La Westbindung: una parola chiave nella storia della politica estera tedesca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Westbindung: una parola chiave nella storia della politica estera tedesca"

Transcript

1 Gabriele D Ottavio La Westbindung: una parola chiave nella storia della politica estera tedesca Chi vuol parlare della politica estera della Repubblica federale tedesca a partire dalla fine della seconda guerra mondiale deve necessariamente confrontarsi con il concetto di Westbindung. Si tratta di un concetto «empirico» o «osservativo», facilmente riconducibile alla politica del legame con l Occidente della RFT. D altra parte, al cospetto del dibattito che ancora appassiona gli specialisti della materia, la conoscenza e la comprensione di questa politica sono tutt altro che scontate 1. In questa sede, ci proponiamo di discutere alcune questioni storiografiche, integrabili l una con l altra, che ruotano intorno all idea dell ancoraggio della RFT all Occidente e che costituiscono una premessa fondamentale da cui partire per utilizzare il concetto di Westbindung come strumento di analisi della politica estera tedesca. In particolare, si affronterà il tema della periodizzazione della Westbindung, la valutazione della relativa autonomia di questa politica e, infine, la questione del rapporto tra la Westbindung e le precedenti tradizioni di politica estera. Prima di entrare nel merito dei quesiti selezionati, è utile, tuttavia, fornire una qualche definizione del referente empirico del concetto che si vuole esaminare, il che, peraltro, ci permette di esplicitare, in via preliminare, l ambito disciplinare in cui ci s intende muovere. L idea di Westbindung (letteralmente: legame con l Occidente) non si riferisce, infatti, solamente ad un orientamento di politica estera. Recenti studi si sono, per esempio, avvalsi del medesimo termine e di concetti affini, come Verwestlichung e Westernisierung (Occidentalizzazione), per ripercorrere quel processo di liberalizzazione che ha investito, su scala più ampia, i valori, i modelli e gli ideali politici e sociali, così come la cultura politica della Germania nel suo complesso nel secondo dopoguerra 2. Tuttavia, scegliendo nell area di ricerca della storia politica quel 1 Per il dibatitto storiografico si veda C. Mauch, Im Western angekommen. Ideengeschichtliche Forschungen zur frühen Bundesrepublik, in: Historische Zeitschrift, 272, 2001, pp e B. Stöver, Kontroversen um die Geschichte. Die Bundesrepublik Deutschland, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt, 2002, pp Cfr. A. Doering-Manteuffel, Wie westlich sind die Deutschen? Amerikanisierung und Westernisierung im 20. Jahrhundert, Vadenhoeck &Ruprecht,Göttingen

2 settore specifico che è stato definito come storia politica delle relazioni internazionali 3, il concetto di Westbindung si definisce più chiaramente come una «scelta di collocazione strategica» o, se preferiamo, una moderna politica delle alleanze, che si concretizza, nella sua duplice prospettiva europea e atlantica, con la partecipazione continuata della RFT alle varie forme del processo d integrazione europea e con la sua ammissione alla Nato. Si tratta di una definizione che, al di là delle ragioni e dei vincoli di carattere metodologico, trova il suo fondamento storico nella constatazione che sia le potenze occidentali che la maggioranza della classe dirigente tedesca identificarono tale politica con una delle più importanti soluzioni strategiche per il problema prioritario della sicurezza nel nuovo contesto della guerra fredda. Come è stato ben sintetizzato da Hanrieder con la tesi del «doppio contenimento» 4, da un lato, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, sia pure con i dovuti distinguo, ritennero opportuno inserire la Germania Ovest in un sistema di alleanze che la proteggesse dalla minaccia sovietica e da se stessa, dall altro, la leadership tedesca considerò la politica di piena integrazione nel sistema occidentale anche e soprattutto come una scelta razionale particolarmente efficace per rispondere a tutti quei problemi che derivavano dalla condizione speciale della Germania di paese sconfitto, occupato e diviso, a sovranità limitata, situato lungo la linea di demarcazione del conflitto tra est e ovest. Una prima questione di grande rilevanza sia storica che storiografica riguarda la possibilità di individuare la data di inizio della Westbindung. Premettiamo che si tratta di una questione di non facile soluzione. Per alcuni studiosi, l inserimento della RFT nel sistema occidentale ha inizio con il piano Marshall e si conclude con il trattato dell Eliseo 5 ; altri sottolineano, invece, come i passi più importanti verso ovest siano stati compiuti solo dopo la creazione della Rft, con riferimento particolare alla partecipazione della Germania Ovest alla Ceca, alla poi fallita Ced e in particolare alla Nato 6. Il tipo di risposta che viene dato a questa domanda dipende, inevitabilmente, dal 3 Per un approfondimento sulla disciplina negli ultimi cinquant anni si veda il contributo di E. Aga-Rossi, La storia politica delle relazioni internazionali, in: G. Orsina (a cura di), Fare storia politica. Il problema dello spazio pubblico nell età contemporanea, Rubbettino Soveria Mannelli Cfr. W. F. Hanrieder, Deutschland, Europa, America, Paderborn, Schöningh, Cfr. L. Herbst, Option für den Westen. Vom Marshallplan bis zum deutsch-französischen Vertrag, München,1989 (1996 seconda versione). 6 Cfr. H-P. Schwarz, Die Ära Adenauer. Gründerjahre der Republik Geschichte der Bundesrepublik Deutschland. Vol 3, Stuttgart, Wiesbaden, 1981; dello stesso autore, Die Fünfziger Jahre 2

3 peso specifico che i diversi studiosi attribuiscono ai singoli eventi, il che solleva tutta una serie di altre questioni tutt altro che irrilevanti, ma che in questa sede non è possibile approfondire. Mi limito alla considerazione che non si tratta di aspetti secondari per la comprensione degli anni della transizione alla democrazia in Germania: occorre, infatti, valutare il ruolo che ha avuto il piano Marshall in relazione al miracolo economico degli anni 50 7 ovvero lo scoppio della guerra di Corea rispetto alla questione del riarmo della Germania 8, i motivi e le dinamiche che hanno portato al fallimento della Ced e alla successiva integrazione delle forze armate tedesche nella Nato 9 e, più in generale, il legame tra la prospettiva europea e la prospettiva atlantica 10. Stabilire con precisione quale sia stata la prima tappa realmente determinante ai fini dell inserimento della Bundesrepublik all interno del sistema occidentale ci sembra, d altra parte, un impresa alquanto difficile, se non impossibile, anche e soprattutto in considerazione del fatto che, come si dirà meglio più avanti, la RFT ancora oggi continua a rinnovare sia le obbligazioni atlantiche che quelle europee. Ciò che invece si può rilevare, sia pur ricorrendo ad una semplificazione metodologica che ci porta a privilegiare il punto di vista della sola classe dirigente tedesca, è il momento in cui la Westbindung si profila non solo come un orientamento di politica estera auspicabile, bensì anche come un progetto politico concreto. Da questa prospettiva, è evidente che l attenzione deve essere focalizzata sul periodo immediatamente successivo alla nascita della Bundesrepublik, che peraltro coincide con quello in cui iniziano a prendere forma sia la prospettiva europea che quella atlantica. Come è stato ormai da tempo acquisito dalla storiografia, Konrad Adenauer (e con lui altri importanti personaggi politici dell epoca) aveva elaborato il suo orientamento filooccidentale ed europeista già negli anni venti e comunque sicuramente prima della als Epochenzäsur, in: J. Heideking, G. Hfnagel, F. Knipping (a cura di), Wege in die Zeitgeschichte, Walter de Gruyter, Berlin-New York 1989, pp e C. Kleßmann, Die doppelte Staatsgründung. Deutsche Geschichte , Bonn Per un approfondimento si veda W. Link, Der Marshall-Plan und Deutschland, in: Aus Politik und Zeitgeschichte, B 50/1980, pp e C. Maier e G. Bischof (a cura di), Deutschland und der Marshall- Plan, Baden-Baden Cfr. H-P.Schwarz 1982, R. Steininger, Wiederbewaffnung! Die Entscheidung für einen westdeutschen Verteidigungsbeitrag: Adenauer und die Westmächte 1950, Erlangen 1989; 9 Militärgeschichtliches Forschungsamt (a cura di), Anfänge westdeutscher Sicherheitspolitik , München 1982; F. Gauzy, Remilitarisation er affirmation du processus démocratique: le cas du second réarmement allemand ( ), in Revue d Allemagne et des pays de langue allemande, avril-juin 1998, G.E.Rusconi Germania, Italia, Europa. Dallo stato di potenza alla «potenza civile», Einaudi, Torino, 2003, pp Cfr. P. Craveri e G. Quagliariello, Atlantismo ed Europeismo, Rubbettino,

4 nascita della Bundesrepublik 11. Tuttavia, fu solo nel 1949, in seguito alla concreta materializzazione della guerra fredda, alla divisione delle due Germanie e soprattutto all assunzione della carica di cancelliere della Repubblica Federale di Germania (e dal marzo 1951 anche di quella di ministro degli Esteri), che la Westbindung poté assumere ai suoi occhi la forma e il valore di un progetto politico concreto perseguibile nella sua duplice prospettiva europea e atlantica; anche perché nel frattempo, a partire dalla primavera dello stesso anno, stando alle memorie dell allora segretario di Stato americano Acheson, l integrazione della Germania nel blocco occidentale era diventata prioritaria anche per gli Stati Uniti 12. A tale proposito, è utile ricordare una delle interviste che il neo-eletto cancelliere rilasciò nel novembre 1949: in quell occasione Adenauer ventilò, per la prima volta dalla fine della guerra, l ipotesi che nel caso gli alleati avessero chiesto ai tedeschi di contribuire attivamente alla difesa dell Europa, ciò sarebbe potuto avvenire, eventualmente, anche attraverso la partecipazione di un contingente militare tedesco all interno di un esercito europeo. Dietro questa proposta di integrazione, come rivelerà lo stesso Adenauer nelle sue memorie, il cancelliere intravedeva, evidentemente sin da allora, la possibilità di perseguire i seguenti obiettivi: «1. Il recupero di sovranità [ ]. 2. La sicurezza [ ]. 3. La realizzazione di una federazione europea» 13. La sostanziale coincidenza degli interessi tra gli alleati e il cancelliere renano e, soprattutto, i forti vincoli cui la Rft fu soggetta fino alla abolizione dello 11 Si veda per esempio H-P. Schwarz, Vom Reich zur Bundesrepublik. Deutschland im Widerstreit der aussenpolitischen Konzeption in den Jahren der Besatzungsherrschaft , Neuvied, 1966, pp. 423 sgg. E H-J. Grabbe,Unionsparteien, Sozialdemokratie und Vereinigten Staaten von Amerika , Düsseldorf 1983, pp Per quanto riguarda il periodo immediatamente successivo alla fine della seconda guerra mondiale, molto citata è la lettera inviata da Adenauer al borgomastro di Duisburg, il 31 ottobre 1945, dalla quale emerge chiaramente come l allora sindaco di Colonia avesse intuito, già all epoca, quale sarebbe stata l evoluzione della politica internazionale e quali le conseguenze da trarre per quella «parte della Germania che non [era] soggetta al dominio della Russia»: 12 Cfr. Dean Acheson, Present at Creation. My years in the State Department, New York, 1969, p La convinzione del governo degli Stati Uniti che la Westbindung della RFT fosse la migliore garanzia per raggiungere la sicurezza «per la Germania e dalla Germania» venne, tuttavia, esplicitata ufficialmente solo nel novembre 1949, con la direttiva politica inviata all Alto commissario americano McCloy. Cfr. Policy Directive for the United States High Commissioner for Germany, , FRUS, 1949, III, pp (p.319 sg), citata in H-J Grabbe, Unionsparteien, Sozialdemokratie und Vereinigten Staaten von Amerika, Düsseldorf, op. cit. p K. Adenauer Erinnerungen I, pp. 342 sg e 345 sgg. I tre punti li ritroviamo, sia pure in maniera non così schematica, in una lettera privata indirizzata a Frau Wessels del 27 agosto 1949, StBKAH, in: Rudolph Morsey und Hans Peter Schwarz (Hrsg), Adenauer. Briefe (=Rhöndorfer Ausgabe), Berlin 1985, S.96 sgg. 4

5 statuto di occupazione sollevano d altra parte il dubbio, se sia legittimo considerare la Westbindung alla stregua di una libera scelta di politica estera della classe dirigente tedesca ovvero se tale opzione politica sia stata semplicemente imposta dagli alleati 14. Lo studioso tedesco Ludolf Herbst 15 ha provato a dare una risposta a questo quesito, individuando nelle principali revisioni dello statuto di occupazione (che, come noto, furono riferite ad imprese come la Ceca, la poi fallita Ced e l ammissione della Rft alla Nato) la cartina di tornasole per stabilire se il progressivo recupero di porzioni di sovranità da parte della RFT debba essere ascritto esclusivamente alla volontà degli Alleati ovvero fin quando e in che modo sia stato favorito dall operato politico del cancelliere. Dall analisi, a nostro avviso molto convincente, si giunge alla conclusione che i meriti che vengono generalmente riconosciuti a Konrad Adenauer, da una letteratura forse fin troppo benevola nei suoi confronti, devono essere relativizzati alla luce del fatto che fino all entrata in vigore dei trattati di Parigi lo spazio e i margini di manovra a disposizione della classe dirigente tedesca erano davvero molto limitati. Le condizioni relative ai tempi e ai modi con cui si sarebbe dovuto realizzare, ed effettivamente si concretizzò, l inserimento della Germania Ovest all interno del sistema occidentale vennero, infatti, sempre dettate dalle potenze occidentali. Tuttavia, sempre Herbst (e non è l unico) mette, al contempo, in evidenza come lo «stile» particolare di Adenauer nell interpretare la sua parte di cancelliere degli Alleati abbia senza dubbio contribuito a creare le premesse necessarie perché gli Alleati si sentissero davvero garantiti nel proseguire sulla via della Westbindung. Più precisamente, il suo atteggiamento di incondizionata disponibilità a rinunciare a porzioni di sovranità (al punto da arrivare in alcuni casi a concedere più di quanto fosse necessario secondo la logica del do ut des), così come la sua collaborazione costruttiva 14 Non ci sono dubbi invece per quanto riguarda il periodo compreso tra la fine della seconda guerra mondiale e la nascita della RFT. Così Christian Hacke: «Deutsche Außenpolitik nach 1945 war keine Frage von Möglichkeiten, denn Deutschland unterlag zunächst dem Diktat der Sieger». Cfr. C. Hacke, Die Entscheidung für die politische Westbindung nach 1945, in: R. Zitelmann, K. H. Weissmann, M Grossheim, Westbindung, op. cit., 129 sg. Tuttavia, non bisogna trascurare il fatto che proprio in questo periodo si sviluppa una controversia tutta interna sulla futura prospettiva internazionale della Germania, che vede in Konrad Adenauer, Kurt Schumacher e Jakob Kaiser i suoi principali interpreti e che si protrarrà per tutto il corso degli anni 50. Cfr. H-P. Schwarz, Vom Reich zur Bundesrepublik. Deutschland im Widerstreit der außenpolitischen Konzeptionen in den Jahren der Besatzungsherrschaft , Stuttgart 1980 (seconda edizione). 15 Cfr. L.Herbst, Stil und Handlungsspielräume westdeutscher Integrationspolitik, in: L. Herbst, W. Bührer Werner, H. Sowade, Vom Marshallplan zur EWG. Die Eingliederung der Bundesrepublik Deutschland in die westliche Welt, München, Oldenbourg, 1990, pp

6 all interno delle prime istituzioni europee comunitarie, avrebbero fatto sì che agli occhi degli occidentali le intenzioni del governo tedesco apparissero credibili, incoraggiando la scelta, niente affatto naturale e inevitabile a quell epoca, di sostituire nei confronti della Germania sconfitta il principio di subordinazione con quello di sopranazionalità. Si tratta, d altra parte, di una tesi che assume un valore ancor maggiore al cospetto di quei personaggi politici di primissimo piano che, indipendentemente dall effettiva praticabilità delle loro alternative, adottarono nei primissimi anni di vita della Repubblica Federale delle posizioni diverse, se non diametralmente opposte a quelle di Adenauer 16. La SPD di Kurt Schumacher, che pure non era pregiudizialmente ostile alla politica di allineamento con l occidente, come è noto criticò duramente il meccanismo in base al quale la RFT si sarebbe dovuta integrare incondizionatamente all interno di una serie di strutture occidentali prima ancora di aver raggiunto la sovranità e l unità nazionale, finendo per votare contro tutte le principali tappe integrazioniste della prima metà degli anni 50: dalla Ceca, alla Ced, all ingresso della RFT nella Nato. D altra parte, anche tra i partiti dell Unione e tra i liberali c era chi non condivideva pienamente il corso di politica estera intrapreso da Konrad Adenauer. Tra i cristiano-democratici, il più noto concorrente del cancelliere renano era Jakob Kaiser, che tra l altro avrebbe fatto parte della compagine governativa nei primi anni 50. Ancor prima che la RFT vedesse la luce, Kaiser aveva espresso l auspicio che la Germania potesse restare al di fuori della contrapposizione tra i due blocchi, assumendo una funzione di mediazione tra est e ovest 17. Ciò che è rilevante è che gli antagonisti di Adenauer esprimevano, in maniera più o meno diretta, un timore che era al contempo molto diffuso anche tra la popolazione: ossia, che un inserimento prematuro e radicale dell elemento tedesco all interno del «blocco occidentale» potesse compromettere definitivamente l obiettivo della riunificazione. Se l idea della Westbindung finì dunque per essere accettata dalla stragrande maggioranza della popolazione, ciò si deve, in ultima analisi, anche alla tenacia e alla coerenza con cui Adenauer ha perseguito tale 16 Sulle controversie della fine degli anni 40 e dei primi anni 50 si veda H-P.Schwarz, Vom Reich zur Bundesrepublik. Deutschland im Widerstreit der außenpolitischen Konzeptionen in den Jahren der Bestazungsherrschaft , Stuttgart 1980; H-J. Grabbe, Unionsparteien, Sozialdemokratie und Vereinigten Staaten von Amerika, Düsseldorf, Droste, Cfr. Helga Haftendorn, Deutsche Aussenpolitik zwischen Selbstbeschränkung und Selbstbehauptung , Stuttgart München, Deutsche Verlags-Anstalt, 2001, pp. 57 sg. 17 Cfr. Jakob Kaiser, Wir haben Brücke zu sein in: Christian Hacke (cura di), Reden, Äußerungen und Aufsätze zur Deutschlandpolitik, Köln

7 politica. Alla luce di ciò riteniamo legittimo, sia da un punto di vista metodologico che sul piano storico, attribuire grande rilievo al ruolo di Konrad Adenauer una figura che risulta, a tutti gli effetti, imprescindibile per spiegare la politica di piena integrazione nel sistema occidentale. Queste considerazioni ci portano direttamente ad affrontare un ultima questione, che riguarda il rapporto tra la Westbindung e le precedenti tradizioni di politica estera tedesca. Non c è dubbio che la Westbindung rappresenta, nel complesso, una politica assolutamente innovativa se non rivoluzionaria nella storia della politica estera tedesca 18. La stessa scelta degli alleati occidentali, con particolare attenzione ai due principali partner strategici, Stati Uniti e Francia, costituisce un primo importante elemento di novità. Se ripercorriamo la storia della politica estera tedesca negli ultimi due secoli, constatiamo, infatti, che la tradizionale disputa tra «occidentalisti» e «orientalisti» fino alla seconda guerra mondiale, dalla convenzione di Tauroggen del generale Yorck del 1812 al Drei-Kaiser-Bund, dall accordo Čičerin-Rathenau al patto Molotov-Ribbentropp del 1939, è sempre stata vinta dai secondi, cioè da coloro che privilegiavano le relazioni con i paesi orientali. Inoltre, l aspetto sul quale vale la pena soffermarsi riguarda il carattere squisitamente moderno della Westbindung. Esso consiste, in primo luogo, nel fatto che la ragion d essere di questa politica delle alleanze, cioè il problema della sicurezza, in un contesto internazionale dominato dalla contrapposizione tra due blocchi politicamente, ideologicamente ed economicamente omogenei e incompatibili tra loro, non si limitava più alla sola sfera strategico-militare, bensì comprendeva anche le prospettive di stabilità politica ed economica e di sicurezza sociale 19. Personaggi politici come Adenauer, ma anche come De Gasperi, furono tra i primi a riconoscere questa più stretta compenetrazione tra le condizioni esterne e i fattori interni che veniva imposta dalle logiche della guerra fredda. Questa precoce presa d atto fa di loro degli uomini assolutamente moderni. Al contempo, ci suggerisce l idea che la distinzione di cui sopra tra le due accezioni della Westbindung, da una parte definita come una scelta di collocazione strategica, dall altra come un fenomeno 18 Cfr. Besson 1970; Kaiser e Morgan 1970; Hacke Per un analisi approfondita del concetto di sicurezza come possibile paradigma interpretativo per ripercorrere l intera storia della Bundesrepublik si veda il prezioso contributo di E. Conze, Sicherheit al Kultur. Überlegungen zu einer modernen Politikgeschichte der Bundesrepublik Deutschland, in VfZ 3 /2005, pp

8 più ampio di interpretazione del mondo, sia in realtà sul piano storico molto sottile. In secondo luogo, e questo è un aspetto strettamente connesso al primo punto, sono le stesse modalità attraverso le quali quest alleanza con l Occidente prende corpo a presentare dei tratti assolutamente moderni. Se è vero, come abbiamo visto, che la Westbindung fu ispirata da classiche logiche di politica di potenza, sia pure riadattate al cospetto dei mutamenti introdotti dalla guerra fredda, è altrettanto vero il fatto che la sua realizzazione sia avvenuta attraverso l impiego di strumenti inediti nella storia diplomatica, come la cessione di sovranità o, se preferiamo, l accettazione di vincoli permanenti 20. Strumenti che si sono rivelati tali da rendere improbabile un allontanamento della RFT dallo schieramento occidentale, addirittura irrealistica l ipotesi di un ritorno alla politica dell altalena (Schaukelstuhlpolitik) e sicuramente più solidi e duraturi, se non inscindibili, i legami che si andavano progressivamente creando tra Germania Ovest e i suoi nuovi alleati. E ciò appare tanto più evidente dall osservatorio privilegiato del dopo unificazione. In ultima analisi, la novità della Westbindung consisteva nel fatto che quest opzione strategica, al contrario delle precedenti alleanze diplomatiche, comportava sin da principio dei forti vincoli, tali da renderla una scelta che sarebbe stata, prevedibilmente, di lungo periodo. E non è certo un caso, a mio avviso, che l idea della rivoluzione in politica estera, associata alla Westbindung, sia stata formulata per la prima volta nel , cioè, proprio nel momento in cui si poteva essere indotti, sia pure erroneamente, a pensare che con la politica di normalizzazione dei rapporti con Mosca, con l Europa Orientale e soprattutto con l altra Germania si stesse inaugurando in politica estera un nuovo corso diametralmente opposto alla politica occidentale. Non ci resta che trarre qualche conclusione sul metodo e sulla validità della Westbindung come strumento di comprensione della politica estera nel lungo periodo. Per quanto sia «ormai assodato che lo studio della storia non può prescindere dalla conoscenza dei concetti» 22, ci possono essere delle riserve rispetto ad un esplicito 20 Cfr. E. Conze, Percorsi verso la Comunità Atlantica. Americanizzazione, occidentalizzazione ed europeizzazione nella politica internazionale della Repubblica Federale Tedesca, in: G. E. Rusconi e H. Woller (a cura di), Italia e Germania La costruzione dell Europa, il Mulino, Bologna Cfr. W. Besson, Der Streit der Traditionen. Über die historischen Grundlagen der westdeutschen Außenpolitik, in: K. Kaiser und R. Morgan (a cura di), F. Cammarano e M.S. Piretti (a cura di), Parole chiave della storia contemporanea, cit, p.7. 8

9 utilizzo di strumenti che, in diversa misura, appartengono anche ad altre discipline delle scienze sociali. Il pericolo principale è che il loro impiego possa condurre ad un eccessiva semplificazione di una trama (come quella storica) che semplice non è. Non c è dubbio, infatti, che l utilizzo dei concetti finisca, in un modo o nell altro, per modellare l oggetto di analisi a seconda di quelle che sono le specifiche esigenze della ricerca. Tuttavia, è opportuno distinguere tra quella che è un arbitraria distorsione della realtà e quello che è, invece, il tentativo di attribuire un rilievo preciso ai diversi elementi del quadro e dell oggetto che si vogliono esaminare. Perché questo tentativo sia funzionale alla comprensione critica di ciò che è realmente accaduto, è, d altra parte, indispensabile che il risultato di questa sorta di «pulizia concettuale» non sia solo la conseguenza di pure scelte teoriche o di preferenze metodologiche preconcette, ma anche e soprattutto il prodotto di un attenta analisi dei fatti. Su questo sfondo, la Westbindung ci sembra un concetto fondamentale per capire la storia della politica estera tedesca dalla fine della seconda guerra mondiale ai gironi nostri: essa, a ben vedere, ha rappresentato il principale quadro di riferimento della politica estera tedesca e di ogni sforzo per la riunificazione per tutti i cancellieri che si sono susseguiti da Adenauer a Kohl. Si tratta di un concetto forte che ci aiuta a leggere le persistenze della politica estera tedesca nel lungo periodo, ma anche i suoi cambiamenti strategici. Del resto, come la guerra fredda non può essere considerata come un tempo unico, allo stesso modo non si può negare che anche la storia della Westbindung, che di quel paradigma storico è figlia, ha attraversato delle fasi molto diverse tra loro. La fase della Ostpolitik, come abbiamo detto, è una di queste e sicuramente una delle più importanti. Ciononostante, ci sentiamo autorizzati a sostenere che la RFT sia rimasta fedele al suo ruolo in Europa e nell alleanza atlantica per tutto il periodo considerato: nella funzione di avamposto dell Impero Occidentale nella contrapposizione tra est e ovest, in quella di snodo all'interno del fronte occidentale, che ha visto la classe dirigente tedesca, soprattutto durante il lungo decennio gollista, mediare le istanze antagonistiche emerse tra Francia e Stati Uniti, così con l avvio della Neue Ostpolitik nella fase della «distensione». La riunificazione del paese, infine, per le modalità con cui è avvenuta (la decisione di procedere all estensione delle strutture politiche e legali della RFT ai territori della RDT piuttosto che alla fusione delle due entità in un nuovo organismo statale e all elaborazione di una nuova Costituzione) e per le sue conseguenze (il trattato 9

10 di Maastricht e l ingresso della Germania unita nella Nato) ha finito per rinnovare e per estendere sia le obbligazioni atlantiche che quelle europee della Germania unita. E invece indubitato, sia pure nel contesto di un mutamento complessivo di paradigma storico reso evidente dall 11 settembre 2001, che la decisione dell ex-cancelliere Schröder di opporsi all intervento militare americano in Iraq nel marzo 2003 abbia rappresentato un importante svolta nell ambito di quella che fino a quel momento era stata considerata un alleanza indefettibile. E, tuttavia, ancora troppo presto per azzardare l ipotesi che si sia trattato di un vero punto di non ritorno nella storia della Westbindung, anche perché gli allarmismi per un possibile ritorno al Sonderweg della Germania del secondo dopoguerra si sono finora rivelati infondati. 10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione di Silvia Spattini 1. Le novità normative su l anagrafe dei lavoratori e lo stato di disoccupazione L art. 3 del d.l. n.

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Proposta di lettura statistica del database

Proposta di lettura statistica del database Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza?

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza? Retroscena Il caso La catena di vendita al dettaglio Jumbo è stata accusata da Kodak di importare direttamente dalla Gran Bretagna pellicole a colori e macchine fotografiche usa e getta brevettate. Kodak

Dettagli

Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni

Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni 1. Coesione e coerenza: i connettivi testuali I CONNETTIVI I passaggi da un capoverso ad un altro e da un paragrafo ad

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.050 Messaggio concernente una modifica della legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (nuove prescrizioni in materia di investimenti del Fondo di compensazione dell AVS)

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LA GRANDE GUERRA sui media

LA GRANDE GUERRA sui media LA GRANDE GUERRA sui media 1 IL CENTRO http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/11/21/news/marini-la-grande-guerra-e-il-terrorismo- 1.12485624 Il CENTRO 22 novembre 2015 2 Il Messaggero 22 novembre

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 25/08 ATTIVAZIONE DI UN SISTEMA DI RICERCA DELLE OFFERTE COMMERCIALI DELLE IMPRESE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS Documento per la consultazione Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 8 agosto

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO AEEG

Dettagli

Innovazioni nella programmazione 2014-2020 e valutazione ex ante. Paola Casavola DPS UVAL 11 luglio 2013

Innovazioni nella programmazione 2014-2020 e valutazione ex ante. Paola Casavola DPS UVAL 11 luglio 2013 Innovazioni nella programmazione 2014-2020 e valutazione ex ante Paola Casavola DPS UVAL 11 luglio 2013 Perché le innovazioni nella programmazione sono molto rilevanti per la valutazione ex ante e la VAS?

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Amministrazione Kennedy

Amministrazione Kennedy Amministrazione Kennedy Politica estera poggia su 4 pilastri: Abbandono della rappresaglia massiccia e adozione della risposta flessibile: obiettivo calibrare la reazione al tipo e tenore dell iniziativa

Dettagli

AGENZIA PER LE ONLUS. ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER LE ONLUS. ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla contestuale iscrizione di un associazione di promozione sociale nel Registro

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Passaggio a Nord-Ovest

Passaggio a Nord-Ovest Passaggio a Nord-Ovest di Edoardo E. Macallè 16 settembre 2013 NIKKAIA Strategie 1 Breve, Brevissimo, Medio, Lungo: parole che un tempo qualificavano anche coloro che giusto su tali basi operative lavoravano

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA Liceo Linguistico Manzoni DOCENTE: Gabriele Gualtieri MATERIA: Storia Classe 4 Sezione A FINALITÀ DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI: COGNITIVI

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

La Pianificazione Strategica: Strumento per le Decisioni di Lungo Periodo Gen. B.A. Sergio Villa

La Pianificazione Strategica: Strumento per le Decisioni di Lungo Periodo Gen. B.A. Sergio Villa La Pianificazione Strategica: Strumento per le Decisioni di Lungo Periodo Gen. B.A. Sergio Villa destinato ad essere più o meno invasivo, in particolare laddove esista una data di partenza ed una di completamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Sono felice di essere qui oggi a dare il mio sostegno al progetto Ladder. per la promozione dell'educazione allo sviluppo a livello locale.

Sono felice di essere qui oggi a dare il mio sostegno al progetto Ladder. per la promozione dell'educazione allo sviluppo a livello locale. ALDA - progetto LADDER Sono felice di essere qui oggi a dare il mio sostegno al progetto Ladder per la promozione dell'educazione allo sviluppo a livello locale. Sono stato per tanti anni sindaco di Padova

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla contestuale iscrizione di un associazione di promozione sociale nel Registro di cui all art.

Dettagli