Interventi di Soccorso Tecnico Urgente in presenza di impianti fotovoltaici: rischi per il personale operativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interventi di Soccorso Tecnico Urgente in presenza di impianti fotovoltaici: rischi per il personale operativo"

Transcript

1 Riproduzione vietata Interventi di Soccorso Tecnico Urgente in presenza di impianti fotovoltaici: rischi per il personale operativo Cremona 30 ottobre 2013

2 Riproduzione vietata Programma mattino 9-13: Distribuzione impianti fotovoltaici sul territorio Cenni di Sicurezza Elettrica Effetti della corrente elettrica sul corpo umano Identificazione dei Rischi di intervento Tipologia di pannelli solari Funzionamento moduli fotovoltaici Schemi di collegamento impianti fotovoltaici ed eolici Analisi predittiva sugli impianti fotovoltaici Problemi più comuni negli impianti fotovoltaici Esempi di intervento Cremona Dibattito 30 ottobre 2013

3 Programma pomeriggio : Visita impianto fotovoltaico Esercitazioni sul campo Dibattito Riproduzione vietata I pannelli solari in visione sono gentilmente prestati da Cremona 30 ottobre 2013

4 Riproduzione vietata Cremona 30 ottobre 2013

5 Riproduzione vietata Situazione al 20/10/2013

6 Da 3 a 20 kw Fino a 3 kw Da 20 a 200 kw Riproduzione vietata 1% Italia 6,7% Lombardia

7 Riproduzione vietata Concetti generali di Sicurezza EVENTO IMPREVISTO OPERATORE IMPREPARATO Adottare misure di protezione derivanti da: Intervenire sul comportamento umano attraverso: Specifica esperienza Miglioramento tecnologico Normative tecniche e di legge Informazione Formazione Addestramento Qualificazione

8 Concetti generali di Sicurezza Normativa di sicurezza elettrica LEGGI DM 37/08 DL 81/08 DPR 151/11 Sono riconosciute «REGOLA D ARTE» secondo la legge 186/68 NORME TECNICHE CEI CEI CEI EN CEI 64-8 GUIDE TECNICHE CEI 82-25

9 Concetti generali di Sicurezza DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro DECRETO LEGISLATIVO 3 agosto 2009, n. 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. PERICOLO Proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni RISCHIO Probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione VALUTAZIONE DEI RISCHI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione

10 Concetti generali di Sicurezza DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro DECRETO LEGISLATIVO 3 agosto 2009, n. 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Articolo 83 Lavori in prossimità di parti attive 1. Non possono essere eseguiti lavori non elettrici in vicinanza di linee elettriche o di impianti elettrici con parti attive non protette, o che per circostanze particolari si debbano ritenere non sufficientemente protette, e comunque a distanza inferiori ali limiti di cui alla tabella 1 dell allegato IX, salvo che vengano adottate disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi. 2. Si considerano idonee ai fini di cui al comma 1 le disposizioni contenute nelle pertinenti norme tecniche.

11 Concetti generali di Sicurezza DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro DECRETO LEGISLATIVO 3 agosto 2009, n. 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Allegato XXV Uso di segnali di avvertimento e sicurezza

12 Lavori sotto tensione in BT Sicurezza dell operatore Fattori di infortunio elettrico negli interventi (rif. Elettrotecnica applicata ai sevizi antincendio) - Mancato uso di adeguati mezzi di protezione Eccessivo avvicinamento a parti in tensione Contatto diretto con parti in tensione Cattivo isolamento parti in tensione - Causato da incendio - Causato da acqua - Scarso spazio operativo

13 Lavori sotto tensione in BT Sicurezza dell operatore Elmetto con visiera Attrezzo isolato Parti attive Guanti isolanti Vestiario idoneo che non lasci scoperto parti del tronco o degli arti Non si può operare se non è assicurata UNA DOPPIA PROTEZIONE ISOLANTE I guanti isolanti (classe 00, 0, ecc.), prima del loro impiego, devono essere verificati a vista e gonfiati per accertarsi che non vi siano lacerature

14 Uso di attrezzi idonei (1.000 V) x x V V

15

16 Calzature d intervento Dal libretto d uso rif. 2. AVVERTENZE PER LE CALZATURE ANTISTATICHE Le calzature antistatiche dovrebbero essere utilizzate quando è necessario ridurre al minimo l accumulo di scariche elettrostatiche, dissipandole, evitando così il rischio d incendio, per esempio di sostanze infiammabili e vapori, nel caso in cui il rischio di scosse elettriche provenienti da un apparecchio elettrico e da altri elementi sotto tensione non sia stato completamente eliminato. Occorre tuttavia notare che le calzature antistatiche non possono garantire una protezione adeguata contro le scosse elettriche poiché inducono unicamente una resistenza fra il piede ed il suolo. Se il rischio di scosse elettriche non è stato completamente eliminato, è essenziale ricorrere a misure aggiuntive. Durante l uso, non deve essere introdotto alcun elemento isolante tra il sottopiede della calzatura e il piede del portatore. Qualora sia introdotta una soletta tra il sottopiede e il piede, occorre verificare le proprietà elettriche della combinazione calzatura/soletta.

17 Calzature d intervento Le proprietà antistatiche consistono in una resistenza elettrica della calzatura, misurata secondo la norma EN 20344, maggiore di 100 kω e minore di MΩ. L'esperienza ha dimostrato che, ai fini antistatici, il percorso di scarica attraverso un prodotto deve avere, in condizioni normali, una resistenza elettrica minore di MΩ in qualsiasi momento della vita del prodotto. È definito un valore di 100 kω come limite inferiore della resistenza del prodotto allo stato nuovo, al fine di assicurare una certa protezione contro scosse elettriche pericolose o contro gli incendi, nel caso in cui un apparecchio elettrico presenti difetti quando funziona con tensioni fino a 250V. Possiamo quindi dire che la calzatura con suola antistatica è «ISOLANTE» per basse tensioni, sempre che la stessa non sia usurata e che la tomaia non sia intrisa d acqua. Sotto i 100kΩ si parla di calzature conduttive.

18 Calzature d intervento Dal libretto d uso rif. 2. AVVERTENZE PER LE CALZATURE ANTISTATICHE La resistenza elettrica di questo tipo di calzatura può essere modificata in misura significativa, dalla flessione, dalla contaminazione o dall umidità. Questo tipo di calzatura non svolgerà la propria funzione se è indossata e utilizzata in ambienti umidi. Conseguentemente, occorre accertarsi che il prodotto sia in grado di svolgere la propria funzione di dissipare le cariche elettrostatiche e di fornire una certa protezione durante tutta la sua durata di vita. Se portate per lunghi periodi, le calzature di classe I possono assorbire umidità; in questi casi, nonché in condizioni di bagnato, possono diventare conduttive. Si raccomanda all utilizzatore di eseguire una prova di resistenza elettrica sia in loco che ad intervalli frequenti e regolari.

19 Calzature d intervento CEI CEI EN Metodo di prova normalizzato per applicazioni specifiche Calzature Resistenza misurata 100 kω < R < MΩ V=RI -> I=V/R

20 Effetti della corrente elettrica attraverso il corpo umano e degli animali domestici Curva di sicurezza tensione tempo percorso mani-piedi si assume una resistenza REB di 1000 Ω in condizioni ordinarie (interno degli edifici) e di 200 Ω in condizioni particolari (all aperto) La massima tensione sopportabile dal corpo umano indefinitamente è pari a 50 V in condizioni ambientali normali ed a 25 V all aperto. Il valore di tensione così definito prende il nome di tensione di contatto limite convenzionale UL. Nel caso di corrente continua, i valori di UL sono rispettivamente pari a 120 V per le condizioni ordinarie e 60 V per quelle particolari.

21 Effetti della corrente elettrica attraverso il corpo umano La fibrillazione ventricolare è un'emergenza medica. Con l'insorgenza di questa aritmia, la circolazione sanguigna cessa (si ha quindi arresto cardiocircolatorio) e contemporaneo arresto respiratorio e morte. A differenza della fibrillazione atriale, la fibrillazione ventricolare raramente si risolve senza un defibrillatore. Corrente alternata da 15 Hz a 100 Hz Corrente continua x 3,75 Le correnti pulsanti a 50 Hz risultano particolarmente dannose per il sistema nervoso (provocano la tetanizzazione dei muscoli), mentre la corrente continua ha prevalentemente un effetto di riscaldamento resistivo dei tessuti.

22 Corrente alternata da 15 Hz a 100 Hz percorso di corrente mano sinistra - piedi AC-1 AC-2 Corrente continua AC-3 AC/DC-4.1 5% AC/DC % AC/DC-4.3 > 50%

23 Effetti della corrente elettrica attraverso il corpo umano Percorso della corrente Fattore di percorso indica, a parità di corrente, la probabilità che si inneschi la fibrillazione con diversi percorsi seguiti dalla corrente, considerando come riferimento il percorso mano sinistra-piedi preso uguale a 1. Mano sinistra - Piedi Mano sinistra - Mano destra Mano sinistra - Dorso Mano sinistra Torace 1 0,4 0,7 1,5 più pericoloso Mano destra - Piede sinistro Mano destra - Piede destro Mano destra - Entrambi i piedi Mano destra Dorso Mano destra - Torace 0,8 0,8 0,8 0,3 meno pericoloso 1,3 Glutei - Mani 0,7

24 Effetti della corrente elettrica attraverso il corpo umano

25 Messa a terra e protezione dai contatti indiretti (protezione vite umane fino a 500V)

26 Messa a terra e protezione dai contatti indiretti (protezione vite umane fino a 500V)

27 Prevenzione incendi DPR 1 agosto 2011, n. 151 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi Gli impianti fotovoltaici non rientrano fra le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi Tuttavia l installazione di un impianto fotovoltaico a servizio di un attività soggetta ai controlli di prevenzione incendi richiede gli adempimenti previsti dal comma 6, art. 4 del D.P.R. n. 151 del 01 agosto 2011, qualora questa comporti la modifica delle misure di prevenzione/protezione e/o l aggravio del preesistente livello di rischio di incendio.

28 Prevenzione incendi PROT del 26/03/2010 Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici PROT. EM 622/867 del 18/02/2011 Procedure in caso di intervento in presenza di pannelli fotovoltaici e sicurezza degli operatori vigili del fuoco PROT del 07/02/2012 Guida per l'installazione degli impianti fotovoltaici nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi La guida recepisce i contenuti del D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 e tiene conto delle varie problematiche emerse in sede periferica a seguito delle installazioni di impianti fotovoltaici. Inoltre, risulta necessario valutare l eventuale pericolo di elettrocuzione cui può essere esposto l'operatore V.V.F. per la presenza di elementi circuitali in tensione. Si evidenzia che ai sensi del D. Lgs 81/2008 dovrà essere garantita l accessibilità all'impianto per effettuare le relative operazioni di manutenzione e controllo.

29 Rischi in caso di intervento con pannelli solari termici Rischio di caduta rischio comune se i panelli sono montati sui tetti soprattutto con il buio e fumo, si evidenzia infatti che gli stessi hanno una superficie di vetro molto scivolosa. Rischio di crollo della struttura e di caduta dei pannelli causa il loro peso, il rischio di collasso della struttura deve essere preso in maggiore considerazione. Anche la caduta dei pannelli non è da trascurare a causa del distacco degli stessi o dopo il crollo del tetto (attenzione alla caduta neve durante la stagione invernale) Rischio di ustione causa liquidi cocenti nel caso di rottura del pannello solare termico o dei collettori del liquido riscaldato può fuoriuscire del liquido che durante il giorno può raggiungere anche i 200 C, pericolo che persiste anche durante la notte in quanto il liquido può mantenere una temperatura di 90 C. I serbatoi sul tetto sono abbastanza grandi e di notevole peso.

30 Rischi in caso di intervento con pannelli fotovoltaici (PROT. EM 622/867 del 18/02/2011) Rischio di caduta (operatore e pannelli) rischio comune se i panelli sono montati sui tetti soprattutto con il buio e fumo, si evidenzia infatti che gli stessi hanno una superficie di vetro molto scivolosa. Rischio di caduta dei pannelli: causa il loro peso, il rischio di collasso della struttura deve essere preso in maggiore considerazione. Anche la caduta dei pannelli non è da trascurare a causa del distacco degli stessi o dopo il crollo del tetto (attenzione alla caduta neve durante la stagione invernale). Rischio di inalazione di prodotti chimici pericolosi i materiali usati nei pannelli possono diventare pericolosi in caso di esposizione all incendio o in caso di esplosione. In questi casi i pannelli possono rilasciare sostanze chimiche che possono comportare problemi di natura tossicologica o causare danni all ambiente. Rischio di natura elettrica In presenza di luce il sistema continua a produrre energia elettrica.

31 Rischi in caso di intervento con pannelli fotovoltaici (PROT. EM 622/867 del 18/02/2011)

32 Rischi in caso di intervento con pannelli fotovoltaici (PROT. EM 622/867 del 18/02/2011)

33 Fasi di un incendio

34 Fasi di un incendio in presenza di pannelli fotovoltaici In caso di incendio, gli impianti solari rappresentano un pericolo da non sottovalutare.

35 Elementi coinvolti

36 Situazioni da valutare Categorie di intervento a) Impianti fotovoltaici integri e non interessati da agenti esterni come fiamme, fumo, calore b) Impianti fotovoltaici parzialmente o totalmente coinvolti da agenti esterni come fiamme, fumo, calore c) Impianti fotovoltaici con polo a terra integri e non interessati da agenti esterni come fiamme, fumo, calore Fattore luminosità Tipologia installativa 1) Giorno (sole, nuvoloso, pioggia) I) 2) Notte II) Non innovativo Innovativo Presenza di neve

37 Comportamento con colonna fari 3.000W lampade alogene Normali condizioni intervento Distanza: 15 m Radiazione: 1W/mq Corrente: <0,01 A (<10mA) Sensibilità strumento 0,01A Distanza ravvicinata Distanza: 7,5 m Radiazione: 4W/mq Corrente: 0,01 A (=10mA)

38 Stratigrafia pannello fotovoltaico

39 ANALISI DELLA REAZIONE AL FUOCO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Campione sottoposto all azione di una fiamma d innesco in presenza di calore radiante, così come specificato nella modalità di prova prevista dalla norma UNI 9174 «Reazione al Fuoco dei prodotti sottoposti all azione di una fiamma di innesco in presenza di calore radiante»: la velocità di propagazione della fiamma lungo la superficie la quantità di zona danneggiata eventuale gocciolamento

40 Altezza delle fiamme Le fiamme hanno raggiunto anche un altezza superiore al 100% dell altezza stessa del provino Un altezza così elevata della fiamma può essere fonte di propagazione d incendio da un pannello a un altro o in materiali circostanti l impianto fotovoltaico La fiamma mantiene tale caratteristica fino al raggiungimento del terzo fronte, mentre nei traguardi successivi tende a diminuire fino all autospegnimento dopo il quinto traguardo.

41 Gocciolamento Il gocciolamento è la tendenza di un materiale a lasciare cadere gocce e parti distaccate durante o dopo l azione della sorgente di calore. Non è da considerarsi una fonte di innesco aggiuntiva (salvo che non siamo in presenza di installazioni vetro-vetro o similari)

42 Formazione di bolle Si rileva la formazione di bolle tra uno strato e l altro del pannello fotovoltaico. In particolare, si nota un lieve distaccamento della pellicola di Tedlar sotto forma di bolle diffuse a ridosso dei traguardi 6-7 e 9-10, quindi in fronti in cui la fiamma non ha bruciato il materiale in quanto si è auto-estinta anteriormente

43 Comportamento delle fiamme La fiamma non ha perforato il pannello fotovoltaico La fiamma è terminata spontaneamente, bruciando solo una porzione del campione sottoposto alla prova e determinando quindi una buona predisposizione all auto-estinzione dei materiali componenti il pannello fotovoltaico

44 Tipologie di pannelli solari Solare fotovoltaico Solare termico *** Estensione della superficie dell impianto *** *** Dimensioni del modulo ***

45 Tipologie di pannelli solari

46 Integrati

47 Integrati con caratteristiche innovative

48 Integrati con caratteristiche innovative

49 Tegole fotovoltaiche

50 Laminato in silicio amorfo

51 Vetro - Vetro

52 A concentrazione

53 Quali pannelli?

54 Quali pannelli?

55 Quali pannelli?

56 Tipologie pannelli fotovoltaici Silicio monocristallino Silicio policristallino - Film sottile Silicio amorfo CdTeS (telluluro di cadmio solfuro di cadmio) GaAs (arseniuro di gallio) CIS,CIGS,CIGSS (leghe a base di diseliniuro doppio di rame e iridio)

57

58

59 Scatola di giunzione

60

61

62

63 La ricerca eseguita da esperti indipendenti mostra che i problemi dei moduli solari della Scheuten sono di vasta natura e vanno al di là della scatola di giunzione Solexus. L'analisi mostra che i problemi sorgono anche con scaltole di giunzione di fornitori diversi e sono causati da un errore di progettazione della Scheuten Solar con conseguente ossidazione di contatto sulla scatola stessa.

64 Archi elettrici

65 Archi elettrici

66 Archi elettrici

67

68 20 Marzo 2013

69 7 Agosto 2013

70 Incendio nato dai cavi elettrici dell impianto, poi propagatosi al manto bituminoso di impermeabilizzazione e di qui agli ambienti sottostanti. Nessuna vittima. Estesi danni alla merce contenuta nell edificio sottostante. 21 Giugno 2013

71 Varena: a fuoco pannelli fotovoltaici 8 Luglio 2013

72 Laveno Mombello: Casa per Anziani in fiamme? 24 Maggio 2013

73 Travedona Monate: Fattoria in fiamme 14 Maggio 2013

74 Ancona, operaio folgorato durante la manutenzione dei pannelli fotovoltaici Scarica elettrica da 20 mila volt, è in gravissime condizioni con ustioni su tutto il corpo. I medici sperano di salvarlo. ANCONA Incidente sul lavoro verso le 10 di oggi ad Ancona. In gravi condizioni un operaio che stava lavorando alla cabina di un impianto fotovoltaico. Il giovane è rimasto folgorato durante i lavori di manutenzione sui pannelli fotovoltaici. Il dipendente della ditta, 25 anni, è stato colpito da una scarica elettrica di 20 mila volts ed è in gravissime condizioni. L incidente mentre si trovava nella centralina Enel dell azienda agricola Del Carmine in zona Torrette. L operaio ha riportato ustioni sulla schiena e sul resto del corpo, ma potrebbe salvarsi. Ora è al Pronto soccorso del vicino ospedale di Torrette di Ancona. Con lui è rimasto ferito anche un altro operaio, le cui condizioni risultano meno gravi. Sul posto sono intervenuti il 118 e la croce gialla, polizia e vigili del fuoco

75 PID «Pericolo Invisibile per i moduli fotovoltaici» Degrado da Potenziale Indotto (Potential Induced Degradation) Le tensioni elevate fra telaio e cella spingono la carica nello strato attivo della cella, impedendo l'asporto dei carichi generati L'effetto viene, inoltre, favorito da umidità presente sulla superficie dei moduli, come quella che si forma dopo un acquazzone. Una delle tecniche per rigenerare è quella di mettere un polo a terra e installare un trasformatore d isolamento

76 Polo a terra «Pericolo Invisibile per l operatore» Se non viene sezionato il polo collegato intenzionalmente a terra, il rischio di folgorazione è elevato in quanto il contatto dell operatore con un conduttore di polarità diversa da quella collegata a terra causerebbe il passaggio di corrente attraverso il corpo umano. Quindi, sezionare o interrompere il conduttore che collega intenzionalmente il polo a terra. Se l impianto è realizzato correttamente, il polo è collegato a terra nell inverter o nei pressi dell inverter. Il passaggio di corrente piedi-mano è molto pericoloso. Il polo a terra più pericoloso è quello positivo perché produrrebbe una corrente ascendente. In genere gli impianti fotovoltaici con moduli in film sottile hanno il polo positivo a terra ma sarà sempre più frequente trovare un polo a terra anche negli impianti con moduli tradizionali per il «disperato» tentativo di risolvere un evidente abbassamento di produzione.

77 Impianti ad isola Impianti grid-connected

78

79

80

81 30 60V Quadro di campo lungo la tratta pannelli-inverter sul tetto su una parete vicino agli inverter

82 Dispositivi di sgancio sul tetto (bobine di minima e a lancio) PROTEM 622/867 del 18/02/2011 Si segnala che è stata presa in considerazione l'installazione di dispositivi di sezionamento per gruppi di moduli, azionabili a distanza, ma ad oggi non se ne richiede l'obbligatorietà in quanto non è nota l'affidabilità nel tempo, né è stata emanata una normativa specifica che ne disciplini la realizzazione, l'utilizzo e la certificazione.

83 Quadro di campo sul tetto ERRATO SEZIONAMENTO 30 60V Effetto del sezionamento sul tetto (ERRATO!)

84 Quadro di campo sul tetto i>0 i=0

85 Lodi Rischi in caso di intervento

86 Quadro di campo sul tetto i=0 i=0 i=0 i=0

87 Quadro di campo in cabina?

88

89 Eolico / Micro eolico (<20kW)

90 TIPOLOGIE VANTAGGI SVANTAGGI AEROGENERATORI AD ASSE ORIZZONTALE (OAWT) Resa superiore Sistema di frenaggio Arresto a velocità del vento > 14 m/s Maggiore manutenzione Dipendenza dalla direzione del vento AEROGENERATORI AD ASSE VERTICALE (VAWT) (Micro eolico) Indipendenza dalla direzione del vento Produzione a velocità del vento > 14 m/s Minore manutenzione Maggiore resa estetica Minore rumorosità Resa inferiore MICRO EOLICO Aerogeneratore di piccola potenza avente area spazzata dal rotore non superiore a 200 m2. (Norma IEC Ed. 2) Macchine con potenza nominale compresa tra 1kW e 20 kw

91

92 Accumulatori Tra le batterie disponibili sul mercato, la più idonea risulta sempre la batteria al piombo, grazie soprattutto al rendimento di carica e scarica e al rapporto tra prezzo e prestazioni (Elettrolita: soluzione di acido solforico). Le batterie adottate negli impianti fotovoltaici ( stazionarie ) sono ideali per funzionare con correnti limitate per tempi prolungati sia per la carica che per la scarica, diversamente dalle tradizionali batterie per autotrazione. Durata di vita: se la batteria è ben regolata può arrivare anche a 8 10 anni di vita. In fase di manutenzione dell impianto è fondamentale eseguire un controllo periodico dell elettrolita.

93 Accumulatori Batterie con piastre positive e negative a griglia Durata di vita doppia di quella delle automobili, debole autoscarica, resistenza ai cicli, poca manutenzione (Griglie: ottenute per fusione a gravità con lega di piombocalcio-stagno) Batterie OPzS con piastre positive corazzate Piastre positive tubolari corazzate, piastre negative a griglia. La lega al piombo contiene selenio e pochissimo antimonio, garantendo in tal modo una buona resistenza ai cicli. Eccezionale resistenza ai cicli (circa 3000 cicli con una profondità di scarica del 30%), autoscarica inferiore al 3%, carica senza problemi, poca manutenzione, impiego possibile fino a -5 C al massimo, ottimo rapporto prezzo-qualità, grande durata di vita. Applicazioni: impianti con forte sollecitazione delle batterie, per grandi capacità. Batterie OPzV a blocchi con piastre positive tubolari Le piastre positive tubolari e le piastre negative a griglia sono isolate le une dalle altre mediante separatori microporosi. Un ulteriore involucro in fibre di vetro racchiude l elettrodo positivo e previene cortocircuiti interni. La speciale lega del blocco e la grande scorta di elettrolito assicurano assenza di manutenzione per 3 anni. Anche con correnti deboli la carica è buona (sono quindi ideali per gli impianti fotovoltaici), grande durata di vita, elevata resistenza ai cicli (circa cicli con profondità di scarica del 30%), alto rendimento in Ah (95-98%).

94 Accumulatori Batterie con elettroliti solidi. Utili per temperature sotto lo zero. Sono robuste e non hanno problemi per trasporti in aereo. Durata cicli: maggiore che nelle batterie con piastra a griglia, ma inferiore a quelle OPzS o tubolari. Poiché la cella è molto sensibile alle perdite idriche il processo di carica deve essere perfettamente adeguato alla batteria, in modo da contenere al massimo la formazione di gas. Costo elevato. Batterie al nichel-cadmio. Per temperature estreme (da 50 C ad oltre + 55 C). Nel caso dei piccoli cicli il rendimento in Ah è di oltre il 95% e, con scariche profonde, ancora del 70%. Le batterie al Ni-Cd possono essere scaricate completamente. Con buone condizioni di funzionamento la durata di vita è lunghissima. Essendo la scarica totale possibile, il regolatore di carica è superfluo. Svantaggio: alta autoscarica (5 10 volte superiore di quella delle batterie al piombo). Alto costo.

95

96

97 Uso dei microinverter Penetrazione cavi in corrente continua nell'edificio: Nessun Rischio perché gli unici cavi in continua sono quelli del pannelli FV con lunghezza inferiore al metro. Interruzione automatica del circuito in corrente continua: Rischio Basso, perché il percorso non soggetto a protezione è di solo 1 metro in prossimità del modulo FV, il micro inverter si sgancia in assenza di alternata ed è dotato di funzione antincendio con spegnimento alla temperatura di 120 C. Distacco automatico in caso di incendio: Rischio Basso, perché il distacco avviene ai morsetti del micro inverter lato alternata lasciando sotto tensione solamente il cavo cc del pannello a soli 30 V. Rischio di sovratensione atmosferica indotta: Rischio Basso, perché la lunghezza ridotta del cavo cc (1 metro) riduce drasticamente l'area della spira elettrica, riducendo statisticamente il rischio di sovratensione indotta. Presenza quadro di stringa: Nessun Rischio perché non è necessario installare il quadro di stringa dal momento che i pannelli sono tutti in parallelo ed il circuito è in alternata. Rischio Elettrocuzione: Nessun Rischio perché le tensioni di lavoro Vcc = 30 V

98 Cosa succede fuori dall Europa? NATIONAL ELECTRICAL CODE ADOTTATO IN PIÙ DI 50 PAESI NEC 2014: Richiede il rilevamento e la disattivazione di archi elettrici in parallelo: Per gli impianti fotovoltaici installati sul tetto di edifici, i circuiti fotovoltaici devono essere de-energizzati da tutte le sorgenti entro 10 secondi da quando la tensione è deenergizzata, o quando la disconnessione di emergenza è attivata. Quando i circuiti sono de-energizzati, la massima tensione nei conduttori dei moduli deve essere 80 Volts.

99

100

101

102 Cavi elettrici Dalle caratteristiche d isolamento dipendono gran parte delle prestazioni del cavo Tensione d isolamento tensioni nominali Corrente trasmissibile - portata Comportamento termico max temperatura

103 Luoghi con pericolo di esplosione L uso di determinati cavi non serve a preservare l impianto dall incendio ma ad impedire che le condutture elettriche ne siano mezzi di propagazione Propagazione della fiamma (CEI 20-35) Cavi non propaganti l incendio (CEI 20-22) Prova di resistenza al fuoco (CEI 20-36) Cavi a basso sviluppo di fumi e gas tossici e corrosivi (CEI 20-37)

104 Temperatura ammissibile

105 Analisi termografica

106 Analisi termografica

107 Errata posa cavi la tecnologia non può aiutare!

108 Controlli di sicurezza disattivati la tecnologia non può aiutare!

109 Tarature errate la tecnologia non può aiutare!

110 «Spendo meno» la tecnologia non può aiutare! Mancanza etichette e cartellonistica Doppia alimentazione! AC e DC stesso quadro! DC non sezionabile!

111 Installazioni a «S»regola d arte la tecnologia non può aiutare!

112 Installazioni a «S»regola d arte la tecnologia non può aiutare!

113 Installazioni a «S»regola d arte la tecnologia non può aiutare!

114 Lavaggio impianti delta termico la tecnologia non può aiutare!

115 Distanza pannelli delta termico la tecnologia non può aiutare!

116 Sistemi di supporto non certificati la tecnologia non può aiutare!

117 Sistemi di supporto non certificati la tecnologia non può aiutare!

118 Sistemi di supporto non certificati la tecnologia non può aiutare!

119 Locali non adatti la tecnologia non può aiutare!

120 Anche una buona dose di s la tecnologia non può aiutare!

121 Rischi in caso di intervento

122 Rischi in caso di intervento

123 Rischi in caso di intervento Non usare schiume su impianti in tensione

124 Rischi in caso di intervento Uso della schiuma

125 Rischi in caso di intervento Uso di Prevento Solar 1 passata 2 passata Modulo ad alta efficienza Voc = 61,4V Polo positivo a terra!

126 Rischi in caso di intervento ATTENZIONE I MODULI FOTOVOLTAICI NON SONO CALPESTABILI Generalmente non è l impianto che propaga la fiamma ma il materiale sottostante i moduli

127 Rischi in caso di intervento Generalmente non è l impianto che propaga la fiamma ma il materiale sottostante i moduli

128

129

130 Rischi in caso di intervento Riepilogo azioni: - Identificazione - Informazione al ROS - Sganciare la tensione all inverter - Rispetto area sicurezza - Non tagliare i cavi, non aprire quadri elettrici e non strappare i moduli - Riferirsi all elettrotecnica applicata ai servizi antincendi

131 Grazie per l attenzione CQE Andrea Foggetti Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Cremona Studio Tecnico

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Milano, aprile 2012 Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Con la circolare n. 1324 del 07 febbraio 2012, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha aggiornato le linee Guida per l'installazione degli

Dettagli

PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO

PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1. Introduzione Gli incendi in presenza di impianti fotovoltaici per la presenza di alte tensioni in continua, creano notevoli problematiche

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

Ing. Massimiliano SASSI. CQE Andrea FOGGETTI. Ing. Massimiliano SASSI. CQE Andrea FOGGETTI. Situazione al 20/10/2013. Riproduzione vietata

Ing. Massimiliano SASSI. CQE Andrea FOGGETTI. Ing. Massimiliano SASSI. CQE Andrea FOGGETTI. Situazione al 20/10/2013. Riproduzione vietata Riproduzione vietata Situazione al 20/10/2013 Riproduzione vietata 1 > 200 kw Riproduzione vietata Da 20 a 200 kw Fino a 3 kw Da 3 a 20 kw Cause di danno degli impianti fotovoltaici Riproduzione vietata

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO Il rischio elettrico coinvolge tutti coloro che a qualsiasi titolo vengono a contatto con gli impianti e gli utilizzatori elettrici. Il contatto

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI Ing. Domenico Corbo Siena, 24 ottobre 2014 SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI perche' e' necessario parlarne? per i seguenti motivi : sempre

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

MANUALE GENERALE D INSTALLAZIONE PER MODULI FV SENSOTEC

MANUALE GENERALE D INSTALLAZIONE PER MODULI FV SENSOTEC MANUALE GENERALE D INSTALLAZIONE PER MODULI FV SENSOTEC 1. INTRODUZIONE Il presente manuale d installazione contiene importanti informazioni per l installazione elettrica e meccanica dei moduli FV SENSOTEC

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO ORDINE DEGLI INGEGNERI della Provincia di Latina Piazza Celli, 3-04100 Latina (LT) Tel. 0773.694208 - Fax 0773.662628 IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO Relatore: Ing. Giovanni Andrea POL Ordine

Dettagli

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 1 NOVITA GUIDA CEI 82-25 1. Novità normative: guida CEI 82-25 edizione settembre 2010 2. Novità tecniche: impianti fotovoltaici a concentrazione

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO

CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO CONTATTI ELETTRICI DIRETTI E INDIRETTI CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO 2 CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Il passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Manuale installazione

Manuale installazione Manuale installazione Istruzioni per la sicurezza e l installazione dei Moduli Fotovoltaici AZM I moduli fotovoltaici di Azimut sono progettati per la produzione di energia elettrica continua dalla radiazione

Dettagli

PANNELLI FOTOVOLTAICI & INCENDI - QUALI I PRINCIPALI RISCHI? CE LO SPIEGA IL DOTT. GUIDO ZACCARELLI, ESPERTO PREVENZIONE INCENDI

PANNELLI FOTOVOLTAICI & INCENDI - QUALI I PRINCIPALI RISCHI? CE LO SPIEGA IL DOTT. GUIDO ZACCARELLI, ESPERTO PREVENZIONE INCENDI PANNELLI FOTOVOLTAICI & INCENDI - QUALI I PRINCIPALI RISCHI? CE LO SPIEGA IL DOTT. GUIDO ZACCARELLI, ESPERTO PREVENZIONE INCENDI Dott. Zaccarelli, comprendiamo che anche per i pannelli fotovoltaici sussistono

Dettagli

Em. 1 del 06/07/2014 CHECKLIST IMPATTI SULL'ANTINCENDIO DEGLI IMPIANTI FV Pag. 1 di 5. Non possibile. Osservazion e. Non conforme

Em. 1 del 06/07/2014 CHECKLIST IMPATTI SULL'ANTINCENDIO DEGLI IMPIANTI FV Pag. 1 di 5. Non possibile. Osservazion e. Non conforme Em. 1 del 06/07/2014 CHECKLIST IMPATTI SULL'ANTINCENDIO DEGLI IMPIANTI FV Pag. 1 di 5 ID Voce Conforme Aggravio delle livello di rischio di incendio Interferenza con il sistema di ventilazione dei prodotti

Dettagli

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN 50110-1 (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN 50110-2 (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati

Dettagli

GLI INCENDI ELETTRICI

GLI INCENDI ELETTRICI GLI INCENDI ELETTRICI Premessa Il passaggio di corrente elettrica nei conduttori determina sempre lo sviluppo di calore. Negli apparecchi termici, quali ad esempio i forni, le stufe, gli scaldabagni elettrici,

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO ASPETTI TECNICI E PRATICI

IL FOTOVOLTAICO ASPETTI TECNICI E PRATICI IL FOTOVOLTAICO ASPETTI TECNICI E PRATICI Per Ubisol srl Ing. Luca Ciccarelli (responsabile settore tecnico Ubisol) Ing. Mattia Fantini (progettista - responsabile R&D Ubisol) 22 Febbraio 2012 Comando

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA forma di energia più conosciuta ed utilizzata facilmente trasportabile facilmente trasformabile in energia meccanica, termica, chimica, luce pericolosa in caso di guasti,

Dettagli

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60 Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO Questa guida contiene una serie di suggerimenti per installare i prodotti Abba Solar della serie ASP60 ed è rivolta

Dettagli

Installazione degli impianti fotovoltaici nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi

Installazione degli impianti fotovoltaici nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi Vercelli, 31 maggio 2013 Installazione degli impianti fotovoltaici nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi Relatore: Ing. Michele MAZZARO Comandante Provinciale VVF VERCELLI 1 michele.mazzaro@vigilfuoco.it

Dettagli

manuale di installazione

manuale di installazione manuale di installazione Ci congratuliamo con Voi per l acquisto del modulo indice INTRODUZIONE SICUREZZA Avvertenze e rischi elettrici MODULI FOTOVOLTAICI GIOCOSOLUTIONS Contenuto della confezione Dati

Dettagli

Con nota 7 febbraio 2012, prot. n. 1324, a firma del Capo del Corpo Nazionale dei Vigili

Con nota 7 febbraio 2012, prot. n. 1324, a firma del Capo del Corpo Nazionale dei Vigili l Antincendio. Le novità di prevenzione dopo la semplificazione ex regolamento Sugli impianti fotovoltaici aggiornata la guida VVF per le installazioni soggette Con nota 7 febbraio 2012, prot. n. 1324,

Dettagli

Sicurezza degli Impianti Elettrici

Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Definizione di

Dettagli

Moduli fotovoltaici cristallini Sunerg

Moduli fotovoltaici cristallini Sunerg IEC / IEC EN 61215 IEC / IEC EN 61730-1 IEC / IEC EN 61730-2 Moduli fotovoltaici cristallini Sunerg per connessione a rete Manuale di sicurezza, installazione e funzionamento ATTENZIONE! Il presente manuale

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose.

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 3. Contatti pericolosi 4. Metodi di protezione 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica

Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica F. Groppi Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Effetti dell elettricità sul corpo umano Componenti di un

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

a cura per. ind. Cesare de Oliva

a cura per. ind. Cesare de Oliva Federazione dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari della Provincia Autonoma di Trento Trento, 15 APRILE 2011 L IMPIANTO FOTOVOLTAICO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

Impianti fotovoltaici e riferimenti normativi ANGELO BAGGINI

Impianti fotovoltaici e riferimenti normativi ANGELO BAGGINI Impianti fotovoltaici e riferimenti normativi ANGELO BAGGINI Le norme tecniche sono dedicate nella maggior parte dei casi ai temi della sicurezza: nel caso degli impianti fotovoltaici, viene anche riservata

Dettagli

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali Conduttori: sostanze nelle quali alcune o tutte le cariche elettriche possono muoversi liberamente sotto l'azione di forze elettriche (es: metalli, soluzioni acquose). Isolanti (dielettrici): materiali

Dettagli

renderlo più sicuro Fotovoltaico: come Utilizzando un impianto sperimentale realizzato a Marco

renderlo più sicuro Fotovoltaico: come Utilizzando un impianto sperimentale realizzato a Marco Intervento dei Vigili del Fuoco su un tetto coperto da pannelli fotovolatici Foto CNVVF Umbria Impianti e Sicurezza Fotovoltaico: come renderlo più sicuro Studio su un impianto sperimentale condotto dalla

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO 5 27100 PAVIA TEL. 0382-21902 Impianti elettrici

Dettagli

Sistemi di protezione per impianti fotovoltaici.... per portare energia

Sistemi di protezione per impianti fotovoltaici.... per portare energia Sistemi di protezione per impianti fotovoltaici... per portare energia Introduzione alla protezione del fotovoltaico Soluzioni di protezione da sovratensioni Arnocanali Ai terminali degli organi elettromeccanici

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI

D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI PARTE SPECIFICA RISCHI: MECCANICO ED ELETTRICO CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI RISCHIO DA AMBIENTI DI LAVORO RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO, MACCHINE

Dettagli

Ecoroof Solar. Speciale tecnico

Ecoroof Solar. Speciale tecnico Circa la metà dell energia dell intero pianeta è prodotta con fonti combustibili fossili non rinnovabili e causa principale delle emissioni di CO2 in atmosfera. L accordo di Kyoto ha stabilito che almeno

Dettagli

Guida per l'installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l'installazione degli impianti fotovoltaici Guida per l'installazione degli impianti fotovoltaici Pubblichiamo l'aggiornamento 2012 della Guida per l'installazione degli impianti fotovoltaici nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi,

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA Gruppi di continuità UPS Line Interactive PC Star EA Modelli: 650VA ~ 1500VA MANUALE D USO Rev. 01-121009 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza... 1 Principi di funzionamento... 2 In modalità presenza

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

I sistemi di sgancio di emergenza negli impianti fotovoltaici

I sistemi di sgancio di emergenza negli impianti fotovoltaici DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE I sistemi di sgancio di emergenza negli impianti fotovoltaici Piergiacomo CANCELLIERE (Rel.), Armando DE ROSA, Giovanni LONGOBARDO

Dettagli

Nuova energia ai tuoi progetti. La prima tegola che trasforma l'energia solare in elettricità

Nuova energia ai tuoi progetti. La prima tegola che trasforma l'energia solare in elettricità Nuova energia ai tuoi progetti La prima tegola che trasforma l'energia solare in elettricità Tegole e fotolvoltaico: alleanza perfetta Il pannello solare che è innanzitutto una tegola: La stessa qualità

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

Tegola voltaik. Il tetto del futuro PREFA trasforma l energia pulita del sole in corrente elettrica per la tua casa

Tegola voltaik. Il tetto del futuro PREFA trasforma l energia pulita del sole in corrente elettrica per la tua casa Tegola voltaik NEW Il tetto del futuro PREFA trasforma l energia pulita del sole in corrente elettrica per la tua casa TEGOLA PREFA VOLTAIK PREFA, produttore di sistemi di coperture e facciate in alluminio,

Dettagli

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE 4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE Con il termine impianto elettrico si intende l insieme di apparecchiature elettriche, meccaniche e fisiche atte alla trasmissione e all'utilizzo di energia elettrica.

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SICUREZZA ELETTRICA

Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SICUREZZA ELETTRICA Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza SICUREZZA ELETTRICA Elementi informativi N.

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

Moduli Fotovoltaici Conergy PowerPlus

Moduli Fotovoltaici Conergy PowerPlus Moduli Fotovoltaici Conergy PowerPlus Nessun compromesso sulla qualità Conergy Italia Spa Agenda Caratteristiche generali Processo produttivo Punti di forza Certificazioni di qualità Dati tecnici Caratteristiche

Dettagli

20/03/2014 Torino Brevi ed incompleti appunti sull incontro TNE.

20/03/2014 Torino Brevi ed incompleti appunti sull incontro TNE. 20/03/2014 Torino Brevi ed incompleti appunti sull incontro TNE. CONVEGNO TNE 2014 - Rev 02 1 Introduzione convegno Se volete prendere posto iniziamo i lavori. Ore 10:07 Il prof. Carrescia fa un breve

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

I rischi interferenziali per la presenza degli impianti fotovoltaici: Linee guida VVF e casistica

I rischi interferenziali per la presenza degli impianti fotovoltaici: Linee guida VVF e casistica DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA I rischi interferenziali per la presenza degli impianti fotovoltaici:

Dettagli

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 1 MODALITÀ DI ACCADIMENTO ED EFFETTI

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 1 MODALITÀ DI ACCADIMENTO ED EFFETTI LO SHOCK ELETTRICO PARTE 1 MODALITÀ DI ACCADIMENTO ED EFFETTI Premessa Il passaggio di corrente attraverso il corpo umano causato dal contatto contemporaneo con parti a tensione differente può determinare

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO IMPIANTO: RESPONSABILE DELL IMPIANTO: DITTA INSTALLATRICE: PROGETTISTA: Weservice soc. coop. - Via Caduti del Lavoro 26 60131 Ancona - P.I.

Dettagli

Introduzione ai sistemi fotovoltaici

Introduzione ai sistemi fotovoltaici Introduzione ai sistemi fotovoltaici Effetto fotovoltaico La conversione dell energia elettromagnetica proveniente dal sole in energia elettrica tramite l effetto fotovoltaico si basa sulle proprietà dei

Dettagli

In data 4 Maggio 2012 sono stati inoltre forniti da parte del Ministero (Protocollo n. 6334), chiarimenti relativi alla Guida 2012 [3].

In data 4 Maggio 2012 sono stati inoltre forniti da parte del Ministero (Protocollo n. 6334), chiarimenti relativi alla Guida 2012 [3]. Oggetto: Considerazioni riguardo alla nuova linea guida 2012 del Ministero dell Interno per l installazione degli impianti fotovoltaici (Protocollo n. 1324 del 7 febbraio 2012) In data 7 Febbraio 2012

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante:

La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante: La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante: - la conversione fotovoltaica, che permette la trasformazione diretta dell energia solare in elettricità

Dettagli

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI MONOCRISTALLINI - SI-ESF-M-M156-60

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI MONOCRISTALLINI - SI-ESF-M-M156-60 Solar Innova utilizza materiali di ultima generazione per la fabbricazione dei suoi moduli fotovoltaici. I nostri moduli sono ideali per qualsiasi applicazione che utilizzi l'effetto fotoelettrico come

Dettagli

CENTRO TESSILE COTONIERO e ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDUMENTI CON PROPRIETA ELETTROSTATICHE EN 1149-5

CENTRO TESSILE COTONIERO e ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDUMENTI CON PROPRIETA ELETTROSTATICHE EN 1149-5 INDUMENTI CON PROPRIETA ELETTROSTATICHE EN 1149-5 Natura dell elettricità statica L'elettricità statica è l'accumulo superficiale di cariche elettriche su di un corpo composto da materiale isolante. Tale

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

PROGETTO SCUOLA. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA

PROGETTO SCUOLA. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA 1 PROGETTO SCUOLA IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA COMMITTENTE : COMUNE DI BOBBIO PIAZZA SANTA CHIARA, 2 29022 BOBBIO (PC) 1 GRAZIA MARIACONCETTA PERAZZO (Ingegnere civile,idraulico,sanitario,geometra)

Dettagli

ANALISI DELLA REAZIONE AL FUOCO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI. 1 Università La Sapienza (RM), simo.font@libero.it

ANALISI DELLA REAZIONE AL FUOCO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI. 1 Università La Sapienza (RM), simo.font@libero.it ANALISI DELLA REAZIONE AL FUOCO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Fontana S. 1, Notaro F. 2, Podestà L. 3, Longobardo G. 4, De Rosa A. 5, Cancelliere P. 6 1 Università La Sapienza (RM), simo.font@libero.it 2 D.C.P.S.T.

Dettagli

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT VENETO Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT Relatore: Ing. Raoul Bedin Interruttore automatico Le funzioni fondamentali sono quelle di sezionamento e protezione di una rete

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI Pisa, 03.02.09 ENERGIA SOLARE COME FONTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI RADIAZIONE SOLARE VERSO TERRA: 173.000 TW RIFLESSIONE VERSO LO SPAZIO (SOPRATTUTTO NUBI):

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED

KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED COMPONENTI KIT SINGOLA ARMATURA LED Armatura stradale a led Struttura testa palo con sbraccio per armatura stradale Ø 60mm Moduli FV policristallino

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE-

IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE- IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE- IL FENOMENO FTV: LA SCOPERTA L intensità della corrente in una cella elettrolitica con elettrodi in platino aumenta con l esposizione

Dettagli

Componenti per impianti fotovoltaici

Componenti per impianti fotovoltaici Componenti per impianti fotovoltaici Inverter SunEzy 152 Quadri stringa SunEzy 154 Interruttori automatici in CC C60PV-DC Interruttore non automatico in CC C60NA-DC Interruttore non automatico in CC SW60-DC

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli

Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica. Che cosa cambia con la Guida CEI 81-27 e la II edizione delle Norme CEI EN 62305

Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica. Che cosa cambia con la Guida CEI 81-27 e la II edizione delle Norme CEI EN 62305 Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica Che cosa cambia con la Guida CEI 81-27 e la II edizione delle Norme CEI EN 62305 La protezione contro le sovratensioni negli impianti elettrici

Dettagli