Infermieri Asl, il concorso è un flop. Annullato dopo un anno e mezzo: vanificata l attesa di duemila aspiranti da tutto il mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Infermieri Asl, il concorso è un flop. Annullato dopo un anno e mezzo: vanificata l attesa di duemila aspiranti da tutto il mondo"

Transcript

1 Infermieri Asl, il concorso è un flop Annullato dopo un anno e mezzo: vanificata l attesa di duemila aspiranti da tutto il mondo 4 CLAUDIO BRESSANI NOVARA posti Il concorso pubblico indetto il 1 febbraio 2012 prevedeva di assegnare 4 posti da infermiere ltre un anno e mezzo di attesa per duemila infermieri in cerca di un posto fisso: tutto inutile. L Asl di Novara alla fine ha revocato il concorso pubblico che aveva indetto il 1 febbraio 2012, al quale, a fronte di 4 soli posti da assegnare, erano arrivate ben 2004 domande di partecipazione di cui 146 dall estero, e ne erano state ammesse Contestualmente era stato emesso anche un avviso per soli titoli per assumere a tempo determinato 5 infermieri, al quale erano pervenute altre 1430 istanze: revocato pure quello. O 2004 domande Pervenute agli uffici Asl 146 delle quali dall estero Dopo le prime verifiche ammessi in 1975 DISFATTA ANNUNCIATA Ottomila euro di raccomandate Per le prove era necessario affittare un intero palasport Le ragioni dell enorme ritardo e poi della cancellazione delle prove selettive non sono quelle riferite nel marzo scorso dalla direttrice amministrativa Simonetta Rizzolio, secondo la quale si doveva verificare, dopo la riconversione del presidio di Arona, se perdurasse la necessità di assumere infermieri: «Se a conti fatti - aveva detto - risulterà confermata una carenza, faremo ripartire il concorso». Non era così, come tutti avevano capito da tempo: gli infermieri servono, mentre le ragioni per cui il «concorsone» non partiva mai erano altre, dovute alle difficoltà tecniche e alle Revocato anche l avviso per i posti a termine Oltre al concorso l Asl di Novara (nella foto la sede di via dei Mille) ha revocato anche l avviso per assumere a tempo determinato 5 infermieri, al quale erano pervenute altre 1430 istanze ingenti spese necessarie per gestire una selezione di queste dimensioni. La delibera di revoca lo ammette chiaramente: una «prima valutazione dei costi» indicava circa 8 mila euro per convocare con raccomandata tutti i candidati, più 5500 per affittare un palazzetto dello sport in cui celebrare la prova scritta e quella pratica, più altri 9075 più Iva per attività di supporto tecnico da affidare a una società esterna specializzata. In totale circa 25 mila euro: troppo. Meglio revocare tutto con buona pace delle spese fin qui sostenute e del lavoro svolto dagli uffici per l esame e l ammissione delle domande - e trovare un altra soluzione. Ad offrirla è stata l ospedale Maggiore, che in questo periodo sta per partire con un proprio concorso pubblico per infermieri e ha offerto all Asl di aderire alla procedura dividendo le spese, preventivate in 27 mila euro. Una strada che «comporta un consi- stente risparmio, sia economico sia di risorse organizzative». Tanto più che al nuovo concorso aderisce anche l Asl di Vercelli e quindi i costi saranno da ripartire in tre. E pazienza per i duemila che avevano raccolto pacchi di documenti, li avevano inviati all Asl e poi erano rimasti in paziente attesa: fatica sprecata, ora tocca ricominciare da capo. Ma almeno senza «ulteriori oneri economici, considerando la modalità telematica adottata» dal Maggiore.

2 Clinica Alzheimer Arrivati i fondi per finire i lavori Da Crt e San Paolo 7 milioni per la struttura il caso MARCO ACCOSSATO Compagnia di San Paolo e Fondazione Crt hanno consegnato circa 7 milioni di euro per la Clinica della Memoria destinata ai malati di Alzheimer. Grazie al contributo delle due fondazioni torinesi ( la Crt, la Compagnia di San Paolo) si fa concreto il sogno di don Mario Foradini, parroco di San Secondo e ispiratore del progetto. «Per raggiungere l intera somma necessaria - calcola il sacerdote - mancano a questo punto soltanto 3 milioni, per i quali apriremo una sottoscrizione pubblica». La storia infinita Una storia infinita, quella della Clinica a Collegno, da quando nel 2000 nacque il progetto e venne poi posata la prima pietra su un terreno ex Fiat-Avio donato dall Avvocato Agnelli. Nel anno in cui avrebbe dovuto essere inaugurata - l allora assessore regionale alla Sanità impose un freno ai lavori perché, una volta aperto, quel centro («Sproporzionato per il fabbisogno dei piemontesi», si disse) stando alla programmazione regionale non avrebbe potuto essere sostenuto economicamente dalla Regione. Da allora a oggi si è andati comunque avanti con il cantiere grazie a fondi donati INCONTRI Un aiuto alle famiglie dei malati Sabato prossimo, dalle 10 alle 16, nella sede del Centro Servizi per Volontariato V.S.S.P., in via Giolitti 21, è in programma l incontro «Non dimenticare chi dimentica», iniziativa aperta a tutti i cittadini per approfondire il tema dell Alzheimer. Al San Luigi di Orbassano, domani, dalle 15 alle 18, incontro «Prendersi cura di un familiare con l Alzheimer: consigli per un lungo viaggio». e alla tenacia di don Foradini. Ma non si è mai riusciti ad arrivare all inaugurazione. Sulla questione intervenne persino l allora arcivescovo di Torino, Severino Poletto: «Sarebbe un vero peccato - scrisse - se sciupando gli in- Assistenza e ricerca Nella nuova Clinica saranno 60 i posti letto per malati di Alzheimer, ma la struttura avrà anche un centro ricerche vestimenti già fatti e non contribuendo a soccorrere tanti fratelli e sorelle colpiti dall Alzheimer non giungesse a termine ciò che con generosità don Foradini ha cercato di portare avanti fino ad oggi». Tredici anni dopo la stesura del progetto non c è ancora una nuova data per il taglio del nastro, ma oggi l obiettivo sembra davvero più vicino. «In meno di un anno, da quando avremo tutti i fondi, possiamo concludere le opere e aprire la struttura», calcola don Foradini. Nel frattempo 3 milioni di euro sono già andati in fumo per proteggere dal degrado ciò che esiste. Sessanta letti Quando la Clinica sarà aperta il Piemonte avrà 60 letti per malati di Alzheimer e due centri diurni. «Posti indispensabili - commenta don TREDICI ANNI Si avvia alla soluzione una storia infinita iniziata nel 2000 Foradini - se si considera che soltanto quest anno, e soltanto fra i residenti nella mia parrocchia, dieci persone hanno avuto una diagnosi di Alzheimer. Una situazione che si aggrava sempre più a Torino come nel resto del Piemonte». Resta il punto interrogativo sulla gestione. L originaria ipotesi dell Idi è tramontata, «ma - spiega don Foradini - la gestione potrebbe essere affidata all Irccs di Brescia». Accanto ai letti, infatti, la Clinica della memoria avrà un ala dedicata alla ricerca, stile Istituto di Candiolo.

3

4 Allarme di Pd e Cisl Auxologico senza fondi rischia la chiusura «E a rischio il futuro dell istituto Auxologico di Piancavallo, ma è ancora possibile intervenire evitando il peggio». L allarme sul futuro dell istituto verbanese arriva dal Pd, dal capogruppo in Consiglio regionale Aldo Reschigna, ma anche dai sindacati. L Auxologico è assieme alla Clinica Maugeri a Veruno uno dei due istituti di ricovero e cura a carattere scientifico del Piemonte. Da tempo questi istituti ricevono un sostegno economico per un attività che va oltre quella della cura: una maggiorazione del 13 per cento del valore delle attività di cura e riabilitazione svolte. «Nel piano di rientro della sanità ci sarebbe però non solo la riduzione del tre per cento del budget rispetto al 2012, come per tutte le attività private, ma anche l eliminazione della maggiorazione del tredici per cento: quale azienda può sopravvivere se di colpo gli viene tolto il sedici per cento del fatturato?» dice Reschigna. Sottolinea «le conseguenze sul piano lavorativo visto che a Piancavallo lavorano circa 400 persone. Ne ho parlato con l assessore Cavallera, ma al momento però c è certezza». «Siamo preoccupati e delusi dall atteggiamento della Regione, chiediamo che anche la direzione si attivi e faccia sentire la sua voce» dicono per la Cisl il segretario provinciale Luca Caretti e quello della Funzione Pubblica Cisl Maria Pia Mascetta. Già oggi dalle 12 alle 14 la Cisl sarà presente per un volantinaggio davanti all istituto a Piancavallo per sensibilizzare i lavoratori, invitandoli anche a un assemblea convocata per mercoledì prossimo alle 20 alla Famiglia Studenti a Verbania. [L.ZIR.]

5 LA PROTESTA DELLE ASSOCIAZIONI CONTRO LA REGIONE «Diritti ridotti per gli anziani non autosufficienti» Un «accanimento della Regione verso la fasce più deboli della popolazione»: il Gruppo di lavoro sugli anziani non autosufficienti del Vco commenta così le scelte fatte con le ultime delibere regionali in materia di sanità e di anziani non autosufficienti. «Con la delibera adottata a giugno l assessorato regionale alla sanità ha elevato i parametri per il ricovero in Rsa (residenza sanitaria assistenziale, ndr), con il falso intento di per eliminare le liste d attesa - scrivono le associazioni - in realtà la delibera elimina il diritto stesso. Solo le persone anziane totalmente non autosufficienti, povere e prive di nucleo famigliare potranno ottenere il ricovero entro tre mesi dalla visita, gli anziani con punteggi inferiori potranno accedere solo all assistenza domiciliare. Sono previste anche procedure burocratiche più complesse». Nel mirino anche l aumento delle rette «di 70 euro al mese per l anziano totalmente non autosufficiente, inoltre la continuità assistenziale con ricoveri temporanei, country hospital e altro è stata abolita e assegnata alle case di cura». A preoccupare sono anche i tagli al budget destinato alle strutture sanitarie, «una riduzione del 5% della quota a carico della sanità. Tutti pesanti ostacoli che ledono i diritti dei malati cronici non autosufficienti e li costringeranno a stare in ambienti terapeutici non appropriati e più costosi». [L.ZIR.]

6 INAUGURAZIONE. AMBULATORI E LABORATORI SI AGGIUNGONO ALLA SEDE DI MIAZZINA Garofalo, la sanità privata raddoppia a Gravellona Il gruppo romano apre domani un nuovo istituto di riabilitazione LUCA ZIROTTI GRAVELLONA TOCE Il gruppo Garofalo raddoppia la sua presenza in Piemonte e dopo l Eremo di Miazzina ora lancia anche la nuova sede di Gravellona Toce. L azienda romana della sanità privata, che già controlla la storica casa di cura del Verbano, inaugurerà domani mattina il nuovo istituto di Gravellona con l obiettivo di rilanciare i servizi di cura e riabilitazione e l attività ambulatoriale legata all Eremo, con nuovi laboratori e uno spazio per la degenza. Al taglio del nastro alle 12 in via Albertini a Gravellona è atteso anche il presidente della Regione Roberto Cota. La nuova struttura sanitaria sorge su un area di circa 6 mila metri quadrati a poche centinaia di metri dal centro di Gravellona, nella zona dei centri commerciali. I 52 posti letto su cui può contare sono trasferiti dall Eremo di Miazzina, dunque non sono posti letto in più accreditati al sistema sanitario regionale rispetto ai 270 attuali su cui può contare l azienda. Vengono dunque ridotti i posti letto disponibili all Eremo, ma il «cuore» del nuovo centro sono i laboratori, più moderni e ospitati ora in una struttura più ampia rispetto al servizio di poliambulatorio erogato finora nella sede distaccata di via Cadorna a Verbania. Oltre a due grandi palestre, l istituto è dotato di una piscina terapeutica computerizzata. C è poi il reparto di radiologia, un ambulatorio di neurofisiologia e uno di cardiologia. Il reparto di oculistica dispone invece di due ambulatori, oltre ad una sala operatoria dedicata all attività oculistica d eccellenza. «La scelta di puntare su Gravellona è dovuta a ragioni geografiche, ma anche Il nuovo istituto del gruppo Garofalo a Gravellona Toce al fatto che è un Comune finora privo di servizi sanitari, vogliamo che diventi un polo di riferimento sia per i piemontesi che per i lombardi» dice Maria Laura Garofalo, presidente del gruppo Garofalo. La sede all Eremo di Miazzina continuerà ad avere oltre duecento posti accreditati, mentre su Gravellona si accentrerà l attività ambulatoriale e di alta specializzazione. Non sono ancora arrivate al momento indicazioni da parte dell azienda su quanti e quali dipendenti saranno spostati dall Eremo a Gravellona 6000 metri quadrati È l area in cui si sviluppa il nuovo centro medico che avrà 52 posti letto ambulatori e piscina e sull inserimento di nuovi operatori. «Dalle indicazioni avute in un recente incontro si parla di almeno una trentina di assunzioni per avviare il «Questa città è un luogo strategico Sarà un riferimento per Piemonte e Lombardia» Maria Laura Garofalo presidente del gruppo romano nuovo istituto e ulteriori possibili inserimenti più avanti - spiega Antonio Dellera, segretario provinciale del sindacato Fials - prendiamo atto che è al momento l unica situazione in controtendenza, che ragiona su nuovi investimenti e intenzionata a portare avanti la trattativa con la Regione per avere l accreditamento di ulteriori posti letto, nonostante il momento di difficoltà generale per la sanità piemontese. Confidiamo in un pieno rilancio dell attività ambulatoriale, per la buona riuscita- dell operazione».

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Soggetto: Cooperativa Sociale Nuova Sair. Forma Giuridica: Cooperativa Sociale di tipo A. Sede principale: Viale del Tecnopolo 83 - Roma

Soggetto: Cooperativa Sociale Nuova Sair. Forma Giuridica: Cooperativa Sociale di tipo A. Sede principale: Viale del Tecnopolo 83 - Roma Soggetto: Cooperativa Sociale Nuova Sair Forma Giuridica: Cooperativa Sociale di tipo A Sede principale: Viale del Tecnopolo 83 - Roma Altre sedi: Milano, Torino, Firenze, Ancona, Napoli e Cagliari Servizi

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

sanità asl 14 Azienda Sanitaria Locale n. 14 del Verbano Cusio Ossola

sanità asl 14 Azienda Sanitaria Locale n. 14 del Verbano Cusio Ossola asl 14 Azienda Sanitaria Locale n. 14 del Verbano Cusio Ossola SEDE ORGANIZZATIVA: via Mazzini, 117 28887 Omegna (VB) 0323 868178 800 307114 (numero verde, informazioni da lunedì al venerdì dalle 8.00

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 24-7560 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 2012 e 2013 per gli interventi finalizzati

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Cota: Lamiagiunta nontraballa Èl oradiresistere Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Retroscena «La mia giunta non traballa. Nei m o m e n t i difficili bisogna saper resistere». Roberto Cota,

Dettagli

La Regione taglia gli stipendi ai collaboratori della giunta PER un centinaio di lavoratori

La Regione taglia gli stipendi ai collaboratori della giunta PER un centinaio di lavoratori La Regione taglia gli stipendi ai collaboratori della giunta PER un centinaio di lavoratori della Regione la spending review avrà avrà come effetto un taglio dello stipendio pari al 15 oper cento. La misura

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale.

CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale. CITTADINI E SALUTE In Italia attraverso il Servizio Sanitario ad ogni cittadino è garantita la salute secondo i livelli essenziali di assistenza (LEA). Con la legge Costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3,

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 23 febbraio

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Storia e fini della Misericordia di Borgo a Mozzano

Storia e fini della Misericordia di Borgo a Mozzano LA MISERICORDIA Storia e fini della Misericordia di Borgo a Mozzano La Misericordia di Borgo a Mozzano nasce il 14 marzo del 1897 per l unanime desiderio delle Parrocchie di S. Jacopo e di S. Rocco di

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LOZIORI DANIELA Telefono 349-1886188 Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 06.09.1962

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

OGGETTO: I 10 obiettivi raggiunti dalla Asl Bat nell ultimo quinquennio

OGGETTO: I 10 obiettivi raggiunti dalla Asl Bat nell ultimo quinquennio Prot.n. 64929 Andria, 10.11.2009 OGGETTO: I 10 obiettivi raggiunti dalla Asl Bat nell ultimo quinquennio Andria Barletta Bisceglie Canosa di Puglia Margherita di Savoia Minervino Murge S. Ferdinando di

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

Come recuperare efficienza

Come recuperare efficienza Dopo la presentazione del modello lombardo di Cota e Ferrero Come recuperare efficienza La proposta del Partito Democratico per la sanità piemontese 1 Quattro premesse 1. Qui non parliamo di come migliorare

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

A.O. POLO UNIVERSITARIO LUIGI SACCO

A.O. POLO UNIVERSITARIO LUIGI SACCO A.O. POLO UNIVERSITARIO LUIGI SACCO MILANO: Via G.B. Grassi, 74 20157 Milano Collocazione geografica : zona cittadina considerata ad alto livello di attenzione sociale A.O. SACCO Problema: SICUREZZA NEL

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA S. LUIGI GONZAGA IN COLLABORAZIONE CON ASL TO 3 ISTITUZIONE E istituito presso la, il Master di I livello

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

FASIE Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa per i Lavoratori dell Industria Settore Energia

FASIE Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa per i Lavoratori dell Industria Settore Energia CCNL Energia e Petrolio CCNL Gas e Acqua FASIE Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa per i Lavoratori dell Industria Settore Energia Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa Energia Piazzale Luigi Sturzo

Dettagli

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi.

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. CARTA DEI SERVIZI Presentazione Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. Questo importante strumento è stato concepito per portarla a conoscenza dei servizi erogati all

Dettagli

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI 04/2013 Certificazione di malattia e visite mediche di controllo INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI COME OTTENERE IL CERTIFICATO DI MALATTIA Per ottenere il certificato

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

Area vasta pordenonese

Area vasta pordenonese Area vasta pordenonese alcune riflessioni sulle problematiche della sanità in provincia di Pordenone, sulla riorganizzazione della rete ospedaliera e dei servizi sanitari sul territorio Legge Regionale

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE Isola d Elba 3-5 ottobre 2014 Centro Congressi la Biodola COMPLESSITA CURA CAMBIAMENTO DEL BISOGNO DI CURE Paziente fragile frequent user a forte necessità

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE COMUNICATO STAMPA Torino, 30 novembre 2011 PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE Si inaugura all insegna della sicurezza del lavoro la costruzione della sede

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Il problema riguarda in particolare gli over 65 Ticket,l esenzioneèunabeffa CodeeprotestenelleAsl Database incompleti. E i medici chiedono ai pazienti di rifare la trafila BASILICA TRAVOLTA DALL INCURIA

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA La riforma sanitaria e socio-sanitaria Per iniziare a parlare di riforma sanitaria, socio-sanitaria e sociale nel nostro territorio dobbiamo

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

IL DIRITTO ALLE CURE SANITARIE E SOCIO-SANITARIE DELLE PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O AUTISMO

IL DIRITTO ALLE CURE SANITARIE E SOCIO-SANITARIE DELLE PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O AUTISMO IL DIRITTO ALLE CURE SANITARIE E SOCIO-SANITARIE DELLE PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O AUTISMO. LE RICHIESTE DELLE ASSOCIAZIONI ALLA REGIONE PIEMONTE Le persone con disabilità intellettiva e/o

Dettagli

INTENDE PROCEDERE ALLA CREAZIONE DI UN ELENCO

INTENDE PROCEDERE ALLA CREAZIONE DI UN ELENCO Gestione ex Inpdap COMUNE DI CATANIA AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI SOGGETTI ATTUATORI DI UN PROGETTO SPERIMENTALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ASSISTITI INPDAP NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara.

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara. Convegno Regione Piemonte Le buone pratiche sanitarie e la gestione del territorio Relazione presentata a Torino il 29.9.2007 Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA Roma, 14 gen. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - I medici di famiglia della Fimmg pronti a dare battaglia contro gli effetti della manovra 'salva-italià

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

XII convegno federazione fra le associazioni per l aiuto ai soggetti con sindrome di prader willi e loro famiglie

XII convegno federazione fra le associazioni per l aiuto ai soggetti con sindrome di prader willi e loro famiglie XII convegno federazione fra le associazioni per l aiuto ai soggetti con sindrome di prader willi e loro famiglie Torino 2008 Jolly hotel ambasciatori Corso Vittorio Emanuele II, 104 - torino Torino, 19

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia. Sonia Prandi

Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia. Sonia Prandi Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia Sonia Prandi Che cos è un programma di screening? E un intervento programmato di prevenzione secondaria - diagnosi precoce effettuato dal Servizio

Dettagli

RESIDENZIALITA E ANZIANI

RESIDENZIALITA E ANZIANI Residenzialità Solidale e Amministrazioni di Sostegno RESIDENZIALITA E ANZIANI Dott. Lorenzo Sampietro Demografia in pillole La Liguria è la Regione che ha la più alta percentuale di anziani 26,8% con

Dettagli

Celebrazione della 6 Giornata Europea dei diritti del malato. Banchetto informativo Distribuzione della carta europea dei diritti del malato

Celebrazione della 6 Giornata Europea dei diritti del malato. Banchetto informativo Distribuzione della carta europea dei diritti del malato Celebrazione della 6 Giornata Europea dei Città ABBRUZZO L Aquila CALABRIA Lamezia Terme Reggio Calabria 18 aprile Iniziative Banchetto informativo dei dei Richiesta di convocazione della conferenza dei

Dettagli

sabato 28 settembre 2013

sabato 28 settembre 2013 Rassegna Stampa CISL Bergamo sabato 28 settembre 2013 sabato 28 settembre 2013 Iva: l aumento al 22 per cento slitta a gennaio Rifinanziata anche la cassa in deroga. La copertura del mancato aumento dall'acconto

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Un'altro passo per l'integrativo: accordo fatto per l'assidai

Un'altro passo per l'integrativo: accordo fatto per l'assidai Un'altro passo per l'integrativo: accordo fatto per l'assidai Dal 1 luglio i dirigenti del gruppo FS, iscritti e non iscritti all'assidifer Fndai, potranno sottoscrivere la polizza integrativa del FASI

Dettagli

ANGSA LOMBARDIA ONLUS

ANGSA LOMBARDIA ONLUS ANGSA LOMBARDIA ONLUS Convegno Coop. Sociale Cascina Bianca ASCOLTARE, INFORMARE SENSIBILIZZARE, FARE RETE presentazione di RETE AUTISMO CRITICITA DEL PROGETTO DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO I CARE

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli