La Westbindung: una parola chiave nella storia della politica estera tedesca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Westbindung: una parola chiave nella storia della politica estera tedesca"

Transcript

1 Gabriele D Ottavio La Westbindung: una parola chiave nella storia della politica estera tedesca Chi vuol parlare della politica estera della Repubblica federale tedesca a partire dalla fine della seconda guerra mondiale deve necessariamente confrontarsi con il concetto di Westbindung. Si tratta di un concetto «empirico» o «osservativo», facilmente riconducibile alla politica del legame con l Occidente della RFT. D altra parte, al cospetto del dibattito che ancora appassiona gli specialisti della materia, la conoscenza e la comprensione di questa politica sono tutt altro che scontate 1. In questa sede, ci proponiamo di discutere alcune questioni storiografiche, integrabili l una con l altra, che ruotano intorno all idea dell ancoraggio della RFT all Occidente e che costituiscono una premessa fondamentale da cui partire per utilizzare il concetto di Westbindung come strumento di analisi della politica estera tedesca. In particolare, si affronterà il tema della periodizzazione della Westbindung, la valutazione della relativa autonomia di questa politica e, infine, la questione del rapporto tra la Westbindung e le precedenti tradizioni di politica estera. Prima di entrare nel merito dei quesiti selezionati, è utile, tuttavia, fornire una qualche definizione del referente empirico del concetto che si vuole esaminare, il che, peraltro, ci permette di esplicitare, in via preliminare, l ambito disciplinare in cui ci s intende muovere. L idea di Westbindung (letteralmente: legame con l Occidente) non si riferisce, infatti, solamente ad un orientamento di politica estera. Recenti studi si sono, per esempio, avvalsi del medesimo termine e di concetti affini, come Verwestlichung e Westernisierung (Occidentalizzazione), per ripercorrere quel processo di liberalizzazione che ha investito, su scala più ampia, i valori, i modelli e gli ideali politici e sociali, così come la cultura politica della Germania nel suo complesso nel secondo dopoguerra 2. Tuttavia, scegliendo nell area di ricerca della storia politica quel 1 Per il dibatitto storiografico si veda C. Mauch, Im Western angekommen. Ideengeschichtliche Forschungen zur frühen Bundesrepublik, in: Historische Zeitschrift, 272, 2001, pp e B. Stöver, Kontroversen um die Geschichte. Die Bundesrepublik Deutschland, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt, 2002, pp Cfr. A. Doering-Manteuffel, Wie westlich sind die Deutschen? Amerikanisierung und Westernisierung im 20. Jahrhundert, Vadenhoeck &Ruprecht,Göttingen

2 settore specifico che è stato definito come storia politica delle relazioni internazionali 3, il concetto di Westbindung si definisce più chiaramente come una «scelta di collocazione strategica» o, se preferiamo, una moderna politica delle alleanze, che si concretizza, nella sua duplice prospettiva europea e atlantica, con la partecipazione continuata della RFT alle varie forme del processo d integrazione europea e con la sua ammissione alla Nato. Si tratta di una definizione che, al di là delle ragioni e dei vincoli di carattere metodologico, trova il suo fondamento storico nella constatazione che sia le potenze occidentali che la maggioranza della classe dirigente tedesca identificarono tale politica con una delle più importanti soluzioni strategiche per il problema prioritario della sicurezza nel nuovo contesto della guerra fredda. Come è stato ben sintetizzato da Hanrieder con la tesi del «doppio contenimento» 4, da un lato, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, sia pure con i dovuti distinguo, ritennero opportuno inserire la Germania Ovest in un sistema di alleanze che la proteggesse dalla minaccia sovietica e da se stessa, dall altro, la leadership tedesca considerò la politica di piena integrazione nel sistema occidentale anche e soprattutto come una scelta razionale particolarmente efficace per rispondere a tutti quei problemi che derivavano dalla condizione speciale della Germania di paese sconfitto, occupato e diviso, a sovranità limitata, situato lungo la linea di demarcazione del conflitto tra est e ovest. Una prima questione di grande rilevanza sia storica che storiografica riguarda la possibilità di individuare la data di inizio della Westbindung. Premettiamo che si tratta di una questione di non facile soluzione. Per alcuni studiosi, l inserimento della RFT nel sistema occidentale ha inizio con il piano Marshall e si conclude con il trattato dell Eliseo 5 ; altri sottolineano, invece, come i passi più importanti verso ovest siano stati compiuti solo dopo la creazione della Rft, con riferimento particolare alla partecipazione della Germania Ovest alla Ceca, alla poi fallita Ced e in particolare alla Nato 6. Il tipo di risposta che viene dato a questa domanda dipende, inevitabilmente, dal 3 Per un approfondimento sulla disciplina negli ultimi cinquant anni si veda il contributo di E. Aga-Rossi, La storia politica delle relazioni internazionali, in: G. Orsina (a cura di), Fare storia politica. Il problema dello spazio pubblico nell età contemporanea, Rubbettino Soveria Mannelli Cfr. W. F. Hanrieder, Deutschland, Europa, America, Paderborn, Schöningh, Cfr. L. Herbst, Option für den Westen. Vom Marshallplan bis zum deutsch-französischen Vertrag, München,1989 (1996 seconda versione). 6 Cfr. H-P. Schwarz, Die Ära Adenauer. Gründerjahre der Republik Geschichte der Bundesrepublik Deutschland. Vol 3, Stuttgart, Wiesbaden, 1981; dello stesso autore, Die Fünfziger Jahre 2

3 peso specifico che i diversi studiosi attribuiscono ai singoli eventi, il che solleva tutta una serie di altre questioni tutt altro che irrilevanti, ma che in questa sede non è possibile approfondire. Mi limito alla considerazione che non si tratta di aspetti secondari per la comprensione degli anni della transizione alla democrazia in Germania: occorre, infatti, valutare il ruolo che ha avuto il piano Marshall in relazione al miracolo economico degli anni 50 7 ovvero lo scoppio della guerra di Corea rispetto alla questione del riarmo della Germania 8, i motivi e le dinamiche che hanno portato al fallimento della Ced e alla successiva integrazione delle forze armate tedesche nella Nato 9 e, più in generale, il legame tra la prospettiva europea e la prospettiva atlantica 10. Stabilire con precisione quale sia stata la prima tappa realmente determinante ai fini dell inserimento della Bundesrepublik all interno del sistema occidentale ci sembra, d altra parte, un impresa alquanto difficile, se non impossibile, anche e soprattutto in considerazione del fatto che, come si dirà meglio più avanti, la RFT ancora oggi continua a rinnovare sia le obbligazioni atlantiche che quelle europee. Ciò che invece si può rilevare, sia pur ricorrendo ad una semplificazione metodologica che ci porta a privilegiare il punto di vista della sola classe dirigente tedesca, è il momento in cui la Westbindung si profila non solo come un orientamento di politica estera auspicabile, bensì anche come un progetto politico concreto. Da questa prospettiva, è evidente che l attenzione deve essere focalizzata sul periodo immediatamente successivo alla nascita della Bundesrepublik, che peraltro coincide con quello in cui iniziano a prendere forma sia la prospettiva europea che quella atlantica. Come è stato ormai da tempo acquisito dalla storiografia, Konrad Adenauer (e con lui altri importanti personaggi politici dell epoca) aveva elaborato il suo orientamento filooccidentale ed europeista già negli anni venti e comunque sicuramente prima della als Epochenzäsur, in: J. Heideking, G. Hfnagel, F. Knipping (a cura di), Wege in die Zeitgeschichte, Walter de Gruyter, Berlin-New York 1989, pp e C. Kleßmann, Die doppelte Staatsgründung. Deutsche Geschichte , Bonn Per un approfondimento si veda W. Link, Der Marshall-Plan und Deutschland, in: Aus Politik und Zeitgeschichte, B 50/1980, pp e C. Maier e G. Bischof (a cura di), Deutschland und der Marshall- Plan, Baden-Baden Cfr. H-P.Schwarz 1982, R. Steininger, Wiederbewaffnung! Die Entscheidung für einen westdeutschen Verteidigungsbeitrag: Adenauer und die Westmächte 1950, Erlangen 1989; 9 Militärgeschichtliches Forschungsamt (a cura di), Anfänge westdeutscher Sicherheitspolitik , München 1982; F. Gauzy, Remilitarisation er affirmation du processus démocratique: le cas du second réarmement allemand ( ), in Revue d Allemagne et des pays de langue allemande, avril-juin 1998, G.E.Rusconi Germania, Italia, Europa. Dallo stato di potenza alla «potenza civile», Einaudi, Torino, 2003, pp Cfr. P. Craveri e G. Quagliariello, Atlantismo ed Europeismo, Rubbettino,

4 nascita della Bundesrepublik 11. Tuttavia, fu solo nel 1949, in seguito alla concreta materializzazione della guerra fredda, alla divisione delle due Germanie e soprattutto all assunzione della carica di cancelliere della Repubblica Federale di Germania (e dal marzo 1951 anche di quella di ministro degli Esteri), che la Westbindung poté assumere ai suoi occhi la forma e il valore di un progetto politico concreto perseguibile nella sua duplice prospettiva europea e atlantica; anche perché nel frattempo, a partire dalla primavera dello stesso anno, stando alle memorie dell allora segretario di Stato americano Acheson, l integrazione della Germania nel blocco occidentale era diventata prioritaria anche per gli Stati Uniti 12. A tale proposito, è utile ricordare una delle interviste che il neo-eletto cancelliere rilasciò nel novembre 1949: in quell occasione Adenauer ventilò, per la prima volta dalla fine della guerra, l ipotesi che nel caso gli alleati avessero chiesto ai tedeschi di contribuire attivamente alla difesa dell Europa, ciò sarebbe potuto avvenire, eventualmente, anche attraverso la partecipazione di un contingente militare tedesco all interno di un esercito europeo. Dietro questa proposta di integrazione, come rivelerà lo stesso Adenauer nelle sue memorie, il cancelliere intravedeva, evidentemente sin da allora, la possibilità di perseguire i seguenti obiettivi: «1. Il recupero di sovranità [ ]. 2. La sicurezza [ ]. 3. La realizzazione di una federazione europea» 13. La sostanziale coincidenza degli interessi tra gli alleati e il cancelliere renano e, soprattutto, i forti vincoli cui la Rft fu soggetta fino alla abolizione dello 11 Si veda per esempio H-P. Schwarz, Vom Reich zur Bundesrepublik. Deutschland im Widerstreit der aussenpolitischen Konzeption in den Jahren der Besatzungsherrschaft , Neuvied, 1966, pp. 423 sgg. E H-J. Grabbe,Unionsparteien, Sozialdemokratie und Vereinigten Staaten von Amerika , Düsseldorf 1983, pp Per quanto riguarda il periodo immediatamente successivo alla fine della seconda guerra mondiale, molto citata è la lettera inviata da Adenauer al borgomastro di Duisburg, il 31 ottobre 1945, dalla quale emerge chiaramente come l allora sindaco di Colonia avesse intuito, già all epoca, quale sarebbe stata l evoluzione della politica internazionale e quali le conseguenze da trarre per quella «parte della Germania che non [era] soggetta al dominio della Russia»: 12 Cfr. Dean Acheson, Present at Creation. My years in the State Department, New York, 1969, p La convinzione del governo degli Stati Uniti che la Westbindung della RFT fosse la migliore garanzia per raggiungere la sicurezza «per la Germania e dalla Germania» venne, tuttavia, esplicitata ufficialmente solo nel novembre 1949, con la direttiva politica inviata all Alto commissario americano McCloy. Cfr. Policy Directive for the United States High Commissioner for Germany, , FRUS, 1949, III, pp (p.319 sg), citata in H-J Grabbe, Unionsparteien, Sozialdemokratie und Vereinigten Staaten von Amerika, Düsseldorf, op. cit. p K. Adenauer Erinnerungen I, pp. 342 sg e 345 sgg. I tre punti li ritroviamo, sia pure in maniera non così schematica, in una lettera privata indirizzata a Frau Wessels del 27 agosto 1949, StBKAH, in: Rudolph Morsey und Hans Peter Schwarz (Hrsg), Adenauer. Briefe (=Rhöndorfer Ausgabe), Berlin 1985, S.96 sgg. 4

5 statuto di occupazione sollevano d altra parte il dubbio, se sia legittimo considerare la Westbindung alla stregua di una libera scelta di politica estera della classe dirigente tedesca ovvero se tale opzione politica sia stata semplicemente imposta dagli alleati 14. Lo studioso tedesco Ludolf Herbst 15 ha provato a dare una risposta a questo quesito, individuando nelle principali revisioni dello statuto di occupazione (che, come noto, furono riferite ad imprese come la Ceca, la poi fallita Ced e l ammissione della Rft alla Nato) la cartina di tornasole per stabilire se il progressivo recupero di porzioni di sovranità da parte della RFT debba essere ascritto esclusivamente alla volontà degli Alleati ovvero fin quando e in che modo sia stato favorito dall operato politico del cancelliere. Dall analisi, a nostro avviso molto convincente, si giunge alla conclusione che i meriti che vengono generalmente riconosciuti a Konrad Adenauer, da una letteratura forse fin troppo benevola nei suoi confronti, devono essere relativizzati alla luce del fatto che fino all entrata in vigore dei trattati di Parigi lo spazio e i margini di manovra a disposizione della classe dirigente tedesca erano davvero molto limitati. Le condizioni relative ai tempi e ai modi con cui si sarebbe dovuto realizzare, ed effettivamente si concretizzò, l inserimento della Germania Ovest all interno del sistema occidentale vennero, infatti, sempre dettate dalle potenze occidentali. Tuttavia, sempre Herbst (e non è l unico) mette, al contempo, in evidenza come lo «stile» particolare di Adenauer nell interpretare la sua parte di cancelliere degli Alleati abbia senza dubbio contribuito a creare le premesse necessarie perché gli Alleati si sentissero davvero garantiti nel proseguire sulla via della Westbindung. Più precisamente, il suo atteggiamento di incondizionata disponibilità a rinunciare a porzioni di sovranità (al punto da arrivare in alcuni casi a concedere più di quanto fosse necessario secondo la logica del do ut des), così come la sua collaborazione costruttiva 14 Non ci sono dubbi invece per quanto riguarda il periodo compreso tra la fine della seconda guerra mondiale e la nascita della RFT. Così Christian Hacke: «Deutsche Außenpolitik nach 1945 war keine Frage von Möglichkeiten, denn Deutschland unterlag zunächst dem Diktat der Sieger». Cfr. C. Hacke, Die Entscheidung für die politische Westbindung nach 1945, in: R. Zitelmann, K. H. Weissmann, M Grossheim, Westbindung, op. cit., 129 sg. Tuttavia, non bisogna trascurare il fatto che proprio in questo periodo si sviluppa una controversia tutta interna sulla futura prospettiva internazionale della Germania, che vede in Konrad Adenauer, Kurt Schumacher e Jakob Kaiser i suoi principali interpreti e che si protrarrà per tutto il corso degli anni 50. Cfr. H-P. Schwarz, Vom Reich zur Bundesrepublik. Deutschland im Widerstreit der außenpolitischen Konzeptionen in den Jahren der Besatzungsherrschaft , Stuttgart 1980 (seconda edizione). 15 Cfr. L.Herbst, Stil und Handlungsspielräume westdeutscher Integrationspolitik, in: L. Herbst, W. Bührer Werner, H. Sowade, Vom Marshallplan zur EWG. Die Eingliederung der Bundesrepublik Deutschland in die westliche Welt, München, Oldenbourg, 1990, pp

6 all interno delle prime istituzioni europee comunitarie, avrebbero fatto sì che agli occhi degli occidentali le intenzioni del governo tedesco apparissero credibili, incoraggiando la scelta, niente affatto naturale e inevitabile a quell epoca, di sostituire nei confronti della Germania sconfitta il principio di subordinazione con quello di sopranazionalità. Si tratta, d altra parte, di una tesi che assume un valore ancor maggiore al cospetto di quei personaggi politici di primissimo piano che, indipendentemente dall effettiva praticabilità delle loro alternative, adottarono nei primissimi anni di vita della Repubblica Federale delle posizioni diverse, se non diametralmente opposte a quelle di Adenauer 16. La SPD di Kurt Schumacher, che pure non era pregiudizialmente ostile alla politica di allineamento con l occidente, come è noto criticò duramente il meccanismo in base al quale la RFT si sarebbe dovuta integrare incondizionatamente all interno di una serie di strutture occidentali prima ancora di aver raggiunto la sovranità e l unità nazionale, finendo per votare contro tutte le principali tappe integrazioniste della prima metà degli anni 50: dalla Ceca, alla Ced, all ingresso della RFT nella Nato. D altra parte, anche tra i partiti dell Unione e tra i liberali c era chi non condivideva pienamente il corso di politica estera intrapreso da Konrad Adenauer. Tra i cristiano-democratici, il più noto concorrente del cancelliere renano era Jakob Kaiser, che tra l altro avrebbe fatto parte della compagine governativa nei primi anni 50. Ancor prima che la RFT vedesse la luce, Kaiser aveva espresso l auspicio che la Germania potesse restare al di fuori della contrapposizione tra i due blocchi, assumendo una funzione di mediazione tra est e ovest 17. Ciò che è rilevante è che gli antagonisti di Adenauer esprimevano, in maniera più o meno diretta, un timore che era al contempo molto diffuso anche tra la popolazione: ossia, che un inserimento prematuro e radicale dell elemento tedesco all interno del «blocco occidentale» potesse compromettere definitivamente l obiettivo della riunificazione. Se l idea della Westbindung finì dunque per essere accettata dalla stragrande maggioranza della popolazione, ciò si deve, in ultima analisi, anche alla tenacia e alla coerenza con cui Adenauer ha perseguito tale 16 Sulle controversie della fine degli anni 40 e dei primi anni 50 si veda H-P.Schwarz, Vom Reich zur Bundesrepublik. Deutschland im Widerstreit der außenpolitischen Konzeptionen in den Jahren der Bestazungsherrschaft , Stuttgart 1980; H-J. Grabbe, Unionsparteien, Sozialdemokratie und Vereinigten Staaten von Amerika, Düsseldorf, Droste, Cfr. Helga Haftendorn, Deutsche Aussenpolitik zwischen Selbstbeschränkung und Selbstbehauptung , Stuttgart München, Deutsche Verlags-Anstalt, 2001, pp. 57 sg. 17 Cfr. Jakob Kaiser, Wir haben Brücke zu sein in: Christian Hacke (cura di), Reden, Äußerungen und Aufsätze zur Deutschlandpolitik, Köln

7 politica. Alla luce di ciò riteniamo legittimo, sia da un punto di vista metodologico che sul piano storico, attribuire grande rilievo al ruolo di Konrad Adenauer una figura che risulta, a tutti gli effetti, imprescindibile per spiegare la politica di piena integrazione nel sistema occidentale. Queste considerazioni ci portano direttamente ad affrontare un ultima questione, che riguarda il rapporto tra la Westbindung e le precedenti tradizioni di politica estera tedesca. Non c è dubbio che la Westbindung rappresenta, nel complesso, una politica assolutamente innovativa se non rivoluzionaria nella storia della politica estera tedesca 18. La stessa scelta degli alleati occidentali, con particolare attenzione ai due principali partner strategici, Stati Uniti e Francia, costituisce un primo importante elemento di novità. Se ripercorriamo la storia della politica estera tedesca negli ultimi due secoli, constatiamo, infatti, che la tradizionale disputa tra «occidentalisti» e «orientalisti» fino alla seconda guerra mondiale, dalla convenzione di Tauroggen del generale Yorck del 1812 al Drei-Kaiser-Bund, dall accordo Čičerin-Rathenau al patto Molotov-Ribbentropp del 1939, è sempre stata vinta dai secondi, cioè da coloro che privilegiavano le relazioni con i paesi orientali. Inoltre, l aspetto sul quale vale la pena soffermarsi riguarda il carattere squisitamente moderno della Westbindung. Esso consiste, in primo luogo, nel fatto che la ragion d essere di questa politica delle alleanze, cioè il problema della sicurezza, in un contesto internazionale dominato dalla contrapposizione tra due blocchi politicamente, ideologicamente ed economicamente omogenei e incompatibili tra loro, non si limitava più alla sola sfera strategico-militare, bensì comprendeva anche le prospettive di stabilità politica ed economica e di sicurezza sociale 19. Personaggi politici come Adenauer, ma anche come De Gasperi, furono tra i primi a riconoscere questa più stretta compenetrazione tra le condizioni esterne e i fattori interni che veniva imposta dalle logiche della guerra fredda. Questa precoce presa d atto fa di loro degli uomini assolutamente moderni. Al contempo, ci suggerisce l idea che la distinzione di cui sopra tra le due accezioni della Westbindung, da una parte definita come una scelta di collocazione strategica, dall altra come un fenomeno 18 Cfr. Besson 1970; Kaiser e Morgan 1970; Hacke Per un analisi approfondita del concetto di sicurezza come possibile paradigma interpretativo per ripercorrere l intera storia della Bundesrepublik si veda il prezioso contributo di E. Conze, Sicherheit al Kultur. Überlegungen zu einer modernen Politikgeschichte der Bundesrepublik Deutschland, in VfZ 3 /2005, pp

8 più ampio di interpretazione del mondo, sia in realtà sul piano storico molto sottile. In secondo luogo, e questo è un aspetto strettamente connesso al primo punto, sono le stesse modalità attraverso le quali quest alleanza con l Occidente prende corpo a presentare dei tratti assolutamente moderni. Se è vero, come abbiamo visto, che la Westbindung fu ispirata da classiche logiche di politica di potenza, sia pure riadattate al cospetto dei mutamenti introdotti dalla guerra fredda, è altrettanto vero il fatto che la sua realizzazione sia avvenuta attraverso l impiego di strumenti inediti nella storia diplomatica, come la cessione di sovranità o, se preferiamo, l accettazione di vincoli permanenti 20. Strumenti che si sono rivelati tali da rendere improbabile un allontanamento della RFT dallo schieramento occidentale, addirittura irrealistica l ipotesi di un ritorno alla politica dell altalena (Schaukelstuhlpolitik) e sicuramente più solidi e duraturi, se non inscindibili, i legami che si andavano progressivamente creando tra Germania Ovest e i suoi nuovi alleati. E ciò appare tanto più evidente dall osservatorio privilegiato del dopo unificazione. In ultima analisi, la novità della Westbindung consisteva nel fatto che quest opzione strategica, al contrario delle precedenti alleanze diplomatiche, comportava sin da principio dei forti vincoli, tali da renderla una scelta che sarebbe stata, prevedibilmente, di lungo periodo. E non è certo un caso, a mio avviso, che l idea della rivoluzione in politica estera, associata alla Westbindung, sia stata formulata per la prima volta nel , cioè, proprio nel momento in cui si poteva essere indotti, sia pure erroneamente, a pensare che con la politica di normalizzazione dei rapporti con Mosca, con l Europa Orientale e soprattutto con l altra Germania si stesse inaugurando in politica estera un nuovo corso diametralmente opposto alla politica occidentale. Non ci resta che trarre qualche conclusione sul metodo e sulla validità della Westbindung come strumento di comprensione della politica estera nel lungo periodo. Per quanto sia «ormai assodato che lo studio della storia non può prescindere dalla conoscenza dei concetti» 22, ci possono essere delle riserve rispetto ad un esplicito 20 Cfr. E. Conze, Percorsi verso la Comunità Atlantica. Americanizzazione, occidentalizzazione ed europeizzazione nella politica internazionale della Repubblica Federale Tedesca, in: G. E. Rusconi e H. Woller (a cura di), Italia e Germania La costruzione dell Europa, il Mulino, Bologna Cfr. W. Besson, Der Streit der Traditionen. Über die historischen Grundlagen der westdeutschen Außenpolitik, in: K. Kaiser und R. Morgan (a cura di), F. Cammarano e M.S. Piretti (a cura di), Parole chiave della storia contemporanea, cit, p.7. 8

9 utilizzo di strumenti che, in diversa misura, appartengono anche ad altre discipline delle scienze sociali. Il pericolo principale è che il loro impiego possa condurre ad un eccessiva semplificazione di una trama (come quella storica) che semplice non è. Non c è dubbio, infatti, che l utilizzo dei concetti finisca, in un modo o nell altro, per modellare l oggetto di analisi a seconda di quelle che sono le specifiche esigenze della ricerca. Tuttavia, è opportuno distinguere tra quella che è un arbitraria distorsione della realtà e quello che è, invece, il tentativo di attribuire un rilievo preciso ai diversi elementi del quadro e dell oggetto che si vogliono esaminare. Perché questo tentativo sia funzionale alla comprensione critica di ciò che è realmente accaduto, è, d altra parte, indispensabile che il risultato di questa sorta di «pulizia concettuale» non sia solo la conseguenza di pure scelte teoriche o di preferenze metodologiche preconcette, ma anche e soprattutto il prodotto di un attenta analisi dei fatti. Su questo sfondo, la Westbindung ci sembra un concetto fondamentale per capire la storia della politica estera tedesca dalla fine della seconda guerra mondiale ai gironi nostri: essa, a ben vedere, ha rappresentato il principale quadro di riferimento della politica estera tedesca e di ogni sforzo per la riunificazione per tutti i cancellieri che si sono susseguiti da Adenauer a Kohl. Si tratta di un concetto forte che ci aiuta a leggere le persistenze della politica estera tedesca nel lungo periodo, ma anche i suoi cambiamenti strategici. Del resto, come la guerra fredda non può essere considerata come un tempo unico, allo stesso modo non si può negare che anche la storia della Westbindung, che di quel paradigma storico è figlia, ha attraversato delle fasi molto diverse tra loro. La fase della Ostpolitik, come abbiamo detto, è una di queste e sicuramente una delle più importanti. Ciononostante, ci sentiamo autorizzati a sostenere che la RFT sia rimasta fedele al suo ruolo in Europa e nell alleanza atlantica per tutto il periodo considerato: nella funzione di avamposto dell Impero Occidentale nella contrapposizione tra est e ovest, in quella di snodo all'interno del fronte occidentale, che ha visto la classe dirigente tedesca, soprattutto durante il lungo decennio gollista, mediare le istanze antagonistiche emerse tra Francia e Stati Uniti, così con l avvio della Neue Ostpolitik nella fase della «distensione». La riunificazione del paese, infine, per le modalità con cui è avvenuta (la decisione di procedere all estensione delle strutture politiche e legali della RFT ai territori della RDT piuttosto che alla fusione delle due entità in un nuovo organismo statale e all elaborazione di una nuova Costituzione) e per le sue conseguenze (il trattato 9

10 di Maastricht e l ingresso della Germania unita nella Nato) ha finito per rinnovare e per estendere sia le obbligazioni atlantiche che quelle europee della Germania unita. E invece indubitato, sia pure nel contesto di un mutamento complessivo di paradigma storico reso evidente dall 11 settembre 2001, che la decisione dell ex-cancelliere Schröder di opporsi all intervento militare americano in Iraq nel marzo 2003 abbia rappresentato un importante svolta nell ambito di quella che fino a quel momento era stata considerata un alleanza indefettibile. E, tuttavia, ancora troppo presto per azzardare l ipotesi che si sia trattato di un vero punto di non ritorno nella storia della Westbindung, anche perché gli allarmismi per un possibile ritorno al Sonderweg della Germania del secondo dopoguerra si sono finora rivelati infondati. 10

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre La storia della presenza umana sul pianeta è stata tracciata dai mutamenti nella relazione tra comunità umane e comunità ecologiche, in un processo in cui

Dettagli

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. I padri fondatori dell UE

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. I padri fondatori dell UE LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA I padri fondatori LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Questa pubblicazione fa parte di una serie che illustra le varie politiche europee, spiegando quali sono le competenze

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli