di adozione di TA con diverso rapporto di trasformazione, i campi di taratura del relè devono essere tali da consentire, in ogni caso, limpostazione di tarature per entrambe le soglie nel campo compreso fra 60 A e 1500 A primari. Figura 2 - Taratura curve di intervento protezioni ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 3 di 20

4 Tarature Normalmente per gli interruttori automatici lenel richiede le seguanti tarature: o Sovraccarico 51.S1: I<= 65% della soglia di taratura del relè 51.S1 a monte; tf = 500ms; o Corto circuito 51.S2: I = 500A 650A; tf = 120ms. Riguardo ai fusibili, essi hanno normalmente taglie da 40 e 63A, e sono utilizzati per trasformatori fino a 400kVA. Con i fusibili da 63A iniziano i problemi di coordinamento con le protezioni ENEL. Quindi: lutente deve attenersi alle disposizioni fornite da ENEL e tarare di conseguenza la propria protezione DG. Protezione contro il guasto a terra Il secondo passo prevede la protezione contro il guasto a terra. Prima di addentrarci nelle prescrizioni di ENEL, rivediamo i concetti che stanno alla base del guasto a terra con o senza la bobina di Petersen. Gestione del neutro in sottostazione AT/MT, le varie possibilità di ENEL o Isolato (destinato a scomparire entro il 2007) o A terra tramite impedenza di bobina fissa o A terra tramite impedenza di bobina mobile o A terra tramite resistenza o A terra tramite impedenza di bobina mobile e resistenza in parallelo La gestione del neutro ha ripercussioni sulle modalità di guasto a terra, vediamo: Neutro isolato o La corrente di guasto (capacitiva) dipende dallestensione della rete (*) o Possibilità di funzionamento anche in presenza di un primo guasto a terra (se la corrente è limitata) o Secondo guasto a terra diviene un corto circuito o Sovratensioni (sia transitorie che permanenti) (*) Il contributo della rete MT può essere calcolata approssimativamente con la formula Igut = U (0,003 L1 + 0,2 L2) dove U è la tensione della rete in kv; L1 è la somma delle lunghezze in km delle linee aeree e L2 la lunghezza in km delle linee in cavo. Nei parametri della rete in esame è possibile definire lo stato del neutro del trasformatore di alimentazione della rete di distribuzione AT/MT. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 4 di 20

5 Neutro a terra tramite reattanza pura o Nel punto di guasto a terra non circola alcuna corrente (se la bobina è perfettamente accordata). Quindi è difficile individuare la linea guasta. o Anche con un certo grado di disaccordo tra bobine e rete, la corrente è comunque limitata. Elevata probabilità di autoestinzione dellarco. Prevenzione dei guasti intermittenti. Nei parametri della rete in esame è possibile definire lo stato del neutro del trasformatore di alimentazione della rete di distribuzione AT/MT. Neutro a terra tramite resistenza pura o La resistenza è dimensionata per limitare la corrente di guasto monofase a terra al 5-10% della corrente di corto circuito trifase. o La presenza della resistenza impedisce il fenomeno degli archi a terra intermittenti e smorza le sovratensioni di origine interna. o Solo la linea guasta è percorsa dalla componente resistiva della corrente di guasto dovuta alla resistenza di messa a terra. Figura 3 - Gestione dello stato del neutro con Ampère Professional ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 5 di 20

6 Neutro a terra tramite impedenza (reattanza + resistenza) o La combinazione permette: di limitare la corrente di guasto monofase a terra (teoricamente alla sola componente resistiva) possibilità di creare reti in assetto standard con correnti di guasto a terra di: 50A a 20kV, 40A a 15kV (*) di utilizzare protezioni direzionali di limitare le sovratensioni di origine interna (*) con la reattanza e la resistenza regolabili, lente fornitore può mantenere con buona precisione valori stabili di corrente di guasto a terra presunta. Esso può giocare sia sul modulo che sulla fase della componente omopolare di guasto, permettendo un efficace utilizzo delle protezioni direzionali di terra. Il software Ampère Professional, fornisce al progettista una stima della capacità totale della rete di distribuzione e i valore teorico di coordinamento della bobina. Figura 6 - Gestione dello stato del neutro con Ampère Professional ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 6 di 20

7 Protezione contro i guasti a terra, le prescrizioni ENEL In relazione alle caratteristiche dellimpianto del cliente (vedi tabella sottostante), la protezione contro i guasti a terra può essere costituita o da una direzionale di terra abbinata ad una massima corrente omopolare (67N + 51N) oppure da una semplice protezione di massima corrente omopolare (51N). Riassumendo, la protezione 67N occorre solo se i cavi in media tensione a valle del trasformatore toroidale hanno una lunghezza complessiva superiore a : Lc > 350 m a 20 kv; Lc > 460 m a 15 kv; Se ci sono linee aeree, del loro contributo ne va tenuto conto come evidenziato nella figura qui sopra. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 7 di 20

8 Analisi delle possibili scelte Perché la protezione di massima corrente omopolare (51N) non è più sufficiente? Perché serve la protezione direzionale di terra? o Le linee in cavo forniscono un contributo capacitivo alla corrente di guasto di: IC = 0,2 (A) x L (km) x V (kv) Poiché la protezione 51N è tarata a 2 A, e considerando una soglia di sicurezza al 70%, si ricava da cui: 0,2 x V x L <= 0,7 x 2 = 1,4 per V = 20 kv, si ricava L = 350 m per V = 15 kv, si ricava L = 460 m o La protezione direzionale di terra provoca lapertura del DG solo se il guasto è interno allimpianto cliente Evita contenziosi con ENEL Qualità del servizio per il cliente Nelle reti a neutro isolato, le correnti capacitive di guasto monofase franco a terra sono dellordine delle centinaia di ampere ( A). In una rete a neutro compensato, la corrente capacitiva di guasto monofase a terra viene quasi completamente annullata dalla corrente induttiva della bobina di Petersen (regolata in modo che la sua corrente sia circa il 95% della corrente capacitiva) e nel circuito di guasto circola una corrente prevalentemente resistiva di circa 35-40A, imposta dalla resistenza in parallelo alla bobina di Petersen. Se la protezione generale dellutente è a massima corrente omopolare (51N) la sua soglia di taratura deve essere: o maggiore del contributo che limpianto a valle della protezione stessa fornisce alla corrente di guasto monofase a terra in rete (altrimenti interviene per un guasto a monte), inoltre o minore della corrente di guasto monofase a terra della rete di distribuzione, decurtata dal suddetto contributo (altrimenti non interviene per un guasto a valle dellutente). Quindi, nelle reti a neutro isolato, la corrente di guasto dovuta alla rete è molto più grande del contributo dellimpianto a valle della protezione dellutente (250A circa contro 5A) rendendo sufficiente la protezione 51N per distinguere un guasto a valle o a monte dellutente. Le cose cambiano, invece, con il neutro compensato. La differenza di corrente si stringe a circa 40A e 5A, se poi il guasto non è franco la differenza si riduce ulteriormente. Il ricorso alla sola protezione 51N non è più consigliabile per il rischio di interventi non voluti. La sola protezione 51N può continuare ad essere utilizzata quando si considera bassa la probabilità di guasto sul lato MT e con basso contributo di corrente di guasto a terra della linea utente (circa 1,4A, da cui i 350m di linea). Essa va tarata a 3A nelle reti a 15kV e a 4A nelle reti a 20kV. Le protezioni 67N sono più sensibili delle protezioni 51N, inoltre esse agiscono sulla predeterminazione dellangolo della componente omopolare della corrente di guasto. Tale caratteristica è funzione del collegamento a terra della bobina di Petersen e sono indipendenti dalla resistenza di terra del guasto. E possibile definire dei settori di intervento delle protezioni direzionali al fine di discriminare la posizione nella rete del punto di guasto. Le soglie della protezione direzionale vengono tarate come quelle possedute da ENEL, solo con tempi di intervento inferiori. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 8 di 20

9 Perché la protezione di massima corrente omopolare deve essere ancora presente se cè la protezione direzionale di terra? Il doppio guasto monofase a terra sulla rete MT (due guasti su due fasi diverse, di cui uno nellimpianto dellutente) comporta correnti elevate che circolano sulle sole fasi escludendo il centro stella del trasformatore e la sua eventuale bobina di Petersen. Le stesse correnti omopolari che circolano nella rete utente sono indipendenti dallo stato del neutro. Ora non si ha più una relazione predeterminata di fase tra la tensione omopolare e la corrente, in quanto essa dipende dalla resistenza di guasto e dal senso ciclico delle due fasi interessate dai guasti a terra. Essendo i guasti aleatori, ossia non determinabili il punto di guasto e le fasi coinvolte, la sola protezione 67N non è più sufficiente per eliminare il doppio guasto a terra. Si rende necessaria, quindi, una protezione 51N che è indipendente dallangolo della corrente, ma dal solo valore in modulo della corrente. Essa deve avere una corrente di soglia elevata (circa 150A) per essere indipendente dal primo guasto a terra. Per chi possiede la sola protezione 51N non cambia nulla, in quanto essa continua ad intervenire anche per il secondo guasto a terra. Esso ha sempre bisogno di un TA omopolare con rapporto 100/1 e classe di precisione 5P20 o equivalente per garantire il funzionamento anche ad elevate correnti, senza andare in saturazione. Se lutente possiede una direzionale di terra a 3 soglie, può tarare questultima per essere selettiva con la 67.S3 dellenel e così non è necessaria la protezione 51N. Per chi possiede una protezione con interruttore di manovra sezionatore IMS e fusibili, la protezione contro i guasti doppi monofase non è di fatto assicurata. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 9 di 20

10 Caratteristiche e prescrizioni Caratteristiche protezione direzionale di terra e massima corrente omopolare (67N + 51N) La protezione direzionale di terra deve essere a due soglie di intervento ciascuna delle quali deve poter essere esclusa in modo indipendente dallaltra. Definiamo con: o Io la componente omopolare della corrente di guasto a terra; o Vo tensione omopolare; I campi di taratura previsti sono i seguenti: Soglia 67.S1 (per Neutro Compensato): o Io 0,2-5 A a gradini di 0,1 A (valori primari) o Vo 0,4-20 V a gradini di 0,1 V o settore di intervento (def. da due angoli) a gradini di 1 o tempo di ritardo 0,05-1 s a gradini di 0,05 s Soglia 67.S2 (per Neutro Isolato): o Io 0,2-5 A a gradini di 0,1 A (valori primari) o Vo 0,4-20 V a gradini di 0,1 V o settore di intervento (def. da due angoli) a gradini di 1 o tempo di ritardo 0,05-1 s a gradini di 0,05 s La protezione di massima corrente omopolare deve essere unipolare ad una soglia. I campi di taratura previsti sono i seguenti: Soglia max corrente 51N: o Soglia A a gradini di 5 A (valori primari) o tempo di ritardo 0,05-1 s a gradini di 0,05 s La protezione di massima corrente 51N non deve intervenire per il primo guasto a terra, per il quale è adibita la protezione 67N. Essa, invece, deve intervenire per proteggere lutente contro i doppi guasti a terra. Caratteristiche protezione di massima corrente omopolare (51N) La protezione di massima corrente omopolare deve essere unipolare ad una soglia. I campi di taratura previsti sono i seguenti: Soglia max corrente 51N: o Soglia 0-10 A a gradini di 0,5 A (valori primari) o tempo di ritardo 0,05-1 s a gradini di 0,05 s La differenza sostanziale tra le due protezioni 51N è il campo di lavoro delle correnti, elevate per la prima, basse per la seconda. Viste le prescrizioni ENEL, passiamo ai valori tipici di taratura su campo. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 10 di 20

11 Direzionale di terra, tarature tipiche NC = Neutro Compensato NI = Neutro Isolato Possiamo quindi impostare questi parametri per la protezione dellutenza DG Utente 1: Figura 4 - Taratura della protezione direzionale di terra con Ampère Professional ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 11 di 20

12 Esaminiamo la propagazione delle correnti di guasto a terra nei sistemi a neutro isolato o compensato affiancando i risultati di calcolo della rete desempio elaborata con Ampère Professional. Sistema a neutro isolato o compensato, funzionamento normale ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 12 di 20

13 Sistema a neutro compensato, guasto lato utente - emergenza Supponiamo che la reattanza della bobina di Petersen sia accordata con la capacità di linea. Nel punto di guasto si raccolgono le correnti in parallelo delle capacità di linea utente, rete e bobina. La sonda omopolare legge la sola corrente di componente resistiva, con verso uscente. La protezione omopolare direzionale interviene per la prima soglia 67.S1. Si deve tarare la resistenza al fine di fornire una corrente di guasto relativamente bassa, inferiore della omopolare di terra 51N. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 13 di 20

14 Sistema a neutro compensato, guasto lato rete Nel punto di guasto si raccolgono le correnti in parallelo delle capacità di linea utente, rete e bobina. La linea utente, con la sua capacità, contribuisce al guasto con una corrente capacitiva in anticipo, letta dalla protezione 67N. La protezione omopolare direzionale non interviene in quanto la corrente è esterna ad entrambi i settori di intervento. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 14 di 20

15 Lanalisi della rete porta a risultati simili, ove le correnti evidenziate in rosso rappresentano cosa vede la protezione con un guasto lato utente, quelle in verde la misura della corrente con un guasto lato rete. Figura 5 - Analisi comparata delle linee in funzionamento normale o in emergenza ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 15 di 20

16 Sistema a neutro isolato, guasto lato utente - emergenza Nel punto di guasto si raccolgono le correnti in parallelo delle capacità di linea utente e linea rete. La protezione omopolare direzionale legge la corrente capacitiva della rete, risultante della differenza tra Ig e Icl2. Il verso è uscente. La protezione omopolare direzionale interviene in quanto la corrente è allinterno di almeno un settore di intervento. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 16 di 20

17 Sistema a neutro isolato, guasto lato rete Nel punto di guasto si raccolgono le correnti in parallelo delle capacità di linea utente e linea rete. La linea utente, con la sua capacità, contribuisce al guasto con una corrente capacitiva in anticipo, letta dalla protezione 67N. La protezione omopolare direzionale non interviene in quanto la corrente è fuori in entrambi i settori di intervento. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 17 di 20

18 Passaggio a sistema isolato La simulazione nella rete desempio a neutro isolato, viene risolta da Ampère Professional con lapertura del centro stella del trasformatore di alimentazione della rete MT. Le correnti evidenziate in rosso sono ora elevate per la mancanza della bobina di Petersen e per la elevata estensione della rete. Figura 6 - Analisi comparata delle linee in funzionamento normale o in emergenza ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 18 di 20

19 Taratura protezione direzionale 67N Tipicamente i relè di protezione 67N possiedono interfacce di impostazione dati che possono accettare valori di angolo di intervento per le soglie 67.S1 e 67.S2 definibili come: o Angolo base (basic angle): valore corrispondente al punto centrale del settore di intervento, valore positivo corrispondente ad una rotazione oraria rispetto alla tensione Vo; o Ampiezza settore (sector width): valore corrispondente alla totale ampiezza di intervento della protezione, espressa in gradi, data dalla differenza tra langolo massimo e langolo minimo. ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 19 di 20

20 Prima e dopo marzo 2004 Gli utenti che prima della data duscita della DK5600 possedevano un impianto con interruttore di manovra sezionatore e fusibili in media, possono continuare con lo stesso sistema se: o la potenza impiegata è inferiore a 400kW o unico trasformatore o connessione tra punto di consegna e trasformatore in cavo <= 20m o stipula di contratto di manutenzione con impresa certificata ISO 9001 che preveda almeno: manutenzione ordinaria semestrale (conservazione e pulizia dei locali e degli impianti elettrici) manutenzione straordinaria elettromeccanica triennale dellims e del fusibile o Registro delle manutenzioni I nuovi criteri si applicano: Integralmente: Limitatamente al sistema di protezione: ai nuovi allacciamenti e in occasione del rifacimento di impianti esistenti in occasione di cambiamento di esercizio della rete MT su cui è allacciato un cliente esistente, da neutro isolato a neutro compensato Concludendo: lo stato di emergenza della rete elettrica non può prescindere da una buona gestione dello stato normale di funzionamento della rete, con particolare attenzione allevoluzione del sistema di distribuzione. E un periodo di sostanziali cambiamenti per tutti i settori, dalla distribuzione allautoproduzione, dalla cogenerazione al funzionamento in isola. Tutti possono fare tutto, limportante è il rispetto reciproco e seguire le regole di buon vicinato: la DK5600 che abbiamo esaminato, è una di queste. Lautore Giuseppe Agostini è presidente di Electro Graphics Srl, software house specializzata su prodotti per la progettazione elettrica. Lazienda propone una gamma di prodotti integrati nelle funzionalità, per risolvere ogni esigenza di documentazione di impianto; nata nel 1990, è leader di mercato nel software di progettazione elettrica ed è certificata ISO 9001:2000. I principali prodotti: Linea CADelet: applicativo di AutoCAD per progettazione e disegno di impianti elettrici Eplus: CAD elettrico autonomo per progettazione di impianti IDEA: CAD elettrico autonomo per schemi di automazione industriale Linea Ampère: software di calcolo di reti elettriche BT ed MT secondo norme CEI / IEC Sigma: software di preventivazione ed analisi dei costi Tabula: gestione dei materiali Cablo: gestione dei cablaggi in cavo e degli esecutivi per lofficina ELECTRO GRAPHICS Software per progettazione elettrica Pagina 20 di 20

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Schneider Electric - 25/02/2009

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito GUIDA TECNICA La distribuzione in bassa tensione Scemi di collegamento a terra 480 Tensioni, sovratensioni 482 Qualità dell energia 483 Miglioramento della qualità della rete 488 489 Dispositivi di apertura

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Edizione Italiana. Guida sistema. bassa tensione. IT03G - edizione 10/2003

Edizione Italiana. Guida sistema. bassa tensione. IT03G - edizione 10/2003 Edizione Italiana IT03G - edizione 10/2003 Guida sistema bassa tensione Indice Scelta delle apparecchiature di protezione Introduzione 1 Riferimenti normativi per le apparecchiature e la progettazione

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 Ed. 4.0 - ALL1/33 ALLEGATO A: ALLEGATO B: DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 ALLEGATO C: SCHEMA DI CONTRATTO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650

Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650 Altivar Process EAV64310 05/2014 Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650 Manuale di installazione 05/2014 EAV64310.01 www.schneider-electric.com Questa documentazione contiene la descrizione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Rischio Elettrico nei laboratori dei

Rischio Elettrico nei laboratori dei UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI TERAMO Rischio Elettrico nei laboratori dei Dipartimenti Scientifici Dott. Giuseppe Mazziotti di Celso Università degli Studi di Teramo 16 Novembre 2010, Teramo LA CORRENTE ELETTRICA

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA PRESCRIZIONE TECNICA 1 di 26 PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E Storia delle revisioni Rev.00 17-05-2000 Prima emissione Rev.01 20-07-2008 Seconda emissione sostituisce IN.S.T.X.1014 Rev.00

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

SMART Più MANUALE UTENTE

SMART Più MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE 01/2003 INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ARCHITETTURA DELLO STRUMENTO... 3 2.1 Linea seriale RS485. Rete fino a 31 analizzatori... 4 2.2 Linea seriale RS485. Rete con più di 31 analizzatori...

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito Allegati Specifici - Allegato MI-003 CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA ATTIVA Ai contatori energia elettrica attiva destinati ad uso residenziale, commerciale, e industriale leggero si applicano i requisiti

Dettagli

Manuale di riferimento. Protezione delle reti elettricheistribution éle Sepam series 10

Manuale di riferimento. Protezione delle reti elettricheistribution éle Sepam series 10 Manuale di riferimento Protezione delle reti elettricheistribution éle Sepam series 10 Indice Informazioni di sicurezza.............................................7 Informazioni su......................................................9

Dettagli

- Relazione Impianto fotovoltaico e Schemi di calcolo elettrico e termico quadri elettrici

- Relazione Impianto fotovoltaico e Schemi di calcolo elettrico e termico quadri elettrici - Relazione Impianto fotovoltaico e Schemi di calcolo elettrico e termico quadri elettrici INDICE RELAZIONE TECNICA.... PREMESSA.... Oggetto e valenza dell iniziativa.... DATI DI PROGETTO... 4. Dati di

Dettagli

Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche

Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche Portafusibili e fusibili gpv Quadri di campo Scaricatore in DC Sezionatore in DC SPI Scaricatore

Dettagli