PREVENZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO AEM TORINO DISTRIBUZIONE SpA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO AEM TORINO DISTRIBUZIONE SpA"

Transcript

1 ALLEGATO 4 al Capitolato Speciale d Appalto SPEC/D/TC/ PREVENZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO AEM TORINO DISTRIBUZIONE SpA RESPONSABILE CONTROLLO E APPROVAZIONE Direttore Generale AEMD Responsabile Norme Tecniche Responsabile Ingegneria & Operations Responsabile Esercizio reti e Pronto intervento Responsabile Telecontrollo e Misure RESPONSABILE DI ATTUAZIONE Responsabile Trasformazione e Conversione Responsabile Operations Responsabile Innovazione Reti Responsabile Progettazione e Direzione Lavori Responsabile Contatori elettronici e Gestione Utenza 1

2 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE BASI E DEFINIZIONI Basi Definizioni MODALITÀ OPERATIVE E RESPONSABILITÀ Impianti MT/AT: lavori elettrici fuori tensione e/o in prossimità Organizzazione della sicurezza elettrica del lavoro e relativa compilazione del Piano di Lavoro Responsabilità dell elaboratore del Piano di Lavoro Piano di Lavoro Persone abilitate ad elaborare ed autorizzare i Piani di Lavoro Piano di Lavoro per lavori di riparazione guasto MT Piano di Lavoro per lavori MT programmati Piano di Lavoro per isolamento cabina (es: per sostituzione fusibili, rabbocco olio trasformatori e/o manutenzione richiesta da terzi) Piani di Lavoro collegati Messa fuori tensione ed in sicurezza degli impianti, individuazione univoca degli impianti interessati dai lavori e loro consegna (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI) Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Responsabile Impianto Sostituzione del RI Consegna dell impianto al PL Esecuzione dei Lavori (Responsabilità del Preposto ai Lavori PL) Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Preposto Lavori Compiti del Preposto ai Lavori PL Sostituzione del PL Obblighi degli addetti ai lavori Rimessa in tensione degli impianti elettrici interessati ai lavori - responsabilità del Responsabile Impianto (RI) Impianti BT Lavori elettrici fuori tensione e/o in prossimità Organizzazione della sicurezza elettrica Messa fuori tensione ed in sicurezza degli impianti, individuazione univoca degli impianti interessati dai lavori e loro consegna (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI) Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Responsabile Impianto Consegna dell impianto al PL Esecuzione dei Lavori (Responsabilità del Preposto ai Lavori PL) Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Preposto ai Lavori Compiti del Preposto ai Lavori ( PL) Obblighi degli addetti ai lavori Rimessa in tensione degli impianti elettrici interessati ai lavori responsabilità del Responsabile Impianto (RI) Impianti BT lavori elettrici sotto tensione Esempio di attività di Bassa Tensione eseguibili sotto tensione Compiti del Preposto ai Lavori (PL) Obblighi degli addetti ai lavori Lavori affidati al personale dell Impresa Esecutrice Esercizio ESE Capo Turno Ufficio Programmazione dell ESE Manovre

3 3.5.1 Manovre di esercizio Manovre per lavori ORGANISMI INTERNI AEMD Commissione Abilitazioni ALLEGATI Allegato 1: Allegato 2: Allegato 3: Allegato 5: Allegato 6: Allegato 7: L1P2: L1P7: L1P8: L1P9: misure generali di prevenzione e protezione modulistica e modalità di compilazione attività tipiche nella rete MT (schede operative) componenti commissione abilitazioni elenco abilitazioni utilizzo del monoperatore Istruzione per l'esecuzione delle manovre elettriche sugli impianti di media tensione Istruzioni per i lavori elettrici negli impianti di illuminazione pubblica Istruzioni per i lavori e le manovre elettriche sulle installazioni in alta tensione Istruzione per lavori elettrici e manovre nelle cabine di conversione Data Commenti sulle modifiche apportate Aggiornamento attinente le integrazioni delle norme CEI e D.Lgs. 81/2008 3

4 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento aggiorna e sostituisce il libro PRE AEM edizione luglio 2004, fornisce procedure integrative alle norme CEI per l esecuzione di lavori elettrici/manovre sugli impianti di distribuzione d'energia elettrica ai fini della sicurezza elettrica delle persone, in linea con quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. D.Lgs 81/2008 e s.m.i. s.m. s. m. Individuazione delle situazioni di pericolo e dei rischi associati PRE - AEMD PERICOLO: Differenza di potenziale RISCHIO: Elettrocuzione Lesioni da arco elettrico Valutazione del rischio NORME CEI Regole e procedure DISPOSIZIONI INTEGRATIVE ALLE NORME CEI Formazione ed informazione Corsi ricorrenti per Tecnici/Operai Vengono individuati gli operatori tipici, gli organismi e gli aspetti organizzativi, con relativa definizione di ruoli, responsabilità e modalità di trasmissione delle informazioni in merito a: - organizzazione del lavoro; - esecuzione del lavoro; - scambio di informazioni. Le attività operative trattate sono quelle: - in prossimità di parti attive; - fuori tensione sugli impianti elettrici di bassa, media e alta tensione; - sotto tensione sugli impianti elettrici di bassa tensione. La modulistica introdotta, opportunamente articolata, contribuisce sia ad impegnare, nell'analisi e nella preparazione del lavoro, tutti gli operatori e gli organismi coinvolti nell esecuzione delle attività lavorative, sia ed evitare equivoci o errori nello scambio d informazioni. Gli impianti interessati sono quelli di esclusiva competenza di AEM D. 4

5 2 BASI E DEFINIZIONI 2.1 Basi D.Lgs 81/2008 e s.m.i. CEI 11-1 CEI EN CEI Definizioni Parte attiva Conduttore o parte conduttrice destinata ad essere in tensione durante il normale servizio incluso il neutro, ma non, per convenzione, il neutro usato come conduttore di protezione (PEN). Impianto in sicurezza Situazione in cui si trova un impianto o una parte d impianto e tutte le sue parti attive dopo che siano state adottate tutte le misure previste per il lavoro fuori tensione. Persona esperta (PES) Persona con istruzione, conoscenza ed esperienza rilevanti tali da consentirle di analizzare i rischi e di evitare i pericoli che l elettricità può creare. Persona avvertita (PAV) Persona adeguatamente avvisata da persone esperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare. Persona preposta alla conduzione dell impianto elettrico (Responsabile dell'impianto -RI) Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione dell impianto elettrico. All occorrenza, parte di tali compiti può essere delegata ad altri. Persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa (Preposto ai lavori - PL) Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione del lavoro. All occorrenza, parte di tali compiti può essere delegata ad altri. Monoperatore Persona che esegue determinate attività lavorative sugli impianti elettrici senza l assistenza di una seconda persona. Terra di sezionamento Collegamento di tutti i conduttori attivi dell impianto a terra ed in cortocircuito nel punto di sezionamento. L opportunità di installare la terra di sezionamento è da valutarsi di volta in volta in base alla situazione impiantistica. Se previste, le terre di sezionamento devono essere evidenziate nell'eventuale Piano di lavoro e ciò ricade sotto la responsabilità del RI. Terra di lavoro Collegamento di tutti i conduttori attivi dell impianto a terra ed in cortocircuito nel punto in cui si esegue il lavoro. Le terre di lavoro possono essere più di una. Piano di lavoro (PdL) Il Piano di lavoro è un documento su cui sono riportate le modifiche da apportare all impianto per poter eseguire i lavori e le altre informazioni riguardo all assetto che deve essere mantenuto durante i lavori. A titolo di esempio: i punti di sezionamento; i punti di messa a terra di sezionamento; l inserzione o l esclusione di protezioni o automatismi; i punti di apposizione di cartelli monitori; la modifica di tarature; l adozione di schemi d impianto particolari. 5

6 Piano d intervento Il piano di intervento è richiesto per i lavori definiti complessi. E un documento su cui sono riportate tutte le informazioni circa le misure di sicurezza e le modalità d intervento. A titolo di esempio: numero e posizione delle terre di lavoro; installazione di barriere e protettori; adozione di DPI; valutazione delle distanze; compiti particolari degli addetti ai lavori. Consegna dell impianto Azione con cui il RI comunica al PL che l impianto (o parte d impianto) interessato ai lavori è nella condizione prevista, eventualmente dal Piano di lavoro, ed i lavori possono iniziare. Dopo la consegna, la parte d impianto che è in grado di modificare le condizioni elettriche all interno della zona di lavoro deve restare nelle condizioni previste (ne è responsabile il RI). Restituzione dell impianto Azione con cui il PL comunica al RI che i lavori sono terminati, le misure di sicurezza rimosse, il personale allontanato ed è possibile riprendere il normale esercizio dell impianto. Misure Sono misure le operazioni compiute per conoscere il valore di dati fisici inerenti gli impianti elettrici. Possono essere semplici e senza rischi, come leggere uno strumento da quadro, o complesse e richiedere azioni per contenere o eliminare il rischio. Prove Le prove sono le attività destinate a controllare il funzionamento e lo stato di un impianto elettrico. Possono comprendere delle misure. Ricerca guasti La ricerca guasti è un attività che richiede, di solito, la combinazione di prove e misure per individuare la causa di malfunzionamenti. Linea Una linea può essere costituita da uno o più sistemi di conduttori nudi o di cavi. Il confine della linea rispetto all'impianto è costituito dai codoli lato linea dell organo di manovra, questo escluso. Sono parte della linea tutti i componenti e le apparecchiature installati lungo la stessa. Non sono parte della linea le apparecchiature installate all'interno dell'area o sul manufatto relativi alla cabina (es. isolatori passanti). Attività lavorative Le misure, le prove e le ispezioni (queste ultime se svolte in presenza di rischio elettrico), vanno ricondotte di volta in volta alle tre tipologie di lavori elettrici (lavoro fuori tensione, lavoro in prossimità di parti attive e lavoro sotto tensione). Manovre per lavori Sono quelle manovre strettamente necessarie per la messa fuori servizio e in servizio (per la consegna e la successiva riconsegna) d impianti e linee in occasione di attività lavorative. Manovre di rete Sono quelle manovre di esercizio necessarie per la ricerca del guasto e/o per la modifica dell'assetto della rete. Cabine elettriche Gli impianti adibiti alle funzioni di trasformazione, conversione, smistamento e/o consegna di energia elettrica sono correntemente denominati: Cabine Primarie (Stazioni elettriche AT/MT, Cabine di trasformazione MT/MT) 6

7 Cabine di Conversione Cabine Secondarie (MT/BT, smistamento, consegna MT e Cabine IP) Il confine rispetto alla linea è costituito dal sezionatore di linea, questo incluso. Sono parte delle cabine elettriche le apparecchiature installate all'interno dell'area o sul manufatto relativi alla cabina stessa. Linea interferente Linea in conduttori nudi non oggetto dei lavori che può dar luogo a rischio elettrico per chi esegue attività lavorative e che deve pertanto essere oggetto di valutazioni. Impianti di terzi fonte di possibile alimentazione Sono costituiti da gruppi generatori o altre apparecchiature di generazione o alimentazioni plurime che possono essere collegati in parallelo alla rete elettrica oggetto delle attività lavorative. La linea che alimenta il cliente è quindi da considerare, nella adozione delle misure preventive e protettive, una parte attiva e/o un punto di possibile alimentazione per l eventuale presenza di gruppi elettrogeni o gruppi di continuità (UPS). Bassa Tensione La bassa tensione comprende i sistemi elettrici a tensione nominale da 50 V fino a 1000 V in corrente alternata e da 120 V a 1500 V in corrente continua. Le reti di distribuzione pubblica a 230 V o 400 V (norme CEI 8-6: Tensioni nominali per i sistemi di distribuzione pubblica a bassa tensione ) sono costituite dall insieme degli apparecchi e linee (in cavo o aeree) che, a partire dal quadro di distribuzione BT installato nelle cabine secondarie, permettono di alimentare i singoli punti di consegna dell energia al cliente. Media Tensione La tensione compresa fra 1 e 30 KV. Le reti di distribuzione pubblica in media tensione sono costituite dall insieme degli apparecchi e linee (in cavo o aeree) che, a partire dai trasformatori AT/MT installati nelle cabine Primarie, permettono di alimentare le cabine. Alta Tensione La tensione maggiore di 30 KV. Le reti di distribuzione pubblica in alta tensione sono costituite dall insieme degli apparecchi e linee (in cavo o aeree) che permettono di alimentare le Cabine primarie. 3 MODALITÀ OPERATIVE E RESPONSABILITÀ I lavori elettrici sono distinti in: - lavoro elettrico fuori tensione: qualsiasi attività lavorativa su impianti elettrici, che non sono attivi e non hanno carica elettrica, eseguita dopo aver messo in atto tutte le misure per prevenire il pericolo elettrico. - lavoro elettrico in prossimità: qualsiasi attività lavorativa in cui un lavoratore entra nella zona prossima con parti del proprio corpo, con un attrezzo o con qualsiasi altro oggetto senza invadere la zona di lavoro sotto tensione. - lavoro elettrico sotto tensione: un attività in cui il lavoratore viene a contatto con le parti attive o entra nella zona di lavoro sotto tensione con parti del suo corpo o con attrezzi, con equipaggiamenti o con dispositivi che devono essere maneggiati (sono vietati negli impianti MT/AT). Si distinguono diverse procedure operative a seconda del livello di tensione. 7

8 3.1 Impianti MT/AT: lavori elettrici fuori tensione e/o in prossimità Le funzioni attribuite dalla norma CEI alla figura del Responsabile Impianto, vedono coinvolte in ambito AEMD diverse figure e funzioni aziendali, così definite: Elaboratore piano di lavoro Responsabile per la pianificazione e la programmazione dei lavori con funzioni quali: - la redazione del Piano di Lavoro; - la valutazione dei rischi ambientali; - l organizzazione del cantiere: - la redazione, ove necessita, del Piano d Intervento. Esercizio Reti Responsabile per la programmazione e l esecuzione delle modifiche gestionali con funzioni quali: - modifiche taratura protezioni, esclusione richiusure, inibizione di contro-alimentazioni - esecuzione delle manovre sull impianto elettrico, o sua parte, oggetto dei lavori quando richieste e/o necessarie per il proseguo dei lavori (es: quando per ragioni di carico o di manovre si porta la cabina di testa). Responsabile Impianto Responsabile per le attività di esecuzione del PdL con funzioni quali: - esecuzione dei sezionamenti, dei provvedimenti per evitare richiusure intempestive, la realizzazione di eventuali terre di sezionamento e l apposizione dei cartelli monitori, l individuazione dell'impianto elettrico, o parte di esso, interessato dai lavori.) - la delimitazione dell area entro la quale il lavoro può svolgersi con le modalità previste; - il trasferimento al PL delle informazioni sugli eventuali rischi ambientali ed elettrici specifici dell impianto oggetto dei lavori - la consegna dell'impianto elettrico al Preposto ai lavori. Nei lavori elettrici fuori tensione su impianti MT/AT si distinguono pertanto le seguenti fasi: Organizzazione della sicurezza elettrica del lavoro e relativa compilazione del Piano di Lavoro PdL (responsabilità dell Elaboratore del Piano di Lavoro); Messa fuori tensione ed in sicurezza degli impianti, individuazione univoca degli impianti interessati dai lavori e loro consegna (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI); Esecuzione delle attività lavorative (responsabilità del Preposto ai Lavori PL); Rimessa in tensione (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI) Organizzazione della sicurezza elettrica del lavoro e relativa compilazione del Piano di Lavoro Responsabilità dell elaboratore del Piano di Lavoro Il lavoro deve essere sempre pianificato e preparato in modo adeguato per consentire una corretta analisi e prevenzione dei rischi. Particolare attenzione va posta nella raccolta di informazioni e documentazione, nella individuazione dei rischi e delle misure di sicurezza, nella predisposizione tecnica dell attività, nell informazione agli operatori. Con l analisi dell attività lavorativa si individuano le operazioni che devono essere attuate per permettere di svolgere il lavoro in sicurezza. Tali operazioni devono essere riportate nel Piano di Lavoro PdL (Allegato 2), che a tale scopo viene compilato. I Piani di Lavoro sono stati suddivisi in semplici e complessi in relazione agli impianti, per permettere una maggiore correlazione tra la complessità delle operazioni, l esperienza maturata dagli operatori e le abilitazioni attribuite (Allegato 6) 8

9 Sono state definite le attività per le quali deve essere elaborato il PdL di tipo semplice, ovvero per: l isolamento di un trasformatore MT/BT (con esclusione delle cabine serie 4-6); l isolamento di una fornitura privata (con esclusione delle cabine serie 4-6). tratti di cavo con apparecchiature serie 1 e 2. In tutti gli altri casi si tratta di PdL complessi Piano di Lavoro Il Piano di Lavoro deve essere sempre compilato. E il documento che individua l assetto che l impianto deve assumere e mantenere durante i lavori per la riduzione del rischio elettrico in dipendenza delle modalità operative e delle misure di prevenzione adottate. Sul modulo devono essere descritte, avendo conoscenza della situazione esistente, le manovre per l isolamento degli impianti, le relative operazioni per la messa in sicurezza (tra cui i punti dove provvedere all assicurazione contro le richiusure), l individuazione univoca della parte d impianto interessata dai lavori e tutte l eventuali prescrizioni previste. I Piani di Lavoro devono riportare la corretta sequenza temporale delle operazioni di sezionamento e messa in sicurezza per poter effettuare lavori fuori tensione su una parte di impianto elettrico. Devono inoltre essere indicati i nominativi della persona che assumerà la responsabilità dell esecuzione del Piano stesso (Responsabile Impianto RI) e di quella che coordinerà le attività lavorative (Preposto ai Lavori PL), verificando che gli stessi posseggano le dovute abilitazioni. L Elaboratore del Piano di Lavoro, prima dell esecuzione delle attività lavorative, si confronta con il Responsabile Impianto (RI) al fine di informalo e condividere i contenuti del PdL. Il nulla osta operativo all eventuale Preposto ai Lavori (PL), personale AEMD e/o dell Impresa Esecutrice, viene sempre effettuato tramite l apposita modulistica (Consegna Impianto), come descritto nel successivo paragrafo Persone abilitate ad elaborare ed autorizzare i Piani di Lavoro Le persone abilitate ad elaborare e firmare i Piani di Lavoro (distinte tra abilitazione per piani semplici e complessi ) sono individuate dalla Commissione Abilitazioni (i nominativi sono riportati nell Allegato 6). Per la parte relativa all isolamento elettrico, tutti i Piani di Lavoro devono essere autorizzati dall Esercizio Reti nelle figure del: - Ufficio Programmazione durante il normale orario di lavoro; - Capo Turno al di fuori del normale orario di lavoro; tramite l apposizione sul modulo di un numero progressivo. Tale numerazione serve anche per accettare l eventuale esecuzione di manovre sovrintese da parte dell ESE, su richiesta dell Elaboratore del Piano. L ESE verifica che l Elaboratore del Piano di Lavoro sia in possesso delle dovute abilitazioni e, nel caso di PdL contemporanei e/o congiunti, che non vi siano interferenze nell esercizio delle reti. 9

10 Piano di Lavoro per lavori di riparazione guasto MT Linee MT e Cabine Secondarie: per questi interventi il Piano di Lavoro viene di norma elaborato da un addetto abilitato di Ingegneria e/o Operations. Cabine Primarie e di Conversione: per questi interventi il Piano di Lavoro viene di norma elaborato da un addetto abilitato di Trasformazione e Conversione. In caso di guasto MT, le manovre d isolamento e di norma quelle di messa in sicurezza (compresa l inserzione dei setti isolanti) sono sovrintese dal Capo Turno dell Esercizio ed eseguite dal personale abilitato alle manovre durante la fase di individuazione del ramo guasto. Al termine delle attività, il Capo Turno compila il modulo Notifica Manovre (NM Allegato 2), lo consegna all Elaboratore del Piano di Lavoro e congiuntamente lo analizzano. Il modulo sarà poi allegato al Piano di Lavoro stesso. In questo modo all Elaboratore deve risultare chiaro quali interventi sono già stati realizzati dall Esercizio e quali attività dovrà porre a carico del Responsabile Impianto sul Piano di Lavoro. Laddove, eventuali manovre di messa in sicurezza non siano state eseguite, l Esercizio dovrà indicarle sul modulo Notifica Manovre (campo note) e con quali mezzi attuarle (terre a bastone lunghe e/o corte, etc.). L Elaboratore, ricevuto il modulo NM, provvede a redigere il Piano di Lavoro effettuando le necessarie valutazioni, tenendo conto che, essendo di norma le manovre di sezionamento e messa in sicurezza già effettuate a cura dell Esercizio, potranno riguardare: l individuazione del RI/PL; il posto di lavoro (presenza di linee aeree interferenti, ulteriori rischi connessi all ambiente, etc.); e nel caso di guasto su linea: l eventuale ricerca della linea guasta (individuazione della cabina a cui collegarsi); la pre-individuazione, mediante la consultazione delle planimetrie e ove necessita mediante rilevazione strumentale; l individuazione univoca della linea (nel caso di linee in cavo, per il relativo taglio occorrerà anche definire la cabina in cui dovrà essere posizionato il relè a cartellino). Una volta completato in tutte le sue parti, il Piano di Lavoro viene firmato 1 dall Elaboratore e sottoposto all Esercizio per l approvazione, tramite applicazione sul modulo della numerazione progressiva. L Elaboratore infine consegna il Piano di Lavoro con NM allegata al RI Piano di Lavoro per lavori MT programmati Relativi a: o Cabine Primarie e di Conversione Per questi interventi il Piano di Lavoro è di norma elaborato da un addetto di Trasformazione e Conversione abilitato. 1 Invio tramite sistema informatico che equivale alla firma. 10

11 o Cabine Secondarie e Linee MT Per le attività svolte da Operations, il RI ed il PL vengono individuati dalla programmazione di OPE, in relazione alla tipologia del lavoro e delle abilitazioni richieste/possedute. In entrambe le situazioni (Cabine Primarie, Cabine di Conversione e Cabine Secondarie) l elaboratore del Piano di Lavoro stabilisce se parte delle manovre di sezionamento e messa in sicurezza devono essere effettuate in anticipo, sotto la sovrintendenza dell Esercizio Reti, tramite personale abilitato. In questo caso sul Piano di Lavoro devono essere indicate chiaramente (nel campo note) quali sono tali manovre; l avvenuta esecuzione sarà evidenziata nel modulo Notifica Manovre (Allegato 2), emesso dal Capo Turno dell ESE ed allegato al PdL. Una volta completato in tutte le sue parti, il Piano di Lavoro viene firmato 2 dall Elaboratore e sottoposto all Esercizio per l approvazione, tramite applicazione sul modulo della numerazione progressiva. Una volta numerato il PdL viene consegnato in copia al RI Piano di Lavoro per isolamento cabina (es: per sostituzione fusibili, rabbocco olio trasformatori e/o manutenzione richiesta da terzi) Sono questi o similari i casi in cui le attività potranno essere eseguite anche dall Esercizio e pertanto la Programmazione dell ESE o il Capo Turno, dovranno elaborare un Piano di Lavoro, individuando come RI un addetto abilitato del servizio stesso. In caso di sostituzione fusibili, rabbocco d olio e/o attività similari, tale RI assumerà anche la funzione di PL Piani di Lavoro collegati Piani di Lavoro distinti devono essere collegati tra loro quando vi sono lavori contemporanei su parti di impianto in comune o PL che operano contemporaneamente sulle stesse parti d impianto. Ogni Piano di Lavoro deve essere riferito ad un unico PL. Ove possibile, i PdL collegati devono essere elaborati da un unico addetto e devono riportare il nominativo di un unico RI (nel caso in cui il RI è individuato all interno di ESE, sul PdL verrà indicata la dicitura personale in turno ). L Elaboratore, dovrà indicare nelle note dei vari PdL che gli stessi devono essere collegati. In ogni caso l Esercizio valuterà la necessità di collegare i PdL ricevuti in funzione di lavori che potrebbero interferire, ed eventualmente li collegherà informando l elaboratore. I PdL approvati non possono essere più collegati. Nei casi eccezionali in cui: gli Elaboratori siano diversi, l Esercizio collegherà i due PdL ed informerà gli stessi (tramite ); per lavori di unificazione delle reti MT (con impianti inizialmente non interferenti) vi siano diversi RI in differenti PdL è necessario indicare, nel campo note, quale RI assumerà il ruolo di coordinatore a valle delle operazioni di messa in sicurezza. Detto coordinatore avrà il compito, ultimate le singole operazioni svolte dai PL, di raccogliere tutti i moduli CI, 2 Invio tramite sistema informatico che equivale alla firma 11

12 eventualmente emessi, e dopo aver eseguito i controlli necessari ed essersi assicurato che tutti si siano allontanati dagli impianti, rimetterli in tensione. per motivi organizzativi e/o di competenze sugli elementi di impianto non sia possibile avere lo stesso RI (casi tipici: attività su elemento d impianto con linee MT interferenti), a tal fine saranno compilati due PdL: uno per impianto (stazione o cabina primaria) e uno per linea, tra loro collegati aventi un unico Preposto ai Lavori comune ai due PdL. Questo Preposto ai Lavori dovrà appartenere esclusivamente a TC e sarà anche la persona che ricoprirà il ruolo di RI del PdL d impianto ed assumerà il compito di un RI coordinatore. Tale condizione sarà riportata nelle note dei due PdL tra loro collegati. I compiti del RI coordinatore saranno i seguenti: a) dare autorizzazione all inizio dei lavori in cantiere solo dopo aver ricevuto il CI del PdL linea collegato (in quanto il RI del PdL impianto assolve obbligatoriamente anche a quella di PL del PdL Linea collegato) e aver proceduto alle manovre per lavori di diretta competenza; b) dare autorizzazione all avvio delle manovre di chiusura del PdL linea collegato (riconsegna CI al RI del PdL linea collegato) solo dopo aver completato i lavori di propria competenze e aver provveduto a completare le manovre di lavoro necessarie a chiudere il proprio PdL impianto Messa fuori tensione ed in sicurezza degli impianti, individuazione univoca degli impianti interessati dai lavori e loro consegna (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI) In tale fase vengono realizzate le attività previste nel Piano di Lavoro. La persona responsabile dell esecuzione di tali attività è il Responsabile dell Impianto, il quale è tenuto anche a verificare che le prescrizioni previste dal Piano siano sufficienti a garantire l esecuzione dei lavori in piena sicurezza. Nel caso sul campo la situazione risultasse diversa o insorgessero complicazioni tali da rendere necessaria una variazione rispetto alle disposizioni indicate sul Piano di Lavoro, deve sospendere le attività e interessare immediatamente l elaboratore del Piano stesso o il proprio superiore Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Responsabile Impianto Il Responsabile Impianto deve essere abilitato dalla Commissione Abilitazioni. Nell Allegato 6 è riportato l elenco degli addetti abilitati, per la tipologia dei lavori in esame Compiti del Responsabile Impianto RI Le operazioni da svolgere a cura del RI sono quelle in sintesi sotto indicate. Il RI dovrà realizzare e/o verificare che siano state poste in essere le seguenti prescrizioni: Sezionamento delle parti d impianto oggetto dei lavori. Messa in sicurezza dei medesimi: - Assicurazione contro la richiusura; - Verifica dell assenza di tensione; - Messa in cortocircuito e a terra; 12

13 - Posa dei cartelli monitori. Protezione contro le parti attive in prossimità. Individuazione sul campo in modo univoco dell impianto elettrico, e/o parte di esso, interessato dai lavori. Prima di procedere all inizio delle manovre e successivamente prima della messa in tensione dovrà obbligatoriamente informare telefonicamente il Capo turno dell ESE. Nel caso d intervento su cavi dotati di dispositivi per la richiusura automatica, dovrà richiedere preventivamente all ESE l esclusione dei medesimi, come descritto sul PdL, per il periodo necessario all individuazione e per tutti i cavi presenti nella zona di lavoro 3. Dovrà dar corso alle singole fasi seguendo l ordine riportato sul PdL e con continuità temporale, ovvero senza interporre altre operazioni. Dovrà inoltre coadiuvarsi con il PdL a disposizione spuntando, anche nello schema elettrico del medesimo, le singole operazioni di sezionamento e messa in sicurezza di volta in volta svolte. In occasione di manovre o operazioni equivalenti (es. messa in cortocircuito e a terra), chi si avvale, per la loro esecuzione, di personale in subordine, deve preventivamente illustrare all esecutore ogni fase e la finalità dell operazione permettendogli così di agire con cognizione di causa. Pertanto, chi partecipa all attività in condizione di subordine, pur non avendo la responsabilità delle scelte, dovrà comunque condividere le modalità operative. Nel caso in cui le manovre e la messa in sicurezza siano state predisposte dall ESE, in anticipo all elaborazione del PdL, il RI ha l obbligo di verificare sul campo le condizioni dichiarate tramite il modulo Notifica Manovre Piano di Lavoro Personale Autorizzato Ottenuta l autorizzazione dal Capo Turno dell ESE, le manovre e le successive operazioni per la messa in sicurezza possono essere svolte direttamente dal RI; in caso si rendesse necessario far eseguire parte delle attività prima descritte ad altra persona (abilitata alle manovre), questa diventerà Persona Autorizzata, che opererà secondo le indicazioni ricevute da RI stesso tramite il modulo Fonogramma Manovre, trasmesso eventualmente mediante fonogramma. Allo stesso modo, la Persona Autorizzata, al completamento delle attività richieste, deve compilare il modulo Fonogramma Manovre (utilizzato come dichiarazione esecuzione manovre ), da trasmettere al RI, eventualmente tramite fonogramma. La responsabilità della persona Autorizzata è limitata all esecuzione delle manovre richieste e notificate Attività svolte al di fuori del normale orario di lavoro o Fuori servizio per guasto Il RI sovrintenderà anche all eventuali operazioni eseguite con il furgone ricerca guasti, individuerà in modo univoco l impianto su cui operare e provvederà (qualora anche PL) alla riparazione. Nel caso debba consegnare il modello CI al PL, le operazioni di taglio del cavo saranno eseguite da quest ultimo sempre comunque sotto la diretta responsabilità del RI. 3 L indicazione di tutti i cavi interessati e dei relativi dispositivi di richiusura è compito dell elaboratore del PdL 13

14 Concluse le operazioni di competenza e se l organizzazione del lavoro lo richiede, il RI potrà trasferire il suo incarico al Capo Turno dell Esercizio, che provvederà, al termine dei lavori, alla rimessa in servizio dell impianto. Si dovrà pertanto recare presso il Centro Operativo, dare informazione sullo stato dell attività al Capo Turno, compilare il PdL nello spazio predisposto al trasferimento della funzione riportando quale RI subentrante Capo Turno dell ESE, firmare quale RI uscente, ricevere la sigla quale RI subentrante dal Capo Turno, consegnargli il PDL e i relativi documenti collegati (Consegna Impianto). Il Capo Turno assumerà in tal modo la funzione di RI per il ripristino di impianti al termine di interventi di riparazione, ovvero al ritorno del modulo Consegna Impianto a cura del Preposto ai Lavori. Non sarà necessario il trasferimento formale dei PdL ad ogni cambio turno dei Capi Turno in quanto si considera tale scambio all interno del passaggio delle consegne che avviene ad ogni variazione di turno tra gli stessi. Nel caso il PdL venga nuovamente trasferito a RI diverso dal Capo Turno dell ESE, il passaggio avverrà in maniera ordinaria utilizzando gli appositi spazi sul PDL. o Fuori servizio per manutenzione Quando impianti fuori servizio per manutenzione devono essere ripristinati urgentemente per ragioni di esercizio e tale operazione avviene al di fuori del normale orario di lavoro, l Esercizio contatterà il RI per il ripristino; nel caso il medesimo sia irreperibile o indisponibile, chiederà l intervento del tecnico reperibile di Trasformazione e Conversione che è autorizzato ad effettuare il ripristino proprio a causa dell irreperibilità del RI. A tale riguardo si ricorda che il PdL originale e la copia del CI devono essere depositate presso l ESE ed il tecnico reperibile di Trasformazione e Conversione deve essere puntualmente informato di tutte le situazioni impiantistiche relative al PdL in esecuzione Sostituzione del RI In caso di necessità (ad esempio nel caso descritto al precedente capoverso) è possibile trasferire la funzione di RI, compilando la parte del modulo del PdL allo scopo prevista Consegna dell impianto al PL Una volta messo fuori tensione, in sicurezza e dopo averlo individuato in modo univoco, l impianto potrà essere consegnato per eseguire i lavori necessari. Tale consegna viene effettuata sul posto di lavoro dal RI al Preposto Lavori PL, nel caso questa figura sia persona diversa, utilizzando il modulo Consegna Impianto (Allegato 2) al quale dovrà essere allegata copia del PdL Esecuzione dei Lavori (Responsabilità del Preposto ai Lavori PL) Il lavoro elettrico deve essere condotto da un Preposto ai Lavori (PL), individuato nel Piano di Lavoro tra il personale AEMD o Impresa Esecutrice e/o persona terza, in base a chi dovrà effettuare il lavoro. 14

15 In sintesi le responsabilità del PL consistono nel coordinare le attività lavorative, garantendo che queste vengano svolte nel rispetto delle normative di sicurezza. Il PL, qualora non coincidente con il RI, è autorizzato ad intervenire in autonomia sull impianto esclusivamente dopo aver ricevuto dal RI stesso il modulo Consegna Impianto Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Preposto Lavori Per il personale aziendale l elenco dei nominativi è indicato nell Allegato 6. Per il personale delle imprese esecutrici dei lavori per conto di AEMD, l elenco è individuabile nella documentazione richiesta all aggiudicazione dell appalto. Per attività di terzi (clienti MT) il personale è appositamente individuato dal richiedente Compiti del Preposto ai Lavori PL Il PL deve: Confrontarsi con il RI per accertarsi della situazione nella quale dovrà operare. Verificare la congruenza del PdL con la situazione riscontrata e le attività che dovranno essere eseguite. Verificare il Piano di Intervento (documento in cui sono riportate le informazioni circa le misure di sicurezza e le modalità di intervento), apportare l eventuali integrazioni e/o modifiche, nonché approvarlo. Per le attività standard svolte da AEMD, il Piano di Intervento è costituito dalle schede contenute nell Allegato 3 e/o da altre procedure del sistema documentale aziendale, richiamate nel Piano di Lavoro. Controllare le condizioni ambientali prima e durante l esecuzione dei lavori. Gestire e trasferisce al personale a lui subordinato le informazioni necessarie per il lavoro e la sicurezza. Verificare il rispetto delle misure di prevenzione e protezione da parte del personale a lui subordinato. Realizzare le condizioni di equipotenzialità previste. Sospendere i lavori a fronte dell insorgenza di rischi elettrici e non elettrici durante i lavori. Accertare l adeguatezza delle attrezzature, della strumentazione e dei mezzi speciali necessari al lavoro, compresi i DPI. Allontanare, al termine dei lavori, il personale subordinato dal luogo d intervento, prima di restituire il modulo CI al RI, adeguatamente compilato; da quel momento deve considerare l impianto come se fosse in tensione Sostituzione del PL In caso di lavoro già iniziato, il preposto ai lavori può essere sostituito, in caso di necessità, compilando la parte del modulo del PdL allo scopo prevista. Il preposto ai lavori subentrante deve prendere visione delle condizioni dell impianto, dello stato di avanzamento lavori e delle misure di sicurezza adottate. Nel caso di lavori non ancora iniziati la procedura per la sostituzione è la seguente: il nominativo del PL può essere modificato, purché tale modifica avvenga prima dell inizio del PdL o quantomeno prima della consegna degli impianti (consegna mod. CI); la modifica del nominativo può essere effettuata dall Elaboratore del PdL o dal RI; 15

16 la modifica può essere effettuata anche manualmente, barrando il vecchio nominativo e riportando il nuovo a lato, in modo leggibile. la modifica del nominativo deve essere effettuata sul PdL originale in mano al RI e su tutte le altre copie (la modifica della copia in mano all Esercizio è a cura dello stesso, su segnalazione dell Elaborare del PdL o del RI); sul documento originale, il soggetto che effettua la modifica deve apporre, a lato, il proprio visto; al nuovo PL devono essere date tutte le informazioni necessarie per effettuare in sicurezza l attività richiesta. Si rammenta che la persona incaricata a ricoprire l incarico di PL deve essere classificata Persona Esperta (PES). Nel caso in cui la modifica del nominativo del PL avvenga sul cantiere (lavori eseguiti da impresa), sarà compito del RI ottemperare alle suddette disposizioni seguendo il seguente schema: il RI rileva le generalità della persona incaricata dall impresa Esecutrice ad assumere l incarico di PL; il RI contatta telefonicamente l Elaboratore del PdL per verificare se il nuovo nominativo è compreso nell elenco del personale classificato PES, fornito dall impresa Esecutrice; il RI barra sul PdL il vecchio nominativo, riporta a lato il nuovo nominativo (la modifica deve essere effettuata anche sull eventuale copia da consegnare al PL) ed appone il proprio visto; il RI comunica telefonicamente al Capo Turno dell ESE la modifica apportata al PdL. Nel caso in cui il RI non coincida con il PL, tale trasferimento deve essere notificato e autorizzato dallo stesso RI, che provvederà con una nuova consegna dell impianto. In ogni caso qualunque sostituzione (anche del RI) deve essere sempre notificata a tutti gli organismi e figure destinatari dei singoli documenti di lavoro Obblighi degli addetti ai lavori L addetto, ricevuto dal preposto l ordine di eseguire i lavori, prima dell inizio e durante l esecuzione degli stessi deve: - controllare l efficienza dei dispositivi di protezione individuale, indumenti e attrezzature; - rispettare le regole per l esecuzione dei lavori ed attenersi alle direttive del preposto ai lavori; - segnalare al preposto ai lavori gli eventuali imprevisti che potrebbero insorgere prima o durante l esecuzione dei lavori Rimessa in tensione degli impianti elettrici interessati ai lavori - responsabilità del Responsabile Impianto (RI) Al termine delle attività lavorative, il PL restituisce al RI il modulo Consegna Impianto (Allegato 2) firmato e questo costituisce il nulla osta alla rimessa in servizio. Le operazioni di rimessa in servizio sono eseguite dal RI nell ordine opposto a quello utilizzato per la messa fuori servizio ed in sicurezza (rimozione delle terre, dei blocchi contro la richiusura, dei cartelli e chiusura dei sezionatori). Nel caso d interventi su cavi dovrà essere verificata anche la corrispondenza del parallelo. 16

17 Nel caso il RI utilizzi Persona Autorizzata, per eseguire parte delle attività, dovrà notificare la richiesta e ricevere la relativa conferma tramite il modulo Fonogramma Manovre. Il RI potrà inoltre richiedere la rimessa in servizio all Esercizio Reti, trasferendo la sua funzione al Capo Turno dell Esercizio e condizionando il PdL al ritorno del modulo CI, nel caso l attività sia stata affidata ad un PL. 3.2 Impianti BT Lavori elettrici fuori tensione e/o in prossimità Nei lavori elettrici fuori tensione su impianti BT si distinguono le seguenti fasi: Organizzazione della sicurezza elettrica del lavoro (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI); Messa fuori tensione ed in sicurezza degli impianti, individuazione univoca di quelli interessati dai lavori e loro consegna (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI); Esecuzione delle attività lavorative (responsabilità del Preposto ai Lavori PL); Rimessa in tensione (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI) Organizzazione della sicurezza elettrica I lavori elettrici su impianti BT fuori tensione sono considerati lavori semplici e pertanto la loro esecuzione non necessita della compilazione del PdL. In ogni caso il RI dovrà effettuare un analisi dell attività lavorativa e individuare le operazioni che devono essere attuate per permettere lo svolgimento del lavoro in sicurezza Messa fuori tensione ed in sicurezza degli impianti, individuazione univoca degli impianti interessati dai lavori e loro consegna (responsabilità del Responsabile dell Impianto RI) La persona responsabile dell esecuzione di tali attività è il Responsabile dell Impianto, il quale è tenuto ad adottare tutte le misure necessarie per il lavoro fuori tensione relativo all impianto oggetto del lavoro Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Responsabile Impianto Il Responsabile Impianto deve essere abilitato dalla Commissione Abilitazioni. Il Responsabile Impianto per i lavori elettrici fuori tensione su impianti BT è di norma il preposto al lavoro, che può coincidere con il lavoro elettrico o di cui il lavoro elettrico fuori tensione può essere solo una parte, individuato dalla struttura che organizza il lavoro stesso. Nell Allegato 6 è riportato l elenco degli addetti abilitati, per la tipologia dei lavori in esame Consegna dell impianto al PL Qualora RI e PL siano figure diverse, una volta che l impianto è posto fuori tensione, in sicurezza e dopo averlo individuato in modo univoco, dovrà essere consegnato per eseguire i lavori necessari. 17

18 Tale consegna viene effettuata sul posto di lavoro dal RI al Preposto Lavori PL, utilizzando il modulo Consegna Impianto (Allegato 2) Esecuzione dei Lavori (Responsabilità del Preposto ai Lavori PL) Il lavoro elettrico deve essere condotto da un Preposto ai Lavori (PL) individuato tra il personale AEMD e/o Impresa Esecutrice, in base a chi dovrà eseguire il lavoro. In sintesi le responsabilità del PL consistono nel coordinare le attività lavorative, garantendo che queste vengano svolte nel rispetto delle normative di sicurezza. Il PL, qualora non coincidente con il RI, è autorizzato ad intervenire in autonomia sull impianto esclusivamente dopo aver ricevuto dal RI stesso il modulo Consegna Impianto CI Persone abilitate a ricoprire il ruolo di Preposto ai Lavori Per il personale aziendale l elenco dei nominativi è indicato nell Allegato 6. Per il personale delle imprese esecutrici dei lavori per conto di AEMD, l elenco è individuabile nella documentazione richiesta all aggiudicazione dell appalto Compiti del Preposto ai Lavori ( PL) Il PL, soggetto individuato dalla struttura aziendale per i lavori in questione, riunisce in sé capacità decisionali e di coordinamento tali da garantire un andamento affidabile delle operazioni, sotto il profilo sia funzionale sia antinfortunistico. Prima dell inizio dei lavori, il preposto ai lavori deve comunicare agli addetti le informazioni circa il lavoro da svolgere, le modalità d esecuzione, le misure di sicurezza e le precauzioni che debbono essere adottate nel corso dei lavori stessi. Deve inoltre assicurarsi dell idoneità e integrità degli strumenti di misura, delle attrezzature e dei dispositivi di protezione, qualora ad uso collettivo, nonché dell assenza di condizioni ambientali pericolose. Nel corso dei lavori deve verificare che siano rispettate tutte le prescrizioni specifiche legate all attività svolta e vengano evitati eventuali pericoli verso terzi. Per il personale aziendale l elenco dei nominativi è indicato nell Allegato Obblighi degli addetti ai lavori L addetto, ricevuto dal preposto l ordine di eseguire i lavori, prima dell inizio e durante l esecuzione degli stessi deve: - controllare l efficienza dei dispositivi di protezione individuale, degli indumenti e delle attrezzature; - rispettare le regole per l esecuzione dei lavori ed attenersi alle direttive del preposto ai lavori; - segnalare al preposto ai lavori gli eventuali imprevisti che potrebbero insorgere prima o durante l esecuzione dei lavori. 18

19 3.2.6 Rimessa in tensione degli impianti elettrici interessati ai lavori responsabilità del Responsabile Impianto (RI) Al termine delle attività lavorative, il PL restituisce al RI il modulo Consegna Impianto (Allegato 2) firmato e questo costituisce il nulla osta alla rimessa in servizio. Le operazioni di rimessa in servizio sono eseguite dal RI nell ordine inverso a quello utilizzato per la messa fuori servizio ed in sicurezza. In caso d interventi su cavi dovrà essere verificata anche la rispondenza del senso ciclico delle fasi e del parallelo. 3.3 Impianti BT lavori elettrici sotto tensione Le attività lavorative sotto tensione BT possono essere eseguite esclusivamente da operatori in possesso di una specifica idoneità e abilitazione. Per il personale aziendale l elenco dei nominativi è indicato nell Allegato 6. Dove non è prevista idonea protezione contro il corto circuito (come ad esempio nella conduttura che collega i morsetti BT di un trasformatore MT/BT all'interruttore generale) è vietato eseguire lavori sotto tensione, a meno di adottare accorgimenti che escludano con certezza la possibilità di cortocircuiti (es. utilizzo di morsetti isolati a perforazione e relativi cablaggi e estremità isolate). La misura di tensione e la verifica del senso ciclico delle fasi devono essere effettuate, se possibile, a valle degli interruttori BT. 19

20 3.3.1 Esempio di attività di Bassa Tensione eseguibili sotto tensione GRUPPI DI MISURA 1.1 INSTALLAZIONE, RIMOZIONE O SOSTITUZIONE DI GRUPPO DI MISURA INTEGRATO MONOFASE O TRIFASE 1.2 INSTALLAZIONE, RIMOZIONE O SOSTITUZIONE DI CONTATORI, LIMITATORI E TAVOLETTE DI GRUPPI DI MISURA MONOFASE O TRIFASE 1.3 ATTACCO O DISTACCO UTENZA MONOFASE O TRIFASE IN CORRISPONDENZA DI UN GRUPPO DI MISURA 1.4 VERIFICHE E MISURE SU GRUPPI DI MISURA MONOFASE O TRIFASE CASSETTE DI DERIVAZIONE O SEZIONAMENTO 2.1 ATTACCO O DISTACCO DI DERIVAZIONI TEMPORANEE O PERMANENTI 2.2 INSERZIONE O DISINSERZIONE DI PONTICELLI DI SEZIONAMENTO LINEE IN CAVO 3.1 ATTACCO O DISTACCO DI DERIVAZIONI E/O PRESE TEMPORANEE O PERMANENTI IN LINEA 3.2 INSTALLAZIONE DI MORSETTI A PERFORAZIONE DI ISOLANTE PER LA CORTOCIRCUITAZIONE DEI CAVI BT MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE 4.1 MISURE SU IMPIANTI, SU PRESE E LINEE IN CAVO (anche finalizzate alla ricerca guasti) IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA 5.1 OPERAZIONI DI CAMBIO LAMPADE SU APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE CIRCUITI DI REGOLAZIONE, TELETRASMISSIONE, MISURA, SEGNALAZIONE ALLARME ECC. ALL INTERNO DI IMPIANTI ED EDIFICI ANNESSI 6.1 OPERAZIONI SU CIRCUITI DI REGOLAZIONE, TELETRASMISSIONE, MISURA, SEGNALAZIONE ALLARME ECC. ALL INTERNO DI IMPIANTI ED EDIFICI ANNESSI. SU CIRCUITI DI MISURA IN GENERE E SU CIRCUITI AUSILIARI DI COMANDO 6.2 ASPORTAZIONE/ INSERZIONE DI COMPONENTI ESTRAIBILI (ES. RELÈ, FUSIBILI, SPAZZOLE DI CIRCUITI DI ECCITAZIONE ECC.) OPERAZIONI DI CONTROLLO E VERIFICA DI BATTERIE DI ACCUMULATORI 20

Da allegare sempre ai contratti d appalto di ACEA Distribuzione S.p.A.

Da allegare sempre ai contratti d appalto di ACEA Distribuzione S.p.A. RETI ACEA Distribuzione SpA Prescrizioni concernenti i rapporti tra l ACEA Distribuzione S.p.A. e le Imprese Appaltatrici per l esecuzione di attività lavorative sotto tensione in bassa tensione, fuori

Dettagli

Il Personale e l'organizzazione

Il Personale e l'organizzazione Il Personale e l'organizzazione Persona designata alla conduzione dell impianto elettrico (Responsabile dell impianto) Persona designata alla più alta responsabilità dell esercizio dell impianto elettrico.

Dettagli

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN 50110-1 (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN 50110-2 (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

PROCEDURA Pag. 1 di 118. PRE Prescrizioni Integrative per la Prevenzione del Rischio Elettrico PRE

PROCEDURA Pag. 1 di 118. PRE Prescrizioni Integrative per la Prevenzione del Rischio Elettrico PRE PROCEDURA Pag. 1 di 118 Prescrizioni Integrative per la Prevenzione SCRIZIONI INTEGRATIVE PER LA VENZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO Revisione Natura la modifica 00 Prima emissione la procedura 01 Aggiornamento

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole. Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27. Dr. Giuseppe Floriello

SEMINARIO. Le nuove regole. Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27. Dr. Giuseppe Floriello SEMINARIO Le nuove regole Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27 Dr. Giuseppe Floriello Segretario tecnico CEI ROMA, 11 MARZO 2014 1 Le novità della

Dettagli

VERSIONE DIMOSTRATIVA

VERSIONE DIMOSTRATIVA per l esercizio normale di lavoro di manutenzione Manovre di esercizio Controlli funzionali Fuori tensione Sotto tensione In prossimità Riparazione Sostituzione Misure Prove Ispezione Figure introdotte

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014

LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014 LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014 COSA CAMBIA PER LA SICUREZZA NEI LAVORI ELETTRICI OBBLIGATORIA DAL 1 FEBBRAIO 2015 27 gennaio 2015 Autore: www.portaleconsulenti.it LA NUOVA EDIZIONE DELLA

Dettagli

NOTA TECNICA. Appendice 1 alla "PRE - Prescrizioni Integrative per la Prevenzione del Rischio Elettrico"

NOTA TECNICA. Appendice 1 alla PRE - Prescrizioni Integrative per la Prevenzione del Rischio Elettrico Prevenzione Rischio Elettrico" Pag. 1 di 54 Appendice 1 alla "PRE - Prescrizioni Integrative per la Prevenzione Rischio Elettrico" PRESCRIZIONI CONCERNENTI I RAPPORTI TRA L'ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. E

Dettagli

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare l Sicurezza degli impianti. Il datore di lavoro può appaltare l attività Manutenzione cabine MT/BT: il profilo professionale degli addetti alle attività Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO TRA ENEL DISTRIBUZIONE, IL COMUNE DI MINEO PER L ESECUZIONE DI ATTIVITÀ SU IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO TRA ENEL DISTRIBUZIONE, IL COMUNE DI MINEO PER L ESECUZIONE DI ATTIVITÀ SU IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE di MINEO Provincia di Catania UNITA ORGANIZZATIVA n. 3 Area Vigilanza e Servizi al Territorio Servizio n. 3 Manutenzione Impiantistica Sede di Via Ro ma, 10 REGOLAMENTO DI ESERCIZIO TRA ENEL DISTRIBUZIONE,

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

Apparecchiature elettriche

Apparecchiature elettriche PROCESSI E SISTEMI MANUTENZIONE IMPIANTI Apparecchiature elettriche I ruoli e le procedure operative per la manutenzione delle attrezzature n di Cesare Campello, Federico Maritan e Mauro Rossato, ingegneri

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio Elettrico TERZA PARTE Misure di protezione D.lgs. 9 aprile

Dettagli

Dalle DK alla Norma CEI 0-16

Dalle DK alla Norma CEI 0-16 Dalle DK alla Norma CEI 0-16 A. Cerretti - ENEL Distribuzione Protezione generale (PG) Deve essere costituita da: Protezione di massima corrente di fase almeno bipolare a tre soglie, una a tempo dipendente,

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

Sezionamento e comando

Sezionamento e comando Sezionamento e comando Da CEI 64-8/2 28.1 Sezionamento Funzione che contribuisce a garantire la sicurezza del personale incaricato di eseguire lavori, riparazioni, localizzazione di guasti o sostituzione

Dettagli

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Prof. Maurizio Delfanti maurizio.delfanti@polimi.it Mezzocorona (TN), 28 ottobre 2011 La nuova regola tecnica 2 La Norma tecnica è stata elaborata da un gruppo

Dettagli

Capitolo 8 Documenti di progetto

Capitolo 8 Documenti di progetto Capitolo 8 Documenti di progetto (8.1) Guida CEI 0-2 In questo capitolo è riportata la descrizione dei documenti richiesti dalla Guida CEI 0-2 (Guida per la definizione della documentazione di progetto

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Volume IMPIANTI IN SICUREZZA. Seconda parte

Volume IMPIANTI IN SICUREZZA. Seconda parte Volume 5 IMPIANTI IN SICUREZZA Seconda parte Indice CAPITOLO VII LAVORI IN SICUREZZA SUGLI IMPIANTI ELETTRICI.... 4 NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO.... 5 LA REGOLA DELL ARTE (L.186/68)...

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

ALLEGATO N 1 NUMERO DEGLI OPERATIVI CON UN DETERMINATO PROFILO DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO N 1 NUMERO DEGLI OPERATIVI CON UN DETERMINATO PROFILO DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI ALLEGATO N 1 NUMERO DEGLI OPERATIVI CON UN DETERMINATO PROFILO DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI DESCRIZIONE DEI CORSI DI ADDESTRAMENTO SPECIALISTICO LEGISLAZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO PREREQUISITI

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO ELETTRICO

GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO ELETTRICO GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO ELETTRICO Premessa Il processo di valutazione e gestione del rischio elettrico derivante dall applicazione congiunta del D.Lgs. 81/08 e degli altri testi di

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici

La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici Ing. Ciro Ruocco Responsabile ANCORS Angri CR Elettroambiente relation1@tin.it Battipaglia, 21 Maggio

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO IMPIANTO: RESPONSABILE DELL IMPIANTO: DITTA INSTALLATRICE: PROGETTISTA: Weservice soc. coop. - Via Caduti del Lavoro 26 60131 Ancona - P.I.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LAVORI ELETTRICI

CORSO DI FORMAZIONE LAVORI ELETTRICI Spettabile cliente Ripristinando una consuetudine, che ci ha caratterizzato per anni, il Ceire organizza presso la sede Finpolo di Cella, un : CORSO DI FORMAZIONE LAVORI ELETTRICI per ottenere la qualifica

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A.

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4 40131 Bologna Tel. 051 6347139 - Fax 051 4233061 C.F. 92027230371

Dettagli

MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA

MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Pag. 1 di 11 1. Misura dell energia dei clienti produttori L attuale quadro regolatorio di riferimento prevede che il sistema di misura, installato nel punto di connessione alla rete di un impianto di

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE Ed. 1.0 ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE 2010 N. PAG. 1/6 GENERALITÀ DEL PRODUTTORE Cliente.., con sede legale in.., Via/P.zza n,

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

Il Capo III, Titolo III, D.Lgs. n. 81/2008, modificato dal D.Lgs. n. 106/2009, ha introdotto un

Il Capo III, Titolo III, D.Lgs. n. 81/2008, modificato dal D.Lgs. n. 106/2009, ha introdotto un impianto elettrico non è determinata dalla sola realizzazione dello stesso nel rispetto della regola dell arte, ma anche dal mantenimento nel tempo dei livelli di sicurezza iniziali, nonché da una verifica

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015 ALLEGATO 3 MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI PRODUZIONE CONNESSI ALLE RETI DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA. SPECIFICA TECNICA Pagina 36 di 51 ASPETTI NORMATIVI

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3.1 INTRODUZIONE Il collegamento dei clienti utilizzatori e di quelli autoproduttori alla rete di distribuzione necessita

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08)

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08) LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI (principali novità anche in relazione al DLgs 81/08) Bologna 15 aprile 2014 La sicurezza degli impianti elettrici nel loro utilizzo

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie Pubblicato il: 08/11/2004 Aggiornato al: 08/11/2004 di Gianfranco Ceresini Le disposizioni che vengono qui presentate non rappresentano documenti normativi, ma sono ugualmente importanti e significativi

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO

ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL ELETTRICO Schede di valutazione del rischio per: - contatti diretti per utente generico - contatti indiretti per utente generico - lavori fuori tensione per addetti

Dettagli

Il rischio fulminazione nel cantiere

Il rischio fulminazione nel cantiere Il rischio fulminazione nel cantiere 38 La valutazione del rischio fulminazione Secondo quanto previsto al capo III Titolo III del D.lgs 81/08, il datore di lavoro deve valutare anche il rischio fulminazione

Dettagli

CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv

CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv Gennaio 2007 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1.1 Informazioni relative alla domanda

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 5 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 23.11.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 5 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 23.11.2015 ALLEGATO 1 SOLUZIONI TECNICHE STANDARD E COSTI MEDI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RETE PER LA CONNESSIONE IN BASSA E MEDIA TENSIONE ALLE RETI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA Pagina 29 di

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Impianto elettrico per il cantiere edile

Impianto elettrico per il cantiere edile Impianto elettrico per il cantiere edile Introduzione Le presenti riflessioni non intendono sostituirsi, in alcun caso: - alle vigenti norme di Legge (DPGP n. 7/1999, DPR 22.10.2001, n. 462, D.M. 22.01.2008,

Dettagli

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Sezione Toscana e Umbria I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole La formazione specialistica per gli operatori in presenza di rischio elettrico Ing. Giovanni Luca Amicucci INAIL Membro della Commissione per i Lavori sotto tensione ROMA, 11

Dettagli

Il rischio elettrico dal punto di vista di Enel Distribuzione

Il rischio elettrico dal punto di vista di Enel Distribuzione Dott. Ing. Marco De Sanctis Responsabile Unità Sicurezza e Ambiente Distribuzione Territoriale Rete Toscana e Umbria - Enel Distribuzione SpA I lavori su impianti elettrici sono regolati da leggi e norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE MT DI UNARETI SPA DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE AI SENSI DELLA DEL.243/2013/R/EEL RAG. SOCIALE.. VIA, COMUNE I N D I C E 1. Oggetto e

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI SOCIETÀ COOPERATIVA ELETTRICA PENNES DI GRUPPI GENERATORI DI PROPRIETA' DEL CLIENTE PRODUTTORE

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI SOCIETÀ COOPERATIVA ELETTRICA PENNES DI GRUPPI GENERATORI DI PROPRIETA' DEL CLIENTE PRODUTTORE ElektrogenossenschaftPens Gen. Consorzio Elettrico Pennes Soc. Coop. Außerpens 37 / Pennes di Fuori 39058 Sarntal / Sarentino Tel. & Fax +39 0471 62 72 72 Email info@egpens.it Web www.egpens.it Mwst.Nr.

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI E INSTALLAZIONI ELETTRICHE LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI PARTE SECONDA LAVORI ELETTRCI

RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI E INSTALLAZIONI ELETTRICHE LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI PARTE SECONDA LAVORI ELETTRCI ALLEGATO TECNICO LAVORI ELETTRICI - PARTE SECONDA LAVORI ELETTRICI Pag. 1/65 RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI E INSTALLAZIONI ELETTRICHE LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI PARTE SECONDA LAVORI ELETTRCI

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO COMUNE DI PASIAN DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ALLEGATO A D.U.V.R.I. (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE) (art. 26, comma 3, D.Lgs. n.

Dettagli

Norma CEI 78-17:2015-07 Manutenzione delle cabine MT/BT dei clienti/utenti finali

Norma CEI 78-17:2015-07 Manutenzione delle cabine MT/BT dei clienti/utenti finali 1 di 6 Norma CEI 78-17:2015-07 Manutenzione delle cabine MT/BT dei clienti/utenti finali Riferimenti normativi generali La norma CEI 78-17 (nel seguito Norma), in vigore dal 1 agosto scorso, costituisce

Dettagli

Lavori elettrici. Lavori elettrici - Definizioni

Lavori elettrici. Lavori elettrici - Definizioni Lavori elettrici Dott. Ing. Daniele Novelli 1 Lavori elettrici - Definizioni Definizioni di lavori elettrici Lavori su, con od in prossimità di un impianto elettrico, quali prove e misure, sostituzioni,

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI E LA NORMA CEI 11-27 (III EDIZIONE): APPROFONDIMENTI

LA FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI E LA NORMA CEI 11-27 (III EDIZIONE): APPROFONDIMENTI LA FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI E LA NORMA CEI 11-27 (III EDIZIONE): APPROFONDIMENTI A cura di Ing. Mauro Rossato, Ing. Cesare Campello Vega Engineering OGGETTO E SCOPO DELLA NORMA CEI

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole Le novità normative per i lavori sotto tensione su sistemi elettrici di categoria II e III Dr. Giorgio De Donà TERNA Rete Italia S.p.A: Segretario del TC 78 del CEI ROMA, 11 MARZO

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

LINEA GUIDA PROCEDURALE

LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA prevista dall articolo 7 comma 6 e dall articolo 8 comma 3 del D.M. n. 37/08 Delibera n. 353/12 Consiglio Direttivo

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

NOTIZIA TECNICA. Novità dell edizione IV della norma CEI 11-27 - Lavori su impianti elettrici

NOTIZIA TECNICA. Novità dell edizione IV della norma CEI 11-27 - Lavori su impianti elettrici 1 di 8 Novità dell edizione IV della norma CEI 11-27 - Lavori su impianti elettrici II Parte Procedure per l esercizio Per le prove 1 (artt. 5.3.2.1 5) sono state recepite interamente le prescrizioni della

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno)

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DEL TERRITORIO COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE Cabtrasf_parte_prima 1 di 8 CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE parte prima Una cabina elettrica è il complesso di conduttori, apparecchiature e macchine atto a eseguire almeno una delle seguenti funzioni:

Dettagli

"FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI?

FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? "FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? CONVEGNO DEL 30/05/2012 Novità per dimensionamento impianto Principali novità per dimensionamento: regole tecniche di connessione Passaggio dalle Normative di riferimento

Dettagli

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL Pag. 1 di 27 SEZIONE E GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI DEVAL IN ALTA E MEDIA TENSIONE E.1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 E.2 GUIDA TECNICA ALLA CONNESSIONE IN

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE

ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE Roma - Edizione NOVEMBRE 2000 ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI

Dettagli

Investire. in professionalità

Investire. in professionalità Investire in professionalità 2016 Presentazione I corsi TuttoNormel costituiscono una pausa di riflessione e di studio sulla normativa elettrica, rivolti a quanti hanno I obbligo giuridico di valutare

Dettagli

AREA AFFARI TECNICI NEGOZIALI

AREA AFFARI TECNICI NEGOZIALI AREA AFFARI TECNICI NEGOZIALI CAPITOLATO TECNICO PRESTAZIONALE PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI MESSA A TERRA E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE

Dettagli