MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 5 Dicembre 2013, n (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Medico Reato di falso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 5 Dicembre 2013, n 48803 (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Medico Reato di falso"

Transcript

1 MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 5 Dicembre 2013, n (Pres. G. Marasca; Rel. C. Zaza) Penale Delitti contro la fede pubblica Medico Reato di falso ideologico in atti pubblici Risponde del reato di falso ideologico in atto pubblico, il medico che sottoscrive, falsamente, ricette riconducibili ad altro collega convenzionato ASL, dal momento che è assolutamente irrilevante la mancanza di un movente, essendo il dolo generico che contraddistingue il reato di falso. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 4 Dicembre 2013, n (Pres. A. Di Virginio; Rel. T. Garribba) Penale Delitti contro la famiglia Figli Mantenimento Mancato versamento dell assegno ad opera di uno dei due genitori Incapacità economica Non è sufficiente l allegazione di difficoltà economiche per escludere la responsabilità del soggetto obbligato a versare il mantenimento, ma occorre la dimostrazione, il cui onere spetta all interessato, che tali difficoltà si 1

2 sono tradotte in uno stato di vera e propria indigenza economica e, pertanto, nell impossibilità di adempiere l obbligazione 1. L esistenza di condizioni economiche precarie addotte ma non provate, non assolve dal reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 4 Dicembre 2013, n Penale Delitti contro la famiglia - Figli Mantenimento Mancato versamento dell assegno periodico ad opera di uno dei due genitori Violazione degli obblighi di assistenza familiare Sussiste Entrambi i genitori hanno l obbligo, anche dopo la separazione, di provvedere al mantenimento ed a non far mancare i mezzi di sussistenza primari ai figli. Da tale onere non è esonerato neppure il genitore che versi in condizioni economiche precarie, che in caso contrario risponde del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, né costituisce valida giustificazione il fatto che al mantenimento provvede già l altro genitore. Corte di Cassazione Sez. II Penale 3 Dicembre 2013, n (Pres. Esposito; Rel. Di Marzio) 1 Cass., 08/02/2012, n. 8063; Cass., Sez. VI, 06/10/2011, n. 673; 2

3 Penale Impiegato statale Certificati medici con firma falsa Reato di truffa e falso ai danni della P.A. Risponde del reato di truffa e falso ai danni della pubblica amministrazione l impiegato statale che, attraverso raggiri e artifici consistiti nella presentazione di certificati medici con firma falsa attestanti un inesistente stato di malattia, non prestava la propria attività lavorativa pur facendosi corrispondere la retribuzione. Corte di Cassazione Sez. II Penale 3 Dicembre 2013, n (Pres. Esposito; Rel. Iannelli) Penale Acquisto di bene immobile Netta sproporzione tra redditi e patrimonio Sequestro preventivo di beni confiscabili Legittimo Legittimo il sequestro preventivo di beni confiscabili. In caso di acquisto di bene immobile, la netta sproporzione tra il patrimonio nel suo complesso ed il reddito o le attività economiche del soggetto rileva quale elemento indiziario allorché nel periodo di acquisto del bene la parte non è stata in grado di fornire giustificazione sicura circa la liceità del valore speso per l acquisto del singolo bene. Corte di Cassazione Sez. III Penale 3 Dicembre 2013, n (Pres. Squassoni; Rel. Amoresano) 3

4 Penale Abuso edilizio Proprietario Responsabilità Condizioni Secondo consolidata giurisprudenza di legittimità, in materia di edilizia non può essere attribuito ad un soggetto, per il solo fatto di essere proprietario di un area, un dovere di controllo dalla cui violazione derivi una responsabilità penale per costruzione abusiva. Il solo fatto di essere proprietario o comproprietario del terreno su cui vengono svolti lavori edilizi illeciti, pur potendo costituire un indizio grave, non basta ad affermare la responsabilità penale. La responsabilità, per violazione dell art. 20 L. 47/1985, può essere attribuita al proprietario sulla base di valutazioni fattuali, quali l accertamento che questi abiti nello stesso territorio comunale ove è stata eretta la costruzione abusiva, che sia stato individuato sul luogo, che sia destinatario finale dell opera, che abbia presentato richiesta di provvedimenti abilitativi anche in sanatoria 2. Ancora, grava sull interessato l onere di allegare circostanze utili a convalidare la tesi che si tratti di opere realizzate da terzi a sua insaputa e in assenza della sua volontà 3. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 2 Dicembre 2013, n (Pres. Brusco; Rel. Blaiotta) 2 Cass., Sez. III Penale, 13/07/2005, n ; Cass., Sez. III Penale, 20/01/2004, n. 9536; 3 Cass., Sez. III Penale, 19/09/2008, n ; Cass., Sez. III Penale, 30/05/2012, n ; 4

5 Penale Delitti contro la persona Medico Omicidio colposo È responsabile di omicidio colposo e non di colpa lieve, il medico che in presenza di sintomatologia sospetta e di esame che evidenzia anomalie indicative di possibile sofferenza ischemica, non provvede a disporre il ricovero e gli approfondimenti del caso, ma dimette il paziente che decede nei giorni successivi. Corte di Cassazione Sez. III Penale 2 Dicembre 2013, n (Pres. A. Teresi; Rel. L. Orilia) Penale Delitti contro la persona - File pedopornografici Uso di programma di file sharing Diffusione di materiale pedopornografico Secondo giurisprudenza di legittimità, perché vi sia il dolo del reato di cui all art. 600 ter c.p., comma 3, occorre dimostrare che il soggetto abbia avuto, non soltanto la volontà di procurarsi materiale pedopornografico, ma anche la specifica volontà di distribuirlo, divulgarlo, diffonderlo o pubblicizzarlo, desumibile da elementi specifici e ulteriori rispetto al mero uso di un programma di file sharing 4. 4 Cass., Sez. III Penale, 12/01/2010, n ; File sharing è la condivisione di file all interno di una rete. Programmi sharing sono utilizzati direttamente o indirettamente per trasferire file da un computer ad un altro su internet o su reti aziendali intranet. 5

6 Corte di Cassazione Sez. II Penale 2 Dicembre 2013, n Procedura penale Misure cautelari reali - Sproporzione tra patrimonio e redditi - Sequestro preventivo È legittimo il sequestro preventivo in caso di evidente sproporzione tra patrimonio e redditi. Il giudizio di sproporzione tra i redditi ed il valore dei beni, deve fare riferimento, quanto a questi ultimi, a quelli sottoposti alla misura, però è altrettanto vero che la sproporzione dei primi rispetto al patrimonio complessivo rileva quale concorrente elemento indiziario nel momento in cui nel periodo di acquisto del bene vincolato la parte non è in grado di giustificare la liceità del valore speso per l acquisto del singolo bene. Corte di Cassazione Sez. III Penale 29 Novembre 2013, n Penale Delitti contro il patrimonio - Avvocato trattiene le somme spettanti al suo cliente - Reato di appropriazione indebita Sussiste Risponde del reato di appropriazione indebita l avvocato che all esito della causa provvede a trattenere le somme spettanti al suo cliente, sostenendo che gli doveva del denaro a titolo di compenso professionale. 6

7 Corte di Cassazione Sez. II Penale 27 Novembre 2013, n (Pres. Petti; Rel. Fiandanese) Penale Delitti contro la pubblica amministrazione - Esenzione dal pagamento del ticket sanitario - Autocertificazione mendace Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato Integra il reato di indebita percezione di erogazioni in danno dello Stato la falsa attestazione circa le condizioni reddituali per l esenzione dal pagamento del ticket per prestazioni sanitarie ed ospedaliere che non induca in errore ma determini al provvedimento di esenzione sulla base della corretta rappresentazione dell esistenza dell attestazione stessa. Si ha erogazione anche in assenza di elargizione qualora il richiedente ottiene un vantaggio economico che viene posto a carico della comunità 5. Corte di Cassazione Sez. V Penale 26 Novembre 2013, n (Pres. Zecca; Rel. Oldi) Penale Delitti contro la persona - Reato di violenza privata Risponde del reato di violenza privata, colui che pone in essere un comportamento tale da integrare la coercizione della persona offesa, impedita a porre liberamente in atto ciò che si era proposta 6. 5 Cass., Sez. Unite, 25/02/2011, n. 7537: 6 Nella fattispecie:<<ex convivente impedisce alla propria compagna di chiamare i carabinieri, dapprima strappando il telefono dalla presa e lanciandolo al muro e 7

