Dispositivi per le misure su sistemi elettrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispositivi per le misure su sistemi elettrici"

Transcript

1 Convertitori di corrente e di tensione Dispositivi per le misure su sistemi elettrici Trasformatori di misura Scopo dei trasformatori di misura I trasformatori di misura sono dispositivi impiegati negli impianti di produzione, trasmissione e distribuzione dell energia elettrica in associazione agli strumenti per la misura delle tensioni e delle correnti e delle quantità correlate (ad esempio la potenza e l energia). Esistono trasformatori di corrente (TA) e trasformatori di tensione (TV). Ai fini della misura, il loro scopo è di ridurre il valore delle correnti e delle tensioni a livelli applicabili alla strumentazione. In Fig. 1.1 è riportato un esempio di inserzione su una linea alla tensione V 1 che porta la corrente I 1 : il TV è collegato con il primario in derivazione sulla linea, mentre il TA è collegato con il primario in serie; gli strumenti di misura (voltmetro e amperometro) sono inseriti al secondario e misurano le quantità V 2 e I 2. Poiché i sistemi per l energia presentano di solito livelli di tensione pericolosi per l uomo, un altra importante funzione dei trasformatori di misura è quella di stabilire il dovuto isolamento per la sicurezza dell operatore. A tale scopo un punto del circuito secondario deve essere collegato all impianto di protezione contro i contatti indiretti, come evidenziato dal collegamento di messa a terra in Fig.1.1. In tal modo si evitano i rischi dovuti a eventuali difetti di isolamento interno, nonchè quelli originati dalle tensioni di induzione elettrostatica fra primario e secondario. Le Norme di riferimento per i trasformatori di corrente (TA) sono le EN (CEI 38-1). pag. 1

2 Convertitori di corrente e di tensione Le Norme di riferimento per i trasformatori di tensione (TV) sono le EN (CEI 38-2). Caratteristiche dei trasformatori di misura I trasformatori di misura sono caratterizzati innanzitutto dal rapporto fra le grandezze al primario e al secondario, in condizioni nominali, detto rapporto di riduzione nominale: Esempio: per un TA: K In = 200/5 (A/A); per un TV: K Vn = /100 (V/V). Un valore tipico per la corrente secondaria dei TA è 5A. Un valore tipico per la tensione secondaria dei TV è 100V. Un trasformatore di misura ideale dovrebbe ridurre le ampiezze delle quantità al primario secondo il rapporto nominale K n, lasciando inalterate le fasi. In realtà ciò non avviene per diverse ragioni. Con riferimento alla Fig.1.2, indicando con N 1 ed N 2 rispettivamente il numero di spire dell avvolgimento primario e secondario e osservando che i TV e i TA sono sempre dispositivi riduttori delle grandezze primarie, risulta: Tali relazioni mostrano che si può ottenere un valore approssimato per le ampiezze delle quantità primarie (I 1 o V 1 ) misurando le grandezze secondarie (I 2 o V 2 ) e moltiplicandole per il rapporto fra le spire (K Is o K Vs ). Si può osservare che per un TA caratterizzato da un assegnato rapporto spire K Is =N 2 /N 1, la differenza vettoriale fra la corrente primaria I 1 e quella secondaria riportata al primario I 21 è pari alla corrente magnetizzante I 0 (vedi Fig.1.2A). Analogamente per un TV caratterizzato dal rapporto spire K Vs =N 1 /N 2, la differenza vettoriale fra la tensione primaria V 1 e quella secondaria riportata al primario V 21 è pari alla caduta ΔV nei rami serie del circuito equivalente (vedi Fig.1.2B). pag. 2

3 Convertitori di corrente e di tensione Per i TA, al fine di ridurre la corrente magnetizzante I 0 rispetto a quella primaria, occorre operare in condizioni prossime a quella di corto circuito e curare il dimensionamento del circuito magnetico. Saranno quindi impiegati materiali magnetici ad elevata permeabilità, con nuclei di sezione elevata e piccola lunghezza. Per i TV bisogna invece limitare le cadute di tensione ΔV nei rami serie rispetto alla tensione primaria. Ciò si ottiene facendo in modo di operare in condizioni prossime a quella a vuoto e curando il dimensionamento degli avvolgimenti, per ottenere bassi valori delle resistenze e delle reattanze di dispersione. Compensazione del rapporto spire Se per un TA oppure un TV assumessimo come rapporti nominali (K In o K Vn ) i rapporti fra lespire (K Is o K Vs ) commetteremmo, come riportato nei diagrammi vettoriali di Fig.1.2, i seguenti errori fra i moduli: (I 1 -I 21 = I 1 -K Is I 2 ) oppure (V 1 -V 21 = V 1 - K Vs V 2 ). Per cercare di ridurre questi errori, nella pratica, il rapporto nominale (K In o K Vn ), dichiarato dal costruttore, non viene fatto coincidere con il rapporto spire (K Is o K Vs ). Infatti, per limitare in un TA l errore sulla differenza fra i moduli delle correnti, il costruttore dichiara un rapporto nominale K In maggiore del rapporto spire K Is =N 2 /N 1. In tal modo, misurata la corrente secondaria I 2, moltiplicandola per una costante K In >N 2 /N 1, si ottiene un valore che meglio approssima l ampiezza della corrente primaria I 1. Qualora viceversa sia assegnato un rapporto nominale K In, si costruisce il TA con un rapporto spire N 2 /N 1 <K In. Analogamente, per limitare in un TV l errore sulla differenza fra i moduli delle tensioni il costruttore dichiara un rapporto nominale K Vn maggiore del rapporto spire K Vs =N 1 /N 2, ovvero costruisce il TV con un rapporto spire N 1 /N 2 <K Vn. pag. 3

4 Convertitori di corrente e di tensione Il frazionamento del rapporto spire per la compensazione dell errore di rapporto nei TA e TV si presenta agevole solo quando si lavora con un numero elevato di spire N 1 ed N 2. Infine, queste compensazioni possono essere fatte solo entro certi limiti e per una particolare condizione di funzionamento, di norma quella nominale, e non valgono per le fasi. Errori Per i TA e i TV si definiscono gli errori di rapporto e d angolo, con riferimento ai rapporti nominali K In e K Vn. Si definisce errore di rapporto: si definisce errore d angolo Gli errori di rapporto e d angolo nei trasformatori di misura variano sia con il valore effettivo delle grandezze applicate al primario che con il carico strumentale applicato al circuito secondario. A tale scopo viene assegnata la prestazione del trasformatore di misura. Questa rappresenta il valore della potenza apparente (espressa in voltampere) che può essere richiesta al circuito secondario, quando al primario vengono applicate le grandezze nominali (la corrente I n per il TA o la tensione V n per il TV). Valori tipici per la prestazione dei TV sono: VA. Valori tipici per la prestazione dei TA sono: 2, VA. Per esempio un TA 200/5 (A/A) con prestazione di 30 VA, ammette una caduta di tensione massima sul carico al secondario di ΔV = 30/5 = 6 V sull impedenza Z = 6/5 = 1,2 Ω. Le caratteristiche di errore dei trasformatori di misura vengono assegnate mediante la classe di precisione. La classe di precisione rappresenta il valore limite dell errore di rapporto (in % del valore misurato). Per ciascuna classe di precisione, le Norme stabiliscono inoltre, anche i limiti per l errore d angolo (dato in centiradianti). Ad esempio, per i trasformatori di tensione, le Norme forniscono la seguente tabella: pag. 4

5 Convertitori di corrente e di tensione I valori della tabella devono essere garantiti dal costruttore per qualunque valore della tensione compreso fra l 80% e il 120% del valore nominale V n, con prestazione compresa fra il 25% e il 100% di quella nominale, con fattore di potenza di 0,8 induttivo. Analoghe specifiche valgono per i trasformatori di corrente, per i quali sono previste le classi: 0,1-0,2-0, Per i TA tuttavia i limiti degli errori ammessi vengono assegnati per campi più ampi delle correnti di esercizio. Ad esempio, per un TA in classe 0,1 vengono considerate diverse fasce che ricoprono il campo delle correnti di esercizio comprese fra il 5% e il 120% del valore nominale: Modalità di impiego dei TA e TV Trasformatori di corrente Il secondario di un trasformatore di corrente deve essere sempre chiuso in corto circuito su dispositivi amperometrici. Quando il secondario viene aperto mentre nel primario circola la corrente di linea, la tensione presente fra i terminali secondari aperti può raggiungere valori elevati. Questi possono costituire una condizione di pericolo per l operatore; inoltre possono danneggiare la tenuta dell isolamento fra le spire del secondario. La sovratensione secondaria è dovuta al ruolo di piena corrente magnetizzante assunto dalla corrente primaria (non più bilanciata dalle amperspire secondarie) e viene limitata solo dalla saturazione del nucleo. Per tali motivi il secondario può essere protetto con dispositivi contro le sovratensioni, che chiudono i terminali secondari in cortocircuito, in caso di intervento. Talvolta i trasformatori di corrente presentano il primario costituito direttamente dal conduttore di linea o da una sbarra passante entro il nucleo magnetico di tipo toroidale, mentre il secondario è costituito da un elevato numero di spire. Trasformatori di tensione Il secondario di un trasformatore di tensione deve essere chiuso su dispositivi voltmetrici con alta impedenza d ingresso. Pertanto, per motivi duali di quelli visti per i pag. 5

6 Convertitori di corrente e di tensione TA, il trasformatore di tensione sarà protetto contro le sovracorrenti (per esempio, tramite fusibili). Misure di potenza con TA e TV Si consideri la linea monofase di Fig.1.3, alla tensione V 1 e interessata dalla corrente I 1. La potenza attiva in transito è P 1 = V 1 I 1 cosφ 1. Per la corretta misura della potenza, attraverso l impiego di TA e TV, occorre innanzitutto precisare il significato dei contrassegni (i puntini) normalmente presenti sui morsetti primari e secondari dei trasformatori di misura. I contrassegni indicano che, in ogni istante del periodo, detti terminali hanno la stessa polarità e pertanto ai morsetti contrassegnati del secondario vanno collegati i morsetti contrassegnati (±) del wattmetro W. V 1 e I 1 rappresentano i fasori della tensione e della corrente di linea; V 2 e I 2 sono i fasori delle grandezze ai secondari dei trasformatori di misura. Queste grandezze secondarie, moltiplicate rispettivamente per i rapporti nominali K Vn e K In del TV e del TA, sono una stima delle grandezze primarie di interesse. Il TV introduce un errore assoluto d ampiezza E V = η V V 1 e un errore di fase ε V. Il TA introduce un errore assoluto d ampiezza E I = η I I 1 e un errore di fase ε I. In particolare, l errore commesso nel riprodurre lo sfasamento fra la tensione V 1 e la corrente I 1 risulta dai contributi degli errori di fase (ε V e ε I ) del TV e del TA. Della potenza in transito P 1 = V 1 I 1 cosφ 1 si ottiene la stima P 1 K Vn V 2 K In I 2 cosφ 2. L errore di trasduzione E p, nel caso peggiore, si ottiene con la nota regola In tale ipotesi, l errore assoluto sulla potenza per effetto dei TA e TV risulta allora: pag. 6

7 Convertitori di corrente e di tensione Non essendo noto a priori il segno degli errori, il caso peggiore porta a sommarli in valore assoluto. Una stima meno penalizzante dell incertezza potrebbe essere ottenuta ricorrendo a una combinazione quadratica delle incertezze. Infine, per ottenere l errore totale della misura della potenza, bisogna sommare l errore introdotto dal wattmetro. Si nota che l errore è critico per misure con basso cosφ, dove pesano molto gli errori d angolo. Per completezza riportiamo anche, in Fig.1.4, lo schema d inserzione, tramite trasformatori di misura TA e TV, per il caso di un sistema trifase a tre fili. Nel realizzare lo schema è bene porre attenzione alle connessioni, rispettando i morsetti contrassegnati. In alternativa alle misure con strumenti dedicati (voltmetri, amperometri, wattmetri) sono ormai ampiamente diffusi, anche negli impianti di potenza, sistemi di misura basati su schede di acquisizione dati ed elaborazione numerica tramite PC dei segnali acquisiti. Queste tecniche richiedono comunque l impiego di dispositivi di isolamento dalla rete e di condizionamento del segnale. In Fig. 1.5 è rappresentato un possibile schema di inserzione, dove CT e VT indicano genericamente Current Transducers o Voltage Transducers. In molti casi questi trasduttori possono essere ancora TA e TV oppure sistemi di separazione galvanica basati su altre tecnologie (per esempio basati sull effetto Hall). pag. 7

8 Convertitori di corrente e di tensione Convertitori di corrente e tensione diversi da TA e TV Proprietà I convertitori di corrente e di tensione sono dispositivi in grado di convertire una corrente o una tensione elettrica (A.C., D.C., Pulsante, ecc.), in un grande range di ampiezze e frequenze, in una altra corrente o tensione di valore inferiore compatibile con gli strumenti disponibili di misura, di visualizzazione, di acquisizione dati, ecc. Sono disponibili diversi modelli per la misura di correnti e di tensioni che possono essere classificati come segue: Convertitori ad effetto hall ad anello aperto (open-loop Hall effect transducer). Convertitori ad effetto hall ad anello chiuso (closed-loop Hall effect transducer). Convertitori ad anello chiuso tipo C (C- type closed-loop transducer). Convertitori ad anello chiuso tipo IT (IT-type closed-loop transducer). Convertitori a cordoncino flessibile ( flexible transducer for AC current). La tabella seguente riporta le caratteristiche principali tipiche di detti convertitori : pag. 8

9 Convertitori di corrente e di tensione Convertitori ad effetto hall I convertitori ad effetto Hall realizzano isolamento galvanico tra circuito primario, interessato dalla grandezza elettrica da misurare, ed il circuito secondario, dove è inserito lo strumento misura. Principali vantaggi È possibile misurare qualsiasi corrente anche transitoria. Consentono di effettuare misure con incertezze inferiori a 1%. Linearità migliore dello 0,1%. Risposta estremamente veloce (delay time inferiore a 1 s). Elevata larghezza di banda (fino a 100 khz per alcuni modelli) e capacità di riprodurre correnti con fronti di salita sino a 50 A/s. Ampia scala di misura nonché elevata capacità di sovraccarico. L effetto Hall L effetto Hall è stato scoperto nel 1879 dal fisico americano Edwin Herbert Hall della John Hopkins University of Baltimora. pag. 9

10 Convertitori di corrente e di tensione Se una piastrina di materiale semiconduttore, attraversata da una corrente IC (corrente di controllo), è immersa in un campo di induzione magnetica B, l interazione tra flusso e corrente genera sui portatori di carica una forza di Lorentz perpendicolare al piano contenente i vettori IC e B che produce la variazione del numero di portatori di carica ad entrambi i bordi della piastrina e quindi una tensione VH (detta tensione di Hall) VH = (K/d) Ic B Dove K/d è la costante di Hall che dipende dal materiale semiconduttore e dalle dimensioni della piastrina. Se IC = cost. La tensione di Hall è proporzionale solo all induzione magnetica B. Convertitori di corrente ad effetto hall in anello aperto L induzione magnetica B viene generata dalla corrente primaria Ip, mentre la corrente Ic viene fornita da un generatore di corrente continua. Dato che il dispositivo lavora nella zona lineare della curva di magnetizzazione del nucleo ferromagnetico, B risulta proporzionale a Ip (B=costante Ip). Quindi la tensione di Hall VH può essere espressa dalla seguente relazione: VH=(K/d) Ic costante Ip Eccetto per Ip tutti i termini della relazione sono costanti: VH=costante(a) Ip dove costante(a)= (K/d) Ic costante. La tensione VH misurata viene amplificata e mandata in uscita come segnale di tensione o di corrente a seconda dell utilizzo. pag. 10

11 Convertitori di corrente e di tensione VANTAGGI - sono capaci di misurare correnti di qualsiasi forma d onda da pochi Ampere a qualche decina di ka con un metodo non invasivo; - peso e dimensioni ridotte; - assorbono poca energia; - sono poco costosi; - resistono ad alte correnti di sovraccarico. Incertezza di misura Dipende da parametri elettrici, dalla temperatura ambiente e da quella operativa del dispositivo. I fattori da considerare nella determinazione dell incertezza, legati alla variazione della temperatura ambiente sono: - tensione di offset: la tensione d uscita dello strumento è uguale a zero anche per Ip=0; - guadagno d anello; - linearità dello strumento. I fattori da considerare nella determinazione dell incertezza dipendenti dalla temperatura operativa del dispositivo sono: - variazione dell offset; - variazione del guadagno. pag. 11

12 Convertitori di corrente e di tensione Aspetti dinamici Risposta in frequenza Le limitazioni sono principalmente dovute a due fattori: 1. l ampiezza di banda del circuito elettronico che dipende dal tipo di amplificatore; 2. il riscaldamento del nucleo ferromagnetico che viene causato dalle correnti parassite e dalle perdite per isteresi soprattutto alle alte frequenze. Le perdite per correnti parassite dipendono: dal quadrato dello spessore del sensore di Hall, dal quadrato di Bmax e dal quadrato della frequenza. Invece le perdite per isteresi sono proporzionali alla frequenza e al quadrato di Bmax e corrispondono all area del ciclo d isteresi. Un problema dei convertitori ad effetto Hall in anello aperto è il surriscaldamento dei componenti, Infatti per definire il limiti operativi viene considerato il prodotto della corrente per la frequenza: Np Ip f In genere Np=1 quindi si considera Ip f. Le case costruttrici forniscono i valori Ip f, Ip e f per le varie temperature ed è proprio in base a tali valori che si deve effettuare la misura in modo da evitare di surriscaldare lo strumento e quindi il suo danneggiamento. Tempo di risposta t r Il tempo di risposta t r è inteso come l intervallo di tempo compreso fra il raggiungimento del 90% del valore finale della corrente primaria Ip e il raggiungimento del 90% del valore finale del segnale di output del convertitore Il tempo di risposta ed il rapporto di/dt dipendono dallo slew rate dell amplificatore usato. Generalmente il tempo di risposta è inferiore ai 3 µs. pag. 12

13 Convertitori di corrente e di tensione Applicazioni tipiche I convertitori ad effetto Hall ad anello aperto vengono usati in numerose applicazioni industriali per monitorare e regolare le correnti. Fra le principali applicazioni troviamo: - UPS e altre attrezzature che utilizzano batterie; - veicoli elettrici; - convertitori di frequenza e comandi trifase; - sistemi di trazione elettrica; - altre applicazioni che includono sistemi di gestione dell energia; - attrezzature per l elettrolisi. Convertitori di corrente ad effetto Hall ad anello chiuso La corrente da misurare Ip, qualsiasi sia la sua forma d onda, da origine ad una f.m.m. che genera il campo Hp. Nel caso specifico evidenziato nella figura precedente, essendo il numero di spire del primario pari ad 1 si avrà Np Ip = Ip. Grazie all alimentazione del dispositivo, si impone il passaggio della corrente di controllo Ic, nel sensore di Hall posto nel traferro. L interazione fra la corrente Ic ed il campo magnetico Hp, da origine alla tensione di Hall, la quale è portata all ingresso dell amplificatore operazionale. La tensione VH condiziona l uscita dell amplificatore operazionale, affinché l amplificatore in classe B a simmetria complementare posto in pag. 13

14 Convertitori di corrente e di tensione cascata generi una corrente Is. Il transistore NPN viene posto in conduzione dalla semionda positiva del segnale alla base (segnale in uscita dall amplificatore operazionale) ed è interdetto da quella negativa, al contrario il transistore PNP viene posto in conduzione dalla semionda negativa ed è interdetto da quella positiva. In questo modo durante la semionda positiva l avvolgimento secondario viene percorso dalla corrente di segnale del transistore NPN, mentre durante la semionda negativa viene percorso dalla corrente di segnale del transistore PNP, quindi l avvolgimento secondario sarà percorso da una corrente che ha lo stesso andamento nel tempo della corrente primaria. L utilizzo dell amplificatore in classe B a simmetria complementare risulta vantaggioso perché, in assenza del segnale in uscita dall amplificatore operazionale cioè in assenza della corrente primaria Ip, non si abbia circolazione di corrente nell avvolgimento secondario dovuta all alimentazione esterna del dispositivo. La corrente Is scorrendo nelle Ns spire dell avvolgimento, da luogo ad una f.m.m. che genera un campo magnetico Hs che si oppone al campo Hp. In ogni istante di tempo, si tende così ad ottenere la situazione per la quale: Np Ip = Ns Is alla quale corrisponde un flusso nullo nel traferro. La corrente nel secondario Is avendo lo stesso andamento nel tempo della Ip, è ridotta rispetto alla stessa di una quantità proporzionale al rapporto spire. Ad esempio per Np=1 ed Ns=1000, si ha Is = 1/1000 Ip. Il segnale in corrente Is potrà essere allora misurato con un amperometro, oppure con un voltmetro come c.d.t su una resistenza nota RM. Il campo magnetico risultante nel toro oscillerà nell intorno dello zero, come conseguenza di un equilibrio dinamico fra la variazione Np Ip e la conseguente Ns Is che tenderà a controbilanciare la stessa. Questo è importante perché così vengono ridotte al minimo le perdite per isteresi e correnti parassite. Range di misura Dipende dalla capacità del circuito elettronico a fornire la richiesta corrente Is. Il circuito elettronico può essere semplificato come mostrato in figura. pag. 14

15 Convertitori di corrente e di tensione Is massima dipende dai seguenti fattori: - V; - Vi = Ri *Is con Ri resistenza dell avvolgimento secondario; - VM = RM*Is; - Vce sat tensione di saturazione dei transistor; I S massima V V R R i ce sat M Comportamento dinamico 1. TEMPO DI RITARDO E RISPOSTA di/dt Generalmente l alta sensibilità di questi dispositivi produce un tempo di ritardo dell ordine del micro secondo. Generalmente di/dt è dell ordine di 50 A/s, per alcuni modelli persino sopra i 100 A/s. Queste due caratteristiche dipendono principalmente dalla bontà dell accoppiamento fra primario e secondario. 2. CAMPO DI FUNZIONAMENTO IN FREQUENZA Il circuito elettronico bilancia bene per frequenze fino a 3-5 khz. Per alte frequenze quota parte della corrente Is è dovuta all accoppiamento magnetico: il dispositivo si comporta come un trasformatore amperometrico. Si ha una buona compensazione totale per frequenze di lavoro fino a 100 khz. Affidabilità Uno studio dell affidabilità fatto su sensori ad effetto Hall in anello chiuso impiegati nelle locomotive elettriche francesi, ha dato il seguente risultato: MTBF (tempo medio tra i guasti) = 2, h λ (tasso di guasto) = 0, guasti/h pag. 15

16 Convertitori di corrente e di tensione Incertezza di misura L incertezza di misura dipende da diversi fattori, quali i parametri elettrici, parametri legati alle condizioni ambientali e dalla temperatura operativa del dispositivo. I parametri, legati alla temperatura ambiente, che determinano l incertezza sono: - offset di corrente ( IS 0 quando IP = 0) dovuto all amplificatore operazionale e al sensore di Hall; - non linearità; - incertezza della resistenza di misura RM; quelli legati alla temperatura di funzionamento del dispositivo sono: - variazione dell offset di corrente; - variazione della resistenza RM. Un altro fattore da portare in conto nella determinazione dell incertezza di misura è l offset magnetico. Questo è dovuto al magnetismo residuo e il suo valore dipende dallo stato di magnetizzazione del circuito magnetico. Il magnetismo residuo induce una corrente continua che si va ad aggiungere alla corrente secondaria. L errore è massimo quando il circuito magnetico viene saturato e questo può accadere in presenza di correnti di sovraccarico. È possibile smagnetizzare il circuito magnetico decrementando la corrente primaria quando il dispositivo non è alimentato ossia sottoponendo il primario a cicli di isteresi di ampiezza via via decrescente. pag. 16

17 Convertitori di corrente e di tensione VANTAGGI - possono misurare correnti continue e di qualsiasi forma d onda da pochi Ampere a qualche decina di ka; - sono molto accurati; - eccellente linearità; - tempo di risposta molto breve ed estesa ampiezza di banda; - sopportano correnti di sovraccarico senza danneggiarsi. LIMITAZIONI - considerevole consumo di energia legato alla fornitura della corrente di compensazione; - sono molto costosi. APLLICAZIONI TIPICHE - convertitori di frequenza ed in circuiti trifase per il controllo delle correnti; - convertitori per motori usati in robotica; - UPS e dispositivi che usano batterie per il controllo delle correnti; - sistemi di trazione elettrica; - altre applicazioni industriali. Convertitori di tensione ad effetto Hall in anello chiuso Il principio di funzionamento è lo stesso dei convertitori di corrente, la differenza è presente solo nel circuito primario che è un avvolgimento con un elevato numero di spire. Questa caratteristica permette di avere un induzione magnetica primaria che riduce al minimo i consumi nel circuito primario. A Per misurare la tensione è sufficiente derivare dalla tensione da misurare la corrente primaria equivalente. Questa derivazione viene effettuata ponendo in serie all avvolgimento primario Lp una resistenza Rp che può essere esterna o interna al convertitore. Nella figura la tensione tra i morsetti A e B è la tensione che si vuole B misurare. Applicazioni tipiche I convertitori di tensione ad effetto Hall in anello chiuso vengono usati in molteplici applicazioni industriali per distinguere, monitorare e regolare tensioni. Convertitori in anello chiuso di tipo C I convertitori di tipo C possono misurare correnti, tensioni e correnti differenziali. pag. 17

18 Convertitori di corrente e di tensione Hanno un estesa ampiezza di banda e una ridotta variazione delle prestazioni al variare della temperatura di funzionamento. Discrizione e principio di funzionamento Sono costituiti da due nuclei T1 e T2 di materiale ferromagnetico, su ciascuno dei quali c è un avvolgimento secondario composto da Ns spire, i due avvolgimenti sono collegati in serie, mentre l avvolgimento primario di Np spire è comune ai due nuclei. Un generatore di onda quadra fornisce la corrente Is+Iµ, dove Iµ è la corrente di magnetizzazione e Is è la corrente di compensazione. Il punto B, comune ai due secondari, è connesso all ingresso di un filtro attivo che assorbe la corrente di magnetizzazione Iµ la quale viene usata per cambiare la polarità della tensione del generatore ad onda quadra appena viene rilevato un principio di saturazione dei nuclei ferromagnetici. Si ottiene una curva d isteresi simmetrica e le ampere-spire del secondario sul nucleo T1 sono uguali alle ampere-spire del primario: (Is+Iµ)Ns=IpNp pag. 18

19 Convertitori di corrente e di tensione Non appena la corrente Iµ viene assorbita dal filtro, la corrente secondaria Is che percorre l avvolgimento secondario posto sul nucleo T2 risulta: Is=(IpNp)/Ns tale corrente viene convertita in tensione e mandata in output. Caratteristiche e aspetti I convertitori in anello chiuso di tipo c si dividono in tre categorie: 1. tipo CT:misurano correnti fino a 150A,sono molto accurati e hanno un ampiezza di banda da 0 a 500kHz; 2. tipo CD:misurano correnti differenziali che possono essere circa mille volte più piccole del valore della corrente primaria; 3. tipo CV:misurano tensioni fino ai 7000V,sono molto accurati e hanno un ampiezza di banda da 0 a 700kHz. Per tutte le categorie dei convertitori di tipo C l uscita è una tensione che può assumere un valore non superiore ai 10V. Principali vantaggi dei convertitori di tipo CT - ottima immunità da campi magnetici circostanti; - tempo di risposta estremamente veloce; - sopportano elevate correnti di sovraccarico; - l uscita è protetta contro i cortocircuiti; - grazie alle intrinseche caratteristiche di costruzione hanno un ottimo livello di isolamento elettrico. Limitazioni dei convertitori di tipo CT Nel circuito primario viene indotto un ripple di tensione,che dipende dal rapporto spire, influenzando cosi la misura. Tale effetto è più significativo quanto più piccola è l impedenza del circuito primario. Tipiche applicazioni dei convertitori di tipo CT - misure di correnti nei trasmettitori; - misura di correnti di magnetizzazione in trasformatori di potenza o rilevamento di componenti continue che possono saturare il nucleo ferromagnetico; - misure di correnti nella distribuzione dell energia elettrica e in sottostazioni Principali vantaggi dei convertitori di tipo CD - possibilità di regolare esternamente i livelli di correnti differenziali da misurare; - protetti contro le correnti di sovraccarico. pag. 19

20 Convertitori di corrente e di tensione Limitazioni dei convertitori di tipo CD - ampiezza di banda ridotta; - a causa della loro struttura (dimensioni,grandezza del circuito magnetico) la corrente primaria non deve superare il valore massimo consentito per evitare la saturazione del nucleo ferromagnetico la quale influenzerebbe la misura. Applicazioni tipiche dei convertitori di tipo CD - misura e rilevamento di correnti di dispersione a terra; - misura di correnti differenziali in sistemi di sicurezza per la trazione elettrica. Principali vantaggi dei convertitori di tipo CV - ottima immunità da campi magnetici circostanti; - tempo di risposta estremamente veloce; - ottima immunità contro le variazioni di tensione di modo comune. Limitazioni dei convertitori di tipo CV L involucro che contiene i componenti di tali convertitori non permette un buon isolamento elettrico. Applicazioni tipiche dei convertitori di tipo CV Misura di tensioni in invertitori di potenza usati in molteplici applicazioni industriali. CONVERTITORI IN ANELLO CHIUSO DI TIPO IT Vengono usati per misurare correnti con una bassa incertezza di misura. DESCRIZIONE Sono costituiti da una testina di misura (transducer head) nel quale sono presenti i circuiti magnetici e nel quale viene fatto passare il conduttore primario che viene percorso dalla corrente da misurare, da un rilevatore di flusso magnetico nullo (zero flux detector) e da un modulo elettronico. PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO I convertitori di tipo IT funzionano a flusso magnetico nullo. Per correnti fino alle basse frequenze il flusso nullo si ottiene dal rilevatore di flusso nullo che fornisce all amplificatore un segnale correttivo, mentre per correnti dalle basse alle alte frequenze l amplificatore porta il segnale indotto sull avvolgimento di feedback vicino allo zero ottenendo cosi un flusso nullo. Il rilevatore di flusso nullo è costituito da due nuclei ferromagnetici, su uno dei quali pag. 20

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

I sensori di spostamento induttivi

I sensori di spostamento induttivi Si basano sulla variazione del coefficiente di auto o mutua induzione con lo spostamento incognito. Sono dispositivi molto diffusi poiché presentano una elevata robustezza verso i fattori ambientali (si

Dettagli

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Il trasformatore è una macchina elettrica statica, il cui

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Appendice Il trasformatore monofase

Appendice Il trasformatore monofase Appendice l trasformatore monofase - Appendice l trasformatore monofase - rincipio di funzionamento Schema generale l trasformatore è un dispositivo costituito da un nucleo in materiale ferromagnetico

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE La tecnologia oggi permette di effettuare misure di grandezze elettriche molto accurate: precisioni dell ordine dello 0,1 0,2% sono piuttosto facilmente raggiungibili. corrente:

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

Strumenti per la Misura di Grandezze Elettriche

Strumenti per la Misura di Grandezze Elettriche Introduzione Strumenti per la Misura di Grandezze Elettriche Gli strumenti elettromeccanici possono essere schematicamente rappresentati da un organo mobile sul quale agisce una coppia motrice C m, la

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

IL TRASFORMATORE REALE

IL TRASFORMATORE REALE Il trasformatore ideale è tale poiché: IL TRASFORMATORE REALE si ritengono nulle le resistenze R 1 e R 2 degli avvolgimenti; il flusso magnetico è interamente concatenato con i due avvolgimenti (non vi

Dettagli

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 DA PAG. PAG. INDICE LEZIONE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 9 11 1 ELETTROSTATICA. Cariche elettriche, campo elettrico, capacità elettrica, condensatore, Farad e sottomultipli.

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Wattmetri di Precisione

Wattmetri di Precisione I modelli proposti Wattmetri di Precisione 3390 PW3337 PW3336 3332 3334 Canali di misura V e I 4 e 4 4 e 3 2 e 2 1 e 1 1 e 1 Misura di tensione fino a 1500V fino a 1000V fino a 1000V fino a 600V fino a

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Università degli studi di Pisa. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettrica

Università degli studi di Pisa. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettrica Università degli studi di Pisa FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettrica DISPENSE DI MACCHINE ELETTRICHE TRATTE DAL CORSO TENUTO DAL PROF. OTTORINO BRUNO TRASFORMATORE A cura

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Capitolo 7 Istruzioni

Capitolo 7 Istruzioni Capitolo 7 Istruzioni Il Capitolo 7 affronta tutti gli aspetti importanti della potenza elettrica. Lo studio del capitolo 7 può seguire immediatamente quello del capitolo 4 o come parte di un successivo

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

ABL8RPS24050 Alimentatore con commutazione regolata - 1 o 2 fasi - 200..500 V CA - 24 V - 5 A

ABL8RPS24050 Alimentatore con commutazione regolata - 1 o 2 fasi - 200..500 V CA - 24 V - 5 A Scheda prodotto Caratteristiche ABL8RPS24050 Alimentatore con commutazione regolata - 1 o 2 fasi - 200..500 V CA - 24 V - 5 A Complementare Limiti tensione ingresso Frequenza di rete Corrente di spunto

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto

La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione, Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it

Dettagli

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso.

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso. Sistemi Trifase Un insieme di m generatori che producono f.e.m. sinusoidali di eguale valore massimo e sfasate tra di loro dello stesso angolo (2π/m) è un sistema polifase simmetrico ad m fasi. Se lo sfasamento

Dettagli

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI 194 CAPITOLO 10 ALIMENTATORI Per funzionare, la maggior parte dei dispositivi e dei circuiti elettronici richiede un alimentazione in tensione continua, singola o duale. Le tensioni richieste sono normalmente

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE MACCHINA ASINCRONA TRIFASE E una macchina elettrica rotante. Si chiama asincrona perché il rotore ruota ad una velocità diversa dal campo rotante. STRUTTURA. La struttura è la stessa di quella analizzata

Dettagli

Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento

Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it Motore sincrono a magneti permanenti

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI IPSIA A. PONTI GALLARATE anno scolastico 2002/2003 BLOCCO TEMATICO: MACCHINE ELETTRICHE MAC01 MAC02 MAC03 MAC04 MAC05 MAC06 MAC07

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica)

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S 9.1 Il Web 2.0 rappresenta la moderna evoluzione di Internet rispetto al Web 1.0, caratterizzato dalla rappresentazione solo statica di testi e di immagini. Il Web

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con MOTORE ASINCRONO Il Motore Asincrono Trifase (MAT), venne per la prima volta realizzato da Galileo Ferraris nel 1885. Esso viene alimentato direttamente dalla rete di distribuzione, a tensione e frequenza

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel. 051-6443024 E-mail mail:

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO

RIFASAMENTO ELETTRICO RIFASAMENTO ELETTRICO A cura del prof: Ing. Fusco Ferdinando Indice STUDIO TEORICO pag. 3 PROVA SIMULATA pag.18 PROVA PRATICA IN LABORATORIO pag.23 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag.26 2 STUDIO TEORICO Introduzione

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

Capitolo 8 Istruzioni

Capitolo 8 Istruzioni Capitolo 8 Istruzioni L ultima parte del libro presenta un introduzione ai sistemi elettro-magneto-meccanici. Alcune delle basi necessarie per questa parte (potenza in AC) sono state discusse nel cap.7;

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

NORME E DEFINIZIONI PER GLI STRUMENTI DI MISURE DELLE GRANDEZZE ETTROMAGNETICHE

NORME E DEFINIZIONI PER GLI STRUMENTI DI MISURE DELLE GRANDEZZE ETTROMAGNETICHE NORME E DEFINIZIONI PER GLI STRUMENTI DI MISURE DELLE GRANDEZZE ETTROMAGNETICHE Strumenti indicatori Strumento che indica in modo continuo il valore efficace, medio o di cresta della grandezza misurata

Dettagli

Sensori di temperatura

Sensori di temperatura Sensori di temperatura La variazione di temperatura è tra le principali cause di cambiamento delle caratteristiche fisiche dei materiali, pertanto, si possono realizzare elementi sensibili alle variazioni

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA PROGRAMMA DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015 Docente: Ezio Santini

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Materiali magnetici. B = vettore induzione magnetica H = vettore intensità del campo magnetico. nel vuoto: B = μo H

Materiali magnetici. B = vettore induzione magnetica H = vettore intensità del campo magnetico. nel vuoto: B = μo H Materiali magnetici B = vettore induzione magnetica H = vettore intensità del campo magnetico nel vuoto: B = μo H La costante μo è la permeabilità magnetica del vuoto: μo = 1,26 10-6 H/m In presenza di

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica Docenti: Coppola Filippo Sergio Sacco Giuseppe Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Classe 3A2 Elettrotecnica ed Elettronica Modulo

Dettagli

PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2

PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2 PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2 Correnti di cortocircuito A cura del Prof.: Ing. Fusco Ferdinando Capitolo 2 Correnti di cortocircuito 2.1 La corrente di cortocircuito Il valore

Dettagli

MISURE DI POTENZA. (a) (b) Fig. 1

MISURE DI POTENZA. (a) (b) Fig. 1 MISUE DI OTENZA. Misure di potenza in circuiti in continua a potenza elettrica () dissipata su di un carico () alimentato da una sorgente in continua (E) è data dal prodotto tra la caduta di tensione sul

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Alimentatore Switching (SMPS) Trifase per montaggio su barra DIN, tipo SMP23 24 V DC/10 A

Alimentatore Switching (SMPS) Trifase per montaggio su barra DIN, tipo SMP23 24 V DC/10 A tipo SMP3 4 V DC/0 A Descrizione Alimentatore Switching per montaggio su barra DIN, alimentazione con tensione trifase, alto rendimento, filtro integrale in ingresso, protezione sovratemperatura,power

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

Protezione e sicurezza dei motori Pm a deflussaggio profondo (gamma di potenza costante > 1:4): L applicazione del fusibile duale 1,2

Protezione e sicurezza dei motori Pm a deflussaggio profondo (gamma di potenza costante > 1:4): L applicazione del fusibile duale 1,2 Protezione e sicurezza dei motori Pm a deflussaggio profondo (gamma di potenza costante > 1:4): L applicazione del fusibile duale 1,2 Sintesi: Il fusibile duale e un dispositivo di protezione per equipaggiamento

Dettagli

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio Le sovratensioni possono essere: sovratensioni Generate internamente all impianto Generate esternamente Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio A regime oscillatorio A carattere impulsivo

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

AZIONAMENTI ELETTRICI

AZIONAMENTI ELETTRICI AZIONAMENTI ELETTRICI SORGENTE ENERGIA UTENTE SUPERVISORE PROCESSO C I R C U I T O D ' I N T E R F A C C I A CONVERTITORE STATICO CIRCUITO DI CONTROLLO SENSOR I \ \ MOTORE TRASMISSIO NE MECCANICA CARICO

Dettagli

Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo

Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo Prof. Gianmaria De Tommasi Lezione 2 Carattersitiche dei sensori Sensori di moto Corso di Laurea Codice insegnamento Email docente Anno accademico N39

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale Per gli Istituti Tecnici Industriali e Professionali Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale A cura del Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org 2010/2011 POTENZA ELETTRICA NEI CIRCUITI

Dettagli

Disturbi e schermature

Disturbi e schermature Disturbi e schermature Introduzione Cause di degrado di un segnale: il rumore,, un contributo legato alla fisica del moto dei portatori di carica nei dispositivi, descritto da leggi statistiche; Filtraggio

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE L'APPROCCIO THYTRONIC

PROGETTAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE L'APPROCCIO THYTRONIC PROGETTAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE L'APPROCCIO THYTRONIC ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) PREMESSA La tecnologia dei relè di protezione per le reti elettriche

Dettagli

Esercitazione Analizzatore di rete trifase

Esercitazione Analizzatore di rete trifase Esercitazione Analizzatore di rete trifase - Esercitazione Analizzatore di rete trifase - Oggetto Presentazione del Laboratorio di Misure Elettriche. Misure di tensione e corrente con sonde a effetto Hall.

Dettagli