Corso AINEVA CAI Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso AINEVA CAI Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe"

Transcript

1 Corso AINEVA CAI Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe Fondazione Montagna Sicura Courmayeur 8 marzo 2010 Relatore: Massimo Raviglione 1

2 Sommario 1- Introduzione 2- Definizioni 3- Cenni storici e principali utilizzi 4- Caratteristiche degli esplosivi 5- Classificazione degli esplosivi 6- Accessori da mina (detonatori, relais e micce) 7- Accessori e attrezzi del fuochino (esploditori, ohmetro, ) 8- Tipologie di innesco 9- Tiro a fuoco 10- Tiro elettrico 11- Considerazioni conclusive 2

3 1- Introduzione Con questa presentazione cercherò di illustrare in modo semplice le nozioni base sugli esplosivi convenzionali, al fine di illustrarvi le principali caratteristiche delle sostanze esplodenti, il loro innesco ed i loro principali utilizzi nell uso civile 3

4 2- Definizioni Parliamo di ESPLOSIVO o SOSTANZA ESPLOSIVA quando Si considera esplosivo o sostanza esplosiva ogni sostanza che può decomporsi con grandissima rapidità e la cui decomposizione è autopropagante e sviluppa una grande quantità di calore e gas, generando un'onda di pressione. Si tratta quindi di sostanze ad alto contenuto energetico, la cui i esplosione non è altro che il raggiungimento di un livello energetico più basso, ossia la formazione di sostanze stabili Da Wikipedia simbolo convenzionale identificativo delle sostanze esplosive nell'unione Europea 4

5 2- Definizioni Parliamo di ESPLOSIVO o SOSTANZA ESPLOSIVA quando Per esplosivi,, comunemente detti anche sostanze esplosive,, si intendono tutti quei composti che per effetto di una giusta causa esterna (un urto, una scintilla, una scarica elettrica ecc. ecc.) bruciano rapidissimamente, cioé esplodono. Gli esplosivi si dividono in tre categorie: i composti,, le miscele ed i miscugli. I composti sono tutti quei composti chimici specificatamente concepiti come esplosivi. Le miscele sono invece un unione unione di sostanze esplosive e non, che insieme creano un tipo di esplosivo specifico. I miscugli sono un unione unione di sostanze non esplosive che però amalgamate insieme creano un tipo di esplosivo specifico Da documentazione Polizia di Stato 5

6 3- Cenni storici e principali utilizzi Cenni storici La prima sostanza esplosiva conosciuta è la polvere nera,, pare che la scoperta risalga al I secolo d.c. in Oriente e i primi utilizzatori sono stati i Cinesi a partire dal IX secolo d.c. per usi pirotecnici ed in parte bellici All epoca la polvere nera era un miscuglio di salnitro (nitrato di potassio) p carbone e zolfo miscelato in percentuali +/- variabili che producevano una miscela in grado di esplodere ad una velocità di m/s [KNO 3 +C+S CO 2 O 2 N 2 NO 2 H 2 O] Il miscuglio in polvere poteva non essere stabile ed efficace poich iché presentava diversi problemi: di miscelazione in fase di produzione (frantumazione azione con mortai), di segregazione in fase di trasporto (separazione dei componenti per diverso peso specifico) o di umidità in fase di conservazione (botti di legno) 6

7 3- Cenni storici e principali utilizzi In Europa la scoperta della polvere nera,, risale al XIV secolo d.c. per merito del monaco tedesco Bertold Schwartz su indicazioni del leggendario alchimista Ruggero Bacone Si passa da un composto in polvere ad un composto in grani, più stabile e meno separabile e sedimentabile, ma con velocità decisamente inferiore circa 200 m/s (aumentando la granulometria diminuisce la velocità di reazione o di deflagrazione), l utilizzo rimane legato principalmente ad usi bellici e pirotecnici ci Solo a partire dal 1600 ca l utilizzo della polvere nera si diffonde in modo diffuso per uso Civile con la costruzione dei grandi trafori stradali 7

8 3- Cenni storici e principali utilizzi A partire dal 1800 il chimico tedesco Christian Schonbein scopre la Nitrocellulosa (1846) sostanza che sarà la base per gli esplosivi detonanti moderni Negli stessi anni il chimico piemontese Acanio Sobrero (1847) definisce la formula della Nitroglicerina [C 3 H 5 (ONO 2 ) 3 N 2 CO 2 O 2 H 2 0 HCl ] liquido oleoso forse il più famoso esplosivo conosciuto al mondo Grandiosa scoperta e passaggio da sostanze defragranti a detonanti ma le caratteristiche del nuovo composto sono pessime per un uso sicuro 8

9 3- Cenni storici e principali utilizzi Infatti l elevata sensibilità alla variazione della temperatura e l elevata sensibilità agli urti lo rende molto instabile, infatti basta una variazione di pochi gradi o un piccolo scuotimento per produrre la reazione chimica che provoca lo scoppio Questa sua sensibilità provocò diversi decessi tra coloro che cercarono di stabilizzarla per un maneggio più sicuro Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 9

10 3- Cenni storici e principali utilizzi Nel 1867 dopo anni di ricerche e di incidenti, forse casualmente, il chimico svedese Alfred Nobel inventò la Dinamite, imbevendo del cotone collodio con nitroglicerina, ottenendo così un impasto plastico, maneggevole e stabile A tutti gli effetti con la scoperta di Nobel si passa dagli esplosivi di vecchia generazione i deflagranti a quelli di nuova generazione i detonanti Dopo la scoperta della dinamite, Nobel nel 1875 perfezionò altri composti tra cui le Gelatine Esplosive tutt oggi ancora utilizzate in tutto il mondo Un ulteriore scoperta nel 1889 di Nobel fu Balistite, una polvere da sparo che non produce fumo, composta da Nitrocellulosa, Nitroglicerina e Cotone Collodio, utilizzata come polvere da sparo per le cartucce delle armi portatili. 10

11 3- Cenni storici e principali utilizzi Nel 1863 il chimico tedesco Wilbrandt mette a punto il Tritolo (trinitrotoulene) ma conosciuto come TNT, Tolite Ad oggi rappresenta l esplosivo detonante più potente non si altera a contatto con i metalli, é insolubile, può essere fuso ed é estremamente malleabile E ottenuto nitrando il toluene e miscelandolo con acido solforico e acido nitrico Il suo aspetto é quello di un sapone di colore giallo/grigio o giallo/bruno. Per tutto il XX secolo il Tritolo é stato e viene utilizzato per scopi bellici per il caricamento di ogni tipo di proiettile d'artiglieria, cariche da demolizione, bombe per aeroplano, bombe a mano, 11

12 3- Cenni storici e principali utilizzi Quindi riassumendo velocemente Polvere nere a partire dal I IX secolo d.c. in Cina per usi pirotecnici Polvere nere a partire dal IVX secolo d.c. in Europa per usi pirotecnici e militari Polvere nere a partire dal 1600 in Europa per usi civili Nitrocellulosa e Nitroglicerina prima metà 1800 in Europa per usi civili e militari Dinamite e Tritolo seconda metà 1800 in Europa per usi civili e militari 12

13 4- Caratteristiche degli esplosivi Principali caratteristiche Energia o Potenza di esplosione Velocità di detonazione Bilancio di ossigeno Distanza di colpo Sensibilità all innesco Stabilità Calore di esplosione 13

14 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Serve per classificare gli esplosivi in funzione della capacità di sviluppare energia Le classificazioni si ottengono per comparazione fra diverse tipologie in riferimento ad un esplosivo tipo standard (gomma) Si misura in diversi modi, con test e/o prove dirette: Prova di Trauzl Pendolo di Strenght Dirompenza di Kast (misura della pressione specifica) 14

15 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Prova di Trauzl Si tratta di far esplodere una carica di 10 g di esplosivo all interno di un cilindro di piombo e di misurare il volume del cratere creato, il differente volume creato fra i vari esplosivi ne determina la classificazione Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 15

16 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Pendolo di Strenght Si tratta di far esplodere una carica di peso noto in grado di far oscillare un pendolo e di misurare l angolo l di rotazione, la differente oscillazione del pendolo determina la classificazione Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 16

17 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Dirompenza di Kast (misura della pressione specifica) Si tratta di far esplodere una carica di peso noto all interno di un cilindro con un pistone e di misurare la pressione creata, la differente pressione esercitata determina la classificazione Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 17

18 4- Caratteristiche degli esplosivi Energia o Potenza di esplosione Gomma Gelatina Slurry Pulverulento Anfo TRAUZL STRENGHT 600 cc 100% 430 cc 90% 500 cc 85% 330 cc 80% 300 cc 70% GELATINA Energia specifica 4,60 MJ/kg Pressione specifica 1020 MPa Massa volumica 1460 kg/m 3 Strenght 85% / 18

19 4- Caratteristiche degli esplosivi Velocità di detonazione È la rapidità con cui si verifica la reazione esplosiva Caratterizza due grandi tipologie di esposivo (deflagranti detonanti) e di utilizzo (spostare frantumare) Polvere nera esplosivo deflagrante Velocità di reazione m/s Gelatinati esplosivo detonante Velocità di reazione m/s 19

20 4- Caratteristiche degli esplosivi Bilancio di ossigeno E la capacità dell esplosivo esplosivo di consumare e/o creare ossigeno Caratterizza l utilizzo l dell esplosivo esplosivo in relazione all ambiente ambiente dove deve essere impiegato (es. aria aperta o in galleria) bilancio O 2 % Gelatinati + 1,05-1,25 1,25 Pulverulento + 2,80-2,96 Slurry - 0 Anfo + 5,6 20

21 4- Caratteristiche degli esplosivi Distanza di colpo E la distanza minima alla quale una cartuccia di esplosivo fa esplodere una seconda cartuccia per simpatia Si misura in laboratori e caratterizza l utilizzo l dell esplosivo esplosivo in relazione al tipo di impiego 21

22 4- Caratteristiche degli esplosivi Sensibilità all innesco E la +/- sensibilità di un esplosivo ad essere innescato (cioè a far iniziare la reazione esplosiva) da un opportuno agente innescante (es. detonatore, miccia detonante, ) Si misura con la scala di Sellier Bellot che classifica in funzione della quantità di innesco necessario (fulminato di mercurio) per ottenere la detonazione i diversi tipo di esplosivi 22

23 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità Abbiamo visto come nelle sperimentazioni che hanno condotto i vari ricercatori a scontrarsi più volte con la stabilità della sostanza esplosiva Ovviamente parlando di reazione chimica, la stabilità cioè la possibilità di mantenere costanti determinate caratteristiche al variare di determinate condizioni c marginali Per gli esplosivi è importante la stabilità alla variazione della temperatura, in presenza di acqua e alle sollecitazioni meccaniche In relazione alla variazione di stabilità un esplosivo di tipo X della marca Y potrà essere adatto ad un impiego specifico in acqua o all aperto aperto e magari non in galleria oppure solo con temperature T> 0 C 0 C e non sotto zero Ecc. 23

24 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alla temperatura Rappresenta la capacità dell esplosivo esplosivo di mantenere inalterate (o perlomeno variare entro certi limiti accettabili di sicurezza) le proprie caratteristiche ristiche di sostanza esplodente al variare in + o in della temperatura La stabilità è verificata sia alle alte temperature che alle basse che provocano variazioni di comportamento della sostanza esplodente 24

25 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alla temperatura Basse temperature I potenziali pericoli riguardano la perdita di malleabilità e di conseguenza la capacità di assorbire deformandosi gli urti e inibire la propagazione della la reazione a catena che ne determina la detonazione, perdendo stabilità Es. la nitroglicerina contenuta nelle dinamiti a -20 C tende a congelare, facendo assumere alla dinamite un comportamento + rigido e fragile Nel caso si debba operare in zone fredde si dovranno adottare tutte tte le cautele tali da ovviare il congelamento dei candelotti (es. non esecuzione della volata, locali riscaldati, tempi ridotti delle operazioni, ) Nel caso si riscontri il congelamento di candelotti si dovrà contattare il produttore 25

26 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alla temperatura Basse alte I potenziali pericoli riguardano l aumento l di malleabilità e un aumento di mobilità molecolare dei singoli componenti con conseguente maggior trasmissività degli urti e possibilità di separare i vari componenti, perdendo stabilità Es. la nitroglicerina contenuta nelle dinamiti oltre i 60 C tende a liquefarsi e a separarsi dal cotone fuoriuscendo dall involucro (cartucce che trasudano e/o scatolone umido o unto) Nel caso si riscontri il trasudamento dei candelotti si dovrà contattare il produttore 26

27 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità all acqua acqua Rappresenta la capacità dell esplosivo esplosivo di mantenere inalterate (o perlomeno variare entro certi limiti accettabili di sicurezza) le proprie caratteristiche ristiche di sostanza esplodente in presenza di umidità e/o acqua In generale se l esplosivo l contiene nitroglicerina è stabile poiché non è solubile, mentre è instabile se contiene nitrati d ammonio d poiché solubile Dinamiti Polvere nera Anfo Polverulenti Slurry Stabilità all acqua acqua si no no no si 27

28 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alle sollecitazioni meccaniche Rappresenta la capacità dell esplosivo esplosivo di mantenere inalterate (o perlomeno variare entro certi limiti accettabili di sicurezza) le proprie caratteristiche ristiche di sostanza esplodente in presenza di azioni meccaniche esterne, urti e compressioni In generale se l esplosivo l contiene nitroglicerina è stabile ma in ogni caso è sempre utile evitare urti compressioni e/o qualunque forma di trauma Sperimentalmente si eseguono dei test secondo gli schemi di Kimura per valutare l affidabilità di un esplosivo nei confronti di urti reciproci, compressioni, riperforazione,, perforazione adiacente, caduta libera (limite di velocità 100 m/s altezza di caduta ca 510 m ) 28

29 4- Caratteristiche degli esplosivi Stabilità alle sollecitazioni meccaniche Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 29

30 4- Caratteristiche degli esplosivi Calore di esplosione E il calore sviluppato durante la reazione esplosiva, è misurato in kcal/kg Caratterizza la tipologia di un esplosivo ad essere utilizzato in ambienti sensibili al calore (es. scavi in galleria con potenziale presenza di miscele gassose esplosive) 30

31 5- Classificazione degli esplosivi Classificazione degli esplosivi Gli esplosivi possono essere classificati in funzione delle caratteristiche fisiche (velocità di reazione) prodotti in commercio leggi e norme 31

32 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione Quando un esplosivo agisce si decompone con grandissima rapidità e sviluppa una grande quantità di calore e gas, generando un'onda di pressione spaziale sferica la cui azione dirompente dipende dal tipo di materiale su cui agisce Gli effetti dell onda di shock a debita distanza sono il bang sonico e l effetto l vibratorio Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 32

33 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione Demolizione di blocchi rocciosi ciclopici con esplosivo detonante e tiro elettrico 33

34 Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione 34

35 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione Distacco artificiale di lastrone da vento duro con la tecnica del lancio a mano 35

36 Operatore e assistente del distacco artificiale di valanghe 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione 36

37 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione In funzione della velocità di reazione si possono classificare come segue ESPLOSIVI e SOSTENAZE ESPLODENTI Velocità qualche 100 m/s Velocità qualche 1000 m/s Deflagranti Detonanti Polvere nera ( m/s) Gelatinati ( m/s) Slurry(4200 ( m/s) Pulvirulenti ( m/s) Emulsioni (3900 m/s) Anfo ( m/s) 37

38 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle caratteristiche fisiche - velocità di reazione In funzione della velocità di reazione si possono classificare come segue ESPLOSIVI e SOSTENAZE ESPLODENTI Velocità qualche 100 m/s Velocità qualche 1000 m/s Deflagranti Detonanti Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 38

39 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale In funzione della disponibilità commerciale si possono classificare come segue ESPLOSIVI e SOSTENAZE ESPLODENTI Gelatine ANFO Emulsioni Esplosivi di sicurezza Pulverulenti Slurry Polvere nera Pentrite 39

40 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Gelatine Derivano dalle dinamiti di Nobel, sono composti principalmente da Nitroglicerina o Nitroglicole,, Nitrocellulosa, sostanze inerti, additivi minerali e nitrato d ammoniod L aspetto è una pasta bianco-rosato con puntini più scuri e sono confezionate in candelotti rivestiti di carta paraffinata del diametro di mm e di varia grammatura Possono essere utilizzate sia in ambiente aperto che in galleria e anche in presenza di acqua e/o umidità Una variante della gelatina in cui la nitroglicerina rappresenta 100% della sostanza esplodente è la Gomma, confezionata in pani e utilizzata per cariche appoggiate ate 40

41 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Pulverulenti Sono miscele a base di nitrato di ammonio ad alto titolo di azoto o con aggiunta di TNT e additivi minerali L aspetto è una polvere bianco-grigio ed è confezionato in sacchetti di pvc di diametro di mm e di varia grammatura chiusi ad una estremità Possono essere utilizzate sia in ambiente aperto che in galleria ma a seguito della solubilità del nitrato di ammonio non in presenza di acqua 41

42 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - ANFO Sono miscele a base di Ammonium Nitrate Fuel Oil cioè nitrato d ammonio d e olio combustibile L aspetto è una polvere bianco-giallastra ed è confezionato in sacchetti di pvc di diametro di mm e di varia grammatura chiusi ad una estremità E generalmente poco sensibile all innesco quindi necessita di una carica di fondo aggiuntiva (es. gelatina o slurry) ) o di un boosters 42

43 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Slurry Sono a base di TNT e di nitrato d ammonio d in soluzione satura di acqua con componenti minerali L aspetto è quello di un gel bianco o giallognolo semitrasparente confezionato in tubolari di pvc di diametro di mm e di varia grammatura Sono nati per un utilizzo prevalentemente subaqueo ma grazie all assenza assenza di nitroglicerina e nitroglicole (causa di cefalee per i maneggiatori) si sono sviluppati anche per utilizzi fuori dall acqua acqua 43

44 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale - Emulsioni Sono miscele di 2 componenti fra loro immiscibili e inerti, quindi rappresentano un sistema a 2 fasi (ossidante e combustibile), l acqua l presente è minima poiché le soluzioni saline sono ad elevata concentrazione L aspetto è quello di un gel granulare quasi schiumoso bianco o giallognolo semitrasparente confezionato in tubolari di pvc di diametro di mm e di varia grammatura Sono miscelati sul posto mediante particolari automezzi e per utilizzi massicci, vengono versati direttamente da boccaforo e contestualmente miscelati 44

45 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale Polvere nera E il più antico fra gli esplosivi, chiamato anche polvere pirica polvere da sparo, è composta da nitrato di potassio 75%, carbone di legna 15% e zolfo o 10% L aspetto è quello di una polvere nera, ed è confezionata in barattoli o sacchetti E sensibile all acqua acqua e all umidit umidità,, che ne inibiscono il suo potere deflagrante E utilizzata principalmente nel settore estrattivo per materiali lapidei ornamentali in quanto la velocità di reazione tende a spostare e non a demolire i blocchi precedentemente isolati 45

46 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale Di sicurezza Definiti anche anti-gris grisù o grisutine derivano dagli esplosivi detonanti tradizionali modificando le proporzioni dei componenti e con l aggiunta l di particolari mezzi estinguenti (cloruro di sodio, nitrati, bromuri, fluoruri di sodio e di potassio) Sono studiati in modo da ottenere basse temperature derivanti dal l calore di esplosione in modo da non permettere l accensione l di gas o polveri infiammabili 46

47 5- Classificazione degli esplosivi In funzione della disponibilità commerciale Pentrite E il componente principale utilizzato nel confezionamento delle micce m detonanti, non viene commercializzato sfuso, quindi non può essere utilizzato come c esplosivo a se stante 47

48 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme In funzione del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS) gli esplosivi si possono classificare come segue: 1 categoria polveri e prodotti affini negli effetti esplodenti 2 categoria dinamiti e prodotti affini negli effetti esplodenti 3 categoria detonatori e prodotti affini negli effetti esplodenti 4 categoria artifici e prodotti affini negli effetti esplodenti 5 categoria munizioni di sicurezza e giocattoli pirici 48

49 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 1 categoria polveri e prodotti affini negli effetti esplodenti Tutti gli esplosivi deflagranti Polvere nera Polvere da sparo 49

50 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 2 categoria dinamiti e prodotti affini negli effetti esplodenti Tutti gli esplosivi detonanti (secondari) Gelatine Tutti i prodotti affini Miccia detonante Pulverulenti Anfo Slurry Emulsioni Antigrisù 50

51 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 3 categoria detonatori e prodotti affini negli effetti esplodenti Tutti i tipi di detonatori costituiti da capsule metalliche all interno delle quali è contenuto in genere dell esplosivo esplosivo primario (es. pentrite) Per tiro a fuoco Detonatori comuni (o a fuoco) Relais per miccia detonante Per tiro elettrico Detonatori elettrici Detonatori elettronici Detonatori ad onda d urtod Relais per miccia detonante 51

52 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 4 categoria artifici e prodotti affini negli effetti esplodenti Fuochi artificiali e pirotecnici Razzi da segnalazione 52

53 5- Classificazione degli esplosivi In funzione delle Leggi e delle Norme 5 categoria munizioni di sicurezza e giocattoli pirici Miccia a lenta combustione Accenditori elettrici 53

54 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Accessori della catena esplosiva Sono quell insieme di componenti indispensabili per procedere alla creazione e di una catena che porta all innesco di una deflagrazione/detonazione di un esplosivo Micce Micce a lenta combustione Micce detonanti Per tiro elettrico e/o a fuoco Detonatori comuni o a fuoco Relais per miccia detonante Detonatori elettrici Detonatori elettronici Detonatori a onda d urtod Boosters 54

55 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia a lenta combustione E identificata anche con il nome di miccia di sicurezza o ordinaria ia ha una grammatura che ne determina la velocità di 1 m x 120 s +/- 2 s/m Trasmette la fiamma che farà deflagrare la polvere nera e/o il detonatore a fuoco E costituita da un anima di polvere nera protetta da strati telati impermeabilizzati con la funzione di proteggere dall acqua acqua e dall umidit umidità l anima Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 55

56 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia a lenta combustione Problematiche e attenzioni all uso E sensibile all umidit umidità (se esposta direttamente) Il polverino deve essere sempre nero Non sovrapporre le spire della miccia Evitare il contatto con grasso, olio, benzina, solventi Una volta accesa il dardo di fuoco prosegue anche nell acqua E sempre meglio verificare la velocità Non piegare in modo serrato Non esporre la miccia al caldo intenso, si danneggia la guaina esterna Non esporre la miccia al freddo intenso, si irrigidisce e si separa il polverino Per l accensione l utilizzare accenditori a strappo o pirea (10 cm / 60 s) 56

57 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia detonante Sono micce con l anima l costituita da un esplosivo detonante (generalmente pentrite) e) ha diverse grammature (g/m) e velocità di detonazione pari a m/s Trasmette la detonazione fra detonatore e esplosivo / esplosivo-esplosivo E costituita da un anima di esplosivo detonante protetta da strati telati impermeabilizzati con la funzione di proteggere dall acqua acqua e dall umidit umidità l anima Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 57

58 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Miccia detonante - Problematiche e attenzioni all uso In commercio si trovano micce di diversa grammatura (g/m) E sensibile all umidit umidità (se esposta direttamente) Il fuoco non innesca la detonazione ma produce la combustione della miccia Attenzione ai collegamenti e al verso di propagazione della detonazione Il polverino deve essere sempre bianco (generalmente pentrite) Risente del caldo e del freddo intenso L innesco della miccia avviene per detonazione di un detonatore Risente meno della miccia a lenta combustione delle torsioni / piegature 58

59 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori Sono stati inventati da Nobel Sono il mezzo specifico per innescare la detonazione negli esplosivi sivi detonanti Sono capsule in alluminio o rame contenenti una carica esplosiva sensibile atta ad innescare la prima detonazione La caratteristica più importante è che si innescano solo a comando e non spontaneamente Il comando di innesco caratterizza il tipo di detonatore: a fuoco, elettrico, ad urto, elettronico 59

60 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori - Problematiche e attenzioni all uso E il componente più sensibile e quindi più pericoloso di tutta la catena esplosiva Sono sensibili agli urti Sono sensibili al calore Sono sensibili alle correnti vaganti trasmesse dai temporali L esploditore deve essere adatto al tipo di intensità del detonatore Sono sensibili alle compressioni Sono sensibili alle correnti vaganti per linee ad alte tensione Sono sensibili ai trasmettitori di radiofrequenze I detonatori devono essere della stesso produttore 60

61 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori comuni o a fuoco Si innesca con il dardo infuocato della miccia a lenta combustione a cui è sempre abbinato e quindi è sensibile al fuoco E un bossolo di alluminio contenente due tipi di esplosivo primario io e secondario e non esistono in forma ritardata La carica primaria è generalmente azotoidrato di piombo La carica secondaria è generalmente pentrite La potenza secondo la scala Sellier-Bellot è 8 Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 61

62 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Relais per miccia detonante Si innesca con la miccia detonante a cui è sempre abbinato e quindi è sensibile alla detonazione e serve come elemento di interruzione temporanea E un bossolo in alluminio a doppia apertura che permette di ritardare (20/50 millisecondi) la trasmissione della detonazione lungo una miccia detonante L elemento di ritardo determina il tempo di interruzione della miccia Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 62

63 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori elettrici Sono analoghi a quelli a fuoco, ma il dardo di fuoco per far deflagrare l esplosivo l primario proviene da una resistenza elettrica che si arroventa al passaggio dell elettricit elettricità e infiamma il materiale in cui è immersa I detonatori possono essere istantanei, ritardati e microritardati I detonatori possono essere a bassa (0,75 A), media (1,8 A) e alta intensità (25 A) Attenzione Decreto Legge Consiglio dei Ministri 22 luglio 2005 Pisanu Nuove norme per il contrasto del terrorismo internazionale e della la criminalità Ha vietato l uso l dei detonatori a bassa e media intensità 63

64 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori elettrici Istantanei al passaggio della corrente si innescano Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani Ritardati n. 12 ritardi di 0,5 s Es. n. 3 = 0,5 s dopo 2 = 1,5 s dopo 0 Es. n. 8 = 0,5 s dopo 7 = 4 s dopo 0 Microritardati n. 18 ritardi di ms Nel caso di ritardo di 25 ms Es. n. 3 = 25 ms dopo 2 = 75 ms dopo 0 Es. n. 8 = 25 ms dopo 7 = 200 ms dopo 0 Da Manuale di Esplosivistica Civile Autore Danilo Coppe Edizione PEI 64

65 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori elettronici Sono concettualmente come i detonatori elettrici istantanei, ma con l aggiunta l di un microchip programmabile che governa i possibili 60 tempi dei ritardo con uno step compreso fra 1 e 100 ms La possibilità di programmare ogni detonatore tramite il microchip, permette di identificare ogni detonatore e controllare l invio l della corrente a quel detonatore, minimizzando la possibilità di errore Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 65

66 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Detonatori ad onda d urtod Sono analoghi a quelli a fuoco, ma il dardo di fuoco per far deflagrare l esplosivo l primario proviene da un tubicino in plastica entro cui è inserito un esplosivo detonante con velocità di circa 2000 m/s Il tubicino convoglia la detonazione lungo il suo asse come un conduttore I detonatori ad urto possono essere istantanei e ritardati Da Gli esplosivi e la sicurezza Italesplosivi Pravisani 66

67 6- Accessori da mina (micce, detonatori e relais) Boosters Sono cariche esplosive detonanti che migliorano l innesco l di esplosivi poco sensibili a un detonatore tradizionale (anfo( anfo,, pulverulenti, ) L esplosivo utilizzato per la realizzazione del booster è insensibile alle sollecitazioni esterne all innesco Si innescano utilizzando un detonatore a fuoco, elettrico, elettronico, 67

Leonardo Corbo ESAME PER LA LICENZA DI FOCHINO

Leonardo Corbo ESAME PER LA LICENZA DI FOCHINO Leonardo Corbo ESAME PER LA LICENZA DI FOCHINO pirola editore - milano - 1983 INDICE Esplosivi pag. 5 esplosivi detonanti. pag. 5 esplosivi deflagranti. pag. 5 polvere nera. pag. 5 esplosivi per l innescamento.

Dettagli

Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori.

Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori. O.S.E. n. ORDINE DI SERVIZIO PER L IMPIEGO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA COMPILATO DAL DIRETTORE DELLA CAVA DENOMINATA, REDATTO A NORME DELL ART. 305 DEL D.P.R. 09/04/59, N.128 E SUCCESSIVE MODIFICHE. Cava di

Dettagli

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA AGGIORNAMENTO 2013 p.m. Luciano Selva dott. Giacomo Nardin a cura di Luciano Selva e Giacomo Nardin USO INTERNO p ag 1 5. NORMATIVA

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Manuale Istruzioni CaricaBatterie Automatico 12V 0,8/3,8A Modello: 4506070

Manuale Istruzioni CaricaBatterie Automatico 12V 0,8/3,8A Modello: 4506070 Manuale Istruzioni CaricaBatterie Automatico 12V 0,8/3,8A Modello: 4506070 IMPORTANTE: LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI CONTENUTE NEL PRESENTE MANUALE E CONSERVARLO PER RIFERIMENTI FUTURI INDICE 1) ISTRUZIONI

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DEL MATERIALE E DEL FORNITORE 1.1 Identificazione del prodotto: Detonatori non-elettrici con tubo ad onda d urto (serie 42000) Detonatori

Dettagli

MANUALE PER L'ESAME DI FOCHINO

MANUALE PER L'ESAME DI FOCHINO Gen. Lorenzo Golino MANUALE PER L'ESAME DI FOCHINO Nozioni tecniche e giuridiche Bolzano, aprile 2000 1 Ho il piacere di presentare ai visitatori del mio sito internet http://www.earmi.it il presente aureo

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Pagina 1 di 5 INNOVATICA presenta l estinguente del futuro DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Rapido Sicuro ed affidabile Efficace ed efficiente Compatibile con l ambiente INNOVATICA,

Dettagli

INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B

INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B L inibitore brevettato sottodescritto è un erogatore manuale, portatile, di aerosol con grande capacità estinguente, innocuo ed eco-compatibile. Si presenta

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

Esplosivi liquidi Nuove tecnologie di detection

Esplosivi liquidi Nuove tecnologie di detection Esplosivi liquidi Nuove tecnologie di detection di Stefano Scaini Le figure impegnate nella Security devono riconsiderare gli scenari critici, le procedure di sicurezza e le tecnologie di detection fino

Dettagli

Nell evoluzione dell incendio si possono individuare quattro fasi caratteristiche:

Nell evoluzione dell incendio si possono individuare quattro fasi caratteristiche: pag.1 L INCENDIO L incendio è una reazione rapida di ossidazione caratterizzata da un emissione di energia e di prodotti della combustione, questi ultimi comprendono: vapore acqueo, gas (CO, CO2, ecc.),

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING Efficace fino a -30 C La tecnologia wetting agent di nuova generazione progettata per proteggere persone, proprietà ed ambiente. CINQUE PRODOTTI IN UNO 1 2 3

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

Fuochi pirotecnici ed esplosivi da mina

Fuochi pirotecnici ed esplosivi da mina Agatino Cinardi Fuochi pirotecnici ed esplosivi da mina Guida tecnico-amministrativa per chi fabbrica, deposita, trasporta, importa ed esporta esplosivi e per chi accende fuochi artificiali, opera nelle

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

SEMINARIO ATI IL SISTEMA FIACCOLA: esigenza operativa, sicurezza ed impatto ambientale. MEMORIA

SEMINARIO ATI IL SISTEMA FIACCOLA: esigenza operativa, sicurezza ed impatto ambientale. MEMORIA MEMORIA Relatore: Vincenzo Di Giovine Societa Combustion and Energy srl 1. Sommario L articolo contiene una panoramica sulla evoluzione dei sistemi di accensione piloti di torce. Si fa riferimento ai vari

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso base di protezione civile

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso base di protezione civile Obiettivi della lezione: o Comprendere la chimica del fuoco: come si sviluppa il fuoco e come può essere contrastato. o Riconoscere i pericoli che possono nascere in presenza di un incendio e sapere come

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO MEDIO Il DLgs 81/2008 Il DM 10.03.1998 è la Legge di che tratta Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK Apparecchio a raggi UV-C + Ozono + Tiox per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe aspiranti delle cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore che può essere equipaggiato

Dettagli

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS Cavi Tecsun technergy INTEGRATED CABLING SOLUTIONS TM TECSUN Chi siamo Tecsun µ Il gruppo Prysmian è tra i leader mondiali nel settore dei cavi per l energia e per le telecomunicazioni e vanta un forte

Dettagli

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà dei MATERIALI in quanto li descrive singolarmente nel capitolo del materiale trattato; ma io ritengo sia un argomento comune a tutti

Dettagli

Pile e accumulatori. Approfondimento. "" Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday

Pile e accumulatori. Approfondimento.  Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday Capitolo Approfondimento elettrochimiche elettrolisi e le leggi di Faraday 14Le3. Ltrasformazioni Pile e accumulatori Pile e vita quotidiana Un applicazione importante delle celle elettrochimiche è il

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

Termoresistenza per misure superficiali Modello TR50

Termoresistenza per misure superficiali Modello TR50 Misura di temperatura elettrica Termoresistenza per misure superficiali Modello TR50 Scheda tecnica WIKA TE 60.50 per ulteriori omologazioni vedi pagina 9 Applicazioni Per la misura di temperature di superficiali

Dettagli

SECURITY E TERRORISMO. di ordigni di vario genere e natura, rappresenta oggi uno dei più comuni. assumere tradizionalmente forme diffe-

SECURITY E TERRORISMO. di ordigni di vario genere e natura, rappresenta oggi uno dei più comuni. assumere tradizionalmente forme diffe- SECURITY E TERRORISMO antifurto aprile 2009 Security ed esplosivi: il terrorismo attraverso i canali postali Prima Parte Stefano Scaini Può essere sufficiente un banale pacco per compiere un attentato.

Dettagli

Soluzione con Novec 1230

Soluzione con Novec 1230 Soluzione con Novec 1230 CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI SPEGNIMENTO A GAS NOVEC 1230 Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM 1230 Introduzione Il Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

Alluminio - Aluminium

Alluminio - Aluminium Alluminio - Aluminium Dati essenziali Nome: Alluminio Nome internazionale: aluminium Simbolo: Al Numero atomico: 13 Peso atomico: 26.981538 Gruppo: 13 Periodo: 3 Numero di assidazione: +3 Elettronegatività:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

Kit CE 30 KIT ANTIFURTO SENZA FILI

Kit CE 30 KIT ANTIFURTO SENZA FILI Kit CE 30 KIT ANTIFURTO SENZA FILI MANUALE ACCESSORI (Versione 5.0.0) [SMD] [Serie 100] [48 bit] [SPV] [AN] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle direttive R&TTE (Unione Europea)

Dettagli

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità Generalità Le cere dentali Prof. Silvia Recchia le cere dentali sono: utilizzate in numerosi impieghi, ma soprattutto per la modellazione di protesi (da riprodurre in lega o resina) materiali termoplastici

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 6 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate ASPETTI

Dettagli

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica eurothex HI-performance ad alta efficienza energetica Un sistema di riscaldamento e raffrescamento ad alta efficenza energetica Thermoplus è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento ad

Dettagli

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI franco zecchini (iosolo35) UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI 17 February 2015 In questo articolo tratterò un tema molto importante e tante volte preso, da parte di progettisti ed installatori un po sottogamba,

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO SCOPRIRE APPASSIONARSI CRESCERE A SCUOLA ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO GLI INCHIOSTRI DA STAMPA via dei salesiani, 15 mestre-venezia t. 041.5498111 www.issm.it DEFINIZIONE DI INCHIOSTRO

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE LA RIVELAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE Lo scopo che si prefigge la rivelazione automatica degli

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART.100 D.Lgs. 81/2008 e s.m. ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI ESERCITAZIONE SOMMARIO: 3. RELAZIONE IN MERITO ALL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI.... 3 3.1. SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

INDICE SEZIONE 1 SEZIONE 2 SEZIONE 3 SEZIONE 4 SEZIONE 5 SEZIONE 6 SEZIONE 7 SEZIONE

INDICE SEZIONE 1 SEZIONE 2 SEZIONE 3 SEZIONE 4 SEZIONE 5 SEZIONE 6 SEZIONE 7 SEZIONE Notifica ai fini del DLvo. 21.09.2005 Lazzeri s.n.c. di Lazzeri Divo pag. 1 di 44 INDICE SEZIONE 1...2 SEZIONE 2...3 SEZIONE 3...4 SEZIONE 4...5 SEZIONE 5...6 SEZIONE 6...7 SEZIONE 7...8 SEZIONE 8...10

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno - Corso di prevenzione incendi

Ing. Mauro Malizia - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno - Corso di prevenzione incendi CAPITOLO 1 L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO Definizione: rapida ossidazione di materiali con notevole sviluppo di calore, fiamme, fumo e gas caldi. Effetti dell'incendio: Emanazione di energia

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE Esercitazioni di fisica a cura di Valeria Conti Nibali A.A. 2008/09 Esercizio 1 Si consideri

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

Il casco e le sue varianti

Il casco e le sue varianti Casco D+ Liceo Scientifico Statale Federico II Altamura Il casco e le sue varianti E il nostro progetto riguarda 1 L ELMETTO DA LAVORO Domanda: perché si è soliti non rispettare tale cartello?? PERCHE

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive Termografia IR Cristiano Riminesi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Firenze Pag. 2 di

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Perché possa insorgere un incendio occorre la contemporanea presenza di: - COMBUSTIBILE = la sostanza che brucia (può essere solida, liquida o gassosa) -

Dettagli

sicurezza abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Indoor venting...pag.

sicurezza abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Indoor venting...pag. sicurezza 157 Sistemi di soppressione e controllo esplosioni, abbattimento scintille, rumore e insonorizzazione Sistemi di soppressione e controllo esplosioni...pag. 154 Sui nostri filtri siamo in grado

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI 1

PREVENZIONE INCENDI 1 PREVENZIONE INCENDI 1 COMBUSTIONE La combustione è la reazione chimica di due sostante (combustibile e comburente) con sviluppo di calore. Condizioni necessarie per la suddetta reazione chimica sono: presenza

Dettagli

AROMA 1500 DIGIT O R Q P T S B D E J. Fig.1 Fig.2 Fig.3. Fig.4 Fig.5 Fig.6. Fig.7 ITALIANO

AROMA 1500 DIGIT O R Q P T S B D E J. Fig.1 Fig.2 Fig.3. Fig.4 Fig.5 Fig.6. Fig.7 ITALIANO AROMA 1500 DIGIT K B D E J L J1 M A O R Q N U V P T S C F G I Fig.1 Fig.2 Fig.3 6 3 Fig.4 Fig.5 Fig.6 Fig.7 LEGENDA A) Coperchio raccoglitore B) Raccoglitore C) Caldaia D) Filtro a disco E) Guarnizione

Dettagli

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità www.consorziosies.it Università degli Studi di Sassari www.sardegnambiente.com La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità Leonetto Conti Energia da biomasse e rifiuti: quale ruolo per la

Dettagli

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica 2 PiroVas - ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas - ThermoVas Bongioanni Caldaie da sempre sensibile ai problemi energetici

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 AGENTI CHIMICI LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 informazioni per la tutela della sicurezza e della salute di lavoratori e cittadini aggiornato ai Regolamenti REACH e CLP nell ambito del Progetto nell

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO)

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Le tubazioni in cemento armato ordinario utilizzano le caratteristiche di resistenza alla compressione del calcestruzzo ed a trazione per l'acciaio. Le condotte

Dettagli

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA Grigliati in Poliestere Rinforzato con Fibra di Vetro (PRFV) Revisione 5 del 30/12/2014 0. INTRODUZIONE La Normativa Europea sui prodotti chimici N 1907/2 006 (REACH)

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE CON NOZIONI DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE F A B I O G R A N D A C C I R S P P I primi modi di comunicare che conosciamo sono stati i seguenti: Tracciare segni sul

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3 COMPOUND SERIE G P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E 1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO 1.1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO GUARNIFLON, oltre al PTFE vergine, dispone

Dettagli

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa 2013 www.presepevirtuale.it 1 Questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per realizzare con successo semplici circuiti stampati come quelli

Dettagli

Tubi per ventilazione <250 C

Tubi per ventilazione <250 C 21 ASPIREX EOLO Descrizione: Tubo in PVC plastificato di colore grigio, con spirale di rinforzo in PVC rigido, corrugato esternamente, liscio internamente. Impiego: Idoneo per aspirazione di aria, fumi,

Dettagli

Sostituzione cavo Skyscan EQ6

Sostituzione cavo Skyscan EQ6 Sostituzione cavo Skyscan EQ6 La montatura equatoriale EQ6 della Sky Watcher viene fornita in dotazione con un cavo di collegamento fra SkyScan e testa equatoriale lungo solo 60 cm; il cavo è a spirale

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli