Un nuovo significato per la Comunità Europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un nuovo significato per la Comunità Europea"

Transcript

1 Un nuovo significato di Carlo Pelanda Docente di Studi globali, University of Georgia, USA, e Università G. Marconi, Roma Europa, per che cosa? Negli anni Cinquanta la risposta pubblica fu: per evitare nuove guerre nel continente. Quella sostanziale: per rendere coeso il fronte europeo contro la minaccia sovietica. La Comunità europea nacque (1957) in un momento di debolezza delle nazioni. Germania e Italia sconfitte, ma Francia e Regno Unito non vittoriose per la formazione di un nuovo impero americano che le sovrastava imponendo loro, oltre che la decolonizzazione, anche l inclusione nella propria area di influenza. In sintesi, l atto di nascita della prima formula europea di integrazione dipese più dalla debolezza degli Stati nazionali e dalla priorità strategica statunitense che non da una reale volontà integrativa delle nazioni, pur questa forte nei rimarchevoli leader cristiano-democratici di Francia, Germania e Italia del tempo. 81 Uno sguardo alla storia recente Dagli anni Sessanta anni agli Ottanta, Francia e Germania trovarono un loro preciso interesse nazionale nel perseguire la formazione di un Europa integrata. Gli analisti francesi, nell area nazionalista guidata da De Gaulle, concepirono l idea di Europa come moltiplicatore della potenza nazionale ormai di scala insufficiente per sperare di bilanciare in modo simmetrico l impero americano. Ma da sola la Francia non poteva sperare di prendere la leadership della Comunità, Londra certamente non collaborava. Per questo offrì alla Germania un patto di conduzione diarchica dell Europa. Bonn lo accettò in quanto lo trovò utile per potenziare la strategia di riunificazione nazionale nel futuro, ma pretendendo che non fosse esplicito, per evitare la contrarietà degli Stati Uniti da cui dipendeva totalmente per la sua sicurezza. Infatti la Germania si allineò con la Francia per le questioni interne europee, ma non la seguì nella sua posizione di disallineamento con la politica americana. Per inciso, già nei primi anni Sessanta, l Italia fu esclusa dal direttorio europeo a tre che si era formato nel 1957 (Trattato di Roma) proprio come conseguenza di tale accordo diarchico. Parigi, inoltre, mise il veto sull ambizione dell Italia a diventare potenza nucleare e Roma reagì appoggiando molto intensamente la guerriglia algerina contro la Francia. La rottura fu forte e mai sanata. Londra si accorse che la Comunità Europea stava diventando uno strumento per la ricostruzione della potenza nazionale di Francia e Germania e decise di entrarvi per porre un limite a tale processo, aiutata dall Italia, osteggiata dalla Francia, ma alla fine favorita dalla Germania che così si trovò nella posizione vantaggiosa di essere necessaria sia per la Francia sia per il Regno Unito e l America, interessate a bilanciare l influenza di

2 82 Un nuovo significato Parigi. La risposta prevalente alla domanda: «Europa per che cosa?», in quegli anni, fu: per essere moltiplicatore della potenza nazionale di Francia e Germania. In sintesi, appena le nazioni europee ripresero un po di forza dopo l indebolimento postbellico, ricominciarono i normali giochi di potenza nazionale, ma tutti dovendo usare l Europa o starci per poterli fare. Per questo periodo c è anche un altra risposta: per aumentare la propria ricchezza attraverso l integrazione economica. In effetti le nazioni europee scoprirono il vantaggio di una maggiore apertura dei confini e realizzarono notevoli passi integrativi. Ma con un metodo che preservava il loro interesse nazionale economico e non scalfiva l impostazione sostanzialmente nazional-protezionista. Tale metodo fu chiamato «funzionalista» e può essere valutato da due punti di vista. Il metodo fu quello di accettare i passi di integrazione economica che dimostravano un chiaro vantaggio per tutti, posponendo quelli che non erano ancora in grado di dare tale dimostrazione. Il punto di vista europeista negli anni Ottanta interpretato con forte determinazione dalla Commissione Europea guidata da Delors lo vide come strumento di evoluzione pragmatica verso una futura integrazione più completa. Il punto di vista nazionalista lo vide come strumento per tardare o limitare la rinuncia ai vantaggi nazional-protezionisti. Ma, di fatto, nazionalisti ed europeisti e inglesi che vedevano l Europa come area di libero scambio e nulla più trovarono un interesse nel parlare lo stesso linguaggio: prevedere sul piano nominale una futura integrazione, ma gradualizzandola al massimo su quello sostanziale. E questo fu il linguaggio dell Atto Unico di Milano (1985) che può essere letto sia come documento fondativo del mercato unico europeo e dell integrazione monetaria, sia come un contenitore retorico che dava un sapore europeo alla sostanziale conservazione delle prerogative sovrane degli Stati. La riunificazione tedesca, nel 1989, scardinò questo equilibrio tra gli opposti integrativi e nazionalisti basato sull ambiguità funzionale. La Francia diede priorità alla strategia di evitare che la Germania riunificata diventasse, per differenziali di forza industriale e demografica, la potenza singola europea. A Parigi valutarono che un Europa a metà, con una Francia meno potente della Germania, avrebbe riportato la Francia stessa all irrilevanza geopolitica e geoeconomica. Per questo concepirono la strategia di ricattare la Germania, minacciandola di isolamento e contenimento, cioè di riaprire la «questione tedesca», se non avesse accettato una più forte integrazione europea e di essere europeizzata. Cioè se non avesse accettato l idea di un Europa più strutturata a chiara conduzione franco-tedesca, paritetica. Oltre Maastricht Tale strategia ispirò il Trattato di Maastricht (1992) che sostituì la Comunità con un Unione Europea più verticale, intesa come contenitore più adatto per allineare gli altri europei sotto la diarchia franco-tedesca. Ma, soprattutto, spinse l accelerazione del progetto di moneta unica (1996) già abbozzato nell Atto unico ed elemento portante del Trattato di Maastricht stesso. L idea francese fu quella di togliere alla Germania il suo principale strumento di potenza, il marco, costringendola pertanto a incatenarsi alla Francia con il vincolo più forte che è quello mone-

3 L Europa è rimasta a metà, spostandosi sempre di più verso la conduzione intergovernativa che favorisce l esercizio degli interessi nazionali e la supremazia di quelli dei più potenti. tario. Fu chiamata «europeizzazione della Germania», ma Berlino fu abile nel trasformarla in una «germanizzazione economica dell Europa» imponendo, in particolare nel Trattato di Amsterdam (1997), uno schema di vincoli per la moneta unica che non solo rendevano l euro esattamente come il marco, ma che sanciva la sudditanza degli europei al criterio economico tedesco. Parigi non se ne accorse, convinta che con questo schema l Europa fosse sotto il saldo dominio franco-tedesco con prevalenza di Parigi. Ma quando si accorse che la formazione di un mercato unico europeo avrebbe in realtà sancito la superiorità economica della Germania, la Francia iniziò a rallentare l integrazione. Poi intensificò la strategia, concepita e attuata a basso regime nel 1993, di conquistare le unità economiche più rilevanti di Italia e Spagna, e altri, per bilanciare con più «ascari» lo strapotere industriale finanziario tedesco. Non riuscì, ma ancora rimane strategia in atto, in particolare verso l Italia. Quando l impianto deflazionistico delle euro-regole cominciò a colpire l economia francese, Parigi, semplicemente, le violò, e continua a farlo tuttora, contando sul suo status di diarca per evitare conseguenze. Da un lato, in effetti, non le ha subite, ma tale situazione di difficile sostenibilità dell euro l ha portata a diventare seconda, per potenza, dietro la Germania, regalando così il dominio europeo a Berlino. La Francia, in realtà, non ha voluto spingere l europeizzazione fino in fondo, quando ancora aveva un potere di ricatto nei confronti di Berlino e il cancelliere Kohl era disposto ad accettare l europeizzazione stessa per chiudere definitivamente la «questione tedesca», anche temendo una generazione di politici neo-nazionalisti dopo di lui. E non ha voluto spingere perché Parigi voleva sì un Europa più strutturata, ma non così vincolante da impedirle l autonomia come potenza nazionale, nonché la libertà per esercitare il protezionismo sociale che è base della stabilità politica interna francese. Così nell Europa rimasta a metà tra conduzione intergovernativa e comunitaria è emerso lo strapotere tedesco perché senza briglie. Va aggiunto che la Germania non ha perseguito un piano di conquista dell Europa, pur attuandone uno di influenza dell area sud-orientale proiettata fino al dominio commerciale dell Asia centrale, nonché una politica mercantilista sul piano globale, ma si è trovata a dominare l Europa, oltre che per fisiologia, grazie all errore francese di tentare un europeizzazione solo parziale. L idea francese di Europa come strumento di moltiplicazione della potenza nazionale, alla fine, ha sancito la supremazia di quella tedesca. 83 La risposta degli anni Novanta Che risposta, quindi, c è stata alla domanda: «Europa per che cosa?» negli anni Novanta? Per imbrigliare la Germania riunificata. Nel primo decennio del 2000 non ci sono state più risposte perché questo progetto è fallito e l Europa è rimasta a metà, spostandosi sempre di più verso la conduzione intergovernativa che favorisce l esercizio degli interessi nazionali e la supremazia di quelli dei più potenti. Il segnale è: l Europa non è più un chiaro strumento di moltiplicazione degli interessi nazionali della Francia, mentre l Europa a metà è perfetta per soddisfare l interesse nazionale tedesco: abbastanza integrata e dominata da Berlino per permettere alla

4 84 Un nuovo significato Germania una scala sufficiente per essere interlocutore alla pari di Cina e America, in un sistema G3 di effettiva governance globale, ma non sufficientemente vincolante per limitare l esercizio di politiche di potenza nazionale. Per tale motivo l Europa resta incompleta e senza progetto. Sarebbe più realistico dire che una sorta di progetto c è: salvare l euro in una situazione dove le sue regole rendono insostenibile per molte nazioni la partecipazione e non c è un governo economico europeo capace di attutirne gli effetti depressivi. Ma tale progetto, nel 2012, è guidato dal criterio tedesco che aggrava l insostenibilità in quanto pretende che nazioni non in grado di reggere una moneta forte, o per debolezza industriale, come Grecia, Spagna e Portogallo, o per eccesso di debito pur in presenza di una robusta base industriale, come l Italia, lo facciano da sole. Da un lato, la Germania ha l interesse di mantenere tutti nell euro perché ciò rende competitive le sue esportazioni il marco avrebbe un valore di cambio più elevato e la favorisce nell export intraeuropeo regalandole un enorme surplus con il quale finanzia il suo modello interno con elevato protezionismo sociale. Dall altro, tale obiettivo appare infattibile se non si crea una governance in grado di ribilanciare il ciclo del capitale intraeuropeo e di sostenere attraverso riequilibri di politica economica confederale le nazioni con guai finanziari. Ma la Germania non vuole un governo confederale europeo che la vincoli. Infatti, la difesa dell euro, all inizio del 2012, appare sostanzialmente affidata alla capacità della Bce di compensare con iniezioni massive di liquidità i difetti strutturali del sistema. Ciò può funzionare per un po, ma non per sempre. Per questo l Europa non sembra oggi avere un destino. Eppure l Europa, in teoria, ha un destino che individua una nuova e precisa risposta alla domanda: «Europa per che cosa?». Europa per produrre ulteriore integrazione, sul piano globale. Con l America e con altre democrazie. Per quale progetto? L America, pur superpotenza, è diventata ormai troppo piccola per reggere e ordinare da sola il sistema globale, come ha fatto dal 1945 fino a poco fa. Assieme all Europa, unite in un mercato a tendenza integrativa, il nuovo pilastro euroamericano avrebbe la scala sia per reggere la domanda globale sia per fornire al mondo un prestatore euro-dollaro di ultima istanza con spalle larghissime. Inoltre, avrebbe sufficiente potenza politica e militare per contenere il disordine che sta aumentando nel pianeta. Ma, a partire dal nucleo euroamericano, il progetto potrebbe e dovrebbe espandersi di più fino a creare, via cooptazioni successive, un mercato integrato delle democrazie sul piano mondiale, che a chi scrive piace chiamare «Free Community» (libera comunità), con la forza di contrastare il capitalismo autoritario della Cina perché sarebbe un area più grande e capitalizzata della sfera di influenza di Pechino e mantenere il dominio del capitalismo democratico sul pianeta. L invocazione di un tale dominio è tutt altro che immorale o irrealisticamente neo-imperiale. Capitale e democrazia messi insieme rendono più probabile la società del capitalismo di massa. Il capitale senza democrazia è selettivo e si diffonde in maniera ineguale nella società rendendola ingiusta e instabile. Se il capitale è per tutti, allora è buono. Se è per pochi, è cattivo. Pertanto la convergenza tra i due pilastri dell occidente, Europa e America, è un requisito per rendere stabile, giusto e amplificatore

5 della dignità umana il pianeta intero, missione che le nazioni emergenti non possono fare, per lo meno non in questo secolo. Ecco perché l Europa ha una nuova missione, non più al suo interno, ma all esterno: produrre attraverso una maggiore integrazione delle democrazie una governance positiva del globo. E tale missione crea un nuovo e più intenso significato all integrazione interna dell Europa: trovare un modello stabile di coerenza per produrre l effetto esterno di nuovo ordine mondiale. Gli Stati Uniti d Europa: scenario improbabile Ma quale tipo di coerenza? Francamente, per la missione detta, non serve creare un Europa come supernazione, cioè gli Stati Uniti d Europa, tra l altro scenario improbabile. Basta creare una funzione di politica economica con scopi di ribilanciamento degli squilibri provocati dall euro e, gradualmente, procedere verso la costruzione di un vero mercato unico, nei decenni. 85 Tale idea di «integrazione sufficiente» sta a metà tra l europeismo lirico, infattibile, e l idea inglese di Europa come semplice area di libero scambio, insufficiente. Potrebbe essere chiamata l idea di un Europa che è meno di un unione, ma molto più di un alleanza. Lascerebbe in vita gli incomprimibili nazionalismi europei, ma rendendoli meno dannosi. Userebbe l integrazione già costruita, in realtà non poca, anche se viziata da concetti di Europa come strumento di moltiplicazione della potenza nazionale, per produrne altra, all esterno. In conclusione, mi sembra ci siano, qui detti con la massima semplicità per renderli valutabili da tutti, i motivi per credere in un nuovo destino all Europa: nel mondo e non fuori di esso, estroversa e non introversa. In conclusione, questa soluzione, che chi desidera può approfondire in indica che l Europa potrà trovare un significato per la sua coesione interna solo se si darà una missione estroversa.

EUROPA OLTRE. La nuova formula estroversa e pragmatica. FrancoAngeli. Carlo Pelanda

EUROPA OLTRE. La nuova formula estroversa e pragmatica. FrancoAngeli. Carlo Pelanda FrancoAngeli Carlo Pelanda EUROPA OLTRE La nuova formula estroversa e pragmatica Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile con La versione completa

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 839 PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA 28 novembre 2014 EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO 50 i dossier www.freefoundation.com INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO Radio Radicale, 23 settembre 2012 25 settembre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Domenica

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Questo ciclo è esemplificativo di quelli degli altri future su indici azionari che seguo.

Questo ciclo è esemplificativo di quelli degli altri future su indici azionari che seguo. Prima di parlare dei problemi dell Euro, facciamo prima un breve aggiornamento ciclico. Vediamo il Ciclo settimanale per l Eurostoxx future iniziato il 12 luglio intorno alle ore 16:30 (dati a 15 minuti

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

La governance delle università: uno sguardo comparato

La governance delle università: uno sguardo comparato La governance delle università: uno sguardo comparato Marino REGINI (Università Statale di Milano) Seminario EconomEtica e POLIS, Vercelli, 2 Marzo 2012 Le riforme della governance universitaria in Europa

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

LA CRISI È LA MIGLIOR COSA CHE POSSA ACCADERE A PERSONE E INTERI PAESI PERCHÉ È PROPRIO LA CRISI A

LA CRISI È LA MIGLIOR COSA CHE POSSA ACCADERE A PERSONE E INTERI PAESI PERCHÉ È PROPRIO LA CRISI A NON PRETENDIAMO CHE LE COSE CAMBINO SE CONTINUIAMO A FARLE NELLO STESSO MODO. LA CRISI È LA MIGLIOR COSA CHE POSSA ACCADERE A PERSONE E INTERI PAESI PERCHÉ È PROPRIO LA CRISI A PORTARE IL PROGRESSO. LA

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora):

Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora): Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora): Ricordo che non sempre i cicli sull S&P500 coincidono con quelli dei mercati Europei- attualmente i cicli sono in fase, anche se con forze

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Teoria tradizionale della determinazione del tasso di cambio R determinato dai flussi commerciali rilevanza di lungo periodo.

Teoria tradizionale della determinazione del tasso di cambio R determinato dai flussi commerciali rilevanza di lungo periodo. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 7 Teoria tradizionale della determinazione del tasso di cambio R determinato dai flussi commerciali rilevanza di lungo periodo. La velocità di aggiustamento dipende

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

La domanda e l offerta

La domanda e l offerta Universita di Torino - Sede di Biella Corso di Economia Politica Lezione 2: La domanda e l offerta Prof.ssa Maria Laura Di Tommaso Dipartimento di Economia Cognetti de Martiis e-mail marialaura.ditommaso@unito.it

Dettagli

GAS Gruppi d Acquisto Solidali

GAS Gruppi d Acquisto Solidali GAS Gruppi d Acquisto Solidali Una proposta per un modo diverso e possibile Acquistare insieme per vivere bene Da una parte abbiamo i consumatori critici che cercano prodotti etici e compatibili, dall

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Il Marketing e la Comunicazione sono strumenti indispensabili anche alla tua attività Grazie al corso scoprirai

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Politiche pubbliche ed europee

Politiche pubbliche ed europee Universtà degli Studi di Ferrara Corso di Storia economica Prof. Laura Ramaciotti Politiche pubbliche ed europee Ugo Rizzo Sommario La politica industriale dell Unione Europea Le politiche industriali

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Il nodo tedesco nella storia e nella politica europea - 27/02/2012 Prospettiva Marxista -

Il nodo tedesco nella storia e nella politica europea - 27/02/2012 Prospettiva Marxista - Il nodo tedesco nella storia e nella politica europea - 27/02/2012 Prospettiva Marxista - Il tema della crisi economica ha, in questa particolare fase, grande risonanza, analisti, politici, giornalisti

Dettagli

Partiamo dal Bund e vediamo il Ciclo Trimestrale ed il Ciclo Settimanale: (Ricordo che il 21 aprile è chiuso).

Partiamo dal Bund e vediamo il Ciclo Trimestrale ed il Ciclo Settimanale: (Ricordo che il 21 aprile è chiuso). Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro. Partiamo dal Bund e vediamo il Ciclo Trimestrale ed il Ciclo Settimanale: (Ricordo che il 21 aprile è chiuso). (Il grafico è realizzato

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

Corso di Marketing per le piccole imprese

Corso di Marketing per le piccole imprese in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale di Ales organizza il Corso di Marketing per le piccole imprese Ales 6 Novembre 3 Dicembre Il marketing è indispensabile anche alla tua impresa Grazie

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica Sulla crisi della Libia e dei profughi del Nord Africa che sbarcano sulle coste italiane l Europa ha rivelato la sua assenza più clamorosa.

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche

Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Clio 92 - Associazione di docenti ricercatori sulla didattica della storia Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Insegnare storia mondiale nella scuola di base Maria Teresa

Dettagli