Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011"

Transcript

1 INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

2 Decreto del Ministero dell Interno 30 Marzo 1998 istituisce SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Coordinamento operativo degli uffici periferici - Compartimenti; Sicurezza delle Comunicazioni; Analisi ed elaborazione di strategie; Intrattiene i rapporti internazionali; Nella propria sede sono istituiti il CNAIPIC (Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la protezione delle infrastrutture critiche) e il CNCPO (Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedofilia sulla rete Internet).

3 Organizzazione e competenze della Polizia Postale e delle Comunicazioni STRUTTURA TERRITORIALE: 20 Compartimenti Regionali - 76 Sezioni Provinciali - Sezione distaccata presso l Autorità per le Comunicazioni Operatori; AMBITI DI INTERVENTO: L. 547/ Reati informatici in senso stretto; L. 269/1998 mod. L. 38/ Pedo-Pornografia online; L. 633/1941 e successive modifiche - Diritto d autore; art. 167 D.Lvo 196/ Trattamento illecito di dati; L. 48/ Ratifica della Convenzione di Budapest sul Cybercrime; E-commerce, Truffe online e Frodi con carte di credito; art. 55, c. 9 D.Lvo 231/ Utilizzo, falsificazione, cessione, possesso di carte di pagamento da parte di chi non è titolare; Reati postali; Reati comuni commessi mediante strumenti informatici-telematici.

4 Le insidie della rete Internet Pedofilia online Il fenomeno della pedofilia è sempre esistito ma si è accentuato con l avvento di Internet, grazie alla facilità di reperire materiale video/ fotografico ritraente minori degli anni diciotto in atteggiamenti erotici. Siti web, forum, social network, programmi di file-sharing (Peer to Peer) sono ottimi mezzi per reperire e scambiare questo tipo materiale. COMPORTAMENTI DA EVITARE DA PARTE DEI PRIVATI: Scaricare materiale pedo-pornografico; la detenzione è un reato; Inviare materiale pedo-pornografico per incastrare gli eventuali pedofili; Fingersi pedofili per individuare gli eventuali pedofili; Attaccare i siti pedo-pornografici.

5 Le insidie della rete Internet Frodi con carte di credito La repressione di reati di tipo finanziario, con particolare riguardo al commercio elettronico, è una delle attività che più impegna gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni. Le carte di credito possono essere clonate presso gli esercizi commerciali tramite POS manomessi o presso gli sportelli ATM (bancomat) modificati e i loro codici possono essere utilizzati in modo illecito per transazioni online.

6 Le insidie della rete Internet Phishing In ambito informatico il phishing ( spillaggio di dati sensibili ) è un attività illecita che sfrutta una tecnica di ingegneria sociale, ed è utilizzata per ottenere l accesso a informazioni personali o riservate con la finalità del furto di identità mediante l utilizzo delle comunicazioni elettroniche, soprattutto messaggi di posta elettronica fasulli fatti ad arte o messaggi istantanei, ma anche tramite contatti telefonici. Grazie a messaggi che imitano grafica e logo dei siti istituzionali, l utente è ingannato (indotto in errore) e portato a rivelare e fornire dati personali, come documenti di identificazione (C.I. - patente di guida), codice fiscale, numero di conto corrente (IBAN), numero di carta di credito, codici di identificazione e accesso al Home Banking, ecc.

7 Avvio dell attività di indagine Denuncia/Querela; Esposti; Segnalazioni; Deleghe da parte dell Autorità Giudiziaria; Attività conseguente a monitoraggio della rete; Attività di iniziativa.

8 Modalità degli accertamenti In base alla tipologia dell illecito perseguito e della documentazione acquisita agli atti, individuare in maniera puntuale gli elementi indispensabili per l attività di indagine; Elaborare la richiesta dei dati necessari al fine del proseguimento delle indagini a società implicate nell illecito e/o a società fornitrice di servizi di connessione: Richiesta dati per attività di Polizia Giudiziaria, senza provvedimento dell Autorità Giudiziaria; Richiesta dati per cui è indispensabile provvedimento dell Autorità Giudiziaria (art. 132 comma 3 D.Lvo 196/2003 e modifiche del D.Lvo 109/2008 art. 3).

9 Modalità degli accertamenti Pagine web - Ricerca del dominio presso il quale è attestato il sito con individuazione del contatto amministrativo della società titolare; Possibilità di accedere a siti a pagamento tramite la compilazione di form di registrazione e successivo pagamento con carta di credito; File di Log dei web server, chat server, mail server, proxy server, analisi delle intestazioni dei messaggi di posta elettronica, individuazione degli ID degli utenti dei social network, ecc; Identificazione dell internet service/access provider o società che fornisce connettività all utente telematico attenzionato in base alle indagini.

10 Modalità degli accertamenti Individuazione dell utenza telefonica a cui era associato l indirizzo IP assegnato all utente telematico assegnato e del relativo intestatario; Accertamenti sull intestatario dell utenza telefonica e sul tipo di collegamento alla rete Internet ed eventuali possibili utilizzatori dell utenza telefonica; Sommarie informazioni - Intercettazione telematica/telefonica - Duplicazione casella di posta elettronica - Perquisizione e conseguente sequestro - Ispezione. Analisi dei dati contenuti all interno delle apparecchiature informatiche rinvenute durante la perquisizione (Computer Forensics).

11 MEZZI DI RICERCA DELLA PROVA La perquisizione, il sequestro probatorio e l ispezione rappresentano, nella prassi di indagine, gli strumenti tipici di ricerca della prova, che vengono utilizzati laddove ci si trovi di fronte a dei reati oggetto di indagine informatica. Ad essi va aggiunta anche l intercettazione informatica o telematica, che pur essendo regolata da più stringenti requisiti di ammissibilità, persegue il medesimo fine.

12 MEZZI DI RICERCA DELLA PROVA Art c.p.p. Casi e forme delle perquisizioni 1. Quando vi è fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del reato o cose pertinenti al reato, è disposta perquisizione personale. Quando vi è fondato motivo di ritenere che tali cose si trovino in un determinato luogo ovvero che in esso possa eseguirsi l'arresto dell'imputato o dell'evaso, è disposta perquisizione locale. 1-bis. Quando vi è fondato motivo di ritenere che dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato si trovino in un sistema informatico o telematico, ancorché protetto da misure di sicurezza, ne è disposta la perquisizione, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione.

13 MEZZI DI RICERCA DELLA PROVA Art. 244 c.p.p. Casi e forme delle ispezioni 1. L'ispezione delle persone, dei luoghi e delle cose è disposta con decreto motivato quando occorre accertare le tracce e gli altri effetti materiali del reato. 2. Se il reato non ha lasciato tracce o effetti materiali, o se questi sono scomparsi o sono stati cancellati o dispersi, alterati o rimossi, l'autorità giudiziaria descrive lo stato attuale e, in quanto possibile, verifica quello preesistente, curando anche di individuare modo, tempo e cause delle eventuali modificazioni. L'autorità giudiziaria può disporre rilievi segnaletici, descrittivi e fotografici e ogni altra operazione tecnica, anche in relazione a sistemi informatici o telematici, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione.

14 MEZZI DI RICERCA DELLA PROVA Art. 354 c.p.p. Accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone. Sequestro. 1. Gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria curano che le tracce e le cose pertinenti al reato siano conservate e che lo stato dei luoghi e delle cose non venga mutato prima dell'intervento del pubblico ministero. 2. Se vi è pericolo che le cose, le tracce e i luoghi indicati nel comma 1 si alterino o si disperdano o comunque si modifichino e il pubblico ministero non può intervenire tempestivamente, ovvero non ha ancora assunto la direzione delle indagini, gli ufficiali di polizia giudiziaria compiono i necessari accertamenti e rilievi sullo stato dei luoghi e delle cose. In relazione ai dati, alle informazioni e ai programmi informatici o ai sistemi informatici o telematici, gli ufficiali della polizia giudiziaria adottano, altresì, le misure tecniche o impartiscono le prescrizioni necessarie ad assicurarne la conservazione e ad impedirne l alterazione e l accesso e provvedono, ove possibile, alla loro immediata duplicazione su adeguati supporti, mediante una procedura che assicuri la conformità della copia all originale e la sua immodificabilità. Se del caso, sequestrano il corpo del reato e le cose a questo pertinenti.

15 MEZZI DI RICERCA DELLA PROVA Art. 260 c.p.p. Apposizione dei sigilli alle cose sequestrate. Cose deperibili. Distruzione di cose sequestrate 1. Le cose sequestrate si assicurano con il sigillo dell'ufficio giudiziario e con le sottoscrizioni dell'autorità giudiziaria e dell'ausiliario che la assiste ovvero, in relazione alla natura delle cose, con altro mezzo, anche di carattere elettronico o informatico, idoneo a indicare il vincolo imposto a fini di giustizia. 2. L'autorità giudiziaria fa estrarre copia dei documenti e fa eseguire fotografie o altre riproduzioni delle cose sequestrate che possono alterarsi o che sono di difficile custodia, le unisce agli atti e fa custodire in cancelleria o segreteria gli originali dei documenti, disponendo, quanto alle cose, in conformità dell'articolo 259. Quando si tratta di dati, di informazioni o di programmi informatici, la copia deve essere realizzata su adeguati supporti, mediante procedura che assicuri la conformità della copia all originale e la sua immodificabilità; in tali casi, la custodia degli originali può essere disposta anche in luoghi diversi dalla cancelleria o dalla segreteria.

16 MEZZI DI RICERCA DELLA PROVA Art. 266 bis c.p.p. Intercettazione di Comunicazioni informatiche o Telematiche 1. Nei procedimenti relativi ai reati indicati nell'articolo 266, nonché a quelli commessi mediante l'impiego di tecnologie informatiche o telematiche, è consentita l'intercettazione del flusso di comunicazioni relativo a sistemi informatici o telematici ovvero intercorrente tra più sistemi.

17 INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011)

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011) ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE Digital Forensics (A.A. 2010-2011) 1 Introduzione La ICT ha pervaso così tanto la Società attuale da produrre significativi impatti a livello economico, sociologico e

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole. Grosseto, 17 giugno 2011

NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole. Grosseto, 17 giugno 2011 NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole Grosseto, 17 giugno 2011 Nuove Tecnologie e processo penale: Il dialogo processuale, la ricerca e la circolazione probatoria, il dibattimento stanno mutando. Sono

Dettagli

Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS. Forma e Sostanza. CAMERINO, 27 Aprile 2015. Raul Guido Capriotti

Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS. Forma e Sostanza. CAMERINO, 27 Aprile 2015. Raul Guido Capriotti Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS Forma e Sostanza CAMERINO, 27 Aprile 2015 Raul Guido Capriotti 1 DEFINIZIONE DI DIGITAL FORENSICS Insieme di indagini, rilievi, accertamenti ed altre operazioni tecniche,

Dettagli

Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci -

Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci - Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci - Ordinamento Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche

Dettagli

PARTE 1: IL REATO INFORMATICO

PARTE 1: IL REATO INFORMATICO I PERICOLI DEL WEB PARTE 1: IL REATO INFORMATICO Quali sono gli aspetti culturali connessi con lo sviluppo dell Informatica? 1. Innnanzitutto la Dimensione Individuale, legata all impatto dell informatica

Dettagli

Dirigente Superiore della Polizia di Stato Dr. Domenico VULPIANI Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni

Dirigente Superiore della Polizia di Stato Dr. Domenico VULPIANI Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni FORUM P.A. 2007 18^ MOSTRA CONVEGNO DEI SERVIZI AI CITTADINI E ALLE IMPRESE Nuova Fiera di Roma 21 25 Maggio 2007 Dirigente Superiore della Polizia di Stato Dr. Domenico VULPIANI Direttore Servizio Polizia

Dettagli

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA LOMBARDIA MILANO. I rischi nell uso dei nuovi mezzi di comunicazione

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA LOMBARDIA MILANO. I rischi nell uso dei nuovi mezzi di comunicazione POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA LOMBARDIA MILANO I rischi nell uso dei nuovi mezzi di comunicazione Phishing e criminalità informatica La Polizia Postale La

Dettagli

sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno

sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno Le novità giurisprudenziali i i sulle indagini i iinformatiche i e sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno settembre 2013 Scena del crimine (non solo) informatico volatilità modificabilità

Dettagli

"Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria" T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni

Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni "Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria" T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni la protezione del sistema informatico quale nodo nevralgico dell organizzazione

Dettagli

SOMMARIO del volume i

SOMMARIO del volume i SOMMARIO del volume i Prefazione di Pietro GRASSO Prefazione di Domenico VULPIANI Introduzione XXI XXIII XXIX CAPITOLO 1 NOZIONI ED ELEMENTI TECNICI DI PRINCIPIO a cura di Gerardo COSTABILE 1. Computer

Dettagli

La Polizia postale e le banche quali oppurtunità per un migliore servizio. Dott. Domenico VULPIANI Direttore del Servizio Polizia delle Comunicazioni

La Polizia postale e le banche quali oppurtunità per un migliore servizio. Dott. Domenico VULPIANI Direttore del Servizio Polizia delle Comunicazioni Convegno ANSSAIF La Polizia postale e le banche quali oppurtunità per un migliore servizio Dott. Domenico VULPIANI Direttore del Servizio Polizia delle Comunicazioni Vallombrosa, 22 23 settembre 2006 La

Dettagli

Le indagini ad oggetto informatico

Le indagini ad oggetto informatico Testo INFORMATICA&DIRITTO: cosa è cambiato nella prassi e nel processo Le indagini ad oggetto informatico Potenza - 20 febbraio 2009 Aula Grippo - Palazzo di Giustizia Avv. Francesco Paolo Micozzi Circolo

Dettagli

La minaccia criminale informatica

La minaccia criminale informatica CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI DISTRETTUALI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA CORTE DI APPELLO DI ROMA INTERNET E DIRITTO: PROFILI PENALI E CIVILI NASCENTI DALL USO DELLA RETE

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

Ministero dell Interno Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Lombardia MILANO

Ministero dell Interno Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Lombardia MILANO Ministero dell Interno Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Lombardia MILANO phishing and identity-related frauds Milano, 26 novembre 2008 Tutela dell informazione e crimini informatici

Dettagli

Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni. informatiche. Sommario

Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni. informatiche. Sommario Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni informatiche* Sommario 1 La computer forensics. - 2 Le origini della computer forensics. - 3 La prova digitale. - 4 Il documento informatico

Dettagli

Pedofilia e sicurezza delle reti. Le attività svolte e i risultati ottenuti

Pedofilia e sicurezza delle reti. Le attività svolte e i risultati ottenuti Pedofilia e sicurezza delle reti Le attività svolte e i risultati ottenuti Pedofilia e sicurezza delle reti Il contrasto alla pedofilia e in generale al crimine informatico rappresentano priorità per l

Dettagli

PIANO GENERALE DELL OPERA - VOLUME I -

PIANO GENERALE DELL OPERA - VOLUME I - PIANO GENERALE DELL OPERA - VOLUME I - Prefazione di Pietro GRASSO Prefazione di Domenico VULPIANI Introduzione CAPITOLO 1 NOZIONI ED ELEMENTI TECNICI DI PRINCIPIO a cura di Gerardo COSTABILE CAPITOLO

Dettagli

CYBERCRIME DSG DIPARTIMENTO DI STUDI GIURIDICI. Sicurezza, Computer Forensics e Diritto dell Informatica. Corso di Formazione

CYBERCRIME DSG DIPARTIMENTO DI STUDI GIURIDICI. Sicurezza, Computer Forensics e Diritto dell Informatica. Corso di Formazione Corso di Formazione CYBERCRIME DSG DIPARTIMENTO DI STUDI GIURIDICI Sicurezza, Computer Forensics e Diritto dell Informatica Coordinatore Scientifico: Avv. Mario Luberto Sede ed orari Montegiardino (RSM)

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

Giuseppe Vaciago. Casistica Giurisprudenziale Milano Università degli Studi Milano -Bicocca

Giuseppe Vaciago. Casistica Giurisprudenziale Milano Università degli Studi Milano -Bicocca Giuseppe Vaciago Casistica Giurisprudenziale Milano Università degli Studi Milano -Bicocca COMPUTER FORENSICS Avv. Giuseppe Vaciago 1. Investigazioni telematiche (8 maggio ore 14.30 16.30) 2. Elementi

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Cominciamo con le presentazioni Vicepresidente

Cominciamo con le presentazioni Vicepresidente Cominciamo con le presentazioni Vicepresidente Auditor Iso 27001:2013 Auditor Iso 20000:2011 Civilista e Penalista 1 Il codice penale La sistemazione dei reati secondo il bene interesse tutelato Titolo

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

D.Lgs. 231/2001. Sicurezza in ambiente aziendale: I reati informatici. Verona, 20 IX 2010

D.Lgs. 231/2001. Sicurezza in ambiente aziendale: I reati informatici. Verona, 20 IX 2010 D.Lgs. 231/2001 Sicurezza in ambiente aziendale: I reati informatici Verona, 20 IX 2010 Ing. Giacomo Pesce Consulente di direzione e amministratore &Co Srl www.and-co.net Il Computer Crime Il Computer

Dettagli

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE Dott. Andrea Rossi Polizia postale e delle Comunicazioni Roma, 20 dicembre 2010 L ATTIVITA DI CONTRASTO DELLA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI attività di monitoraggio

Dettagli

ANALISI FORENSE. irecovery_analisi_forence.indd 1 21/01/14 17:48

ANALISI FORENSE. irecovery_analisi_forence.indd 1 21/01/14 17:48 ANALISI FORENSE irecovery_analisi_forence.indd 1 21/01/14 17:48 COSA è L informatica forense è la scienza che studia l individuazione, la conservazione, la protezione, l estrazione, la documentazione,

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Comune di Nola Provincia di Napoli Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Sommario 1. Oggetto... 2 2. Modalità di utilizzo delle postazioni di lavoro...

Dettagli

Internet ed aziende fenomeni criminali

Internet ed aziende fenomeni criminali Internet ed aziende fenomeni criminali ARGOMENTI o La Polizia Postale e delle Comunicazioni o Attacchi esterni criminalità informatica o spear phishing man in the middle - cryptolocker o Attacchi interni

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

LE TECNICHE DI ATTACCO ALLA SICUREZZA INFORMATICA

LE TECNICHE DI ATTACCO ALLA SICUREZZA INFORMATICA LE TECNICHE DI ATTACCO ALLA SICUREZZA INFORMATICA Le principali tecniche di attacco (hacking) possono essere cosi elencate: 1) exploit; 2) buffer overflow; 3) shellcode; 4) cracking; 5) backdoor; 6) port

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa) e/o detentive (es. reclusione). Reati informatici

Dettagli

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS IL CODICE PENALE E LA PRIVACY Questa è una raccolta, non esaustiva, degli articoli del Codice Penale inerenti la privacy e la frode informatica, aggiornata con le modifiche introdotte dalla Legge 48 del

Dettagli

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO Poichè, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate o identificabili,

Dettagli

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica Note preliminari I reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 7-8 giugno 2004 Claudia Cevenini Reato = illecito penale. Diritto penale = prevede la pena come conseguenza della violazione

Dettagli

Paolo Galdieri. Titolo della presentazione

Paolo Galdieri. Titolo della presentazione La responsabilità dell azienda per i reati informatici commessi al suo interno: project management, information security e le sfide imposte dalle nuove tecnologie Paolo Galdieri Il reato informatico in

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSA ART. 1 Caratteri generali Il presente regolamento viene emanato in base al provvedimento

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Centro Nazionale per il Contrasto della pedopornografia on-line

Centro Nazionale per il Contrasto della pedopornografia on-line SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online Centro Nazionale per il Contrasto della pedopornografia on-line Legge 3 agosto1998 n. 269 Decreto

Dettagli

COMUNE DI FANO ADRIANO

COMUNE DI FANO ADRIANO COMUNE DI FANO ADRIANO Provincia di Teramo DISCIPLINARE INTERNO PER L UTILIZZO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA DA PARTE DEI DIPENDENTI (Approvato con Delibera di G.C. n 44 del 12.11.2010 1 Art. 1

Dettagli

CENTRALE DI ALLARME PER ATTACCHI INFORMATICI (Pos. 2603/3015)

CENTRALE DI ALLARME PER ATTACCHI INFORMATICI (Pos. 2603/3015) serie Tecnica n. Codice Attività: TS 3015 CENTRALE DI ALLARME PER ATTACCHI INFORMATICI (Pos. 2603/3015) Scheda di segnalazione sul Phishing Si fa riferimento alla lettera circolare ABI TS/004496 del 12/09/03

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI La Polizia Postale e delle Comunicazioni si occupa della prevenzione e repressione di tutti i reati commessi per il

Dettagli

Investigare nel personal computer: le best pratices di digital forensics e la registrazione sonora e visiva degli eventi

Investigare nel personal computer: le best pratices di digital forensics e la registrazione sonora e visiva degli eventi SEMINARIO CORSO DI INFORMATICA GIURIDICA PROF. GIOVANNI ZICCARDI A.A. 2013-2014 Investigare nel personal computer: le best pratices di digital forensics e la registrazione sonora e visiva degli eventi

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03. Pag. 1/ 5 DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.2007 Gentile Signora/Egregio Signor, Premessa Lo Studio Legale Avv.ti

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz

PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz 1. INTRODUZIONE Poiché, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate

Dettagli

Compartimento Polizia Postale di Milano Phishing e criminalità informatic a

Compartimento Polizia Postale di Milano Phishing e criminalità informatic a POLIZIA DI STATO COM PARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COM UNICAZIONI PER LA LOM BARDIA MILANO L attività di contrasto e di prevenzione per un uso sicuro di Internet Phishing e criminalità informatic

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Polizia di Stato. Dove ci sono loro.. ci siamo anche noi. Compartimento Polizia delle Comunicazioni - Torino

Polizia di Stato. Dove ci sono loro.. ci siamo anche noi. Compartimento Polizia delle Comunicazioni - Torino Polizia di Stato Dove ci sono loro.. ci siamo anche noi Compartimento Polizia delle Comunicazioni - Torino LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Nascita Attività e competenze Diffusione sul territorio

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 11 del 25.03.2014 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 11 del 25.03.2014 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 11 del 25.03.2014 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI INDICE Premessa Art. 1 - Finalità del servizio Art. 2 Aventi diritto Art. 3 Requisiti

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

La digital forensic e investigazioni informatiche

La digital forensic e investigazioni informatiche La digital forensic e investigazioni informatiche Introduzione al processo di analisi forense sui dati ed i dispositivi digitali - Nicola Chemello Nicola Chemello Ingegnere dell informazione EnCE, ACE,

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2014/15. dispense integrative. a cura di. Gianluca Satta.

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2014/15. dispense integrative. a cura di. Gianluca Satta. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2014/15 DIGITAL FORENSICS dispense integrative a cura di Gianluca Satta Federico Aresti Modulo del Corso di Diritto dell Informatica

Dettagli

Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto

Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto CYBER RISK: RISCHI E TUTELA PER LE IMPRESE Confindustria Vicenza 26/02/2015 Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Suddivisione territoriale Compartimenti e Sezioni

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03. DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.2007 Premessa Gentile Signora xxxxxx, l ORDINE AVVOCATI DI MODENA, nella qualità

Dettagli

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Sommario I reati informatici: frode e responsabilità civile professionale I principali reati

Dettagli

PROCEDURA PRODOTTO FINITO 25 DOC. N. 25 COPIA IN DISTRIBUZIONE TRAMITE SOFTWARE ROBOT. Rev. Data Descrizione Modifica Emessa Visto Approvata Visto RAQ

PROCEDURA PRODOTTO FINITO 25 DOC. N. 25 COPIA IN DISTRIBUZIONE TRAMITE SOFTWARE ROBOT. Rev. Data Descrizione Modifica Emessa Visto Approvata Visto RAQ Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. 2 di Lucca U.F. PISLL Resp. Ing. Franco Becarelli PROCEDURA PRODOTTO FINITO 25 (sopralluogo nei luoghi di lavoro ad eccezione del cantiere edile e attività estrattiva)

Dettagli

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO PERCHE QUESTO AVVISO LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA (Provvedimento del Garante per la Privacy pubblicato su G.U. n. 58 del 10/3/2007 - Circolare Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento Funzione Pubblica

Dettagli

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy 1 Linux e la sicurezza LL.M. Master of Laws Dottore di ricerca g.gallus@tiscali.it Principali computer crimes secondo il codice penale (introdotti dalla L. 547/1993) Accesso abusivo a un sistema informatico

Dettagli

REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche. Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona

REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche. Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona Definizioni Reato: violazione di un precetto munito di sanzione

Dettagli

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it 15 Novembre 2006 INDICE 1 Indice 1 Il Computer Crime 2 1.1 Il Panorama Europeo....................... 2 1.2 Il Panorama

Dettagli

DEFINIZIONI DI REATO INFORMATICO

DEFINIZIONI DI REATO INFORMATICO Diri$o Penale dell Informa1ca Introduzione DEFINIZIONI DI REATO INFORMATICO A) Rea' necessariamente informa'ci (o informa'ci in senso stre3o ) B) Rea' eventualmente informa'ci (o informa'ci in senso lato

Dettagli

NAVIGAZIONE E possibile accedere al Sito senza che venga richiesto il conferimento di alcun dato personale.

NAVIGAZIONE E possibile accedere al Sito senza che venga richiesto il conferimento di alcun dato personale. NOTE LEGALI Termini e condizioni di utilizzo Il sito icem.it ("Sito") è di proprietà esclusiva di ICEM srl, con sede in Via Corriera, 40-48010 Barbiano di Cotignola (RA) (di seguito "ICEM srl"). L'accesso

Dettagli

Sicurezza Informatica e Digital Forensics

Sicurezza Informatica e Digital Forensics Sicurezza Informatica e Digital Forensics ROSSANO ROGANI CTU del Tribunale di Macerata ICT Security e Digital Forensics Mobile + 39 333 1454144 E-Mail info@digital-evidence.it INTERNET E LA POSSIBILITÀ

Dettagli

Lo scenario delle frodi informatiche nel settore bancario italiano

Lo scenario delle frodi informatiche nel settore bancario italiano Lo scenario delle frodi informatiche nel settore bancario italiano Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab La Centrale d allarme d ABI Lab per attacchi informatici Mantenimento di un presidio

Dettagli

CONTRATTO PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO ADIBITO A STUDIO FOTOGRAFICO MAXY RENTAL STUDIO

CONTRATTO PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO ADIBITO A STUDIO FOTOGRAFICO MAXY RENTAL STUDIO Via Fermi 1b - Pero - MI www.maxyrentalstudio.com CONTRATTO PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO ADIBITO A STUDIO FOTOGRAFICO MAXY RENTAL STUDIO Premessa Per studio fotografico denominato Maxy Rental Studio si

Dettagli

La pratica di polizia giudiziaria

La pratica di polizia giudiziaria La pratica di polizia giudiziaria Guida operativa agli atti /3 di Loris D Ambrosio magistrato Sommario Introduzione...II Esecuzione dell ordinanza di custodia cautelare...ii Esecuzione di ordine di carcerazione...iii

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 Premessa Gentile Signora/Egregio Signor., L utilizzo delle

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

UTILIZZO DELL INFORMATICA NELLA PROFESSIONE ASPETTI TECNICI E LEGALI

UTILIZZO DELL INFORMATICA NELLA PROFESSIONE ASPETTI TECNICI E LEGALI UTILIZZO DELL INFORMATICA NELLA PROFESSIONE ASPETTI TECNICI E LEGALI Milano, 29 settembre 2011 (Avv. Prof. Pierluigi Perri) 1 CHI SONO Socio fondatore dello studio legale Monducci Perri Spedicato & Partners.

Dettagli

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l.

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l. PRIVACY POLICY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa che è resa anche

Dettagli

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 20 del 30/04/2013 INDICE Premessa Art. 1 - Finalità

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Indirizzo telematico:

Dettagli

Privacy Policy di questo sito

Privacy Policy di questo sito Privacy Policy di questo sito Con il presente avviso Key Word S.r.l. di seguito KEY WORD Vi informa sulle modalità di gestione del sito web accessibile per via telematica a partire dall indirizzo https://www.energyfeedback.it

Dettagli

INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03

INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03 Privacy Policy INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03 WHYNOT IMMOBILIARE in qualità di Titolare del Trattamento, rende agli utenti che consultano e/o interagiscono con il sito internet www.whynotimmobiliare.it

Dettagli

Domande aperte e storie di vita

Domande aperte e storie di vita CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 Abuso di Internet e posta elettronica in azienda Domande aperte e storie di vita Michele Crudele

Dettagli

RISCHI INFORMATICI corretto utilizzo degli strumenti informatici IL PUNTO DI VISTA DEI FORNITORI DI SERVIZIO

RISCHI INFORMATICI corretto utilizzo degli strumenti informatici IL PUNTO DI VISTA DEI FORNITORI DI SERVIZIO : ASPETTI TECNICI E LEGALI RISCHI INFORMATICI corretto utilizzo degli strumenti informatici IL PUNTO DI VISTA DEI FORNITORI DI SERVIZIO Gianluca Sironi Commissione Ingegneria dell'informazione CONNESSIONI

Dettagli

DECRETO 30 2007, 112: 17 2005, 166, 14 2007 IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 30 2007, 112: 17 2005, 166, 14 2007 IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 30 Aprile 2007, n. 112: Regolamento di attuazione della legge 17 agosto 2005, n. 166, recante "Istituzione di un sistema di prevenzione delle frodi sulle carte di pagamento". (Gazzetta Ufficiale

Dettagli

LA TUTELA DELL ECONOMIA DIGITALE

LA TUTELA DELL ECONOMIA DIGITALE Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche LA TUTELA DELL ECONOMIA DIGITALE INDICE contesto esterno Agenda Digitale G. di F. : ruoli, compiti e potenziamento casi operativi 2 CONTESTO ESTERNO ICT in Italia 460

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

Computer forensics e L. 48/2008

Computer forensics e L. 48/2008 Computer forensics e L. 48/2008 Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Catanzaro 20/3/2009, LL.M. g.gallus@studiogallus.it 1 CHI SONO giobatta@gnulaptop $ whoami $ Mi diletto di computer da oltre 25 anni

Dettagli

International Information System Forensics Association Italy Chapter. Information Forensics nel nuovo panorama tecnico e normativo italiano

International Information System Forensics Association Italy Chapter. Information Forensics nel nuovo panorama tecnico e normativo italiano International Information System Forensics Association Italy Chapter Information Forensics nel nuovo panorama Slide di: Gerardo Costabile IISFA CIFI ISACA CGEIT e Giuseppe Mazzaraco IISFA CIFI ACFE CFE

Dettagli

http://www.sabart.it

http://www.sabart.it Via Zoboli,18-42124 Reggio Emilia - Italy Tel. +39 0522 508511 Fax. +39 0522 514542 Web: www.sabart.it e-mail: info@sabart.it PEC: sabartsrl@legalmail.it Oggetto: Informativa per il sito web In questa

Dettagli