Capitolo 6 Verso la codificazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 6 Verso la codificazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni"

Transcript

1 Parte seconda Dallo Stato moderno alle prime codificazioni Capitolo 6 Verso la codificazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni Sommario 1. La caduta dell assolutismo e l emancipazione dell individuo I progetti di riforma del diritto comune I primi tentativi di codifi cazione: le consolidazioni Le consolidazioni-raccolta in Italia Le consolidazioni-raccolta in Francia, Spagna e Germania Le grandi compilazioni uffi ciali in Francia Le grandi compilazioni uffi ciali in Italia I «codici» bavaresi del Settecento Brevi considerazioni conclusive. 1. La caduta dell assolutismo e l emancipazione dell individuo Si è visto come l assolutismo monarchico, che ebbe negli Stati europei del Seicento la sua più evidente manifestazione, non fosse animato da altro fine che quello di preservare e rafforzare la complessa struttura in cui si sostanziava. Lo scopo perseguito dallo Stato assoluto fu, infatti, essenzialmente quello di modellare la società e le istituzioni secondo schemi funzionali al mantenimento dell ordine costituito. In questo disegno di legittimazione e conservazione dell assolutismo rientra anche un particolare aspetto dell azione politica della maggior parte degli Stati moderni: la razionalizzazione normativa, ossia la progressiva semplifi cazione delle fonti esistenti e la riconduzione al monarca dell intera attività di produzione e di applicazione del diritto, a spese del diritto consuetudinario. Fu proprio in questo clima, grazie anche all esempio inglese, che iniziò a farsi largo l opposizione all assolutismo, fondata sul sempre più sentito bisogno di vedere riconosciuti alcuni diritti inalienabili. Contemporaneamente si assisteva all affermazione di un pensiero non conformista, il quale attingeva le sue fortune alle dottrine di Leibniz, di Bacone e di Cartesio, e dalle metodologie sperimentali del pensiero scientifico di Galileo e di Newton.

2 132 Parte seconda L età moderna dalla nascita dello Stato moderno ai primi tentativi di codifi cazione È all opera di questi fi losofi infatti che si deve la cosiddetta rivoluzione scientifica del Seicento. In questa sede è bene solo ricordare alcune delle acquisizioni più importanti di questa «rivoluzione»: la forma rotonda della terra, la teoria eliocentrica (secondo la quale è la Terra a girare intorno al sole e non viceversa), l affermazione di un metodo sperimentale in virtù del quale, in campo scientifi co, le affermazioni teoriche devono cedere il passo all osservazione empirica dei fenomeni, sono solo alcune di esse. Ciò che importa è che, nel complesso, la fi losofi a logico-scientifi ca del XVI secolo sgretola uno per uno i principi su cui si basava la concezione del mondo fi sico medievale, mettendo contemporaneamente in crisi anche l attendibilità di verità fi no a quel momento ritenute inattaccabili perché fondate sulla rivelazione divina. Da Cartesio, Galilei e Newton in avanti, infatti, la ragione umana diventa lo strumento principale di analisi del mondo, e non c è conoscenza scientifi camente valida che non sia fondata su di essa. Dottrina «Il mondo è, agli occhi dei nuovi filosofi [ ], non un divino mistero, ma un campo di umana attività, creazione e fenomeno naturale. Tra le conseguenze di questo pensiero laico, spesso incredulo e irreligioso [ ], c è un vivo e diretto interesse per i problemi della vita pubblica. Ai primi del Settecento, tale movimento contro le concezioni le quali avevano fino ad allora costituito la piattaforma del sistema assolutistico è ormai alquanto avanzato. Diventa opinione sempre più diffusa che i sovrani, i principi e gli altri grandi della società sono uomini come tutti gli altri. [ ] Che l ordinamento della società e gli indirizzi precedentemente seguiti sono antiquati e vanno profondamente mutati: non, però, alla luce dei dogmi o della teologia o della tradizione e della spiritualità cristiana, ma a quella [ ] della pura ragione, della cultura, delle leggi naturali, cioé di nuovi principi di conoscenza, a diretto contatto con la realtà quotidiana. La ragione, diventata punto unitario e centrale della concezione generale dell universo, sembra dunque battere in breccia il vecchio mondo della tradizione [ ] di cerchie privilegiate e ristrette di popolazione» (MARONGIU). La nuova mentalità scientifica, fondata sulla ragione, non poteva non avere ripercussioni anche sulla concezione del diritto, dove l emancipazione dell individuo dal giogo di autorità secolari si trasforma nella rivendicazione di nuovi margini di libertà in campo giuridico e politico. 2. I progetti di riforma del diritto comune I moderni Stati europei avevano ereditato dal medioevo un sistema di fonti varie e molteplici che avevano portato alla formazione del diritto comune. La disordinata convivenza di tali molteplici fonti accelerò l esigenza di una legislazione unitaria, coerente ed ordinata razionalmente che, però, si realizzerà pienamente solo con le codificazioni del XIX secolo. Prima di tale momento il progetto d unificazione legislativa era visto più come un ideale irraggiungibile anche perché si riteneva quasi impossibile prescindere dal diritto comune, che era considerato un sistema insuperabile.

3 Capitolo 6 Verso la codifi cazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni 133 Dottrina «La soluzione del drammatico problema delle fonti giuridiche non poteva essere realisticamente e praticamente perseguita in termini di codificazione e come programma di governo che intorno alla fine del secolo (XVIII), nel clima riformistico dominato dai nuovi ideali individualistici e liberali del giusnaturalismo, che la cultura illuministica avrebbe fatto propri. In un ordinamento come quello francese, poi, rimasto estraneo ad una politica di governo illuminata, solo la Rivoluzione avrebbe portato, coi codici di Napoleone, l unità del diritto» (CAVANNA). 3. I primi tentativi di codifi cazione: le consolidazioni Grazie all impulso innovatore, conferito dalle istanze del giusnaturalismo, si assiste nei primi decenni del Settecento in tutta Europa a vari tentativi di raccolta e sistemazione delle leggi, eliminando quelle superflue e riunendo in un armonica unità le disposizioni ritenute necessarie. Tali raccolte consistevano in collezioni di leggi e sentenze preesistenti, nate per iniziativa privata di singoli giuristi oppure su richiesta uffi ciale del sovrano, ed avevano l obiettivo primario di favorire il reperimento delle leggi nella pratica forense. Sul territorio italiano, il primo tentativo di unificare il diritto può essere considerato quello di Carlo Tapia, giurista napoletano, reggente della Cancelleria (una delle maggiori magistrature del Regno di Napoli) e fautore del costituzionalismo, il quale tra il 1605 ed il 1643 pubblicò il Codice filippino, una raccolta di costituzioni, di capitoli e di prammatiche in onore di Filippo III. Tuttavia, il suo rimase un semplice tentativo, un lavoro privato, dal momento che non ottenne l approvazione del sovrano. Accanto alle compilazioni che si limitavano ad una raccolta organica di materiale preesistente, vanno ricordate anche compilazioni volute da sovrani, che assunsero perciò valore di testi ufficiali che contenevano, tra l altro, nuovi precetti. Il principale carattere distintivo tra compilazioni e codici veri e propri è dato dal fatto che le compilazioni non prescindevano del diritto comune, che veniva considerato comunque il punto di riferimento essenziale per integrare le lacune, pur sempre vaste, del sistema compilativo. In sostanza, nelle compilazioni mancavano i requisiti tipici dei codici veri e propri: la non eterointegrabilità e la completezza, perché esse non si sostituirono al diritto comune, anzi lo riconobbero come proprio fondamento precostituito e si inserirono nel pluralistico sistema di fonti da cui il diritto comune aveva avuto origine. I codici, invece, non ammettono di essere integrati da nessun altra fonte e trovano in se stessi la propria completezza, sostituendosi completamente, per le materie che disciplinano, al diritto preesistente. Soltanto a partire dal terzo decennio del Settecento i tentativi di raccolta legislativa assunsero per la prima volta l aspetto di lotta contro il particolarismo giuridico e contro l interpretatio dei giuristi colti, attribuendo tutto il valore alla lex e alla autorità che l emanava. Viora, con riferimento alle compilazioni parla di consolidazioni, defi nendole espressione della tendenza a raccogliere e concentrare in corpi organici norme emanate in tempi diversi, che altri-

4 134 Parte seconda L età moderna dalla nascita dello Stato moderno ai primi tentativi di codifi cazione menti sarebbero rimasta isolate e disperse. Secondo Viora le consolidazioni si distinguono dai codici in quanto non conterrebbero nuovi precetti, bensì materiale legislativo preesistente. Più in generale, l autore teorizza l esistenza di una vera e propria legge della consolidazione, costituita dalla tendenza delle norme, manifestata in ogni luogo e in ogni epoca, a «consolidarsi e a sistemarsi in corpi organici», dando luogo a compilazioni legislative. Tipico esempio di tale tendenza è offerto in epoca romana dalla compilazione giustinianea, che realizza una collazione ed una riorganizzazione tanto del materiale normativo quanto di quello giurisprudenziale (leges e iura). 4. Le consolidazioni-raccolta in Italia Durante i secoli XVII e XVIII in Italia vennero elaborate numerose consolidazioni ad uso forense, ossia di giudici ed avvocati nei processi. Esse si distinguono in: a) opere compilate su iniziativa di giuristi privati e rimaste prive di valore ufficiale. Trattasi di compilazioni di leggi e di massime giurisprudenziali, con il solo scopo di rendere più agevole la loro individuazione durante i processi (cd. consolidazioni-raccolta); b) opere elaborate su espressa disposizione del sovrano e da questi pubblicate come leggi dello Stato (compilazioni ufficiali). Le consolidazioni più diffuse e di maggiore successo furono quelle che raccoglievano ed ordinavano le norme secondo un criterio cronologico e secondo la loro derivazione da una stessa fonte (ad esempio, norme contenute nei soli statuti comunali o solo in ordinanze regie) e non, invece, quelle derivanti da fonti diverse ma disciplinanti una stessa materia. Tra le più importanti consolidazioni-raccolta possiamo ricordare il Novissimum statutorum ac Venetorum legum volumen, pubblicato nel 1729 e contenenti gli Statuti dei dogi veneziani emanati in materia civile e penale, nonché le Leggi criminali del serenissimo Dominio veneto, pubblicato da Angelo Sabini nel 1751 e contenente tutte le norme (non solo statutarie) emanate in materia penale a Venezia dalla fi ne del XIII secolo alla metà del XVIII. Il Conflictus iureconsultorum inter se discrepantium fu elaborato nel XVII secolo a cura del siciliano Paolo Francesco Perremuto. È diviso in cinque volumi e rappresenta il tentativo dell autore di risistemare le discordanti opinioni dottrinarie e rendere più agevole ai giuristi pratici l individuazione delle soluzioni più adatte ai casi concreti. Il Codex Fabrianus (1606) fu compilato da Antonio Favre in nove libri e contiene la giurisprudenza del Senato di Savoia. In tale Codex, che è strutturato secondo lo schema utilizzato nel Corpus Iuris Civiles di Giustiniano, ogni singola decisione della Corte sabauda è supportata da un commento chiarifi catore del contenuto. Il Gridario Parmense, del 1814, raccoglie in ottantasei volumi bandi, grida ed ordini emanati a partire dal 1200 nel Ducato di Parma. La Raccolta degli Editti dei Duchi della Reale Casa di Savoia (1679) fu compilata (secondo un ordine cronologico) da Gaspare Bally ed è relativa a norme emanate dai principi di Savoia in più di cento anni di regno.

5 Capitolo 6 Verso la codifi cazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni Le consolidazioni-raccolta in Francia, Spagna e Germania A) Francia Anche in Francia le compilazioni curate su iniziativa di giuristi privati avevano il mero scopo di risistemare l immensa e disordinata varietà di materiale normativo in vigore per facilitare la pratica forense. I compilatori non erano animati dall intento, che poi ispirerà gli autori delle codifi cazioni, di creare nuove leggi (abrogando quelle preesistenti e sostituendole con altre) bensì di rendere possibile rinvenire, durante i processi, la norma da applicare al caso concreto. Tra le più importanti consolidazioni-raccolta pubblicate in Francia tra i secoli XVII e XVIII ricordiamo innanzitutto il Codice Enrico III, il Codice Enrico IV, pubblicato nel 1603, e il Codice Marillac (dal nome del compilatore Michel Marillac) che venne pubblicato nel B) Spagna In Spagna l attività compilativa dell enorme materiale normativo si sviluppò non tanto su semplice iniziativa di giuristi privati ma soprattutto su espressa commissione dei sovrani (in particolare della dinastia degli Asburgo e dei Borbone e che attuarono nella penisola iberica una politica accentatrice del diritto sin dalla fine del Quattrocento). Nel 1567 Filippo II di Asburgo promulgò uffi cialmente una consolidazione-raccolta di circa leggi, prammatiche ed ordinanze, elaborate nell arco di un trentennio da diverse commissioni di giuristi. La raccolta, dal titolo Nuova Recopilaciòn, sistemava in nove libri ed in maniera organica tutto il materiale, eliminando le contraddizioni insite nelle norme vigenti in più rami del diritto. Essa divenne la fonte normativa primaria del regno, prevalente su ogni altra fonte. Restò in vigore fi no al 1805, quando venne sostituita da una nuova e più aggiornata consolidazione: la Novissima Recopilación de las leyes de España. Quest ultima fu approntata da Juan De Reguera Valdelomar, su commissione del re Carlo V di Borbone. C) Germania Per quanto riguarda la Germania, può ricordarsi fra le numerose consolidazioni-raccolta pubblicato nei secoli XVII e XVIII il Codex Augustus, un compendio pubblicato nel 1724 da Christian von Lunig su espressa commissione di Augusto Federico I di Sassonia. Tale raccolta raccoglie, in maniera chiara ed organica, numerose leggi in determinate materie di diritto pubblico e privato. D) Conclusioni In definitiva, come osserva Cavanna, nella nascita di questi imponenti compendi legislativi non mancava l influenza di alcuni ideali illuministici, quali quello della linearità, semplicità e chiarezza del diritto, che saranno posti alla base delle esigenze «codicistiche» avanzate dal liberalismo.

6 136 Parte seconda L età moderna dalla nascita dello Stato moderno ai primi tentativi di codifi cazione Tuttavia, è anche vero che tale compilazioni non erano ispirate dall intento di troncare in maniera netta con la legislazione vigente e dare vita ad un nuovo sistema di norme, ma solo dall esigenza di «conservare in condizioni di migliore reperibilità, ordine e certezza la normativa vigente» (CAVANNA). Per dare il segno del profondo mutamento nell assetto giuridico e sociale, nelle configurazioni fu eliminato del tutto dalla norma giuridica il carattere ottriato, cioè di benevola concessione del sovrano, in quanto il diritto non può considerarsi dono di nessuno e che il sovrano deve limitarsi a garantirne il corretto funzionamento dell ordinamento. Prioritaria, infine, secondo gli ideali illuministici, era l intenzione di porre fine all ineguaglianza civile di classi, ceti ed ordini: mettere ordine nella smisurata congerie di norme e diritti particolari e decretare una legge unica, uguale per tutti, significava, da questo punto di vista, compiere un fondamentale, per quanto teorico, passo in avanti. 6. Le grandi compilazioni uffi ciali in Francia A) Le Ordinanze di Luigi XIV Nella Francia secentesca rivestono un importanza particolare le Ordinanze (Ordonnances) emanate da Luigi XIV nella seconda metà del 600. Esse, anche se non animate dall esigenza di rinnovamento assoluto del diritto che ispirerà le codificazioni rivoluzionarie, si distinguono nettamente nella loro struttura e nella tecnica adottata dalle semplici consolidazioni-raccolta. Tale ordinanze si inserivano nell ambito della politica assolutistica ed accentatrice voluta da Luigi XIV, il Re Sole, sovrano assoluto che incarna la legge di Dio, si identifica con la Nazione e deve, come il sole, illuminare e guidare la vita dei sudditi. Il programma politico di Luigi XIV, elaborato ed attuato attraverso l infaticabile appoggio del suo ministro Jean Baptiste Colbert ( ) consisteva nell unificazione globale del diritto, dunque nel raggiungimento dell unità giuridica nazionale. A tale scopo venne istituito un Consiglio generale per la riforma della giustizia, presieduto dallo stesso sovrano e composto da Colbert e da altri valenti giuristi, tra cui il Presidente del Parlamento di Parigi, Guglielmo de Lamoignon. Nel 1667 fu emanata la prima ordinanza: l Ordinanza civile per la riforma della giustizia, che in 35 titoli e con estrema concisione e linearità imponeva a tutte le Corti del Regno di uniformarsi ad essa nello svolgimento dei processi. Nel 1670 vide la luce l Ordinanza criminale, che uniformava i procedimenti penali. Al 1673 risale l Ordinanza sul commercio, che in 12 libri raccoglieva il regolamento generale del commercio. Infi ne, nel 1681 fu emanata l Ordinanza sulla marina, che in 5 libri elaborava con tecnica ammirevole l insieme delle consuetudini e delle norme statutarie sul diritto marittimo, emanate nel corso dei secoli. Tale ordinanza, che espressamente abrogava le ordinanze, le consuetudini, le leggi, le norme statutarie e le usanze diverse o contrarie a quelle in essa contenute, costituirà per i compilatori del codice commerciale dell Ottocento un modello d indiscutibile validità, così come determinante sarà il suo infl usso persino sul codice italiano della navigazione del 1942.

7 Capitolo 6 Verso la codifi cazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni 137 Il complesso di questi atti legislativi costituiscono una riformulazione su basi razionali del diritto preesistente. Pur non potendo essere annoverate nell ambito delle vere e proprie codificazioni (che presuppongono non tanto una radicale cesura rispetto alla tradizione giuridica, quanto una completezza organica e la non integrabilità da parte di altre fonti) e pur inserendosi nella sistematica del diritto comune, le ordinanze di Luigi XIV sono da collocarsi allo stadio di un avanzato ma non concluso processo verso la codifi cazione. Ciò che manca alle ordinanze di Luigi XIV per poter essere considerate dei veri e propri codici è, in definitiva, il carattere di unicità, esclusività e non eterointegrabilità. La mancanza dei caratteri di unicità, esclusività e non-eterointegrabilità è attestata da diversi dati relativi alle Ordonnances di Luigi XIV. Il primo dato riguarda la formula fi nale delle ordinanze. Nella generalità dei casi, tale formula disponeva l abrogazione espressa di tutte le fonti esterne che avessero disciplinato in modo diverso o contrario le fattispecie previste nel testo; non erano invece escluse le fonti che avessero regolato casi non previsti. Era dunque operato un implicito rinvio ad altre fonti per sopperire alle lacune del testo, in aperta contraddizione con l idea di fondo della codifi cazione moderna: quella secondo cui simili lacune possano e debbano essere colmate con il solo ricorso alla logica del sistema. Un secondo ordine di considerazioni concerne il rapporto delle ordinanze con le pronunce giurisprudenziali. In proposito occorre notare come il testo normativo facesse spesso espressamente salvi, in deroga a questo o quell articolo, tanto gli usi giurisprudenziali (sviluppati dalla prassi delle singole corti del regno) quanto gli arrets de réglement (disposizioni emanate dai vari Parlamenti su punti controversi e dotate di effi cacia normativa nell ambito di ciascuna giurisdizione), gli uni e gli altri venendo così equiparati a vere e proprie fonti del diritto. Quanto alle decisioni delle giurisdizioni superiori, anch esse erano espressamente richiamate dalle ordonnances, laddove queste ultime rinviavano ai Réglements des Cours la risoluzione di questioni di particolare complessità. B) Le Ordinanze di Daguessau (XVIII secolo) Le Ordinanze emanate dal procuratore generale e cancelliere Henry Francois Daguessau ( ) durante il regno di Luigi XV si rivolsero alla materia civile, in qualche modo trascurata dalle ordinanze di Colbert. Ad una prima ordinanza sulle donazioni (1731) fecero seguito una sui testamenti (1735) ed una sui fedecommessi (1747). A differenza delle ordinanze secentesche, quelle emanate durante il regno di Luigi XV non disciplinavano interi settori del diritto, ma si interessavano alla disciplina di singoli istituti di diritto privato. Inoltre, piuttosto che mirare ad una raccolta innovativa ed organica del materiale normativo, si ponevano come obiettivo fondamentale l eliminazione delle discordanze tra le diverse opinioni giurisprudenziali esistenti in merito ai suddetti istituti.

8 138 Parte seconda L età moderna dalla nascita dello Stato moderno ai primi tentativi di codifi cazione 7. Le grandi compilazioni uffi ciali in Italia A) Le Costituzioni piemontesi A partire dal terzo decennio del Settecento i tentativi di organizzare le leggi in compilazioni sistematiche costituirono un mezzo di lotta contro il particolarismo giuridico, un mezzo per sminuire l interpretatio a favore della lex. A questo proposito vanno senz altro ricordate le Leggi e Costituzioni di S. M. il Re di Sardegna, promulgate da Vittorio Amedeo II ( ) nel 1723 (in prima edizione) e nel 1729 (in seconda redazione) e più comunemente qualificate come Costituzioni piemontesi. Tali Costituzioni si inseriscono a pieno titolo nel programma di accentramento politico, amministrativo e giudiziario attuato dal re sabaudo. L intento di Vittorio Amedeo II era promuovere l unifi cazione giuridica attraverso un opera di semplificazione e di ammodernamento della normativa vigente, che culminasse in un corpo organico di leggi. La redazione delle Costituzioni fu affi data ad abili giuristi (Zoppi, Riccardi, Legio) e venne attuata con l osservanza di rigidi criteri (impartiti dallo stesso Vittorio Amedeo) di chiarezza, coerenza ed omogeneità sistematica. Nell edizione del 1729 esse risultano composte da sei libri, dedicati rispettivamente alla materia religiosa, all ordinamento giudiziario, alla procedura civile, al diritto ed alla procedura criminale, alla materia civile (ad esempio successioni, prescrizioni, tutela e curatela), al diritto feudale ed ai diritti del fi sco. Le Costituzioni piemontesi non possono definirsi vere e proprie codificazioni, sebbene abbiano introdotto riforme importanti nell ambito della normativa preesistente, sostituendosi in molti casi al diritto comune, e sebbene facessero espresso divieto ai giudici ed agli avvocati di citare nei processi le opinioni dei doctores. B) I progetti legislativi nel Regno di Napoli I tentativi di raccolte legislative attuati nel Regno di Napoli a partire dai primi decenni del Settecento dimostrano che vi era un sostanziale nesso tra la volontà di riforma del sistema giuridico e la volontà di riorganizzare lo Stato su basi razionali. Il Regno divenne un centro di riforme sia sotto Carlo III di Borbone, che nel 1734 venne incoronato re di Napoli, sia durante i primi anni del regno ( ) di suo figlio Ferdinando IV. Carlo III fu ispirato, nel suo progetto di riforma legislativa, dal ministro Bernardo Tanucci, il quale ritenne necessaria una preliminare opera di snellimento e di riorganizzazione razionale delle magistrature al fine di sostituire ai vecchi organi giudicanti, espressione degli interessi di forze politiche in conflitto con il potere del sovrano (baroni, feudatari, ecclesiastici) con una magistratura centralizzata più fedele dalla Corona. Il tentativo ben presto si mostrò fallimentare, dal momento che si scontrò con la rigida resistenza dei ceti interessati, arroccati nella strenua difesa dei propri privilegi.

9 Capitolo 6 Verso la codifi cazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni 139 Coadiuvato dal Tanucci, Carlo III intraprese, contemporaneamente, una politica anticurialistica che porta nel 1741 alla stipulazione di un concordato con la Santa Sede, in cui venivano notevolmente ridotte o addirittura abolite le secolari esenzioni fi scali delle proprietà ecclesiastiche; il diritto di asilo veniva limitato alle sole chiese (e non più ai conventi o ad altri luoghi considerati di pertinenza della chiesa) ed era consentito solo ai colpevoli di reati non gravi; la giurisdizione ecclesiastica venne notevolmente limitata, così come venne ridotto il numero dei sacerdoti ammessi nel Regno. La realizzazione di un codice legislativo fu affidata dal Tanucci al giurista Pasquale Cirillo nel 1740 che, dopo circa trent anni di lavoro presentò un Codex legum Neapolitanarum, ricordato come Codice Carolino. L opera tuttavia si limitava a compendiare in 12 libri una enorme quantità di norme emanate in settori diversi del diritto, con l indicazione (per ciascuna norma) della fonte di provenienza. Malgrado fosse venuto meno il programma di unificazione legislativa, l opera riformatrice dell illuminato ministro toscano Bernardo Tanucci continuò anche quando nel 1759 (in seguito all incoronazione di Carlo III a re di Spagna) la corona passò al minorenne Ferdinando IV. Soprattutto, l azione di Tanucci fu rivolta a limitare e ad assottigliare il potere del ceto feudale. C) I progetti legislativi nel Granducato di Toscana Nel 1737 il governo del Granducato di Toscana era passato dall inerzia delle ultime generazioni dei Medici alla dinastia degli Asburgo-Lorena che, nella persona di Francesco Stefano (duca di Lorena e marito di Maria Teresa d Austria) aveva portato una ventata di più ampio respiro culturale. Animato da entusiastiche idee di riforma dell organizzazione giudiziaria, il sovrano affidò nel 1745 a Pompeo Neri, professore di diritto pubblico a Pisa il compito di elaborare un codice che, sull esempio delle costituzioni piemontesi, raccogliesse tutte le leggi del Granducato. Dottrina Secondo TARELLO «avverso all idea diffusa in Europa dal razionalismo giuridico della possibile riconduzione del diritto (e in particolare del diritto romano) ad un ordine razionale, il Neri assumeva così un atteggiamento antirazionalistico e mostrava di intendere il compito affidatogli come compito di mera raccolta e di prudente coordinamento del materiale legislativo, limitato per di più dal confine, che egli riconosceva imposto al suo progetto, costituito dalla intangibilità del diritto romano comune». Il periodo delle riforme continuò col figlio di Francesco Stefano, Pietro Leopoldo (che salirà poi al trono imperiale d Austria col nome di Leopoldo II). Egli abolì il fi decommesso ed il maggiorascato (due istituti intesi a trasmettere il patrimonio del defunto in maniera indivisa e col divieto per l erede di alienarlo a suo piacimento); rese meno disumane le procedure penali ed abolì la tortura e la pena di morte. In campo giurisdizionale si devono a Leopoldo l abolizione di numerosi privilegi ecclesiastici ed un tentativo di riforma religiosa in senso giansenista che, tuttavia, non ottenne il consenso sperato e venne presto abbandonato.

10 140 Parte seconda L età moderna dalla nascita dello Stato moderno ai primi tentativi di codifi cazione D) La figura di Ludovico Antonio Muratori I progetti di riforma legislativa attuati sia nel Regno di Napoli che nel Granducato di Toscana furono ispirati dal pensiero e dall opera di Ludovico Antonio Muratori ( ), il quale, nel suo Dei difetti della giurisprudenza (1742), analizzò lo stato d incertezza e di confusione nel quale si dibattevano sia il mondo giuridico dell epoca sia il ceto forense. Muratori individuò nella giurisprudenza una serie di gravi difetti, che egli distinse in intrinseci ed estrinseci. I difetti intrinseci sono ineliminabili e derivano da: a) scarsa chiarezza delle norme giuridiche, che inevitabilmente induce la giurisprudenza ad equivoci ed errori; b) inevitabile incompletezza del diritto, che non può prevedere tutti i casi che si presentano nella prassi; c) diffi coltà di impedire che gli interpreti del diritto si lascino infl uenzare nella loro attività dai propri preconcetti, debolezze e pregiudizi. I difetti estrinseci e, quindi, eliminabili, in quanto derivanti dal comportamento dei giuristi sono: a) l innumerevole proliferare delle opinioni dottrinarie e giurisprudenziali contrastanti espresse sui testi di Giustiniano; b) l arbitrio con il quale nei processi vengono applicate le norme giuridiche. E) Le Costituzioni modenesi del 1771 Nella seconda metà del Settecento anche la situazione legislativa del piccolo Ducato di Modena era caratterizzata, così come quella di altri Stati italiani, da un estremo particolarismo. A questa situazione di estrema incertezza del diritto decise di porre rimedio Francesco III, che regnò nel Ducato di Modena dal 1737 al Egli commissionò a cinque insigni giuristi (tra i quali ricordiamo soprattutto Bartolomeo Valdrighi) il compito di compilare un codice che riducesse ad uniformità le diverse leggi e norme statutarie, che abrogasse quelle ormai disapplicate da tempo istituendone di nuove, più rispondenti alle mutate esigenze ed in grado di risolvere le più comuni controversie nei tribunali. La portata politica di tale progetto consentiva al sovrano rivendicare a sé l esclusiva facoltà di produrre diritto per porsi al di sopra di giudici e consociati. Francesco III, inoltre, impose che nel caso di dubbia interpretazione di una norma si facesse ricorso non all arbitrio dei giuristi, bensì all interpretazione fornita dal Consiglio di Giustizia, organo voluto e creato dallo stesso sovrano e in immediato contatto con questi. Nel 1771, dunque, dopo circa due anni di lavoro frenetico da parte della commissione regia, vide la luce il Codice di leggi costituzionali per gli Stati di S. Altezza Serenissima (c.d. Codice Estense), che in cinque libri raccoglieva in maniera chiara ed uniforme la disciplina in materia di ordinamento giudiziario, di procedura civile e penale, di diritto privato e penale, di diritto feudale e fiscale. Anche se il codice estense risulta un opera eccellente dal punto di vista della tecnica di elaborazione, tuttavia non abolì radicalmente il diritto preesistente, perché ammetteva, in via sussidiaria, l integrazione con norme di diritto comune.

11 Capitolo 6 Verso la codifi cazione del diritto nazionale: l esperienza delle consolidazioni I «codici» bavaresi del Settecento Una trattazione a parte merita infine l opera di rinnovamento legislativo realizzata nel XVIII secolo dal Principato di Baviera, il terzo (dopo Prussia ed Austria) tra gli ordinamenti dell area germanica a dar luogo ad una consolidazione del proprio diritto territoriale. L esame dei «codici» bavaresi chiude significativamente l analisi delle compilazioni ufficiali del Settecento: è così evidenziato il ruolo di «anello di congiunzione» tra compilazioni tradizionali e codificazione moderna generalmente attribuito dalla storiografia a tali opere di sistemazione normativa. La riforma del diritto bavarese fu ordinata dal principe elettore Maximilian Joseph III ( ) ed elaborata sotto le direttive dell insigne giurista e vice-cancelliere dello Stato Aloysius Wigulaus von Kreittmayr ( ). L operazione, pur notevolmente semplificata dalla presenza di una precedente compilazione (il Landrecht del 1616), richiese tuttavia un periodo di lavoro piuttosto lungo (dal 1751 al 1756), nell arco del quale furono completate in successione tre raccolte normative. La prima raccolta, pubblicata nel 1751, si intitolava Codex iuris bavarici criminalis e introduceva una nuova legislazione penale. Tale legislazione, pur formalmente sostitutiva del diritto preesistente, appariva nondimeno ispirata ad una concezione del reato e della pena decisamente tradizionale, del tutto estranea all influenza della coeva esperienza illuminista ed agli ideali umanitari e liberali da questa propugnati. La seconda raccolta vide la luce nel 1753 con il nome di Codex iuris bavarici judicialis: in essa si procedeva alla razionalizzazione e semplifi cazione del vigente ordinamento processuale civile; infi ne, l opera di riorganizzazione del diritto bavarese veniva conclusa nel 1756 da una terza raccolta, il Codex bavaricus civilis, le cui disposizioni in materia di diritto civile non escludevano il ricorso alla disciplina preesistente per colmare le eventuali lacune del testo. Da quanto detto risulta evidente che la riforma del diritto bavarese, pur presentando non pochi elementi innovativi quali il rigore logico della sistemazione e la chiarezza espositiva del linguaggio, non si discostò mai dal modello tradizionale delle compilazioni precedenti, caratterizzato dall etero-integrabilità delle fonti e da un rapporto «osmotico» con il sistema dello ius commune. 9. Brevi considerazioni conclusive In definitiva, i tentativi realizzati dagli Stati europei del XVII-XVIII secolo per apportare ordine e certezza al caotico sistema delle fonti possono essere così sintetizzati (utilizzando lo schema del CAVANNA): consolidazioni-raccolte private, cioè raccolte di materiale legislativo o giurisprudenziale attuate per iniziativa privata (o anche su commissione dei pubblici poteri, senza per questo assumere valore legale) e destinate soprattutto a facilitare il reperimento delle fonti da parte degli operatori pratici del diritto;

12 142 Parte seconda L età moderna dalla nascita dello Stato moderno ai primi tentativi di codifi cazione consolidazioni, cioè corpi di norme, gran parte delle quali già vigenti, ordinate e sistemate secondo criteri razionali e organici, cui viene riconosciuto valore legale; neocompilazioni, ossia corpi di norme radicalmente nuove, che però disciplinano solo in parte una certa materia senza pretese di completezza; codificazioni vere e proprie. Queste ultime non possono essere confuse con le consolidazioni, non solo e non tanto perché contengono materiale legislativamente nuovo, disancorato dai principi espressi dalla tradizione, bensì perché completamente nuove sono la teoria delle fonti e l immagine complessiva dell organizzazione politico-sociale che ne costituiscono il fondamento e il presupposto culturale e ideologico. In realtà, anche risistemare il materiale normativo preesistente attribuendogli un ordine e una razionalità che non gli appartengono, come fanno le consolidazioni, significa innovare il diritto. D altra parte, anche i codici napoleonici, in particolare il Code de commerce, non disdegnano di ispirarsi ai principi tradizionali. Ciò che manca alle consolidazioni, invece, è la pretesa di completezza e uniformità proprie dei codici dell epoca moderna: tali raccolte si inseriscono comunque in un panorama variegato di fonti e, se pure abrogano ogni disposizione in esse non recepita, non eliminano tutto il diritto comune e i vari diritti particolari, ma si affiancano ad essi.

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014)

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) 1. Il sindacato di legittimità costituzionale di una legge dello Stato che dà esecuzione a norme internazionali pone sempre

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli