MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 5 Dicembre 2013, n (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Medico Reato di falso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 5 Dicembre 2013, n 48803 (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Medico Reato di falso"

Transcript

1 MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 5 Dicembre 2013, n (Pres. G. Marasca; Rel. C. Zaza) Penale Delitti contro la fede pubblica Medico Reato di falso ideologico in atti pubblici Risponde del reato di falso ideologico in atto pubblico, il medico che sottoscrive, falsamente, ricette riconducibili ad altro collega convenzionato ASL, dal momento che è assolutamente irrilevante la mancanza di un movente, essendo il dolo generico che contraddistingue il reato di falso. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 4 Dicembre 2013, n (Pres. A. Di Virginio; Rel. T. Garribba) Penale Delitti contro la famiglia Figli Mantenimento Mancato versamento dell assegno ad opera di uno dei due genitori Incapacità economica Non è sufficiente l allegazione di difficoltà economiche per escludere la responsabilità del soggetto obbligato a versare il mantenimento, ma occorre la dimostrazione, il cui onere spetta all interessato, che tali difficoltà si 1

2 sono tradotte in uno stato di vera e propria indigenza economica e, pertanto, nell impossibilità di adempiere l obbligazione 1. L esistenza di condizioni economiche precarie addotte ma non provate, non assolve dal reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 4 Dicembre 2013, n Penale Delitti contro la famiglia - Figli Mantenimento Mancato versamento dell assegno periodico ad opera di uno dei due genitori Violazione degli obblighi di assistenza familiare Sussiste Entrambi i genitori hanno l obbligo, anche dopo la separazione, di provvedere al mantenimento ed a non far mancare i mezzi di sussistenza primari ai figli. Da tale onere non è esonerato neppure il genitore che versi in condizioni economiche precarie, che in caso contrario risponde del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, né costituisce valida giustificazione il fatto che al mantenimento provvede già l altro genitore. Corte di Cassazione Sez. II Penale 3 Dicembre 2013, n (Pres. Esposito; Rel. Di Marzio) 1 Cass., 08/02/2012, n. 8063; Cass., Sez. VI, 06/10/2011, n. 673; 2

3 Penale Impiegato statale Certificati medici con firma falsa Reato di truffa e falso ai danni della P.A. Risponde del reato di truffa e falso ai danni della pubblica amministrazione l impiegato statale che, attraverso raggiri e artifici consistiti nella presentazione di certificati medici con firma falsa attestanti un inesistente stato di malattia, non prestava la propria attività lavorativa pur facendosi corrispondere la retribuzione. Corte di Cassazione Sez. II Penale 3 Dicembre 2013, n (Pres. Esposito; Rel. Iannelli) Penale Acquisto di bene immobile Netta sproporzione tra redditi e patrimonio Sequestro preventivo di beni confiscabili Legittimo Legittimo il sequestro preventivo di beni confiscabili. In caso di acquisto di bene immobile, la netta sproporzione tra il patrimonio nel suo complesso ed il reddito o le attività economiche del soggetto rileva quale elemento indiziario allorché nel periodo di acquisto del bene la parte non è stata in grado di fornire giustificazione sicura circa la liceità del valore speso per l acquisto del singolo bene. Corte di Cassazione Sez. III Penale 3 Dicembre 2013, n (Pres. Squassoni; Rel. Amoresano) 3

4 Penale Abuso edilizio Proprietario Responsabilità Condizioni Secondo consolidata giurisprudenza di legittimità, in materia di edilizia non può essere attribuito ad un soggetto, per il solo fatto di essere proprietario di un area, un dovere di controllo dalla cui violazione derivi una responsabilità penale per costruzione abusiva. Il solo fatto di essere proprietario o comproprietario del terreno su cui vengono svolti lavori edilizi illeciti, pur potendo costituire un indizio grave, non basta ad affermare la responsabilità penale. La responsabilità, per violazione dell art. 20 L. 47/1985, può essere attribuita al proprietario sulla base di valutazioni fattuali, quali l accertamento che questi abiti nello stesso territorio comunale ove è stata eretta la costruzione abusiva, che sia stato individuato sul luogo, che sia destinatario finale dell opera, che abbia presentato richiesta di provvedimenti abilitativi anche in sanatoria 2. Ancora, grava sull interessato l onere di allegare circostanze utili a convalidare la tesi che si tratti di opere realizzate da terzi a sua insaputa e in assenza della sua volontà 3. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 2 Dicembre 2013, n (Pres. Brusco; Rel. Blaiotta) 2 Cass., Sez. III Penale, 13/07/2005, n ; Cass., Sez. III Penale, 20/01/2004, n. 9536; 3 Cass., Sez. III Penale, 19/09/2008, n ; Cass., Sez. III Penale, 30/05/2012, n ; 4

5 Penale Delitti contro la persona Medico Omicidio colposo È responsabile di omicidio colposo e non di colpa lieve, il medico che in presenza di sintomatologia sospetta e di esame che evidenzia anomalie indicative di possibile sofferenza ischemica, non provvede a disporre il ricovero e gli approfondimenti del caso, ma dimette il paziente che decede nei giorni successivi. Corte di Cassazione Sez. III Penale 2 Dicembre 2013, n (Pres. A. Teresi; Rel. L. Orilia) Penale Delitti contro la persona - File pedopornografici Uso di programma di file sharing Diffusione di materiale pedopornografico Secondo giurisprudenza di legittimità, perché vi sia il dolo del reato di cui all art. 600 ter c.p., comma 3, occorre dimostrare che il soggetto abbia avuto, non soltanto la volontà di procurarsi materiale pedopornografico, ma anche la specifica volontà di distribuirlo, divulgarlo, diffonderlo o pubblicizzarlo, desumibile da elementi specifici e ulteriori rispetto al mero uso di un programma di file sharing 4. 4 Cass., Sez. III Penale, 12/01/2010, n ; File sharing è la condivisione di file all interno di una rete. Programmi sharing sono utilizzati direttamente o indirettamente per trasferire file da un computer ad un altro su internet o su reti aziendali intranet. 5

6 Corte di Cassazione Sez. II Penale 2 Dicembre 2013, n Procedura penale Misure cautelari reali - Sproporzione tra patrimonio e redditi - Sequestro preventivo È legittimo il sequestro preventivo in caso di evidente sproporzione tra patrimonio e redditi. Il giudizio di sproporzione tra i redditi ed il valore dei beni, deve fare riferimento, quanto a questi ultimi, a quelli sottoposti alla misura, però è altrettanto vero che la sproporzione dei primi rispetto al patrimonio complessivo rileva quale concorrente elemento indiziario nel momento in cui nel periodo di acquisto del bene vincolato la parte non è in grado di giustificare la liceità del valore speso per l acquisto del singolo bene. Corte di Cassazione Sez. III Penale 29 Novembre 2013, n Penale Delitti contro il patrimonio - Avvocato trattiene le somme spettanti al suo cliente - Reato di appropriazione indebita Sussiste Risponde del reato di appropriazione indebita l avvocato che all esito della causa provvede a trattenere le somme spettanti al suo cliente, sostenendo che gli doveva del denaro a titolo di compenso professionale. 6

7 Corte di Cassazione Sez. II Penale 27 Novembre 2013, n (Pres. Petti; Rel. Fiandanese) Penale Delitti contro la pubblica amministrazione - Esenzione dal pagamento del ticket sanitario - Autocertificazione mendace Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato Integra il reato di indebita percezione di erogazioni in danno dello Stato la falsa attestazione circa le condizioni reddituali per l esenzione dal pagamento del ticket per prestazioni sanitarie ed ospedaliere che non induca in errore ma determini al provvedimento di esenzione sulla base della corretta rappresentazione dell esistenza dell attestazione stessa. Si ha erogazione anche in assenza di elargizione qualora il richiedente ottiene un vantaggio economico che viene posto a carico della comunità 5. Corte di Cassazione Sez. V Penale 26 Novembre 2013, n (Pres. Zecca; Rel. Oldi) Penale Delitti contro la persona - Reato di violenza privata Risponde del reato di violenza privata, colui che pone in essere un comportamento tale da integrare la coercizione della persona offesa, impedita a porre liberamente in atto ciò che si era proposta 6. 5 Cass., Sez. Unite, 25/02/2011, n. 7537: 6 Nella fattispecie:<<ex convivente impedisce alla propria compagna di chiamare i carabinieri, dapprima strappando il telefono dalla presa e lanciandolo al muro e 7

8 Corte di Cassazione Sez. V Penale 26 Novembre 2013, n (Pres. Zecca; Rel. Bevere) Penale Delitti contro la fede pubblica - Reato di falso ideologico Risponde del reato di falso ideologico, il medico che provvede ad annotare sulla cartella clinica la condizione della paziente relativa ad un momento in cui non era in servizio. Corte di Cassazione Sez. Feriale Penale 18 Novembre 2013, n Penale Delitti contro il patrimonio Famiglia Matrimonio Sparizione del mobilio ad opera di uno dei due coniugi prima della separazione- Appropriazione indebita - Non sussiste Non commette reato di appropriazione indebita il coniuge che prima della separazione provvede a trasferire tutto il mobilio in una località ignota all altra parte, in quanto il fatto è commesso in danno del coniuge non ancora legalmente separato 7. Corte di Cassazione Sez. III Penale 14 Novembre 2013, n successivamente strappandole il cellulare dalle mani per poi scagliarlo sul pavimento>>. 7 Nella fattispecie:<<marito svuota la casa coniugale dei mobili, lasciandola così inabitabile alla moglie ed alla figlia>>; 8

9 Penale Reato di atti persecutori - Reazione della vittima Stalking Può sussistere Il reato di stalking permane anche quando la vittima abbia reagito fronteggiando energicamente lo stalker, in quanto la reazione dello stalkizzato non fa venir meno l evento richiesto dalla norma incriminatrice, non potendosi accettare l idea di una vittima inerme ed alla mercé del suo molestatore ed incapace di reagire. Comunque, in tale ipotesi spetta al magistrato valutare con maggiore oculatezza ed attenzione, quale conseguenza del comportamento di ciascuno, lo stato d ansia o di paura della presunta persona offesa, o il suo effettivo timore per l incolumità propria o delle persone a lei vicine o la necessità del mutamento delle abitudini di vita. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 9

10 MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 17 Gennaio 2014, n 2149 (Pres. Oldi; rel. Lignola) Penale Delitti contro la persona Famiglia Coniuge incapace di provvedere a se stesso Abbandono Il coniuge che lascia il proprio/a partner gravemente malato, incapace di provvedere a se stesso, risponde del reato di abbandono con l aggravante dell aver agito in qualità di coniuge. In tema di abbandono di persona incapace, l elemento materiale è costituito da qualunque azione o omissione contrastante con il dovere giuridico di custodia che grava sul soggetto agente e da cui derivi uno stato di pericolo anche potenziale per l incolumità dello stesso incapace. Di conseguenza, l interesse giuridico della norma deve considerarsi violato anche quando l abbandono sia solo relativo e potenziale 8. Corte di Cassazione Sez. Penale 17 Gennaio 2014, n Cass., Sez. II, 06/12/2012, n , Cass., Sez. V, 23/02/2005, n ; Nella fattispecie:<<la moglie lascia il marito incapace di provvedere a se stesso, a causa di una malattia genetica degenerativa, di cui la donna era a conoscenza già prima del matrimonio, dopo aver incassato la pensione ed i relativi arretrati, facendo ritorno a casa solo dopo molto tempo>>; 10

11 Penale Società online Localizzazione della piattaforma tecnologica Residenza fiscale Non è ipotizzabile il reato di omessa dichiarazione nei confronti di quelle società straniere che operano in Italia, mediante piattaforme web situate all estero, perché anche se i clienti online sono italiani e l attività è svolta in Italia, sula base di una regolare concessione rilasciata dallo Stato italiano, non è possibile accertare la residenza fiscale nel nostro Paese. L aver ottenuto una regolare concessione in Italia non è sufficiente a configurare l oggetto sociale in Italia. Il dato formale della nazionalità della concessione o del mercato di riferimento non si concilia con la definizione di oggetto principale, il quale, invece, coincide con l attività realmente svolta 9. La concessione rappresenta esclusivamente un presupposto per poi svolgere concretamente l attività. Ancora, nessun rilievo assume ai fini dell accertamento della residenza fiscale il fatto che l attività di assistenza online ai clienti si esegue in Italia, in quanto trattasi di attività meramente ausiliaria rispetto alla gestione della piattaforma web necessaria per l esercizio dell attività. Corte di Cassazione Sez. III Penale 17 Gennaio 2014, n 1826 Penale Avvocato Sciopero Rinvio dell udienza 9 Nella fattispecie:<< gestione della piattaforma di gioco online interamente svolta a Malta>> 11

12 Il magistrato, in caso di sciopero dell avvocato, tempestivamente comunicato alla cancelleria, è tenuto a rinviare l udienza, anche nella eventualità in cui il procedimento non preveda la presenza obbligatoria dell avvocato. In caso contrario, il diritto di astensione sarebbe condizionato dalla scelta che il legale si vedrebbe costretto a fare tra lasciare il proprio assistito senza difesa o rinunciare al proprio diritto di sciopero. Il rinvio dell udienza, anche quando non è obbligatoria la presenza del difensore, ha come fine quello di assicurare al legale il diritto di presenziare all udienza a partecipazione facoltativa. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 16 Gennaio 2014, n 1760 (Pres. Brusco; Rel. Blaiotta) Penale Procedura penale Cassazione Giudice del rinvio Pronuncia di legittimità Il giudice del rinvio ha l obbligo di ottemperare ai principi enunciati nella pronunzia di legittimità. Corte di Cassazione Sez. V Penale 16 Gennaio 2014, n 1701 (Pres. Lombardi; Rel. De Berardinis) 12

13 Penale Reato di furto Furto in un supermercato Superamento della barriera delle casse Impossessamento delle merci notata dagli addetti ai controlli Furto tentato Escluso Furto consumato Sussiste Secondo il più recente indirizzo giurisprudenziale, costituisce furto consumato e non tentato quello che si commette all atto del superamento della barriera delle casse con prodotti prelevati dai banchi e sottratti al pagamento. È privo di rilievo il fatto che l azione si possa essere verificata sotto il costante controllo del personale del servizio di vigilanza 10. Il momento consumativo del reato di furto va ravvisato nell impossessamento compiuto dall agente occultando la merce in maniera tale da eludere i controlli del personale addetto alla sorveglianza, vale a dire asportando le placche antitaccheggio, mentre il superamento della barriera delle casse rivela la volontà di non provvedere al pagamento dovuto 11. Corte di Cassazione Sez. II Penale 15 Gennaio 2014, n 1401 Penale Ricorso per Cassazione Teoria dell autosufficienza del ricorso 10 Cass., Sez. V, 19/01/2011, n. 7086; Cass., n /2010; Cass., n /2010; 11 Cass., Sez. V, 30/03/2012, n ; 13

14 In tema di ricorso per Cassazione, anche in sede penale trova applicazione la teoria dell autosufficienza del ricorso elaborata per il processo civile. Da ciò ne deriva che quando i motivi riguardano precisi atti processuali, di cui si sostiene sia stata omessa o travisata una compiuta valutazione, spetta al ricorrente procedere alla allegazione o alla completa trascrizione del contenuto degli atti specificamente indicati, dal momento che anche in sede penale è precluso al giudice di legittimità l esame diretto degli atti del processo. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 14 Gennaio 2014, n 1248 (Pres. Serpico; Rel. Di Stefano) Penale Reati contro la pubblica amministrazione Uso del telefono d ufficio per fini personali Peculato D uso Condizioni Il pubblico ufficiale o l incaricato di un pubblico servizio, risponde del reato di peculato d uso se utilizza il telefono d ufficio per fini personali al di fuori dei casi d urgenza o di specifiche e legittime autorizzazioni, e tale uso produce un danno apprezzabile al patrimonio della Pubblica Amministrazione o di terzi, ovvero una lesione concreta alla funzionalità dell ufficio. Al contrario, è penalmente irrilevante qualora non presenti conseguenze economicamente e funzionalmente significative Cass., S.U., 20/12/2012, n ; 14

15 Corte di Cassazione Sez. V Penale 10 Gennaio 2014, n 646 (Pres. Ferrua; Rel. Demarchi Albengo) Penale Avvocato Avvocato non iscritto all albo Esercizio abusivo della professione Integra il reato di esercizio abusivo della professione di avvocato la condotta di chi, conseguita l abilitazione statale, eserciti l attività professionale prima di aver ottenuto l iscrizione all albo professionale 13. L esercizio abusivo della professione legale, non implica necessariamente la spendita al cospetto del giudice o di altro pubblico ufficiale della qualità indebitamente assunta, sicché il reato si perfeziona per il solo fatto che l agente curi pratiche legali dei clienti o predisponga ricorsi anche senza comparire in udienza qualificandosi come avvocato. Quando questa condotta si accompagna alla prima, viene leso anche il bene giuridico della fede pubblica 14. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 10 Gennaio 2014, n 691 (Pres. Sirena; Rel. Bianchi Penale Legittima difesa Uso delle armi Limiti 13 Cass., Sez. VI, 19/01/2011, n ; 14 Cass., Sez. II, 06/04/2004, n ; 15

16 Non ogni pericolo che si concretizza nell ambito del domicilio giustifica la reazione difensiva, restano fermi i requisiti del pericolo attuale di offesa ingiusta, da un lato, costrizione e necessità della difesa, dall altro. La reazione a difesa dei beni è legittima solo quando non vi sia desistenza ed anzi sussista un pericolo attuale per l incolumità fisica dell aggredito o di altri. Pertanto, la causa di giustificazione prevista dall art. 52, comma 2, c.p., così come modificato dall art. 1 L.13/02/2006, n. 59, non permette una indiscriminata reazione nei confronti del soggetto che si introduce fraudolentemente nella propria dimora, ma presuppone un attacco, nell ambiente domestico, alla propria o all altrui incolumità, o quanto meno un pericolo di aggressione. Corte di Cassazione Sez. V Penale 9 Gennaio 2014, n 599 (Pres. Lombardi; Rel. Lignola) Penale Pronto soccorso Registro di accettazione - Atto pubblico Secondo giurisprudenza di legittimità, il registro tenuto presso il reparto di pronto soccorso dei pubblici ospedali rientra tra gli atti che fanno prova fino a querela di falso, in quanto destinato a garantire pubblica certezza in merito al numero, alle caratteristiche ed alle modalità esecutive degli interventi ivi operati. 16

17 Corte di Cassazione Sez. V Penale 9 Gennaio 2014, n 585 (Pres. Bevere; Rel. De Marzo) Penale Ex coniuge apre la corrispondenza dell ex partner - Reato di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza Sussiste Risponde del reato di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, colui che sottrae la corrispondenza bancaria inviata al coniuge per produrla nel giudizio civile di separazione. Corte di Cassazione Sez. V Penale 9 Gennaio 2014, n 581 (Pres. Bevere; Rel. De Marzo) Penale Dipendente Divieto del titolare di trattenersi nello studio nella pausa pranzo Violazione di domicilio Risponde del reato di violazione di domicilio il dipendente che, seppur in possesso delle chiavi, contravvenendo al divieto del titolare dello studio, durante la pausa pranzo torna e si intrattiene con una terza persona in studio. 17

18 Corte di Cassazione Sez. II Penale 8 Gennaio 2014, n 284 (Pres. Petti; Rel. De Crescienzo) Penale Procedura penale Difensore Legittimo impedimento Istanza di rinvio Invio per fax Escluso È inammissibile l istanza di rinvio dell udienza per legittimo impedimento del difensore trasmessa via fax, perché l art. 121 c.p.p. prevede l obbligo per le parti di presentare memorie e le richieste rivolte al magistrato devono essere depositate in cancelleria, dal momento che il ricorso al telefax è riservato ai funzionari di cancelleria. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 18

19 MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. II penale 20 Dicembre 2013, n (Pres. Petti; Rel. Iannelli) Penale Delitti contro il patrimonio - Tentata rapina Desistenza volontaria - Esclusa Sussiste il reato di tentata rapina e non di desistenza volontaria, qualora la condotta si arresti per cause indipendenti dalla determinazione dell agente 15. Corte di Cassazione Sez. I Penale 19 Dicembre 2013, n Penale Misure di prevenzione - Sequestro conservativo Indennità di occupazione È legittima l imposizione di una indennità di occupazione a carico del terzo titolare del bene in sequestro in assenza dei presupposti per procedere all applicazione dei provvedimenti di favore previsti dall art. 47 L.F., vale a dire lo stato di bisogno. 15 Nella fattispecie:<< il rapinatore trova il registratore di cassa vuoto e va via>> La desistenza volontaria richiede che il soggetto attivo arresti, per volontaria iniziativa, la propria condotta delittuosa prima del completamento dell azione esecutiva, impedendo così l evento; 19

20 Corte di Cassazione Sez. VI Penale 18 Dicembre 2013, n (Pres. Garribba; Rel. Serpico) Penale Delitti contro la famiglia Mantenimento Stato di disoccupazione dell ex coniuge tenuto a versare il mantenimento Violazione degli obblighi di assistenza familiare Sussiste La certificazione dello stato di disoccupazione, in assenza di comprovati elementi attestanti il necessario e dovuto impegno dell ex coniuge alla ricerca di un lavoro anche se modestamente retribuito, non giustifica il mancato versamento dell assegno di mantenimento con conseguente violazione degli obblighi di assistenza familiare. Corte di Cassazione Sez. IV Penale 16 Dicembre 2013, n (Pres. Bianchi; Rel. Savino) Penale Cooperativa Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) Datore di lavoro Responsabile valutazione dei rischi e predisposizione delle misure di prevenzione e protezione In materia di infortuni sul lavoro, il datore di lavoro non può andare esente da responsabilità, sostenendo che vi è stata una delega di funzioni a tal fine 20

21 utile, soltanto perché ha provveduto a designare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione. La presenza di un RSPP, obbligatoria ai sensi dell art. 8 del dlgs 626/1994, ha solo la funzione di ausilio finalizzata a supportare ma non a sostituire il datore di lavoro nell individuazione dei fattori di rischio nella lavorazione, nella scelta delle procedure di sicurezza e nelle pratiche di informazione e di formazione dei dipendenti. Pertanto, il datore di lavoro, malgrado la nomina di un RSPP, conserva l obbligo di effettuare la valutazione dei rischi e di elaborare il documento relativo alle misure di prevenzione e protezione. Corte di Cassazione Sez. II Penale 12 Dicembre 2013, n (Pres. Petti; Rel. Iannelli) Penale Delitti contro il patrimonio - Lavoro Lavoratore - Datore di lavoro Corresponsione di trattamenti retributivi non adeguati Minaccia di licenziamento Reato di estorsione - Sussiste Integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro che, per costringere i suoi dipendenti ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, e più in generale condizioni di lavoro contrarie alle leggi ed ai contratti collettivi, li minacci di licenziamento. 21

22 L ingiustizia del profitto in tale condotta è in re ipsa, riferita alle prestazioni non corrisposte, che si traducono anche nell ingiustizia del licenziamento. Corte di Cassazione Sez. II Penale 9 Dicembre 2013, n (Pres. A. Esposito; Rel. G. Rago) Penale Delitti contro il patrimonio - Vendita di titoli obbligazionari Truffa Il delitto di truffa, nella forma cosiddetta contrattuale, che ha ad oggetto la vendita di titoli obbligazionari, si consuma non nel momento in cui il soggetto passivo, per effetto degli artifici o raggiri, assume l obbligazione della dazione di un bene economico, ma nel momento in cui il suddetto soggetto perde definitivamente il bene acquistato e cioè nell istante in cui è dichiarato il default 16 del soggetto emittente. Nel momento del default il danno è certo, sia per le obbligazioni già scadute che per quelle che devono ancora scadere, anche se resta incerto il quantum che è, necessariamente, quantificato successivamente quando si appura se e in che misura il debito derivante dalle obbligazioni non pagate può essere pagato. 16 Momento in cui il debitore, vale a dire l emittente i Bond (obbligazioni emesse sia da Stati sovrani e sia da società di capitali), dichiara di non essere più in grado di assolvere alle proprie obbligazioni scadute e non. 22

23 Corte di Cassazione Sez. V Penale 20 Novembre 2013, n Penale Circolazione stradale Decurtazione punti sulla patente Automobilista fornisce alla polizia il nome di altra persona Reato di falso ideologico Sussiste Risponde del reato di falso ideologico, l automobilista che fornisce alla polizia, al fine di evitare la decurtazione dei punti sulla patente, il nome di altra persona come effettiva conducente del veicolo. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 23

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta. Le notificazioni civili: istruzioni per l uso

Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta. Le notificazioni civili: istruzioni per l uso Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta Le notificazioni civili: istruzioni per l uso 175 risposte sulle notificazioni in Italia degli atti giudiziari nel processo civile e 10 cose da sapere prima di chiedere

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli