TRA PARTITO E CLASSE 21 - GERMANIA , L IMMATURITÀ DEMOCRATICA DELLA RIVOLUZIONE (Prospettiva Marxista gennaio 2013)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRA PARTITO E CLASSE 21 - GERMANIA 1918-19, L IMMATURITÀ DEMOCRATICA DELLA RIVOLUZIONE (Prospettiva Marxista gennaio 2013)"

Transcript

1 TRA PARTITO E CLASSE 21 - GERMANIA , L IMMATURITÀ DEMOCRATICA DELLA RIVOLUZIONE (Prospettiva Marxista gennaio 2013) «Noi abbiamo vinto, ma non abbiamo vinto per noi soli, abbiamo vinto per l intero popolo! Ecco perché la nostra parola d ordine non è Tutto il potere ai soviet, ma: Tutto il potere all intero popolo!» Vorwärts, 13 novembre 1918 In Germania, la controrivoluzione guidata politicamente dalla socialdemocrazia ha espresso forme avanzate, ha assimilato e padroneggiato formule politiche e arsenali ideologici molto più sofisticati rispetto alle forze controrivoluzionarie in altre realtà. Anche da questo punto di vista, quindi, l azione socialdemocratica è diventata per una gamma assai varia di esperienze opportunistiche un punto di riferimento valido nel tempo e in varie situazioni (per certi versi e non necessariamente in maniera esplicita e del tutto consapevole, anche più dello stalinismo in realtà occidentali, dalla elevata maturazione della società borghese). Esemplare è la vittoriosa offensiva condotta contro il potere dei consigli operai. La parola d ordine più forte e ricorrente brandita dalla socialdemocrazia è stata l esigenza di garantire la più ampia e inclusiva democrazia, affermando quindi, rispetto ai consigli espressione della sola classe operaia, istanze e organismi (in primis il Governo socialdemocratico e l Assemblea costituente) capaci di rappresentare il popolo nella sua interezza. Questo nucleo politico dell offensiva controrivoluzionaria verrà accompagnato da un impressionante e multiforme campagna diretta contro il consiglio esecutivo di Berlino, elemento centrale nel sistema di potere dei consigli degli operai e dei soldati. Si andrà dalle denunce del pericolo di un trionfo dell anarchia e da considerazioni statistiche sul suffragio universale come metodo migliore per portare alla vittoria una classe operaia già maggioritaria demograficamente, dalla coltivazione dell ostilità verso la capitale fino alle dicerie sugli esosi costi del mantenimento dell esecutivo di Berlino e al ricorso a toni di chiara impronta antisemita 1. Mentre, nella dilagante orgia di ricorsi e invocazioni ai principi democratici, i socialdemocratici governativi all interno del sistema dei consigli non esitano a piegare ai propri interessi, con la massima disinvoltura e sfacciataggine, il concetto di parità di rappresentanza con i socialdemocratici indipendenti, Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht non riescono nemmeno a partecipare al congresso dei consigli del dicembre 1918, visto che a Berlino l eleggibilità come delegati è riservata solo agli iscritti nelle liste del personale delle aziende o degli effettivi dei reparti militari. Per tenere ai margini i due capi rivoluzionari, il sistema democratico impugnato dai socialdemocratici, altrimenti flessibile, malleabile e incline alla deroga fino all incredibile, diventa rigidissimo e persino disposto a mirati criteri selettivi dal tono classista. Indicativo della modernità e della forza dell arsenale democratico della socialdemocrazia è l intervento tenuto da Kautsky al II Congresso dei consigli operai nell aprile 1919 (anche il contesto è significativo, l intervento viene tenuto quando i consigli sono ormai privi di qualsiasi potere) e in cui, esponendo concezioni destinate ad avere ampio seguito nelle correnti riformistiche e nelle varie revisioni ad opera di futuri opportunismi, viene addirittura indicata come figura centrale quella del consumatore, superiore alla connotazione di classe 2. Il punto cruciale, ancora una volta, risiede però nelle difficoltà, radicate in un precedente processo formativo, delle componenti rivoluzionarie a fare fronte all azione e all influenza avversarie. A fronte degli sviluppi tedeschi, emerge con ancora più forza la capacità della strategia bolscevica di sfuggire alla logica democratica, avvalendosi di altre forme di lettura e rilevamento dei passaggi politici delle masse. L impostazione bolscevica (che trova in Lenin la sua esemplare traduzione politica) non si risolve nell evitare questo sforzo di comprensione, ma rifiuta strumenti e indicatori di rilevamento predefiniti, non cade nella duplice trappola di individuare Prospettiva Marxista Pag. 1

2 schematicamente forme di democrazia vera in regime capitalista (nei cui confronti e nel cui utilizzo le forze rivoluzionarie rischiano di mostrarsi vulnerabili) e di precludersi al contempo la possibilità di scorgere eventuali forme democratiche entro cui, nella subalternità politica nei confronti della borghesia, il proletariato avvia comunque un percorso di radicalizzazione. Questo è possibile proprio perché la democrazia è compresa nella sua realtà, non è un feticcio né positivo né negativo. Nell attitudine e nell azione dei rivoluzionari in Germania invece si coglie tanto una subalternità ai valori democratici quanto la difficoltà di comprendere lo spostamento delle masse nelle forme democratiche e socialdemocratiche (si pensi alle difficoltà ad essere presenti e ad operare, come invece esortava la Luxemburg, nei consigli operai in cui la maggioranza direttiva era in mano agli opportunisti o alla incomprensione del significato politico, del mutamento nello stato d animo delle masse, manifestatosi con l adesione, dopo la sollevazione del 9 novembre, di strati proletari non politicizzati ai sindacati e persino alla socialdemocrazia governativa, considerata ingenuamente come rappresentante per antonomasia di una soluzione socialista). Il paradosso è solo apparente: senza riuscire a capire la democrazia si sbaglia da entrambi i lati. Si vacilla di fronte ai compiti dittatoriali per un rapporto non risolto con l ideologia e la prassi democratiche; ci si irrigidisce in maniera dottrinale quando nella forma democratica si esprime contraddittoriamente lo spostamento effettivo delle masse in senso rivoluzionario. «La libertà solo per i seguaci del governo, solo per i membri di un partito per numerosi che possano essere non è libertà. La libertà è sempre unicamente la libertà di chi la pensa diversamente» Rosa Luxemburg, La Rivoluzione russa, 1918 Nel valutare l offensiva democratica della socialdemocrazia, quindi, la domanda cruciale che ci dobbiamo porre è se le componenti rivoluzionarie abbiano mostrato cedimenti, debolezze, vulnerabilità derivanti da un rapporto irrisolto in senso rivoluzionario con la democrazia, da un inquadramento teorico impreciso o a tratti persino scorretto. Considerando le riflessioni e i giudizi dei maggiori esponenti del movimento rivoluzionario tedesco è difficile negarlo. Sintetizzando la questione del potere dei consigli come scontro e alternativa tra il sistema parlamentare rappresentato dall assemblea nazionale e il sistema consiliare, Liebknecht, nel suo rapporto al congresso fondativo del Partito comunista tedesco nel dicembre 1918, denuncia il comportamento dei socialdemocratici indipendenti come un cedimento che prenderebbe forma «oltraggiando la parola democrazia» 3. Ma il radicamento di una concezione della democrazia che oggettivamente presta il fianco all azione socialdemocratica contro il potere dei consigli affiora con chiarezza nella riflessione della Luxemburg. In un suo scritto, pubblicato postumo, risalente ad una fase cruciale come l autunno 1918, la dirigente spartachista delinea un esame critico della rivoluzione bolscevica 4. Il rimprovero ai rivoluzionari russi, di cui comunque riconosce il grande contributo al movimento rivoluzionario internazionale e nei cui confronti indica onestamente e lucidamente le gravi responsabilità del proletariato tedesco, è di aver soppresso le manifestazioni di vitalità democratica della società. La Luxemburg, che sia chiaro, non è mossa certo da cretinismo parlamentare, non va confusa nemmeno per un attimo con il culto della maggioranza o con gli ottusi (se non peggio) propugnatori di vie parlamentari al socialismo. Il fondamento teorico della sua critica è nel valore educativo da lei assegnato al sistema democratico, valore che a sua volta deriva dalla natura della democrazia come passaggio storico, come fase preparatoria e propedeutica verso il socialismo. Nella democrazia borghese la Luxemburg distingue il «nocciolo sociale» dalla «forma politica». La «buccia» dell uguaglianza e della libertà formali conterrebbe l «amaro nocciolo» della disuguaglianza e della soggezione di classe. L azione rivoluzionaria del proletariato consisterebbe non nel rigettare la «dolce scorza», ma nel riempirla del contenuto socialista, far collimare finalmente sostanza e forma. La democrazia nella società capitalistica sarebbe, quindi, incompleta, in contraddizione con la propria stessa natura, con le condizioni che la democrazia contiene insite in sé. Il dominio borghese sarebbe un tradimento e uno snaturamento, un fattore in intimo contrasto rispetto ad un sistema democratico che si presterebbe a completare l uguaglianza Prospettiva Marxista Pag. 2

3 giuridica e politica con un superamento delle divisioni economiche e di classe. È chiaro come la rivoluzionaria di origine polacca si sia collocata su un filone differente rispetto alla riflessione leniniana che, coerentemente con l impostazione marxista sviluppatasi a partire da La questione ebraica, non scorge alcuna incoerenza nell emancipazione borghese (emancipazione storica, reale, proprio in quanto borghese e solo borghese) attraverso la definizione di un assetto democratico e il permanere (e persino il consolidarsi) del dominio borghese e della divisione in classi. Le libertà e l uguaglianza formali non sono una buccia, un involucro disponibile ad accogliere tanto la polpa della società capitalista e della divisione classista quanto (e in senso storico persino in maniera più legittima) il procedere e l affermarsi del socialismo e del superamento della soggezione di classe. La democrazia (non una democrazia generica, pura, ma la democrazia storicamente formatasi nel percorso di classe della borghesia), l uguaglianza giuridica, la libertà formale sono la reale forma politica della liberazione della classe borghese, è, nel quadro della conservazione dell assetto capitalistico, democrazia autentica. Il persistere della subordinazione di classe non è né una smentita né di per sé un elemento di contraddizione. Buccia e polpa sono componenti coerenti dello stesso frutto: la società divisa in classi in cui è maturato il dominio borghese, con le sue libertà e le sue uguaglianze. Aggiungere al sostantivo democrazia l aggettivo borghese o proletaria può significare solo l utilizzo della stessa parola democrazia per accennare ad un cambiamento di rapporti di forza tra classi che vedrà instaurato un diverso assetto politico, una differente modalità di gestione del processo decisionale. Si può anche definire democrazia proletaria il prendere forma di un altro modo di organizzazione dei rapporti politici basati sul superamento del dominio capitalistico. L importante è non attribuire alla reale democrazia della borghesia, che è un reale e coerente passaggio storico, il significato di una situazione incompleta, incoerente, intrinsecamente suscettibile di evolvere verso un completamento in senso socialista (o nei cui confronti, l azione rivoluzionaria del proletariato debba instradarsi nel senso di guidare questo completamento). Non sorprende, quindi, che l impostazione bolscevica nei riguardi della questione della dittatura del proletariato e dei suoi rapporti con gli istituti e i principi della democrazia si riveli profondamente differente da quella della dirigente del movimento rivoluzionario tedesco. È differente infatti la stessa concezione teorica della democrazia. Al punto che, riprendendo il filo dell argomentazione di Kautsky su dittatura e democrazia, la Luxemburg rimprovera ai bolscevichi di travisare il concetto stesso di dittatura del proletariato: se Kautsky opta per la democrazia borghese (cioè dittatura mascherata della borghesia), i bolscevichi opterebbero per un altra dittatura (di stampo giacobino, cioè in ultima analisi sempre borghese). L autentica opzione proletaria e rivoluzionaria, sostiene Rosa Luxemburg, è nell affermazione della vera democrazia, la democrazia realizzata in regime borghese ma liberata dai freni, dai limiti, dalle distorsioni del potere di classe del capitale (da qui la critica all azione bolscevica che, per realizzare una presunta dittatura proletaria, avrebbe gettato via il fondamento, i presupposti democratici del passaggio verso la democrazia completata in senso socialista). In realtà l alternativa, posta correttamente da Lenin, non è tra democrazia falsa borghese e democrazia vera proletaria, vera in quanto ha portato alle estreme conseguenze la democrazia borghese (in questa dicotomia il termine di dittatura del proletariato risulterebbe in verità una soluzione assai sconveniente e infelice per indicare la democrazia piena attuata dalle masse proletarie), ma è tra due forme di dittatura, o dittatura borghese o dittatura proletaria. Democrazia e dittatura di classe non sono per la società borghese né una contraddizione né semplicemente una truffa, sono una realtà storica. La democrazia (a patto, ancora una volta, di non definire questo concetto in relazione a traguardi politici propri di una futura società liberata dal dominio dei rapporti capitalistici) non nega il dominio borghese, ma anzi lo consente e lo sancisce in forma storicamente matura. Buccia e polpa si sono formate in un processo di interazione, l una in funzione dell altra, l azione proletaria può trovare, sulla base della propria autonoma forza di classe, in questo insieme organico, leve, spazi, possibilità di intervento per arrivare a negare alla classe nemica le garanzie democratiche, non fare affidamento su dinamiche che, sviluppando la stessa organizzazione politica democratica della borghesia, trovino in essa le condizioni per muoversi in direzione di un superiore stadio sociale. Così anche la dittatura proletaria, che è, giova ribadirlo, effettiva dittatura non infelice definizione in termini dittatoriali di una super-democrazia, non conosce incoerenza o paradosso tra la più ampia partecipazione delle masse proletarie ai processi Prospettiva Marxista Pag. 3

4 decisionali (che non si possono svolgere semplicemente nelle forme potenziate dello Stato democratico formatosi nel percorso storico borghese) e un autentica azione anti-democratica, la negazione di diritti e spazi politici per la classe nemica. Quella che per la Luxemburg è l incomprensione da parte bolscevica della funzione educatrice della vita pubblica democratica, la preclusione alla possibilità che gli istituti democratici e gli organismi rappresentativi della democrazia evolvano in senso socialista sotto la spinta delle masse rivoluzionarie, e, quindi, una riproposizione della dittatura in senso borghese, è per Lenin una coerente azione nell ottica della dittatura proletaria che, in quanto tale, rifiuta i diritti democratici alle forze borghesi divenute politicamente minoranza (ma minoranza pericolosa per il potere proletario). Le ricadute sul piano della più diretta azione politica sono state inevitabili ed evidenti. Se la Luxemburg condanna la soppressione della libertà di stampa per soggetti politici avversi al potere sovietico e alla guida bolscevica, Lenin considera correttamente l avversione al potere sovietico e alla guida bolscevica come l assunzione di un ruolo di contrasto alla dittatura proletaria (nella situazione di guerra civile rivoluzionaria, l unica forma di potere politico alternativa alla dittatura borghese) oggettivamente funzionale all azione controrivoluzionaria (una funzione che può essere svolta benissimo con la denominazione di socialisti-rivoluzionari, menscevichi, anarchici etc. e persino con il supporto di componenti proletarie). La privazione per questi ambiti della libertà di stampa, come viene spiegato con esemplare chiarezza nella lettera a Miasnikov del 5 agosto 1921, non è un attentato ad una generica e astratta libertà e nemmeno la rinuncia a presupposti democratici funzionali all instaurazione del socialismo, ma la privazione di spazi e di centri di organizzazione politica per le forze schierate contro la dittatura proletaria 5. È esercizio di questa dittatura. La comprensione della questione della democrazia non è altro dalla comprensione della questione della dittatura del proletariato. «A che varranno il migliore ordine del giorno e la migliore Costituzione, se nel frattempo i governi tedeschi avranno già messo all ordine del giorno la baionetta?» Marx, Neue Rheinische Zeitung, 6 giugno 1848 «Dittatura significa (rendetevene conto una volta per tutte, signori cadetti) potere illimitato che poggia sulla forza, e non sulla legge. Durante la guerra civile il potere vittorioso non può essere altro che una dittatura» Lenin, La vittoria dei cadetti e i compiti del partito operaio, 1906 «Ma un regime che sa di avere l appoggio delle masse farà uso della violenza solo per difendere la democrazia, non già per sopprimerla. Commetterebbe un vero e proprio suicidio, se volesse distruggere il suo fondamento più stabile, il suffragio universale, sorgente profonda di un grande prestigio morale» Kautsky, La dittatura del proletariato, 1918 In una successiva riflessione (per altri versi non condivisibile), Paul Frölich coglie il nesso che unisce le divergenze tra la concezione luxemburghiana e quella bolscevica su democrazia e rivoluzione proletaria e le divergenze emerse precedentemente tra la Luxemburg e Lenin sul concetto di partito 6. Questa constatazione aiuta a focalizzarsi sulla radice fondamentale delle vulnerabilità dell impostazione teorica della grande esponente spartachista e, più in generale, del movimento rivoluzionario tedesco, visto che abbiamo rifiutato una spiegazione riconducibile ad un puro e semplice democraticismo, a deviazioni di carattere riformistico. Il nucleo cruciale dell errata impostazione della Luxemburg ci sembra risieda in ultima analisi nella funzione e nelle potenzialità che attribuisce all azione e all evoluzione delle masse proletarie. Come occorreva rimanere nel grande corpo della socialdemocrazia, evitare di dare vita a nuove formazioni, perseverare in una lotta interna comunque compatibile con l unità di partito confidando nell influenza che il proletariato in lotta avrebbe esercitato su quello che comunque rimaneva il suo partito, così gli organismi democratici, per legge storica, avrebbero subito la pressione delle masse proletarie in movimento fino ad assumere i tratti di organismi politici rivoluzionari. La stessa situazione tedesca ne avrebbe fornito l ennesima, regolare dimostrazione, con «i vari Scheidemann» capaci di trovare Prospettiva Marxista Pag. 4

5 accenti rivoluzionari nel momento in cui «fa caldo nelle fabbriche, nelle officine e per le strade». Sarebbe troppo facile, e fondamentalmente ingiusto, limitarci a ribattere che al decisivo aumento di temperatura negli strati proletari alla fine «i vari Scheidemann» risposero con i corpi franchi. Il punto è che la Luxemburg individuava sì un fenomeno reale, l influenza che l intensificazione della lotta di classe e il rafforzamento del fronte proletario possono esercitare su strati di classe intermedi, su ambiti opportunisti, sulle forme e sul linguaggio del confronto politico. Ma se questo si risolverà in una effettiva conquista del potere politico da parte del proletariato o in un assunzione da parte delle forze reazionarie di toni e coloriture (con talvolta la disponibilità persino di concrete concessioni) che si riveleranno funzionali alla soppressione dello slancio rivoluzionario, lo determineranno i rapporti di forza tra classi (con la presenza, la maturità, il radicamento del partito rivoluzionario come fattore di primaria importanza in questo concetto di forza) e non l agire di una regolarità storica che vorrebbe le forme di rappresentanza democratica plasmate e rese consone al flusso della classe rivoluzionaria entrata in azione. La comprensione leniniana del ruolo del partito come coscienza politica portata dall esterno è la comprensione dei limiti e dei condizionamenti che operano sulla classe proletaria anche nella fase rivoluzionaria ed è comprensione di una necessità politica che è diventata azione in un adeguato arco temporale. La riuscita formazione del partito nella realtà russa va vista, occorre sottolinearlo, non come formalizzazione lineare, come inaugurazione di una entità organizzativa già compiutamente definita e definitivamente conquistata alla coerenza rivoluzionaria. La formazione del partito anche in Russia passa attraverso fasi in cui il partito è una componente minore, fluida e informale, all interno di strutture organizzate più ampie, un nucleo all interno di movimenti più politicamente eterogenei, una realtà che muta nel corso del tempo la propria dimensione e la propria influenza (senza alcuno scontato andamento graduale, progressivo e ascendente, tanto che in un certo senso alla vigilia stessa dell Ottobre il partito coerentemente rivoluzionario non coincide certo con i confini formali e organizzativi del partito bolscevico e nemmeno dei suoi massimi organismi). Ma è un dato di fatto che, attraverso questo percorso, il partito, cioè la capacità di agire nella classe e per la classe rappresentandone la strategia rivoluzionaria, si è concretizzato, si è materializzato in Russia fino a raggiungere la soglia critica della capacità di guida del proletariato nel momento cruciale. In Germania questo processo non si è compiuto. C è un filo rosso, rosso purtroppo del sangue di una leva intera di rivoluzionari e di intere generazioni proletarie, che unisce la mancata formazione in tempo utile del partito in Germania e la mancata comprensione della questione della democrazia e della dittatura. NOTE: 1 _Pierre Broué, op. cit. 2 _Marek Waldenberg, Il papa rosso Karl Kautsky (vol. II), Editori Riuniti, Roma _L intervento è in Karl Liebknecht (a cura di Enzo Collotti), Scritti politici, Feltrinelli, Milano _Lo scritto è in Rosa Luxemburg, La Rivoluzione russa, Massari editore, _La conferma di questa impostazione di Lenin arriva proprio dalla Germania. Broué annota come, nel novembre 1918, la parola d ordine della libertà di stampa agitata dalla socialdemocrazia e dalle forze al suo fianco si risolva con l informazione «nelle mani delle forze antioperaie», beneficiando la stampa reazionaria di considerevoli fondi mentre gli organi di stampa delle organizzazioni rivoluzionarie, disponendo solo dei contributi dei lavoratori, si rivelano insufficienti a reggere la sfida. Inoltre, in pieno novembre, Die Rote Fahne, quotidiano spartachista, deve addirittura sospendere le pubblicazioni, mancando di tipografia. 6 _In Rosa Luxemburg, op.cit. Prospettiva Marxista Pag. 5

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI IMPERIALISMO: definizione 1 (in senso più ampio) Espansione territoriale di uno stato a spese di altri stati o nazioni sui quali

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La precedette in questo la russa Anna Kuliscioff che volle estendere il suffragio universale anche alle donne sin dal 1894.

La precedette in questo la russa Anna Kuliscioff che volle estendere il suffragio universale anche alle donne sin dal 1894. Otto marzo, la vera storia Le personalità della Storia Socialista Clara Eissner Zetkin L 8 Marzo, come il Primo Maggio, è una festa socialista. Infatti, fu la Conferenza internazionale delle donne socialiste,

Dettagli

La promozione della qualità del lavoro in Emilia-Romagna: il contesto e le scelte legislative regionali

La promozione della qualità del lavoro in Emilia-Romagna: il contesto e le scelte legislative regionali Supplemento 2.2006 19 La promozione della qualità del lavoro in Emilia-Romagna: il contesto e le scelte legislative regionali di Giuseppe Drei* Sommario 1. Il cielo natale della legge regionale 17/2005.

Dettagli

LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE

LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE LEZIONE: LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE PROF. DIAMANTE MAROTTA Indice 1 LO SVILUPPO PROFESSIONALE DEL PERSONALE -------------------------------------------------------------- 3 2 STAFF E FIGURE

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Il 2007 Un anno di scelte importanti

Il 2007 Un anno di scelte importanti Il 2007 Un anno di scelte importanti Liberalizzazione, rinnovo contrattuale, elezioni RSU e previdenza complementare. Queste le sfide che impegneranno l Slp Cisl nell anno appena cominciato. Molte le decisioni

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Comune di Forlì. Manuale di valutazione

Comune di Forlì. Manuale di valutazione Comune di Forlì AREA SERVIZI DI SUPPORTO E SVILUPPO INFORMATIVO, ORGANIZZATIVO E RISORSE UMANE Manuale di valutazione PREMESSA 1 Il presente manuale è stato predisposto per fornire uno strumento finalizzato

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA La società di massa Ultimi decenni ottocento

Dettagli

IL femminismo è stato il primo momento politico di critica storica e di messa in discussione della famiglia e della società

IL femminismo è stato il primo momento politico di critica storica e di messa in discussione della famiglia e della società Comitato unico di garanzia Corso di formazione per i Comitati Unici di Garanzia del Comune e della Provincia di Genova Forme e azioni per la promozione del benessere nei luoghi di lavoro Della donna si

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino I rapporti fra politica e cultura nell esperienza

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza 1 Una premessa Sono consapevole di accingermi a uno sforzo temerario:

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

INDICE PREMESSA...XVII CAPITOLO 1 L APPROVAZIONE DELLA LEGGE COME PROCESSO DI DECISIONE COLLETTIVA: SPUNTI INTERDISCIPLINARI

INDICE PREMESSA...XVII CAPITOLO 1 L APPROVAZIONE DELLA LEGGE COME PROCESSO DI DECISIONE COLLETTIVA: SPUNTI INTERDISCIPLINARI PREMESSA...XVII CAPITOLO 1 L APPROVAZIONE DELLA LEGGE COME PROCESSO DI DECISIONE COLLETTIVA: SPUNTI INTERDISCIPLINARI 1.1. Il metodo per l analisi delle scelte collettive...1 1.2. Fondamenti logici del

Dettagli

I DUE POLI DELLA RAPPRESENTANZA NEL TERZO SETTORE

I DUE POLI DELLA RAPPRESENTANZA NEL TERZO SETTORE IL VOLONTARIATO VA di Paola Springhetti I DUE POLI DELLA RAPPRESENTANZA NEL TERZO SETTORE Non si possono difendere i diritti dei più deboli senza un adeguato lavoro di lobby con i decisori pubblici. Ma

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

Infosecurity italia 2003 INFORMATION WARFARE & BUSINESS INTELLIGENCE

Infosecurity italia 2003 INFORMATION WARFARE & BUSINESS INTELLIGENCE Infosecurity italia 2003 INFORMATION WARFARE & BUSINESS INTELLIGENCE INTRODUZIONE AI LAVORI Ferrante Pierantoni Introduzione ai Lavori La rapida evoluzione degli ultimi decenni e la conseguente trasformazione

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar Il breve periodo della Repubblica di Weimar è rimasto impresso nella memoria collettiva del popolo tedesco e dell Europa come quello della cosiddetta iperinflazione,

Dettagli

Le co.co.pro. nelle Organizzazioni aventi finalità socio/assistenziali e sanitarie dopo la Circolare del Ministero del lavoro n.

Le co.co.pro. nelle Organizzazioni aventi finalità socio/assistenziali e sanitarie dopo la Circolare del Ministero del lavoro n. www.bollettinoadapt.it, 12 luglio 2013 Le co.co.pro. nelle Organizzazioni aventi finalità socio/assistenziali e sanitarie dopo la Circolare del Ministero del lavoro n. 7/2013 di Valeria Filippo Come noto,

Dettagli

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 «Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 Eminenza, Signore e Signori rappresentanti delle autorità pubbliche, Signore e Signori membri e protagonisti delle comunità educative delle Scuole Cattoliche e di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica.

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica. Quale Credito cooperativo? Il Governatore di Banca d Italia, nel corso del suo recente intervento al Congresso annuale Assiom Forex del 7 febbraio c.te, ha dedicato una puntuale riflessione al sistema

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

"Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management " ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo

Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management  ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo "Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management " ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo Marco Bianchini Premessa Il Knowledge Management, come sostenuto da Peter

Dettagli

La democrazia fra mito e realtà

La democrazia fra mito e realtà Centro Coscienza Attività 2011-2012 La democrazia fra mito e realtà Allegato n. 16 , .,...'... la democrazia può assumere il suo vero significato solo seguendo la direzione impressa dalle scelte della

Dettagli

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado.

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Walter Moro L abbandono precoce della scuola che si registra nell obbligo d istruzione, in particolare

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni di Maria Soldati Che cosa è? La valutazione delle prestazioni E un sistema orientato allo sviluppo e alla valorizzazione delle persone e non una drammatica resa dei conti. Ha come campo di definizione,

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698

23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698 23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698 Il comportamento imprudente del lavoratore danneggiato nella dinamica dell infortunio se, da un lato, non esclude la responsabilità del datore di

Dettagli

Trotsky: Terrorismo e Comunismo

Trotsky: Terrorismo e Comunismo Trotsky: Terrorismo e Comunismo di Francesco Ricci Un Treno Speciale Il treno era attrezzato per servire da ufficio e da quartier generale, da centrale di comando e da mezzo di guerra. I suoi vagoni ospitavano

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE Oggetto: Istanza di nomina di Amministratore di sostegno in favore di YY, nata a -- il -.-.1913, residente in --, istanza svolta da Xx,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Intervento Convegno sul tema L impresa moderna oltre i confini del profitto.

Intervento Convegno sul tema L impresa moderna oltre i confini del profitto. Intervento Convegno sul tema L impresa moderna oltre i confini del profitto. Ci troviamo spesso a dover rispondere ad una domanda che ci viene posta con una certa insistenza, soprattutto da parte di chi

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Analisi del profilo di Assistente tecnico nella scuola

Analisi del profilo di Assistente tecnico nella scuola Analisi del profilo di Assistente tecnico nella scuola L evoluzione della figura professionale Primo aspetto importante da prendere in esame è quello storico, da cui è possibile traguardare il ruolo moderno

Dettagli

COMUNE DI PERETO PROVINCIA DI L AQUILA SISTEMA PERMANENTE DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE

COMUNE DI PERETO PROVINCIA DI L AQUILA SISTEMA PERMANENTE DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE COMUNE DI PERETO PROVINCIA DI L AQUILA SISTEMA PERMANENTE DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE Adottato con deliberazione della Giunta Comunale n.49 del 25.06.2013 Costituisce allegato

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni 11 settembre 2013 - 2 - Inhalt 1 Contesto 2 Valutare le esigenze in

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799)

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) COSA FU Fu un periodo di radicale e a tratti violento sconvolgimento sociale, politico e culturale occorso in Francia tra il 1789 e il 1799, i cui effetti principali

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Circolare n. 90 Roma, 30.12.2004 Prot. n. 18613 Allegati: n. 7

Dettagli

Linee guida per la comunicazione dell Associazione

Linee guida per la comunicazione dell Associazione AREA ISTITUZIONALE Punto 10.7 Linee guida per la comunicazione dell Associazione Premessa La comunicazione è senza dubbio uno strumento essenziale per la nostra Associazione, per poterne promuovere e valorizzare

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

CORSO DI ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Gianni Maria Strada

CORSO DI ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Gianni Maria Strada CORSO DI ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Gianni Maria Strada 1 Leadership Anno Accademico 2013-2014 Sistemi organizzativi 2 3 La Passione Platone vede l uomo come fosse un auriga che guida due cavalli,

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby

Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby di Vincenzo Mascellaro Mantova, 27_10_08 La comunicazione d Impresa La comunicazione

Dettagli

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano RUGGIERO CAFARI PANICO Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano LE ATTIVITÀ FUNERARIE NEL DIRITTO EUROPEO: IL NUOVO DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA 1. Introduzione.

Dettagli

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA.

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. "Da Internet passa la partecipazione tra la Pubblica amministrazione e il cittadino, la riforma della

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Osservazioni sulla opinione pubblica

Osservazioni sulla opinione pubblica Forum Esiste l opinione pubblica Tre saggi 2 Osservazioni sulla opinione pubblica di Francesco Saverio Trincia ()... @ & @... () ; & ()... &... @ ()..... Il testo è pubblicato da, rivista on-line registrata;

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI

PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI SENATO DELLA REPUBBLICA 1ª COMMISSIONE (Affari Costituzionali) AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI TESTO BASE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

IL PROLETARIATO E LA QUESTIONE SALARIALE (Prospettiva Marxista maggio 2013)

IL PROLETARIATO E LA QUESTIONE SALARIALE (Prospettiva Marxista maggio 2013) IL PROLETARIATO E LA QUESTIONE SALARIALE (Prospettiva Marxista maggio 2013) Confronto dei salari italiani con quelli dell area europea Alle fondamenta della società capitalistica vi è la compravendita

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L.

NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L. NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L. CODICE ETICO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: FEBBRAIO 2007 DOCUMENTO AGGIORNATO A: MARZO 2009 Pag. 2/23 INDICE 1 Premesse 4 2 Obiettivo 6 3 Struttura del Codice Etico

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ

EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE FORUM NAZIONALE EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ Documento di Sintesi 1 TORINO, 4 6 GIUGNO 2007 CENTRO CONGRESSI DEL LINGOTTO

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano COS È L ETICA? PRINCIPI E REGOLE DI COMPORTAMENTO ADOTTATE

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli