info teoresi studi&ricerche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "info teoresi studi&ricerche"

Transcript

1 Individuazione automatica di segmenti rettilinei nelle immagini SAR basata sull uso congiunto della trasformata WAVELET e della trasformata di HOUGH Francesco Carlo Morabito, Giovanni Simone DIMET, Facoltà di Ingegneria, Università degli Studi di Reggio Calabria Via Graziella, Loc. Feo di Vito, I Reggio Calabria (Italia) Tel.: , Fax: Alfonso Farina Alenia Marconi Systems Via Tiburtinna, km , Roma (Italia) Tel.: , Fax: Questo lavoro presenta un metodo originale di individuazione automatica di tratti rettilinei in immagini acquisite da Radar ad Apertura Sintetica (SAR, Synthetic Aperture Radar) [1], basato sull uso congiunto della trasformata wavelet (WT, Wavelet Transform) [2] e della trasformata di Hough (HT, Hough Transform) [3,10]. È presentato un esempio illustrativo al fine di mostrare come l applicazione combinata delle due tecniche permette di ridurre gli effetti negativi del rumore moltiplicativo (speckle) presente nelle immagini SAR e di estrarre le caratteristiche geometriche regolari dalle immagini considerate. La WT fornisce quattro sottoimmagini (una sottoimmagine di approssimazione e tre sottoimmagini di dettaglio) dell immagine su cui essa è applicata. L uso della HT sulle sottoimmagini di dettaglio permette di eliminare alcuni problemi tipici della stessa trasformata di Hough e di avere in tal modo un più flessibile strumento di individuazione rispetto all approccio tradizionale. La tecnica proposta è stata testata su un immagine SAR reale. I risultati presentati sono stati ottenuti tramite MATLAB 5.2 utilizzando una SPARCstation 20 Sun: la trasformata wavelet bidimensionale sulla base delle funzioni del Toolbox Wavelab, mentre la trasformata di Hough è stata implementata in codice MATLAB dagli autori. 1. INTRODUZIONE Le immagini acquisite da Radar ad Apertura Sintetica (SAR) sono utilizzate in molteplici ambiti applicativi dalla sorveglianza, al controllo ambientale e alla protezione civile. Il SAR [1] è un particolare sensore attivo di acquisizione di immagini radar che consiste in un antenna montata su una piattaforma orbitante (satellite) o volante (aeroplano): l antenna si muove assieme alla piattaforma e attraverso una opportuna elaborazione dell eco ritorno della superficie illuminata, viene sintetizzata un antenna con dimensioni maggiori, ottenendo immagini ad una risoluzione più alta rispetto ad immagini ottenute da sistemi tradizionali a parità di dimensioni dell antenna. Ciascun pixel di un immagine SAR contiene la misura dell energia elettromagnetica riflessa da una piccola area nella zona illuminata dal fascio dell antenna, fornendo informazioni riguardanti la superficie. L immagine viene prodotta da un sistema di elaborazione coerente dell eco di ritorno; tale processo è corrotto da un rumore moltiplicativo detto speckle tale per cui pixel appartenenti ad aree adiacenti possono essere rappresentati all interno dell immagine da livelli di grigio differenti. L individuazione di segmenti rettilinei è parte di un tipico sistema di riconoscimento di oggetti (ATR, Automatic Target Recognition); tali tratti rettilinei appaiono talvolta nelle immagini SAR con delle interruzioni e quindi alcuni targets lineari possono essere confusi con lo sfondo stesso dell immagine. In questo articolo lo schema di decomposizione wavelet basato sulla trasformata wavelet veloce bidimensionale (2D-FWT, Fast Wavelet Transform) è utilizzato al fine di estrarre particolari caratteristiche geometriche dall immagine indagata. La HT unitamente ad un algoritmo di individuazione di massimi locali con soglia adattiva è analizzata. L uso congiunto di queste due trasformate (2D-FWT e HT) permette di combinare i vantaggi di entrambe. La tecnica è testata sull immagine SAR dell aeroporto di Oberpfaffenhofen (Monaco, Germania) (Fig.10). I risultati dell approccio proposto sono confrontati con l applicazione diretta della HT all immagine originale. I

2 2. LA 2D-FAST WAVELET TRANSFORM La WT è uno strumento analizzato nell ambito del signal processing: essa consiste nella decomposiione di un segnale n-dimensionale in sottosegnali n-dimensionali, che rappresentano il contenuto frequenziale del segnale di ingresso a diversi livelli di risoluzione. Grazie alle proprietà di qualità nell approssimazione e di stabilità numerica, le basi wavelet realizzate da Daubechies [4],[5] costituiscono il fondamento delle più diffuse tecniche per l analisi e la rappresentazione dei segnali in un ampio range di applicazioni. Nel nostro caso la WT è stata impiegata nel caso bidimensionale, per l estrazione di features da immagini SAR. Nella recente letteratura, la WT è stata usata sulle immagini SAR per la compressione [6], e la classificazione [7,8]. La 2D-FWT consiste di uno o più passi di decomposizione: le righe dell immagine di ingresso sono convolute con un filtro wavelet di decomposizione passo basso (LPF, Low Pass Filter) monodimensionale e le uscite sono sottocampionate trattenendo uno di due pixel adiacenti; il risultato è salvato nella metà sinistra dell immagine filtrata per righe; le righe dell immagine di input sono convolute con un filtro wavelet di decomposizione passa alto (HPF, High Pass Filter), e il risultato è sottocampionato; l output è salvato nella metà destra dell immagine filtrata per righe. La stessa operazione è applicata all immagine filtrata per righe, ma convolvendo le colonne dell immagine filtrata per righe con i filtri wavelet di decomposizione. I risultati sono salvati rispettivamente nelle metà superiore e nella metà inferiore dell immagine finale. In tal senso, l immagine finale può essere considerata come formata da quattro sottoimmagini, come indicato in Fig.1, in accordo con il seguente schema: 1) la sottoimmagine di approssimazione è ottenuta con un filtraggio passa basso per righe e passa basso per colonne: essa rappresenta una approssimazione sottocampionata dell immagine di input; 2) la sottoimmagine di dettaglio orizzontale è ottenuta Fig.1.- Schema a blocchi della 2D-Fast Wavelet Transform con un filtraggio passa alto per righe e passa basso per colonne; in tal senso, essa contiene i dettagli orizzontali dell immagine di input; 3) la sottoimmagine di dettaglio verticale è ottenuta con un filtraggio passa basso per righe e passa alto per colonne; cosï essa contiene i dettagli verticali dell immagine di input; 4) la sottoimmagine di dettaglio diagonale è ottenuta con una filtraggio passa alto per righe e passa alto per colonne; cosï essa contiene i dettagli diagonali dell immagine di input. Tale schema è un interpretazione qualitativa dell algoritmo utilizzato per l implementazione della 2D-FWT nel Toolbox Wavelab di MATLAB. Sottoponendo l immagine al singolo passo di 2D-FWT, la sottoimmagine di dettaglio orizzontale contiene le caratteristiche orizzontali dell immagine di ingresso; la sottoimmagine di dettaglio verticale contiene le caratteristiche verticali e la sottoimmagine di dettaglio diagonale contiene le caratteristiche diagonali. 3. LA HOUGH TRANSFORM La Hough Transform [3,10] (HT) è un robusto parametro stimatore di caratteristiche multidimensionali nelle immagini. Esso trova molteplici applicazioni nell analisi di dati telerilevati e permette di sviluppare algoritmi veloci ed auto-adattivi per l individuazione di caratteristiche geometriche regolari [9]. La HT è stata sviluppata da Paul Hough nel 1962 e brevettata da IBM. Originariamente, nel momento in cui è stato sviluppato l algoritmo, una retta è stata rappresentata nella forma pendenza-intercetta: y = m x + b (1) in cui m è la pendenza della retta e b è l intercetta y (il valore y è il punto in cui la retta attraversa l asse y). Questa parametrizzazione pendenza-intercetta individua in maniera univoca qualsiasi retta nel piano (x, y); in tale rappresentazione, nel caso in cui si abbiano rette orizzontali o verticali, i parametri m e b possono assumere valori infiniti. Per questo motivo, si è passati alla rappresentazione nella forma angolo-raggio nel piano (ρ, ϑ): x cos ϑ + y sen ϑ = ρ (2) in cui ϑ è l angolo fra l ortogonale alla retta, passante per l origine e l asse x e ρ è la distanza fra la retta e l origine; ϑ varia nell intervallo (0 π), mentre ρ è limitato dalle dimensioni diagonali dell immagine (Fig.2). La HT agisce secondo il seguente algoritmo: consideriamo nel piano (x, y) l immagine digitale e nel piano trasforma- II

3 Fig.2.- Hough Transform: due pixels producono separatamente due sinusoidi nel piano di Hough, e la linea passante fra i due pixels corrisponde all intersezione delle sinuoidi. to un accumulatore con tante righe per quanto sono i campioni per il parametro ϑ, e tante colonne per quanti sono i campioni per il parametro ρ; consideriamo un punto (x, y), per esso passano un numero finito di rette (non nel caso continuo ma nel caso discreto), e per ciascuna retta (ρ, ϑ) passante per tale punto incrementiamo nel piano trasformato la cella corrispondente nell accumulatore. In tal modo un punto nel piano dell immagine è mappato in una curva sinusoidale nel piano Hough. Due punti giacenti sulla stessa linea nel piano dell immagine, corrispondono a due curve sinusoidali con un punto in comune nel piano trasformato (Fig.2): tale punto costituisce un picco nel piano di Hough e quindi i punti di massimo locale possono essere interpretati come rette nel piano di partenza. Perciò una retta può essere individuata nel piano (ρ, ϑ) da un punto in cui si intersecano più sinusoidi: utilizzando un algoritmo di soglia adattiva, possiamo ricercare i massimi locali nel piano trasformato, e la soglia varia in funzione della probabilità di falso allarme richiesta dall operatore. Gli effetti della discretizzazione utilizzata nel piano (ρ, ϑ), per far in modo che il numero di rette nel piano di partenza sia finito, è stata studiata in [11]. La trasformata di Hough è stata implementata in codice MATLAB dagli autori: il codice permette di variare la probabilità di falso allarme, il passo di quantizzazione per il parametro ρ e il passo di quantizzazione per il parametro ϑ. 4. APPLICAZIONI Questa sezione presenta l applicazione della HT e della Wavelet-HT (WHT) ad immagini SAR simulate e reali. I risultati dell applicazione della HT e della HT nel dominio wavelet, sono presentati e comparati APPLICAZIONE DELLA HT E DELLA WHT ALLE IMMAGINI SAR SIMULATE Sono state simulate delle immagini SAR al fine di individuare i vantaggi dell approccio proposto. Tali simulazioni sono state realizzate utilizzando dei generatori di numeri casuali e utilizzando codice MATLAB per creare i targets e costruire l immagine finale. La Fig.3 rappresenta un immagine SAR simulata con 128 righe e 128 colonne, a 256 livelli di grigio (è stato utilizzato il comando colormap(pink(256)) per fare in modo che la differenza fra i pixels fosse rappresentata in una mappa di colori nella scala del rosa). Nell immagine sono stati simulati tre targets: ciascun target è composto da tre segmenti adiacenti, in cui il tratto centrale è maggiormente luminoso dei tratti laterali, in modo da considerare il fatto che nei casi reali i targets hanno una larghezza non nulla. Sia per la distribuzione dello sfondo sia per quella dei target è stata fissata una probability density function di Rayleigh polarizzando lo sfondo ad un valore inferiore rispetto a quello dei targets e utilizzando una diversa deviazione standard. Applicando la HT a tale immagine ci aspetteremmo di trovare tre picchi, corrispondenti ad ognuno dei tre targets: un picco per il target orizzontale, uno per il target verticale ed uno per il target diagonale. Nella realtà vengono prodotti dei picchi spuri dovuti al fatto che le sinusoidi corrispondenti ai diversi targets interagiscono nel dominio trasformato fra loro producendo dei picchi spuri: tali picchi individuano rette passanti fra le diverse coppie di targets (il picco spurio (A) individua una linea passante per i targets orizzontale e verticale, il picco spurio (B) individua una linea pas- Fig.3.- Immagine SAR simulata: tre targets con differenti posizioni e inclinazioni. III

4 sante per i targets diagonale e verticale il picco spurio (C) individua una linea passante per i targets orizzontale e diagonale) che non sono effettivamente presenti nell immagine di partenza. Viceversa, il picco (D) individua la retta passante attraverso il target orizzontale, il picco (E) la retta passante attraverso il target diagonale e il picco (F) la retta passante attraverso il target verticale. Si rende necessaria una tecnica di separazione dei targets a diversa inclinazione. Come indicato in precedenza, la 2D-FWT produce le sottoimmagini che contengono, separatamente, le caratteristiche orizzontali, verticali e diagonali. In Fig.5 è rappresentata la 2D-FWT dell immagine simulata. Nella 2D-FWT abbiamo scelto una wavelet Daubechies con 2 momenti nulli [5]: i filtri wavelet di decomposizione passa basso e passa alto sono indicati in Fig.6. Applichiamo la HT alle sottoimmagini indicate in Fig.5, sottoposte ad un operazione di binarizzazione: è stata sviluppata una semplice funzione in codice MATLAB in modo da produrre, a partire da un immagine di input, una sua versione binaria, contenente cioè solo pixel bianchi o neri. In Fig.7, 8, 9 sono rappresentati rispettivamente i mappaggi delle sottoimmagini di dettaglio orizzontale, verticale e diagonale nel dominio di Hough. Possiamo osservare che i picchi spuri sono stati eliminati, e quindi l algoritmo di ricerca dei massimi locali con soglia adattiva, non è soggetto agli errori di interpretazione relativamente ai picchi spuri (A), (B) e (C). Questo risultato dimostra che il nostro metodo può eliminare il problema dell intersezione delle differenti sinusoidi nel piano di Fig.4.- Hough Transform dell immagine SAR simulata (Fig.3). Fig.6.- Filtri Wavelet di decomposizione: passa basso (sopra) passa alto (sotto). Fig.5.- 2D-FWT dell immagine simulata (Fig.4). Fig.7.- HT della versione binaria della sottoimmagine di dettaglio orizzontale dell immagine SAR simulata (Fig.3). IV

5 Hough. Se applichiamo tale tecnica all immagine simulata e alle sottoimmagini di dettaglio, rappresentate nella versione a 256 livelli di grigio, può essere prodotta un analisi quantitativa. È possibile valutare due parametri, in modo da stimare il grado di smoothing dei picchi nel piano di Hough: il primo parametro è il rapporto fra il valore del picco e la media della trasformata di Hough, µ[ht] il secondo parametro è il rapporto fra il valore del picco e la media di una finestra di 5 x 5 elementi centrata sul picco considerato del piano di Hough, µ[win] Questi parametri indicano, rispettivamente, quanto il picco considerato si stacca dal background nel dominio di Hough, e dal background locale: maggiori sono tali parametri, maggiormente evidente è il picco nel dominio trasformato. Le tabelle 1, 2 e 3 rappresentano questi parametri valutati per i picchi nel piano di Hough corrispondenti ai tre targets, nell immagine originale e nelle sottoimmagini di dettaglio. Notiamo che con il nuovo approccio Wavelet-HT, i parametri indicati aumentano il proprio valore: nel piano di Hough prodotto a partire dal dominio wavelet, i picchi corrispondenti a targets effettivamente presenti nell immagine di input, sono più evidenti rispetto ai picchi nel piano di Hough prodotti nel piano originale (x,y). Inoltre la nostra tecnica WHT riduce il carico computazionale con una risparmio del 30% nel tempo di calcolo rispetto al tradizionale approccio HT: con il metodo standard sono stati impiegati 180 mentre con la nostra tecnica il tempo si è ridotto a 256. Tab.1.- Analisi per il picco corrispondente al target orizzontale. Fig.8.- HT della versione binaria della sottoimmagine di dettaglio verticale dell immagine SAR simulata (Fig.3). Tab.2.- Analisi per il picco corrispondente al target verticale. Fig.9.- HT della versione binaria della sottoimmagine di dettaglio diagonale dell immagine SAR simulata (Fig.3). Tab.3.- Analisi per il picco corrispondente al target diagonale. V

6 Fig.10.- L immagine E-SAR di Oberpfaffenhofen (DLR-Germania). È indicata l area elaborata. Fig D-FWT dell area considerata nell immagine SAR reale. Fig.11.- HT dell area considerata nell immagine SAR reale APPLICAZIONE DELLA HT E DELLA WHT AD UN IMMAGINE SAR REALE Il metodo WHT è stato applicato ad un immagine SAR reale: la Fig.10 rappresenta l aeroporto di Oberpfaffenhofen (Monaco, Germania). Abbiamo testato il nostro approccio sull area indicata, in cui è presente una linea retta orizzontale: l obiettivo in tal caso è individuare il tratto orizzontale. La Fig.11 rappresenta la HT dell area considerata; nel piano di Hough è stato prodotto un picco corrispondente al segmento orizzontale. Se applichiamo adesso la nostra tecnica WHT, quello che ci aspettiamo di ottenere è che il picco corrispondente alla retta orizzontale venga reso maggiormente evidente dall applicazione della HT alla sottoimmagine di dettaglio orizzontale nel dominio wavelet. La Fig.12 rappresenta la decomposizione Fig.13.- HT della sottoimmagine di dettaglio orizzontale. wavelet dell area considerata: possiamo notare che il tratto orizzontale è chiaramente estratto nella sottoimmagine di dettaglio orizzontale; in Fig.13 abbiamo rappresentato la HT della sottoimmagine di dettaglio orizzontale. Possiamo notare la presenza del picco corrispondente al tratto rettilineo nell immagine di partenza. La Tab.4 rappresenta l analisi quantitiva dei risultati: possiamo notare che il picco prodotto tramite la WHT è maggiormente evidente rispetto al medesimo picco prodotto dalla HT nel dominio di partenza. L algoritmo viene utilizzato quindi per analizzare le diverse sottoimmagini nel dominio wavelet, ricercando i tratti rettilinei nelle sottoimmagini di dettaglio orizzontale, verticale e diagonale: la Fig.14 rappresenta l immagine SAR considerata ricostruita con la tecnica della WHT. VI

7 Fig L immagine SAR reale ricostruita con la tecnica WHT. Immagine Originale Sottoimmagine di dettaglio orizzontale µ[ht] µ[win] CONCLUSIONI È stata presentata una tecnica originale di individuazione automatica di tratti rettilinei, basata sull uso congiunto della trasformata di Hough e della trasformata wavelet: tale tecnica è stata applicata al fine di incrementare le prestazioni di un sistema tradizionale di individuazione di rette tramite la HT. Attraverso un analisi qualitativa e quantitativa dei risultati sperimentali, prodotti sia su immagini SAR simulate, sia su immagini SAR reali, è stato dimostrato che il nuovo approccio permette di ridurre l azione negativa di picchi spuri nel dominio di Hough, e di incrementare l evidenza dei picchi corretti: in tal senso, otteniamo uno strumento più efficiente rispetto all applicazione classica della Hough Transform, e l approccio utilizzato permette inoltre di ridurre del 30% il tempo di calcolo. Per l ottenimento dei risultati sperimentali sono stati utilizzati il MATLAB nelle sue funzioni principali di manipolazione di matrici e vettori; il Toolbox Wavelab si è dimostrato uno strumento fondamentale per la realizzazione del lavoro nella sezione in cui è stata applicata la 2D-FWT alle immagini considerate; la Hough Transform è stata implementata in codice MATLAB dagli autori. Tab.4.- Analisi per il picco corrispondente alla linea orizzontale nell immagine SAR reale. 6. BIBLIOGRAFIA [1] A. Farina, F. Vinelli, A Center of Excellence for SAR Signal Processing, Alenia Technologies, Vol.1, No.1, [2] N. Hess Nielsen and M. V. Wickerhauser, Wavelets and Time-Frequency Analysis, Proceedings of the IEEE, Vol.84, No. 4, pp , April [3] J. Wang and P. J. Howarth, Use of the Hough Transform in Automated Lineament Detection, IEEE Transactions on Geoscience and Remote Sensing, Vol. 28, No. 4, July [4] I. Daubechies, Ten Lectures on Wavelets: SIAM Press, Philadelphia, PA, [5] I. Daubechies, Orthonormal bases of compactly supported wavelets, Communications on Pure and Applied Mathematics, Vol. 41, pp , October [6] S. A. Werness, S. C. Wei, et al, Experiments with Wavelets for Compression of SAR Data, IEEE Transactions on Geoscience and Remote Sensing, Vol.32, No.1, January [7] S. Barbarossa, L. Parodi, SAR Image Classification by Wavelets, Proceedings of IEEE International Radar Conference 1995, pp , [8] F. C. Morabito, G. Simone, A Comparison of Feature Extraction Techniques for Remotely Sensed SAR Images Segmentation, Proceedings of SSCC 98 (Durban, South Africa), Vol. II, pp , September [9] P. Ballester, Applications of the Hough Transform, ASP Conference Series, Vol.61, [10] P. V.C.Hough, A Method and Means for Recognizing Complex Patterns, US Patent 3,069,654, [11] G. Simone, Quantization Negative Effects in Hough Transform in SAR Image Lineament Detection, to be published, VII

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy: Informazioni di Base Libreria di algoritmi e strumenti matematici Fornisce: moduli per l'ottimizzazione, per l'algebra lineare,

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca (Ivan Corazza) INDICE Misura intervalli RR battito-a-battito (Giorgio Barletta) Misura della variabilità

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE

SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE Fabio Del Frate (delfrate@disp.uniroma2.it) Università Tor Vergata, Roma ESA-ESRIN ESRIN 10-2-2011 2011 RADAR Radar PPI (Plan Position Indicator) display circolare con sweep

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli