Benvenuto! Guida pratica di orientamento per i nuovi assunti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benvenuto! Guida pratica di orientamento per i nuovi assunti"

Transcript

1 Benvenuto! Guida pratica di orientamento per i nuovi assunti

2 Iniziare un nuovo lavoro o inserirsi in un nuovo ambiente è sicuramente un occasione di crescita e conoscenza, ma anche di timore e incertezza. Questa guida è stata realizzata con il fine di rendere più agevole l inserimento in una realtà complessa come quella dell Azienda USL 8 di Arezzo. Conoscere l Azienda, le sue regole e ogni altra informazione utile, infatti, è un primo passo per un buon inserimento nella vita lavorativa e per una collaborazione concreta con i colleghi. Lavorare insieme, essere parte di un gruppo e non sentirsi isolati nell ambiente di lavoro è importante anche da un punto di vista umano e non solamente professionale. In questo opuscolo si possono trovare sia informazioni di carattere generale riferite all Azienda sia informazioni specifiche riferite al contratto di lavoro e ai diritti e doveri che ha ciascun dipendente. La guida è inserita anche nel sito intranet della USL 8, a cui è possibile collegarsi da tutti i pc aziendali collegati in rete e gli aggiornamenti potranno essere consultati e scaricati direttamente sul web. La Direzione Aziendale ha tra i suoi obiettivi principali quello di favorire la comunicazione tra i dipendenti e l Azienda perché lo scambio di informazioni diventi cultura diffusa tra tutti i livelli dell organizzazione. Buon lavoro Enrico Desideri Direttore Generale

3 Presentazione dell'azienda USL 8 di Arezzo L Azienda USL 8 è una delle 16 aziende sanitarie della Regione Toscana. E stata istituita nel 1995, quando sono state unificate in un unica Azienda sanitaria territoriale le cinque USL nelle quali era articolata la sanità pubblica della Provincia di Arezzo. Il compito istituzionale dell Azienda USL è quello di garantire la tutela ed il diritto alla salute dei cittadini residenti nel proprio territorio, che coincide con quello della provincia di Arezzo. In particolare, l Azienda gestisce le attività sanitarie di prevenzione, cura e riabilitazione, nonché le attività sociali proprie o ad essa delegate dai Comuni, con l obbiettivo di garantire i livelli di assistenza previsti dal Piano Sanitario Regionale. La sede legale e il Centro Direzionale si trovano in Via Curtatone, Arezzo. Il numero di telefono del centralino è 0575/2551. Popolazione Residente Superficie Popolazione Residente Indice Natalità (Nascite * 1000 Ab) Indice Mortalità STRANIERI Km ,9* ,8]*1000 6,7% su pop. residente Indice Vecchiaia Pop > 65aa/ Pop<15aa * La Direzione strategica è composta dal Direttore Generale dr.ssa Monica Calamai, dal Direttore Sanitario dr. Luca Bianciardi, dal Direttore Amministrativo dr.ssa Maria Silvia Mancini e dal Direttore dei Servizi Sociali dr.ssa Patrizia Castellucci. La struttura organizzativa interna è articolata in Zone Distretto, Presidi Ospedalieri e Dipartimenti. La spesa corrente sostenuta annualmente per l erogazione dei servizi è, mediamente, intorno ai 550 milioni di euro così suddivisi: Personale dipendente 33,57% Beni e servizi 60,27% Altro 6,16% 4

4 Personale dipendente Al risultavano in servizio 3678 dipendenti a tempo indeterminato e 146 a tempo determinato, per un totale di RUOLO TEMPO INDETERMI NATO TEMPO DETERMIN ATO TOTALE GENERALE Dirigenti medici Dirigenti veterinari Dirigenti sanitari Dirigenti dei ruoli professionale e tecnico Dirigenti ruolo amministrativo Infermieri Tecnici sanitari di laboratorio bio medico Tecnici sanitari di radiologia medica Altro personale del comparto ruolo sanitario Operatori socio sanitari Altro personale comparto ruoli prof. e tecnico Personale comparto ruolo amministrativo TOTALE All interno dell Azienda operano anche medici specialisti convenzionati, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Specialisti convenzionati 99 Medici Medicina Generale 314 Pediatri di libera scelta 39 5

5 ORGANIGRAMMA GENERALE D.G. STAFF STAFF D.S D.S.S. D.A. DISTRETTI Aretina Valdarno Valtiberina Casentino Valdichiana DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Dipartimento Emergenza Urgenza DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE PRESIDI OSPEDALIERI Medicina Generale Medicina Specialistica Chirurgia generale DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO P.O. 1 P.O. 2 P.O. 3 Ospedale San Donato di Arezzo Ospedale del Valdarno - Osp. Valtiberina - Osp. Valdichiana - Osp. Casentino Chirurgia Specialistica Materno Infantile Patologia Clinica Dell Immagine Cardiovascolare Oncologico Nefrologia Area Critica Neuroscienze Riabilitazione Funzionale DIPARTIMENTO TECNICI SANITARI DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE VETERINARIA SANITA PUBBLICA SALUTE E IGIENE LUOGHI LAVORO MEDICINA LEGALE E DELLO SPORT DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO DIPARTIMENTO TECNICO 6

6 L organizzazione La USL 8 è composta da macrostrutture che sono articolazioni organizzative interne all Azienda dotate di autonomia tecnico gestionale ed economico finanziaria. Le macrostrutture individuate per l Azienda USL 8 di Arezzo sono: I Presidi Ospedalieri Nelle strutture ospedaliere viene garantita l assistenza sanitaria in condizioni di ricovero per le malattie in fase acuta e le prestazioni di carattere specialistico ambulatoriale. Sono composti dalle seguenti strutture: - Presidio ospedaliero n. 1 Ospedale San Donato di Arezzo - Presidio ospedaliero n. 2 Ospedale S. Maria alla Gruccia di Montevarchi - Presidio ospedaliero n. 3 Ospedale del Casentino - Ospedale della Valtiberina Ospedale S. Margherita della Valdichiana Le Zone Distretto Sono articolazioni territoriali e organizzative dell Azienda destinate ad assicurare alla popolazione l accesso ai servizi e alle prestazioni sanitarie e sociali ad elevata integrazione sanitaria. Nella nostra realtà sono state individuate cinque zone distretto, che ricomprendono i 39 comuni che costituiscono la provincia di Arezzo: ZONA ARETINA sede in Arezzo Via Guadagnoli Arezzo Capolona - Castiglion Fibocchi - Civitella in Val di Chiana - Monte San Savino - Subbiano ZONA CASENTINO sede a Poppi P.zza Folli Bibbiena - Castel Focognano Castel S. Niccolò - Chitignano - Chiusi della Verna Montemignaio - Ortignano Raggiolo Poppi Pratovecchio - Stia Talla ZONA VALDARNO sede a Montevarchi c/o Ospedale S. Maria alla Gruccia Bucine - Castelfranco di Sopra - Cavriglia - Laterina - Loro Ciuffenna - Montevarchi - Pergine Valdarno - Pian di Scò - San Giovanni Valdarno - Terranuova Bracciolini ZONA VALDICHIANA sede a Cortona Camucia Via Capitini Cortona - Castiglion Fiorentino - Foiano della Chiana - Lucignano - Marciano ZONA VALTIBERINA sede a Sansepolcro Via Santi di Tito Sansepolcro Anghiari Badia Tedalda Caprese Michelangelo Monterchi Pieve Santo Stefano - Sestino Il Dipartimento della Prevenzione E preposto alla erogazione di prestazioni e servizi relativi alle aree di sanità pubblica, tutela della salute e di sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro e di sanità pubblica veterinaria. 7

7 Il Dipartimento di Salute Mentale E una macrostruttura che ha compiti di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione del disagio psichico e del disturbo mentale. E strutturato per Unità funzionali e aggrega psichiatria, psicologia e le altre discipline che riguardano la salute mentale. Il Dipartimento delle Tossicodipendenze E una macrostruttura che ha compiti di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione del disagio derivante da qualsiasi forma di dipendenza (stupefacenti, alcol, tabagismo, gioco d azzardo). E strutturato per Unità funzionali. I Dipartimenti Ospedalieri Sono macrostrutture complesse che aggregano risorse professionali di tipo medico, infermieristico e tecnico e assicurano la direzione e l organizzazione delle attività di competenza nel rispetto degli indirizzi aziendali. I Dipartimenti Ospedalieri individuati nell Azienda USL 8 di Arezzo sono: Dipartimento Emergenza Urgenza Medicina Generale Medicina Specialistica Chirurgia generale Chirurgia Specialistica Materno Infantile Patologia Clinica Dell Immagine Cardiovascolare Oncologico Nefrologia Area Critica Neuroscienze Riabilitazione Funzionale Il Dipartimento Amministrativo e il Dipartimento Tecnico Sono macrostrutture composta da più Unità Operative che gestiscono le attività amministrative tipiche aziendali, le funzioni di coordinamento e di indirizzo aziendali. Agiscono a livello aziendale, distrettuale e di presidio ospedaliero per assicurare una gestione unitaria delle attività amministrative e delle attività tecniche. 8

8 E.S.T.A.V.: Enti per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area Vasta Nel 2002 la Regione ha istituito i Consorzi di Area Vasta (Centro, Nord Ovest e Sud Est) con funzioni finalizzate alla concentrazione delle attività non specificatamente sanitarie e con l'obiettivo di abbattere i costi gestionali migliorando l'efficienza dei servizi. Nel 2005 i consorzi sono stati potenziati e trasformati in Enti per i Servizi Tecnico Amministrativi di Area Vasta (ESTAV). Gli Estav sono oggi enti del servizio sanitario regionale, dotati di personalità giuridica pubblica e di autonomia amministrativa, organizzativa, contabile, gestionale, le cui funzioni sono quelle non direttamente riconducibili alle prestazioni sanitarie e in particolare: approvvigionamento di beni e servizi; gestione dei magazzini e della logistica; gestione delle reti informative e delle tecnologie informatiche gestione del patrimonio per le funzioni ottimizzabili in materia di manutenzione, appalti e alienazioni organizzazione e gestione delle attività di formazione del personale gestione delle procedure concorsuali per il reclutamento del personale gestione delle procedure per il pagamento delle competenze del personale Gli ESTAV sono così ripartiti: ESTAV CENTRO TOSCANA - USL 10 Firenze - USL 4 Prato - USL 3 Pistoia - USL 11 Empoli - Az. Ospedaliero-Universitaria Careggi - Az. Ospedaliero-Universitaria Meyer ESTAV NORD OVEST TOSCANA - USL 2 Lucca - USL 1 Massa e Carrara - USL 12 Versilia - USL 5 Pisa - USL 6 Livorno - Az. Ospedaliero-Universitaria di Pisa ESTAV SUD EST TOSCANA - USL 7 Siena - USL 8 Arezzo - USL 9 Grosseto - Az. Ospedaliero-Universitaria di Siena. 9

9 IL PERSONALE Le assunzioni All interno dell Azienda Sanitaria sono previste due aree di assunzione: Comparto e Dirigenza. Le aree di contrattazione collettiva, invece, sono tre: Comparto, Dirigenza medica e veterinaria, altra dirigenza. I contratti sono di tre tipologie: - A tempo indeterminato - A tempo determinato - Altre tipologie di incarichi a tempo determinato Classificazione e Retribuzione del personale Il personale dell area comparto è classificato nelle seguenti categorie, per ognuna delle quali vi sono specifici profili: Categoria A - I profili professionali sono: Ausiliario e Commesso Categoria B - I profili professionali sono: Operatore Tecnico, Coadiutore Amministrativo al livello iniziale. Nel livello B Super (specializzato o esperto) rientrano lavori specializzati anche con posizioni di coordinamento di altri lavoratori e assunzione di responsabilità del loro operato, oltre che l Operatore Socio Sanitario e la Puericultrice. Categoria C - I profili professionali sono: Assistente tecnico, Programmatore, Assistente Amministrativo, Puericultrice esperta, Operatore Tecnico Specializzato Esperto, Infermiere generico psichiatrico esperto, Massaggiatore o Massofisioterapista esperto. Categoria D - I profili professionali sono: Collaboratore Professionale sanitario (personale infermieristico, tecnico-sanitario,della riabilitazione, vigilanza ed ispezione), collaboratore Professionale Assistente sociale, Collaboratore Tecnico-professionale, Collaboratore Amministrativo Professionale). Nel livello D Super (specializzato o esperto) rientrano lavoratori in posizioni che richiedono autonomia e resposabilità dei risultati conseguiti, ampia discrezionalità operativa nell ambito delle strutture operative di assegnazione, funzioni di direzione e coordinamento, gestione e coordinamento, gestione e controllo di risorse umane, coordinamento dell attività didattica, iniziative di programmazione e proposta. Ogni dipendente è inquadrato nella corrispondente categoria del sistema di classificazione in base al profilo di appartenenza. Ciascun dipendente è tenuto anche a svolgere attività strumentali e complementari a quelli inerenti lo specifico profilo attribuito, i cui compiti e responsabilità sono indicati a titolo esemplificativo nel contratto. 10

10 Progressione interna di carriera E previsto un sistema di progressione interna di carriera, nel rispetto dei posti disponibili, mediante: - Passaggi da una categoria all altra immediatamente superiore: - Passaggi all interno delle categorie B e D - Passaggi nell ambito della stessa categoria tra profili diversi dello stesso livello. I passaggi di carriera avvengono sulla base di selezioni interne che prevedono la verifica della professionalità attraverso una prova teorica-pratica o un colloquio. Progressione economica orizzontale All interno di ogni categoria è prevista una progressione economica con relativi incrementi per ciascuna posizione. Vi sono cinque fasce retributive per le categorie A, B e C e sei fasce per la categoria D. I passaggi da una fascia retributiva all altra avvengono sulla base di specifici criteri stabiliti dalla contrattazione integrativa aziendale. Area delle posizioni organizzative Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL) prevede che le Aziende Sanitarie istituiscano posizioni di lavoro di elevata responsabilità di prodotto e di risultato, da assegnare mediante incarico diretto a personale di categoria D. I dipendenti vengono valutati periodicamente per verificare il raggiungimento dei risultati rispetto agli obiettivi stabiliti nell incarico. Area delle posizioni di coordinamento Il CCNL ha istituito una specifica indennità per gli operatori del ruolo sanitario e per l assistente sociale, cui siano assegnate le funzioni di coordinamento delle attività e del personale dei servizi di assegnazione. Anche per la posizione di coordinamento è prevista la valutazione delle competenze professionali e gestionali secondo la Metodologia Aziendale già applicata alla dirigenza. La mobilità del personale L azienda può attivare la mobilità interna ordinaria volontaria del personale che intenda trasferirsi ad altra sede. L Azienda in relazione alle sue necessità può attivare le seguenti procedure di mobilità: - Mobilità d urgenza: per un periodo massimo di 30gg nell anno solare, non prorogabili, salvo consenso del dipendente; - Mobilità d ufficio: in via definitiva, per esigenze organizzative, secondo criteri e procedure definiti con la contrattazione integrativa. L Azienda può utilizzare il personale nelle strutture situate nel raggio di 10 km dalla località di assegnazione. Il dipendente che abbia superato il periodo di prova può essere trasferito ad altra Azienda o Ente dello stesso comparto o ad altre amministrazioni di comparti diversi. Nell Azienda USL è presente un regolamento per l area del Comparto e uno per l area della Dirigenza. Il rapporto di lavoro dei dirigenti I dirigenti sia del ruolo sanitario che dei ruoli amministrativo, tecnico e professionale, sono collocati in un unico livello. Il rapporto di lavoro è esclusivo. Per la dirigenza sanitaria il rapporto è esclusivo solamente per i dirigenti di struttura complessa o semplice. Per gli altri dirigenti del ruolo sanitario il rapporto può essere esclusivo o non esclusivo e l opzione per la scelta del tipo di rapporto deve essere presentata entro il 30 novembre di ogni anno. 11

11 Le tipologie di incarico per i dirigenti sono articolate, in base alle responsabilità professionali e gestionali, in diverse tipologie. Gli incarichi previsti sono: - incarico di direzione di struttura complessa (direttore di dipartimento, di distretto sanitario o di presidio ospedaliero); - incarico di direzione di struttura semplice (responsabile di Sezione o di unità funzionale); - incarichi di natura professionale anche di alta specializzazione, di consulenza, di studio e ricerca, ispettivi, di verifica e di controllo; - incarichi di natura professionale conferibili a dirigenti con meno di cinque anni di attività. Il Dirigente del ruolo sanitario, alla prima assunzione e per 5 anni, può svolgere esclusivamente un incarico di natura professionale da esercitare nel rispetto degli indirizzi del responsabile della struttura. Il Dirigente dei ruoli professionali, tecnico ed amministrativo può invece assumere un incarico di natura professionale, di alta specializzazione e anche di struttura semplice. In relazione alla natura dell incarico del Dirigente sono assegnati specifici obiettivi di posizione e di risultato. L attribuzione dell incarico di Direzione di struttura complessa è effettuata dal Direttore Generale tra i candidati risultati idonei dalla selezione di un apposita commissione ed è pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. La retribuzione dei dirigenti La retribuzione dei dirigenti si compone, oltre che dello stipendio base e della retribuzione individuale di anzianità, delle seguenti voci: - retribuzione di posizione - retribuzione di risultato - retribuzione di posizione variabile aziendale. La retribuzione di posizione è correlata alle funzioni svolte e alle responsabilità ricoperte. La retribuzione di risultato è attribuita in base al grado di conseguimento degli obiettivi e in base alla valutazione delle capacità e dei comportamenti. Altre voci ricomprese nella retribuzione sono date dall indennità di struttura complessa e per i dirigenti medici, veterinari e dirigenti sanitari dall indennità di esclusività (per coloro che hanno fatto opzione in questo senso). Il sistema di valutazione aziendale L Azienda dispone di un sistema di valutazione unico del personale dirigenziale, sia per la verifica del raggiungimento degli obiettivi annuali di risultato che per la valutazione delle competenze professionali ed organizzative. I dirigenti ai quali è conferito un incarico di natura professionale, che non implica attività di gestione, sono sottoposti alla valutazione tecnico - professionale. I dirigenti con responsabilità di struttura sono sottoposti alla valutazione di tipo professionale e a quella gestionale. Gli organismi che devono effettuare la valutazione, con compiti e composizioni diverse, sono i Collegi Tecnici e il Nucleo di Valutazione. I Collegi Tecnici verificano: 12

12 - le attività professionali, organizzative ed i risultati di tutti i dirigenti, intendendo tale processo come analisi delle competenze raggiunte dai dirigenti in relazione agli obiettivi professionali e gestionali attesi e determina la base di progettazione di percorsi di miglioramento; - i dirigenti titolari di incarico di direzione di Dipartimento, di Struttura Complessa, di Struttura semplice alla scadenza dell incarico loro conferito; - i dirigenti neo-assunti, ai fini del conferimento di un nuovo incarico dirigenziale, al termine del primo quinquennio. Nel caso di valutazione positiva può conseguire: - il rinnovo dell incarico precedente; - l attribuzione di un incarico superiore; Nel caso di valutazione negativa: - per i responsabili di struttura semplice viene rimandata di un anno, previa nuova valutazione positiva, la possibilità del passaggio alla fascia di esclusività superiore; - per i dirigenti con meno di cinque anni comporta il ritardo di un anno nel conferimento di un nuovo incarico, dell equiparazione e del passaggio di fascia di esclusività, previa nuova valutazione positiva; - l amministrazione può revocare l incarico al dirigente e destinarlo ad altro incarico di valore economico inferiore e modulare tale percorso secondo una graduazione che, nei casi di maggiore gravità, può giungere fino alla recessione dal rapporto di lavoro, secondo le disposizioni del codice civile e dei contratti collettivi. Qualora il dirigente sia valutato negativamente dal N.V.A. per due anni consecutivi l Azienda può disporre la revoca dell incarico mediante anticipazione della verifica da parte del collegio tecnico. Al Nucleo di Valutazione Aziendale compete annualmente la verifica: - dei risultati di gestione dei dirigenti di struttura complessa e semplice; - dei risultati raggiunti da tutti i dirigenti per l assegnazione della retribuzione di risultato. Incompatibilità Il dipendente non può: - esercitare una attività di tipo commerciale, industriale o professionale; - instaurare altri rapporti di impiego, sia alle dipendenze di enti pubblici che alle dipendenze di privati; - assumere cariche in società con fini di lucro, con esclusione di quelle a partecipazione pubblica e le cooperative. Le attività suddette non possono in nessun caso essere autorizzate dall amministrazione, anche se a titolo gratuito, ai dipendenti con prestazione lavorativa a tempo pieno o con contratti di lavoro a tempo parziale, con prestazione lavorativa superiore al 50% di quella a tempo pieno. Gli incarichi che si possono esercitare L Azienda può autorizzare i dipendenti a svolgere alcuni incarichi retribuiti. Si tratta di incarichi di natura occasionale - conferiti da terzi (soggetti privati o pubblici) e non compresi nei compiti e doveri d ufficio, per i quali è previsto, sotto qualsiasi forma, un compenso. Ad esempio, il dipendente può essere autorizzato ad assumere incarichi di insegnamento, arbitrato, consulenze tecniche, ecc. In ogni caso non possono essere autorizzate attività considerate incompatibili, di diritto e/o di fatto, che possano 13

13 pregiudicare il buon andamento dell Azienda o configurare situazioni, anche potenziali, di conflitto di interessi, né attività che superino i limiti della saltuarietà ed occasionalità. Il codice di comportamento dei dipendenti I dipendenti devono ispirarsi, nel loro agire quotidiano, ai principi generali del Codice di comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, di cui al Decreto del Ministero della Funzione Pubblica del 28/11/2000 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 84 del 10/4/01, e ai Codici Deontologici dei rispettivi Ordini e Collegi professionali. Si allega un estratto del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto del Personale del Servizio Sanitario Nazionale Parte normativa quadriennio e Parte economica Il tipo e l'entità di ciascuna delle sanzioni previste sono determinati in relazione ai seguenti criteri: Intenzionalità del comportamento Grado di negligenza Imprudenza o imperizia dimostrate Rilevanza degli obblighi violati Responsabilità connesse alla posizione di lavoro occupata dal dipendente Grado di danno o di pericolo causato all amministrazione, agli utenti o a terzi Concorso nella mancanza di più lavoratori in accordo tra di loro N.B.La recidiva nelle mancanze previste nelle tabelle che seguono già sanzionate nel biennio di riferimento, comporta una sanzione di maggiore gravità tra quelle previste nell'ambito dei medesimi commi. Inoltre al dipendente responsabile di più mancanze compiute con unica azione od omissione o con più azioni od omissioni tra loro collegate ed accertate con un unico procedimento, è applicabile la sanzione prevista per la mancanza più grave se le suddette infrazioni sono punite con sanzioni di diversa gravità. MANCANZA a)inosservanza delle disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario di lavoro; b) condotta, nell ambiente di lavoro, non conforme a principi di correttezza verso superiori o altri dipendenti o nei confronti degli utenti o terzi; c) negligenza nell'esecuzione dei compiti assegnati, nella cura dei locali e dei beni mobili o strumenti a lui affidati o sui quali, in relazione alle sue responsabilità, debba espletare attività di custodia o vigilanza; d) inosservanza degli obblighi in materia di prevenzione degli infortuni e di sicurezza sul lavoro ove non ne sia derivato danno o disservizio; e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'azienda o ente; f) insufficiente rendimento nell'assolvimento dei compiti assegnati rispetto ai carichi di lavoro; g) violazione di doveri di comportamento da cui sia derivato disservizio ovvero danno o pericolo all'azienda o ente. agli utenti o ai terzi. SANZIONE Dal minimo del rimprovero verbale o scritto al massimo della multa di importo pari a quattro ore di retribuzione. L importo delle ritenute per multa sarà íntroitato dal bilancio dell'azienda o ente e destinato ad attività sociali a favore dei dipendenti. 14

14 MANCANZA SANZIONE a) recidiva nelle mancanze previste nelle tabelle la sospensione dal servizio con privazione della precedenti, che abbiano comportato l'applicazione retribuzione fino a un massimo di 10 giorni del massimo della multa; b) particolare gravità, delle suddette mancanze; c) assenza ingiustificata dal, servizio fino a 10 giorni o arbitrario abbandono dello stesso; in tali ipotesi, l'entità della sanzione è. determinata in relazione alla durata dell'assenza o dell'abbandono del servizio, al disservizio determinatosi, alla gravità della violazione dei doveri del dipendente, agli eventuali danni causati all'azienda o ente, agli utenti o ai terzi; d) ingiustificato ritardo, non superiore a 10 giorni, a trasferirsi nella sede assegnata; e) svolgimento di attività che ritardino il recupero psico-fisico durante lo stato di malattia o di infortunio; f) testimonianza falsa o reticente in procedimenti disciplinari o rifiuto della stessa, fatta salva la tutela del segreto professionale nei casi e nei limiti previsti dalla vigente normativa; g) comportamenti minacciosi, gravemente ingiuriosi, calunniosi o diffamatori nei confronti di utenti, altri dipendenti o terzi; h) alterchi negli ambienti dì lavoro con utenti, dipendenti o terzi; i) manifestazioni ingiuriose nei confronti dell'azienda o ente, salvo che siano espressione della libertà di pensiero; l) atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, lesivi della persona; MANCANZA SANZIONE a) recidiva nel biennio delle mancanze previste nelle tabelle precedenti quando sia stata comminata la sanzione massima oppure quando le suddette mancanze presentino caratteri di particolare gravità; b) assenza ingiustificata dal servizio oltre dieci giorni e fino a quindici giorni; c) occultamento di fatti e circostanze relativi ad illecito uso, manomissione, distrazione di somme o beni di spettanza dell azienda, in relazione alla posizione rivestita, quando il lavoratore abbia un obbligo di vigilanza o di controllo; d) scarso rendimento dovuto a comportamento negligente; e) esercizio, attraverso atti e comportamenti aggressivi ostili e denigratori, di forme di violenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di un altro dipendente al fine di procurargli un danno in ambito lavorativo o addirittura di escluderlo dal contesto lavorativo; f) atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, lesivi della dignità della persona; g) fatti e comportamenti tesi all elusione dei sistemi di rilevamento elettronici della presenza e dell orario o manomissione dei fogli di presenza o delle risultanze anche cartacee degli stessi. Tale sanzione si applica anche nei confronti di chi avalli, aiuti o permetta tali atti o comportamenti; h) alterchi di particolare gravità con vie di fatto negli ambienti di lavoro con utenti, dipendenti o terzi; La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da undici giorni fino ad un massimo di sei mesi. Nella sospensione dal servizio prevista in questi casi, il dipendente è privato della retribuzione fino al decimo giorno mentre, a decorrere dall undicesimo, viene corrisposta allo stesso una indennità pari al 50% della retribuzione nonché gli assegni del nucleo familiare ove spettanti. Il periodo di sospensione non è, in ogni caso, computabile ai fini dell anzianità di servizio. 15

15 i) violazione dei doveri di comportamento non ricompresi specificamente nelle lettere precedenti, da cui sia comunque derivato grave danno all Azienda o Enti, agli utenti o terzi. MANCANZA a)recidiva, plurima, almeno tre volte nell anno, in una delle mancanze previste, nelle tabelle precedenti, anche se di diversa natura, o recidiva, nel biennio, in una mancanza che abbia comportato l applicazione della sanzione massima di sei mesi di sospensione dal servizio e dalla retribuzione, b) ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall azienda o ente per riconosciute e motivate esigenze di servizio nel rispetto delle vigenti procedure di cui all articolo 18 del CCNL 20 settembre 2001 commi 2 e 3 lett. c) in relazione alla tipologia di mobilità attivata; c) mancata ripresa del servizio nel termine prefissato dall azienda o ente quando l assenza arbitraria ed ingiustificata si sia protratta per un periodo superiore a quindici giorni. d) continuità, nel biennio, dei comportamenti attestanti il perdurare di una situazione di insufficiente scarso rendimento dovuta a comportamento negligente ovvero per qualsiasi fatto grave che dimostri la piena incapacità ad adempiere adeguatamente agli obblighi di servizio; e) recidiva nel biennio, anche nei confronti di persona diversa, di sistematici e reiterati atti e comportamenti aggressivi e denigratori e di forme di violenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di un collega al fine di procurargli un danno in ambito lavorativo o addirittura di escluderlo dal contesto lavorativo; f) recidiva nel biennio di atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, che siano lesivi della dignità della persona; g) condanna passata in giudicato per un delitto che, commesso in servizio o di fuori dal servizio ma non attinente in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta la prosecuzione per la sua specifica gravità. SANZIONE licenziamento con preavviso MANCANZA SANZIONE a)terza recidiva nel biennio di minacce, ingiurie, licenziamento senza preavviso calunnie, diffamazioni verso altri dipendenti, negli ambienti di lavoro, anche con utenti; b) condanna passata in giudicato per un delitto commesso in servizio o fuori servizio che, pur non attendendo in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta la prosecuzione per la sua gravità; c) accertamento che l impiego fu conseguito mediante la produzione e presentazione di documenti falsi; d) commissione in genere, anche nei confronti di terzi, di fatti dolosi, che, costituendo illeciti di rilevanza penale, sono di gravità tale da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro; e) condanna passata in giudicato: 1. per i delitti indicati nell art.15 del codice penale, e comma 4 septies della L n.55/90 e successive modificazioni; 2. quando alla condanna consegua comunque 16

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009 L art. 69 del D.Lgs. 150/09, modificativo del D.Lgs. 165/01, ha apportato ulteriori modifiche in materia disciplinare. Le norme del Codice disciplinare sotto riportato sono applicate solo se risultano

Dettagli

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Per comprendere al meglio il funzionamento del procedimento disciplinare è innanzitutto necessario

Dettagli

Codice disciplinare Sanzioni riferibili al personale del Comparto Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche disposte dall art. 6 del CCNL 10 aprile 2008 1. Nel rispetto del principio

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare Articolo estratto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 Titolo II

Dettagli

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (art. 3 CCNL 11.04.2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

Le parti, prima di procedere alla sottoscrizione, prendono atto della necessità di correggere i seguenti errori materiali:

Le parti, prima di procedere alla sottoscrizione, prendono atto della necessità di correggere i seguenti errori materiali: CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 2002-2005 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 2002-2003 In data 19 Aprile 2004, alle

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS)

A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS) A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS) TESTO DEGLI ARTT. 13, 14, 15 DEL CCNL 19 APRILE 2004 MODIFICATO DALL ART. 6 CCNL 10.4.2008. Codice disciplinare Art. 13

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI RIMPROVERO VERBALE RIMPROVERO SCRITTO CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI Art. 3, Comma 4 Inosservanza disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario

Dettagli

LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565

LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565 A.S.L. N 4 LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565 P.I. 00978060911 www.asllanusei.it Codice disciplinare Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche riportate

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA Il DIRETTORE Ai sensi e per gli effetti dell art.55, comma 2 del D.Lgs 165 del 2001 come sostituito dall art.68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre 2009 n.150 PUBBLICA Il testo del codice disciplinare di cui

Dettagli

NORME DISCIPLINARI. c) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d ufficio;

NORME DISCIPLINARI. c) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d ufficio; CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DEL COMPARTO DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2002-2005 Testo in vigore Art. 62 Obblighi del dipendente NORME

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008 PROVINCIA di ROVIGO NUOVO CODICE DISCIPLINARE del PERSONALE NON AVENTE QUALIFICA DIRIGENZIALE (art. 3 del e artt. 55 e da 55bis a 55 septies del D. Lgs. n. 165/2001, come modificati dagli artt. 68 e ss.

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Il Responsabile del Servizio Personale

CODICE DISCIPLINARE. Il Responsabile del Servizio Personale CODICE DISCIPLINARE Il Responsabile del Servizio Personale Ai sensi e per gli effetti dell'art. 55, comma 2, del D. Lgs. n.165 del 2001 come sostituito dall'articolo 68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre

Dettagli

Il Responsabile del Servizio Risorse Umane e Sviluppo. pubblica

Il Responsabile del Servizio Risorse Umane e Sviluppo. pubblica C:\Documents and Settings\marcolin_n.ZOLADOM.241\Impostazioni locali\temp\codice_disciplinare_2010.1273569572.doc Prot. 9195/2010 PUBBLICAZIONE DEL C O D I C E D I S C I P L I N A R E Il Responsabile del

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE ART. 3

CODICE DISCIPLINARE ART. 3 CODICE DISCIPLINARE ART. 3 DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI PER IL QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E IL BIENNIO ECONOMICO 2006-2007,

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Codice disciplinare personale non dirigente. CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

Codice disciplinare personale non dirigente. CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Codice disciplinare personale non dirigente CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) Articolo 4 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità

Dettagli

Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022

Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA C O M U N E D I VA L D E N G O Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022 CODICE DISCIPLINARE ART. 3 DEL C.C.N.L. DEL PERSONALE DEL COMPARTO

Dettagli

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla ART.95 CCNL SCUOLA -CODICE DISCIPLINARE (SOLO PERSONALE ATA) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità della mancanza ed in conformità di quanto

Dettagli

4 ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI Via Tafuri 96018 PACHINO (SR) - Tel. / Fax 0931/ 846101

4 ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI Via Tafuri 96018 PACHINO (SR) - Tel. / Fax 0931/ 846101 4 ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI Via Tafuri 96018 PACHINO (SR) - Tel. / Fax 0931/ 846101 Circ int. A tutto il personale Oggetto: Codice disciplinare (Art. 92 del CCNL, in S.O. n. 135 alla G.U. n. 188

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTO DI LAVORO CAPO I NORME DISCIPLINARI. Art. 10 - Clausole generali

TITOLO IV RAPPORTO DI LAVORO CAPO I NORME DISCIPLINARI. Art. 10 - Clausole generali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 2002/2005 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 2002-2003 TITOLO IV RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'ente, nel rispetto di quanto previsto dall art.

e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'ente, nel rispetto di quanto previsto dall art. CODICE DISCIPLINARE Inserito nell appendice normativa del regolamento per la gestione dei procedimenti disciplinari approvato con deliberazione della G.M. n. 23 del 17.02.2015 Art. 3 Codice disciplinare

Dettagli

Articoli 23, 24 e 26 del C.C.N.L. 6/7/1995, come modificati dal C.C.N.L. 22/1/2004 Per quanto ancora applicabile dopo il D.Lgs. n.

Articoli 23, 24 e 26 del C.C.N.L. 6/7/1995, come modificati dal C.C.N.L. 22/1/2004 Per quanto ancora applicabile dopo il D.Lgs. n. Articoli 23, 24 e 26 del C.C.N.L. 6/7/1995, come modificati dal C.C.N.L. 22/1/2004 Per quanto ancora applicabile dopo il D.Lgs. n. 150/2009 Art. 23 Obblighi del dipendente 1. Il dipendente conforma la

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione:

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione: CODICE DISCIPLINARE 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del d.lgs. n.165

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE A) DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Art. 16 CCNL 9 ottobre 2003 (Sostituisce integralmente l art. 28 CCNL 6.7.1995) (Come modificato dall art. 29, comm1 e 2

Dettagli

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010)

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010) NUOVO CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DIRIGENZA MEDICA - VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA COORDINATO CON IL D.LGS. 27/10/2009 N. 150

Dettagli

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Sommario: 1. Personale docente: Infrazioni e sanzioni. 2. Personale amministrativo, tecnico e ausiliario: Infrazioni e sanzioni. 1. PERSONALE DOCENTE: INFRAZIONI

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

Cons. Antonio Naddeo firmato

Cons. Antonio Naddeo firmato CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DELL AREA VII DELLA DIRIGENZA UNIVERSITÀ E ISTITUZIONI ED ENTI DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER ILQUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E BIENNIO

Dettagli

COMUNE DI CALTANISSETTA

COMUNE DI CALTANISSETTA COMUNE DI CALTANISSETTA REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI ALLEGATO: TABELLA DI SINTESI Lanzalaco dott.ssa Rita Antonella - Segretario Generale 1 PREMESSA: Sino all'entrata in vigore del D.Lgs.

Dettagli

ART. 44 - OBBLIGHI DEL DIPENDENTE (Art. 43 CCNL 27.01.05)

ART. 44 - OBBLIGHI DEL DIPENDENTE (Art. 43 CCNL 27.01.05) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il quadriennio normativo 2006-2009 e il biennio economico 2006-2007 ART. 44 - OBBLIGHI DEL DIPENDENTE (Art. 43

Dettagli

da CCNL comparto Sanità personale non dirigente - parte normativa 1994/1997 e parte economica 1994/1995 CAPO V Norme disciplinari

da CCNL comparto Sanità personale non dirigente - parte normativa 1994/1997 e parte economica 1994/1995 CAPO V Norme disciplinari da CCNL comparto Sanità personale non dirigente - parte normativa 1994/1997 e parte economica 1994/1995 CAPO V Norme disciplinari ART. 28 (Doveri del dipendente) 1. Il dipendente conforma la sua condotta

Dettagli

CAPO II NORME DISCIPLINARI RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE. Art. 4 Principi generali

CAPO II NORME DISCIPLINARI RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE. Art. 4 Principi generali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DIRIGENTE DEL comparto Regioni e autonomie locali (Area II) Quadriennio NORMATIVO 2006 2009 BIENNIO ECONOMICO 2006-2007 22 febbraio 2010 CAPO II NORME

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari

CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 6 maggio 2010 (per la sequenza contrattuale dell art. 28 del CCNL del personale della dirigenza medico veterinaria

Dettagli

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali Codice disciplinare Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali (integrato con le norme imperative introdotte in materia dagli artt. da 55 a 55-septies D.lgs.

Dettagli

Codice disciplinare dirigenti

Codice disciplinare dirigenti Codice disciplinare dirigenti A. Norme di carattere generale 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, sono fissati i seguenti

Dettagli

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali Codice disciplinare Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali (integrato con le norme imperative introdotte in materia dagli artt. da 55 a 55-septies D.lgs.

Dettagli

Aran Agenzia per la Rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Aran Agenzia per la Rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni Comparto: Sanita' Tipo: CCNL Area: Personale dei livelli Data: 01/09/1995 Descrizione: CCNL comparto Sanità personale non dirigente - parte normativa 1994/1997 e parte economica 1994/1995 AGENZIA PER LA

Dettagli

CITTA DI CIRIE. (art. 3 del CCNL 11 aprile 2008 e art. 55-bis, quarter, sexies e septies del D. Lgs. n. 165/2001) Provincia di Torino

CITTA DI CIRIE. (art. 3 del CCNL 11 aprile 2008 e art. 55-bis, quarter, sexies e septies del D. Lgs. n. 165/2001) Provincia di Torino CITTA DI CIRIE Provincia di Torino P. IVA 02084870019 C.F. 83000390019 www.comune.cirie.to.it CAP 10073 - Corso Martiri della Libertà 33 Tel. 011 9218111 - Fax 011 9211525 e-mail: comunecirie@comune.cirie.to.it

Dettagli

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal comitato direttivo nella seduta del 15 Marzo 2012 1 Il presente regolamento

Dettagli

2. Il dipendente si comporta in modo tale da favorire l'instaurazione di rapporti di fiducia e collaborazione tra l'amministrazione e i cittadini.

2. Il dipendente si comporta in modo tale da favorire l'instaurazione di rapporti di fiducia e collaborazione tra l'amministrazione e i cittadini. CCNL Scuola 2006-2009 CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE II: Personale Amministrativo, tecnico e ausiliario ART. 92 - OBBLIGHI DEL DIPENDENTE 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo

Dettagli

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Versione 1.0 17/11/2009 Giustificativo Pagina 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa 3 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. relativo al personale del comparto università per il quadriennio normativo

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. relativo al personale del comparto università per il quadriennio normativo CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il quadriennio normativo 2006-2009 e il biennio economico 2006-2007 ART. 45 - SANZIONI E PROCEDURE DISCIPLINARI

Dettagli

NORME DISCIPLINARI VIGENTI RELATIVE AL PERSONALE DEL COMPARTO DI CUI AI C.C.N.L. 01.09.1995, 19.04.2004 E 10.04.2008

NORME DISCIPLINARI VIGENTI RELATIVE AL PERSONALE DEL COMPARTO DI CUI AI C.C.N.L. 01.09.1995, 19.04.2004 E 10.04.2008 NORME DISCIPLINARI VIGENTI RELATIVE AL PERSONALE DEL COMPARTO DI CUI AI C.C.N.L. 01.09.1995, 19.04.2004 E 10.04.2008 ART. 28 del CCNL 01/09/1995 così come modificato dall art. 11 del CCNL 19/04/2004 (Obblighi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO SANITA (in attuazione delle modifiche apportate dal D. Lgs. n. 150/2009)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO SANITA (in attuazione delle modifiche apportate dal D. Lgs. n. 150/2009) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO SANITA (in attuazione delle modifiche apportate dal D. Lgs. n. 150/2009) Il Servizio Risorse Umane di ARPAV Visti gli artt. 54 e ss. del D. lgs. 30 marzo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

CAPO VII Art. 66 Obblighi del dipendente 1. Il dipendente conforma la sua condotta al dovere statutario di servire l Amministrazione con impegno e

CAPO VII Art. 66 Obblighi del dipendente 1. Il dipendente conforma la sua condotta al dovere statutario di servire l Amministrazione con impegno e CAPO VII Art. 66 Obblighi del dipendente 1. Il dipendente conforma la sua condotta al dovere statutario di servire l Amministrazione con impegno e responsabilità e di rispettare i principi di buon andamento

Dettagli

Codice disciplinare. Area dirigenziale medica. n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso

Codice disciplinare. Area dirigenziale medica. n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso Codice disciplinare Area dirigenziale medica n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE DOCENTE E ATA. Parte prima: personale docente. Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE DOCENTE E ATA. Parte prima: personale docente. Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. Ciusa Via Roma 64, 09070 - RIOLA SARDO (OR) Tel. 0783 410331 - Fax. 0783 412226 - Codice Fiscale n. 90027740951 e-mail: oric80400x@istruzione.it CODICE DISCIPLINARE PERSONALE

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO

PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO Estratto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale del Comparto Scuola per il quadriennio normativo 2006-2009 e biennio economico 2006-2007 PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E

Dettagli

C.C.N.L. COMPARTO SANITA 01.09.1995 CAPO V Norme disciplinari

C.C.N.L. COMPARTO SANITA 01.09.1995 CAPO V Norme disciplinari C.C.N.L. COMPARTO SANITA 01.09.1995 CAPO V Norme disciplinari ART. 28 (Obblighi del dipendente) (vedi modifica apportata dal C.C.N.L. 19.04.2004 art. 11 evidenziate in rosso) 1. Il dipendente conforma

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2015

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2015 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 CASENTINO Comuni di: BIBBIENA, CASTEL FOCOGNANO, CASTEL SAN NICCOLO, CHITIGNANO, CHIUSI DELLA VERNA, MONTEMIGNAIO, ORTIGNANO RAGGIOLO, POPPI, PRATOVECCHIO, STIA,

Dettagli

DEI NOMINATIVI DEGLI ARCHITETTI DA NOMINARE NELLE COMMISSIONI TECNICHE CONSULTIVE

DEI NOMINATIVI DEGLI ARCHITETTI DA NOMINARE NELLE COMMISSIONI TECNICHE CONSULTIVE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI AREZZO PER LA SEGNALAZIONE, AGLI ENTI CHE NE FANNO RICHIESTA, DEI NOMINATIVI DEGLI ARCHITETTI

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA

CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA CCNL DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO DEL CCNL DEL 17 OTTOBRE 2008 (firmato il 6 maggio

Dettagli

Per saperne di più (allegato A)

Per saperne di più (allegato A) Per saperne di più (allegato A) La sede Inail competente per territorio ad erogare tutte le prestazioni è quella dove è residente la persona che ha subito l infortunio sul lavoro o dove sono residenti

Dettagli

Pubblicazione del CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE

Pubblicazione del CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE Pubblicazione del CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE Ai sensi del disposto di cui all art 55, secondo comma, del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165, così come modificato dall art. 68 del D.Lgs. 150

Dettagli

CCNL comparto scuola del 29.11.200, art. 91-95, in particolare per il personale ATA

CCNL comparto scuola del 29.11.200, art. 91-95, in particolare per il personale ATA CCNL comparto scuola del 29.11.200, art. 91-95, in particolare per il personale ATA CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente ART. 91 - RINVIO DELLE NORME DISCIPLINARI 1. Per il personale

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

PERSONALE CON QUALIFICA NON DIRIGENZIALE REGOLAMENTO SANZIONI DISCIPLINARI

PERSONALE CON QUALIFICA NON DIRIGENZIALE REGOLAMENTO SANZIONI DISCIPLINARI PERSONALE CON QUALIFICA NON DIRIGENZIALE REGOLAMENTO SANZIONI DISCIPLINARI INDICE: PREMESSA ART. 1 OBBLIGHI DEL DIPENDENTE; ART. 2 SANZIONI DISCIPLINARI; ART. 3 PROCEDURE DISCIPLINARI; ART. 4 AUDIZIONE;

Dettagli

Regione Piemonte AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE CUNEO. Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.

Regione Piemonte AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE CUNEO. Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4. Regione Piemonte AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 REGOLAMENTO DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

DIRIGENTI. Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10

DIRIGENTI. Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10 DIRIGENTI Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10 Il dirigente conforma la sua condotta al dovere costituzionale di servire la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare i principi di buon

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO CON IL D.LGS. 150

CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO CON IL D.LGS. 150 Eti di Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche FLP DIFESA Coordinamento Nazionale piazza Dante, 12-00185 ROMA - 06-77201726 06-77201728 - @-mail: nazionale@flpdifesa.it web: www.flpdifesa.it

Dettagli

FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO REGOLAMENTO DISCIPLINARE Personale del comparto AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Allegato alla deliberazione n. del Responsabile del procedimento: avv. Carmela Uliano Pag. 1 di 16 CAPO

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE CCNL ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI

CODICE DISCIPLINARE CCNL ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI CODICE DISCIPLINARE CCNL ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI DOVERI DEL DIPENDENTE, NORME DISCIPLINARI, CONTENZIOSO Obblighi del dipendente (Art. 26 ccnl 1994/1997, modificato dall art. 14 del ccnl 2002/2005)

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO Art. 1 Fonti e campo di applicazione Il presente regolamento si applica al personale

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Sanzioni disciplinari relative esclusivamente al personale ATA. (CCNL comparto scuola quadriennio normativo 2006/09)

CODICE DISCIPLINARE. Sanzioni disciplinari relative esclusivamente al personale ATA. (CCNL comparto scuola quadriennio normativo 2006/09) CODICE DISCIPLINARE Sanzioni disciplinari relative esclusivamente al personale ATA. (CCNL comparto scuola quadriennio normativo 2006/09) ART.95 - CODICE DISCIPLINARE 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL COMPARTO SCUOLA QUADRIENNIO GIURIDICO 2006-09 CAPO IX NORME DISCIPLINARI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL COMPARTO SCUOLA QUADRIENNIO GIURIDICO 2006-09 CAPO IX NORME DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL COMPARTO SCUOLA QUADRIENNIO GIURIDICO 2006-09 CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE II: Personale Amministrativo, tecnico e ausiliario ART.92 - OBBLIGHI DEL DIPENDENTE 1.

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

Allegato C Codice Disciplinare

Allegato C Codice Disciplinare Allegato C Codice Disciplinare Art. 1 Obblighi del prestatore di lavoro 52 Art. 2 Divieti 52 Art. 3 Giustificazione delle assenze 52 Art. 4 Rispetto orario di lavoro 53 Art. 5 Comunicazione mutamento di

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO Tel. 0322885510 Fax 0322858042 COMUNE DI SUNO Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it www.comune.suno.novara.it GUIIDA AL LAVORO PER

Dettagli

NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI TITOLO V NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI Art. 38 - Comportamento in servizio Il lavoratore, in relazione alle particolari esigenze dell assistenza sanitaria, deve improntare il proprio comportamento

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Approvato con delibera Giunta Comunale n. 97 del 27/08/2013 1 Articolo 1 OGGETTO DEL

Dettagli