RIVISTA TELEMATICA NUOVA DIDATTICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIVISTA TELEMATICA NUOVA DIDATTICA www.nuovadidattica.net"

Transcript

1 RIVISTA TELEMATICA NUOVA DIDATTICA LABORATORIO STORICO SHOAH PEDAGOGIA DELLA RESISTENZA LA FABBRICA DI ESSERI SENZ ANIMA LAGER: CATENA DI «SMONTAGGIO» DELL'UOMO A CURA DI ELISA GIORGIO E CARLO ABBONA ( CLASSE 5^E) ALIENAZIONE È UN TERMINE MODERNO, LEGATO ALLA CONDIZIONE UMANA ATTUALE, MA LA SUA ORIGINE È ANTICA;DERIVA DAL LATINO ALIENATIO: TRASFERIMENTO DI PROPRIETÀ; ROTTURA, DISTACCO; FOLLIA. GRANDI AUTORI LATINI HANNO FATTO USO DA QUESTO SOSTANTIVO,BASTI CITARE:,CIC.,TAC., E ALIENATIO MENTIS,SEN.EP.78,9. SE SI CERCA IL TERMINE SU UN QUALSIASI VOCABOLARIO DELLA LINGUA ITALIANA, SI OTTERRÀ UNA DEFINIZIONE SIMILE ALLA SEGUENTE: LA CONDIZIONE PSICOLOGICA, PROPRIA DELL UOMO MODERNO (CHE NON SI RICONOSCE PIÙ NEI BENI MATERIALI CHE PRODUCE E NELLA SUA STESSA ATTIVITÀ), LA QUALE CONSISTE IN UN SUO ESTRANIARSI PROGRESSIVO DA SE STESSO E DAI FINI E DAI MEZZI DELLA CIVILTÀ INDUSTRIALE MONNIER,PAG.59);MA LA VOCE HA VALENZE COMPLETAMENTE DIFFERENTI A SECONDA DEI PERIODI STORICI A CUI SI FA RIFERIMENTO. NEL MEDIOEVO FU USATO PER INDICARE UN GRADO DELL ASCESA MISTICA VERSO DIO. COSÌ IN RICCARDO DI SAN VITTORE L ALIENAZIONE NON È CHE L ESTASI. IL PENSIERO CRISTIANO, DA S.PAOLO ALLA PATRISTICA MEDIOEVALE, RICONOSCE L A. COME LA CONDIZIONE DELLA VITA TERRENA. L UOMO, ANELANDO AL REGNO CELESTE NEL QUALE, SOLTANTO, PUÒ ATTUARSI INTERAMENTE, SU QUESTA TERRA SI SENTE COME IN ESILIO E QUINDI LIMITATO E NON COMPLETO. IL TERMINE FU ADOPERATO POI DA ROUSSEAU PER INDICARE LA CESSIONE DEI DIRITTI NATURALI ALLA COMUNITÀ EFFETTUATA CON IL CONTRATTO SOCIALE. LE CLAUSOLE DI QUESTO CONTRATTO SI RIDUCONO A UNA SOLA: L A. TOTALE DI CIASCUN ASSOCIATO CON TUTTI I SUOI DIRITTI A TUTTA LA COMUNITÀ ( CONTRAT SOCIAL,I,6). ROUSSEAU, QUINDI, POSTULA L ALIENAZIONE DEL SINGOLO E DELLA SUA VOLONTÀ PARTICOLARE IN MANIERA CHE SI ORIGINI LA VOLONTÀ GENERALE. PER HEGEL L A. INDICA IL PASSAGGIO DELL IDEA IN SÉ (LOGICA) ALL IDEA FUORI SÉ ( NATURA). QUESTO PASSAGGIO COMPORTA CHE L IDEA, ALIENATASI NELLA NATURA, POSSA IN FINE RIAPPROPRIARSI DI SÉ, ARRICCHITA DALL ESPERIENZA DEL TOTALMENTE ALTRO, NELLO SPIRITO. AL CONCETTO METAFISICO PROPOSTO DA HEGEL SI CONTRAPPONE QUELLO DI TIPO ANTROPOLOGICO INDICATO DA FEUERBACH, SECONDO IL QUALE LA RELIGIONE È ANTROPOLOGIA CAPOVOLTA. DIO, PER FEUERBACH, NASCE DA UN PROCESSO CHE FA INTERAMENTE CAPO ALL UOMO. L UOMO VIVE UN FORTE CONTRASTO, IN SÉ, FRA DESIDERI E CAPACITÀ, VOLERE E POTERE, DESIDERARE E OTTENERE. QUESTE OPPOSIZIONI PORTANO L UOMO A COSTRUIRE, FUORI DI SÉ, UN ENTITÀ IN CUI TUTTO IL SUO INFINITO VOLERE SIA REALIZZATO. L INDIVIDUO SCINDE DA SE STESSO QUALITÀ DELLA SUA SPECIE COME L INFINITÀ O L ASPIRAZIONE ALL ONNIPOTENZA, CHE, IN QUANTO SINGOLO, NON È IN GRADO DI SOSTENERE; PERTANTO LE ALIENA DA SÉ PROIETTANDOLE IN UNA POTENZA SUPERIORE. EGLI GENERA COSÌ UN ENTITÀ, A CUI ATTRIBUISCE IL NOME DI DIO ED ALLA QUALE SI SOTTOMETTE. MARX, NEI SUOI SCRITTI GIOVANILI, RIPRENDE IL CONCETTO PURAMENTE SPECULATIVO DI HEGEL, MEDIANDOLO, TUTTAVIA, COL SIGNIFICATO NEGATIVO CHE ALL A. AVEVA ATTRIBUITO FEUERBACH. 1

2 IN MARX L A. È UN FATTO REALE E NON SPECULATIVO O COSCIENZIALE; RIMANDA ALL AMBITO SOCIO- ECONOMICO ED È FONDAMENTALE PER DESCRIVERE LA SITUAZIONE DELL OPERAIO NEL SISTEMA CAPITALISTICO. LA CAUSA DELL A. È LA PROPRIETÀ PRIVATA DEI MEZZI DI PRODUZIONE CHE APPARTENGONO AL PROPRIETARIO DELLA FABBRICA, OSSIA AL CAPITALISTA. L OPERAIO, NEL LAVORO DI FABBRICA, È ALIENATO IN PRIMO LUOGO RISPETTO AL PRODOTTO DEL SUO LAVORO. PRODUCE, INFATTI, UN BENE (IL CAPITALE) CHE NON GLI APPARTIENE. INOLTRE IL SUO LAVORO È ESTERNO A LUI: È UN LAVORO FORZATO, NON APPARTIENE ALLA SUA PERSONALITÀ, [ ] QUINDI NEL SUO LAVORO EGLI NON SI AFFERMA MA SI NEGA, SI SENTE NON SODDISFATTO [ ] E SOLO FUORI DEL LAVORO SI SENTE PRESSO DI SÉ, SI SENTE FUORI DI SÉ NEL LAVORO. [ ] IL LAVORO ESTERNO, IL LAVORO IN CUI L UOMO SI ALIENA È UN LAVORO DI SACRIFICIO DI SE STESSI, DI MORTIFICAZIONE. ( MANOSCRITTI ECONOMICO-FILOSOFICI,1844,I,22). QUINDI PER MARX, IL LAVORO, IN CUI L UOMO DOVREBBE REALIZZARE CREATIVAMENTE SE STESSO, NELLA SOCIETÀ CAPITALISTICA NON È VOLONTARIO MA COSTRETTO, FORZATO, PERCHÉ NON È SODDISFACIMENTO DI UN BISOGNO, MA SOLO UN MEZZO PER SODDISFARE BISOGNI, CHE SFUGGONO AL LAVORATORE ED APPARTENGONO AD ALTRI. L USO DI QUESTO TERMINE È DIVENTATO CORRENTE NELLA CULTURA CONTEMPORANEA, NON SOLTANTO NELLA DESCRIZIONE DEL LAVORO OPERAIO IN CERTE FASI DELLA SOCIETÀ CAPITALISTICA, MA ANCHE A PROPOSITO DEL RAPPORTO TRA L UOMO E LE COSE NELL ETÀ DELLA TECNICA, COME SE LA TECNICA ALIENASSE L UOMO DA SE STESSO, SE LO RENDESSE UNA MACCHINA. SI PUÒ CONCLUDERE CHE QUESTO TERMINE ASSUME DIVERSI SIGNIFICATI CHE DIPENDONO DAL CONTESTO COMPLESSIVO A CUI CI SI RIFERISCE. AD ESEMPIO SE L UOMO È ISTINTO E VOLONTÀ DI VITA, DIVENTA A. OGNI REPRESSIONE E DIMINUZIONE DI TALE ISTINTO E VOLONTÀ; SE L UOMO È RAZIONALITÀ È, INVECE, ALIENANTE IL SUO AFFIDARSI ALL ISTINTO, OPPURE IL SUO RIFUGIARSI NELLA FANTASIA. IN PARTICOLARE IL SIGNIFICATO DI A. DIPENDE DALL AMBITO VALORIALE CHE SI ATTRIBUISCE ALL UOMO E COSTITUISCE, QUINDI, IL SUO OPPOSTO. NEL 900 IL TERMINE ALIENAZIONE È USATO DI FREQUENTE IN VARIE ESPRESSIONI, CHE RICHIAMANO IL MODELLO DELLA FABBRICA FORDISTA, ALLA CUI BASE C È L APPLICAZIONE DEL SISTEMA TAYLORISTICO. CON TAYLORISMO SI INTENDE LA TEORIA DELL ORGANIZZAZIONE SCIENTIFICA DEL LAVORO, ELABORATA DALL INGEGNERE STATUNITENSE TAYLOR NEL 1911, CHE PREVEDEVA UNA COMBINAZIONE OTTIMALE TRA IL LAVORO UMANO E LE MACCHINE, INCENTRATO SOPRATTUTTO SULLA SCOMPOSIZIONE DELLE MANSIONI E SULLA SOPPRESSIONE DEI TEMPI MORTI E DEI MOVIMENTI INUTILI. IL TAYLORISMO È STATO APPLICATO NELLA NOTA INDUSTRIA STATUNITENSE DI AUTOMOBILI DI HENRY FORD ED HA PORTATO ALLA RAPIDA REALIZZAZIONE DELLE CATENE DI MONTAGGIO, CHE EBBERO DIFFUSIONE PRIMA NELL INDUSTRIA AMERICANA, GIÀ DAGLI ANNI VENTI E POI IN EUROPA. PERTANTO LA FABBRICA FORDISTA INDICA UNO STADIO DEL CAPITALISMO MODERNO CHE VA DAGLI ANNI 40 AI PRIMI ANNI 70,CARATTERIZZATO DALL INTRODUZIONE DEI SISTEMI DI PRODUZIONE DI MASSA SU VASTA SCALA E DALL APPLICAZIONE DELLA CATENA DI MONTAGGIO. NELLA FABBRICA FORDISTA SI SEGUE UNA POLITICA DI ALTI SALARI: AUMENTANO I REDDITI DEGLI OPERAI DI MODO CHE ESSI POSSANO A LORO VOLTA DIVENTARE CONSUMATORI. INDUBBIAMENTE, PERÒ, IL LUOGO CHE MAGGIORMENTE INCARNA IL CONCETTO DI ALIENAZIONE È UN ALTRO: IL LAGER NAZISTA. DOPO AVER ASCOLTATO E LETTO TESTIMONIANZE DI DEPORTATI, VISTO DOCUMENTARI CHE TRATTAVANO QUESTO TEMA CI È SORTO SPONTANEO PARAGONARE LA FABBRICA FORDISTA CON LA STRUTTURA DEL LAGER. ABBIAMO AVUTO CONFERMA DI QUESTA SIMILITUDINE LEGGENDO I TESTI SCRITTI DAL PEDAGOGISTA RAFFAELE MANTEGAZZA. IL LAGER NAZISTA, PROGETTATO CONSEGUENTEMENTE A UNO STUDIO STRUTTURALE CHE NON AVEVA LASCIATO NIENTE AL CASO, ERA DI PER SÉ UNA STRUTTURA ALIENANTE, MA CIÒ CHE PRODUCEVA NEI DEPORTATI QUESTO SENTIMENTO ANNICHILENTE ERA SOPRATTUTTO IL RITUALE DISUMANIZZANTE CHE, COMINCIAVA DAI TRENI DELLA MORTE, E, ATTRAVERSO TAPPE TRAGICAMENTE IRREVERSIBILI, SI CONCLUDEVA ALL INTERNO DEL CAMPO. IL TRENO, QUINDI, È LA PRIMA TAPPA DI QUESTA CATENA DI SMONTAGGIO CREATA DAL NAZISMO: IL DEPORTATO, APPENA PRELEVATO DALLA PROPRIA CASA, SUBISCE UN VIAGGIO IN CONDIZIONI TERRIFICANTI DURANTE IL QUALE LA DIGNITÀ UMANA NON ESISTE PIÙ. EGLI È COSTRETTO A VIVERE 2

3 ADDOSSATO AD ALTRE PERSONE CHE COME LUI NON CAPISCONO E SI PONGONO MILLE DOMANDE, A CONDIVIDERE CON SCONOSCIUTI LA PROPRIA INTIMITÀ, A NON MANGIARE NÉ A VEDERE LA LUCE DEL SOLE E CIÒ CHE È PEGGIO A NON CAPIRE COSA STA SUCCEDENDO E PERCHÉ. LA SECONDA TAPPA È DA INDIVIDUARE NELL ARRIVO AL CAMPO DI CONCENTRAMENTO:LA PORTA CHIUSA, LA TORRE CHE LA SORMONTA, LE SCRITTE CHE I DEPORTATI SOLO SUCCESSIVAMENTE CAPISCONO ESSERE DI UNA TRAGICA IRONIA (ARBEIT MACHT FREI), LE REGISTRAZIONI, I FARI, LE ARMI, IL PRIMO IMPATTO CON LE SS E L INCONTRO CON IL TERRORE NEGLI OCCHI DEGLI ALTRI DEPORTATI. SUCCESSIVAMENTE CON L ENTRATA NEL LAGER INIZIA IL VERO E PROPRIO RITUALE: IL DEPORTATO SUBISCE UNA PROGRESSIVA PERDITA DELLA PROPRIA INDIVIDUALITÀ E DELLA SUA CONDIZIONE DI UOMO. LO SHOCK INIZIALE DI ESSERE TRATTATO COME STÜCK (OGGETTO), L ESSERE PICCHIATO SENZA AVERE NESSUNA COLPA, L ESSERE CONSIDERATO COME BESTIE, SUBIRE ORDINI IN UNA LINGUA NON CONOSCIUTA, NON CAPIRE, AVER PERSO OGNI RIFERIMENTO, SENTIRSI IN UN MONDO NUOVO SENZA ALCUN RAPPORTO CON LA DIGNITÀ UMANA, COMPLETAMENTE SEPARATO DALLA REALTÀ VISSUTA FINO A QUEL MOMENTO. TUTTE QUESTE ESPERIENZE ALIENANTI FANNO PERDERE AL DEPORTATO OGNI SICUREZZA E LO RENDONO STORDITO, INCREDULO DI QUELLO CHE STA VIVENDO. IN UN SECONDO MOMENTO LO SMONTAGGIO PROCEDE TRAMITE IL DENUDAMENTO E LA DEPILAZIONE DEGLI INTERNATI. SI TRATTA DI ORDINI CHE DEVONO ESSERE ESEGUITI ATTIVAMENTE. IL DEPORTATO ABBANDONA I PROPRI VESTITI: CIÒ SIGNIFICA CHE PERDE PARTE DELLA PROPRIA IDENTITÀ, QUELLA PARTE CHE È LEGATA AL PASSATO; FARLO DAVANTI A SCONOSCIUTI, LI PORTA A SUBIRE UNA DELLE MAGGIORI VIOLENZE PSICOLOGICHE CHE UN UOMO POSSA TOLLERARE; LA DEPILAZIONE È UN ALTRA FORMA DI VIOLENZA TRAMITE LA QUALE IL DEPORTATO ABBANDONA LA PROPRIA IDENTITÀ ADULTA E NE VESTE UNA PREADOLESCENZIALE: IL CORPO SI TRASFORMA IN UNA LARVA. L AZZERAMENTO DELL IDENTITÀ È GIÀ PRATICAMENTE TERMINATO CON LA FINE DELLA PROCEDURA D INIZIAZIONE: IL TATUAGGIO, IL NUMERO CHE VIENE INDELEBILMENTE SCRITTO SULLA PELLE, CON IL QUALE IL DEPORTATO PERDE IL PROPRIO NOME E COGNOME E ASSUME UN IDENTITÀ DI TIPO SERIALE. IL DISTACCO DAL PASSATO È TERMINATO, NIENTE DI MATERIALE PUÒ RICORDARGLI LA VITA PRECEDENTE, I VESTITI SONO PER TUTTI UGUALI, LE TAGLIE NON VENGONO CALCOLATE, IL PROPRIO NOME VIENE DIMENTICATO, ORA EGLI SI IDENTIFICA CON UN NUMERO, IL TAGLIO DEI CAPELLI È PER TUTTI UGUALE. DIFFERENZIARE UN UOMO DA UNA DONNA CON L AUMENTARE DELLA PERMANENZA NEL CAMPO DIVENTA PRATICAMENTE IMPOSSIBILE; FISICAMENTE LO SCOPO DEL NAZISMO È STATO RAGGIUNTO, ORA BISOGNA LAVORARE SULL ASPETTO PSICOLOGICO. IN QUESTO SENSO È LA STRUTTURA STESSA DEL LAGER A CONTINUARE IL PERCORSO: IL SISTEMA A SCACCHIERA DELLA DISPOSIZIONE DELLE BARACCHE PREVEDE TANTI PICCOLI RETTANGOLI CHE NON LASCIANO SPAZIO A LUOGHI DI RIUNIONE O A SPIAZZI APERTI; L ALIENAZIONE NON NASCE ALL INTERNO DELL INDIVIDUO TRAMITE L ISOLAMENTO MA CON LA MANCANZA DI UNO SPAZIO INDIVIDUALE. SI VIVE ALL INTERNO DI UNA MASSA ADDENSATA DI CORPI SEMPRE A CONTATTO GLI UNI CON GLI ALTRI. QUESTA CONDIZIONE COSTRINGE IL DEPORTATO A PREDILIGERE L OLFATTO E LE SENSAZIONI CUTANEE A SVANTAGGIO DELLA VISTA E DELL UDITO, PERCORRENDO, COSÌ, UN PROCESSO INVOLUTIVO CHE RENDE VANA L EVOLUZIONE DI MILIONI DI ANNI ATTUATA DALL ESSERE UMANO. LA SUDDIVISIONE DELLO SPAZIO VIENE ANCHE UTILIZZATA DAL POTERE NAZISTA PER CREARE NELLE TESTE DEGLI INTERNATI UN NEMICO DA COMBATTERE CHE VIENE INDIVIDUATO NON NELLE SS MA NEL VICINO, NEL COMPAGNO DI BRANDA CHE NON PERMETTE DI DORMIRE, CON IL QUALE SI DEVE CONDIVIDERE QUEL POCO CHE VIENE DATO. QUINDI L ESISTENZA DEL PRIGIONIERO VIENE SI TRADUCE IN UNO SVANTAGGIO, È COME UN INTRALCIO. CIÒ CHE PRODUCE ULTERIORE ALIENAZIONE È DATO DALLE AMBIGUITÀ E DALLE CONTRADDIZIONI PROVOCATE DALLA PRESENZA ALL INTERNO DEL LAGER DI ZONE ADIBITE A CARCERE, A LUOGO DI PUNIZIONE, DI MORTE, DI SPERIMENTAZIONE, CHE SI AGGIUNGE AL FATTO CHE IL LAGER STESSO È IN OGNI MOMENTO SIA ZONA DI PUNIZIONE CHE DI MORTE E DI DETENZIONE. IL DEPORTATO AVEVA VISTO UN ENTRATA MA NON PUÒ SCORGERE UN USCITA, ANCHE QUESTO FATTORE PORTA DISPERAZIONE. EGLI VEDE CAMINI FUMANTI E NON PUÒ IMMAGINARE CHE QUELLI SONO LE USCITE, LA MORTE È L UNICO MODO PER FUGGIRE DA QUELLA SITUAZIONE: SI ENTRA UOMINI, SUCCESSIVAMENTE SI PERDE LA PROPRIA IDENTITÀ, LA PROPRIA ANIMA, IL CONTROLLO DELLE PROPRIE SENSAZIONI E SOLO DOPO TUTTE QUESTE MORTI PARZIALI SI PUÒ PERDERE IL PROPRIO CORPO. NON VI È NEANCHE LA LIBERTÀ DI MORIRE, IL SUICIDIO VIENE PUNITO CON L UCCISIONE DI ALTRI DEPORTATI. 3

4 IL TEMPO È UN ALTRO FATTORE ALIENANTE; ESSO NON VIENE ORGANIZZATO IN MANIERA RIGIDA PER NON DARE PUNTI DI RIFERIMENTO CRONOLOGICI AI DEPORTATI, QUINDI VIENE GESTITO IN MANIERA ELASTICA PROPRIO PER AUMENTARE IL SENSO DI SMARRIMENTO, DI DISORIENTAMENTO, DI INCOMPRENSIONE ULTERIORMENTE ACCRESCIUTO DAL NON SAPERE QUANDO POTRÀ FINIRE. QUESTA MANCANZA DI PUNTI DI RIFERIMENTO TEMPORALI PORTA IL DEPORTATO, GIORNO DOPO GIORNO, A CONTEGGIARE IL TEMPO DENTRO SE STESSO, NEL TENTATIVO INUTILE DI INTERIORIZZARLO; IL TEMPO, QUINDI, PUÒ ATTUARE LA SUA OPERA DI DISTRUZIONE DALL INTERNO, COME UN CANCRO, DIVENTANDO PROPRIO PER LA SUA INVISIBILITÀ, CHE PORTA ALL IMPOSSIBILITÀ DI COMBATTERLO, IL SIMBOLO DEL PROCESSO ALIENANTE PRESENTE NEL LAGER. IL CORPO DEL DEPORTATO DIVENTA COSA, PERDE TUTTE LE SUE CARATTERISTICHE UMANE, LA VIOLENZA INUTILE CHE ESSO SUBISCE SEMBRA AVERE COME SCOPO L ELIMINAZIONE DEL POTENZIALE CONOSCITIVO ED ESPERIENZIALE DELLA CORPOREITÀ TRAMITE, DA UN LATO, LA REIFICAZIONE DEL CORPO, DALL ALTRO, L UTILIZZAZIONE DEL CORPO COME STRUMENTO D UMILIAZIONE. IL LAVORO, SOPRA OGNI COSA, PRODUCE SOVRAFFATICAMENTO, MA ANCHE OGNI SINGOLA AZIONE DELLA GIORNATA È CAUSA DI SOFFERENZA: IL DOVER MANGIARE SENZA AVERE POSATE, IL SENTIRSI BRUTTI E INSUFFICIENTI RISPETTO AI CORPI SANI E PULITI DELLE SS, LA SELEZIONE GIORNALIERA. TUTTO INCREMENTA L UMILIAZIONE NEL DEPORTATO, CHE SI SENTE SEMPRE PIÙ COSA E SEMPRE MENO UOMO. L ULTIMA TAPPA DI QUESTA CATENA DI SMONTAGGIO È IL LINGUAGGIO UTILIZZATO DALLE SS ALL INTERNO DEL LAGER: URLANO ORDINI CONTRADDITTORI IN UNA LINGUA CHE ALLA GRAN PARTE DEI DEPORTATI È SCONOSCIUTA. LA PREOCCUPAZIONE MAGGIORE È IL COMPRENDERE GLI ORDINI NEL MINOR TEMPO POSSIBILE PER CERCARE DI EVITARE LE PUNIZIONI CHE ALLA FINE SONO, PERÒ, INEVITABILI; LA PAROLA VIENE CONCEPITA DAL DEPORTATO COME UN INPUT, NON DOVE ESSERE CAPITA MA SOLO ESEGUITA. IL LINGUAGGIO È CARATTERIZZATO DALL ESTREMA SINTESI SINTATTICA, DALLA PRESENZA DI INNUMEREVOLI SIGLE, DI PAROLE GERGALI UTILIZZATE PER NASCONDERE, PER CLASSIFICARE, SEMPRE CARATTERIZZATE DA CINICA SATIRA ( ESEMPI: KANINCHEN, CIOÈ CONIGLIO UTILIZZATA PER IDENTIFICARE CHI SUBIVA ESPERIMENTI; HIMBEERPFLUCKER, CIOÈ RACCOGLITORI DI LAMPONI UTILIZZATA PER INDICARE CHI DOVEVA ESSERE MANDATO FUORI DAL CAMPO CON LA SCUSA DI RACCOGLIERE FRUTTI PER ESSERE FREDDATO DALLE SENTINELLE; AUSSCHALTUNG, CIOÈ INTERRUZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA, UTILIZZATO PER ORDINARE LO STERMINIO DI UNA COMUNITÀ EBRAICA). TUTTO QUESTO PRODUCE NEL DEPORTATO UN INCAPACITÀ DI COMPRENDERE, DI CAPIRE, DI SOPPORTARE PERCHÉ NON VI È NESSUNA RAGIONE PER FARLO, DI VEDERE UNA FINE E DI RICORDARE L INIZIO, LA VITA PRECEDENTE, PERCHÉ ORMAI LE PERSONE CHE SONO SALITE SU QUEL MALEDETTO TRENO NON ESISTONO PIÙ, SI SONO TRASFORMATE IN ESSERI SENZ ANIMA, AVENDO SUBITO UN ESPERIENZA INSPIEGABILE FINO IN FONDO E INVIVIBILE IN UN ALTRO LUOGO. IL FORDISMO VIENE UTILIZZATO DAL POTERE NAZISTA NON PER PRODURRE BENI MATERIALI CHE, PASSANDO DI MANO IN MANO, DI MACCHINA IN MACCHINA SI COMPLICANO SEMPRE PIÙ MA PER SMONTARE UN ESSERE ESTREMAMENTE COMPLICATO CHE ALLA FINE DELLA CATENA È RIDOTTO A UN INSIEME DI TANTE OSSA E POCA PELLE. E INNEGABILE CHE HITLER PER I SUOI CAMPI DI CONCENTRAMENTO SI SIA ISPIRATO ALLA FABBRICA FORDISTA, SIMILE AL LAGER PER MOLTI ASPETTI: MA FINO A DOVE SI POSSONO SPINGERE I CARATTERI SOMIGLIANTI? RAFFRONTANDO LA FABBRICA FORDISTA ED IL LAGER NAZISTA SI POSSONO TROVARE DIVERSI ASPETTI COMUNI, ABERRANTI ANALOGIE CHE SONO PECULIARI AD ENTRAMBI I SISTEMI. DIFATTI SIA IL LAGER SIA LA FABBRICA FORDISTA PRESENTANO UNA STRUTTURA PRESSOCHÉ IDENTICA, CON UN ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO MOLTO SIMILE: SI PENSI PER ESEMPIO ALLA RICORRENTE FORMA RETTANGOLARE DELLE STRUTTURE INTERNE DI QUESTE DUE PERVERSE IDEAZIONI DELL UOMO, CHE IMPEDISCONO OGNI POSSIBILE RIUNIONE, OGNI POSSIBILE MOMENTO DI RITROVO PER GLI SCIAGURATI OSPITI E CHE NON OFFRONO ALCUN PUNTO DI RIFERIMENTO VISIVO: QUESTO USO REITERATO DEL RETTANGOLO PORTA SMARRIMENTO, CONFUSIONE. IL DEPORTATO, CHE SI MUOVE IN UN AMBIENTE CHE SI PRESENTA SEMPRE UGUALE. IDENTICA È ANCHE LA CONCEZIONE TEMPORALE: NON È PERMESSO IL COMPUTO INDIVIDUALE DEL TEMPO ALL INTERNO DELLA FABBRICA FORDISTA E DEL LAGER E CIÒ PORTA AD ASSIMILARE I TEMPI PROPRI A QUELLI DEL SISTEMA, ALIENANDO DA SÉ L OPERAIO E IL DEPORTATO. 4

5 ADDIRITTURA IL CANCELLO D INGRESSO HA LO STESSO RUOLO: IN ENTRAMBI I CASI SI TRATTA DI UN PASSAGGIO IN UN ALTRO MONDO, DIVERSO DA QUELLO ESTERNO ED IMPOSSIBILE DA TROVARE ALTROVE, DOVE TUTTE LE CONSUETUDINI E LE LEGGI NON SCRITTE SI STRAVOLGONO OD ADDIRITTURA NON ESISTONO NEPPURE. PER QUANTO RIGUARDA L ALIENAZIONE INDOTTA DA QUESTE MACCHINE INFERNALI NEI LORO OCCUPANTI SI PUÒ PERÒ TROVARE UNA DIFFERENZA SOSTANZIALE: NELLA FABBRICA ESSA È PORTATA DALL ISOLAMENTO, MENTRE NEL LAGER CIÒ È DOVUTO ALLA MASSA. PER SFUGGIRE ALL ANNULLAMENTO DI SÉ, AL TOTALE DISTACCO DALLA PERSONALITÀ CHE UN TEMPO LI CONTRADDISTINGUEVA, I DEPORTATI NEI LAGER ASSUMEVANO COMPORTAMENTI DIVERSI, A SECONDA DELLA PERSONALITÀ CHE ESSI AVEVANO MATURATO QUANDO LA VITA APPARTENEVA ANCORA A CIASCUNO DI LORO. PRIMO LEVI RACCONTA LA PROPRIA ESPERIENZA NEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI MONOWITZ, VICINO AD AUSCHWITZ. IN UN CAPITOLO DEL LIBRO, L AUTORE NARRA UN EPISODIO CHE LO VIDE PROTAGONISTA DURANTE LA SUA PERMANENZA NEL CAMPO, E CHE È UNA CHIARA ESPRESSIONE DI COME EGLI TENTASSE DI SALVARE LA PROPRIA IDENTITÀ: PER CASO SI RITROVÒ A DECLAMARE ALCUNI VERSI DI DANTE E SI ACCORSE CHE SOLO COSÌ RIUSCIVA A NON PERDERSI NELL OBLIO, A RESTARE IN QUALCHE MODO APPIGLIATO ALLA PERSONA CHE ERA, RIPETENDO E RICORDANDO UN TESTO CHE GLI ERA STATO COMPAGNO NELLA SUA VITA PRECEDENTE. QUESTO, OVVIAMENTE, È SOLTANTO UN ESEMPIO: NEL FILM LA VITA È BELLA SI TROVA IL PROTAGONISTA CHE COMBATTE QUESTA MINACCIA TENTANDO DI SALVARE IL FIGLIO E FACENDOGLI VEDERE IL DISASTRO DELL OLOCAUSTO COME SE FOSSE UN GIOCO; VARI DEPORTATI CERCAVANO DI ACCAPARRARSI PIÙ OGGETTI POSSIBILI E LI CUSTODIVANO GELOSAMENTE, IN UN MOTO DI AUTO IDENTIFICAZIONE CHE POGGIA SU CIÒ CHE SI POSSIEDE, CHE SI RICONOSCE COME PROPRIO. NEL DOCUMENTARIO GLI ULTIMI GIORNI DI STEVEN SPIELBERG ASSISTIAMO AD ALTRE DUE VIE PER SCAPPARE DALL ANNULLAMENTO DI SÉ. UNA DONNA CHE VISSE LA TERRIBILE ESPERIENZA DELLA DEPORTAZIONE RACCONTA CHE QUANDO I NAZISTI ORDINARONO ALLA SUA FAMIGLIA DI PRENDERE LO STRETTO NECESSARIO E PREPARARSI PER PARTIRE, LEI SI MISE UN COSTUME DA BAGNO REGALATOLE DALLA NONNA E CHE RAPPRESENTAVA UN OGGETTO DAL VALORE AFFETTIVO INCOMMENSURABILE. AL MOMENTO DELLA VESTIZIONE, LA DONNA CERCÒ DI TENERLO CON SE, MA, PURTROPPO, LE GUARDIE TEDESCHE TROVARONO IL CAPO E GLIELO SOTTRASSERO, GETTANDOLA NELLO SCONFORTO PIÙ TOTALE. L ALTRA TESTIMONIANZA, ANCH ESSA RACCONTATA DA UNA DONNA, SI CHIUDE FORTUNATAMENTE IN MODO MENO TRAUMATICO: QUESTA SIGNORA ERA RIUSCITA, IN UN MODO O NELL ALTRO, A TENERE CON SÉ, DURANTE LA PERMANENZA NEL LAGER, ALCUNI DIAMANTI. LO STRATAGEMMA ERA AL CONTEMPO SEMPLICE ED INGEGNOSO: CONSISTEVA NELL INGHIOTTIRE TALI DIAMANTI PER POI ESPELLERLI DAL PROPRIO CORPO NEL MOMENTO DELL ESPLETAZIONE DEI BISOGNI CORPORALI E RIPETERE QUINDI LA PROCEDURA DALL INIZIO. IN QUESTO MODO RIUSCÌ A SALVARE LE PIETRE PREZIOSE DAI SOLDATI TEDESCHI E, UNA VOLTA LIBERATA DAL CAMPO, LI FECE INCASTONARE TUTTI IN UN CIONDOLO FATTO A FORMA DI LACRIMA CHE TUTTORA PORTA AL COLLO, PER RICORDARE UN ESPERIENZA TRAUMATICA CHE HA SEGNATO LA SUA VITA IN MANIERA INDELEBILE. 5

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

27 GENNAIO 2016 GIORNATA DELLA MEMORIA

27 GENNAIO 2016 GIORNATA DELLA MEMORIA 27 GENNAIO 2016 GIORNATA DELLA MEMORIA Mostra e flash mob per non dimenticare l orrore della Shoah 27 Gennaio 1945 Vengono abbattuti i cancelli del lager di Auschwitz Il 20 luglio 2000, con la legge 211,

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

Alla scoperta degli elementi della vita : acqua, aria, terra,fuoco.

Alla scoperta degli elementi della vita : acqua, aria, terra,fuoco. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO Scuola dell Infanzia Capoluogo Anno Scolastico 2011-2012 Progetto di plesso Collegato al progetto d istituto Alla scoperta degli elementi della vita : acqua, aria,

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima Classe prima Classe I competenza matematica e SPERIMENTARE CON OGGETTI E MATERIALI competenze di base in scienza e tecnologia competenza digitale Osservare, descrivere elementi della realtà circostante

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO Duemila anni di mito dell infanzia saggi Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08073-6 Prima edizione BUR Saggi novembre 2015 Realizzazione

Dettagli

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane Mary Douglas Mary Douglas (1921 2007), antropologa inglese, allieva di Evans Pritchard, appartiene alla scuola funzionalista rinnovata nel dopoguerra dal pensiero di Evans Pritchard Mary Douglas Purezza

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Macchine e capitale. (terza parte) 4 Marzo 2015. UniGramsci - Economia politica 2014-2015 1

Macchine e capitale. (terza parte) 4 Marzo 2015. UniGramsci - Economia politica 2014-2015 1 Macchine e capitale (terza parte) 4 Marzo 2015 2015 1 dalla scorsa lezione Il prolungamento della giornata oltre i suoi limiti naturali, il lavoro notturno, è un risultato del sistema di fabbrica. la parte

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

Quali sono i possibili significati da attribuire alla parola umanità? Si parla di: 1. Natura umana, condizione umana soprattutto con riferimento ai

Quali sono i possibili significati da attribuire alla parola umanità? Si parla di: 1. Natura umana, condizione umana soprattutto con riferimento ai Focus UMANITA Densi di significato gli interventi di chi mi ha preceduto sulla dignità e sull armonia e ai loro interventi mi ricollego. Come si può concretizzare la capacità dei lions di combinare la

Dettagli

Il trauma del lutto: ricostruzione psicologica ed emotiva dopo. il dolore della perdita 8 aprile 2013 Dr.ssa Laura Porta

Il trauma del lutto: ricostruzione psicologica ed emotiva dopo. il dolore della perdita 8 aprile 2013 Dr.ssa Laura Porta Il trauma del lutto: ricostruzione psicologica ed emotiva dopo il dolore della perdita 8 aprile 2013 Dr.ssa Laura Porta Definizione Il lutto è il sentimento di intenso dolore che si prova per la perdita,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole primarie) Premessa Nell ambito delle iniziative

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Dio, il mondo e il Big- -Bang

Dio, il mondo e il Big- -Bang Dio, il mondo e il Big- -Bang come parlare di Dio creatore ome ha fatto Dio a fare il Mondo? Dio, i miracoli e le leggi della natura DIO e il Mondo Dio, Adamo ed Eva, e l evoluzione Dio o il Big Bang?

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Cinque fiabe per far sognare e sorridere i bambini

Cinque fiabe per far sognare e sorridere i bambini Cinque fiabe per far sognare e sorridere i bambini Teresa Di Clemente CINQUE FIABE PER FAR SOGNARE E SORRIDERE I BAMBINI www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Teresa Di Clemente Tutti i diritti riservati

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa. ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa. ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu Psicologia del lavoro Prof. Ferrari ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc riassunti anno 2011-2012 caappuntibicoccaappuntibicoccaapp Autore: Stellin91 Cod: PS069 untibicoccaappuntibicoccaappuntibi

Dettagli

una freddezza emotiva che non giova sicuramente al rapporto.

una freddezza emotiva che non giova sicuramente al rapporto. Ipotesi del lavoro Il presente scritto non vuole trattare l'argomento dell'amore in maniera esaustiva, ma porre l accento su un solo punto essenziale: ovvero il riconoscimento dei propri meccanismi di

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LibroGiocando è un luogo speciale, nato dall'incontro di professionisti con consolidata esperienza in ambito educativo e formativo, uniti dalla passione per il mondo dell'infanzia

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico:

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico: Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) (Estratto del Piano dell Offerta Formativa) Progetto didattico: FAVOLANDO UNA BOTTEGA FANTASTICA Anno scolastico 2015 2016 Settembre 2015 1 PREMESSA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli