JULIUS BAER MULTISTOCK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JULIUS BAER MULTISTOCK"

Transcript

1 JULIUS BAER MULTISTOCK UNA SOCIETÀ DI INVESTIMENTO DI DIRITTO LUSSEMBURGHESE PROSPETTO INFORMATIVO 30 NOVEMBRE 2013 Le sottoscrizioni sono valide solo se effettuate sulla base del presente Prospetto o delle informazioni chiave per gli investitori unitamente all ultimo Rendiconto Annuale pubblicato, nonché all ultima Relazione Semestrale pubblicata, ove quest ultima sia stata pubblicata dopo il Rendiconto Annuale. Non possono essere fornite informazioni diverse da quelle contenute nel Prospetto ovvero nelle informazioni chiave per gli investitori.

2 PROSPETTO INFORMATIVO - 2 -

3 JULIUS BAER MULTISTOCK INDICE 1. Osservazioni preliminari Organizzazione e gestione Obiettivi e politiche di investimento Profilo degli investitori Restrizioni agli investimenti Tecniche di investimento e strumenti finanziari particolari Negoziazione di opzioni su titoli Operazioni a termine, swap e opzioni su strumenti finanziari Gestione efficiente del portafoglio Altre tecniche e strumenti di investimento Securities Lending (prestiti di valori mobiliari) Operazioni con patto di riacquisto titoli Gestione delle cauzioni per operazioni con derivati OTC e tecniche di gestione efficiente del portafoglio Tecniche e strumenti per la copertura dei rischi valutari Prodotti strutturati Swap e altri strumenti finanziari derivati analoghi Investimenti in indici finanziari ai sensi dell'art. 9 del Regolamento granducale dell'8 febbraio Rischi legati all utilizzo di derivati e di altre tecniche di investimento e strumenti finanziari particolari Effetto Leva Società Banca depositaria Società di gestione Agente principale amministrativo, Agente principale di pagamento e Agente del registro degli azionisti e di trasferimento Informazioni generali sulla consulenza agli investimenti e sulla gestione degli investimenti Gestore degli investimenti / Consulente per gli investimenti Consulente Agente di pagamento e rappresentante Società di distribuzione Cogestione (Co-management) Descrizione delle azioni Emissione delle azioni / Procedura di richiesta Richiesta e conferma Informazioni generali Riscatto delle azioni Conversione delle azioni Distribuzione di dividendo Determinazione del valore netto d inventario Sospensione del calcolo del valore netto d inventario, dell emissione, del riscatto e della conversione delle azioni Commissioni e spese

4 PROSPETTO INFORMATIVO 23. Regime fiscale Società Azionisti Assemblea generale e rendiconto Diritto applicabile, foro competente Presa in visione dei documenti Allegato I: Panoramica degli indici di confronto Allegato II: Panoramica dei comparti e delle tipologie di azioni

5 JULIUS BAER MULTISTOCK 1. OSSERVAZIONI PRELIMINARI La Julius Baer Multistock (la Società, Julius Baer Multistock ) è una société d investissement à capital variable (SICAV) costituita in base alla vigente Legge del Granducato del Lussemburgo del 10 agosto 1915 ( Legge del 1915 ) e in virtù della Parte I della Legge del 17 dicembre 2010 ( Legge del 2010 ) ivi riconosciuta come un organismo di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM). La Società ha una struttura ad ombrello che consente di costituire vari comparti ( comparti ) a cui corrispondono vari portafogli di investimento che possono essere rappresentati da diverse tipologie di azioni. Il Consiglio di Amministrazione della Società è autorizzato ad emettere azioni prive di valore nominale ( quote, azioni ) di diversi tipi di portafogli (i comparti ) che si riferiscono ai comparti descritti nel capitolo Obiettivi e politiche di investimento e conformemente a quanto previsto nel capitolo Descrizione delle azioni, per ogni comparto possono essere emesse tipologie di azioni ( tipologie di azioni ) con diverse caratteristiche. L emissione delle azioni avviene ad un prezzo espresso nella valuta di conto del rispettivo comparto, ovvero nella valuta di denominazione della relativa tipologia di azioni. Come descritto nel capitolo Emissione delle azioni / Procedura di richiesta, può essere addebitata inoltre una commissione di vendita di fino al 5%. Gamma dei comparti: denominazione / valuta di conto / periodo di sottoscrizione iniziale Nome della Società: JULIUS BAER MULTISTOCK Valuta di conto Periodo di sottoscrizione iniziale ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND EUR settembre 2010 ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND USD aperta*) AFRICA FOCUS FUND (fino al 29/11/2013: NORTHERN AFRICA FUND) EUR Settembre 2007 AGRICULTURE FUND USD giugno 2008 ASIA FOCUS FUND (fino al 29/11/2013: CHINDONESIA FUND) CHINA EVOLUTION FUND EASTERN EUROPE FOCUS FUND (fino al 29/11/2013: CENTRAL EUROPE STOCK FUND, fino al 29/05/2010: CENTRAL EUROPE MEGATREND STOCK FUND) USD settembre 2010 USD 29 novembre - 2 dicembre 2013 EUR febbraio 2001 ENERGY TRANSITION FUND USD ottobre 2008 EURO LARGE CAP STOCK FUND EUR giugno 2010 EUROLAND VALUE STOCK FUND (fino al 30/05/2001: EUROLAND STOCK FUND) EUROPE SMALL & MID CAP STOCK FUND (fino al 30/01/2006: SPECIAL EUROPE STOCK FUND) EUROPE FOCUS FUND (fino al 29/11/2013: EUROPE STOCK FUND) GERMAN VALUE STOCK FUND (fino al 30/05/2001: GERMAN STOCK FUND) GLOBAL EMERGING MARKETS STOCK FUND (fino al 30/01/2006: ASIA STOCK FUND, già ASIA MEGATREND STOCK FUND) GLOBAL EQUITY INCOME FUND (fino al 01/04/2013: GLOBAL STOCK FUND, già GLOBAL MEGATREND STOCK FUND) HEALTH INNOVATION FUND (fino al 29/11/2013: BIOTECH FUND) EUR ottobre 1999 EUR ottobre 1998 EUR 2 31 maggio 1990 EUR 6 10 dicembre 1993 EUR marzo 2000 EUR febbraio 1999 USD gennaio

6 PROSPETTO INFORMATIVO Nome della Società: JULIUS BAER MULTISTOCK Valuta di conto Periodo di sottoscrizione iniziale INFRASTRUCTURE FUND EUR giugno 2007 JAPAN STOCK FUND JPY maggio 1993 LUXURY BRANDS FUND EUR gennaio 2008 NATURAL RESOURCES FUND (fino al 27/11/2007: NATURAL RESOURCES STOCK FUND) NEW WORLD OPPORTUNITIES FUND (fino al 01/04/2013: GLOBAL SELECTION FUND) USD settembre 2007 EUR giugno 2011 RUSSIA FUND USD giugno 2008 SWISS SMALL & MID CAP STOCK FUND (fino al 30/01/2006: SPECIAL SWISS STOCK FUND) CHF 6 15 aprile 1992 SWISS STOCK FUND CHF 2 31 maggio 1990 US LEADING STOCK FUND (fino al 27/04/2000: US STOCK FUND) USD 2 31 maggio 1990 US VALUE STOCK FUND USD aprile 2002 *) Le azioni del comparto ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY saranno offerte in sottoscrizione per la prima volta in una data successiva che sarà stabilita dalla Società. La data di emissione sarà pubblicata sul Luxemburger Wort ed eventualmente su altri mezzi di comunicazione determinati dalla Società e il Prospetto sarà adeguato di conseguenza. La Società può emettere in qualsiasi momento azioni di nuovi comparti aggiuntivi. Il presente Prospetto verrà aggiornato di volta in volta. La Società emette attualmente delle tipologie di azioni con strutture di commissioni diverse (cfr. i capitoli Emissione e vendita delle azioni / Procedura di richiesta e Commissioni e spese ). Gli investitori possono acquisire azioni direttamente dalla Società o tramite un intermediario che agisce in nome proprio, ma per conto dell investitore. In questo ultimo caso, l investitore non potrà necessariamente far valere tutti i suoi diritti di investitore direttamente contro la Società. Per maggior informazioni consultare il capitolo Emissione delle azioni / Procedura di richiesta paragrafo Nominee Service. Le azioni possono essere riscattate al prezzo indicato al capitolo Riscatto delle azioni. Le azioni possono essere convertite in base alla formula riportata al capitolo Conversione delle azioni. In aggiunta al Prospetto sarà prodotto, per ogni tipologia di azioni, un documento contenente le informazioni chiave per gli investitori ( Informazioni chiave per gli investitori ), il quale dovrà essere fornito al sottoscrittore prima della sottoscrizione di azioni. Ogni sottoscrittore, con la sottoscrizione delle azioni, dichiara di aver ricevuto le informazioni chiave per gli investitori prima della sottoscrizione. Le azioni della Società possono essere quotate alla Borsa Valori di Lussemburgo. Le sottoscrizioni vengono accettate soltanto sulla base del Prospetto vigente ovvero delle informazioni chiave per gli investitori vigente, unitamente (i) all ultima Relazione Annuale della Società pubblicata oppure (ii) all ultima Relazione Semestrale, ove la stessa sia stata pubblicata dopo la Relazione Annuale. La Società è autorizzata, in virtù della Legge del 2010, a compilare uno o più prospetti speciali per la distribuzione di azioni di uno o più comparti o per un Paese di distribuzione determinato. Il presente Prospetto, le informazioni chiave per gli investitori, ed eventuali prospetti speciali non hanno valore di offerta o pubblicità in quelle giurisdizioni in cui un offerta o una pubblicità di tal genere siano inammissibili o nelle quali le persone che propongono una simile offerta o una simile pubblicità non siano autorizzate a farlo, oppure nelle quali ricevere un offerta o una pubblicità del genere costituisca una violazione della legge. Le indicazioni contenute nel presente Prospetto sono conformi al diritto vigente e alle consuetudini del Granducato del Lussemburgo e sono pertanto suscettibili di modifica

7 JULIUS BAER MULTISTOCK Le indicazioni contenute nel presente Prospetto a: franchi svizzeri o CHF si riferiscono alla valuta della Svizzera; dollari Usa oppure USD si riferiscono alla valuta degli Stati Uniti d America; Euro o EUR si riferiscono alla valuta dell Unione Economica e Monetaria Europea; yen giapponesi o JPY si riferiscono alla valuta del Giappone; Sterline o GBP si riferiscono alla valuta del Regno Unito. I potenziali sottoscrittori delle azioni sono tenuti ad informarsi di persona sulle disposizioni valutarie rilevanti nonché sui requisiti di legge e le norme di diritto tributario per loro rilevanti. Le azioni della Società non essendo registrate negli Usa in conformità dell United States Securities Act del 1933, non possono essere vendute o offerte in vendita negli Usa, inclusi i territori appartenenti agli Usa, a meno che una tale offerta o una tale vendita sia resa possibile tramite l esenzione dall obbligo di comunicazione alle autorità ai sensi dell United States Securities Act del Le azioni del comparto ASIA FOCUS FUND e del comparto ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND non possono essere acquistate o consegnate né tanto meno offerte direttamente o indirettamente in India, ovvero per conto di persone Residenti in India ( Residenti in India ) o a non residenti in India ( NRI ) Ai sensi di questa previsione, per residenti in India si intendono persone Residenti in India; persone o società di capitali di diritto indiano; Trusts, per i quali il fiduciario (trustee) è residente in India; agenzie o succursali di entità estere Residenti in India; conti non discrezionali o similari, i quali sono detenuti a favore o per conto di persone Residenti in India, nonché conti discrezionali o similari, i quali sono detenuti da un broker di diritto indiano o con residente in India. NRI ai sensi di questa disposizione sono cittadini indiani i quali non vivono in una città indiana. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito

8 PROSPETTO INFORMATIVO 2. ORGANIZZAZIONE E GESTIONE La Società ha sede in 25, Grand-Rue, L-1661 Lussemburgo. Consiglio di Amministrazione della Società Presidente: Martin Jufer Membro del Group Management Board, GAM Group;, Head of Operations, Swiss & Global Asset Management, Zurigo, Svizzera Membri del Consiglio: Andrew Hanges Avv. Freddy Brausch Jean-Michel Loehr Membro del Group Management Board, GAM Group; Head of Operations GAM e Region Head UK, Londra, Gran Bretagna Socio dello studio legale Linklaters LLP, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo Amministratore indipendente, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo Dott. Thomas von Ballmoos Managing Director, Head Legal & Compliance, Swiss & Global Asset Management, Zurigo, Svizzera Società di gestione Swiss & Global Asset Management (Luxembourg) S.A., 25, Grand-Rue, L-1661 Lussemburgo Consiglio di Amministrazione della Società di gestione Presidente: Martin Jufer Membri del Consiglio: Andrew Hanges Michel Malpas Michele Porro Yvon Lauret Membro del Group Management Board, GAM Group; Head of Operations, Swiss & Global Asset Management, Zurigo, Svizzera Membro del Group Management Board, GAM Group; Head of Operations GAM e Region Head UK, Londra, Gran Bretagna Amministratore indipendente, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo Membro del Group Management Board, GAM Group; Head of Distribution, Swiss & Global Asset Management e Region Head Switzerland, Zurigo, Svizzera Amministratore indipendente, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo Amministratori della società di gestione Ewald Hamlescher Steve Kieffer Amministratore, Swiss & Global Asset Management (Luxembourg) S.A., Lussemburgo Amministratore, Swiss & Global Asset Management (Luxembourg) S.A., Lussemburgo Consulente e gestore degli investimenti La Società e la Società di gestione hanno designato diversi consulenti e gestori degli investimenti e possono designarne altri. Banca depositaria Agente principale amministrativo e agente principale di pagamento Agente domiciliare e agente del registro degli azionisti e di trasferimento - 8 -

9 JULIUS BAER MULTISTOCK State Street Bank Luxembourg S.A., 49, Avenue J.F. Kennedy, L-1855 Lussemburgo Società di distribuzione La Società ovvero la società di gestione ha nominato delle società di distribuzione e può nominarne altre per il collocamento delle azioni in uno o più Stati. Revisori dei conti annuali PricewaterhouseCoopers Société coopérative, 400, route d Esch, L-1471 Lussemburgo è stata nominata revisore dei conti annuali della Società. Consulente legale Linklaters LLP, 35, avenue John F. Kennedy, L-1855 Lussemburgo è il consulente legale della Società a Lussemburgo. Autorità di vigilanza in Lussemburgo Commission de Surveillance du Secteur Financier ( CSSF ), 110, route d Arlon, L-2991 Lussemburgo. Ulteriori informazioni e documenti della Società e di ciascun comparto sono inoltre consultabili al sito internet Gli investitori troveranno inoltre anche un modulo per l inoltro di reclami

10 PROSPETTO INFORMATIVO 3. OBIETTIVI E POLITICHE DI INVESTIMENTO La Società, nel rispetto del principio della diversificazione del rischio, si prefigge l obiettivo di conseguire un congruo reddito, effettuando una gestione attiva orientata all incremento nel lungo termine del valore patrimoniale dei propri comparti, che (nel rispetto della politica d investimento e delle restrizione agli investimenti) investono prevalentemente in titoli azionari. A questo proposito verranno scelti quei titoli che sono negoziati in una Borsa Valori ufficiale di Paesi riconosciuti o in altri mercati regolamentati di Paesi riconosciuti. In questo contesto, il termine Paese riconosciuto significa Paese membro dell Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ( OCSE ) e tutti gli altri Paesi dell Europa, America del Nord e del Sud, Africa, Asia e bacino del Pacifico (qui di seguito Paese riconosciuto ). I mercati regolamentati sono mercati riconosciuti e aperti al pubblico e regolarmente funzionanti (qui di seguito mercato regolamentato ). Oltre ai valori mobiliari e agli altri valori patrimoniali consentiti ai sensi del capitolo Restrizioni agli investimenti, si possono detenere mezzi liquidi, a condizione che abbiano essenzialmente carattere accessorio. Nel rispetto delle direttive e delle limitazioni previste dalle leggi lussemburghesi, i comparti, nel rispetto degli obiettivi di investimento, possono servirsi anche delle tecniche di investimento e degli strumenti finanziari descritti nel capitolo Tecniche di investimento e strumenti finanziari particolari. Sebbene la Società si adoperi con la migliore diligenza per conseguire gli obiettivi di investimento prefissati, non può essere data garanzia della misura in cui tali obiettivi di investimento saranno conseguiti. Di conseguenza i valori netti d inventario delle azioni possono risultare inferiori o superiori e i risultati positivi o negativi derivanti possono essere più o meno consistenti. Sussiste quindi il rischio che un azionista non ricavi la somma originariamente investita. L entità del rischio può variare da comparto a comparto, a seconda dell orientamento di ciascuno di essi. Si invita inoltre a considerare che nel settlement di operazioni effettuate con titoli della Società, specialmente in relazione ai titoli custoditi in Slovenia, sussistono rischi più elevati, in particolare il rischio di consegna ritardata dei titoli o di mancata consegna. Per gli azionista la cui valuta di riferimento non coincide con la valuta di investimento di un comparto possono inoltre insorgere rischi di valuta. La descrizione del comparto di cui sopra non è da considerarsi quale consiglio all acquisto di azioni di un particolare comparto. Si invita piuttosto ogni azionista a ricorrere al consiglio del proprio consulente finanziario in relazione all acquisto di azioni della Società nonché alla selezione di comparti e tipologie di azioni. La performance dei singoli comparti è indicata nelle informazioni chiave per gli investitori. Il Consiglio di Amministrazione della Società ( Consiglio di amministrazione ) ha fissato i seguenti obiettivi e politiche di investimento per i singoli comparti: Julius Baer Multistock ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND L obiettivo di investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND ( ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND ) è il conseguimento di una crescita del capitale nel lungo periodo sia con mercati finanziari in rialzo che in ribasso. A questo scopo l'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND investe, facendo principalmente ricorso all'impiego di strumenti finanziari derivati, in azioni o in titoli riferiti ad azioni emessi da società che hanno sede o che svolgono la parte preponderante della loro attività economica in un Paese europeo riconosciuto, nonché in indici azionari europei. L'ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND investe almeno due terzi del patrimonio in tali azioni o titoli riferiti ad azioni o indici azionari. Nel rispetto della strategia market neutral (non correlata all'andamento del mercato) che il comparto intende di norma perseguire, l'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND assumerà posizioni long in azioni, titoli riferiti ad azioni e indici azionari che si ritengono sottovalutati e posizioni short in azioni, titoli riferiti ad azioni e indici azionari che si ritengono sopravvalutati, sempre facendo prevalentemente ricorso all'impiego di accordi swap regolati per contante. Per attuare questa strategia si assume di norma una combinazione di singoli contratti swap nei quali la performance di un'azione (o di titoli riferiti ad azioni o indici azionari) viene scambiata a fronte del finanziamento dell'operazione, in linea di principio sulla base di un tasso riconosciuto del mercato monetario. Inoltre, in situazioni del mercato considerate idonee, l'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND può scostarsi in modo opportunistico dalla suddetta strategia market neutral e assumere posizioni direzionali long e

11 JULIUS BAER MULTISTOCK posizioni short sintetiche, prevalentemente investendo direttamente in azioni o titoli riferiti ad azioni nonché swap, future, opzioni o altri strumenti finanziari derivati su azioni, titoli riferiti ad azioni o indici azionari. L'ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND deterrà, tramite strumenti finanziari derivati, posizioni long fino a un massimo del 150% del patrimonio netto e, tramite strumenti finanziari derivati regolati per contante, posizioni short fino a un massimo del 150% del suo patrimonio netto. Per attuare le proprie strategie a rendimento assoluto, l'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND intende sfruttare nella massima misura possibile la possibilità di investire in strumenti finanziari derivati o di fare ricorso a tecniche d'investimento particolari come descritto nel capitolo "Tecniche di investimento e strumenti finanziari particolari", sempre nel rispetto delle limitazioni qui definite. Gli strumenti finanziari derivati negoziati in borsa o fuori borsa, ai quali l'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND fa ricorso, possono comprendere tra l'altro contratti swap, future (su indici), opzioni (su indici), contratti a termine su strumenti finanziari e opzioni su tali contratti. Gli impegni assunti con l'utilizzo di strumenti finanziari derivati vengono coperti mediante investimenti a pronta liquidità, quali titoli a tasso fisso o tasso variabile, titoli di credito e diritti di credito (ivi compresi gli zero bond) di ottima solvibilità, titoli del mercato monetario, liquidità e valori assimilabili, al fine di poter coprire in qualsiasi momento gli impegni dell'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND derivanti dalle posizioni detenute in strumenti finanziari derivati (comprese le posizioni short). A tal fine, la liquidità e i mezzi liquidi e assimilabili possono arrivare al massimo al 100% del patrimonio dell'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND. L'ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND può investire, fino ad un terzo del patrimonio, in altri valori mobiliari ammissibili, ai sensi dell'art. 41 cpv. 1 della legge del 2010 e delle ordinanze, nonché delle circolari emesse dall'autorità di vigilanza in materia, compresi gli strumenti finanziari derivati. È inoltre ammesso il ricorso a strumenti finanziari derivati e tecniche d'investimento specifiche anche per una gestione efficiente del portafoglio e a scopi di copertura. L ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND è denominato in Euro. Gli investimenti dell ABSOLUTE RETURN EUROPE EQUITY FUND possono essere espressi in Euro o in altre valute. I rischi di cambio possono essere coperti in tutto o in parte. Non può essere esclusa una perdita di valore per effetto di oscillazioni dei cambi. Il rischio complessivo dell'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND viene controllato applicando il metodo del Value at Risk (VaR) assoluto. Nell'ambito della gestione del rischio viene fissato un limite VaR mensile massimo (20 giorni) del 10% con un livello di confidenza del 99%. Per conseguire i propri obiettivi di rendimento, anziché agli investimenti diretti l'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND fa prevalentemente ricorso a strumenti finanziari derivati e altre tecniche d'investimento particolari al fine di creare e mantenere un investimento sui mercati azionari europei. Oltre alle caratteristiche di rischio dei titoli si dovranno così osservare anche le caratteristiche di rischio dei derivati, nonché le altre tecniche e gli altri strumenti d'investimento particolari. In generale, tali strumenti sono esposti ai rischi tipici dei mercati o degli strumenti sottostanti e comportano spesso rischi superiori rispetto agli investimenti diretti in valori mobiliari. I potenziali rischi possono derivare ad esempio, da fattori quali complessità, non linearità, elevata volatilità, ridotta liquidità, limitata possibilità di valutazione, rischio di perdita di proventi o persino perdita totale del capitale investito o rischio di inadempienza delle controparti. Le strategie adottate dall'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND potrebbero non funzionare e non raggiungere l'obiettivo d'investimento previsto. In particolare non è possibile garantire che con l'utilizzo di corrispondenti posizioni long e short si possano limitare i rischi che deriverebbero dall'absolute RETURN EUROPE EQUITY FUND, ad esempio in caso di oscillazioni dei mercati azionari, operazioni di capitalizzazione, acquisizione, fusione e ristrutturazione di aziende nonché cambi di settore e altri fattori di rischio. Julius Baer Multistock ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND L'obiettivo d'investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND ("ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND") consiste nel conseguire un rendimento positivo a lungo termine con mercati finanziari sia in rialzo che in ribasso

12 PROSPETTO INFORMATIVO A tal fine l'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND investe, direttamente o mediante l'utilizzo di strumenti finanziari derivati, in azioni o titoli riferiti ad azioni di imprese che hanno sede o che svolgono una parte preponderante della loro attività economica nei mercati emergenti (Emerging Markets), nonché in indici azionari di mercati emergenti. Per "mercati emergenti" si intendono in generale i mercati dei paesi che si stanno sviluppando in moderni paesi industrializzati e che quindi presentano un potenziale elevato, ma anche un rischio più alto. Tra questi si annoverano in particolare i paesi presenti nell'indice S&P Emerging Broad Market o nell'indice MSCI Emerging Markets. L'esposizione a tali azioni o titoli riferiti ad azioni o indici azionari ammonterà ad almeno due terzi del patrimonio dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND. Per l'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND la Società persegue generalmente una strategia market neutral. A tal fine l'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND assumerà posizioni long in azioni, titoli riferiti ad azioni e indici azionari ritenuti appetibili nonché posizioni short in azioni, titoli riferiti ad azioni e indici azionari ritenuti poco appetibili. Le posizioni long verranno aperte di norma mediante l'utilizzo di contratti futures o swap perfezionati in contanti o tramite investimenti azionari diretti e posizioni short principalmente mediante l'utilizzo di contratti futures o swap perfezionati in contanti. L'ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND assumerà posizioni long fino al 150% del suo patrimonio netto tramite strumenti finanziari derivati e posizioni short fino al 150% del suo patrimonio netto tramite strumenti finanziari derivati perfezionati in contanti. Per realizzare la sua strategia Absolute Return, l'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND prevede di sfruttare appieno la possibilità di investimenti in strumenti finanziari derivati o l'utilizzo di particolari tecniche d investimento, come descritto nel capitolo "Tecniche d'investimento e strumenti finanziari particolari" nel rispetto delle limitazioni previste. Gli strumenti finanziari derivati negoziati in borsa e fuori borsa utilizzati dall'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND possono comprendere, tra gli altri contratti, swap, futures (indicizzati), opzioni (indicizzate), contratti forward su strumenti finanziari e opzioni su tali contratti. Gli impegni assunti tramite strumenti finanziari derivati vengono coperti tramite investimenti liquidi come titoli obbligazionari a tasso fisso e variabile, titoli di credito e diritti di credito (inclusi zero bond) con buona solvibilità, titoli del mercato monetario, liquidità e strumenti assimilabili a liquidità, al fine di poter coprire in qualsiasi momento gli impegni dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND derivanti dalle sue posizioni in strumenti finanziari derivati (incluse le posizioni short). A tal fine la liquidità e gli strumenti assimilabili a liquidità e altri strumenti liquidi possono ammontare fino al 100% del patrimonio dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND. Fino a un terzo del patrimonio dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND può essere investito in altri valori patrimoniali ai sensi dell'art. 41, comma 1 della Legge del 2010 nonché dei regolamenti e delle circolari dell'autorità di vigilanza rilasciati a tal fine, inclusi strumenti finanziari derivati. Possono inoltre essere utilizzati strumenti finanziari derivati e particolari tecniche d'investimento anche con finalità di efficiente gestione del portafoglio e di copertura. Le posizioni long in Cina vengono assunte tramite investimenti in cosiddette azioni "China H", investimenti in azioni di imprese cinesi quotate in un'altra borsa estera al di fuori della Repubblica Popolare Cinese, l'acquisto di cosiddetti prodotti riferiti ad azioni quali ADR (American Depositary Receipts) o GDR (Global & Depositary Receipts) che soddisfano i requisiti dell'articolo 41 della Legge del 2010 e che non incorporano derivati o ETFS (Exchanged Traded Funds), oppure indirettamente mediante l'utilizzo di strumenti finanziari derivati. Le azioni "China H" sono quotate alla Borsa di Hong Kong e sono denominate in dollari di Hong Kong. Le posizioni short in Cina vengono assunte indirettamente tramite l'utilizzo di strumenti finanziari derivati. Le posizioni long in India vengono assunte tramite investimenti in azioni locali, investimenti in azioni di imprese indiane, quotate in una borsa estera al di fuori dell'india, l'acquisto di cosiddetti prodotti riferiti ad azioni quali ADR (American Depositary Receipts) o GDR (Global & Depositary Receipts) che soddisfano i requisiti dell'articolo 41 della Legge del 2010 e che non incorporano derivati o ETFS (Exchanged Traded Funds), oppure indirettamente mediante l'utilizzo di strumenti finanziari derivati. Le posizioni short in India vengono assunte indirettamente tramite l'utilizzo di strumenti finanziari derivati. L'ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND è denominato in dollari Usa. Gli investimenti dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND possono essere denominati in dollari Usa o

13 JULIUS BAER MULTISTOCK altre valute. Il rischio di cambio può essere sottoposto a copertura totale o parziale. Non è possibile escludere perdite dovute alle oscillazioni valutarie. Il rischio globale dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND viene monitorato applicando il metodo del Value at Risk assoluto (VAR). Nell'ambito della gestione del rischio viene stabilito un limite VaR massimo mensile (20 giorni) del 10%, con un intervallo di confidenza del 99%. I titoli emessi da emittenti della Federazione Russa possono essere acquistati direttamente, a condizione che siano negoziati in una borsa valori riconosciuta o in un altro mercato riconosciuto e regolamentato, aperto al pubblico e regolarmente funzionante. Attualmente il mercato riconosciuto nella Federazione Russa è il "Moscow Exchange", nato dalla fusione tra il "Russian Trading System Stock Exchange" e il "Moscow Interbank Currency Exchange". I titoli acquistati direttamente da emittenti della Federazione Russa, che vengono negoziati al di fuori del "Moscow Exchange, e particolari investimenti diretti in altri paesi, che non vengono negoziati in una borsa valori riconosciuta o in un altro mercato regolamentato e riconosciuto, aperto al pubblico e regolarmente funzionante, possono ammontare complessivamente fino al 10% del valore d'inventario netto dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND. Per conseguire i suoi obiettivi d'investimento, in luogo di investimenti diretti, l'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND utilizza soprattutto tecniche d'investimento e altri strumenti finanziari derivati particolari, al fine di costruire e mantenere l'impegno nei mercati azionari dei mercati emergenti. In tal modo, oltre alle caratteristiche di rischio dei titoli, si devono tenere presenti anche le caratteristiche di rischio dei derivati e di altre tecniche d'investimento e strumenti, che generalmente sono esposti ai rischi dei loro mercati sottostanti e strumenti sottostanti e spesso comportano rischi più elevati rispetto agli investimenti effettuati direttamente in valori mobiliari. I rischi potenziali associati a tali strumenti possono risultare da fattori quali complessità, non linearità, effetto leva, volatilità elevata, liquidità bassa, valutabilità limitata, rischio di mancati proventi o addirittura di perdita totale del capitale investito o dal rischio di controparte. La strategia applicata dall'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND può mancare l'obiettivo d'investimento auspicato. In particolare non esistono garanzie che l'utilizzo di corrispondenti posizioni long e short limiti i rischi dell'absolute RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND, ad esempio in caso di oscillazioni dei mercati azionari, capitalizzazione, acquisizioni, fusioni e ristrutturazioni di imprese e cambiamenti settoriali e altri fattori di rischio. Si fa presente ai potenziali investitori che gli investimenti nell ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND comportano notevoli rischi. I mercati azionari e l economia dei cd. mercati dei Paesi emergenti sono generalmente volatili. In particolare sussiste il rischio: a) di un possibile scarso o del tutto assente volume di scambio dei valori mobiliari sul relativo mercato che può portare a difficoltà di liquidazione e a rilevanti oscillazioni dei prezzi; b) di incertezza della situazione politica, economica e sociale e conseguenti pericoli di esproprio o sequestro, il rischio di un tasso d inflazione eccezionalmente elevato, di misure fiscali restrittive e di altri sviluppi negativi; c) di possibili e rilevanti oscillazioni dei tassi di cambio delle valute, di diversità degli ordinamenti giuridici, di restrizioni esistenti o possibili alle esportazioni di valuta, di limitazioni doganali o di altre limitazioni di leggi o di altre restrizioni agli investimenti; d) di situazioni politiche o di altro tipo che limitino le possibilità di investimento dell ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND, come ad esempio limitazioni verso emittenti o industrie considerate rilevanti dal punto di vista dell interesse nazionale, e e) di mancanza di norme giuridiche adeguatamente sviluppate per investimenti privati o esteri e di una possibile mancanza di garanzia per la proprietà privata. Gli investimenti dell ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND effettuati in certi Paesi d investimento possono inoltre risentire di sviluppi politici e/o di modifiche legislative, di misure di controllo valutario o fiscale dei relativi Paesi. Inoltre esistono rischi relativi al regolamento delle operazioni in titoli, nel senso che esiste il rischio che malgrado il pagamento del loro corrispettivo da parte dell ABSOLUTE RETURN EMERGING MARKETS EQUITY FUND, il titolo non venga consegnato o

14 PROSPETTO INFORMATIVO venga consegnato con ritardo. Altresì non può essere escluso il rischio di falsificazioni o di furto di valori mobiliari. In quanto agli investimenti in certi mercati dei Paesi emergenti si segnalano i rischi connessi alla proprietà e al deposito dei valori mobiliari. In certi mercati dei Paesi emergenti la proprietà di valori mobiliari viene provata mediante la registrazione nei libri dell emittente dei valori mobiliari o del suo conservatore del registro (il quale non ha qualità di agente della banca depositaria né è responsabile verso quest ultima). L obbligo di controllo da parte della banca depositaria si limita ad un controllo con le sue migliori forze per quanto sia ragionevolmente possibile. I certificati rappresentativi della partecipazione ad aziende di determinati mercati dei Paesi emergenti non vengono custoditi dalla banca depositaria, da banche depositarie da essa delegate o da un effettivo sistema di deposito centrale. A causa di questo regime e della carenza di una normativa efficace e con forza esecutiva, la Società potrebbe perdere la registrazione e la proprietà dei valori mobiliari in certi mercati dei Paesi emergenti in conseguenza di frode, negligenza o semplicemente di scarsa diligenza. Si richiama l attenzione sul fatto che i certificati di partecipazione esistono per lo più in forma di fotocopia e di conseguenza la loro validità può essere oggetto di contestazioni. Julius Baer Multistock AFRICA FOCUS FUND L obiettivo di investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock AFRICA FOCUS FUND ( AFRICA FOCUS FUND ) è il conseguimento di un incremento del capitale a lungo termine mediante investimenti per almeno due terzi del patrimonio in un portafoglio di azioni accuratamente selezionate e altri titoli di partecipazione di aziende con sede o che svolgano una parte preponderante della loro attività economica in Africa. La Società, inoltre, può investire fino ad un massimo di un terzo del patrimonio dell AFRICA FOCUS FUND in altri beni patrimoniali, quali titoli azionari o altri titoli e diritti di partecipazione accuratamente selezionati di aziende con sede o che svolgano una parte preponderante della loro attività economica in Paesi riconosciuti, oppure in valori mobiliari a reddito fisso o variabile, nonché in obbligazioni convertibili e con opzione (fino ad un massimo del 25% del patrimonio dell AFRICA FOCUS FUND). Complessivamente, fino ad un massimo del 15% del patrimonio dell AFRICA FOCUS FUND può essere investito in warrants su azioni o altri titoli di partecipazione e diritti di partecipazione. Gli acquisti di warrants implicano rischi più elevati dovuti alla maggiore volatilità di questo tipo di investimenti. Inoltre, possono essere detenuti mezzi liquidi che in determinate circostanze possono ammontare fino al 49% del patrimonio dell AFRICA FOCUS FUND e ciò in deroga alla regola dei 2/3 sopra descritta. L AFRICA FOCUS FUND è denominato in Euro. Gli investimenti dell AFRICA FOCUS FUND possono essere espressi in Euro o in altre valute. I rischi di cambio possono essere coperti in tutto o in parte. Non può essere esclusa una perdita di valore per effetto di oscillazioni dei cambi. Si fa presente ai potenziali investitori che gli investimenti nell AFRICA FOCUS FUND comportano notevoli rischi. I mercati azionari e l economia dei cd. mercati dei Paesi emergenti e dei mercati dei Paesi di frontiera sono generalmente volatili. In particolare sussiste il rischio: a) di un possibile scarso o del tutto assente volume di scambio dei valori mobiliari sul relativo mercato che può portare a difficoltà di liquidazione e a rilevanti oscillazioni dei prezzi; b) di incertezza della situazione politica, economica e sociale e conseguenti pericoli di esproprio o sequestro, il rischio di un tasso d inflazione eccezionalmente elevato, di misure fiscali restrittive e di altri sviluppi negativi; c) di possibili e rilevanti oscillazioni dei tassi di cambio delle valute, di diversità degli ordinamenti giuridici, di restrizioni esistenti o possibili alle esportazioni di valuta, di limitazioni doganali o di altre limitazioni di leggi o di altre restrizioni agli investimenti; d) di situazioni politiche o di altro tipo che limitino le possibilità di investimento dell AFRICA FOCUS FUND, come ad esempio limitazioni verso emittenti o industrie considerate rilevanti dal punto di vista dell interesse nazionale, e

15 JULIUS BAER MULTISTOCK e) di mancanza di norme giuridiche adeguatamente sviluppate per investimenti privati o esteri e di una possibile mancanza di garanzia per la proprietà privata. Gli investimenti dell AFRICA FOCUS FUND effettuati in certi Paesi d investimento possono inoltre risentire di sviluppi politici e/o di modifiche legislative, di misure di controllo valutario o fiscale dei relativi Paesi. Inoltre esistono rischi relativi al regolamento delle operazioni in titoli, nel senso che esiste il rischio che malgrado il pagamento del loro corrispettivo da parte dell AFRICA FOCUS FUND, il titolo non venga consegnato o venga consegnato con ritardo. Altresì non può essere escluso il rischio di falsificazioni o di furto di valori mobiliari. In quanto agli investimenti in certi mercati dei Paesi emergenti e mercati dei Paesi di frontiera si segnalano i rischi connessi alla proprietà e al deposito dei valori mobiliari. In certi mercati dei Paesi emergenti e mercati dei Paesi di frontiera la proprietà di valori mobiliari viene provata mediante la registrazione nei libri dell emittente dei valori mobiliari o del suo conservatore del registro (il quale non ha qualità di agente della banca depositaria né è responsabile verso quest ultima). L obbligo di controllo da parte della banca depositaria si limita ad un controllo con le sue migliori forze per quanto sia ragionevolmente possibile. I certificati rappresentativi della partecipazione ad aziende di determinati mercati dei Paesi emergenti e di mercati dei Paesi di frontiera non vengono custoditi dalla banca depositaria, da banche depositarie da essa delegate o da un effettivo sistema di deposito centrale. A causa di questo regime e della carenza di una normativa efficace e con forza esecutiva, la Società potrebbe perdere la registrazione e la proprietà dei valori mobiliari in certi mercati dei Paesi emergenti e mercati dei Paesi di frontiera in conseguenza di frode, negligenza o semplicemente di scarsa diligenza. Si richiama l attenzione sul fatto che i certificati di partecipazione esistono per lo più in forma di fotocopia e di conseguenza la loro validità può essere oggetto di contestazioni. Julius Baer Multistock AGRICULTURE FUND L obiettivo di investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock AGRICULTURE FUND ( AGRICULTURE FUND ) è il conseguimento di una crescita del capitale nel lungo periodo attraverso l'investimento di almeno due terzi del patrimonio dell'agriculture FUND in un portafoglio in titoli azionari e altri titoli di partecipazione accuratamente selezionati di aziende che si occupano della produzione, trasformazione, distribuzione e commercializzazione e/o della valorizzazione a livello mondiale di prodotti agrari e prodotti derivati, che realizzano la parte preponderante dei propri ricavi con il finanziamento dei suddetti settori, che detengono partecipazioni prevalentemente in siffatte aziende e/o che offrono in detti settori servizi, attrezzature e materie sussidiarie e di consumo e che hanno la propria sede o la parte preponderante della propria attività economica in Paesi riconosciuti. Fino ad un terzo del patrimonio dell AGRICULTURE FUND può essere investito in altri valori mobiliari ammissibili ai sensi dell'art. 41 cpv. 1 della Legge del 2010 e delle ordinanze, nonché delle circolari emesse dall'autorità di vigilanza in materia, compresi gli strumenti finanziari derivati. Inoltre, il comparto potrà detenere mezzi liquidi che in determinate circostanze possono ammontare fino al 49% del suo patrimonio e ciò in deroga alla regola dei 2/3 sopra descritta. Possono inoltre essere utilizzati strumenti finanziari derivati e particolari tecniche d'investimento anche con finalità di efficiente gestione del portafoglio e di copertura. L'AGRICULTURE FUND è denominato in dollari Usa. Gli investimenti dell'agriculture FUND possono essere espressi in dollari Usa o in altre valute. I rischi di cambio possono essere coperti in tutto o in parte. Non può essere esclusa una perdita di valore per effetto di oscillazioni dei cambi. I titoli emessi da emittenti della Federazione russa possono essere acquistati direttamente se sono negoziati in una borsa valori riconosciuta o in un altro mercato regolamentato regolarmente funzionante, riconosciuto e aperto al pubblico. Attualmente viene considerato come mercato riconosciuto nella Federazione russa il Moscow Exchange che è emerso dalla fusione tra il Russian Trading System Stock Exchange e il Moscow Interbank Currency Exchange. I titoli di emittenti della Federazione russa direttamente acquistati che sono negoziati al di

16 PROSPETTO INFORMATIVO fuori del Moscow Exchange nonché, in particolare, investimenti diretti in altri Paesi che non sono negoziati in una borsa valori riconosciuta o in un altro mercato regolamentato regolarmente funzionante, riconosciuto e aperto al pubblico, possono ammontare, insieme con altri investimenti c.d. non riconosciuti, a un massimo del 10% del valore netto d'inventario dell'agriculture FUND. Nell AGRICULTURE FUND possono essere acquistati in grande quantità valori mobiliari di emittenti con sede nei cosiddetti mercati emergenti e/o denominati nella valuta di questi paesi o ad essi associati economicamente. Per mercati emergenti si intendono in generale i mercati di Paesi in procinto di diventare industrializzati nel senso moderno del termine, caratterizzati da un alto potenziale di crescita, ma anche da un maggior rischio. Rientrano in questa categoria in particolare i Paesi inclusi nell indice S&P Emerging Broad Market Index o nell'indice MSCI Emerging Markets Index. Si fa presente ai potenziali investitori che gli investimenti in mercati emergenti comportano notevoli rischi. In particolare, sussiste il rischio: a) di un possibile scarso o del tutto assente volume di scambio dei valori mobiliari sul relativo mercato che può portare a difficoltà di liquidazione e a rilevanti oscillazioni dei prezzi; b) di incertezza della situazione politica, economica, legale e sociale e conseguenti pericoli di esproprio o sequestro, il rischio di un tasso d inflazione eccezionalmente elevato, di misure fiscali restrittive e di altri sviluppi negativi; c) di possibili e rilevanti oscillazioni dei tassi di cambio delle valute, di diversità degli ordinamenti giuridici, di restrizioni esistenti o possibili alle esportazioni di valuta, di limitazioni doganali o di altre limitazioni di leggi o di altre restrizioni agli investimenti; d) di situazioni politiche o di altro tipo che limitino le possibilità di investimento del comparto, come ad esempio limitazioni verso emittenti o industrie considerate rilevanti dal punto di vista dell interesse nazionale, e e) di mancanza di norme giuridiche adeguatamente sviluppate per investimenti privati o esteri e di una possibile mancanza di garanzia per la proprietà privata. Inoltre per gli investimenti effettuati in certi Paesi d investimento esistono rischi relativi al regolamento delle operazioni in titoli, nel senso che esiste il rischio che malgrado il pagamento del loro corrispettivo da parte dell AGRICULTURE FUND, il titolo non venga consegnato o venga consegnato con ritardo. Altresì non può essere escluso il rischio di falsificazioni o di furto di valori mobiliari. In quanto agli investimenti in alcuni Paesi si segnalano i rischi connessi alla proprietà e al deposito dei valori mobiliari. In alcuni Paesi di investimento la proprietà di valori mobiliari viene provata mediante la registrazione nei libri dell emittente dei valori mobiliari o del suo conservatore del registro (il quale non ha qualità di agente della banca depositaria né è responsabile verso quest ultima). L obbligo di controllo da parte della banca depositaria si limita ad un controllo con le sue migliori forze per quanto sia ragionevolmente possibile. I certificati rappresentativi della partecipazione ad aziende di determinati Paesi di investimento, non vengono custoditi dalla banca depositaria, da banche depositarie da essa delegate o da un effettivo sistema di deposito. A causa di questo regime e della carenza di una normativa efficace e con forza esecutiva, la Società potrebbe perdere la registrazione e la proprietà dei valori mobiliari in alcuni Paesi di investimento in conseguenza di frode, negligenza o semplicemente di scarsa diligenza. Si richiama l attenzione sul fatto che i certificati di partecipazione esistono per lo più in forma di fotocopia e di conseguenza la loro validità può essere oggetto di contestazioni. Julius Baer Multistock ASIA FOCUS FUND L obiettivo di investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock ASIA FOCUS FUND ( ASIA FOCUS FUND ) è il conseguimento di un incremento del capitale a lungo termine mediante investimenti per almeno due terzi del patrimonio in un portafoglio di azioni accuratamente selezionate e altri titoli e diritti di partecipazione di aziende con sede o che svolgano una parte preponderante della loro attività economica in Paesi asiatici riconosciuti (escluso il Giappone). Inoltre, la Società può investire fino ad un massimo di un terzo del patrimonio dell ASIA FOCUS FUND in ulteriori valori patrimoniali, come azioni accuratamente selezionate e altri titoli e diritti di partecipazione di aziende con

17 JULIUS BAER MULTISTOCK sede o che svolgano una parte preponderante della loro attività economica in Paesi riconosciuti oppure in valori mobiliari a reddito fisso o variabile nonché in obbligazioni convertibili e cum warrant (fino ad un massimo del 25% del patrimonio) di emittenti di Paesi riconosciuti. Fino ad un massimo del 15% del patrimonio dell ASIA FOCUS FUND può essere investito in warrants su azioni o su altri titoli e diritti di partecipazione. Gli acquisti di warrants implicano rischi più elevati dovuti alla maggiore volatilità di questo tipo di investimenti. Inoltre, possono essere detenuti mezzi liquidi che in determinate circostanze possono ammontare fino al 49% del patrimonio dell ASIA FOCUS FUND e ciò in deroga alla regola dei 2/3 sopra descritta. Gli investimenti diretti in Cina sono effettuati principalmente nelle cosiddette azioni Cina-H, che sono quotate alla Borsa valori di Hong Kong e denominate in dollari di Hong Kong nonché in azioni di imprese cinesi, le quali sono quotate in una Borsa Valori estera al di fuori della Repubblica Popolare Cinese. In futuro, l ASIA FOCUS FUND potrà investire anche nelle cd. azioni Cina-A che sono denominate in Renminbi e negoziate sulla Borsa valori di Shanghai e Shenzhen di società costituite sul territorio cinese. Le azioni Cina-A soddisfano i requisiti dell'articolo 41 della Legge del L ASIA FOCUS FUND può investire fino al 30% del suo patrimonio in azioni Cina-A. Gli investimenti in Cina possono essere anche acquisiti indirettamente tramite prodotti legati alle azioni, in particolare ADR (American Depositary Receipts), GDR (Global Depositary Receipts) che soddisfano i requisiti dell'articolo 41 della Legge del 2010 e che non incorporano derivati, o i cosiddetti Exchanged Traded Funds (ETF) e altri fondi di investimento. È possibile effettuare investimenti diretti in India tramite la controllata situata nelle Mauritius, la Multistock I (Mauritius) Ltd., c/o Cim Fund Services Ltd, 33 Edith Cavell Street, Port Louis, Mauritius. Per l ASIA FOCUS FUND, la Società può decidere di investire una parte o la totalità del patrimonio destinato ad investimenti in India indirettamente tramite una controllata nelle Mauritius avente come scopo esclusivo l'attività di investimento a beneficio dell ASIA FOCUS FUND. In linea di principio questi investimenti diretti permettono di beneficiare della convenzione sulla doppia imposizione stipulata tra India e Mauritius. A tal fine, la Società utilizzerà la parte o la totalità del patrimonio che si desidera investire in India per acquisire tutte le azioni della controllata che, in tal senso, viene detenuta al 100% dal comparto. Gli obiettivi d'investimento della controllata corrispondono a quelli dell ASIA FOCUS FUND per la percentuale di patrimonio destinata a essere investita in India. Le azioni della controllata vengono emesse solo come azioni nominative. La controllata è una "Private Company Limited by Shares" aperta e dispone di una licenza d'impresa globale di categoria 1 (Category 1 Global Business Licence) rilasciata dalla Financial Services Commission ("FSC") di Mauritius. Il Consiglio di Amministrazione della controllata sarà sempre costituito per la maggioranza da consiglieri facenti parte anche del Consiglio di Amministrazione della Società. Inoltre, il Consiglio di Amministrazione della controllata comprenderà sempre due consiglieri aventi ordinariamente domicilio a Mauritius. Il Consiglio di Amministrazione della controllata è inoltre responsabile dell'elaborazione degli obiettivi e della politica d'investimento della controllata, del monitoraggio degli investimenti e della loro performance. La controllata affiderà alla Cim Fund Services Ltd. l'incarico di fornire servizi amministrativi alla controllata a Mauritius. PriceWaterhouseCoopers è stata designata quale società di revisione della controllata in Mauritius. SSBLUX, L-1855 Lussemburgo è designata quale banca depositaria della controllata. La Società e la controllata redigeranno un bilancio semestrale e un bilancio d'esercizio consolidato; per garantire la massima trasparenza nell'attività d'investimento, gli investimenti della controllata verranno nominati nello stesso modo come se si trattasse di investimenti diretti della Società. La controllata ha ricevuto dalla Mauritius Revenue Authority ("MRA") della Repubblica di Mauritius un certificato di residenza fiscale mauriziana ("TRC") in virtù del quale la controllata può essere considerata un contribuente residente nella Repubblica di Mauritius e beneficiare della convenzione sulla doppia imposizione. In virtù dello stesso la controllata potrebbe essere autorizzata ad usufruire di determinate agevolazioni fiscali in India. Non è tuttavia possibile garantire il mantenimento dello status di contribuente residente da parte della controllata. L'utilizzo della controllata di Mauritius e il trattamento fiscale ad essa riservato si basano sul diritto attualmente vigente e sulla prassi applicata nei paesi in questione, nelle modalità intese dal Consiglio di

18 PROSPETTO INFORMATIVO Amministrazione della controllata in seguito allo svolgimento di ricerche adeguate. Non è tuttavia possibile garantire né assicurare che i vantaggi fiscali derivanti dalla convenzione sulla doppia imposizione stipulata tra India e Mauritius vengano mantenuti anche in futuro per l ASIA FOCUS FUND o che siano soggetti a modifiche retroattive, dal momento che possono subentrare modifiche delle condizioni generali legali vigenti a Mauritius, in India o nell'unione Europea. Tali modifiche possono limitare o escludere i vantaggi o l'applicabilità di una convenzione sulla doppia imposizione, con conseguenze negative sui proventi dell ASIA FOCUS FUND. La controllata si farà registrare presso il Securities and Exchange Board of India come sottoconto FII di un Foreign Institutional Investor ( FII ). Gli investimenti del comparto in India dipendono in larga misura dallo status di FII e, mentre si ritiene che tale approvazione venga comunque rilasciata, non è comunque possibile darne garanzia. Questo sottoconto FII consente alla controllata di investire direttamente in azioni indiane, in conformità con il diritto applicabile. È inoltre possibile aprire direttamente un sottoconto FII per l ASIA FOCUS FUND. Le leggi indiane in merito sono relativamente nuove e possono sussistere varie incertezze in merito sia alla loro applicazione che alla loro interpretazione. Potrebbero inoltre emergere interpretazioni diverse nel confronto tra il diritto indiano e il diritto di altri paesi industrializzati e non è possibile escludere che, in futuro, queste leggi subiscano modifiche tali da avere un effetto negativo sugli investimenti della controllata. È possibile investire in India anche indirettamente, tramite l'acquisizione di cosiddetti prodotti riferiti ad azioni, in particolare ADR (American Depositary Receipts) e GDR (Global Depositary Receipts). L ASIA FOCUS FUND è denominato in dollari Usa. Gli investimenti dell ASIA FOCUS FUND possono essere espressi in dollari Usa o in altre valute. I rischi di cambio possono essere coperti in tutto o in parte. Non può essere esclusa una perdita di valore per effetto di oscillazioni dei cambi. Si fa presente ai potenziali investitori che l investimento nell ASIA FOCUS FUND comporta notevoli rischi. I mercati azionari e l economia popolare dei Paesi asiatici, i quali sono in procinto di diventare industrializzati nel senso moderno del termine (ad esempio Cina, Indonesia, Taiwan, Malaysia, Tailandia, Singapore e Corea) sono caratterizzati da volatilità e da un alto rischio. In particolare, sussiste il rischio: a) di un possibile scarso o del tutto assente volume di scambio dei valori mobiliari sul relativo mercato che può portare a difficoltà di liquidazione e a rilevanti oscillazioni dei prezzi; b) di incertezza della situazione politica, economica e sociale e conseguenti pericoli di esproprio o sequestro, il rischio di un tasso d inflazione eccezionalmente elevato, di misure fiscali restrittive e di altri sviluppi negativi; c) di possibili e rilevanti oscillazioni dei tassi di cambio delle valute, di diversità degli ordinamenti giuridici, di restrizioni esistenti o possibili alle esportazioni di valuta, di limitazioni doganali o di altre limitazioni di leggi o di altre restrizioni agli investimenti; d) di situazioni politiche o di altro tipo che limitino le possibilità di investimento del comparto, come ad esempio limitazioni verso emittenti o industrie considerate rilevanti dal punto di vista dell interesse nazionale; e) di mancanza di norme giuridiche adeguatamente sviluppate per investimenti privati o esteri e di una possibile mancanza di garanzia per la proprietà privata; f) l'acquisto e la vendita di partecipazioni in determinati investimenti possono subire ritardi notevoli; eventualmente le transazioni possono essere effettuate a prezzi svantaggiosi, dal momento che i sistemi di clearing, liquidazione e governo non hanno raggiunto un livello di sviluppo pari a quello dei paesi industrializzati; e g) che in circostanze straordinarie il comparto, a causa di limitate possibilità di investimento, possa subire perdite o non essere nella condizione di implementare e seguire le sue strategie o obiettivi di investimento e questo a seguito di limitazioni agli investimenti in investimenti in Cina, illiquidità del mercato azionario cinese delle azioni A e / o a causa di un ritardo o di interruzione delle contrattazioni o del loro svolgimento

19 JULIUS BAER MULTISTOCK Le restrizioni alle esportazioni di valuta o altre norme similari possono altresì causare in questi Paesi un ritardo nel recupero degli investimenti o possono precluderli del tutto o parzialmente, con conseguenti possibili ritardi nel pagamento del prezzo di riscatto. Julius Baer Multistock CHINA EVOLUTION FUND L obiettivo di investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock CHINA EVOLUTION FUND ( CHINA EVOLUTION FUND ) è il conseguimento di un incremento del capitale a lungo termine mediante investimenti per almeno due terzi del patrimonio in un portafoglio di azioni accuratamente selezionate e altri titoli e diritti di partecipazione di aziende con sede o che svolgano una parte preponderante della loro attività economica in Cina. Inoltre, la Società può investire fino ad un massimo di un terzo del patrimonio del CHINA EVOLUTION FUND in ulteriori valori patrimoniali, come azioni accuratamente selezionate e altri titoli e diritti di partecipazione di aziende con sede o che svolgano una parte preponderante della loro attività economica in Paesi riconosciuti oppure in valori mobiliari a reddito fisso o variabile nonché in obbligazioni convertibili e cum warrant (fino ad un massimo del 25% del patrimonio) di emittenti di Paesi riconosciuti. Fino ad un massimo del 15% del patrimonio del CHINA EVOLUTION FUND può essere investito in warrants su azioni o su altri titoli e diritti di partecipazione. Gli acquisti di warrants implicano rischi più elevati dovuti alla maggiore volatilità di questo tipo di investimenti. Inoltre, possono essere detenuti mezzi liquidi che in determinate circostanze possono ammontare fino al 49% del patrimonio del CHINA EVOLUTION FUND e ciò in deroga alla regola dei 2/3 sopra descritta. Gli investimenti diretti in Cina sono effettuati principalmente nelle cosiddette azioni Cina-H, che sono quotate alla Borsa valori di Hong Kong e denominate in dollari di Hong Kong nonché in azioni di imprese cinesi, le quali sono quotate in una Borsa Valori estera al di fuori della Repubblica Popolare Cinese. In futuro, il CHINA EVOLUTION FUND potrà investire anche nelle cd. azioni Cina-A che sono denominate in Renminbi e negoziate sulla Borsa valori di Shanghai e Shenzhen di società costituite sul territorio cinese. Le azioni Cina-A soddisfano i requisiti dell'articolo 41 della Legge del Il CHINA EVOLUTION FUND può investire fino al 30% del suo patrimonio in azioni Cina-A. Gli investimenti in Cina possono essere anche acquisiti indirettamente tramite prodotti legati alle azioni, in particolare ADR (American Depositary Receipts), GDR (Global Depositary Receipts) che soddisfano i requisiti dell'articolo 41 della Legge del 2010 e che non incorporano derivati, o i cosiddetti Exchanged Traded Funds (ETF) e altri fondi di investimento. Il CHINA EVOLUTION FUND è denominato in dollari Usa. Gli investimenti del CHINA EVOLUTION FUND possono essere espressi in dollari Usa o in altre valute. I rischi di cambio possono essere coperti in tutto o in parte. Non può essere esclusa una perdita di valore per effetto di oscillazioni dei cambi. Si fa presente ai potenziali investitori che l investimento nel CHINA EVOLUTION FUND comporta notevoli rischi. I mercati azionari e l economia popolare, i quali sono in procinto di diventare industrializzati nel senso moderno del termine e che sono caratterizzati da volatilità e da un alto rischio. In particolare, sussiste il rischio: a) di un possibile scarso o del tutto assente volume di scambio dei valori mobiliari sul relativo mercato che può portare a difficoltà di liquidazione e a rilevanti oscillazioni dei prezzi; b) di incertezza della situazione politica, economica e sociale e conseguenti pericoli di esproprio o sequestro, il rischio di un tasso d inflazione eccezionalmente elevato, di misure fiscali restrittive e di altri sviluppi negativi; c) di possibili e rilevanti oscillazioni dei tassi di cambio delle valute, di diversità degli ordinamenti giuridici, di restrizioni esistenti o possibili alle esportazioni di valuta, di limitazioni doganali o di altre limitazioni di leggi o di altre restrizioni agli investimenti; d) di situazioni politiche o di altro tipo che limitino le possibilità di investimento del comparto, come ad esempio limitazioni verso emittenti o industrie considerate rilevanti dal punto di vista dell interesse nazionale; e) di mancanza di norme giuridiche adeguatamente sviluppate per investimenti privati o esteri e di una possibile mancanza di garanzia per la proprietà privata;

20 PROSPETTO INFORMATIVO f) l'acquisto e la vendita di partecipazioni in determinati investimenti possono subire ritardi notevoli; eventualmente le transazioni possono essere effettuate a prezzi svantaggiosi, dal momento che i sistemi di clearing, liquidazione e governo non hanno raggiunto un livello di sviluppo pari a quello dei paesi industrializzati; e g) che in circostanze straordinarie il comparto, a causa di limitate possibilità di investimento, possa subire perdite o non essere nella condizione di implementare e seguire le sue strategie o obiettivi di investimento e questo a seguito di limitazioni agli investimenti in investimenti in Cina, illiquidità del mercato azionario cinese delle azioni A e / o a causa di un ritardo o di interruzione delle contrattazioni o del loro svolgimento. Le restrizioni alle esportazioni di valuta o altre norme similari possono altresì causare in questi Paesi un ritardo nel recupero degli investimenti o possono precluderli del tutto o parzialmente, con conseguenti possibili ritardi nel pagamento del prezzo di riscatto. Julius Baer Multistock EASTERN EUROPE FOCUS FUND La politica di investimento della Società in merito allo Julius Baer Multistock EASTERN EUROPE FOCUS FUND ( EASTERN EUROPE FOCUS FUND ) è il conseguimento di un incremento del capitale a lungo termine mediante investimenti per almeno due terzi del patrimonio in un portafoglio di azioni accuratamente selezionate di aziende dell Europa centrale, dell Est e del Sud-Est nonché di Paesi confinanti il Mar Nero. Fino ad un massimo di un terzo del patrimonio dell EASTERN EUROPE FOCUS FUND può essere investito in titoli azionari accuratamente selezionati di aziende con sede in altri Paesi, oppure in valori mobiliari a reddito fisso o variabile, nonché in obbligazioni convertibili e con opzione (max. 25% del patrimonio). Complessivamente, fino ad un massimo del 15% del patrimonio dell EASTERN EUROPE FOCUS FUND può essere investito in warrants su azioni e su altri titoli di partecipazione. Gli acquisti di warrants implicano rischi più elevati dovuti alla maggiore volatilità di questo tipo di investimenti. In Russia sono effettuati investimenti esclusivamente in valori mobiliari che sono negoziati alla Moscow Exchange che è emersa dalla fusione tra il Russian Trading System Stock Exchange e il Moscow Interbank Currency Exchange. Inoltre, possono essere detenuti mezzi liquidi che in determinate circostanze possono ammontare fino al 49% del patrimonio dell EASTERN EUROPE FOCUS FUND e ciò in deroga alla regola dei 2/3 sopra descritta. L EASTERN EUROPE STOCK FUND è espresso in Euro. Gli investimenti dell EASTERN EUROPE STOCK FUND possono essere espressi in Euro o in altre valute. I rischi di cambio possono essere coperti in tutto o in parte. Non può essere esclusa una perdita di valore per effetto di oscillazioni dei cambi. Si fa presente ai potenziali investitori che gli investimenti nell EASTERN EUROPE FOCUS FUND comportano notevoli rischi. I mercati azionari e l economia dei Paesi dell Europa centrale, dell Est e del Sud-Est nonché i dei Paesi confinanti il Mar Nero sono generalmente volatili. In particolare sussiste il rischio: a) di un possibile scarso o del tutto assente volume di scambio dei valori mobiliari sul relativo mercato che può portare a difficoltà di liquidazione e a rilevanti oscillazioni dei prezzi; b) di incertezza della situazione politica, economica e sociale e conseguenti pericoli di esproprio o sequestro, il rischio di un tasso d inflazione eccezionalmente elevato, di misure fiscali restrittive e di altri sviluppi negativi; c) di possibili e rilevanti oscillazioni dei tassi di cambio delle valute, di diversità degli ordinamenti giuridici, di restrizioni esistenti o possibili alle esportazioni di valuta, di limitazioni doganali o di altre limitazioni di leggi o di altre restrizioni agli investimenti; d) di situazioni politiche o di altro tipo che limitino le possibilità di investimento del comparto, come ad esempio limitazioni verso emittenti o industrie considerate rilevanti dal punto di vista dell interesse nazionale, e e) di mancanza di norme giuridiche adeguatamente sviluppate per investimenti privati o esteri e di una possibile mancanza di garanzia per la proprietà privata

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo Schroder International Selection Fund Prospetto informativo (Società di investimento a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese) Febbraio 2015 Italia Schroder International Selection Fund

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Informazioni importanti

Informazioni importanti 0515 Informazioni importanti Sul presente Prospetto - Il Prospetto fornisce informazioni sul Fondo e sui Comparti e contiene informazioni che i potenziali investitori devono conoscere prima di procedere

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV )

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) Pagina 1 di 10 EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Modalità di partecipazione:

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04.

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04. Report dei prodotti del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 7.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su Carrefour, Nestlé,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli