LA CONOSCENZA SENZA LIMITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CONOSCENZA SENZA LIMITI"

Transcript

1 PROTEO FARE SAPERE Soggetto Qualificato per la formazione Decreto MIUR n.177/00 e D.M. 08/06/2005 LA CONOSCENZA SENZA LIMITI a cura di Serena Di Giacinto 2007

2 Associazione Professionale PROTEO FARE SAPERE Via Leopoldo Serra, ROMA tel. 06/ fax 06/

3 INDICE Indice 3 Prefazione 6 Rassegna stampa 8 La Libertà di Rete e gli Affari di Bill Gates di Roberto Vacca l Unità, 24 febbraio Un copyright senza limiti di Adriano Sponzilli il manifesto, 15 marzo KNOW-GLOBAL - Più sapere per tutti di Pietro Folena e Umberto Sul passo Baldini&Castaldi 12 A sinistra del diritto d'autore di Andrea Capocci il manifesto, 1 aprile Sapere e libri - intervista a Wu Ming 2 di Gabriele Battaglia 3 aprile L'EUCD fa male agli utenti di Christian Baldigari Zeus News, 26 aprile Copyright: il decreto che piace ai Ds di Wu Ming 1 l Unità, 30 aprile Fermi tutti, quel virus è mio di Franco Carlini il manifesto, 11 maggio Conoscenza in copia privata di Arturo Di Corinto il manifesto, 14 maggio Il Powell testimonial ogm di Franco Carlini il manifesto, 22 giugno Protezione infinita - Diritto d'autore più duraturo e più esclusivo, ovunque di Gabriele De Palma il manifesto, 22 giugno Cento pagine di buone idee di Arturo Di Corinto il manifesto, 4 luglio Il grande business nell'epoca dell'incertezza di Emanuela Di Pasqua il manifesto, 6 luglio Copyright allo stato minimo di Anna Maria Merlo il manifesto, 10 luglio Il movimento per l'«open Source» di Franco Carlini il manifesto, 17 agosto Quel motore è intelligente di Franco Carlini il manifesto, 17 agosto Bio/brevetti per il «bene comune» di Gabriele De Palma il manifesto, 10 settembre Nella cruna del digitale - intervista con Howard Rheingold, autore del volume «Smart Mobs» di Benedetto Vecchi il manifesto, 17 settembre Le idee sotto brevetto di Benedetto Vecchi il manifesto, 25 settembre Conoscenza da condividere di Franco Carlini il manifesto, 29 settembre La riduzione del danno sui brevetti di Fiorello Cortiana e Monica Frassoni il manifesto, 9 ottobre La guerra della musica on line di Toni De Marchi l Unità, 1 novembre

4 Diritti d'autore e brevetti contro gratuità, uno scontro evitabile di Emanuela Di Pasqua il manifesto, 2 novembre Software libero per cambiare il mondo di Michele Bottari Zeus News, 24 gennaio Monsanto ci riprova: vuole brevettare il pane dei contadini di Sabina Moranti Liberazione, 14 febbraio Fbi su scala globale - operazione internet di Gabriele De Palma il manifesto, 24 aprile Riuscito il netstrike, presentate le modifiche alla legge Urbani di Toni De Marchi l Unità, 31 maggio L informazione scientifica «libera» vince contro i grandi editori di Pietro Greco l Unità, 4 giugno Libero Web in libero Stato - colloquio con Richard Stallman di Arianna Dagnino L espresso, 19 giugno Bill Gates apre Jannacci no di Franco Carlini il manifesto, 18 luglio I latifondisti del diritto d autore di Fiorello Cortina il manifesto, 16 agosto Brevetti. Occorre un ampia mobilitazione per proteggere la libertà di inventare di Bernardo Parrella aprile On Line, 17 settembre Conoscenza, bene comune di Franco Carlini il manifesto, 19 dicembre Polizia del seme e contadini hacker di Michele Bottari Zeus News, 16 gennaio La conoscenza non ammette brevetti di Vincenzo Vita l Unità, 11 marzo I libri del padrone di Francesco Bonazzi L espresso, 12 marzo Biblioteche a pagamento, è un idea incivile di Dario Fo Liberazione, 16 marzo Anche una posizione yoga sta per finire sotto brevetto di S.B. Liberazione, 13 aprile Copyright, quando il brevetto è la gabbia dell intelligenza di Jadel Andreetto Liberazione, 11 maggio La sagra delle buone idee di Franco Carlini il manifesto, 15 maggio Quando software vuol dire sapere di Nicola Zingaretti l Unità, 21 giugno Difendete il software, è in gioco la libertà di Vittorio Agnoletto l Unità, 6 luglio Le lobby senza argomenti di Franco Carlini e Gabriele De Palma il manifesto, 8 luglio Il furto d impresa sul sapere comune di Franco Carlini il manifesto, 17 luglio Il brevetto sulle idee che pagano i paesi poveri di Joseph E. Stiglitz La Repubblica, 24 agosto Il sapere liberato dalle grandi corporation di Gruppo Laser Liberazione, 27 agosto La strategia della tartaruga saggia di Riccardo Putrella il manifesto, 5 settembre Articoli scientifici da pubblicare: aperti, proprietari o misti? di Alessandro Del Fanti il manifesto, 5 ottobre Cassazione: scaricare da Internet? Niente lucro, niente reato (red) l Unità, 21 gennaio

5 Novartis contro l India, questione di brevetti di Marina Forti il manifesto, 31 gennaio Se anche l'aviaria fa bit di Franco Carlini il manifesto, 22 febbraio Copyright anche sullo yoga ed è guerra tra Usa e India di Suketu Metha La Repubblica, 10 maggio Più comunicazione della scienza, più democrazia di Pietro Greco l Unità, 18 giugno Appendice Relazione introduttiva del I Congresso Nazionale di Proteo Fare Sapere di Omer Bonezzi Roma, 2 luglio

6 PREFAZIONE La Conoscenza senza limiti ed I limiti della Conoscenza sono due libri, anzi due e- book. Potrebbero essere uno solo ma abbiamo pensato che fosse più efficace separarli. Sono, infatti, due rami di una discussione, sparsa in parte anche temporalmente, che il sito di Proteo Fare Sapere ha raccolto negli ultimi anni. Il primo tema è quello del copyright e più in generale del tentativo mondiale di privatizzare, recintare la conoscenza per estrarne profitto: il titolo fa perciò deliberatamente il verso ad un altrettanto importante libro, di altro conio e fine, Guerra senza limiti pubblicato da Leg (Libreria editrice goriziana) e curato dal generale Fabio Mini. Infatti, mentre anche la guerra non è più limitabile, nel senso che non ha né confini né limiti o regole, e mentre per le merci si rivendica la libera circolazione senza se e senza ma anche a costo di destabilizzare intere economie deboli, il vero paradosso è che per la conoscenza si procede in senso opposto, e si cercano di creare lacci e laccioli per impedirne l uso come bene comune. Il secondo libro, I limiti della Conoscenza, registra un dibattito in cui la paura e l integralismo irrompono nel luogo preposto a definire i limiti, cioè le regole: parlo della politica. La politica, quindi, è sollecitata a risposte non ponderate, e questo avviene per paure anche legittime, o per pregiudizi o per l intervento di forze prevalentemente religiose. La spinta a limitare la conoscenza, che come il pensiero non è limitabile, è oggi un tema veramente centrale della politica. Centrale è il tema della libertà di ricerca, centrale la dignità e libertà della persona, e questo richiama il tema del limite tra la vita e la morte, il tema del testamento etico, la necessità di tutelare la persona di fronte all invadenza delle potenzialità della tecnica. Insomma è su questi temi che la politica è chiamata a dividersi ed è su questi temi - sfondo che dovrà misurarsi il lavoro - che si esercita nei comparti della conoscenza, ricreando strumenti e tutele inediti rispetto al passato. Se il Novecento per il sindacato è stato il secolo in cui si sono creati in cent anni gli strumenti per la tutela del lavoro manuale, partendo da conquiste come disoccupazione agricola e cassa edili, nel ventunesimo secolo il sindacato e l associazionismo devono misurarsi con i temi della tutela del lavoro intellettuale, opporsi e costruire garanzie contro chi vuole limitare la ricerca scientifica, il libero pensiero, il diritto alla creatività, e combattere contro la diffusa precarizzazione, senza strumenti di protezione, in cui versano troppi lavoratori della conoscenza. La storia di questi due libri è semplice: dal 2003 in poi sul sito in una sorta di bacheca - rassegna stampa a tema -, sono stati appiccicati, come ad un portone di una cattedrale nel medio evo, gli articoli più curiosi che si trovavano in internet sul tema della conoscenza. Non c è tutto il dibattito, c è quello che il sottoscritto e Sandra Coronella, che collabora alla redazione del sito, hanno rintracciato in rete; infine l associazione Proteo Fare Sapere ha affidato ad una ricercatrice, Serena Di Giacinto, la cura dell e-book e l impegno, con uno sguardo retrospettivo di quattro anni, di rileggere tutto il materiale e selezionarlo secondo il punto di vista e la sensibilità di un potenziale lettore dall interno del mondo della conoscenza. C è uno spaccato della materia interessante, che aiuta a pensare, che non ha la pretesa di raccontare tutto il dibattito. La lettura poi di questa raccolta - collage di articoli già pubblici -, seguendo la sequenza ordinatrice di Serena racconta le contraddizioni profonde di cui si deve fare carico la società della conoscenza. 6

7 I libri sono in PDF. Possono perciò essere letti sul computer, possono essere riprodotti su carta con la stampante del proprio PC, ci si può rivolgere ad un azienda specializzata per stamparli in una sola copia a prezzi più interessanti di quelli che si debbono sopportare se si decidesse di usare il PC. E quello che noi abbiamo fatto rivolgendoci ad una tipografia specializzata di Roma, ma che si può fare in altre mille aziende rintracciabili in Internet e vicine alla propria casa. Con questo piccolo esperimento proviamo ad aprire infine una prospettiva interessante anche sull uso degli e-book e della possibilità di riutilizzare il materiale per ridare un senso alle sequenze temporali degli eventi. Una piccola applicazione pratica del fatto che la conoscenza è per noi un bene comune il cui accesso deve essere garantito a tutti. Omer Bonezzi Presidente Nazionale di Proteo Fare Sapere 7

8 l Unità, 24 febbraio 2003 La Libertà di Rete e gli Affari di Bill Gates di Roberto Vacca Nelle notti estive californiane, anni fa, certi guardoni spiavano l intimità di chi teneva le finestre aperte, con lo sniperscope, il cannocchiale a infrarossi usato da cacciatori e militari per vedere al buio le loro prede. Taluno disse: «Mettiamo fuori legge quell'apparecchio!». Si obiettò: allora proibiamo anche le sedie, perché certi violenti hanno ucciso a sediate le loro vittime. Non c è oggetto che non possa essere usato in modi perversi. Anche i computer, tanto utili per scopi scientifici, culturali, amministrativi, servono a creare virus che distruggono le memorie di milioni di loro simili. Servono anche a illuderti di stare usando alta tecnologia, mentre eseguono miliardi di operazioni che servono a ben poco. Per usarli bene, devi sapere che istruzioni impartire perché le operazioni siano sensate. Certo, se usi un computer connesso in rete, comunichi con chi vuoi in tempi minimi a costo quasi nullo; vendi, compri, lavori, acquisisci nozioni, idee, informazioni. (Certo c è chi va in rete solo per fare giochini o accedere a siti porno, ma è un dettaglio. Parliamo di cose più serie). Come ha scritto Valerio Franchina: «Il vincolo della indeterminatezza si potrebbe superare costruendo un dizionario iconico. Ma questo non è realizzabile per tante ragioni. Prima fra queste: non c è un modo semplice per ordinare le icone e consentirne la ricerca. È immediato strutturare un dizionario tradizionale ordinando alfabeticamente i lemmi, ma la cosa non funziona per le icone». Ma c è di peggio. Anche se ti servono solo alcune delle funzioni offerte, devi comprarle tutte - spendi di più. Poi Microsoft ha praticamente saturato il mercato: come fa a vendere ancora i suoi software? Li cambia e li rende sempre più grossi. Per fortuna la Intel continua a produrre processori elettronici sempre più veloci (non più milioni, ma miliardi di operazioni al secondo). Questi gestiscono bene i software moderni di Microsoft, che però non sono compatibili coi precedenti. Se hai ancora Winword 6 o Word95, non leggi più i messaggi creati dalle versioni nuove di questi programmi usati dai tanti che si sono subito aggiornati. Così compri i software nuovi e i computer più veloci per farli funzionare, anche se le prestazioni che ottieni sono poco diverse da quelle precedenti. (Talora sono anche un po' peggiori e il software è imperfetto: accade che si blocchi tutto e devi ripartire oppure il sistema non è difeso dai virus informatici). Comunque l'investimento che hai fatto 2 o 3 anni fa non è protetto. La tua macchina vecchia vale zero e sei forzato a tirar fuori altri soldi. Bill Gates è l'uomo più ricco del mondo. Può permettersi di ridurre i prezzi perché intanto vende a clienti nuovi e di nuovo a quelli vecchi. Un testo online di David Stutz (ex progettista di Microsoft) dice che l'azienda di Gates viene percepita come «paranoide, inaffidabile, avida e politicamente inetta». Molti, scontenti di questa situazione, cominciano ad adottare il software Linux, sviluppato da Linus Thorwald che pare sia più stabile di Windows ed è gratuito (è Open Source = Sorgente Aperta). Molte aziende e governi europei hanno scelto questa strada. Microsoft corre ai ripari e offre ai governi di aprire i testi sorgente dei suoi software. Poi sta per produrre Palladium, un software che non sostituisce Windows, ma dovrebbe assicurare migliori privacy e sicurezza e bloccare la copiatura illegale di testi, musiche, programmi. Questa innovazione piace agli editori ma si teme che possa bloccare il libero flusso di informazioni necessarie all'insegnamento e alla ricerca. Tale chiusura va in senso opposto a quello del Massachusetts Institute of Technology che invece si avvia a mettere su Internet tutti i suoi libri di testo. Sono imminenti grosse guerre informatiche - e speriamo che siano le sole. Chi voglia informarsi su un Notepad a 1 GHz che usa solo Linux e costa 800 dollari cerchi Siamo tutti 8

9 interessati a computer efficienti, veloci, a basso prezzo: attendiamo le esperienze dei primi utenti. 9

10 il manifesto, 15 marzo 2003 Un copyright senza limiti di Adriano Sponzilli La commissione cultura della Camera ha approvato una legislazione restrittiva sul diritto d'autore che recepisce una direttiva della Unione europea. Con il voto favorevole dei democratici di sinistra C'è subbuglio nel mondo del «software libero». È infatti prossima l'approvazione da parte del parlamento italiano di un provvedimento legislativo che cambierà profondamente il diritto d'autore. L'occasione è data da una direttiva comunitaria, la cosiddetta Eucd (European Union Copyright Directive). Formalmente si tratta di una armonizzazione del diritto d'autore nei vari paesi membri. Ma, di fatto, è una norma che aumenterà il potere di coloro che detengono i diritti d'autore - leggi le grandi case produttrici -, a discapito di tutti coloro che delle «opere dell'ingegno» sono utenti. Lo schema del decreto legislativo elaborato dal governo italiano recepisce interamente la direttiva dell'unione europea ed è stato esaminato nelle Commissioni competenti nelle ultime settimane. L'ultimo passaggio è stato il 25 febbraio: la Commissione cultura alla Camera ha espresso parere favorevole, compresi i rappresentanti dei democratici di sinistra. Unico parere contrario: quello di Titti De Simone di Rifondazione comunista. Franca Chiaromonte dei democratici di sinistra ha annunciato il voto favorevole del suo gruppo lodando lo schema di decreto legislativo, perché «tiene conto della necessità di un aggiornamento quotidiano del diritto d'autore alla luce dei continui progressi tecnologici che si registrano in tale settore». Le associazioni del «software Libero», dal canto loro, hanno considerato negativamente il testo approvato dalla Commissione cultura. Ventiquattro associazioni e una decina fra aziende e studi professionali hanno quindi rivolto una petizione ai membri delle Commissione cultura, chiedendo un nuovo esame parlamentare della materia. (Le sottoscrizioni individuali della petizione sono in Internet, all'indirizzo e superano al momento le 1.300). Per le associazioni del software libero e delle libertà civili nel cyberspazio, la nuova normativa che sta per essere approvata inasprisce fino all'inverosimile la legislazione sul copyright, colpendo mortalmente anche il «diritto di decompilazione a fini di interoperabilità», cioè la possibilità di studiare «standard e formati» utilizzati da altri con lo scopo di creare prodotti ad essi compatibili. Partiamo dal caso dei cd musicali, che sono stati realizzati per inibirne la copia. Ad esempio, il cd di Natalie Imbruglia, distribuito nell'ottobre del 2001, è stato forse il primo ad essere prodotto con un sistema di protezione (in questo caso il Cactus Data Shield della Midbar) che entra in funzione ogni volta che ne viene tentata una registrazione, rendendo illeggibile la copia. Con la norma ancora in vigore è consentito studiare gli standard di protezione e utilizzarli per leggere i supporti protetti su altre «piattaforme». La nuova legge allo studio del Parlamento, teoricamente, fa salvo il «diritto di decompilazione», ma prevede sanzioni penali per chi produce o vende o è in possesso dei macchinari e del software che consentono di eludere le misure di protezione. La direttiva Eucd ha negli Usa una legge gemella, approvata nel 2000, la Digital Millenium Copyright Act (Dmca). Entrambe discendono dai medesimi trattati internazionali della «Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale» (Wipo) del dicembre Negli Stati Uniti la legge è stata applicata per la prima volta durante il «caso Sklyarov», dal nome del cittadino russo arrestato con l'accusa di aver realizzato un programma che consente di visualizzare gli e-book (i libri elettronici) in modalità diverse 10

11 da quelle previste dai produttori. Anche qui è importante sottolineare che il programma in questione non serve a usi illeciti, ma solo a compiere usi diversi da quelli previsti, ma comunque leciti, di un contenuto acquistato. Può servire ad esempio a travasare in un altro formato un libro elettronico o a stamparlo per leggerlo più comodamente. Lo spirito complessivo del Dmca, così come della direttiva comunitaria, è dunque di togliere all'utente il controllo sull'«opera» acquistata. È il produttore o editore o distributore che ti dice cosa farne. Attualmente, gran parte della legislazione attuale sul copyright, prevede che chi acquista un'«opera di ingegno» può farne una copia di sicurezza. La direttiva comunitaria riconosce il diritto dei produttori ad impedire anche questa copia di sicurezza, ma anche la possibilità di disporne come meglio crede: possiamo rivenderla, prestarla, farne l'uso che preferiamo fino a quando vogliamo, compreso il suo lascito in eredità. Con l'approvazione della nuova norma tutto questo sparirà. Per i produttori, diventa infatti possibile vendere un libro vietandone la rivendita; oppure consente la vendita «a scadenza»: «questo Cd musicale si autodistruggerà fra un anno»; oppure ad personam: «questa videocassetta potrai leggerla solo tu e se inviti un amico a vederla a casa tua commetti un illecito». Non si tratta di una realtà futuribile, perché negli Stati uniti sono già in vendita manuali universitari in formato elettronico (degli e-book da visualizzare sul computer) che alla fine del semestre accademico si autodistruggono. Scopo dichiarato dell'operazione: impedire che gli studenti più anziani degli anni successivi passino i loro vecchi libri ai più giovani. Che succederebbe se questa modalità di distribuzione dovesse affermarsi come prevalente? Che nel giro di dieci anni, nessuno avrebbe più copia di un certo libro, album, film. La memoria collettiva perderebbe il diritto al ricordo. Il che è l'esatto contrario dello spirito del diritto d'autore, la cui logica è che, nel tempo, l'opera cessi di essere un patrimonio dell'autore ed entri nel patrimonio collettivo. 11

12 Baldini&Castoldi KNOW-GLOBAL - Più sapere per tutti di Pietro Folena e Umberto Sulpasso Questo non è l ennesimo libro sul digitale, ma un tentativo di indicare alla politica - alla sinistra, in particolare -, all economia e alla cultura pensieri e proposte perché la rivoluzione tecnologica di questo tempo sia nella disponibilità di tutti. Perché gli orizzonti di giustizia e di libertà che hanno animato la sinistra per un secolo e mezzo trovino nell equo accesso al sapere e nella sua diffusione, a partire da chi vive vecchie e nuove forme di esclusione, il cuore di un nuovo pensiero e di un nuovo progetto. Know-global - la globalizzazione del sapere nell era della rivoluzione digitale - è la risposta strategica che, con proposte concrete che intendiamo illustrare e con provocazioni culturali, la politica e la scienza insieme possono dare. Know-global, per dare il senso planetario, universalistico e democratico della nostra sfida. Know-global propone sette temi di riflessione. Tema 1 Dal No-Global al Know-Global, ovverosia più sapere per tutti Los Angeles, tempio di Hollywood, patria di Internet e fra poco di Internet 2. E dalla sua università di maggior prestigio - l UCLA - che Al Gore ha lanciato al mondo la sfida delle autostrade dell informazione. In altre parole della madre di tutte le forme di globalizzazione, quella del sapere. Finalità più o meno nascosta di qualsiasi ipotesi imperiale, la tecnologia che la rende possibile, a guerra fredda terminata e mondo monopolare inaugurato, è quella telematica che ha lì la sua culla e lì mette a punto i suoi strumenti più agguerriti: cinematografia, televisione, radio e ora distance education. Porto Alegre, capitale del Rio Grande do Sul, la sesta città per abitanti del Brasile. Proprio in quel bacino territoriale i gesuiti, alcuni secoli fa, avevano dato vita ad un tentativo di convivenza con gli indios e a una ipotesi di valorizzazione delle qualità umane delle etnie locali che era stato di grande successo, un comunitarismo e una contaminazione mai più conosciute in quell epoca, poi stroncate nel sangue dai bandeirantes paulistas. Oggi Porto Alegre, col suo nome così anticatastrofista, è diventata simbolo di una contaminazione, di uno spirito comunitario, di un cambiamento possibile. Los Angeles e Porto Alegre sono due snodi della rete globale del sapere. E' nelle linee che da lì si dipartono e, come una ragnatela, girano attorno al mondo, entrando nelle favelas brasiliane come nei grattacieli di Manhattan, nei suburbi devastati dall AIDS a Nairobi come nella borsa di Hong Kong, che sta il cuore della nostra riflessione: il sapere e la conoscenza visti non in quanto tali ma come fattore sociale e fattore produttivo. La tecnologia è, fin dal principio della rivoluzione industriale, la forza demiurgica del modello di sviluppo occidentale. Ora, con la rivoluzione digitale, il sapere sarà sempre di più il motore determinante dell equità e della qualità del nuovo sviluppo, il paradigma di ogni rinnovata idea di giustizia sociale. Riconoscere la differenza che esiste tra tecnologia e sapere nell ambito delle politiche dei paesi e a livello sopranazionale, guardare all ingiusta distribuzione della conoscenza e a nuove politiche redistributive, sono questi i fattori discriminanti per affrontare le sfide del terzo millennio e progettare una nuova sinistra dell era digitale. Ci sono due esempi clamorosi. Il primo è il modello californiano: ogni ambito, ogni comparto economico si definisce proprio a partire dalla capacità di elaborare il sapere, di applicarlo, di renderlo accessibile ai semplici cittadini come alle aziende. E un modello - ci torneremo - pagato al costo di un ingiustizia sociale e un esclusione formidabili, e che tuttavia ha un dinamismo senza eguali. Il secondo esempio è il movimento no-global: la 12

13 prima dimostrazione pratica della forza comunicativa della rete, qualcosa con cui tutti i movimenti politici dovranno misurarsi e che è in grado di scardinare anche il monopolio di potere della comunicazione televisiva. Questi giovani disegnano, quarant anni dopo Marcuse, la prima sinistra post-fordista. Reclamano determinazione e affermano soggettività. E quindi il sapere diffuso, quello prontamente disponibile a tutti, il fenomeno di questo tempo che definisce il nuovo modello comportamentale socio-economico e che governa il senso comune delle nuove società. L ambizione di intervenire e interferire in questi processi è oggi il valore aggiunto che una sinistra politica moderna, dai punti più poveri a quelli più forti, può offrire al movimento mondiale che reagisce alle vecchie e nuove ingiustizie. Si tratta di passare da una fase segnata dal prevalere del mercato del sapere ad una segnata dal prevalere del sapere nel mercato. Il caso italiano è significativo: non ci lamentiamo solo degli scarsi investimenti pubblici nella cultura e nella ricerca; ma del fatto che non esiste ancora l industria del sapere, e cioè una serie di strumenti economici, sociali, fiscali volti ad accrescere massicciamente la dose di innovazione e di tecnologia da immettere nella società, nella scuola, nelle aziende, nella pubblica amministrazione. La destra italiana al governo compie il cammino inverso: attacca la scuola pubblica, dà incentivi fiscali a pioggia, condona. Il potere imperiale americano è prima di tutto fondato sull arma strategica del sapere. E stato il floppy disk lo strumento di quest egemonia: come avviene per la moneta, il sapere a disposizione della collettività non è quello prodotto e destinato alla scuola, ma quello prodotto ovunque moltiplicato la velocità di circolazione. Io oggi, senza essere un gran matematico, posso saperne più di Einstein, basta che mi accomodi sulle sue spalle. Questo processo di accumulazione del capitale cognitivo è curiosamente sfuggito alla sinistra, che tuttavia aveva letto attentamente i Grundrisse di Marx. E stato Steve Jobs, fondatore di Apple e inventore del PC, a far cadere il muro di Berlino, e non una fideistica superiorità del liberismo reaganiano. Il problema che i brontosauri del Cremlino non avevano capito non era di produrre o meno computer - lo hanno fatto - ma di non puntare sulla libera circolazione del sapere, la possibilità di accumularlo e scambiarlo con ignoti, di moltiplicarlo - perché il sapere, a differenza del carbone, quando si usa si moltiplica, non si consuma. La sinistra europea - giustamente orgogliosa del proprio modello sociale - facendo sua la sfida del Know-Global, deve operare, con massicci investimenti pubblici e privati al di fuori dei parametri di Maastricht, non solo per promuovere la propria innovazione tecnologica, ma per produrre e raccogliere il meglio del sapere del mondo, interferendo e deviando traiettorie di sviluppo tecnologico che sembrano tutte scritte nei masterplans delle multinazionali. Questo è un dato discriminante e identitario: riscrivere un patto sociale attorno al lavoro e al sapere, assumendo l obiettivo di una radicale trasformazione del modello di sviluppo. Più sviluppo, più diritti, più partecipazione: questa bandiera, piantata nel secolo scorso davanti ai cancelli di ingresso delle fabbriche, deve essere piantata anche sui computer, cancello di ingresso del sapere. La digital credit card - una carta di credito a tutti gli effetti, del valore di 5000 euro, data universalmente a tutti i diciottenni, spendibile solo per acquisti di prodotti informatici e formativi - è lo strumento di partenza di questa radicale riforma della società, di un vero e proprio keynesismo digitale. Tema 2 : il keynesismo digitale Parliamo di keynesismo digitale, nel senso di una reinterpretazione dell essenza dell approccio keynesiano alle sfide di ora, in cui lo Stato interviene strategicamente su quello che in questo momento rappresenta a nostro parere l unico vero possibile volano 13

14 di attivazione del mercato da parte pubblica, vale a dire il sapere. Keynes, nel 39, in General Theory of the Money, offrì all Occidente una grande occasione di rilancio basata sulla geniale intuizione dell osmosi fra domanda, occupazione e reddito. Ora a domanda dobbiamo sostituire sapere: si sposta l intervento dello Stato dalla domanda incontrollata e indistinta del keynesismo tradizionale a quella qualificata e specifica di generazione della domanda di sapere del keynesismo digitale. L interpretazione del keynesismo che ne diede la sinistra rooseveltiana fu la molla che rimise in moto l economia USA, negli stessi anni in cui in Europa, sulla base di analoghi presupposti, si edificavano le basi materiali del totalitarismo nazifascista. Oggi, per proseguire l analogia storica, in una fase di acuta crisi del capitalismo - in cui Bush jr. riscopre l intervento pubblico da destra (spese militari, guerra infinita, scudo stellare) -, si richiede un nuovo new deal dei giorni d oggi. Bisogna cominciare a dire che il benessere di un Paese non si ottiene dalla pura e semplice situazione finanziaria, ma anche e soprattutto dalla situazione del sapere e da quella della salute. Rivedere Maastricht? Non nel senso di rinunciare al rigore dei parametri comuni (rinuncia che per l Italia potrebbe rialimentare un circuito vizioso tradizionale): ma nel senso di pensare ad una flessibilità dei parametri - ripensando al problema posto da Prodi, circa la loro stupidità - inserendo voci attive come il sapere, la salute della popolazione, l ambiente. Di fronte alla pacchiana banalità delle tre I di Berlusconi (inglese, impresa, innovazione), largamente contraddetta dalle scelte concrete della destra, dobbiamo porci il problema di dare all Italia un ruolo importante non solo nell IT, ma nel mondo del sapere. In un mondo più plurale l Italia, nell Europa, deve scegliere di concorrere sul terreno più congeniale, quello del sapere. L Italia, titolare del 75% della materia prima della conoscenza come i documenti storici, artistici e archeologici, deve maturare questa scelta, anche in rapporto al grande negoziato al WTO sul copyright. Il tema è quello di quale motore dello sviluppo accendere. Persino la destra americana, rinunciando ad una visione ultraliberistica, imbocca con la scelta della guerra preventiva e delle spese militari, la strada di un nuovo volano pubblico. Francia e Germania si sono mosse analogamente, e Schroeder e Fischer recentemente hanno vinto, dopo l era Kohl - il cui motore fu la riunificazione - con un forte messaggio ambientale. E finita l epoca dello stato minimo. Solo la destra italiana sembra non rendersene conto - anche se persino al suo interno si fanno sentire nuove visioni pubbliche e sociali. Rimane la domanda: come ha fatto la destra ad impossessarsi del marchio della libertà? La libertà di fare, di intraprendere, di decidere è sembrata cambiare di campo proprio dopo che siamo stati noi, sinistra, ad aver garantito, protetto e allargato a tutti le libertà. Per di più in un epoca in cui l individuo, anche grazie a codici comunicativi imposti dalla rete, ha proprio bisogno di un grande sistema di garanzie sociali per continuare a godere di questa libertà individuale. E' qui la contraddizione che solo la sinistra può risolvere, fra appello alle libertà e forze cogenti e di controllo dei nuovi apparati di comunicazione. Ma perché l individuo possa essere davvero libero di scegliere ha bisogno di essere garantito sulla libertà dei mezzi di comunicazione, altrimenti la sua libertà verrà barattata con la libertà di pochi di produrre e di fornire la comunicazione. Come si è potuto verificare questo abbaglio di proporzioni gigantesche fra libertà dei singoli nell interesse dei singoli e libertà degli apparati di comunicazione di condizionare i singoli a proprio beneficio? E questa la china da rimontare: non certo in termini comparativi con la destra, ma in rapporto alle nuove generazioni che, proprio seguendo il crinale della libertà e della rete, si sono allontanati dalla politica tradizionale e ora si ritrovano, in nome della propria libertà, a criticare il modello di sviluppo. Da questo movimento non si può prescindere per dare una base materiale almeno alla pensabilità di un modo diverso di crescere nel mondo, dopo gli anni del pensiero unico, dal Nasdaq a Berlusconi. 14

15 Tema 3 l oro del terzo millennio Non è giallo, neppure nero, e presenta una strana proprietà: più si consuma e più si diventa ricchi. Non è un indovinello: è l oro del terzo millennio. Chi lo ha, invece di accumularlo, lo deve consumare in grande quantità se vuole diventare ricco. E il sapere: e l oro che dividerà le società e i Paesi fra ricchi e poveri, fra liberi e servi, fra governanti e governati. Non bisogna fare confusione: parliamo di industria del sapere, che non vuol dire industria delle telecomunicazioni. Non bisogna confondere, infatti, la rete col motore. E come se al principio del secolo scorso avessimo sviluppato le strade sperando che per empatia nascesse l industria automobilistica, e non viceversa. La moderna industria del sapere è il motore, e ha bisogno ovviamente di una rete, e cioè di strade informatiche. Se infatti da quei caselli informatici non facciamo transitare i prodotti culturali che siamo in grado di produrre, di assemblare e di far circolare all interno e all esterno del Paese, quelle infrastrutture non servono. La spinta alla nascita di quest industria, come anche la California dimostra, non può che essere pubblica. La destra italiana non sembra in grado di muoversi su questo terreno: il suo architrave è infatti rappresentato da un impasto economico e culturale tutto incentrato su una grande azienda, la televisione commerciale, che al governo trasferisce armi e bagagli ideologici e comunicativi propri di quel modello al potere. Questa è stata ed è la forza della destra, ma questa è e sarà anche il suo tallone d Achille. Se la sinistra ha perso vent anni fa la sfida della TV commerciale, e ha subìto una débacle culturale e ideale che negli anni 980 si è pienamente manifestata, oggi la destra sembra incapace di uscire dal modello gerarchico tipico di quella tv, e di accettare la cultura e la filosofia della rete e del digitale. Ma a noi preme la sinistra. Dietro la sfida perduta della TV commerciale, si è provocato un fenomeno legato al cambiamento dei consumi e degli stili di vita. Il singolo lavoratore è diventato nuovo produttore nel momento in cui lasciava la fabbrica e diventava cittadino comune, in cui consumava. Qui si intreccia l individualizzazione strisciante del lavoro e la pressione mediatica che dà forma ai nuovi standards sociali. Come ha scritto Barcellona, il desiderio si è staccato dall individuo concreto ed è stato incorporato nel sistema come motore perpetuo della produzione crescente di oggetti di consumo. Se il cambiamento in atto è basato su quel sapere particolare che è l informazione commerciale dei beni di massa, la prima arma da conquistare è il canale di trasmissione del sapere veloce, che fluisce nei canali informatici, e del sapere specializzato che si distribuisce off line. La questione non è prevalentemente economica, ma politica e filosofica: interroga sul senso della società, delle relazioni interpersonali, delle aspettative che gli individui hanno nella vita quando l informazione commerciale diventa un punto critico del comportamento di ognuno. La critica, con Enzensberger, va sia nei confronti dei santoni del digitale - che prospettano la chimera fatta di uomo e macchina, il cyborg - sia verso i catastrofismi, che hanno lo charme del definitivo. L invito, per la sinistra è a guardare i rapporti fra chi gestisce la concentrazione del capitale cognitivo e chi deve avere accesso - attivo, non solo passivo- a quel capitale: individui, classi, comunità, popoli del pianeta. Il digital divide, la nuova forma di discriminazione planetaria tra chi sa e chi non sa, oggi inizia nel momento in cui in ogni casa e in ogni aula entra un computer. In quel momento si crea una gerarchia, tra chi può criticare, perché sa, e chi non può farlo, perché non sa. Anche da noi, ci sono due Italie: una che legge e si informa, che è al centro di un flusso di un processo in continua formazione e aggiornamento e che cavalca la scena; e l altra che ne è esclusa,stretta in una nuova subalternità ai detentori della comunicazione. 15

16 Si capisce allora che parlare di industria del sapere non vuol dire che il sapere debba divenire una merce - lo è già, purtroppo -, regolata dalla legge del profitto: esso è un diritto universale, e la sinistra come sua prima missione ha quella di garantire l accesso equo alle sue fonti e ai suoi luoghi di produzione e di distribuzione. Sciogliere questo nodo, riequilibrare il quadro delle opportunità, rimettendo sul mercato milioni di giovani, gigantesche risorse produttive, è il nodo fondamentale per il futuro del Paese. Abbiamo detto del caso californiano e americano: già nel 1998 negli USA 75 milioni di persone lavoravano, direttamente o indirettamente, nel circuito del sapere. In Italia la situazione è rovescia: già nel 2001 la protesta degli scienziati e dei ricercatori, guidata da Dulbecco e da Levi Montalcini, e ora dei rettori e delle università, vanno lette in una logica conflittuale in cui la scienza europea si sente minacciata da una prospettiva di subalternità e impotenza rispetto a quanto avviene negli USA. Lì oggi la formazione è diventata, grazie soprattutto alla distance education, il fulcro dello sviluppo economico. Nel 1999 questo settore realizzava un fatturato di 600 milioni di dollari, e nel 2002 dovrebbe aver raggiunto i 12 miliardi di dollari! La CGIL, con Cofferati, ha messo al centro questo tema (ricordo il vertice di Lisbona, come unica vera sponda istituzionale europea sulla società della conoscenza): dalla Confindustria non si ha il piacere di sentire alcunché sul terreno di un new deal che parta anzitutto dall alfabetizzazione di massa con terapia d urto effettuata nell interesse non solo dei lavoratori e degli imprenditori, ma della società intera. Non siamo molto distanti dai risultati che intendeva perseguire il movimento operaio nella lotta contro l analfabetismo: e non fu quella battaglia a permettere all industria italiana di misurarsi con quella straniera? Si tratta cioè di produrre e di disporre una domanda sociale più qualificata. Tema 4 dalla culla alla tomba, le frontiere del diritto alla conoscenza L impoverimento tecnologico e culturale dell Italia già propone un drammatico rischio di declino.il caso FIAT è assolutamente emblematico. Il salto che proponiamo è dalla culla alla tomba. Col keynesismo digitale dobbiamo proporci il salto dell istruzione - dopo il modello agricolo, in cui durava fino a dieci anni, e dopo quello industriale, fino ai quindici - from womb to tomb. Questo salto è possibile se definitivamente, nella cultura della sinistra, ci si libera di un filone giacobino e dirigista, che si è espresso tanto in forme di estrema sinistra quanto, più recentemente, in forme ultramoderate. C è al contrario un filone libertario, democratico e partecipativo che, fin dalle origini della sinistra, ha messo al centro l individuo e il fattore umano. Il mutualismo, il cooperativismo, il solidarismo ne sono state e ne sono importanti espressioni. Oggi il processo, dal riconoscimento dei più elementari diritti individuali per cui quel movimento si esprimeva, si è esteso. E l aumentata quota di intelligenza contenuta nelle merci, non ha liberato il lavoro ma ne ha fatto il nuovo perno tanto della realizzazione personale quanto delle trame relazionali. Al lavoratore si chiede oggi di lavorare meglio, non solo di più. Ad un tempo il lavoro può diventare più gratificante e meno alienato dal prodotto e più totalizzante e intensivo, fino al punto in cui le sorti individuali sembrano coincidere con quelle dell impresa. Ecco perché parliamo di un nuovo patto sociale per il sapere e la libertà, in cui uscire da un azienda possa essere solo un fatto volontario, per studiare, crescere, riorganizzare la propria vita. Il tema è la libertà di scelta e il governo di sé del lavoratore. Alla flessibilità precarizzante degli anni 90, in questo patto occorre contrapporre una versatilità in cui, nella formazione e nel circuito del sapere, un lavoratore si impadronisca del proprio destino, e della propria crescita. E finito il vecchio modello fordista: funzionava dalla culla alla tomba, ma determinato dall orologio della catena di montaggio (un certo tempo per studiare, un certo tempo per 16

17 lavorare, un certo tempo per le ferie, un certo tempo per la pensione). Un sistema rigido. Non regge più, a partire dai punti bassi del sistema: nella fabbrica, in Cina e nelle Filippine, la condizione del lavoro è più simile a quella selvaggia dell Ottocento, descritta da Engels, che non a quella del secolo socialdemocratico. Non è un caso che la Silicon Valley, in California, sia l espressione di un modello che al centro ha il sistema universitario e di ricerca, e un fortissimo sostegno pubblico. L università, anche col sistema del raccordo coi capitani di industria, è il luogo dell incontro fra funzione pubblica e impresa. Nell Università di California, nel suo board, siedono ad un tempo il Governatore dello Stato, altri amministratori pubblici, e i principali imprenditori privati. Certo: l altra faccia del modello USA, e californiano, è l assenza di un welfare universale; la povertà, il carcere, l emarginazione che hanno un preciso segno di classe, di etnia, di censo; e oggi, con lo scoppio della bolla speculativa, con i nuovi poveri della net-economy, milioni di persone costrette a lavorare 55/60 ore la settimana, spremuti come limoni, alla prima crisi gettati in strada. Le forme di ribellismo sindacale che si stanno registrando nelle cattedrali dell innovazione lo dimostrano. L ex-ministro Reich invita gli europei a non abbandonare il proprio modello di vita. Questo patrimonio sociale europeo si deve incontrare col modello californiano di intervento pubblico nel sapere e nell innovazione. Accanto al PIL, occorre aggiungere - anche in rapporto al dibattito sui parametri di Maastricht e sul loro superamento - i misuratori del capitale salute e del capitale sapere. Tema 5 lo statuto dei diritti del sapere I paesi che non sapranno costituire un adeguato ambiente per le forze del sapere, si troveranno presto depauperati della componente critica dello sviluppo nazionale. Anni fa i paesi dell Est europeo richiedevano a chi voleva trasferirsi all estero il pagamento delle spese di investimento nell istruzione effettuato dallo Stato. Per una politica che favorisce l importazione dei cervelli e non la fuga degli stessi, l Italia è clamorosamente all ultimo posto, anche perché profondamente preoccupata a ostacolare l arrivo degli extracomunitari, colti o non colti che siano. La società italiana avrebbe bisogno di un Gino Giugni capace di formalizzare, come fu per lo statuto dei diritti dei lavoratori, un altra esigenza imprescindibile per lo sviluppo della nostra società. E giunto infatti il momento di riconoscere al sapere uno statuto pari a quello del lavoro. Noi cominciamo indicando tre proposte strategiche di un pacchetto sapere. La prima proposta, è quella di un fattore esponenziale nello sviluppo del momento culturale, che noi abbiamo individuato nella digital credit card. Questo diritto universale garantito a tutti i diciottenni è il primo shock culturale da immettere in modo massiccio nella società. Ricordiamo che, accanto alla disponibilità a investire, questa carta, sommata con altre, è fattore di nuova impresa e di autoimprenditorialità giovanile La seconda proposta, vero motore dello sviluppo, è la formazione a distanza, e le enormi possibilità che essa fornisce. Non si tratta di pensare a questo settore come alternativo e sostitutivo di qualcosa che è decisivo, la formazione diretta. Ma come moltiplicatore, interruttore, introduttore per chi ne è fuori e per chi rischia di uscirne, in un circuito culturale in cui poi formazione diretta e autoformazione diventeranno logici sviluppi. Attenzione che con Internet nasca una nuova pigrizia della ricerca, e una evangelizzazione della rete. La grande portata di Internet non è la santificazione delle sue informazioni, ma la possibilità - dopo il suo uso e abuso commerciale - di formazione a distanza. Le aziende, le pubbliche amministrazioni, le comunità possono operare formazione in dosi massicce e permanenti come non mai. Potenzialmente l e-learning permettevi abbattere il gap geografico. E intrecciando formazione a distanza e open source e free software si potrebbe davvero costruire un nuovo scenario in cui la 17

18 cooperazione fra varie aree del mondo potrebbe, per i paesi più poveri, avere sbocchi straordinariamente competitivi. Tutto ciò significa produzione di materiale didattico, di prodotti elettronici, di nuove imprenditorie. E quindi industria del sapere. La terza proposta è quella fiscale. Noi prevediamo la nascita di aziende del sapere. Esse si costituiscono in due modi: all interno delle aziende già esistenti, oppure con aggregati ad hoc (ragazzi detentori della digital credit card, ad esempio, o percettori del prestito d onore). Queste aziende concentrano al loro interno tutta la tecnologia disponibile per la formazione, per le aziende già avviate, o investono in tecnologia la maggior parte del proprio capitale per ciò che riguarda le start-up. Godono di un sistema fiscale privilegiato che agevola l immissione in un listino loro riservato. Si tratta di un idea che incide sull innovazione dell old-economy (avremo accanto alla FIAT la FIAT a.s., azienda del sapere) e sul consolidamento della net-economy. La card può spingere rapidamente decine di migliaia di giovani nel gorgo dell innovazione, aprire nuovi mercati, produrre nuova impresa e occupazione. Essa potrebbe poi diventare parte di una carta dei diritti al sapere, garantita a tutti i cittadini - come la tessera sanitaria della riforma dl 78 - che, accanto all obbligo scolastico e formativo, con un sistema unico di crediti, dà opportunità culturali (musei, biblioteche, libri, CD, corsi di formazione, e-learning) e garantisce la mobilità volontaria, nella formazione, da lavoro a lavoro. Il Servizio Nazionale del Sapere dovrebbe quindi riorganizzare, dalla culla alla tomba, il rapporto col sapere di tutti i cittadini. Lo Stato finanzia, direttamente e con lo strumento fiscale, e attraverso l emissione di un educational bond, il sistema. Tema 6 la nuova cittadinanza del sapere Il tema del finanziamento pubblico per questo progetto è strategico. Pensiamo ad un vero e proprio Piano Marshall - in Europa a un piano europeo, fuori dai parametri di Maastricht - per la società del sapere. L Italia e l Europa possono porsi come punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo e in Africa, nei Balcani, in America Latina. E per questo abbiamo fatto cenno a un educational bond, un grande prestito nazionale e/o europeo, che possa essere offerto in due fasce distinte, ai risparmiatori e alle aziende. In questo contesto la questione del copyright digitale è la spia di un meccanismo di scambio ineguale, conseguenza di come anche questo nuovo mondo sia dominato da durissimi conflitti di potere, dove il predominio di un comparto o di un gruppo industriale o di un Paese è duramente perseguito a colpi di elaborazione del sapere. La cultura del diritto d autore nasce come risposta del mercato alla necessità di incentivare lo sviluppo della produzione scientifica e culturale. Oggi è chiaro il tentativo di deprimere i costi del content, da parte di soggetti come Microsoft, gelosissimi del proprio software - come è accaduto anche nell ultima sessione del WTO - e ultraliberali nell impadronirsi dei contenuti della rete. Il problema della tutela delle materie prime culturali - non si possono considerare free-content i quadri degli Uffizi - va visto come l altra faccia della battaglia sacrosanta per il free software, e come visione del mercato volta a non penalizzare le aree politicamente deboli del mondo. Per certi versi, su questo piano, occorre considerare l Italia e l Europa, finora subalterni alla visione di oltreoceano dei consumi on line. Si tratta di produrre parametri condivisi ed equi che permettano la riorganizzazione del modello di sviluppo tecnologico. Stimolanti sono, nel senso di un globalismo critico, molte delle visioni che vengono da Giovanni Paolo II. Il Giubileo del 2000 è stato a suo modo un evento di know-global. Vale quindi la pena di chiamare a raccolta tutte le energie positive della società per un new deal che si proponga questi grandi obiettivi. La nuova cittadinanza del sapere è il cuore di questo progetto politico. 18

19 Tema 7 la giustizia digitale Il digitale divide racconta la moderna separazione in due classi, o parti, del mondo e della società odierna. Le tecnologie digitali incroceranno sempre più formazione, informazione, televisione, telefono. Il futuro dei canali digitali può trasformare il modello televisivo da quello commerciale a quello della cultura e del sapere per tutti. Anche e prima di tutto in Africa, vero e proprio buco nero della globalizzazione turbocapitalistica, il sapere per tutti è la chiave fondamentale di un riscatto e di una ripresa. Negli ultimi anni, finché c era chi cresceva impetuosamente, intere nazioni e aree africane regredivano drammaticamente sul terreno della scuola e del sapere. Le antenne satellitari permettono anche nelle bidonville di captare i segnali comuni del villaggio globale, laddove si consuma ogni giorno violenza, AIDS, guerra, esclusione totale. Occorre, rispetto all analfabetismo, al digital divide, produrre un keynesismo fuori dai confini nazionali, capace di accelerare uno sviluppo culturale in pochi anni. L opportunità è straordinaria. Pensiamo, per finanziare educational bond internazionali, a una tobin tax dell innovazione, con una percentuale minima del costo di ogni telefonata sottratta alle compagnie e, con un intervento fiscale - distributivo - alimento di questi progetti. Si può persino pensare a una Banca Mondiale del Sapere che da un lato costituisca la rete pubblica di tutte le istituzioni di ricerca e di formazione del pianeta, e che dall altro sia il cuore del finanziamento dei programmi di accesso al sapere, attraverso l uso di quei fondi. Magari ad una Banca che abbia il suo centro non a Washington, New York o Parigi, ma a Città del Capo, San Paolo o Nuova Dehli. Bisogna avere coraggio, uscendo da atteggiamenti rinunciatari e da visioni ideologiche. Ed è proprio perché guardiamo a una realtà così complessa, drammatica e affascinante del mondo di oggi, che pensiamo a nuove idee, come quelle del sapere per tutti e del know-global, come idee per la futura sinistra. 19

20 il manifesto, 1 aprile 2003 A sinistra del diritto d'autore di Andrea Capocci Da Internet alla narrativa, dalla scienza all'università. Quattro giorni a Madrid di seminari, workshop e di discussione sulle proposte giuridiche contro il diritto d'autore Il copyright è una nuova frontiera tra il potere e il sapere: questo il filo conduttore che ha accompagnato le quattro «Giornate sulla proprietà intellettuale» organizzate a Madrid dal 27 al 31 marzo dal collettivo telematico spagnolo «Copyleft». Un incontro avvenuto in un clima particolare: l'adesione spagnola alla guerra in Iraq ha generato un'opposizione palpabile nelle strade di Madrid, tra striscioni «nowar» che penzolano da molti balconi e video-choc sulla repressione delle manifestazioni dei giorni scorsi degni della mattanza di Genova. In questo contesto, il convegno sulla proprietà intellettuale ha attirato centinaia di persone nei locali della Casa Encendida e del Laboratorio, il più noto centro sociale di Madrid, minacciato di sgombero. Le «giornate» si sono trasformate in un festival contro il copyright, lo strumento che permette a case editrici, società discografiche e software house di impedire la libera distribuzione dei loro prodotti. Un compito sempre più arduo, da quando Internet ha accelerato esponenzialmente la circolazione dell'informazione. Proprio dalla comunità degli «internauti» giungono infatti le critiche e le proposte più efficaci. Ed è stato infatti il mondo dell'informatica che ha sviluppato il copyleft. «Copyleft» è una inversione ironica di copyright. Mentre il copyright impedisce la libera circolazione di un prodotto dell'intelletto umano e rende illegale, ad esempio, lo scambio di canzoni via internet, un programma informatico registrato sotto una licenza copyleft può essere copiato, distribuito, e modificato liberamente: ma su nessun suo derivato può essere depositato un copyright. Il copyleft è dunque uno stratagemma ingegnoso per liberare l'informazione dal monopolio di poche multinazionali, come dimostra il caso del «Free Software» e della licenza Gpl (Gnu Public Licence), espressione giuridica del copyleft. La presenza a Madrid di Marcelo Elia Branco, promotore e responsabile dell'adozione del software libero nello stato di Rio Grande do Sul (quello di Porto Alegre) in Brasile, testimoniava un'attenzione che supera le frontiere tecnologiche. Esportare il copyleft all'esterno del mondo dell'informatica è stato uno degli obiettivi delle Jornadas. Per questo motivo, sono stati invitati gli avvocati californiani di Creative Commons (www.creativecommons.org), un progetto che mira a costruire un kit di strumenti giuridici che permetta di estendere il copyleft a siti Internet, canzoni, immagini. Infatti, come ha ripetuto Glenn Otis Brown, solo una licenza copyleft semplice e flessibile potrà diffondersi su scala industriale e uscire dalla nicchia del software. A rinforzare questa posizione sono giunti i francesi del collettivo «Copyleft Attitude» (www.artlibre.org), che hanno presentato la Licence Art Libre (Lal), una licenza specializzata per le creazioni artistiche, che rispetti i diritti morali degli autori senza limitare l'accesso alle opere d'arte. La presenza di avvocati in un centro sociale non stupisca, poiché la questione giuridica è fondamentale: le licenze copyleft sono normali copyright adattati allo scopo, e sono efficaci proprio perché si appoggiano sulle leggi sul copyright, con una sorta di «pirateria giuridica» degna dei migliori hackers. Chi viola, infatti, un copyleft cade nell'illegalità come chi viola il diritto d'autore tradizionale. Ma la legge non è tutto: il copyleft è una bandiera politica sotto cui si riuniscono i movimenti che nel libero accesso ai saperi, vedono una battaglia sociale centrale, adeguata cioè a un'economia sempre più immateriale e basata sulla conoscenza. Altri tavoli vertevano infatti sull'educazione, ove l'accesso alle conoscenze è un presupposto per una formazione permanente alla 20

Diritto d autore e nuove tecnologie

Diritto d autore e nuove tecnologie Diritto d autore e nuove tecnologie Capitolo I: Il diritto d autore 1. Origini del diritto sulle opere dell ingegno. 2. La normativa italiana 3. La legge 22 aprile del 1941 n. 633 sul diritto d autore

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

CONOSCENZA, ISTRUZIONE, CULTURA, RICERCA, COMUNICAZIONE

CONOSCENZA, ISTRUZIONE, CULTURA, RICERCA, COMUNICAZIONE CONOSCENZA, ISTRUZIONE, CULTURA, RICERCA, COMUNICAZIONE 1. L ISTRUZIONE PUBBLICA È PER TUTTI La Conoscenza è un bene comune; in essa l istruzione ha un ruolo centrale. Il rilancio della scuola pubblica,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA Il software Open Source UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI:PROF.BRUNO TROISI DOTT.MASSIMO FARINA La società dell informazione

Dettagli

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC.

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. Corso "Software Open Source per il commercio elettronico Modulo: Applicazioni di ecommerce L'OPEN SOURCE Il software E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. I programmatori Sono degli informatici che

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

Eppure le tecnologie aprono spazi inediti

Eppure le tecnologie aprono spazi inediti Eppure le tecnologie aprono spazi inediti di Luciano Pero* La questione della rappresentanza e dell'intermediazione vista dall'interno della fabbrica. Il rinnovamento dei cicli produttivi ha trasformato

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

LA PATERNITA DI UN OPERA

LA PATERNITA DI UN OPERA INTRO Il contest di Riprendiamoci le Strade ha ad oggetto l'arte della fotografia, della scrittura, della musica e della grafica/disegno. In generale ognuna di queste forme d'arte, come ogni espressione

Dettagli

Software proprietario

Software proprietario Open Source Software proprietario NO Fino a tutti glianni sessanta, anche se in misura decrescente, la componente principale e costosa di un computer era l hardware. Da ciò la scelta dei produttori di

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

Ragazzi di vita digitale Condizioni e condotte di giovani cibernaviganti sul diritto d autore

Ragazzi di vita digitale Condizioni e condotte di giovani cibernaviganti sul diritto d autore Ragazzi di vita digitale Condizioni e condotte di giovani cibernaviganti sul diritto d autore Giovanni Prattichizzo 20/05/2014 La società immateriale convergenza culturale società della sostituzione informatizzazione

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 L ITALIANO SULLE ONDE DEL MEDITERRANEO 2 La lingua italiana fra fragilità e mancanza di ambizione Monica Barni - Rettrice Università per stranieri di Siena

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli LE PORTE DELL ACCESSO iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli Le porte dell accesso incontri seminariali per costruire strumenti di inclusione informatica e di contrasto

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE di Avv. Elena Marangoni e-mail info@elenamarangoni.com Le aziende devono guardare alla Proprietà Intellettuale

Dettagli

EMT110311ITA. KeySecurePC

EMT110311ITA. KeySecurePC KeySecurePC IL PRIMO SISTEMA AL MONDO CHE RENDE I DATI DEL PC DAVVERO INVIOLABILI. 100% DI DEI DATI DEL VOSTRO PC DELLA CRIPTATURA AES256 PER I DATI INTERNI KEYSECUREPC DEL WIPING: DISTRUZIONE VOLONTARIA

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014 DoCumentazione IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA E CONFERENZA NAZIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA SULLO STATUTO E LE MODALITÀ D AZIONE DEL VOLONTARIATO IN AMBITO

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra C o s a è i l S o f t w a r e L i b e r o? Tecnicamente ed eticamente parlando il Software Libero è quello che, a prescindere dal

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

IL MANAGER E NUDO: COPRIAMOLO

IL MANAGER E NUDO: COPRIAMOLO IL MANAGER E NUDO: COPRIAMOLO Oggi dirigere una azienda è più pericoloso che fare una rapina in banca!! Se si fa una rapina si sa quali pericoli si corrono e può darsi anche che te la cavi. Se sei responsabile

Dettagli

Relazioni 9.45 Roberto Caso, Università di Trento Digital Rights Management: il potere tecnologico ai confini tra contratto e norma

Relazioni 9.45 Roberto Caso, Università di Trento Digital Rights Management: il potere tecnologico ai confini tra contratto e norma Roma, 5 novembre 2004 Anche a nome dei colleghi Sabino Cassese, Roberto Pardolesi e Luigi Prosperetti, desidero invitarla al workshop organizzato nell ambito del Laboratorio sui servizi a rete,dal titolo

Dettagli

Assemblea Nazionale dei Contrattualisti Sociali Cisl Roma, 7 luglio 2015. Traccia per le riflessioni ed il dibattito.

Assemblea Nazionale dei Contrattualisti Sociali Cisl Roma, 7 luglio 2015. Traccia per le riflessioni ed il dibattito. Assemblea Nazionale dei Contrattualisti Sociali Cisl Roma, 7 luglio 2015 Traccia per le riflessioni ed il dibattito Maurizio Bernava Perché un Assemblea dei sindacalisti impegnati nel sociale sui territori

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Nel suo intervento, il Rettore del Politecnico di Milano ha presentato la decisione del Senato accademico di obbligare

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

GLI ASPETTI GIURIDICI DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

GLI ASPETTI GIURIDICI DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE GLI ASPETTI GIURIDICI DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE SOMMARIO 1. Chi non comunica non esiste! Diritto all informazione 2. Tutela della privacy Privacy e riservatezza 3. Diritto d autore 4. Software

Dettagli

Introduzione al diritto d autore

Introduzione al diritto d autore Introduzione al diritto d autore Lezione n. 1 Il diritto d autore Legge 22 aprile 1941 n. 633, Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio Art. 1 Sono protette ai sensi

Dettagli

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa Copyright e Internet Diritto d autore e normativa I programmi per elaboratore sono tutelati civilmente e penalmente dalla normativa sul diritto d autore, in quanto opere dell ingegno, che si esprimono

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

Coesione e responsabilità

Coesione e responsabilità Coesione e responsabilità Proposte per ricostruire la società e l economia www.fuoridalmediaevo.org 28/4/2012 Liceo Scientifico Galileo Galilei, Erba www.fuoridalmediaevo.org Fuoridalmediaevo è un associazione

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Software Libero. Nicola Asuni

Software Libero. Nicola Asuni Software Libero Nicola Asuni Software "programmi e procedure utilizzati per far eseguire determinati compiti agli elaboratori elettronici (computer) o qualsiasi altro apparato con capacità di elaborazione

Dettagli

Linux Sia: Linux Fu!

Linux Sia: Linux Fu! Linux Sia: Linux Fu! Pasquale Merella p.merella@blueberrypie.it Associazione Studentesca Blueberrypie Università Commericiale "L.Bocconi" http://www.blueberrypie.it 22 Gennaio, 2002 Abstract Cosa è Linux?

Dettagli

Provincia Regionale di Messina

Provincia Regionale di Messina Provincia Regionale di Messina Gabinetto di Presidenza EUROPANEWS Newsletter redatta a cura dell Ufficio Europa e Politiche Comunitarie 26 Novembre 2013 L'UE aiuta gli artisti europei a conquistare un

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

La ricreazione è finita

La ricreazione è finita Roger Abravanel Luca D Agnese La ricreazione è finita Scegliere la scuola, trovare il lavoro Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07571-8 Prima edizione:

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI D USO

TERMINI E CONDIZIONI D USO TERMINI E CONDIZIONI D USO Il Sito Web NUOVACIAM comprende numerose pagine Web gestite da NUOVACIAM - Caltanissetta. Il Sito Web NUOVACIAM viene offerto all utente a condizione che l utente accetti senza

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI Modifica art. 10, comma 1 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con D.P.R. del 22

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione Lo sviluppo e il sottosviluppo 269 4.6 La socialità e la nuova povertà urbana Come dimostra la recente nascita di un pianeta di bidonville: i contadini espulsi dalle terre non possono venire assorbiti

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Software Libero e GNU/Linux

Software Libero e GNU/Linux Corso introduttivo a GNU/Linux Padova Software Libero e GNU/Linux Gianluca Moro Faber Libertatis Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/ Linux che cos'è? Linux

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali 18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali 18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali In questo capitolo impareremo a cercare immagini su Internet,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli