RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI"

Transcript

1 PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI Settembre 2010

2 Sommario PROGETTO DEFINITIVO...1 EX FILANDA DI MALVAGLIO _ OFFICINA DI CREATIVITÀ E CULTURA... 1 COMUNE DI ROBECHETTO CON INDUNO (MI)... 1 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI RIFERIMENTI NORMATIVI CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO E POTENZE CONVENZIONALI CARATTERISTICHE DELLE UTENZE CONDOTTI, CAVI E DISTRIBUZIONI PORTATE E DIMENSIONAMENTO DEI CAVI - CADUTE DI TENSIONE 6 6. PROTEZIONI MAGNETOTERMICHE E DIFFERENZIALI QUADRI ELETTRICI DI PROTEZIONE E COMANDO APPARECCHI DI COMANDO, DISTACCO DI EMERGENZA E SICUREZZE IMPIANTI IN AMBIENTI SPECIALI IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE ESTERNA IMPIANTO DI TERRA E DI EQUIPOTENZIALITA IMPIANTO DI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI Regolazione automatica dispositivi di controllo ed impianti speciali... 12

3 1. RIFERIMENTI NORMATIVI L impianto è stato progettato con riferimento alle norme CEI ed in particolare alla seguente normativa fondamentale : - CEI CEI CEI CEI Guida CEI C CEI 17.13/1-3 - CEI CEI 64.2 e CEI 64.2/A - CEI CEI 81.1 e Variante V1 - CEI CEI EN 54 P2 - UNI Norme di prevenzione incendi - D.P.R. 547/55 - D.L. 626/94. Il dimensionamento dei cavi è stato eseguito con riferimento alle tabelle CEI UNEL 35024/1 e CEI UNEL 35026, tenendo conto del tipo dei cavi e delle modalità di posa ed installazione. Tutti calcoli di dimensionamento degli impianti sono depositati presso la stazione appaltante.

4 2. CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO E POTENZE CONVENZIONALI Per gli impianti elettrici è previsto un sistema di alimentazione con consegne di energia in bassa tensione alla tensione nominale concatenata di 400 V, con neutro. Per l impianto elettrico del complesso è prevista una potenza convenzionale complessiva di 40 KW, come da calcoli riportati nella relazione di calcolo allegata e a seguito riassunta: Sezione Ordinaria impianti condizionamento sale piano terra ( illuminazione e FM) Illuminazione esterna Piano primo (illuminazione e FM). TOTALE POTENZA CONVENZIONALE 70 kw 10 kw 4 kw 10 kw 94 kw Non sono previste linee preferenziali o di emergenza per il complesso. L illuminazione di emergenza sarà garantita da lampade autonome dotate di propria batteria di accumulo e di led segnalazione anomalie. La tensione nominale concatenata dell impianto è di 400V, con neutro distribuito. Il sistema di distribuzione dell impianto elettrico è di tipo radiale, derivato dal quadro generale di consegna QC e dal quadro generale di distribuzione QGBT posizionato in prossimità della centrale tecnologica e da quattro sottoquadri di zona. Nella centrale tecnologica è inoltre posizionato il quadro QCT di alimentazione della macchine principali e delle pompe di alimentazione. Gli impianti di segnale (centrale telefonica, impianto citofonico, impianto T.D., impianto TV/CC) e gli accessi derivano la loro alimentazione direttamente dal quadro QGBT. Al quadro QGBT è derivato l impianto di illuminazione esterna, esistente, l alimentazione elettrica dei apricancelli.

5 3. CARATTERISTICHE DELLE UTENZE L edificio comprende locali per servizi e locali per le varie funzioni parte al piano primo e al piano terra. L impianto relativo alle utenze alimenterà i seguenti circuiti utilizzatori, dai quadri QPT1, QP1,QP2, QCT, QAscensore) : 1. illuminazione ordinaria ed emergenza 2. prese f.m. ; 3. unità di trattamento aria U.T.A.1, U.T.A.-2, U.T.A. 3 pompa di calore e gruppi pompe di circolazione,sistema di regolazione. L impianto di illuminazione non è riportata nella presente, dovrà considerare i seguenti livelli di illuminamento assunti a base di progetto sono di : lux nella biblioteca e Sali polifunzionali sale musica e sala riunioni; lux nei locali tecnici; lux nell atrio, corridoi e scale ; lux nei locali di servizio; lux per l illuminazione esterna. 4. CONDOTTI, CAVI E DISTRIBUZIONI L impianto dovrà essere realizzato con parti in esecuzione incassata in pavimento o all interno delle pareti, parti a vista a soffitto (distribuzione a soffitto) o a vista per gli impianti tecnologici ; le tubazione per impianti incassati o a vista saranno in pvc flessibile e rigido pesante (imp. incassati), in pvc rigido pesante (impianti a vista), in guaina spiralata di pvc (derivazioni utenze di impianti tecnologici) del tipo autoestinguente; per le distribuzioni primarie di energia elettrica sono previsti canali metallici in lamiera zincata posati a vista. I cavi di alimentazione principale e di distribuzione secondaria posati in canale saranno del tipo FG7OR; la distribuzione secondaria e terminale posata in tubazioni dovrà essere realizzata con cavi unipolari non propaganti l incendio (CEI 20.22II) tipo N07V.K. I cavi per segnalazione, regolazione e comando dovranno essere con isolamento grado 4 tipo FG7OR o FROR/4. I canali porta-cavi, dove previsto in progetto, dovranno avere grado di protezione IP40 ed essere completi di accessori e pezzi speciali.

6 La portata dei cavi è stata dimensionata con riferimento alle massime correnti di esercizio previste ed alle portate indicate dalle tabelle CEI UNEL 35024/1, con riferimento al tipo e condizione di posa, alla temperatura ambiente (30 C) e al mutuo riscaldamento per posa a fascio. Le sezioni minime previste dovranno essere : mm² per i circuiti luce ove non diversamente indicato in progetto ; mm² per i circuiti prese e di f.m., ove non diversamente indicato in progetto. La sezione dei conduttori di protezione PE dovranno essere conformi alla norma CEI 64.8, di colorazione giallo-verde e di sezione : - stessa sezione del conduttore di fase per sezioni fino a 16 mm² - 16mm² per sezioni comprese tra 16 e 35 mm² - meta della sezione del conduttore di fase per sezioni superiori a 35mm² Se il conduttore di protezione non fa parte della stessa conduttura, la sezione minima deve essere : - 2.5mm² se protetto meccanicamente (rame) - 6 mm² se non protetto meccanicamente. Le derivazioni dai quadri, sottoquadri e alle utenze alimentate da passerelle o canale portacavi in lamiera zincata dovranno essere realizzate mediante scatole di derivazione in pvc autoestinguente lisce, fissate alla passerella o al canale, e dotate di morsetti isolati con attacchi a vite, che assicurino un grado di isolamento non inferiore a quello del cavo di arrivo (isolamento grado 4) ed una idonea connessione elettrica e meccanica. Tutte le altre derivazioni dovranno essere realizzate con gli stessi criteri sopra indicati. Le tubazioni in pvc partenti dalle scatole di derivazione a vista dovranno essere attestate mediante raccordi con dadi di fissaggio e pressacavo. Le tubazioni in pvc sia orizzontali che verticali installate a vista dovranno essere ancorate e fissate alle pareti o al soffitto con supporti fissatubo in metallo, in ragione di 1 almeno ogni 1.5 m di lunghezza. 5. PORTATE E DIMENSIONAMENTO DEI CAVI - CADUTE DI TENSIONE Come sopra indicato, i cavi sono stati dimensionati con riferimento alle massime correnti di esercizio previste ed alle portate indicate dalle tabelle CEI UNEL 35024/1 per i cavi in tubazioni o canali e CEI UNEL per i cavi con posa interrata, con riferimento al tipo e condizione di posa, alla temperatura ambiente (30 C) e al mutuo

7 riscaldamento per posa a fascio. Le correnti di esercizio previste e le portate dei cavi sono indicate nei tabulati di calcolo degli schemi dei quadri elettrici di progetto. La caduta di tensione massima dei circuiti luce e forza motrice per le massime correnti di esercizio previste sarà non superiore al 3%. 6. PROTEZIONI MAGNETOTERMICHE E DIFFERENZIALI Il progetto prevede la protezione di tutti i cavi dal sovraccarico e dal corto circuito secondo quanto prescritto dalla norma CEI 64.8, sia per i circuiti terminali che per i circuiti di alimentazione primaria e secondaria. La protezione prevista dovrà essere realizzata mediante interruttori magnetotermici aventi la portata, il potere di interruzione e la caratteristica di intervento indicata negli schemi di progetto dei quadri elettrici. Il potere d interruzione degli interruttori magnetotermici previsti in progetto è superiore alle massime correnti di corto circuito. I valori delle correnti di guasto indicati dovranno essere assunte a base per il dimensionamento dei quadri elettrici in fase di costruzione, secondo quanto previsto dalla norma CEI 17.13/1-3 (quadri ANS). La protezione dal sovraccarico dei cavi e la protezione termica in relazione all energia termica passante, è stata prevista mediante un coordinamento cavo-portata interruttore e curva di intervento, in modo da soddisfare le seguenti condizioni - protezione da sovraccarico : If<= 1.45 * Iz Ib<= In <= Iz - protezione dal corto circuito : (I^2*t) <= (K*S)² dove : If= corrente convenzionale di funzionamento della protezione ; Iz= portata del cavo ; Ib= corrente di impiego del cavo ; In= corrente nominale della protezione ; S= sezione del cavo ; t= tempo di intervento della protezione sul guasto di c.c. ; K= 115 per cavi isolati in pvc ; 135 per cavi isolati in gomma butilica ; I^2*t= energia termica passante.

8 Le protezioni magnetotermiche previste dovranno essere rispondenti alle norme CEI 23.3IV, CEI 23.18, CEI 17.5, CEI EN , ed avere curve caratteristiche di intervento indicate in progetto (sono previsti interruttori con curva C con If=1.45*In coordinati in modo da soddisfare la condizione In<=Iz ). I calcoli di coordinamento delle protezioni con i cavi sono riportati per ogni circuito sugli elaborati di progetto (schemi dei quadri elettrici : lunghezza massima protetta ). La protezione contro i contatti diretti dovrà essere assicurata mediante apparecchiature elettriche aventi grado di protezione idoneo all ambiente in cui istallati e comunque non inferiore a IP40. La protezione contro i contatti indiretti è assicurata dai livelli delle correnti di corto circuito tra fase e PE del sistema TN-S secondo quanto prescritto dalla norma CEI 64.8 al punto e a seguito indicato: Zs Idn <= Uo dove Uo= 50V nelle condizioni più critiche di eliminazione del guasto entro 5 secondi; Zs= impedenza dell anello di guasto calcolabile con Zs=220/Icc (fase-pe) Idn= soglia di intervento delle protezioni differenziali essendo presente una protezione differenziale generale sul quadro QG B.T. con soglia di taratura regolabile e da tarare al valore massimo di 3 A, oltre a protezioni differenziali parziali con soglie nominali di interventi di 0.3 A e di 0.03 A per tutti i circuiti terminali. Le correnti di corto circuito tra fase e PE calcolate assicurano l intervento dei dispositivi di arresto dell alimentazione in caso di guasto a massa, contenendo la tensione totale di terra abbondantemente entro il valore limite minimo UL= 50V. La resistenza di terra del sistema TN-S dovrà essere conforme a quanto prescritto dalla norma CEI 11.8, in funzione delle correnti di guasto a terra e dei tempi di intervento delle protezioni ENEL; il coordinamento dovrà essere eseguito in sede di realizzazione dell impianto. 7. QUADRI ELETTRICI DI PROTEZIONE E COMANDO E prevista la realizzazione dei seguenti quadri : - quadro generale di B.T. (QGBT.); - quadri rifasamento automatico (QRIF1): - quadro gruppi frigorifero e pompe (QCT); - 2 quadri distribuzione piano terra (QPT1 e QPT2); - 2 quadri distribuzione piano interrato (QPI1 e QPT2);

9 I quadri dovranno essere composti secondo gli schemi di progetto, con apparecchiature aventi caratteristiche e prestazioni minime non inferiori a quelle indicate, con grado di protezione non inferiore a quanto indicato negli elaborati di progetto, con segregazione forma 2. Dovranno essere rispettate, in particolare, le portate e i poteri di interruzione indicati. Le carpenterie ed i contenitori dovranno avere requisiti minimi non inferiori a quanto indicato in progetto; il costruttore dovrà eseguire la verifica termica del quadro e le prove di officina previste dalle norme CEI 17.13/1 e CEI 17.13/3. I cablaggi dovranno essere eseguiti entro canalina in pvc autoestinguente, ed attestati su morsettiere sia in ingresso che in uscita delle linee. Le connessioni e distribuzioni di potenza dovranno essere realizzate mediante barrature in rame aventi portata idonea alle correnti nominali dei quadri. Le morsettiere dovranno essere numerate per contraddistinguere i circuiti ; gli interruttori e tutte le altre apparecchiature dovranno essere segnalate con targhette serigrafate sul fronte quadro per indicare il circuito derivato. I quadri dovranno essere conformi alla norma CEI 17.13/1 e corredati di certificazione o di dichiarazione del costruttore. 8. APPARECCHI DI COMANDO, DISTACCO DI EMERGENZA E SICUREZZE Le apparecchiature ausiliarie di comando dei quadri degli impianti tecnologici ed i comandi riportati a distanza dovranno essere alimentate in bassissima tensione (sistema SELV a 24V) mediante trasformatori ausiliari a doppio isolamento (CEI 96.2), secondo le indicazioni di progetto. Dovranno essere previsti pulsanti di distacco di emergenza nei quadri e nelle sezioni di impianto elettrico relative agli impianti tecnologici, e microswitch di sicurezza nei portelli della U.T.A., secondo quanto indicato negli elaborati di progetto. Nei quadri di comando e protezione devono essere previsti dispositivi di blocco-porta per evitare l apertura del quadro sotto tensione. Le eventuali parti in tensione a quadro aperto (morsettiere in arrivo alimentazione), dovranno essere protette con barriere isolanti (protezione IPXX-B) con segnalazione di pericolo - parte in tensione.

10 9. IMPIANTI IN AMBIENTI SPECIALI Tutti gli ambienti, in relazione alle indicazioni contenute nella norma CEI 64.8/7 non sono classificabili come a maggior rischio in caso di incendio. L impianto elettrico è stato progettato e dovrà essere comunque realizzato secondo le disposizioni contenute nella Sezione 751 della norma CEI 64.8 e nella Sezione 752 della stessa norma, (assimilabili a locali di pubblico spettacolo). In particolare, le condutture elettriche previste per l impianto saranno del tipo i3; i circuiti terminali, singoli o raggruppati, saranno protetti con dispositivi differenziali aventi soglia nominale di intervento non superiore a 0.3A ad azione istantanea, come prescritto dalla citata norma (art ). Nel locale centrale tecnologica, gli impianti in esecuzione AD-FT devono svilupparsi esclusivamente al di sotto della apertura di aerazione del locale; non sono ammessi impianti di questo tipo in zone a ventilazione naturale impedita. Nei locali servizi igienici con docce, l impianto dovrà essere eseguito rispettando le distanza dalle zone 0, 1 e 2 indicate dalla norma CEI 64.8 nella installazione di apparecchi di comando e prese a spina (non inferiori a 60 cm in orizzontale ed oltre 225 cm dal piano doccia). Negli altri locali tecnologici l impianto elettrico dovrà essere realizzato in esecuzione stagna con grado di protezione almeno IP44. I raccordi scatola-tubazione e le giunzioni dei tubi portacavi dovranno essere realizzate con giunti e pressacavi aventi grado di protezione non inferiore a IP44, ove non rischesto espressamente il grado di protezione IP IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE ESTERNA Il progetto prevede la realizzazione di un impianto di illuminazione con ripartizione dei centri luce per illuminazione serale e notturna. E previsto anche un impianto di illuminazione delle facciate anteriori dell edificio. 11. IMPIANTO DI TERRA E DI EQUIPOTENZIALITA L impianto di terra del complesso sarà costituito da uno spandente orizzontale in corda nuda di rame della sezione di 35mm² e 50mm², interrato alla profondità di 0.50 m negli scavi dei cavidotti di energia e di illuminazione esterna, integrato da dispersori in

11 profilato di acciaio zincato a croce della lunghezza di 1.5m entro pozzetti ispezionabili in c.a.v., segnalati da cartello. I dispersori a picchetto dovranno essere conformi alla norma CEI L impianto di terra sarà unico e le varie sezioni dovranno essere collegate equipotenzialmente tra loro con corda nuda di rame da 35mm². Il conduttore PEN e i conduttori di terra ai quadri di distribuzione e di zona dovranno essere di tipo unipolare N07V.K con colorazione giallo-verde, della sezione indicata negli elaborati di progetto. Il valore della resistenza di terra dovrà essere coordinato con il valore della corrente di guasto a terra e con il tempo di intervento delle protezione dell ENEL, secondo quanto indicato dalla norma CEI; in fase di realizzazione dell impianto, la ditta esecutrice dovrà provvedere alla richiesta dei dati necessari per il coordinamento e l esecuzione dell impianto di terra. Il valore della resistenza di terra dovrà inoltre soddisfare le condizioni previste dalla norma CEI 64.8 art ai fini della protezione contro i contatti indiretti negli impianti utilizzatori in modo che sia soddisfatta la condizione: Zs Ia <=Uo dove Zs= impedenza dell anello di guasto rispetto al conduttore di protezione; Ia = corrente di intervento delle protezioni automatiche con tempo di interruzione <=0.4s (pari alla corrente nominale di intervento differenziale dei dispositivi di protezione differenziali previsti in progetto a valle del nodo PEN) Uo= tensione nominale tra fase e terra del sistema (230V secondo tab. 41A CEI 64.8). Il progetto prevede inoltre collegamenti equipotenziali principali e supplementari delle masse metalliche che possono venire contemporaneamente a portata di mano. I collegamenti equipotenziali delle masse metalliche entranti negli edifici (tubazioni idriche, termiche ecc.) dovranno essere realizzate in corrispondenza dell ingresso delle tubazione stesse e nei locali servizi igienici, dove indicato negli elaborati di progetto. I collegamenti EQ dovranno fare capo a barre o morsettiere in rame (collettore EQ) con cavi in rame isolati con colorazione giallo-verde della sezione di 6 e 16 mm². I collettori EQ di zona dovranno essere collegati al nodo principale di terra di ogni edificio o zona di edificio, previsto in corrispondenza dei quadri elettrici principali, con corda di rame isolata giallo-verde di sezione minima 16mm². 12. IMPIANTO DI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI

12 Per la protezione degli edifici contro i fulmini, l applicazione della norma CEI risultata autoprotetto. Nel caso analisi successive richiedessero l adozione di un sistema LSP, questo sarà costituito da un LPS esterno del tipo a maglia (gabbia di Faraday), da realizzare con tondo d acciaio zincato del diametro di 8mm per gli elementi di captazione in copertura; per le calate dell edificio si utilizzeranno le strutture metalliche verticali costituite dalle strutture in profilati d acciaio, opportunamente collegati agli elementi di captazione e all impianto di terra con connessione apribili di misura. Gli elementi di captazione e le calate saranno installati su distanziatori in lega metallica, sugli spigoli degli edifici e nella posizione indicata negli elaborati di progetto, in modo da assicurare un lato di magliatura massimo non superiore a 10 m; all LPS esterno dovranno essere collegate tutte le masse metalliche in copertura ed in facciata, I collegamenti dovranno essere realizzati con elementi dello stesso tipo dell LPS (tondo d acciaio zincato) ed in corrispondenza della parte più bassa della struttura collegata. Le calate saranno collegate all anello di terra di dispersione (dispersore di tipo B), mediante connessione di misura, da realizzare mediante giunto apribile con attacco a bullone e capicorda. L anello di terra di dispersione sarà costituito da spandente orizzontale in corda nuda di rame della sezione di 50 mm², integrata con dispersori a picchetto in profilato di acciaio zincato a croce. La protezione contro le scariche interne sarà assicurata mediante la realizzazione di un LPS interno costituito da collegamenti equipotenziali delle masse metalliche interne (tubazioni idriche e termiche, tubazioni gas, canali porta-cavi metallici ecc.). 13. Regolazione automatica dispositivi di controllo ed impianti speciali Tutte le fasi di scambio termico fra l aria che viene immessa in ambiente ed i fluidi termovettori sono controllate da valvole motorizzate miscelatrici, pilotate da termostati ambiente e da sonde a canale che misurano la temperatura dell acqua e la temperatura e l umidità dell aria esterna, di ripresa e di mandata. L impianto di termoventilazione è dotato di un dispositivo di comando manuale per l arresto dei ventilatori in caso di incendio posto in luogo accessibile in prossimità dell accesso al piano interrato. Il sistema di regolazione è di tipo modulante elettronico con regolatori DDC a microprocessori. Il sistema di controllo coordinerà con un unico elemento le seguenti funzioni: Sistema di regolazione climatico

13 Controllo dell illuminazione interna Gestione dei consumi e priorità carichi Nel sistema sarà inoltre integrato un sistema di programmazione giornaliero, in modo da poter gestire il funzionamento degli apparati sulla base delle effettive funzioni o attività programmate per la chiesa. Sono previsti i seguenti impianti di segnale : - impianto telefonico interno - impianto di trasmissione dati - impianto citofonico a) Impianto telefonico interno L impianto telefonico interno è previsto per i locali del piano terra con 2 punti telefonici dotati di presa con borchia normalizzata. L impianto sarà realizzato posando i cavi entro tubazioni di pvc pesante incassato entro pavimento dedicato ai segnali. L impianto dovrà essere separato e distinto dagli impianti di energia e di segnale di altro L impianto farà capo ad una centralina telefonica modulare espandibile con 2 linee esterne entranti e 8 posti interni. b) Impianto trasmissione dati L impianto di trasmissione dati sarà costituito dal solo cablaggio passivo della rete e una rete wireless per le utenze; Il progetto prevede il solo cablaggio della rete per sistemi di Categoria 5 (secondo la normativa EIE/TIA 5688 e successivi TSB 36 e TSB 40), adeguato all utilizzo fino a 100 Mbps, con cavi in rame tipo FTP 24AWG ; i cavi saranno posati entro tubazioni di pvc pesante autoestinguente per le derivazioni terminali e in canale metallico IP40 entro controsoffitto per le distribuzioni primarie; il canale metallico sarà lo stesso utilizzato per la distribuzione dell impianto telefonico interno. Le scatole portafrutti saranno del tipo approvato, predisposte ad ospitare contemporaneamente le prese telefoniche e le eventuali prese per trasmissione dati o di collegamento di videoterminali. L impianto, con topologia a stella, farà capo ad armadi rack 19, posto al piano interrato, all interno di locali tecnici; gli armadi di permutazione saranno dotati di cassetti apribili con morsettiere e bretelle di permutazione di capacità fino a 8 porte RJ45; nella fase di utilizzo dell impianto, secondo le esigenze dell utente, potrà essere

14 previsto un eventuale completamento del cablaggio dell edificio con la casa parrocchiale. c) citofonico L impianto citofonico previsto in progetto sarà costituito da un posto esterno al cancello di accesso ed unico posto interno situato nel locale presidiato all ingresso del piano interrato. I posto esterno, da posizionare al cancello di accesso del complesso, sarà composto da gruppo fonico entro cassette di contenimento con visiera antipioggia e protezione antivandalica. L impianto sarà costituito di alimentatore e distributore realizzato con cavi citofonici con formazione costituita da un cavo coax a bassa attenuazione per il segnale video e da cavi 14x0.8 per alimentazione e fonia; i cavi saranno posati entro tubazioni di pvc pesante incassato entro pavimento e in cavidotti di pvc interrati entro scavo per i posti esterni

15 This document was created with Win2PDF available at The unregistered version of Win2PDF is for evaluation or non-commercial use only. This page will not be added after purchasing Win2PDF.

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO 8. CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DELLE PROTEZIONI DELLE CONDUTTURE DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTOCIRCUITI ADOTTATI NEL PROGETTO

IMPIANTO ELETTRICO 8. CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DELLE PROTEZIONI DELLE CONDUTTURE DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTOCIRCUITI ADOTTATI NEL PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO 1. PREMESSA 2. OGGETTO DELL'INTERVENTO 3. RIFERIMENTI NORMATIVI E PRESCRIZIONI 4. FORNITURA ENERGIA IN B.T. - DATI DI PROGETTO 5. DISTRIBUZIONE GENERALE 6. CAVI ELETTRICI 7. IMPIANTO

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PREMESSA

RELAZIONE TECNICA PREMESSA RELAZIONE TECNICA PREMESSA 1.Generalità La presente relazione tecnica riguarda la progettazione esecutiva per la riqualificazione urbana dell area compresa tra via IV Novembre e via Abate Coniglio nel

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - Pag. 1 di 18 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI LAVORO: INTERVENTO: UBICAZIONE: TIPOLOGIA DELL'EDIFICIO : DESTINAZIONE DELL'IMPIANTO: POTENZIALITA' IMPEGNATA:

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 I N D I C E 1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 1.1. CRITERIO DIMENSIONAMENTO CAVI... 2 1.2. CALCOLO DELLA SEZIONE DEI CONDUTTORI IN FUNZIONE DELLA CORRENTE CIRCOLANTE... 2 1.3. COEFFICIENTI

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω]

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω] IMPIANTO DI TERRA La messa a terra di protezione di tutte le parti dell impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. Il suddetto impianto di terra comprenderà:

Dettagli

2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 2 3. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO 2 4. CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI 3. 4.1 Quadri elettrici 3

2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 2 3. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO 2 4. CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI 3. 4.1 Quadri elettrici 3 INDICE 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 2 3. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO 2 4. CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI 3 4.1 Quadri elettrici 3 4.2 Impianti di illuminazione 4 4.2.1 Illuminazione ordinaria

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI VEDELAGO CAPOLUOGO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO primo stralcio ALLEGATO C.03.1 IMPIANTO ELETTRICO relazione tecnica I PROGETTISTI

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO...

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... SOMMARIO CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... 6 1 INTRODUZIONE I calcoli elettrici che formano

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO Premessa: La seguente relazione riguarda la realizzazione di un impianto elettrico a servizio del blocco camerini del Teatro Excelsior, sito in vico Coira del

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

2) REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME TECNICHE, LEGGI E REGOLAMENTI.

2) REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME TECNICHE, LEGGI E REGOLAMENTI. 1) GENERALITA. La presente relazione tecnica costituisce parte integrante dei lavori di ristrutturazione e messa a norma di parte dei locali del vivaio di proprietà dell Ente Foreste della Sardegna situato

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto elettrico a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

Manutenzione straordinaria e adeguamento normativo immobile FIP in Bologna ELE - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO rev 01

Manutenzione straordinaria e adeguamento normativo immobile FIP in Bologna ELE - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO rev 01 Sommario Premessa 3 1. DESCRIZIONE GENERALE 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 3 3. ALIMENTAZIONE 4 3.1 DATI TECNICI DI RIFERIMENTO 4 4. QUADRO GENERALE 4 5. QUADRO UFFICIO CED (Q01) 4 6. QUADRO CED (Q02) 4

Dettagli

partendo dal sottoquadro Q1. - Regolazione dell impianto termico: sarà realizzata mediante un termostato di zona che comanderà il funzionamento di

partendo dal sottoquadro Q1. - Regolazione dell impianto termico: sarà realizzata mediante un termostato di zona che comanderà il funzionamento di RELAZIONE GENERALE La presente relazione generale descrive i criteri utilizzati per le scelte progettuali esecutive del progetto degli impianti elettrico, cito-telefonico, di allarme e chiamata, T.V.,

Dettagli

Massini & Gori S.r.l. INDICE

Massini & Gori S.r.l. INDICE INDICE 1 Premessa... 3 2 Normativa di riferimento... 4 3 Dati e principi generali di progetto... 5 3.1 Dati di progetto... 5 3.2 Caduta di tensione... 5 3.3 Riempimento canalizzazioni... 5 3.4 Coefficiente

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l.

Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l. Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l. Ampliamento capannone industriale Impianti elettrici PROGETTO ESECUTIVO Relazione Tecnica ai sensi del DM 37/08* *Annulla e sostituisce

Dettagli

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA 1 Premessa La presente relazione riguarda l impianto elettrico da realizzarsi nel complesso edilizio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO 1 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO OGGETTO DELLA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO 2 La presente relazione tecnica di progetto, ha per oggetto la fornitura e posa in opera dei materiali e delle apparecchiature

Dettagli

PREMESSA: SCELTA CAVI:

PREMESSA: SCELTA CAVI: PREMESSA: Nelle seguenti pagine sono riportati i parametri di calcolo, le formule e le ipotesi utilizzati per i dimensionamenti dei quadri elettrici e dei cavi di alimentazione; del parcheggio A del parcheggio

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria. Comune di Polistena. Provincia di Reggio Calabria RELAZIONE TECNICA

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria. Comune di Polistena. Provincia di Reggio Calabria RELAZIONE TECNICA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria Comune di Polistena Provincia di Reggio Calabria OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA LOCALI SER.T. POLISTENA

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 10 DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE E SERVIZI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA SEDE I.N.P.S. TERNI V.le

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

La sicurezza elettrica nel condominio

La sicurezza elettrica nel condominio La sicurezza elettrica nel condominio Relatore Francesco Mirabile Federazione Nazionale Amministratori Immobiliari 16/11/2014 EN Measure s.r.l 1 Indice del corso 1. Leggi di riferimento 2. Norme tecniche

Dettagli

A M M I N I S T R A Z I O N E C O M U N A L E

A M M I N I S T R A Z I O N E C O M U N A L E File: 09046_ Sett. 13 Rev: 00 Pag. 1 INDICE 1 - Premessa - stato di fatto... 2 2 - Requisiti di rispondenza a norme, leggi e regolamenti... 3 3 - Normativa di riferimento... 4 4 - Distribuzione dell energia

Dettagli

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO 1 GENERALITA' 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 IMPIANTO ELETTRICO 3.1 TIPO DI IMPIANTO 3.2 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT/BT 3.2.1 Quadri elettrici MT 3.2.2

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO Dati generali Progetto: Committente: Tipo di intervento: Interventi di adeguamento sismico nella scuola elementare Madonna del Carmelo. 3 Lotto Completamento funzionale COMUNE

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati MANO D OPERA Classificazione del lavorato Lavoro notturno e festivo 01 - IMPIANTI ELETTRICI NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI Cavi e tubi protettivi Dispositivi di comando Componenti per impianti tipo bus Aspiratori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICO, DI SEGNALE E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICO, DI SEGNALE E SPECIALI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICO, DI SEGNALE E SPECIALI SOMMARIO A) INTRODUZIONE... 1 B) RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 C) IMPIANTO ELETTRICO... 6 1) DATI GENERALI... 6 2) CLASSIFICAZIONE

Dettagli

34-23 apparecchi di illuminazione (p.2) apparecchi fissi per uso generale 64-8 impianti elettrici utilizzatori con Vn c.a.<1000v e Vn c.c.

34-23 apparecchi di illuminazione (p.2) apparecchi fissi per uso generale 64-8 impianti elettrici utilizzatori con Vn c.a.<1000v e Vn c.c. 1. Specifiche Tecniche per la realizzazione degli impianti elettrici 1.1. Rispondenza a norme, leggi e regolamenti Gli impianti elettrici devono essere realizzati a regola d'arte, secondo quanto prescritto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA INDICE 1. Generalità pag. 2 2. Dati del sistema elettrico di distribuzione pag. 2 2.1 Appartamento tipo pag. 2 2.2 Parti comuni pag. 3 3. Specifiche tecniche pag. 3 3.1 Protezione contro i contatti diretti

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995 Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 995 Si devono realizzare gli impianti elettrici di forza motrice e di illuminazione di un capannone

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1 CATEGORIA E SISTEMA... 2 2.2 CARICHI PREVISTI... 2 2.3 CONDUTTURE... 3 2.3.1 Tipi di cavi... 3 2.3.2 Tubi protettivi e

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 5 a) Quadri elettrici... b) Cavi... c) Condutture... d) Cassette e connessioni... e) Impianti elettrici

Dettagli

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTO ELETTRICO LUGLIO 2007 descrizione Pagina 1 di 1 A1.1 - QUADRO GENERALE ESTERNO QGE Quadro di tipo prefabbricato in materiale

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA SU CONSISTENZA E TIPOLOGIA Progetto: Progetto1 Descrizione: Impianto 1 Committente: Mario Rossi Ubicazione: Barletta Progettista: Ing. Franco verdi Data: 18/02/2012

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO DESTINATO A PALESTRA AREA EX CONSORZIO AGRARIO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO DESTINATO A PALESTRA AREA EX CONSORZIO AGRARIO Per. Ind. Bastoni Luca Progettazione impianti elettrici Via S.Bernardo,37D 26100 Cremona Tel. 0372 027009 Fax 0372 027010 E-mail: bastoluca@hotmail.it RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO DESTINATO

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

I PROGETTISTi Ing. Rocco TARANTINI Arch. Giorgio RIZZO Ing. Luigi Del Grosso

I PROGETTISTi Ing. Rocco TARANTINI Arch. Giorgio RIZZO Ing. Luigi Del Grosso RELAZIONE TECNICA PER IL RIFACIMENTO IN OPERE DI RIFACIMENTO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DA REALIZZARE ALL IMPIANTO ELETTRICO DEL FABBRICATO AUTORIMESSA SITO IN LECCE DI VIA TRINCHESE AL PIANO INTERRATO.

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia

PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia Palazzo Galatti di Piazza Vittorio Veneto n 4 a Trieste. Lavori di ristrutturazione ed adeguamento del Piano Terra per la realizzazione di nuovi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per la realizzazione della nuova scuola d infanzia del capoluogo PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

INDICE IMPIANTO DI TERRA... 6 VERIFICA IMPIANTI DI BASSA TENSIONE E DESCRIZIONE INTERVENTI... 7

INDICE IMPIANTO DI TERRA... 6 VERIFICA IMPIANTI DI BASSA TENSIONE E DESCRIZIONE INTERVENTI... 7 INDICE PREMESSA... 2 VERIFICA DEL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI... 3 Riferimenti Normativi... 3 Sistema della distribuzione elettrica... 3 Criteri di dimensionamento e verifica dell impianto

Dettagli

Comune di Randazzo. Provincia di Catania

Comune di Randazzo. Provincia di Catania Comune di Randazzo Provincia di Catania Oggetto: Progetto per i lavori di manutenzione straordinaria nella Scuola Media E. De Amicis. Relazione tecnica Analisi Prezzi Computo metrico Elenco Prezzi Piano

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

0.0.1 Il presente report tecnico costituisce allegato al progetto ESECUTIVO secondo quanto previsto dal DPR 544/99 e s.m.i.

0.0.1 Il presente report tecnico costituisce allegato al progetto ESECUTIVO secondo quanto previsto dal DPR 544/99 e s.m.i. 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Il presente report tecnico costituisce allegato al progetto ESECUTIVO secondo quanto previsto dal DPR 544/99 e s.m.i. 0.1.0 Complesso edilizio 0.1.1 I lavori si svolgeranno unitamente

Dettagli