info teoresi studi&ricerche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "info teoresi studi&ricerche"

Transcript

1 Individuazione automatica di segmenti rettilinei nelle immagini SAR basata sull uso congiunto della trasformata WAVELET e della trasformata di HOUGH Francesco Carlo Morabito, Giovanni Simone DIMET, Facoltà di Ingegneria, Università degli Studi di Reggio Calabria Via Graziella, Loc. Feo di Vito, I Reggio Calabria (Italia) Tel.: , Fax: Alfonso Farina Alenia Marconi Systems Via Tiburtinna, km , Roma (Italia) Tel.: , Fax: Questo lavoro presenta un metodo originale di individuazione automatica di tratti rettilinei in immagini acquisite da Radar ad Apertura Sintetica (SAR, Synthetic Aperture Radar) [1], basato sull uso congiunto della trasformata wavelet (WT, Wavelet Transform) [2] e della trasformata di Hough (HT, Hough Transform) [3,10]. È presentato un esempio illustrativo al fine di mostrare come l applicazione combinata delle due tecniche permette di ridurre gli effetti negativi del rumore moltiplicativo (speckle) presente nelle immagini SAR e di estrarre le caratteristiche geometriche regolari dalle immagini considerate. La WT fornisce quattro sottoimmagini (una sottoimmagine di approssimazione e tre sottoimmagini di dettaglio) dell immagine su cui essa è applicata. L uso della HT sulle sottoimmagini di dettaglio permette di eliminare alcuni problemi tipici della stessa trasformata di Hough e di avere in tal modo un più flessibile strumento di individuazione rispetto all approccio tradizionale. La tecnica proposta è stata testata su un immagine SAR reale. I risultati presentati sono stati ottenuti tramite MATLAB 5.2 utilizzando una SPARCstation 20 Sun: la trasformata wavelet bidimensionale sulla base delle funzioni del Toolbox Wavelab, mentre la trasformata di Hough è stata implementata in codice MATLAB dagli autori. 1. INTRODUZIONE Le immagini acquisite da Radar ad Apertura Sintetica (SAR) sono utilizzate in molteplici ambiti applicativi dalla sorveglianza, al controllo ambientale e alla protezione civile. Il SAR [1] è un particolare sensore attivo di acquisizione di immagini radar che consiste in un antenna montata su una piattaforma orbitante (satellite) o volante (aeroplano): l antenna si muove assieme alla piattaforma e attraverso una opportuna elaborazione dell eco ritorno della superficie illuminata, viene sintetizzata un antenna con dimensioni maggiori, ottenendo immagini ad una risoluzione più alta rispetto ad immagini ottenute da sistemi tradizionali a parità di dimensioni dell antenna. Ciascun pixel di un immagine SAR contiene la misura dell energia elettromagnetica riflessa da una piccola area nella zona illuminata dal fascio dell antenna, fornendo informazioni riguardanti la superficie. L immagine viene prodotta da un sistema di elaborazione coerente dell eco di ritorno; tale processo è corrotto da un rumore moltiplicativo detto speckle tale per cui pixel appartenenti ad aree adiacenti possono essere rappresentati all interno dell immagine da livelli di grigio differenti. L individuazione di segmenti rettilinei è parte di un tipico sistema di riconoscimento di oggetti (ATR, Automatic Target Recognition); tali tratti rettilinei appaiono talvolta nelle immagini SAR con delle interruzioni e quindi alcuni targets lineari possono essere confusi con lo sfondo stesso dell immagine. In questo articolo lo schema di decomposizione wavelet basato sulla trasformata wavelet veloce bidimensionale (2D-FWT, Fast Wavelet Transform) è utilizzato al fine di estrarre particolari caratteristiche geometriche dall immagine indagata. La HT unitamente ad un algoritmo di individuazione di massimi locali con soglia adattiva è analizzata. L uso congiunto di queste due trasformate (2D-FWT e HT) permette di combinare i vantaggi di entrambe. La tecnica è testata sull immagine SAR dell aeroporto di Oberpfaffenhofen (Monaco, Germania) (Fig.10). I risultati dell approccio proposto sono confrontati con l applicazione diretta della HT all immagine originale. I

2 2. LA 2D-FAST WAVELET TRANSFORM La WT è uno strumento analizzato nell ambito del signal processing: essa consiste nella decomposiione di un segnale n-dimensionale in sottosegnali n-dimensionali, che rappresentano il contenuto frequenziale del segnale di ingresso a diversi livelli di risoluzione. Grazie alle proprietà di qualità nell approssimazione e di stabilità numerica, le basi wavelet realizzate da Daubechies [4],[5] costituiscono il fondamento delle più diffuse tecniche per l analisi e la rappresentazione dei segnali in un ampio range di applicazioni. Nel nostro caso la WT è stata impiegata nel caso bidimensionale, per l estrazione di features da immagini SAR. Nella recente letteratura, la WT è stata usata sulle immagini SAR per la compressione [6], e la classificazione [7,8]. La 2D-FWT consiste di uno o più passi di decomposizione: le righe dell immagine di ingresso sono convolute con un filtro wavelet di decomposizione passo basso (LPF, Low Pass Filter) monodimensionale e le uscite sono sottocampionate trattenendo uno di due pixel adiacenti; il risultato è salvato nella metà sinistra dell immagine filtrata per righe; le righe dell immagine di input sono convolute con un filtro wavelet di decomposizione passa alto (HPF, High Pass Filter), e il risultato è sottocampionato; l output è salvato nella metà destra dell immagine filtrata per righe. La stessa operazione è applicata all immagine filtrata per righe, ma convolvendo le colonne dell immagine filtrata per righe con i filtri wavelet di decomposizione. I risultati sono salvati rispettivamente nelle metà superiore e nella metà inferiore dell immagine finale. In tal senso, l immagine finale può essere considerata come formata da quattro sottoimmagini, come indicato in Fig.1, in accordo con il seguente schema: 1) la sottoimmagine di approssimazione è ottenuta con un filtraggio passa basso per righe e passa basso per colonne: essa rappresenta una approssimazione sottocampionata dell immagine di input; 2) la sottoimmagine di dettaglio orizzontale è ottenuta Fig.1.- Schema a blocchi della 2D-Fast Wavelet Transform con un filtraggio passa alto per righe e passa basso per colonne; in tal senso, essa contiene i dettagli orizzontali dell immagine di input; 3) la sottoimmagine di dettaglio verticale è ottenuta con un filtraggio passa basso per righe e passa alto per colonne; cosï essa contiene i dettagli verticali dell immagine di input; 4) la sottoimmagine di dettaglio diagonale è ottenuta con una filtraggio passa alto per righe e passa alto per colonne; cosï essa contiene i dettagli diagonali dell immagine di input. Tale schema è un interpretazione qualitativa dell algoritmo utilizzato per l implementazione della 2D-FWT nel Toolbox Wavelab di MATLAB. Sottoponendo l immagine al singolo passo di 2D-FWT, la sottoimmagine di dettaglio orizzontale contiene le caratteristiche orizzontali dell immagine di ingresso; la sottoimmagine di dettaglio verticale contiene le caratteristiche verticali e la sottoimmagine di dettaglio diagonale contiene le caratteristiche diagonali. 3. LA HOUGH TRANSFORM La Hough Transform [3,10] (HT) è un robusto parametro stimatore di caratteristiche multidimensionali nelle immagini. Esso trova molteplici applicazioni nell analisi di dati telerilevati e permette di sviluppare algoritmi veloci ed auto-adattivi per l individuazione di caratteristiche geometriche regolari [9]. La HT è stata sviluppata da Paul Hough nel 1962 e brevettata da IBM. Originariamente, nel momento in cui è stato sviluppato l algoritmo, una retta è stata rappresentata nella forma pendenza-intercetta: y = m x + b (1) in cui m è la pendenza della retta e b è l intercetta y (il valore y è il punto in cui la retta attraversa l asse y). Questa parametrizzazione pendenza-intercetta individua in maniera univoca qualsiasi retta nel piano (x, y); in tale rappresentazione, nel caso in cui si abbiano rette orizzontali o verticali, i parametri m e b possono assumere valori infiniti. Per questo motivo, si è passati alla rappresentazione nella forma angolo-raggio nel piano (ρ, ϑ): x cos ϑ + y sen ϑ = ρ (2) in cui ϑ è l angolo fra l ortogonale alla retta, passante per l origine e l asse x e ρ è la distanza fra la retta e l origine; ϑ varia nell intervallo (0 π), mentre ρ è limitato dalle dimensioni diagonali dell immagine (Fig.2). La HT agisce secondo il seguente algoritmo: consideriamo nel piano (x, y) l immagine digitale e nel piano trasforma- II

3 Fig.2.- Hough Transform: due pixels producono separatamente due sinusoidi nel piano di Hough, e la linea passante fra i due pixels corrisponde all intersezione delle sinuoidi. to un accumulatore con tante righe per quanto sono i campioni per il parametro ϑ, e tante colonne per quanti sono i campioni per il parametro ρ; consideriamo un punto (x, y), per esso passano un numero finito di rette (non nel caso continuo ma nel caso discreto), e per ciascuna retta (ρ, ϑ) passante per tale punto incrementiamo nel piano trasformato la cella corrispondente nell accumulatore. In tal modo un punto nel piano dell immagine è mappato in una curva sinusoidale nel piano Hough. Due punti giacenti sulla stessa linea nel piano dell immagine, corrispondono a due curve sinusoidali con un punto in comune nel piano trasformato (Fig.2): tale punto costituisce un picco nel piano di Hough e quindi i punti di massimo locale possono essere interpretati come rette nel piano di partenza. Perciò una retta può essere individuata nel piano (ρ, ϑ) da un punto in cui si intersecano più sinusoidi: utilizzando un algoritmo di soglia adattiva, possiamo ricercare i massimi locali nel piano trasformato, e la soglia varia in funzione della probabilità di falso allarme richiesta dall operatore. Gli effetti della discretizzazione utilizzata nel piano (ρ, ϑ), per far in modo che il numero di rette nel piano di partenza sia finito, è stata studiata in [11]. La trasformata di Hough è stata implementata in codice MATLAB dagli autori: il codice permette di variare la probabilità di falso allarme, il passo di quantizzazione per il parametro ρ e il passo di quantizzazione per il parametro ϑ. 4. APPLICAZIONI Questa sezione presenta l applicazione della HT e della Wavelet-HT (WHT) ad immagini SAR simulate e reali. I risultati dell applicazione della HT e della HT nel dominio wavelet, sono presentati e comparati APPLICAZIONE DELLA HT E DELLA WHT ALLE IMMAGINI SAR SIMULATE Sono state simulate delle immagini SAR al fine di individuare i vantaggi dell approccio proposto. Tali simulazioni sono state realizzate utilizzando dei generatori di numeri casuali e utilizzando codice MATLAB per creare i targets e costruire l immagine finale. La Fig.3 rappresenta un immagine SAR simulata con 128 righe e 128 colonne, a 256 livelli di grigio (è stato utilizzato il comando colormap(pink(256)) per fare in modo che la differenza fra i pixels fosse rappresentata in una mappa di colori nella scala del rosa). Nell immagine sono stati simulati tre targets: ciascun target è composto da tre segmenti adiacenti, in cui il tratto centrale è maggiormente luminoso dei tratti laterali, in modo da considerare il fatto che nei casi reali i targets hanno una larghezza non nulla. Sia per la distribuzione dello sfondo sia per quella dei target è stata fissata una probability density function di Rayleigh polarizzando lo sfondo ad un valore inferiore rispetto a quello dei targets e utilizzando una diversa deviazione standard. Applicando la HT a tale immagine ci aspetteremmo di trovare tre picchi, corrispondenti ad ognuno dei tre targets: un picco per il target orizzontale, uno per il target verticale ed uno per il target diagonale. Nella realtà vengono prodotti dei picchi spuri dovuti al fatto che le sinusoidi corrispondenti ai diversi targets interagiscono nel dominio trasformato fra loro producendo dei picchi spuri: tali picchi individuano rette passanti fra le diverse coppie di targets (il picco spurio (A) individua una linea passante per i targets orizzontale e verticale, il picco spurio (B) individua una linea pas- Fig.3.- Immagine SAR simulata: tre targets con differenti posizioni e inclinazioni. III

4 sante per i targets diagonale e verticale il picco spurio (C) individua una linea passante per i targets orizzontale e diagonale) che non sono effettivamente presenti nell immagine di partenza. Viceversa, il picco (D) individua la retta passante attraverso il target orizzontale, il picco (E) la retta passante attraverso il target diagonale e il picco (F) la retta passante attraverso il target verticale. Si rende necessaria una tecnica di separazione dei targets a diversa inclinazione. Come indicato in precedenza, la 2D-FWT produce le sottoimmagini che contengono, separatamente, le caratteristiche orizzontali, verticali e diagonali. In Fig.5 è rappresentata la 2D-FWT dell immagine simulata. Nella 2D-FWT abbiamo scelto una wavelet Daubechies con 2 momenti nulli [5]: i filtri wavelet di decomposizione passa basso e passa alto sono indicati in Fig.6. Applichiamo la HT alle sottoimmagini indicate in Fig.5, sottoposte ad un operazione di binarizzazione: è stata sviluppata una semplice funzione in codice MATLAB in modo da produrre, a partire da un immagine di input, una sua versione binaria, contenente cioè solo pixel bianchi o neri. In Fig.7, 8, 9 sono rappresentati rispettivamente i mappaggi delle sottoimmagini di dettaglio orizzontale, verticale e diagonale nel dominio di Hough. Possiamo osservare che i picchi spuri sono stati eliminati, e quindi l algoritmo di ricerca dei massimi locali con soglia adattiva, non è soggetto agli errori di interpretazione relativamente ai picchi spuri (A), (B) e (C). Questo risultato dimostra che il nostro metodo può eliminare il problema dell intersezione delle differenti sinusoidi nel piano di Fig.4.- Hough Transform dell immagine SAR simulata (Fig.3). Fig.6.- Filtri Wavelet di decomposizione: passa basso (sopra) passa alto (sotto). Fig.5.- 2D-FWT dell immagine simulata (Fig.4). Fig.7.- HT della versione binaria della sottoimmagine di dettaglio orizzontale dell immagine SAR simulata (Fig.3). IV

5 Hough. Se applichiamo tale tecnica all immagine simulata e alle sottoimmagini di dettaglio, rappresentate nella versione a 256 livelli di grigio, può essere prodotta un analisi quantitativa. È possibile valutare due parametri, in modo da stimare il grado di smoothing dei picchi nel piano di Hough: il primo parametro è il rapporto fra il valore del picco e la media della trasformata di Hough, µ[ht] il secondo parametro è il rapporto fra il valore del picco e la media di una finestra di 5 x 5 elementi centrata sul picco considerato del piano di Hough, µ[win] Questi parametri indicano, rispettivamente, quanto il picco considerato si stacca dal background nel dominio di Hough, e dal background locale: maggiori sono tali parametri, maggiormente evidente è il picco nel dominio trasformato. Le tabelle 1, 2 e 3 rappresentano questi parametri valutati per i picchi nel piano di Hough corrispondenti ai tre targets, nell immagine originale e nelle sottoimmagini di dettaglio. Notiamo che con il nuovo approccio Wavelet-HT, i parametri indicati aumentano il proprio valore: nel piano di Hough prodotto a partire dal dominio wavelet, i picchi corrispondenti a targets effettivamente presenti nell immagine di input, sono più evidenti rispetto ai picchi nel piano di Hough prodotti nel piano originale (x,y). Inoltre la nostra tecnica WHT riduce il carico computazionale con una risparmio del 30% nel tempo di calcolo rispetto al tradizionale approccio HT: con il metodo standard sono stati impiegati 180 mentre con la nostra tecnica il tempo si è ridotto a 256. Tab.1.- Analisi per il picco corrispondente al target orizzontale. Fig.8.- HT della versione binaria della sottoimmagine di dettaglio verticale dell immagine SAR simulata (Fig.3). Tab.2.- Analisi per il picco corrispondente al target verticale. Fig.9.- HT della versione binaria della sottoimmagine di dettaglio diagonale dell immagine SAR simulata (Fig.3). Tab.3.- Analisi per il picco corrispondente al target diagonale. V

6 Fig.10.- L immagine E-SAR di Oberpfaffenhofen (DLR-Germania). È indicata l area elaborata. Fig D-FWT dell area considerata nell immagine SAR reale. Fig.11.- HT dell area considerata nell immagine SAR reale APPLICAZIONE DELLA HT E DELLA WHT AD UN IMMAGINE SAR REALE Il metodo WHT è stato applicato ad un immagine SAR reale: la Fig.10 rappresenta l aeroporto di Oberpfaffenhofen (Monaco, Germania). Abbiamo testato il nostro approccio sull area indicata, in cui è presente una linea retta orizzontale: l obiettivo in tal caso è individuare il tratto orizzontale. La Fig.11 rappresenta la HT dell area considerata; nel piano di Hough è stato prodotto un picco corrispondente al segmento orizzontale. Se applichiamo adesso la nostra tecnica WHT, quello che ci aspettiamo di ottenere è che il picco corrispondente alla retta orizzontale venga reso maggiormente evidente dall applicazione della HT alla sottoimmagine di dettaglio orizzontale nel dominio wavelet. La Fig.12 rappresenta la decomposizione Fig.13.- HT della sottoimmagine di dettaglio orizzontale. wavelet dell area considerata: possiamo notare che il tratto orizzontale è chiaramente estratto nella sottoimmagine di dettaglio orizzontale; in Fig.13 abbiamo rappresentato la HT della sottoimmagine di dettaglio orizzontale. Possiamo notare la presenza del picco corrispondente al tratto rettilineo nell immagine di partenza. La Tab.4 rappresenta l analisi quantitiva dei risultati: possiamo notare che il picco prodotto tramite la WHT è maggiormente evidente rispetto al medesimo picco prodotto dalla HT nel dominio di partenza. L algoritmo viene utilizzato quindi per analizzare le diverse sottoimmagini nel dominio wavelet, ricercando i tratti rettilinei nelle sottoimmagini di dettaglio orizzontale, verticale e diagonale: la Fig.14 rappresenta l immagine SAR considerata ricostruita con la tecnica della WHT. VI

7 Fig L immagine SAR reale ricostruita con la tecnica WHT. Immagine Originale Sottoimmagine di dettaglio orizzontale µ[ht] µ[win] CONCLUSIONI È stata presentata una tecnica originale di individuazione automatica di tratti rettilinei, basata sull uso congiunto della trasformata di Hough e della trasformata wavelet: tale tecnica è stata applicata al fine di incrementare le prestazioni di un sistema tradizionale di individuazione di rette tramite la HT. Attraverso un analisi qualitativa e quantitativa dei risultati sperimentali, prodotti sia su immagini SAR simulate, sia su immagini SAR reali, è stato dimostrato che il nuovo approccio permette di ridurre l azione negativa di picchi spuri nel dominio di Hough, e di incrementare l evidenza dei picchi corretti: in tal senso, otteniamo uno strumento più efficiente rispetto all applicazione classica della Hough Transform, e l approccio utilizzato permette inoltre di ridurre del 30% il tempo di calcolo. Per l ottenimento dei risultati sperimentali sono stati utilizzati il MATLAB nelle sue funzioni principali di manipolazione di matrici e vettori; il Toolbox Wavelab si è dimostrato uno strumento fondamentale per la realizzazione del lavoro nella sezione in cui è stata applicata la 2D-FWT alle immagini considerate; la Hough Transform è stata implementata in codice MATLAB dagli autori. Tab.4.- Analisi per il picco corrispondente alla linea orizzontale nell immagine SAR reale. 6. BIBLIOGRAFIA [1] A. Farina, F. Vinelli, A Center of Excellence for SAR Signal Processing, Alenia Technologies, Vol.1, No.1, [2] N. Hess Nielsen and M. V. Wickerhauser, Wavelets and Time-Frequency Analysis, Proceedings of the IEEE, Vol.84, No. 4, pp , April [3] J. Wang and P. J. Howarth, Use of the Hough Transform in Automated Lineament Detection, IEEE Transactions on Geoscience and Remote Sensing, Vol. 28, No. 4, July [4] I. Daubechies, Ten Lectures on Wavelets: SIAM Press, Philadelphia, PA, [5] I. Daubechies, Orthonormal bases of compactly supported wavelets, Communications on Pure and Applied Mathematics, Vol. 41, pp , October [6] S. A. Werness, S. C. Wei, et al, Experiments with Wavelets for Compression of SAR Data, IEEE Transactions on Geoscience and Remote Sensing, Vol.32, No.1, January [7] S. Barbarossa, L. Parodi, SAR Image Classification by Wavelets, Proceedings of IEEE International Radar Conference 1995, pp , [8] F. C. Morabito, G. Simone, A Comparison of Feature Extraction Techniques for Remotely Sensed SAR Images Segmentation, Proceedings of SSCC 98 (Durban, South Africa), Vol. II, pp , September [9] P. Ballester, Applications of the Hough Transform, ASP Conference Series, Vol.61, [10] P. V.C.Hough, A Method and Means for Recognizing Complex Patterns, US Patent 3,069,654, [11] G. Simone, Quantization Negative Effects in Hough Transform in SAR Image Lineament Detection, to be published, VII

Capitolo 12 - Individuazione di Forme 1. Template Matching

Capitolo 12 - Individuazione di Forme 1. Template Matching Capitolo - Individuazione di Forme Template Matching Molte applicazioni di visione richiedono di localizzare nell immagine correntemente analizzata una o più istanze di una particolare sotto-immagine di

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

Sistemi Elettronici e informatici in ambito Radiologico // Informatica Medica parte c A.A. 2014-15

Sistemi Elettronici e informatici in ambito Radiologico // Informatica Medica parte c A.A. 2014-15 Sistemi Elettronici e informatici in ambito Radiologico // Informatica Medica parte c A.A. 2014-15 Agostino ACCARDO Dipartimento di Ingegneria e Architettura 040-5587148 accardo@units.it Testi di riferimento:

Dettagli

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Contenuti Estrazione dei bordi Calcolo del gradiente Operatori di Roberts Operatori

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Dott. Raimondo De Laurentiis

Dott. Raimondo De Laurentiis Dott. Raimondo De Laurentiis RELAZIONE SULL'ATTIVITA' E LE RICERCHE SVOLTE ALLA CONCLUSIONE DEL II ANNO DEL XV CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE E INGEGNERIA DELLO SPAZIO 1. TEMATICHE

Dettagli

0.6 Filtro di smoothing Gaussiano

0.6 Filtro di smoothing Gaussiano 2 Figura 7: Filtro trapezoidale passa basso. In questo filtro l rappresenta la frequenza di taglio ed l, l rappresenta un intervallo della frequenza con variazione lineare di H, utile ad evitare le brusche

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Map Algebra Cod.735 - Vers.E57 1 Definizione di Map Algebra 2 Operatori locali 3 Operatori zonali 4 Operatori focali 5 Operatori

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni

Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni 1 La trasformata discreta 1D Calcoliamo lo spettro di x(n) = R L (n) al variare di L = 2, 10, 20,

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

INTRODUZIONE. Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria.

INTRODUZIONE. Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria. Capitolo 7 - Operatori Morfologici per Immagini Binarie INTRODUZIONE Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria. L immagine binaria, I, viene

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Filtri parte I. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Filtri parte I. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Filtri parte I Samuel Rota Bulò Filtri spaziali Un filtro spaziale è caratterizzato da un intorno e un'operazione che deve essere eseguita sui pixels dell'immagine in quell'intorno.

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Immagini binarie. Binarizzazione di immagini a livelli di grigio

Immagini binarie. Binarizzazione di immagini a livelli di grigio Immagini binarie Binarizzazione di immagini a livelli di grigio Immagini binarie In molti casi gli le scene di interesse conducono ad immagini che possono essere considerate binarie, cioè contenenti nel

Dettagli

Plate Locator Riconoscimento Automatico di Targhe

Plate Locator Riconoscimento Automatico di Targhe Progetto per Laboratorio di Informatica 3 - Rimotti Daniele, Santinelli Gabriele Plate Locator Riconoscimento Automatico di Targhe Il programma plate_locator.m prende come input: l immagine della targa

Dettagli

Applicazione della tsvd all elaborazione di immagini

Applicazione della tsvd all elaborazione di immagini Applicazione della tsvd all elaborazione di immagini A cura di: Mauro Franceschelli Simone Secchi Indice pag Introduzione. 1 Problema diretto.. 2 Problema Inverso. 3 Simulazioni.. Introduzione Scopo di

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

Elementi di Telelocalizzazione

Elementi di Telelocalizzazione Elementi di Telelocalizzazione Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre 1 Introduzione Proprietà della sequenza di spreading:

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Sviluppo di soluzioni avanzate di restituzione dati per il monitoraggio di versanti con tecniche interferometriche terrestri e satellitari

Sviluppo di soluzioni avanzate di restituzione dati per il monitoraggio di versanti con tecniche interferometriche terrestri e satellitari Centro di Ricerca CERI Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico (Direttore Prof. Alberto Prestininzi) Relazione finale attività di Tirocinio Sviluppo di soluzioni avanzate

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Immagini digitali. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Immagini digitali. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Immagini digitali Samuel Rota Bulò Immagini digitali Un immagine viene generata dalla combinazione di una sorgente di energia e la riflessione o assorbimento di energia da

Dettagli

RICONOSCIMENTO DI TARGHE AUTOMOBILISTICHE

RICONOSCIMENTO DI TARGHE AUTOMOBILISTICHE PROGETTO DEL CORSO DI VISIONE E PERCEZIONE PARTE 2 RICONOSCIMENTO DI TARGHE AUTOMOBILISTICHE Scopo del progetto Il progetto ha come obiettivo quello di riconoscere il testo di una targa automobilistica

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Immagini digitali. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Immagini digitali

Immagini digitali. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Immagini digitali Immagini digitali Immagini digitali Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 22 Immagini digitali Outline 1 Immagini digitali

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI COMPRESSIONE DATI La compressione produce una rappresentazione più compatta delle informazioni è come se si usassero meno parole per dire la stessa cosa in modo diverso. Esistono

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Identificazione del dispositivo sorgente

Identificazione del dispositivo sorgente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in INGEGNERIA INFORMATICA Identificazione del dispositivo sorgente mediante tecniche di Image Forensics Tesi di Laurea di ANDREA

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

Morfologia e Image Processing

Morfologia e Image Processing Morfologia e Image Processing Multimedia Prof. Battiato Morfologia Matematica Nell ambito dell image processing il termine morfologia matematica denota lo studio della struttura geometrica dell immagine.

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Tecniche di riconoscimento statistico

Tecniche di riconoscimento statistico On AIR s.r.l. Tecniche di riconoscimento statistico Applicazioni alla lettura automatica di testi (OCR) Parte 5 Tecniche OCR Ennio Ottaviani On AIR srl ennio.ottaviani@onairweb.com http://www.onairweb.com/corsopr

Dettagli

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Algoritmi Metodo di Gauss-Seidel con sovrarilassamento Metodo delle Secanti Metodo di Newton Studente Amelio Francesco 556/00699 Anno

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Risultati ottenuti. Risultati ottenuti

Risultati ottenuti. Risultati ottenuti Capitolo XIII : Risultati ottenuti Per testare l inseguitore di forme sono stati realizzati alcuni filmati di oggetti in movimento, e scene in cui è la telecamera a muoversi in un ambiente. L algoritmo

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

DIAGRAMMA CARTESIANO

DIAGRAMMA CARTESIANO DIAGRAMMA CARTESIANO Imparerai ora a costruire con excel un diagramma cartesiano. Inizialmente andremo a porre sul grafico un solo punto, lo vedremo cambiare di posizione cambiando i valori nelle celle

Dettagli

Morphological Image processing

Morphological Image processing Morphological Image processing Morfologia matematica La parola morfologia comunemente denota una parte della biologia che tratta con la forma e la struttura di organismi In analogia al termine biologico

Dettagli

VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE. Paolo Mantini TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI

VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE. Paolo Mantini TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI Paolo Mantini VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI Introduzione Ritengo utile cominciare questo CD-Book definendo cosa significa vettorizzare

Dettagli

Elaborazione delle immagini e Pattern Recognition. Giovanni Scavello

Elaborazione delle immagini e Pattern Recognition. Giovanni Scavello Elaborazione delle immagini e Pattern Recognition Giovanni Scavello Programma dei seminari Nozioni di base del trattamento delle immagini Descrizione matematica Spazi colore Operazioni comuni Filtraggio

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RIPASSO SULLE MATRICI 1 Addizione tra matrici Moltiplicazione Matrice diagonale Matrice identità Matrice trasposta

Dettagli

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di lippi@dsi.unifi.it Dipartimento Sistemi e Informatica Università di Firenze Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Introduzione

Dettagli

CIRCUITI INTELLIGENTI Parte 5: PCA e ICA

CIRCUITI INTELLIGENTI Parte 5: PCA e ICA Ing. Simone SCARDAPANE Circuiti e Algoritmi per l Elaborazione dei Segnali Anno Accademico 2012/2013 Indice della Lezione 1. Analisi delle Componenti Principali 2. Auto-Associatori 3. Analisi delle Componenti

Dettagli

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y Il nostro obiettivo Daniele Marini Ricostruzione stereo Ricostruire scenari 3D da più immagini per inserire oggetti di sintesi Ricostruire la profondità Ricostruzione del Cenacolo Vinciano Solo se abbiamo

Dettagli

Stabilizzazione Video. Video Digitali

Stabilizzazione Video. Video Digitali Stabilizzazione Video Video Digitali Stabilizzazione video STABILIZZARE:assicurare il mantenimento di una condizione di equilibrio constante,generalmente identificabile nell'assenza di oscillazioni o variazioni

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro Pivot è bello Livello scolare: 1 biennio Abilità Conoscenze interessate Predisporre la struttura della Distribuzioni delle matrice dei dati grezzi con frequenze a seconda del riguardo a una rilevazione

Dettagli

IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale

IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale Isomorph srl, Giugno 2008 Caratteristiche del programma: IsoStereo 3D elabora immagini stereoscopiche e ricostruisce

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

Filtraggio dei dati. bozza bozza bozza

Filtraggio dei dati. bozza bozza bozza Filtraggio dei dati In molte applicazioni è necessario rimuovere da una serie di dati il rumore che ad essi si sovrappone. Questo al fine ad esempio di estrarre il segnale vero da una serie di misure sperimentali,

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

LEZIONE DI MATLAB 2.0. Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net

LEZIONE DI MATLAB 2.0. Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net LEZIONE DI MATLAB 2.0 Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net Cos è Matlab Il programma MATLAB si è imposto in ambiente ingegneristico come strumento per la simulazione e l'analisi dei sistemi

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Tesi di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Tesi di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Roma Tor Vergata Tesi di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Applicazione della banda millimetrica al monitoraggio della superficie marina Relatore Prof. Gaspare Galati

Dettagli

Strumenti innovativi a basso costo per l acquisizione di informazioni territoriali

Strumenti innovativi a basso costo per l acquisizione di informazioni territoriali POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture Strumenti innovativi a basso costo per l acquisizione di informazioni territoriali Andrea LINGUA Marco

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Analisi di Documenti

Analisi di Documenti Analisi di Documenti M. Diligenti diligmic@ing.unisi.it Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Libro di testo Lawrence O-Gorman e Rangachar Kasturi Document Image Analysis Editore:

Dettagli

Descrittori per i contorni: lunghezza, orientazione, del segmento congiungente punti estremi, numero di concavità

Descrittori per i contorni: lunghezza, orientazione, del segmento congiungente punti estremi, numero di concavità Texture analysis Introduzione Una regione di una immagine può essere rappresentata mediante le sue caratteristiche esterne i contorni Descrittori per i contorni: lunghezza, orientazione, del segmento congiungente

Dettagli

ColorSplitter. La separazione automatica dei colori di Colibri.. Perché ColorSplitter? Come opera ColorSplitter?

ColorSplitter. La separazione automatica dei colori di Colibri.. Perché ColorSplitter? Come opera ColorSplitter? ColorSplitter La separazione automatica dei colori di Colibri.. ColorSplitter è una nuova funzionalità aggiunta a Colibri, che permette di elaborare un immagine trasformandola in una separata in canali

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010

rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Modulo P rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Manuale del modulo Color Grayscale per la linea di sistemi di visione artificiale HQV / Vedo. Questo manuale illustra le modalità di impiego del modulo

Dettagli

Il testo qui sotto riprodotto corrisponde ad una nota di istruzioni tecniche fornita da un cliente per la stesura di un nuovo brevetto.

Il testo qui sotto riprodotto corrisponde ad una nota di istruzioni tecniche fornita da un cliente per la stesura di un nuovo brevetto. Esame sezione brevetti 2003-2004 Prova pratica di elettrotecnica Il testo qui sotto riprodotto corrisponde ad una nota di istruzioni tecniche fornita da un cliente per la stesura di un nuovo brevetto.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Lavorare con il colore nelle immagini digitali L uso dei colori nella visione computerizzata e nella computer grafica implica l incorrere in determinate problematiche

Dettagli

Di testi ed immagini

Di testi ed immagini Università Cattolica del Sacro Cuore - Brescia 23/5/2005 Parte I: Richiami di algebra lineare Parte II: Applicazioni Sommario della Parte I 1 Diagonalizzabilità di una matrice Autovalori ed autovettori

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

Feature Selection per la Classificazione

Feature Selection per la Classificazione 1 1 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Corso di Algoritmi di Classificazione e Reti Neurali 20/11/2009, Roma Outline Feature Selection per problemi di Classificazione

Dettagli

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base INTRODUZIONE Nella versione 2.30.04 di Race Studio 2 è stata introdotta una nuova funzionalità relativa allo strumento di Analisi delle sospensioni presente all interno

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

RELAZIONE DI TIROCINIO

RELAZIONE DI TIROCINIO RELAZIONE DI TIROCINIO Modellistica di antenne a microstriscia DI Risso Stefano matr.2719995 Tutor accademico: Chiar.mo Prof. Gian Luigi Gragnani Svolto presso il Laboratorio di Elettromagnetismo Applicato

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

Ing. Simone Giovannetti

Ing. Simone Giovannetti Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Ing. Simone Giovannetti Firenze, 29 Maggio 2012 1 Incertezza di Misura (1/3) La necessità di misurare nasce dall esigenza

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli