Corso AINEVA CAI Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso AINEVA CAI Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe"

Transcript

1 Corso AINEVA CAI Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe Fondazione Montagna Sicura Courmayeur 8 marzo 2010 Relatore: Massimo Raviglione 1

2 Sommario 1- Introduzione 2- Definizioni 3- Cenni storici e principali utilizzi 4- Caratteristiche degli esplosivi 5- Classificazione degli esplosivi 6- Accessori da mina (detonatori, relais e micce) 7- Accessori e attrezzi del fuochino (esploditori, ohmetro, ) 8- Tipologie di innesco 9- Tiro a fuoco 10- Tiro elettrico 11- Considerazioni conclusive 2

3 1- Introduzione Con questa presentazione cercherò di illustrare in modo semplice le nozioni base sugli esplosivi convenzionali, al fine di illustrarvi le principali caratteristiche delle sostanze esplodenti, il loro innesco ed i loro principali utilizzi nell uso civile 3

4 2- Definizioni Parliamo di ESPLOSIVO o SOSTANZA ESPLOSIVA quando Si considera esplosivo o sostanza esplosiva ogni sostanza che può decomporsi con grandissima rapidità e la cui decomposizione è autopropagante e sviluppa una grande quantità di calore e gas, generando un'onda di pressione. Si tratta quindi di sostanze ad alto contenuto energetico, la cui i esplosione non è altro che il raggiungimento di un livello energetico più basso, ossia la formazione di sostanze stabili Da Wikipedia simbolo convenzionale identificativo delle sostanze esplosive nell'unione Europea 4

5 2- Definizioni Parliamo di ESPLOSIVO o SOSTANZA ESPLOSIVA quando Per esplosivi,, comunemente detti anche sostanze esplosive,, si intendono tutti quei composti che per effetto di una giusta causa esterna (un urto, una scintilla, una scarica elettrica ecc. ecc.) bruciano rapidissimamente, cioé esplodono. Gli esplosivi si dividono in tre categorie: i composti,, le miscele ed i miscugli. I composti sono tutti quei composti chimici specificatamente concepiti come esplosivi. Le miscele sono invece un unione unione di sostanze esplosive e non, che insieme creano un tipo di esplosivo specifico. I miscugli sono un unione unione di sostanze non esplosive che però amalgamate insieme creano un tipo di esplosivo specifico Da documentazione Polizia di Stato 5

6 3- Cenni storici e principali utilizzi Cenni storici La prima sostanza esplosiva conosciuta è la polvere nera,, pare che la scoperta risalga al I secolo d.c. in Oriente e i primi utilizzatori sono stati i Cinesi a partire dal IX secolo d.c. per usi pirotecnici ed in parte bellici All epoca la polvere nera era un miscuglio di salnitro (nitrato di potassio) p carbone e zolfo miscelato in percentuali +/- variabili che producevano una miscela in grado di esplodere ad una velocità di m/s [KNO 3 +C+S CO 2 O 2 N 2 NO 2 H 2 O] Il miscuglio in polvere poteva non essere stabile ed efficace poich iché presentava diversi problemi: di miscelazione in fase di produzione (frantumazione azione con mortai), di segregazione in fase di trasporto (separazione dei componenti per diverso peso specifico) o di umidità in fase di conservazione (botti di legno) 6

7 3- Cenni storici e principali utilizzi In Europa la scoperta della polvere nera,, risale al XIV secolo d.c. per merito del monaco tedesco Bertold Schwartz su indicazioni del leggendario alchimista Ruggero Bacone Si passa da un composto in polvere ad un composto in grani, più stabile e meno separabile e sedimentabile, ma con velocità decisamente inferiore circa 200 m/s (aumentando la granulometria diminuisce la velocità di reazione o di deflagrazione), l utilizzo rimane legato principalmente ad usi bellici e pirotecnici ci Solo a partire dal 1600 ca l utilizzo della polvere nera si diffonde in modo diffuso per uso Civile con la costruzione dei grandi trafori stradali 7

8 3- Cenni storici e principali utilizzi A partire dal 1800 il chimico tedesco Christian Schonbein scopre la Nitrocellulosa (1846) sostanza che sarà la base per gli esplosivi detonanti moderni Negli stessi anni il chimico piemontese Acanio Sobrero (1847) definisce la formula della Nitroglicerina [C 3 H 5 (ONO 2 ) 3 N 2 CO 2 O 2 H 2 0 HCl ] liquido oleoso forse il più famoso esplosivo conosciuto al mondo Grandiosa scoperta e passaggio da sostanze defragranti a detonanti ma le caratteristiche del nuovo composto sono pessime per un uso sicuro 8

9 3- Cenni storici e principali utilizzi Infatti l elevata sensibilità alla variazione della temperatura e l elevata sensibilità agli urti lo rende molto instabile, infatti basta una variazione di pochi gradi o un piccolo scuotimento per produrre la reazione chimica che provoca lo scoppio Questa sua sensibilità provocò diversi decessi tra coloro che cercarono di stabilizzarla per un maneggio più sicuro Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 9

10 3- Cenni storici e principali utilizzi Nel 1867 dopo anni di ricerche e di incidenti, forse casualmente, il chimico svedese Alfred Nobel inventò la Dinamite, imbevendo del cotone collodio con nitroglicerina, ottenendo così un impasto plastico, maneggevole e stabile A tutti gli effetti con la scoperta di Nobel si passa dagli esplosivi di vecchia generazione i deflagranti a quelli di nuova generazione i detonanti Dopo la scoperta della dinamite, Nobel nel 1875 perfezionò altri composti tra cui le Gelatine Esplosive tutt oggi ancora utilizzate in tutto il mondo Un ulteriore scoperta nel 1889 di Nobel fu Balistite, una polvere da sparo che non produce fumo, composta da Nitrocellulosa, Nitroglicerina e Cotone Collodio, utilizzata come polvere da sparo per le cartucce delle armi portatili. 10

11 3- Cenni storici e principali utilizzi Nel 1863 il chimico tedesco Wilbrandt mette a punto il Tritolo (trinitrotoulene) ma conosciuto come TNT, Tolite Ad oggi rappresenta l esplosivo detonante più potente non si altera a contatto con i metalli, é insolubile, può essere fuso ed é estremamente malleabile E ottenuto nitrando il toluene e miscelandolo con acido solforico e acido nitrico Il suo aspetto é quello di un sapone di colore giallo/grigio o giallo/bruno. Per tutto il XX secolo il Tritolo é stato e viene utilizzato per scopi bellici per il caricamento di ogni tipo di proiettile d'artiglieria, cariche da demolizione, bombe per aeroplano, bombe a mano, 11

12 3- Cenni storici e principali utilizzi Quindi riassumendo velocemente Polvere nere a partire dal I IX secolo d.c. in Cina per usi pirotecnici Polvere nere a partire dal IVX secolo d.c. in Europa per usi pirotecnici e militari Polvere nere a partire dal 1600 in Europa per usi civili Nitrocellulosa e Nitroglicerina prima metà 1800 in Europa per usi civili e militari Dinamite e Tritolo seconda metà 1800 in Europa per usi civili e militari 12

13 4- Caratteristiche degli esplosivi Principali caratteristiche Energia o Potenza di esplosione Velocità di detonazione Bilancio di ossigeno Distanza di colpo Sensibilità all innesco Stabilità Calore di esplosione 13

14 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Serve per classificare gli esplosivi in funzione della capacità di sviluppare energia Le classificazioni si ottengono per comparazione fra diverse tipologie in riferimento ad un esplosivo tipo standard (gomma) Si misura in diversi modi, con test e/o prove dirette: Prova di Trauzl Pendolo di Strenght Dirompenza di Kast (misura della pressione specifica) 14

15 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Prova di Trauzl Si tratta di far esplodere una carica di 10 g di esplosivo all interno di un cilindro di piombo e di misurare il volume del cratere creato, il differente volume creato fra i vari esplosivi ne determina la classificazione Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 15

16 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Pendolo di Strenght Si tratta di far esplodere una carica di peso noto in grado di far oscillare un pendolo e di misurare l angolo l di rotazione, la differente oscillazione del pendolo determina la classificazione Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 16

17 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Dirompenza di Kast (misura della pressione specifica) Si tratta di far esplodere una carica di peso noto all interno di un cilindro con un pistone e di misurare la pressione creata, la differente pressione esercitata determina la classificazione Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 17

18 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Gomma Gelatina Slurry Pulverulento Anfo TRAUZL STRENGHT 600 cc 100% 430 cc 90% 500 cc 85% 330 cc 80% 300 cc 70% GELATINA Energia specifica 4,60 MJ/kg Pressione specifica 1020 MPa Massa volumica 1460 kg/m 3 Strenght 85% / 18

19 4- Caratteristiche degli esplosivi Velocità di detonazione È la rapidità con cui si verifica la reazione esplosiva Caratterizza due grandi tipologie di esposivo (deflagranti detonanti) e di utilizzo (spostare frantumare) Polvere nera esplosivo deflagrante Velocità di reazione m/s Gelatinati esplosivo detonante Velocità di reazione m/s 19

20 4- Caratteristiche degli esplosivi Bilancio di ossigeno E la capacità dell esplosivo esplosivo di consumare e/o creare ossigeno Caratterizza l utilizzo l dell esplosivo esplosivo in relazione all ambiente ambiente dove deve essere impiegato (es. aria aperta o in galleria) bilancio O 2 % Gelatinati + 1,05-1,25 1,25 Pulverulento + 2,80-2,96 Slurry - 0 Anfo + 5,6 20

21 4- Caratteristiche degli esplosivi Distanza di colpo E la distanza minima alla quale una cartuccia di esplosivo fa esplodere una seconda cartuccia per simpatia Si misura in laboratori e caratterizza l utilizzo l dell esplosivo esplosivo in relazione al tipo di impiego 21

22 4- Caratteristiche degli esplosivi Sensibilità all innesco E la +/- sensibilità di un esplosivo ad essere innescato (cioè a far iniziare la reazione esplosiva) da un opportuno agente innescante (es. detonatore, miccia detonante, ) Si misura con la scala di Sellier Bellot che classifica in funzione della quantità di innesco necessario (fulminato di mercurio) per ottenere la detonazione i diversi tipo di esplosivi 22

23 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità Abbiamo visto come nelle sperimentazioni che hanno condotto i vari ricercatori a scontrarsi più volte con la stabilità della sostanza esplosiva Ovviamente parlando di reazione chimica, la stabilità cioè la possibilità di mantenere costanti determinate caratteristiche al variare di determinate condizioni c marginali Per gli esplosivi è importante la stabilità alla variazione della temperatura, in presenza di acqua e alle sollecitazioni meccaniche In relazione alla variazione di stabilità un esplosivo di tipo X della marca Y potrà essere adatto ad un impiego specifico in acqua o all aperto aperto e magari non in galleria oppure solo con temperature T> 0 C 0 C e non sotto zero Ecc. 23

24 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alla temperatura Rappresenta la capacità dell esplosivo esplosivo di mantenere inalterate (o perlomeno variare entro certi limiti accettabili di sicurezza) le proprie caratteristiche ristiche di sostanza esplodente al variare in + o in della temperatura La stabilità è verificata sia alle alte temperature che alle basse che provocano variazioni di comportamento della sostanza esplodente 24

25 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alla temperatura Basse temperature I potenziali pericoli riguardano la perdita di malleabilità e di conseguenza la capacità di assorbire deformandosi gli urti e inibire la propagazione della la reazione a catena che ne determina la detonazione, perdendo stabilità Es. la nitroglicerina contenuta nelle dinamiti a -20 C tende a congelare, facendo assumere alla dinamite un comportamento + rigido e fragile Nel caso si debba operare in zone fredde si dovranno adottare tutte tte le cautele tali da ovviare il congelamento dei candelotti (es. non esecuzione della volata, locali riscaldati, tempi ridotti delle operazioni, ) Nel caso si riscontri il congelamento di candelotti si dovrà contattare il produttore 25

26 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alla temperatura Basse alte I potenziali pericoli riguardano l aumento l di malleabilità e un aumento di mobilità molecolare dei singoli componenti con conseguente maggior trasmissività degli urti e possibilità di separare i vari componenti, perdendo stabilità Es. la nitroglicerina contenuta nelle dinamiti oltre i 60 C tende a liquefarsi e a separarsi dal cotone fuoriuscendo dall involucro (cartucce che trasudano e/o scatolone umido o unto) Nel caso si riscontri il trasudamento dei candelotti si dovrà contattare il produttore 26

27 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità all acqua acqua Rappresenta la capacità dell esplosivo esplosivo di mantenere inalterate (o perlomeno variare entro certi limiti accettabili di sicurezza) le proprie caratteristiche ristiche di sostanza esplodente in presenza di umidità e/o acqua In generale se l esplosivo l contiene nitroglicerina è stabile poiché non è solubile, mentre è instabile se contiene nitrati d ammonio d poiché solubile Dinamiti Polvere nera Anfo Polverulenti Slurry Stabilità all acqua acqua si no no no si 27

28 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alle sollecitazioni meccaniche Rappresenta la capacità dell esplosivo esplosivo di mantenere inalterate (o perlomeno variare entro certi limiti accettabili di sicurezza) le proprie caratteristiche ristiche di sostanza esplodente in presenza di azioni meccaniche esterne, urti e compressioni In generale se l esplosivo l contiene nitroglicerina è stabile ma in ogni caso è sempre utile evitare urti compressioni e/o qualunque forma di trauma Sperimentalmente si eseguono dei test secondo gli schemi di Kimura per valutare l affidabilità di un esplosivo nei confronti di urti reciproci, compressioni, riperforazione,, perforazione adiacente, caduta libera (limite di velocità 100 m/s altezza di caduta ca 510 m ) 28

29 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alle sollecitazioni meccaniche Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 29

30 4- Caratteristiche degli esplosivi Calore di esplosione E il calore sviluppato durante la reazione esplosiva, è misurato in kcal/kg Caratterizza la tipologia di un esplosivo ad essere utilizzato in ambienti sensibili al calore (es. scavi in galleria con potenziale presenza di miscele gassose esplosive) 30

31 5- Classificazione degli esplosivi Classificazione degli esplosivi Gli esplosivi possono essere classificati in funzione delle caratteristiche fisiche (velocità di reazione) prodotti in commercio leggi e norme 31

32 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione Quando un esplosivo agisce si decompone con grandissima rapidità e sviluppa una grande quantità di calore e gas, generando un'onda di pressione spaziale sferica la cui azione dirompente dipende dal tipo di materiale su cui agisce Gli effetti dell onda di shock a debita distanza sono il bang sonico e l effetto l vibratorio Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 32

33 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione Demolizione di blocchi rocciosi ciclopici con esplosivo detonante e tiro elettrico 33

34 Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione 34

35 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione Distacco artificiale di lastrone da vento duro con la tecnica del lancio a mano 35

36 Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione 36

37 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione In funzione della velocità di reazione si possono classificare come segue ESPLOSIVI e SOSTENAZE ESPLODENTI Velocità qualche 100 m/s Velocità qualche 1000 m/s Deflagranti Detonanti Polvere nera ( m/s) Gelatinati ( m/s) Slurry(4200 ( m/s) Pulvirulenti ( m/s) Emulsioni (3900 m/s) Anfo ( m/s) 37

38 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione In funzione della velocità di reazione si possono classificare come segue ESPLOSIVI e SOSTENAZE ESPLODENTI Velocità qualche 100 m/s Velocità qualche 1000 m/s Deflagranti Detonanti Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 38

39 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale In funzione della disponibilità commerciale si possono classificare come segue ESPLOSIVI e SOSTENAZE ESPLODENTI Gelatine ANFO Emulsioni Esplosivi di sicurezza Pulverulenti Slurry Polvere nera Pentrite 39

40 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Gelatine Derivano dalle dinamiti di Nobel, sono composti principalmente da Nitroglicerina o Nitroglicole,, Nitrocellulosa, sostanze inerti, additivi minerali e nitrato d ammoniod L aspetto è una pasta bianco-rosato con puntini più scuri e sono confezionate in candelotti rivestiti di carta paraffinata del diametro di mm e di varia grammatura Possono essere utilizzate sia in ambiente aperto che in galleria e anche in presenza di acqua e/o umidità Una variante della gelatina in cui la nitroglicerina rappresenta 100% della sostanza esplodente è la Gomma, confezionata in pani e utilizzata per cariche appoggiate ate 40

41 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Pulverulenti Sono miscele a base di nitrato di ammonio ad alto titolo di azoto o con aggiunta di TNT e additivi minerali L aspetto è una polvere bianco-grigio ed è confezionato in sacchetti di pvc di diametro di mm e di varia grammatura chiusi ad una estremità Possono essere utilizzate sia in ambiente aperto che in galleria ma a seguito della solubilità del nitrato di ammonio non in presenza di acqua 41

42 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - ANFO Sono miscele a base di Ammonium Nitrate Fuel Oil cioè nitrato d ammonio d e olio combustibile L aspetto è una polvere bianco-giallastra ed è confezionato in sacchetti di pvc di diametro di mm e di varia grammatura chiusi ad una estremità E generalmente poco sensibile all innesco quindi necessita di una carica di fondo aggiuntiva (es. gelatina o slurry) ) o di un boosters 42

43 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Slurry Sono a base di TNT e di nitrato d ammonio d in soluzione satura di acqua con componenti minerali L aspetto è quello di un gel bianco o giallognolo semitrasparente confezionato in tubolari di pvc di diametro di mm e di varia grammatura Sono nati per un utilizzo prevalentemente subaqueo ma grazie all assenza assenza di nitroglicerina e nitroglicole (causa di cefalee per i maneggiatori) si sono sviluppati anche per utilizzi fuori dall acqua acqua 43

44 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Emulsioni Sono miscele di 2 componenti fra loro immiscibili e inerti, quindi rappresentano un sistema a 2 fasi (ossidante e combustibile), l acqua l presente è minima poiché le soluzioni saline sono ad elevata concentrazione L aspetto è quello di un gel granulare quasi schiumoso bianco o giallognolo semitrasparente confezionato in tubolari di pvc di diametro di mm e di varia grammatura Sono miscelati sul posto mediante particolari automezzi e per utilizzi massicci, vengono versati direttamente da boccaforo e contestualmente miscelati 44

45 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale Polvere nera E il più antico fra gli esplosivi, chiamato anche polvere pirica polvere da sparo, è composta da nitrato di potassio 75%, carbone di legna 15% e zolfo o 10% L aspetto è quello di una polvere nera, ed è confezionata in barattoli o sacchetti E sensibile all acqua acqua e all umidit umidità,, che ne inibiscono il suo potere deflagrante E utilizzata principalmente nel settore estrattivo per materiali lapidei ornamentali in quanto la velocità di reazione tende a spostare e non a demolire i blocchi precedentemente isolati 45

46 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale Di sicurezza Definiti anche anti-gris grisù o grisutine derivano dagli esplosivi detonanti tradizionali modificando le proporzioni dei componenti e con l aggiunta l di particolari mezzi estinguenti (cloruro di sodio, nitrati, bromuri, fluoruri di sodio e di potassio) Sono studiati in modo da ottenere basse temperature derivanti dal l calore di esplosione in modo da non permettere l accensione l di gas o polveri infiammabili 46

47 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale Pentrite E il componente principale utilizzato nel confezionamento delle micce m detonanti, non viene commercializzato sfuso, quindi non può essere utilizzato come c esplosivo a se stante 47

48 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme In funzione del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS) gli esplosivi si possono classificare come segue: 1 categoria polveri e prodotti affini negli effetti esplodenti 2 categoria dinamiti e prodotti affini negli effetti esplodenti 3 categoria detonatori e prodotti affini negli effetti esplodenti 4 categoria artifici e prodotti affini negli effetti esplodenti 5 categoria munizioni di sicurezza e giocattoli pirici 48

49 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 1 categoria polveri e prodotti affini negli effetti esplodenti Tutti gli esplosivi deflagranti Polvere nera Polvere da sparo 49

50 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 2 categoria dinamiti e prodotti affini negli effetti esplodenti Tutti gli esplosivi detonanti (secondari) Gelatine Tutti i prodotti affini Miccia detonante Pulverulenti Anfo Slurry Emulsioni Antigrisù 50

51 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 3 categoria detonatori e prodotti affini negli effetti esplodenti Tutti i tipi di detonatori costituiti da capsule metalliche all interno delle quali è contenuto in genere dell esplosivo esplosivo primario (es. pentrite) Per tiro a fuoco Detonatori comuni (o a fuoco) Relais per miccia detonante Per tiro elettrico Detonatori elettrici Detonatori elettronici Detonatori ad onda d urtod Relais per miccia detonante 51

52 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 4 categoria artifici e prodotti affini negli effetti esplodenti Fuochi artificiali e pirotecnici Razzi da segnalazione 52

53 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 5 categoria munizioni di sicurezza e giocattoli pirici Miccia a lenta combustione Accenditori elettrici 53

54 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Accessori della catena esplosiva Sono quell insieme di componenti indispensabili per procedere alla creazione e di una catena che porta all innesco di una deflagrazione/detonazione di un esplosivo Micce Micce a lenta combustione Micce detonanti Per tiro elettrico e/o a fuoco Detonatori comuni o a fuoco Relais per miccia detonante Detonatori elettrici Detonatori elettronici Detonatori a onda d urtod Boosters 54

55 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia a lenta combustione E identificata anche con il nome di miccia di sicurezza o ordinaria ia ha una grammatura che ne determina la velocità di 1 m x 120 s +/- 2 s/m Trasmette la fiamma che farà deflagrare la polvere nera e/o il detonatore a fuoco E costituita da un anima di polvere nera protetta da strati telati impermeabilizzati con la funzione di proteggere dall acqua acqua e dall umidit umidità l anima Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 55

56 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia a lenta combustione Problematiche e attenzioni all uso E sensibile all umidit umidità (se esposta direttamente) Il polverino deve essere sempre nero Non sovrapporre le spire della miccia Evitare il contatto con grasso, olio, benzina, solventi Una volta accesa il dardo di fuoco prosegue anche nell acqua E sempre meglio verificare la velocità Non piegare in modo serrato Non esporre la miccia al caldo intenso, si danneggia la guaina esterna Non esporre la miccia al freddo intenso, si irrigidisce e si separa il polverino Per l accensione l utilizzare accenditori a strappo o pirea (10 cm / 60 s) 56

57 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia detonante Sono micce con l anima l costituita da un esplosivo detonante (generalmente pentrite) e) ha diverse grammature (g/m) e velocità di detonazione pari a m/s Trasmette la detonazione fra detonatore e esplosivo / esplosivo-esplosivo E costituita da un anima di esplosivo detonante protetta da strati telati impermeabilizzati con la funzione di proteggere dall acqua acqua e dall umidit umidità l anima Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 57

58 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia detonante - Problematiche e attenzioni all uso In commercio si trovano micce di diversa grammatura (g/m) E sensibile all umidit umidità (se esposta direttamente) Il fuoco non innesca la detonazione ma produce la combustione della miccia Attenzione ai collegamenti e al verso di propagazione della detonazione Il polverino deve essere sempre bianco (generalmente pentrite) Risente del caldo e del freddo intenso L innesco della miccia avviene per detonazione di un detonatore Risente meno della miccia a lenta combustione delle torsioni / piegature 58

59 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori Sono stati inventati da Nobel Sono il mezzo specifico per innescare la detonazione negli esplosivi sivi detonanti Sono capsule in alluminio o rame contenenti una carica esplosiva sensibile atta ad innescare la prima detonazione La caratteristica più importante è che si innescano solo a comando e non spontaneamente Il comando di innesco caratterizza il tipo di detonatore: a fuoco, elettrico, ad urto, elettronico 59

60 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori - Problematiche e attenzioni all uso E il componente più sensibile e quindi più pericoloso di tutta la catena esplosiva Sono sensibili agli urti Sono sensibili al calore Sono sensibili alle correnti vaganti trasmesse dai temporali L esploditore deve essere adatto al tipo di intensità del detonatore Sono sensibili alle compressioni Sono sensibili alle correnti vaganti per linee ad alte tensione Sono sensibili ai trasmettitori di radiofrequenze I detonatori devono essere della stesso produttore 60

61 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori comuni o a fuoco Si innesca con il dardo infuocato della miccia a lenta combustione a cui è sempre abbinato e quindi è sensibile al fuoco E un bossolo di alluminio contenente due tipi di esplosivo primario io e secondario e non esistono in forma ritardata La carica primaria è generalmente azotoidrato di piombo La carica secondaria è generalmente pentrite La potenza secondo la scala Sellier-Bellot è 8 Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 61

62 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Relais per miccia detonante Si innesca con la miccia detonante a cui è sempre abbinato e quindi è sensibile alla detonazione e serve come elemento di interruzione temporanea E un bossolo in alluminio a doppia apertura che permette di ritardare (20/50 millisecondi) la trasmissione della detonazione lungo una miccia detonante L elemento di ritardo determina il tempo di interruzione della miccia Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 62

63 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori elettrici Sono analoghi a quelli a fuoco, ma il dardo di fuoco per far deflagrare l esplosivo l primario proviene da una resistenza elettrica che si arroventa al passaggio dell elettricit elettricità e infiamma il materiale in cui è immersa I detonatori possono essere istantanei, ritardati e microritardati I detonatori possono essere a bassa (0,75 A), media (1,8 A) e alta intensità (25 A) Attenzione Decreto Legge Consiglio dei Ministri 22 luglio 2005 Pisanu Nuove norme per il contrasto del terrorismo internazionale e della la criminalità Ha vietato l uso l dei detonatori a bassa e media intensità 63

64 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori elettrici Istantanei al passaggio della corrente si innescano Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani Ritardati n. 12 ritardi di 0,5 s Es. n. 3 = 0,5 s dopo 2 = 1,5 s dopo 0 Es. n. 8 = 0,5 s dopo 7 = 4 s dopo 0 Microritardati n. 18 ritardi di ms Nel caso di ritardo di 25 ms Es. n. 3 = 25 ms dopo 2 = 75 ms dopo 0 Es. n. 8 = 25 ms dopo 7 = 200 ms dopo 0 Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 64

65 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori elettronici Sono concettualmente come i detonatori elettrici istantanei, ma con l aggiunta l di un microchip programmabile che governa i possibili 60 tempi dei ritardo con uno step compreso fra 1 e 100 ms La possibilità di programmare ogni detonatore tramite il microchip, permette di identificare ogni detonatore e controllare l invio l della corrente a quel detonatore, minimizzando la possibilità di errore Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 65

66 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori ad onda d urtod Sono analoghi a quelli a fuoco, ma il dardo di fuoco per far deflagrare l esplosivo l primario proviene da un tubicino in plastica entro cui è inserito un esplosivo detonante con velocità di circa 2000 m/s Il tubicino convoglia la detonazione lungo il suo asse come un conduttore I detonatori ad urto possono essere istantanei e ritardati Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 66

67 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Boosters Sono cariche esplosive detonanti che migliorano l innesco l di esplosivi poco sensibili a un detonatore tradizionale (anfo( anfo,, pulverulenti, ) L esplosivo utilizzato per la realizzazione del booster è insensibile alle sollecitazioni esterne all innesco Si innescano utilizzando un detonatore a fuoco, elettrico, elettronico, 67

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA AGGIORNAMENTO 2013 p.m. Luciano Selva dott. Giacomo Nardin a cura di Luciano Selva e Giacomo Nardin USO INTERNO p ag 1 5. NORMATIVA

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA CORSO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI INCARICATI DELL ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO, EVACUAZIONE DEI LAVORATORI E GESTIONE DELLE EMERGENZE (art. 22 comma 5 del D.Lgs.

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli