Velocità nella circolazione stradale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Velocità nella circolazione stradale"

Transcript

1 Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 1 Velocità nella circolazione stradale anni upi Ufficio prevenzione infortuni

2 La velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Argomento L eccessiva velocità una causa frequente d incidente. Le statistiche internazionali sugli incidenti della circolazione mostrano che i giovani conducenti hanno un rischio d incidente da due a tre volte superiore rispetto ai conducenti più esperti. Considerando anche i dati non registrati, si constata con sconcerto che almeno una persona su due tra i 18 e i 24 anni resta coinvolta in un incidente stradale prima causa di decesso in questa fascia d età. Le donne sono più facilmente all origine di collisioni (ad esempio in situazioni complesse su strade comunali), mentre gli uomini causano piuttosto incidenti autoprovocati fuori località (di solito durante il fine settimana, di notte e a velocità non adeguate, in parte sotto l influsso di alcol). Per molti il fascino della guida risiede proprio nell ebbrezza della velocità. Fra i giovani conducenti maschi il connubio tra guida e velocità elevata è dovuto a molti fattori. Sopravvalutazione delle proprie capacità: un accresciuta propensione al rischio correlata alla scarsa esperienza di guida porta i giovani conducenti maschi a sopravvalutare eccessivamente le proprie capacità. Propensione al rischio: i giovani adulti sono più propensi ad assumere comportamenti azzardati rispetto agli adulti per motivi di autostima, di riconoscimento e per uno spirito di appartenenza al gruppo. Spavalderia: soprattutto per i giovani uomini è importante fare colpo attraverso lo stile di guida o imporsi sugli altri conducenti. Scoprire i propri limiti: per i giovani conducenti è importante mettere alla prova i propri limiti al volante di una vettura. Passeggeri: la presenza di passeggeri della stessa età influisce sullo stile di guida di un giovane conducente. Divertimento: la macchina riveste un ruolo centrale nella vita dei giovani conducenti. Dietro questo entusiasmo, però, si tende a dimenticare il rischio d incidente. Stile di guida: chi va piano, chi è prudente e non coglie al volo le opportunità che si presentano è considerato da molti giovani un pessimo conducente. Per molti uno stile di guida veloce sembra essere la norma. Sistemi tecnici: le cinture di sicurezza, gli airbag e gli ausili elettronici alla guida inducono molti conducenti a non rispettare i limiti di velocità. Questi sistemi, però, non possono impedire gli incidenti, ma al massimo ridurne le conseguenze. Trovate altre informazioni dettagliate nel nostro sito internet alla pagina Prevenzione degli infortuni Prevenzione strutturale e comportamentale Per ottimizzare la sicurezza occorre lavorare sulla struttura e sul comportamento. Nella circolazione stradale, per struttura s intende ciò che, di regola, resta inalterato per un lasso di tempo prolungato. Diverso, invece, è il discorso per quanto attiene al comportamento dei conducenti. La sicurezza dei futuri e dei nuovi conducenti può essere aumentata rafforzando quegli atteggiamenti utili ad assumere comportamenti sicuri ed esortando i giovani a tradurre in realtà le nozioni acquisite.

3 La velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Obiettivi didattici Le alunne e gli alunni attraverso la visione di alcuni cortometraggi sono sensibilizzati ai rischi correlati, in particolare, agli eccessi di velocità nella circolazione stradale, discutono le cause degli eccessi di velocità, riconoscono i nessi tra velocità inadeguata e rischio d incidente, cercano insieme possibili soluzioni per convivere in modo sicuro con la velocità. 1. Approccio didattico e metodologico La partecipazione degli alunni Questa unità didattica mette in primo piano l «apprendimento dai coetanei». Affinché ciò sia possibile, agli alunni bisogna offrire sufficiente spazio di partecipazione attiva. 2. La moderazione dell insegnante Il ruolo dell insegnante consiste nell accompagnare gli alunni e moderare le differenti situazioni didattiche. Si preoccupa di permettere ai ragazzi di confrontare le loro opinioni divergenti con i propri comportamenti, e non di veicolare il maggior numero possibile di contenuti sul tema della velocità. Tematizza in modo esemplare le difficoltà, piuttosto di puntare alla completezza dei contenuti. È il «coraggio di trascurare». La moderazione dell insegnante stimola gli allievi a tematizzare la velocità osservandola sotto differenti angolazioni. L insegnante guida la classe attraverso gli spunti non li giudica, né li interpreta, né li giustifica. 3. Offrire spazi di riflessione Occorre assolutamente prevedere tempo sufficiente per le riflessioni con i partecipanti (procedura orientata alle necessità). È una premessa indispensabile per consentire il lavoro su se stessi e le riflessioni personali. I tempi indicati sono puramente indicativi. 4. Attività di approfondimento Questa scheda didattica è una lezione «preconfezionata», ma singoli testi e attività si prestano anche per essere utilizzati in differenti materie d insegnamento. In sintesi Velocità e relative velocità di collisione A 30 km/h Mediamente il tempo di reazione è di 2 secondi. Distanza percorsa Velocità in 2 sec. 30 km/h 16 m 50 km/h 28 m A 50 km/h 16 m 5 m Spazio di reazione Spazio di frenata (su carreggiata asciutta) 28 m 13 m

4 La velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Struttura della lezione anni Materiale di lavoro 1 DVD upi Schede di lavoro n. 1.1 e cartoncini e 4 pennarelli 15 Gruppo Introduzione dell argomento Suddividere la classe in quattro gruppi. Ogni gruppo visiona una o due volte uno dei cortometraggi dell upi sul tema «Velocità nella circolazione stradale». Durante o subito dopo la visione del cortometraggio, gli allievi prendono nota di ogni idea, spunto od osservazione che sorge loro spontaneo. Ogni allievo legge al proprio gruppo la sua lista di osservazioni. Quali spunti si desidera discutere in classe? I concetti sono annotati sui cartoncini. 20 Classe Approfondimento L insegnante assume il ruolo di moderatore. I concetti sono brevemente presentati alla classe. Dapprima i cartoncini sono organizzati secondo il contenuto, poi si concorda l ordine in cui i temi saranno approfonditi. Segue la discussione in classe. Al termine del dibattito gli allievi rispondono alla rispettiva domanda sul cortometraggio visionato all inizio della lezione (attività 3a). Poi annotano le possibili ragioni all origine delle «formulazioni Lo sai che» (attività 3b). 10 Singolo Conclusione Ogni allievo/a annota nell attività 4 le sue proposte per ridurre i rischi nella circolazione stradale. Le risposte possono anche essere annotate su dei fogli da esporre in classe.

5 La velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Ogni anno la polizia revoca per eccesso di velocità oltre licenze di condurre (il 45% di tutte le patenti ritirate). Quasi 7000 di queste licenze appartengono a giovani tra i 18 e i 24 anni. L 85% delle revoche per grave eccesso di velocità concerne conducenti uomini.

6 Ulteriori informazioni Per la tua sicurezza. Il tuo upi. L upi è il centro svizzero di competenza per la prevenzione degli infortuni al servizio della popolazione. Conformemente al mandato federale, l upi persegue lo scopo di divulgare i risultati scientifici derivanti dalla propria attività di ricerca tramite le sue consulenze, le formazioni e le campagne destinate tanto agli specialisti quanto al vasto pubblico. Il sito offre maggiori informazioni. L upi consiglia i seguenti Safety Tool: dai 6 ai 12 anni Controllo della sicurezza in acqua Percorso casa-scuola Vedere ed essere visti Escursioni Cadute Calcio dai 9 ai 12 anni Sci e snowboard Escursioni Gite in bicicletta Cadute Calcio dai 13 ai 15 anni Tecnica e creatività Sci e snowboard Escursioni Gite in bicicletta Calcio dai 16 ai 18 anni La velocità nella circolazione stradale Alcol e droghe nella circolazione stradale Sci e snowboard Gite in bicicletta Calcio I Safety Tool possono essere ordinati gratis oppure scaricati in formato PDF: upi 2010, riproduzione gradita con indicazione della fonte upi Ufficio prevenzione infortuni, casella postale 8236, CH-3001 Berna Tel , fax ,

7 Scheda di lavoro per la promozione della sicurezza 1.1 Safety Tool n. 1 Velocità nella circolazione stradale anni Obiettivi attraverso alcuni cortometraggi, interrogativi e affermazioni sulla «velocità nella circolazione stradale» imparerai l importanza di un andatura adeguata; elaborerai in classe delle tattiche per ridurre i rischi sia come futuro/a conducente, sia come passeggero; sarai in grado di riconoscere i nessi tra velocità inadeguata e rischio d incidente. Sintesi dei cortometraggi Film 1 Strade e tecnica dei veicoli Durata: 3 minuti e 22 secondi Il cortometraggio mostra giovani adulti mentre percorrono a bordo dei loro veicoli una strada di montagna, un autostrada e le vie di una città. Rony è felice di smontare dal lavoro e sale su un auto sportiva. Affronta compiaciuto le numerose curve della strada di montagna, e alla fine della corsa si gusta il panorama. Maurizio chiede al padre di prestargli l auto nuova, nonostante il tempo piovoso. Sta percorrendo l autostrada in compagnia di un amico. Cécile ha un appuntamento con il suo ragazzo, e si spazientisce nel vederlo ancora in bagno a radersi. Infine, i due giovani si recano in centro con l automobile. Il cortometraggio rimanda alle tecniche sempre più raffinate di costruzione delle strade e di fabbricazione dei veicoli. Domande: una tecnica all avanguardia e il miglior comportamento su strada dei veicoli non inducono a sopravvalutare le proprie capacità? Airbag, sistemi elettronici di assistenza alla guida e protezioni antisfondamento possono annullare le leggi della fisica? Alla pagina è possibile scaricare le schede di lavoro Safety Tool nel formato di testo e adattarle alle proprie esigenze. upi Ufficio prevenzione infortuni

8 Scheda di lavoro 1.1 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Film 2 Propensione al rischio Durata: 3 minuti e 43 secondi Cécile non vede l ora delle vacanze, è proprio stufa di pensare solo a studiare! Ma ci sono ancora un paio di cosette da sistemare. Rony si trova nel garage in cui lavora e si guarda attorno annoiato. In un catalogo per accessori scova dei cerchi da corsa che pensa di acquistare con i suoi risparmi. Daniele sta cercando un impiego e non ne può più della madre che gli mostra annunci di lavoro e lo esorta a prendere una decisione. Domanda: l irritazione e lo stress possono influire sull attenzione e la concentrazione al volante? Film 3 Gruppo Pari Durata: 3 minuti e 32 secondi Maurizio si è fatto prestare dal padre la nuova auto e ne ammira con gli amici il motore. Poi decidono di andarsene con due veicoli. Durante il viaggio succedono diverse cose: manovre di sorpasso azzardate, e infine un incidente con una pattinatrice in-line. Rony è in auto con la sua ragazza e vuole impressionarla. A lei, però, il suo stile di guida non piace. Domanda: i passeggeri hanno un influsso sul tuo stile di guida? Film 4 Disco Durata: 3 minuti e 34 secondi Dopo una serata in discoteca, Daniele sta rincasando in auto con degli amici. Le condizioni del tempo e la visuale, la stanchezza ed infine una chiamata sul cellulare lo mettono a dura prova. La ragazza sul sedile posteriore si è addormentata e sogna la discoteca e il suo ragazzo Rony, che è rimasto a casa a giocare con la Playstation. Maurizio si sta divertendo in discoteca con gli amici, assaporando l ambiente rilassato. Ad ora tarda cerca di chiamare Daniele invano. Cosa sarà successo? Questo cortometraggio non pone nessuna domanda! Riesci a formulare tu una domanda adeguata? Pagina 2

9 Scheda di lavoro 1.1 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Attività 1a Cortometraggi Consegna: la classe è suddivisa in gruppi di 3 4 allievi. Ogni gruppo visiona una o due volte uno dei quattro cortometraggi. Durante o subito dopo la visione, prendi appunti su qualsiasi idea o spunto che ti sorge spontaneo! Attività 1b Cortometraggi Consegna: leggi nel gruppo la tua lista di spunti e osservazioni! Quali idee dovrebbero essere discusse in classe? Annota questi spunti sui cartoncini! Attività 2 Discussione Consegna: presentate brevemente alla classe i cartoncini allestiti nel gruppo! In classe, definite la sequenza dei temi da approfondire tutti insieme! Ecco alcuni esempi per il dibattito nel plenum: aquaplaning tuning mancato incidente manovre di sorpasso stress provocazione Pagina 3

10 Scheda di lavoro 1.1 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Attività 3a Domande sui cortometraggi Consegna: come risponderesti alle domande poste nei cortometraggi? Film 1 Strade e tecnica dei veicoli Una tecnica all avanguardia e il miglior comportamento su strada dei veicoli non inducono a sopravvalutare le proprie capacità? Airbag, sistemi elettronici di assistenza alla guida e protezioni antisfondamento possono annullare le leggi della fisica? Film 2 Propensione al rischio L irritazione e lo stress possono influire sull attenzione e la concentrazione al volante? Film 3 Gruppo Pari I passeggeri hanno un influsso sul tuo stile di guida? Film 4 Discoteca Questo cortometraggio non pone nessuna domanda. Riesci a formulare tu una domanda adeguata? Seguito scheda di lavoro 1.2 Pagina 4

11 Scheda di lavoro 1.2 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Attività 3b Lo sai che Consegna: riesci a motivare le seguenti affermazioni? Film 1 Strade e tecnica dei veicoli Lo sai che... la perfezione tecnica nella costruzione di strade e veicoli può indurre a una guida più veloce?... nemmeno le più sofisticate tecnologie nella costruzione delle carreggiate e nella tecnica dei veicoli potranno mai compensare le leggi della fisica nella circolazione stradale?... si guida più velocemente a bordo di macchine con più cavalli?... molti giovani conducenti hanno un legame affettivo molto forte con la propria vettura? Film 2 Propensione al rischio Lo sai che... la rabbia e lo stress possono influire sulla tua attenzione e concentrazione al volante?... gli uomini tendono ad acquistare veicoli più potenti rispetto alle donne?... i giovani uomini assumono maggiori rischi nella circolazione stradale rispetto alle donne?... problemi psichici (come la disoccupazione o i problemi di cuore) possono aumentare il rischio d incidente? Pagina 5

12 Scheda di lavoro 1.2 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Film 3 Gruppo Pari Lo sai che... i passeggeri possono influire negativamente sulla sicurezza dei giovani conducenti?... rimanere incollati alla vettura che precede o l inserirsi con forza davanti alle altre auto è considerato fra i comportamenti più irritanti nella circolazione stradale?... i comportamenti a rischio hanno sovente una funzione simbolica? In altre parole, con il suo stile di guida e l equipaggiamento della sua vettura il giovane conducente cerca di veicolare un messaggio di sé al mondo che lo circonda.... l eccessiva fiducia dei giovani nelle proprie capacità è un importante fattore di rischio?... gli eccessi di velocità rappresentano un infrazione molto frequente, e che i «colpevoli» sono soprattutto giovani uomini?... una velocità inadeguata è la principale causa d incidente fra i giovani conducenti?... che gli uomini causano oltre il doppio degli incidenti rispetto alle donne?... che il contesto sociale dei giovani influenza il loro comportamento nella circolazione stradale? Pagina 6

13 Scheda di lavoro 1.2 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Film 4 Discoteca Lo sai che... ascoltare in auto musica elettrizzante a tutto volume è considerato un rischio per la circolazione?... telefonare mentre si guida aumenta il rischio d incidente?... fra i giovani, il tipico infortunio mortale è un grave incidente della circolazione provocato da una perdita di controllo del proprio veicolo a velocità eccessiva, nel fine settimana, durante un uscita in compagnia di amici, di notte, su strade fuori località?... l acuità visiva notturna è pari al 10 % dell acuità visiva diurna?... lo spazio di frenata aumenta del 25 % su strada bagnata ed è addirittura otto volte maggiore su strada innevata o ghiacciata?... una maggiore propensione al rischio abbinata all inesperienza fa dei giovani adulti il primo gruppo a rischio nella circolazione stradale? Pagina 7

14 Scheda di lavoro 1.2 Velocità nella circolazione stradale Safety Tool n. 1 Attività 4 Discussione finale Consegna: come puoi contribuire a ridurre i rischi nella circolazione stradale? La seguente lista contiene già alcune proposte. Discutine coi compagni, motiva le tue affermazioni e completa l elenco! Ecco come evitare incidenti o mitigare le conseguenze di un incidente della circolazione Abbi il coraggio di non salire a bordo di una vettura guidata da un «pirata della strada»! Se un conducente non guida in modo adeguato, abbi il coraggio di farglielo notare! Adegua la velocità (non tentare di domare le leggi della fisica nemmeno Einstein c è riuscito!). Quando guidi, evita di essere di fretta (pianifica bene il tuo tempo!). Rispetta le distanze consigliate! Regola d oro: distanza dal veicolo che precede = metà della velocità indicata dal tachimetro, il che corrisponde all incirca a 2 secondi (conta «21 22»). In condizioni sfavorevoli, con visibilità ridotta, nebbia, ghiaccio ecc. aumenta la distanza: distanza di sicurezza = velocità indicata. Una distanza sufficiente è il freno più sicuro! Non permettere ai passeggeri di indurti ad una guida rischiosa! Sii sempre corretto nei confronti degli altri utenti della strada! Mentre guidi, evita di telefonare o scrivere SMS! Nel dubbio, non sorpassare! Allaccia sempre le cinture di sicurezza anche per tratte brevi! Osserva le prescrizioni di sicurezza sull equipaggiamento della vettura (per esempio, monta per tempo i pneumatici invernali)! Pagina 8

Alcol e droghe nella circolazione stradale

Alcol e droghe nella circolazione stradale Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 4 Alcol e droghe nella circolazione stradale 16 18 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol e droghe nella circolazione stradale Safety

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

Schede didattiche per incentivare la sicurezza Safety Tool n. 12. Slittino. 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Schede didattiche per incentivare la sicurezza Safety Tool n. 12. Slittino. 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni Schede didattiche per incentivare la sicurezza Safety Tool n. 12 Slittino 9 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Slittino Safety Tool n. 12 Buono a sapersi Ci sono regole da rispettare? In generale

Dettagli

Fatti vedere! 6 8 anni

Fatti vedere! 6 8 anni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 6 Fatti vedere! 6 8 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Argomento Catarifrangenti: per le biciclette

Dettagli

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta Biciclette elettriche Comodi e sicuri alla meta Pedalare senza fatica, andare più veloci e superare le salite con uno sforzo moderato. L assistenza del motore elettrico offre molti vantaggi. L upi e l

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Ti bruciano gli occhi o sbadigli continuamente mentre sei al volante? Fermati e fai una turbosiesta di 15 minuti. Deve guidare solo

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Dormi meglio, guida sveglio Si stima che il 10 20% degli incidenti stradali siano dovuti a sonnolenza. Ad essere pericoloso non è soltanto

Dettagli

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Motocicletta Il bello della strada, il piacere della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Fai una gita in moto e senti l'aria che ti accarezza la faccia, ti godi la libertà che solo una due ruote

Dettagli

Pattugliatori scolastici

Pattugliatori scolastici Pattugliatori scolastici Scolari e adulti al servizio della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Il servizio dei pattugliatori scolastici fornisce un contributo es senziale alla sicurezza sulle

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni

trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni Frizzante aria di montagna, vista su panorami mozzafiato, del sano movimento Nel nostro paese il trekking è molto apprezzato: quasi

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Conducenti: occhio ai bambini! Guidare con particolare prudenza nei pressi di scuole, fermate di scuolabus o mezzi pubblici. Moderare la velocità e tenersi pronti a frenare

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Passeggiate Gite scolastiche Escursioni

Passeggiate Gite scolastiche Escursioni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 7 Passeggiate Gite scolastiche Escursioni 6 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Passeggiate Gite scolastiche Escursioni Safety Tool

Dettagli

L upi in breve. Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni. upi Ufficio prevenzione infortuni

L upi in breve. Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni. upi Ufficio prevenzione infortuni L upi in breve Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni upi Ufficio prevenzione infortuni 1 Il nostro profilo. 2 L Ufficio prevenzione infortuni L upi, fondato nel

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona Guida didattica Programma di. Epatente 1. Presentazione del programma 2. Struttura del programma 3. Metodologia didattica e contenuti 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona 5. Raccomandazioni

Dettagli

Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 11. Calcio 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 11. Calcio 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 11 Calcio 9 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Calcio Safety Tool n. 11 Argomento ti (vedi riquadro «In sintesi»). A differenza del

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Per vivere serve coraggio

Per vivere serve coraggio Per vivere serve coraggio «Il successo non è mai definitivo, così come non lo sono le sconfitte. Ciò che conta è il coraggio di andare avanti.» La Suva è al vostro fianco Molti lavoratori sono esposti

Dettagli

Sicurezza stradale: regole per i pullman

Sicurezza stradale: regole per i pullman Sicurezza stradale: regole per i pullman 1. Prescrizioni concernenti l ammissione dei conducenti di pullman alla circolazione Conformemente all ordinanza sull ammissione alla circolazione Categoria della

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

In viaggio per lavoro

In viaggio per lavoro In viaggio per lavoro Consigli per viaggiare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni In viaggio per lavoro In Svizzera, gli incidenti stradali continuano a causare numerosi feriti e vittime mortali: ogni

Dettagli

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico FOTOGRAFIE DEI RAGAZZI DI OGGI Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico Cosa ha cambiato la TV? La comunicazione in famiglia La diversa diffusione dei valori Valore al possesso L oggetto

Dettagli

I primi passi nella circolazione stradale

I primi passi nella circolazione stradale I primi passi nella circolazione stradale Sulla strada verso l indipendenza upi Ufficio prevenzione infortuni L esercizio è un buon maestro I bambini sono curiosi e vogliono scoprire il loro mondo, estendendo

Dettagli

CERCHI LAVORO? Da oggi sul tuo territorio c è un opportunità in più! PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE RINFORZO AUTONOMIA

CERCHI LAVORO? Da oggi sul tuo territorio c è un opportunità in più! PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE RINFORZO AUTONOMIA CERCHI LAVORO? Da oggi sul tuo territorio c è un opportunità in più! PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE RINFORZO AUTONOMIA Una migliore conoscenza del mercato del lavoro. La partecipazione attiva alla costruzione

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Identificazione dei moduli e dei fornitori Istruzione dei maestri/delle maestre conducenti per autocarri

Identificazione dei moduli e dei fornitori Istruzione dei maestri/delle maestre conducenti per autocarri Identificazione dei moduli e dei fornitori Istruzione dei maestri/delle maestre conducenti per autocarri Versione del 12 ottobre 2015 Modulo C3 Titolo Basi legali pianificare e svolgere dei corsi di formazione

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

L assicurazione auto della Basilese In strada, la tranquillità di essere ben assicurati

L assicurazione auto della Basilese In strada, la tranquillità di essere ben assicurati L assicurazione auto della Basilese In strada, la tranquillità di essere ben assicurati L assicurazione auto della Basilese In strada, la tranquillità di essere ben assicurati Quando decidete di acquistare

Dettagli

Costruisci e allena il tuo stile!: workshop 2 giornate Linea di servizi Casual Donna

Costruisci e allena il tuo stile!: workshop 2 giornate Linea di servizi Casual Donna Costruisci e allena il tuo stile!: workshop 2 giornate Linea di servizi Casual Donna Questo workshop fa per te se vuoi avviare un cambiamento di immagine, stile personale e look, perché: - ritieni di avere

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Com è organizzato un moderno garage? Che ruolo ha un garagista al giorno d oggi? Leggere un testo informativo sui garage. Obiettivo Gli alunni studiano un garage modello.

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Attività per la scuola secondaria di II grado

Attività per la scuola secondaria di II grado Attività per la scuola secondaria di II grado Il punto di esplosione Gli adolescenti sperimentano ed esprimono la rabbia in diversi modi. Alcuni esplodono da un momento all altro, apparentemente senza

Dettagli

Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo

Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo Ovvero: la regola dei 3mila Quando lanci un nuovo business (sia online che offline), uno dei fattori critici è capire se vi sia mercato per quello

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Opto Drive. Informazioni e trattamenti specifici per la tua GUIDA IN SICUREZZA

Opto Drive. Informazioni e trattamenti specifici per la tua GUIDA IN SICUREZZA Opto Drive. Informazioni e trattamenti specifici per la tua GUIDA IN SICUREZZA L ESPERIENZA VISIVA DURANTE LA GUIDA Oggi la nostra vita è fortemente influenzata dall automobile, che ha trasformato il modo

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Identificazione di modulo B 1

Identificazione di modulo B 1 Identificazione di modulo B 1 Titolo Condizioni Competenza Certificato di competenza Livello Obiettivi Distinzione Durata Processi Attestato del livello secondario II o di una formazione equivalente Conoscenze

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

Gestione aziendale della salute

Gestione aziendale della salute business Gestione aziendale della salute Il nostro sostegno per la salute dei collaboratori Soluzioni assicurative adattate in base alle vostre specifiche esigenze www.visana-business.ch Con metodo verso

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

Corso Public Speaking Viterbo

Corso Public Speaking Viterbo Corso Public Speaking Viterbo Ogni giornata del corso: avrá una durata di 2h per un totale di 20h Prezzo del corso: possibilità si partecipare ai primi 5 progetti (250,00 ) o ai 10 progetti (450,00 ) Posti

Dettagli

Slittino. Con regole comportamentali sulle ultime pagine. Discese bianche sicure. upi Ufficio prevenzione infortuni

Slittino. Con regole comportamentali sulle ultime pagine. Discese bianche sicure. upi Ufficio prevenzione infortuni Slittino Discese bianche sicure Con regole comportamentali sulle ultime pagine upi Ufficio prevenzione infortuni Il paesaggio corre via velocemente, la neve scende turbinosa, grida di gioia accompagnano

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA Franco Taggi NORME DI COMPORTAMENTO GENERALE SULLA STRADA - I Tenete sempre in ordine il vostro mezzo (pneumatici, freni, luci, ecc.) Adeguate

Dettagli

Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune

Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune di Attilio Camozzi Presidente Aci Brescia C i siamo lasciati alle spalle un anno complesso. Il 2014 va negli archivi della storia recente. Confido che

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Traguardi per lo sviluppo delle competenze CURRICOLO VERTICALE DELLE LINGUE COMUNITARIE (INGLESE E FRANCESE) COMPETENZE CHIAVE La comunicazione nelle lingue straniere Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA Siegfried Stohr Christian Sbocchi della GUIDA SICURA Informazione ai lavoratori per la sicurezza nella guida dei veicoli aziendali ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del Nuovo Codice della Strada della GUIDA

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista Le nostre regole d oro Si parte! Fatevi valere come ciclista. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine

Dettagli

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria AMICI della STRADA in collaborazione con scuola famiglia polizia municipale 1.quadro normativo 2.strategie d intervento 3.modalità operative : il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

Email Marketing Vincente

Email Marketing Vincente Email Marketing Vincente (le parti in nero sono disponibili nella versione completa del documento): Benvenuto in Email Marketing Vincente! L email marketing è uno strumento efficace per rendere più semplice

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

Identificazione di modulo C 3

Identificazione di modulo C 3 Identificazione di modulo C 3 Titolo Basi legali pianificare e organizzare dei corsi Condizioni Competenza Certificato di competenza Livello Obiettivi Competenza del modulo B 8 o possesso della licenza

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

La lezione frontale. Tortona 04/04/2012. Organizzare un corso di formazione nell ASL AL - M. Crotti. La lezione frontale

La lezione frontale. Tortona 04/04/2012. Organizzare un corso di formazione nell ASL AL - M. Crotti. La lezione frontale Tortona 04/04/2012 1 I principali obiettivi didattici: 1. Conoscenza di: nozioni e procedure concetti 2. Capacità: operative-manuali intellettuali, di risolvere problemi intellettuali, di risolvere problemi

Dettagli

«Ciao, sono io!» Commento didattico

«Ciao, sono io!» Commento didattico «Ciao, sono io!» Commento didattico Cari insegnanti, con il quaderno di lavoro «Ciao, sono io!» per la scuola primaria disponete di uno strumento didattico che permette ai vostri allievi di conoscere meglio

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta!

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! Premessa Premessa In auto Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! In bicicletta pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 15 pag. 21 pag. 23 In Italia, ogni anno,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

Helsana Business Health Management delle assenze. L offerta non vincolante di Helsana per il vostro successo

Helsana Business Health Management delle assenze. L offerta non vincolante di Helsana per il vostro successo Helsana Business Health Management delle assenze L offerta non vincolante di Helsana per il vostro successo Management delle assenze Approccio sano con collaboratori malati Le assenze comportano costi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <<ANNA FRANK>> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO TITOLO: TELEGIORNALE 2@0 Competenze chiave: competenza digitale (utilizzo del mezzo

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Party con Kit-Zen. crea la tua occasione di successo [INSERIRE PAYOFF DEFINITIVO]

Party con Kit-Zen. crea la tua occasione di successo [INSERIRE PAYOFF DEFINITIVO] Party con Kit-Zen crea la tua occasione di successo [INSERIRE PAYOFF DEFINITIVO] Kit-Zen è l azienda che ti permette di esprimere e sviluppare le tue potenzialità, di dare gusto al tuo lavoro, trasformandolo

Dettagli

Progetto Guida Sicura per Neopatentati

Progetto Guida Sicura per Neopatentati Giovani e sicurezza stradale. Lo scenario. Oggi il tema della sicurezza stradale sta a cuore a tutti, sappiamo benissimo quali sono le tragiche cifre degli incidenti stradali che regolarmente vengono diffuse

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO Azione 4 M.F.TEORICO Classe 2^ 1) PREDISPOSIZIONE DELLA SEDE DELL INCONTRO E DELL ACCOGLIENZA (A cura

Dettagli

CONGRATULAZIONI E BENVENUTO NEL TUO NUOVO BUSINESS Lo scopo di questo training è di introdurti ad un nuovo modello di distribuzione

CONGRATULAZIONI E BENVENUTO NEL TUO NUOVO BUSINESS Lo scopo di questo training è di introdurti ad un nuovo modello di distribuzione CONGRATULAZIONI E BENVENUTO NEL TUO NUOVO BUSINESS Lo scopo di questo training è di introdurti ad un nuovo modello di distribuzione RAGGIUNGERE IL SUCCESSO NON È QUESTIONE DI FORTUNA O CASUALITÀ, MA LA

Dettagli

Totale delle classi partecipanti nell'anno scolastico 2007/08 2554

Totale delle classi partecipanti nell'anno scolastico 2007/08 2554 Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Ufficio federale dello sport UFSPO Infrastruttura ed esercizio scuola in movimento, valutazione dell'anno scolastico

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

10 passi per uno studio efficace

10 passi per uno studio efficace 10 passi per uno studio efficace A cura di: Susanna Sommaggio Elaborato da: http://academic.cuesta.edu/acasupp/as/209.htm SAP-DSA via Belzoni 80, Padova tel 049.8278454 e-mail: sap@unipd.it La sensazione

Dettagli

Crescere figli con autostima

Crescere figli con autostima Crescere figli con autostima Come infondere fiducia in se stessi e autostima nelle varie fasi della loro vita (sotto i 3 anni, dai 3 agli 8 anni, dagli 8 ai 13, dai 13 in poi) IlTuoCorso - Ermes srl Via

Dettagli

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Il progetto Circe Time Il progetto Circe-Time è quello che letteralmente riguarda il momento del cerchio. Il cerchio è uno dei rituali più importanti

Dettagli

Quanto costa un auto? Informazioni per il PD

Quanto costa un auto? Informazioni per il PD 05 / Automobile Informazioni per il PD 1/6 Compito A 18 anni molti giovani imparano a guidare e desiderano avere la propria auto. Ma i costi di un auto non si limitano al suo prezzo d acquisto. Quali altre

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

HAPPY CHILDREN Crescere Felici

HAPPY CHILDREN Crescere Felici HAPPY CHILDREN Crescere Felici La formazione efficace deve tradurre il contenuto dell'educazione e dell istruzione in forme di pensiero congrue all età, stimolanti e tali da invogliare il fanciullo ad

Dettagli