Protezione Civile 07 febbraio 2013 Comitato Provinciale del Trentino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protezione Civile 07 febbraio 2013 Comitato Provinciale del Trentino"

Transcript

1 Croce Rossa Italiana Comitato Regionale di Trento Protezione Civile 07 febbraio 2013

2 Cosa vediamo Oggi 1) La Protezione Civile Provinciale Nazionale ruolo CRI 2) Evento Maggiore Prima macchina Cenni sul - Triage - PMA CME 3) Cenni Borsa maxi Emergenza

3 Obiettivo Ruolo della Croce Rossa a Livello provinciale e Nazionale Capire cosa succede durante un Evento Maggiore - maxi emergenza Conoscere quali, cosa e come si fa Triage Sapere cosa c è dentro la borsa per le maxi emergenza

4 Legge Nazionale sulla Protezione Art. 1 L. 225/92 E istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare l integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l ambiente dai danni o dal pericolo derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi.

5 INSIEME DELLE ATTIVITA (mezzi - persone) VOLTE A FRONTEGGIARE EVENTI STRAORDINARI CHE NON POSSONO ESSERE AFFRONTATI CON SINGOLE FORZE ORDINARIE

6 Art. 11 L. 225/92 Costituiscono strutture operative nazionali del Servizio nazionale della protezione civile: Corpo nazionale dei vigili del fuoco Forze armate Forze di polizia Corpo forestale dello Stato Servizi tecnici nazionali Croce Rossa Italiana Gruppi nazionali di ricerca scientifica Strutture del servizio sanitario nazionale Organizzazioni di volontariato Corpo nazionale soccorso alpino- CNSA (CAI).

7 Attività e compiti Art. 3 L. 225/92 Sono attività di protezione civile quelle volte alla previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, al soccorso delle popolazioni sinistrate ed ogni altra attività necessaria ed indifferibile diretta a superare l'emergenza.

8 PIANIFICAZIONE

9 Piano di Protezione Civile Il Piano Comunale di Protezione Civile è strutturato in tre parti fondamentali: Parte A - Analisi del territorio (criticità e risorse presenti), comprende i capitoli dal 1 al 3; Parte B - Modello di intervento (procedure di emergenza), costituita dal capitolo 4; Parte C - Formazione e informazione, costituita dal capitolo 5; ad esse si aggiungono la documentazione cartografica e gli allegati. Competenze per l attuazione del Piano di protezione civile

10 Direzione e Coordinamento Dipartimento della protezione civile Regioni Province Comuni Presidente del consiglio o ministro per il coordinamento della protezione civile Assessore con delega alla PC Assessore con delega a PC Prefetto Sindaco DLgs 31 marzo 1998 n 112 (Bassanini): Conferimento dei compiti dallo Stato alle regioni ed enti locali

11 ORGANIZZAZIONE

12 SISTEMA DI ALLARME Pre Allarme Giallo SEGNALAZIONE UFFICIALE DI EMERGENZA: Al Delegato o all ispettore di gruppo Pre Allarme Rosso Allertamento gruppo attraverso telefono - diagramma Richiesta disponibilità per partenza Approntamento mezzi ALLARME RICHIESTA DI PARTENZA IMMEDIATA

13 DIVISIONE DEGLI INTERVENTI IN BASE ALLA DURATA INTERVENTI IMMEDIATI Sanitari (con 118TE) Grossi incidenti stradali Deragliamento di treni Caduta o atterraggio di emergenza di aereo Attentati Incendio o crollo di edificio Incidenti industriali Applicazione TRIAGE Allestimento P.M.A. Allestimento C.M.E. Evacuazione presso Ospedali INTERVENTI PROTRATTI NEL TEMPO (PAT Nazionale Internaz) Distribuzione VIVERI Terremoto Alluvione Frana Eruzione vulcanica Maremoto Istituzione COLONNA MOBILE Formazione UNITA LOGISTICHE Allestimento CAMPO BASE CENSIMENTO della popolazione RIPRISTINO della VITA QUOTIDIANA 2 Step 1 e 2 Step

14 INTERVENTI DI COLONNA MOBILE con P.A.T Alluvione in Valle d Aosta Colonna A Nel caso di intervento di PREVALENTE SOCCORSO IMMEDIATO parte entro 3 h. un contingente di circa 50 uomini Colonna B Nel caso di intervento con FUNZIONI E TEMPI PIU AMPI, parte entro 12 h. un contingente di circa 100 uomini

15 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici e Protezione Civile Legge Provinciale 10 gennaio 1992 n 2 e s.m. Professionisti Volontari Serv.. Antincendi e Protezione Civile Serv.. Geologico Serv.. Prevenzione Calamità Pubbliche Corpi Comunali VVF Volontari Croce Rossa Italiana Nu.Vol.A Scuola Prov.le cani da ricerca Corpo Naz.le Soccorso Alpino Psicologi delle emergenze

16

17 A volte anche questo può bastare Comitato Provinciale del.. Trentino

18 RIASSUMENDO La Prot.Civ. è attività di Uomini e Mezzi che Collaborano In caso di catastrofe Effettuano SOCCORSO Alla popolazione Fino al SUPERAMENTO DELL EMERGENZA La CRI opera con : 118 PAT Nazionali - Internazionali Attività di: PRIMO SOC. - Distribuzione VIVERI COLONNA MOBILE Invio di materiali e Mezzi di Assistenza Allestimento CAMPO ACCOGLIENZA CENSIMENTO della popolazione ASSISTENZA PSICOLOGICA ecc.ecc. A livello Nazionale Istituisce la P.C. L.225/92 modificata con Legge luglio 2012, n.100, «Disposizioni urgenti p er il riordino della protezione civile» Legge Provinciale 10 gennaio 1992 n 2 modificata dalla 1 luglio 2011 n. 9

19 Dubbi??

20 Evento Maggiore - Maxi Emergenza Partenza Immediata Si parla di Incidente Maggiore o di Maxi-Emergenza quando il numero di vittime è superiore al numero di risorse sanitarie disponibili

21 Differenza tra Evento Ordinario Evento Maggiore Ordinario Intervento sui più gravi Evento Maggiore Intervento su chi ha più possibilità di vita

22 le Maxi-Emergenze non sono prevedibili, così colgono impreparati sia le vittime che i soccorritori. La loro gestione non è una cosa semplice, anche perché la maggior parte degli operatori che intervengono non hanno esperienza diretta. (per fortuna!)

23 Maxi Emergenza

24 Maxi Emergenze In trentino 2007 pullman contro furgone 2 morti 2 feriti gravi 20 lievi

25 Frana fa deragliare un treno in Alto Adige: 9 morti e 28 feriti 12 aprile 2010

26 Autoprotezione

27 AUTOPROTEZIONE Accesso al luogo dell evento 1.PRESENZA DI RISCHIO EVOLUTIVO 2.ASSENZA DI RISCHIO EVOLUTIVO Importante Avere informazione sul tipo di incidente Riconoscere la tipologia dell evento Attendere autorizzazione dei vigili del fuoco prima di intervenire sul posto

28 Cosa accade in una Maxi Emergenza (varie Fasi) Improvvisazione Inizia subito dopo l evento E caratterizzata da reazioni inadeguate I soccorsi sono portati dagli stessi sopravvissuti CHI E SUL POSTO DOVREBBE 1) Verificare la trasmissione dell allarme 2) Impedire il panico dimostrando sicurezza 3) Impedire le evacuazioni incontrollate 4) Riunire in un unico punto le vittime 5) Organizzare gruppi di soccorritori 6) Fornire un bilancio sommario all Autorità

29 Codice Rosso per Maxitamponamento sull A22 Non ho altre notizie vai immediatamente sul posto e dammi informazioni!!!!!!

30

31 31 Diffusione allarme Coordinamento Recupero vittime Pianificazione organizzazione ricognizione settorializzazione P.M.A. Invio dei soccorsi Soccorso/Triage Piani Ospedalieri

32 Evento maggiore Maxi Em. Non esiste un sistema/schema operativo perfetto Ogni Evento deve essere gestito con elasticità e l Equipaggio Deve sapersi adattare il leader deve dimostrare molta Fermezza In queste prime fasi ci sarà caos ed un enorme carica di stress per l Eq. A causa delle persone che chiederanno aiuto e verranno verso di noi gli stessi vigili potrebbero portare erroneamente da noi chi cammina ecc.ecc.

33 In presenza di una maxi emergenza La cosa più importate È il corretto comportamento della prima macchina N.B. Prima di arrivare l Equipaggio deve organizzarsi chi fa cosa chi prende cosa l Equipaggio deve essere pronto a utilizzare il materiale contenuto nella borsa per maxi emergenza N.B. E la COP 118 sulla base delle INFO fornite dall Equipaggio che da l OK per l uso delle pettorine

34 Siamo sul posto e decisioni veloci poco tempo per riflettere o pensare dobbiamo già sapere cosa fare I VVFF definiscono l area sicura Il Leader dell Eq. o chi si sente (sentita COP) prende la pettorina di Coordinatore Soccorsi Sanitari cerca il referente VVFF (casco Bianco) e forze dell ordine se già sul posto L Autista pettorina Blu Coordinatore Trasporti Il terzo estrae la borsa per l Emergenza verde si prepara per ricognizione/triage

35 Leader 1 equipaggio Collaboratore Autista

36 Ricognizione - Comunicare al 118 Numero approssimativo persone coinvolte Tipologia di evento Necessità allertamento Altre Ambulanze e/o PMA - Necessità mezzi speciali Accessibilità dei feriti Valutazione delle patologie prevalenti Individuazione aree per soccorsi PMA e Ambulanze Comunicare al 118 i dati raccolti N.B. NON SI INTERVIENE A LIVELLO SANITARIO

37 Coordinatore Soccorsi Sanitari *Il CSS coordina l attività del collaboratore e dell autista. * si mantiene al limite del crash per poter essere facilmente individuato * Fa la ricognizione (varie scuole di pensiero)???? * (solo in casi eccezionali il triage) Il ruolo puó essere rilevato all arrivo da un operatore sanitario professionista (solitamente e il responsabile di centrale 118) che decide il cambio ma il volontario potrebbe anche dover mantenere la pettorina.

38 Coordinatore Soccorsi Sanitari *Coordinamento con le figure dei vigili e della polizia *Con i responsabili di vari cantieri *Non agisce a livello sanitario *Crea un piccolo posto di comando avanzato

39 Coordinatore Soccorsi Sanitari A seguito delle informazioni della ricognizione : Se necessario settorializza il Crash in SETTORI e CANTIERI E lui che parla con la centrale 118 Coordina l invio di soccorritori e materiali nei settori e cantieri In collaborazione con l autista (Coord. Trasporti) Individua la possibile area del PMA e per l eventuale Elisoccorso Coordina in seguito l invio dei feriti al PMA

40 Coordinatore Soccorsi Sanitari Se necessario, a seconda delle esigenze operative la zona del Crash viene suddivisa in settori e cantieri per DISTRIBUIRE ADEGUATAMENTE LE RISORSE DI SOCCORSO CANTIERI SETTORE

41 Il secondo dell equipaggio: E in contatto con il CSS (spesso a voce) Può eseguire la ricognizione del crash Può iniziare il triage (annota il numero e il colore delle vittime) Provvede alla costituzione dei primi nidi o raccogliere i deambulanti Cerotto di carta tre strisce

42 SCHEMA DI UN NIDO DI SOCCORSO

43 L autista dell Ambulanza diventa il Coordinatore dei Trasporti (e funzione di Cancello) Trova lo spazio dove parcheggiare i mezzi di soccorso senza che questi ostacolino i soccorsi Fa in modo che i mezzi vengano parcheggiati in modo ordinato e obbliga gli autisti a rimanere accanto all ambulanza o comunque a lasciare le chiavi

44 Invierà il personale di soccorso al CSS indicando eventuali attrezzature da portare con se, gestirà il materiale presente nelle ambulanze come magazzino per le squadre di soccorso (prima dell arrivo del PMA) Collaborerà con il coordinatore logistico del P.M.A. gestisce e all occorrenza farà spostare l area di parcheggio dei mezzi E in contatto radio con il Coordinatore del P.M.A. in quanto invia al PMA i mezzi richiesti per la grande noria.

45 SENZA CANCELLO CON CANCELLO

46 Fatta la ricognizione abbiamo comunicato alla centrale 118 Trattasi di Maxi Emergenza Confermato Tamponamento a catena sulla A22 circa 40 mezzi coinvolti 30 FERITI circa Il TRIAGE va iniziato prima possibile

47 Seconda ambulanza Il personale che giunge con la seconda, terza e successive ambulanze va dal Coord. Trasp. e da li al Coord. Soc. San. Che deciderà dove inviarli In questo caso potreste essere utilizzati per il Triage oppure divisi nei vari cantieri oppure autista sull ambulanza

48 Triage Definizione Arte di decidere le priorità di trattamento e di evacuazione di più feriti dopo una rapida valutazione iniziale

49 Triage Scopo Lo scopo del triage è quello di salvare il maggior numero di pazienti in relazione ai mezzi a disposizione ed alle circostanze dell evento

50 Un processo di triage viene effettuato in circa 60 Coscienza Respiro - pervietà delle vie aeree, se necessario, CANULA Circolo - emostasi di emorragie esterne o comunque comprimibili, se necessaria, applicazione di braccialetto identificativo (n e colore - gravità). N.b. Utilizziamo le risorse che abbiamo sul campo come persone non ferite - VVFF - forze dell ordine

51 Triage Non sempre priorità di trattamento e di evacuazione coincidono: attribuire ad ogni paziente una priorità di trattamento solo successivamente attribuire una priorità di evacuazione a parità di priorità avvantaggiare il paziente con prognosi migliore

52 Protocolli di Triage dei soccorritori: Protocollo START (Simple Triage And Rapid Treatment) elaborato dal personale delle ambulanze e vigili del fuoco di Newport Beach - USA; Protocollo CESIRA (Coscienza Emorragia Shock Insufficienza respiratoria Rotture ossee Altro) elaborato in Italia, a differenza dello START non identifica il codice Nero (decesso), per legge in Italia responsabilità solo medica. Protocollo RAPIDO 118 Trentino Emergenza

53 PROTOCOLLO START: Simple Triage and Rapid Teatrement Elaborato negli USA dal personale delle ambulanze e dai VVFF. Prevede anche il colore NERO. Normalmente non utilizzato dai socc. Volontari, che, per legge non sono autorizzati a decretare la Morte di una vittima. E il più utilizzato a livello internazionale. VERDE ROSSO NERO ROSSO GIALLO ROSSO

54 PROTOCOLLO PROTOCOLLO RAPIDO RAPIDO E COSCIENTE? NO ROSSO FREQ. RESP. + 30/MIN? POLSO RADIALE PRESENTE? EMORRAGIA IN ATTO? LIMITAZIONE MOTORIA? ORIENTATO NEL TEMPO E NELLO SPAZIO? NO SI SI NO SI SI Si sta utilizzando solo in trentino ROSSO ROSSO GIALLO GIALLO GIALLO VERDE

55 PROTOCOLLO C.E.S.I.R.A. Associazione Medicina Italiana delle Catastrofi C E S I R A = Coscienza = Emorragia = Shock = Insufficienza Respiratoria = Rotture (Fratture,Traumi) = Altro (Ustioni, intossicaz.)

56 IL PROTOCOLLO CESIRA: IL PAZIENTE CAMMINA? SI VERDE Invio punto riferimento E COSCIENTE? EMORRAGIA ARTERIOSA ESTERNA? SHOCK? INSUFFICIENZA RESPIRATORIA? ROTTURE OSSEE? (Fratture, traumi cranici, colonna) ALTRE PATOLOGIE? (Ustioni, colpo di calore, congelamento, dolori toracici, ecc..) SI SI NO SI SI SI ROSSO ROSSO ROSSO ROSSO GIALLO GIALLO Valutazione medica Pos.Lat.Sic. Laccio/tamponare P. Antishock Pervietà vie aree Cannula Pos. Antalgica Pos. Confort

57 START protocolli CESIRA RAPIDO Controllare le condizioni del paziente e Fissare gli elastici colorati definiscono gravità e bracciale numerato Sui pazienti ci FERMIAMO circa 1 minuto per controllo e manovre

58 Ci siete ancora qualche domanda

59 Dopo il primo Triage La squadra che interverrà dopo il triage rivaluterà le condizioni del paziente Effettuerà tutte le manovre del caso per la sopravvivenze del paziente Su ordine del CSS Caricherà il paziente e lo trasporterà al PMA Eventualmente modificherà il codice di gravità

60 ESEMPIO DI CATENA DEI SOCCORSI: CALAMITÀ

61 P.M.A. Funzionamento E un avamposto sanitario in cui si stabilizzano le vittime in vista della loro evacuazione Accettazione delle vittime Triage e classificazione primaria Medicalizazzione,, trattamento e stabilizzazione delle vittime Compilazione scheda di evacuazione Controllo dei deceduti e scampati All entrata il Triage viene ripetuto da personale sanitario

62 Quando si decide di costituire un P.M.A. Numerosi feriti Feriti gravi da stabilizzare Evacuazioni lunghe e difficili Ospedali distanti e sovraffollati Necessità di personale preparato che sappia come costruire e gestire la struttura

63 SCHEMA RUOLI C.O.118 Forze di Polizia Vigili del Fuoco Autorità di Prot.Civile DIRETTORE SOCCORSI SANITARI 63

64 Borsa per Maxi Emergenza E posta dentro il contenitore di un sedile Oppure in altri scomparti delle altre ambulanze Al suo interno

65 Borsa per Maxi Emergenza

66 Pettorali Contenuto: Coordinatore Soccorsi Sanitari Coordinatore Trasporti Le due borse di emergenze Cannule - Elastici per Capelli colorati Fasce Tamponamento emorragia Triangoli Fascette numerate Materiale NBCR Tute Mascherine

67 Riassumendo Maxi Emergenza evento con molti feriti Luogo del Crash Ricognizione Triage Nido Cantiere P.M.A. dove avviene la M.E. verifica e comunicazione dati al 118 manovre salva vita e - definizione grado di urgenza gruppo di feriti luogo circoscritto evento trattamento prima di ospedalizzare - personale riconoscibile da pettorali

68 Esempio di VdS Finalmente Appena vi sarete svegliati potrete porre tutte le domande che avete sognato nel frattempo. Grazie!

69 D.P.R Febbraio 2001 Art. 9) Al personale chiamato ad operare in attività di soccorso e assistenza viene garantito per un periodo massimo di 30 gg. continuativi e fino a 90 gg. all anno: anno: Mantenimento del posto di lavoro pubblico o privato Mantenimento trattamento economico e previdenziale da parte del datore di lavoro. Copertura assicurativa.

70 D.P.R Febbraio 2001 Nel caso di dichiarazione dello stato di emergenza nazionale i limiti sono elevati a 60 gg. continuativi e fino a 180 gg. nell anno. Al personale chiamato ad operare in attività di pianificazione, simulazione e formazione autorizzate preventivamente, vengono garantiti i benefici di legge per un periodo massimo di 10 gg. continuativi e fino a 30 gg. all anno. anno. Ai volontari lavoratori autonomi viene riconosciuto il mancato guadagno in base alla dichiarazione dei redditi dell anno precedente, nel limite di lorde giornaliere

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Incidenti maggiori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Incidenti maggiori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Incidenti maggiori Eventi Maggiori: Squilibrio tra risorse disponibili e necessità 2 Eventi Maggiori: Le strutture di soccorso territoriali rimangono integre.

Dettagli

CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA.

CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA. CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA. Dott.ssa Cecilia Marmai Medico EST AUSL 11 Empoli Antonella Galgani Infermiera Emergenza Urgenza Territoriale

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

CENTRALE OPERATIVA PESARO SOCCORSO

CENTRALE OPERATIVA PESARO SOCCORSO CENTRALE OPERATIVA PESARO SOCCORSO Disastro, catastrofe, maxiemergenza, incidente maggiore (ma anche cataclisma e calamità) sono tutti termini per indicare una situazione eccezionale che causa danni alla

Dettagli

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI PERGINE LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CORSO PER ASPIRANTI

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

ARGOMENTI DELLA SERATA

ARGOMENTI DELLA SERATA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale VV.F.Varese Presentazione curata dal Capo Squadra Esperto Lorenzo Canazza ARGOMENTI DELLA SERATA RUOLO E COMPETENZE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0)

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Approvato dal comitato del Dipartimento di Interesse Regionale del Servizio

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA...3

SOMMARIO PREMESSA...3 SOMMARIO PREMESSA...3 1. INCIDENTI FERROVIARI CON CONVOGLI PASSEGGERI ESPLOSIONI O CROLLI DI STRUTTURE CON COINVOLGIMENTO DI PERSONE - INCIDENTI STRADALI CHE COINVOLGONO UN GRAN NUMERO DI PERSONE...5 1.1

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI 118 NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE D.P.R. 27 MARZO 1992 ISTITUISCE LE CENTRALI OPERATIVE 118 UNICHE PER L ALLARME SANITARIO Il sistema di allarme sanitario

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Legge 996/1970 La P.C. è concepita come soccorso pubblico D.P.R. 66/81 Il presidio

Dettagli

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011)

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) Nel periodo analizzato, la Scuola Provinciale Antincendi ha garantito lo svolgimento di

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con Università degli Studi di Milano BLS ed Elementi di Primo Soccorso Il Ruolo del Soccorritore In collaborazione con Obiettivo Sapere come comportarsi quando ci si trova di fronte ad un paziente colpito

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Buscate

Scuola Secondaria di I grado di Buscate ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ARCONATE E BUSCATE Scuola Secondaria di I grado di Buscate ALLEGATO 1 A.S. 2014/15 PIANO DI EMERGENZA SANITARIA E DI PRIMO SOCCORSO INDICE 1. GENERALITÀ 2. ADDETTI AL PRIMO

Dettagli

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE Data di stampa 15/11/2003 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. SCOPI ED OBIETTIVI 3. CRONOLOGIA DEGLI AVVENIMENTI

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato SVT Supporto Vitale al Traumatizzato Il Soccorso Vitale di base al Traumatizzato, abbreviato anche con SVT (in inglese BTLS, Basic Trauma Life Support o PTC, Pre-hospital Trauma Care), è una tecnica di

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE Con l entrata in vigore del nuovo Accordo Stato-Regioni avvenuta il 26 gennaio 2012, i contenuti formativi legati alla Sicurezza sul Lavoro hanno subito degli adeguamenti sostanziali, sia nei CONTENUTI,

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO CENTRALE OPERATIVA EMERGENZA URGENZA 118 - Milano PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO DISPONIBILITA L Associazione/Organizzazione di Volontariato Cooperativa Sociale (di seguito denominata A/O-C) comunica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Centrale Operativa 118 2

Centrale Operativa 118 2 CENTRALE OPERATIVA 118 MINISTERO DELLA SANITA Gazzetta Ufficiale n 114 Serie Generale del 17 Maggio 1996 Atto di intesa tra Stato e regioni di approvazione delle linee guida sul sistema di emergenza sanitaria

Dettagli

primo soccorso nel settore delle costruzioni

primo soccorso nel settore delle costruzioni 2 I MANUALI DEL COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO primo soccorso nel settore delle costruzioni manuale informativo per imprese, lavoratori e figure della sicurezza sul primo soccorso nel settore

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007 STRATEGIE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO Sviluppi e prospettive per il territorio transfrontaliero Milano, 26 ottobre 2010 PIC INTERREG III A 2000-2006 ALCOTRA PROGETTO RIVES protezione del territorio

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE DEL 09/11/2015

DECRETO DEL DIRETTORE DEL 09/11/2015 DECRETO DEL DIRETTORE DEL 09/11/2015 VISTO il vigente Regolamento per l affidamento di incarichi di lavoro autonomo; VISTO l avviso pubblico emanato in data 19/10/2015 rif. SL/2015 e pubblicato all Albo

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI 01.CORSO R.L.S.. 02.CORSO INFORMAZIONE/FORMAZIONE. 03.CORSO PREPOSTI. 04.CORSO ANTINCENDIO.

Dettagli

I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza

I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza I. ACRONIMI/SIGLE ACC= Accettazione ACEP = American College of Emergency Physicians ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza ARES = Associazione Regionale Emergenza Sanitaria e Sociale ASL =

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi Modulo I: Classificazione dei rischi Il rischio sismico Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni franosi, idraulici ed erosivi Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 15 2016-08 ottobre 2016 programma del corso INFORMAZIONI GENERALI Per essere ammessi all esame finale è necessario aver partecipato: per i Gruppi prioritari di popolazione: a

Dettagli

ATTIVITA DI TRASPORTO E REGOLE DI CONMPORTAMENTO. Modulo 1 Lezione I Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

ATTIVITA DI TRASPORTO E REGOLE DI CONMPORTAMENTO. Modulo 1 Lezione I Croce Rossa Italiana Emilia Romagna ATTIVITA DI TRASPORTO E REGOLE DI CONMPORTAMENTO Modulo 1 Lezione I Croce Rossa Italiana Emilia Romagna GLI ASPETTI LEGALI DEL SOCCORSO OBIETTIVI: Il soccorritore e la legge L incaricato di pubblico servizio

Dettagli

IL SISTEMA DI EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA

IL SISTEMA DI EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI IL SISTEMA DI EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere

Dettagli

LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA NEL TRAUMA

LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA NEL TRAUMA S.V.T. SUPPORTO VITALE DI BASE NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO 1 INTRODUZIONE Il trauma rappresenta, nei paesi industrializzati, la prima causa di morte nella popolazione di età inferiore ai 40 anni. Il trauma,

Dettagli

Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti

Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti Tipologia Intervento Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti (Autostrade per l Italia, 112, 113,

Dettagli

IL VOLONTARIATO: coordinamento e procedure di attivazione

IL VOLONTARIATO: coordinamento e procedure di attivazione IL VOLONTARIATO: coordinamento e procedure di attivazione DI COSA PARLEREMO: -- Il Volontariato -- Aspetti normativi -- Organigramma dell Organizzazione -- Coordinamento e procedure di attivazione -- Nozioni

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

ATTIVITA della Croce Rossa Italiana

ATTIVITA della Croce Rossa Italiana ATTIVITA della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI ATTIVITA OBIETTIVI: - Conoscere le ATTIVITA della Croce Rossa Italiana - Conoscere gli AMBITI di intervento - Individuare le

Dettagli

NUCLEO NBCR. Il pericolo può

NUCLEO NBCR. Il pericolo può Lo scenario NBCR è uno scenario ad alto rischio evolutivo dove il pericolo non è esaurito ma può invece continuare la sua escalation in concomitanza a fattori favorevoli Il pericolo può NON essere immediatamente

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

LA PSICOLOGIA DELL EMERGENZA E IL TRIAGE PSICOLOGICO. Dott.ssa Giovanna Gioffrè

LA PSICOLOGIA DELL EMERGENZA E IL TRIAGE PSICOLOGICO. Dott.ssa Giovanna Gioffrè LA PSICOLOGIA DELL EMERGENZA E IL TRIAGE PSICOLOGICO Dott.ssa Giovanna Gioffrè Psicologia dell Emergenza Salvaguardia dell equilibrio Psicologico della Vittima e del Soccorritore DISASTRO Concezione tradizionale

Dettagli

CAPITOLO 4 Attori e competenze

CAPITOLO 4 Attori e competenze CAPITOLO 4 1. Il Comune 2 2. La Comunità Montana 4 3. La Provincia 5 4. La Prefettura 5 5. La Regione 6 6. Il Volontariato 7 6.1 Il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile 8 6.2

Dettagli

info infosanità Provincia Autonoma di Trento - Infosanità n. 48

info infosanità Provincia Autonoma di Trento - Infosanità n. 48 info infosanità 48 La formazione nel sistema di emergenza-urgenza in Trentino Deliberazioni della Giunta provinciale n. 1178/2005 e 1661/2006 EDIZIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ASSESSORATO ALLE POLITICHE

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO. CORSO DI FORMAZIONE ADDETTO PRIMO SOCCORSO Aziende Gruppo A D.Lgs. 81/2008 s.m.i., art. 46 e D.M. 15 luglio 2003, n 388

SICUREZZA SUL LAVORO. CORSO DI FORMAZIONE ADDETTO PRIMO SOCCORSO Aziende Gruppo A D.Lgs. 81/2008 s.m.i., art. 46 e D.M. 15 luglio 2003, n 388 SICUREZZA SUL LAVORO CORSO DI FORMAZIONE ADDETTO PRIMO SOCCORSO Aziende Gruppo A D.Lgs. 81/2008 s.m.i., art. 46 e D.M. 15 luglio 2003, n 388 16 ore PER TUTTI I SETTORI DI ATTIVITA Il corso di formazione

Dettagli

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza Comune di Lodrino Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale in Caso di emergenza informa zioni Comunali Il Comune di Lodrino, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO D.M. n 388 del 15/07/2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

MILANO antinfortunistica SRL

MILANO antinfortunistica SRL Milano 07/09/2015 Spett.le Cliente, con la presente comunichiamo che nei prossimi giorni inizieranno, a nostra cura, una nuova serie di corsi di formazione "antinfortunistica D.Lgs. 81/08 e s.m.i." tra

Dettagli

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA COMITATO PER IL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LODI "Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile (SSPC) come conforme alla

Dettagli

ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie

ARES, la risposta marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie REGIONE MARCHE ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie Ripercorriamo la storia dell Associazione creata dal dottor Marco Esposito nel 1999. Da una precisa idea di sanità

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario 1 TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE Ambulanza di trasporto ordinario In caso di trasporto ordinario è obbligatoria la presenza a bordo di: - un autista, con patente di guida

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 2 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO TRASPOROTO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA I pericoli potenziali derivanti

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO DATA ORARIO 8:00-8:00-8:00-8:00- CORSO FORMAZIONE VIGILI VOLONTARI PROGRAMMA DELLE LEZIONI TEORICHE (fine settimana) (N.B. per ogni modulo sono disponibili 2 e 30 minuti.) MATERIA ORGANIZZAZIONE Quadro

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA OSPEDALE VETERINARIO UNIVERSITARIO DIDATTICO

PIANO DI EMERGENZA OSPEDALE VETERINARIO UNIVERSITARIO DIDATTICO PAG. 1 DI 14 - Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie Via del taglio Parma PARMA, OTTOBRE 2013 PAG. 2 DI 14 PREMESSA 1. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA...3 2. SCOPO DELLA PROCEDURA...3 3. DEFINIZIONI...4

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE

INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE Prefettura di Milano INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE PROCEDURA GESTIONE DELLE EMERGENZE ESTERNE D.Lgs. 334/99 e s.m.i. Via Pregnana, 63 - Rho (MI) Ed. Dicembre 2014 1 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE

Dettagli

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina SUES 118 C.O. Messina Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Papardo - Piemonte Rev. 00 del 29/01/2013 JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina Redazione Coordinatore

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome biffarella giuseppe Data di nascita 26/03/1958 Qualifica I Fascia Amministrazione MINISTERO DELL INTERNO CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Incarico attuale Dirigente Comando

Dettagli

NATIONAL FIRE BRIGADE: INDUSTRIAL ACCIDENTS OCCURRING TO FIRE-FIGHTERS

NATIONAL FIRE BRIGADE: INDUSTRIAL ACCIDENTS OCCURRING TO FIRE-FIGHTERS NATIONAL FIRE BRIGADE: INDUSTRIAL ACCIDENTS OCCURRING TO FIRE-FIGHTERS 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October

Dettagli

Sintesi dei risultati dello studio sulla percezione dello scenario di soccorso da parte del personale dei mezzi di emergenza sanitaria Introduzione

Sintesi dei risultati dello studio sulla percezione dello scenario di soccorso da parte del personale dei mezzi di emergenza sanitaria Introduzione Sintesi dei risultati dello studio sulla percezione dello scenario di soccorso da parte del personale dei mezzi di emergenza sanitaria. A. Monesi (*); F.Candido ( $ ); L.Marcis ( ); R.Iacenda ( # ) P.

Dettagli

Il servizio sanitario emergenza-urgenza: attività ordinaria e organizzazione nelle maxi-emergenze

Il servizio sanitario emergenza-urgenza: attività ordinaria e organizzazione nelle maxi-emergenze Il servizio sanitario emergenza-urgenza: attività ordinaria e organizzazione nelle maxi-emergenze Il servizio sanitario emergenza-urgenza D.P.R. 27-03-1992Decreto 118 - De Lorenzo 1992 ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione

Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione INDICE TITOLO I: SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - Istituzione del

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli