L Arbitrato Sportivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Arbitrato Sportivo"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Tesi di Laurea In Diritto dell Arbitrato Interno ed Internazionale L Arbitrato Sportivo RELATORE Ch.mo Prof. Francesco Porcari LAUREANDA Francesca Carrozza Anno Accademico

2 Ci è stato insegnato a rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso. Qui ad Atene noi facciamo così. Pericle, Discorso agli ateniesi,416 A.C 2

3 Indice I. SPORT: LE ORIGINI... 5 I.1. L ordinamento sportivo alla luce della teoria della pluralità degli ordinamenti giuridici I.2.Pluralismo giuridico e principi costituzionali I.3. La teoria del Giannini I.3.1. Ordinamento settoriale e supremazia dello Stato I.4. La natura giuridica del CONI I.4.1. le federazioni sportive nazionali I.4.2. I rapporti tra sport e Stato nella loro evoluzione storica I.5. La Legge n.280/ I.5.I La rilevanza giuridica delle sanzioni disciplinari sportive I.5.2 La sentenza n.49 del 2011 della Corte Costituzionale II. L ARBITRATO QUALE STRUMENTO ALTERNATIVO PER LA SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE II.2 L arbitrato nazionale II. 3. La natura arbitrale della giustizia sportiva II. 4. Gli organi di giustizia sportiva : Alta Corte e TNAS II Alta Corte di giustizia sportiva III Il Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport II. 4. Dalla CCAS al TNAS II. 4.1 Norme applicabili in sede arbitrale II. 5. Il TNAS è un organo di giustizia sportiva? II. 5. Idoneità funzionale ad essere un vero arbitrato per l ordinamento statale

4 III. IL PROCEDIMENTO PRESSO IL TNAS III. 1. Presupposti dell arbitrato, soggetti, parti III.2. Nomina, ricusazione, sostituzione degli arbitri III La fase introduttiva III La fase di trattazione/istruzione IV. SULLA NATURA DEL GIUDIZIO EMESSO DAL TNAS IV.1. La fase decisoria: il lodo IV. 2. CCAS e Consiglio di Stato IV. 3. L impugnazione del lodo TNAS V. PROFILI COMPARATISTICI IN AMBITO EUROPEO V. 1. Un esempio di successo dell arbitrato sportivo in Europa: il TAS di Losanna V. 2. Il sistema Tedesco V. 3. Il sistema francese Bibliografia Giurisprudenza 4

5 I. SPORT: LE ORIGINI Noi giuriamo che prenderemo parte ai Giochi Olimpici in uno spirito di cavalleria, per l onore del nostro paese e la gloria dello Sport 1. Queste parole sintetizzano l animo con cui ogni singolo atleta dovrebbe approcciarsi allo Sport e con le quali Pierre De Coubertin intendeva strappare dalla corruzione della macchina del denaro, del merchandising lo spirito sportivo, tentativo vano, verrebbe da dire oggi, essendo a conoscenza del circo mediatico e della moltitudine di sponsor che ruotano attorno al mondo sportivo. In tutti questi secoli di sport solo un carattere è rimasto immutato: la voglia di vincere. Antropologi hanno dimostrato che il gioco agonale, competitivo, sarebbe insito nella stessa cultura 2, e si potrebbe ritrovarlo all opera in tutte le civiltà della terra. Non solo emergono attività simili ai giochi competitivi nelle rappresentazioni rupestri della preistoria, ma se ne ravvisano tracce anche presso i popoli stanziati lungo le coste del Mediterraneo, dove, i giochi basati sull abilità e sulla vigoria fisica rappresentavano l espressione della forza donata agli uomini dagli dei. 1 Giuramento dell atleta, Anversa, Cfr. HUIZINGA JOHAN,Homo Ludens (1938). 5

6 Si riconosce nel gioco, e in particolare nella gara, nell agon, un elemento comune ad altre culture, senza confini cronologici o epocali. L agonismo greco tuttavia, si estende in maniera molto più ampia rispetto a quella che è considerata la cerchia dei giochi di competizione in senso stretto. Fonti storiche narrano come le altre culture, pur dedicandosi a pratiche in forma di gare, a giochi di competizione guardavano con stupore alle iniziative greche in tale ambito, e spesso e volentieri fecero fatica a comprenderle 3. Questo stupore non è tanto dettato dal fatto del gioco competitivo in sé o dello spirito agonale che lo contraddistingueva; ma ciò che probabilmente stupisce e rende l agonismo greco unico nel suo genere è la maniera con la quale i Greci avevano istituzionalizzato i giochi conferendo loro il carattere di una manifestazione religiosa, pubblica, nazionale, politica e spettacolare. Storia e leggenda si confondono nel raccontare le motivazioni che portarono alla nascita dei primi giochi olimpici. Secondo la tradizione orale, le cerimonie religiose nelle quali furono introdotti i Giochi, vennero decise da Ercole 4, per ingraziarsi Giove Olimpico. Secondo le fonti, derivanti dalla lista dei vincitori redatta dal sofista Ippia di Elide, la celebrazione della prima Olimpiade fu curata da Ifito re 3 L episodio più significativo è forse quello che riguarda i Persiani. Serse e la sua corte si meravigliano che la sua corte che i greci gareggino in agoni ginnici e ippici per una corona di ulivo. E che dire poi di Anacarsi, principe degli Sciti che, a detta di Luciano, in una lunga conversazione con Solone esprime al legislatore ateniese tutta la sua perplessità a proposito dell abitudine dei Greci di cimentarsi nei giochi e di assistere con passione e piacere a questo tipo di spettacolo. PAOLA ANGELI BERNARDINI, Lo Sport in Grecia, Laterza, Roma-Bari, PINDARO, Olimpica X, 55 e ss, in Mouratidis, The Olympic Games in Antiquity:Legend, Intuition, Reality? 6

7 dell Elide nel 776 a.c. l avvenimento divenne tanto importante che la parola Olimpiade finì per indicare uno spazio temporale di quattro anni, divenendo la base della cronologia greca. Le ritualità di cui si componeva la manifestazione sono rinvenibili e paragonabili a quelle delle Olimpiadi moderne. Alcuni mesi prima dell apertura dei giochi partivano da Olimpia gli Sphondiphori, sacri araldi che viaggiavano annunciando le feste e la tregua olimpica, rappresentati oggi dai nostri tedofori, venivano inoltre messi a disposizione degli atleti, dei sacerdoti e dei giudici delle gare; degli alloggi, templi e Leonidanion (trasposizione del moderno villaggio olimpico dal 350 a.c) e inoltre già da allora sorgeva il problema di porre una figura a dirimere le questioni che potevano nascere dalle diverse competizioni. Questo compito era assegnato agli Hellanodìkai, che avevano il compito di raccogliere il giuramento degli atleti di attenersi alle regole delle gare ed assegnare i premi. Da questa costola dell agonismo, da questa articolazione greca dell impulso competitivo, si sviluppa lo Sport così come noi oggi lo conosciamo. La nascita dell Olimpiade moderna la si deve al barone Pierre de Coubertin, il quale, concepiva lo sport come un fattore fortemente pedagogico e aveva grande considerazione della filosofia olimpica tanto che considera l olimpismo qualcosa di diverso rispetto allo sport: era lo sport più quei connotati morali desunti dal movimento dei muscular christians e dallo sport greco. Egli si batté affinché le organizzazioni sportive mantenessero il loro status dilettantistico, e perché basassero la loro attività su comportamenti leali e retti. 7

8 Questo ragionamento lo fece poiché stava nascendo il movimento del professionismo sportivo regolato dal denaro che sottraeva quelle qualità morali che erano il tratto caratteristico dello sport. De Coubertin si rese conto che per sconfiggere questo fenomeno che andava pericolosamente diffondendosi era necessario dotare le attività fisiche di strumenti che avessero un autorità molto alta, ed estrapolare dallo sport antico quegli aspetti delle manifestazioni che erano simbolici e rituali, al fine di creare una suggestione tra gli atleti e gli spettatori. 5 Come fenomeno giuridico, lo sport non emerge nello stesso modo nelle diverse culture, poiché influenzato dai diversi modelli giuridici che gli stessi Stati adottavano oltre che per le divergenze culturali e religiose. L'Ordinamento sportivo in senso stretto vide i suoi albori nel 1894, a due soli anni di distanza dalla prima Olimpiade dell era moderna. A partire da tale anno l Ordinamento sportivo necessitò sempre più di norme volte a disciplinarlo in maniera precisa, anche a fronte di un crescente interesse negli Stati per la valorizzazione dello sport come modo di distrazione 6. Il 23 giugno 1894 i Giochi Olimpici furono ufficializzati durante il Congresso Internazionale degli Sport Atletici, tenutosi presso l Università della Sorbona di Parigi e nella stessa data, grazie a trentanove delegati giunti in rappresentanza di dodici Nazioni, nacque il Comitato Olimpico Interministeriale dei Giochi Olimpici, ribattezzato nel 1900 CIO, Comitato Olimpico Internazionale. 5 FABRIZIO DARIO BALDONI, I Valori Storici dello Sport in 6 La parola Sport è una parola inglese (apparsa nel 1532) che significa divertimento. La parola è a sua volta un abbreviazione dal francese antico della voce desport, da cui derivano lo spagnolo deporte e l italiano diporto (svago, divertimento, ricreazione). La voce inglese sport e il suo aggettivo sportivo sono poi entrati in Italia nel XIX secolo, attraverso il francese sport (1828) e sportif (1862). In origine la parola significava divertimento gratuito, oggi invece indica quell insieme di gare ed esercizi fisici individuali o di gruppo che vengono praticati per svago, ma anche per competizione ossia portar fuori dall ambito lavorativo lo stress. 8

9 Per ricreare quel senso di continuità lo stesso De Coubertin si adoperò affinché le prime olimpiadi dell era moderna si svolgessero ad Atene nel Il CIO si diede le prime regole nella Carta olimpica con questi sette principi: anzitutto il ristabilimento dei giochi su basi e a condizioni conformi alla necessità della vita moderna, poi la partecipazione di atleti dilettanti; la necessità di preservare il prestigio dei giochi da chiunque possa nuocervi; lo svolgimento di prove ad eliminazione su base esclusivamente nazionale; la compresenza di sport propriamente detti ; la rotazione delle sedi ospitanti i Giochi in varie parti del Mondo; l ufficialità della manifestazione. Democrazia, internazionalità, pacifismo erano i nuovi paradigmi su cui De Coubertin aveva scommesso ed erano in definitiva un riflesso dello sviluppo dei rapporti internazionali dei diversi campi e miravano a sviluppare ulteriormente tali rapporti allo scopo di rafforzare la pace tra le nazioni. Tuttavia nei decenni, gli ideali tanto cari al suo padre fondatore sono via via sfumati, fino a rendere l atleta un vero e proprio professionista della propria disciplina sportiva. L imporsi dell agonismo programmatico, la ricerca del miglior risultato in senso assoluto, la necessità di predisporre regole vincolanti che consentissero valutazioni comparative e obbiettive dei risultati, le relative incombenze organizzative e gestionali conducono alla costituzione delle Federazioni Sportive Internazionali, distinte a seconda delle varie 9

10 discipline, e di un Comitato Olimpico Internazionale. Tali enti, con l ausilio di comitati e federazioni nazionali, organizzano e gestiscono il fenomeno sportivo a livello internazionale, dando vita a quello che moltissimi autori riconoscono come l ordinamento sportivo internazionale ovvero un ordinamento ricostruibile secondo un unica struttura piramidale, avente al vertice il CIO e gerarchicamente sott ordinate le federazioni sportive internazionali e nazionali. 7 Il CIO 8, che è a tutti gli effetti e per il Diritto Internazionale una Organizzazione Non Governativa (ONG), prevedeva altresì che gli Stati che avessero voluto far partecipare i propri atleti all Olimpiade avrebbero dovuto costituire degli enti omologhi ad esso, a livello nazionale, ed aderenti allo stesso. Fu così che in Italia nel 1914 vide la luce il CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), con il preciso scopo di promuovere lo sport all interno della Nazione, curare l organizzazione ed il potenziamento dello sport italiano attraverso le federazioni nazionali sportive. 7 SANINO, Diritto sportivo, op. cit., p. 29; FRACCHIA, Sport, in Digesto discipline pubblicistiche, Torino 1999, p.473; DI NELLA, Il fenomeno sportivo nell unitarietà e sistematicità dell ordinamento giuridico, in Rivista di diritto sportivo,1999,pp.25 ss. 8 Attualmente il CIO ha sede a Losanna, in Svizzera e vi aderiscono 205 comitati olimpici nazionali. È composto da 126 membri che si riuniscono almeno una volta all'anno. Il Comitato sceglie i propri membri per cooptazione ed elegge un presidente, che rimane in carica 8 anni. Il suo compito principale è quello di supervisionare l'organizzazione dei Giochi Olimpici. Riceve le candidature per l'organizzazione dei Giochi olimpici estivi e invernali, e procede all'assegnazione tramite votazione dei propri membri. Il CIO coordina i Comitati Olimpici Nazionali e altre organizzazioni collegate, che assieme formano il Movimento Olimpico. 10

11 I.1. L ordinamento sportivo alla luce della teoria della pluralità degli ordinamenti giuridici L ordinamento sportivo si manifesta dunque, innanzi tutto, come organizzazione a livello mondiale, del quale i vari stati costituiscono soltanto sedi di riferimento; presenta pertanto il carattere della originarietà, poiché fonda la sua efficacia esclusivamente sulla forza propria e non su quella di altri ordinamenti, ma non possiede il carattere della sovranità non avendo la piena effettività della forza su un determinato territorio. Il riconoscimento della natura giuridica dell ordinamento sportivo poggia, sull applicazione del principio della pluralità degli ordinamenti giuridici. Nell evoluzione storica della teoria generale del diritto, il concetto di ordinamento giuridico viene ab origine individuato - in base alla c.d. dottrina normativistica 9 che ha il suo massimo esponente in Hans Kelsen esclusivamente nel sistema di norme poste dallo Stato: secondo tale impostazione, l ordinamento giuridico viene individuato come sistema normativo, composto dal solo elemento della normazione. Impostazione che venne superata dalla c.d. dottrina istituzionalistica 10 di Santi 9 Secondo Kelsen, ci si deve occupare dell ordinamento giuridico come sistema di norme: e, secondo una terminologia kantiana, Kelsen dice che occorre porre al centro della propria indagine l essere (sein) e non il dover essere (sollen) del quale si occupa la sociologia. Il nucleo della dottrina pura del diritto (reine Rechtslehre) è per l appunto l analisi del sistema giuridico come ordinamento di norme: e l espressione dottrina pura dev essere intesa nel senso di dottrina non ideologica, priva di presupposi morali e valoriali. il fondamento delle norme giuridiche si ritrova in norme superiori via via sempre più astratte, finché, proseguendo nel processo di astrazione, si giunge ad una norma ultima, superiore anche alla Costituzione, priva di contenuto materiale e che lo studioso chiama «norma fondamentale» (Grundnorm). ( H. KELSEN, Lineamenti di dottrina pura del diritto, 1934) 10 La teoria c.d istituzionalista (S. ROMANO, L ordinamento giuridico, 1918) disconosce il fatto che il diritto possa ridursi alla norma o all insieme delle norme che costituiscono l ordinamento, in quanto quest ultimo, inteso come 11

12 Romano, secondo la quale l elemento della normazione non risulta affatto sufficiente ad esprimere il concetto di ordinamento giuridico, in quanto esso risulta essere il prodotto della coscienza sociale, posto in essere dai rappresentanti del popolo; viene, pertanto, riconosciuto che gli elementi della plurisoggettività (ovvero il tessuto sociale) e della organizzazione ovvero l insieme delle istituzioni politiche preesistono e producono l elemento della normazione, con la conseguenza che il concetto di ordinamento giuridico si sovrappone (e coincide) con il concetto di società ( ubi societas, ibi ius ) 11. La teoria istituzionale si diffuse anche in altri paesi: in Francia con Maurice Hauriou, in Germania con Max Weber, negli Stati Uniti con Thorstein Veblen. Le ragioni del suo successo dipendono dal fatto che questa offrì una spiegazione al crescere della vita e della società civile di inizio secolo: la società si articola in organizzazioni riconosciute come portatrici di interessi collettivi, la cui presenza è legittimata anche nell ambito del potere pubblico. Questa nuova realtà viene definita come Istituzione. I due elementi che la caratterizzano sono l appartenenza alla sfera sociale e l organizzazione razionale. 12 Corollario di questa impostazione -in base alla quale deve indicarsi un ordinamento giuridico in ogni espressione associazionistica che abbia i caratteri della plurisoggettività, organizzazione e normazione - risulta Istituzione, trascende e condiziona il suo aspetto meramente normativo: l ordinamento (ovvero la Istituzione ) è, per questa teoria, posizione della società ed il momento istitutivo precede e produce quello normativo 11 L. CANTAMESSA, G.M RICCIO, G. SCIANCALEPORE, Lineamenti di diritto sportivo,pp 5-6, Giuffrè, S. CASSESE, Istituzione: un concetto ormai inutile, in Pol.Dir, 1979, p.59 12

13 essere il riconoscimento di una pluralità degli ordinamenti giuridici, da qui prendono vita le riflessioni del Cesarini-Sforza 13 e del Giannini. Cesarini-Sforza per la prima volta assegna la qualifica di ordinamento al mondo sportivo prendendo le mosse dalla definizione di diritto dei privati, propriamente inteso, applicandoci su la teoria istituzionale. Definendo il diritto dei privati come quello che i privati medesimi creano per regolare determinati rapporti di interesse collettivo in mancanza, o nell insufficienza, della legge statuale 14 e portando alla formazione spontanea di organizzazioni definite dall autore come un unione di più persone caratterizzata dal fatto che queste cooperano per uno scopo comune 15 e di converso individuando il potere statuale nella capacità di emanare un complesso di norme utilizzate per regolare relazioni giuridiche sorte tra persone ad esso sottoposte. Secondo la teoria del giurista, l ordinamento sportivo rientra in queste organizzazioni, la cui giuridicità non deriva da un riconoscimento ( persona giuridica ) della loro posizione entro la gerarchia del diritto statuale, essendo queste formazioni giuridiche non sottoposte, ma parallele all ordinamento statuale. 13 Cesarini-Sforza ha ripreso le tesi romaniane applicandole a quelle organizzazioni che non andavano ad identificarsi nella figura statuale o internazionale; riconoscendo in queste un unione di più persone caratterizzata dal fatto che queste cooperano per uno scopo comune ( CESARINI-SFORZA, Il diritto dei privati, Giuffrè, 1963) L autore arriva alla conclusione che associazione di persone spontaneamente formatasi e non riconosciuta dallo Stato come persona giuridica risulti per lo stesso irrilevante e in quanto tale rappresenta un sistema a se stante 14 W. CESARINI-SFORZA, Il diritto dei privati, in Riv. It. Sc. Giurid.1929, p 3 15 W. CESARINI-SFORZA, op.cit., in Riv. It. Sc. Giurid.1929 p

14 Da queste considerazioni il giurista arrivò per primo ad affermare la qualifica di ordinamento anche per il mondo sportivo. Non tutti però nel panorama dottrinale seguivano la stessa linea di pensiero. Vi furono dei giuristi che proclamarono l agiuridicità dell ordinamento sportivo. Il Furno pur riconoscendo la rilevante presenza dello sport all interno della società, riteneva che lo stesso dovesse essere riportato all interno del concetto di autonomia negoziale e quindi dello iure privatorum, senza riferimento alla nozione di ordinamento giuridico. 16 Anche il Carnelutti si esprime in questo senso, discostandosi solo sulla pretesa incompatibilità tra lo sport e il diritto, considerando solamente lo stesso non essenziale ai fini del corretto svolgimento dell organizzazione sportiva poiché i competitori si attengono alle regole tecniche proprie dello sport da essi praticati, senza l osservanza delle quali il gioco non è esercitabile e quindi ravvisa il fair play come principio da osservare in primis e non il diritto. 17 Non si può negare l origine contrattuale del fenomeno sportivo: per iscriversi ad una associazione il soggetto-atleta sottoscrive un atto di autonomia privata, col quale si impegna a recepire e sottostare alle regole pratiche e organizzative della stessa. Tuttavia, il problema di queste interpretazioni sorge dalla aprioristica esclusione della configurazione ordinamentale del fenomeno sportivo. Non sarebbe possibile comunque spiegare un fenomeno così 16 C. FURNO, Note critiche in tema di giuochi, scommesse e arbitraggi sportivi, in Riv.it Dir.Proc.Civ., F.CARNELUTTI, Figura giuridica dell arbitro sportivo, in Riv.dir.proc.,

15 articolato e complesso, alla stregua di uno Stato, richiudendolo solo nell ambito della autonomia negoziale 18. La ricostruzione più articolata e completa del fenomeno sportivo in chiave ordinamentale alla quale si continua a fare riferimento resta quella operata dal Giannini 19, il quale enunciò gli elementi costitutivi di ogni ordinamento,e perciò assimilabili anche a quello sportivo: plurisoggettività, organizzazione, normazione. La plurisoggettività prende in considerazione le persone fisiche e gli enti associativi che, a vario titolo, concorrono all esercizio della pratica sportiva. L organizzazione riguarda il complesso degli apparati nazionali e internazionali dotati di potestà normative, auto regolatrici, punitive e di composizione dei conflitti interni. Infine la normazione che prende in esame il complesso delle norme gerarchicamente ordinate in un sistema volto a regolamentare ogni fatto ritenuto rilevante all interno dell ordinamento. 20 Tra organizzazione e normazione corre uno stretto vincolo di interazione simultanea : l organizzazione pone le norme, le quali creano normazione Sull argomento vedi A. IANNUZZI, Per la legittimità della giurisdizione sportiva, in Riv.Dir.Sport., M.S. GIANNINI, Prime osservazioni sugli ordinamenti giuridici sportivi, in Riv.dir.sport, M.S. GIANNINI, Prime osservazioni sugli ordinamenti sportivi, in Riv.dir.sport., Si veda M.S.GIANNINI, op.cit, in Riv.dir.sport,1949, 13ss: Tra organizzazione e normazione corrono strettissimi vincoli, e più precisamente si ha ciò che, sociologicamente, dicesi interazione simultanea: è l organizzazione che pone le norme; ma d altro lato sono queste che creano l organizzazione; ogni modifica dell una è modifica dell altra. Come ciò avvenga, ancora una volta è un fenomeno sociologico: il diritto lo registra, o meglio lo registrerà; non lo potrà mai assumere nel proprio ruolo di rilevanze. 15

16 Ulteriori contributi alla teoria ordinamentale sono stati infine apportati da Inigo e Alberto Marani Toro, i quali hanno individuato, nel passaggio dall agonismo occasionale, a programma limitato, a quello a programma illimitato, la ragione della nascita dell ordinamento sportivo e della sua intrinseca giuridicità 22. I.2.Pluralismo giuridico e principi costituzionali Nell ambito di quel macrocosmo giuridico costituito dall ordinamento statale, si rinvengono una molteplicità di piccole Istituzioni che vengono definite comunemente come ordinamenti settoriali. L esistenza di un pluralismo giuridico-sociale e la relativa legittimazione vengono espresse nella Carta Costituzionale con il riconoscimento del valore positivo delle formazioni sociali come momento di espressione della personalità dell individuo (art. 2 Cost.) 23, tali formazioni debbono venire considerate quali entità naturalmente dotate di diritti e garanzie insopprimibili (diversamente dall ordinamento francese ed in quelli similari, dove erano riguardate come entità che non potevano esistere se non venivano create o autorizzate o riconosciute dallo Stato, o che comunque restavano, per il loro funzionamento e per la loro stessa permanenza in vita, sottoposte al suo illimitato potere discrezionale) 24 dei 22 MARANI TORO, A.I, Gli ordinamenti sportivi, cit pagg 411ss,. 446 ss 23 L art. 2 della Costituzione sancisce quanto segue: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. 24 Si veda in merito AMBROSINI, La pluralità degli ordinamenti giuridici nella Costituzione italiana, in AA.VV., Studi in onore di G. Chiarelli, Milano,1973, I,II 16

17 principi di autonomia e decentramento con la quale tramonta l idea della legittimazione concessa dallo Stato (art 5 Cost.) 25, del diritto di associazione in generale (art. 18 Cost.) 26. Nel volgere degli anni successivi all entrata in vigore della Costituzione, quando ormai il pluralismo è un dato storico indiscutibile, emergono nella società in rapida evoluzione nuove esigenze, che portano ad un ulteriore ripensamento dei rapporti tra ordinamento statale ed ordinamenti settoriali 27 : si tratta dell affermazione del principio personalistico, che secondo autorevole dottrina, comporta la netta preminenza del riconoscimento e della tutela dei diritti inviolabili dell uomo sul principio pluralistico, ed altresì la funzionalità di questo secondo principio all attuazione del primo: in altri termini il principio pluralistico viene strutturato in maniera tale da costituire la negazione di ogni forma di totalitarismo statuale, e altresì ogni forma di organicismo, poiché le formazioni sociali vengono tutelate e garantite, non per salvaguardare un valore ad esse intrinseco, ma in quanto funzionali alla piena realizzazione dei diritti della persona 28. Galgano 29 riconosce e prende in considerazione il fenomeno, cogliendo l esigenza emergente di tutelare il singolo dentro le formazioni sociali e ritiene che tale compito spetti al giudice, chiamato a decidere in ordine a vicende interne delle associazioni particolarmente delicate. 25 L art. 5 della Costituzione sancisce quanto segue: La Repubblica una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell autonomia e del decentramento. 26 L art 18, primo comma, della Costituzione sancisce quanto segue: I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale. 27 C. ALVISI, Il diritto sportivo nel contesto nazionale ed europeo,pagg. 4-7, Milano, Giuffrè, Per una disamina sul punto si veda G. Manfredi, Pluralità degli ordinamenti e tutela giurisdizionale. I rapporti tra giustizia statale e giustizia sportiva, Torino, Si veda F. GALGANO, Delle associazioni non riconosciute e dei comitati, 2 ed., in Commentario Sciajola e Branca, Bologna,

18 Le associazioni legibus solutae possono costituire una minaccia per gli individui che ne fanno parte: da ciò l esigenza della tutela giurisdizionale dei diritti dell individuo all interno dei singoli ordinamenti. L ordinamento statale, nella sua profanazione che è il potere giudiziario, sospende il rapporto di reciproca autonomia laddove si tratti di intervenire a tutela degli individui. Ed è lo stesso art.2 Cost., ricorda Galgano, che legittima ed anzi impone siffatto intervento: La repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità 30. Secondo il modello pluralistico,in sostanza, accanto allo Stato, unica Istituzione che persegua interessi generali di tutta la collettività, vengono riconosciute tutta una serie di Istituzioni costituite (spesso in forma spontanea, in espressione dell associazionismo privatistico) per il perseguimento di interessi collettivi di vari settori: tali formazioni sociali vengono riconosciute come ordinamenti settoriali (ordinamento militare, ordinamento delle varie professioni, ordinamento ecclesiastico ecc.) i quali nell ambito del decentramento delle funzioni amministrative- svolgono la propria attività con una certa autonomia; tale autonomia si concreta nella facoltà di stabilire un organizzazione propria ( auto-organizzazione ) e di porre in essere una normazione propria ( auto-normazione ) C. ALVISI, ibidem. 31 L. CANTAMESSA, G.M.RICCIO, G. SCIANCALEPORE, op.cit, pagg 7-9, Giuffrè

19 I.3. La teoria del Giannini Alla luce della tesi del pluralismo giuridico e la non veritiera tesi a sostegno dello Stato come monopolista in fase legislativa, analizziamo schematicamente la teoria sulla spartizione normativa riguardante l attività sportiva effettuata dal Giannini 32, il quale individua tre diversi contesti: - Una zona retta esclusivamente dal diritto statale e dalle sue norme; - Una zona retta esclusivamente dal diritto sportivo e dalle sue norme; - Una zona intermedia, regolata tanto dal diritto statale tanto dal diritto sportivo e dalle relative norme. L avverbio esclusivamente sta ad indicare una competenza che appartiene o all ordinamento statale o all ordinamento sportivo, nelle quali non si possono ravvisare conflitti di attribuzione in queste zone. Nella zona intermedia invece i due poteri legislativi vengono in contatto, sovrapponendosi, escludendosi o contrastandosi 33. Le antinomie vanno risolte guardando al diritto statuale, in quanto l ordinamento sportivo nazionale si colloca nell ambito di una dimensione 32 M.S. GIANNINI, Prime osservazioni sugli ordinamenti giuridici sportivi, in Riv. Dir. sport, In merito possono sorgere tre ipotesi di conflitto: tra qualificazioni giuridiche che nell ordinamento statale risultano come illeciti civili o penali ma che una norma dell ordinamento sportivo rende lecita o dovuta; oppure qualificazioni dei fatti identiche ma con conseguenze giuridiche differenti, e per ultimo il caso in cui si verifichi una stessa qualificazione dei fatti e delle conseguenze giuridiche ma misure di tutela differenti. 19

20 derivata e manca del carattere fondamentale della sovranità 34, riconosciuto in capo allo Stato, dal quale deriva la supremazia delle norme statali su quelle sportive in ipotesi di conflitto 35. I.3.1. Ordinamento settoriale e supremazia dello Stato. Ciascuno dei due ordinamenti si trova normalmente, nei confronti dell altro, nella quarta dimensione:passano l uno attraverso l altro,senza che chi vive dentro se ne accorga 36, diceva Calamandrei. Nei rapporti tra l ordinamento dello Stato e i vari ordinamenti settoriali, la chiave di volta per la corretta lettura, sotto il profilo giuridico, del giusto inquadramento di essi è costituita dalla applicazione del principio di gerarchia delle fonti e, conseguentemente, della gerarchia delle Istituzioni o degli ordinamenti ( art.1 d.gen. ) 37 : in sostanza, deve in primis, prendersi atto del fatto che, nell ambito della gerarchia delle fonti del diritto (costituita nell ordine da: norme comunitarie, norme costituzionali, norme di legge, norme regolamentari, circolari e usi) 34 Nonostante l attività sportiva sia antica come il mondo ( U. GUALAZZINI, Premesse storiche al diritto sportivo, Milano,1965, I ) non sembra, possa invece, affermarsi che l ordinamento giuridico sportivo rivesta natura sovrana. La sovranità, infatti, implica non solo l originarietà e l indipendenza, ma anche la supremazia sugli ordinamenti minori; questi ultimi quindi, difettando di tale supremazia, per operare all interno di un ordinamento sovrano, quale quello statale, devono necessariamente conformarsi ad esso ( E. RUSSO, L ordinamento sportivo e la giustizia sportiva, in n. 2, 2006). 35 DE BLASI, in pagg P. CALAMANDREI, Regole cavalleresche e processo, in Riv. dir. Proc.,1929,I, Art. 1 Indicazione delle fonti. Sono fonti del diritto: 1) le leggi (Cost. 70 e seguenti, 117, 138; prel. Cod. Civ. 2, 10 e seguenti); 2) i regolamenti (prel. Cod. Civ. 3 e seguenti); 3) (*) 4) gli usi (prel. Cod. Civ. 8 e seguenti). (*) Abrogato ad opera del d.lgs. 23 novembre 1944, n Il precedente testo recava la dicitura: "3) le norme corporative". 20

L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO

L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO Principio della pluralità degli ordinamenti giuridici Istituzione o Ordinamento giuridico - Plurisoggettività (composto da soggetti aderenti

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

La parte nascosta del pianeta sport

La parte nascosta del pianeta sport Diritto sportivo La parte nascosta del pianeta sport L aspetto giuridico del mondo sportivo Il diritto dello Sport ha assunto un ruolo di primaria importanza nel contesto giuridico attuale sia per la diffusione

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. Dissertazione per il conseguimento della Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Le Federazioni Sportive Nazionali: la doppia natura pubblica e privata. Centro Congressi Grand Hotel Parco dei Principi Roma 3 maggio 2012

Le Federazioni Sportive Nazionali: la doppia natura pubblica e privata. Centro Congressi Grand Hotel Parco dei Principi Roma 3 maggio 2012 Le Federazioni Sportive Nazionali: la doppia natura pubblica e privata Centro Congressi Grand Hotel Parco dei Principi Roma 3 maggio 2012 Avv. Mario Tonucci Managing Partner Studio Legale Tonucci & Partners

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZA DELLO SPORT PROF. OTTORINO ASCANI

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZA DELLO SPORT PROF. OTTORINO ASCANI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Rapporti interdisciplinari tra il Diritto Sportivo comunitario ed il Diritto Costituzionale, Commerciale, Fiscale e Internazionale. ( Insegnamento Jean Monnet della Commissione

Dettagli

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE.

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. Modena, 15 settembre 2014 PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. La Corte di Giustizia UE, con Sentenza relativa alla causa C- 255/13 del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/672/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Angelo Ferraro

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Quesito sull applicabilità della normativa sui buoni pasto ai Direttori

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

Lombardia/231/2009/PAR

Lombardia/231/2009/PAR Lombardia/231/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita*

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita* Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi di Antonio De Vita* La contrapposizione tra il Presidente della Repubblica e il Ministro

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione

RISOLUZIONE N. 9/E. Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione RISOLUZIONE N. 9/E Roma, 18 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA TESI DI LAUREA RAPPORTI TRA ORDINAMENTO GIURIDICO SPORTIVO E ORDINAMENTO GIURIDICO STATALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA TESI DI LAUREA RAPPORTI TRA ORDINAMENTO GIURIDICO SPORTIVO E ORDINAMENTO GIURIDICO STATALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA TESI DI LAUREA RAPPORTI TRA ORDINAMENTO GIURIDICO SPORTIVO E ORDINAMENTO GIURIDICO STATALE Candidato: Francesco Rondini Relatore: Chiar.mo Prof.

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

Lombardia/85/2010/PAR

Lombardia/85/2010/PAR Lombardia/85/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n 007/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 14 gennaio 2009, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Daniela

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

Il contributo unificato per il ricorso al Capo dello Stato non compete! Leggioggi.it

Il contributo unificato per il ricorso al Capo dello Stato non compete! Leggioggi.it Il contributo unificato per il ricorso al Capo dello Stato non compete! Leggioggi.it Poiché il ricorso straordinario al Capo dello Stato non presenta caratteri minimamente avvicinabili a quelli ordinamentali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO L ORDINAMENTO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO ------------------------------------------------------ 3 2 L ORDINAMENTO

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Aissatou Diatta contro Land Berlino - (Domanda di pronunzia pregiudiziale, proposta dal Bundesverwaltunhgd Gericht). Lavoratori migranti Diritto di soggiorno della

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Un tema spesso controverso e dibattuto, che ogni anno torna di grande attualità con la presentazione della dichiarazione dei redditi, è quello dell

Dettagli

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE Numero 05140/2010 e data 24/11/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 NUMERO AFFARE 04251/2010 OGGETTO:

Dettagli

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11 La responsabilità da reato degli enti nel settore sanitario: i destinatari della normativa Stefano Crisci, Avvocato, Studio Legale Crisci - a cura di Lex24 14 aprile 2011 Tra i destinatari dell ormai celebre

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Malgrado che nel linguaggio comune accade sovente che l associazione viene identificata con la società e viceversa, con un uso

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi Riforma Biagi 1 Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi - Dott. Roberto Bresci - Riforma Biagi 2 Ambito normativo Legge 133/1999 Legge 342/2000 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003) D. Lgs.

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo,

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Diritto e Legislazione socio-sanitaria

Diritto e Legislazione socio-sanitaria O S E S359 Collana giuridico-economica per la scuola riformata diretta da Federico del Giudice A cura di Alessandra Avolio Diritto e Legislazione socio-sanitaria Per il secondo biennio dei nuovi Istituti

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/189/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De Rentiis dott. Donato Centrone

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni PROFESSIONI La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Toscana Legge Regione Toscana 6 maggio 2011, n. 18, recante Norme in materia di panificazione Corte Costituzionale,

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005 DECRETO LEGGE 30 GIUGNO 2005 n. 115 CONVERTITO IN LEGGE CON MODIFICAZIONI DALLA L. 17 AGOSTO 2005 n. 168 NOTE INTERPRETATIVE ALL ART. 11, COMMI 1 e 1-bis SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CLASSIFICATI CON IL CODICE

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE VIII RAPPORTI TRA DIRITTO COMUNITARIO E DIRITTO DEGLI STATI MEMBRI PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 L adattamento Dell ordinamento Italiano Al Diritto

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO MONOGRAFIE E STUDI 1. CESARE CAVALLINI, L oggetto del processo di rivendica, 2002. 2. ANTONINO BARLETTA, La stabilità della vendita forzata,

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Consigliere dott.

Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Consigliere dott. Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo Presidente dott. Ugo Marchetti Consigliere dott. Italo Scotti Consigliere

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 4/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio del 26 gennaio 2011, composta dai

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI 1. La Pubblica Amministrazione può agire mediante atti amministrativi e mediante

Dettagli