2m (con L = 0, 1, 2,...)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2m (con L = 0, 1, 2,...)"

Transcript

1 Capitolo 2 Proprietà elettromagnetiche dei nuclei Spin e momento magnetico del nucleo: generalità Se una carica e si muove di moto circolare uniforme, per esempio un elettrone attorno ad un nucleo, esiste un rapporto definito tra momento magnetico µ e momento angolare L = mr 2 ω. Assimilando una carica in moto circolare ad una spira percorsa da corrente: µ = is = es T = eπr2 T = eπr 2 ω 2π = er2 ω 2 = emr 2m Per e > 0 L e µ sono diretti nello stesso verso. 2 ω = e 2m L Se L è quantizzato in unità : µ = e L 2m (con L = 0, 1, 2,...) e La quantità: 2m si chiama magnetone. In particolare, per m=m e si chiama magnetone di Bohr mentre per m=m p si chiama magnetone nucleare.

2 Quindi al momento angolare orbitale è associato un momento di dipolo magnetico dato da: µ L = ( e) e L = µbl, con µb = e = ev / T 2m e 2m e ( n) 0 ( p) e L = µnl, con µn = e = ev / T 2m p 2m N Possiamo scrivere le relazioni precedenti per protone e neutrone in una forma più generale (come sarà chiaro in seguito): µ l = g l l µ N dove g l è il fattore giromagnetico associato al momento angolare orbitale l. Per i protoni g l = 1, per i neutroni (che non hanno carica elettrica) g l = 0.

3 Protoni e neutroni, come gli elettroni, hanno anche, associato allo spin (che non ha analogo classico) un momento magnetico intrinseco o di spin, che possiamo scrivere nella stessa forma mediante i fattori giromagnetici: µ s = g s s µ N, dove s = 1/2 per elettroni, protoni e neutroni. La quantità g s si chiama appunto fattore giromagnetico di spin. Per una particella puntiforme come l elettrone l equazione di Dirac fornisce il valore g s = 2, valore del tutto consistente con le misure, per le quali risulta g s = D altra parte per i nucleoni liberi i valori sperimentali sono ben lungi dal valore atteso per particelle puntiformi: protone: g s = ± neutrone: g s = ± Pertanto il momento magnetico di spin risulta essere: µ P S = 2.79µ N (invece che µ N ), con µ P anomalo = 1.79µ N µ n S = 1.91µ N (invece che 0), con µ n anomalo = 1.91µ N

4 Questi valori stanno ad indicare che protone e neutrone non sono particelle elementari ma hanno una struttura interna. Vediamo brevemente come il modello a quark costituenti spiega il momento magnetico dei nucleoni. Nel modello a quark protone e neutrone sono formati da combinazioni dei due quark più comuni in natura: up (simbolo: u, spin: 1/2, carica: +2/3e) e down (simbolo: d, spin: 1/2, carica: -1/3e). Più precisamente: p = (uud) e n = (udd). Nello stato fondamentale protone e neutrone hanno l=0 e il momento magnetico è dato dalla somma dei momenti magnetici dei quark: µ p = µ u + µ u + µ d e µ n = µ d + µ d + µ u. Nel caso del protone, il µ osservabile è: µ p = < µ p > = < ψ p * µ p ψ p >, dove ψp è la funzione d onda del protone. Per ricavare µ p abbiamo però bisogno solo della parte di spin χ p della funzione d onda: µ p = < µ p > = < χ p * µ p χ p > (1) Bisogna sommare tre spin 1/2 (i tre quark) per ottenere uno spin 1/2 (il protone). La parte di spin della funzione d onda del protone può quindi essere ottenuta in due modi: coppia quark uu con S=1 e S z =1 e quark d con S=1/2 e S z = -1/2; coppia quark uu con S=1 e S z =0 e quark d con S=1/2 e S z = 1/2;

5 χ ( s = 1,s = 1 ) = χ ( p 2 z 2 uu s = 1,s z = 1) χ ( d s = 1,s = 1 ) = χ ( 2 z 2 uu 1,1) χ ( 1, 1 ) d 2 2 χ ( p s = 1,s = 1 ) = χ ( 2 z 2 uu s = 1,s z = 0) χ ( d s = 1,s = 1 ) = χ ( 2 z 2 uu 1, 0) χ ( 1, 1 ) d 2 2 La funzione d onda completa sarà una combinazione delle due: ( ) = A χ ( uu 1,1) χ ( 1, 1 ) d + B χ ( 2 2 uu 1, 0) χ ( 1, 1 ) d 2 2 χ p 1 2, 1 2 dove A e B sono i coefficienti di Clebsh-Gordon, che valgono: A = 2 3 e B = 1 3 χ ( 1, 1 ) p = 2 χ ( 1,1 ) χ ( 1, 1 ) uu d 1 χ ( 1, 0 ) χ ( 1, 1 ) uu d 2 2 I pesi delle due configurazioni (vedi la 1) sono rispettivamente A 2 e B 2. Si ricava: µ p = 2 (µ + µ µ ) + 1 ( µ µ + µ ) = 4 µ 1 µ 3 u u d 3 u u d 3 u 3 d dove µ u,d rappresentano i magnetoni dei quark definiti da: µ u,d = q u,d 2m u,d con m u,d e q u,d rispettivamente massa e carica dei quark u e d (q u = 2/3 e q d =-1/3)

6 Conti analoghi per il neutrone (basta scambiare u d)) portano al risultato: µ n = 2 3 (µ d + µ d µ u ) (µ d µ d + µ u ) = 4 3 µ d 1 3 µ u Se si assume che le masse dei quark up e down siano uguali (m u = m d = m), si ha: µ u = 2 e 3 2m ; µ = 1 e d 3 2m ; µ = 2µ u d. con questa assunzione, il rapporto tra i momenti magnetici risulta essere: µ n µ p = 4 3 µ d 1 3 µ u 4 3 µ u 1 3 µ d = 2 3 in ottimo accordo con il valore misurato: µ n µ p = =

7 I valori assoluti dei momenti magnetici possono essere calcolati solo conoscendo le masse dei quark. Possiamo però considerare il problema da un punto di vista opposto e utilizzare il valore sperimentale di µ p per determinare le masse dei quark. Ancora supponendo m u = m d = m, abbiamo visto che: µ p = 4 3 µ u 1 3 µ d = 4 3 µ u µ u = 3 2 µ u µ p = 2.79µ N = 2.79 e 2m p ; µ p = 3 2 µ u = e 2m u da cui si ricava la massa del quark: m u = m p 2.79 = 336 MeV /c 2 valore molto prossimo a quello dedotto dallo studio dello spettro barionico.

8 Tornando al nostro problema, conviene quindi correggere l espressione quantistica per tenere conto dei valori sperimentali introducendo i rapporti giromagnetici: µ L p,n = g L N µ N L con g L p = 1 e g L n = 0 ; µl e = g L e µ B L con g L e = 1 e: µ S p,n = g S N µ N S con g S p = 5.58 e g S n = 3.82 ; µ S e = g S e µ B S con g S e = 2 Il diverso valore dei fattori giromagnetici g L e g S produce per il nucleone un effetto sul momento magnetico totale µ I = µ L + µ S che non è allineato con lo spin totale: I = L + S protone neutrone

9 Il moto di precessione di µ attorno alla direzione I µ I precede attorno alla direzione di I che è la costante del moto. Si assume come osservabile momento magnetico totale un vettore diretto come I dato dalla proiezione di µ L e µ S lungo l asse di quantizzazione: µ I = µ L cos IL ( ) + µ S cos ( IS) = g I µ N I, dove gi deve essere determinato.

10 Il coseno va inteso in senso quantistico e si ricava dalle espressioni che seguono: I = L + S ; L = I S ; S = I L L 2 = I 2 + S 2 2 I S = I 2 + S 2 2IS cos(is) S 2 = I 2 + L 2 2 I L = I 2 + L 2 2IL cos(il) cos(il) = I(I + 1) + L(L + 1) S(S + 1) 2 I(I + 1) L(L + 1) cos(is) = I(I + 1) + S(S + 1) L(L + 1) 2 I(I + 1) S(S + 1) La stessa situazione vale per i nuclei: ( ) µ A I = g A I µ N I, dove I è lo spin totale del nucleo: I = i + S i. A i =1

11 La struttura iperfine e la misura di I La struttura fine delle linee spettrali è dovuta all interazione del momento magnetico di spin µ s degli elettroni esterni (di valenza) con il campo magnetico H dell atomo. Lo schema di interazione è semplice per atomi con un solo elettrone nella shell esterna. In questo caso vi sono solo due (2s+1 = 2) orientazione di µ s rispetto ad H, cioè ciascuna linea spettrale si separa (splitting) dando origine ad un doppietto di linee. Per esempio lo splitting della linea D del sodio in due linee di lunghezza d onda rispettivamente di 5890 e 5896 A è un tipico esempio di semplice struttura fine. Nel caso di più elettroni nella shell esterna la struttura fine è più complicata, ma la sua natura fisica rimane la stessa, cioè l interazione del momento magnetico degli elettroni di valenza con il campo magnetico generato dal moto orbitale degli elettroni.

12 Nel 1928 Pauli avanzò l ipotesi che il nucleo abbia uno spin I ed un momento magnetico µ I. L interazione del momento magnetico del nucleo con il campo magnetico H degli elettroni provoca un ulteriore splitting delle linee spettrali. Per spiegare il piccolissimo valore di questo splitting (che è un millesimo dello splitting di struttura fine) Pauli propose che il momento magnetico del protone avesse la stessa espressione di quello dell elettrone, avendo sostituito la massa del protone m p a quella dell elettrone m e : µ p = e 2m p = m e m p µ B, (µp = 1/1836.µ B ). Il momento magnetico del nucleo sarebbe un multiplo intero di µ p : µ I = γ µ p. L ipotesi di Pauli di interazione del momento magnetico nucleare con il campo magnetico atomico si dimostrò corretta, eccezion fatta per il valore di γ che non deve necessariamente essere un intero.

13 Il momento angolare totale (elettroni + nucleo) F di un atomo è dato da: F = J + I (2.1) dove J è il momento angolare totale degli elettroni e I quello del nucleo. I possibili valori di F sono: F = J + I, J + I 1,..., J I se J I (2I + 1) valori (2.2) F = I + J,I + J 1,...,I J se J I (2J + 1) valori (2.2) A causa dell accoppiamento del nucleo e degli elettroni dovuto all interazione magnetica, le energie degli stati (2.1) sono differenti. Poichè il momento magnetico nucleare è molto più piccolo di quello elettronico l accoppiamento è molto piccolo, così come le differenze in energia tra i vari livelli. Un livello atomico J si splitta in un numero 2I+1 o 2J+1 di sottolivelli (a seconda che sia rispettivamente J I o J I). Questo fenomeno è noto come struttura iperfine.

14 In figura è rappresentato schematicamente lo splitting dei livelli dell atomo di idrogeno dovuto alla struttura fine e a quella iperfine. Ricordiamo che lo spin nucleare, essendo il nucleo costituito da un solo un protone, vale I = 1/2. (Le differenze energetiche tra i livelli non sono in scala).

15 Nel caso dell atomo deuterio lo splitting di struttura fine è identico a quello dell idrogeno, ma lo splitting di struttura iperfine che dipende dallo spin nucleare, è diverso: lo spin nucleare del deuterio è infatti I = 1. (Le differenze energetiche tra i livelli non sono in scala).

16 In figura è rappresentato schematicamente lo splitting dei livelli dell atomo di Sodio-23 dovuto alla struttura fine e a quella iperfine. Lo spin nucleare del Sodio-23 vale I = 3/2

17 L energia di interazione W tra un momento di dipolo magnetico µ ed un campo magnetico H è data dall usuale espressione: W = µ H. Dal momento che µ è diretto come I (del nucleo) ed H come J (degli elettroni atomici), possiamo scrivere: W = A I J = AIJ cosθ, dove θ è l angolo tra i vettori I e J. Il coefficiente A viene determinato sperimentalmente. Il suo valore teorico è: A = 2g µ µ I B N N J r 3 J J con N = I 1 g S + 3( S ˆr 2 s )ˆr Ma dal momento che F 2 = J 2 + I I J F = J + I, si ha: 2 I J = F (F + 1) I(I + 1) J(J + 1) I J = 1 2 ( F (F + 1) I(I + 1) J(J + 1) )

18 e quindi: W = A I J = A ( F (F + 1) I(I + 1) J(J + 1) ) 2 (2.3) Sostituendo il valore di F dato dalle (2.2) F = J + I, J + I 1,..., J I se J I (2I + 1) valori (2.2) F = I + J,I + J 1,...,I J se J I (2J + 1) valori (2.2) nella (2.3), risulta che i valori di W si presentano nella successione: A (IJ), A (IJ - (I + J)), A (IJ + 1-2(I + J)), A (IJ + 3-3(I + J)),... e pertanto le differenze in energia tra stati successivi risulta essere: A (I + J), A (I + J - 1), A (I + J - 2),... A I - J (2.4) Le differenze in energia sono quindi proporzionali ai valori di F dati dalle (2.2). La frequenza relativa alle differenze in energia tra i livelli di struttura fine ( mev) è dell ordine del GHz e nel caso della struttura iperfine ( µev) è dell ordine del MHz.

19 In figura è rappresentato un tipico spettro di frequenza ottenuto da una misura di struttura iperfine sul Mercurio

20 Si presentano due casi: - Se I J è immediatamente possibile trovare I contando semplicemente il numero dei livelli nei quali si divide un dato livello a J assegnato; In pratica, dal numero dei livelli N Si trova l ipotetico momento angolare X: N = 2X + 1 X = N 1 Se risulta X J, allora deve essere I = X; 2 - Se I > J si ricava F da una misura della separazione relativa tra i livelli (2.4). Infatti si misura, p.es. il rapporto δ tra le spaziature tra primo e secondo livello ΔW 12 e tra secondo e terzo livello ΔW 23 del multipletto: δ = ΔW 12 ΔW 23 = Da cui si ricava F: ( ) ( ) = I + J A I + J A I + J 1 F = I + J 1 = δ δ 1 F F 1 Noti F e J, si può ricavare I.

21 Quindi, da una misura spettroscopica si può determinare il valore dello spin nucleare I. La figure che segue mostra l esempio semplice di struttura iperfine per il caso di spin nucleare I = 1/2.

22 In figura è invece mostrato lo splitting del livello atomico 2p in 2p3/2 e 2p1/2 ad opera della struttura fine e l ulteriore splitting di questi dovuto alla struttura iperfine ad opera dello spin nucleare del Litio 8 (I = 2)

23 Verifica valori ΔW (con Mathematica)

24 Legge di conservazione della parità Storicamente il concetto di parità di una funzione d onda apparve alla nascita della meccanica quantistica (Wigner, 1927). I primi successi della meccanica quantistica sono associati alle interazioni elettromagnetica e forte (struttura dell atomo, teoria del dacadimento α) che sono descritti dall equazione di Schroedinger. L Hamiltoniana di questa equazione ha la forma: H = n i = m i x i y i z i + U(x,y,z ) jk jk jk j,k dove il primo termine è l operatore energia cinetica del sistema di particelle e il secondo termine rappresenta l energia potenziale. Si può verificare facilmente che entrambi i termini dell Hamiltoniana sono simmetrici rispetto all operazione di riflessione, cioè rispetto all inversione delle coordinate: x i x i y i y i z i z i r i r i θ i π θ i ϕ i π + ϕ i

25 Infatti il primo termine ha simmetria per riflessione in quanto x i, z i e z i compaiono al quadrato. Il secondo termine risulta simmetrico dal momento che il potenziale è una funzione solo delle posizioni relative delle particelle e non può cambiare per inversione delle coordinate. Naturalmente anche la funzione d onda ψ soluzione dell equazione di Schroedinger deve essere simmetrica per riflessione. Questo significa che la probabilità P(V,t) di trovare una particella in un volume V in un istante t non deve dipendere dal fatto che la misura sia effettuata in un sistema di coordinate destrorso (x, y, z) o sinistrorso (-x, -y, -z): P(V,t) = ψ (x,y,z) 2 dv = ψ ( x, y, z) 2 dv Procedendo al limite V 0: ψ (x,y,z) 2 = ψ ( x, y, z) 2 o, in coordinate sferiche: ψ (r,θ,ϕ) 2 = ψ (r,π θ,π + ϕ) 2 V V

26 Pertanto, nel caso di simmetria speculare, in una reazione nucleare o subnucleare una particella deve avere la stessa probabilità di essere emessa ad un angolo θ o π-θ rispetto ad una certa direzione nello spazio. In altre parole, l espansione della parte angolare della funzione ψ (r,θ,ϕ) 2 = f (θ) in una serie in cosθ non deve contenere potenze dispari di cosθ: f (θ) = a + b cosθ + c cos 2 θ +..., con b = 0. Nello scegliere una direzione privilegiata per lo studio di una reazione che coinvolge atomi, nuclei o particelle dobbiamo utilizzare un parametro fisico che abbia la proprietà di un vettore assiale, che cioè non cambi la sua direzione per inversione delle coordinate. È noto che lo spin I (come tutti i vettori assiali) possiede questa proprietà. Quindi, quando si studia la distribuzione angolare dei prodotti di reazione di un processo (per esempio elettroni nel caso di un decadimento beta) essa va riferita alla direzione dello spin nucleare: esiste simmetria speculare solo se i coefficienti dei termini dispari di potenze della funzione f(θ) sono nulli.

27 il vettore l non cambia per inversione delle coordinate: x x y y z z r r θ π θ ϕ π + ϕ

28 Abbiamo visto che se il processo ha la proprietà di simmetria speculare risulta: ψ ( x, y, z) = ψ (x,y,z) Due funzioni complesse ψ 1 e ψ 2 con lo stesso modulo possono differire solo per un fattore di fase exp(iα): ψ 2 = exp(iα) ψ 1. Quindi: ψ ( x, y, z) = exp(iα) ψ (x,y,z). ψ 2 è ottenuta da ψ 1 per riflessione speculare tramite l operatore exp(iα). Quindi una seconda applicazione di questo operatore deve riportare la funzione d onda alla sua forma originaria: exp(iα) ψ ( r) = exp(iα) exp(iα) ψ ( r) ( ) = exp(2iα) ψ ( r) = ψ ( r). Pertanto exp(2iα) = 1, e quindi exp(iα) = 1 = ±1 e scriviamo: exp(iα) ψ ( r) = ±ψ ( r). Nel caso di simmetria speculare le funzioni d onda che descrivono il moto di una particella sono divise in due classi: pari e dispari. Le funzioni d onda pari sono quelle che rimangono immutate per inversione delle coordinate, mentre quelle dispari cambiano segno per inversione delle coordinate.

29 Indicando con P la parità possiamo scrivere P = +1 per i sistemi pari e P = -1 per quelli dispari. Una importante proprietà di molti sistemi quantistici isolati è la conservazione della parità. Per provarlo supponiamo che una funzione d onda ψ(x,y,z,t) sia pari all istante t, e dimostriamo che essa è anche pari all istante t+τ. Scriviamo: ψ (t + τ) = ψ (t) + τ dψ dt + 1 τ d 2 ψ 2 2 dt Arrestiamoci al primo termine, generalizzeremo successivamente. ψ(t) è pari per definizione, mentre Schroedinger: Hψ (t) = i dψ dt dψ dt è pari perché ψ(t) soddisfa l equazione di, che ha una hamiltoniana simmetrica per inversione degli assi. La parità a primo membro vale quindi P=+1, e così pure a secondo membro. Si può generalizzare per la derivata seconda, essendo derivate successive. d 2 ψ dt 2 = d dψ dt dt e per tutte le

30 Pertanto, se l Hamiltoniana del sistema è invariante per inversione delle coordinate, la parità è un integrale del moto per un sistema isolato. E stato provato sperimentalmente che le interazioni forti e quelle elettromagnetiche conservano la parità. Quando nel 1934 Fermi costruì la sua teoria sul decadimento beta assunse implicitamente che la parità si conservasse anche nelle interazioni deboli (decadimento beta). Invece, a distanza di più di vent anni, nel 1956 Lee e Yang mostrarono (a seguito di un risultato inaspettato in un esperimento sulle particelle K) che era possibile costruire una teoria del decadimento beta che non tenesse conto della conservazione della parità. L anno successivo Wu verificò sperimentalmente la non conservazione della parità nel decadimento beta del 60 Co (interazione debole).

31 Per un sistema di due particelle non interagenti, la funzione d onda si scrive nel seguente modo: ψ A+B = ψ A ψ B ψ A ψ B dove ψ A e ψ B descrivono lo stato intrinseco delle particelle A e B, mentre ψ A e ψ B descrivono il moto relativo di A e B rispetto al centro di massa comune. Pertanto la parità del sistema sarà data da: P A+B = P A P B P A P B Dalla meccanica quantistica sappiamo che il moto relativo è descritto da una funzione d onda del tipo: R(r) Y m (θ,ϕ) = R(r) P m (cosθ) e imϕ

32 La struttura di P m (cosθ) è tale che risulta: P m ( cosθ) = ( 1) m P m (cosθ) Pertanto, come risultato di una inversione degli assi si ha che: ψ 1 = R(r) P m (cosθ) e imϕ si trasforma in: ( ) ψ 2 = R(r) P m ( cosθ) e im(π +ϕ) r r θ π θ ϕ π + ϕ ossia: ψ 2 = R(r) P m (cosθ) ( 1) m e imϕ ( 1) m = ψ 1 ( 1) Da questo si ricava che la parità dalla funzione d onda del moto relativo è data da: P = ( 1) La parità del sistema sarà allora: P A+B = P A P B ( 1) A ( 1) B (2.4) La generalizzazione al caso di più di due particelle è ovvia.

33 Come esempio prendiamo un nucleo atomico, composto da A nucleoni. Vedremo più avanti che nel modello a particelle indipendenti i nucleoni all interno del nucleo sono considerati non interagenti: quindi la parità del sistema è data da una relazione simile alla (2.4), generalizzata per A particelle. P A+B +C +...+N = P A P B P C P N ( 1) A ( 1) B ( 1) C ( 1) N Poiché il numero di nucleoni nelle reazioni nucleari si conserva, possiamo definire arbitrariamente la loro parità intrinseca: diciamo che sia positiva. La parità di un sistema di nucleoni è allora data da: P tot = ( 1) i dove i è il momento angolare orbitale dello i-esimo nucleone.

34 Vediamo ora quali grandezze in fisica sono intrinsecamente grandezze pari e grandezze dispari. Vettori polari. Le componenti di un generico vettore di posizione r cambiano segno per inversione delle coordiante, quindi esso è una grandezza dispari. Un vettore dispari è chiamato anche vettore polare o semplicemente vettore. Sono vettori polari (e quindi grandezze dispari) le altre grandezze vettoriali ottenute dal vettore posizione per derivazione rispetto al tempo e per moltiplicazione per una costante: velocità. accelerazione, campo elettrostatico,.. Vettori assiali. Consideriamo il momento angolare orbitale L = rxp. Sia r che p sono vettori polari, e quindi dispari: il loro prodotto è una grandezza pari, come tutti i vettori assiali. Per analogia, anche lo spin è un vettore assiale e quindi pari. I vettori assiali vengono denominati anche pseudovettori. Scalari. Il lavoro L = F s è espresso dal prodotto di due vettori polari, quindi è una grandezza pari. Tutte le grandezza scalari sono pari.

35 Pseudoscalari Il prodotto scalare tra un vettore assiale ed uno polare invece cambia segno per inversione delle coordiante ed è quindi una grandezza dispari. Tra le grandezze pseudoscalari ricordiamo per esempio l elicità h (la proiezione dello spin σ di una particella nella direzione del suo momento p), definita come segue: h = p σ pσ = ±1 La figura illustra come un vettore assiale (p. es. un campo magnetico B prodotto da una spira di corrente o un momento angolare L dovuto ad un moto orbitale) non cambi per inversione delle coordinate.

36 Momento di dipolo elettrico dei nuclei Una delle caratteristiche più importanti del nucleo è la sua carica elettrica Ze che fornisce il numero di protoni in esso contenuto ed il suo potenziale coulombiano. Comunque la carica Z non è sufficiente a dare una idea completa delle proprietà elettriche del nucleo che in gran parte dipendono dalla distribuzione spaziale dei nucleoni all interno del nucleo. Il momento di dipolo è una caratteristica più complessa. Ricordiamo che un dipolo elettrico D in un sistema di due cariche uguali ed opposte e separate da una distanza δ è dato da: D = eδ. Momento di dipolo

37 Dal momento che il nucleo contiene protoni e neutroni, cioè particelle con carica +e e 0, una non coincidenza dei centri di inerzia del fluido protonico e neutronico risulterebbe in un momento di dipolo D = Zeδ, prodotto della carica totale per la distanza tra i centri di inerzia dei due fluidi (Un dipolo può essere formato non solo da una carica positiva ed una negativa, ma anche da una carica positiva ed una neutra. Quando un sistema del genere viene posto in un campo elettrico assume la proprietà del dipolo di allinearsi lungo il campo: la carica positiva ruota rispetto al centro del dipolo). In una trattazione più precisa, lo proiezione D z del momento di dipolo lungo l asse z è un integrale della forma: D z = z ρ z ( r) d r dove ρ z (r) è la distribuzione di carica rispetto al centro di inerzia del nucleo e dr è un elemento infinitesimo di volume attorno al punto r. Dimostriamo che il momento di dipolo dei nuclei nello stato fondamentale è nullo. Infatti la distribuzione di carica ρ z (r), anche nel caso di nuclei non sferici ma di forma elissoidale oblata o prolata rispetto all asse z, è una funzione pari (non cambia sostituendo r -r). Pertanto l integrando z ρ(r) è una funzione dispari e il valore dell integrale (D z ) è nullo.

38 Possiamo generalizzare quanto detto nelle due seguenti affermazioni: 1) Il momento di dipolo elettrico dei nuclei è nullo non solo per lo stato fondamentale (che è sempre non degenere), ma anche per tutti gli stati eccitati non degeneri; 2) le conclusioni tratte per il momento di dipolo sono completamente valide per tutti i momenti elettrici statici di ordine dispari: ottupolo, Momento di quadrupolo elettrico dei nuclei Il più basso multipolo elettrico statico non nullo per un nucleo è il momento di quadrupolo elettrico, che è una misura della deviazione della distribuzione di carica dalla simmetria sferica. Il modello più semplice di quadrupolo è una coppia di dipoli eδ uguali ed opposti separati da una distanza d il momento di quadrupolo elettrico

39 Un sistema del genere ha un momento di quadrupolo Q = 2Dd = 2edδ. Quando ci si riferisce al momento di quadrupolo di un nucleo, bisogna distinguere tra momento di quadrupolo intrinseco Q 0 e momento di quadrupolo osservato Q. Il momento di quadrupolo intrinseco Q 0 è definito come un integrale del tipo: Q 0 = ( 3ζ 2 r 2 )ρ z dv, dove r(ξ, η, ζ) è la distanza di dv dal centro di massa del nucleo, ζ è la proiezione di r sull asse-ζ che coincide con l asse di simmetria del nucleo, e ρ z (ξ, η, ζ) è la distribuzione densità di carica del nucleo. L integrazione è estesa al volume nucleare. Dal momento che: r 2 = ξ 2 + η 2 + ζ 2, risulta: 3 ζ 2 = r 2 per distribuzioni sfericamente simmetriche (fig. 2.3 b); 3 ζ 2 > r 2 per distribuzioni elongate lungo l asse ζ (fig. 2.3 c); 3 ζ 2 < r 2 per distribuzioni schiacciate (fig. 2.3 d). quindi Q 0 = 0 per distribuzione di carica sferica, Q 0 > 0 per distribuzione di carica di forma allungata e Q 0 < 0 per distribuzione schiacciata.

40 Il momento di quadrupolo osservato Q è determinato rispetto all asse z (che coincide con una direzione scelta) dall espressione: Q = ( 3z 2 r 2 )ρ z dv Il suo valore dipende da Q 0 e dall orientazione del nucleo rispetto all asse z. A sua volta, l orientazione del nucleo rispetto all asse z dipende dall orientazione del suo spin I rispetto all asse z e dalla sua proiezione K sull asse di simmetria del nucleo. In genere, lo spin I di un nucleo non sferico è dato da: I = K + Ω dove K è la proiezione del vettore momento angolare totale dei nucleoni sull asse di simmetria del nucleo e Ω è il momento rotazionale del nucleo. I nuclei nello stato fondamentale hanno Ω = 0 e quindi I = K. relazione tra i vettori I, K e Ω

41 Da calcoli quantistici si ricava che la massima proiezione del vettore I sull asse z porta alla relazione che segue tra Q, Q 0, I e K: Q = 3K2 I( I + 1) ( I + 1)( 2I + 3) Q 0 (2.1) dove il coefficiente di Q 0 è chiamato fattore di proiezione e Q è trattato come la proiezione di Q 0 sull asse z. Dalla formula (2.1) si traggono le seguenti conclusioni: 1) Per Q 0 0, il valore Q osservato è sempre minore di Q 0 ; 2) per I(I+1) > 3K 2, cioè per valori abbastanza grandi di I, il segno di Q diventa opposto al segno di Q 0 ; 3) per nuclei nello stato fondamentale (Ω = 0, I = K): Q = I( 2I 1) ( I + 1)( 2I + 3) Q 0. Quindi da una misura di Q e dalla conoscenza di I si ricava Q 0.

42 Se I = 0 (nuclei pari-pari) o I = 1/2, allora Q = 0 anche per Q 0 0. Per I 1 il momento di quadrupolo osservato, supposto Q 0 0, è diverso da zero. Il rapporto Q/Q 0 = 0.1 per I = 1, = 0.2 per I = 3/2, e si avvicina all unità per I >> 1. 4) Per i nuclei pari-pari in uno stato eccitato K = 0, ma I = Ω 0, e si ha: Q = I 2I + 3 Q 0 0 Un momento di quadrupolo non nullo può essere osservato ponendo un nucleo in un campo elettrico esterno E non uniforme, quando si manifesta un addizionale termine di energia di interazione proporzionale a ( E/ z)q. Così l interazione del momento di quadrupolo nucleare con il campo elettrico degli elettroni produce ulteriori linee di struttua iperfina che non obbediscono alla regola degli intervalli valida per lo splitting magnetico. In questo modo si è scoperto il momento di quadrupolo del deutone: esso è positivo e vale cm 2. L esistenza di un momento di quadrupolo nel nucleo più semplice, contenente solo un protone ed un neutrone, indica che la funzione d onda che descrive il deutone non è sfericamente simmetrica.

43 Calcoli quantistici mostrano che il valore: Q d = cm 2 corrisponde ad un 4% di stato-d: il deutone pertanto si trova per il 96% del tempo in stato di onda-s (l=0) e per un 4% in uno stato di onda-d (l=2). Questa piccola impurezza di onda-d spiega inoltre la differenza tra il momento magnetico del deutone (0.857 µ N ) e la somma dei momenti magnetici del protone e del neutrone (2.79 µ N µ N = 0.88 µ N ). Il momento di quadrupolo è una importante proprietà del nucleo, che ci permette di ricavare informazioni aggiuntive sulla struttura nucleare e sulle proprietà delle forze nucleari. In particolare, se noi assumiamo che un nucleo con Q 0 0 sia un elissoide di rotazione con una distribuzione uniforme di carica, possiamo esprimere Q 0 in termini degli assi dell elissoide a (lungo l asse ζ) e b (perpendicolare all asse ζ): Q 0 = 4 5 ε R2 ez (2.2) dove ε = a2 b 2 a 2 + b 2, e R 2 = a 2 + b 2 2

44 Sostituendo il quadrato del raggio nucleare R 2 nella (2.2), dal valore di Q 0 troviamo l eccentricità ε del nucleo. ε = 5Q 0 4 R 2 ez Il valore di ε è in genere molto piccolo (dell ordine di 0.01, 0.02), ma nei nuclei pesanti (A e A > 220) che hanno un valore di Q 0 decisamente positivo, si osservano valori di eccentricità fino a 0.1, 0.2. Nel grafico che segue la curva continua rappresenta una media sui valori sperimentali dell andamento di Q 0 (normalizzato a R nucl 2 ) in funzione del numero di protoni Z o neutroni N=A-Z. La figura mostra chiaramente, oltre alla tendenza di Q 0 a crescere con Z (o N), anche il ruolo dei numeri magici [2, 8, 20, 28, 50, 82, 126] in corrispondenza dei quali Q 0 = 0. Questo comportamento di Q 0 indica che la maggior parte dei nuclei pesanti ha una struttura fortemente elongata, mentre i nuclei magici sono sfericamente simmetrici.

45 I grandi valori assunti da Q 0 (fino a 20 volte il quadrato del raggio) sono estremamente degni di nota: questo significa che i momenti di quadrupolo nucleari sono prodotti da moti collettivi di molti nucleoni all interno del nucleo. Solo così infatti si può spiegare una non sfericità così pronunciata. il momento di quadrupolo intrinseco Q 0 in funzione di Z (N)

46 Il momento di quadrupolo fornisce anche informazioni addizionali sulle forze nucleari. Il momento di quadrupolo del deutone indica che la sua distribuzione di carica (e quindi della materia nucleare) è stirata lungo l asse che coincide con la direzione dello spin del deutone. Questo dato mette in connessione l asse del deutone (la linea che passa attraverso il protone ed il neutrone) con il suo spin. In altre parole le forze nucleari sono massime e riescono a formare un sistema protone-neutrone legato solo quando gli spin di entrambi i nucleoni sono diretti lungo l asse del sistema. Così le forze nucleari in genere non sono forze centrali, dal momento che non dipendono solo dalla distanza dei nucleoni interagenti, ma anche dalla orientazione dei loro spin. Questo tipo di interazione è detta interazione tensoriale.

Momenti elettrici e magnetici dei nuclei

Momenti elettrici e magnetici dei nuclei Capitolo 1 Momenti elettrici e magnetici dei nuclei 1.1 Momenti magnetici La misura del momento magnetico di una particella, o di un insieme di particelle, dà informazioni sullo spin del sistema in osservazione.

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Simmetrie Invarianza Leggi di Conservazione 1) Principi di Invarianza e leggi di

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna MODELLI ATOMICI Dai primi modelli alla teoria moderna Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole,

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 7: Forze elettriche e magnetiche Forza elettrica e corrente Carica elettrica e legge di Coulomb

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac.

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Particelle ed Interazioni fondamentali Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein.

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia.

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. G. Digilio - principi_v10 versione 6.0 LA SPETTROSCOPIA Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. La Spettroscopia di risonanza magnetica

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Una reazione a due corpi in generale è rappresentata dall espressione: a + X Y + b

Una reazione a due corpi in generale è rappresentata dall espressione: a + X Y + b Le reazioni nucleari bilancio energetico: Q della reazione Le reazioni nucleari sono analizzate quantitativamente in termini di massa ed energia dei nuclei e delle particelle interessate (bilancio energetico).

Dettagli

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 Il Modello Standard Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 1 Sommario I costituenti elementari della materia Tre famiglie di mattoni elementari Quattro forze fondamentali:

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

PARTICELLE SUBATOMICHE

PARTICELLE SUBATOMICHE MODELLI ATOMICI Il cammino per arrivare alla moderna teoria atomica è stato lungo e complesso: ogni nuova scoperta faceva venire alla luce anche nuovi problemi, che dovevano essere affrontati e risolti;

Dettagli

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE Capitolo 1 PRNCP D VRAPPZNE 1.1 Principio di sovrapposizione in ottica ondulatoria: esperimento di Young Una sorgente emette un onda luminosa monocromatica di lunghezza d onda λ, come illustrato in Fig.1.1.

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Tabella periodica degli elementi

Tabella periodica degli elementi Tabella periodica degli elementi Perchè ha questa forma? Ovvero, esiste una regola per l ordinamento dei singoli atomi? Le proprietà dei materiali hanno una relazione con la tabella? L applicazione dei

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

λ = neπa 2 (1) 1- la carica elettrica λ presente per unità di lunghezza,

λ = neπa 2 (1) 1- la carica elettrica λ presente per unità di lunghezza, 1 Esercizio 1 - Protoni con carica elettrica e viaggiano con velocità v ( non relativistica) nel verso dell'asse costituendo un lungo fascio a sezione circolare di raggio a. Il numero di protoni presenti

Dettagli

CdS in Ingegneria Energetica, Università di Bologna Programma dettagliato del corso di Fisica Generale T-A prof. S. Pellegrini

CdS in Ingegneria Energetica, Università di Bologna Programma dettagliato del corso di Fisica Generale T-A prof. S. Pellegrini CdS in Ingegneria Energetica, Università di Bologna Programma dettagliato del corso di Fisica Generale T-A prof. S. Pellegrini Introduzione. Il metodo scientifico. Principi e leggi della Fisica. I modelli

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI

ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI 1.1 Introduzione La carica elettrica è una proprietà fisica fondamentale della materia che si assume per acquisita. Le correnti elettriche sono cariche elettriche in moto.

Dettagli

Il magnetismo. Il campo magnetico

Il magnetismo. Il campo magnetico Il magnetismo Un magnete (o calamita) è un corpo che genera intorno a sé un campo di forza che attrae il ferro Un magnete naturale è un minerale contenente magnetite, il cui nome deriva dal greco "pietra

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Magnetismo. pag. 1. P. Maestro Magnetismo

Magnetismo. pag. 1. P. Maestro Magnetismo Magnetismo Fatti sperimentali Forza di Lorentz Applicazioni: ciclotrone,spettrometro di massa, tubo catodico Campo magnetico di un filo percorso da corrente Campo magnetico di spira e solenoide Forza magnetica

Dettagli

Diffusione elastica ed anelastica in un reticolo cristallino (radiazione e particelle)

Diffusione elastica ed anelastica in un reticolo cristallino (radiazione e particelle) Premessa Diffusione elastica ed anelastica in un reticolo cristallino (radiazione e particelle) Diffusione fenomeno in cui una radiazione principale incontra dei centri di diffusione (cariche), piccoli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua scelta, prestando particolare

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

Ma M g a n g e n t e ism s o m

Ma M g a n g e n t e ism s o m Magnetismo Magnetismo gli effetti magnetici da magneti naturali sono noti da molto tempo. Sono riportate osservazioni degli antichi Greci sin dall 800 A.C. la parola magnetismo deriva dalla parola greca

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Spettroscopia rotazionale

Spettroscopia rotazionale Spettroscopia rotazionale La spettroscopia rotazionale si occupa dello studio delle eccitazioni rotazionali delle molecole. La spettroscopia rotazionale è utile in fase gas, in cui le molecole sono libere

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta

LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta Atomo: composto da particelle elementari più piccole (protoni, neutroni, elettroni) Atomi di elementi diversi contengono le STESSE particelle, ma in numero diverso

Dettagli

Induzione Magnetica Legge di Faraday

Induzione Magnetica Legge di Faraday nduzione Magnetica egge di Faraday ezione 8 (oltre i campi elettrostatico, magnetostatico, e le correnti stazionarie) Variazione nel tempo del campo : Muovendo un magnete vicino a una spira connessa ad

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Il metodo scientifico

Il metodo scientifico Il metodo scientifico Osservazioni Legge Teoria Teoria controllata con altri esperimenti Teoria modificata in base alle verifiche Gli stadi fondamentali del metodo scientifico 1 Leggi ponderali Legge della

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton MODELLI ATOMICI Gli atomi sono i piccoli mattoni che compongono la materia. Circa 2500 anni fa, il filosofo DEMOCRITO credeva che tutta la materia fosse costituita da piccole particelle che chiamò atomi.

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012.

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012. busta 1 QUESITI DI MATEMATICA 1. Nel piano euclideo dotato di un riferimento cartesiano ortogonale monometrico, sia Γ il luogo dei punti che soddisfano l'equazione X 2-2X = - 4Y -Y 2. 1.1 Stabilire che

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Capitolo 9: Le Particelle Elementari II

Capitolo 9: Le Particelle Elementari II Capitolo 9: Le Particelle Elementari II Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Le Risonanze Adroniche ed il Modello a Quark 1) Le Risonanze Nucleari; 2) La Formazione

Dettagli

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235 Indice 1 Introduzione. Note storiche e concetti fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Notizie storiche. La scoperta delle particelle... 3 1.3 Il concetto di atomo. Indivisibilità... 5 1.4 Il Modello

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

Violazione della parità nelle interazioni deboli

Violazione della parità nelle interazioni deboli Liceo Scientifico L. da Vinci Violazione della parità nelle interazioni deboli Cenni teorici e sperimentali Pietro Ghiglio, Tommaso Lorenzon, Matteo Paola 2015 Violazione della parità nelle interazioni

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Università del Salento Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Fisica

Università del Salento Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Fisica Università del Salento Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Fisica Decadimento β di nuclei medio-pesanti nella teoria di Fermi Relatore: Prof. Giampaolo Co Laureanda:

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare Cap.4 giroscopio, magnetismo e forza di Lorentz teoria del giroscopio Abbiamo finora preso in considerazione le condizionidi equilibrio

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

Elettrostatica e fenomeni elettrici

Elettrostatica e fenomeni elettrici Elettrostatica e fenomeni elettrici Introduzione all'elettricità La parola elettricità deriva dal greco élecktron che significa ambra. La ragione di questa etimologia è presto spiegata: la proprietà dell'ambra

Dettagli

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Riccardo Torre Dipartimento di Fisica - Università di Padova 12 Febbraio 2015 Masterclass 2015 Liceo L. Stefanini, Venezia-Mestre Prerequisiti un po di fisica

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Struttura Elettronica degli Atomi

Struttura Elettronica degli Atomi Prof. A. Martinelli Struttura Elettronica degli Atomi Dipartimento di Farmacia 1 La Natura ondulatoria della luce - La luce visibile è una piccola parte dello spettro delle onde elettromagnetiche. 1 La

Dettagli

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI Corrado Malanga Nel precedente lavoro ho parlato degli archetipi, ne ho fornito le definizioni ed ho descritto cosa i suddetti archetipi siano, come funzionino e perché siano legati ad alcuni numeri e

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 3 Campi magnetici e forza

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti La scoperta del bosone di Higgs I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti Stazione dell esperimento ATLAS in costruzione. Si vedono 6 degli 8 magneti toroidali. La stazione sperimentale ha un diametro

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli