Tecniche fotometriche per lo studio di stelle variabili e pianeti extrasolari Alessandro Marchini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche fotometriche per lo studio di stelle variabili e pianeti extrasolari Alessandro Marchini marchini@unisi.it"

Transcript

1 Tecniche fotometriche per lo studio di stelle variabili e pianeti extrasolari Alessandro Marchini tecniche fotometriche # 1

2 L Osservatorio Complesso universitario Porta Romana (ex O.P.) accesso da Via Roma 56 tecniche fotometriche # 2

3 L Osservatorio tecniche fotometriche # 3

4 Cupola per osservazioni astronomiche tecniche fotometriche # 4

5 Cupola per osservazioni astronomiche tecniche fotometriche # 5

6 Cupola per osservazioni astronomiche una cupola a luci rosse! tecniche fotometriche # 6

7 Strumentazione disponibile tecniche fotometriche # 7

8 Telescopio Meade LX200 Riflettore (Schmidt-Cassegrain) D=10 (~250mm) F=1600mm f/6.3 tecniche fotometriche # 8

9 Telescopio SkyWatcher 100ED Rifrattore semi-apocromatico D=100mm F=900mm f/9 tecniche fotometriche # 9

10 CCD Starlight Xpress SXL8 Campo inquadrato al primo fuoco del Meade LX200: 16.5' (990 arcsec) tecniche fotometriche # 10

11 CCD Starlight Xpress SXL8 sensore CCD Philips FT12 (B/N) matrice di pixel dimensioni pixel micrometri dimensioni sensore 7,7 7,7 mm tecniche fotometriche # 11

12 CCD Sbig ST7-ME (dual( sensor) sensore KAF-0402ME (Kodak), monoch., 16bit, NABG matrice pixel dimensioni pixel 9 9 micron dimensioni sensore 6,9 4,6 mm campo inquadrato 14,8 x 9,9 (1.16 arcsec/pixel) sensore di guida tecniche fotometriche # 12

13 Immagini astronomiche digitali: un aereo in volo sui grattacieli tecniche fotometriche # 13

14 Esempi di immagini CCD SXL8 tecniche fotometriche # 14

15 CCD Starlight Xpress SXL8 Esempi di immagini tecniche fotometriche # 15

16 CCD Starlight Xpress SXL8 Esempi di immagini Cometa 17P Holmes tecniche fotometriche # 16

17 Webcam Philips Vesta Pro & Toucam Pro Vesta Pro (PCPV680K) sensore ¼ CCD Sony ICX098AK matrice di pixel dimensioni 3,87 mm 2,82 mm tecniche fotometriche # 17

18 Webcam: esempi di immagini Occultazione di Saturno tecniche fotometriche # 18

19 Webcam: esempi di immagini La Luna febbraio 2008 camera MagZero 5/n tecniche fotometriche # 19

20 Altri esempi di immagini webcam tecniche fotometriche # 20

21 sensore CMOS 6,5 Mpixel DSLR Canon Eos 300D matrice di pixel dimensioni 22,7 mm 15,1 mm tecniche fotometriche # 21

22 Esempi di immagini DSLR Canon Eos 300D tecniche fotometriche # 22

23 Esempi di immagini DSLR Canon Eos 300D tecniche fotometriche # 23

24 Esempi di immagini DSLR Canon Eos 300D M81 Bode & M82 Cigar tecniche fotometriche # 24

25 Come sono fatte le CCD Tre componenti fondamentali: sensore o chip elettronica di controllo sistema di raffreddamento I sensori CMOS con cui sono equipaggiate molte macchine fotografiche digitali sono, in pratica, delle CCD meno evolute. tecniche fotometriche # 25

26 Il sensore CCD (il chip) Il chip è costituito essenzialmente da degli elettrodi in polisilicio (gate) separati da un substrato di silicio (la parte sensibile) mediante un sottilissimo strato isolante di biossido di silicio. I fotoni che interagiscono col silicio generano elettroni che vengono accumulati in microscopici serbatoi o celle (well), create da differenze di potenziale elettrico fra gate adiacenti. Questi serbatoi costituiscono i pixel (picture element), ovvero i singoli punti dell immagine finale. tecniche fotometriche # 26

27 Il sensore CCD (il chip) I pixel sono disposti ordinatamente in linee contigue, formando una matrice di elementi fotosensibili. Quando uno di questi elementi viene colpito da un fotone, al suo interno si genera un accumulo di carica elettrica. Maggiore sarà il numero dei fotoni che colpisce il pixel, maggiore sarà questo accumulo. La risoluzione di un chip CCD è rappresentata dalla dimensione della matrice degli elementi fotosensibili (num.colonne X num.righe) tecniche fotometriche # 27

28 Esempi di chip-ccd in commercio tecniche fotometriche # 28

29 CCD: l elettronica l di controllo Una volta che è stata completata l esposizione dell immagine, i pacchetti di cariche registrati vengono trasferiti all elettronica di controllo (readout station). Attraverso un convertitore A/D (analogico/digitale) ogni punto dell immagine viene tradotto nel corrispondente numero all interno della matrice nella memoria del computer. tecniche fotometriche # 29

30 CCD: il sistema di raffreddamento Ha il compito di ridurre il più possibile il disturbo ( rumore termico ) dovuto alla temperatura dell ambiente. Tale rumore andrebbe infatti a mescolarsi col segnale generato dai fotoni, generando disturbi nell immagine finale. E generalmente di tipo termoelettrico. E costituito da una piccola pompa di calore ad effetto Peltier, una cella che sfrutta la corrente elettrica per produrre un abbassamento della temperatura che può spingersi fino a -45 C rispetto a quella dell ambiente. I CCD professionali vengono raffreddati con azoto liquido, che può spingere il gradiente termico fino a 90 C (-90 C rispetto alla temperatura d ambiente!). tecniche fotometriche # 30

31 I vantaggi nell uso delle camere CCD Disponibilità immediata di immagini digitali Maggiore sensibilità (anche spettrale) rispetto all occhio e alle pellicole fotografiche Maggiore scala tonale rispetto alle pellicole fotografiche ( contro 40 toni di grigio) Maggiore possibilità di elaborazione delle immagini (post-processing) tecniche fotometriche # 31

32 I vantaggi nell uso delle camere CCD Maggiore facilità a riprendere, senza mosso, immagini con tempi di esposizione molto lunghi: CCD con autoinseguimento a doppio sensore a singolo sensore (con area d inseguimento) tecniche fotometriche # 32

33 I vantaggi nell uso delle camere CCD Possibilità di sommare più immagini, sommando aritmeticamente le corrispondenti matrici numeriche nella memoria del computer, aumentando così (artificialmente) il tempo di esposizione totale tecniche fotometriche # 33

34 I vantaggi nell uso delle camere CCD Binning: è una caratteristica di alcuni CCD, nei quali è possibile accoppiare pixel adiacenti per aumentare la sensibilità somma di più pixel contigui (es. 4 pixel in binning 2x2) si riducono i tempi di esposizione OK per indagini fotometriche si riduce la risoluzione (1/4 in binning 2x2) tecniche fotometriche # 34

35 e gli svantaggi delle camere CCD dark current: corrente di buio (rumore termico) E la corrente che nasce per generazione spontanea di elettroni all interno del chip anche quando esso non è colpito dalla luce. E legata alla temperatura di lavoro del sensore e genera rumore termico. sistema di raffreddamento rimozione del dark-frame tecniche fotometriche # 35

36 e gli svantaggi: il dark-frame il dark-frame è un immagine del buio (ottenuta a CCD occlusa o col telescopio otturato) con lo stesso tempo di esposizione dell immagine raw e nelle stesse condizioni di temperatura importanza del monitoraggio della temperatura della CCD o della temperatura ambientale per ottenere un immagine corretta (calibrata), il darkframe deve essere sottratto dall immagine raw tecniche fotometriche # 36

37 e gli svantaggi delle camere CCD disomogeneità dei singoli elementi fotosensibili (pixel) applicazione del flat-field frame ma che cos è il flat-field? è la mappa della sensibilità di ciascun pixel e degli eventuali difetti del sistema ottico si realizza acquisendo un immagine di un soggetto omogeneamente illuminato (il cielo al crepuscolo, una parete, uno schermo traslucido opportunamente illuminato da dietro) nelle stesse condizioni ottiche della ripresa delle immagini raw si applica all immagine raw da correggere dividendola per il flat-field normalizzato, dove tutti i valori dei pixel sono stati divisi per il valor medio (nel flat-field normalizzato tutti i valori saranno quindi intorno a 1) tecniche fotometriche # 37

38 Utilizzo di una camera CCD collegamento al pc software di controllo (driver di corredo) acquisizione di immagini raw (grezze) acquisizione immagini di supporto (dark-frame e flatfield) calibrazione immagini elaborazione immagini: a fini estetici a fini scientifici tecniche fotometriche # 38

39 Software di controllo della camera CCD E solitamente fornito di corredo con la camera CCD. Ora esistono anche dei plug-in che permettono di controllare le CCD da programmi commerciali (es. Astroart, MaxImDL, ) Permette di gestire il collegamento della CCD al computer Permette all utente di regolare i parametri per la ripresa delle immagini (ad es. il tempo di esposizione exposure time) Trasferisce l immagine nella memoria del computer e la salva su disco (solitamente in formato FITS) Alcuni software offrono anche alcuni funzioni di processing (ad es. rimozione del dark-frame, filtri per il miglioramento delle immagini, ) tecniche fotometriche # 39

40 Software di visualizzazione di immagini FITS Esistono molti programmi (anche freeware, cioè gratuiti) che permettono di visualizzare e di ispezionare le immagini FITS provenienti da vari modelli di CCD. Tre esempi (freeware!): Iris Avis fits viewer DS9 (Astronomical Data Visualization Application) tecniche fotometriche # 40

41 Software di elaborazione di immagini astronomiche Gestiscono immagini provenienti da molti modelli di CCD Permettono di eseguire tutte le operazioni aritmetiche tra immagini e la composizione di immagini a colori (tricro- e quadricromia) Permettono l utilizzo di filtri evoluti per il miglioramento delle immagini Permettono di ispezionare numericamente l immagine (fotometria di apertura) tecniche fotometriche # 41

42 Software di elaborazione di immagini astronomiche Esistono molti programmi di elaborazione evoluta di immagini astronomiche (FITS); tra i più famosi o utilizzati: MaxIm-DL AstroArt Iris Registax Iraf (per Linux) tecniche fotometriche # 42

43 Osservatorio Astronomico: attività didattiche introduttive tecniche fotometriche # 43

44 Conoscenza del cielo tecniche fotometriche # 44

45 Utilizzo degli strumenti Uso del telescopio Acquisizione di immagini CCD, webcam, DSLR tecniche fotometriche # 45

46 Utilizzo di software astronomico Simulazione del cielo e controllo del telescopio Acquisizione immagini astronomiche (CCD, webcam, DSLR) Elaborazione dati (elaborazione numerica delle immagini acquisite) tecniche fotometriche # 46

47 Attività del Laboratorio di Astronomia tecniche fotometriche # 47

48 Attività del Laboratorio di Astronomia Osservazioni dirette osservazione visuale (a occhio nudo o con l ausilio di telescopi) Fotometria misurare le variazioni di luminosità degli oggetti celesti (es. studio di stelle variabili) caratteristiche fisiche degli oggetti in esame Astrometria misurare lo spostamento di pianeti, pianetini, asteroidi, comete Spettroscopia studio del moto e della composizione chimica delle stelle tecniche fotometriche # 48

49 Astrometria: studio del moto di asteoroidi tecniche fotometriche # 49

50 Astrometria: studio del moto delle comete tecniche fotometriche # 50

51 Astrometria: studio del moto delle comete tecniche fotometriche # 51

52 Fotometria: studio di stelle variabili L ammasso globulare M3 (www.astro.univie.ac.at/~blazhko/generalities.html) tecniche fotometriche # 52

53 Stelle variabili (da Wikipedia, l enciclopedia libera - it.wikipedia.org) Una stella variabile è una stella la cui luminosità non è costante, ma cambia nel tempo. La variazione può essere piccola, grande, regolare, irregolare o perfino distruttiva a seconda del tipo di stella variabile. La maggior parte delle stelle hanno una luminosità quasi costante. Il nostro Sole è un buon esempio di stella che non ha praticamente alcuna variazione misurabile. Alcune stelle, però, esibiscono variazioni di luminosità; si dividono in due categorie principali: variabili intrinseche variabili estrinseche tecniche fotometriche # 53

54 Stelle variabili (da Wikipedia, l enciclopedia libera - it.wikipedia.org) Variabili intrinseche (o pulsanti) Le variabili intrinseche sono stelle la cui luminosità varia effettivamente, cioè la stella stessa diventa più o meno luminosa. Ci sono molti tipi di variabili intrinseche, che a volte si sovrappongono. Alcuni sono: * Variabili di tipo Mira (stelle giganti pulsanti) * Variabili Cefeide (stelle giganti pulsanti) * Variabili RR Lyrae (stelle giganti pulsanti) * Variabili semiregolari * Variabili regolari * Variabili eruttive tecniche fotometriche # 54

55 Stelle variabili Stelle variabili (da Wikipedia, l enciclopedia libera - it.wikipedia.org) Variabili estrinseche Le variabili estrinseche appaiono di luminosità variabile a causa di qualche influenza esterna. Una delle cause più comuni è la presenza di una compagna, che forma con la principale una stella doppia. Viste da certe angolature, le due stelle possono passare una di fronte all'altra e causare un'eclisse, che si presenta come una riduzione di luminosità. La prima stella variabile conosciuta in Occidente, Algol (la stella del diavolo), è di questo tipo, e ha dato il nome alla categoria di variabili a eclisse. In alcune stelle binarie le componenti sono così vicine che si ha un trasferimento di massa da una all'altra. Queste stelle sono chiamate binarie interagenti. Nella maggior parte dei casi, il trasferimento di massa forma un disco di accrescimento attorno ad una stella. La complessa interazione di una stella con il disco di accrescimento e con l'altra stella causa vari fenomeni, tra cui le esplosioni di novae e di alcune supernovae e le pulsar a raggi X. tecniche fotometriche # 55

56 Riassumendo variabili intrinseche (variabili pulsanti) Cefeidi: da δ Cephei (Goodricke, 1784); periodo da 1 a 50 giorni RR Lyrae: stelle giganti vecchie molto calde; periodo minore (solitamente minore di 1 giorno) rispetto alla Cefeidi variabili estrinseche Binarie a eclisse: es. Algol tecniche fotometriche # 56

57 Studio delle variabili: la fotometria (da Wikipedia, l enciclopedia libera - it.wikipedia.org) La fotometria è una tecnica dell'astronomia che riguarda la misurazione del flusso, o dell'intensità, della radiazione elettromagnetica di un oggetto astronomico. Quando la distanza dell'oggetto misurato può essere stimata, la fotometria può fornire informazioni sul totale dell'energia emessa dall'oggetto, la sua dimensione, la temperatura e altre proprietà fisiche. Accurate misurazioni fotometriche sono difficoltose quando la magnitudine apparente dell'oggetto è fioca. In passato nella fotometria veniva esclusivamente usato il fotometro fotoelettrico Oggi sono stati largamente rimpiazzati dalle camere CCD La fotometria è di solito usata per generare le curve di luce curve di luce di oggetti come le stelle variabili e supernove dove l'interesse è concentrato sulla variazione dell'energia emessa nel tempo. tecniche fotometriche # 57

58 Studio delle variabili: la curva di luce (da Wikipedia, l enciclopedia libera - it.wikipedia.org) In astronomia, una curva di luce è un grafico che mostra l'andamento della luminosità in funzione del tempo Le curve di luce possono essere periodiche, come nel caso delle binarie a eclisse, delle variabili Cefeidi e di altre variabili, oppure aperiodiche, come le curve di luce di una nova, di una variabile cataclismica, o di una supernova. Lo studio delle curve di luce, assieme ad altre osservazioni, può dare molte informazioni sui processi fisici che la producono, e può influenzare lo sviluppo delle teorie fisiche che devono spiegarle. tecniche fotometriche # 58

59 Variabili intrinseche o pulsanti PERIODO M EPOCA tecniche fotometriche # 59

60 Variabili binarie ad eclisse tecniche fotometriche # 60

61 Variabili binarie ad eclisse tecniche fotometriche # 61

62 Variabili binarie ad eclisse M PERIODO EPOCA tecniche fotometriche # 62

63 Fotometria differenziale di apertura tecniche fotometriche # 63

64 Analisi delle curve di luce grafico di fase CY Aquarii, settembre 2006 tecniche fotometriche # 64

65 Analisi delle curve di luce CY Aqr: variabile intrinseca (pulsante) M PERIODO EPOCA tecniche fotometriche # 65

66 Analisi delle curve di luce tecniche fotometriche # 66

67 Analisi delle curve di luce tecniche fotometriche # 67

68 Analisi delle curve di luce V572 Lyr: binaria a eclisse tecniche fotometriche # 68

69 Exoplanet = pianeti extrasolari (al di fuori del sistema solare) tecniche fotometriche # 69

70 Il 1 1 meeting di Asiago (4-5 5 giugno 2005) Graziani, Lamberti, Marchini, Papini Ulisse Munari Symbio-coordinatore Roberto Claudi, Mauro Barbieri Exo-coordinatori tecniche fotometriche # 70

71 Exoplanets: : perché cercarli? CONTACT SETI tecniche fotometriche # 71

72 tecniche fotometriche # 72

73 Sostiene che l universo è infinito, vi sono infiniti mondi, e che questi sono tutti abitati da esseri intelligenti tecniche fotometriche # 73

74 Exoplanets: ricerca di Pianeti Extrasolari tecniche fotometriche # 74

75 tecniche fotometriche # 75

76 tecniche fotometriche # 76

77 tecniche fotometriche # 77

78 Exoplanets: : metodi di ricerca Osservazione diretta Astrometrico Microlente gravitazionale Spettroscopico (con misure di velocità radiale ) Il metodo fotometrico (il metodo dei transiti planetari ) metodi indiretti tecniche fotometriche # 78

79 Osservazione diretta tecniche fotometriche # 79

80 Osservazione diretta Sept. 15, 2008 First Picture of Likely Planet around Sun-like Star Gemini adaptive optics image of 1RSX J and its likely ~8 Jupiter-mass companion, within red circle (http://www.gemini.edu/sunstarplanet) tecniche fotometriche # 80

81 tecniche fotometriche # 81

82 Metodo astrometrico Un pianeta che orbita intorno a una stella provoca, per mezzo delle sue perturbazioni gravitazionali, un oscillazione della stella intorno alla sua posizione nel cielo. Misure astrometriche estremamente precise possono individuare questa piccolissima oscillazione. Noto il periodo dell oscillazione si possono calcolare il periodo orbitale del pianeta, la distanza dalla stella e la massa del pianeta. Nota: il primo pianeta scoperto con questo metodo si è rivelato un falso; successivi controlli hanno determinato che le oscillazioni erano dovute a difetti tecnici della strumentazione! tecniche fotometriche # 82

83 Metodo della microlente gravitazionale Una stella molto lontana passa dietro un altra stella intorno alla quale orbita un pianeta. La stella vicina focalizza la luce della stella lontana, creando un aumento della luminosità. Anche il pianeta focalizza la luce della stella lontana, creando i due picchi di luminosità visibili prima del massimo. tecniche fotometriche # 83

84 Il metodo spettroscopico: studio delle curve di velocità radiale tecniche fotometriche # 84

85 Distanza: 0,05 AU!!! tecniche fotometriche # 85

86 tecniche fotometriche # 86

87 Il metodo spettroscopico tecniche fotometriche # 87

88 Il metodo spettroscopico Curva di velocità radiale tecniche fotometriche # 88

89 Il metodo fotometrico Curve di luce di transiti planetari tecniche fotometriche # 89

90 Il metodo fotometrico (transiti planetari) tecniche fotometriche # 90

91 Variazione di luminosità della stella dovuta a un transito planetario la curva di luce di un transito planetario tecniche fotometriche # 91

92 Caratteristiche di un transito Se varia R * : varia la durata e la profondità del transito Se varia R P : varia solo la profondità del transito tecniche fotometriche # 92

93 Metodo dei transiti: problemi tecniche fotometriche # 93

94 Difficoltà di applicazione del metodo dei transiti tecniche fotometriche # 94

95 Un esempio ottimistico tecniche fotometriche # 95

96 Due esempi noti tecniche fotometriche # 96

97 Variazione della luminosità della stella durante il transito M=~0,025 ~2% E necessaria una strumentazione che permetta di fare fotometria ad altissima precisione! tecniche fotometriche # 97

98 Precisione necessaria tecniche fotometriche # 98

99 Exoplanets: quanti sono? tecniche fotometriche # 99

100 tecniche fotometriche # 100

101 Exoplanets noti al 27 novembre tecniche fotometriche # 101

102 Exoplanets noti al 29 settembre tecniche fotometriche # 102

103 Exoplanets noti al 14 dicembre tecniche fotometriche # 103

104 Exoplanets noti al 13 dicembre tecniche fotometriche # 104

105 Le stelle con pianeti sono ovunque Emisfero Nord Emisfero Sud La presenza di pianeti potrebbe essere una regola per moltissime stelle tecniche fotometriche # 105

106 Metodo fotometrico + metodo spettroscopico ovvero: l unione fa la forza. tecniche fotometriche # 106

107 Metodo fotometrico (transiti) + metodo spettroscopico si ottengono: dimensione del pianeta (R P ), distanza dalla stella (a), inclinazione dell orbita (i), massa (M P ) e densità del pianeta tecniche fotometriche # 107

108 Metodo fotometrico + spettroscopico: alla ricerca della vita L osservazione spettrale mostra la presenza di biomarcatori O 3 e H 2 O sulla Terra e non su Marte e su Venere. tecniche fotometriche # 108

109 Metodo fotometrico + spettroscopico: alla ricerca della vita First Detection of an Extrasolar Planet's Atmosphere By Robert Roy Britt 27 November 2001 Hubble Space Telescope /astronomy/extrasolar_atmosphere_ html tecniche fotometriche # 109

110 Metodo fotometrico + spettroscopico: alla ricerca della vita Spettro *+P Spettro * = Spettro P Sottraendo dallo spettro del sistema lo spettro della stella, in futuro si potrebbe cercare la presenza di sostanze che indichino possibili forme di vita tecniche fotometriche # 110

111 alla ricerca della vita tecniche fotometriche # 111

112 Un confronto: HD189733b vs. HD17156b HD189733b HD17156b tecniche fotometriche # 112

113 Alcuni esempi di fotometria di transiti di pianeti extrasolari tecniche fotometriche # 113

114 Un esempio fortunato HD189733, 28 luglio 2007 tecniche fotometriche # 114

115 Un esempio sfortunato HD189733, 6 settembre 2008 fra le nuvole tecniche fotometriche # 115

116 Un esempio difficile GJ gennaio 2009 tecniche fotometriche # 116

117 Un esempio difficile e sfortunato GJ aprile 2009 tecniche fotometriche # 117

118 Un esempio difficile e fortunato HD80606, 13 aprile 2009 tecniche fotometriche # 118

119 Informazioni ricavabili dai transiti HD189733, 7 luglio 2009 tecniche fotometriche # 119

120 Un esempio: fotometria di un transito planetario HD189733b (sulle nostre immagini del 28/07/07 07) tecniche fotometriche # 120

121 Fonti in Internet sugli exoplanets pianeti-extrasolari/ extrasolari/index.htmlindex.html tecniche fotometriche # 121

122 Il sito internet dell Osservatorio Astronomico Alessandro Marchini: tecniche fotometriche # 122

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

E possibile ammirare il colore delle nebulose? di Daniele Gasparri

E possibile ammirare il colore delle nebulose? di Daniele Gasparri E possibile ammirare il colore delle nebulose? di Daniele Gasparri In ogni fotografia astronomica gli oggetti del cielo profondo, in particolare le nebulose, si mostrano ricchi di colori e sfumature, dal

Dettagli

Dalle binarie alle galassie Come le stelle si aggregano

Dalle binarie alle galassie Come le stelle si aggregano Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio astronomico di Brera Universo in fiore Dalle binarie alle galassie Come le stelle si aggregano Stefano Covino stefano.covino@brera.inaf.it INAF-Osservatorio

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

CONFERMA DI UNA SUPERNOVA NELLA GALASSIA NGC6946

CONFERMA DI UNA SUPERNOVA NELLA GALASSIA NGC6946 CONFERMA DI UNA SUPERNOVA NELLA GALASSIA NGC6946 G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Questo modulo didattico illustra quali verifiche effettuare su un immagine ripresa da

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Montatura equatoriale Avalon M-Uno di Daniele Gasparri

Montatura equatoriale Avalon M-Uno di Daniele Gasparri Montatura equatoriale Avalon M-Uno di Daniele Gasparri La montatura M-Uno, prodotta dall azienda italiana Avalon, è una leggera ed elegante equatoriale monobraccio capace di un carico fotografico fino

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

M A N U A L E D E L L U T E N T E

M A N U A L E D E L L U T E N T E MANUALE D E L L U T E N T E SkyScout - Indice analitico Introduzione.........................................pg 2 Identificazione dei componenti...........................pg 2 Approntamento.......................................pg

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA G. Sini, 2010 Art. n A 21 ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA Chiunque abbia occasione di leggere un testo scritto dopo l introduzione del web, va incontro a qualche piccolo rischio. Esaminiamo qualche

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Lezioni ed esercizi di Astronomia

Lezioni ed esercizi di Astronomia Agatino Rifatto INAF- Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli Lezioni ed esercizi di Astronomia Ad uso degli studenti del modulo di Astronomia corso di laurea in Fisica - Università di Salerno

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) La costante si chiama RAGIONE

...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) La costante si chiama RAGIONE A. s. 20/202 classe 4^Ap G. Zambon Appunti sulle funzioni lineari, esponenziali, logaritmiche e potenze. Da integrare con gli appunti presi in classe Tutte queste funzioni possono essere definite in termini

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE

IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA SOLARE 1. Il Sistema Solare è isolato e composto principalmente di "spazio vuoto" con il 99% della massa concentrata nel Sole. 2. Le orbite

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

LEZIONI DAI CAMPI DI GRANO

LEZIONI DAI CAMPI DI GRANO Corrado Malanga - Luciano Pederzoli - Silvio Nevischi LEZIONI DAI CAMPI DI GRANO (I cerchi nel grano di Chilbolton 2001) Sui campi di cereali che circondano il radioosservatorio di Chilbolton, nel sud

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

La FOTOGRAFIA con lo STEREOMICROSCOPIO macrofoto macro micro macro

La FOTOGRAFIA con lo STEREOMICROSCOPIO macrofoto macro micro macro G. Sini Art. n 12 La FOTOGRAFIA con lo STEREOMICROSCOPIO (vedi in questo sito il manuale: Problemi Tecnici della Microscopia Ottica, Capp. 29 e 30.8 e l art. n 13: Fotomicrografia al microscopio ) Vogliamo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI DIPARTIMENTO DI FISICA MASTER DI 1 LIVELLO VERIFICA DI QUALITA IN RADIODIAGNOSTICA MEDICINA NUCLEARE E RADIOTERAPIA TESI

Dettagli

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH Application Note 1 BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6 Technology and Application Engineering Martin GmbH Intro Gli utilizzatori delle stazioni Martin Expert 04.6, 07.6 e 09.6 possono utilizzare le oro

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite 2 Indice Le caratteristiche di Power Profiler... 4 I vantaggi di Power Profiler.... 4 Lo standard ICC.... 5 Cosa sono i profili

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Illuminare con i LED. Fondamenti Optoelettronica Strumenti di illuminazione ed applicazioni

Illuminare con i LED. Fondamenti Optoelettronica Strumenti di illuminazione ed applicazioni E Illuminare con i LED Fondamenti Optoelettronica Strumenti di illuminazione ed applicazioni V (λ) Indice La fabbrica della luce 1 2 4 6 8 14 16 18 24 26 28 32 36 38 La fabbrica della luce I LED: l alternativa

Dettagli

QUADERNI DI CAMERA OSCURA

QUADERNI DI CAMERA OSCURA BLACK&WHITE FRIENDS QUADERNI DI CAMERA OSCURA VOLUME 1 LO SVILUPPO DELLE PELLICOLE IN BIANCO E NERO GIUGNO 2001 SCHEDA TECNICA PELLICOLE E SVILUPPI IN BIANCO E NERO Le seguenti note, basate sull esperienza

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

OSSERVARE L UNIVERSO. Paolo de Bernardis Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza. Casa dell Aviatore Roma 23/04/2015

OSSERVARE L UNIVERSO. Paolo de Bernardis Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza. Casa dell Aviatore Roma 23/04/2015 OSSERVARE L UNIVERSO Paolo de Bernardis Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza Casa dell Aviatore Roma 23/04/2015 Vi ricordate l eclissi del 20 marzo scorso? L eclissi di Sole avviene quando

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli