La produzione e l impresa. La funzione di produzione. O INPUT (lavoro) D E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La produzione e l impresa. La funzione di produzione. O INPUT (lavoro) D E"

Transcript

1 Il Nuovo le basi dell economia politica Percorso D La produzione e l impresa La funzione di produzione OUTPUT B C PT A O INPUT (lavoro) OUTPUT D E PM O F PMa INPUT (lavoro) Nella figura è descritto l andamento della produttività totale (PT), media (PM) e marginale (PMa) ipotizzando che muti l impiego di un solo fattore produttivo (il lavoro) fermi restando gli altri (materie prime, macchinari, impianti). La produttività totale è il contributo complessivo che il lavoro dà all output finale. La produttività media è il rapporto tra l output finale e la quantità di lavoro impiegata. La produttività marginale è la quantità di prodotto addizionale ottenuta impiegando un unità in più del lavoro. La curva della produttività totale è convessa fino al punto A; ciò significa che nel tratto oa all aumentare dell impiego del lavoro il prodotto totale cresce velocemente. A partire dal punto A la curva PT diviene concava; ciò indica che all aumentare della quantità di lavoro utilizzata il prodotto totale cresce ma in misura minore. Nel punto C il prodotto totale raggiunge il suo massimo dopodiché inizia a decrescere. La curva PT mostra un importante legge economica: la legge dei rendimenti decrescenti. La curva della produttività media (PM) ha lo stesso andamento campanulare della curva PMa e raggiunge il suo massimo nel punto E. 1

2 La curva della produttività marginale cresce nel tratto in cui la curva PT è convessa. Ciò indica che le prime unità addizionali del lavoro hanno l effetto di incrementare il prodotto totale in modo più che proporzionale. Nel punto D la curva PMa raggiunge il suo massimo, dopodiché inizia a decrescere e diviene nulla quando la curva PT raggiunge il suo massimo. Il costo opportunità P.A. Samuelson e W.D. Nordhaus, due famosi economisti, ci spiegano cosa sono i costi-opportunità (da Paul Samuelson e William D. Nordhaus, Economia, Mc Graw-Hill, 1996). In questa sezione i costi verranno considerati da un diverso punto di vista. [ ] uno dei principi fondamentali della scienza economica è il fatto che le risorse sono scarse, quindi ogni volta che si decide di impiegare una data risorsa in un certo modo, si esclude la possibilità di utilizzarla in un modo diverso; una situazione che è facilmente riscontrabile nella vita quotidiana: ciascun individuo deve infatti costantemente decidere come impiegare tempo e reddito limitati. È preferibile andare al cinema o studiare per l esame di economia? Andare in vacanza o acquistare una nuova auto? Frequentare corsi di specializzazione post-laurea oppure iniziare a lavorare subito? In ciascuna di queste situazioni fare una scelta significa rinunciare a qualcosa, e l alternativa esclusa rappresenta il costo-opportunità. Il costo monetario immediato sostenuto per andare al cinema invece di stare a casa a studiare è rappresentato dal prezzo del biglietto, mentre il costo-opportunità include anche la possibilità di passare l esame con un voto basso. I costi-opportunità di una decisione comprendono tutte le conseguenze, riflettano una transazione monetaria o meno. Le decisioni hanno un loro costo-opportunità in quanto la scelta di un bene in una situazione di scarsità implica la rinuncia a un altro bene. Il costo-opportunità è il valore del bene o servizio a cui si rinuncia. Un esempio significativo di costo-opportunità è costituito dal costo della frequenza universitaria. Se si frequentasse un università statale, si potrebbe calcolare che in un anno i costi totali sostenuti per acquistare i libri e per affittare una camera vicino alla facoltà ammontano a euro. Tale somma, però, non rappresenta affatto il costo-opportunità della frequenza universitaria. Occorre infatti includere anche il tempo necessario per lo studio e per frequentare i corsi: nello stesso anno un diplomato di 19 anni impiegato a tempo pieno guadagnerebbe in media euro l anno per cui, sommando le spese effettive e il guadagno a cui si rinuncia decidendo di frequentare l università, si scopre che il costo-opportunità dello studio universitario non è euro l anno, bensì euro (6 + 8). I costi-opportunità gravano anche sulle decisioni aziendali. Le imprese automobilistiche, per esempio, devono rinnovare continuamente le loro linee produttive progettando nuove automobili, il che comporta un costo non indifferente (alla fine degli anni 80 la Ford spese 600 milioni di dollari per ridisegnare il modello Taurus). Se un impresa automobilistica decide di progettare una nuova auto sportiva, è possibile che sia costretta a rimandare il progetto di una nuova station wagon: il costo-opportunità sostenuto per progettare l auto sportiva è costituito perciò dai costi di progettazione diretti nonché dai profitti a cui si rinuncia non progettando la station wagon. Non tutti i costi-opportunità compaiono però necessariamente nel conto profitti e perdite poiché, in generale, la contabilità aziendale comprende soltanto le transazioni in cui si verifica un effettivo trasferimento di denaro: nel precedente esempio delle automobili, quindi, il costo diretto della progettazione del prodotto risulterebbe nel conto profitti e perdite quale spesa di produzione, mentre i profitti ai quali si è rinunciato non verrebbero menzionati. Se da un lato il contabile dell impresa vuole includere tutti i costi, l economista cerca invece di «andare al di là» del denaro per scoprire quali sono le effettive conseguenze del flusso monetario e per misurare i costi delle risorse reali di un attività. Gli economisti includono quindi tutti i costi indipendentemente dal fatto che essi riflettano o meno una transazione monetaria. Alcuni importanti costi-opportunità non risultano nel conto profitti e perdite. In molte piccole imprese a conduzione familiare, per esempio, spesso le ore lavorative dei membri della famiglia non sono pagate e quindi non vengono conteggiate come costi; analogamente, i contributi finanziari dei proprietari di un impresa non vengono considerati come un costo di capitale nella contabilità aziendale, così come non si calcola il costo del danno ambientale provocato dallo scarico di sostanze tossiche in un fiume. Dal punto di vista economico ognuno di questi esempi rappresenta tuttavia un costo per il sistema economico. [ ] 2

3 Rispondi alle seguenti domande: 1 Che cosa si intende per costo-opportunità? 2 Sapresti fare un esempio di costo-opportunità? Le principali certificazioni a cui un impresa può ricorrere per attestare il raggiungimento di un determinato livello di responsabilità sociale Anche se la redazione di documenti quali il bilancio sociale, il bilancio ambientale e il codice etico rappresenta ormai la strada percorsa più spesso dalle imprese per comunicare all esterno il proprio comportamento socialmente responsabile, è ancora frequente il caso di imprese che decidono, invece, di ricorrere ad organismi esterni che certifichino i risultati ottenuti in ambito sociale e ambientale. Si tratta di certificazioni su base volontaria che si basano sul rispetto di determinati standard. SA8000 Lo standard internazionale denominato SA8000 ha l obiettivo di certificare il rispetto delle condizioni lavorative lungo tutta la filiera produttiva. L ente certificatore è il SAI (Social Accountability International), un organizzazione no profit che si occupa di sviluppare standard per la responsabilità sociale. L azienda interessata ad ottenere la certificazione SA8000 deve rispettare gli standard comportamentali indicati nello schema seguente: Lavoro minorile Lavoro forzato Salute e sicurezza dei lavoratori Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva Discriminazione Procedure disciplinari Retribuzione L azienda non deve utilizzare o dare sostegno all utilizzo del lavoro minorile. L azienda non deve ricorrere al lavoro forzato né chiedere ai propri dipendenti, all inizio del rapporto di lavoro, di lasciare depositi in denaro o documenti di identità. L azienda deve garantire che l attività svolta dai lavoratori si svolga in un ambiente salubre e nel rispetto della normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. L azienda deve garantire l esercizio della libertà di associazione, la libertà sindacale e di contrattazione collettiva. L impresa non deve assumere comportamenti discriminatori nei confronti dei dipendenti, in relazione ad assunzione, retribuzione, licenziamenti, in base a razza, ceto, nazionalità, religione appartenenza sindacale o politica, invalidità, sesso ed orientamenti sessuali. Le sanzioni previste dall azienda non devono consistere in forme di punizione corporale, di coercizione fisica o mentale e di abuso verbale. L azienda deve rispettare la normativa vigente in tema di limiti dell orario di lavoro e si impegna a ricorrere al lavoro straordinario solo in casi eccezionali e nella misura massima prevista dalla legge, riconoscendo al lavoratore una retribuzione oraria superiore rispetto a quella per il lavoro ordinario. In ogni caso, al personale non deve essere richiesto di lavorare in maniera continuativa per un periodo superiore alle 48 ore settimanali e deve essere previsto almeno un giorno di riposo ogni sette giorni lavorativi. 3

4 Garanzia degli standard di retribuzione minima Sistemi di gestione L impresa deve corrispondere a ciascun lavoratore una retribuzione che sia almeno pari a quella minima contrattuale, nel rispetto della normativa vigente, e non deve in alcun modo ricorrere a lavoro nero o forme di sfruttamento dei lavoratori con contratti atipici. L azienda deve rendere disponibile al pubblico le informazioni relative alla politica aziendale adottata in tema di responsabilità sociale, indicando anche gli elementi di disponibilità al miglioramento delle performance aziendali e le azioni correttive di eventuali problematiche riscontrate al suo interno che essa intende adottare. AA1000 Lo standard denominato AA1000 è un modello sviluppato dall ISEA (Institute of Social and Ethical Accountability) nel 1996 e profondamente rivisto nel 2004; tale standard viene utilizzato per lo sviluppo e il monitoraggio continuo delle performance aziendali, attraverso un processo di autovalutazione (a differenza del SA8000, l AA1000 non è uno standard certificabile, ma viene spesso utilizzato per integrare o rafforzare altri standard, come il SA8000) degli aspetti di gestione e comunicazione dei livelli qualitativi e delle performance sociali ed etiche raggiunte dall impresa. Tale processo prevede cinque fasi: 1) Planning (pianificazione): è la fase in cui vengono definiti i valori e gli obiettivi sociali ed etici dell impresa e vengono individuate le categorie di stakeholders coinvolte nei processi aziendali. 2) Accounting: in questa fase vengono definiti gli obiettivi del processo, raccolte e analizzate le informazioni, identificati gli indicatori da utilizzare. 3) Auditing e reporting: l azienda realizza dei report (rapporti), comunicando verbalmente o in forma scritta con gli stakeholders per condividere con loro la politica aziendale. L auditing prevede sia un sistema di valutazione interna (audit interno), sia un sistema di audit esterno, affidato ad un organismo esterno ed indipendente con lo scopo di garantire il rispetto degli standard qualitativi previsti dall AA ) Embedding (implementazione): è la fase in cui vengono creati i sistemi di raccolta e di gestione delle informazioni e vengono organizzate forme di audit interno, allo scopo di rafforzare ed integrare il processo nel miglior modo possibile. 5) Stakeholders engagement (impegno verso gli stakeholders): l organizzazione di tutte le fasi del processo di valutazione delle performance sociali ed etiche avviene sempre attraverso un coinvolgimento ed un rapporto con tutte le categorie di stakeholders interessate dall attività dell impresa, così da evitare l insorgere di eventuali conflitti e creare un clima di consenso e fiducia nell attività svolta dall impresa. ISO Lo standard ISO 14001, della famiglia di certificazioni ISO 14000, certifica il sistema di gestione ambientale di un azienda. Si tratta di uno standard certificabile attraverso l attività di verifica dei requisiti richiesti da parte di un organismo esterno accreditato. L obiettivo di questo tipo di processo è di mantenere attivo e di migliorare continuamente lo standard di gestione ambientale; tale controllo consiste non nella indicazione di specifici comportamenti da adottare in ambito aziendale ma nella verifica che l impresa è in grado di controllare in modo efficace l impatto della propria attività sull ambiente. L adozione di un adeguato sistema di gestione ambientale, infatti, si traduce per l impresa in tutta una serie di benefici valutabili in modo immediato; si pensi, ad esempio, alla riduzione delle spese ambientali, all ottimizzazione delle risorse disponibili, con un conseguente minor consumo di materie prime, al miglioramento dell immagine aziendale e dei rapporti con le istituzioni e con la collettività in generale. Il sistema ISO prevede genericamente una serie di attività che rientrano nell adozione di una politica ambientale dell impresa; nell ambito di tali attività è possibile individuare quattro fasi distinte: 1) Plan (pianificazione): in questa prima fase, l impresa individua le attività aziendali che potrebbero avere un impatto sull ambiente e definisce i criteri per valutarle; si precisano, inoltre, gli obiettivi e i traguardi da perseguire un opportuna politica ambientale. 4

5 2) Do (attuazione): è la fase in cui si definiscono le questioni operative; si procede dapprima, alla nomina del responsabile del sistema di gestione ambientale, quindi si individuano le procedure da attuare e i sistemi di comunicazione della politica ambientale più idonei per soddisfare le esigenze comunicative interne ed esterne all azienda. Si attua, infine, un sistema di controllo delle possibili criticità interne al processo produttivo, così da poter prevenire potenziali emergenze ambientali. 3) Check (controllo): in questa fase si effettua il monitoraggio di tutto il sistema, al fine di individuare eventuali criticità e apportare le necessarie modifiche, in un ottica di miglioramento continuo delle performance raggiunte. 4) Act (azione): è la fase in cui la direzione aziendale riesamina l organizzazione del processo per valutare se esso sia idoneo a conseguire gli obiettivi stabiliti. ISO Un notevole passo in avanti in tema di responsabilità sociale d impresa è rappresentato dalla certificazione denominata ISO Essa rappresenta il punto di arrivo di un lavoro di gruppo che ha coinvolto un numero considerevole di esperti, organizzazioni internazionali, gruppi di stakeholders, consumatori, sindacati, di numerosi paesi del mondo. Per ottenere la certificazione ISO occorre rispettare sette condizioni: 1) l impresa deve assumere una chiara responsabilità nella valutazione del proprio impatto sulla collettività e sullo sviluppo delle comunità locali, accettando controlli esterni nella consapevolezza di dover dar conto a terzi dell attività svolta e delle eventuali mancanze riscontrate; 2) l impresa deve garantire la massima trasparenza sia in tema di responsabilità sociale, sia per quanto riguarda la provenienza delle risorse finanziarie impiegate; 3) l impresa si impegna ad adottare una condotta eticamente responsabile, sia nei confronti della collettività che dell ambiente; 4) l azienda deve impegnarsi a rispettare gli interessi delle varie categorie di stakeholders, coinvolgendoli per quanto possibile nelle iniziative aziendali che possono avere riflessi sugli stessi; 5) l impresa si impegna a garantire il rispetto della legge e a scegliere come partner commerciali solo imprese altrettanto rispettose della legge; 6) l impresa garantisce il rispetto degli standard internazionali che riguardano i rapporti e le condizioni di lavoro, l adozione di sistemi gestionali corretti, il coinvolgimento e il contributo allo sviluppo delle singole comunità locali in cui opera. 7) L impresa garantisce il rispetto dei diritti umani. Rispondi alle seguenti domande: 1 Sapresti elencare alcuni degli standard comportamentali previsti dalla certificazione SA8000? 2 Che cosa certifica lo standard ISO 14001? 3 Sapresti descrivere le differenze tra lo standard ISO e lo standard ISO 26000? 5

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Sociale Emissione 25/06/2010 1 di 11 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di individuare e specificare i requisiti derivanti

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

Certificazione SA8000 Open Access

Certificazione SA8000 Open Access GRUPPO TELECOM ITALIA - T&O OPEN ACCESS Certificazione SA8000 Open Access Certificazione Etica 5 aprile 2011 Massimo Visciani GRUPPO TELECOM ITALIA - T&O OPEN ACCESS Argomenti trattati Il contesto di riferimento

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA8000

BILANCIO SOCIALE SA8000 BILANCIO SOCIALE SA8000 Go2Tracks Srl Cascina (PI) - Italia INDICE INTRODUZIONE... 3 DESCRIZIONE DELL AZIENDA... 4 1.1 Presentazione dell Azienda... 4 1.2 Struttura organizzativa... Errore. Il segnalibro

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA PAGINA 1 DI 8 4. Analisi dei requisiti del SGRS 4.1. Lavoro infantile Non risultano sino ad oggi essersi verificati né riscontrati casi di dipendenti minori e/o giovani lavoratori, avendo PVB Solutions

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Codice di Condotta di Benetton Group

Codice di Condotta di Benetton Group Codice di Condotta di Benetton Group Il Gruppo Benetton, che comprende Benetton Group S.p.A. e tutte le società direttamente o indirettamente controllate da Benetton Group S.p.A., è impegnato nella promozione

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 STANDARD INTERNAZIONALE SAI SA8000 : 2008 SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 SA8000 is a registered trademark of Social Accountability International Pagina 2 di 10 INFORMAZIONI SULLO STANDARD Questa è la terza

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

- POLITICA AZIENDALE -

- POLITICA AZIENDALE - ALLEGATO AL MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE - POLITICA AZIENDALE - Indice di revisione Data di emissione Motivo della revisione 00 09.01.2012 Prima emissione 01 15.12.2014 Implementazione per l adeguamento

Dettagli

STRUMENTI DI CERTIFICAZIONE ETICA

STRUMENTI DI CERTIFICAZIONE ETICA STRUMENTI DI CERTIFICAZIONE ETICA Responsabilità Sociale CLIENT LOGO Certificazione Etica Con il termine «Certificazione Etica» si indica comunemente la certificazione in relazione allo standard SA 8000.

Dettagli

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni Ente di normazione per le Tecnologie Informatiche e loro applicazioni Ente federato all UNI studiare ed elaborare norme nazionali,

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

PRINCIPALI DEFINIZIONI

PRINCIPALI DEFINIZIONI SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 (SA8000 è un marchio registrato di Social Accountability International) SCOPO E AMBITO D'AZIONE Lo scopo della SA8000 è di fornire una base standard rispetto a diritti umani

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Questa Communication on Progress vuole descrivere sinteticamente come sono stati espressi dall Automatic Service Srl nel 2012 i Principi del Global Compact. L Automatic Service

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 5.1. LAVORO INFANTILE 5.1.1. Scopo Lo scopo di questo paragrafo è

Dettagli

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Anno 2010 Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Questo documento ha lo scopo di dimostrare l impegno che la Cooperativa L Operosa ha profuso nel 2010

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori Bayer. La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer

Codice di Condotta dei Fornitori Bayer. La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer Codice di Condotta dei Fornitori Bayer La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer Indice INTRODUZIONE 4 1. ETICA 5 2. LAVORO 6 3. QUALITÀ, SALUTE, SICUREZZA E

Dettagli

Vision e Valori. Social Standards

Vision e Valori. Social Standards Vision e Valori Social Standards 2 Social Standards Contenuti Premessa...3 1. Implementazione della procedura... 4 2. Orario di lavoro, Retribuzioni e Diritto alle Ferie... 4 3. Discriminazione...5 4.

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SECONDO LO STANDARD SA 8000 ROMA 24 MARZO 2010

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SECONDO LO STANDARD SA 8000 ROMA 24 MARZO 2010 IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SECONDO LO STANDARD SA 8000 ROMA 24 MARZO 2010 Qualifiche auditor La SA 8000 è l unico schema certificabile da ente terzo in politiche di responsabilità

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Università di Palermo, Facoltà di Giurisprudenza 30 maggio 2007 Avv. Salvatore Mancuso Mancuso L interesse alla produzione industriale Interesse pubblico

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale

Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale Assolombarda Milano, 19 luglio 2005 Parte Prima Tendenze

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

...campagna di adozione

...campagna di adozione ...campagna di adozione Progetto di adesione al Codice etico delle imprese e di diffusione della Responsabilità sociale ASIPS AZIENDA SPECIALE Camera di Commercio di Caserta Che cos è Il Codice etico delle

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 Responsabilità Sociale 8000

SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 Responsabilità Sociale 8000 1 SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA8000 is a registered trademark of Social Accountability International Nota: Il presente documento è frutto di una libera traduzione in lingua

Dettagli

Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria

Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria Welfare comunitario e normazione tecnica Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria L obiettivo di queste note è semplice, vogliamo fornire informazioni

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

Capitolo 5. La produzione e i costi

Capitolo 5. La produzione e i costi Capitolo 5 La produzione e i costi Spostiamo l'attenzione sulle imprese La natura delle imprese L'impresa è una organizzazione, posseduta e gestita da privati, specializzata nella produzione La produzione

Dettagli

Dispensa informativa sulla Responsabilità Sociale INTRODUZIONE

Dispensa informativa sulla Responsabilità Sociale INTRODUZIONE Pag. 1 di 8 INTRODUZIONE Gruppo GESMAR, consapevole del proprio ruolo e delle proprie responsabilità nel contesto della comunità sociale ed economica in cui opera vuole caratterizzarsi come organizzazione

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Il processo di produzione

Il processo di produzione Facolta di Scienze Politiche Universita di Torino - Sede di Biella Corso di Economia Politica Lezione 6: I costi di produzione Prof.ssa Maria Laura Di Tommaso Dipartimento di Economia e Statistica Cognetti

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SALIN

POLITICA AZIENDALE SALIN POLITICA AZIENDALE SALIN s.r.l. Via Chiesa Nuova10-36023 Longare - Vicenza - Italy -Tel. +39 0444 555096 - Fax +39 0444 554050 - info@salin.it Pag. 1 a 6 SALIN s.r.l. opera nel settore orafo ( orologeria

Dettagli

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 BILANCIO SA 8000 2009 Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 2 IDENTIFICAZIONE DEI PORTATORI DI INTERESSE (STAKEHOLDER)...4 2.1 Amministratore Unico...4

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY

SERVIZI ALLA PERSONA THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY SERVIZI ALLA PERSONA THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY PRESENTAZIONE SERVIZI ALLA PERSONA Il nostro servizio è nell'impostare le attività dei nostri clienti in modo tale

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 PRESENTAZIONE. Liceo Scientifico Statale Enrico Fermi. via Giovanni XXIII s.n.c 22063 Cantù.

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 PRESENTAZIONE. Liceo Scientifico Statale Enrico Fermi. via Giovanni XXIII s.n.c 22063 Cantù. Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 Liceo Scientifico Statale Enrico Fermi via Giovanni XXIII s.n.c 22063. ANNO SCOLASTICO 2004 2005 PROGETTO QUALITÀ Versione 1.0 Settembre 2004 Manuale di gestione

Dettagli

silvia cantele - rendicontazione e controllo sociale e ambientale 2011-2012 AA 1000 Accountability 1000

silvia cantele - rendicontazione e controllo sociale e ambientale 2011-2012 AA 1000 Accountability 1000 AA 1000 1 AA 1000 Accountability 1000 ISEA (Institute of Social and Ethical Accountability), dal 1996 in UK Successivamente trasformato in AccountAbility Documenti emanati finora: AA 1000 framework (1999)

Dettagli

Bilancio SA8000 Rev. 8 - Gennaio 2013 Parte II INDICE Parte II

Bilancio SA8000 Rev. 8 - Gennaio 2013 Parte II INDICE Parte II 1 INDICE SALUTE E SICUREZZA... 2 LIBERTA DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA... 4 DISCRIMINAZIONE... 5 PROCEDURE DISCIPLINARI... 6 ORARIO DI LAVORO... 7 SISTEMA DI GESTIONE... 12 4.OBIETTIVI

Dettagli

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 STANDARD INTERNAZIONALE SAI SA8000 : 2008 SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 SA8000 is a registered trademark of Social Accountability International Pagina 2 di 10 INFORMAZIONI SULLO STANDARD Questa è la terza

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI ISO 9001:2008 (2015) ISO 14001:2004 SA 8000:2014

I SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI ISO 9001:2008 (2015) ISO 14001:2004 SA 8000:2014 I SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI ISO 9001:2008 (2015) ISO 14001:2004 SA 8000:2014 1 I Sistemi di Gestione Le norme di riferimento La certificazione dei Sistemi di Gestione I Sistemi di Gestione IGPDecaux

Dettagli

Le norme della Responsabilità Sociale

Le norme della Responsabilità Sociale COOP. SOCIALE ONLUS Via Petrarca 45/bis Sant Antioco S.A 8000- NORME RESPONSABILITÀ SOCIALE INDICE: Il sistema SA8000 Il comportamento in azienda Norme disciplinari Regole di sicurezza sul posto di lavoro

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

Principi Guida per i Fornitori

Principi Guida per i Fornitori Principi Guida per i Fornitori Coca-Cola HBC SA e le sue controllate e partecipate (qui di seguito Coca-Cola Hellenic o collettivamente la Società ), quale organizzazione molto attenta al rispetto dell

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 1. Chi siamo? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 100 anni opera nel trasporto

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per UNI CEI EN ISO 50001 Premessa La norma ISO 50001 definisce gli standard internazionali per la gestione dell'energia

Dettagli

Linea 4. Accompagnamento alla certificazione di Qualità. - Documento operativo preliminare: struttura e attività previste -

Linea 4. Accompagnamento alla certificazione di Qualità. - Documento operativo preliminare: struttura e attività previste - Linea 4. Accompagnamento alla certificazione di Qualità. - Documento operativo preliminare: struttura e attività previste - Riorganizzazione dei processi lavorativi e di ottimizzazione delle risorse e

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A)

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A) 1 Seminario Aggiornamento Valutatori SICEV Intervento Dai Sistemi di Gestione al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo secondo il DLgs. 231/2001 Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 -

Dettagli