RIVISTA TELEMATICA NUOVA DIDATTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIVISTA TELEMATICA NUOVA DIDATTICA www.nuovadidattica.net"

Transcript

1 RIVISTA TELEMATICA NUOVA DIDATTICA LABORATORIO STORICO SHOAH PEDAGOGIA DELLA RESISTENZA LA FABBRICA DI ESSERI SENZ ANIMA LAGER: CATENA DI «SMONTAGGIO» DELL'UOMO A CURA DI ELISA GIORGIO E CARLO ABBONA ( CLASSE 5^E) ALIENAZIONE È UN TERMINE MODERNO, LEGATO ALLA CONDIZIONE UMANA ATTUALE, MA LA SUA ORIGINE È ANTICA;DERIVA DAL LATINO ALIENATIO: TRASFERIMENTO DI PROPRIETÀ; ROTTURA, DISTACCO; FOLLIA. GRANDI AUTORI LATINI HANNO FATTO USO DA QUESTO SOSTANTIVO,BASTI CITARE:,CIC.,TAC., E ALIENATIO MENTIS,SEN.EP.78,9. SE SI CERCA IL TERMINE SU UN QUALSIASI VOCABOLARIO DELLA LINGUA ITALIANA, SI OTTERRÀ UNA DEFINIZIONE SIMILE ALLA SEGUENTE: LA CONDIZIONE PSICOLOGICA, PROPRIA DELL UOMO MODERNO (CHE NON SI RICONOSCE PIÙ NEI BENI MATERIALI CHE PRODUCE E NELLA SUA STESSA ATTIVITÀ), LA QUALE CONSISTE IN UN SUO ESTRANIARSI PROGRESSIVO DA SE STESSO E DAI FINI E DAI MEZZI DELLA CIVILTÀ INDUSTRIALE MONNIER,PAG.59);MA LA VOCE HA VALENZE COMPLETAMENTE DIFFERENTI A SECONDA DEI PERIODI STORICI A CUI SI FA RIFERIMENTO. NEL MEDIOEVO FU USATO PER INDICARE UN GRADO DELL ASCESA MISTICA VERSO DIO. COSÌ IN RICCARDO DI SAN VITTORE L ALIENAZIONE NON È CHE L ESTASI. IL PENSIERO CRISTIANO, DA S.PAOLO ALLA PATRISTICA MEDIOEVALE, RICONOSCE L A. COME LA CONDIZIONE DELLA VITA TERRENA. L UOMO, ANELANDO AL REGNO CELESTE NEL QUALE, SOLTANTO, PUÒ ATTUARSI INTERAMENTE, SU QUESTA TERRA SI SENTE COME IN ESILIO E QUINDI LIMITATO E NON COMPLETO. IL TERMINE FU ADOPERATO POI DA ROUSSEAU PER INDICARE LA CESSIONE DEI DIRITTI NATURALI ALLA COMUNITÀ EFFETTUATA CON IL CONTRATTO SOCIALE. LE CLAUSOLE DI QUESTO CONTRATTO SI RIDUCONO A UNA SOLA: L A. TOTALE DI CIASCUN ASSOCIATO CON TUTTI I SUOI DIRITTI A TUTTA LA COMUNITÀ ( CONTRAT SOCIAL,I,6). ROUSSEAU, QUINDI, POSTULA L ALIENAZIONE DEL SINGOLO E DELLA SUA VOLONTÀ PARTICOLARE IN MANIERA CHE SI ORIGINI LA VOLONTÀ GENERALE. PER HEGEL L A. INDICA IL PASSAGGIO DELL IDEA IN SÉ (LOGICA) ALL IDEA FUORI SÉ ( NATURA). QUESTO PASSAGGIO COMPORTA CHE L IDEA, ALIENATASI NELLA NATURA, POSSA IN FINE RIAPPROPRIARSI DI SÉ, ARRICCHITA DALL ESPERIENZA DEL TOTALMENTE ALTRO, NELLO SPIRITO. AL CONCETTO METAFISICO PROPOSTO DA HEGEL SI CONTRAPPONE QUELLO DI TIPO ANTROPOLOGICO INDICATO DA FEUERBACH, SECONDO IL QUALE LA RELIGIONE È ANTROPOLOGIA CAPOVOLTA. DIO, PER FEUERBACH, NASCE DA UN PROCESSO CHE FA INTERAMENTE CAPO ALL UOMO. L UOMO VIVE UN FORTE CONTRASTO, IN SÉ, FRA DESIDERI E CAPACITÀ, VOLERE E POTERE, DESIDERARE E OTTENERE. QUESTE OPPOSIZIONI PORTANO L UOMO A COSTRUIRE, FUORI DI SÉ, UN ENTITÀ IN CUI TUTTO IL SUO INFINITO VOLERE SIA REALIZZATO. L INDIVIDUO SCINDE DA SE STESSO QUALITÀ DELLA SUA SPECIE COME L INFINITÀ O L ASPIRAZIONE ALL ONNIPOTENZA, CHE, IN QUANTO SINGOLO, NON È IN GRADO DI SOSTENERE; PERTANTO LE ALIENA DA SÉ PROIETTANDOLE IN UNA POTENZA SUPERIORE. EGLI GENERA COSÌ UN ENTITÀ, A CUI ATTRIBUISCE IL NOME DI DIO ED ALLA QUALE SI SOTTOMETTE. MARX, NEI SUOI SCRITTI GIOVANILI, RIPRENDE IL CONCETTO PURAMENTE SPECULATIVO DI HEGEL, MEDIANDOLO, TUTTAVIA, COL SIGNIFICATO NEGATIVO CHE ALL A. AVEVA ATTRIBUITO FEUERBACH. 1

2 IN MARX L A. È UN FATTO REALE E NON SPECULATIVO O COSCIENZIALE; RIMANDA ALL AMBITO SOCIO- ECONOMICO ED È FONDAMENTALE PER DESCRIVERE LA SITUAZIONE DELL OPERAIO NEL SISTEMA CAPITALISTICO. LA CAUSA DELL A. È LA PROPRIETÀ PRIVATA DEI MEZZI DI PRODUZIONE CHE APPARTENGONO AL PROPRIETARIO DELLA FABBRICA, OSSIA AL CAPITALISTA. L OPERAIO, NEL LAVORO DI FABBRICA, È ALIENATO IN PRIMO LUOGO RISPETTO AL PRODOTTO DEL SUO LAVORO. PRODUCE, INFATTI, UN BENE (IL CAPITALE) CHE NON GLI APPARTIENE. INOLTRE IL SUO LAVORO È ESTERNO A LUI: È UN LAVORO FORZATO, NON APPARTIENE ALLA SUA PERSONALITÀ, [ ] QUINDI NEL SUO LAVORO EGLI NON SI AFFERMA MA SI NEGA, SI SENTE NON SODDISFATTO [ ] E SOLO FUORI DEL LAVORO SI SENTE PRESSO DI SÉ, SI SENTE FUORI DI SÉ NEL LAVORO. [ ] IL LAVORO ESTERNO, IL LAVORO IN CUI L UOMO SI ALIENA È UN LAVORO DI SACRIFICIO DI SE STESSI, DI MORTIFICAZIONE. ( MANOSCRITTI ECONOMICO-FILOSOFICI,1844,I,22). QUINDI PER MARX, IL LAVORO, IN CUI L UOMO DOVREBBE REALIZZARE CREATIVAMENTE SE STESSO, NELLA SOCIETÀ CAPITALISTICA NON È VOLONTARIO MA COSTRETTO, FORZATO, PERCHÉ NON È SODDISFACIMENTO DI UN BISOGNO, MA SOLO UN MEZZO PER SODDISFARE BISOGNI, CHE SFUGGONO AL LAVORATORE ED APPARTENGONO AD ALTRI. L USO DI QUESTO TERMINE È DIVENTATO CORRENTE NELLA CULTURA CONTEMPORANEA, NON SOLTANTO NELLA DESCRIZIONE DEL LAVORO OPERAIO IN CERTE FASI DELLA SOCIETÀ CAPITALISTICA, MA ANCHE A PROPOSITO DEL RAPPORTO TRA L UOMO E LE COSE NELL ETÀ DELLA TECNICA, COME SE LA TECNICA ALIENASSE L UOMO DA SE STESSO, SE LO RENDESSE UNA MACCHINA. SI PUÒ CONCLUDERE CHE QUESTO TERMINE ASSUME DIVERSI SIGNIFICATI CHE DIPENDONO DAL CONTESTO COMPLESSIVO A CUI CI SI RIFERISCE. AD ESEMPIO SE L UOMO È ISTINTO E VOLONTÀ DI VITA, DIVENTA A. OGNI REPRESSIONE E DIMINUZIONE DI TALE ISTINTO E VOLONTÀ; SE L UOMO È RAZIONALITÀ È, INVECE, ALIENANTE IL SUO AFFIDARSI ALL ISTINTO, OPPURE IL SUO RIFUGIARSI NELLA FANTASIA. IN PARTICOLARE IL SIGNIFICATO DI A. DIPENDE DALL AMBITO VALORIALE CHE SI ATTRIBUISCE ALL UOMO E COSTITUISCE, QUINDI, IL SUO OPPOSTO. NEL 900 IL TERMINE ALIENAZIONE È USATO DI FREQUENTE IN VARIE ESPRESSIONI, CHE RICHIAMANO IL MODELLO DELLA FABBRICA FORDISTA, ALLA CUI BASE C È L APPLICAZIONE DEL SISTEMA TAYLORISTICO. CON TAYLORISMO SI INTENDE LA TEORIA DELL ORGANIZZAZIONE SCIENTIFICA DEL LAVORO, ELABORATA DALL INGEGNERE STATUNITENSE TAYLOR NEL 1911, CHE PREVEDEVA UNA COMBINAZIONE OTTIMALE TRA IL LAVORO UMANO E LE MACCHINE, INCENTRATO SOPRATTUTTO SULLA SCOMPOSIZIONE DELLE MANSIONI E SULLA SOPPRESSIONE DEI TEMPI MORTI E DEI MOVIMENTI INUTILI. IL TAYLORISMO È STATO APPLICATO NELLA NOTA INDUSTRIA STATUNITENSE DI AUTOMOBILI DI HENRY FORD ED HA PORTATO ALLA RAPIDA REALIZZAZIONE DELLE CATENE DI MONTAGGIO, CHE EBBERO DIFFUSIONE PRIMA NELL INDUSTRIA AMERICANA, GIÀ DAGLI ANNI VENTI E POI IN EUROPA. PERTANTO LA FABBRICA FORDISTA INDICA UNO STADIO DEL CAPITALISMO MODERNO CHE VA DAGLI ANNI 40 AI PRIMI ANNI 70,CARATTERIZZATO DALL INTRODUZIONE DEI SISTEMI DI PRODUZIONE DI MASSA SU VASTA SCALA E DALL APPLICAZIONE DELLA CATENA DI MONTAGGIO. NELLA FABBRICA FORDISTA SI SEGUE UNA POLITICA DI ALTI SALARI: AUMENTANO I REDDITI DEGLI OPERAI DI MODO CHE ESSI POSSANO A LORO VOLTA DIVENTARE CONSUMATORI. INDUBBIAMENTE, PERÒ, IL LUOGO CHE MAGGIORMENTE INCARNA IL CONCETTO DI ALIENAZIONE È UN ALTRO: IL LAGER NAZISTA. DOPO AVER ASCOLTATO E LETTO TESTIMONIANZE DI DEPORTATI, VISTO DOCUMENTARI CHE TRATTAVANO QUESTO TEMA CI È SORTO SPONTANEO PARAGONARE LA FABBRICA FORDISTA CON LA STRUTTURA DEL LAGER. ABBIAMO AVUTO CONFERMA DI QUESTA SIMILITUDINE LEGGENDO I TESTI SCRITTI DAL PEDAGOGISTA RAFFAELE MANTEGAZZA. IL LAGER NAZISTA, PROGETTATO CONSEGUENTEMENTE A UNO STUDIO STRUTTURALE CHE NON AVEVA LASCIATO NIENTE AL CASO, ERA DI PER SÉ UNA STRUTTURA ALIENANTE, MA CIÒ CHE PRODUCEVA NEI DEPORTATI QUESTO SENTIMENTO ANNICHILENTE ERA SOPRATTUTTO IL RITUALE DISUMANIZZANTE CHE, COMINCIAVA DAI TRENI DELLA MORTE, E, ATTRAVERSO TAPPE TRAGICAMENTE IRREVERSIBILI, SI CONCLUDEVA ALL INTERNO DEL CAMPO. IL TRENO, QUINDI, È LA PRIMA TAPPA DI QUESTA CATENA DI SMONTAGGIO CREATA DAL NAZISMO: IL DEPORTATO, APPENA PRELEVATO DALLA PROPRIA CASA, SUBISCE UN VIAGGIO IN CONDIZIONI TERRIFICANTI DURANTE IL QUALE LA DIGNITÀ UMANA NON ESISTE PIÙ. EGLI È COSTRETTO A VIVERE 2

3 ADDOSSATO AD ALTRE PERSONE CHE COME LUI NON CAPISCONO E SI PONGONO MILLE DOMANDE, A CONDIVIDERE CON SCONOSCIUTI LA PROPRIA INTIMITÀ, A NON MANGIARE NÉ A VEDERE LA LUCE DEL SOLE E CIÒ CHE È PEGGIO A NON CAPIRE COSA STA SUCCEDENDO E PERCHÉ. LA SECONDA TAPPA È DA INDIVIDUARE NELL ARRIVO AL CAMPO DI CONCENTRAMENTO:LA PORTA CHIUSA, LA TORRE CHE LA SORMONTA, LE SCRITTE CHE I DEPORTATI SOLO SUCCESSIVAMENTE CAPISCONO ESSERE DI UNA TRAGICA IRONIA (ARBEIT MACHT FREI), LE REGISTRAZIONI, I FARI, LE ARMI, IL PRIMO IMPATTO CON LE SS E L INCONTRO CON IL TERRORE NEGLI OCCHI DEGLI ALTRI DEPORTATI. SUCCESSIVAMENTE CON L ENTRATA NEL LAGER INIZIA IL VERO E PROPRIO RITUALE: IL DEPORTATO SUBISCE UNA PROGRESSIVA PERDITA DELLA PROPRIA INDIVIDUALITÀ E DELLA SUA CONDIZIONE DI UOMO. LO SHOCK INIZIALE DI ESSERE TRATTATO COME STÜCK (OGGETTO), L ESSERE PICCHIATO SENZA AVERE NESSUNA COLPA, L ESSERE CONSIDERATO COME BESTIE, SUBIRE ORDINI IN UNA LINGUA NON CONOSCIUTA, NON CAPIRE, AVER PERSO OGNI RIFERIMENTO, SENTIRSI IN UN MONDO NUOVO SENZA ALCUN RAPPORTO CON LA DIGNITÀ UMANA, COMPLETAMENTE SEPARATO DALLA REALTÀ VISSUTA FINO A QUEL MOMENTO. TUTTE QUESTE ESPERIENZE ALIENANTI FANNO PERDERE AL DEPORTATO OGNI SICUREZZA E LO RENDONO STORDITO, INCREDULO DI QUELLO CHE STA VIVENDO. IN UN SECONDO MOMENTO LO SMONTAGGIO PROCEDE TRAMITE IL DENUDAMENTO E LA DEPILAZIONE DEGLI INTERNATI. SI TRATTA DI ORDINI CHE DEVONO ESSERE ESEGUITI ATTIVAMENTE. IL DEPORTATO ABBANDONA I PROPRI VESTITI: CIÒ SIGNIFICA CHE PERDE PARTE DELLA PROPRIA IDENTITÀ, QUELLA PARTE CHE È LEGATA AL PASSATO; FARLO DAVANTI A SCONOSCIUTI, LI PORTA A SUBIRE UNA DELLE MAGGIORI VIOLENZE PSICOLOGICHE CHE UN UOMO POSSA TOLLERARE; LA DEPILAZIONE È UN ALTRA FORMA DI VIOLENZA TRAMITE LA QUALE IL DEPORTATO ABBANDONA LA PROPRIA IDENTITÀ ADULTA E NE VESTE UNA PREADOLESCENZIALE: IL CORPO SI TRASFORMA IN UNA LARVA. L AZZERAMENTO DELL IDENTITÀ È GIÀ PRATICAMENTE TERMINATO CON LA FINE DELLA PROCEDURA D INIZIAZIONE: IL TATUAGGIO, IL NUMERO CHE VIENE INDELEBILMENTE SCRITTO SULLA PELLE, CON IL QUALE IL DEPORTATO PERDE IL PROPRIO NOME E COGNOME E ASSUME UN IDENTITÀ DI TIPO SERIALE. IL DISTACCO DAL PASSATO È TERMINATO, NIENTE DI MATERIALE PUÒ RICORDARGLI LA VITA PRECEDENTE, I VESTITI SONO PER TUTTI UGUALI, LE TAGLIE NON VENGONO CALCOLATE, IL PROPRIO NOME VIENE DIMENTICATO, ORA EGLI SI IDENTIFICA CON UN NUMERO, IL TAGLIO DEI CAPELLI È PER TUTTI UGUALE. DIFFERENZIARE UN UOMO DA UNA DONNA CON L AUMENTARE DELLA PERMANENZA NEL CAMPO DIVENTA PRATICAMENTE IMPOSSIBILE; FISICAMENTE LO SCOPO DEL NAZISMO È STATO RAGGIUNTO, ORA BISOGNA LAVORARE SULL ASPETTO PSICOLOGICO. IN QUESTO SENSO È LA STRUTTURA STESSA DEL LAGER A CONTINUARE IL PERCORSO: IL SISTEMA A SCACCHIERA DELLA DISPOSIZIONE DELLE BARACCHE PREVEDE TANTI PICCOLI RETTANGOLI CHE NON LASCIANO SPAZIO A LUOGHI DI RIUNIONE O A SPIAZZI APERTI; L ALIENAZIONE NON NASCE ALL INTERNO DELL INDIVIDUO TRAMITE L ISOLAMENTO MA CON LA MANCANZA DI UNO SPAZIO INDIVIDUALE. SI VIVE ALL INTERNO DI UNA MASSA ADDENSATA DI CORPI SEMPRE A CONTATTO GLI UNI CON GLI ALTRI. QUESTA CONDIZIONE COSTRINGE IL DEPORTATO A PREDILIGERE L OLFATTO E LE SENSAZIONI CUTANEE A SVANTAGGIO DELLA VISTA E DELL UDITO, PERCORRENDO, COSÌ, UN PROCESSO INVOLUTIVO CHE RENDE VANA L EVOLUZIONE DI MILIONI DI ANNI ATTUATA DALL ESSERE UMANO. LA SUDDIVISIONE DELLO SPAZIO VIENE ANCHE UTILIZZATA DAL POTERE NAZISTA PER CREARE NELLE TESTE DEGLI INTERNATI UN NEMICO DA COMBATTERE CHE VIENE INDIVIDUATO NON NELLE SS MA NEL VICINO, NEL COMPAGNO DI BRANDA CHE NON PERMETTE DI DORMIRE, CON IL QUALE SI DEVE CONDIVIDERE QUEL POCO CHE VIENE DATO. QUINDI L ESISTENZA DEL PRIGIONIERO VIENE SI TRADUCE IN UNO SVANTAGGIO, È COME UN INTRALCIO. CIÒ CHE PRODUCE ULTERIORE ALIENAZIONE È DATO DALLE AMBIGUITÀ E DALLE CONTRADDIZIONI PROVOCATE DALLA PRESENZA ALL INTERNO DEL LAGER DI ZONE ADIBITE A CARCERE, A LUOGO DI PUNIZIONE, DI MORTE, DI SPERIMENTAZIONE, CHE SI AGGIUNGE AL FATTO CHE IL LAGER STESSO È IN OGNI MOMENTO SIA ZONA DI PUNIZIONE CHE DI MORTE E DI DETENZIONE. IL DEPORTATO AVEVA VISTO UN ENTRATA MA NON PUÒ SCORGERE UN USCITA, ANCHE QUESTO FATTORE PORTA DISPERAZIONE. EGLI VEDE CAMINI FUMANTI E NON PUÒ IMMAGINARE CHE QUELLI SONO LE USCITE, LA MORTE È L UNICO MODO PER FUGGIRE DA QUELLA SITUAZIONE: SI ENTRA UOMINI, SUCCESSIVAMENTE SI PERDE LA PROPRIA IDENTITÀ, LA PROPRIA ANIMA, IL CONTROLLO DELLE PROPRIE SENSAZIONI E SOLO DOPO TUTTE QUESTE MORTI PARZIALI SI PUÒ PERDERE IL PROPRIO CORPO. NON VI È NEANCHE LA LIBERTÀ DI MORIRE, IL SUICIDIO VIENE PUNITO CON L UCCISIONE DI ALTRI DEPORTATI. 3

4 IL TEMPO È UN ALTRO FATTORE ALIENANTE; ESSO NON VIENE ORGANIZZATO IN MANIERA RIGIDA PER NON DARE PUNTI DI RIFERIMENTO CRONOLOGICI AI DEPORTATI, QUINDI VIENE GESTITO IN MANIERA ELASTICA PROPRIO PER AUMENTARE IL SENSO DI SMARRIMENTO, DI DISORIENTAMENTO, DI INCOMPRENSIONE ULTERIORMENTE ACCRESCIUTO DAL NON SAPERE QUANDO POTRÀ FINIRE. QUESTA MANCANZA DI PUNTI DI RIFERIMENTO TEMPORALI PORTA IL DEPORTATO, GIORNO DOPO GIORNO, A CONTEGGIARE IL TEMPO DENTRO SE STESSO, NEL TENTATIVO INUTILE DI INTERIORIZZARLO; IL TEMPO, QUINDI, PUÒ ATTUARE LA SUA OPERA DI DISTRUZIONE DALL INTERNO, COME UN CANCRO, DIVENTANDO PROPRIO PER LA SUA INVISIBILITÀ, CHE PORTA ALL IMPOSSIBILITÀ DI COMBATTERLO, IL SIMBOLO DEL PROCESSO ALIENANTE PRESENTE NEL LAGER. IL CORPO DEL DEPORTATO DIVENTA COSA, PERDE TUTTE LE SUE CARATTERISTICHE UMANE, LA VIOLENZA INUTILE CHE ESSO SUBISCE SEMBRA AVERE COME SCOPO L ELIMINAZIONE DEL POTENZIALE CONOSCITIVO ED ESPERIENZIALE DELLA CORPOREITÀ TRAMITE, DA UN LATO, LA REIFICAZIONE DEL CORPO, DALL ALTRO, L UTILIZZAZIONE DEL CORPO COME STRUMENTO D UMILIAZIONE. IL LAVORO, SOPRA OGNI COSA, PRODUCE SOVRAFFATICAMENTO, MA ANCHE OGNI SINGOLA AZIONE DELLA GIORNATA È CAUSA DI SOFFERENZA: IL DOVER MANGIARE SENZA AVERE POSATE, IL SENTIRSI BRUTTI E INSUFFICIENTI RISPETTO AI CORPI SANI E PULITI DELLE SS, LA SELEZIONE GIORNALIERA. TUTTO INCREMENTA L UMILIAZIONE NEL DEPORTATO, CHE SI SENTE SEMPRE PIÙ COSA E SEMPRE MENO UOMO. L ULTIMA TAPPA DI QUESTA CATENA DI SMONTAGGIO È IL LINGUAGGIO UTILIZZATO DALLE SS ALL INTERNO DEL LAGER: URLANO ORDINI CONTRADDITTORI IN UNA LINGUA CHE ALLA GRAN PARTE DEI DEPORTATI È SCONOSCIUTA. LA PREOCCUPAZIONE MAGGIORE È IL COMPRENDERE GLI ORDINI NEL MINOR TEMPO POSSIBILE PER CERCARE DI EVITARE LE PUNIZIONI CHE ALLA FINE SONO, PERÒ, INEVITABILI; LA PAROLA VIENE CONCEPITA DAL DEPORTATO COME UN INPUT, NON DOVE ESSERE CAPITA MA SOLO ESEGUITA. IL LINGUAGGIO È CARATTERIZZATO DALL ESTREMA SINTESI SINTATTICA, DALLA PRESENZA DI INNUMEREVOLI SIGLE, DI PAROLE GERGALI UTILIZZATE PER NASCONDERE, PER CLASSIFICARE, SEMPRE CARATTERIZZATE DA CINICA SATIRA ( ESEMPI: KANINCHEN, CIOÈ CONIGLIO UTILIZZATA PER IDENTIFICARE CHI SUBIVA ESPERIMENTI; HIMBEERPFLUCKER, CIOÈ RACCOGLITORI DI LAMPONI UTILIZZATA PER INDICARE CHI DOVEVA ESSERE MANDATO FUORI DAL CAMPO CON LA SCUSA DI RACCOGLIERE FRUTTI PER ESSERE FREDDATO DALLE SENTINELLE; AUSSCHALTUNG, CIOÈ INTERRUZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA, UTILIZZATO PER ORDINARE LO STERMINIO DI UNA COMUNITÀ EBRAICA). TUTTO QUESTO PRODUCE NEL DEPORTATO UN INCAPACITÀ DI COMPRENDERE, DI CAPIRE, DI SOPPORTARE PERCHÉ NON VI È NESSUNA RAGIONE PER FARLO, DI VEDERE UNA FINE E DI RICORDARE L INIZIO, LA VITA PRECEDENTE, PERCHÉ ORMAI LE PERSONE CHE SONO SALITE SU QUEL MALEDETTO TRENO NON ESISTONO PIÙ, SI SONO TRASFORMATE IN ESSERI SENZ ANIMA, AVENDO SUBITO UN ESPERIENZA INSPIEGABILE FINO IN FONDO E INVIVIBILE IN UN ALTRO LUOGO. IL FORDISMO VIENE UTILIZZATO DAL POTERE NAZISTA NON PER PRODURRE BENI MATERIALI CHE, PASSANDO DI MANO IN MANO, DI MACCHINA IN MACCHINA SI COMPLICANO SEMPRE PIÙ MA PER SMONTARE UN ESSERE ESTREMAMENTE COMPLICATO CHE ALLA FINE DELLA CATENA È RIDOTTO A UN INSIEME DI TANTE OSSA E POCA PELLE. E INNEGABILE CHE HITLER PER I SUOI CAMPI DI CONCENTRAMENTO SI SIA ISPIRATO ALLA FABBRICA FORDISTA, SIMILE AL LAGER PER MOLTI ASPETTI: MA FINO A DOVE SI POSSONO SPINGERE I CARATTERI SOMIGLIANTI? RAFFRONTANDO LA FABBRICA FORDISTA ED IL LAGER NAZISTA SI POSSONO TROVARE DIVERSI ASPETTI COMUNI, ABERRANTI ANALOGIE CHE SONO PECULIARI AD ENTRAMBI I SISTEMI. DIFATTI SIA IL LAGER SIA LA FABBRICA FORDISTA PRESENTANO UNA STRUTTURA PRESSOCHÉ IDENTICA, CON UN ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO MOLTO SIMILE: SI PENSI PER ESEMPIO ALLA RICORRENTE FORMA RETTANGOLARE DELLE STRUTTURE INTERNE DI QUESTE DUE PERVERSE IDEAZIONI DELL UOMO, CHE IMPEDISCONO OGNI POSSIBILE RIUNIONE, OGNI POSSIBILE MOMENTO DI RITROVO PER GLI SCIAGURATI OSPITI E CHE NON OFFRONO ALCUN PUNTO DI RIFERIMENTO VISIVO: QUESTO USO REITERATO DEL RETTANGOLO PORTA SMARRIMENTO, CONFUSIONE. IL DEPORTATO, CHE SI MUOVE IN UN AMBIENTE CHE SI PRESENTA SEMPRE UGUALE. IDENTICA È ANCHE LA CONCEZIONE TEMPORALE: NON È PERMESSO IL COMPUTO INDIVIDUALE DEL TEMPO ALL INTERNO DELLA FABBRICA FORDISTA E DEL LAGER E CIÒ PORTA AD ASSIMILARE I TEMPI PROPRI A QUELLI DEL SISTEMA, ALIENANDO DA SÉ L OPERAIO E IL DEPORTATO. 4

5 ADDIRITTURA IL CANCELLO D INGRESSO HA LO STESSO RUOLO: IN ENTRAMBI I CASI SI TRATTA DI UN PASSAGGIO IN UN ALTRO MONDO, DIVERSO DA QUELLO ESTERNO ED IMPOSSIBILE DA TROVARE ALTROVE, DOVE TUTTE LE CONSUETUDINI E LE LEGGI NON SCRITTE SI STRAVOLGONO OD ADDIRITTURA NON ESISTONO NEPPURE. PER QUANTO RIGUARDA L ALIENAZIONE INDOTTA DA QUESTE MACCHINE INFERNALI NEI LORO OCCUPANTI SI PUÒ PERÒ TROVARE UNA DIFFERENZA SOSTANZIALE: NELLA FABBRICA ESSA È PORTATA DALL ISOLAMENTO, MENTRE NEL LAGER CIÒ È DOVUTO ALLA MASSA. PER SFUGGIRE ALL ANNULLAMENTO DI SÉ, AL TOTALE DISTACCO DALLA PERSONALITÀ CHE UN TEMPO LI CONTRADDISTINGUEVA, I DEPORTATI NEI LAGER ASSUMEVANO COMPORTAMENTI DIVERSI, A SECONDA DELLA PERSONALITÀ CHE ESSI AVEVANO MATURATO QUANDO LA VITA APPARTENEVA ANCORA A CIASCUNO DI LORO. PRIMO LEVI RACCONTA LA PROPRIA ESPERIENZA NEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI MONOWITZ, VICINO AD AUSCHWITZ. IN UN CAPITOLO DEL LIBRO, L AUTORE NARRA UN EPISODIO CHE LO VIDE PROTAGONISTA DURANTE LA SUA PERMANENZA NEL CAMPO, E CHE È UNA CHIARA ESPRESSIONE DI COME EGLI TENTASSE DI SALVARE LA PROPRIA IDENTITÀ: PER CASO SI RITROVÒ A DECLAMARE ALCUNI VERSI DI DANTE E SI ACCORSE CHE SOLO COSÌ RIUSCIVA A NON PERDERSI NELL OBLIO, A RESTARE IN QUALCHE MODO APPIGLIATO ALLA PERSONA CHE ERA, RIPETENDO E RICORDANDO UN TESTO CHE GLI ERA STATO COMPAGNO NELLA SUA VITA PRECEDENTE. QUESTO, OVVIAMENTE, È SOLTANTO UN ESEMPIO: NEL FILM LA VITA È BELLA SI TROVA IL PROTAGONISTA CHE COMBATTE QUESTA MINACCIA TENTANDO DI SALVARE IL FIGLIO E FACENDOGLI VEDERE IL DISASTRO DELL OLOCAUSTO COME SE FOSSE UN GIOCO; VARI DEPORTATI CERCAVANO DI ACCAPARRARSI PIÙ OGGETTI POSSIBILI E LI CUSTODIVANO GELOSAMENTE, IN UN MOTO DI AUTO IDENTIFICAZIONE CHE POGGIA SU CIÒ CHE SI POSSIEDE, CHE SI RICONOSCE COME PROPRIO. NEL DOCUMENTARIO GLI ULTIMI GIORNI DI STEVEN SPIELBERG ASSISTIAMO AD ALTRE DUE VIE PER SCAPPARE DALL ANNULLAMENTO DI SÉ. UNA DONNA CHE VISSE LA TERRIBILE ESPERIENZA DELLA DEPORTAZIONE RACCONTA CHE QUANDO I NAZISTI ORDINARONO ALLA SUA FAMIGLIA DI PRENDERE LO STRETTO NECESSARIO E PREPARARSI PER PARTIRE, LEI SI MISE UN COSTUME DA BAGNO REGALATOLE DALLA NONNA E CHE RAPPRESENTAVA UN OGGETTO DAL VALORE AFFETTIVO INCOMMENSURABILE. AL MOMENTO DELLA VESTIZIONE, LA DONNA CERCÒ DI TENERLO CON SE, MA, PURTROPPO, LE GUARDIE TEDESCHE TROVARONO IL CAPO E GLIELO SOTTRASSERO, GETTANDOLA NELLO SCONFORTO PIÙ TOTALE. L ALTRA TESTIMONIANZA, ANCH ESSA RACCONTATA DA UNA DONNA, SI CHIUDE FORTUNATAMENTE IN MODO MENO TRAUMATICO: QUESTA SIGNORA ERA RIUSCITA, IN UN MODO O NELL ALTRO, A TENERE CON SÉ, DURANTE LA PERMANENZA NEL LAGER, ALCUNI DIAMANTI. LO STRATAGEMMA ERA AL CONTEMPO SEMPLICE ED INGEGNOSO: CONSISTEVA NELL INGHIOTTIRE TALI DIAMANTI PER POI ESPELLERLI DAL PROPRIO CORPO NEL MOMENTO DELL ESPLETAZIONE DEI BISOGNI CORPORALI E RIPETERE QUINDI LA PROCEDURA DALL INIZIO. IN QUESTO MODO RIUSCÌ A SALVARE LE PIETRE PREZIOSE DAI SOLDATI TEDESCHI E, UNA VOLTA LIBERATA DAL CAMPO, LI FECE INCASTONARE TUTTI IN UN CIONDOLO FATTO A FORMA DI LACRIMA CHE TUTTORA PORTA AL COLLO, PER RICORDARE UN ESPERIENZA TRAUMATICA CHE HA SEGNATO LA SUA VITA IN MANIERA INDELEBILE. 5

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO Era il Konzentrationslager (campo di concentramento in tedesco). Il campo di concentramento di Auschwitz fu uno dei tre campi principali che formavano il complesso concentrazionario

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno SCHEDA DIDATTICA Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch Compagnia : Il Dottor Bostik/Unoteatro 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno 2. Testo e regia:

Dettagli

ad auschwitz cercando... loro di Antonio Cassarà

ad auschwitz cercando... loro di Antonio Cassarà ad auschwitz cercando... loro di Antonio Cassarà È ancora possibile fotografare Auschwitz? Voglio dire: è ancora possibile, con le immagini, raccontare del campo, delle stragi, dei forni crematori, dei

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012

Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012 Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012 Al professor Sandro Baldi e alla presidenza del Liceo classico T. Tasso di Roma Da domenica 1 a martedì 3 aprile 2012 si è tenuto il Viaggio della Memoria, patrocinato

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà

Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà Premessa E questione sempre più centrale Macchine, automazione, rivoluzione micro-elettronica aumentano il tempo libero. Si espande la quantità, ma

Dettagli

Psicologia del lavoro. Attività didattica di Scienze Umane con opzione economico-sociale

Psicologia del lavoro. Attività didattica di Scienze Umane con opzione economico-sociale Psicologia del lavoro Attività didattica di Scienze Umane con opzione economico-sociale a cura di Danila Salvadore Strumento di presentazione per l'apprendimento di un modulo di psicologia del lavoro:

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA. Anno scolastico 2013-2014. Via Pietro Micca, 15-10121 Torino. info@fondazionecdf.it

OFFERTA DIDATTICA. Anno scolastico 2013-2014. Via Pietro Micca, 15-10121 Torino. info@fondazionecdf.it Via Pietro Micca, 15-10121 Torino info@fondazionecdf.it OFFERTA DIDATTICA Anno scolastico 2013-2014 Interventi in classe su razzismo, nazismo, Shoah Storia della scuola ebraica di Torino durante la Shoah

Dettagli

L'affermazione del modello fordista e la produttività marginale del lavoro

L'affermazione del modello fordista e la produttività marginale del lavoro L'affermazione del modello fordista e la produttività marginale del lavoro Il modello produttivo fordista Tra le innumerevoli trasformazioni in ambito industriale verificatesi sul finire del secolo diciannovesimo

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

E.T. l extraterrestre

E.T. l extraterrestre E.T. l extraterrestre (Un alieno abbandonato o dimenticato sulla Terra viene ritrovato da un bambino, Elliot, che lo porta a casa. Con la complicità del fratello più grande e della sorellina Gertie, Elliot

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Un Comune dovrebbe lavorare come un orchestra, non somigliare ad un fortino in difesa. Tema per un progetto di qualità. Sommario

Un Comune dovrebbe lavorare come un orchestra, non somigliare ad un fortino in difesa. Tema per un progetto di qualità. Sommario Un Comune dovrebbe lavorare come un orchestra, non somigliare ad un fortino in difesa. Tema per un progetto di qualità. Sommario Il cittadino posto al centro di tutte le attività amministrative. o Coordinare

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma.

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma. Aggiornamento 21.03.15 Andolfi M. D Elia A. (2007). Le perdite e le risorse della famiglia. Raffaello Cortina Editore, Milano. Il volume si rivolge principalmente ai professionisti che lavorano con le

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio Diario di bordo Un lunedì del mese di Febbraio, la nostra professoressa di Lettere ci

Dettagli

Il castello di Ferrara

Il castello di Ferrara Scuola d infanzia statale Villaggio Ina Il castello di Ferrara Un laboratorio sull arte ( Parte terza ) Premessa: il laboratorio nella scuola d infanzia dovrebbe essere il luogo privilegiato per avvicinare

Dettagli

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO)

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO) PROPOSTA FORMATIVA La Cooperativa AnimaGiovane e l'associazione Altresì lavorano assieme da anni nell'ambito della formazione e dell'educazione in diversi settori: scuole, oratori, centri aggregativi,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA I centri estivi, che proponiamo e realizziamo, oltre a prevedere l aspetto ludico ricreativo, vogliono essere anche un occasione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

Stupro: a chi oggi la parola?

Stupro: a chi oggi la parola? Stupro: a chi oggi la parola? di Gianna Candolo Negli articoli pubblicati da DEP sul nostro libro Traumi di guerra compare spesso il tema dello stupro etnico sia per criticare una supposta reticenza sia

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI www.unidav.it CARATTERISTICHE E COMPITI DEL MANAGEMENT 3. La Scuola behaviorista Lezione 25 Il modello Behaviorista

Dettagli

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere Paola Casi paola.casi@italianoperme.it Il percorso naturale di acquisizione di una lingua madre per un bambino piccolo segue le tappe indicate

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

4.3 Ultima fase: lo scioglimento

4.3 Ultima fase: lo scioglimento 4.3 Ultima fase: lo scioglimento È poco usuale pensare la fine delle relazioni. Ma, se la relazione educativa è un processo, e un processo affettivo, ha una fine che sancisce delle acquisizioni, degli

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

AREE INTEGRATIVE O DI SUPPORTO:

AREE INTEGRATIVE O DI SUPPORTO: AREE INTEGRATIVE O DI SUPPORTO: Le aree integrative di supporto sono costituite dalla FINANZA e dall ORGANIZZAZIONE. In primo luogo analizziamo la FINANZA che si occupa principalmente della gestione del

Dettagli

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni Kurt Zadek Lewin 1890-1947 Psicologo tedesco nel 1930 Avvia la Ricerca di laboratorio sui gruppi, In contesti,sociali,educativi

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe Summer Per ragazzi dai 6 ai 14 anni School 2014 School of Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe School of PROGETTO OXFORD GROUP SUMMER SCHOOL - Scuole Statali Oxford

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli