Dall Intesa GIS a Inspire: cooperazione sui SIT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dall Intesa GIS a Inspire: cooperazione sui SIT"

Transcript

1 Il profilo giuridico del dato ambientale Dall Intesa GIS a Inspire: cooperazione sui SIT Giovanni Ciardi - Regione Emilia-Romagna Gian Paolo Artioli - ANCI E-R Gis Day 2007 Palazzo Malvezzi 14 novembre

2 Il contesto: regionale, nazionale ed internazionale Il contesto regionale Legge Regionale 20/2000 (e Direttiva C.R A27 ) e le prime proposte di modifiche (insieme alla altre leggi regionali in materia territoriale) Legge Regionale 11/2004 DPEF Regionale Piani Telematici Regionali degli anni 2002, 2003, 2004, 2005 e quello in iter (PITER) Il contesto nazionale Piano d azione di e-government nazionale (I e II fase Riuso/CST-ALI); Programma Elisa Intesa Stato/Regioni/EELL sui GIS e sua integrazione con Comitato nazionale GIS-CNIPA Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Codice Amministrazione Digitale Decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 159 Legge 4 agosto 2006, n. 248 Il nuovo decentramento delle funzioni catastali (Finanziaria 2007) Il contesto europeo e internazionale Progetto europeo INSPIRE ISO ( Comitato Tecnico 211 )

3 Il contesto internazionale

4

5 INSPIRE Infrastructure for Spatial Information in the European Community

6 La nascita di Inspire (da una lezione di Max Craglia alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) Data requirements EU-wide data not available for a given administrative level (eg NUTS5) but data might exist locally Some policies span geographically across borders new data collection efforts E.g new river basin districts Units of analysis could require new data and methods for its characterization Eg use of landscape as a geographical entity.

7 La nascita di Inspire (da una lezione di Max Craglia alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) How to address data limitations? more decentralized approach to data management leaving the data at the level at which it can be more easily collected and updated attempt to integrate more cohesively information flows from local to global and vice-versa assuring access to data becomes a pre-requisite INSPIRE -Infrastructure for Spatial Information in Europe

8 La nascita di Inspire (da una lezione di Max Craglia alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) INSPIRE INSPIRE -Infrastructure for Spatial Information in Europe launched in 2001 by DG Environment, Eurostat, JRC aims of making available relevant, harmonised and quality geographic information for the purpose of formulation, implementation, monitoring and evaluation of Community policy-making common reference data and metadata, architecture and standards, legal aspects and data policy, funding and implementation structures

9 La nascita di Inspire (da una lezione di Max Craglia alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) INSPIRE Timeline Started in 2001 Position papers in 2002 Extended Impact Assessment 2003 Revision of scope and XIA in 2004 Adoption in July 2004? INSPIRE Committee 2006 Entry in force 2008 Metadata and harmonization:

10 La nascita di Inspire (da una lezione di Max Craglia alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) (Original) Key INSPIRE requirements in 2 Slides (1/2) Data harmonisation: Require MS to contribute to generic data specifications for adoption by the INSPIRE committee Once adopted, require MS to use these specs for new data or updates. MS expected to also put in place on top of existing data automatic services transforming existing data according to specifications Metadata: require MS to produce metadata for all public electronic spatial datasets that fall under INSPIRE (17 themes, 60 data components) progressive implementation: first discovery metadata then more extended metadata as harmonisation of data proceeds ICOSS

11 La nascita di Inspire (da una lezione di Max Craglia alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) (Original) Key INSPIRE requirements in 2 Slides (2/2) Data policy framework require MS to establish sharing framework between public bodies free of barriers at the point of use free view of data to all require MS to establish licensing framework for broader use Implementation Require MS to develop and implement discover, view, access, trade services to common standards adopted by the INSPIRE committee Co-ordination and Implementation Require MS to appoint or establish appropriate coordinating structures ICOSS

12 INSPIRE Infrastructure for Spatial Information in the European Community I Principi dell infrastruttura dati geografici europea INSPIRE Data should be collected once and mainteined at the level where this can be done most effectively It must be possible to combine seamlessly spatial data from different sources across the UE and share it between many users and applications It must be possible for spatial data collected at one level of government to be shared between all levels of government spatial data needed for good governance should be available on conditions that are not restricting its extensive use It should be easy to discover which spatial data is available, to evaluate its fitness for purpose and to know which conditions apply for its use

13 13th EC GIS Workshop Porto 4-6/07/07

14

15

16

17

18 La SDI - Spatial Data Infrastructure (da una lezione di Ian Masser alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) The GSDI definition What is a SDI? The Global Spatial Data Infrastructure supports ready global access to geographic information. This is achieved through the coordinated actions of nations and organisations that promote awareness and implementation of complimentary policies, common standards and effective mechanisms for the development and availability of interoperable digital geographic data and technologies to support decision making at all scales for multiple purposes.

19 La SDI - Spatial Data Infrastructure (da una lezione di Ian Masser alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) SDI Evolution Shift from product to process model From data producers to data users From database creation to data sharing From centralised to decentralised structures Shift from formulation to implementation From coordination to leadership From single to multi level participation From existing to new organisational structures

20 La SDI - Spatial Data Infrastructure (da una lezione di Ian Masser alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) Towards a hierarchy of SDIs Global and regional SDIs Global and regional forums for collaboration and the exchange of ideas and experiences National SDIs Strategic initiatives concerned with the management of national information assets Local SDIs Municipal and provincial initiatives concerned with the operational needs of day to day decision making

21 La SDI - Spatial Data Infrastructure (da una lezione di Ian Masser alla Vespucci Summer GIS School nel 2004) What is the connection between SDIs and egovernment? SDIs an important component of egovernment Economic potential of public sector information increasingly recognised Geographic information policy increasingly part of national and international information policy - eg EU Public Sector Information Directive

22 Gli standard internazionali Gli standard internazionali ISO TC211 (alcuni recepiti ufficialmente dal Comitato nazionale GIS- CNIPA) una famiglia di standard gli standard per la metainformazione ( 19115) gli standard per la qualità (19114) gli standard per la modellazione (UML), per i formati (XML), etc

23 Il contesto nazionale

24 e-government Le regole e gli standard del Piano nazionale di e-government interscambio come prassi porte di dominio busta di e-government web services riuso!

25

26 Intesa GIS Intesa Gis: Intesa tra Stato, Regioni ed Enti Locali sui Sistemi Informativi Geografici L'Intesa tra Stato, Regioni ed Enti Locali sui Sistemi Informativi Geografici, stipulata nel 1996, rappresentava all epoca il tentativo più organico di modificare in termini positivi la situazione dell'informazione Geografica in Italia, per creare uno stimolo verso una partecipazione più ampia delle istituzioni, delle imprese e del mondo scientifico Obiettivo dell'intesa era lo sviluppo di interventi coordinati per realizzare in Italia le basi informative territoriali gestite su elaboratore a copertura dell'intero territorio nazionale necessarie per l'esercizio delle funzioni di interesse locale, regionale e nazionale. Per la realizzazione dell'intesa e degli Accordi ad essa collegati era stato costituito un Comitato Tecnico di Coordinamento per la elaborazione di indirizzi, specifiche comuni per la definizione nelle diverse aree del Paese di accordi di programma tra gli Enti interessati alla realizzazione delle basi informative territoriali, a partire dai Database topografici e dal collegamento di questi con archivi catastali aggiornati. L'Intesa fu approvata dalla Conferenza Stato regioni e Provincie Autonome nella seduta del 26 settembre 1996 e coinvolgeva le diverse Amministrazioni Centrali ed organismi statali, compreso il CNIPA (Centro Nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione), le Regioni e Provincie Autonome, i Comuni (ANCI), le Provincie (UPI), le Comunità Montane (UNCEM) e le Aziende per la gestione di pubblici servizi (Confservizi).

27 Intesa GIS Le regole dell Intesa Stato-Regioni-Enti Locali sui GIS (e del Comitato nazionale GIS-CNIPA) le specifiche per il DB Topografico (alle grandi scale) le specifiche per il DBPrior 10k le specifiche per le reti di raffittimento di IGM95, per il DTM, etc.

28 Il CAD Il Codice dell Amministrazione Digitale n 82 Lo Stato, le Regioni e le autonomie locali assicurano la disponibilità, la gestione, l accesso, la trasmissione, la conservazione e la fruibilità dell informazione in modalità digitale (dall Art. 2) I dati delle pubbliche amministrazioni sono formati, raccolti, conservati, resi disponibili e accessibili con l uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione che ne consentano la fruizione e riutilizzazione, alle condizioni fissate dall ordinamento, da parte delle altre pubbliche amministrazioni e dai privati (dall Art. 50) Qualunque dato trattato da una pubblica amministrazione è utilizzabile da un altra pubblica amministrazione nei limiti dell esercizio delle proprie funzioni (dall Art. 50) Al fine di rendere possibile l utilizzo in via telematica dei dati di una pubblica amministrazione da parte dei sistemi informatici di altre amministrazioni l amministrazione titolare dei dati costruisce, gestisce ed eroga i servizi informatici allo scopo necessari, secondo le regole tecniche del sistema pubblico di connettività (dall Art. 50)

29 Il CAD Il Codice dell Amministrazione Digitale , n. 82 Art. 59 Dati territoriali Per dato territoriale si intende qualunque informazione geograficamente localizzata. E' istituito il Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali delle pubbliche amministrazioni, con il compito di definire le regole tecniche per la realizzazione delle basi dei dati territoriali, la documentazione, la fruibilità e lo scambio dei dati stessi tra le pubbliche amministrazioni centrali e locali in coerenza con le disposizioni del sistema pubblico di connettività di cui al decreto legislativo 28 febbraio 2005, n. 42. Per agevolare la pubblicità dei dati di interesse generale, disponibili presso le pubbliche amministrazioni a livello nazionale, regionale e locale, presso il CNIPA e' istituito il Repertorio nazionale dei dati territoriali

30 Il CAD Il Codice dell Amministrazione Digitale n 82 Art. 60. Base di dati di interesse nazionale Si definisce base di dati di interesse nazionale l'insieme delle informazioni raccolte e gestite digitalmente dalle pubbliche amministrazioni, omogenee per tipologia e contenuto e la cui conoscenza e' utilizzabile dalle pubbliche amministrazioni per l'esercizio delle proprie funzioni e nel rispetto delle competenze e delle normative vigenti. Ferme le competenze di ciascuna pubblica amministrazione, le basi di dati di interesse nazionale costituiscono, per ciascuna tipologia di dati, un sistema informativo unitario che tiene conto dei diversi livelli istituzionali e territoriali e che garantisce l'allineamento delle informazioni e l'accesso alle medesime da parte delle pubbliche amministrazioni interessate. La realizzazione di tali sistemi informativi e le modalità di aggiornamento sono attuate secondo le regole tecniche sul sistema pubblico di connettività di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 28 febbraio 2005, n

31 Le modifiche del CAD Il nuovo contesto 2006: Decreto Legislativo 4 aprile 2006, n.159, contenente modifiche al Codice PA Digitale Modifica all'articolo 59 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Nell'ambito dei dati territoriali di interesse nazionale rientra la base dei dati catastali gestita dall'agenzia del territorio. Per garantire la circolazione e la fruizione dei dati catastali conformemente alle finalità ed alle condizioni stabilite dall'articolo 50, il direttore dell'agenzia del territorio, di concerto con il Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali delle pubbliche amministrazioni e previa intesa con la Conferenza unificata, definisce con proprio decreto entro la data del 30 giugno 2006, in coerenza con le disposizioni che disciplinano il sistema pubblico di connettività, le regole tecnico economiche per l'utilizzo dei dati catastali per via telematica da parte dei sistemi informatici di altre amministrazioni.»

32 SPC Il Sistema Pubblico di Connettività e di Cooperazione Architettura scambio dei messaggi Organizzazione accordi di servizio accordi di cooperazione Standard e tecnologie (es. Sigma Ter)

33 SPC

34 Il contesto regionale

35 Le regole nella Regione Emilia-Romagna La Direttiva A27 ( )! Gli obiettivi: la confrontabilità geografica e digitale degli strumenti di pianificazione e delle relative analisi del quadro conoscitivo; la congruenza di inquadramento delle carte topografiche comunali con le mappe catastali; la definizione delle caratteristiche generali dei dati del sistema informativo geografico per la pianificazione territoriale, e in particolare: la georeferenziazione, il modello dati, il formato dati, la documentazione, la qualità e le regole di interscambio degli stessi.

36 La A27 La Direttiva A27 Le caratteristiche dei dati: 1. Georeferenziazione 2. Modello dati 3. Formato (di scambio) 4. Documentazione (metadati) 5. Regole d interscambio (diffusione) 6. Controllo di qualità (autocertificazione)

37 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione I principali progetti regionali in corso di realizzazione per realizzare l Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: sui dati (geografici di base, definiti nella A27: Gruppo A. cartografia di supporto) sui servizi (che coinvolgono in modo significativo dati geografici di base)

38 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione Il DB Topografico Cosa si realizza: aggiornamento dei dati topografici, per la loro completa vettorializzazione e per la loro strutturazione ad oggetti topografici secondo gli standard nazionali di Data Base Topografico adottati il 26 maggio 2004 dal Comitato Tecnico di Coordinamento dell Intesa Stato, Regioni, Enti Locali sui Sistemi Informativi Geografici e come recepiti dal Comitato Nazionale GIS-CNIPA.

39 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione Il DB Topografico Come si gestisce: Accordi con i Comuni (Associazioni/Unioni/CST) Accordi con le Provincie Accordi con le Aziende ex municipalizzate

40 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione I principali progetti regionali in corso sui servizi (che coinvolgono dati geografici di base) La costruzione dell Infrastruttura GIS della Regione (come ente!) la gestione condivisa dei metadati Il progetto SIGMA TER (come parte dell Infrastruttura GIS) L Archivio Cartografico della Regione (come parte dell Infrastruttura GIS) SIMPER I bandi di RIUSO presentati per conto della CN-ER

41 Community Network Emilia-Romagna Con la Legge Regionale n. 11/2004 Sviluppo regionale della società dell informazione (entrata in vigore il 17 maggio 2004) la Regione Emilia-Romagna ha inquadrato in uno schema istituzionale l insieme delle iniziative e delle politiche legate alla telematica. L elemento caratterizzante della Legge è la definizione di un iter procedurale per l identificazione degli obiettivi, l approvazione degli stessi e la loro realizzazione operativa. E prevista la costituzione di alcuni organi di indirizzo e operativofunzionali che insieme a EELL e Regione costituiscono la Community Network Emilia-Romagna (CN-ER).

42 CN-ER per creare le condizioni organizzative per l attuazione di PITER ( ), con particolare riferimento alla definizione di un modello interistituzionale a pluralità di attori per la realizzazione delle iniziative e dei servizi ivi contenuti, il dispiegamento nei territori delle soluzioni realizzate, la gestione operativa delle soluzioni e dei servizi sia generali e trasversali che locali; creare i presupposti per la partecipazione congiunta e l adesione anche onerosa alle iniziative descritte in PITER nell ambito di specifici ruoli attribuiti; creare i presupposti per la partecipazione congiunta (anche onerosa) ai bandi e/o agli avvisi nazionali e comunitari per progetti di interesse generale e comune (primi fra tutti gli avvisi pubblicati in G.U., ALI e RIUSO); confermare la dimensione di coesione raggiunta in Emilia-Romagna e già riconosciuta dalle autorità ministeriali come interlocutore primario dello sviluppo del Piano telematico nazionale e del sistema pubblico di connettività; valorizzare il sistema di accordi e di relazioni derivanti da pregresse convenzioni stipulate tra singola Provincia e Comuni, Comunità montane, Unione di Comuni, Associazioni intercomunali dei rispettivi territori.

43 Convenzione e accordi attuativi L accordo quadro fra gli Enti aderenti che costituiscono la Community Network Emilia-Romagna trova formale definizione nella convenzione di costituzione, sottoscritta dalla Regione, dalle Province e dai Comuni dell Emilia- Romagna. Dalla convenzione deriveranno gli specifici accordi attuativi per l adesione alle singole iniziative di PiTER e/o l adesione a specifici progetti che la CN-ER potrà presentare a seguito di bandi e/o avvisi nazionali e comunitari.

44 Convenzione e accordi attuativi Approvazione del primo accordo attuativo: riguarda la partecipazione congiunta ai bandi Riuso (RIDER, LANDER) e ALI (ALIER) da parte della CN-ER

45 L Infrastruttura GIS della Regione Lo slogan: dai dati isolati ai dati condivisi e integrati (Data Warehouse Geografico), dalle applicazioni isolate ai servizi integrati (Cooperazione applicativa) Cerchiamo di dare risposta alle domande: Che cosa è? A cosa serve? (e quali vantaggi da?) Come si svilupperà nel tempo Chi la può usare? (e quando?) (e con quali strumenti?) Chi contribuisce ad alimentarla? (e come?) (e quando?)

46 L Infrastruttura GIS della Regione ETL Database Operazionale Sistema Dipartimentale Direzioni della regione Applicativo Dipartimentale Applicativo Dipartimentale RE-R.MOKA Oppure RE-R.GeoView + ArcView 3.x Oppure RE-R.GeoView.Net + ArcGis 8 Moka RER Sever Trek (Client Web) ArcIMS RADEX Servizi Σ 3 Servizi di Validazione Metadata server MOKA server GDWH RADEX DBTI Σ 3 (Framework Data) ISO Metadata Metadati Applicativi MOKA DB Repository Manager MOKA Kit

47 L Infrastruttura GIS della Regione Le banche dati: Geografiche: SDE File system Radex Gestionali Documentali Il Repertorio (metadati) Le componenti fondamentali del sistema sono: Gli strumenti per la consultazione: RER Trek GeoView (per gli utenti specialisti) RER Trek GeoView.net (per gli utenti specialisti) RER Trek WEB (per tutti gli utenti) Client AutoCad (per gli utenti specialisti) Gli strumenti per l editing: RER Editor Web

48 L Infrastruttura GIS della Regione Il Repertorio Il Repertorio è un vero e proprio CATALOGO dei dati, cartografici e non, disponibili nell ente Non contiene i dati, ma unicamente le informazioni su: dove sono come sono strutturati cosa contengono come sono legati ecc. ecc. Queste informazioni sono chiamate Metadati

49 L Infrastruttura GIS della Regione Metadati applicativi e Metadati ISO Il Repertorio si divide in due parti distinte: I Metadati applicativi Descrive dove sono fisicamente i dati, qual è la loro struttura fisica e come vanno rappresentati. E la parte di Repertorio utilizzata dalle applicazioni del sistema per accedere e visualizzare i dati. Gestisce inoltre le informazioni relative alla SICUREZZA applicativa, (abilitazioni a livello di gruppi utenti)

50 L Infrastruttura GIS della Regione I Metadati ISO Descrive i metadati come specificati dallo standard ISO TC , integrato secondo le specifiche dell Intesa GIS per quanto riguarda la strutturazione dei dati Consente di specificare, ad un livello più astratto rispetto ai Metadati Applicativi, le informazioni sul contenuto dei dati, le chiavi di ricerca, gli enti e le persone responsabili ecc. ecc.

51 L Infrastruttura GIS della Regione Il CORE Metadata ISO TC Lo standard ISO è molto vasto, e per tale motivo esso stesso definisce un set minimo di metadati, chiamato Core Metadata, utile per chi vuole effettuare l interscambio di metadati ma non desidera implementare l intero standard

52 L Infrastruttura GIS della Regione I Client di consultazione

53 L Infrastruttura GIS della Regione I Client di consultazione

54 L Infrastruttura GIS della Regione I Client di editing

55 L Infrastruttura GIS della Regione I Client di editing

56 L Infrastruttura GIS della Regione Integrazione di MOKA CMS-GIS nell Infrastruttura GIS della Regione

57 L Infrastruttura GIS della Regione Il nuovo ambiente Moka integrato nell Infrastruttura GIS della Regione Apertura verso internet ed evoluzione del sistema verso un architettura multi-livello distribuita database MokaDB centralizzato application server Moka Server - nuovo motore server delle applicazioni Moka completa compatibilità con l esistente

58 L Infrastruttura GIS della Regione Creazione di nuovi client e potenziamento di quelli esistenti MokaWeb Moka per ArcView 9.x Moka per ArcView 3.x Moka per ArcPad

59 L Infrastruttura GIS della Regione Integrazione con l Infrastruttura GIS della Regione integrazione col repertorio integrazione con ArcSDE, ArcIMS, ARCGis Server e Radex integrazione con SigmaTer

60 Prima applicazione Moka in internet Cartografia Interattiva delle AREE PROTETTE della RETE NATURA 2000

61

62

63

64

65 Client Moka esterni ArcView 3.x ArcGIS 8.x/9 ArcPad Altri Web browser SOAP HTML Internet Schema del nuovo Moka integrato nell Infrastruttura GIS della Regione Rete esterna DMZ pubblica HTTP DMZ privata SOAP Moka Server Live Update Server Web Server Moka Web Services MokaKit Server MokaKit Web SOAP ServiRepe Connector Firewall Firewall XML AXL, JavaConnector Moka Web Client Web ServiRepe - Autenticazione utenti - CTInfoServer - CTCatalogServer ArcIMS Rete interna Firewall Utenti Moka interni ArcView 3.x ArcSDE Radex Web browser ArcGIS 8.x/9 ArcPad JDBC Oracle MokaDB CATALOGO Personalizzazioni Funzioni/Servizi Web Template Regole Temi Utenti Metadati Cartografia Profili DWH Metadati e metodi di accesso Dati spaziali Repository Dati Shape Raster

66 L Infrastruttura GIS della Regione Una applicazione web di settore per i cittadini già esistente: SENTIERI WEB Una (nuova) applicazione web generale per i cittadini disponibile a breve MAP&BOOKSHOP

67 Il progetto SIGMA TER IL CONTESTO Importanza delle informazioni catastali e geografiche per la gestione di territorio e fiscalità; Piano di decentramento funzioni catastali ai comuni (L. 59/97, D.Lgs. 112/98, D.Lgs. 300/99, D.P.C.M. 19/12/00, D.P.C.M. 21/03/01); Intesa GIS, standard internazionali ISO TC 211 e framework europeo INSPIRE Piani (nazionali e regionali) per l e-government; Standard tecnologici per l interscambio dati, l interoperabilità e la coop.applicativa Agenzia del Territorio I PROMOTORI 5 Regioni: Abruzzo, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana e Valle d Aosta Province: Bologna, Genova, Parma, Piacenza e Pisa Comuni: Bologna, Cesena, Collesalvetti, Faenza, Ferrara, Genova, La Spezia, Livorno, Lugo, Modena, Reggio Emilia e Rimini Comunità montane: Alta Val Polcevera e Garfagnana Con il supporto dei tavoli tecnici con le rappresentanze regionali di ANCI, UNCEM, UPI, Provincie e Comuni capoluogo IL PROGETTO Impatto su:! 10 Milioni di Cittadini! Miglialia di operatori della Pubblica Amministrazione Budget di costo: 21,5 Mln di Euro circa (di cui 3,8 cofinaziati dal DIT col primo bando e-government) Circa 150 Enti riusatori già dichiarati e alleanze già in atto con i progetti PEOPLE, DOCAREA E SICS Il progetto è finito il

68 L architettura di SIGMA TER

69 Una possibile mappa del deployment modello di esercizio di servizi on line: verso lo scenario della integrazione applicativa attraverso centri di servizio allo sviluppo territoriale Rupa Interdominio Centri Servizio Regionali Reti Regionali Centri Servizio Provinciali e/o Intercomunali e/o Comunità Montane Comuni

70 Gli standard di SIGMA TER Nel disegno del DBTI si sono osservati gli standard esistenti ed emergenti nel panorama nazionale ed internazionale in particolare: Nel disegno del DBTI sono stati utilizzati: Il disegno del DB topografico dell Intesa GIS I metadati ISO TC con gli adattamenti previsti dall Intesa GIS Nella realizzazione delle applicazioni si utilizzano: Xml per gli interscambi tra i diversi strati del sistema I Web services su protocollo SOAP (tecnologia Xml) XSD (Xml Schema) per la documentazione degli interscambi J2EE per lo sviluppo delle applicazioni La busta di e-gov per le comunicazioni con valenza legale/amministrativa fra le pubbliche amministrazioni GML, CML (un Xml per i dati geografici catastali provenienti dall Agenzia del Territorio), Shape e PDF come formati per l interscambio di informazioni geografiche

71 Le tecnologie dei 5 Centri servizi regionali Nella definizione dello stack tecnologico su cui si basano i Centri servizi regionali abbiamo cercato di adottare il più possibile standard Open Source. In particolare: Sistema Operativo Linux Red Hat Advanced server Web server Apache Application Server J2EE compliant Oracle AS WebSphere Jboss DBMS Oracle 10i server enterprise Oracle Spatial (conforme alle Open Gis Simple Feature Specification) MapServer Vari (in RER useremo ArcIms) ImageServer Vari (in RER useremo Radex di Terranova)

72 Il ruolo di SIGMATER nell iniziativa INSPIRE " SIGMATER e un leader nazionale nell uso di standard internazionali che si riferiscono alla GI (ISO19100) e servizi (W3C, OGC) che permettono la cooperazione e l interoperabilita tra differenti sistemi e datawarehouse. " I membri di SIGMATER hanno gia avuto esperienze che potranno essere utili per le future implementazioni di INSPIRE, in particolare nei seguenti settori: - lo sviluppo di una specifica infrastruttura multi-piattaforma, basata su geographic information systems esistenti, a differenti livelli amministrativi - la implementazione e pubblicazione di servizi per accedere alle informazioni geografiche - la gestione dei metadata

73 Proposte della SDIC SIGMATER (Spatial Data Interest Community) L esperienza di SIGMATER ha rilevanza nelle INSPIRE Implementing Rules su: " Metadata " Network services " Data and Service sharing " Interoperability in action " Standard-based solution implementation " Implementation strategy

74 L Archivio Cartografico della Regione sottotitolo: uno piccolo e storico esempio di condivisione e integrazione (artigianale, ma efficace) I servizi di oggi L integrazione verticale Negozio Biblioteca Internet Point L integrazione orizzontale Materiali prodotti da diverse strutture della RER Materiali prodotti da altri Enti pubblici (locali e nazionali)

75 L Archivio Cartografico della Regione I servizi di oggi Informazioni Consultazione Vendita (anche on-line) Servizi speciali» elaborazioni self service» elaborazioni su ordinazione

76 L Archivio Cartografico della Regione Gli strumenti La nuova sede dell archivio cartografico in Via dello Scalo (dal dicembre 2003) Il sito Bookshop regionale (dal febbraio 2002) Il nuovo sito Map&Bookshop (entro il 2007)

77 L Archivio Cartografico della Regione L immediato futuro, ovvero, verso un modello di servizi sempre più integrato, attraverso: La stretta integrazione con l URP e gli altri punti specialistici di contatto (politiche comuni, strumenti condivisi, etc., già in essere da marzo 2004) L estensione della gamma dei prodotti e dei servizi regionali godibili attraverso l Archivio Cartografico, anche attraverso l integrazione del sito Bookshop con l Infrastruttura GIS ( Nuovo Map&Bookshop entro il 2007)

78

79

80

81

82

83

84

85 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione Conclusioni Obiettivo: favorire, in Emilia-Romagna così come sta avvenendo in Europa, insieme alla rete delle Agenzie regionali, delle Provincie, dei Comuni (Unioni/Associazioni), delle C.M. e di altri soggetti pubblici e privati, la costruzione di: INSPIRE-R INfrastruttura dati SPazialI nella Regione Emilia-Romagna

86 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione Conclusioni In pratica lavoriamo per: rafforzare le azioni di regolazione e di concreto aggiornamento/miglioramento/integrazione dei dati geografici di base (DB Topo e Catasto in primis, ma anche db imprese) rafforzare ed estendere l Infrastrutura GIS della Regione rafforzare ed estendere i Servizi offerti in cooperazione applicativa con la rete dei partner locali e nazionali

87 L Infrastruttura dati geografici dell Emilia-Romagna: le regole, gli standard e i progetti regionali in corso di realizzazione Conclusioni: cosa stiamo facendo per il prossimo futuro dell Infrastruttura GIS? A livello nazionale le tecnologie per la cooperazione applicativa di SIGMA TER (e quindi dell Infrastruttura GIS della Regione) sono già uno standard previsto nel SPC! A livello nazionale stiamo lavorando per nuovi (e ravvicinati) traguardi di interscambio/integrazione con banche dati cartografiche (e non) di grande importanza: Interscambio/cooperazione applicativa con INFOCAMERE/UNIONCAMERE Interscambio/cooperazione applicativa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per le banche dati del Sistema Informativo del Demanio e per le banche dati del Catasto Strade Interscambio/cooperazione applicativa con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio per le banche dati del Sistema Geografico Ambientale Federato Interscambio/cooperazione applicativa con l Istituto Geografico Militare Interscambio/cooperazione applicativa con Ministero Politiche Agricole e Forestali e con AGEA

Il sistema cartografico regionale Moka - Gis

Il sistema cartografico regionale Moka - Gis Il sistema cartografico regionale Moka - Gis Scaletta Collaborazione tra il nostro servizio ed il Simc nell ambito del progetto Eraclito per l Atlante Idroclimatico Il progetto europeo INSPIRE Un applicazione

Dettagli

IL CONTESTO IN EMILIA-ROMAGNA. Le attività per l informazione geografica

IL CONTESTO IN EMILIA-ROMAGNA. Le attività per l informazione geografica ATTIVITA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER L INFORMAZIONE GEOGRAFICA Basi dati topografiche e infrastruttura GIS Stefano Olivucci Regione Emilia-Romagna Sistemi Informativi Geografici 1 IL CONTESTO internazionale

Dettagli

Moka. Ing. Giovanni Ciardi Servizio Sistemi Informativi Geografici. Moka: come cambiera la diffusione dei dati e servizi della Regione Emilia-Romagna

Moka. Ing. Giovanni Ciardi Servizio Sistemi Informativi Geografici. Moka: come cambiera la diffusione dei dati e servizi della Regione Emilia-Romagna Moka Ing. Giovanni Ciardi Servizio Sistemi Informativi Geografici Moka: come cambiera la diffusione dei dati e servizi della Regione Emilia-Romagna Cos è Moka? Moka è CMS (Content Management System) GIS.

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Il SIT della Provincia di Bologna

Il SIT della Provincia di Bologna Il profilo giuridico del dato ambientale Il SIT della Provincia di Bologna Marco Mondini Progetti e Applicazioni di Area Vasta e SIT Sommario Il SIT provinciale Organizzazione Tecnologie I servizi trasversali

Dettagli

IV lezione INSPIRE. GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture

IV lezione INSPIRE. GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture IV lezione INSPIRE GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture Be INSPIRED! GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture - Cristoforo Abbattista Page 2 Cos è INSPIRE Direttiva Europea 2007/02/EC Stabilisce

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti

Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti CSI Piemonte

Dettagli

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda edizione I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali Relatore: Gian Bartolomeo Siletto

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

SIGMA TER DA PROGETTO A SISTEMA

SIGMA TER DA PROGETTO A SISTEMA SIGMA TER DA PROGETTO A SISTEMA Rossella BONORA (*), Lucia PASETTI (**) (*) Regione Emilia-Romagna, Responsabile Servizio Sviluppo amministrazione digitale e sistemi informativi geografici, tel. 051/284483,

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa Carlo Cipolloni (*), Agnes Tellez-Arenas (**), Jean-Jeacques Serrano (**), Robert Tomas (***)

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 415/2010 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 08 del mese di Febbraio dell' anno 2010 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Domenico Longhi. Bollettino della ASSOCIAZIONE ITALIANA di CARTOGRAFIA 2015 (153), 69-78

Domenico Longhi. Bollettino della ASSOCIAZIONE ITALIANA di CARTOGRAFIA 2015 (153), 69-78 EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE Bollettino della ASSOCIAZIONE ITALIANA di CARTOGRAFIA 2015 (153), 69-78 ISSN 0044-9733 (print) http://www.openstarts.units.it/dspace/handle/10077/9933 DOI: 10.13137/2282-472X/11151

Dettagli

ALLEGATO C NUOVA CONVENZIONE COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA. 1. Catalogo generale delle soluzioni e dei servizi (art.

ALLEGATO C NUOVA CONVENZIONE COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA. 1. Catalogo generale delle soluzioni e dei servizi (art. ALLEGATO C NUOVA CONVENZIONE PER IL FUNZIONAMENTO, LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA SOLUZIONI E SERVIZI DI CUI AI CATALOGHI DELL ART. 2 LETT. N,O,P,Q 1. Catalogo generale

Dettagli

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo Filippo DEL GUZZO (*), Valentina VALLERIANI (*), Alessandro CACCHIONE (*) (*) Regione Abruzzo, Struttura Speciale di

Dettagli

GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale

GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale Giovanni Ciardi (*), Stefano Olivucci (*), Alfredo Abrescia (**) (*) Regione Emilia-Romagna, Servizio Sviluppo dell'amministrazione digitale e

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Moka imprese: la georeferenziazione del registro imprese della regione Emilia-Romagna

Moka imprese: la georeferenziazione del registro imprese della regione Emilia-Romagna Moka imprese: la georeferenziazione del registro imprese della regione Emilia-Romagna Maria Luisa Garberi, Giovanni Belvederi Servizio Sistemi informativi geografici, Regione Emilia-Romagna, Viale Silvani

Dettagli

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 L impatto del d CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 Giovanni Damiano Agenda LA PA VISTA DALL UTENTE LE LEVE DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

Il Progetto SITR. L architettura applicativa

Il Progetto SITR. L architettura applicativa Il Progetto SITR Il progetto prevede la realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale e di una Infrastruttura dei Dati Territoriali unica, scalabile e federata (SITR IDT) costituiti da risorse tecnologiche

Dettagli

Get Inspired! Un toolkit di armonizzazione per i servizi di conversione

Get Inspired! Un toolkit di armonizzazione per i servizi di conversione Get Inspired! Un toolkit di armonizzazione per i servizi di conversione Pasquale Di Donato, Mauro Salvemini, Laura Berardi, Valeria Mercadante LABSITA Sapienza Università di Roma, Piazza Borghese 9, 00186

Dettagli

Verso un Infrastruttura

Verso un Infrastruttura Verso un Infrastruttura per l Informazione l Territoriale Regionale Relatore: Roberto Laffi 9 Febbraio 2005 Milano FIERA MILANO CONGRESSI CENTER PADIGLIONE 17 E ormai ampiamente riconosciuto che, nell

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 14 DEL 31.03.2009

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 14 DEL 31.03.2009 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 14 DEL 31.03.2009 OGGETTO: Accordo attuativo della convenzione costitutiva della COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA per la gestione condivisa dei

Dettagli

La tecnologia GIS Roberto Cavallin

La tecnologia GIS Roberto Cavallin La tecnologia GIS Roberto Cavallin Dati territoriali L art. 59 del Codice dell Amministrazione Digitale (CAD) definisce i dati territoriali come: qualunque informazione geograficamente localizzata Secondo

Dettagli

Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali

Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali Massimo Attias, Antonio Rotundo CISIS - Centro Interregionale per

Dettagli

VII Meeting degli utenti italiani di Grass

VII Meeting degli utenti italiani di Grass VII Meeting degli utenti italiani di Grass Genova 23-24 Febbraio 2006 Sistema Informativo Territoriale della Regione Liguria e i Sistemi Open Source: possibili convergenze ed esigenze ANNA CERRATO REGIONE

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Semantica dei Giochi

Semantica dei Giochi Corso di Laurea Specialistica in Informatica Semantica dei Giochi A.A. 2005-2006 Docenti: Claudia Faggian e Pierre-Louis Curien (CNRS - Paris 7) SEMANTICA... Qual e' il senso [l'essenziale] di un programma?

Dettagli

Un sistema informativo ambientale per la gestione del mare: uso del free software Ocean Data View

Un sistema informativo ambientale per la gestione del mare: uso del free software Ocean Data View ANNO ACCADEMICO 2010-11 Un sistema informativo ambientale per la gestione del mare: uso del free software Ocean Data View Relatore: Chiar. mo Prof. Giuseppe M. R. Manzella Candidata: Dott.ssa Chiara Romano

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

Governo del Territorio:

Governo del Territorio: Governo del Territorio: PRS e DPEFR le risoluzione linee delle di azione criticità della nuova legge regionale per il Lo governo sviluppo del della territorio nuova attraverso legge il regionale coinvolgimento

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO 10 novembre 2011 Regole tecniche per la definizione delle specifiche di contenuto dei database geotopografici. (Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27/02/2012 - Supplemento

Dettagli

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT)

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Versione 8.0 Marzo 2014 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 108 del 04/11/2011 OGGETTO: ACCORDO ATTUATIVO DELLA COMMUNITY NETWORK, PROPOSTO DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA AGLI

Dettagli

Applicazione: Anagrafe Edilizia Scolastica

Applicazione: Anagrafe Edilizia Scolastica Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Appl_vo/Verticale Applicazione: Anagrafe Edilizia Scolastica Amministrazione: Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Responsabile

Dettagli

Il valore dell esperienza di collaborazione tra la Provincia di Ferrara ed i Comuni nella prospettiva del costruendo federalismo fiscale comunale

Il valore dell esperienza di collaborazione tra la Provincia di Ferrara ed i Comuni nella prospettiva del costruendo federalismo fiscale comunale Il valore dell esperienza di collaborazione tra la Provincia di Ferrara ed i Comuni nella prospettiva del costruendo federalismo fiscale comunale Sala di Consiglio Provinciale CASTELLO ESTENSE - Ferrara,

Dettagli

Le Piattaforme Tecnologiche per l erogazione dei servizi On Line

Le Piattaforme Tecnologiche per l erogazione dei servizi On Line 1 Le Piattaforme Tecnologiche per l erogazione dei servizi On Line Stefano Bucci Sales Consultant Manager Oracle Italia Roma, 14 Maggio 2004 Aspetti tecnologici primari per erogare servizi on line Framework

Dettagli

IL Catasto Geografico

IL Catasto Geografico IL Catasto Geografico Dario Dominico (*), Fabrizio Veronesi (**), Giuseppe Mansini (**) *Provincia di Brescia, Servizio Cartografia e Gis **Comunità Montana di Valle Trompia, Servizio Polo Catastale e

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna: linee di azione e progetti

Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna: linee di azione e progetti Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna: linee di azione e progetti Massimo Fustini Regione Emilia-Romagna Coordinamento Piano Telematico Bologna 18 Novembre 2013 Il contesto strategico:il Piano Telematico

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 5 in data: 24.01.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ACCORDO QUADRO CN-ER. SOTTOSCRIZIONE ACCORDO ATTUATIVO

Dettagli

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano.

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Giovanni Di Trapani(*), Franco Guzzetti (**) e Paolo Viskanic (***) *) Comunità Montana Valtellina di Tirano, Via Maurizio Quadrio 11, I-23037

Dettagli

sviluppo della Società dell Informazione

sviluppo della Società dell Informazione Le attività della Regione Abruzzo per il supporto alle Smart Community Domenico Longhi Bologna 16 ottobre 2013 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si èdotata di strumenti normativi,

Dettagli

Moka Web La nuova architettura Moka

Moka Web La nuova architettura Moka Web La nuova architettura Moka Moka Web La nuova architettura Moka Cosa era il vecchio Moka Alla fine degli anni 90 la Regione Emilia-Romagna decise di realizzare uno strumento che rendesse facilmente

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Paolo Milani, Lombardia Informatica S.p.A. Stefano Gelmi, Lombardia Informatica S.p.A. La Salle (AO), 8 maggio 2012 Sommario Dati (rif. Gelmi)

Dettagli

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag.

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag. Newsletter SITAD Agosto 2008 numero 13 Sommario INSPIRE: Call for comments e Metadata Editor DT Data Specifications: on-line il draft per la codifica dei dati spaziali INSPIRE Metadata Editor: disponibile

Dettagli

Catasto e tributi. L adesione al progetto ELISA

Catasto e tributi. L adesione al progetto ELISA Catasto e tributi. L adesione al progetto ELISA Giovanni Tarizzo Regione Piemonte Settore Tributi Inquadramento La Costituzione nel riformato Titolo V pone come obiettivo quello di realizzare una compiuta

Dettagli

Attività previste per lo sviluppo del progetto di ricerca:

Attività previste per lo sviluppo del progetto di ricerca: Attività previste per lo sviluppo del progetto di ricerca: ICAD-GEO - Studio di fattibilita per la realizzazione di un progetto per la realizzazione di una infrastruttura per la cooperazione applicativa

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna 1 Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna L informazione territoriale regionale, i servizi, le attività e i progetti in corso o conclusi nel 2008. 2 Introduzione La Regione Autonoma

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

Il Forum italiano sulla fatturazione elettronica e l esperienza italiana allo European Multi-Stakeholder Forum on E-Invoicing

Il Forum italiano sulla fatturazione elettronica e l esperienza italiana allo European Multi-Stakeholder Forum on E-Invoicing Il Forum italiano sulla fatturazione elettronica e l esperienza italiana allo European Multi-Stakeholder Forum on E-Invoicing Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze Torino, 22 novembre 2013 Associazione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2006

RASSEGNA STAMPA 2006 Al via gli appuntamenti di I-MODena - Telematica per la Città, fra febbraio e marzo 2006. Sono previste attività di formazione e alfabetizzazione telematica presso biblioteche, circoscrizioni e associazioni

Dettagli

I Sistemi Informativi Territoriali

I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali Dal Desktop al Web Nuove strategie di condivisione dell Informazione Geografica Palazzo Riccio di Morana INTEA Srl Informatica Territorio e Ambiente I Sistemi Informativi

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE Piero DE BONIS (*), Grazia FATTORUSO (*), Pasquale REGINA (*), Carlo TEBANO (*) (*) ENEA - Centro Ricerche Portici,

Dettagli

IL SERVIZI TERRITORIALI DEL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

IL SERVIZI TERRITORIALI DEL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA IL SERVIZI TERRITORIALI DEL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Raffaele Gareri Area Innovazione e Territorio della Provincia di Brescia Brescia, 5 febbraio 2009 Strumenti GIS per il

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

Le Politiche di Sostegno al Cambiamento e all'innovazione per il Territorio Digitale. Gianluca Mazzini LepidaSpA

Le Politiche di Sostegno al Cambiamento e all'innovazione per il Territorio Digitale. Gianluca Mazzini LepidaSpA Le Politiche di Sostegno al Cambiamento e all'innovazione per il Territorio Digitale Gianluca Mazzini LepidaSpA Legge Regionale 11/2004 Information Communication Technology (ICT) Promuovere e diffondere

Dettagli

Iniziative di settore: Infomobilità

Iniziative di settore: Infomobilità Forum PA 2009 egov10: strategie ed azioni per l e-gov nazionale delle Regioni 13 maggio 2009 Iniziative di settore: Infomobilità Lucia PASETTI Interoperabilità e Cooperazione Applicativa per l'infomobilità:

Dettagli

Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività

Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività Forum P.A. Roma, 9 Maggio 2005 Antonello Maraglino Business Development Manager Public Sector Microsoft

Dettagli

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni Provincia di Genova Convegno: Le Province e il digital divide: un crocevia tra innovazione, sviluppo e territorio settembre 2006 Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

INVITO. MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo. esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia

INVITO. MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo. esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia Sistemi tecnologici e cooperazione interistituzionale per il governo del territorio MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità

IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità Stefano Olivucci LA CARTA GEOGRAFICA COMUNALE - Riccione, 2007 1 ARGOMENTI Alcuni spunti relativi ad una serie di

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO Azione 1 Conversione della CTR scala 1:5000, ed. 1998 e successivi aggiornamenti, qualora disponibili, in database topografico CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSA La Regione Campania nell ambito del complessivo

Dettagli

4 Il WebGIS del Progetto IFFI

4 Il WebGIS del Progetto IFFI 4 Il WebGIS del Progetto IFFI A. Trigila, C. Iadanza Conoscere le frane, la loro ubicazione e pericolosità, rappresenta un attività indispensabile per la realizzazione di nuove reti infrastrutturali (autostrade,

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI WEBGIS MEDIANTE ARCGIS

GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI WEBGIS MEDIANTE ARCGIS GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI WEBGIS MEDIANTE ARCGIS Data 28/02/2012 A- I Servizi WebGIS 1 Introduzione I Servizi WebGIS I servizi di webmapping o WebGIS sono sistemi informativi geografici (GIS) pubblicati

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

Funzionalità della piattaforma GIS

Funzionalità della piattaforma GIS Funzionalità della piattaforma GIS 1. Introduzione I GIS sono strumenti evoluti per l archiviazione, la gestione e l analisi di dati spaziali di natura eterogenea; servono per creare un modello rappresentativo

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

Regole tecniche sui dati territoriali: Reti di sottoservizi. Gabriele Ciasullo

Regole tecniche sui dati territoriali: Reti di sottoservizi. Gabriele Ciasullo Regole tecniche sui dati territoriali: Reti di sottoservizi Gabriele Ciasullo Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali Periodo di intervento: 2007 2010 Regole tecniche prodotte: utilizzo dei

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale. Comune di Pisa

Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale. Comune di Pisa Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale Comune di Pisa ESRI Geoportal Server È un prodotto gratuito e Open Source che permette la ricerca e l'uso di risorse geospaziali tra cui dataset,

Dettagli

Documentazione e biblioteche per la PA in rete

Documentazione e biblioteche per la PA in rete Documentazione biblioteche e diffusione dei risultati dei progetti Documentazione e biblioteche per la PA in rete Knowledge organization on the Web ISKO-IWA meeting, 5/9/08 Università degli studi di Napoli

Dettagli

Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese

Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese Anna Cavallo Direzione Enti Locali La vision 2 Il nuovo paradigma

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SERENA BORSARI Indirizzo Telefono 0516598204 Fax E-mail serena.borsari@provincia.bologna.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

La Community Network E-R e il progetto di Sistema a rete regionale. 15 ottobre 2008

La Community Network E-R e il progetto di Sistema a rete regionale. 15 ottobre 2008 La Community Network E-R e il progetto di Sistema a rete regionale 15 ottobre 2008 La Community Network E-R: comunicazione e sottoscrizione 24 giugno 2008 convegno La Community Network per le Pubbliche

Dettagli

Conferenza AMFM. Il nuovo approccio all analisi dei dati GIS per la sicurezza delle Aree Urbane - Crowdsourcing e web collaboration

Conferenza AMFM. Il nuovo approccio all analisi dei dati GIS per la sicurezza delle Aree Urbane - Crowdsourcing e web collaboration Il nuovo approccio all analisi dei dati GIS per la sicurezza delle Aree Urbane - Crowdsourcing e web collaboration Conferenza AMFM Roma - 21 settembre 2011 L importanza della Sicurezza nelle Aree Urbane

Dettagli

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Il CMS Moka Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Moka è uno strumento per creare applicazioni GIS utilizzando oggetti (cartografie, temi, legende, database, funzioni) organizzati in un catalogo condiviso.

Dettagli