TRA PARTITO E CLASSE 21 - GERMANIA , L IMMATURITÀ DEMOCRATICA DELLA RIVOLUZIONE (Prospettiva Marxista gennaio 2013)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRA PARTITO E CLASSE 21 - GERMANIA 1918-19, L IMMATURITÀ DEMOCRATICA DELLA RIVOLUZIONE (Prospettiva Marxista gennaio 2013)"

Transcript

1 TRA PARTITO E CLASSE 21 - GERMANIA , L IMMATURITÀ DEMOCRATICA DELLA RIVOLUZIONE (Prospettiva Marxista gennaio 2013) «Noi abbiamo vinto, ma non abbiamo vinto per noi soli, abbiamo vinto per l intero popolo! Ecco perché la nostra parola d ordine non è Tutto il potere ai soviet, ma: Tutto il potere all intero popolo!» Vorwärts, 13 novembre 1918 In Germania, la controrivoluzione guidata politicamente dalla socialdemocrazia ha espresso forme avanzate, ha assimilato e padroneggiato formule politiche e arsenali ideologici molto più sofisticati rispetto alle forze controrivoluzionarie in altre realtà. Anche da questo punto di vista, quindi, l azione socialdemocratica è diventata per una gamma assai varia di esperienze opportunistiche un punto di riferimento valido nel tempo e in varie situazioni (per certi versi e non necessariamente in maniera esplicita e del tutto consapevole, anche più dello stalinismo in realtà occidentali, dalla elevata maturazione della società borghese). Esemplare è la vittoriosa offensiva condotta contro il potere dei consigli operai. La parola d ordine più forte e ricorrente brandita dalla socialdemocrazia è stata l esigenza di garantire la più ampia e inclusiva democrazia, affermando quindi, rispetto ai consigli espressione della sola classe operaia, istanze e organismi (in primis il Governo socialdemocratico e l Assemblea costituente) capaci di rappresentare il popolo nella sua interezza. Questo nucleo politico dell offensiva controrivoluzionaria verrà accompagnato da un impressionante e multiforme campagna diretta contro il consiglio esecutivo di Berlino, elemento centrale nel sistema di potere dei consigli degli operai e dei soldati. Si andrà dalle denunce del pericolo di un trionfo dell anarchia e da considerazioni statistiche sul suffragio universale come metodo migliore per portare alla vittoria una classe operaia già maggioritaria demograficamente, dalla coltivazione dell ostilità verso la capitale fino alle dicerie sugli esosi costi del mantenimento dell esecutivo di Berlino e al ricorso a toni di chiara impronta antisemita 1. Mentre, nella dilagante orgia di ricorsi e invocazioni ai principi democratici, i socialdemocratici governativi all interno del sistema dei consigli non esitano a piegare ai propri interessi, con la massima disinvoltura e sfacciataggine, il concetto di parità di rappresentanza con i socialdemocratici indipendenti, Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht non riescono nemmeno a partecipare al congresso dei consigli del dicembre 1918, visto che a Berlino l eleggibilità come delegati è riservata solo agli iscritti nelle liste del personale delle aziende o degli effettivi dei reparti militari. Per tenere ai margini i due capi rivoluzionari, il sistema democratico impugnato dai socialdemocratici, altrimenti flessibile, malleabile e incline alla deroga fino all incredibile, diventa rigidissimo e persino disposto a mirati criteri selettivi dal tono classista. Indicativo della modernità e della forza dell arsenale democratico della socialdemocrazia è l intervento tenuto da Kautsky al II Congresso dei consigli operai nell aprile 1919 (anche il contesto è significativo, l intervento viene tenuto quando i consigli sono ormai privi di qualsiasi potere) e in cui, esponendo concezioni destinate ad avere ampio seguito nelle correnti riformistiche e nelle varie revisioni ad opera di futuri opportunismi, viene addirittura indicata come figura centrale quella del consumatore, superiore alla connotazione di classe 2. Il punto cruciale, ancora una volta, risiede però nelle difficoltà, radicate in un precedente processo formativo, delle componenti rivoluzionarie a fare fronte all azione e all influenza avversarie. A fronte degli sviluppi tedeschi, emerge con ancora più forza la capacità della strategia bolscevica di sfuggire alla logica democratica, avvalendosi di altre forme di lettura e rilevamento dei passaggi politici delle masse. L impostazione bolscevica (che trova in Lenin la sua esemplare traduzione politica) non si risolve nell evitare questo sforzo di comprensione, ma rifiuta strumenti e indicatori di rilevamento predefiniti, non cade nella duplice trappola di individuare Prospettiva Marxista Pag. 1

2 schematicamente forme di democrazia vera in regime capitalista (nei cui confronti e nel cui utilizzo le forze rivoluzionarie rischiano di mostrarsi vulnerabili) e di precludersi al contempo la possibilità di scorgere eventuali forme democratiche entro cui, nella subalternità politica nei confronti della borghesia, il proletariato avvia comunque un percorso di radicalizzazione. Questo è possibile proprio perché la democrazia è compresa nella sua realtà, non è un feticcio né positivo né negativo. Nell attitudine e nell azione dei rivoluzionari in Germania invece si coglie tanto una subalternità ai valori democratici quanto la difficoltà di comprendere lo spostamento delle masse nelle forme democratiche e socialdemocratiche (si pensi alle difficoltà ad essere presenti e ad operare, come invece esortava la Luxemburg, nei consigli operai in cui la maggioranza direttiva era in mano agli opportunisti o alla incomprensione del significato politico, del mutamento nello stato d animo delle masse, manifestatosi con l adesione, dopo la sollevazione del 9 novembre, di strati proletari non politicizzati ai sindacati e persino alla socialdemocrazia governativa, considerata ingenuamente come rappresentante per antonomasia di una soluzione socialista). Il paradosso è solo apparente: senza riuscire a capire la democrazia si sbaglia da entrambi i lati. Si vacilla di fronte ai compiti dittatoriali per un rapporto non risolto con l ideologia e la prassi democratiche; ci si irrigidisce in maniera dottrinale quando nella forma democratica si esprime contraddittoriamente lo spostamento effettivo delle masse in senso rivoluzionario. «La libertà solo per i seguaci del governo, solo per i membri di un partito per numerosi che possano essere non è libertà. La libertà è sempre unicamente la libertà di chi la pensa diversamente» Rosa Luxemburg, La Rivoluzione russa, 1918 Nel valutare l offensiva democratica della socialdemocrazia, quindi, la domanda cruciale che ci dobbiamo porre è se le componenti rivoluzionarie abbiano mostrato cedimenti, debolezze, vulnerabilità derivanti da un rapporto irrisolto in senso rivoluzionario con la democrazia, da un inquadramento teorico impreciso o a tratti persino scorretto. Considerando le riflessioni e i giudizi dei maggiori esponenti del movimento rivoluzionario tedesco è difficile negarlo. Sintetizzando la questione del potere dei consigli come scontro e alternativa tra il sistema parlamentare rappresentato dall assemblea nazionale e il sistema consiliare, Liebknecht, nel suo rapporto al congresso fondativo del Partito comunista tedesco nel dicembre 1918, denuncia il comportamento dei socialdemocratici indipendenti come un cedimento che prenderebbe forma «oltraggiando la parola democrazia» 3. Ma il radicamento di una concezione della democrazia che oggettivamente presta il fianco all azione socialdemocratica contro il potere dei consigli affiora con chiarezza nella riflessione della Luxemburg. In un suo scritto, pubblicato postumo, risalente ad una fase cruciale come l autunno 1918, la dirigente spartachista delinea un esame critico della rivoluzione bolscevica 4. Il rimprovero ai rivoluzionari russi, di cui comunque riconosce il grande contributo al movimento rivoluzionario internazionale e nei cui confronti indica onestamente e lucidamente le gravi responsabilità del proletariato tedesco, è di aver soppresso le manifestazioni di vitalità democratica della società. La Luxemburg, che sia chiaro, non è mossa certo da cretinismo parlamentare, non va confusa nemmeno per un attimo con il culto della maggioranza o con gli ottusi (se non peggio) propugnatori di vie parlamentari al socialismo. Il fondamento teorico della sua critica è nel valore educativo da lei assegnato al sistema democratico, valore che a sua volta deriva dalla natura della democrazia come passaggio storico, come fase preparatoria e propedeutica verso il socialismo. Nella democrazia borghese la Luxemburg distingue il «nocciolo sociale» dalla «forma politica». La «buccia» dell uguaglianza e della libertà formali conterrebbe l «amaro nocciolo» della disuguaglianza e della soggezione di classe. L azione rivoluzionaria del proletariato consisterebbe non nel rigettare la «dolce scorza», ma nel riempirla del contenuto socialista, far collimare finalmente sostanza e forma. La democrazia nella società capitalistica sarebbe, quindi, incompleta, in contraddizione con la propria stessa natura, con le condizioni che la democrazia contiene insite in sé. Il dominio borghese sarebbe un tradimento e uno snaturamento, un fattore in intimo contrasto rispetto ad un sistema democratico che si presterebbe a completare l uguaglianza Prospettiva Marxista Pag. 2

3 giuridica e politica con un superamento delle divisioni economiche e di classe. È chiaro come la rivoluzionaria di origine polacca si sia collocata su un filone differente rispetto alla riflessione leniniana che, coerentemente con l impostazione marxista sviluppatasi a partire da La questione ebraica, non scorge alcuna incoerenza nell emancipazione borghese (emancipazione storica, reale, proprio in quanto borghese e solo borghese) attraverso la definizione di un assetto democratico e il permanere (e persino il consolidarsi) del dominio borghese e della divisione in classi. Le libertà e l uguaglianza formali non sono una buccia, un involucro disponibile ad accogliere tanto la polpa della società capitalista e della divisione classista quanto (e in senso storico persino in maniera più legittima) il procedere e l affermarsi del socialismo e del superamento della soggezione di classe. La democrazia (non una democrazia generica, pura, ma la democrazia storicamente formatasi nel percorso di classe della borghesia), l uguaglianza giuridica, la libertà formale sono la reale forma politica della liberazione della classe borghese, è, nel quadro della conservazione dell assetto capitalistico, democrazia autentica. Il persistere della subordinazione di classe non è né una smentita né di per sé un elemento di contraddizione. Buccia e polpa sono componenti coerenti dello stesso frutto: la società divisa in classi in cui è maturato il dominio borghese, con le sue libertà e le sue uguaglianze. Aggiungere al sostantivo democrazia l aggettivo borghese o proletaria può significare solo l utilizzo della stessa parola democrazia per accennare ad un cambiamento di rapporti di forza tra classi che vedrà instaurato un diverso assetto politico, una differente modalità di gestione del processo decisionale. Si può anche definire democrazia proletaria il prendere forma di un altro modo di organizzazione dei rapporti politici basati sul superamento del dominio capitalistico. L importante è non attribuire alla reale democrazia della borghesia, che è un reale e coerente passaggio storico, il significato di una situazione incompleta, incoerente, intrinsecamente suscettibile di evolvere verso un completamento in senso socialista (o nei cui confronti, l azione rivoluzionaria del proletariato debba instradarsi nel senso di guidare questo completamento). Non sorprende, quindi, che l impostazione bolscevica nei riguardi della questione della dittatura del proletariato e dei suoi rapporti con gli istituti e i principi della democrazia si riveli profondamente differente da quella della dirigente del movimento rivoluzionario tedesco. È differente infatti la stessa concezione teorica della democrazia. Al punto che, riprendendo il filo dell argomentazione di Kautsky su dittatura e democrazia, la Luxemburg rimprovera ai bolscevichi di travisare il concetto stesso di dittatura del proletariato: se Kautsky opta per la democrazia borghese (cioè dittatura mascherata della borghesia), i bolscevichi opterebbero per un altra dittatura (di stampo giacobino, cioè in ultima analisi sempre borghese). L autentica opzione proletaria e rivoluzionaria, sostiene Rosa Luxemburg, è nell affermazione della vera democrazia, la democrazia realizzata in regime borghese ma liberata dai freni, dai limiti, dalle distorsioni del potere di classe del capitale (da qui la critica all azione bolscevica che, per realizzare una presunta dittatura proletaria, avrebbe gettato via il fondamento, i presupposti democratici del passaggio verso la democrazia completata in senso socialista). In realtà l alternativa, posta correttamente da Lenin, non è tra democrazia falsa borghese e democrazia vera proletaria, vera in quanto ha portato alle estreme conseguenze la democrazia borghese (in questa dicotomia il termine di dittatura del proletariato risulterebbe in verità una soluzione assai sconveniente e infelice per indicare la democrazia piena attuata dalle masse proletarie), ma è tra due forme di dittatura, o dittatura borghese o dittatura proletaria. Democrazia e dittatura di classe non sono per la società borghese né una contraddizione né semplicemente una truffa, sono una realtà storica. La democrazia (a patto, ancora una volta, di non definire questo concetto in relazione a traguardi politici propri di una futura società liberata dal dominio dei rapporti capitalistici) non nega il dominio borghese, ma anzi lo consente e lo sancisce in forma storicamente matura. Buccia e polpa si sono formate in un processo di interazione, l una in funzione dell altra, l azione proletaria può trovare, sulla base della propria autonoma forza di classe, in questo insieme organico, leve, spazi, possibilità di intervento per arrivare a negare alla classe nemica le garanzie democratiche, non fare affidamento su dinamiche che, sviluppando la stessa organizzazione politica democratica della borghesia, trovino in essa le condizioni per muoversi in direzione di un superiore stadio sociale. Così anche la dittatura proletaria, che è, giova ribadirlo, effettiva dittatura non infelice definizione in termini dittatoriali di una super-democrazia, non conosce incoerenza o paradosso tra la più ampia partecipazione delle masse proletarie ai processi Prospettiva Marxista Pag. 3

4 decisionali (che non si possono svolgere semplicemente nelle forme potenziate dello Stato democratico formatosi nel percorso storico borghese) e un autentica azione anti-democratica, la negazione di diritti e spazi politici per la classe nemica. Quella che per la Luxemburg è l incomprensione da parte bolscevica della funzione educatrice della vita pubblica democratica, la preclusione alla possibilità che gli istituti democratici e gli organismi rappresentativi della democrazia evolvano in senso socialista sotto la spinta delle masse rivoluzionarie, e, quindi, una riproposizione della dittatura in senso borghese, è per Lenin una coerente azione nell ottica della dittatura proletaria che, in quanto tale, rifiuta i diritti democratici alle forze borghesi divenute politicamente minoranza (ma minoranza pericolosa per il potere proletario). Le ricadute sul piano della più diretta azione politica sono state inevitabili ed evidenti. Se la Luxemburg condanna la soppressione della libertà di stampa per soggetti politici avversi al potere sovietico e alla guida bolscevica, Lenin considera correttamente l avversione al potere sovietico e alla guida bolscevica come l assunzione di un ruolo di contrasto alla dittatura proletaria (nella situazione di guerra civile rivoluzionaria, l unica forma di potere politico alternativa alla dittatura borghese) oggettivamente funzionale all azione controrivoluzionaria (una funzione che può essere svolta benissimo con la denominazione di socialisti-rivoluzionari, menscevichi, anarchici etc. e persino con il supporto di componenti proletarie). La privazione per questi ambiti della libertà di stampa, come viene spiegato con esemplare chiarezza nella lettera a Miasnikov del 5 agosto 1921, non è un attentato ad una generica e astratta libertà e nemmeno la rinuncia a presupposti democratici funzionali all instaurazione del socialismo, ma la privazione di spazi e di centri di organizzazione politica per le forze schierate contro la dittatura proletaria 5. È esercizio di questa dittatura. La comprensione della questione della democrazia non è altro dalla comprensione della questione della dittatura del proletariato. «A che varranno il migliore ordine del giorno e la migliore Costituzione, se nel frattempo i governi tedeschi avranno già messo all ordine del giorno la baionetta?» Marx, Neue Rheinische Zeitung, 6 giugno 1848 «Dittatura significa (rendetevene conto una volta per tutte, signori cadetti) potere illimitato che poggia sulla forza, e non sulla legge. Durante la guerra civile il potere vittorioso non può essere altro che una dittatura» Lenin, La vittoria dei cadetti e i compiti del partito operaio, 1906 «Ma un regime che sa di avere l appoggio delle masse farà uso della violenza solo per difendere la democrazia, non già per sopprimerla. Commetterebbe un vero e proprio suicidio, se volesse distruggere il suo fondamento più stabile, il suffragio universale, sorgente profonda di un grande prestigio morale» Kautsky, La dittatura del proletariato, 1918 In una successiva riflessione (per altri versi non condivisibile), Paul Frölich coglie il nesso che unisce le divergenze tra la concezione luxemburghiana e quella bolscevica su democrazia e rivoluzione proletaria e le divergenze emerse precedentemente tra la Luxemburg e Lenin sul concetto di partito 6. Questa constatazione aiuta a focalizzarsi sulla radice fondamentale delle vulnerabilità dell impostazione teorica della grande esponente spartachista e, più in generale, del movimento rivoluzionario tedesco, visto che abbiamo rifiutato una spiegazione riconducibile ad un puro e semplice democraticismo, a deviazioni di carattere riformistico. Il nucleo cruciale dell errata impostazione della Luxemburg ci sembra risieda in ultima analisi nella funzione e nelle potenzialità che attribuisce all azione e all evoluzione delle masse proletarie. Come occorreva rimanere nel grande corpo della socialdemocrazia, evitare di dare vita a nuove formazioni, perseverare in una lotta interna comunque compatibile con l unità di partito confidando nell influenza che il proletariato in lotta avrebbe esercitato su quello che comunque rimaneva il suo partito, così gli organismi democratici, per legge storica, avrebbero subito la pressione delle masse proletarie in movimento fino ad assumere i tratti di organismi politici rivoluzionari. La stessa situazione tedesca ne avrebbe fornito l ennesima, regolare dimostrazione, con «i vari Scheidemann» capaci di trovare Prospettiva Marxista Pag. 4

5 accenti rivoluzionari nel momento in cui «fa caldo nelle fabbriche, nelle officine e per le strade». Sarebbe troppo facile, e fondamentalmente ingiusto, limitarci a ribattere che al decisivo aumento di temperatura negli strati proletari alla fine «i vari Scheidemann» risposero con i corpi franchi. Il punto è che la Luxemburg individuava sì un fenomeno reale, l influenza che l intensificazione della lotta di classe e il rafforzamento del fronte proletario possono esercitare su strati di classe intermedi, su ambiti opportunisti, sulle forme e sul linguaggio del confronto politico. Ma se questo si risolverà in una effettiva conquista del potere politico da parte del proletariato o in un assunzione da parte delle forze reazionarie di toni e coloriture (con talvolta la disponibilità persino di concrete concessioni) che si riveleranno funzionali alla soppressione dello slancio rivoluzionario, lo determineranno i rapporti di forza tra classi (con la presenza, la maturità, il radicamento del partito rivoluzionario come fattore di primaria importanza in questo concetto di forza) e non l agire di una regolarità storica che vorrebbe le forme di rappresentanza democratica plasmate e rese consone al flusso della classe rivoluzionaria entrata in azione. La comprensione leniniana del ruolo del partito come coscienza politica portata dall esterno è la comprensione dei limiti e dei condizionamenti che operano sulla classe proletaria anche nella fase rivoluzionaria ed è comprensione di una necessità politica che è diventata azione in un adeguato arco temporale. La riuscita formazione del partito nella realtà russa va vista, occorre sottolinearlo, non come formalizzazione lineare, come inaugurazione di una entità organizzativa già compiutamente definita e definitivamente conquistata alla coerenza rivoluzionaria. La formazione del partito anche in Russia passa attraverso fasi in cui il partito è una componente minore, fluida e informale, all interno di strutture organizzate più ampie, un nucleo all interno di movimenti più politicamente eterogenei, una realtà che muta nel corso del tempo la propria dimensione e la propria influenza (senza alcuno scontato andamento graduale, progressivo e ascendente, tanto che in un certo senso alla vigilia stessa dell Ottobre il partito coerentemente rivoluzionario non coincide certo con i confini formali e organizzativi del partito bolscevico e nemmeno dei suoi massimi organismi). Ma è un dato di fatto che, attraverso questo percorso, il partito, cioè la capacità di agire nella classe e per la classe rappresentandone la strategia rivoluzionaria, si è concretizzato, si è materializzato in Russia fino a raggiungere la soglia critica della capacità di guida del proletariato nel momento cruciale. In Germania questo processo non si è compiuto. C è un filo rosso, rosso purtroppo del sangue di una leva intera di rivoluzionari e di intere generazioni proletarie, che unisce la mancata formazione in tempo utile del partito in Germania e la mancata comprensione della questione della democrazia e della dittatura. NOTE: 1 _Pierre Broué, op. cit. 2 _Marek Waldenberg, Il papa rosso Karl Kautsky (vol. II), Editori Riuniti, Roma _L intervento è in Karl Liebknecht (a cura di Enzo Collotti), Scritti politici, Feltrinelli, Milano _Lo scritto è in Rosa Luxemburg, La Rivoluzione russa, Massari editore, _La conferma di questa impostazione di Lenin arriva proprio dalla Germania. Broué annota come, nel novembre 1918, la parola d ordine della libertà di stampa agitata dalla socialdemocrazia e dalle forze al suo fianco si risolva con l informazione «nelle mani delle forze antioperaie», beneficiando la stampa reazionaria di considerevoli fondi mentre gli organi di stampa delle organizzazioni rivoluzionarie, disponendo solo dei contributi dei lavoratori, si rivelano insufficienti a reggere la sfida. Inoltre, in pieno novembre, Die Rote Fahne, quotidiano spartachista, deve addirittura sospendere le pubblicazioni, mancando di tipografia. 6 _In Rosa Luxemburg, op.cit. Prospettiva Marxista Pag. 5

Bibliografia. Opere di Rosa Luxemburg. Biografie e antologie. Testi correlati. Altre opere citate nel presente documento

Bibliografia. Opere di Rosa Luxemburg. Biografie e antologie. Testi correlati. Altre opere citate nel presente documento Bibliografia Opere di Rosa Luxemburg ROSA LUXEMBURG, L accumulazione del capitale, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1960. ROSA LUXEMBURG, La rivoluzione russa, Massari Editore, Bolsena (VT), 2004. ROSA

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Cara/eri fondamentali

Cara/eri fondamentali Sistemi socialis, Cara/eri fondamentali Famiglia giuridica che si basa sul pensiero marxista- leninista. Propugnava il cara/ere transitorio dello stato e del diri/o, funzionale alla completa realizzazione

Dettagli

Unione europea. Unione europea, Corte di giustizia, Parlamento c. Consiglio, causa C-130/10, sentenza del 19 luglio 2012 (www.curia.europa.

Unione europea. Unione europea, Corte di giustizia, Parlamento c. Consiglio, causa C-130/10, sentenza del 19 luglio 2012 (www.curia.europa. Unione europea Tutela dei diritti fondamentali e basi giuridiche di sanzioni UE nei confronti di persone, o enti non statali, collegati con attività terroristiche Sommario: 1. Il problema della scelta

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

I destini storici della dottrina di Karl Marx

I destini storici della dottrina di Karl Marx Vladimir Lenin I destini storici della dottrina di Karl Marx Il punto essenziale della dottrina di Karl Marx è l'interpretazione della funzione storica mondiale del proletariato come creatore della società

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO 2010/2011: PROMEMORIA

AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO 2010/2011: PROMEMORIA AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO realizzato a cura dell Area Comunicazione e Politiche sociali Anffas Onlus 2010/2011: PROMEMORIA a cura dell Area comunicazione e politiche sociali Anffas Onlus Prima dell inizio

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano Prof. M. Calipari Dichiarazioni Anticipate di Trattamento nella attualità del dibattito bioetico italiano L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011- Introduzione

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Lamezia Terme 88046 via Coschi 72/b interno 1 telefono e fax 0968/201908 Codice Fiscale 92003410799 FORMAZIONE GENERALE REGISTRI

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 «Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 Eminenza, Signore e Signori rappresentanti delle autorità pubbliche, Signore e Signori membri e protagonisti delle comunità educative delle Scuole Cattoliche e di

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI IMPERIALISMO: definizione 1 (in senso più ampio) Espansione territoriale di uno stato a spese di altri stati o nazioni sui quali

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini 9/A Tel (06) 441881 E Mail : fita@cna.it

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini 9/A Tel (06) 441881 E Mail : fita@cna.it Prot. n. 124/MC Egr. Capo Ufficio Dr. Massimo VARRIALE AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Centrale Accertamento Settore Governo dell accertamento Ufficio Studi di settore e mail: dc.acc.studisettore@agenziaentrate.it

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Titolarità formale e sostanziale del trattamento dei dati personali: la sentenza della Suprema Corte di Cassazione 6927/2016 sula legittimazione passiva della Banca d Italia quale gestore dell archivio

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio I prerequisiti dell inserimento d lavorativo: la funzionalità del metodo di Anffas Trentino a cura di Linda Pizzo Responsabile del Servizio Inserimenti Lavorativi di Anffas Trentino Onlus Da alcuni anni

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

64ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. Discorso del Presidente Territoriale Giacomo Ranieri

64ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. Discorso del Presidente Territoriale Giacomo Ranieri i 64ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro Discorso del Presidente Territoriale Giacomo Ranieri Autorità, Signore e Signori, grazie a tutti per la sentita partecipazione a questa

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1.

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. INTRODUZIONE Nel seguente meta-codice il termine cliente si riferisce

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

Introduzione. L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in. tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi

Introduzione. L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in. tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi Introduzione L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi sull impatto che esse avranno, o stanno già avendo, sul processo democratico.

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Perizia attuariale relativa alla Cassa pensioni della Confederazione (CPC) Riassunto Autore:

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Eccesso di una cosa buona

Eccesso di una cosa buona 1 Qualità autentiche Le qualità autentiche sono gli attributi che formano l essenza (il nucleo) di una persona; le persone sono impregnate da queste qualità, che pongono in una determinata luce tutte le

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del Con il contributo della Con il patrocinio del Comune di Prepotto Club UNESCO di Udine Membro della Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco Associata alla Federazione Mondiale NUOVE OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli