Ricerca Corrente 2011 linea 3 Riabilitazione psichiatrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca Corrente 2011 linea 3 Riabilitazione psichiatrica"

Transcript

1 Riabilitazione psichiatrica Responsabile Scientifico: Rosaria Pioli Progetto n.1 - Disturbo Borderline di Personalità e Disturbo Bipolare: caratteristiche cliniche, morfologiche cerebrali e prospettive di trattamento (Referente Scientifico: Roberta Rossi) scopo L obiettivo di questo progetto è di studiare le caratteristiche morfostrutturali associate al Disturbo Borderline di Personalità (DBP) e al Disturbo Bipolare (DB) attraverso tecniche di neuroimaging avanzate. Stato di avanzamento Ad oggi sono stati arruolati 44 pazienti con DBP e 23 pazienti con DB ricoverati presso le strutture residenziali e le comunità dell IRCCS Centro S. Giovanni di Dio-FBF di Brescia. Attualmente l arruolamento è ancora in corso. Inoltre, su un sottocampione di 10 pazienti con DBP e 9 pazienti con DB è stato implementato un nuovo protocollo di RM che prevede l acquisizione di sequenze DTI e fmri. Analisi preliminari: Nel 2010 è stata curata la stesura di due lavori scientifici attualmente sottomessi a riviste internazionali. Inoltre, si è proseguito nelle analisi dei dati, in particolare sullo stesso sottocampione di 26 pazienti con DBP e 14 con DB, è stata condotta un analisi con la tecnica del Cortical Pattern Matching che permette di studiare l impatto della malattia sul manto corticale. Le analisi preliminari sono in linea con i risultati già ottenuti con le indagini dei volumi e dell ippocampo mostrando una differenza regionale tra i due disturbi. Questi dati, complessivamente, sembrano supportare l ipotesi di un differente meccanismo patogenetico coinvolto nei due disturbi. I dati di questo progetto sono stati presentati come presentazione orale (Rossi R et al; The relationship between Borderline Personalità Disorder and Bipolar Disorder: a comparative study with advanced neuroimaging tools) al recente congresso della World Psychiatric Association che si è tenuto a Buenos Aires a Settembre Lavori sottomessi: - Rossi R, Pievani M, Boccardi M, Lorenzi M, Beneduce R, Bignotti S, Borsci G, Magni L, Rillosi L, Rosini S, Cotelli M, Rossi G, Frisoni GB. Clinical and morphological features of patients with Borderline Personality Disorder and Bipolar Disorder

2 - Rossi R, Lanfredi M, Pievani M, Boccardi M, Beneduce R, Rillosi L, Giannakopoulos P, Thompson PM, Rossi G, Frisoni GB. Volumetric differences in hippocampal subdivisions in Borderline Personality and Bipolar disorders: an MRI study, accettato su Psychiatric Research: Neuroimaging Capitoli di libri. Rossi R, De Girolamo G. Epidemiologia del disturbo borderline di personalità e delle comorbilità di Asse I. In: Disturbo borderline di personalità: continuità e discontinuità nel trattamento. Sanza M, Asioli F, Ferrannini L Ed. Centro Scientifico Editore, Milano, 2010 Progetto n.2 - Interventi integrati individuali e di gruppo per la prevenzione della sindrome metabolica e dell aumento di peso in soggetti in trattamento con antipsicotici. (Referente Scientifico: Giuseppe Rossi) L effetto degli antipsicotici sull appetito e sul peso corporeo rappresenta un problema rilevante nel trattamento farmacologico delle psicosi. Infatti, dopo la sedazione, l incremento ponderale rappresenta l effetto collaterale vissuto con maggior disagio dai pazienti. Il sovrappeso e l obesità rappresentano, infine, serie condizioni mediche, associate ad un maggiore rischio di dislipidemia, ipertensione, diabete mellito non insulino-dipendente, malattie cardiovascolari, osteoartrite, disturbi respiratori e aumentato rischio di patologie neoplastiche. Scopo: Lo scopo del presente progetto è quello di sperimentare percorsi terapeutici alternativi per la gestione del peso corporeo in pazienti con diagnosi di schizofrenia in trattamento con antipsicotici. Stato di avanzamento: Nelle comunità di riabilitazione psichiatrica sono stati messi a punto due tipologie di interventi. 1) È stato messo a punto un trattamento che prevede una valutazione plurifattoriale all ingresso ed alla dimissione (variabili biomediche, antropometriche, scale di valutazione: BPRS, SF36, WHOQOL-Breve) e degli incontri psicoeducativi: tre incontri di gruppo inerenti allo stile di vita, all alimentazione ed all attività fisica e quattro incontri individuali settimanali con uno psicologo, volti ad insegnare strategie di coping per la gestione dello stile di vita, prevedendo anche il coinvolgimento di un caregiver. Negli anni in esame è proseguito il reclutamento dei soggetti. Nello specifico il numero di persone incluse nel programma nel 2010 corrisponde a 24, mentre nel 2011 il numero è salito a 28, fino ad un numero totale di 100 persone incluse dall inizio del progetto; a tale numero di casi corrisponde confronto con soggetti di controllo. I dati preliminari orientano verso l efficacia del programma, non solo in termini di riduzione del peso corporeo, quanto rispetto al riflesso positivo sull attenzione alla salute fisica

3 e allo lifestyle. Evidente altresì, attraverso l esame dei dati di follow up, la difficoltà di aderenza al programma in ambiente naturale di vita, da cui la necessità di ipotizzare strategie alternative. L evidenza dell efficacia del programma orienta verso l adozione dello stesso non solo soggetti selezionati ma verso un utilizzo ordinario dello stesso integrato con tutti gli altri programmi clinico/riabilitativi attivati in sede di degenza. I dati preliminari sono stati presentati presso il XV Congresso SOPSI 2011, Febbraio, Roma con il poster: Platto V., Bignotti S., Paroli A., Tura G.B., Pioli R. In-formiamoci: Intervento integrato per la prevenzione dei rischi metabolici in soggetti in trattamento con antipsicotici. 2) rispetto allo studio osservazionale multicentrico che vede coinvolti 5 centri distribuiti in Lombardia e Veneto e che valuta l effetto di un intervento che consiste in 32 incontri bisettimanali di gruppo di approccio psico-educazionale e di orientamento cognitivocomportamentale, nell anno 2010 sono terminati i follow-up a sei mesi per i vari centri e sono attualmente in corso le analisi dei dati. Progetto n.3 Caratterizzazione dei pazienti affetti da Schizofrenia o Disturbi Psicotici accolti in strutture di degenza ospedaliera e validazione di un nuovo strumento per la valutazione di psicopatologia e funzionamento personale. (Referente Scientifico: Rosaria Pioli) La valutazione sistematica del livello di funzionamento del paziente psichiatrico e della sua gravità, nonché dei bisogni assistenziali del paziente è risultata efficace nel promuovere il raggiungimento di obiettivi terapeutici specifici (Vittorielli et al., 2003). Il presente progetto è finalizzato a caratterizzare tale tipologia di pazienti e descriverne la risposta al trattamento ricevuto durante il ricovero ospedaliero; a mettere a punto e validare uno strumento innovativo per la valutazione multidimensionale, sistematica e ripetuta nel tempo. Stato di avanzamento Per quanto perviene lo studio di validazione della scala Honos, sono state svolte le analisi statistiche sui dati raccolti nell ambito dello studio di concordanza tra operatori. Sono stati ottenuti degli indici di concordanza soddisfacenti che indicano che la scala è riproducibile, ovvero, da valutatori differenti si ottengono valutazioni comparabili. Attualmente è in corso lo studio della responsività, della validità concomitante e della coerenza interna. A tal fine la scala è stata finora somministrata a 80 pazienti. Un sottocampione di 50 soggetti è stato valutato contemporaneamente tramite CGI, BPRS e FPS per analizzare la validità concomitante, inoltre è stato rivalutato a distanza di una settimana con la HoNOS per analizzare la responsività dello strumento. Nell ambito della valutazione degli esiti, sono stati analizzati i dati dei pazienti ricoverati nel periodo , ed i risultati emersi sono stati presentati alla Conferenza Nazionale della

4 Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale, L Aquila, settembre 2010 (Pedrini L et al Gli esiti clinici dei pazienti ricoverati in un servizio psichiatrico ospedaliero post-acuzie ). In collaborazione con l istituto King s College di Londra, è stato poi avviato lo studio IDEA project: Inpatient Discharge: Experiences and Analysis An International Collaborative Study che si propone di indagare l esperienza diretta di pazienti ricoverati in strutture psichiatriche circa il loro grado di soddisfazione per il trattamento ricevuto. Le aree indagate nell intervista riguardano la valutazione dello stato salute attuale, le condizioni fisiche durante il ricovero, le esperienza di trattamento, la soddisfazione verso lo staff, il rispetto della riservatezza e della privacy, la presa in considerazione delle preferenze individuali e il rispetto dei diritti individuali. L'intervista prevede inoltre una scala visuo-analogica che consente una valutazione quantitativa del grado di soddisfazione indagato. Lo studio ha visto la partecipazione dell IRCCS Fatebenefratelli S. Giovanni di Dio in due fasi, una fase pilota nel 2010 nella quale sono state raccolte 35 interviste e una seconda fase operativa nel 2011 che ha coinvolto un numero maggiore di siti partner ed ha previsto il reclutamento di altri 35 soggetti. Sono stati inoltre raccolti i dati socio-demografici dei soggetti ed è stata compilata una scheda descrittiva della struttura coinvolta. I dati sono stati presentati all interno di un simposio ( IDEA Inpatient Discharge: Experiences and Analysis ) al XV Congresso della World Psychiatric Association svoltosi a Buenos Aires nel settembre Progetto n.4 Interventi riabilitativi con soggetti affetti da disturbi mentali e/o abuso di sostanze. (Referente Scientifico: Pasquale Basso) Scopo L obiettivo di questo progetto è di effettuare una valutazione dell esito riabilitativo di pazienti affetti da disturbi mentali accolti in strutture riabilitative e di valutare la fattibilità di specifici programmi terapeutici. In particolare, è proseguito uno studio che valuta le caratteristiche cliniche e biologiche di pazienti con disturbi mentali associati ad uso di alcool o di sostanze. Inoltre, nel 2010 è stato avviato un progetto finalizzato a valutare la fattibilità di un intervento di riabilitazione cognitiva per pazienti affetti da schizofrenia impiegando la Cognitive Remediation Therapy (Wykes et al., 2007). Stato di avanzamento: Per lo studio condotto su pazienti con disturbi mentali associati ad uso di alcool o sostanze sono stati inclusi 102 pazienti. Il progetto sul trattamento di riabilitazione cognitiva è stato avviato nel 2010 e ha visto l arruolamento di 11 pazienti con diagnosi di schizofrenia, che hanno ricevuto il trattamento di riabilitazione cognitiva che prevedeva 2 incontri settimanali della durata di 1 ora ciascuno. Inoltre, 4 pazienti inclusi nella waiting list sono stati utilizzati come

5 gruppo di riferimento, ed hanno ricevuto un trattamento standard. Per tutti i pazienti è stata eseguita una valutazione al baseline, un follow-up a 3 mesi, alla fine dell intervento ed a 3 mesi dalla fine del trattamento, come previsto dal protocollo. Il progetto è realizzato in collaborazione con l Università di Brescia. Analisi preliminari: Attualmente sono stati valutati all ingresso in Comunità 102 pazienti. Il campione presenta un età media di 37,1 anni (ds=9,2), è formato per la maggioranza da maschi (75,8%), per di più di stato civile celibe/nubile (67%) e disoccupati (72%). La maggioranza dei pazienti ha una diagnosi principale di Disturbo di Personalità (53%), seguito dai Disturbi Psicotici (33%) e da quelli dell Umore (14%). Per quanto riguarda la diagnosi legata alle sostanze, la maggior parte presenta un Poliabuso (53%), seguito da Dipendenza da Alcool (23%) e da Cocaina (19%). La condizione di comorbidità riscontrata più frequentemente è di Disturbi di Personalità e Poliabuso (36%). La familiarità per patologie psichiatriche e legate all uso di sostanze appare piuttosto frequente, collocandosi rispettivamente al 48% e al 61%. Dai dati raccolti in dimissione si è visto un miglioramento significativo nei punteggi in varie scale di valutazione standardizzata, con un livello di significatività compreso tra p<.000 e p<.04 Dalle elaborazioni preliminari si è potuto constatare che, dato il campione molto eterogeneo, i bisogni di trattamento sono molto differenziati così come le strategie di intervento, a seconda del disturbo sofferto e del quadro clinico; queste valutazioni permettono di individuare linee guida generali di trattamento, soprattutto per quanto concerne i Disturbi di Personalità in Doppia Diagnosi. I dati preliminari sono stati presentati nel corso dell anno 2010, sotto forma di poster, ai seguenti Convegni Nazionali ed Internazionali: Luglio 2010: 1st International Congress on Borderline Personality Disorder. Berlino Ottobre 2010: Consumi e dipendenze - Mito, evidenze scientifiche, realtà organizzative. IV Congresso Internazionale FeDerSerD Riva del Garda. Progetto n.5 - L impatto delle malattie psichiatriche sui pazienti, sui loro familiari e sugli operatori della salute mentale. (Referente Scientifico: Giuseppe Rossi) Questo progetto è finalizzato a studiare alcuni dei fattori che possono essere coinvolti nella modulazione l efficacia degli interventi per le persone affette da disturbi psichiatrici tra cui lo stigma nei loro confronti nonché il benessere degli operatori sanitari che si occupano della loro cura. Lo stigma nei confronti delle persone che soffrono di malattia mentale ha effetti antiterapeutici e negativi tanto da essere stato definito una seconda malattia. Allo stigma pubblico si aggiunge il cosiddetto self-stigma, ossia il pregiudizio che le persone affette da disturbi mentali rivolgono verso se stesse, interiorizzando gli stereotipi negativi propri dell ambiente

6 sociale circostante. I familiari dei pazienti spesso condividono gli stessi vissuti e utilizzano strategie di coping che tendono ad aumentare le credenze erronee dei pazienti. Lo stigma è anche un importante fattore che complica ed ostacola la compliance della terapia farmacologica. Stato di avanzamento All interno del progetto europeo INDIGO condotto su 732 soggetti affetti da schizofrenia sono state messe in luce le caratteristiche di discriminazione esperite nei diversi paesi coinvolti (Thornicroft et al, 2009). Nel corso del 2010 è stata conclusa, in collaborazione con l Università degli Studi di Verona, l elaborazione di un lavoro scientifico sui dati italiani, che sono stati raccolti attraverso una intervista semi-strutturata (Discrimination and Stigma Scale-DISC-10) che valuta l impatto della malattia mentale su diverse aree di vita dei soggetti. - Maggiolo Buizza C, Vittorielli M, Lanfredi M, Rossi G, Ricci A, Cicolini A, Lasalvia A. Discriminazione anticipata e percepita nei pazienti con schizofrenia. Risultati italiani del Progetto internazionale multicentrico Indigo, Epidemiol Psichiatr Soc Oct-Dec;19(4): Rose D, Willis R, Brohan E, Sartorius N, Villares C, Wahlbeck K, Thornicroft G; INDIGO Study Group. Reported stigma and discrimination by people with a diagnosis of schizophrenia. Epidemiol Psychiatr Sci Jun;20(2): Nel corso dell anno 2010 è proseguita la partecipazione al progetto Antistigma Programme: European Network (ASPEN) il cui obiettivo generale consiste nel fornire un importante contributo alla riduzione dello stigma e della discriminazione contro le persone con depressione negli stati membri dell Unione Europea. Lo studio è coordinato dall Istituto di Psichiatria del King s College di Londra e coinvolge 20 siti partecipanti in 18 diversi paesi europei. I centri italiani partecipanti sono il Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica, Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica, Università di Verona e l IRCSS Centro Fatebenefratelli S. Giovanni di Dio di Brescia. I pacchetti lavorativi ai quali l Istituto ha partecipato sono i seguenti: - WP4 Strumenti per una buona pratica - WP5 Sviluppo di scale di valutazione per lo stigma e la discriminazione - WP6 Valutazione del fenomeno dello stigma e della discriminazione - WP7 Analisi delle politiche e delle legislazioni per la salute mentale. Durante il secondo e terzo anno di studio nell ambito del WP5 si è proceduto al reclutamento di un campione di soggetti (N=28) per la somministrazione dell intervista DISC-12 (un intervista semi-strutturata costituita da tre sottoscale: esperienze positive di discriminazione, esperienze negative di discriminazione e stigma anticipato) e la misurazione di possibili inter-relazioni fra discriminazione, autostima, empowerment e self-stigma con i seguenti questionari autosomministrati: Internalized Stigma of Mental Illness (ISMI), Boston University Empowerment Scale (BUES), Rosenberg Self Esteem Scale (SES), Scale di valutazione del capitale sociale (Social

7 Capital). I dati registrati in un apposito template sono stati inviati al sito coordinatore per le analisi quantitative. Inoltre sono state sbobinate e tradotte 5 interviste audio-registrate e inviate al King s College per un analisi qualitativa complessiva. Nell ambito della ricerca di strumenti per un toolkit sulle buone pratiche è stata condotta una literature review circa gli interventi condotti in Italia contro lo stigma e la discriminazione, alcuni programmi selezionati sono visibili sul sito web del progetto (http://www.mdac.info/aspen). Nell ambito del WP7 si è proceduto ad un iniziale stesura di un report circa le leggi e politiche italiane sulla malattia mentale. In un secondo momento sono state contattate N.73 associazioni di familiari e utenti e raccolti N. 25 questionari, a domande aperte e a risposta multipla, circa le opinioni delle ONG sul loro coinvolgimento nelle politiche e nelle legislazioni sulla salute mentale. Tali questionari sono stati tradotti e inviati al sito coordinatore per l analisi comparativa multi-centrica. In seguito è stata condotta un intervista ad hoc rivolta alle istituzioni politiche che a vario livello e titolo si occupano di politiche riguardanti la salute mentale, al fine di completare il quadro circa il coinvolgimento della società civile in Italia. È stato possibile raccogliere N.3 interviste ad opera di due Assessorati regionali alla Salute e uno provinciale ed è stata raccolta l adesione di N.14 associazioni o istituzioni universitarie che acconsentissero ad essere incluse in un database online di contatti, al fine di fornire al pubblico informazioni circa i programmi e le iniziative presenti nell ambito della salute mentale e dello stigma. Infine è stato condotto un focus group con 7 utenti dei servizi di salute mentale per valutare la loro opinione circa gli ostacoli e limitazioni sperimentate in ambito lavorativo. La parte operativa dello studio è conclusa, seguiranno le analisi dei dati raccolti e la stesura degli articoli secondo un publication plan condiviso fra i siti partecipanti. - Chiara Buizza, Laura Pedrini, Rosaria Pioli Apri le porte e libera la mente : un percorso di sensibilizzazione verso i disturbi mentali rivolto a studenti e insegnanti di una scuola superiore nella città di Brescia. Errepiesse, Aprile Rosaria Pioli, Chiara Buizza, Expériences de lutte contre la stigmatisation mises en place à Brescia (Italie). In: Jean-Yves Giordanà, La stigmatisation en psychiatrie et en santé mentale, Masson, 2010, pp Buizza C, Pedrini L, Pioli R, Ghilardi A. Adolescents and Psychosis: A Study of the Attitudes in a Northern Italian Town. Stigma Research and Action, 2011; 2: Progetto n.6 - I disturbi depressivi nell adulto e nell anziano. (Referente Scientifico: Giuseppe Rossi)

8 I disturbi depressivi rappresentano un importante problema di salute pubblica, con importanti ricadute personali e socio economiche. A tale proposito, un accurata valutazione clinica e l aderenza terapeutica svolgono un ruolo cruciale nella prognosi e nel trattamento di questi disturbi. Un approfondita valutazione anamnestico/diagnostica associata alla farmacogenetica offre numerosi potenziali strumenti utili a favorire una prescrizione terapeutica mirata. E stato individuato un protocollo che integra un articolata procedura diagnostica e l utilizzo di marcatori biologici per favorire l identificazione di una metodologia per la valutazione della risposta al trattamento farmacologico. Scopo: Lo studio si propone di: a) favorire l ottimizzazione dei processi diagnostico-valutativi e di adesione al trattamento nell ambito dei disturbi ansiosi-depressivi; b) favorire l ottimizzazione del trattamento e la valutazione di risposta al trattamento. Stato di avanzamento: Sono stati reclutati 91 (54 nel biennio ) pazienti con diagnosi di Depressione Maggiore (valutati secondo la scala diagnostica SCID IV), caratterizzati per risposta al trattamento. A questo proposito, i pazienti sono stati monitorati attraverso le scale sintomatologiche Hamilton Depression scale (HAM-D), Montgomery-Asberg Depression scale (MADRS) e Beck Depression Inventory (BDI) al T0 (baseline) e con follow-up a 1 mese e 3 mesi. I risultati clinici sono stati confrontati con i dati biologici, ottenuti dal prelievo di sangue periferico e dai fibroblasti, per identificare i biomarkers predittivi di risposta per future applicazioni cliniche. I dati preliminari sono stati presentati nella sessione poster al XV congresso della World Psychiatric Association che si è tenuto a Buenos Aires a Settembre Per quanto riguarda invece il campione di soggetti in età geriatrica, oltre che proseguire nei follow-up, lo studio si è focalizzato sull individuare le caratteristiche psicopatologiche che possano distinguere due condizioni specifiche: la sindrome ansioso-depressiva con e senza Decadimento Cognitivo Lieve. I dati preliminari sono stati presentati al X Congresso Nazionale AIP. - Magni LR, Adorni A, Caprioli C, Geroldi C, Pioli R, Rossi G. Differenti pattern psicopatologici nella depressione geriatrica con e senza decadimento cognitivo lieve. X Congresso Nazionale AIP, Ass. Ital. Psicogeriatria, Gardone Riviera aprile. - Cattaneo A., Sesta A., Calabrese F., Nielsen G., Riva MA:, Gennarelli M. The expression of VFG is reduced in leukocytes of depressed patients and it is restored by effective antidepressant treatment. Neuropsychopharmacology 2010 Jun; 35(7): Cited:1 - Bocchio-Chiavetto L., Bagnardi V., Zanardini R., Nielsen MG., Placentino A., Giovannini C., Rossi G., Gennarelli M. Serum and plasma BDNF levels in major depression: Replication study plus meta-analysis. World Journal of Biological Psychiatry Sep; 11(6):

9 Progetto n.7 - Basi morfostrutturali cerebrali dei disturbi mentali nell età adulta e anziana (Referente Scientifico: Marina Boccardi) Nel corso del 2009 è stato completato ed accettato per la pubblicazione il lavoro di ricostruzione della morfologia ippocampale in soggetti con psicopatia, attualmente pubblicato su Human Brain Mapping (Boccardi et al., 2010). In questo lavoro si è osservato che l ippocampo, nella psicopatia, non cambia nelle sue dimensioni volumetriche rispetto ai soggetti di controllo, ma la sua morfologia è sostanzialmente diversa. Essa è caratterizzata da una riduzione di tessuto che corre in direzione mediale-longitudinale, corrispondente alla collocazione del giro dentato, e da un allargamento dei bordi laterale e mediale a livello di corpo e coda. Queste caratteristiche sono congruenti con il noto deficit nel fear conditioning tipico della psicopatia. Nel corso del 2011 sono inoltre stati pubblicati i risultati di uno studio sulla morfologia corticale e dell amigdala (Boccardi et al, 2011). Un primo lavoro sulla morfologia cerebrale dei soggetti con disturbo dell umore è stato ultimato ed accettato per la pubblicazione su Neuroscience Letters nell anno 2009 (Boccardi et al., 2010). In questo studio si è evidenziato che i soggetti con disturbo bipolare hanno un pattern anomalo di volumetria medio-temporale, consistente in maggiori volumi dell amigdala, minori volumi ippocampali, e alterate correlazioni volumetriche cerebrali con l età. Di particolare interesse in questo lavoro è stato il dato che anche i familiari non affetti dei pazienti esaminati mostravano il medesimo pattern di volumetria medio-temporale, a dimostrazione che in effetti si può osservare un endofenotipo che predispone allo sviluppo di determinati disturbi. - Boccardi M, Ganzola R, Rossi R, Sabattoli F, Laakso MP, Repo-Tiihonen E, Vaurio O, Könönen M, Aronen HJ, Thompson PM, Frisoni GB, Tiihonen J. Abnormal hippocampal shape in offenders with psychopathy. Hum Brain Mapp Mar;31(3): Boccardi M, Almici M, Bresciani L, Caroli A, Bonetti M, Monchieri S, Gennarelli M, Frisoni GB. Clinical and medial temporal features in a family with mood disorders. Neurosci Lett Jan 4;468(2):93-7, Epub 2009 Oct Boccardi M, Frisoni GB, Hare RD, Cavedo E, Najt P, Pievani M, Rasser PE, Laakso MP, Aronen HJ, Repo-Tiihonen E, Vaurio O, Thompson PM, Tiihonen J. Cortex and amygdala morphology in psychopathy. Psychiatry Res 2011; 193:85-92.

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli