PARTE 2. IL SETTORE DELL ENERGIA IN ALBANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE 2. IL SETTORE DELL ENERGIA IN ALBANIA"

Transcript

1

2 INDICE PARTE 1.ANALISI DEL CONTESTO E QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. INTRODUZIONE 1 2. ECONOMIA DELL ALBANIA LA CRESCITA DEGLI ULTIMI ANNI LE CARATTERISTICHE DELL' IMPORT-EXPORT INVESTIMENTI DELLE IMPRESE ITALIANE PUNTI DI FORZA E FATTORI CRITICI PER GLI INVESTIMENTI I RAPPORTI TRA L'ALBANIA E L'UNIONE EUROPEA 5 PARTE 2. IL SETTORE DELL ENERGIA IN ALBANIA 1. LA CRISI DEL SETTORE DOPO IL COLLASSO DEL REGIME DALLE ESPORTAZIONE ALL'IMPORTAZIONE DI ENERGIA 8 2. STATO ATTUALE DEL SISTEMA ELETTRICO LA STRUTTURA DI GENERAZIONE LE SETTE GRANDI E MEDIE CENTRALI IDROELETTRICHE L'UNICA CENTRALE TERMICA DI FIER LE 83 MINICENTRALI IDROELETTRICHE I PROGRAMMI D'INVESTIMENTO NEL SETTORE DELLA GENERAZIONE L'ENERGIA PRODOTTA NEL I COSTI UNITARI DI PRODUZIONE DELLE CENTRALI IL SISTEMA DI TRASMISSIONE E DISTRIBUZIONE LE CRITICITÀ ATTUALI I PROGRAMMI D'INVESTIMENTO NEL SETTORE DELLA TRASMISSIONE IL SISTEMA DI DISPACCIAMENTO LA DOMANDA DI ENERGIA I CONSUMI REGISTRATI NEL PERIODO LE STIME DI DOMANDA LE CARATTERISTICHE DELLA DOMANDA ATTUALE L OFFERTA DI ENERGIA L ENERGIA IMMESSA IN RETE NEL PERIODO I FABBISONI DI IMPORTAZIONE DI ENERGIA NEGLI ULTIMI 20 ANNI LE PREVISIONI DI OFFERTA DELL ACTION PLAN ( ) 20

3 3 2.6 L ORGANIZZAZIONE DEL SETTORE LA RIFORMA DEL SETTORE LA SITUAZIONE DELLA KESH LE AUTORITÀ DI REGOLAZIONE NEL SETTORE ELETTRICO RISERVE E FABBISOGNI DI COMBUSTIBILI FOSSILI IL PETROLIO IL GAS IL CARBONE IL POTENZIALE DI SVILUPPO DELLE RISORSE RINNOVABILI BIOMASSE ENERGIA SOLARE ENERGIA EOLICA ENERGIA DA RIFIUTI URBANI ENERGIA GEOTERMICA 27 PARTE 3. QUADRO NORMATIVO PER GLI INVESTIMENTI STRANIERI 3.1 FORME ASSOCIATIVE RICONOSCIUTE SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA SOCIETÀ PER AZIONI FILIALI ED UFFICI DI RAPPRESENTANZA REGISTRAZIONE, CODICE FISCALE E LICENZA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE SUGLI INVESTIMENTI QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIRITTO DEL LAVORO SISTEMA FISCALE NORMATIVA DOGANALE QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI APPALTI PUBBLICI QUADRO NORMATIVO NEL SETTORE DELL ENERGIA 70 PARTE 4. PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO E PROGETTI IN CORSO 1. I PRINCIPALI DONORS NEL SETTORE ELETTRICO I PROGRAMMI FINANZIATI DALL ITALIA NEL SETTORE LE MODALITÀ DI FINANZIAMENTO: DONO E CREDITO D AIUTO I PROGRAMMI REALIZZATI NEGLI ULTIMI ANNI I PROGRAMMI ATTIVI (IN CORSO) 50

4 3. I PROGRAMMI IN CORSO FINANZIATI DAGLI ALTRI DONORS 57 PARTE 5. ANALISI DELLE OPPORTUNITÀ 1. LE STRATEGIE DI ENTRATA NEL MERCATO LA PARTECIPAZIONE A GARE INTERNAZIONALI LE OPPORTUNITÀ NEL BREVE E MEDIO TERMINE LE OPPORTUNITÀ NEL MERCATO ELETTRICO IL TIMING E LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE NELL AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA LE OPPORTUNITÀ NEL SETTORE DELLA GENERAZIONE LE OPPORTUNITÀ NEL SETTORE DELLA TRASMISSIONE GLI INTERVENTI SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LE OPPORTUNITÀ NEL CAMPO DEL RISPARMIO ENERGETICO 78 BIBLIOGRAFIA 84

5 5

6

7 7 PARTE 1. Analisi del contesto e quadro normativo di riferimento 1. ECONOMIA DELL ALBANIA Dopo il collasso del comunismo e le prime elezioni democratiche del 92, il Paese visse un quinquennio di forte instabilità, caratterizzato da un economia di mercato selvaggia. Nonostante tutto, l'economia di quegli anni crebbe, ma la situazione precipitò nel caos nel 97, con il crollo dei cosiddetti investimenti piramidali. Dopo un breve periodo di anarchia, l insediamento di un nuovo governo avviò un periodo di maggiore stabilità economica, che resse anche alla massiccia invasione dei rifugiati del Kosovo durante il bombardamento della NATO in Serbia. Dopo il 99 la ripresa economica è stata costante e su tassi elevati fino al 2005, quando si è registrato un rallentamento (al 5,5% secondo le stime del governo albanese), causato prevalentemente dalla crisi energetica. In questo periodo di transizione, il sostegno dell Unione Europea per il rafforzamento delle istituzioni, per la modernizzazione del paese e per l integrazione nel sistema economico europeo è stato determinante. Esso porterà probabilmente entro il 2006 alla firma del Patto di Stabilizzazione e Integrazione, che renderà più facile l esportazione di prodotti albanesi verso l Europa. 1.1 LA CRESCITA DEGLI ULTIMI ANNI La crescita degli ultimi anni è stata sostenuta dalle rimesse degli emigrati (15% del PIL nel decennio ), principalmente dalla Grecia e dall Italia, che aiutano a finanziare le importazioni e i consumi. L agricoltura, che rappresenta circa il 25% del PIL e occupa circa il 60% della popolazione attiva rimane inefficiente. Dopo il 1991, la riforma agraria ha assegnato la terra ai privati in piccoli appezzamenti, rendendo difficile una gestione moderna ed economica del settore, in assenza di spirito cooperativo e di un sostegno adeguato del sistema bancario. L industria, che concorre al 20% circa del PIL, è rappresentata per circa un terzo dal settore delle costruzioni. Nel 2005, in accordo con i dati ufficiali dell Istituto nazionale di statistica, l in-

8 flazione si è attestata al 2,2%, in linea con gli obiettivi fissati, mentre la valuta locale (Leke) è stata sostanzialmente stabile sull Euro (il cambio attuale è circa 120 Leke per 1 euro). Nonostante ciò, il rating del rischio paese rimane ad un livello alto. La SACE ha assegnato all Albania la 6a categoria di rischio. 1.2 LE CARATTERISTICHE DELL IMPORT-EXPORT L interscambio avviene principalmente con Italia, Grecia, Ucraina, Cina e Germania. Negli ultimi anni sta crescendo il commercio con Russia, Bulgaria, Rumania, e Croazia. L ingresso dell Albania nell Organizzazione Mondiale del Commercio, avvenuto nel settembre 2000, ha permesso l applicazione in loco delle politiche e delle regole del commercio internazionale che assicurano agli investitori stranieri la parità di trattamento nei rapporti commerciali. Il Paese gode di un accesso preferenziale al mercato dell Unione Europea, beneficiando di agevolazioni fiscali sulle esportazioni. Nel corso del 2005, le importazioni sono aumentate del 10% e le esportazioni del 6% rispetto all anno precedente. Circa la composizione delle esportazioni, al primo posto ci sono tessili e calzature (lavorazioni à façon) con il 60%, seguiti da materiali da costruzione e metalli (16%) e da prodotti alimentari, bevande e tabacco (8%). 22% Import Albania % macchinari Le importazioni hanno riguardato soprattutto macchinari ed attrezzature (24% del totale); alimentari e bevande (18%), materiali edili (14%) tessili e calzature (12%). alimenti/bevande materiali da costruzione 10% tessili e calzature 18% prodotti chimici altri settori 12% 14% Import Albania % 24% macchinari Le importazioni hanno riguardato soprattutto macchinari ed attrezzature (24% del totale); alimentari e bevande (18%), materiali edili (14%) tessili e calzature (12%). Montenegro 5% Ucraina 2% Germania 3% Altri 7% 10% Export Albania % Italia Grecia 14% 18% alimenti/bevande materiali da costruzione tessili e calzature prodotti chimici altri settori Grecia 11% Montenegro Germania

9 22% 24% macchinari alimenti/bevande Albania materiali da costruzione 9 10% tessili e calzature 12% 18% prodotti chimici altri settori 14% L Italia rappresenta il principale partner commerciale dell Albania, con una quota superiore al 40% dell intero interscambio. I principali prodotti esportati verso l Italia sono: abbigliamento e calzature (lavorazioni à façon), semilavorati in legno, tabacco, minerali, pelle, piante medicinali, cemento. Le importazioni dall Italia riguardano invece macchinari industriali, attrezzature elettriche, prodotti alimentari, carburanti, abbigliamento, calzature, prodotti farmaceutici. Export Albania 2005 Import Albania 2005 Montenegro 5% Ucraina 2% Germania 3% Altri 7% Italia Grecia 22% 24% macchinari alimenti/bevande Grecia 11% Montenegro materiali da costruzione Germania 10% tessili e calzature Italia 72% Ucraina Altri 18% prodotti chimici altri settori 12% 14% 1.3 INVESTIMENTI DELLE IMPRESE ITALIANE La penetrazione Export commerciale Albania dei 2005 prodotti italiani in Albania è elevata, ma può essere estesa ad altri settori in crescita, energia e costruzioni in particolare. Nel periodo , gli investimenti stranieri 16% sono stati di circa 1 miliardo di Dollari. Secondo gli ultimi dati analitici disponibili, nel 2001 il 48% degli investimenti stranieri in Albania tessili e calzature sono pervenuti dall Italia; non esistono dati attendibili più recenti sui flussi di investimento. materiali da costruzione 8% Export Albania 2005 alimentari/bevande/tabacco I settori economici di destinazione degli investimenti italiani Altri sono stati: 60% Ucraina 7% 16% altri settori 2% commercio (67%) Germania Italia 3% Montenegro 5% Grecia industria (17%) Grecia Montenegro servizi (6%). 11% Germania Riguardano prevalentemente piccole e medie imprese che operano nel settore edile, nel settore tessile e calzaturiero (produzione a façon ), nel commercio e servizi, nell industria Ucraina agro-alimentare Punti di forza e fattori critici per gli investimenti Con riferimento alle opportunità d investimento per le imprese italiane nel Paese, i fattori che, in generale, costituiscono punti di forza dell Albania sono: la vicinanza Import geografica; Albania 2005 Export Albania 2005 il basso costo della mano d opera (circa 200 euro come costo medio mensile per addetto Bulgaria 3% Altri 25% Italia 29% Italia Grecia Germania Ucraina Cina USA 8% 16% Italia 72% Altri tessili e calzature materiali da costruzione alimentari/bevande/tabacco

10 nelle aree urbane, con una discreta abilità tecnica in alcuni settori); la disponibilità di materie prime (cromo, nichel, rame, petrolio, carbone, bauxi fosfati); la flessibilità del mercato del lavoro; l aliquota fiscale sugli utili contenuta (20% nel 2006); una popolazione molto giovane (l età media è di 32 anni); un livello di scolarizzazione piuttosto elevato (circa l 80% dei ragazzi riceve unaformazione, molti di essi addestramento professionale, fino all età di 19 anni) l ampia diffusione della lingua italiana. I fattori critici generali per gli investimenti nel Paese sono sintetizzabili nei seguenti punti: la forte crescita e il dinamismo dell imprenditoria locale in alcuni settori maturi (tessile, edilizia, commercio) ma anche in alcuni settori strategici (energia, assicurazioni, telecomunicazioni) che rende spesso necessario per il successo delle iniziative la creazione di joint-venture con gli imprenditori locali; complessità delle pratiche doganali; il forte ritardo nei rimborsi per crediti d IVA, fattore che interessa le imprese esportatrici (gli acquisti interni sono con IVA e le esportazioni sono in esenzione d IVA); una residua incertezza nella certificazione della proprietà fondiaria. 1.4 I RAPPORTI TRA L ALBANIA E L UNIONE EUROPEA Le relazioni diplomatiche con la Ue sono iniziate nel 91. Nel 92 l Albania ha sottoscritto un Accordo di Commercio e Cooperazione, come primo passo verso l integrazione. Fino al 2000 l Ue ha fornito un supporto finanziario per circa 700 milioni di euro, tramite il programma PHARE, per modernizzare l economia e rafforzare le istituzioni democratiche del Paese. La sottoscrizione dell Accordo di stabilizzazione e di associazione con l Unione Europea, prevista entro il 2006, costituisce un passo importante nella prospettiva dell adesione. Lutz Salzman, ambasciatore della Ue in Albania, ha ricordato recentemente che è ancora presto per parlare della candidatura del Paese per l adesione come Stato membro. Il Presidente Barroso ha recentemente ricordato che la lotta alla criminalità e alla corruzione, la liberalizzazione dell economia, il rafforzamento dei diritti di proprietà, la difesa della libertà d opinione sono le sfide dell Albania per proseguire nel cammino di avvicinamento.

11 11 PARTE 2. IL SETTORE DELL' ENERGIA IN ALBANIA 2. LA CRISI DEL SETTORE DOPO IL COLLASSO DEL REGIME Fino alla fine degli anni 80, l Albania è stata governata con un sistema totalitario, caratterizzato da un economia pianificata e un marcato approccio autarchico. Durante il comunismo il Paese era autosufficiente sul fronte del consumo di petrolio ed era un rilevante esportatore di elettricità nella regione (verso Grecia, Macedonia, Kosovo e Montenegro). Il tema dell energia è oggi argomento molto diffuso di dibattito, polemica e frustrazione tra la popolazione albanese. In questo capitolo si forniscono alcuni cenni storici sulle ragioni della crisi del settore. 2.1 DALLE ESPORTAZIONE ALL IMPORTAZIONE DI ENERGIA Il regime di Enver Hoxha ( ) aveva individuato tra le principali priorità del Paese lo sviluppo della capacità di generazione di energia idroelettrica. In questo periodo, l Albania aveva realizzato un importante piano d investimenti, costruendo dighe e centrali idroelettriche, prevalentemente lungo il corso del fiume Drin, nella regione settentrionale del Paese. La generazione di energia era posta prevalentemente a servizio dell industria mineraria, che necessitava, nel suo ciclo produttivo, di alti consumi di energia. Ciò aveva dato impulso allo sfruttamento della ricchezza in minerali del Paese: rame, acciaio, ferro, cromo e nichel. L Albania aveva inoltre sviluppato una certa capacità industriale nello sfruttamento delle risorse nazionali di carbone e petrolio, iniziato con investimenti italiani negli anni 30, e proseguito durante il comunismo. L assenza di autoveicoli privati consentiva al Paese di poter esportare piccole quantità di prodotti petroliferi. A partire dagli anni 90 la situazione si è capovolta: l Albania è diventato un Paese importatore di petrolio e di energia. Con il collasso del comunismo e l avvio di un economia di mercato, si è avuta una drastica riduzione delle esportazioni (diminuite del 60% dal 1986 al 1992) e una rapida crescita dei consumi. Dopo la caduta del regime, il Paese si è ritrovato, tra gli altri problemi, un sistema elettrico fuori dagli standard internazionali, con componenti prevalentemente di origine albanese, cinese e ungherese. La struttura della domanda di energia è cambiata totalmente negli ultimi quindici anni, spostandosi da una forte prevalenza del settore industriale ad

12 una prevalenza del settore residenziale e del trasporto (per la forte crescita delle autovetture private). La liberalizzazione dei prezzi, lanciata dal governo albanese nel 1995, vide escluse le sole tariffe elettriche ed accentuò la crisi tecnica e finanziaria del settore elettrico: le basse tariffe e l assenza di un reale sistema di riscossione comportarono un impennata della domanda (da 2,3 TWh del 1993 a 5.6 TWh nel 1999) e un enorme crescita delle perdite non tecniche (allacciamenti illegali alla rete). Si tenga conto che i contatori domestici, che prima degli anni 90 erano stati oggetti intoccabili a causa delle punizioni severissime in caso di abuso, praticamente non esistevano più dopo il 97, periodo dopo il quale il consumo finisce totalmente fuori controllo. Alla fine degli anni 90, le istituzioni responsabili del settore elettrico dovettero fronteggiare un ulteriore sfida, derivante dalla richiesta degli organismi internazionali di privatizzare il sistema elettrico. Un primo tentativo della Banca Mondiale di privatizzare parte della rete di trasmissione dovette essere sospeso. Anche il processo di privatizzazione delle 83 minicentrali idroelettriche fu fermato (attualmente risulta ceduto a investitori privati circa il 50% delle 83 minicentrali). La produzione nazionale di petrolio nella parte centro-meridionale del paese continua a rifornire una raffineria a Ballsh; peraltro la produzione nazionale di petrolio rappresenta circa il 20% del fabbisogno del Paese. 1 Il sistema di generazione di energia realizzato durante il regime, che faceva leva quasi esclusivamente sulle fonti idroelettriche, è stato messo in crisi dalla siccità che ha caratterizzato il regime idrologico dell ultima decade. La raccolta eccessiva e incontrollata della legna da ardere per riscaldamento ha condotto a disboscamento severo di varie regioni. Nel contempo il Paese presenta un forte ritardo nello sviluppo di fonti di energia alternative. Malgrado il crescente ricorso alle importazioni dalla Grecia e Macedonia, all inizio del 2006 la società elettrica nazionale (la KESH) ha dovuto limitare la fornitura di elettricità a Tirana soltanto ad alcune ore al giorno. Passeggiando per la città, ci si rende conto che commercianti ed artigiani utilizzano, sempre più, piccoli generatori, che si caratterizzano per essere costosi, rumorosi e inquinanti. Sul fronte del consumo residenziale (per riscaldamento e usi domestici) i cittadini, che nei primi anni 90 si erano affidati al kerosene, sono poi passati quasi totalmente alla corrente elettrica. L estrazione del carbone su scala commerciale è cessata negli anni 90 ed è improbabile che riprenda. Negli ultimi 15 anni, gli investimenti privati nel settore sono stati frenati dall instabilità politica e dall assenza di un quadro regolamentare, riguardante, in particolare, il sistema delle concessioni e il sistema tariffario. 1 Nel 2005 l Albania ha consumato intorno a barili di petrolio al giorno in 2005, di cui soltanto provenienti da fonti nazionali e raffinati in loco.

13 13 3. STATO ATTUALE DEL SISTEMA ELETTRICO In questo capitolo si fornisce una breve descrizione delle caratteristiche del sistema elettrico albanese, dello stato di manutenzione delle centrali e della rete di trasmissione, del bilancio tra domanda e offerta di energia e dei programmi d investimento. Si forniscono inoltre alcuni cenni sulle fonti di energia rinnovabili. 3.1 LA STRUTTURA DI GENERAZIONE Attualmente la potenza installata in Albania è di circa 1660 MW. Di questa potenza complessiva, 1450 MW (pari a circa il 90%) sono forniti da centrali idroelettriche, e 210 MW da centrali termiche. Sono attualmente in funzione sette grandi e medie centrali idroelettriche e una vecchia centrale termica a Fier: tutte le centrali sono gestite dalla società elettrica nazionale, di proprietà dello stato (la KESH). Il sistema di generazione include inoltre 83 mini-idroelettriche. Si stima che attualmente sia sfruttato soltanto il 35% del potenziale idroelettrico nazionale, con possibilità di ampliamento per ulteriori 3000 MW. La maggior parte delle centrali idroelettriche esistenti sono state costruite con tecnologie datate tra gli anni 50 e gli anni Le sette grandi e medie centrali idroelettriche Le grandi e medie centrali idroelettriche del Paese sono localizzate sui fiumi Drin, Mati e Bistrica. Nella tabella seguente sono sintetizzate le caratteristiche di queste centrali. Tabella 1. - Caratteristiche delle sette grandi e medie centrali idroelettriche N. DENOMINAZIONE DELLA CENTRALE FIUME N. TURBINE POTENZA INSTALLATA (MW) 1 Fierze Drin Koman Drin Vau I Deies Drin Ulza Mati Shkopeti Mati Bistrica 1 Bistrica Bistrica 2 Bistrica 1 5 Totale idroelettriche 1430 Come detto, l età media delle centrali varia tra 20 e 50 anni, ad eccezione della centrale di Koman, ultimata nel Informazioni di dettaglio su queste centrali sono contenute in allegato, a fine testo di questa Parte del documento (cfr. Tabella 1)

14 3.1.2 L unica centrale termica di Fier L unica centrale termica è a Fier, ed è stata costruita tra il 1963 e il La produzione annua di energia di questa centrale è andata calando dal 2000 al 2004, da 120 GWh a 76 GWh. É previsto che questa centrale esca fuori esercizio a partire dal Le 83 minicentrali idroelettriche In accordo con i dati forniti dal Ministero dell Energia, esistono 83 minicentrali idroelettriche, per una potenza installata complessiva di 14 MW. La più vecchia è quella di Korca, realizzata nel Le altre sono state costruite tra il 1960 e il Delle 83 centrali, il Ministero considera che 16 sono da dismettere. La potenza delle rimanenti 67 varia tra 5 e kw.in accordo con la legge sulla privatizzazione (legge n del 1999), queste centrali devono essere trasferite al settore privato, in due possibili forme: mediante asta pubblica o mediante affidamento in concessione. In entrambi i casi c è l obbligo da parte dell investitore di effettuare la riabilitazione degli impianti. Alla data attuale, la situazione dell assetto proprietario di queste 67 minicentrali è sintetizzata nella tabella che segue. Assetto proprietario delle 67 minicentrali ritenute attualmente idonee (attive e da riabilitare) STATO ATTUALE NUMERO ATTIVE DI CUI NON ATTIVE Affidate in concessione Vendute In vendita Restituita al proprietario Totale Come si rileva dalla tabella suindicata, attualmente risultano aggiudicate 29 concessioni (sottoscritte negli anni tra il 2002 e 2003) per minicentrali con potenze comprese tra 200 e kw. Di queste: 26 centrali risultano aggiudicate alla società italiana Essegei srl, per una potenza complessiva di 10 MW, delle quali 11 (per una potenza complessiva di 2,5 MW) attualmente non operative. Nell ambito di queste 26 minicentrali, 19 sono state successivamente affidate da Essegei a altre imprese, prevalentemente albanesi in sub-concessione. 3 centrali risultano aggiudicate a due imprese albanesi (Amal e Emikei). L Agenzia Albanese per le Privatizzazioni ha poi venduto ulteriori 15 minidroelettriche a impre-

15 15 se albanesi, con potenze comprese tra 40 e 160 kw. Attualmente soltanto una di esse, Tamare, è funzionante. Per le rimanenti 22 centrali è in programma la vendita. Pertanto sul totale delle 67 centrali idonee al funzionamento, 44 sono state privatizzate, e tuttavia di queste ultime soltanto 19 sono attive. Ciò è dovuto al fatto che gli investitori non hanno dato seguito agli investimenti previsti contrattualmente. Negli anni 2003 e 2004 sono stati investiti circa 250 milioni di Lek (circa 2 milioni di euro al cambio attuale) per la riabilitazione delle minidroelettriche. Entro il 2006 sono previsti investimenti per milioni di Lek (oltre 15 milioni di euro). Il prezzo di vendita dell energia che l ente di regolazione (ERE) riconosce ai produttori privati di energia da fonti idroelettriche è di 4,3 Lek/kwh (pari a 4 centesimi di euro). Tale prezzo è ritenuto ancora troppo basso per assicurare agli investitori privati un adeguato ritorno dell investimento. Informazioni di dettaglio su queste minicentrali sono contenute in allegato a questa Parte del documento (cfr. Tabella 2, stampata in più pagine) I programmi d investimento nel settore della generazione Tenuto conto dell elevata incidenza delle centrali idroelettriche sul totale, la produzione di energia è attualmente fortemente dipendente dal regime idrologico. Al fine di ridurre tale dipendenza, il governo albanese ha avviato la realizzazione di una nuova centrale termica a ciclo combinato da 135MW (denominata Valona 1), con co-finanziamento Banca Mondiale, BERS, BEI e KESH (per un investimento complessivo di 110 milioni di US$). É previsto che questa centrale entri in fuzione a fine L attuazione del progetto risulta peraltro molto problematica, a causa del rilevante impatto ambientale dell opera. Il progetto è contestato da un associazione per la protezione dell ambiente di Valona e ha determinato intense proteste della popolazione Le altre centrali pianificate sono: 2 centrale da 200 MW a ciclo combinato di Valona 2 (2008); centrale da 200 MW a ciclo combinato di Valona 3 (2010); centrale idroelettrica da 74 MW di Bratila (2010); centrale idroelettrica da 90 MW di Kalavaci (2011). Le centrali di Valona 2 e Valona 3 dovrebbero essere realizzate con l apporto finanziario di potenziali investitori privati. Nella tabella che segue sono indicati i valori di incremento della potenza installata previsti dall Action Plan della KESH nell arco temporale per effetto degli interventi di riabilitazione delle centrali esistenti e della realizzazione di nuove centrali. Tuttavia i pro- 2 Tra parentesi è indicato l anno previsto di entrata in funzione.

16 grammi d investimento nelle nuove centrali sono in ritardo e sono messi a rischio da alcuni fattori di instabilità del contesto, ed in particolare dal forte incremento dei prezzi delle costruzioni. Stime di crescita della potenza installata (fonte: Action Plan della KESH) Type Capacity (MW)* Name Existing Generation System HPP Fierze HPP Koman HPP Vau I Dejes HPP Ulza HPP Shkopeti HPP Bistrica 1/2 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 28,5 HPP Sum of Remaining TPP Fier Existing Generation System TPP Vlora TPP Vlora TPP Vlora TPP Bratila TPP Kalavaci L energia prodotta nel 2004 Nella tabella che segue sono indicati gli ultimi dati disponibili forniti dalla KESH sulla generazione di energia, relativi all anno Dati sulla generazione nell anno 2004 (fonte: KESH) CENTRALE MWH (%) Centrali sul fiume Drin % Centrali sul fiume Mati ,8 % Centrali sul fiume Bistrica ,5 % Altre idroelettriche % Totale Idroelettriche % Centrale termica di Fier % TOTALE % Il 2004 è stato uno degli anni di maggiore produzione negli ultimi 10 anni.

17 17 Ripartizione produzione 2004 Come si rileva dalla tabella sopra indicata, circa il 92% è stato fornito dalle tre centrali sul fiume Drin. La centrale termica di Fier ha fornito nel 2004 soltanto l 1,4 % della produzione di energia I costi unitari di produzione delle centrali Qui di seguito si forniscono alcune stime sui costi unitari di produzione stimati nell anno 2003 (ultimi dati disponibili forniti dalla KESH). I costi di produzione delle idroelettriche attualmente in funzione sono stimati intorno a 1 Lek/kWh (0,8 centesimi di euro, al cambio del presente documento). Il costo di produzione della centrale termica di Fier è stimato in 14,90 Lek/Kwh (12 centesimi di euro). Il costo di produzione della centrale di Valona 1 è stimato in 5,74 Lek/Kwh (5 centesimi di euro). I costi di importazione attuali dell energia elettrica sono stimati in 5,8 Lek/Kwh (5 centesimi di euro). 3.2 IL SISTEMA DI TRASMISSIONE E DISTRIBUZIONE Il sistema di trasmissione attuale comprende circa 70 linee (a 400 kv, 220 kv e a 110kV) e 63 sottostazioni, delle quali 1 a 400 kv, 8 a 220kV e 54 a 110 kv. La scarsità di investimenti e di manutenzione degli ultimi 15 anni ha notevolmente ridotto l'affidabilità del sistema e ha limitato la capacità di scambio con i paesi confinanti. Stima dei consumi di C'è elettricità da tener conto che la struttura ( ) della domanda negli ultimi anni è fortemente cambiata, per il forte incremento dei consumi per utenze domestiche e il calo dei consumi dell'industria. Le difficoltà sul fronte energetico delle nazioni confinanti rendono difficile l'importazione dall'estero. La situazione attuale del sistema di trasmissione è pertanto critica e sono frequenti i black out del sistema. La KESH ricorre sempre più intensamente a un'erogazione del servizio con sospensioni programmate, in base a turni di rotazione delle aree servite (load shedding). Attualmente la distribuzione è suddivisa in 9 zone. La maggioranza di queste zone sono suddivise in 4-5 agenzie. Il numero di agenzie è 39. Non tutte le zone stanno operando con livelli di efficienza accettabili (le più efficienti sono la zona di Tirana e quella di Elbasan). Nel passato ci sono state trattative per la vendita della rete di distribuzione all ENEL o alla Iberdrola spagnola. I programmi di privatizzazione di questo settore sono attualmente fermi. anni

18 Le interconnessioni elettriche con i paesi confinanti comprendono tre linee. A causa dell instabilità del sistema, la sua capacità è ridotta a 400 MVA. Nel 2001 è aumentata notevolmente grazie ad un incremento delle capacità di trasformazione nella sottostazione di Elbasan e all entrata in esercizio di due linee (4km) tra Elbasan 1 e 2. Ciò ha creato le condizioni per la KESH di importare grandi quantità d energia e ridurre il load shedding. Peraltro i problemi della linea d interconnessione con la Grecia hanno portato a privilegiare le importazioni dalla parte nord del Paese Le criticità attuali Le simulazioni effettuate nel 2002 sul sistema hanno rivelato che: la regolazione della tensione è carente, in particolare sul sistema a 110 Kv a Bistrica e Korce, aree nelle quali la caduta di tensione è del 30% circa; i trasformatori 220/110 kv sono pesantemente caricati, specialmente a Vau i Dejes, Fiere e Fier; le linee a 110 kv che servono Korce e Bistrava sono sovraccaricate per circa il 20%. La regolazione della tensione dell Albania è condizionato dal basso voltaggio dei paesi confinanti (Grecia e Montenegro). Il sistema a 220 kv opera quasi totalmente in normali condizioni. Le due linee Elbasan-1 e Elbasan-2 e il loop a 220 kv che serve Rrashbull e Fier sono pesantemente sovraccaricate I programmi d investimento nel settore della trasmissione Qui di seguito sono elencati gli investimenti raccomandati, per l arco temporale dal 2005 al 2015, in questa componente del sistema dallo studio Power transmission and distribution project realizzato con finanziamento della Banca Mondiale nel Piano di nvestimenti raccomandati nel settore della trasmissione ( )

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Sup era. Sup era. Oral Scrit

Sup era. Sup era. Oral Scrit Matricola Nascita Luogo di Nascita à so me me Valutazione 10084373 21-06-92 SKRAPAR Albanese M B2 CELI 3 S B 10084650 24-09-92 FIER Albanese M B2 CELI 3 S C 10085991 20-11-92 Polià an,skrapar Albanese

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli