Ricerca Corrente 2011 linea 3 Riabilitazione psichiatrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca Corrente 2011 linea 3 Riabilitazione psichiatrica"

Transcript

1 Riabilitazione psichiatrica Responsabile Scientifico: Rosaria Pioli Progetto n.1 - Disturbo Borderline di Personalità e Disturbo Bipolare: caratteristiche cliniche, morfologiche cerebrali e prospettive di trattamento (Referente Scientifico: Roberta Rossi) scopo L obiettivo di questo progetto è di studiare le caratteristiche morfostrutturali associate al Disturbo Borderline di Personalità (DBP) e al Disturbo Bipolare (DB) attraverso tecniche di neuroimaging avanzate. Stato di avanzamento Ad oggi sono stati arruolati 44 pazienti con DBP e 23 pazienti con DB ricoverati presso le strutture residenziali e le comunità dell IRCCS Centro S. Giovanni di Dio-FBF di Brescia. Attualmente l arruolamento è ancora in corso. Inoltre, su un sottocampione di 10 pazienti con DBP e 9 pazienti con DB è stato implementato un nuovo protocollo di RM che prevede l acquisizione di sequenze DTI e fmri. Analisi preliminari: Nel 2010 è stata curata la stesura di due lavori scientifici attualmente sottomessi a riviste internazionali. Inoltre, si è proseguito nelle analisi dei dati, in particolare sullo stesso sottocampione di 26 pazienti con DBP e 14 con DB, è stata condotta un analisi con la tecnica del Cortical Pattern Matching che permette di studiare l impatto della malattia sul manto corticale. Le analisi preliminari sono in linea con i risultati già ottenuti con le indagini dei volumi e dell ippocampo mostrando una differenza regionale tra i due disturbi. Questi dati, complessivamente, sembrano supportare l ipotesi di un differente meccanismo patogenetico coinvolto nei due disturbi. I dati di questo progetto sono stati presentati come presentazione orale (Rossi R et al; The relationship between Borderline Personalità Disorder and Bipolar Disorder: a comparative study with advanced neuroimaging tools) al recente congresso della World Psychiatric Association che si è tenuto a Buenos Aires a Settembre Lavori sottomessi: - Rossi R, Pievani M, Boccardi M, Lorenzi M, Beneduce R, Bignotti S, Borsci G, Magni L, Rillosi L, Rosini S, Cotelli M, Rossi G, Frisoni GB. Clinical and morphological features of patients with Borderline Personality Disorder and Bipolar Disorder

2 - Rossi R, Lanfredi M, Pievani M, Boccardi M, Beneduce R, Rillosi L, Giannakopoulos P, Thompson PM, Rossi G, Frisoni GB. Volumetric differences in hippocampal subdivisions in Borderline Personality and Bipolar disorders: an MRI study, accettato su Psychiatric Research: Neuroimaging Capitoli di libri. Rossi R, De Girolamo G. Epidemiologia del disturbo borderline di personalità e delle comorbilità di Asse I. In: Disturbo borderline di personalità: continuità e discontinuità nel trattamento. Sanza M, Asioli F, Ferrannini L Ed. Centro Scientifico Editore, Milano, 2010 Progetto n.2 - Interventi integrati individuali e di gruppo per la prevenzione della sindrome metabolica e dell aumento di peso in soggetti in trattamento con antipsicotici. (Referente Scientifico: Giuseppe Rossi) L effetto degli antipsicotici sull appetito e sul peso corporeo rappresenta un problema rilevante nel trattamento farmacologico delle psicosi. Infatti, dopo la sedazione, l incremento ponderale rappresenta l effetto collaterale vissuto con maggior disagio dai pazienti. Il sovrappeso e l obesità rappresentano, infine, serie condizioni mediche, associate ad un maggiore rischio di dislipidemia, ipertensione, diabete mellito non insulino-dipendente, malattie cardiovascolari, osteoartrite, disturbi respiratori e aumentato rischio di patologie neoplastiche. Scopo: Lo scopo del presente progetto è quello di sperimentare percorsi terapeutici alternativi per la gestione del peso corporeo in pazienti con diagnosi di schizofrenia in trattamento con antipsicotici. Stato di avanzamento: Nelle comunità di riabilitazione psichiatrica sono stati messi a punto due tipologie di interventi. 1) È stato messo a punto un trattamento che prevede una valutazione plurifattoriale all ingresso ed alla dimissione (variabili biomediche, antropometriche, scale di valutazione: BPRS, SF36, WHOQOL-Breve) e degli incontri psicoeducativi: tre incontri di gruppo inerenti allo stile di vita, all alimentazione ed all attività fisica e quattro incontri individuali settimanali con uno psicologo, volti ad insegnare strategie di coping per la gestione dello stile di vita, prevedendo anche il coinvolgimento di un caregiver. Negli anni in esame è proseguito il reclutamento dei soggetti. Nello specifico il numero di persone incluse nel programma nel 2010 corrisponde a 24, mentre nel 2011 il numero è salito a 28, fino ad un numero totale di 100 persone incluse dall inizio del progetto; a tale numero di casi corrisponde confronto con soggetti di controllo. I dati preliminari orientano verso l efficacia del programma, non solo in termini di riduzione del peso corporeo, quanto rispetto al riflesso positivo sull attenzione alla salute fisica

3 e allo lifestyle. Evidente altresì, attraverso l esame dei dati di follow up, la difficoltà di aderenza al programma in ambiente naturale di vita, da cui la necessità di ipotizzare strategie alternative. L evidenza dell efficacia del programma orienta verso l adozione dello stesso non solo soggetti selezionati ma verso un utilizzo ordinario dello stesso integrato con tutti gli altri programmi clinico/riabilitativi attivati in sede di degenza. I dati preliminari sono stati presentati presso il XV Congresso SOPSI 2011, Febbraio, Roma con il poster: Platto V., Bignotti S., Paroli A., Tura G.B., Pioli R. In-formiamoci: Intervento integrato per la prevenzione dei rischi metabolici in soggetti in trattamento con antipsicotici. 2) rispetto allo studio osservazionale multicentrico che vede coinvolti 5 centri distribuiti in Lombardia e Veneto e che valuta l effetto di un intervento che consiste in 32 incontri bisettimanali di gruppo di approccio psico-educazionale e di orientamento cognitivocomportamentale, nell anno 2010 sono terminati i follow-up a sei mesi per i vari centri e sono attualmente in corso le analisi dei dati. Progetto n.3 Caratterizzazione dei pazienti affetti da Schizofrenia o Disturbi Psicotici accolti in strutture di degenza ospedaliera e validazione di un nuovo strumento per la valutazione di psicopatologia e funzionamento personale. (Referente Scientifico: Rosaria Pioli) La valutazione sistematica del livello di funzionamento del paziente psichiatrico e della sua gravità, nonché dei bisogni assistenziali del paziente è risultata efficace nel promuovere il raggiungimento di obiettivi terapeutici specifici (Vittorielli et al., 2003). Il presente progetto è finalizzato a caratterizzare tale tipologia di pazienti e descriverne la risposta al trattamento ricevuto durante il ricovero ospedaliero; a mettere a punto e validare uno strumento innovativo per la valutazione multidimensionale, sistematica e ripetuta nel tempo. Stato di avanzamento Per quanto perviene lo studio di validazione della scala Honos, sono state svolte le analisi statistiche sui dati raccolti nell ambito dello studio di concordanza tra operatori. Sono stati ottenuti degli indici di concordanza soddisfacenti che indicano che la scala è riproducibile, ovvero, da valutatori differenti si ottengono valutazioni comparabili. Attualmente è in corso lo studio della responsività, della validità concomitante e della coerenza interna. A tal fine la scala è stata finora somministrata a 80 pazienti. Un sottocampione di 50 soggetti è stato valutato contemporaneamente tramite CGI, BPRS e FPS per analizzare la validità concomitante, inoltre è stato rivalutato a distanza di una settimana con la HoNOS per analizzare la responsività dello strumento. Nell ambito della valutazione degli esiti, sono stati analizzati i dati dei pazienti ricoverati nel periodo , ed i risultati emersi sono stati presentati alla Conferenza Nazionale della

4 Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale, L Aquila, settembre 2010 (Pedrini L et al Gli esiti clinici dei pazienti ricoverati in un servizio psichiatrico ospedaliero post-acuzie ). In collaborazione con l istituto King s College di Londra, è stato poi avviato lo studio IDEA project: Inpatient Discharge: Experiences and Analysis An International Collaborative Study che si propone di indagare l esperienza diretta di pazienti ricoverati in strutture psichiatriche circa il loro grado di soddisfazione per il trattamento ricevuto. Le aree indagate nell intervista riguardano la valutazione dello stato salute attuale, le condizioni fisiche durante il ricovero, le esperienza di trattamento, la soddisfazione verso lo staff, il rispetto della riservatezza e della privacy, la presa in considerazione delle preferenze individuali e il rispetto dei diritti individuali. L'intervista prevede inoltre una scala visuo-analogica che consente una valutazione quantitativa del grado di soddisfazione indagato. Lo studio ha visto la partecipazione dell IRCCS Fatebenefratelli S. Giovanni di Dio in due fasi, una fase pilota nel 2010 nella quale sono state raccolte 35 interviste e una seconda fase operativa nel 2011 che ha coinvolto un numero maggiore di siti partner ed ha previsto il reclutamento di altri 35 soggetti. Sono stati inoltre raccolti i dati socio-demografici dei soggetti ed è stata compilata una scheda descrittiva della struttura coinvolta. I dati sono stati presentati all interno di un simposio ( IDEA Inpatient Discharge: Experiences and Analysis ) al XV Congresso della World Psychiatric Association svoltosi a Buenos Aires nel settembre Progetto n.4 Interventi riabilitativi con soggetti affetti da disturbi mentali e/o abuso di sostanze. (Referente Scientifico: Pasquale Basso) Scopo L obiettivo di questo progetto è di effettuare una valutazione dell esito riabilitativo di pazienti affetti da disturbi mentali accolti in strutture riabilitative e di valutare la fattibilità di specifici programmi terapeutici. In particolare, è proseguito uno studio che valuta le caratteristiche cliniche e biologiche di pazienti con disturbi mentali associati ad uso di alcool o di sostanze. Inoltre, nel 2010 è stato avviato un progetto finalizzato a valutare la fattibilità di un intervento di riabilitazione cognitiva per pazienti affetti da schizofrenia impiegando la Cognitive Remediation Therapy (Wykes et al., 2007). Stato di avanzamento: Per lo studio condotto su pazienti con disturbi mentali associati ad uso di alcool o sostanze sono stati inclusi 102 pazienti. Il progetto sul trattamento di riabilitazione cognitiva è stato avviato nel 2010 e ha visto l arruolamento di 11 pazienti con diagnosi di schizofrenia, che hanno ricevuto il trattamento di riabilitazione cognitiva che prevedeva 2 incontri settimanali della durata di 1 ora ciascuno. Inoltre, 4 pazienti inclusi nella waiting list sono stati utilizzati come

5 gruppo di riferimento, ed hanno ricevuto un trattamento standard. Per tutti i pazienti è stata eseguita una valutazione al baseline, un follow-up a 3 mesi, alla fine dell intervento ed a 3 mesi dalla fine del trattamento, come previsto dal protocollo. Il progetto è realizzato in collaborazione con l Università di Brescia. Analisi preliminari: Attualmente sono stati valutati all ingresso in Comunità 102 pazienti. Il campione presenta un età media di 37,1 anni (ds=9,2), è formato per la maggioranza da maschi (75,8%), per di più di stato civile celibe/nubile (67%) e disoccupati (72%). La maggioranza dei pazienti ha una diagnosi principale di Disturbo di Personalità (53%), seguito dai Disturbi Psicotici (33%) e da quelli dell Umore (14%). Per quanto riguarda la diagnosi legata alle sostanze, la maggior parte presenta un Poliabuso (53%), seguito da Dipendenza da Alcool (23%) e da Cocaina (19%). La condizione di comorbidità riscontrata più frequentemente è di Disturbi di Personalità e Poliabuso (36%). La familiarità per patologie psichiatriche e legate all uso di sostanze appare piuttosto frequente, collocandosi rispettivamente al 48% e al 61%. Dai dati raccolti in dimissione si è visto un miglioramento significativo nei punteggi in varie scale di valutazione standardizzata, con un livello di significatività compreso tra p<.000 e p<.04 Dalle elaborazioni preliminari si è potuto constatare che, dato il campione molto eterogeneo, i bisogni di trattamento sono molto differenziati così come le strategie di intervento, a seconda del disturbo sofferto e del quadro clinico; queste valutazioni permettono di individuare linee guida generali di trattamento, soprattutto per quanto concerne i Disturbi di Personalità in Doppia Diagnosi. I dati preliminari sono stati presentati nel corso dell anno 2010, sotto forma di poster, ai seguenti Convegni Nazionali ed Internazionali: Luglio 2010: 1st International Congress on Borderline Personality Disorder. Berlino Ottobre 2010: Consumi e dipendenze - Mito, evidenze scientifiche, realtà organizzative. IV Congresso Internazionale FeDerSerD Riva del Garda. Progetto n.5 - L impatto delle malattie psichiatriche sui pazienti, sui loro familiari e sugli operatori della salute mentale. (Referente Scientifico: Giuseppe Rossi) Questo progetto è finalizzato a studiare alcuni dei fattori che possono essere coinvolti nella modulazione l efficacia degli interventi per le persone affette da disturbi psichiatrici tra cui lo stigma nei loro confronti nonché il benessere degli operatori sanitari che si occupano della loro cura. Lo stigma nei confronti delle persone che soffrono di malattia mentale ha effetti antiterapeutici e negativi tanto da essere stato definito una seconda malattia. Allo stigma pubblico si aggiunge il cosiddetto self-stigma, ossia il pregiudizio che le persone affette da disturbi mentali rivolgono verso se stesse, interiorizzando gli stereotipi negativi propri dell ambiente

6 sociale circostante. I familiari dei pazienti spesso condividono gli stessi vissuti e utilizzano strategie di coping che tendono ad aumentare le credenze erronee dei pazienti. Lo stigma è anche un importante fattore che complica ed ostacola la compliance della terapia farmacologica. Stato di avanzamento All interno del progetto europeo INDIGO condotto su 732 soggetti affetti da schizofrenia sono state messe in luce le caratteristiche di discriminazione esperite nei diversi paesi coinvolti (Thornicroft et al, 2009). Nel corso del 2010 è stata conclusa, in collaborazione con l Università degli Studi di Verona, l elaborazione di un lavoro scientifico sui dati italiani, che sono stati raccolti attraverso una intervista semi-strutturata (Discrimination and Stigma Scale-DISC-10) che valuta l impatto della malattia mentale su diverse aree di vita dei soggetti. - Maggiolo Buizza C, Vittorielli M, Lanfredi M, Rossi G, Ricci A, Cicolini A, Lasalvia A. Discriminazione anticipata e percepita nei pazienti con schizofrenia. Risultati italiani del Progetto internazionale multicentrico Indigo, Epidemiol Psichiatr Soc Oct-Dec;19(4): Rose D, Willis R, Brohan E, Sartorius N, Villares C, Wahlbeck K, Thornicroft G; INDIGO Study Group. Reported stigma and discrimination by people with a diagnosis of schizophrenia. Epidemiol Psychiatr Sci Jun;20(2): Nel corso dell anno 2010 è proseguita la partecipazione al progetto Antistigma Programme: European Network (ASPEN) il cui obiettivo generale consiste nel fornire un importante contributo alla riduzione dello stigma e della discriminazione contro le persone con depressione negli stati membri dell Unione Europea. Lo studio è coordinato dall Istituto di Psichiatria del King s College di Londra e coinvolge 20 siti partecipanti in 18 diversi paesi europei. I centri italiani partecipanti sono il Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica, Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica, Università di Verona e l IRCSS Centro Fatebenefratelli S. Giovanni di Dio di Brescia. I pacchetti lavorativi ai quali l Istituto ha partecipato sono i seguenti: - WP4 Strumenti per una buona pratica - WP5 Sviluppo di scale di valutazione per lo stigma e la discriminazione - WP6 Valutazione del fenomeno dello stigma e della discriminazione - WP7 Analisi delle politiche e delle legislazioni per la salute mentale. Durante il secondo e terzo anno di studio nell ambito del WP5 si è proceduto al reclutamento di un campione di soggetti (N=28) per la somministrazione dell intervista DISC-12 (un intervista semi-strutturata costituita da tre sottoscale: esperienze positive di discriminazione, esperienze negative di discriminazione e stigma anticipato) e la misurazione di possibili inter-relazioni fra discriminazione, autostima, empowerment e self-stigma con i seguenti questionari autosomministrati: Internalized Stigma of Mental Illness (ISMI), Boston University Empowerment Scale (BUES), Rosenberg Self Esteem Scale (SES), Scale di valutazione del capitale sociale (Social

7 Capital). I dati registrati in un apposito template sono stati inviati al sito coordinatore per le analisi quantitative. Inoltre sono state sbobinate e tradotte 5 interviste audio-registrate e inviate al King s College per un analisi qualitativa complessiva. Nell ambito della ricerca di strumenti per un toolkit sulle buone pratiche è stata condotta una literature review circa gli interventi condotti in Italia contro lo stigma e la discriminazione, alcuni programmi selezionati sono visibili sul sito web del progetto (http://www.mdac.info/aspen). Nell ambito del WP7 si è proceduto ad un iniziale stesura di un report circa le leggi e politiche italiane sulla malattia mentale. In un secondo momento sono state contattate N.73 associazioni di familiari e utenti e raccolti N. 25 questionari, a domande aperte e a risposta multipla, circa le opinioni delle ONG sul loro coinvolgimento nelle politiche e nelle legislazioni sulla salute mentale. Tali questionari sono stati tradotti e inviati al sito coordinatore per l analisi comparativa multi-centrica. In seguito è stata condotta un intervista ad hoc rivolta alle istituzioni politiche che a vario livello e titolo si occupano di politiche riguardanti la salute mentale, al fine di completare il quadro circa il coinvolgimento della società civile in Italia. È stato possibile raccogliere N.3 interviste ad opera di due Assessorati regionali alla Salute e uno provinciale ed è stata raccolta l adesione di N.14 associazioni o istituzioni universitarie che acconsentissero ad essere incluse in un database online di contatti, al fine di fornire al pubblico informazioni circa i programmi e le iniziative presenti nell ambito della salute mentale e dello stigma. Infine è stato condotto un focus group con 7 utenti dei servizi di salute mentale per valutare la loro opinione circa gli ostacoli e limitazioni sperimentate in ambito lavorativo. La parte operativa dello studio è conclusa, seguiranno le analisi dei dati raccolti e la stesura degli articoli secondo un publication plan condiviso fra i siti partecipanti. - Chiara Buizza, Laura Pedrini, Rosaria Pioli Apri le porte e libera la mente : un percorso di sensibilizzazione verso i disturbi mentali rivolto a studenti e insegnanti di una scuola superiore nella città di Brescia. Errepiesse, Aprile Rosaria Pioli, Chiara Buizza, Expériences de lutte contre la stigmatisation mises en place à Brescia (Italie). In: Jean-Yves Giordanà, La stigmatisation en psychiatrie et en santé mentale, Masson, 2010, pp Buizza C, Pedrini L, Pioli R, Ghilardi A. Adolescents and Psychosis: A Study of the Attitudes in a Northern Italian Town. Stigma Research and Action, 2011; 2: Progetto n.6 - I disturbi depressivi nell adulto e nell anziano. (Referente Scientifico: Giuseppe Rossi)

8 I disturbi depressivi rappresentano un importante problema di salute pubblica, con importanti ricadute personali e socio economiche. A tale proposito, un accurata valutazione clinica e l aderenza terapeutica svolgono un ruolo cruciale nella prognosi e nel trattamento di questi disturbi. Un approfondita valutazione anamnestico/diagnostica associata alla farmacogenetica offre numerosi potenziali strumenti utili a favorire una prescrizione terapeutica mirata. E stato individuato un protocollo che integra un articolata procedura diagnostica e l utilizzo di marcatori biologici per favorire l identificazione di una metodologia per la valutazione della risposta al trattamento farmacologico. Scopo: Lo studio si propone di: a) favorire l ottimizzazione dei processi diagnostico-valutativi e di adesione al trattamento nell ambito dei disturbi ansiosi-depressivi; b) favorire l ottimizzazione del trattamento e la valutazione di risposta al trattamento. Stato di avanzamento: Sono stati reclutati 91 (54 nel biennio ) pazienti con diagnosi di Depressione Maggiore (valutati secondo la scala diagnostica SCID IV), caratterizzati per risposta al trattamento. A questo proposito, i pazienti sono stati monitorati attraverso le scale sintomatologiche Hamilton Depression scale (HAM-D), Montgomery-Asberg Depression scale (MADRS) e Beck Depression Inventory (BDI) al T0 (baseline) e con follow-up a 1 mese e 3 mesi. I risultati clinici sono stati confrontati con i dati biologici, ottenuti dal prelievo di sangue periferico e dai fibroblasti, per identificare i biomarkers predittivi di risposta per future applicazioni cliniche. I dati preliminari sono stati presentati nella sessione poster al XV congresso della World Psychiatric Association che si è tenuto a Buenos Aires a Settembre Per quanto riguarda invece il campione di soggetti in età geriatrica, oltre che proseguire nei follow-up, lo studio si è focalizzato sull individuare le caratteristiche psicopatologiche che possano distinguere due condizioni specifiche: la sindrome ansioso-depressiva con e senza Decadimento Cognitivo Lieve. I dati preliminari sono stati presentati al X Congresso Nazionale AIP. - Magni LR, Adorni A, Caprioli C, Geroldi C, Pioli R, Rossi G. Differenti pattern psicopatologici nella depressione geriatrica con e senza decadimento cognitivo lieve. X Congresso Nazionale AIP, Ass. Ital. Psicogeriatria, Gardone Riviera aprile. - Cattaneo A., Sesta A., Calabrese F., Nielsen G., Riva MA:, Gennarelli M. The expression of VFG is reduced in leukocytes of depressed patients and it is restored by effective antidepressant treatment. Neuropsychopharmacology 2010 Jun; 35(7): Cited:1 - Bocchio-Chiavetto L., Bagnardi V., Zanardini R., Nielsen MG., Placentino A., Giovannini C., Rossi G., Gennarelli M. Serum and plasma BDNF levels in major depression: Replication study plus meta-analysis. World Journal of Biological Psychiatry Sep; 11(6):

9 Progetto n.7 - Basi morfostrutturali cerebrali dei disturbi mentali nell età adulta e anziana (Referente Scientifico: Marina Boccardi) Nel corso del 2009 è stato completato ed accettato per la pubblicazione il lavoro di ricostruzione della morfologia ippocampale in soggetti con psicopatia, attualmente pubblicato su Human Brain Mapping (Boccardi et al., 2010). In questo lavoro si è osservato che l ippocampo, nella psicopatia, non cambia nelle sue dimensioni volumetriche rispetto ai soggetti di controllo, ma la sua morfologia è sostanzialmente diversa. Essa è caratterizzata da una riduzione di tessuto che corre in direzione mediale-longitudinale, corrispondente alla collocazione del giro dentato, e da un allargamento dei bordi laterale e mediale a livello di corpo e coda. Queste caratteristiche sono congruenti con il noto deficit nel fear conditioning tipico della psicopatia. Nel corso del 2011 sono inoltre stati pubblicati i risultati di uno studio sulla morfologia corticale e dell amigdala (Boccardi et al, 2011). Un primo lavoro sulla morfologia cerebrale dei soggetti con disturbo dell umore è stato ultimato ed accettato per la pubblicazione su Neuroscience Letters nell anno 2009 (Boccardi et al., 2010). In questo studio si è evidenziato che i soggetti con disturbo bipolare hanno un pattern anomalo di volumetria medio-temporale, consistente in maggiori volumi dell amigdala, minori volumi ippocampali, e alterate correlazioni volumetriche cerebrali con l età. Di particolare interesse in questo lavoro è stato il dato che anche i familiari non affetti dei pazienti esaminati mostravano il medesimo pattern di volumetria medio-temporale, a dimostrazione che in effetti si può osservare un endofenotipo che predispone allo sviluppo di determinati disturbi. - Boccardi M, Ganzola R, Rossi R, Sabattoli F, Laakso MP, Repo-Tiihonen E, Vaurio O, Könönen M, Aronen HJ, Thompson PM, Frisoni GB, Tiihonen J. Abnormal hippocampal shape in offenders with psychopathy. Hum Brain Mapp Mar;31(3): Boccardi M, Almici M, Bresciani L, Caroli A, Bonetti M, Monchieri S, Gennarelli M, Frisoni GB. Clinical and medial temporal features in a family with mood disorders. Neurosci Lett Jan 4;468(2):93-7, Epub 2009 Oct Boccardi M, Frisoni GB, Hare RD, Cavedo E, Najt P, Pievani M, Rasser PE, Laakso MP, Aronen HJ, Repo-Tiihonen E, Vaurio O, Thompson PM, Tiihonen J. Cortex and amygdala morphology in psychopathy. Psychiatry Res 2011; 193:85-92.

Ricerca corrente. Linea 3: Riabilitazione psichiatrica. Responsabile Scientifico: Jorge Perez, Massimo Gennarelli

Ricerca corrente. Linea 3: Riabilitazione psichiatrica. Responsabile Scientifico: Jorge Perez, Massimo Gennarelli 060-108:Layout 1 25/02/09 18:17 Pagina 60 Responsabile Scientifico: Jorge Perez, Massimo Gennarelli I disturbi mentali rappresentano un importante problema di salute pubblica, infatti è stato dimostrato

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

amadeelisabetta.sarzi@ospedaleniguarda.it

amadeelisabetta.sarzi@ospedaleniguarda.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ELISABETTA SARZI AMADÉ Indirizzo A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda Piazza Ospedale Maggiore, 3 20162 Milano Telefono 02-6444-7416 02-6444-2371 E-mail

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Corso ECM La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Napoli, 30 Giugno - 1 Luglio 2015 Hotel Royal Continental Responsabile scientifico Andrea Fiorillo Dipartimento

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Monica Parmeggiani Via Don Maestrini 117/B Flero Telefono 030-2548589 Cellulare 3924843408 E-mail

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino Telefono 011.38.60.07 Cellulare 339.63.28.074 E-mail psipa@libero.it Luogo di nascita Foggia Data di nascita 19/08/1973

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

Amministrazione dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo Dirigente Medico presso la II Unità Operativa di Psichiatria

Amministrazione dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo Dirigente Medico presso la II Unità Operativa di Psichiatria INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tancredi Filippo Data di nascita 09/12/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Medico Numero telefonico dell ufficio 035/4212791 Fax dell ufficio 035/4212806 E-mail

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE (Ai sensi dell art. 46 e 47 del DPR 445/2000)

CURRICULUM PROFESSIONALE (Ai sensi dell art. 46 e 47 del DPR 445/2000) CURRICULUM PROFESSIONALE (Ai sensi dell art. 46 e 47 del DPR 445/2000) La sottoscritta ROSA SALMERI, nata a Catania il 20 marzo 1956 e ivi residente in via Renato Imbriani n. 177, consapevole delle conseguenze

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita Programma innovativo territoriale TR11 INTERVENTI DI RIABILITAZIONE COGNITIVA INTEGRATI NEL PROGETTO TERAPEUTICO- RIABILITATIVO DI PAZIENTI CON PSICOSI SCHIZOFRENICHE E LORO IMPATTO SULL ESITO FUNZIONALE

Dettagli

INTERVENTI PRECOCI PER I PAZIENTI ALL ESORDIO PSICOTICO E I LORO FAMILARI

INTERVENTI PRECOCI PER I PAZIENTI ALL ESORDIO PSICOTICO E I LORO FAMILARI GET UP - Genetics, Endophenotypes and Treatment: Understanding early Psychosis* Programma Strategico finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, Ricerca Sanitaria Finalizzata

Dettagli

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA (Si devono presentare tanti moduli 2 bis quante sono le Unità Operative coinvolte) UNITÀ OPERATIVA: Servizio di Psicologia RESPONSABILE

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Curriculum Vitae. Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804. e-mail tiziana_realini@virgilio.it. Nazionalità italiana

Curriculum Vitae. Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804. e-mail tiziana_realini@virgilio.it. Nazionalità italiana Curriculum Vitae Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804 e-mail tiziana_realini@virgilio.it Nazionalità italiana Nata il 28-10-1958 Laureata in psicologia presso l università

Dettagli

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Ultima revisione giugno 2011 1 Indice Premessa Gruppi omogenei di Malattie Rare Caratteristiche della rete Istituto per le MR (IMR e

Dettagli

CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE

CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita in data 29.10.87 presso l Università degli Studi di Genova; punteggio 110/110 e lode e discussione tesi Aspetti psicosomatici

Dettagli

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 Collana a cura di Carlo Caltagirone Carmela Razzano Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Roma Maria Donata Orfei Carlo Caltagirone Gianfranco Spalletta I disturbi

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Gaia Villa villa. gaia @ libero.it Nazionalità italiana Data di nascita 09-02-1973 ESPERIENZA LAVORATIVA Date

Dettagli

"Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie

Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie 19 giugno 2015 Milano, Auditorium Testori, Palazzo Lombardia "Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie Enrico Zanalda Direttore Dipartimento Funzionale Salute

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MASSIMO CLERICI Via Roncaglia 18 20146 Milano Telefono cell 338-7106055 Fax tel/fax 02-48018507

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Della Valentina

Curriculum Vitae Paolo Della Valentina Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLO DELLA VALENTINA Telefono +39-3451353298 E-mail dr.paolodellavalentina@gmail.com Nazionalità Italiana Tipo di professione Psicologo Clinico e Psicoterapeuta

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sandro Caddeo Data di nascita 03-10-1955 Qualifica Dirigente medico primo livello psichiatra Amministrazione ASL RMC Incarico attuale dirigente medico responsabile

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

Sistema informativo e programmazione sanitaria

Sistema informativo e programmazione sanitaria 1^ Conferenza Regionale sulla Salute Mentale Verona, 9-109 maggio 2008 Sistema informativo e programmazione sanitaria Paolo Spolaore Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali

Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali gruppo di lavoro SIRIF a cura di Massimo Clerici, Ester di Giacomo, Francesco Bartoli, Francesca

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

Strutture Residenziali: quali indicazioni?

Strutture Residenziali: quali indicazioni? Strutture Residenziali: quali indicazioni? Alcologia oggi Roma, 18 Settembre 2013 XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Alcologia Precedenti ricoveri per problemi alcol-correlati 5.12% dei soggetti

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

clinical staging model e primo episodio psicotico

clinical staging model e primo episodio psicotico clinical staging model e primo episodio psicotico First episode psychosis (FEP) Esordio di un disturbo psicotico full-blown, diagnosticabile per la presenza di una sintomatologia positiva, negativa, disorganizzativa

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Cognome e Nome. Data di nascita 14 luglio 1966. Dirigente Medico 1 Livello (Psichiatra)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Cognome e Nome. Data di nascita 14 luglio 1966. Dirigente Medico 1 Livello (Psichiatra) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FENZI MELANIA Data di nascita 14 luglio 1966 Qualifica Incarico attuale Dirigente Medico 1 Livello (Psichiatra) Incarico a tempo indeterminato (dal

Dettagli

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA DIPENDENZA DA ALCOOL 22/05/2015 Elena Bruno, Cristina

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

sandra.rosini@ext.aslbrescia.it

sandra.rosini@ext.aslbrescia.it C U R R I C U L U M V I T A E SANDRA ROSINI INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail SANDRA ROSINI sandra.rosini@ext.aslbrescia.it all albo Nazionalità Data di nascita N iscrizione Italiana 02/09/1980 03/11389

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Lo Psicologo di Famiglia Comune di Carmignano di Brenta (PD) Referente del Città

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Introduzione e premesse Sezione 1: Indicazioni per la redazione del foglio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963. medico responsabile di struttura semplice

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963. medico responsabile di struttura semplice INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio medico responsabile di struttura semplice ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO in PSICODIAGNOSTICA CLINICA E PERITALE. 4 edizione

CORSO DI PERFEZIONAMENTO in PSICODIAGNOSTICA CLINICA E PERITALE. 4 edizione HUMANITAS - SCUOLA DI PSICODIAGNOSTICA E VALUTAZIONE PSICOLOGICA CORSO DI PERFEZIONAMENTO in PSICODIAGNOSTICA CLINICA E PERITALE anno accademico 2012-13 4 edizione Direttore: Prof. Carlo Saraceni Referente

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma FORMAZIONE Formazione interna Ser.T Parma (marzo 2004) Convegno nazionale La Terapia Famigliare nei Servizi per le dipendenze patologiche

Dettagli

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE Il Progetto Vesta è uno studio osservazionale multicentrico su soggetti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LUCCHI FABIO [ Azienda Ospedaliera Spedali Civili, Dipartimento Salute Mentale, Unità Operativa

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

QUATTRO SALTI IN PA.LESTRA

QUATTRO SALTI IN PA.LESTRA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) QUATTRO SALTI IN PA.LESTRA

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) III CONVEGNO SIPsiTO COMPLESSITA E TRASFORMAZIONE DEL BISOGNO DI CURA NEL PERCORSO TRAPIANTOLOGICO: COSA E CAMBIATO

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Master in Psicologia Giuridica, Psicopatologia e Psicodiagnostica Forense presso AIPG

CURRICULUM VITAE. Master in Psicologia Giuridica, Psicopatologia e Psicodiagnostica Forense presso AIPG CURRICULUM VITAE Nome e Cognome Emanuela Massa Data di nascita 12 Ottobre 1970 Luogo di nascita E-mail Roma mouse.koss@tiscali.it TITOLI ACCADEMICI E DI STUDIO 1993 1999 Laurea in Psicologia, indirizzo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCARTABELLATI MARIA Indirizzo STRADA

Dettagli

Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC

Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC SSFA, Milano 10 settembre 2012 Eva J Runggaldier Clin. Ops. Therapeutic Area Leader Medical Affairs & Clinical Operations Roche SpA Summary Status della Ricerca

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

COMORBIDITA TRA ADHD E DISTURBI DA USO DI SOSTANZE IN ETA ADULTA

COMORBIDITA TRA ADHD E DISTURBI DA USO DI SOSTANZE IN ETA ADULTA VII Congresso Nazionale AIDAI-AIRIPA COMORBIDITA TRA ADHD E DISTURBI DA USO DI SOSTANZE IN ETA ADULTA Paola Sciarini Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate e Psicocomportamentali Università degli

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

Ottime (Inglese) Buone Febbraio/Giugno 84: 1 Corso di aggiornamento per Operatori Sanitari di Medicina Scolastica di Cosenza INFORMAZIONI PERSONALI

Ottime (Inglese) Buone Febbraio/Giugno 84: 1 Corso di aggiornamento per Operatori Sanitari di Medicina Scolastica di Cosenza INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 12/05/1954 DRAMISINO GIANPIERO Qualifica Dirigente Medico Amministrazione Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza Componente Interno

Dettagli

LE STRUTTURE PRIVATE E LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

LE STRUTTURE PRIVATE E LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA LE STRUTTURE PRIVATE E LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA In Regione Lombardia i privati ricoprono un ruolo molto rilevante nel sistema sanitario. Un affermazione tanto più vera se si pensa alla riabilitazione

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO Educazione/Riabilitazione Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato Villa Dott.ssa Laura Centro

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Società Italiana di Psicoterapia Integrata per lo Sviluppo Sociale 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master 10,30

Società Italiana di Psicoterapia Integrata per lo Sviluppo Sociale 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master 10,30 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master Obiettivi, modalità didattiche, progetti di ricerca-intervento. 10,30 Il disagio psico-sociale. Definizione, ricerche, statistiche, dati per comprendere

Dettagli

Processi e strumenti di valutazione

Processi e strumenti di valutazione Processi e strumenti di valutazione Outcome,, Verona 19 dicembre 2006 Augusto Consoli Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4 di Torino Alcuni interrogativi sulla valutazione nei servizi Si valuta

Dettagli

LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA. Antonio Lora ed Emiliano Monzani

LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA. Antonio Lora ed Emiliano Monzani LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA Antonio Lora ed Emiliano Monzani Progetto di ricerca Valutazione della qualità e dell esito nei programmi di cura incarico conferito a Eupolis

Dettagli

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE NELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE NELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE NELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA Francesco Tramonti Peculiarità della malattia L intervento psicologico non può prescindere da una valutazione delle principali caratteristiche

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Progetto Lavoro&Psiche

Progetto Lavoro&Psiche un progetto di: Progetto Lavoro&Psiche Linee guida A cura del Comitato di Indirizzo Premessa Premessa 3 1. Il progetto 3 2. I destinatari 4 3. La figura e il ruolo del Coach 5 4. Il lavoro in cooperativa

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

Lo stato di salute dei detenuti tossicodipendenti in Toscana: I risultati di uno studio di coorte toscano

Lo stato di salute dei detenuti tossicodipendenti in Toscana: I risultati di uno studio di coorte toscano Lo stato di salute dei detenuti tossicodipendenti in Toscana: I risultati di uno studio di coorte toscano Berti A. Berti A., Orsini C., Silvestri C., Aversa L., Voller F., Cipriani F Osservatorio di Epidemiologia

Dettagli

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ 17^ Edizione MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ Per il conseguimento del 1 st Certificate of Professional Training in Eating Disorders and Obesity APRILE 2015 -

Dettagli

Lezioni di musica fin da bambini Un investimento per il cervello

Lezioni di musica fin da bambini Un investimento per il cervello Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/pediatria/14_febbraio_24/lezioni-musica-fin-bambini-inv... Page 1 of 1 03/03/2014 stampa chiudi STUDIO Lezioni di musica fin da bambini Un investimento

Dettagli

domicilio: via Damiano Filia, 1, 07100 Sassari (Italia) 335 6263444 rossellacherchi@tin.it www.rossellacherchi.it

domicilio: via Damiano Filia, 1, 07100 Sassari (Italia) 335 6263444 rossellacherchi@tin.it www.rossellacherchi.it Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Rossella Cherchi domicilio: via Damiano Filia, 1, 07100 Sassari (Italia) 335 6263444 rossellacherchi@tin.it www.rossellacherchi.it Sesso Femminile Data di nascita

Dettagli