TEORIE E TECNICHE DELLE COMUNICAZIONI DI MASSA. Prof. Geraldina Roberti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEORIE E TECNICHE DELLE COMUNICAZIONI DI MASSA. Prof. Geraldina Roberti"

Transcript

1 TEORIE E TECNICHE DELLE COMUNICAZIONI DI MASSA Anno Accademico

2 Slide lezioni 4 parte

3 La teoria critica e quella culturologica

4 La teoria critica La teoria critica si identifica storicamente nel gruppo di studiosi che ha fatto capo all Institut für Sozialforschung di Francoforte (1923),sotto la direzione di Max Horkheimer. All avvento del Nazismo il gruppo si trasferisce a New York, per tornare in Germania nel Gli autori: Max Horkheimer, Theodor Adorno, Herbert Marcuse, Erich Fromm,, Leo Lowenthal, Walter Benjamin. Università di Siena 4

5 La scuola di Francoforte Riferimenti teorici Formazione marxista ma anche suo parziale superamento. Al marxismo si contesta di ridurre troppo semplicemente la cultura e l arte all economia. Influenza anche della psicologia e della psicoanalisi. Università di Siena 5

6 L industria culturale Horkheimer e Adorno (1947) Parlano di industria culturale per distinguerla dalla cultura di massa e per escludere che si tratti di una cultura che scaturisce dalle masse stesse. La produzione di prodotti culturali segue la stessa logica di ogni altra produzione industriale. I prodotti culturali, i film, i programmi radiofonici, le riviste testimoniano la stessa razionalità tecnica, lo stesso schema di organizzazione e di pianificazione del management della fabbricazione in serie di automobili e di progetti urbanistici. I media costituiscono un sistema la cui offerta è solo apparentemente diversificata. Università di Siena 6

7 L industria culturale L industria culturale si presenta come un sistema compatto e integrato per la produzione di merci culturali ; il valore di sacralità ed unicità dell oggetto artistico viene sostituito dalla standardizzazione e della ripetizione (una produzione seriale, sul modello della grande fabbrica fordista ); i processi comunicativi sono unidirezionali; il fruitore perde il senso critico; l industria culturale segna la morte dell arte. Università di Siena 7

8 L industria culturale L industria culturale è quel complesso di strumenti con cui il sistema sociale veicola un determinato insieme di valori e un determinato modello di comportamento. I mass media non sono veicoli imparziali: essi non trasmettono, ma sono ideologia, indipendentemente dai contenuti particolari. Strutture invarianti dei mass media: accurata abolizione di ogni elemento di novità; esaltazione del proprio efficientismo tecnico. Università di Siena 8

9 Scuola di Francoforte (Horkheimer-Adorno,, 1948) Il mezzo come industria L industria culturale è un sistema composto da settori specifici (cinematografico, televisivo, radiofonico, pubblicitario, editoriale ). I principali segmenti per un analisi coerente dell industria culturale sono: la produzione, la distribuzione, il consumo. Università di Siena 9

10 Il consumatore Il consumatore non è sovrano, come l industria culturale vorrebbe far credere, non è il suo soggetto, bensì il suo oggetto. (Adorno 1967) Lo spettatore non deve lavorare di testa propria: il prodotto prescrive ogni reazione.[ ] ogni connessione logica che richieda fiuto intellettuale, viene scrupolosamente evitata. (Horkheimer,Adorno 1947) Quanto [l industria culturale] comunica è stato da essa stessa organizzato allo scopo di incantare gli spettatori simultaneamente, a vari livelli psicologici. (Adorno 1954) Università di Siena 10

11 Il genere I generi sono una strategia di dominio dell industria culturale Stereotipizzazione Gli stereotipi sono un elemento indispensabile per organizzare e anticipare le esperienze della realtà sociale che il soggetto compie. La divisione del contenuto televisivo in diversi generi ha portato allo sviluppo di formule fisse che determinano le modalità di percezione del contenuto. Università di Siena 11

12 - link Il genere in tv Il genere televisivo (Casetti( Casetti, Lumbelli e Wolf 1980) è costituito da un insieme di regole testuali, culturalmente determinate, e da uno specifico sub-universo universo semantico, una sorta di cornice che vincola ogni contenuto semantico investito. Università di Siena 12

13 La macchina infernale 941 lcune implicazioni sociali della oderna tecnologia n Studies in Philosophy and Social Sciences isponibile in italiano nel volume cura di G. Marramao, Tecnologia e otere nelle società post-liberali liberali, Napoli, Liguori, Lo scritto contiene una sintesi di molti temi sviluppati più tardi dall'autore, dopo il suo distacco dall'istituto per la Ricerca Sociale. Herbert Marcuse Università di Siena 13

14 La macchina infernale Alcune implicazioni sociali della moderna tecnologia È È già presente, in embrione, quasi tutta la tematica de L'Uomo a una dimensione. Studio sull'ideologia della società industriale avanzata (One-Dimensional Man. Studies in the Ideology of Advanced Industrial Society,, Boston 1965, trad. it. Einaudi,, Torino 1967). carattere neutrale della tecnica società totalitaria MarcuseMarcuse sostiene all'inizio del suo saggio che la tecnica in sé può promuovere libertà come autoritarismo, abbondanza come scarsità, abolizione come intensificazione del lavoro. Nel corso dell analisi, non solo attenua, ma addirittura sopprime questo il carattere neutrale della tecnica, per vedere nella società tecnologica la società totalitaria per antonomasia. 14

15 La macchina infernale Alcune implicazioni sociali della moderna tecnologia Gli sviluppi della produzione delle merci hanno sgretolato la base economica su cui si era costruita la razionalità individualistica. a. La meccanizzazione e la razionalizzazione dei processi produttivi costrinsero i concorrenti più deboli a subire il predominio dei grandi colossi industriali. La razionalità individualistica si trasformò in razionalità tecnologica,, che non limitò il proprio influsso ai soggetti operanti nelle imprese giganti, ma plasmò la società a tutti i livelli. Nacque così la razionalità ancor oggi predominante, che stabilisce criteri di giudizio e incoraggia atteggiamenti che predispongono l'uomo ad accettare e interiorizzare i diktat del sistema. Il libero soggetto economico è divenuto oggetto getto di un'organizzazione e di una pianificazione su larga scala, e la conquista c individuale si è trasformata in efficienza standardizzata. Università di Siena 15

16 L uomo a una dimensione Marcuse ( ), 1979), L uomo a una dimensione, Sotto l illusione della razionalità di un mondo sempre più plasmato dalla tecnologia e dalla scienza, si manifesta l irrazionalità di un modello di organizzazione della società che sottomette l individuo. La razionalità tecnica ha ridotto il discorso e il pensiero ad un unica dimensione, che fa coincidere ad es. la realtà e l apparenza. Questa società unidimensionale ha annullato lo spazio del pensiero critico. Università di Siena 16

17 Il principio del dominio 1947 Dialettica dell Illuminismo Dialektik der Auklärung. Philosophische Fragmente scritta fra il 1942 e il 1944 pubblicata per la prima volta ad Amsterdam. Max Horkheimer Theodor W. Adorno Disponibile in italiano in Id., Dialettica dell illuminismo,, Torino, Einaudi, 1966 (1982). Università di Siena 17

18 Il principio del dominio Dialettica dell Illuminismo La pretesa dell uomo di accrescere sempre più il proprio dominio sulla natura si rovescia necessariamente nel suo contrario, nell asservimento dell uomo e nella sua degradazione. Università di Siena 18

19 Il principio del dominio Dialettica dell Illuminismo L Illuminismo non è inteso come epoca storico-culturale culturale determinata, ma come il complesso degli atteggiamenti tesi a dominare e trasformare la natura: dall homo sapiens ai grandi laboratori della fisica contemporanea. Critica di tutta la civiltà occidentale Università di Siena 19

20 Il principio del dominio Dialettica dell Illuminismo Quali prodotti sono racchiusi nell industria culturale? Per Horkheimer e Adorno, solo i contenuti mediali Legame strettissimo con i concetti di evasione divertimento (amusement( amusement) tempo libero (loisir( loisir) Università di Siena 20

21 Industria culturale e cultura di massa nell elaborazione della Scuola di Francoforte Riferimenti Trionfo della macchina (standardizzazione, omologazione, costrizione). Degradazione dell opera d arte (significato intrinseco e funzione sociale). Massificazione della società. Totalitarismo. Università di Siena 21

22 Industria culturale e cultura di massa nell elaborazione della Scuola di Francoforte Altri caratteri fondamentali Il divertimento è sempre più una promessa di felicità non mantenuta e sempre differita. Il divertimento si trasforma, rispetto al lavoro, da dimensione alternativa a dimensione complementare. «Divertirsi significa essere d accordo» Università di Siena 22

23 1936 L aura non c è L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica Nella nostra epoca vengono meno l hic et nunc dell opera d arte l opera d arte stessa La società industriale avanzata porta con sé la morte dell arte Walter Benjamin Università di Siena 23

24 L aura non c è L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica L opera d arte nella nostra epoca diviene sempre più un opera predisposta alla riproducibilità e perde in tal modo la propria unicità/autenticità. Nel momento in cui viene meno il valore dell autenticità, si trasforma anche l intera funzione artistica. Università di Siena 24

25 L aura non c è L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica L opera d arte riproducibile non invita più al raccoglimento, ad una vita spirituale, ma solo al divertimento e all introiezione d immagini che per il procedimento tecnico che le genera e l altissima diffusione possibile sono sempre più prodotti manipolati in vista del dominio psicologico sulle masse. Il sistema si è impadronito anche del mondo estetico e spirituale e lo manovra e lo plasma mediante l industria culturale. Università di Siena 25

26 L aura non c è L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica L espressione più significativa dell opera d arte nell epoca della riproducibilità tecnica è il film. Università di Siena 26

27 L aura non c è L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica Attore teatrale Vs. attore cinematografico. Prestazione interiore, diretta e totale Vs. prestazione a freddo, mediata e frammentata. L immagine sulla tela del quadro è ferma, invita alla contemplazione e alla riflessione; l immagine sulla tela del cinema cambia continuamente e non può essere fissata. Università di Siena 27

28 La teoria critica Vs ricerca amministrativa Ogni scienza sociale che si riduce a mera tecnica di ricerca, di raccolta, di classificazione dei dati oggettivi si preclude la possibilità di verità, in quanto programmaticamente ignora le proprie mediazioni sociali (Wolf( 1992). Gli scienziati sono parte del sistema che studiano: la loro relazione con gli oggetti di studio non è osservazione distaccata, ma reciproca influenza. Università di Siena 28

29 Teoria critica Vs ricerca amministrativa TEORIA CRITICA RICERCA AMMINISTRATIVA Obiettivo: servire il bene pubblico generale. Focus: sui media, all interno dei contesti storici, sociali, politici, economici e culturali. Obiettivo: soddisfare i bisogni delle organizzazioni mediali e dei loro dirigenti. Focus: sui media, senza tener conto del complessivo contesto sociale e storico all interno dei quali sono presenti. Università di Siena 29

30 La teoria culturologica Edgar Morin,, 1962 L esprit du temps Oggetto di studio è la cultura di massa (corpo di simboli, miti e immagini concernenti la vita pratica e quella simbolica). Approccio della totalità (che significa anche metodo autocritico, che coglie cioè anche l osservatore stesso nel sistema delle relazioni). Modello comunicativo matematico-informazionale informazionale (teoria ipodermica). Università di Siena 30

31 Edgar Morin / La cultura Si può asserire che una cultura costituisce un corpo complesso di norme, simboli, miti ed immagini che penetrano l individuo nella sua intimità, strutturano gli istinti, orientano le emozioni. Questa penetrazione si effettua grazie a scambi intellettuali di proiezione e di identificazione polarizzati sui simboli, miti ed immagini della cultura, come sulle personalità mitiche o reali che incarnano i valori (gli antenati, gli eroi, gli dei). Una cultura fornisce dei punti d appoggio pratici alla vita immaginaria: nutre l essere metà reale, metà immaginario, che ciascuno elabora all interno di sé (la sua anima); l essere metà reale, metà immaginario che ciascuno elabora all esterno di sé e con cui si ricopre (la sua personalità). (L esprit du temps. Essai sur la culture du masse, 1962) Università di Siena 31

32 Edgar Morin/ La cultura di massa L industria culturale, in particolare quella cinematografica, va interpretata in stretta relazione all immaginario collettivo (insieme di bisogni, valori e pratiche sociali); la produzione deve essere avvicinata al consumo: l industria culturale è posta al servizio dell immaginario collettivo, come un nuovo elemento non molto diverso, sul piano funzionale, dal teatro classico, dal poema epico-cavalleresco e dal romanzo popolare; Università di Siena 32

33 Edgar Morin/ La cultura di massa la produzione (tendenzialmente orientata verso la standardizzazione e verso la concentrazione burocratica) non può fare a meno dell elemento inventivo e creativo necessario ad ogni prodotto culturale; nella produzione si scontrano la logica industriale, burocratica, monopolistica, centralizzatrice, standardizzatrice (da un lato), e la contro-logica individualista, inventiva, concorrenziale, autonomista, innovatrice (dall altro) ; indubbiamente, secondo la proposizione di Marx, la produzione crea il consumatore ( e) la produzione culturale crea il pubblico di massa ( ). Ma è anche vero che la produzione culturale è determinata dallo stesso mercato ( ), la sua legge fondamentale è quella del mercato ( ). La cultura di massa è il prodotto di un dialogo tra una produzione e un consumo. Università di Siena 33

34 La teoria culturologica Esigenze di standardizzazione della produzione (regole produttive) Vs individualizzazione dell opera. La standardizzazione però può essere considerata l equivalente industriale delle regole classiche dell arte (ad. es. le tre unità). Università di Siena 34

35 Edgar Morin/ La cultura di massa Ha la tendenza di offrire sempre nuovi temi e personaggi di tipo identificativo o proiettivo. È una cultura che predilige il lieto fine (forse in dipendenza dalla dominante presenza nella fiction di temi e valori femminili). La cultura di massa si presenta come un embrione di religione della salvezza eterna. Università di Siena 35

36 Edgar Morin / I meccanismi della cultura di massa Meccanismo di proiezione Ha una funzione evasiva (si vive per procura una realtà immaginaria). Meccanismo di identificazione Proponendo modelli di comportamento, assolve ad una funzione integrativa della vita reale. Università di Siena 36

37 Il sincretismo La tendenza a omogeneizzare sotto un comune denominatore la diversità dei contenuti. Omogeneizzazione progressiva tra informazione e fiction. Università di Siena 37

38 L etica del loisir Il consumo dei prodotti diventa insieme autoconsumo della vita individuale e autorealizzazione. L industria culturale rende irreale una parte della vita dei consumatori, finendo per trasformare lo spettatore in un fantasma proiettando il suo spirito nella pluralità degli universi immaginati o immaginari, disperdendo la sua anima negli innumerevoli doppi che vivono per lui. Università di Siena 38

39 Edgar Morin / La critica al mondo intellettuale Gli intellettuali rigettano la cultura di massa: la motivazione sta nella la difficoltà di accettare l idea di una creazione desacralizzata; la cultura di massa non sono gli intellettuali che l hanno fatta: i primi attori di film erano dei saltimbanchi, i giornali si sono sviluppati al di fuori delle sfere gloriose della creazione letteraria, radio e televisione sono state il rifugio dei giornalisti o degli attori falliti. Università di Siena 39

40 Edgar Morin / La critica al mondo intellettuale Gli intellettuali sono una sorta di impiegati dell industria culturale. Il modello di consumo distrugge l autonomia e la gerarchia estetica della cultura erudita. Nella cultura di massa non c è nessuna discontinuità tra arte e vita (Greenberg, 1957). Università di Siena 40

41 Edgar Morin /La cultura erudita vs. la cultura di massa Qualità vs. quantità Creazione vs. produzione Spiritualità vs. materialismo Estetica vs. merce Eleganza vs. rozzezza Sapere vs. ignoranza Università di Siena 41

42 Edgar Morin/ La cultura di massa Si definisce intorno all opposizione e all integrazione delle duplicità: Burocrazia / invenzione Standardizzazione/originalità Archetipo/stereotipo Folklorico/cosmopolita Università di Siena 42

43 La teoria culturologica Critiche: Bourdieu e Passeron accusano la teoria culturologica di essere una metafisica catastrofica che oscilla tra l indimostrabile e il neanche falso. Università di Siena 43

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi

Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi Università di Catania dbennato@unict.it Teoria critica e teoria culturologica: lo studio dell industria culturale La contrapposizione teoria critica vs

Dettagli

3. Teoria critica e teoria culturologica I Cultural Studies

3. Teoria critica e teoria culturologica I Cultural Studies 3. Teoria critica e teoria culturologica I Cultural Studies Facoltà di Scienze della Comunicazione Teoria della Comunicazione e dei Nuovi Media Anno accademico 2011-2012 Prof. Alberto Marinelli 1 TEORIA

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE LA SCUOLA DI FRANCOFORTE La Scuola di Francoforte è una scuola filosofica e sociologica neomarxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato principalmente da filosofi e sociologi tedeschi di origine

Dettagli

Indice. 1 La teoria funzionalista... 3. 2 L approccio degli usi e gratificazioni... 6. 3 La teoria critica... 8. 4 La teoria culturologica...

Indice. 1 La teoria funzionalista... 3. 2 L approccio degli usi e gratificazioni... 6. 3 La teoria critica... 8. 4 La teoria culturologica... LEZIONE DALLA TEORIA FUNZIONALISTA AI CULTURAL STUDIES: UNA PROSPETTIVA SOCIOLOGICA PROF.SSA LUCIA MARTINIELLO Indice 1 La teoria funzionalista... 3 2 L approccio degli usi e gratificazioni... 6 3 La teoria

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

McLuhan: il medium è il messaggio

McLuhan: il medium è il messaggio McLuhan: il medium è il messaggio L espressione sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito anche dalla natura del medium stesso. Ogni medium va quindi studiato in base

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

HERBERT MARCUSE: IL LOGOS DELLA TECNICA Paola Grimaldi

HERBERT MARCUSE: IL LOGOS DELLA TECNICA Paola Grimaldi HERBERT MARCUSE: IL LOGOS DELLA TECNICA Paola Grimaldi La polemica contro la società repressiva e l ostinata difesa dell individuo costituiscono i temi principali della riflessione di Herbert Marcuse,

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

TEORIA E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA

TEORIA E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA Michela Nacci TEORIA E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA Il modulo verte sui concetti chiave della riflessione teorica e politica contemporanea sui mezzi di comunicazione di massa e sulle implicazioni

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!!

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!! UNANUOVACARTAD'IDENTITÀPERLARAI CONCORSONAZIONALERIVOLTOAGLISTUDENTI DELLESCUOLEMEDIEEDELLEUNIVERSITA INCOLLABORAZIONECON MINISTERODELL'ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀERICERCA CONILPATROCINODI EUROPEANBROADCASTINGUNION(EBU)

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UK28U ATTIVITÀ 90.01.01 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA RECITAZIONE ATTIVITÀ 90.02.02 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA REGIA Maggio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare??

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? A.D.V.P. Activation du Développement Vocationnel et Personnel G. Cappuccio Università di Palermo L A.D.V.P è stato creato nel 1970 da Denis

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Argomenti. L influenza della cultura nei processi produttivi e di consumo

Argomenti. L influenza della cultura nei processi produttivi e di consumo CORSO DI SOCIOLOGIA DEL LAVORO ANNO ACCADEMICO 2004-20052005 LE VARIE VIE ALLA MODERNIZZAZIONE DEL LAVORO Prof. Bruno Angelini 1 Argomenti Obiettivi Le varie vie alla modernizzazione del lavoro Le correlazioni

Dettagli

L ECOPSICOLOGIA APPLICATA ALL EDUCAZIONE AMBIENTALE: UN NUOVO MODELLO PER L ETICA DELL AMBIENTE

L ECOPSICOLOGIA APPLICATA ALL EDUCAZIONE AMBIENTALE: UN NUOVO MODELLO PER L ETICA DELL AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE, GEOLOGICHE E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECOLOGICHE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE VERONICA LEOTTA L ECOPSICOLOGIA APPLICATA ALL

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca AFAM - Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica ACCADEMIA NAZIONALE d ARTE DRAMMATICA SILVIO d AMICO Via Bellini, n. 16-00198 Roma MASTER

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA appunti sul convegno tenutosi a Milano, Università degli studi Bicocca, il 17 e 18 ottobre 2003 venerdì 17 Intervento di Gianni Canova,

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca AFAM - Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica ACCADEMIA NAZIONALE d ARTE DRAMMATICA SILVIO d AMICO Via Bellini, n. 16-00198 Roma MASTER

Dettagli

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa Sped. in A.P. - 70% - LO/MI - BIMESTRALE - ANNO 3 - NUMERO 4 - AGO/SETT 2011 - EURO 4 OUT OF THE BOX ce lêhai un friend with benefits? tendenze Young Talents moda estate the beauty of south africa vacanze

Dettagli

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Francesco Campana, Università degli Studi di Padova In Hegel, the End of

Dettagli

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione.

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione. Piano di lavoro annuale Secondo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione Introduzione XI PARTE I Concetti chiave I I significati e i media Gli approcci semiotici 3 Lo strutturalismo 6 Esempio: Titanic 7 La denotazione e la connotazione 8 Tipi diversi di segni 11 I codici e

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA

IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA RAZIONALE ED IRRAZIONALE: MITO E LOGOS SAVONA, 19/5/2015 1 ILARIA BOTTALE GIACOMO CAVALERI SAMUELE PUPPO BIBLIOGRAFIA B. RUSSELL, Storia della filosofia occidentale, TEADUE,

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

Il ruolo della comunicazione nella vita sociale

Il ruolo della comunicazione nella vita sociale LA COMUNICAZIONE Il ruolo della comunicazione nella vita sociale La comunicazione = attività umana fondamentale Vita sociale insieme di attività comunicative Gradi di complessità delle forme comunicative

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

Ricerca di: Più che sufficiente.

Ricerca di: Più che sufficiente. Ricerca di: D.M., A.B., S.D., A.B., E.M. su: L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica e Piccola storia della fotografia, di Walter Benjamin, e La camera chiara, di Roland Barthes Giudizio

Dettagli

Storia a linguaggi della radio e della televisione a.a. 2014-2015. Appunti di teorie della comunicazione D. Toschi 1

Storia a linguaggi della radio e della televisione a.a. 2014-2015. Appunti di teorie della comunicazione D. Toschi 1 Storia a linguaggi della radio e della televisione a.a. 2014-2015 Appunti di teorie della comunicazione D. Toschi 1 TEORIA IPODERMICA (Bullet Theory) Ogni membro del pubblico di massa è personalmente e

Dettagli

Scienze XXXXX linguistiche e letterature straniere FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.

Scienze XXXXX linguistiche e letterature straniere FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e letterature straniere Servizio orientamento FOTO Milano - Largo A. Gemelli, 1 Scrivi a servizio.orientamento@unicatt.it Telefona al numero 02

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

Mercato mondiale. Lezione 13 18 Marzo 2015. UniGramsci 2014-2015 (ii parte)

Mercato mondiale. Lezione 13 18 Marzo 2015. UniGramsci 2014-2015 (ii parte) Mercato mondiale Lezione 13 18 Marzo 2015 1 dalla scorsa lezione Lo sviluppo dell accumulazione genera i seguenti fenomeni: Aumento della produttività del lavoro (quindi incremento del rapporto lavoro

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Si rifà alla concezione ciclica della storia, formata da fasi alterne che si ripetono

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media

Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media (LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Ottocento rivoluzione industriale; globalizzazione delle comunicazioni; penny press; telefono; cinema. Telefono

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

CORSO DI VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI E DEI PIANI Prof. Marta Berni

CORSO DI VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI E DEI PIANI Prof. Marta Berni CORSO DI VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI E DEI PIANI Prof. Marta Berni Corso di laurea specialistica Architettura (classe 4/S) A.A. 2006-2007 1 Previsioni e congetture: metodi di lettura del futuro

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

Il comportamento di consumo

Il comportamento di consumo Il comportamento di consumo Obiettivi della lezione Comprendere ed identificare le determinanti del comportamento di consumo Definire il concetto di bisogno Definire le caratteristiche ed i tratti psicologici,

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda. A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo

Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda. A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo Pubblicista e pubblicitario statunitense di origine austriaca, Edward L.

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore Premessa La fotografia rappresenta il decisivo strumento per la produzione e la replicabilità tecnica delle immagini fisse. Tappa fondamentale per lo sviluppo del cinema (in cui la percezione del movimento

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo 1 Corso di Laurea in Musica e Spettacolo (Classe delle Lauree in Scienze e tecnologie delle Arti figurative, della Musica, dello Spettacolo e della Moda, classe 23) Regolamento didattico Art. 1. Denominazione

Dettagli

Osservazioni sulla opinione pubblica

Osservazioni sulla opinione pubblica Forum Esiste l opinione pubblica Tre saggi 2 Osservazioni sulla opinione pubblica di Francesco Saverio Trincia ()... @ & @... () ; & ()... &... @ ()..... Il testo è pubblicato da, rivista on-line registrata;

Dettagli

Max Horkheimer, Theodor Wiesengrund Adorno, Dialettica dell'illuminismo

Max Horkheimer, Theodor Wiesengrund Adorno, Dialettica dell'illuminismo Max Horkheimer, Theodor Wiesengrund Adorno, Dialettica dell'illuminismo di Gianpaolo Cherchi Max Horkheimer, Theodor Wiesengrund Adorno, Dialektik der Aufklärung. Philosophische Fragmente, Social Studies

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

IL MONDO NARRATIVO: come costruire l ambiente e i personaggi di una storia.

IL MONDO NARRATIVO: come costruire l ambiente e i personaggi di una storia. CALENDARIO ATTIVITÀ 2007 2008 CORSI 2007/2008 Per saperne di più, clicca qui. IL MONDO NARRATIVO: come costruire l ambiente e i personaggi di una storia. Durata: dieci lezioni. Frequenza: settimanale,

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno Capitolo 3 La messa in scena: costruire il sogno NATURALISTICO LA MESSA IN SCENA PROFILMICO Il profilmico è tutto ciò che si trova davanti alla cinepresa ARTIFICIALE AMBIENTE L ambiente e le figure entrano

Dettagli

Product Placement and Brand Equity

Product Placement and Brand Equity Product Placement and Brand Equity Margherita Corniani 1. Il Product Placement 2. Il Product Placement nella comunicazione aziendale 2.1 I vantaggi del Product Placement 2.2 I limiti del Product Placement

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Lungo cammino verso la libertà

Lungo cammino verso la libertà Lungo cammino verso la libertà Corso introduttivo alla conoscenza dei Diritti Umani e delle loro violazioni I INCONTRO Mandela: Lungo cammino verso la libertà. Lettura Cosa sono i Diritti Umani? interviste

Dettagli

Drammaturgia e Sceneggiatura (scrittura per il teatro, il cinema, la televisione)

Drammaturgia e Sceneggiatura (scrittura per il teatro, il cinema, la televisione) Prot. 3338/B del 21/09/2015 MASTER DI PRIMO LIVELLO IN Drammaturgia e Sceneggiatura (scrittura per il teatro, il cinema, la televisione) a.a. 2015/2016 B A N D O U F F I C I A L E prorogato Art. 1 Per

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI Anno scolastico 2013/2014 PREMESSA Negli ultimi anni il rapporto scuola-famiglie è notevolmente mutato. I genitori sentendosi, a giusta ragione, parte

Dettagli

Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia

Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia L attuale fase recessiva che investe le economie occidentali le pone dinanzi alla necessità

Dettagli

MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Prof. Arianna Alessandro

MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Prof. Arianna Alessandro CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA Corso aperto e massivo della Università di Murcia MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Blocco 3. La televisione come mezzo di rappresentazione sociale e strumento

Dettagli