Pillole di DPNSS. Sommario. 0 - Introduzione. bozza pubblica v.0.0 del 19 Ott 2009 autori: luciano de falco alfano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pillole di DPNSS. Sommario. 0 - Introduzione. bozza pubblica v.0.0 del 19 Ott 2009 autori: luciano de falco alfano"

Transcript

1 Pillole di DPNSS bozza pubblica v.0.0 del 19 Ott 2009 autori: luciano de falco alfano Sommario Sommario Introduzione Generalità e 2 Generalità, principi e campi di applicazione Funzionalità principali Struttura di rete DPNSS Glossario dei termini Servizi supplementari: route optimisation...5 Implementazione...5 Indice dello standard...6 Riferimenti...7 Questo documento sintetizza alcune parti dello standard del protocollo DPNSS. Viene rilasciato con licenza creative commons attribution (CC-by), senza garanzia di completezza, correttezza né assunzione di responsabilità dell'autore. I capitoli in cui il titolo è preceduto dai puntini di sospensione (...) sono mancanti o incompleti. Il numero che precede il capitolo, è lo stesso dello standard DPNSS. Si veda il paragrafo successivo. 0 - Introduzione DPNSS significa Digital Private Signalling System. E' un protocollo digitale telefonico sviluppato per veicolare i comandi e le informazioni che devono essere scambiati tra centrali. Tecnicamente, è definito come un sistema di segnalazione utilizzabile tra commutatori di reti digitali private. Lo standard è definito nel documento ND1301:2001/03; DPNSS [188], Digital Private Signalling System No 1 (DPNSS 1) emesso dal NICC (Network Interoperability Consultative Committee). La sua applicazione è possibile sia per il traffico voce (digitalizzato) che per il traffico dati. Mentre non riguarda l'interfacciamento tra il nodo di commutazione e la periferica finale (telefono o terminale dati). Nel seguito si userà la sigla PBX per indicare un generico commutatore di rete. Normalmente è l'acronimo di Private Branch Exchange, ma in questo contesto il termine è del tutto generale. Fname: dpnss summary-0.0

2 1 - Generalità 1 e 2 Generalità, principi e campi di applicazione Il DPNSS, confrontato con lo standard ISO-OSI, riguarda i primi tre livelli di comunicazione, con particolare attenzione al secondo (data link protocol == ISO-OSI link layer) e al terzo (call control == ISO-OSI network layer). 3 Funzionalità principali Il DPNSS fornisce le capacità per effettuare chiamate in fonia o dati, più una vasta quantità di Servizi Supplementari. Inoltre ha capacità di internetworking tramite Gateway PBX almeno con i seguenti sistemi di segnalazione: Private Network - SSAC15 - SSDC5 Decadic Signalling - Simple Call only - SSDC10 - SSMF5 - Supplementary Services to SSMF5 capability - QSIG - Basic Call to ETS (1992) Public Network - Loop Disconnect (PSTN) - DASS 2 (UK ISDN) - Public ISDN Access - Basic Call to ETS (1990) I segnali viaggiano tra PBX all'interno di messaggi. Il protocollo lavora facendo passare i messaggi tra PBX adiacenti. A seconda del tipo e del contenuto del messaggio, questo agisce nel PBX o viene ripetuto verso il PBX successivo. La connessione tra due PBX può avvenire per: stabilire una chiamata in fonia o dati; dare luogo a servizi supplementari; comunicare informazioni supplementari. In generale la procedura di scambio messaggi è sempre la stessa. Nel caso di Servizi supplementari si può avere la sola segnalazione. In tal caso si parla di Chiamata Virtuale. Una chiamata è richiesta dal PBS mittente inviando al PBX adiacente un messaggio con: il tipo di servizio richiesto (voce, dati); eventuale velocità e modalità di trasmissione; il CLC (Calling Line Category); se disponibile l'identificativo del chiamante (OLI: Originating Line Identity), ad esempio il suo numero telefonico; se appropriato il Servizio supplementare (o informazioni); Pag. 2 di 7

3 l'indirizzo di destinazione. Alla ricezione del messaggio il PBX ricevente: invia la chiamata ad un prorpio dispositivo; oppure inoltra la chiamata al prossimo PBX Alla ricezione di una chiamata, il PBX finale controlla compatibilità e stato dei terminali coinvolti. Se la chiamata entrante non può essere servita (terminali incompatibili, ricevente occupato, fuori servizio, ) la connessione viene rilasciata dal PBX finale inviando al mittente un segnale di disconnessione con la ragione del rifiuto. Se la chiamata entrante può essere accettata, il PBX finale invia un messaggio di conferma al PBX mittente. Dopo di che la connessione sarà tenuta in attesa di ulteriori segnalazioni. Quando il terminale chiamato risponde, il PBX finale invia un Call Connect Message al PBX mittente. Esiste un Recall Message per permettere servizi supplementari che richiedono una seconda chiamata attraverso il canale già esistente. Esiste Un End-to-End Message per permettere la segnalazione di servizi supplementari tra PBX mittente e destinatario. Alla fine della chiamata, la connessione viene rilasciata tramite uno scambio di messaggi di chiusura. 4 Struttura di rete DPNSS 1 Una rete DPNSS 1 è composta di nodi interconnessi da collegamenti di segnalazione DPNSS 1. Alcuni nodi danno accesso ad interfacce non DPNSS 1. Queste interfacce sono utenti della rete. Esempi di utenti possono essere: telefoni, operatori, PSTN. I nodi DPNSS 1 possono essere PBX in reti private o nodi di scambio pubblici ceh forniscono capacità di rete VPN e/o Centrex. 5 Glossario dei termini Il seguente glossario è incompleto. Vengono riportati solo alcuni dei termini presenti in questo documento di sintesi. ACK ACT ADPCM CC CC-AB CC-ACK CC-AI acknowledgment activate Adaptive Differential Pulse Code Modulation Clearing Cause -access barred -acknowledgement -address incomplete Pag. 3 di 7

4 CC-BY CC-CHOS CC-CNR CC-CON CC-CT CC-FNR CC-ICB CC-INC CC-MNU CC-NAE-E CC-NT CC-NU CC-PFR CC-REJ CC-ROS CC-SCT CC-SI CC-SNU CC-SNV CC-SOS CC-SSI CC-STU CC-SU CC-TRFD CC-UNR CIM CLC -busy -channel out of service -DTE controlled not ready -congestion -Call termination -facility not registered -incoming call barred -service incompatible -message not understood -NAE-Error -network termination -number unobtainable -priority force release reject -route out of service -subscriber call termination -subscriber incompatible -signal not understood -signal not valid -subscriber out of service -signalling system incompatible -service temporarily unavailable -service unavailable -transferred -DTE unconttrolled not ready Clear Indication Message Calling/Called Line Category CLC-DASS2 -Digital Access Signalling System No 2 (now renamed CLC-ISDN) CLC-DEC -decadic CLC-ISDN -public ISDN (including DASS 2) CLC-MF5 -signalling system multifrequency n.5 CLC-NET -network CLC-OP -operator CLC-ORD -ordinary extension CLC-PSTN -public switched telephon network CRM Clear Request Message CT Call termination Pag. 4 di 7

5 CLI EEM FNR ISRM(C) NAM NIM NT PBX REJ ROP ROP-CON ROP-CSU ROP-INV ROP.INVA ROP-R called line identity (network identity) End to End Message (Complete) Facility Not Registered (see CC) Initial Service Request Message (Complete Number Acknowledge Message Network Indication Message Network Termination Private Branch Exchange Reject route optimisation -connected -call set up -invite -invite with acknowledgement -request 19 - Servizi supplementari: route optimisation Una chiamata può seguire un percorso non ottimizzato. Il PBX chiamante, può richiedere un servizio di Route optimisation. In tal caso si effettua il tentativo di ottenere un nuovo cammino dal PBX finale al PBX mittente utilizzando un percorso ottimizzato. Il percorso ottimizzato può ricalcare parzialmente il cammino già esistente. Quando si è ottenuto il nuovo percorso, le parti non utilizzate del precedente vengono rilasciate. Se il percorso è già ottimizzato, o il percorso ottimo è congestionato, si usa il cammino già stabilito. Implementazione Il PBX mittente chiede il servizio inviando al PBX finale un EEM con ROP-R (route optimisation-request). ROP-R ha come parametri l'indirizzo destinazione della nuova chiamata instradata, usato dal PBX finale. Questo indirizzo destinazione deve contenere l'indirizzo di rete del PBX mittente e una serie di cifre per identificare univocamente la chiamata. Alla ricezione di ROP-R, il PBX finale tenta una nuova chiamata verso il mittente, utilizzando l'indirizzo destinazione della ROP-R. Pag. 5 di 7

6 Se il PBX finale non può effettuare la ROP-R risponde con un EEM con REJ. Se il PBX mittente non è il finale, questo invia un ISRM(C), con ROP-CSU, su un nuovo canale nel percorso ottimo verso il mittente. ISRM(C) ha l'indirizzo destinazione e il CLC del PBX finale. Se il PBX mittente coincide con il finale, la richiesta è sostituita da una connessione interna tra i due terminali, e i canali DPNSS vengono rilasciati tramite CRM con causa Network Termination (NT). Quando la ISRM(C) con ROP-CSU arriva al PBX mittente, questo controlla di essere l'origine della richiesta di ruote optimisation tramite l'uso dell'identificatore di chiamata. Se è così invia un AM contenente il CLS del mittente attraverso il nuovo canale di segnalazione e questo viene connesso in conferenza con il canale già esistente. Se il PBX mittente non si identifica come originatore della richiesta, chiude la conessione inviando CRM con causa Facility not egistered (FNR) Può accadere se è terminata la chiamata iniziale. Se il PBX mittente riceve EEM con REJ sul canale originale, può riprovare successivamente, ma deve attendere almeno 60 secondi. Alla ricezione di NAM sul nuovo canale il PBX finale vi connette il traffico, mentre il vecchi canale viene connesso a silenzio. Quindi invia un EEM con Route Optimisation-connected (ROP-CON) lungo il nuovo percorso. La chiamata continua e il canale originale viene chiuso (tramite CRM con causa NT). Se il PBX finale riceve un CRM sul nuovo canale, risponde con CIM e invia un EEM con REJ sul canale originale. Se il PBX finale riceve NIM sul nuovo canale (c'è un PBX che non supporta il servizio), su di esso invia CRM con causa NT, e aspetta CIM in risposta. Inoltre invia EEM con REJ sul canale di segnalazione originale. Se la chiamata originale termina prima della ricezione di un NAM o CRM sul nuovo canale, il PBX finale invia sul nuovo canale un CRM con causa Call Termination (CT) e attende un CIM in risposta. Ciò in aggiunta alla normale procedura di chiusura della chiamata sul canale originale. Se si riceve CRM sul nuovo canale, si risponde con CIM e si disconnette il traffico dalla chiamata. Si può attendere un EEM con REJ sul canale di segnalazione originale. Se la chiamata originale termina prima della ricezione di un EEM con ROP-CON, si invia un CRM con causa CT sul nuovo canale e si attende un CIM in risposta. Ciò in aggiunta alla normale procedura di chiusura della chiamata sul canale originale. Alla ricezione di un CRM dal vecchio canale di segnalazione, lo si libera. Indice dello standard Questo indice riporta la pagina del file in formato pdf dello standard in esampe Sezione Sottosez. Titolo Pagina 0 Foreword and table of contents 3 1 general 17 1 general 18 2 principles and field of application 22 Pag. 6 di 7

7 Sezione Sottosez. Titolo Pagina 3 outline of operation 22 4 DPNSS 1 network structure 25 5 glossary of terms 27 2 physical characteristics (level 1) 39 3 Data link layer (level 2) 63 4 Message types and formats 97 5 Level 3 signalling procedures Simple telephony call Circuit switched data calls Supplementary services: swap Supplementary services: call back when free Supplementary services: executive intrusion Supplementary services: diversion Supplementary services: hold Supplementary services: three-party Supplementary services: call offer Supplementary services: non-specified information Service indipendent strings Supplementary services: call waiting Supplementary services: bearer-service selection Supplementary services: route optimisation Riferimenti 1 ND1301:2001/03; DPNSS [188], Digital Private Signalling System No 1 (DPNSS 1) Definizione dello standard DPNSS 1. Documento emesso dal NICC (Network Interoperability Consultative Committee) Pag. 7 di 7

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N 763-9

SPECIFICA TECNICA N 763-9 SPECIFICA TECNICA N 763-9 Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse per la fornitura del servizio di Trasferimento ad altro numero delle chiamate entranti ad utenti

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763-22 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni

SPECIFICA TECNICA N. 763-22 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni SPECIFICA TECNICA N. 763-22 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni TRATTAMENTO DELLE NUMERAZIONI DI TIPO 70X PER L ACCESSO AI SERVIZI INTERNET Versione

Dettagli

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Ing. Francesco Chiti chiti@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763 13 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse

SPECIFICA TECNICA N. 763 13 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse SPECIFICA TECNICA N. 763 13 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse servizio Call Diversion ad utenti ISDN Versione 1 (ottobre 98) ST 763-13 versione

Dettagli

Accesso al servizio di Rete Privata Virtuale

Accesso al servizio di Rete Privata Virtuale SPECIFICA TECNICA N. 763 20 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni Accesso al servizio di Rete Privata Virtuale Versione 2 (gennaio 2001) ST 763-20 versione

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763-14 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni

SPECIFICA TECNICA N. 763-14 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni SPECIFICA TECNICA N. 763-14 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni Number Portability tra reti fisse per numeri non geografici Versione 3 (giugno 2011)

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763-3 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni

SPECIFICA TECNICA N. 763-3 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni SPECIFICA TECNICA N. 763-3 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni Trattamento del Routing Number (RgN) e del Calling Line Identity (CLI) per l accesso

Dettagli

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network.

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. La trasmissione di voce in tempo reale su di una rete IP (Internet Protocol), conosciuta anche come Voice over IP

Dettagli

SPECIFICA TECNICA No 763-23

SPECIFICA TECNICA No 763-23 SPECIFICA TECNICA No 763-23 Soluzioni tecniche di interconnessione tra reti fisse e reti mobili in ambiente Mobile Number Portability: modalità All Call Query Versione 3 (settembre 2012) ST 763-23 versione

Dettagli

1.DESCRIZIONE DELLA FUNZIONE 2 1.1 Documenti di Input 3

1.DESCRIZIONE DELLA FUNZIONE 2 1.1 Documenti di Input 3 1.DESCRIZIONE DELLA UNZIONE 2 1.1 Documenti di Input 3 2.RELEASE 3 3.SOTWARE 3 4.HARDWARE 3 5.TEST 3 6.PRESTAZIONI E LIMITI 4 7.OPERATION & MAINTENANCE 6 8.PRESCRIZIONI PARTICOLARI 9 1.DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni

SPECIFICA TECNICA N. 763 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni SPECIFICA TECNICA N. 763 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni Versione 2 (settembre 2010) INDICE 1 INTRODUZIONE... 6 2 ACRONIMI.... 8 PARTE 1A - INTERCONNESSIONE

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Asterisk The Open Source PBX! http://www.asterisk.org

Asterisk The Open Source PBX! http://www.asterisk.org Asterisk The Open Source PBX! http://www.asterisk.org Glossario VoIP (Voice over IP). Tecnologia per il trasporto della voce su internet SIP (Session Initiation Protocol). Protocollo VoIP sviluppato dalla

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Integrazione di impianti

Integrazione di impianti Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Integrazione di impianti come esempio di convergenza su IP utile per la domotica Domotica

Dettagli

T24 Reti numeriche integrate nei servizi

T24 Reti numeriche integrate nei servizi T24 Reti numeriche integrate nei servizi T24.1 Proporre una traduzione in italiano della definizione di ISDN fornita in inglese dall ITU-T (v. par. 24.1)... T24.2 Quali sono gli aspetti chiave che sono

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Axxium 6.0 Product Presentation. July 2010

Axxium 6.0 Product Presentation. July 2010 Axxium 6.0 Product Presentation July 2010 Cos è Axxium? Axxium è una piattaforma per lo sviluppo di applicazioni complete di telefonia Essendo una piattaforma, le possibili applicazioni possono essre infinite

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Mediatrix 3000 & Asterisk

Mediatrix 3000 & Asterisk Mediatrix 3000 & Asterisk Release Date: Febbraio 2013 1 / 34 Questo manuale è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.5, consultabile all indirizzo http://creativecommons.org.

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Ministero delle Comunicazioni

Ministero delle Comunicazioni Ministero delle Comunicazioni ISTITUTO SUPERIORE DELLE COMUNICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE SPECIFICA TECNICA N. 768 INTERFACCE ANALOGICHE D UTENTE PER CENTRALI TELEFONICHE URBANE ANNO 2003

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 Sommario 1 Introduzione 2 Servizi offerti 2.1 Servizio di terminazione sulla rete mobile 2.2 Servizi finalizzati

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Nota Tecnica Informativa Titolo documento: Caratterisitiche tecniche per i livelli 2 e 3 dell'interfaccia ISDN-BRA di Telecom Italia - Chiamata base

Nota Tecnica Informativa Titolo documento: Caratterisitiche tecniche per i livelli 2 e 3 dell'interfaccia ISDN-BRA di Telecom Italia - Chiamata base -BRA di Telecom Italia - DRRYBADNI254 3/7/22 REDATTO: DW.RT.IS.C Nespoli, De Vito, Lalli TILAB Barbetta VERIFICATO: DW.RT.IS.C Scrimitore TILAB Rosboch APPROVATO: DW.RT.IS.C Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Vericom Unified Messaging Server (VUMS)

Vericom Unified Messaging Server (VUMS) Vericom Unified Messaging Server (VUMS) VUMS è progettato per integrare ed espandere i sistemi di comunicazione in voce tradizionali con le funzioni applicative dei sistemi di telefonia su IP. Le caratteristiche

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

FRITZ!Box Fon ata GUIDA ALL INSTALLAZIONE. Fritz!Box Fon ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0

FRITZ!Box Fon ata GUIDA ALL INSTALLAZIONE. Fritz!Box Fon ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 FRITZ!Box Fon ata GUIDA ALL INSTALLAZIONE Fritz!Box Fon ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE BREVE DESCRIZIONE DEL FRITZ!Box Fon ata...3 IL CONTENUTO DELLA SCATOLA DEL FRITZ!Box

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Mainframe Host ERP Creazione immagini/archivio Gestione documenti Altre applicazioni di back-office. E-mail. Desktop Call Center CRM.

Mainframe Host ERP Creazione immagini/archivio Gestione documenti Altre applicazioni di back-office. E-mail. Desktop Call Center CRM. 1 Prodotto Open Text Fax Sostituisce gli apparecchi fax e i processi cartacei inefficaci con la consegna efficace e protetta di documenti elettronici e fax utilizzando il computer Open Text è il fornitore

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DELLA RETE INTERNAZIONALE DELLE P.A. Allegato H DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 Note di carattere generale Il documento

Dettagli

DEFINIZIONI E ACRONIMI

DEFINIZIONI E ACRONIMI Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 5 alla lettera d invito DEFINIZIONI E ACRONIMI GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ E SICUREZZA

Dettagli

La funzionalità IP-PBX del Pirelli consente di effettuare chiamate utilizzando una rete IP anziché la rete standard.

La funzionalità IP-PBX del Pirelli consente di effettuare chiamate utilizzando una rete IP anziché la rete standard. Introduzione Il dispositivo DSBG IP Private Branch Exchange (PBX), fornisce un sistema di commutazione telefonica tra interni telefonici (IP, analogici e ISDN) per collegare gli uni agli altri cosi come

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Introduzione alla tecnologia. LonWorks

Introduzione alla tecnologia. LonWorks Introduzione alla tecnologia LonWorks La tecnologia LonWorks viene sviluppata da Echelon a partire dal 1990 Echelon é quotata in borsa dal 1998 (asdaq:elo) > 4000 OEM nel mondo > 30 mio di nodi installati

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA. VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA. VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO PER L AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE del: - COMANDO GENERALE DELLA

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano TECNOLOGIA VoIP INTRODUZIONE In questo documento verranno trattati i caratteri principali della tecnologia

Dettagli

REDATTO: DW.RT.NE.C Nespoli, De Vito. VERIFICATO: DW.RT.NE.C Scrimitore. APPROVATO: DW.RT.NE.C Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE

REDATTO: DW.RT.NE.C Nespoli, De Vito. VERIFICATO: DW.RT.NE.C Scrimitore. APPROVATO: DW.RT.NE.C Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE Caratteristiche tecniche di DRRYBADNI252 3/7/22 REDATTO: Nespoli, De Vito TILAB Barbetta VERIFICATO: Scrimitore TILAB Rosboch APPROVATO: Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE Interna a Telecom Italia DW.RT Nocentini

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

Contenitore Rack Industriale 19 4U. Possibilità di utilizzare antenne singole o combiner concentratori multipli

Contenitore Rack Industriale 19 4U. Possibilità di utilizzare antenne singole o combiner concentratori multipli Architettura scalabile: grazie alla possibilità di espansione fino a 30 canali GSM-UMTS (anche in configurazioni miste) con modularità 2, incontra in maniera precisa i bisogni attuali del Cliente e ne

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

VoIP. (L implementazione AdR-BO) Franco Tinarelli

VoIP. (L implementazione AdR-BO) Franco Tinarelli VoIP (L implementazione AdR-BO) Voice over IP: definizioni VoIP è l acronimo di Voice over IP (Voce trasportata dal Protocollo Internet). Raggruppa le tecnologie, hardware e software, in grado di permettere

Dettagli

Introduzione ai Calcolatori Elettronici

Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione al Web Internet A.A. 2013/2014 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : Internet >> Sommario Sommario n Internet

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Reti di computer. Materiale estratto da:

Reti di computer. Materiale estratto da: Reti di computer Materiale estratto da: RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING (S. Gai, P. L. Montessoro e P. Nicoletti); Slides del corso Teach: spunti teorico- pratici per la progettazione di

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Servizio HLR Lookup (Release 1.1.0)

Servizio HLR Lookup (Release 1.1.0) 1. Introduzione 1.1. Sommario Con il presente documento illustriamo il funzionamento del Servizio di HLR Lookup (o Network Query) 1.2. Scopo Le informazioni riportate sono di supporto a tutti coloro (terze

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

SPECIFICHE INTERFACCE DI RETE

SPECIFICHE INTERFACCE DI RETE SPECIFICHE INTERFACCE DI RETE INDICE SCOPO... 2 SCENARIO DI RIFERIMENTO... 2 DETTAGLIO INTERFACCE... 3 COLLEGAMENTO DATI... 3 TELEFONICHE... 4 POTS...4 ISDN BRI...4 ISND PRI...5 DECT GAP/CAP...5 SCOPO

Dettagli

Fondamenti di routing (pag.34)

Fondamenti di routing (pag.34) Fondamenti di routing (pag.34) UdA2L1 Il livello di rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi (pacchetti) dal livello di trasporto e forma pacchetti che vengono

Dettagli

Il protocollo X25. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitá di Modena e Reggio Emilia

Il protocollo X25. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitá di Modena e Reggio Emilia Il protocollo X25 Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitá di Modena e Reggio Emilia Il protocollo X25 L X25 normalizza il dialogo tra un DTE-X25 (calcolatore o router) ed

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Le reti informatiche 1 Le parole della rete I termini legati all utilizzo delle reti sono molti: diventa sempre più importante comprenderne

Dettagli

Reti di calcolatori: Internet

Reti di calcolatori: Internet Reti di calcolatori: Internet Sommario Introduzione Le reti reti locali: LAN La rete geografica Internet protocollo TCP-IP i servizi della rete Rete di calcolatori Interconnessione di computer e accessori

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi La Core Network Maglia di router interconnessi Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? o Commutazione di pacchetto: i dati sono spediti attraverso la rete in quantità discrete

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Prima di iniziare. Rubrica

Prima di iniziare. Rubrica BeoCom 2 Guida BeoCom 2 Getting started BeoCom 2 Guide Prima di iniziare La sezione Per iniziare contiene le istruzioni su come configurare BeoCom 2 per utilizzarlo con le basi BeoLine ISDN, BeoLine PSTN

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

VPN (OpenVPN - IPCop)

VPN (OpenVPN - IPCop) VPN (OpenVPN - IPCop) Davide Merzi 1 Sommario Indirizzo IP Reti Pubbliche Private Internet Protocollo Firewall (IPCop) VPN (OpenVPN IPsec on IPCop) 2 Indirizzo IP L'indirizzo IP (Internet Protocol address)

Dettagli

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web Reti e Web Rete commutata: rete di trasmissione condivisa tra diversi elaboratori Composte da: rete di trasmissione: costituita da (Interface Message Processor) instradamento rete di calcolatori: computer

Dettagli

Gateway Mediatrix Serie 440x

Gateway Mediatrix Serie 440x Gateway Mediatrix Serie 440x Manuale di Configurazione Rapida Per la connessione fisica del dispositivo alla rete elettrica, LAN ed ISDN fare riferimento al manuale del costruttore Mediatrix 4400 Digital

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

Apparecchiature di Rete

Apparecchiature di Rete All interno delle reti troviamo delle apparecchiature, utilizzate per gestire le trasmissioni tra gli elementi della rete e per creare interconnessioni tra reti differenti Livello 7 Livello 6 Livello 5

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Sommario 1) L evoluzione della comunicazione: dalla rete PSTN alla

Dettagli

LIDAS Specifica di Interfaccia MGVoIP - LEMF

LIDAS Specifica di Interfaccia MGVoIP - LEMF LIDAS Specifica di Interfaccia Resi Informatica S.p.A. S.S. 148 Pontina km 44,044 04011 Aprilia (Lt) Tel: +39 06 927101 Fax: +39 06 92710208 Web: www.resi.it Pagina 1 di 16 INDICE 1. Generalità... 3 1.1.

Dettagli