e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti"

Transcript

1 Comportamento alimentare e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti ti Francesca Vitali, Daniela Senarega e Guido Amoretti Università degli Studi di Genova ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA DELLO SPORT XIV Congresso Nazionale La psicologia dello sport tra ricerca, formazione e intervento Siena, giugno 2002

2 Comportamento alimentare e pratica sportiva La cura dell alimentazione è un fattore importante, che influisce notevolmente sulla prestazione sportiva Un buon rendimento atletico è legato al mantenimento di una dieta bilanciata e varia Nonostante si riconosca il comportamento alimentare come un elemento basilare per la pratica sportiva, è spesso trascuratot da atleti ti ed allenatori Il raggiungimento del risultato sportivo, la ricerca di peso e di forma ottimali, possono determinare comportamenti ed abitudini alimentari non sempre corretti da parte di atleti, soprattutto giovani e adolescenti

3 Comportamento alimentare e pratica sportiva Un aspetto da valutare è quanto la pratica di un certo tipo di sport possa causare l insorgenza di disordini alimentari da parte di atleti La componente estetica, il raggiungimento di peso ideale sono motivi per cui gli studi su questo tema si sono concentrati in particolare su alcune discipline (es. danza, ginnastica, pattinaggio): - favoriscono comportamenti caratterizzati i da grazia, agilità ed eleganza e sono associate a forme corporee e muscoli poco evidenziati, a tessuto adiposo ridottissimo - il mantenimento della potenza muscolare e di una massa corporea ridotta sono condizioni ottimali, ottenibili attraverso un efficace controllo del peso corporeo

4 Comportamento alimentare e pratica sportiva La letteratura psicologica in tema di alimentazione si concentra in prevalenza sull analisi dei disturbi alimentari Si possono evidenziare due filoni principali di studio e di approccio allo studio dell alimentazione in ambito sportivo: - Approccio clinico: evoluzione, diagnosi e intervento sui disturbi dell alimentazione (es. anoressia, bulimia ) - Approccio psicosociale: fattori psicosociali legati ai comportamenti alimentari, ai suoi disturbi, all analisi di pratiche alimentari corrette (es. senso di autoefficacia) L auspicio è per un approccio integrato al problema

5 Approccio psicosociale, studio del comportamento alimentare e pratica sportiva Un aspetto studiato è quello legato al senso di auto-efficacia La self effiicacy èlapercezioneel insiemedelleconvinzionie aspettative riferite alle proprie capacità di organizzare e realizzare azioni necessarie alla gestione delle situazioni di un particolare contesto (Bandura, 1977) Le convinzioni di auto-efficacia influenzano il modo in cui le persone pensano, si sentono, trovano delle fonti di motivazione e agiscono (Bandura, 1995) Il senso di auto-efficacia sembra influenzare la scelta di cibi sani (Cusatis, Shannon, 1996), sembra essere elemento mediatore tra insoddisfazione del proprio corpo e comportamento alimentare (Reel, Gill, 1996), sembra essere un importante elemento predittivo di disordini alimentari (Shannon et al., 1991)

6 Una ricerca psicosociale sul comportamento alimentare e la pratica sportiva di giovani atleti Obiettivi (1) Analisi descrittive delle abitudini e dei comportamenti alimentari di un gruppo di atleti in età adolescenziale, amatoriali ed agonisti, praticanti sport ad alta componente estetica (danza, ginnastica) e non (tennis) (2) Valutare quanto il senso di auto-efficacia efficacia, così come l auto ed etero-percezione del sé corporeo, possano spiegare pratiche e comportamenti alimentari più o meno corretti ed equilibrati da parte di atleti praticanti o meno sport ad alta componente estetica

7 Le ipotesi H1 = Un senso di auto-efficacia positivo aumenta il verificarsi di pratiche e comportamenti alimentari corretti ed equilibrati H2 = Un auto auto-percezione corporea positiva aumenta il verificarsi di pratiche e comportamenti alimentari corretti ed equilibrati H3 = La percezione ed il supporto sociale positivo da parte di altri significativi (genitori, allenatori, amici) aumenta il verificarsi di pratiche e comportamenti alimentari corretti ed equilibrati

8 Lo strumento Il questionario strutturato si articola in parti diverse: (1) Raccoltadatianagraficieparametricorporei (2) Analisi delle motivazioni alla pratica sportiva: scala a 8 item (Trad. It. di Gill, Gross e Huddleston, 1983) (3) Analisi delle abitudini e dei comportamenti alimentari: EAT-26 (Eating Attitudes Test) (Garner, Olmsted, Bohr e Garfinkel, 1982) (4) Analisi della percezione e supporto sociale (5) Scale di differenziale semantico per la valutazione dell auto ed etero-percezione corporea (6) General Self Efficacy Scale acura di Schwarzer et al. (1997)

9 I soggetti 101 atleti, amatoriali ed agonisti, di cui 50 praticanti sport ad alta componente estetica (danza e ginnastica) e 51 praticanti sport a bassa componente estetica (tennis) F= 69 (68%) e M= 32 (32%) Età media di 11,9 anni, in un intervallo compreso fra i 7 e i 21 anni Il 72% ha iniziato a praticare questi sport prima degli 8 anni di età, il 19% oltre gli 8 anni

10 Risultati I dati raccolti sull analisi della motivazione alla pratica sportiva confermano quanto individuato da Gill, Gross e Huddleston (1983) Fra i fattori che riassumono le principali motivazioni alla pratica sportiva: - bisogno di riuscita/status - far parte di una squadra - esercizio e forma fisica - spendere energie fisiche - sviluppo abilità sportive - amicizia/relazioni sociali - divertimento/gratificazione - sostegno (famiglia, amici, allenatori) si conferma l ipotesi lipotesi che i giovani praticano sport per divertirsi (52%), per migliorare le proprie abilità sportive (24%), per creare nuove amicizie (11%)

11 Risultati Considerando gli obiettivi alla base della ricerca: I dati raccolti durante questa prima somministrazione i i hanno consentito analisi descrittive delle abitudini e dei comportamenti alimentari del gruppo diatleticonsiderati Si conferma il dato rilevato da Cash e Brown (1987) legato alla prevalenza di regimi di restrizione alimentare e dell utilizzo di diete alimentari i maggiore da parte di femmine (17,6%) rispetto ai maschi (9,7%)

12 Risultati Emergono differenze significative sui controlli di peso fra atleti agonisti, più controllati degli atleti amatoriali, t (98) = 1.58, p =.034), ma non fra chi pratica sport ad alta e bassa componente estetica (p >.05). Siamo di fronte ad un gruppo di giovani i atleti ti che dimostra di avere un senso di auto-efficacia personale piuttosto elevata e positiva, senza differenze significative per genere, età, pratica amatoriale o agonistica di sport ad alta o bassa componente estetica. Anche i punteggi medi di risposta relativi all auto-auto ed etero- percezione corporea sono elevati e molto simili. Sia l auto- che l etero-percezione corporea non variano per genere, età, pratica amatoriale o agonistica di sport ad alta o bassa componente estetica.

13 Risultati La valutazione del supporto sociale da parte di altri significativi (genitori, allenatore/i, amici) risulta tendenzialmente positiva, con punteggi medi piuttosto alti, soprattutto per il supporto da parte dei genitori e degli amici. Non emergono differenze significative nella percezione del supporto sociale in funzione del genere, dell età, della pratica di sport ad alta o bassa componente estetica, né fra atleti amatoriali o agonisti. I soggetti più giovani del gruppo considerato (meno di 14 anni) sembrano seguire comportamenti alimentari più corretti ed equilibrati rispetto agli altri, t (97) = 1.34, p =.026).

14 Risultati Come ipotizzato (H1), la correlazione fra self-efficacy e comportamenti alimentari è significativa (p <.01), indicando che chi possiede positive convinzioni di auto-efficacia personale, sembra anche seguire comportamenti alimentari più corretti ed equilibrati. Anche la seconda ipotesi (H2) risulta parzialmente confermata: l auto-percezione corporea positiva è in relazione significativa con comportamenti alimentari corretti ed equilibrati (p <.05). Contrariamente alla nostra ipotesi, lo stesso non può dirsi per l etero-percezione corporea positiva, che non sembra accompagnarsi altrettanto significativamente a comportamenti alimentari corretti ed equilibrati (p >.05).

15 Risultati Contrariamente alla nostra ipotesi, lo stesso non può dirsi per l etero-percezione corporea positiva, che non sembra accompagnarsi altrettanto significativamente a comportamenti alimentari corretti ed equilibrati. Come ipotizzato t (H3), si evidenzia i una correlazione significativa ifi fra una positiva percezione del supporto sociale da parte di altri significativi (genitori, allenatore/i, amici) e comportamenti alimentari più corretti ed equilibrati (p <.05).

16 Conclusioni Le analisi condotte ed i risultati ottenuti hanno consentito, come primo obiettivo, di esaminare il rapporto fra senso di auto- efficacia personale e comportamento alimentare, confermando l ipotesi che una self-efficacy positiva risulta una variabile di modulazione importante per la scelta di comportamenti alimentari corretti (Cusatis e Shannon, 1996). Un secondo obiettivo è stato raggiunto confermando, parzialmente, l ipotesi che un auto-percezione del sé corporeo positiva si accompagni ad abitudini alimentari più sane, rimandando ad ulteriori approfondimenti il ruolo dell etero- percezione corporea nella scelta di pratiche alimentari di un certo tipo (Hausenblas e Symons, 2001). XIV Congresso Nazionale A.I.P.S.

17 Conclusioni Un terzo obiettivo era quello di prendere in esame l incidenza della percezione del supporto sociale da parte di altri significativi (genitori, allenatore/i, amici) sulle abitudini alimentari dei giovani. Si conferma l ipotesi secondo cui ad una percezione positiva di supporto sociale da parte di altri significativi (genitori, allenatore/i, amici), si accompagnano scelte alimentari più corrette. Sembra confermata l idea di Dunn e collaboratori (2002) che attribuiscono i notevole importanza all influenza del supporto sociale di altri significativi su atteggiamenti, opinioni e intenzioni circa il comportamento alimentare degli adolescenti.

18 Conclusioni Nel complesso, i risultati emersi possono fornire importanti indicazioni per lo sviluppo delle conoscenze teoriche sul rapporto fra comportamento alimentare e pratica sportiva, utili anche a carattere applicativo e di intervento nel settore. In particolare, si sottolinea l importanza limportanza delle convinzioni di autoefficacia personale come un aspetto da tenere in considerazione nel progettare attività per la promozione della salute e della qualità di vita delle persone. A livello operativo, i programmi di intervento devono incentivare la pratica, anche moderata ma costante, dell attività fisica e poter diffondere la conoscenza dei principi nutrizionali di base. Accanto a ciò, un attenzione particolare deve essere dedicata all analisi del concetto di auto-efficacia personale e della sua centralità in relazione ai comportamenti alimentari.

19 Per approfondimenti si veda: Vitali, F., Senarega, D., e Amoretti, G. (2002). Comportamento alimentare e pratica sportiva: Una ricerca su giovani atleti. Giornale Italiano di Psicologia dello Sport,, 3,

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

Bambini a Torino: aggiornamento 2011-12

Bambini a Torino: aggiornamento 2011-12 Bambini a Torino: aggiornamento 211- Il numero di soggetti sottoposti a valutazione dello stato di salute e di efficienza fisica abbinata al rilascio di idoneità alla pratica sportiva non agonistica ed

Dettagli

Schema del Progetto Nazionale. Le BUONE PRATICHE DI CURA e la PREVENZIONE SOCIALE dei Disturbi del Comportamento Alimentare

Schema del Progetto Nazionale. Le BUONE PRATICHE DI CURA e la PREVENZIONE SOCIALE dei Disturbi del Comportamento Alimentare Schema del Progetto Nazionale Le BUONE PRATICHE DI CURA e la PREVENZIONE SOCIALE dei Disturbi del Comportamento Alimentare 3 marzo 2008 Ministero per le Politiche giovanili e le Attività sportive Largo

Dettagli

Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA. Reportistica

Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA. Reportistica Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA!! "# 1 In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA Nel presente report verranno presentati i principali risultati relativi

Dettagli

Tre regole base sulle corrette abitudini alimentari per prevenire sovrappeso e obesità

Tre regole base sulle corrette abitudini alimentari per prevenire sovrappeso e obesità Servizio Igiene Provincia di Oristano Ufficio Scolastico Provinciale degli Alimenti e Nutrizione Assessorato alle Politiche Sociali di Oristano Ufficio studi Tre regole base sulle corrette abitudini alimentari

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA

CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA Lo Psicologo clinico dello Sport che voglia prestare le proprie competenze al settore dell Età evolutiva, è chiamato

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 Workshop «Crescere insieme con What s up?» 7-8 settembre 2015 Fondazione Carigo Gorizia HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES

Dettagli

Aspetti di metodologia d allenamento nel nuoto sincronizzato con riferimento agli aspetti metabolici e nutrizionali

Aspetti di metodologia d allenamento nel nuoto sincronizzato con riferimento agli aspetti metabolici e nutrizionali Aspetti di metodologia d allenamento nel nuoto sincronizzato con riferimento agli aspetti metabolici e nutrizionali Di :Bronwen Lundy Da: International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Corso di formazione per allenatori 6 luglio 2013 I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Dott.ssa Tatiana Zanetti Lo svolgimento di questo corso di formazione per gli allenatori

Dettagli

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione

Dettagli

Convegno Il corretto uso degli integratori nello sport agonistico. Bari, 19.09.2009

Convegno Il corretto uso degli integratori nello sport agonistico. Bari, 19.09.2009 Convegno Il corretto uso degli integratori nello sport agonistico Bari, 19.09.2009 Aspetti psicologici per una corretta integrazione Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma

2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma 2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma 3 - il Programma intende coinvolgere tutte le classi prime di Scuola

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOSCARO LORENA Telefono 335 6798588 Fax E-mail lorena.boscaro@ virgilio.it Nazionalità italiana Data di nascita

Dettagli

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Dipartimento di Psicologia Facoltà di Medicina e Psicologia Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Caterina Lombardo caterina.lombardo@uniroma1.it Negli ultimi secoli si è assistito

Dettagli

Adolescenti e socialità

Adolescenti e socialità Con il Patrocinio di: Indagine nazionale Adolescenti e socialità In collaborazione con: anno 2012 2013 Nota metodologica L indagine è stata realizzata mediante somministrazione di un questionario a risposte

Dettagli

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS Vanda Braida 14/05/2015 Shabkar CHE COSA SONO? COME SI MANIFESTANO? COME SI PREVENGONO? COME SI AFFRONTANO? I disturbi

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare ELENCO DELLE PRESTAZIONI DELLO PSICOLOGO AI FINI DI DETERMINARNE L ESENZIONE O MENO DALL I.V.A. (Testo aggiornato al 10/09/07 secondo la normativa fiscale: DPR 26 ott. 1972 n.633- art. 10 ; D.M. 21 gennaio

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA. Prepara gli studenti ad avere proprie idee

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA. Prepara gli studenti ad avere proprie idee UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA Prepara gli studenti ad avere proprie idee CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLE ATTIVIT À MOTORIE E SPORTIVE FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURUGIA - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI Esercizi formativi con carattere di gioco (correre, saltare, superare ostacoli, arrampicarsi, nuotare, ecc.) Giochi collettivi ( staffette

Dettagli

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE i L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' FAMILIARE PRESENTA TL PROGETTO PREMESSA Negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei Disturbi del comportamento alimentare (DCA) nella

Dettagli

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE

chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE La psicologia ed il coaching si incontrano per assistere a 360 atleti, società sportive e aziende. SPORT GUIDELINES

Dettagli

Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV)

Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV) Il circolo socio-culturale Palazzo Tenta 39 presenta la 9ª conferenza tematica: «Obesità: patologia in crescita nell età infantile» Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV) Intervento

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015 Laura Dalla Ragione Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve Spoleto 12 settembre 2015 I Disturbi del Comportamento Alimentare Aumento vertiginoso Aumento dei

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI AMEDEO GIORGETTI CORSO PERSIANI 63-62019 RECANATI, (MC) ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI AMEDEO GIORGETTI CORSO PERSIANI 63-62019 RECANATI, (MC) ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo AMEDEO GIORGETTI CORSO PERSIANI 63-62019 RECANATI, (MC) Nazionalità ITALIANA Data di nascita 19/05/1956 RECANATI ESPERIENZA

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Conversazioni sulla comunicazione didattica

Conversazioni sulla comunicazione didattica Conversazioni sulla comunicazione didattica 1. La comunicazione didattica Un approccio ragionato sulla questione dell autostima e dell autoefficacia L uso dei rinforzi per il miglioramento dell autoefficacia

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO MF_regìa 300 DPI NB.LE FOTO DELLO STUDIO CFSPORT SONO REALIZZATE DA MONICA F. VALUTATE SE MANTENERLE... centro

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 31 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (QUARTA PARTE) Adolescenza ed età adulta

MODULO 3 LEZIONE 31 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (QUARTA PARTE) Adolescenza ed età adulta MODULO 3 LEZIONE 31 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (QUARTA PARTE) Adolescenza ed età adulta Contenuti Dopo aver trattato di: stabilizzazione, differenziazione e individualizzazione, il discorso sull adolescenza

Dettagli

Dalla fidelizzazione...

Dalla fidelizzazione... Dalla fidelizzazione... Roma 5 marzo 2012 Daniele Pacini FIDELIZZAZIONE fonte WIKIPEDIA La fidelizzazione è l'insieme delle azioni di marketing volte al mantenimento della clientela già esistente e si

Dettagli

Prot. N. 59/14 Bari, 04 settembre 2014. OGGETTO: Master regionale La psicologia per lo sport della ginnastica Bari, 4/5 ottobre e 15/16 novembre 2014

Prot. N. 59/14 Bari, 04 settembre 2014. OGGETTO: Master regionale La psicologia per lo sport della ginnastica Bari, 4/5 ottobre e 15/16 novembre 2014 FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE PUGLIA Via Madonna della Rena n. 3 70123 BARI Tel/fax 080 5351140 e-mail cr.puglia@federginnastica.it - sito www.fgipuglia.com Prot. N. 59/14 Bari, 04

Dettagli

L'alimentazione dello sportivo e i disordini del comportamento alimentare: Aspetti psicologici

L'alimentazione dello sportivo e i disordini del comportamento alimentare: Aspetti psicologici Scheda 9 L'alimentazione dello sportivo e i disordini del comportamento alimentare: Aspetti psicologici Pietro Delfini Alimentazione come bilancio I manuali, le lezioni, i titoli dei convegni sull'alimentazione

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

Sensibilizzare e motivare gli allievi rispetto ai temi della sicurezza sul lavoro

Sensibilizzare e motivare gli allievi rispetto ai temi della sicurezza sul lavoro Presentazione PERCEZIONE DEL RISCHIO Questa proposta prevede la somministrazione agli allievi di un questionario che indaga ma non ha finalità di indagine - sulle loro opinioni e comportamenti riferiti

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO GIOVANNI XXIII DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) La prevenzione dei Disturbi del Comportamento Alimentare (II Edizione)

Dettagli

A cura del socio dell associazione

A cura del socio dell associazione Si prega di compilare ed inviare questo questionario via mail a: pollicino@uniamo.org oppure via fax al numero: 049.8215701 entro martedì 31 luglio 2007, all attenzione della dott.ssa Oliviana Gelasio.

Dettagli

TESTO UNICO DELLA TARIFFA PROFESSIONALE DEGLI PSICOLOGI

TESTO UNICO DELLA TARIFFA PROFESSIONALE DEGLI PSICOLOGI TESTO UNICO DELLA TARIFFA PROFESSIONALE DEGLI PSICOLOGI Art. 1 Per le prestazioni professionali, oltre al rimborso delle spese giustificate, sono dovuti allo psicologo iscritto alla sezione A dell Albo,

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

La Promozione della Salute e lo sport

La Promozione della Salute e lo sport La Promozione della Salute e lo sport Dott.ssa Chiara Tunini, Referente Pedagogico, Ass 2 Isontina Gorizia Festa dello Sport Monfalcone, 30 maggio 2009 1 La SALUTE è un bene di tutti! SALUTE applicare

Dettagli

Programmazione del dipartimento di SCIENZE MOTORIE Primo Biennio

Programmazione del dipartimento di SCIENZE MOTORIE Primo Biennio SCIENTIFICO - LINGUISTICO SCIENZE UMANE - ECONOMICO SOCIALE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli tel. 0119586756 fax 0119589270 sede di SANGANO 10090 Via S. Giorgio Tel. e fax 0119087184 email: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

PREMESSE TECNICI CENTRI FITNESS UTENTI CONCLUSIONI

PREMESSE TECNICI CENTRI FITNESS UTENTI CONCLUSIONI PREMESSE TECNICI CENTRI FITNESS UTENTI CONCLUSIONI PREMESSE L iniziativa si è prefissa di tracciare una mappa dettagliata del settore del fitness nella Provincia di Padova, individuando esigenze, disponibilità,

Dettagli

TARIFFARIO Testo Unico della Tariffa Professionale degli Psicologi ART. 1 1. Per le prestazioni professionali, oltre al rimborso delle spese

TARIFFARIO Testo Unico della Tariffa Professionale degli Psicologi ART. 1 1. Per le prestazioni professionali, oltre al rimborso delle spese TARIFFARIO Testo Unico della Tariffa Professionale degli Psicologi ART. 1 1. Per le prestazioni professionali, oltre al rimborso delle spese giustificate, sono dovuti allo psicologo iscritto alla sezione

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone,

Dettagli

Lo studio riguarda tre fasi:

Lo studio riguarda tre fasi: 1 Premessa Lo studio è una particolare forma di apprendimento che ha come scopo l apprendere da un testo o da una lezione in modo intenzionale e autodiretto (Anderson, 1978), scegliendo obiettivi, tempi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

I comportamenti di salute tra i ragazzi in età scolare: lo studio HBSC in Italia

I comportamenti di salute tra i ragazzi in età scolare: lo studio HBSC in Italia Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Siena I comportamenti di salute tra i ragazzi in età scolare: lo studio HBSC in Italia A cura di: Franco Cavallo

Dettagli

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTI: Faini- Zocca- Serra

Dettagli

Abusi e Disturbi Alimentari Anoressia e Bulimia: ovvero il Piacere ed il Dispiacere

Abusi e Disturbi Alimentari Anoressia e Bulimia: ovvero il Piacere ed il Dispiacere I.N.PE.F. ISTITUTO NAZIONALE di PEDAGOGIA FAMILIARE (Reg. Ag. Entrate Roma P.I. 11297531003 - Cod. Att. 855920 Formazione ed Aggiornamento Professionale) (Ente di Formazione Accreditato presso l'ufficio

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI Il ruolo della famiglia e della scuola nello sviluppo della sicurezza dei ragazzi. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42

Dettagli

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ 17^ Edizione MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ Per il conseguimento del 1 st Certificate of Professional Training in Eating Disorders and Obesity APRILE 2015 -

Dettagli

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 Sabrina Castellano, Egle Giardina, Stefania Scaffidi CInAP (Centro per l Integrazione Attiva

Dettagli

ATTIVITA FISICA e DIABETE TIPO 1!

ATTIVITA FISICA e DIABETE TIPO 1! Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gruppo di lavoro per le endocrinopatie dell età evolutiva Medicina dello sport I pagina DI COPERTINA logo RIPED RIPed - Rete Interaziendale di Pediatria di Basilicata!!

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli