Assicurare un assistenza conforme agli standard

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assicurare un assistenza conforme agli standard"

Transcript

1 News2_08_OK :44 Page 28 pubblicazioni Dagli Stati Uniti: sette consigli legali per una pratica infermieristica sicura di Sally Austin - tratto da Nursing 2008, marzo 2008, Volume 38 Numero 3, pagine ADN, BGS, CPC-A, JD. traduzione di Elisa Crotti - revisione di Paola Gobbi Assicurare un assistenza conforme agli standard della pratica infermieristica significa tutelare noi stessi e i nostri pazienti. Dal punto di vista legale, gli infermieri hanno la responsabilità di fornire un assistenza in linea con quella garantita da un qualsiasi infermiere diligente in circostanze simili o identiche, cioè secondo la legge dell arte, quel complesso di regole e prescrizioni tecniche che la scienza e l esperienza professionale hanno elaborato per effettuare un determinato trattamento nell interesse della persona. Gli standard dell assistenza infermieristica sono basate sulle più recenti prove di efficacia tratte dalla letteratura. In tal senso, negli Stati Uniti entrano in gioco le leggi federali e nazionali, gli atti della pratica infermieristica, le sentenze della Corte, le organizzazioni come l American Nurses Association e la Joint Commission e quelle che rilasciano le certificazioni di specialità, le procedure e le politiche delle organizzazioni in cui si opera e le job description. Dal momento che gli standard infermieristici cambiano per adeguarsi alle innovazioni in ambito medico, infermieristico e legale, tenersi aggiornati e stare al passo non è sempre facile. Al fine di mantenere elevati gli standard e tutelarsi dai problemi legali correlati all assistenza infermieristica, verranno di seguito indicati sette principi chiave che l infermiere dovrebbe seguire durante l assistenza al paziente. Verranno altresì forniti esempi che illustrano come eventuali errori e mancanze possano esporre i professionisti a responsabilità legale. Attenersi al processo infermieristico Le cinque fasi del processo infermieristico 28 sono universalmente riconosciute. I problemi possono sorgere durante ciascuna di queste fasi: Valutazione infermieristica - raccolta di dati e informazioni in merito ai segni e ai sintomi del paziente. Diagnosi infermieristica - identificazione adeguata dei problemi del paziente. Pianificazione - individuazione degli obiettivi dell assistenza e degli outcome desiderati, nonché delle azioni infermieristiche appropriate. Implementazione - attuazione delle azioni infermieristiche identificate in fase di pianificazione. Valutazione - valutazione degli obiettivi raggiunti e degli outcome conseguiti e rivisitazione dei piani di assistenza in base ai risultati. La maggior parte delle azioni legali intraprese nei confronti degli infermieri prendono avvio quando un paziente, o il suo avvocato difensore, lamentano il mancato rispetto dello standard assistenziale, causa di pregiudizio per il paziente. Sebbene la nostra preoccupazione principale sia la sicurezza del paziente, attenersi ai seguenti sette principi chiave ci consentirà di tutelare da un punto di vista legale anche noi stessi. 1. Somministrare i farmaci correttamente Gli errori nella somministrazione dei farmaci mettono a repentaglio la sicurezza del paziente e sono decisamente frequenti. Tendono inoltre ad avere significative ricadute economiche: oltre a nuocere, possono portare a costose assistenze di follow-up, a controversie legali e a risarcimenti dei danni subiti. Conoscere il farmaco da somministrare è un aspetto di cruciale importanza con riferimento alla terapia farmacologica.

2 News2_08_OK :44 Page 29 Prima di somministrare un farmaco prescritto, occorre conoscerne lo scopo e le azioni, il dosaggio appropriato per le condizioni del nostro paziente, la via di somministrazione, le possibili reazioni avverse e le eventuali controindicazioni. Come ultima linea di difesa, prima che l errore coinvolga il paziente, bisogna inoltre prestare massima attenzione a tutti gli aspetti relativi al processo di somministrazione del farmaco come la gestione, la preparazione e la distribuzione, nonché l etichettatura. Se non si conosce un farmaco bisogna consultare la farmacopea o chiedere al farmacista. Quando si somministra un farmaco, assicuriamoci di seguire i cinque giusti della somministrazione: Paziente giusto Farmaco giusto Dose giusta Tempo giusto Via giusta (metodo o sito) Uno sbagliato in uno qualsiasi di questi punti base può ledere o uccidere il paziente. Gli esperti in materia di sicurezza dei farmaci affermano che quelli presentati sono solo la punta dell iceberg. Altri errori potenzialmente pericolosi consistono nel mancato controllo del registro di somministrazione dei farmaci in seguito alla prescrizione, nell uso di abbreviazioni non standardizzate a livello aziendale o proibite - che possono portare alla somministrazione di farmaci errati o a uno scorretto dosaggio, negli errori di interpretazione di calligrafie difficilmente leggibili, nell impossibilità di ottenere i chiarimenti necessari e negli errori di trascrizione. Pensiamo a quanto spesso e in quanti modi a un paziente non viene somministrato un farmaco o, al contrario, ne viene somministrata una dose in eccedenza. Facciamo un esempio: al paziente non viene somministrata la dose quando la prescrizione non è stata trascritta, il farmaco non è disponibile al momento opportuno, la prescrizione non viene considerata per una svista o la dose viene somministrata a un altro paziente. Sull altro fronte, se l infermiere dimentica di registrare la somministrazione e un secondo infermiere interviene, il paziente riceve un doppio dosaggio. Ciò è molto più frequente nelle pause o all ora dei pasti, quando un altro infermiere deve temporaneamente occuparsi dell assistenza al paziente. Gli ospedali possono adottare alcune misure di sicurezza, come ad esempio i doppi controlli indipendenti, per prevenire gli errori associati a farmaci pericolosi in alte dosi, soprattutto con riferimento ai pazienti pediatrici. In base alla politica delle strutture in cui si opera è possibile realizzare un doppio controllo indipendente, in cui un infermiere procede con il trattamento, mentre l altro indipendentemente verifica che il farmaco, la dose e la via di somministrazione siano corretti. Entrambi, poi, annotano la somministrazione nel registro dei farmaci o inseriscono i dati nel registro clinico informatizzato. Sono le stesse organizzazioni a determinare quali siano i farmaci che richiedono queste precauzioni aggiuntive; alcuni esempi comuni riguardano i farmaci intravenosi ad alto rischio, come l eparina e l insulina. Il seguente caso illustra un errore dovuto a inesattezze nella prescrizione, distribuzione e somministrazione del farmaco. Un medico prescrive un antibiotico a base di doxiciclina scrivendo Vibramycin, 100 mg I.M. b.i.d.. Ma la Vibramycin parenterale può essere somministrata solo per via intravenosa, non intramuscolare. Il farmacista che controlla l ordine si accorge dell errore e inserisce nella confezione una nota sulla fiala indicando che il farmaco deve essere somministrato per via intravenosa. L infermiere non si accorge della nota del farmacista e si attiene all ordine scritto. Risultato: il paziente riceve il farmaco giusto per via sbagliata. Alla base di questo errore c è il medico che ha compilato la prescrizione. Il farmacista avrebbe dovuto contattare il medico per chiarire la prescrizione e avrebbe dovuto avvisare l infermiere in merito alla via di somministrazione del farmaco. L infermiere, non conoscendo la 29

3 News2_08_OK :44 Page 30 via corretta di somministrazione del Vibramycin, avrebbe dovuto consultare una farmacopea aggiornata. Invece, in questa caso, il farmaco è stato somministrato sulla base di una prescrizione errata Monitorare e segnalare i peggioramenti Secondo il processo infermieristico, gli standard assistenziali richiedono una valutazione costante del paziente. Una volta realizzata la valutazione iniziale, fatta la diagnosi infermieristica e avviato il piano di assistenza, è necessario continuare a monitorare le condizioni del paziente e a comunicare l efficacia del trattamento. I segni di peggioramento e i sintomi di una inadeguata risposta al trattamento ci suggeriscono di modificare il piano di assistenza. Molte delle azioni legali condotte contro gli infermieri sono basate sull incapacità di monitorare o riconoscere i cambiamenti nelle condizioni del paziente. Il nostro compito va oltre l attento monitoraggio e la pronta documentazione di qualsiasi cambiamento. Anche se ben realizzati, non riconoscere l importanza del cambiamento, o non comunicarlo chiaramente e tempestivamente al medico, potrebbe mettere a repentaglio il paziente e lasciare la porta aperta alla nostra responsabilità. In alcune azioni legali gli infermieri sono stati accusati di carenze nella comunicazione o negli interventi salvavita (per non aver reagito adeguatamente al peggioramento delle condizioni del paziente). Il seguente esempio mostra perché. Una donna giunge in ospedale lamentando un intenso dolore all addome e alla parte inferiore della schiena. Basandosi sui risultati del test diagnostico, il suo medico sospetta una polmonite al lobo sinistro inferiore. Somministra quindi alla paziente un antibiotico ad ampio spettro. Le condizioni della donna migliorano. In breve tempo però il battito cardiaco della paziente aumenta e la signora incomincia ad avvertire angustia, mancanza di respiro e dolore diffuso. L infermiera non avvisa il medico. Due ore dopo, la paziente va in arresto cardiaco e muore Comunicare con efficacia Oltre a informare il medico in merito allo stato attuale o ai cambiamenti nelle condizioni del paziente, è necessario comunicare chiaramente con i pazienti e i colleghi in ogni fase del processo assistenziale. Le buone competenze comunicative sono essenziali quando: l assistenza del paziente viene affidata a un altra persona; si sta parlando e si sta educando il paziente; si sta interagendo con la famiglia del paziente o con altri visitatori. La comunicazione è un passaggio di informazioni a due vie, che richiede pertanto una buona capacità di ascolto. Ascoltiamo attentamente i familiari: potrebbero essere i primi a capire che qualcosa non va nel bambino o nella persona amata. Una sfida emergente per le professioni sanitarie negli Stati Uniti è rappresentata dal fatto che sempre più pazienti dimostrano una conoscenza limitata dell inglese. Affidiamoci a un interprete professionista esperto in ambito sanitario per tradurre le istruzioni o le domande rivolte al paziente, nonché le sue risposte. Gli ospedali hanno il dovere, se necessario, di fornire gli interpreti. Se non è disponibile un interprete competente in area sanitaria possiamo essere accusati di aver prestato un assistenza infermieristica al di sotto degli standard. La Joint Commission ha individuato uno standard della comunicazione da rispettare nel momento in cui un caregiver affida il paziente a un altro caregiver. In base a quanto previsto dalla Joint Commission, l infermiere che demanda l assistenza deve fornire all infermiere che riceve in carico il paziente tutte le informazioni necessarie sul suo stato attuale, sulle risposte al trattamento durante il turno, su qualsiasi cambiamento nella sua condizione o nel piano del trattamento, oltre a tutte quelle informazioni che possono contribuire alla pianificazione dell assistenza. Gli standard prevedono che la comunicazione durante il trasferimento sia interattiva, al fine di

4 News2_08_OK :44 Page 31 consentire a entrambe le parti di porre domande e minimizzare le interruzioni 3. Il seguente caso dimostra come una comunicazione non efficace possa comportare problemi di tipo legale. A un neonato viene somministrata un infusione di gluconato di calcio per via intravenosa nel piede destro. Durante il trattamento, l infermiere nota una scoloritura e un edema nel sito dell iniezione. Dal momento che il bambino sta per essere trasferito in un altra unità, la nota di trasferimento indica il momento in cui è stato rilevato l edema e il fatto che l infermiere abbia controllato l area prima del trasferimento; comunque, questi dettagli non compaiono nella cartella clinica. Qui infatti vi sono fogli sui quali alcuni degli scritti originali sono stati scarabocchiati e riscritti. Quando i genitori del bambino giungono in ospedale e chiedono al personale informazioni in merito alla ferita, si sentono rispondere che si tratta di una vescica. Con il tempo, però, si genera una grande cicatrice e il bambino ha difficoltà di movimento. I genitori citano in giudizio l infermiere che ha assistito il piccolo 4. Quando discutete dell assistenza ricordate la formula SBAR Per garantire una comunicazione efficace e comprensibile nel momento in cui riportate le condizioni del paziente o lo trasferite, ricordate l acronimo SBAR: S sta per situazione (identificate il paziente e i motivi che hanno portato al ricovero). B sta per background (fornite una breve e significativa storia medica, con analisi e trattamenti completati). A sta per assessment valutazione (descrivete la condizione attuale del paziente). R sta per raccomandazione (discutete il piano assistenziale del paziente). Se ricevete un nuovo paziente assicuratevi di ottenere tutte queste informazioni dal caregiver che vi ha preceduti. Per ulteriori informazioni e per scaricare una copia dei due strumenti SBAR dal sito dell Institute for Helthcare Improvement visitate il sito 4.Attribuire compiti responsabilmente In generale, oggi i pazienti ospedalizzati sono più acuti rispetto al passato. Dal momento che gli infermieri esperti non sono numerosi, stanno ricomparendo i team infermieristici che si avvalgono di personale non abilitato. In qualità di infermieri, dovete capire chi ha le competenze necessarie e le conoscenze per far fronte alle esigenze del paziente ogni volta che attribuite mansioni assistenziali a qualcun altro. Quando assegnate un compito, siete comunque responsabili dell assistenza e dovete attribuire adeguatamente, supervisionando la persona che svolge il compito. Per far ciò in sicurezza, dovete sapere cosa il vostro Board of Nursing statale (profilo professionale) vi permette di attribuire ad altri. Vi sono Stati che non specificano quali siano i compiti delegabili, altri invece lo fanno. Alcuni esempi di compiti comunemente attribuibili negli Stati Uniti sono l igiene o l inserimento di un catetere urinario permanente. I 5 giusti per attribuire ad un altro caregiver forniscono una guida facile da ricordare: persona giusta, compito giusto, circostanze giuste, direzione giusta, supervisione giusta. La persona giusta si riferisce sia all infermiere sia a colui che svolgerà il compito al suo posto. Per dirigere e supervisionare con adeguatezza, dovete essere infermieri abilitati e dovete conoscere le qualifiche e le competenze del vostro staff. Il compito giusto è quello che può essere attribuito in sicurezza per uno specifico paziente. Solitamente si tratta di compiti routinari (procedure invariate e standard) e che presentano il minimo rischio e risultati prevedibili. Non attribuiamo compiti complessi che richiedono una valutazione o un giudizio di tipo infermieristico. Per determinare le circostanze giuste, consideriamo tutti i fattori rilevanti, fra cui l appropriatezza del contesto e le risorse disponibili. I compiti che si adattano al criterio compiti giusti potrebbero non essere appropriati se le circostanze (fra cui le condizioni del paziente) non consentono l attribuzione. Ad esempio, non deve essere consentito asse- 31

5 News2_08_OK :44 Page gnare ad un operatore di supporto la deambulazione di un paziente a elevato rischio di caduta. Dare la direzione giusta significa fornire una descrizione chiara e coincisa del compito che state attribuendo, in cui siano esplicitati i limiti obiettivi e le aspettative. Un esempio in tal senso potrebbe essere il seguente: Quando misuri la pressione del signor Rossi, il range accettabile varia fra 80/120 e 80/140. Se leggi un valore al di fuori di questo range, per favore segnalamelo immediatamente. Per garantire la supervisione giusta è necessario conoscere le qualifiche e le competenze del vostro staff, i risultati dei compiti attribuiti e quindi attuare un accurata valutazione. A volte è opportuno intervenire personalmente: in qualità di infermieri supervisori, siamo comunque responsabili del paziente e dobbiamo valutare la sua condizione e la risposta ai trattamenti. Di seguito si riporta un esempio di attribuzione inadeguata che mette seriamente a repentaglio il paziente. Un infermiera chiede a una operatrice di supporto (OSS) di rilevare il livello di glucosio di un paziente. L OSS si reca nella stanza del paziente e apparentemente fa quanto richiesto. Al cambio del turno, l infermiera le chiede quali siano le misure rilevate. L OSS risponde che durante il test sullo schermo è apparso EEEEE. L infermiera le domanda se ha ripetuto il test, e questa risponde di no, precisando di aver riportato la lettura nel grafico del paziente. Un successivo test indica che il livello di glucosio è superiore a 800 mg/dl. Il paziente viene trasferito in terapia intensiva. La violazione dei cinque giusti nell attribuzione è evidente in questo scenario. L operatrice non era adeguatamente formata all uso del glucometro e non era la persona giusta, in quelle circostanze, per svolgere il compito. Il livello di glucosio del paziente era stabile prima che l infermiera assegnasse l incarico? Anche la giusta direzione e la giusta supervisione erano carenti in questo esempio. Bisognava al contrario specificare il range di glucosio ammissibile e richiedere la segnalazione immediata qualora non fosse all interno di tale range. Aspettare fino alla fine del turno per chiedere il risultato è un altro serio errore di valutazione. 5. Documentare in modo accurato e tempestivo Registrare nella cartella clinica (e/o infermieristica) in modo accurato e tempestivo è fondamentale per queste ragioni: La cartella clinica è un documento legale previsto dalle leggi e dai regolamenti dello Stato È un mezzo di comunicazione fra caregiver che assicura la continuità dell assistenza. È usata per la ricerca e la formazione. È impiegata per dare fondatezza alle richieste di rimborsi da parte dell assicurazione. Può essere usata come prova nei processi legali, al fine di stabilire se l assistenza prestata ha risposto agli standard legali di assistenza. Un regola base per una corretta documentazione consiste nell attenersi alle politiche e alle procedure della struttura in cui operate. Le politiche organizzative generalmente dettagliano quali forme vadano impiegate, come registrare successivamente un dato e come correggere un errore. Non seguire le procedure dell organizzazione può generare incoerenze, in grado di compromettere la sicurezza del paziente e creare problemi legali quando si è citato in giudizio. Per quanto professionale possa apparire un infermiere nel corso di un processo, una documentazione trascurata può dare alla giuria un impressione molto negativa. La situazione seguente dimostra i pericoli insiti in una documentazione distratta. Un uomo si ferisce alla gamba sinistra cadendo da un camion. In pronto soccorso viene ingessato, quindi ricoverato in ospedale per il trattamento delle ferite. Il giorno dopo inizia ad avvertire una sensazione di intorpidimento al piede sinistro. Il medico esamina il paziente e annota che le dita dei piedi sono fredde e diventano sempre più intorpidite ; perciò rimuove la parte superiore del gesso. Il giorno seguente il paziente lamenta un forte dolore al piede sinistro e l infermiere allerta un altro medico. Esaminando il paziente e notan-

6 News2_08_OK :44 Page 33 do che ha una sindrome compartimentale, il secondo medico svolge una fasciotomia, ma i problemi circolatori del paziente permangono fino all amputazione. Viene intentata un causa per malpractice nei confronti del medico, dell ospedale e del personale infermieristico. Dal momento che i controlli orari non sono stati registrati nella cartella clinica, la corte deve decidere se la negligenza dell infermiere sia stata parzialmente responsabile dell amputazione Conoscere e seguire le politiche e le procedure della struttura Le politiche e le procedure istituzionali aiutano a stabilire gli standard assistenziali nel caso si venga portati in giudizio. Le politiche e le procedure di assistenza al paziente devono essere basate su una pratica attuale e riconosciuta; devono essere aggiornate regolarmente e devono altresì essere realistiche. Qualsiasi minima deviazione dalla procedura che arrechi danno al paziente può rendere responsabili gli infermieri e la struttura; pertanto è necessaria un po di flessibilità. Per esempio, invece di stabilire che i segni vitali del paziente devono essere rilevati ogni 4 ore, è meglio affermare entro le 4 ore o ogni 4 ore con un margine di più o meno 30 minuti. Ciò consente di avere un certo margine. L infermiere del seguente caso viene citato per non aver seguito le indicazioni e le procedure dell ospedale. Un infermiere di area acuta applica un costrittore al polso di un paziente prima di lasciare brevemente la sua stanza. Quando ritorna, il paziente è accanto al letto e pende agganciato per il polso. A causa del dolore lamentato viene sottoposto ai raggi x, che mostrano la presenza di una frattura. Il paziente cita in giudizio l infermiere, affermando che è stato il costrittore a causare la frattura. Un testimone afferma nel corso del processo che l applicazione dei costrittori ai polsi non rientra nelle procedure dell ospedale. In ogni caso il paziente non ha potuto provare che sia stato il costrittore a causare la frattura Usare correttamente le attrezzature In qualità di infermieri, dobbiamo assicurarci di essere stati addestrati all uso corretto delle attrezzature impiegate per l assistenza al paziente. Occorre comprenderne la finalità e come utilizzarle, rispettando le politiche e le procedure. Non bisogna mai di tirare a indovinare. Il seguente caso dimostra come un paziente possa venir danneggiato da un uso scorretto delle attrezzature mediche. Una paziente sta per essere sottoposta a isteroscopia. Alla macchina manca una clip e gli infermieri collegano impropriamente le linee. La paziente muore e la famiglia cita in giudizio l ospedale. Le prove indicano che l attrezzatura era perfettamente funzionante al momento dell acquisto. Dimostrano inoltre che due degli infermieri deputati all assistenza della paziente non erano stati addestrati all uso dell attrezzatura. Quest ultimo aspetto potrebbe aver causato l incidente 7. Gli standard nella pratica Aderendo ai sette principi dell assistenza infermieristica indicati, possiamo contribuire alla tutela dei nostri pazienti, rispettando gli standard dell assistenza infermieristica nella pratica quotidiana ed evitando problemi di natura legale. Riferimenti bibliografici: 1. Gasson v. East Jefferson General Hospital, 628 So. 2d 256 (LA 1993) and 687 So. 2d 120 (1996). 2. Flores v. Cyborski, 629 N.E. 2d 74 IL (1993). 3. The Joint Commission National Patient Safety Goals. Accessed November 2, Federico F. Responding to a medication error. Forum (Risk Management Foundation, Harvard Medical Institutions). 23(2):18, May Dillon v. Medical Center Hospital, 648 N.E (1993). 6. Lyons v. Hahnemann University Hospital, (3rd Cir., 2004). 7. Chin v. St Barnabas Medical Center, 711 A.2d 352-NY (1998) 33

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci

Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci 120-2006 Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci Sussidi per la gestione del rischio 4 Accreditamento Redazione e impaginazione a cura di Federica Sarti - Agenzia sanitaria regionale

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Qualità e sicurezza delle cure

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli