01/12/14. Gli sviluppi degli ultimi anni e le prospettive future. Gli sviluppo degli ultimi anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "01/12/14. Gli sviluppi degli ultimi anni e le prospettive future. Gli sviluppo degli ultimi anni"

Transcript

1 Seminario didattico 1 Dicembre 2014 Come cambiano le scelte dei risparmiatori: tra deflazione e lenta fuoriuscita dalla crisi Prof.Alessandro Berti Scuola di Economia Dipartimento di Economia, Società, Politica Università degli studi di Urbino Carlo Bo a.a Prof. Alessandro Berti Gli sviluppi degli ultimi anni e le prospettive future 2 Gli sviluppo degli ultimi anni Negli ultimi anni, in seguito alla forte crisi economica, la disoccupazione si è raddoppiata mentre il PIL pro capite è stato eroso di 11 punti percentuali. Tuttavia, nel nostro paese i problemi sono di più antica data. Nel 2008: alla vigilia della crisi, la quantità di beni e servizi prodotta mediamente da un occupato italiano era sostanzialmente la stessa del 1995; il reddito disponibile delle famiglie (medie) era uguale a quello della metà degli anni Novanta e solo la progressiva compressione del saggio di risparmio aveva consentito di accrescere un po' i consumi (fonte Banca d'italia). Fonte: Banca d'italia 3 1

2 Gli sviluppo degli ultimi anni Secondo la Banca d'italia, la recessione in atto dal 2008 si è arrestata alla fine del Tuttavia, il graduale miglioramento delle aspettative tarda a tradursi in un solido recupero dell'attività economica. Nell'ultimo trimestre del 2013 i consumi delle famiglie erano ancora inferiori di circa l'8% rispetto al 2007 e gli investimenti del 26%, con una perdita della capacità produttiva nell'industria del 15%. Anche se vi sono segni di miglioramento della fiducia, la necessità di compensare l'erosione dei risparmi accumulati e l'incertezza sulle prospettive dei redditi continueranno a gravare sul consumo delle famiglie. 4 Gli sviluppo degli ultimi anni Nel periodo compreso tra il terzo trimestre del 2011 e il terzo trimestre del 2013, il calo medio del reddito disponibile è stato pari al 2,7% mentre la diminuzione dei consumi è risultata del 3,2%. (Istat) Una contrazione dei consumi superiore a quella del reddito disponibile delle famiglie non si era registrata nemmeno in occasione di recessioni particolarmente pronunciate, come quelle dei primi anni novanta e del La propensione al risparmio scende a un livello fra i più bassi in Europa. Sei famiglie su dieci hanno ridotto quantità e qualità degli acquisti. 5 I consumatori in Italia Fonte: elaborazioni su dati Istat. (1) Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sull'anno precedente. (2) Deflazionato con il deflatore della spesa per consumi delle famiglie residenti. 6 2

3 Gli sviluppo degli ultimi anni Il rapporto tra investimenti lordi e PIL è sceso di 4 punti percentuali dal 2007, portandosi al minimo dal dopoguerra (17% nel 2013). Negli anni scorsi, l'eccezionale flessione del PIL ha minato la solidità di molte imprese rendendo gravoso il rimborso dei prestiti bancari. Le perdite su crediti accumulate dal 2008 dagli intermediari bancari ammontano a 130 miliardi di euro; quelle degli ultimi due anni hanno assorbito pressoché per intero i profitti operativi. Fonte: Banca d'italia 7 La produzione industriale 8 Le prospettive Il 2013 è stato un anno ancora difficile. L'uscita dalla recessione è travagliata mentre la ripresa appare fragile e incerta. La crescita della produttività, troppo a lungo stagnante, deve essere accompagnata da un analogo andamento della domanda e quindi dei redditi delle famiglie, da sostenere con nuove opportunità di lavoro. Infine, la ripresa dell'economia e il rilancio dell'occupazione dipenderanno dalla capacità, delle banche in primis, di finanziare investimenti e progetti meritevoli. Fonte: Banca d'italia 9 3

4 L'impatto della crisi sulle famiglie e sulle PMI 10 La crisi e le famiglie italiane La marcata perdita del potere d'acquisto delle famiglie, ha cui ha molto contribuito l'aumento del prelievo fiscale, ha determinato un crollo dei consumi in termini reali. L'andamento recente degli indicatori di deprivazione materiale e di disagio economico delle famiglie riflette il protrarsi della crisi economica e la conseguente diminuzioni in termini nominali del reddito disponibile delle famiglie. Ad esempio, gli individui di famiglie gravemente deprivate rappresentano il 14,3% del totale, in crescita rispetto all'11,2% del 2011 e al 6,9% del Fonte: ISTAT 11 La propensione al risparmio delle famiglie 12 4

5 Il consumo delle famiglie 13 La situazione delle imprese italiane prima e dopo la crisi economica Fonte: Banca d'italia 14 La situazione delle imprese italiane prima e dopo la crisi economica Sulla base dei dati rappresentati graficamente dei dati dei conti finanziari, si può stimare che per allineare il leverage delle società italiane a quello delle imprese dell'area dell'euro sarebbe necessario sostituire con patrimonio un ammontare di debiti finanziari di circa 200 miliardi. 15 5

6 I dati sui fallimenti in Italia È il caso di chiedersi se con metodi di lavoro più efficaci si sarebbe potuto evitare qualcuno dei fallimenti del 2012, che tra l'altro si sono pesantemente riflessi sulle performance bancarie. Nell'anno appena concluso sono state 34 le imprese che ogni giorno hanno portato i libri in Tribunale: è il dato in assoluto più alto a partire dal Nel periodo 2009/2012 sono state le imprese italiane ad aver dichiarato il fallimento con un trend sempre in crescita (+33% nel 2010, +10% nel 2011, +2% nel 2012). Fonte: dati CRIBIS D&B - società del Gruppo CRIF 16 La fiducia delle famiglie consumatrici 17 Le famiglie I consumi delle famiglie sono aumentati debolmente all'inizio del 2014 e, secondo gli indicatori congiunturali più recenti, si sarebbero stabilizzati negli ultimi mesi. La spesa delle famiglie è (marginalmente) aumentata all'inizio dell'anno (+0,1% sul periodo precedente) per la prima volta dagli inizi del Nello stesso periodo il reddito disponibile ha continuato a ristagnare. La propensione al risparmio è rimasta pressoché invariata sui livelli della seconda metà del 2013 (10%). Fonte: Banca d'italia 18 6

7 Il clima di fiducia 19 Le famiglie nell'area euro Il calo della spesa delle famiglie si è dimezzato (a -0,7%). Tuttavia, l'andamento dei consumi è ancora eterogeneo tra i maggiori paesi: ai rialzi osservati in Germania (0,9%) e in Francia (0,3%) si sono contrapposte forti riduzioni in Italia (-2,6%) e in Spagna (-2,1%). Sui comportamenti delle famiglie ha inciso la diminuzione, per il quinto anno consecutivo, del reddito disponibile in termini reali (-0,6% e -3,2% cumulativamente tra il 2008 e il che ha risentito della contrazione dell'occupazione nella maggior parte dei paesi. Fonte: Banca d'italia 20 Le famiglie nell'area euro Nel 2013 la propensione al risparmio delle famiglie si è stabilizzata sui livelli minimi nel confronto storico (13,1%). Al lieve calo del saggio di risparmio delle famiglie tedesche (sceso al 16,2%) si è affiancata la stabilità di quello francese e di quello spagnolo. In Italia invece il saggio di risparmio è tornato a crescere per la prima volta dal Fonte: Banca d'italia 21 7

8 Le famiglie nell'area euro 22 Le famiglie nelle economie europee 23 Le prospettive delle imprese 24 8

9 Le imprese italiane Sulla base dei dati di contabilità nazionale, nel 2013 il MOL delle società non finanziarie si è mantenuto stabile, su livelli inferiori di oltre il 10% rispetto al Per quanto riguarda, in particolare, le imprese di media dimensione la quota delle imprese che hanno riportato utili rispetto al periodo è più bassa di circa 10 punti percentuali. Il fabbisogno di risorse esterne è stato molto contenuto a causa del basso volume di investimenti, coperti in misura più ampia che in passato con il ricorso all'autofinanziamento. Fonte: Banca d'italia 25 Le imprese italiane 26 Le imprese italiane Fonte: Banca d'italia 27 9

10 Le imprese italiane Nonostante il miglioramento del clima di fiducia delle imprese la produzione industriale non ha ripreso a crescere. Nel primo trimestre del 2014 gli investimenti in macchinari e attrezzature hanno registrato il primo aumento dopo circa tre anni di calo. Le aziende che, a fronte di una richiesta di finanziamento, non hanno ricevuto per intero l'importo desiderato hanno realizzato una quota dei propri piani di investimento inferiore rispetto alle altre. Fonte: Banca d'italia 28 Le imprese italiane Fonte: elaborazioni su dati Istat, Terna e Banca d'italia. (1) Saldo in punti percentuali tra le risposte migliori e peggiori relative al quesito sulle condizioni economiche generali nell'indagine sulle aspettative di inflazione e crescita. Giugno 2014, condotta trimestralmente dalla Banca d'italia in collaborazione con Il Sole 24 Ore e pubblicata in Supplementi al Bollettino Statistico, n. 38, 2014; dati riferiti alle sole imprese industriali. (2) Produzione industriale destagionalizzata e corretta per i giorni lavorativi; il dato per il mese di giugno del 2014 è stimato. (3) Indice 2010=100. (4) Nel mese di giugno 2013 sono state introdotte innovazioni metodologiche che rendono i dati diffusi a partire da quella data non direttamente confrontabili con quelli precedenti. 29 Il quadro congiunturale in Italia 30 10

11 Lo sviluppo Nell'economia globalizzata, con una tecnologia dominante che fa viaggiare informazioni e cambiare gusti di consumo a gran velocità, la piccola impresa matura «all'italiana» trova grandi difficoltà. L'Italia è, tra i principali paesi europei, quello dove il divario di produttività tra imprese piccole e mediograndi è il più ampio. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 31 Lo sviluppo Le imprese nascono piccole ovunque, ma poi o muoiono o crescono in fretta. In Italia, se non muoiono, restano a lungo nel limbo della piccola dimensione: - la quota di piccole imprese mature (con almeno dieci anni di vita) è, nel nostro paese, superiore al 50%, contro - il 45% della Spagna e - il 40% degli Stati Uniti e della Francia. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 32 Lo sviluppo Le nostre imprese sono in troppi casi, oltre che piccole, fragili finanziariamente e dipendenti, come vedremo, dal sistema bancario. Due terzi dei loro debiti sono nei confronti delle banche. Queste caratteristiche sono più pronunciate nelle imprese di minori dimensione. Sono caratteristiche tipiche delle piccole imprese italiane: - dimensione minuta; - scarso impegno patrimoniale dei Soci; - poca trasparenza. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 33 11

12 Nuove imprese e occupazione Vi è un rinnovato interesse nel comprendere come funzionino oggi i meccanismi della distruzione creatrice teorizzata da Schumpeter attraverso i quali nuove imprese, più produttive e innovative, rimpiazzano quelle mature, meno dinamiche e competitive. Una semplice analisi strutturale rivelerebbe che in quasi tutti i paesi domina la piccola dimensione, tuttavia in Italia le imprese con meno di dieci addetti sono il 95% e occupano il 46% degli addetti complessivi. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 34 I contributi delle imprese alla creazione di lavoro Fonte: C. Criscuolo, P. Gal e C. Menon, The dynamics of employment growth: new evidence from 18 countries, STI Policy Paper n. 14, Incidenza dei prestiti bancari sul totale delle passività finanziarie complessive di famiglie e imprese (un confronto internazionale) Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 36 12

13 Il sistema finanziario italiano Notoriamente incentrato nell'intermediazione bancaria. Oggi il sistema bancario si è polarizzato: - da un lato vi sono gli intermediari di grandi dimensioni che tendono a concentrarsi sui clienti maggiori, e che adottano metodi quantitativi per la valutazione del rischio; - dall'altro vi è una schiera di banche di minore dimensione che curano prevalentemente la clientela più piccola, le cui evidenze contabili sono spesso lacunose e opache e richiedono quindi una conoscenza diretta. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 37 Il sistema finanziario italiano (segue) La conoscenza diretta del cliente può ottenersi in due modi: - attraverso relazioni personali o - con mezzi analitici Entrambi i modi sono utili ma ciascuno di loro ha un inconveniente: - Il primo è più approssimativo e rischioso; - Il secondo è più costoso. Vi si aggiunge l'inefficienza della giustizia civile la quale rende poco conveniente iniziare una procedura di recupero del credito, inducendo la banca ad associare una previsione di perdita (spesso totalitaria) ad un piccolo credito deteriorato. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 38 Le misure a sostegno delle famiglie e delle imprese 39 13

14 La finanza Sovente si è cercato di colpevolizzare le banche della mancata ripresa economica, accusando loro di aver negato il credito alle imprese a alle famiglie. Da un'analisi della situazione del credito bancario alla fine di Giugno 2008 (quindi subito prima che la crisi globali si manifestasse pienamente) e alla fine di Giugno del 2014 è possibile osservare che: il totale dei prestiti bancari in essere concessi alle imprese italiane è passato da 860 miliardi di euro a 830 miliardi, un livello più basso ma di poco. Il credito alle famiglie, invece, è cresciuto da 520 a 600 miliardi di euro negli ultimi sei anni. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 40 La finanza A causa del perdurare della recessione, la consistenza totale dei prestiti «deteriorati» a imprese e famiglie è aumentata (tra il 2008 e il 2013) da poco più di 100 miliardi a 320 (il 16% del totale degli impieghi). Si tratta di un ammontare (nonostante le disomogeneità) superiore a quello osservato in media in Europa. Come conseguenza, i maggiori accantonamenti necessari (e richiesti dall'autorità di Vigilanza) hanno eroso significativamente gli utili bancari. E' fortemente aumentata la rischiosità del nuovo credito richiesto dalle imprese. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 41 Il mercato del credito L'ammontare dei prestiti bancari a famiglie e imprese alla fine del 2013 superava i miliardi e il 90% del PIL. I prestiti bancari rappresentano quasi due terzi dei debiti finanziari delle imprese; oltre un terzo della ricchezza finanziaria delle famiglie è investito in depositi e obbligazioni bancarie. La crescita su dodici mesi dei prestiti bancari al settore privato è progressivamente diminuita nel corso del 2013, portandosi dal -2% (contro -0,1% nel 2012) e stabilizzandosi su tale valore nel primo trimestre Fonte: Banca d'italia 42 14

15 Il mercato del credito Secondo l'indagine trimestrale sul credito bancario nell'area dell'euro (Bank Lending Survey), la domanda di credito da parte delle imprese si è ridotta per la scarsa propensione a investire e, in minor misura, per il più frequente ricorso a fonti alternative di finanziamento; quella di mutui da parte delle famiglie è stata frenata prevalentemente dalla fragilità della fiducia dei consumatori e dalla prolungata caduta dei loro redditi reali. 43 Il mercato del credito I soggetti privati, debitori e creditori, non riescono a far funzionare efficientemente il mercato del credito perché sono mossi ciascuno da incentivi e disincentivi in conflitto con l'interesse generale; l'impresa piccola intende il più possibile restare opaca, essendo addirittura abituata a sottorappresentare la propria situazione reddituale per ragioni fiscali; la banca a volte non si dota si strutture valutative adeguate perché trova più pratico e meno costoso nell'immediato, fidarsi di relazioni personali. Il risultato è selezione avversa e razionamento. Fonte: Banca d'italia «Una finanza per lo sviluppo» - DireBore Generale della Banca d'italia 44 Imprese razionate 45 15

16 Una prospettiva di medio termine E' importante che il finanziamento delle imprese provenga in misura crescente dal mercato dei capitali, così da rendere il sistema produttivo italiano meno dipendente dal credito bancario. Il rafforzamento delle fonti di finanziamento non bancario, in particolare per le imprese di piccola e media dimensione, richiede anche lo sviluppo di intermediari finanziari specializzati quali equity funds e fondi di debito, i quali investono in prestiti, obbligazioni e azioni emesse da imprese non quotate. Fonte: Banca d'italia 46 Credito ai consumatori e risparmi delle famiglie: stato dell'arte e opportunità 47 I risparmi delle famiglie Le famiglie italiane si sono date nuove regole di comportamento, nuovi obiettivi, nuovi progetti, unitamente alla consapevolezza che questi compiti devono essere portati a termine contando solo sulle proprie forze. In parallelo il sistema bancario ha subito una crisi reputazionale senza precedenti, accompagnata dalla sensazione diffusa che sia mancato il sostegno alle imprese e alle famiglie. In sostanza si può parlare di una vera e propria perdita di sintonia con le domande e le attese dei clienti (la prospettiva del marketing di ascolto diviene indifferibile)

17 I risparmi delle famiglie Gli orientamenti in tema di prodotti finanziari registrano importanti cambiamenti indotti dalla contingenza: gli investitori si orientano maggiormente verso prodotti in grado di garantire sicurezza e stabilità, anche se permane l'attenzione alla tassazione; persiste e si afferma una marcata preferenza per la liquidità; i prodotti del risparmio gestito sono percepiti come poco adeguati non solo in termini di combinazione rischio/ rendimento; si aprono spazi per la consulenza finanziaria attenta alle esigenze delle famiglie e dei risparmiatori. 49 I risparmi delle famiglie: approfondimenti Ascoltare il mercato per riconquistare il cliente e cogliere le opportunità della contingenza: il problema principale rimane la perdita di sintonia; il marketing di ascolto si rende necessario di fronte ad uno scenario non inerte; le famiglie sono impegnate a costruirsi un futuro con risorse più limitate, senza rinunciare ad un livello accettabile di qualità della vita. 50 Le scelte finanziarie delle famiglie: aggiornamenti Gli ultimi aggiornamenti, derivanti da una recente rilevazione del Crif, evidenziano: un calo del 7,9% delle richieste di prestiti (finalizzati e personali) nel febbraio 2014 rispetto a febbraio una riduzione tendenziale intorno al 20% nel periodo (vale a dire prima della crisi economica) delle stesse richieste; Per quanto riguarda i progetti connessi alla casa, gli ultimi aggiornamenti rilevano una ripresa dei mutui del 7% a settembre 2013 mentre nel 2012 si era verificata una forte contrazione

18 Le scelte finanziarie delle famiglie: aggiornamenti I dati aggiornati, forniti dal Crif, riguardano l'andamento, sia delle domande di «prestiti finalizzati» sia delle domande di «prestiti personali». I primi riguardano l'acquisto di beni durevoli (auto, mobili, elettrodomestici) e sono diminuiti del 11% tra febbraio 2013 e febbraio 2014; i secondi, quelli che non sono direttamente destinati all'acquisto di beni determinati, si mostrano anch'essi in calo (-4,1% tra febbraio 2013 e febbraio 2014) mettendo in evidenza, probabilmente, il timore delle famiglie di non riuscire ad adempiere regolarmente al pagamento delle rate. 52 Le scelte finanziarie delle famiglie: aggiornamenti Fonte: Centrale rischi finanziari (Crif) 53 Il rischio legato ai prestiti alle famiglie: Il tasso di default dei prestiti alle famiglie è leggermente aumentato negli ultimi anni, arrivando ad una media del 2,6%; In particolare, l'incidenza è maggiore per i prestiti personali (3,9%); Mentre quella relativa ai prestiti finalizzati risulta più contenuta (1,7%). I prestiti personali sono ormai destinati anche a coprire situazioni di difficoltà già inoltrata? 54 18

19 I risparmi delle famiglie: approfondimenti E inoltre: il processo di bancarizzazione è ben lontano dall'aver raggiunto tutta la popolazione (i bancarizzati erano 76% nel 1996 e sono oggi il 78%); nel bacino dei non bancarizzati circa un quinto è rappresentato da pensionati, metà dei quali con reddito superiore a 1.000/mese; il restante è dato da giovani tra 14 e 24 anni. 55 I risparmi delle famiglie: approfondimenti Possibili capitoli di progettazione: affiancare alla bancarizzazione coatta degli anziani l'offerta di servizi per il ciclo di vita di cittadini sempre più restii a considerarsi vecchi ; per i non bancarizzati giovani occorre lavorare sull'alfabetizzazione finanziaria, ovvero sull'educazione e la cultura finanziaria. 56 La domanda di prestiti da parte delle famiglie Fonte: CRIF

20 Fonte: CRIF 58 Il debito delle famiglie 59 I prestiti bancari alle famiglie 60 20

21 Il credito deteriorato delle famiglie La quota di prestiti alle famiglie scaduti da oltre 90 giorni e ristrutturati era pari all'1,1% dei finanziamenti a fine 2012, all'1,2% nel 2013 mentre appare ridotta allo 0,9% nel primo trimestre del L'incidenza dei prestiti in temporanea difficoltà (incagli) è progressivamente aumentata dal 2,4% a fine 2012 al 2,8% nel primo trimestre 2014; quella delle sofferenze ha raggiunto il 6,6% a marzo 2014 dal 5,8% di fine Il peso totale dei finanziamenti deteriorati pari al 10,3% nel 2013 è rimasto stabile nel primo trimestre del nuovo anno. Fonte: Banca d'italia 61 Il credito deteriorato delle famiglie 62 Le attività finanziarie delle famiglie italiane 63 21

22 Il portafoglio delle famiglie 2012 Fonte: AssogesFoni 64 Il portafoglio delle famiglie 2014 Fonte: Elaborazione 65 su daf Banca d Italia La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Il valore delle attività finanziarie detenute dalle famiglie italiane, nello scorso marzo, ha raggiunto i miliardi di euro, recuperando quanto perso durante i primi anni della crisi. L aumento di tale valore è spiegato sia dal rendimento positivo che le famiglie hanno ottenuto dal portafoglio sia da un moderato incremento dei nuovi investimenti. Un processo che potrebbe proseguire in futuro, seppur lentamente. Prof. Alessandro Berti 66 22

23 La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Una parte di questa maggiore capacità di investire risorse è il risultato della ritrovata attenzione per il risparmio. Nella prima parte della crisi, le famiglie avevano ridotto la propensione al risparmio per cercare di salvaguardare lo stile di vita raggiunto in precedenza. La crescente incertezza economica ha indotto gli italiani ad aumentare nuovamente il proprio risparmio contraendo significativamente i consumi. Gli investimenti netti dell ultimo periodo, sono il frutto del maggiore risparmio e il risultato di una riorganizzazione dell intero patrimonio delle famiglie italiane. Prof. Alessandro Berti 67 L educazione finanziaria 68 Perché è importante l educazione finanziaria L'obiettivo principe dell'educazione finanziaria è quello di dotare i consumatori ed i risparmiatori di competenze e capacità d'analisi fondamentali che permettano a costoro di effettuare scelte efficienti, consapevoli ed adeguate alle proprie esigenze, accompagnandoli durante le fasi più importanti della loro vita. Gli effetti positivi derivanti da scelte consapevoli ricadono non solo sul grado di benessere del singolo investitore ma impattano a livello generale sull intera collettività, generando una serie di vantaggiose esternalità positive

24 Esternalità positive dell educazione finanziaria Il concetto di fondo che induce a favorire il miglioramento della cultura finanziaria consiste nella convinzione che, creando una domanda per prodotti adeguati rispetto alle proprie necessità, i consumatori consapevoli, oltre a effettuare scelte migliori per loro stessi, riducendo la percentuale di insolvenze, incoraggino pure gli intermediari a sviluppare nuovi prodotti e servizi, con la conseguente crescita di innovazione e il miglioramento della qualità e dell efficienza del sistema. 70 L attuale bisogno di educazione finanziaria L accresciuta esigenza globale di adeguata educazione finanziaria da parte dei risparmiatori è conseguenza di alcuni fattori comuni a molti paesi: l invecchiamento demografico e le riforme del sistema pensionistico, che hanno addossato alle famiglie la responsabilità del finanziamento della propria assistenza sanitaria e dell accumulo di ricchezza pensionistica; il basso livello dei tassi di interesse e la forte domanda di acquisto di abitazioni, con la conseguente crescita dei mutui; una sempre maggiore quota di risparmio investita in prodotti assicurativi e previdenziali un maggior ricorso al credito al consumo. 71 Le componenti dell educazione finanziaria L'educazione finanziaria si può scomporre in tre parti: l'istruzione con cui gli individui acquisiscono le competenze per comprendere la terminologia e i concetti della finanzia. Si rendono necessari una guida e tanto addestramento. l'informazione, al consumatore-investitore vengono forniti dati, fatti e conoscenze specifiche per renderlo consapevole delle opportunità che la finanza offre e degli effetti che avranno le sue scelte in termini di rischio. le scelte comportamentali che riflettono la capacità degli individui di gestire i propri risparmi e di pianificare il proprio futuro

25 Educazione finanziaria Protezione finanziaria In ambito bancario e finanziario, la protezione del consumatore può essere favorita dal combinarsi di tre differenti elementi: la trasparenza delle condizioni contrattuali (rimuovere le inefficienze collegate all esistenza di asimmetrie informative; garantire l accesso del cliente a tutte le informazioni necessarie per fare confronti, scelte consapevoli e riscontri oggettivi sulla validità delle scelte); un efficace sistema di risoluzione extragiudiziale delle controversie intermediari/clientela, garantendo il contraente debole in ordine alla correttezza del comportamento delle controparti contrattuali. un'adeguata educazione finanziaria del cittadino/consumatore, in modo da gestire le informazioni con le necessarie conoscenze per usar la razionalità al fine di influenzarne positivamente i comportamenti. 73 Cultura finanziaria in Italia In base ad una indagine della Banca d Italia è emerso uno scarso livello di conoscenza da parte di queste sia delle nozioni di base sia della previdenza complementare. Le caratteristiche che sono risultate positivamente correlate con le competenze finanziarie sono: - il titolo di studio del risparmiatore; - Il luogo di residenza (al Nord e al Centro propensione per forme d investimento più complesse); - l età (se compresa tra i è collegata a una maggior informazione). 74 Cultura finanziaria in Italia L indagine realizzata da PattiChiari nel 2008 aveva l obiettivo di misurare il livello di cultura finanziaria degli italiani, attraverso la costruzione di un indice della cultura finanziaria (ICF). Su una scala da 0 (minimo) a 10 (massimo) gli italiani raggiungevano un punteggio medio di 3,5, posizionandosi sotto la soglia della sufficienza (pari a 5)

26 Cultura finanziaria in Italia Nel 2010 lo stesso indicatore è migliorato a 4,3 ma resta comunque sotto un livello adeguatamente elevato. Le carenze riguardano: - l' insufficiente preparazione del cittadino medio sugli aspetti di natura macroeconomica; - lo scarso interesse per gli eventi o fatti economici e finanziari, in particolare nelle fasce relative ai giovani, alle donne e ai soggetti non laureati; - la carente capacità di gestire e allocare i propri risparmi, e di pianificare il proprio futuro a breve e lungo termine. 76 Alfabetizzazione: iniziative a livello nazionale Le autorità governative e di vigilanza (Banca d Italia, Consob, ISVAP e COVIP) hanno previsto, soprattutto attraverso i rispettivi web sites, la predisposizione di materiale divulgativo, campagne di educazione rivolte in generale a una platea di adulti, oltre alla realizzazione di iniziative sul tema della financial literacy e della investor education. Il Ministero dell Economia e delle Finanze mette a disposizione documenti e informazioni sui principali strumenti finanziari emessi dallo Stato italiano e indicazioni sulle procedure da seguire per l acquisto di tali prodotti. 77 Alfabetizzazione: iniziative a livello nazionale In concomitanza con l entrata in vigore della nuova legislazione di recepimento della Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (c.d. MIFID16), la cui portata innovativa è stata di ampio respiro, la CONSOB ha predisposto una guida per l investitore. Per quanto riguarda al settore privato, il Consorzio ABI, PattiChiari, Assogestioni, Altroconsumo hanno avviato distinte campagne nazionali di educazione finanziaria, predisponendo guide e informazioni destinate ai diversi target dell azione formativa

27 L informazione 79 L informazione Tutte le decisioni vengono prese in funzione di una serie di informazioni preliminari che abbiamo a disposizione, quindi, di dati che vengono raccolti, elaborati e analizzati. Ovviamente, non siamo sempre in grado di discernere tra informazione giusta o sbagliata, principalmente per due motivi: perché non siamo in possesso di tutta l'informazione; perché non abbiamo la capacità di analisi adeguata (cultura o educazione). Le cose si complicano ulteriormente quando parliamo di sistemi, come quello economico o finanziario, i quali nonostante siano tutt altro che familiari alla maggior parte dei cittadini influiscono notevolmente e inevitabilmente sulla vita di ciascuno. 80 L informazione Il mercato finanziario è un insieme complesso di norme, intermediari, attività finanziarie e mercati che ha tra le sue funzioni più importanti la c.d. funzione di allocazione, ovvero realizzare il collegamento fra chi risparmia (unità in surplus) e chi investe (unità in deficit). All'interno di questo mercato si muovono enormi quantità d'informazione, in entrata e in uscita, per cui conoscerne la natura e il tipo, così come altri aspetti ad essa collegati è di sostanziale importanza per le scelte di risparmio dei soggetti e delle famiglie

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 Gli strumenti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI PMS - tutti i diritti riservati La crisi e il territorio Può una Banca essere vicina al territorio in un periodo di crisi? PMS - tutti i diritti riservati

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO FINANZIARIO E SULLE COPERTURE ASSICURATIVE

PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO FINANZIARIO E SULLE COPERTURE ASSICURATIVE La presente Parte I è stata depositata in CONSOB il 27 agosto 2008 ed è valida a partire dal 27 agosto 2008. PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO FINANZIARIO E SULLE COPERTURE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA TASSO VARIABILE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA TASSO VARIABILE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA TASSO VARIABILE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2007/2008 Obbligazioni Tasso Variabile

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2007/2008 Obbligazioni Tasso Variabile Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Luigi Di Falco Responsabile Servizio Vita e Welfare Le assicurazioni vita In un contesto di ricchezza delle famiglie italiane stabile, cresce la quota in assicurazioni vita

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM. 155^ EMISSIONE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A.

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta di obbligazioni Carilo-Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A Step Up con facoltà di rimborso anticipato a favore dell Emittente 2010-2015 Codice

Dettagli

Investimenti finanziari a confronto

Investimenti finanziari a confronto Guida pratica Investimenti finanziari a confronto Capire e scegliere i prodotti finanziari INDICE 2 INVESTIMENTI FINANZIARI A CONFRONTO Caro Cliente... 3 1. Cosa offre questa iniziativa?... 4 2. A chi

Dettagli

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP DOWN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP DOWN

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DEL CHIANTI FIORENTINO E MONTERIGGIONI TASSO FISSO CHIANTIBANCA 02.04.2012 2015 3,75% TASSO FISSO SEMESTRALE ISIN IT0004805682 Le presenti

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF Appunti di Economia finanziaria (a c. di G.Garofalo) Il finanziamento dell economia I stadio Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi Offerta di S / Domanda di AF Famiglie surplus deficit

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE

GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE Roma, 18 ottobre 2013 Prof. Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma claudio.cacciamani@unipr.it Un inquadramento delle compagnie

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP Cassa

Dettagli

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento La crisi segna uno spartiacque epocale per le banche italiane come

Dettagli

RISPARMI E BILANCI DELLE FAMIGLIE Loris Nadotti - Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni - Università degli Studi di Perugia

RISPARMI E BILANCI DELLE FAMIGLIE Loris Nadotti - Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni - Università degli Studi di Perugia RISPARMI E BILANCI DELLE FAMIGLIE Loris Nadotti - Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni - Università degli Studi di Perugia Questo capitolo del Rapporto si pone l obiettivo di analizzare la

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Salvo diversa indicazione, tutti i dati riportati sono aggiornati al 30.05.2014 SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Quanto segue costituisce

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI BRA S.p.A. Sede sociale: Via Principi di Piemonte n. 12-12042 Bra CN Iscritta all'albo delle Banche al n. 5087 Capitale sociale Euro 20.800.000,00 interamente versato Iscritta al

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli