ON ,5 3 4,5 4 ON OFF ECO Istruzioni d uso 10/08 - CI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI"

Transcript

1 P A R T. T37 B Sistema Gestione Energia kw Istruzioni d uso /8 - CI

2 Sistema Gestione Energia. ISTRUZII PER L UTENTE. Generalità del sistema Il sistema è in grado di gestire la potenza disponibile da contratto ENEL (per esempio 3 kw) prevenendo l intervento della protezione termica del contatore ENEL come conseguenza di un sovraccarico causato dall accensione contemporanea di più elettrodomestici. E possibile inoltre vincolare il funzionamento di alcuni elettrodomestici solo in determinate fasce orarie selezionate mediante un programmatore orario o settimanale esterno opzionale. eventuale temporizzatore opzionale pannello di visualizzazione V a.c. carico non controllato carico controllato priorità carico controllato priorità carico controllato priorità 3 Ad ogni apparecchio da controllare sarà associato un attuatore gestito dalla centrale che permette di sconnettere e riconnettere il carico. Nell esempio di figura, il forno, il boiler e la lavatrice sono controllati tramite attuatori, mentre il frigorifero, per il quale non si vuole assolutamente interrompere il funzionamento, è collegato alla rispettiva presa, senza alcun attuatore. Al sopraggiungere di un sovraccarico verranno scollegati gli elettrodomestici per evitare l intervento della protezione nel contatore ENEL. Gli apparecchi si sconnetteranno secondo un ordine di importanza stabilito mediante appositi configuratori numerati applicati nel retro degli attuatori. Nell esempio riportato in figura il primo apparecchio che si sconnetterà sarà quello ritenuto meno importante dall utente (nell esempio il boiler, il cui attuatore avrà configuratore N ); il forno è invece l apparecchio controllato con maggior importanza (il rispettivo attuatore avrà configuratore N 3) che si scollegherà dopo il boiler e la lavatrice. E comunque possibile per l utente utilizzare un apparecchio sconnesso dalla centrale agendo direttamente sul pulsante presente sull attuatore. In questo caso se permane la condizione di sovraccarico la centrale sconnetterà degli altri apparecchi. Al cessare della condizione di sovraccarico, la centrale provvederà a ripristinare il collegamento di tutti i carichi, a partire dall ultimo scollegato.

3 . Utilizzo del sistema.. Gestione sovraccarichi attuatori Living Int. / Light attuatore DIN 3 centrale A PLCC G pannello di visualizzazione 3 Impianto in condizioni normali: Il normale funzionamento dell impianto è segnalato sulla centrale mediante l accensione dell indicazione () colore VERDE, e sugli attuatori mediante l indicatore luminoso (3) colore ARAN- CIO. Impianto in sovraccarico (prelievo eccessivo di energia dal contatore): Al verificarsi di un sovraccarico, l imminente distacco di un apparecchio utilizzatore è indicato sulla centrale dal rispettivo indicatore luminoso () con un segnale ROSSO lampeggiante. Carichi utilizzatori disattivati per sovraccarico: La centrale disattiva in sequenza i carichi connessi (elettrodomestici, etc.), sino a quando non cessa la condizione di sovraccarico. Il carico disattivato viene indicato sulla centrale, sul rispettivo attuatore e sull eventuale pannello di visualizzazione da una segnalazione () di colore ROSSO. Evitare di toccare direttamente con le mani le parti in movimento di elettrodomestici o di lavastoviglie e lavatrici che hanno cessato di funzionare per disattivazione dalla centrale, in quanto questi possono riprendere a funzionare qualora cessi la condizione del sovraccarico. Connessione forzata del carico scollegato per sovraccarico: E possibile per l utente ripristinare il funzionamento di un carico disattivato (es: si desidera concludere rapidamente la fase di lavaggio della lavatrice, lavastoviglie ecc.), agendo sul tasto () presente sull attuatore e sul pannello di visualizzazione. In questo caso il carico si riattiverà e resterà attivo fino al successivo azionamento del tasto o, comunque, per un periodo massimo di ore. Al termine di questo periodo l attuatore ritorna nello stato previsto dalla priorità impostata. Si tenga presente che con l attivazione forzata di un carico, la centrale procede con la disattivazione di un altro carico seguendo la priorità prevista. Il carico forzatamente collegato viene segnalato sulla centrale e sugli attuatori con lo spegnimento del rispettivo indicatore () ROSSO e con la contemporanea accensione dell indicatore (3) ARAN- CIO lampeggiante sull attuatore. Il carico forzatamente attivato verrà in ogni caso scollegato se la centrale individua un sovraccarico nell impianto che permane anche dopo la disattivazione di tutti gli altri carichi sotto controllo. 3

4 Sovraccarichi non controllati: Qualora la potenza di elettrodomestici non collegati agli attuatori del Sistema Gestione Energia sia maggiore della potenza di contratto ENEL (installazione non corretta), si potrebbero verificare comunque dei sovraccarichi. In questa evenienza la centrale disattiverà tutti i carichi senza rientrare dal sovraccarico. Tale situazione di anomalia sarà segnalata dal lampeggio simultaneo di tutti gli indicatori di colore ROSSO, relativi ai carichi, presenti nella centrale. All ulteriore permanenza di questa situazione interverrà come di consueto, l interruttore limitatore del contatore... Gestione dei carichi per fasce orarie Collegando alla centrale art. F un dispositivo programmatore orario o giornaliero, è possibile attivare i carichi desiderati (lavatrice, stufa elettrica ecc.) solo in determinate fasce orarie (per eventuali tariffe ENEL economiche oppure per esigenze particolari). La selezione dei carichi da attivare entro le fasce orarie programmate avviene spostando nella posizione i rispettivi microinterruttori () presenti nella centrale. Il carico disattivato per gestione della fascia oraria viene segnalato sulla centrale e sull attuatore con l accensione del rispettivo indicatore () luminoso ROSSO.. ISTRUZII PER L INSTALLATORE. Generalità del sistema Il sistema, mediante un toroide esterno TA e una centrale di controllo, è in grado di leggere la potenza assorbita dall impianto individuando i sovraccarichi e procedendo alla disattivazione dei carichi meno prioritari. Per ogni carico da controllare (elettrodomestico, utenze diverse ecc.) è necessario installare un attuatore, collegato alla rispettiva presa di utenza, al quale sarà assegnata la rispettiva priorità di disattivazione. Oltre all impiego di un alimentatore supplementare, che estende il controllo da a 6 attuatori, è possibile integrare nel sistema fino a pannelli di visualizzazione/controllo (opzionali) che consentono di centralizzare tutti i comandi e le segnalazioni dei diversi attuatori installati nel sistema eventuale temporizzatore opzionale eventuale alimentatore supplementare (art. E6ADCN) eventuale pannello di visualizzazione I d 3V a.c. 3V a.c. fase neutro Per non provocare sovraccarichi incontrollati e l intervento dell interruttore limitatore del contatore, è buona norma predisporre l installazione in maniera tale che la potenza di eventuali carichi non controllati dal sistema, sia minore del valore di contratto ENEL.

5 Tutti i dispositivi sono collegati in parallelo tra loro, mediante un semplice doppino inguainato, non schermato e non polarizzato (doppino telefonico) il quale fornisce l alimentazione ai vari dispositivi in bassissima tensione di sicurezza (SELV) e trasmette tutti i segnali di controllo e di comando. Per il cablaggio del sistema può essere impiegato il doppino telefonico secondo norme CEI 6-5 o il doppino inguainato SCS specifico art. L66 realizzato da Bticino. Gli attuatori relè devono essere collegati, oltre che al doppino, anche alla rispettiva presa di corrente (linea di potenza 3 V a.c.) per il controllo dell alimentazione del rispettivo carico comandato. morsetto estraibile cavo di fase 3 V a.c. doppino SCS coperchio di protezione morsetto L utilizzo del doppino inguainato Bticino art. L66 con isolamento 3/5V e la chiusura dei morsetti con il proprio coperchio di protezione, danno la possibilità di installare tutti gli apparecchi a fianco di dispositivi di energia evitando l utilizzo di setti separatori. In caso di cortocircuito accidentale del doppino, ripristinare il corretto funzionamento togliendo temporaneamente l alimentazione alla centrale. Descrizione degli articoli Gli articoli che compongono il Sistema Gestione Energia sono i seguenti:. centrale di controllo carichi art. F.. attuatore controllo carichi Living International/Light art. L/N attuatore controllo carichi modulo DIN art. F.. doppino BTicino art. L66 o doppino telefonico a norma CEI programmatore fasce orarie (opzionale). 6. pannello di visualizzazione (opzionale) art. N eventuale alimentatore supplementare art. E6ADCN... Centrale Gestione Energia art. F Questo apparecchio, realizzato in contenitore con ingombro moduli DIN, costituisce il cuore di tutto il sistema, in quanto provvede alla gestione e al controllo delle prese di alimentazione dei vari utilizzatori ad esso connesse tramite gli attuatori. Caratteristiche tecniche: Alimentazione: 3 V a.c. 5 Hz Tensione di uscita sul Bus SCS: 7 V d.c., A Consumo di corrente ai morsetti SCS (con alimentatore supplementare): max. ma Massimo numero di dispositivi comandabili:ogni centrale può alimentare un massimo di attuatori e pannello di visualizzazione art. N68 (6 attuatori con alimentatore SCS art. E6ADCN supplementare) Temperatura di funzionamento: -5 + C 5

6 comune contatto temporizzatore non utilizzato ponte alimentazione Alimentazione 3 V a.c. Trasformatore TA. Commutatore per selezione della potenza nominale Pn: permette la selezione di uno degli otto livelli di potenza nominale indicata in kw dell impianto. E possibile selezionare potenze di, kw. Commutatore per selezione fine della potenza Pn: permette di effettuare la regolazione fine della potenza Pn impostata (, ± 5%, ± % e ± %). 3. Indicatori luminosi 8: segnalano lo stato di disattivazione relativo ai carichi sotto controllo e lo stato di sovraccarico dell impianto.. Microswitch : questi 8 microinterruttori (/) selezionano i carichi eventualmente gestiti per fascia oraria in base allo stato del contatto di un programmatore orario esterno. Quando il contatto del temporizzatore è chiuso, il microinterruttore in posizione disattiva il rispettivo carico. Se il microinterruttore è in posizione, per qualsiasi stato del contatto del temporizzatore il rispettivo carico è sempre attivo, a meno dei sovraccarichi.... Attuatore controllo carichi art. L/N67 e art. F Questo apparecchio, realizzato sia in moduli da incasso della serie Living International e Light (art. L/N67) che in contenitore DIN a moduli (art. F), esegue i comandi impartiti dalla centrale art. F attivando o disattivando, mediante relè interno, i carichi connessi per mezzo della relativa presa. L assegnazione di uno degli otto livelli di priorità (importanza) del carico connesso all attuatore si effettua mediante l inserimento di un configuratore numerato nella apposita sede CC. Caratteristiche tecniche: Alimentazione: 7 V d.c. da doppino SCS Assorbimento: ma max. Carichi pilotabili a 3V a.c. : - 6A resistivi - A lampade ad incandescenza - A lampade fluorescenti e trasformatori Ingombro: moduli Living International/Light (art. L/N67) moduli DIN (art. F) Temperatura di funzionamento: -5 + C 6

7 fronte art. L/N67 retro carico fase art. F carico fase A PL CC G 3 3 posizione CC per configuratore di definizione della priorità di disattivazione. Tasto forzatura carico: agendo su questo tasto si attiva il carico connesso all attuatore, a prescindere da un distacco per sovraccarico o per fascia oraria.. Indicatore luminoso: segnala lo stato dell attuatore e del carico connesso. 3. Indicatore luminoso: segnala lo stato del carico in relazione al sovraccarico...3 Pannello di visualizzazione e controllo art. N68 Questo apparecchio, realizzato in moduli da incasso della serie Living International e Light, permette di centralizzare le indicazioni e i tasti di comando presenti nei diversi attuatori. Sul frontale sono presenti infatti tasti e indicazioni luminose relative ai comandi e alle indicazioni presenti su distinti attuatori. L assegnazione del numero di attuatori dei quali vengono riportate le indicazioni si effettua mediante l inserimento di un configuratore numerato nella apposita sede PV presente nel retro dell apparecchio. Il configuratore contrassegnato con assegna al pannello la visualizzazione e i comandi degli attuatori con priorità da a ; il configuratore contrassegnato con assegna al pannello la visualizzazione e il comandi degli attuatori con priorità da 5 a 8. Il pannello di visualizzazione viene fornito con copritasti trasparenti della serie Light Kristall e con cartellini per annotazione dei carichi sotto controllo. posizione PV per definizione gruppo di Caratteristiche tecniche: attuatori da visualizzare 3 A PLCC G Alimentazione: 7 V d.c. da doppino SCS Assorbimento: ma max. Ingombro: moduli Living International/Light Temperatura di funzionamento: -5 + C PV fronte retro. Indicatore luminoso: Segnala lo stato dell attuatore.. Tasto forzatura carico: Agendo su questo tasto si attiva il carico connesso all attuatore, a prescindere da un distacco per sovraccarico o per fascia oraria. 7

8 .3. Dimensionamento dell impianto Lunghezza massima dei collegamenti: Durante il dimensionamento dell impianto tenere presente che la lunghezza massima del doppino telefonico SCS non dovrà superare i 5m. Questo limite potrà essere esteso a 5m con l impiego dell alimentatore supplementare. Numero massimo dei dispositivi collegabili al sistema: La centrale art. F può alimentare fino ad un massimo di attuatori e pannello di visualizzazione. Il numero degli attuatori (max 6) e dei pannelli di visualizzazione può essere esteso con l impiego dell alimentatore supplementare art. E6ADCN... Configurazione dei dispositivi.. Centrale art. F Selezionare la corretta potenza di contratto agendo sul commutatore rotativo () e porre il selettore P () sullo %.... Selezionare, ponendo il rispettivo microinterruttore (3) nella posizione =, i carichi interessati anche alla gestione per fasce orarie. Detta funzione, disponibile se alla centrale viene connesso un programmatore orario, permette di attivare il carico solo quando il contatto del programmatore orario è aperto. Selezionare = i carichi che si vogliono mantenere gestiti solo dalla funzione gestione energia.. Attuatori art. L/N67 e art. F: Configurare gli attuatori significa assegnare loro un numero (da a 8) che definisce il grado di priorità per la disattivazione dei carichi a seguito di un sovraccarico. Questo numero varrà nel caso in cui il carico dovrà disattivarsi per primo, varrà per il secondo carico da disattivare e così via, fino ad arrivare ad un valore massimo 8. E comunque possibile configurare più attuatori con la medesima priorità, assegnando un numero uguale; in questo caso i carichi verranno disattivati contemporaneamente. A PL CC G A PL CC G A PL CC G ^ disattivazione ^ disattivazione ^ disattivazione Gli attuatori vengono configurati inserendo in un apposita sede contrassegnata CC, dei configuratori (), differenziati per numero (da a 8) stampigliato sul corpo stesso, utilizzando l attrezzo () fornito con la centrale art. F. art. L/N67 8 art. F

9 Pannello di visualizzazione art. N68 Il pannello di visualizzazione si configura in maniera analoga agli attuatori. Mediante configuratori contrassegnati con il numero e inseriti nella rispettiva sede del pannello indicata con PV, si abilita il pannello stesso a riportare le indicazioni e i comandi dei diversi attuatori. Se il configuratore è contrassegnato con il pannello riporterà i comandi e le indicazioni degli attuatori con priorità da a ; se contrassegnato con il pannello riporterà i comandi e le indicazioni degli attuatori con priorità da 5 a 8..5 Installazione della centrale art. F e del trasformatore TA.5. Collegare la centrale ai cavi di alimentazione 3V a.c., al doppino telefonico, al trasformatore TA e all eventuale contatto di un temporizzatore ai rispettivi morsetti come di seguito indicato: a) sistema senza alimentatore art. E6ADCN: eventuale temporizzatore per sistema per impianti fino a un massimo di gestione fasce orarie attuatori. L'alimentazione 7V d.c. viene fornita dalla centrale apportando i collegamenti ai morsetti N 7,8, e come indicato in figura. () M5M6M7M8 M6 M7 M MM M 7 Vd.c. () Nota: limitare la lunghezza del cavo per il collegamento dell interruttore orario ad m. 3 Va.c. M M M3M M TA conduttore di fase dell impianto b) sistema con alimentatore art. E6ADCN: eventuale temporizzatore per sistema necessario per impianti con più di attuatori. L'alimentazione 7V d.c. deve essere fornita gestione fasce orarie dall'alimentatore art. E6ADCN come indicato in figura. 7 Vd.c. () M5M6M7M8 M6 M7 M8 MM M () Nota: limitare la lunghezza del cavo per il collegamento dell interruttore orario ad m M M M3M M 3 Va.c. 3 Va.c. TA conduttore di fase dell impianto c) sistema integrato in un impianto SCS Automazione: In questo caso si sfrutterà uno stesso doppino per entrambi i sistemi e sarà già presente l alimentatore art. E6ADCN. La centrale può quindi gestire fino ad un massimo di 6 attuatori e deve essere cablata come indicato nello schema dell installazione b)..5. Inserire il cavo di fase dell impianto da controllare nell apposita sede prevista nel trasformatore TA in modo che venga letta la corrente totale assorbita dall impianto. Essendo completamente isolato, il trasformatore può essere installato sia nel centralino sia in una generica scatola di derivazione. Per una corretta indicazione fornita dal trasformatore TA, si consiglia di limitare la lunghezza dei rispettivi cavi di collegamento ad una distanza massima di m.

10 C C C conduttore di fase dell impianto TA.6 Installazione degli attuatori art. L/N67 e art. F.6. Attuatore art. L/N67 e prese comandate: Dopo aver configurato gli attuatori collegare ai morsetti L e L il conduttore di fase della presa di corrente a cui verrà collegato il carico da controllare. Inserire quindi l attuatore () nel rispettivo supporto portapparecchi () e collegarlo al doppino telefonico mediante il morsetto (3). presa comandata N L L 3 L 3 Va.c. doppino telefonico.6. Attuatore DIN art. F e prese comandate:.6.. Collegare ai morsetti (NC) N e N 3 il conduttore di fase della linea controllata o della presa di corrente a cui verrà connesso il carico da controllare. Il doppino telefonico SCS deve essere collegato al rispettivo morsetto (). N L 3 art. F ai carichi o alle linee da controllare A PLCC G

11 L attuatore modulare DIN art. F può essere installato nel centralino con la centrale art. F, in un apposito centralino dedicato o in una scatola di derivazione. linee controllate C C C attuatore art. F attuatore art. F centrale art. F.7 Messa in funzione e verifica dell impianto Dopo aver effettuato la selezione della potenza da controllare e della fascia oraria di funzionamento, effettuare il test del sistema in accordo alla seguente procedura:.7. Fornire tensione al sistema e attendere per almeno minuti affinché la centrale si allinei allo stato dell interruttore magnetotermico ENEL..7. Attivando i vari carichi controllati, provocare una condizione di sovraccarico tale da attivare la procedura di sconnessione dei carichi..7.3 Verificare che la centrale intervenga correttamente rientrando dal sovraccarico dopo aver disattivato qualche carico (o elettrodomestico connesso)..7. Se invece l interruttore magnetotermico presente nel contatore ENEL interviene in anticipo, verificare la corretta impostazione della potenza di contratto Pn sulla centrale art. F..7.5 Se il valore Pn è impostato correttamente è necessario allora intervenire sul commutatore Pn impostando un decremento pari a 5% di Pn..7.6 Ripetere nuovamente la prova a partire dal punto.7. e, nel caso intervenga nuovamente in anticipo l interrruttore limitatore ENEL, intervenire nuovamente sul commutatore Pn per impostare un decremento pari a % oppure, se necessario, a %. NOTA: Incrementi positivi del Pn% offrono la possibilità di sfruttare un maggiore margine della potenza contrattuale, a meno dell intervento dell interruttore limitatore ENEL. Dopo aver impostato il valore desiderato, ripetere le prove come descritto a partire dal punto.7.. Nel caso di esito negativo, tenere impostato quel valore Pn% positivo che non fa intervenire l interruttore limitatore.

12 BTicino s.p.a. Via Messina, 38 5 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti.5.5

Guida My Home. Risparmio

Guida My Home. Risparmio Edizione italiana Guida My Home Risparmio MY HOME R MH02/1G R Indice Introduzione a My Home Caratteristiche generali 2 Guida alla documentazione My Home 6 Guida ai software My Home 8 Risparmio Energia

Dettagli

"Sistemi bus" a cura di: Butera, Malisan, Zilioli Classe 5^ ELT C 2001/2002 SISTEMI BUS

Sistemi bus a cura di: Butera, Malisan, Zilioli Classe 5^ ELT C 2001/2002 SISTEMI BUS SISTEMI BUS La relazione tratta in generale di che cos è un sistema bus, delle innovazioni e dei vantaggi tecnici apportati nell installazione e nell ampliamento dell impiantistica civile. Le particolarità

Dettagli

PIÙ ATTENZIONE AI CONSUMI, MENO SPRECHI

PIÙ ATTENZIONE AI CONSUMI, MENO SPRECHI PIÙ ATTENZIONE AI CONSUMI, MENO SPRECHI GESTIONE ENERGIA Le abitazioni moderne richiedono un numero così grande di utenze elettriche che i consumi rischiano di andare fuori controllo. Fenomeni di blackout

Dettagli

CATALOGO 2010 MY HOME. Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici

CATALOGO 2010 MY HOME. Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici CATALOGO 2010 MY HOME Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici 2 MY HOME INDICE INDICE GESTIONE ENERGIA 4 Risparmiare energia non è mai stato così facile VISUALIZZAZIONE DEI CONSUMI 8 Dati

Dettagli

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798 Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 0 798 GW 798 GW 4 798 3 8 A 3 4 5 4 0 5 9 6 7 6 Pulsante di test canali EIB 3 4 5 6 LED multifunzione LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione

Dettagli

Comando/attuatore 067556 AM5851M2 H4671M2 LN4671M2

Comando/attuatore 067556 AM5851M2 H4671M2 LN4671M2 Descrizione Questo dispositivo, dotato frontalmente di 4 pulsanti e 4 led bicolore è equipaggiato con 2 relè indipendenti per gestire: - 2 carichi o 2 gruppi di carichi indipendenti; - 1 carico singolo

Dettagli

catalogo 2010 MY HOME Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici

catalogo 2010 MY HOME Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici catalogo 2010 MY HOME Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici 2 MY HOME INDICE INDICE GESTIONE ENERGIA 4 Risparmiare energia non è mai stato così facile VISUALIZZAZIONE DEI CONSUMI 8 Dati

Dettagli

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici R Allarmi tecnici MY HOME R 65 Caratteristiche generali Tramite gli allarmi tecnici si possono mettere sotto controllo i dispositivi dell abitazione che in caso di malfunzionamento potrebbero provocare

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Istituto Professionale Giovanni Giorgi Lucca a.s. 2012/13. Sistemi automatici per la casa My Home Ticino

Istituto Professionale Giovanni Giorgi Lucca a.s. 2012/13. Sistemi automatici per la casa My Home Ticino Istituto Professionale Giovanni Giorgi Lucca a.s. 2012/13 1 Sistemi automatici per la casa My Home Ticino L adozione di un sistema automatico per la gestione dei servizi nella casa comporta la volontà

Dettagli

Edizione italiana. l automazione e la. Sistemi per. gestione dell energia G9499/1

Edizione italiana. l automazione e la. Sistemi per. gestione dell energia G9499/1 Edizione italiana Sistemi per l automazione e la gestione dell energia R 999/ R Indice degli argomenti Introduzione al sistema a BUS eneralità Caratteristiche dell'impianto a BUS 6 I vantaggi dell'impianto

Dettagli

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni Eikon Idea Plana 20470 16470 14470 Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni INDICE 1. Legenda... 2 2. Installazione sistema via BUS... 3 3. Caratteristiche

Dettagli

Termoregolazione GUIDA MH04/7G. edizione 04/2004

Termoregolazione GUIDA MH04/7G. edizione 04/2004 Termoregolazione edizione 04/2004 GUIDA MH04/7G INDICE DEI SETTORI Caratteristiche generali CARATTERISTICHE GENERALI pag. 4 Caratteristiche tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE pag. 18 Configurazione CONFIGURAZIONE

Dettagli

Tebis TS. Guide de configuration. Bedienungsanleitung. Operating instructions Configuratiegids. Manuale di configurazione. Manual de configuração

Tebis TS. Guide de configuration. Bedienungsanleitung. Operating instructions Configuratiegids. Manuale di configurazione. Manual de configuração Tebis TS F B CH Sommaire page D A CH Inhalt Seite 6 GB Summary page 8 NL B Inhoud pagina 0 I CH Sommario pàgina 9 F B CH Guide de configuration P Sumário página D A CH Bedienungsanleitung GB NL B Operating

Dettagli

System pro M compact. Comandi motorizzati e dispositivi autorichiudenti per interruttori 2CSC400013B0901

System pro M compact. Comandi motorizzati e dispositivi autorichiudenti per interruttori 2CSC400013B0901 System pro M compact Comandi motorizzati e dispositivi autorichiudenti per interruttori 2CSC400013B0901 Comandi motorizzati S2C-CM, F2C-CM e dispositivo autorichiudente F2C-ARI: funzioni e prestazioni

Dettagli

controllo carichi Con tecnologia BUS/SCS GESTIONE ENERGIA

controllo carichi Con tecnologia BUS/SCS GESTIONE ENERGIA Soluzioni per migliorare l impianto elettrico: impianto di gestione controllo Con tecnologia BUS/SCS GESTIONE ENERGIA Soluzione gestione controllo con visualizzazione totale dei consumi Il sistema controllo

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIE EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0274V3.2-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale... pag.

Dettagli

MI P R EP A RO PE R...la verifica orale

MI P R EP A RO PE R...la verifica orale MI P R EP A RO PE R......la verifica orale D o m a n d e 1 lezione 1 Come si può descrivere l evoluzione di un impianto domotico con tecnologia BUS rispetto ad un impianto tradizionale con tecnologia a

Dettagli

INDICE. Gestione energia MY HOME 301

INDICE. Gestione energia MY HOME 301 IDICE MY HOME Gestione e controllo carichi Caratteristiche generali................. 301 orme generali di installazione............ 308 Configurazione...................... 311 Schemi di collegamento.................

Dettagli

Nasce GreenLight F2C-ARH. La tua casa ringrazia. F2C-ARH

Nasce GreenLight F2C-ARH. La tua casa ringrazia. F2C-ARH Nasce GreenLight F2C-ARH. La tua casa ringrazia. F2C-ARH Nasce GreenLight F2C-ARH. Via libera all energia. Sempre. Il dispositivo di riarmo automatico GreenLight F2C-ARH è la nuova offerta ABB per la sicurezza

Dettagli

1 Indicazioni di sicurezza

1 Indicazioni di sicurezza Attuatore dimmer universale 1 canale 50-210 W/VA N. art. 3210 UP Istruzioni per l uso 1 Indicazioni di sicurezza L'installazione e il montaggio di apparecchi elettrici devono essere eseguiti esclusivamente

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

My Home Risparmio MY HOME. My Home. Risparmio

My Home Risparmio MY HOME. My Home. Risparmio My Home Risparmio My Home Risparmio MY HOME My Home - Risparmio Risparmio Energia filare Caratteristiche generali Il sistema permette di effettuare il controllo della massima potenza impegnata (per esempio

Dettagli

RESIDENZIALE & TERZIARIO DOMOTICA WIRELESS E GESTIONE ENERGIA

RESIDENZIALE & TERZIARIO DOMOTICA WIRELESS E GESTIONE ENERGIA RESIDENZIALE & TERZIARIO DOMOTICA WIRELESS E GESTIONE ENERGIA SISTEMA EASY Soluzione originale e completa per applicazioni domotiche Forte orientamento all utente che lo rende semplice e gradevole all

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

HOME AUTOMATION Controllo accessi

HOME AUTOMATION Controllo accessi Campo di applicazione La gamma di prodotti consente di realizzare, in ambito residenziale, terziario e alberghiero dei sistemi di controllo accessi e gestione utenze sicuri, affidabili e flessibili. Disponibile

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN GW 90 823 A 1 2 3 4 RF 5 1 Pulsante di programmazione 2 Morsetto ponticello programmazione 3 LED presenza alimentazione 4 LED di programmazione

Dettagli

Centronic VarioControl VC420-II, VC410-II

Centronic VarioControl VC420-II, VC410-II Centronic VarioControl VC420-II, VC410-II it Istruzioni per il montaggio e l'impiego Radioricevitore da incasso VC420-II, radioricevitore a sbalzo VC410-II Informazioni importanti per: il montatore / l'elettricista

Dettagli

Sistema di rilevazione fughe gas. per centrali termiche e luoghi similari. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rilevazione fughe gas. per centrali termiche e luoghi similari. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 601 INTELLIGAS Sistema di rilevazione fughe gas per centrali termiche e luoghi similari Centralina elettronica per la rilevazione di fughe gas ad una sonda per il comando di una elettrovalvola di intercettazione

Dettagli

ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi, MDRC SE/S 3.16.1

ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi, MDRC SE/S 3.16.1 Dati tecnici ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Il modulo di monitoraggio e controllo carichi è un apparecchio di serie di design Pro M per l installazione nei sistemi di distribuzione. L apparecchio

Dettagli

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 682.1 INTELLIGAS Sistema di rivelazione fughe gas per centrali termiche QA..13/A QA..13/A Sistema elettronico per la rivelazione di fughe gas per una o più sonde per il comando di una elettrovalvola

Dettagli

Centraline AV e AV1 QUADRI DI COMANDO CON MEMORIA ESTRAIBILE

Centraline AV e AV1 QUADRI DI COMANDO CON MEMORIA ESTRAIBILE Centraline AV e AV1 QUADRI DI COMANDO CON MEMORIA ESTRAIBILE 1. Introduzione. Quadro di comando per un motore in corrente alternata con regolazione di coppia (AV1), ingresso per finecorsa o pulsanti AP/CH,

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l.

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Residenza Airone PELLA (NO) fraz. Alzo Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Le soluzioni domotiche My Home è il sistema di automazione domestica di BTicino

Dettagli

L4561N Controllo Stereo. Manuale installatore. www.legrand.com

L4561N Controllo Stereo. Manuale installatore. www.legrand.com L4561N Controllo Stereo www.legrand.com Controllo Stereo Indice Controllo Stereo 1 Introduzione 4 1.1 Avvertenze e consigli 4 1.2 Descrizione generale 4 2 Installazione 5 2.1 Schema di collegamento al

Dettagli

MANUALE - PROFIBUS DP

MANUALE - PROFIBUS DP MANUALE - PROFIBUS DP Le valvole Heavy Duty Multimach - Profibus DP consentono il collegamento di isole HDM ad una rete Profibus. Conformi alle specifiche Profibus DP DIN E 19245, offrono funzioni di diagnostica

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento La lavorazione dell impianto elettrico nell appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale.

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Assicurare la continuità di servizio Per assicurare la continuità di funzionamento di un impianto elettrico,

Dettagli

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it BTicino s.p.a. Via Messina, 8 054 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 99.45.45 www.bticino.it info.civ@bticino.it 6/0- SC PART. T54B Sistema antifurto Manuale di impiego INDICE IMPIANTO ANTIFURTO

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli

Caratteristiche elettriche

Caratteristiche elettriche RSPC 10 REGOLATORE DI CARICA Regolatore di carica Caratteristiche Sistema di ricarica per batterie al piombo a 12/ 12/ autoriconoscimento tensione di lavoro Sistema a microcontrollore Ricarica PWM \ Sistema

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO

SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO La centrale SECURBOX 226 è stata progettata per impianti di allarme antintrusione professionali. Adatta all'utenza che predilige la semplicità,

Dettagli

Sistema di trasmissione allarmi su coassiale

Sistema di trasmissione allarmi su coassiale Sistema di trasmissione allarmi su coassiale Sistema trasmissione allarmi ZVA-AV18T/R 25/07/2011- G160/1/I Caratteristiche principali Trasmissione Il sistema ZVA-AV18 utilizza lo stesso mezzo di trasmissione,

Dettagli

CENTRALINA ALIMENTATORE PER RIVELATORI

CENTRALINA ALIMENTATORE PER RIVELATORI CENTRALINA ALIMENTATORE PER RIVELATORI Caratteristiche tecniche generali: Alimentazione: Tensione secondaria stabilizzata: Corrente max in uscita: Potenza: Uscita carica - batteria tampone Presenza di

Dettagli

Domino DFCKIII. DFCKIII: modulo per gestione fasce orarie con orologio integrato. Schema di collegamento. Programmazione indirizzi

Domino DFCKIII. DFCKIII: modulo per gestione fasce orarie con orologio integrato. Schema di collegamento. Programmazione indirizzi : modulo per gestione fasce orarie con orologio integrato Il modulo rende possibile la gestione di fasce orarie, giornaliere e settimanali, in un sistema. Mediante la funzione CLOCK (vedere manuale di

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 Pagina 1 di 31 I.B.S. Intelligent Building System Pagina 2 di 31 INDICE I.B.S. INTELLIGENT BUILDING SYSTEM 1. Cosa è I.B.S. Descrizione pag. 4 2. Componenti

Dettagli

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICUREZZA COMPAGNIA RIUNITE S.p.A. Manuale d uso CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICOR S.p.A. Sede Comm. Amm.: Via Pisacane N 23/A 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39-023539041

Dettagli

EHS. Risparmio. My Home MY HOME. My Home Risparmio

EHS. Risparmio. My Home MY HOME. My Home Risparmio My Home Risparmio EHS R My Home Risparmio MY HOME R 345 ,5,5 3,5 4,5 8 6 5 9 0 0 0 0 +5-5 +0-0 +0-0 EHS Generalità Caratteristiche generali Il sistema Gestione Energia ad onde convogliate rappresenta l

Dettagli

Sistema PICnet - PN Digiterm

Sistema PICnet - PN Digiterm Sistema PICnet - PN Digiterm PN DIGITERM - modulo di termoregolazione e gestione camera Il modulo PN DIGITERM è costituito da un modulo da guida DIN (6m) per le connessioni con le apparecchiature e da

Dettagli

Interfaccia radio ricevente

Interfaccia radio ricevente Interfaccia radio ricevente HD575SB - HC575SB - HS575SB Descrizione L interfaccia ricevente è indispensabile per consentire al comando radio senza batteria HA/HB/L572SB di pilotare l impianto My Home.

Dettagli

Apparecchi di comando System pro M compact Nuovi interruttori luce scale elettronici E 232E

Apparecchi di comando System pro M compact Nuovi interruttori luce scale elettronici E 232E Apparecchi di comando System pro M compact Nuovi interruttori luce scale elettronici E 232E I nuovi interruttori luce scale elettronici E 232E sono ideali per il controllo di luci, ventole, piccoli automatismi

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

RSPC 20 REGOLATORE DI CARICA Regolatore di carica La massima corrente di ricarica è 20 A, ma qualora l impianto ha una potenza da fotovoltaico superiore ai 20 A è possibile connettere più regolatori RSPC20

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT Interfaccia SCS/SCS scheda tecnica ARt. F422 Descrizione L interfaccia permette la comunicazione fra impianti bus con tecnologia SCS, anche se dedicati a funzioni diverse fra loro. L interfaccia è dotata

Dettagli

INDICE. MY HOME Visualizzazione consumi Caratteristiche generali... 292. Gestione energia MY HOME 291

INDICE. MY HOME Visualizzazione consumi Caratteristiche generali... 292. Gestione energia MY HOME 291 290 MY HOME Gestione energia IDICE MY HOME Visualizzazione consumi Caratteristiche generali.................. 292 Gestione energia MY HOME 291 CaratteristiCHE generali Dati istantanei sui consumi di elettricità,

Dettagli

elero VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso!

elero VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso! VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM elero Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso! elero Italia S.r.l. Via A. Volta, 7 20090 Buccinasco (MI) info@elero.it www.elero.com 309025 02 Nr. 18 100.4602/0605

Dettagli

Prodotti e soluzioni per l installatore. Guida pratica 2015

Prodotti e soluzioni per l installatore. Guida pratica 2015 TM Prodotti e soluzioni per l installatore Guida pratica 2015 Make the most of your energy Schneider Electric è lo specialista globale nella gestione dell energia e offre soluzioni integrate per rendere

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Serie 2850.. Manuale di installazione e messa in servizio Grazie per aver acquistato questo apparecchio. Leggere attentamente queste istruzioni

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

IMPIEGO FUNZIONAMENTO

IMPIEGO FUNZIONAMENTO FANTINI COSMI S.p.A. Via dell Osio, 6 20090 Caleppio di Settala, Milano - ITALY Tel. +39 02 956821 Fax +39 02 95307006 info@fantinicosmi.it SUPPORTO TECNICO Tel. +39 02 95682225 supportotecnico@fantinicosmi.it

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL P21 - P22 Sicurgas P21 e P22 è un dispositivo che, mediante una sensibilissima sonda, rivela la presenza di concentrazioni di gas metano (P21) e GPL (P22) in ambienti

Dettagli

CALEFFI. www.caleffi.com. Regolatore di temperatura differenziale per impianti solari Termostato di controllo integrazione e valvole deviatrici

CALEFFI. www.caleffi.com. Regolatore di temperatura differenziale per impianti solari Termostato di controllo integrazione e valvole deviatrici CALEFFI www.caleffi.com Regolatore di temperatura differenziale per impianti solari Termostato di controllo integrazione e valvole deviatrici 7 Serie 7 Funzione Il regolatore differenziale acquisisce i

Dettagli

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico Building Automation Il concetto edificio intelligente o meglio conosciuto come Building Automation, identifica quelle costruzioni progettate e costruite in modo da consentire la gestione integrata e computerizzata

Dettagli

Novità in fiera. www.lovatoelectric.com. pedale. Componenti modulari. Strumenti di misura digitali COMPONENTI ELETTRICI PER AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Novità in fiera. www.lovatoelectric.com. pedale. Componenti modulari. Strumenti di misura digitali COMPONENTI ELETTRICI PER AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ENERMOTIVE 2007 Novità in fiera Pad. 22 Stand C01 Partenze motore e applicazioni di potenza Finecorsa, microinterruttori e interruttori a pedale Componenti modulari Strumenti di misura digitali www.lovatoelectric.com

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte)

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Pubblicato il: 17/05/2004 Aggiornato al: 25/05/2004 di Gianluigi Saveri 1. L impianto elettrico L appartamento che si prende come

Dettagli

Installazione del quadro di distribuzione

Installazione del quadro di distribuzione 10 Installazione del quadro di distribuzione Dopo aver realizzato l intero impianto, si conosce il numero di circuiti e dei punti di utilizzo. Questo permette di determinare il numero dei dispositivi di

Dettagli

LP 2000 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

LP 2000 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE LP 2000 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDICATORE, REGOLATORE DI LIVELLO PER IL COMANDO DI DUE POMPE CON SENSORE PIEZORESISTIVO TIPO LP 2000 Questo strumento è stato studiato per dare una soluzione tecnologicamente

Dettagli

- Germano Industrie Elettriche S.r.l.

- Germano Industrie Elettriche S.r.l. Contatore Statico Elettronico Contatore Trifase LENNT P1/P3 Contatore Monofase LENNT S1/S3/S3A Rev. 002\200910 Introduzione Il contatore elettronico installato da Germano Industrie Elettriche S.r.l. permette

Dettagli

DVM1000 MULTIMETRO 3 IN 1 TESTER PER LINEA TELEFONICA / CAVI RETE

DVM1000 MULTIMETRO 3 IN 1 TESTER PER LINEA TELEFONICA / CAVI RETE MULTIMETRO 3 IN 1 TESTER PER LINEA TELEFONICA / CAVI RETE MANUALE UTENTE - 2 - MULTIMETRO 3 IN 1 TESTER LINEA TELEFONICA / CAVI RETE 1. Introduzione e caratteristiche A tutti i residenti nell Unione Europea

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

I nuovi contatori elettronici

I nuovi contatori elettronici I nuovi contatori elettronici Landis+Gyr LENNT A.S.M. Voghera S.p.A. ha avviato la sostituzione dei contatori tradizionali, attualmente presenti presso l utenza, con i nuovi contatori elettronici multifunzione.

Dettagli

Caratteristiche generali e tecnologia

Caratteristiche generali e tecnologia Caratteristiche generali e tecnologia Indice Descrizione Campi di applicazione... / Struttura del sistema e posa dei cavi... / Tipologia dei dispositivi... / Modalità di trasferimento delle informazioni

Dettagli

EL.C.I. Automazione & Elettronica Strada S. Mauro 139 / 6l

EL.C.I. Automazione & Elettronica Strada S. Mauro 139 / 6l EL.C.I. Automazione & Elettronica Indirizzo Strada S. Mauro 139 / 6l Citta 10156 Torino Paese Italia Fax 011 / 273.25.58 0348.999.83.73 e-mail.elci.italo.casalone@libero.it Telefono 011 / 273.25.58 0348.22.57.124

Dettagli

Caratteristiche elettriche

Caratteristiche elettriche RWR10 / RWR 20 REGOLATORE DI CARICA Regolatore di carica Caratteristiche Per batterie al piombo ermetiche,acido libero Auto riconoscimento tensione di batteria(12/24v) Max corrente di ricarica 10A (WR10)

Dettagli

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1)

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) (1) http://leotardi.no-ip.com/html/impiantoelettrico/impiantoappar.htm Fasi di esecuzione (impianto sottotraccia) Cronologicamente si hanno

Dettagli

Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari. norma di riferimento CEI-EN50194. Descrizione : Tipo :

Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari. norma di riferimento CEI-EN50194. Descrizione : Tipo : s 7 604 ITEIGAS Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari norma di riferimento CEI-E50194 YA16.. Rivelatori elettronici di fughe gas ad una soglia per ambienti domestici. Alimentazione

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI. Cronotermostato MILUX

MANUALE DI ISTRUZIONI. Cronotermostato MILUX MANUALE DI ISTRUZIONI Cronotermostato MILUX GENERALITÁ ITA Il cronotermostato MILUX è un termostato digitale programmabile, in grado di controllare e regolare direttamente gli impianti di riscaldamento

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI CONFORMITÀ

LE NUOVE REGOLE DI CONFORMITÀ NORMATIVA LE NUOVE REGOLE DI CONFORMITÀ all Allegato A CEI 64-8/3 LIVELLO 3 IL SISTEMA DOMOTICO MY HOME My Home è la soluzione domotica di BTicino. È un sistema rivoluzionario che utilizza la più moderna

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

COMFORT, RISPARMIO E SICUREZZA? LA SOLUZIONE NON CORRE SOLO SUL FILO

COMFORT, RISPARMIO E SICUREZZA? LA SOLUZIONE NON CORRE SOLO SUL FILO COMFORT, RISPARMIO E SICUREZZA? LA SOLUZIONE NON CORRE SOLO SUL FILO Il sistema domotico offre soluzioni di comfort, risparmio e sicurezza a cui oggi è ben difficile rinunciare. Ma cosa fare quando nell

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 (conformi CEI 0-21 edizione giugno 2012) PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) electric Sistemi di protezione di interfaccia Conformi CEI 0-21

Dettagli

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO MC-62 Vintage Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO Manuale di Istruzioni TRE i SYSTEMS S.r.l. Via del Melograno N. 13-00040 Ariccia, Roma Italy

Dettagli

Rilevatore di presenza Tipo: 6132-2x-102

Rilevatore di presenza Tipo: 6132-2x-102 396704 Il sensore di movimento si collega al bus mediante un dispositivo di accoppiamento da incasso. È in grado di trasmettere telegrammi per la commutazione di attuatori EIB. Tramite un commutatore a

Dettagli

Diffusione sonora. Caratteristiche tecniche - CARATTERISTICHE TECNICHE

Diffusione sonora. Caratteristiche tecniche - CARATTERISTICHE TECNICHE Diffusione sonora Caratteristiche tecniche CAATTEISTICHE TECNICHE Generalità Il sistema di diffusione sonora Byme consente di realizzare impianti in grado di diffondere, con alta qualità del segnale (qualità

Dettagli