8 Corte di Cassazione Sez. V Penale 26 Novembre 2013, n (Pres. Zecca; Rel. Bevere) Penale Delitti contro la fede pubblica - Reato di falso ideologico Risponde del reato di falso ideologico, il medico che provvede ad annotare sulla cartella clinica la condizione della paziente relativa ad un momento in cui non era in servizio. Corte di Cassazione Sez. Feriale Penale 18 Novembre 2013, n Penale Delitti contro il patrimonio Famiglia Matrimonio Sparizione del mobilio ad opera di uno dei due coniugi prima della separazione- Appropriazione indebita - Non sussiste Non commette reato di appropriazione indebita il coniuge che prima della separazione provvede a trasferire tutto il mobilio in una località ignota all altra parte, in quanto il fatto è commesso in danno del coniuge non ancora legalmente separato 7. Corte di Cassazione Sez. III Penale 14 Novembre 2013, n successivamente strappandole il cellulare dalle mani per poi scagliarlo sul pavimento>>. 7 Nella fattispecie:<<marito svuota la casa coniugale dei mobili, lasciandola così inabitabile alla moglie ed alla figlia>>; 8

9 Penale Reato di atti persecutori - Reazione della vittima Stalking Può sussistere Il reato di stalking permane anche quando la vittima abbia reagito fronteggiando energicamente lo stalker, in quanto la reazione dello stalkizzato non fa venir meno l evento richiesto dalla norma incriminatrice, non potendosi accettare l idea di una vittima inerme ed alla mercé del suo molestatore ed incapace di reagire. Comunque, in tale ipotesi spetta al magistrato valutare con maggiore oculatezza ed attenzione, quale conseguenza del comportamento di ciascuno, lo stato d ansia o di paura della presunta persona offesa, o il suo effettivo timore per l incolumità propria o delle persone a lei vicine o la necessità del mutamento delle abitudini di vita. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 9

10 MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Gennaio 2014, n 2149 (Pres. Oldi; rel. Lignola) Penale Delitti contro la persona Famiglia Coniuge incapace di provvedere a se stesso Abbandono Il coniuge che lascia il proprio/a partner gravemente malato, incapace di provvedere a se stesso, risponde del reato di abbandono con l aggravante dell aver agito in qualità di coniuge. In tema di abbandono di persona incapace, l elemento materiale è costituito da qualunque azione o omissione contrastante con il dovere giuridico di custodia che grava sul soggetto agente e da cui derivi uno stato di pericolo anche potenziale per l incolumità dello stesso incapace. Di conseguenza, l interesse giuridico della norma deve considerarsi violato anche quando l abbandono sia solo relativo e potenziale 8. Corte di Cassazione Sez. Penale 17 Gennaio 2014, n Cass., Sez. II, 06/12/2012, n , Cass., Sez. V, 23/02/2005, n ; Nella fattispecie:<<la moglie lascia il marito incapace di provvedere a se stesso, a causa di una malattia genetica degenerativa, di cui la donna era a conoscenza già prima del matrimonio, dopo aver incassato la pensione ed i relativi arretrati, facendo ritorno a casa solo dopo molto tempo>>; 10

11 Penale Società online Localizzazione della piattaforma tecnologica Residenza fiscale Non è ipotizzabile il reato di omessa dichiarazione nei confronti di quelle società straniere che operano in Italia, mediante piattaforme web situate all estero, perché anche se i clienti online sono italiani e l attività è svolta in Italia, sula base di una regolare concessione rilasciata dallo Stato italiano, non è possibile accertare la residenza fiscale nel nostro Paese. L aver ottenuto una regolare concessione in Italia non è sufficiente a configurare l oggetto sociale in Italia. Il dato formale della nazionalità della concessione o del mercato di riferimento non si concilia con la definizione di oggetto principale, il quale, invece, coincide con l attività realmente svolta 9. La concessione rappresenta esclusivamente un presupposto per poi svolgere concretamente l attività. Ancora, nessun rilievo assume ai fini dell accertamento della residenza fiscale il fatto che l attività di assistenza online ai clienti si esegue in Italia, in quanto trattasi di attività meramente ausiliaria rispetto alla gestione della piattaforma web necessaria per l esercizio dell attività. Corte di Cassazione Sez. III Penale 17 Gennaio 2014, n 1826 Penale Avvocato Sciopero Rinvio dell udienza 9 Nella fattispecie:<< gestione della piattaforma di gioco online interamente svolta a Malta>> 11

12 Il magistrato, in caso di sciopero dell avvocato, tempestivamente comunicato alla cancelleria, è tenuto a rinviare l udienza, anche nella eventualità in cui il procedimento non preveda la presenza obbligatoria dell avvocato. In caso contrario, il diritto di astensione sarebbe condizionato dalla scelta che il legale si vedrebbe costretto a fare tra lasciare il proprio assistito senza difesa o rinunciare al proprio diritto di sciopero. Il rinvio dell udienza, anche quando non è obbligatoria la presenza del difensore, ha come fine quello di assicurare al legale il diritto di presenziare all udienza a partecipazione facoltativa. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 16 Gennaio 2014, n 1760 (Pres. Brusco; Rel. Blaiotta) Penale Procedura penale Cassazione Giudice del rinvio Pronuncia di legittimità Il giudice del rinvio ha l obbligo di ottemperare ai principi enunciati nella pronunzia di legittimità. Corte di Cassazione Sez. V Penale 16 Gennaio 2014, n 1701 (Pres. Lombardi; Rel. De Berardinis) 12

13 Penale Reato di furto Furto in un supermercato Superamento della barriera delle casse Impossessamento delle merci notata dagli addetti ai controlli Furto tentato Escluso Furto consumato Sussiste Secondo il più recente indirizzo giurisprudenziale, costituisce furto consumato e non tentato quello che si commette all atto del superamento della barriera delle casse con prodotti prelevati dai banchi e sottratti al pagamento. È privo di rilievo il fatto che l azione si possa essere verificata sotto il costante controllo del personale del servizio di vigilanza 10. Il momento consumativo del reato di furto va ravvisato nell impossessamento compiuto dall agente occultando la merce in maniera tale da eludere i controlli del personale addetto alla sorveglianza, vale a dire asportando le placche antitaccheggio, mentre il superamento della barriera delle casse rivela la volontà di non provvedere al pagamento dovuto 11. Corte di Cassazione Sez. II Penale 15 Gennaio 2014, n 1401 Penale Ricorso per Cassazione Teoria dell autosufficienza del ricorso 10 Cass., Sez. V, 19/01/2011, n. 7086; Cass., n /2010; Cass., n /2010; 11 Cass., Sez. V, 30/03/2012, n ; 13

14 In tema di ricorso per Cassazione, anche in sede penale trova applicazione la teoria dell autosufficienza del ricorso elaborata per il processo civile. Da ciò ne deriva che quando i motivi riguardano precisi atti processuali, di cui si sostiene sia stata omessa o travisata una compiuta valutazione, spetta al ricorrente procedere alla allegazione o alla completa trascrizione del contenuto degli atti specificamente indicati, dal momento che anche in sede penale è precluso al giudice di legittimità l esame diretto degli atti del processo. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 14 Gennaio 2014, n 1248 (Pres. Serpico; Rel. Di Stefano) Penale Reati contro la pubblica amministrazione Uso del telefono d ufficio per fini personali Peculato D uso Condizioni Il pubblico ufficiale o l incaricato di un pubblico servizio, risponde del reato di peculato d uso se utilizza il telefono d ufficio per fini personali al di fuori dei casi d urgenza o di specifiche e legittime autorizzazioni, e tale uso produce un danno apprezzabile al patrimonio della Pubblica Amministrazione o di terzi, ovvero una lesione concreta alla funzionalità dell ufficio. Al contrario, è penalmente irrilevante qualora non presenti conseguenze economicamente e funzionalmente significative Cass., S.U., 20/12/2012, n ; 14

15 Corte di Cassazione Sez. V Penale 10 Gennaio 2014, n 646 (Pres. Ferrua; Rel. Demarchi Albengo) Penale Avvocato Avvocato non iscritto all albo Esercizio abusivo della professione Integra il reato di esercizio abusivo della professione di avvocato la condotta di chi, conseguita l abilitazione statale, eserciti l attività professionale prima di aver ottenuto l iscrizione all albo professionale 13. L esercizio abusivo della professione legale, non implica necessariamente la spendita al cospetto del giudice o di altro pubblico ufficiale della qualità indebitamente assunta, sicché il reato si perfeziona per il solo fatto che l agente curi pratiche legali dei clienti o predisponga ricorsi anche senza comparire in udienza qualificandosi come avvocato. Quando questa condotta si accompagna alla prima, viene leso anche il bene giuridico della fede pubblica 14. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 10 Gennaio 2014, n 691 (Pres. Sirena; Rel. Bianchi Penale Legittima difesa Uso delle armi Limiti 13 Cass., Sez. VI, 19/01/2011, n ; 14 Cass., Sez. II, 06/04/2004, n ; 15

16 Non ogni pericolo che si concretizza nell ambito del domicilio giustifica la reazione difensiva, restano fermi i requisiti del pericolo attuale di offesa ingiusta, da un lato, costrizione e necessità della difesa, dall altro. La reazione a difesa dei beni è legittima solo quando non vi sia desistenza ed anzi sussista un pericolo attuale per l incolumità fisica dell aggredito o di altri. Pertanto, la causa di giustificazione prevista dall art. 52, comma 2, c.p., così come modificato dall art. 1 L.13/02/2006, n. 59, non permette una indiscriminata reazione nei confronti del soggetto che si introduce fraudolentemente nella propria dimora, ma presuppone un attacco, nell ambiente domestico, alla propria o all altrui incolumità, o quanto meno un pericolo di aggressione. Corte di Cassazione Sez. V Penale 9 Gennaio 2014, n 599 (Pres. Lombardi; Rel. Lignola) Penale Pronto soccorso Registro di accettazione - Atto pubblico Secondo giurisprudenza di legittimità, il registro tenuto presso il reparto di pronto soccorso dei pubblici ospedali rientra tra gli atti che fanno prova fino a querela di falso, in quanto destinato a garantire pubblica certezza in merito al numero, alle caratteristiche ed alle modalità esecutive degli interventi ivi operati. 16

17 Corte di Cassazione Sez. V Penale 9 Gennaio 2014, n 585 (Pres. Bevere; Rel. De Marzo) Penale Ex coniuge apre la corrispondenza dell ex partner - Reato di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza Sussiste Risponde del reato di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, colui che sottrae la corrispondenza bancaria inviata al coniuge per produrla nel giudizio civile di separazione. Corte di Cassazione Sez. V Penale 9 Gennaio 2014, n 581 (Pres. Bevere; Rel. De Marzo) Penale Dipendente Divieto del titolare di trattenersi nello studio nella pausa pranzo Violazione di domicilio Risponde del reato di violazione di domicilio il dipendente che, seppur in possesso delle chiavi, contravvenendo al divieto del titolare dello studio, durante la pausa pranzo torna e si intrattiene con una terza persona in studio. 17

18 Corte di Cassazione Sez. II Penale 8 Gennaio 2014, n 284 (Pres. Petti; Rel. De Crescienzo) Penale Procedura penale Difensore Legittimo impedimento Istanza di rinvio Invio per fax Escluso È inammissibile l istanza di rinvio dell udienza per legittimo impedimento del difensore trasmessa via fax, perché l art. 121 c.p.p. prevede l obbligo per le parti di presentare memorie e le richieste rivolte al magistrato devono essere depositate in cancelleria, dal momento che il ricorso al telefax è riservato ai funzionari di cancelleria. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 18

19 MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. II penale 20 Dicembre 2013, n (Pres. Petti; Rel. Iannelli) Penale Delitti contro il patrimonio - Tentata rapina Desistenza volontaria - Esclusa Sussiste il reato di tentata rapina e non di desistenza volontaria, qualora la condotta si arresti per cause indipendenti dalla determinazione dell agente 15. Corte di Cassazione Sez. I Penale 19 Dicembre 2013, n Penale Misure di prevenzione - Sequestro conservativo Indennità di occupazione È legittima l imposizione di una indennità di occupazione a carico del terzo titolare del bene in sequestro in assenza dei presupposti per procedere all applicazione dei provvedimenti di favore previsti dall art. 47 L.F., vale a dire lo stato di bisogno. 15 Nella fattispecie:<< il rapinatore trova il registratore di cassa vuoto e va via>> La desistenza volontaria richiede che il soggetto attivo arresti, per volontaria iniziativa, la propria condotta delittuosa prima del completamento dell azione esecutiva, impedendo così l evento; 19

20 Corte di Cassazione Sez. VI Penale 18 Dicembre 2013, n (Pres. Garribba; Rel. Serpico) Penale Delitti contro la famiglia Mantenimento Stato di disoccupazione dell ex coniuge tenuto a versare il mantenimento Violazione degli obblighi di assistenza familiare Sussiste La certificazione dello stato di disoccupazione, in assenza di comprovati elementi attestanti il necessario e dovuto impegno dell ex coniuge alla ricerca di un lavoro anche se modestamente retribuito, non giustifica il mancato versamento dell assegno di mantenimento con conseguente violazione degli obblighi di assistenza familiare. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 16 Dicembre 2013, n (Pres. Bianchi; Rel. Savino) Penale Cooperativa Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) Datore di lavoro Responsabile valutazione dei rischi e predisposizione delle misure di prevenzione e protezione In materia di infortuni sul lavoro, il datore di lavoro non può andare esente da responsabilità, sostenendo che vi è stata una delega di funzioni a tal fine 20

21 utile, soltanto perché ha provveduto a designare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione. La presenza di un RSPP, obbligatoria ai sensi dell art. 8 del dlgs 626/1994, ha solo la funzione di ausilio finalizzata a supportare ma non a sostituire il datore di lavoro nell individuazione dei fattori di rischio nella lavorazione, nella scelta delle procedure di sicurezza e nelle pratiche di informazione e di formazione dei dipendenti. Pertanto, il datore di lavoro, malgrado la nomina di un RSPP, conserva l obbligo di effettuare la valutazione dei rischi e di elaborare il documento relativo alle misure di prevenzione e protezione. Corte di Cassazione Sez. II Penale 12 Dicembre 2013, n (Pres. Petti; Rel. Iannelli) Penale Delitti contro il patrimonio - Lavoro Lavoratore - Datore di lavoro Corresponsione di trattamenti retributivi non adeguati Minaccia di licenziamento Reato di estorsione - Sussiste Integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro che, per costringere i suoi dipendenti ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, e più in generale condizioni di lavoro contrarie alle leggi ed ai contratti collettivi, li minacci di licenziamento. 21

22 L ingiustizia del profitto in tale condotta è in re ipsa, riferita alle prestazioni non corrisposte, che si traducono anche nell ingiustizia del licenziamento. Corte di Cassazione Sez. II Penale 9 Dicembre 2013, n (Pres. A. Esposito; Rel. G. Rago) Penale Delitti contro il patrimonio - Vendita di titoli obbligazionari Truffa Il delitto di truffa, nella forma cosiddetta contrattuale, che ha ad oggetto la vendita di titoli obbligazionari, si consuma non nel momento in cui il soggetto passivo, per effetto degli artifici o raggiri, assume l obbligazione della dazione di un bene economico, ma nel momento in cui il suddetto soggetto perde definitivamente il bene acquistato e cioè nell istante in cui è dichiarato il default 16 del soggetto emittente. Nel momento del default il danno è certo, sia per le obbligazioni già scadute che per quelle che devono ancora scadere, anche se resta incerto il quantum che è, necessariamente, quantificato successivamente quando si appura se e in che misura il debito derivante dalle obbligazioni non pagate può essere pagato. 16 Momento in cui il debitore, vale a dire l emittente i Bond (obbligazioni emesse sia da Stati sovrani e sia da società di capitali), dichiara di non essere più in grado di assolvere alle proprie obbligazioni scadute e non. 22

23 Corte di Cassazione Sez. V Penale 20 Novembre 2013, n Penale Circolazione stradale Decurtazione punti sulla patente Automobilista fornisce alla polizia il nome di altra persona Reato di falso ideologico Sussiste Risponde del reato di falso ideologico, l automobilista che fornisce alla polizia, al fine di evitare la decurtazione dei punti sulla patente, il nome di altra persona come effettiva conducente del veicolo. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 23

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537 (Pres. E. Lupo; Est. A. Fiale) Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a danno dello Stato - Indebita

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

MASSIME CIVILE PROCEDURA CIVILE. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 27 Settembre 2013, n 22240 (Pres.

MASSIME CIVILE PROCEDURA CIVILE. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 27 Settembre 2013, n 22240 (Pres. MASSIME CIVILE PROCEDURA CIVILE Corte di Cassazione Sez. VI civ. 27 Settembre 2013, n 22240 (Pres. Goldoni; Rel. Giusti Procedura civile Lite temeraria Inosservanza del dovere di lealtà e probità - Ricorrenza

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Roselli; Rel. A. Manna) Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente Demansionamento Soppressione del posto Licenziamento

Dettagli

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30 Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza UNA ISTANZA ORIGINALE COMPLETA DI TUTTI I DOCUMENTI E COMPILATA

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 1 Ottobre 2012, n 16636. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Trattamento di fine

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 1 Ottobre 2012, n 16636. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Trattamento di fine MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 1 Ottobre 2012, n 16636 Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Trattamento di fine rapporto Nel trattamento di fine rapporto è compreso il controvalore dell

Dettagli

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 Circolazione stradale Incertezze del vigile nella descrizione dell automobile nel verbale di infrazione Multa

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA)

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA) AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA) ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO ( D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115 - legge

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA)

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA) AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA) ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO ( D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115 - legge 24 febbraio 2005,

Dettagli

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Maggio 2013, n 21262 (Pres. Penale Procedura penale - Difensore Avanzato stato di gravidanza

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Maggio 2013, n 21262 (Pres. Penale Procedura penale - Difensore Avanzato stato di gravidanza MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Maggio 2013, n 21262 (Pres. Zecca, Rel. Vessichelli) Penale Procedura penale - Difensore Avanzato stato di gravidanza Legittimo impedimento Non sussiste

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 Il sottoscritto/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. professione

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 2 Gennaio 2013, n 6 (Pres. P. Venuti; Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato - Licenziamento per

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 2 Gennaio 2013, n 6 (Pres. P. Venuti; Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato - Licenziamento per MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 2 Gennaio 2013, n 6 (Pres. P. Venuti; Rel. E. D Antonio) Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato - Licenziamento per giustificato motivo oggettivo Onere della

Dettagli

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. II Penale 10 Giugno 2013, n 25412 (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Certificati medici

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. II Penale 10 Giugno 2013, n 25412 (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Certificati medici MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. II Penale 10 Giugno 2013, n 25412 (Pres. Gallo; Rel. Carrelli Palombi di Montrone) Penale Delitti contro la fede pubblica Certificati medici contraffatti Invio per

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 9 BIBLIOGRAFIA... 13 AVVERTENZA... 19 CASISTICA... 21 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO 1. Gli artifici e raggiri... 23 1.1. In

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI 50 PARERI PENALE SU CASI ESAMINATI DALLA CASSAZIONE NEGLI ULTIMI ANNI con la collaborazione di Giovanna MANCA Mariangela CALÒ SOMMARIO Premessa V PARTE GENERALE

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

Il sottoscritto C. F. Prov./Stato residente a CAP Prov./Stato Via/Piazza n. Tel. e-mail. Residente in

Il sottoscritto C. F. Prov./Stato residente a CAP Prov./Stato Via/Piazza n. Tel. e-mail. Residente in ISTANZA PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI AMMINISTRATIVI CONTABILI (D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 - T. U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. Vitrone; Rel. Didone) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Assegno divorzile Quantum

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

INDICE INDICE. Premessa...p.

INDICE INDICE. Premessa...p. INDICE Premessa...p. XV I I REATI CONTRO IL MATRIMONIO E LA MORALE FAMILIARE 1 La bigamia: configurabilità del reato nell ipotesi di inefficacia del precedente matrimonio contratto all estero... 3 Introduzione...

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

MASSIME CIVILE SUCCESSIONI. Corte di Cassazione Sez. II civ. 22 Marzo 2012, n 4621 (Pres. Triola;

MASSIME CIVILE SUCCESSIONI. Corte di Cassazione Sez. II civ. 22 Marzo 2012, n 4621 (Pres. Triola; MASSIME CIVILE SUCCESSIONI Corte di Cassazione Sez. II civ. 22 Marzo 2012, n 4621 (Pres. Triola; Rel. Giusti) Successioni e donazioni Eredità Capacità di succedere - Rappresentazione Il nascituro non concepito

Dettagli

DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C.

DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C. DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C. Carnevale; Rel. M. Dogliotti) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Diagnosi di shopping

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

Parte I Il delitto di rapina

Parte I Il delitto di rapina INDICE SOMMARIO Capitolo I Premessa... pag. 1 1.1. Elementi comuni alle fattispecie in esame...» 2 1.2. Nozione di patrimonio...» 4 1.3. Altruità della cosa e del danno...» 7 1.4. Profitto e danno...»

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 22 Gennaio 2013, n 197 (Pres. Penale Delitti contro la persona Delitti contro l onore Reato

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 22 Gennaio 2013, n 197 (Pres. Penale Delitti contro la persona Delitti contro l onore Reato MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 22 Gennaio 2013, n 197 (Pres. Ferrua; Rel. Micheli) Penale Delitti contro la persona Delitti contro l onore Reato d ingiuria Risponde del reato d ingiuria

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Di Palma; Rel. Acierno) Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della separazione Ripresa della convivenza

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 418321 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 418321 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 418321 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.it PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NEI GIUDIZI CIVILI E AFFARI DI VOLONTARIA

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.it PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NEI GIUDIZI CIVILI E AFFARI DI VOLONTARIA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Corte di Cassazione Sentenza n. 12516/2012

Corte di Cassazione Sentenza n. 12516/2012 Violazione dell obbligo di assistenza familiare Non è penalmente rilevante una condotta di omessa assistenza materiale che attenga a una mancata contribuzione economica che tuttavia non si risolva nell

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo) Assegnazione della casa familiare Box auto Assenza del vincolo pertinenziale-

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres.

MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres. MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres. G.M. Berruti; Rel. G. Carleo) Obbligazioni e contratti Giocata Biglietto vincente Smarrimento del

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111 Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità Le visite fiscali per il controllo della malattia servono ad appurare l inidoneità momentanea del dipendente pubblico a svolgere la propria prestazione lavorativa;

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Protocollo comunale Marca da Bollo Legge Regionale 28 novembre 2003, n. 23, art. 30 e ss.mm.ii. CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

MASSIME DIRITTO CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. III civ. 14 Febbraio 2013, n 3660 (Pres. F.

MASSIME DIRITTO CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. III civ. 14 Febbraio 2013, n 3660 (Pres. F. MASSIME DIRITTO CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE Corte di Cassazione Sez. III civ. 14 Febbraio 2013, n 3660 (Pres. F. Uccella; Rel. G. Giacalone) Avvocato e procuratore Avvocato Lite conclusasi con una transazione

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

ISTANZA PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI, AMMINISTRATIVI, CONTABILI

ISTANZA PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI, AMMINISTRATIVI, CONTABILI ISTANZA PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI, AMMINISTRATIVI, CONTABILI (D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 - T. U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori

Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori IN CARTA LIBERA Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori Oggetto: Domanda per la selezione dei soggetti interessati ad accedere all'intervento

Dettagli

Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio

Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio info@sav.bs.it Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio Convegno di formazione specialistica S. PIERO A GRADO (PI) 23 e 24 settembre 2010 La nozione di PUBBLICO UFFICIALE si ricava dall

Dettagli

DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO

DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO ALLEGATO: GUIDA PER I RICHIEDENTI IL GRATUITO PATROCINIO E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà sui requisiti di onorabilità articolo 6 del regolamento (CE) 1071/2009, art. 6 co. 2 DD n. 291/11 Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

Il sottoscritto CHIEDE

Il sottoscritto CHIEDE Iscrizione di diritto, A DOMANDA, al ruolo provinciale dei conducenti di veicoli o natanti adibiti a servizi di trasporto pubblico non di linea, ai sensi dell art. 11 della Legge Regionale n. 3 del 21/02/2011

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI DISPENSA DISCIPLINATO DAGLI ARTT. 12-13 - 14 D. LGS. n. 96/2001 (approvato con delibera del 9 luglio 2012) * * * Il Consiglio

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO L) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale, C.F. 01386030488 Via di Novoli, 26 50127

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI 50 PARERI PENALE SU CASI ESAMINATI DALLA CASSAZIONE NEGLI ULTIMI ANNI con la collaborazione di LUANA BENNETTI MARIANGELA CALÒ ALESSANDRO CARRA VINCENZA RAGANATO

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli