Dottorato di Ricerca in Informatica, II Ciclo Nuova Serie, Università degli Studi di Salerno. Relazione Finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dottorato di Ricerca in Informatica, II Ciclo Nuova Serie, Università degli Studi di Salerno. Relazione Finale"

Transcript

1 Dottorato di Ricerca in Informatica, II Ciclo Nuova Serie, Università degli Studi di Salerno Relazione sulle attività e le ricerche svolte Dott.ssa Rossella Aiello Relazione Finale Corsi La sottoscritta ha frequentato i seguenti corsi: Corso: Concurrency Theory with Applications to Coordination and Security Docente: Prof. Roberto Gorrieri - Università di Bologna Durata: 20 ore Periodo: Giugno 2001 Luogo: Dipartimento di Informatica e Applicazioni - Università di Salerno Corso: Multimedia for the Web Docente: Prof. Augusto Celentano - Università Cà Foscari Venezia Durata: 10 ore Periodo: Settembre 2001 Luogo: MDIC 2001 Summer School - Amalfi Modalità Esame: Progetto Superamento Esame: Avvenuto Corso: Multimedia Indexing Docente: Prof. Athula Ginige - Southwestern University of Sidney Durata: 10 ore Periodo: Settembre 2001 Luogo: MDIC 2001 Summer School - Amalfi Modalità Esame: Prova scritta Superamento Esame: Avvenuto Corso: Multimedia Software Engineering Docente: Prof. Shi-Kuo Chang - University of Pittsburgh Durata: 10 ore Periodo: Settembre 2001 Luogo: MDIC 2001 Summer School - Amalfi Modalità Esame: Esercizi da svolgere Superamento Esame: Avvenuto Corso: Large Scale Space Indexing Docente: Prof. Erland Jungert - FOI/Swedish Defence Agency Durata: 10 ore 1

2 Periodo: Settembre 2001 Luogo: MDIC 2001 Summer School - Amalfi Modalità Esame: Prova scritta Superamento Esame: Avvenuto Corso: Automi e Logiche Temporali - Un approccio alla verifica dei sistemi Docente: Prof.ssa Margherita Napoli - Università di Salerno Durata: 20 ore Periodo: Ottobre 2002 Luogo: Università di Salerno Corso: Machine Learning Docente: Prof. Nello Cristianini - Università della California Durata: 12 ore Periodo: Dicembre 2003 Luogo: Università di Salerno Corso: Multimedia Database Docenti: Prof. V. S. Subrahmanian - University of Maryland Prof.ssa M. L. Sapino - Università di Torino Durata: 20 ore Periodo: 24 Marzo Aprile 2003 Luogo: ACIST School - Torino Modalità Esame: Prova scritta Superamento Esame: Avvenuto Corso: Knowledge Discovery and Data Mining Docenti: Prof.ssa L. Saitta, Università del Piemonte Orientale Prof.ssa Nada Lavrac - Jozef Stefan Institute - Ljubljana, Slovenia Durata: 20 ore Periodo: 24 Marzo Aprile 2003 Luogo: ACIST School - Torino Corso: Algoritimi Distribuiti Docente: Prof. Roberto De Prisco, Università di Salerno Durata: 20 ore Periodo: Marzo-Giugno 2003 Luogo: Università di Salerno Corso: Machine Learning II Docente: Prof. Nello Cristianini - Università della California Durata: 12 ore Periodo: Giugno 2003 Luogo: Università di Salerno 2

3 Seminari La sottoscritta ha frequentato i seguenti seminari: Bisimulation on regular graphse Seminario tenuto il 9 Aprile 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Didier Caucal - IRISA CNRS, Rennes. A Chomsky hierarchy of graph families Seminario tenuto il 10 Aprile 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Didier Caucal - IRISA CNRS, Rennes. Internet, the Akamay way Seminario tenuto il 26 Aprile 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Roberto De Prisco. A Brief Survey on Clustering with Objective Function Models for Pattern Recognition Seminario tenuto il 21 Maggio 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Antonino Staiano. A survey on Neural Network-based Fuzzy Logic Seminario tenuto il 21 Maggio 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Angelo Ciaramella. Voice Over IP Seminario tenutosi nelle date 29 e 31 Maggio 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Antonio Fresa - Ericsson. Catai: Animazione di algoritmi sulla rete Seminario tenuto il 3 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Umberto Ferraro Petrillo. Timed games Seminario tenuto il 10 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Marco Faella. Independent Component Analysis and Blind Source Separation Seminario tenuto il 17 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Angelo Ciaramella. User privacy issues regarding certificates and the TLS protocol Seminario tenuto il 24 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Ivan Visconti. Federazione e interoperabilità dei database geografici Seminario tenuto il 29 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Robert Laurini della Claude Bernard University di Lione. 3

4 Field-oriented database Seminario tenuto il 30 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Robert Laurini della Claude Bernard University di Lione. Progettazione dei siti web per le autorità locali Seminario tenuto il 31 Ottobre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Robert Laurini della Claude Bernard University di Lione. Parallel Searching on Rays Seminario tenuto il 6 Novembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Mikael Hammar dell Università di Lund. Secure Metering on the Web Seminario tenuto il 7 Novembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dalla Dott.ssa Barbara Masucci. Smart Card Seminario tenuto il 14 Novembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Luigi Catuogno. Reliable Computation with Unreliable Information Seminario tenuto il 21 Novembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Ferdinando Cicalese. Generation of Key Predistribution Schemes using Secret Sharing Schemes Seminario tenuto il 28 Novembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. German Saez dell Università Politecnico de la Catalogna. Neural Networks and Fuzzy Logic in Astronomical Data Mining Seminario tenuto il 4 Dicembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Antonino Staiano. Computer Graphics: Parallelizzazione dell algoritmo di Ray Tracing Seminario tenuto il 12 Dicembre 2001 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Ugo Erra. La visualizzazione dei dati scientifici Seminario tenuto il 9 Gennaio 2002 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Roberto Marmo del Laboratorio di Visione Artificiale dell Università di Pavia. Global Computing: Models, Logics and Model Checking Seminario tenuto il 23 Gennaio 2002 presso l Università degli Studi di Salerno dal Dott. Supratik Mukhopadhyay - University of Pennsylvania and West Virginia University. Approximation algorithm for the weighted rectangle packing problem Seminario tenuto il 6 Febbraio 2002 presso l Università degli Studi di Salerno dalla Dott.ssa Manuela Montangero. 4

5 Algoritmi, divinità e gente comune Seminario tenuto il 14 Febbraio 2002 presso l Università degli Studi di Salerno dalla Prof.ssa Linda Pagli dell Università di Pisa. E-learning a La Sapienza Seminario tenuto il 31 ottobre 2002 presso l Università di Salerno dal prof. Stefano Levialdi dell Università di Roma La Sapienza. Feature extraction from images and video Seminario tenuto il 31 Marzo 2003 presso l Università di Torino dal prof. Augusto Celentano dell Università di Venezia, nell ambito della ACIST School Knowledge Discovery and Data Mining I Seminario tenuto il 31 Marzo 2003 presso l Università di Torino dal dott. Georgios Paliouras del Software and Knowledge Engineering Laboratory - Institute of Informatics and Telecommunications N.C.S.R. Demokritos (Grecia), nell ambito della ACIST School Relevance feedback Seminario tenuto il 1 Aprile 2003 presso l Università di Torino dal prof. Augusto Celentano dell Università di Venezia, nell ambito della ACIST School Knowledge Discovery and Data Mining II Seminario tenuto il 1 Aprile 2003 presso l Università di Torino dal dott. Georgios Paliouras del Software and Knowledge Engineering Laboratory - Institute of Informatics and Telecommunications N.C.S.R. Demokritos (Grecia), nell ambito della ACIST School How to exchange secrets - Communication of secret cryptographic keys Seminario tenuto il 30 Giugno 2003 presso l Università degli Studi di Salerno dalla prof.ssa Renate Scheidler del Centre for Information Security and Cryptography (CISaC), University of Calgary, Canada. New Results on Dan Shanks NUCOMP Algorithm Seminario tenuto il 30 Giugno 2003 presso l Università degli Studi di Salerno dal dott. Michael J. Jacobson Jr. del Centre for Information Security and Cryptography (CISaC), University of Calgary, Canada. Web Engineering: Managing the Complexity of Web Systems Development Seminario tenuto il 27 Ottobre 2003 presso l Università degli Studi di Salerno dal prof. Athula Ginige, University of Western Sydney, Australia. Agile Software Engineering Seminario tenuto il 28 Ottobre 2003 presso l Università degli Studi di Salerno dal dott. Frank Maurer, University of Calgary, Canada. Convergence Model: A Road map to etransform SMEs Seminario tenuto il 28 Ottobre 2003 presso l Università degli Studi di Salerno dal prof. Athula Ginige, University of Western Sydney, Australia. 5

6 Re-Engineering Software Development Process for ebusiness Application Development Seminario tenuto il 29 Ottobre 2003 presso l Università degli Studi di Salerno dal prof. Athula Ginige, University of Western Sydney, Australia. Seminari nell ambito di corsi universitari La sottoscritta ha tenuto i seguenti seminari: Disegno, Analisi e simulazione di Processi Aziendali con HolosofX WorkflowBPR Seminari tenuti nell ambito del Corso di Ingegneria del Software: Sistemi Cooperativi, Dipartimento di Matematica e Informatica dell Università di Salerno, docente: Prof. Giancarlo Nota, Marzo 2001, num. ore: 4. Analisi e Progettazione di Applicazioni Object-Oriented con UML Ciclo di seminari tenuti nell ambito del Corso di Ingegneria del Software I e II, Dipartimento di Matematica e Informatica dell Università di Salerno, docente: Prof. Giancarlo Nota, Novembre-Dicembre 2002, num. ore: 10. Scuole La sottoscritta ha frequentato le seguenti scuole: Multimedia Database and Image Communication - MDIC 2001 tenutasi ad Amalfi dal 10 al 14 Settembre 2001, organizzata dall Università di Salerno. Formalware Engineering - Formal Methods for Engineering Software tenutasi presso il CISM (Centro Internazionale di Scienze Meccaniche), Udine dal 24 al 28 Settembre 2001, organizzata dalle Università di Udine e Pisa. EDBT 2002 Summer School - Distributed Databases on the Net: Models, Languages and Infrastructures tenutasi a Cargèse, Corsica (FRANCE) dal 26 al 31 Agosto ACIST School Advanced Course on New Frontiers of Information Society Technologies tenutasi al Dipartimento di Informatica dell Università di Torino,dal 24 Marzo al 3 Aprile SE School International School of Software Engineering tenutasi al Dipartimento di Matematica e Informatica dell Università di Salerno, dal 9 all 11 Settembre Convegni e Conferenze La sottoscritta ha seguito ai seguenti convegni: 6

7 2 nd International Workshop on Multimedia Database and Image Communication - MDIC 2001 tenutosi ad Amalfi dal 17 al 18 Settembre 2001, organizzato dall Università di Salerno. Seconda Giornata di Studio sulla Progettazione di Data Warehouse tenutasi presso Palazzo Mazzini-Marinelli, Cesena, 6 Giugno 2002, organizzata dall Università di Bologna. The 14 th International Conference of Software Engineering and Knowledge Engineering (SEKE 2002), Ischia (NA), Luglio 2002, organizzata dal Dipartimento di Matematica e Informatica dell Università degli Studi di Salerno. Workshop D2I su Integrazione, Warehousing e Mining di Sorgenti Eterogenee di Dati, Milano, ITALY., 11 March 2003, Milano. Attività di ricerca Introduzione Con la diffusione di sistemi di automazione di flussi di lavoro chiamati Workflow Management System (WfMS) si è verificata una crescita di interesse da parte della comunità scientifica, verso le problematiche connesse all analisi delle prestazioni e, più in generale, alla valutazione del comportamento di un processo aziendale nella sua globalità. Tale interesse è dovuto in gran parte alla possibilità, offerta dai sistemi di automazione dei flussi di lavoro, di registrare automaticamente una serie di fatti rilevanti legati all esecuzione delle diverse istanze di un processo implementato come workflow. Un workflow è definito come l automazione di un processo aziendale durante il quale documenti, informazioni o attività sono passate da un partecipante all altro in base a un insieme di regole procedurali [1]. Di solito, un workflow è composto da un certo numero di passi logici, chiamati attività; ogni attività può essere ulteriormente decomposta in work item, che rappresentano la più piccola unità di lavoro che deve essere assegnata a un partecipante del workflow (utente oppure applicazione). L attività di ricerca si è svolta principalmente nell ambito dei sistemi di workflow; sono state principalmente affrontate le seguenti problematiche: 1. analisi delle prestazioni dei processi aziendali automatizzati con l uso di WfMS; 2. definizione di un WfMS basato su form; Analisi delle prestazioni dei processi aziendali L obiettivo delle imprese è quello di focalizzare il loro interesse sull identificazione e ottimizzazione dei processi, mentre la valutazione continua e la reingegnerizzazione sono state implementate in un piccolo numero di casi. Ciò è dovuto soprattutto alla mancanza di appropriati strumenti per il monitoraggio e controllo dei processi. Tenendo conto di questo aspetto, si è cercato di approfondire tematiche di ricerca legate soprattutto alla valutazione delle performance dei processi automatizzati. In particolare, sono stati affrontati i seguenti argomenti: definizione di un framework di misure estendibile e gerarchico per l analisi dei workflow, valutazione continua delle prestazioni di workflow e valutazione in 7

8 ambiente distribuito. I dati storici (Audit Data) registrati durante le esecuzioni delle varie istanze di workflow forniscono una valida sorgente per sia per l analisi ex-post (controllo) che per quella real-time (monitoraggio) di processi automatizzati [2]. Di solito, il termine controllo è usato per indicare le valutazioni a lungo termine rivolte a fornire utili indicazioni per il miglioramento continuo del processo; per monitoraggio, invece, si intende l analisi delle istanze ancora in esecuzione ed è usato per il controllo dell esecuzione del processo e per il trattamento tempestivo delle eccezioni. In [3], è stato definito un framework di misure gerarchico ed estendibile che puà essere utilizzato per effettuare sia controllo che monitoraggio dei processi. I concetti base del framework sono il tempo eillavoro di processi, task o attività e work item rappresentati in a Workflow Management System (WfMS). Il framework ha una struttura a tre livelli: al primo livello troviamo un insieme di operatori (tra cui, ) e alcune misure primitive; dalla composizione di questi operatori stato definito un livello di misure fondamentali che prendono in considerazione la durata delle istanze, l ammontare del lavoro, la lunghezza delle code e la topologia dei task. Nel terzo livello, infine, sono definite misure aggregate e indicatori di performance costruiti a partire dai livelli sottostanti. Le strutture di base considerate per lo sviluppo del framework sono due insiemi, I e E, che rappresentano rispettivamente l insieme delle istanze create e l insieme degli eventi verificatisi durante l esecuzione del workflow. Questi due insiemi possono essere generati a partire dai dati di audit estesi in modo tale da includere alcuni dati di definizione del processo. Il framework proposto è stato implementato e validato su casi di studio provenienti dalla Pubblica Amministrazione. E servito, inoltre, come punto di partenza per la definizione del linguaggio WPQL ([4]). In [5] è stato considerato l approccio alla misurazione continua dei processi. Tale approccio è basato sul concetto di monitor prestazionale, un componente software capace di valutare una misura in modo continuo ogni volta che si verifica qualche evento che interviene a modificarla. Un monitor è un agente software cui viene assegnato il compito di osservare un dato processo per verificarne la conformità rispetto a un certo comportamento atteso. La selezione dei dati relativi all esecuzione di un processo può avvenire sia a partire dal file di audit che dalla comunicazione diretta con il motore del WfMS. Tale selezione è fatta in accordo alla grammatica definita in WPQL. La successiva aggregazione dei dati consente ad un monitor di rendere una misura precisa del fenomeno osservato. L implementazione dei monitor è stata realizzata dapprima in ambiente centralizzato e clientserver ma questi modelli non si adattano bene all analisi di workflow distribuiti. La valutazione continua di workflow in una Virtual Enterprise è stata caratterizzata come un problema distribuito basato su un sistema multiagente in cui agenti specializzati cooperano per calcolare quantità specificate per mezzo di monitor [6]. Definizione di un WfMS basato su form Data la tendenza attuale di coniugare all interno delle medie e grandi aziende l utilizzo di sistemi di gestione documentale con sistemi di automazione di workflow, la ricerca si è posta come obiettivo quello di riuscire a migliorare l integrazione dei vari sistemi, utilizzando un meccanismo di definizione e modellazione dei processi aziendali basato su form [7]. Un form può essere visto come la componente di interfaccia di un sistema reattivo che risponde 8

9 a stimoli provenienti dall ambiente esterno. Per la realizzazione di questo punto del progetto è stato necessario definire e adottare un modello in grado di garantire l interazione e l accesso reciproco tra il workflow e il documento elettronico costituente il form. Per garantire tale funzionalità è stato adottato il linguaggio XML come paradigma per la modellazione form-based di processi aziendali e la tecnologia DOM per la definizione del form rappresentante documento elettronico. Questo tipo di tecnologie garantiscono il pieno supporto all integrazione, accessibilità, manipolazione e interazione reciproca tra il workflow engine e i task di workflow basati su form. Per garantire un certo grado di indipendenza dalle applicazioni utilizzate e allo stesso tempo facilitarne l integrazione, nello sviluppo del progetto è stato adottato il modello XForms. Tale modello mantiene una separazione tra il contenuto di un form e la sua presentazione. Permette di definire la struttura di un form utilizzando XML, di impostare regole di convalida, le modalità di accesso e i dati da collezionare. Per questo, XForms conferisce ai form tutte le caratteristiche necessarie in modo da poterli facilmente utilizzare per il trasferimento delle informazioni in processo automatizzato per mezzo di un workflow engine. Nella definizione del modello di WfMS, non poca attenzione è stata riservata alla definizione del motore di workfow. Un prototipo di motore di workflow è stato sviluppato in Java e i dati rilevanti mantenuti in un database relazionale Oracle. E ancora in corso di realizzazione l editor visuale di form. Sviluppi futuri della ricerca L attività di ricerca in questo momento è focalizzata sullo studio di tecniche di Business Intelligence per l analisi di workflow. In particolare, l intento sarà quello di applicare tecniche di Process Warehouse e Data Mining ai workflow quale strumento per il supporto alle decisioni. Bibliografia [1] L. Fischer ed., Workflow Handbook 2001, Future Strategies Inc., [2] M. zur Muehlen, M. Rosemann, Workflow-based Process Monitoring and Controlling - Technical and Organizational Issues, Proc. of the 33rd Hawaii International Conference on System Sciences [3] R. Aiello, A. Esposito, G. Nota, A Hierarchical Measure Framework for the Evaluation of Automated Business Processes, in International Journal of Software Engineering and Knowledge Engineering, 12, 4 (2002). [4] F. Abate, A. Esposito, N. Grieco, G. Nota (2002) Workflow Performance Evaluation through WPQL. In International Conference on Software Engineering and Knowledge Engineering (SEKE 2002). Ischia, Italy. [5] R. Aiello, A. Esposito, G. Nota, Continuous Process Measurements sottomesso per la pubblicazione, Febbraio [6] R. Aiello, G. Nota, G. Franco, M. P. Di Gregorio, Multiagent-based Evaluation of Workflows to be appeared in SOFSEM 2004 Proceedings published by MatFyzPress (Charles University s) Publishing House. 9

10 [7] R. Aiello, G. Nota, S. Carvello Design and development of an XForm-based WfMS, Baronissi, 14 novembre 2003 Rossella Aiello 10

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management.

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management. Stefano Perna Informazioni Personali Residenza Viale Spartaco, 91 00174 Roma Telefono (+39) 320 6974861 (+39) 340 2267281 Email perna.stefano@gmail.com Sito http://www.stefanoperna.it Luogo e Data di nascita

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Cognitive Adaptive Man Machine Interface for Cooperative Systems 19 Settembre 2012 ENAV ACADEMY Forlì (IT) Magda Balerna 1 ARTEMIS JU Sub Project 8: HUMAN Centred Design

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli