Integrated Development Environment (IDE) DevC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2"

Transcript

1 Integrated Development Environment (IDE) DevC Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di Ingegneria - Sede di Bari Ingegneria Informatica Ingegneria dell Automazione Ingegneria Gestionale Ingegneria Meccanica Autori: Prof. Giacomo PISCITELLI Ing. Tommy Di Noia Ing. Roberto Mirizzi Il presente manuale utente è stato realizzato dagli autori indicati nell anno e nell ambito dei corsi indicati, utilizzando una versione del manuale stesso del 2005, scaricata via Internet, a cura del Prof. Domenico BENEVENTANO, dell Ing. Massimo GHIDONI e della Dott.sa Marina MOSCATELLI (Facoltà di Ingegneria - Sede di Reggio Emilia - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia) Il manuale attuale si riferisce alla revisione resa disponibile, per l a.a. 2007/2008, inizialmente nell ambito del corso di Fondamenti di Informatica I dei Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica e Ingegneria dell Automazione.

2 Sommario 1. INTRODUZIONE SETUP Procedura di download Procedura di installazione Configurazione Opzioni di compilazione Opzioni dell editor Opzioni dell ambiente SESSIONE DI LAVORO Il progetto Creazione di un nuovo progetto Apertura di un progetto/file esistente Modifica del codice sorgente Esecuzione del programma Compilazione Compilazione, link ed esecuzione Esecuzione con parametri Salvataggio del codice DEBUG Introduzione Il debug di un programma Inserire breakpoint Eseguire un istruzione per volta (stepping) ALCUNI RIFERIMENTI UTILI Help in linea Bloodshed.net SourceForge.NET Forum di sviluppatori Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 2 di 38

3 1. Introduzione DevC++ è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, ovvero Integrated Development Environment) che funziona da front-end verso il compilatore GCC che è pienamente compatibile con lo standard C89 o ANSI C. Fig. 1.1: Informazioni su DevC++ ANSI C è uno standard proprio perchè la maggior parte dei compilatori soddisfa le specifiche da esso previste per il linguaggio. Grazie alla sua interfaccia grafica, un ambiente IDE consente di utilizzare in modo semplice gli strumenti offerti dal compilatore senza dover ricorrere necessariamente alle istruzioni da riga di comando (command-line). L ultima versione ad oggi disponibile è la Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 3 di 38

4 L IDE della si presenta come in fig Fig. 1.2: L IDE DevC Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 4 di 38

5 2. Setup Per installare e configurare DevC è necessario: 1. scaricare (download) il file per il setup del compilatore dall apposito sito; 2. installare DevC++ versione mediante doppio clic sul file devcpp _setup; 3. configurare DevC++ per prepararlo all utilizzo Procedura di download Per effettuare il download del compilatore è necessario: - dalla pagina con la copia dei lucidi del docente fare click sul link Download DEV C++ Si viene ridiretti alla pagina dedicata al Dev-C++ Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 5 di 38

6 In fondo a tale pagina sono indicati 3 tipi diversi di download. Scegliere il 1 tipo di download, indicato con un riquadro in rosso nella seguente figura Si viene ridiretti alla pagina SourceForge dedicata al download del Dev-C++. Scegliere di effettuare il download dal direct link indicato con un riquadro in rosso nella seguente figura Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 6 di 38

7 Viene richiesto di eseguire o di aprire il file di setup. Scegliere Salva. Salvare il file devcpp _setup.exe in una cartella di nome DevCpp. Si può ora procedere localmente, senza essere necessariamente collegati in rete. La prima volta che si effettua l installazione del compilatore si dovrà procedere come di seguito indicato. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 7 di 38

8 2.2. Procedura di installazione Prevede i passi di seguito riportati (wizard). Dapprima il licence agreement: DevC++ è gratuito. Fig. 2.1: License Agreement Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 8 di 38

9 Poi le opzioni di installazione: l installazione tipica è di default e prevede la selezione automatica dei componenti necessari. Si sceglie quindi la directory di installazione. Fig. 2.2: Installazione tipica Fig. 2.3: Directory di installazione Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 9 di 38

10 OK. Viene richiesto se si vuole che il compilatore sia usabile da tutti gli utenti del computer. Rispondere Vengono estratti nella directory specificata i file compressi contenuti del file di installazione e viene segnalata il termine dell installazione del compilatore. Fig. 2.4: Installazione terminata Si può ora procedere con la configurazione dell ambiente di programmazione. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 10 di 38

11 2.3. Configurazione La configurazione iniziale di DevC++ consente di scegliere la lingua e l aspetto grafico. Fig. 2.5: Configurazione iniziale Viene richiesto se si vogliono installare funzioni addizionali. Rispondere NO. Fig. 2.6: Richiesta installazione funzioni addizionali Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 11 di 38

12 La configurazione iniziale è stata terminata e viene ora richiesto di caricare il compilatore. Rispondere OK. Viene ora caricato il compilatore che appare come nel seguente figura. È ora possibile procedere a configurare i parametri di compilazione e personalizzare l editor del codice sorgente. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 12 di 38

13 Opzioni di compilazione Scegliere, da Strumenti, le Opzioni di Compilazione e specificare le seguenti opzioni per la Generazione di Codice/Ottimizzazioni Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 13 di 38

14 Fig. 2.7: Opzioni di compilazione Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 14 di 38

15 Opzioni dell editor Fig. 2.8 : Opzioni dell editor Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 15 di 38

16 Opzioni dell ambiente Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 16 di 38

17 3. Sessione di lavoro Una tipica sessione di lavoro con un ambiente di sviluppo prevede una serie di azioni, spesso svolte in modo ciclico. Durante una sessione di lavoro: 1. si crea un nuovo progetto o si apre un progetto esistente; 2. si modifica il codice sorgente; 3. si salvano le modifiche apportate; 4. si effettua la compilazione; 5. in caso di esito positivo, si effettua il link (se necessario); altrimenti si ritorna al passo 2; 6. in caso di esito positivo il programma viene eseguito, altrimenti si ritorna al passo Il progetto Dal momento che un programma può essere costituito da più file, l IDE prevede il concetto di progetto, ossia un gruppo di file di codice sorgente in linguaggio C o C++ (.C) che costituisce il programma da compilare ed eseguire. La creazione di un file progetto è indispensabile per la creazione di file di codice sorgente. Se il programma risiede in un unico file (ad esempio esercizio.c), è necessario creare dapprima il progetto che lo contiene Creazione di un nuovo progetto Fig. 3.1: Creazione di un nuovo progetto Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 17 di 38

18 Ci occuperemo di applicazioni console, cioè che utilizzano come standard input e standard output una finestra MS-DOS. Il progetto sarà costituito da un programma in C. Fig. 3.2: Applicazioni console in C Nel caso di progetti costituiti da un unico file, è possibile assegnare al progetto (file con estensione.dev) lo stesso nome del file sorgente (file con estensione.c). Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 18 di 38

19 Apertura di un progetto/file esistente L apertura di un file o progetto esistente consente di modificare il codice sorgente. Fig. 3.3: Apertura di un progetto/file esistente Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 19 di 38

20 Modifica del codice sorgente L IDE dispone di un editor che, oltre ad offrire l evidenziazione automatica delle parole chiave (keyword), permette di: - effettuare ricerche e sostituzioni di testo; - di spostarsi ad una determinata funzione del programma; - di spostarsi ad una determinata riga (linea) del programma. Queste funzionalità di ricerca/sostituzione testo sono accessibili dal menu Cerca. Fig. 3.4: Funzioni di ricerca/sostituzione Nel caso di ricerca di un testo possono essere definiti i parametri di ricerca Fig. 3.5: Ricerca di testo Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 20 di 38

21 3.2. Esecuzione del programma Compilazione La voce Compila consente di effettuare la compilazione ed il link del progetto, ossia dell insieme dei file di codice sorgente.c di cui è costituito il programma. Fig. 3.6: Compilazione Il comando comporta il salvataggio automatico del progetto. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 21 di 38

22 Se la compilazione è avvenuta con successo compare la finestra di dialogo Compile Progress con status Done.. Fig. 3.7: Progetto compilato ATTENZIONE Si raccomanda di tener conto che il DevC++ - assume che la prima riga del programma principale sia definita come funzione intera: int main() - usa una finestra DOS per l I/O e, perciò, richiede la seguente direttiva al precompilatore #include <stdlib.h> e la seguente istruzione al termine del main system( PAUSE ) che consentirà di chiudere la finestra DOS. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 22 di 38

23 Gli eventuali errori di compilazione sono presentati nella scheda (tab) Compilatore. Fig. 3.8: Scheda Compilatore con errori di compilazione Nella scheda (tab) Log di compilazione si possono vedere, indipendentemente dalla presenza di errori o meno, i risultati (log) dell attività di compilazione. Fig. 3.9: Scheda Log di compilazione Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 23 di 38

24 Compilazione, link ed esecuzione L esecuzione del comando Compila & Esegui comporta nell ordine: 1. compilazione del file sorgente main.c (generazione del file di codice oggetto main.o); 2. qualora siano presenti, compilazione dei rimanenti file sorgenti.c componenti il progetto (generazione dei rispettivi file di codice oggetto.o) 3. link del progetto (generazione del file progetto.exe). Fig. 3.10: Compilazione, link ed esecuzione Il comando comporta il salvataggio automatico del progetto. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 24 di 38

25 In presenza di errori il programma non viene eseguito. In presenza di errori, nella scheda (tab) Compilazione si possono vedere le tipologie di errore riscontrate (compilazione, link e build). Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 25 di 38

26 Nella scheda (tab) Log di compilazione si possono vedere i risultati (log) delle attività di compilazione e di link. In essa sono riportati gli eventuali errori generati. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 26 di 38

27 Nel caso in cui la compilazione e il linkage siano terminati con successo, si aprirà la finestra console del Dos, attraverso la quale sarà possibile introdurre i dati e visualizzare i risultati. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 27 di 38

28 Al termine dell esecuzione, sarà necessario chiudere la finestra console premendo un tasto qualsiasi Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 28 di 38

29 Con il comando Pulisci si elimina dalla directory corrente il file.exe generato. Si consiglia di utilizzare questo comando prima di una nuova azione di compilazione ed esecuzione. Fig. 3.13: Eliminazione dell eseguibile generato Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 29 di 38

30 Esecuzione con parametri È possibile parametrizzare l esecuzione di un programma attribuendo un valore ai parametri della funzione main. int main (int argc, char *argv[]) Per specificare il valore di tali parametri si deve richiamare il comando Parametri... dal menu Esegui. I parametri (stringa) devono essere separati da spazio. Fig. 3.14: Specifica di parametri nella funzione main() Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 30 di 38

31 3.3. Salvataggio del codice I comandi di salvataggio sono contenuti nel menu File. Le opzioni di salvataggio sono 4: - salvataggio del file sorgente.c corrente (comando Salva); - salvataggio con rinomina del file sorgente.c corrente (comando Salva Come); - salvataggio con rinomina del progetto (.dev) corrente (comando Salva il Progetto come...); - salvataggio di tutti i file aperti (Salva Tutto). Fig. 3.15: Salvataggio Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 31 di 38

32 Il salvataggio con nome prevede di specificare la directory in cui il file deve essere salvato. Fig. 3.16: Salvataggio con nome di un file sorgente.c Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 32 di 38

33 4. Debug 4.1. Introduzione È noto che alcune volte vengono commessi errori nello scrivere un programma. Individuare e correggere tali errori, detti bugs, può essere alcune volte molto intricato. Per aiutare un programmatore a esaminare il comportamento del proprio programma nel corso dell esecuzione, è stato messo a punto uno specifico tool, il debugger Il debugger essenzialmente esegue un programma tenendo traccia delle sue funzioni, variabili e istruzioni. Esso è capace di arrestare l esecuzione del programma in uno specifico punto, detto breakpoint. Si possono inserire breakpoint ovunque nel programma: quando l esecuzione del programma giunge ad un breakpoint, il debugger la sospende e consente di esaminare i dati correnti del programma stesso. Si capisce quindi l utilità del debugger durante la fase di individuazione e correzione degli errori di un programma 4.2. Il debug di un programma Per attivare il debugger è sufficiente aprire il menu a tendina Debug e cliccare sull opzione Debug. Se non avete impostato le opzioni di debugging nel progetto, Dev-C++ vi chiederà se volete ricostruire il vostro programma con l abilitazione di questa opzione. In alternativa è più conveniente aprire il menu a tendina Strumenti, selezionare l opzione Opzioni di Compilazione e poi quella di Generazione di Codici/Ottimizzazioni: in corrispondenza della sezione Linker, avvalorare con Yes l opzione Genera le informazioni per il debug. Dopo aver ricostruito il vostro progetto, rilanciare il debugger. Ora il debugger ha caricato il vostro programma e lo sta eseguendo. Per trarre beneficio del debugger è però necessario apprendere come: - inserire breakpoint nel programma Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 33 di 38

34 - far eseguire il programma una istruzione alla volta (stepping) - visualizzare il valore di variabili - conoscere le funzioni chiamate prima di arrivare ad un breakpoint o a un interruzione del programma dovuta ad un errore grave. In realtà il debugger consente di svolgere anche altre funzioni, che esorbitano rispetto agli obiettivi di questo manuale Inserire breakpoint Potete usare un breakpoint per interrompere l esecuzione del programma a una specifica istruzione (linea di codice), prima di aver lanciato il debugger. Per aggiungere un breakpoint, prima posizionate il cursore sulla linea di codice interessata poi aprite il menu a tendina Debug e cliccate sull opzione Attiva/Disattiva Debugger. In alternativa potete direttamente cliccare sull area scura alla sinistra dell istruzione interessata. La linea di codice interessata si colorerà di rosso, indicando che il debugger arresterà l esecuzione in corrispondenza di tale istruzione. Quando avrete avviato il debugger, se il programma esegue la linea di codice interessata, questa si colorerà di blue. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 34 di 38

35 A questo punto sarà possibile esaminare il valore di particolari variabili attraverso il tasto Nuova Osservazione, posizionato in basso a destra nell area riservata al controllo del debug..... Alternativamente se selezionate una parola nel programma e premete F4, verrà aggiunta l osservazione della variabile senza che venga richiesto il nome della variabile. Ancora, se se puntate il mouse su una variabile e avete abilitato l opzione Osservazione variabile sotto mouse contenuta nelle Opzioni dell Ambiente del menu a tendina Strumenti, la variabile sarà aggiunta alla lista delle variabili osservate. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 35 di 38

36 4.4. Eseguire un istruzione per volta (stepping)..... oppure procedere all istruzione successiva mediante il tasto Step Succ. posizionato in basso a sinistra nell area riservata al controllo del debug. Nel caso l istruzione successiva sia una chiamata di funzione (o procedura) il debugger salterà ad eseguire la prima istruzione della funzione se si usa il tasto Step Interno, posizionato in basso a sinistra nell area riservata al controllo del debug. Se, invece, si usa il tasto Step Esterno, posizionato in basso a sinistra nell area riservata al controllo del debug, verrà proseguita l esecuzione del programma fino a raggiungere il prossimo breakpoint. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 36 di 38

37 5. Alcuni riferimenti utili 5.1 Help in linea Fig. 4.1: Help in linea 5.2 Bloodshed.net È il sito ufficiale di presentazione del compilatore DevC++ in lingua inglese SourceForge.NET È un sito di sviluppo in inglese che tratta anche del compilatore DevC++. Dalla pagina è possibile: scaricare il compilatore; scaricare aggiornamenti (patches & bug fixes); scaricare informazioni sulle precedenti versioni del compilatore (release notes); consultare forum; consultare l elenco dei bugs; consultare news sullo stato della documentazione, sulle versioni, sulla soluzione di problemi, ecc.. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 37 di 38

38 5.4 Forum di sviluppatori È uno forum di sviluppatori DevC++ in lingua italiana. Stampa del: 30 novembre 2009 Pagina 38 di 38

DevC++ vers. 4.9.9.2 Manuale d uso

DevC++ vers. 4.9.9.2 Manuale d uso DevC++ vers. 4.9.9.2 Manuale d uso Liceo Scientifico N. TRON di SCHIO (VI) Sommario 1 INTRODUZIONE... 3 2 SETUP... 5 2.1 Procedura di installazione... 5 2.2 Configurazione... 7 2.2.1 Opzioni dell ambiente...

Dettagli

IDE DevC

IDE DevC IDE DevC++ 4.9.8.1.0 Manuale utente Data ultima revisione: 22/01/2005 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC Manuale utente

Integrated Development Environment (IDE) DevC Manuale utente Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. SETUP...5 2.1. Procedura di download...5 2.2. Procedura di installazione...8 2.3. Configurazione...11

Dettagli

Introduzione al DEV C++

Introduzione al DEV C++ Introduzione al DEV C++ : Anno accademico 2006/2007 Fondamenti di informatica I Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. SETUP... 5 2.1. Procedura di installazione... 5 2.2. Configurazione... 8 2.2.1. Opzioni

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Introduzione a Dev-C++

Introduzione a Dev-C++ Introduzione a Dev-C++ Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Note: Dev-C++ richiede Windows 95/98/NT/2000/XP

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Veneto Lavoro via Ca' Marcello 67/b, 30172 Venezia-Mestre tel.: 041/2919311 fax: 041/2919312

Veneto Lavoro via Ca' Marcello 67/b, 30172 Venezia-Mestre tel.: 041/2919311 fax: 041/2919312 Veneto Lavoro via Ca' Marcello 67/b, 30172 Venezia-Mestre tel.: 041/2919311 fax: 041/2919312 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DEL TOOL AROF... 3 2.1 Procedura di installazione

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Seminario C/C++ Lorenzo Dusty Costa. Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica

Corso di Laurea in Matematica. Seminario C/C++ Lorenzo Dusty Costa. Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Matematica Seminario C/C++ Costa Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica 19 Ottobre 2011 Cos'é un'ide IDE = Integrated Development Environment Consiste in: Editor

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Code::Blocks, installazione ed uso

Code::Blocks, installazione ed uso Code::Blocks, installazione ed uso Alessio Mauro Franchi Dipartimento DEIB, Politecnico di Milano, Milano 9 ottobre 04 Indice Introduzione Installare Code::Blocks: Windows 3 3 Installare Code::Blocks:

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Paolo Piccinini WASCANA ECLIPSE MANUALE UTENTE

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Paolo Piccinini WASCANA ECLIPSE MANUALE UTENTE Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Paolo Piccinini WASCANA ECLIPSE MANUALE UTENTE Corso di Fondamenti di Informatica 2010-2011 Sommario Introduzione... 3 Installazione di Wascana Eclipse

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva...

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... 4 La linea di stato... 4 Uso delle caselle di dialogo...

Dettagli

Eclipse - Nozioni Base

Eclipse - Nozioni Base Eclipse - Nozioni Base Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE PREMESSA La presente guida è da considerarsi come aiuto per l utente per l installazione e configurazione di Atollo Backup. La guida non vuole approfondire

Dettagli

Guida TrueCrypt. Marino dott. Domenico Leone Angela. Divisione Sicurezza Dati

Guida TrueCrypt. Marino dott. Domenico Leone Angela. Divisione Sicurezza Dati Guida TrueCrypt Marino dott. Domenico Leone Angela Versione 6.1a Questa guida è rilasciata con la licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.5, consultabile all indirizzo http://creativecommons.org.

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Capitolo 3. Figura 34. Successione 1,2,3...

Capitolo 3. Figura 34. Successione 1,2,3... Capitolo 3 INSERIMENTO DI UNA SERIE DI DATI Alcuni tipi di dati possono essere immessi in modo automatico evitando operazioni ripetitive o errori e consentendo un risparmio di tempo. Ad esempio per inserire

Dettagli

COMPILAZIONE DI UN APPLICAZIONE. 1) Compilare il file (o i file se più d uno) che contengono il testo del programma. compilatore

COMPILAZIONE DI UN APPLICAZIONE. 1) Compilare il file (o i file se più d uno) che contengono il testo del programma. compilatore COSTRUZIONE DI UN APPLICAZIONE Per costruire un applicazione occorre: compilare il file (o i file se più d uno) che contengono il testo del programma (file sorgente) Il risultato sono uno o più file oggetto.

Dettagli

Office 2007 Lezione 09. Contenuto riutilizzabile

Office 2007 Lezione 09. Contenuto riutilizzabile Word: Contenuto riutilizzabile Contenuto riutilizzabile Già nelle versioni precedenti di Word era possibile salvare dei contenuti pronti per riutilizzarli successivamente, in questa nuova versione questa

Dettagli

License Service Manuale Tecnico

License Service Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1. BIM Services Console...3 1.1. BIM Services Console: Menu e pulsanti di configurazione...3 1.2. Menù Azioni...4 1.3. Configurazione...4 1.4. Toolbar pulsanti...5 2. Installazione

Dettagli

Istruzioni Aggiornamento RGT Xml

Istruzioni Aggiornamento RGT Xml Istruzioni Aggiornamento RGT Xml Sommario Installazione dell'aggiornamento... 2 Download...2 Installazione...2 Modulo RGT - Utilizzo e Funzioni... 7 Dati Generali...9 Testatore...10 Atto...12 Atto Di Riferimento...13

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Titolo documento: Manuale EasyPrev New. Data documento: 15/05/2007 Autore: Paola Vaccaro Approvato: Controllato: Vers.

Titolo documento: Manuale EasyPrev New. Data documento: 15/05/2007 Autore: Paola Vaccaro Approvato: Controllato: Vers. MANUALE EasyP rev New Copia controllata Copia non controllata Redatto Approvato N revisione Data Paragrafi revisionati Motivo revisione Il nome CesaWeb è un marchio registrato in Italia ed è proprietà

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE v. 1.0-31/01/2014 INDICE 1 INTRODUZIONE...3 2 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...3 3 CONSULTAZIONE E AGGIORNAMENTO CATALOGO...4

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

MANUALE FIRMA CERTA. Classic e Portable. www.firmacerta.it

MANUALE FIRMA CERTA. Classic e Portable. www.firmacerta.it MANUALE FIRMA CERTA Classic e Portable www.firmacerta.it Documento: FirmaCerta Client Pagina 1 di 37 INDICE 1. Versioni e Riferimenti... 3 1.1 Versioni del documento... 3 1.2 Referenti... 3 1.3 Dati Identificativi

Dettagli

Come configurare WebAdmin in IIS6

Come configurare WebAdmin in IIS6 MDaemon Come configurare WebAdmin in IIS6 Abstract... 2 Installare la WebAdmin... 2 Procedura... 3 Abstract Questo documento descrive come "far girare" la WebAdmin di MDaemon in IIS6. Installare la WebAdmin

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

Utilizzare il debugger di Visual Studio

Utilizzare il debugger di Visual Studio Appendice F Utilizzare il debugger di Visual Studio Obiettivi Essere in grado di impostare i breakpoint e di eseguire un programma nel debugger. Essere in grado di utilizzare il comando Continue per continuare

Dettagli

Progetto SOLE Sanità OnLinE

Progetto SOLE Sanità OnLinE Progetto SOLE Sanità OnLinE Rete integrata ospedale-territorio nelle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna: I medici di famiglia e gli specialisti Online (DGR 1686/2002) console - Manuale utente

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO Guida per l Istituto Convenzionato Versione 1.1 Sommario 1 Novità nella procedura informatica... 2 2 Valutazione tecnica... 2 2.1 Valutazione costi... 2 2.2

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

Istruzioni Operative

Istruzioni Operative Soluzioni Paghe Gestionali d Impresa (ERP) Software Development E-Business Solutions ASP e Hosting System Integration e Networking Architetture Cluster Fornitura e Installazione Hardware Istruzioni Operative

Dettagli

Guida all utilizzo del compilatore lcc-win32 per creare una applicazione console

Guida all utilizzo del compilatore lcc-win32 per creare una applicazione console Guida all utilizzo del compilatore lcc-win32 per creare una applicazione console Il compilatore per i linguaggi c e c++ chiamato lcc-win32 è un prodotto gratuito scaricabile dal sito http://www.cs.virginia.edu/~lcc-win32/

Dettagli

Informatica B. Breve introduzione all ambiente di programmazione. Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria 2003

Informatica B. Breve introduzione all ambiente di programmazione. Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria 2003 Informatica B Breve introduzione all ambiente di programmazione Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria 2003 Dal sorgente all eseguibile File Sorgente.C Compilatore File Oggetto.OBJ Librerie.lib

Dettagli

Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA ONLINE

Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA ONLINE Programma Statistico Nazionale Rilevazione IST-02082 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle Pubbliche amministrazioni locali Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

Manuale di installazione e/o aggiornamento del client Citrix per la Rete Vendita

Manuale di installazione e/o aggiornamento del client Citrix per la Rete Vendita Manuale di installazione e/o aggiornamento del client Citrix per la Rete Vendita su Sistema Operativo Microsoft Windows 7 12 Marzo 2015 Versione 1.2 Il presente documento e' stato redatto in coerenza con

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1 Introduzione Strumenti di Presentazione Power Point Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Con il termine STRUMENTI DI PRESENTAZIONE, si indicano programmi in grado di preparare presentazioni

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Cambia vincite. Documento tecnico Aggiornamento tarature per lettore di banconote Smart Payout. Cod. DQMBI00001.0IT Rev. 1.

Cambia vincite. Documento tecnico Aggiornamento tarature per lettore di banconote Smart Payout. Cod. DQMBI00001.0IT Rev. 1. Nexus PRO Cambia vincite IT Documento tecnico Aggiornamento tarature per lettore di banconote Smart Payout Cod. DQMBI00001.0IT Rev. 1.0 06 10 2015 Aggiornamento delle tarature per erogatore di banconote

Dettagli

Introduzione all uso di Eclipse

Introduzione all uso di Eclipse Introduzione all uso di Eclipse Daniela Micucci Programmazione Outline Eclipse: concetti generali Definire un workspace Creare un project Importare un file Utilizzo 1 Introduzione Eclipse è un ambiente

Dettagli

Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008)

Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008) Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008) Introduzione a Java: primo programma, installazione dell ambiente di sviluppo, compilazione ed esecuzione 1 Introduzione Java è un linguaggio

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza (ITALIANO) Software Gestionale Professionale Specifico per Comuni Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza Indice Introduzione e requisiti tecnici 3 Installazione 5 Menu principale 6 Gestione 7 Dati Societari

Dettagli

CREARE UN NUOVO ARTICOLO

CREARE UN NUOVO ARTICOLO CREARE UN NUOVO ARTICOLO I. ACCESSO ALL AREA RISERVATA 1) L aggiunta di un nuovo articolo richiede innanzitutto l accesso all area riservata. Per fare ciò, collegarsi al sito www.campolavoro.it, quindi

Dettagli

Manuale di istruzioni sulle maschere per il calcolo del punteggio e del voto (unico) degli studenti che sostengono la Prova nazionale 2011

Manuale di istruzioni sulle maschere per il calcolo del punteggio e del voto (unico) degli studenti che sostengono la Prova nazionale 2011 Manuale di istruzioni sulle maschere per il calcolo del punteggio e del voto (unico) degli studenti che sostengono la Prova nazionale 2011 (CLASSI NON CAMPIONE) Prova nazionale 2010 11 1 A.S. 2010 11 Pubblicato

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1 Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea 1-1 Introduzione Microsoft Word 2000 è un programma di trattamento testi, in inglese Word Processor, che può essere installato nel proprio computer o come singolo

Dettagli

Procedura aggiornamento firmware

Procedura aggiornamento firmware Procedura aggiornamento firmware Sommario Introduzione... 3 Caratteristiche versione firmware... 3 Strumentazione necessaria e requisiti di base... 3 Operazioni preliminari... 4 Procedura aggiornamento...

Dettagli

Mini Guida per Apple XCode. Maurizio Martinelli

Mini Guida per Apple XCode. Maurizio Martinelli Mini Guida per Apple XCode Maurizio Martinelli XCode? Piattaforma ufficiale di Apple per lo sviluppo di programmi in C, C++, Cocoa Si può ottenere gratuitamente da http://developer.apple.com/technologies/xcode.html

Dettagli

Servizio di Invio Telem atico Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telem atico Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telem atico Schedine Alloggiati Indice Scarico e installazione certificati Pag. 2 Inserimento On Line.. Pag. 13 Invio File... Pag. 18 Informazioni per la Compilazione dei File.. Pag.

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

ISTRUZIONI XCODE. Autore: Luca Florio (luca.floriopolimi.it)

ISTRUZIONI XCODE. Autore: Luca Florio (luca.florio<at>polimi.it) ISTRUZIONI XCODE Autore: Luca Florio (luca.floriopolimi.it) XCode è l ambiente di sviluppo fornito da Apple che permette la creazione di applicazioni OSX e iphone. In questa guida vedremo come installarlo

Dettagli

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad

Dettagli

Stress-Lav. Guida all uso

Stress-Lav. Guida all uso Stress-Lav Guida all uso 1 Indice Presentazione... 3 I requisiti del sistema... 4 L'installazione del programma... 4 La protezione del programma... 4 Per iniziare... 5 Struttura delle schermate... 6 Password...

Dettagli

HOT POTATOES MANUALE

HOT POTATOES MANUALE HOT POTATOES MANUALE Sommario Cos è Hot Potatoes... 3 Reperibilità... 3 Licenza. 3 Requisiti di sistema.. 3 Lingue utilizzate.. 3 Il quaderno... 4 documentazione. 4 Dove trovare e come scaricare il software.

Dettagli

NAVIGARE IN INTERNET (Dal latino inter e dall inglese net = tra la rete )

NAVIGARE IN INTERNET (Dal latino inter e dall inglese net = tra la rete ) NAVIGARE IN INTERNET (Dal latino inter e dall inglese net = tra la rete ) 1.1 SE CONOSCIAMO L'INDIRIZZO - 1. ACCEDERE ALLE PAGINE WEB (Web = rete) APRIRE L' URL (Uniform Resource Locator), cioè l'indirizzo

Dettagli

MANUALE UTENTE PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE METEL

MANUALE UTENTE PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE METEL MANUALE UTENTE PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE METEL Realizzato da METEL S.r.l. Metel Srl Via Govone, 66 20155 Milano Tel +39 02 34536118 Fax +39 02 34934145 Pagina 1 di 26 INDICE INDICE... 2 INSTALLAZIONE...

Dettagli

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator EMAS Logo Generator Indice Introduzione... 3 Installare EMAS Logo Generator... 3 Disinstallare EMAS Logo Generator... 4 Schermata iniziale... 5 Creare il Logo... 7 Impostazioni... 7 Colore...8 Lingua del

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Sistema inoltro telematico domande di nulla osta, ricongiungimento e conversioni Manuale utente Versione 2 Data creazione 02/11/2007 12.14.00

Dettagli

Interfaccia software per pc

Interfaccia software per pc Interfaccia software per pc Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto un prodotto Esse-ti Questo prodotto è stato progettato appositamente per facilitare l'utente nelle attività telefoniche quotidiane.

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Il Configuratore OFF- LINE in 5 mosse Per le istruzioni di installazione, vai alla fine di questo tutorial.

Il Configuratore OFF- LINE in 5 mosse Per le istruzioni di installazione, vai alla fine di questo tutorial. Il Configuratore OFF- LINE in 5 mosse Per le istruzioni di installazione, vai alla fine di questo tutorial. 1 Installare il configuratore Pedrotti scaricato dal link che vi è stato inviato dopo avere effettuato

Dettagli

REMOTE ACCESS24. Note di installazione

REMOTE ACCESS24. Note di installazione REMOTE ACCESS24 Note di installazione . 2011 Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale: via Monte Rosa, 91 20149 Milano Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi

Dettagli

MANUALE EDICOLA 04.05

MANUALE EDICOLA 04.05 MANUALE EDICOLA 04.05 Questo è il video che si presenta avviando il programma di Gestione Edicola. Questo primo video è relativo alle operazioni di carico. CARICO Nello schermo di carico, in alto a sinistra

Dettagli

Autoware Ladder Tool (per Arduino ) Basic Tutorial

Autoware Ladder Tool (per Arduino ) Basic Tutorial Per iniziare. Utilizzare il ns. pacchetto Autoware Ladder Tool (in breve Ladder Tool) per Arduino è veramente semplice. Elenchiamo qui di seguito i passi necessari per eseguire la ns. prima esercitazione.

Dettagli

Evoluzioni Software s.n.c. SLpw Guida all'uso Pag.1 di 27

Evoluzioni Software s.n.c. SLpw Guida all'uso Pag.1 di 27 Evoluzioni Software s.n.c. SLpw Guida all'uso Pag.1 di 27 Evoluzioni Software s.n.c. SLpw Guida all'uso Pag.2 di 27 1. Installazione certificati Uffici Giudiziari... 3 2. Accesso al programma... 7 2.1

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

Office 2007 Lezione 02. Le operazioni più

Office 2007 Lezione 02. Le operazioni più Le operazioni più comuni Le operazioni più comuni Personalizzare l interfaccia Creare un nuovo file Ieri ci siamo occupati di descrivere l interfaccia del nuovo Office, ma non abbiamo ancora spiegato come

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti

Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti Inserimento materiale Rendere il materiale accessibile tramite inserimento di user e password (autenticazione) Impostazioni

Dettagli

Organizzare i file. 1. Le cartelle e i file

Organizzare i file. 1. Le cartelle e i file Guida n 2 Organizzare i file Le cartelle e i file Copiare, cancellare, spostare file e cartelle Cercare file e cartelle Windows funziona come un "archivio virtuale" particolarmente ordinato. Al suo interno,

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti

Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti Accesso al Sistema Trasparenza CRCU All apertura del pannello principale in alto sarà visualizzato il nome del Responsabile

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Generazione dei files costruttivi con Mentor Graphics Expedition PCB Contenuto:

Generazione dei files costruttivi con Mentor Graphics Expedition PCB Contenuto: Generazione dei files costruttivi con Mentor Graphics Expedition PCB Contenuto: Passo 1: Apertura del file (.pcb) contenente il circuito stampato...2 Passo 2: Generazione del file di foratura...4 Passo

Dettagli