c.lusters re.think a.bout smart cities

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "c.lusters re.think a.bout smart cities"

Transcript

1 c.lusters re.think a.bout smart cities Sviluppo di network per il governo condiviso del territorio: proposte per i percorsi partecipati di smart specialization della Puglia tesi di master a cura di arch. cecilia surace relatore prof. giuseppe de luca Università degli Studi di Firenze Master di II livello Il progetto della Smart City a.a

2 2

3 Se tu hai una mela e io ho una mela e ce le scambiamo, abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un idea e io ho un idea e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee. George Bernard Shaw 3

4 4

5 Indice: Premessa (fortemente critica) 1.Architettura spontanea e design d autore: il ruolo dell architetto oggi. Ovvero: del fallimento delle periferie ed altri disastri. 2.La pianificazione nell era di Wikipedia: creare reti per la diffusione della conoscenza e per il governo condiviso del territorio 2.1. L'Open Government, una sfida sociale 2.2. Buone pratiche di progettazione partecipata 2.3. L Open Gov in Italia 3.Declinare l Open Government: nuovi paradigmi di governo del territorio 4.Lo scenario pugliese: condivisione, inclusione sociale, collaborazione per un governo smart del territorio. Percorsi possibili. 4.1 Alcuni esempi di clusters spontanei pugliesi Conclusioni (fortemente speranzose) Bigliografia e sitografia Altre fonti Grazie! pag.5 pag.7 pag.11 pag.23 pag.24 pag.26 pag.30 pag.33 pag.39 pag.48 pag.60 pag.65 pag.67 pag.68 5

6 6

7 Premessa (fortemente) critica Il termine smart city è per certi versi assolutamente fuorviante. Una città può essere definita smart per molti motivi: le infrastrutture, le tecnologie, la capacità di rispondere in maniera veloce a un bisogno o di offrire un servizio efficiente. Tuttavia quando si parla di smart city tutti immaginano uno scenario futuristico in cui le auto viaggiano senza rumore né inquinamento su autostrade sopraelevate e in cui tutti i servizi sono efficienti, rapidi, digitali, wireless. In questo momento storico in Italia è tuttavia probabilmente più utile soffermarsi sul concetto di smart city intesa come città che utilizza nel modo migliore le proprie risorse territoriali, economiche, culturali, sociali, infrastrutturali per produrre occupazione, inclusione sociale, per innescare meccanismi virtuosi e processi di rigenerazione urbana, evitando gli sprechi finanziari e il consumo di risorse limitate. In particolare è necessario che la città intelligente proponga nuovi modelli di gestione urbana, strutturando il governo del territorio in modo che i cittadini non subiscano decisioni imposte dall alto, ma partecipino invece al processo decisionale, facendosi sensori umani di percezione per misurare la qualità della vita nelle città e, nel migliore dei casi, progettando la città e i 7

8 servizi necessari insieme alla Pubblica Amministrazione, fornendo opinioni, idee e persino competenze. In un Paese profondamente segnato dalla crisi economica e soprattutto ancora privo di quelle infrastrutture che dovrebbero caratterizzare l ossatura della città su cui lavorare, sognare edifici progettati utilizzando i più moderni sistemi di domotica o contenenti quella che viene definita ICT (Information and Communication Technology) può essere certamente accattivante, tuttavia non solo è utopistico dal punto di vista economico, ma costituisce un errore progettuale. Proprio come per costruire un edificio si parte dalle fondazioni, passando poi allo scheletro strutturale in elevazione, ai muri perimetrali ed alla copertura, per poi realizzare le rifiniture, allo stesso modo le nostre città, per diventare veramente smart, dovranno ricominciare da ciò che ha dato origine al processo di urbanizzazione, ovvero dalla morfologia e dal tessuto sociale delle città. In questo momento l Italia non possiede né le capacità economiche né la forma mentis sviluppata in venti, trenta, quarant anni di pianificazione smart di altri Paesi europei, in particolare quelli del Nord Europa, che lavorano sulle strutture e sovrastrutture delle smart city da molto prima che si cominciasse a chiamarle in questo modo; per questo motivo risulta inutile lo studio e l applicazione passiva dei modelli europei ai casi italiani, o l utilizzo di fondi europei per la mera fornitura di materiali e servizi high-tech di cui l utente medio non comprende ancora l uso, nonché totalmente scollegati dalla realtà territoriale, che spesso versa in condizioni assai critiche. In Italia occorre costruire qualcosa che in 8 molti Paesi del mondo già esiste. L idea di patrimonio comune.

9 Un esempio semplice. Cosa succede se lasciate un vaso da fiori sui tavolini da pic-nic in un parco in Germania? La gente lo riempie di fiori perché tutti ne possano godere. Cosa succederebbe se lo facessimo in Italia? Il vaso il giorno dopo adornerebbe la tavola di una sola famiglia e il tavolino nel parco pubblico resterebbe sguarnito. Ecco, l Italia deve imparare a comprendere il concetto di bene comune per poter avere una speranza di diventare un territorio fertile per la nascita e la crescita di smart cities.il primo passo per fare questo è collaborare, che significa lavorare insieme, cittadini con cittadini, istituzioni con istituzioni e cittadini ed istituzioni insieme. Come dimostra la nascita della figura del social innovator, le nostre realtà urbane hanno urgente bisogno di risposte nuove a piccole domande quotidiane, le quali risposte, se ben formulate, possono essere la chiave di volta per la crescita reale delle città italiane. Dunque il cambiamento non risiede nella realizzazione di architetture sbalorditive, seppur dall alto valore simbolico, come quelle di Expo 2015, le quali senza un adeguato tessuto sociale ed infrastrutturale sono destinate a diventare cattedrali nel deserto, bensì ripartendo dalla qualità dello spazio comune, dalle persone, dai punti di forza dei territori, nella collaborazione tra le pubbliche amministrazioni e i cittadini, non più visti come semplici utenti ma bensì come parte attiva della città. In questo studio proverò a capire quali sono le strategie da adottare per una pianificazione bottom-up di successo, quali le criticità di questa tipologia di approccio riscontrate in operazioni similari, fallimentari o rappresentanti le best practices, passate e presenti, straniere o italiane, ma soprattutto quali gli scenari che il governo 9

10 condiviso del territorio può spalancare per le regioni italiane. In particolare mi soffermerò sul caso della Puglia, la regione dove sono nata e in cui vivo e che quindi conosco meglio, analizzando il tessuto associativo socialmente e culturalmente ricco della mia regione, per dimostrare che, se è vero che le città pugliesi ottengono punteggi bassi sul grado di tecnologia dei servizi urbani, allo stesso modo è vero che sfruttando le risorse territoriali e climatiche, economiche e turistiche, ma soprattutto umane si possono sviluppare strategie alternative per il processo di smart specialization della Puglia, attraverso percorsi di coinvolgimento della popolazione locale nel governo del territorio. 10

11 1.Architettura spontanea e design d autore: il ruolo dell architetto oggi Ovvero: del fallimento delle periferie ed altri disastri Sapete, è sempre la vita ad avere ragione e l architetto ad avere torto Le Corbusier citato da Philippe Boudon In Architettura Open Source (2014) di Carlo Ratti, lettura che è stata per me fonte di ispirazione e riflessione, l autore all inizio del capitolo Architetture dal basso: un modo di costruire senza tempo propone la citazione di Le Corbusier che ho richiamato all inizio di questo paragrafo. gper chi studia l architettura questa frase non è semplice da comprendere, né tantomeno da digerire. Occorre però calarsi nei panni dell autore, che certamente non soffriva di quello che gli inglesi chiamano understatement, per comprendere che si tratta di una dolorosa conclusione a cui uno dei più famosi architetti della storia è giunto, in seguito ad una serie di esperienze indirette e dirette, come quella di Pessac. L architettura è la disciplina che si occupa del progetto degli spazi per la vita e pertanto un architetto dovrebbe conoscere alla perfezione le abitudini e le necessità di chi dovrà abitare un luogo progettato e costruito. Se questo appare semplice per una singola abitazione, e può risolversi con l indagine diretta presso il committente, le cose si complicano quando sono interi nuovi quartieri a dover essere progettati. Le nostre città sono costellate di esperimenti malriusciti: 11

12 spesso sono le periferie, i quartieri di nuova concezione, lontani dai flussi centrali della città, quelli che presentano maggiori criticità, costituendo nella fattispecie dei veri e propri fallimenti. Dallo Zen di Gregotti a Palermo, al serpentone di Corviale a Roma, progettato da un team di validissimi architetti che si poneva in qualche modo sulla scia del famosissimo quartiere di Pessac, appunto, progettato da Le Corbusier sul modello della Maison Domino, una vera a propria città in scatola con servizi e spazi comuni a parte gli esempi sono molteplici. I motivi della pessima riuscita di questi quartieri, che oggi li rendono protagonisti di una serie di studi e progetti di ricerca universitari di recupero architettonico e di rilancio sociale, sono molteplici, ma la prima riflessione operata da Ratti si diparte dal confronto tra l architettura contemporanea, progettata, e l architettura del passato, spontanea. Nel 1965 Bernard Rudofsky, architetto e studioso, presentò al MoMa di New York una mostra con pubblicazione annessa dal titolo Architecture without architects: a short introduction to a non-pedigreed architecture ( Architettura senza architetti: una breve introduzione all architettura non blasonata ). La mostra intendeva offrire una lettura rivalutativa dell architettura vernacolare, lanciando una vera e propria sfida a quelle che oggi potremmo definire le archistar del suo tempo ed in generale a tutta l architettura autoriale. Questa operazione è straordinaria perché a distanza di mezzo secolo è ancora attualissima. Il mio progetto è apertamente polemico dice Rudofsky in quanto mette a confronto la serenità dell architettura nei cosiddetti paesi sottosviluppati con il degrado architettonico dei paesi industrializzati. [ ] C è così tanto da imparare dall' 12

13 Architettura spontanea_trulli_alberobello (BA)_

14 architettura prima che diventasse un arte per esperti. Osservando i centri storici italiani ed in generale i fortissimi caratteri morfologici e costruttivi regionali, che ancora oggi costituiscono l identità forte delle città italiane, questo si evince chiaramente. Per citare esempi locali relativi alla mia regione di provenienza, la Puglia, le masserie della Murgia, i Trulli, le coperture a pignon della Valle d Itria, con il tempo hanno costituito il paesaggio urbano o rurale dei nostri territori, portando con sé tradizioni costruttive che si perdono nella notte dei tempi e retaggi culturali relativi alla forma degli edifici, strettamente correlata alla loro funzione. Ancora oggi i centri storici e le costruzioni di antica tradizione costituiscono le parti più evocative e suggestive delle nostre città, pur essendo frutto per la maggior parte del lavoro autonomo delle antiche maestranze e dunque esempi di quella che Rudofsky definiva architettura senza architetti. Le città in grado di rinnovarsi, plasmandosi in base a tutti i generi di cambiamenti, mantenendo un certo equilibrio interno ed una certa organicità di forma e funzione, oggi vengono dette resilienti. Tuttavia negli anni 50 e 60, quando gli architetti hanno progettato le periferie, che oggi costituiscono delle vere e proprie ferite ancora aperte sul territorio, hanno probabilmente sovrastimato la resilienza della città attorno ad un elemento totalmente nuovo, immaginando dinamiche di utilizzo degli spazi che poi non si sono verificate, o cambiamenti dei flussi del traffico veicolare, che non hanno trovato interesse a manifestarsi, come era nelle intenzioni del progettista. Spesso la voglia di sperimentare, come nel caso delle unité d habitation di 14

15 Le Corbusier a Marsiglia, in cui l architetto ha cercato di sviluppare un modulo abitativo minimo seppur funzionale a tutte le attività da svolgere in casa, che consentisse anche di contenere i prezzi degli appartamenti, ha prodotto inevitabilmente architetture di bassa qualità abitativa. Come è avvenuto per Corviale, o anche per il quartiere Enziteto di Bari, gli spazi che i progettisti avevano riservato a funzioni comuni o ai servizi o agli esercizi commerciali, non sono mai stati utilizzati per gli scopi previsti, gli abitanti se ne sono appropriati cambiando la destinazione in base alle proprie esigenze, oppure li hanno totalmente abbandonati, non trovando convenienza, economica o di altro tipo, nel loro utilizzo. Il fallimento della progettazione delle periferie è una vera e propria piaga che ad oggi affligge le nostre città, causando innumerevoli problemi, dallo sviluppo di un fitto tessuto di criminalità, all assoluta assenza di servizi e luoghi di aggregazione, che porta all alienazione degli abitanti i quali, ormai stanchi di abitare zone della città che i piani e le amministrazioni sembrano aver dimenticato e alla ricerca di un capro espiatorio, protestano contro l invasione degli immigrati, che in questi luoghi trovano alloggi alla portata delle proprie tasche. Si tratta del risultato della speculazione edilizia propria degli anni Sessanta in Italia, quella raccontata dal film di Francesco Rosi Le mani sulla città del 1963, nel quale il regista denuncia i meccanismi attraverso cui interessi politici ed economici coincidevano, in un fenomeno comune a tutte le metropoli. Rosi parlava di Napoli, ma è evidente guardando il film, che la città che fa da sfondo potrebbe essere una qualsiasi città italiana, tanto più che Napoli viene 15

16 16 Architettura progettata_quartiere di Enziteto_Bari_Creative city: progetto di street art Pigment Workroom per riqualificare il quartiere_estate 2014 (foto:la Repubblica.it)

17 nominata una volta sola in tutto il film. Il regista dichiarò all epoca: L'aspetto negativo della speculazione immobiliare non consiste soltanto nella distruzione della città e nell'aspetto caotico che essa assume, ma anche nella distruzione di una cultura a vantaggio di un'altra in cui l'uomo non trova più posto una dichiarazione che oggi appare assai profetica, come del resto tutto il film, se abbiamo la necessità di porre di nuovo l uomo e le sue esigenze al centro del dibattito sull espansione urbana. Nel 1966, pochi anni dopo, Adriano Celentano cantava Il ragazzo della via Gluck, riferendosi a se stesso, cresciuto nel Quartiere Greco alla periferia nord-est di Milano, con il tempo inglobato dall espansione della città, tanto da ispirare gli arcinoti versi del cantante Là dove c era l erba ora c è una città e quanto segue. La consapevolezza di questo progressivo degrado, cominciato con l arricchimento di costruttori e politici e degenerato in lotte sociali e con la trasformazione delle periferie in quartieri generali della criminalità organizzata è ormai sopraggiunta, tanto che ancora oggi questo tema viene ripreso in molti film e canzoni, che sono spesso il mezzo culturale più immediato per la diffusione di un messaggio. In proposito mi viene in mente una recente canzone di Mario Venuti intitolata Ventre della Città : Vite di quartieri/venuti male/la tangenziale/la ferrovia/le notti insonni girando in auto/per la sacra periferia/storie di Corviale/di Quarto Oggiaro/di Scampia/ di Librino e Zen/sono conficcate come pugnali/nel ventre della città C è chi dorme male/sogna di scappare [ ] c è chi non la legge/solo dentro ai libri/la cerca altrove la poesia [ ] 17

18 Che di poetico, nelle periferie non ci sia assolutamente nulla e che esse rappresentino ormai una criticità che necessita di provvedimenti urgenti, se n è accorto finalmente! anche Renzo Piano, archistar per eccellenza e senatore della Repubblica, che con il suo progetto sociale di Rammendo delle periferie ha tentato di riportare l attenzione su un problema che le amministrazioni hanno per troppo tempo trascurato. L idea di Piano è quella di puntare su un team di sei giovani architetti che dovranno intervenire sulle periferie trasformandole, senza distruggerle. Si deve intervenire con il bisturi, non con la ruspa o il piccone.[ ]La prima cosa da fare è non costruire nuove periferie. Bisogna che le periferie diventino città ma senza ampliarsi a macchia d olio, bisogna cucirle e fertilizzare con delle strutture pubbliche - dice Renzo Piano in un articolo apparso sul Sole 24 Ore (26 gennaio 2014), sottolineando l importanza di implementare i trasporti pubblici, investendo su questi e non sulla costruzione di ulteriori parcheggi multipiano, oltre che di intervenire sull efficientamento energetico degli edifici esistenti. Si parla quindi di rigenerazione urbana e le periferie vengono definite come la grande scommessa urbana dei prossimi decenni. Il valore sociale dell architettura è probabilmente quello che gli architetti devono riscoprire per imparare dagli errori del passato e poter tentare un nuovo approccio alla pianificazione e alla rigenerazione delle cellule di tessuti abitativi dilaniati come quelli dei sobborghi italiani. Già Lewis Mumford ne La città nella storia considera l architettura più per il suo valore sociale che come forma creativa o novità tecnologica. Marco Romano parla di cittadinanza morale e cittadinanza materiale, inscindibili tra loro. 18

19 Nonostante questo sia ormai diventato un imperativo morale per chi ha fatto dello studio dell architettura e della città la propria missione, credo che sia necessaria ancora un opera di sensibilizzazione su questi temi, a partire dall università. Fin dal primo anno agli studenti viene insegnato che i progetti devono essere esteticamente piacevoli, ben disegnati, dalla resa grafica più accattivante possibile, perché devono rappresentare nell immaginario comune uno scenario avveniristico, una visione alternativa allo stato dei luoghi. Questo è in parte vero, infatti non si può prescindere dalla dimensione immaginifica dell architettura, altrimenti il processo creativo ne risentirebbe enormemente. Tuttavia occorre ricordare che l architettura è sì, un arte, ma un arte con legame indissolubile con la realtà, perciò non può fare a meno di confrontarsi con implicazioni di natura pratica, dovendo dare risposte concrete a problemi di vario genere. Già Vitruvio nel De Architectura enunciava i tre requisiti che un edificio deve possedere: utilitas (funzione), firmitas (solidità statica) e venustas (qualità estetica). Molto più avanti Ludovico Quaroni rileggerà questi tre aspetti secondo una propria interpretazione: l utilitas è rappresentata dalle necessarie strutture per lo svolgimento di tutte le funzioni dell uomo nella società: gli spazi per la vita devono soddisfare il più possibile specifiche richieste e in particolare devono essere durevoli nel tempo, solidi, resistenti agli agenti atmosferici, sicuri: ecco la firmitas. Queste due operazioni non devono per Quaroni essere svolte a caso da un individuo qualsiasi ma da esperti operatori quali sono gli architetti, i quali, imparando dalle esperienze del passato ed attenendosi alle 19

20 regole del presente, sapranno trovare la forma esteticamente migliore (venustas) per fondere l utilitas alla firmitas. Ecco il ruolo dell architetto, il cui compito più difficile è appunto riconoscere e intuire la venustas come elemento di crasi tra gli altri due necessari requisiti dell edificio. La dimensione sociale dell architettura è strettamente connessa con l utilitas. In passato l uomo ha sentito il bisogno di compiere i due gesti primordiali del costruire:recingere uno spazio, per delimitarne i confini di proprietà, per distinguerlo dallo spazio di nessuno attorno, per sentirsi protetto in un luogo di propria appartenenza e coprire lo stesso spazio, riparandolo dalle intemperie, proteggendolo dagli attacchi degli uomini e degli animali, rendendolo sicuro ed a tutti gli effetti definito in tre dimensioni. Per compiere questi gesti l uomo ha utilizzato il materiale presente in natura, di cui il territorio dove viveva abbondava. La pietra, nelle aree mediterranee, il legno in quelle continentali. È così che sono nate le tecniche e le tradizioni costruttive, l architettura sociale come arte collettiva che ha generato i caratteri tipici delle città. L architetto è venuto dopo, ma ha raccolto la difficile sfida di inserirsi in questo processo, fino ad un certo momento della storia autonomo, per guidarne ed orchestrarne gli attori. Ratti osserva che è da Vasari in poi che si è sentito il bisogno di dare un autore a qualsiasi opera, architettonica o artistica che fosse, esaltando la paternità delle opere e generando la piaga della sovrastima del design d autore. Gli effetti sono ben visibili oggi: se guardiamo agli ultimi più importanti concorsi di idee per la realizzazione di opere pubbliche in Italia possiamo notare che le amministrazioni optano sempre più di frequente per la vittoria dei soliti 20

21 noti, professionisti che sul progetto mettono solo la firma, che in molti casi sono completamente slegati dal territorio su cui stanno operando, che non lo conoscono e non si preoccupano di farlo, generando progetti impossibili da realizzare oppure completamente estranei al luogo cui dovranno appartenere, che si inseriranno sul territorio con la delicatezza di un elefante in una cristalliera, dando vita più ad elementi di disturbo che ad interventi di avvio di una progressiva rigenerazione, come in effetti sarebbe auspicabile. Il ruolo dell architetto e quello del pianificatore territoriale sono più che mai complessi e assolutamente cruciali in questo momento storico ed economico, in Italia. Si tratta di lavorare insieme per comprendere le esigenze di un territorio, i bisogni sociali e le potenzialità inespresse e latenti e di progettare cercando di valorizzare i punti di forza delle città e di attenuarne le criticità attraverso soluzioni efficaci. Questa deve essere la misura della smartness delle nostre città. 21

22 22 Il buon progetto: intersezione tra utilitas, firmitas e venustas (immagine tratta dal sito

23 2.La pianificazione nell era di Wikipedia: creare reti per la diffusione della conoscenza e per il governo condiviso del territorio Open Government: Con tale espressione(letteralmente "governo aperto")"si intende un concetto di governance a livello centrale e locale, basato su modelli, strumenti e tecnologie che consentono alle amministrazioni di essere aperte e trasparenti nei confronti dei cittadini. In particolare l'open government prevede che tutte le attività dei governi e delle amministrazioni dello stato debbano essere aperte e disponibili, al fine di favorire azioni efficaci e garantire un controllo pubblico sull operato. Questa è la definizione di Open Government riportata da Wikipedia, enciclopedia libera on-line, nata nel 2001 e alla cui implementazione tutti gli utenti del world wide web possono dare il proprio contributo culturale gratuito, inserendo voci o ampliando e migliorando quelle già esistenti, in tantissime lingue, in un ottica di crowd-sourcing, pratica di condivisione dei saperi per la realizzazione di un progetto comune. Wikipedia, i programmi, i sistemi operativi, i browser open source (che significa aperti, gratuiti, fruibili da tutti gli utenti) come Linux o Mozilla Firefox, i social network come Facebook, Twitter, LinkedIn, Pinterest, Instagram sono tutti basati sul principio della condivisione. Si condividono pensieri, frasi, offerte e ricerche di lavoro, programmi e plug-in per il computer, immagini, fotografie, file audio e video, informazioni di ogni genere, in tempo reale. Condividere però significa anche esporre le proprie idee, decisioni, affermazioni al giudizio e al confronto con gli altri, coloro che, ad esempio, su facebook possono esprimere il proprio consenso con un like o commentare. Questo è al contempo un rischio ed una ricchezza ed è probabilmente ciò che ha ispirato 23

24 lo strumento dell open government come un modello più democratico e maggiormente inclusivo di governo del territorio. In una proporzione matematica si potrebbe dire che il principio dei social network sta all open government così come quello di Wikipedia sta alla progettazione partecipata L'Open Government, una sfida sociale Negli ultimi anni cittadini e imprese hanno invocato a gran voce una maggiore apertura e trasparenza delle istituzioni, chiedendo margini più ampi di partecipazione alle decisioni locali. La condivisione di informazioni offre la possibilità ai cittadini di essere coinvolti nel processo decisionale, ma lo svecchiamento delle Pubbliche Amministrazioni in questo senso non è sempre agevole e coadiuvato dall apposita legislazione. I pilastri dell Open Government come sostiene Laura Sartori, docente di sociologia generale all Università di Bologna sono individuabili nella trasparenza e nella partecipazione, cui va aggiunta la collaborazione, quale meccanismo di raccordo tra le due precedenti. La trasparenza è il principio secondo cui tutti i processi decisionali delle amministrazioni vengono propagandate e mostrate attraverso i media; attraverso politiche di e-government vengono condivise, insieme a tutti i relativi dati, su internet, alla portata di imprese e cittadini: si tratta di un atto di fiducia che l amministrazione compie nei confronti del cittadino e di un offerta di spunti per il confronto costruttivo. La partecipazione è la pratica di coinvolgimento dei cittadini all interno del processo decisionale e di pianificazione del territorio, che può migliorare attraverso l apporto di idee ed esperienze eterogenee per provenienza. Il principio di collaborazione riguarda le relazioni tra i diversi 24

25 livelli di governo (nazionale, regionale, locale) e tra questi e i privati. Ricerche internazionali hanno evidenziato che l accesso facilitato alle informazioni del settore pubblico ha migliorato la performance economica e la gestione burocratica e al contempo ridotto la corruzione e lo spreco di risorse pubbliche. Oltre ciò ci sono ottimi riscontri per quanto riguarda la relazione positiva tra una comunità di cittadini informati e la qualità del tessuto sociale della stessa comunità, la fiducia nelle istituzioni, la qualità dei servizi, la quale a sua volta può contribuire a influenzare positivamente la percezione dei cittadini nei confronti della governance locale. Il paradigma dell Open Government si è imposto inizialmente negli Stati Uniti, acquisendo crescente importanza nell agenda politica. Barack Obama nel dicembre 2009 firma il memorandum destinato ai direttori dei dipartimenti e delle agenzie federali, dall evocativo titolo Trasparenza e Open Government. È un primo atto simbolico che ha il fine di rendere omaggio alla vittoria elettorale del presidente basata, appunto, sulla partecipazione dei cittadini, sia nelle forme più tradizionali, che in quelle innovative: la campagna elettorale di Obama è stata infatti la prima ad avvalersi di facebook ed in generale ad utilizzare il social networking per la diffusione del programma e per la raccolta di opinioni dei sostenitori. Gli USA hanno registrato, a partire dal 1958, un inversione di tendenza in seguito alle politiche di governo basate sulla totale segretezza delle decisioni, tipica degli anni del dopoguerra e della guerra fredda, sviluppando un tessuto culturale e costituzionale adeguato a sostenere la riforma dell Open Government e le iniziative di pianificazione partecipata. 25

26 2.2. Buone pratiche di progettazione partecipata Un esempio di best practice americana è l iniziativa Cities of Service, nata a New York nel settembre 2009, ideata della fondazione Bloomberg Philantropies e dalla Rockfeller Foundation in collaborazione con un gruppo di 17 sindaci americani con il fine di far convergere le energie dei cittadini in progetti per lo sviluppo sostenibile delle città. Le amministrazioni che hanno deciso di adottare questo metodo collaborativo hanno prodotto e pubblicato on-line sul sito un City service plan contenente tutti i progetti e le iniziative individuati come prioritari per cui è richiesta la partecipazione di cittadini volontari, che possono scegliere il progetto per il quale offrire la propria collaborazione, navigando per area tematica. Oggi sono 202 le città americane che hanno aderito con ottimi risultati a questo nuovo modello di governo locale, che fa leva sulle capacità e sulle energie dei cittadini per affrontare le sfide urbane quotidiane. Alcune iniziative riguardano interventi edilizi come l efficientamento energetico delle abitazioni di residenti a basso reddito, come è accaduto a Nashville, oppure si tratta di iniziative sociali come una campagna per la lotta all obesità infantile lanciata dal sindaco di Little Rock, che ha coinvolto direttamente gli studenti delle scuole elementari per la diffusione di informazioni su una corretta alimentazione. 26

27 Il successo di questo modello basato sulla collaborazione e sull inclusione attiva dei cittadini il tutto coordinato tramite tecnologie VGI (Volunteered geographic information) ha suscitato l interesse del governo inglese che ha individuato otto città pilota per la sperimentazione di questo tipo di open local government. La Gran Bretagna, comunque, sperimenta già da qualche anno forme di pianificazione dal basso, data la presenza attiva sul territorio, di innumerevoli associazioni in difesa del patrimonio culturale, architettonico, ambientale. Un caso che ho avuto modo di studiare è ad esempio quello del quartiere di Dalston, quartiere dell estend londinese, che ha subito interventi di rigenerazione a partire da interventi co-progettati con gli abitanti. Si tratta di un esempio emblematico in quanto un team di progettisti ha coordinato la fase di analisi e di scelta degli interventi diffusi da realizzare, in accordo con stakeholders e cittadini. L obiettivo era senz altro quello di implementare lo spazio pubblico progettandolo sulla base delle attività socio-culturali già presenti sul territorio. Il progetto, intitolato Making space in Dalston ha l ambizione di rileggere lo spazio pubblico come spazio condiviso e di dare origine a nuove microeconomie, di alimentare quelle esistenti, interpretando bisogni e desideri dei residenti. Dopo aver consultato circa 200 associazioni vengono fuori 76 interventi possibili, costituiti da azioni a carattere temporaneo, progetti ad interim e progetti a configurazione stabile; da questi 76 vengono individuati 10 progetti da realizzare con il budget a disposizione e tutta la fase progettuale è accompagnata tramite tavoli di confronto tra progettisti e residenti, l accessibilità agli elaborati 27

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016

Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016 Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016 Dicembre 2014 Sommario Introduzione...1 Le azioni del Governo italiano...2 Il processo di stesura del secondo Piano d azione OGP...3 Le Azioni...4

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli