Salute o malattia? Il valore del commercio come «farmaco» ne La Coscienza di Zeno.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute o malattia? Il valore del commercio come «farmaco» ne La Coscienza di Zeno."

Transcript

1 Antonella Braida Salute o malattia? Il valore del commercio come «farmaco» ne La Coscienza di Zeno. Nell ultimo capitolo del terzo romanzo di Svevo, Zeno, annuncia al Dr S, e attraverso di lui, al lettore implicito la guarigione dalla sua supposta malattia. Il capitolo, intitolato significativamente «Psicanalisi», offre la risposta del personaggio e narratore Zeno alla lettera del Dr S., presentata come prefazione del romanzo. Dopo aver rifiutato la Psicanalisi come cura, «non solo non voglio fare la psicanalisi, ma non ne ho neppur bisogno» 1, Zeno dichiara di aver, al contrario, conquistato la propria salute proprio grazie al commercio: «Fu il mio commercio che mi guarì e voglio che il dottor S. lo sappia» 2. Se è ben noto che il tema della «malattia» è al centro del romanzo Sveviano, non sempre è stata sottolineata la centralità della «cura» nella sua struttura narrativa 3. Questa si regge sull espediente del «diario/ libro di memorie» terapeutico annunciato dalla lettera del dottor S.: Debbo scusarmi di aver indotto il mio paziente a scrivere la sua autobiografia. Ma egli era vecchio ed io sperai che in tale rievocazione il suo passato si rinverdisse, che l autobiografia fosse un buon preludio alla psico-analisi. 4 Espediente metanarrativo complesso in quanto il Dr S si pone non come scrittore, ma editore dell autobiografia a lui destinata e lettore implicito. In realtà, sia dottore che paziente coinvolgono il vero lettore implicito nel ruolo di giudice parziale, chiamato a confermare le nefandezze del paziente «bugiardo» e recalcitrante che interrompe la cura o, viceversa, a ridere della conclusione scontata dello psicanalista ingenuo. Il discorso libero indiretto permette a Svevo di arricchire il testo di sottintesi ironici, come nel passo che segue: 1 Italo Svevo, Romanzi e continuazioni, ed. a cura di Nunzia Palmieri e Fabio Vittorini, Milano, Mondadori, «I Meridiani, 2004, p Tutte le citazioni sono tratte da questa edizione. 2 Ibid. 3 Sull importanza della malattia nell opera sveviana si soffermano i principali studi critici del romanzo. Vedi ad esempio Sandro Maxia, La lettura di Italo Svevo, Padova, Liviana, 1965, Edoardo Saccone, Saggio sul testo di Svevo, Bologna, Il Mulino, 1973, p. 171, Mario Lavagetto, L impiegato Schmitz e altri saggi su Svevo, Torino, Einaudi, 1975, Edoardo Saccone, Commento a Zeno: saggio sul testo di Svevo, Bologna, Il Mulino, 1973, Brian Moloney, Lezioni Triestine, Gorizia, Libreria editrice Goriziana, 1998, e Italo Svevo. A Critical Introduction, Edinburgh, Edinburgh University Press, 1974, G. A. Camerino, Italo Svevo e la crisi della Mitteleuropa, Firenze, Le Monnier, 1974, Teresa De Lauretiis, La sintassi del Desiderio, Struttura e forme del romanzo sveviano, Ravenna, Longo, 1976; C. Baiocco, Analisi del personaggio sveviano in relazione alle immagini di lotta e malattia, Roma, Cisu, Una nuova lettura del tema è stata offerta dal catalogo del Museo Svevino, Guarire della cure. Italo Svevo ei medici, a cura di Riccardo Cepach, Trieste, comune di Trieste, Un ultimo recente contributo riguardo alla psicanalisi è incluso dal volume Freud and Italian Culture, Bern, Peter Lang, Romanzi e continuazioni, op. cit., p. 625.

2 La mia cura doveva essere finita perché la mia malattia era stata scoperta. Non era altra che quella diagnosticata a suo tempo dal defunto Sofocle sul povero Edipo: avevo amata mia madre e avrei voluto ammazzare mio padre. 5 L impersonalità dell uso del passivo imita il discorso scientifico della diagnosi pariodiandolo. Nonostante le divergenze di punto di vista, entrambi i narratori intra-diegetici, sono legati dalla necessità della cura. Per il dottor S. infatti la cura rappresenta la certezza scientifica della conseguenza di una pratica terapeutica, la fede scientifica nella neonata scienza freudiana, e, al tempo stesso, la principale fonte di sostentamento economico. Per Zeno la cura si caratterizza ben presto come il motore dell esistenza, la prova incontrovertibile dell esistenza della «malattia». Ma, come la malattia è mutevole, malattia della parola, desiderio per «la donna a pezzi» 6, vizio del fumo 7, paura di morire e di invecchiare 8, cosìzeno vorrebbe mutevole anche la cura: dal trattamento del diabete 9, al ricovero in una clinica per smettere di fumare 10, al matrimonio in quanto sodalizio con una donna «sana» 11, all onnipresente psicanalisi. È quindi sorprendente il fatto che una sola volta, e significativamente alla fine del romanzo Zeno si dichiari guarito e cerchi di negare la necessità della cura. Intendiamo in questo articolo esplorare il significato dell affermazione di Zeno «il commercio mi guarì»: due domande guideranno la ricerca:si intenderà analizzare il significato della supposta guarigione di Zeno, e al tempo stesso il valore del commercio in quanto farmaco ne La coscienza di Zeno. La sorprendente affermazione di Zeno «il commercio mi guarì» riprende un tema già ampiamente trattato dal romanzo: un capitolo intero, «Storia di un associazione commerciale», è apparentemente dedicato all argomento. In realtà nel titolo la parola «associazione» è tanto importante quanto «commercio» in quanto Zeno ripercorre la storia del suo rapporto con il cognato e rivale in amore Guido Speier. Un esame attento dei due termini, commercio e associazione, permette di sottolineare una certa vicinanza semantica tra i due. Il dizionario Devoto Olii (2007) ci offre due definizioni di commercio: «attività economica che consiste nello scamnio di prodotti in natura o contro denaro in base alla reciproca utilità dei 5 Romanzi e continuazioni, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p Cf. il capitolo 3de La coscienza di Zeno, «il fumo». 8 Romanzi e continuazioni, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p. 788.

3 contraenti. [Let.] relazione, rapporto sul piano fisico, affettivo, spirituale, culturale 12. Il termine «associazione» risulta più concreto in quanto partecipazione continuata a un impresa o attività e insieme di persone riunite, organizzate o operanti per il conseguimento di un fine commune 13. Per una definizione contemporanea a Svevo ci sembra opportuno attingere a una fonte importante dello stesso Svevo e ancora largamente ignorata: i testi e programmi di insegnamento della Scuola Superiore di Commercio Revoltella che Svevo frequentò per due anni dal 1878 al 1880, ma con la quale poi continuò un rapporto lavorativo come insegnante di corrispondenza commerciale fino al 1901, anno in cui diede le dimissioni dopo aver accettato l offerta dei suoceri di entrare a far parte della ditta Veneziani 14. Secondo gli studi di Anna Maria Vinci e Amedeo Tagliaferri, la scuola rivela un corpo insegnante con un livello di preparazione scientifica più che soddisfaciente per l epoca e per il tipo di istituzione, modellata sull Export-Academie di Vienna e sulle Scuole già esistenti a Praga, a Lipsia, a Berlino, Mannheim e Monaco. Nella Scuola, come spiega Anna Maria Vinci: La scienza del commercio è quindi rappresentata come la «summa» di un gran numero di conoscienze che hanno a che vedere tanto con l «esercizio» quanto con «il governo del commercio», dall economia politica al diritto commerciale, dalla statistica del commercio, alla corrispondenza commerciale, dalla politica del commercio alla scienza della moneta. 15 Tra gli archivi della Scuola, conservati alla Biblioteca dell Università di Trieste, si trovano, oltre ai programmi e ai corsi di alcuni insegnanti, i discorsi inaugurali degli anni scolastici relativi alla presenza di Svevo nell istituto. Interessante, per il tema rilevante al commercio, il discorso tenuto all inizio dell anno , da Achille Gennari, professore di Economia politica, formatosi nella Pavia Austriaca e per un certo periodo direttore della Scuola «Sull importanza dell insegnamento commerciale superiore nella vita moderna» 16. In essa 12 Dizionario Devoto Olii, Giacomo Devoto e Giancarlo Ollii, a cura di Luca Serianni e Maurizio Trifone, Firenze, Le Monnier, 2007, p Dizionario Devoto Olii, p La presenza di Svevo è attestata dal registro degli studenti iscritti alla Scuola dal 1877 al Schmitz Ettore è iscritto per l anno scolastico come studente numero 25 dell elenco. Archivio Revoltella, Cartella 43 fascicolo 01. La nomina di Svevo come insegnante di correspondenza è attestata da una lettera a lui indirizzata dal curatorio datata 19 ottobre Archivio Revoltella, fascicolo non ancora catalogato. L interruzione dell insegnamento è documentato dal verbale del Curatorio del 4 maggio 1901 firmato dall Avv. Achille Gennari che si occupava temporaneamente della direzione dell Istituto. 15 Anna Maria Vinci, Storia dell Università di Trieste: mito progetti, realtà, Trieste, Edizioni Lint, 1977, p Gennari, nato a Pavia nel 1837, fu avvocato. Nel 1877 fu nominato alla Scuola superiore di fondazione Revoltella professore di economia, statistica, scienza della finanza, storia e grografia comerciale. G., Subak,

4 troviamo un programma per il tipo di commercio moderno e a dimensione umana che la Scuola intende promuovere: Io mi rivolgo a tutti gli uomini d affari e loro domando se non siano patenti i sintomi di una decadenza nel commercio intermedio di clientela ed in quello di commissione, due forme mirabilmente acconcie agli spiriti tranquilli, [ ] se non sia vero che mentre il grande commercio ed il commercio alla spicciolata tendono a darsi la mano, si diradino le fila del commercio medio, di quello cioé che riusciva ad educare se non le più brillanti, le più solide qualità dell uomo d affari, l assiduità, la perseveranza, il culto di un nome illibato da tramandarsi da padre in figlio come una bandiera che bisogna custodire e difendere 17. Il nemico per Gennari sono «una schiera baldanzosa e proteiforme di quanti nel commercio non sono stabiliti, ma accampati, da coloro che vi entrano per arricchire salvo per uscirne quando hanno raggiunto lo scopo» 18. Nel quandro dipinto da Gennari vediamo gli estremi rappresentati da un lato il grande commercio promosso a Trieste dalle vie di comunicazione via mare, all estremo «la frenetica speculazione, il commercio a grande rischio volto solo all accumulazione rapida, al centro della sua analisi si situa il commercio «facile» per commissione. Una definizione più neutra del commercio è del notaio Giorgio Piccoli, insegnante di diritto alla Scuola Superiore, ma anche figura di spicco della Trieste di fine secolo in quanto presidente della Camera Notarile di Trieste e cosigliere comunale e noto irredentista. Il commercio è «la scienza dei fatti economici, creata dai bisogni e dagli usi del commercio [ ] ed ai quali il legislatore applicava le norme del diritto, dalle quali a sua volta il commerciante traeva quella somma di regole che costituiscono la prudenza commerciale» 19. Quindi esso è scienza teorica, ma anche e soprattutto sunto della pratica commerciale di intere generazioni. Nella sua autobiografia Svevo sottolinea ironicamente il periodo passato alla Scuola come «due anni di lavoro intenso che intanto servirono a chiarire ad Italo il suo proprio animo e a fargli credere ch egli per il commercio non era nato» 20. E certo invece che la formazione alla Scuola Revoltella contribuì all interesse dell autore per le scienze sociali e per le scienze naturali, attraverso l approccio neoevoluzionistico e neodarwinista di cui troviamo traccia nei programmi di Gennari: Cent anni di insegnamento commerciale a Trieste, Trieste, Tip. Del Lloyd austriaco del 1917, p Cit. in Anna Maria Vinci, op. cit., p Cit. in Anna Maria Vinci, op. cit., p Giorgio Piccoli, «Diritto commerciale», Primo Corso, in La pubblica scuola superiore di Commercio di Fondazione Revoltella, Trieste, Tipografia del Lloyd Austro-Ungarico, Trieste, 1882, pp Italo Svevo, Racconti, saggi, pagine sparse, a cura di Bruno Maier, Opera Omnia, Milano: Dall Oglio, 1968, p. 800.

5 Alla proprietà tienne dietro la teoria della popolazione, lo sviluppo della teoria di Malthus accennando alle obbiezioni fatte dai di lui avversari e rilevando come a quelle teorie si colleghi il nuovo circolo di idee che si va delineando nelle scienze biologiche, sociali e naturali, colle teorie di Herbert Spencer, Bagehot e Darwin. 21 Come in alcune delle pubblicazioni divulgative italiane del periodo, anche in Gennari troviamo una mescolanza tra scienza economica e postdarwinismo, qui illustrate dal ricorso alle teorie di Herbert Spencer, Bagehot e Darwin. Come spiega Aurelio Macchioro in uno studio sulla situazione dell insegnamento economia politica in Italia nel periodo post-unitario «la questione sociale sarà il tramite per fare entrare nel discorso economico l evoluzionismo (quello che Martello irriderà come antropopitechismo economico)» 22. Le frequente presenza di letture evoluzionistiche nell opera di Svevo trova quindi un altra fonte nei programmi studio della Scuola Superiore di Commercio. Ne La coscienza di Zeno Svevo presta solo una parte delle sue letture economiche al narratore intradiegetico Zeno. E significativo che tutti i personaggi maschili condividano in misura diversa la stessa conoscenza dell autore. È possibile dire, infatti, che tutti i personaggi maschili del romanzo aspirino al ruolo del perfetto commerciante, conoscitore della scienza del commercio, ma anche abile nella sua messa in pratica, secondo il modello illustrato da Gennari e da Piccoli. Dell attività commerciale del padre Zeno ci riporta la stima di cui questi godeva e comunque la sua capacità a trasmettergli un patrimonio che gli permette una vita agiata anche se condannata alla non-attività: Egli godeva della fama di commerciante abile, ma io sapevo che i suoi affari da lunghi anni erano diretti dall Olivi. Nell incapacità al commercio v era una somiglianza fra di noi, ma non ve n erano altre; posso dire che fra noi due, io rappresentavo la forza e lui la debolezza. 23 Leggiamo nelle contraddizioni del narratore una conferma delle capacità del padre. Che quest ultimo rappresenti il modello del commerciante «etico», che preferisce il buon senso al lucro o a guadagni rischiosi è confermato dal suo ricorso a un amministratore abile e, nella vita privata, dall interesse per «libri insulsi e morali» e «dalla sua adesione sincera alla virtù» Avv. Achille Gennari, Lezioni di economia politica dettate e riprodotte come manoscritto per uso esclusivo dei suoi studenti da Gennari Avv. Achille, Professore ordinario di Economia Politica, Scienza di Finanza e Statistica, Pubblico Corso Superiore di insegnamento commerciale di fondazione Revoltella in Trieste, Trieste, Balestra, 1882, p L economia politica italiana nell età del positivismo, in Il pensiero economico italiano, IV 1996/ 1, p Romanzi e continuazioni, op. cit., p Ibid.

6 Nello schema attanziale del romanzo, il suocero Giovanni Malfenti sostituisce il padre in quanto antagonista. L incontro che permetterà a Zeno di scegliere il nuovo padre putativo avviene significativamente proprio al Tergesteo, sede della Borsa di Trieste: Ero venuto al Tergesteo per consiglio dell Olivi che mi diceva sarebbe stato un buon esordio alla mia attività commerciale frequentare la Borsa e che da quel luogo avrei anche potuto procurargli delle utili notizie. M assisi a quel tavolo al quale troneggiava il mio futuro suocero e di là non mi mossi più, sembrandomi di essere arrivato a una vera cattedra commerciale, quale la cercavo da tanto tempo. 25 E l insegnamento commerciale che Zeno afferma di cercare nel suocero. La descrizione delle abilità e dei successi di Malfenti è investita dal narratore di un aura positiva e Svevo attinge alla sua esperienza diretta e indiretta per offrire il ritratto del commerciante di successo. La sua posizione alla Borsa indica il suo inserimento nella vita economica cittadina. Gli studi del ruolo della Borsa nella vita economica cittadina ci confermano la sua importanza da un punto di vista pratico e da un punto di vista sociale. Come spiega Alessio Fornasin la seconda metà dell ottocento vede la presenza a Trieste di un élite economica sostanzialmente compatta. Per essa «una delle maggiori influenze che la Borsa esercitava sulla vita economica reale era data dal ruolo che ricopriva nella determinazione dei prezzi» di un economia che «era diventata oramai globale» 26. Concretamente, spiega sempre Fornasin, «la funzione della Borsa triestina come elemento regolatore del mercato viene espletata attraverso contrattazioni private, effettuate da un corpo di «sensali», cioé da agenti di Borsa» 27. La Borsa, quindi, è il luogo del riconoscimento del commerciante, ma anche il luogo adibito all incontro in vista dello scambio. Malfenti viene quindi celebrato per la sua conquistata stima nel luogo preposto al commercio: molti si avvalgono dei suoi consigli per gli affari ed è questa fama che attira l attenzione di Zeno. Per Zeno, però le transazioni non sono che un mezzo per stabilire un associazione con il suocero, nuovo antagonista da sfidare per riaffermare la sua forza. Le sfide tra Zeno e il suocero ci offrono uno spaccato di un attività commerciale varia, che va dall acquisto di azioni di una fabbrica di zucchero e alla loro rivendita al momento opportuno, all acquisto di merce per rivenderla con attenzione ai diversi dazi imposti sulle merci. Svevo introduce attrverso il suo realismo critico, uno spaccato della vita triestina del tempo: proprio negli ultimi decenni dell ottocento l attività commerciale di Trieste si modifica a favore del 25 Romanzi e continuazioni, op. cit., p Il corsivo è nostro. 26 Alessio Fornasin, «La Borsa e la Camera di Commercio di Trieste ( )», in Storia economica e sociale di Trieste, a cura diroberto Finzi, Loredana Panariti, Giovanni Panjek, Trieste, Lint, 2003, p , a p Ibid., p. 156.

7 transito di merci rispetto all attività di commercio di tipo emporiale 28. A una generale crisi europea, l Austria risponde con alcuni dazi protezionistici, alcuni dei quali favoriscono le merci importate via mare 29. Anche l associazione commerciale tra Zeno e Guido ci riporta alla Borsa, come sottolinea Fabio Vittorini «Il Tergesteo, sede della Borsa di Trieste, è il luogo dove ha inizio la competizione col futuro suocero Malfenti (Zeno è perdente) e dove avrà fine la competizione col cognato Guido (Zeno sarà vincente)» 30. Svevo arricchisce la narrazione che Zeno fa dei suoi rapporti con Guido con una convincente serie di fenomeni di rimozione secondo l approccio freudiano: questi vanno dalla contraddizione, all omissione di alcuni elementi, al lapsus calami della mancata partecipazione al funerale di Guido. Anche la narrazione dell apertura di una «casa commerciale» da parte di Guido è utilizzata da Zeno per sottolineare l incapacità del cognato e la sua scarsa conoscenza della scienza commerciale: Ad onta della sua Scuola Superiore, Guido aveva un concetto poco preciso del dare e dell avere. Stette a guardare con sorpresa come io costituii il Conto Capitale ed anche come registrai le spese. Poi fu tanto dotto di contabilità che quando gli si proponeva un affare, lo analizzava prima di tutto dal punto di vista contabile. 31 Rispetto alla varietà delle operazioni di Giovanni Malfenti, il commercio della ditta di Guido, come ci spiega con precisione il narratore, consiste nel lavoro in commissione, vale a dire nell acquisto di merci per l intermediario di sensali per poi rivenderle con il guadagno di una commissione. L affare più rovinoso è definito da Zeno una «speculazione» in quanto Guido intende sfruttare le variazioni del prezzo del solfato di rame. L affare diventa particolarmente fallimentare a causa della necessità di immagazzinare la merce prima di venderla, pratica meno corrente ormai negli anni 90 dell ottocento periodo nel quale l espisodio è ambientato. Il capitolo illustra ancora più chiaramente il valore metaforico del commercio: la conclusione di un affare è il terreno sul quale si sfidano Zeno e Guido o Zeno e il commerciante Tacich per attirare l ammirazione e l approvazione della segretaria Carmen. Per Zeno, inoltre, mantenere un rapporto con l antagonista è più importante che indurlo a dichiarare fallimento come prescritto dalla legge austriaca vista la perdita di metà del capitale: Mi buttai poi tutto dalla sua parte e, dimenticando di aver già presentato il consiglio dell Olivi come degno di esser preso in considerazione, gli dissi: E quello che obiettai anch io all Olivi. La responsabilità è tua e noi non ci entriamo 28 Giovanni Panjek, Una commercial officina fra vie di mare e di terra, in Storia economica e sociale di Trieste, op. cit., p Panjek, Una commercial officina fra vie di mare e di terra, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p. 916

8 quando tu decidi qualche cosa circa il destino della ditta che appartiene a te e a tuo padre 32. L associazione, quindi, prima che commercio è l argomento centrale della narrazione retrospettiva di Zeno. Con la prespicacia delle sue auto-analisi, il narratore Zeno identifica nel «commercio» con Guido una possibile manifestazione della «malattia» all origine delle sue memorie: E scrivo ancora di questi due anni perché il mio attaccamento a lui mi sembrava una chiara manifestazione della mia malattia. Che ragione c era di attaccarsi a lui per apprendere il grande commercio e subito dopo restare attaccato a lui per insegnargli quello piccolo? 33 Il commercio è quindi solo un mezzo per instaurare la ricercata competizione con il cognato: esso è del resto il luogo privilegiato degli scambi tra i personaggi maschili. Rispetto al più circoscritto ambiente della Banca in Una vita, ne La coscienza di Zeno, il commercio rappresenta un terreno di confronto molto più vasto e aperto nel quale alla visione gerarchica della borghesia bancaria subentra la libera iniziativa del commerciante in competizione con tutti gli attori della vita economica triestina. Potremmo evocare un immagine suggerita dal fratello di Svevo, Elio, nel suo diario: Il commercio mi si presenta come una grandiosa focaccia. Migliaia di persone tentano disperatamente di addentarne qualche pezzetto che altrimenti morrebbero di fame. I più preportenti però non si accorgono di togliersi la fame su essa, ma se ne portano via dei brani anche dopo essersi diffamati 34. È significativo il fatto che il capitolo «Storia di un associazione commerciale» includa una versione ben più pessimista della società dell analisi di Elio. Zeno usa la stessa metafora relativa al campo semantico del cibo per concludere la sua analisi del suo rapporto con Guido con una celebrazione dei vincintori che sanno emergere dalla lotta: La legge naturale non dà il diritto alla felicità, ma anzi prescrive la miseria e il dolore. Quando viene esposto il commestiile, vi accorrono da tutte le parti i parassiti e, se mancano, s affrettano di nascere.[ ] Quelli che non hanno avuto niente dalla preda muoiono gridando all ingiustizia e quelli che ne hanno avuto una parte trovano che avrebbero avuto diritto ad una parte maggiore Perché non muoiono e non vivono tacendo? E invece simpatica la gioia di chi ha saputo conquistarsi una parte esuberante 32 Romanzi e continuazioni, op. cit., p Romanzi e continuazioni, op. cit., p Lettere a Svevo. Diario di Elio Schmitz, Opera Omnia, a cura di Bruno Maier, Milano, Dall Oglio, 1973, p. 253.

9 del commestibile e si manifesti pure al sole in mezzo agli applausi. L unico grido ammissibile è quello del trionfatore. 35 Zeno introduce questa analisi crudele di neodarwinismo sociale per giustificare la sua incapacità di provare compassione per Guido. Come sottolinea Bertoni, Svevo aveva già associato una riflessione simile alle teorie di Herbert Spencer in una favola in cui un uomo diventato povero «un giorno si imbatté in Erberto Spencer che gli spiegò come la sua sventura fosse evidentemente la conseguenza della sua incapacità e come non meritasse né compassione né aiuto perché l aiuto dato alui avrebbe corrotta la legge sociale che vuole la soppressione del vinto. Allora appena, in via di conclusione, il pover uomo si uccise» 36. Nonostante la fonte in Spencer e Darwin, la celebrazione finale del vincitore ha un tono più nettamente Nitzscheiano nel romanzo. Essa rappresenta la più significativa anticipazione della conclusione apocalittica, introdotta quasi senza continuità alla fine della narrazione diaristica che caratterizza il capitolo Psicanalisi. Come accennavamo in apertura della nostra analisi, nell ultimo capitolo del romanzo, Zeno passa dal rifiuto della psicanalisi e della cura, all affermazione dell avvenuta guarigione. È importante chiedersi il significato di questa asserita guarigione in calce alla conclusione e soprattutto quale ruolo ha in essa il commercio? E significativo, come ha sottolineato Giuseppe Stellardi, che la guarigione di Zeno avviene nel momento in cui la narrazione abbandona il passato e ritorna al presente della scrittura 37. Come ha sottolineato Saccone nel recente volume Freud and Italian Culture, Zeno rifiuta la cura in quanto essa annienterebbe la sua stessa natura di personaggio in cerca della salute: Il rifiuto della cura, della guarigione considerate dall io, secondo il Freud di Die endliche und die unendliche Analyse come un nuovo pericolo è rifiuto della fine, della conclusione: delle conclusioni. 38 La cura, e con essa la guarigione, al tempo stesso è l accettazione della conclusione temporanea della catena di ripetizioni attraverso la scrittura. Nelle sue «carte» da inviare al dottore Zeno si accinge a celebrare il commercio come sola cura alla sua supposta malattia. Tale celebrazione ha due funzioni: la prima, narrativa, equivale quindi all accettazione della fine e della propria esistenza in quanto personaggio e narratore, e, implicitamente, al ritorno 35 Romanzi e continuazioni, op. cit., p Racconti, saggi e pagine sparse, p Cit. in Romanzi e continuazioni, p. 1612n 37 Giuseppe Stellardi, «Dialettica salute/malattia e suggestioni ecologiche nella Coscienza di Zeno», Otto/Novecento, n.s.anno XXIV, 3, set-dic 2000, p Eduardo Saccone, «Ripetizioni, Freud, Svevo e La coscienza di Zeno», in Freud and Italian Culture, a cura di Pierluigi Barrotta and Laura Lepschy with Emma Bond, Bern, Peter Lang, 2009, p , p. 63.

10 alla dimensione metanarrativa introdotta dalla lettera del Dottor S. La seconda, e ugualmente complessa, funzione della dichiarazione di Zeno è di reiterare il rifiuto della cura proposta dal dottor S in quanto essa si basa su una identificazion e definizione e della «malattia». Tutta la scienza del Dottor S. si basa sulla possibilità di definire, identificare, esplicitare la fonte della malattia di Zeno per poter celebrare la sua guarigione. Tale approccio è in stridente coerenza con la narrazione autobiografica di Zeno nella quale la malattia acquista una valenza metaforica. Evitando con coerenza ogni definizione di malattia, Zeno passa a identificare un farmaco, il commercio, a cui attribuisce la sua guarigione. Ammetto che per avere la persuasione della salute il mio destino dovette mutare e scaldare il moi organismo con la lotta e soprattutto con il trionfo. Fu il mio commercio che mi guarì e voglio che il dottor S lo sappia. 39 Ma si tratta veramente di un farmaco? Come la malattia e la cura sono evanescenti, sfuggenti per Zeno, così anche il farmaco da lui proposto è metafora e realtà al tempo stesso, medicina e veleno, salvezza e morte. È Zeno stesso a metterci in guardia da una lettura semplicemente letterale della sua guarigione grazie al commercio: Naturalmente io non sono un ingenuo e scuso il dottore di vedere nella vita stessa una manifestazione di malattia [ ]. La legge del più forte sparì e perdemmo la selezione naturale. 40 Giuseppe Stellardi ha evidenziato la valenza complessa del rapporto animalità razionalità implicito nel riferimento alla legge darwiniana della selezione naturale. Ci sembra illuminante la sua analisi sul rapporto salute-malattia che in essa dovrebbe trovare la sua conclusione o soluzione finale: Direi sintenticamente che il rapporto salute/malattia assume sempre più chiaramente per Zeno una struttura non-lineare di supplementarietà o parassitismo, più che di opposizione dialettica o di successione logicocronologica. La concezione supplementare del rapporto salute/malattia, però, non soppianta interamente quella dialettico/lineare, ma invece interferisce con essa, dando luogo a quelle oscillazioni e contraddizioni che costituiscono la fibra più intima e più moderna del protagonista del romanzo. 41 Il romanzo conclude identificando vita e malattia, o, piuttosto, esplicitando il significato metaforico della seconda, come ha sottolineato Teresa De Lauretis: 39 Romanzi e continuazioni, p Romanzi e continuazioni, p Stellardi, «Dialetticasalute/malattia e suggestioni ecologiche nella Coscienza di Zeno», op. cit, p. 82.

11 La malattia è una presenza ambigua e costante, che giunge a assumere proporzioni metafisiche come metafora diffusa dell esistenza. [ ] Intrecciati con il motivo della malattia in modo sia causale che consecutivo, sono i motivi della colpa e della morte. 42 Per capire la complessità dell approccio Sveviano, ci sembra opportuno focalizzarci sull elemento curativo della conclusione sveviana: il commercio proposto quale farmaco alla supposta malattia metaforica di Zeno. Per comprendere la complessa metaforicità dell approccio sveviano, illuminante è l analisi dell archeologica del termine che Jacques Derrida ci propone nel saggio La Pharmacie de Platon. Dedicato al Phaedrus di Platone, il saggio analizza la complessità della traduzione del termine polisemico «pharmakon» in quanto espressione di un approccio diverso al trattamento curativo: La traduction courante de pharmakon par remède drogue bienfaisante n est certes pas inexact. Non seulement pharmakon pouvait voulouir dire remède et effacer, à une certaine surface de son fonctionnement, l ambiguïré de son sens. [ ] Néanmoins la traduction par «remède» efface, par la sortie horsde la langue grecque, l autre pôle réservé dans le mot pharmakon. Elle annule la ressource d ambiguïté et rend plus difficile, sinon impossible, l intelligence du contexte. A la différence de «drogue» et même de «médecine», remède dit la rationalité transparente de la science, de la technique et de la causalité thérapeutique, excluant ainsi du texte l appel à la vertu magique d une force dont on maîtrise mal les effets, d une dynamis toujours surprenante pour qui la voudrait manier en maître et sujet. 43 Il testo di Platone ci sembra tanto più rilevante in quanto si iscrive nella logica di un concetto particolare del rapporto malattia/guarigione e quindi di un concetto particolarmente negativo del farmaco. Come spiega Derrida, «Platon suspecte le pharmakon en général, même quand il s agit de drogues utilisées à des fins exclusivement thérapeutiques, même si elles sont maniées avec de bonnes intentions, et même si elles sont come telles efficaces. Il n y a pas de remède inoffensif. Le pharmakon ne peut jamais être simplement bénéfique». 44 Sembrerebbe che il farmaco/veleno di Platone sia evocato dal potente «ordigno» della conclusione sveviana. Più che di un ispirazione, del resto non provata, ci sembra importante sottolineare la comprensione che l analisi di Derrida ci dà dei procedimenti sveviani: un processo, la 42 Teresa De Lauretis, La sintassi del desiderio. Strutture e forme del romanzo sveviano, Ravenna, Longo editore, 1976, p. 70. Vedi anche sullo stesso tema Gian-Paolo Biasin, Malattia reale e metaforica, in AA. VV., Il caso Svevo. Guida storica e critica, a cura di Enrico Ghidetti, Trieste, Lint, Platon, Phèdre, traduction et presentation par Luc Brisson, suivi de «La pharmacie de Platon», par Jacques Derrida, Paris, Flammarion, 1989, p «The common translation of pharmakon by remedy a beneficent drug is not, of course, inaccurate. Not only can pharmakon really mean remedy and thus erase, on a certain surface of it functioning, the ambiguity of its. [ ]Not only can pharmakon really mean remedy and thus erase, on a certain surface of it functioning, the ambiguity of its meaning [ ] As opposed to drug or even medicine, remedy says the transparent rationality of science, technique, and therapeutic causality, thus excluding from the text any leaning toward the magic virtues of a force the effects of which are hard to master, a dynamics that constantly surprises the one who tries to manipulate it as master and as subjet». Cited in A Derrida Reader; Between the Blinds, a cura di Peggy Kamuf, Hempstead, Harvester Wheatsheaf, 1991, P «La pharmacie de Platon», in Platon, Phèdre, op. cit., p. 299.

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell Jan Patočka, Cristianesimo e mondo naturale e altri saggi, introduzione e traduzione di Riccardo Paparusso, postfazione di Giancarlo Baffo, Roma, Lithos, 2011, pp. 172 di Caterina Di Fazio Il volume curato

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

www.lacan-con-freud.it

www.lacan-con-freud.it JACQUES LACAN NOTE SUL BAMBINO Storia delle Note sul bambino e delle loro vicissitudini Le "Notes de Jacques Lacan sur l'enfant", come precisa Anne-Lise Stern in La France hospitaliere Drancy Avenir 1,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

GIOVANNI SIAS 1 La tua domanda è ben posta per me, tutt altro che impropria, perché mi dà modo di precisare alcune cose che non ho ancora detto o che si potevano leggere solo fra le righe. Innanzitutto,

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli