Assicurare un assistenza conforme agli standard

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assicurare un assistenza conforme agli standard"

Transcript

1 News2_08_OK :44 Page 28 pubblicazioni Dagli Stati Uniti: sette consigli legali per una pratica infermieristica sicura di Sally Austin - tratto da Nursing 2008, marzo 2008, Volume 38 Numero 3, pagine ADN, BGS, CPC-A, JD. traduzione di Elisa Crotti - revisione di Paola Gobbi Assicurare un assistenza conforme agli standard della pratica infermieristica significa tutelare noi stessi e i nostri pazienti. Dal punto di vista legale, gli infermieri hanno la responsabilità di fornire un assistenza in linea con quella garantita da un qualsiasi infermiere diligente in circostanze simili o identiche, cioè secondo la legge dell arte, quel complesso di regole e prescrizioni tecniche che la scienza e l esperienza professionale hanno elaborato per effettuare un determinato trattamento nell interesse della persona. Gli standard dell assistenza infermieristica sono basate sulle più recenti prove di efficacia tratte dalla letteratura. In tal senso, negli Stati Uniti entrano in gioco le leggi federali e nazionali, gli atti della pratica infermieristica, le sentenze della Corte, le organizzazioni come l American Nurses Association e la Joint Commission e quelle che rilasciano le certificazioni di specialità, le procedure e le politiche delle organizzazioni in cui si opera e le job description. Dal momento che gli standard infermieristici cambiano per adeguarsi alle innovazioni in ambito medico, infermieristico e legale, tenersi aggiornati e stare al passo non è sempre facile. Al fine di mantenere elevati gli standard e tutelarsi dai problemi legali correlati all assistenza infermieristica, verranno di seguito indicati sette principi chiave che l infermiere dovrebbe seguire durante l assistenza al paziente. Verranno altresì forniti esempi che illustrano come eventuali errori e mancanze possano esporre i professionisti a responsabilità legale. Attenersi al processo infermieristico Le cinque fasi del processo infermieristico 28 sono universalmente riconosciute. I problemi possono sorgere durante ciascuna di queste fasi: Valutazione infermieristica - raccolta di dati e informazioni in merito ai segni e ai sintomi del paziente. Diagnosi infermieristica - identificazione adeguata dei problemi del paziente. Pianificazione - individuazione degli obiettivi dell assistenza e degli outcome desiderati, nonché delle azioni infermieristiche appropriate. Implementazione - attuazione delle azioni infermieristiche identificate in fase di pianificazione. Valutazione - valutazione degli obiettivi raggiunti e degli outcome conseguiti e rivisitazione dei piani di assistenza in base ai risultati. La maggior parte delle azioni legali intraprese nei confronti degli infermieri prendono avvio quando un paziente, o il suo avvocato difensore, lamentano il mancato rispetto dello standard assistenziale, causa di pregiudizio per il paziente. Sebbene la nostra preoccupazione principale sia la sicurezza del paziente, attenersi ai seguenti sette principi chiave ci consentirà di tutelare da un punto di vista legale anche noi stessi. 1. Somministrare i farmaci correttamente Gli errori nella somministrazione dei farmaci mettono a repentaglio la sicurezza del paziente e sono decisamente frequenti. Tendono inoltre ad avere significative ricadute economiche: oltre a nuocere, possono portare a costose assistenze di follow-up, a controversie legali e a risarcimenti dei danni subiti. Conoscere il farmaco da somministrare è un aspetto di cruciale importanza con riferimento alla terapia farmacologica.

2 News2_08_OK :44 Page 29 Prima di somministrare un farmaco prescritto, occorre conoscerne lo scopo e le azioni, il dosaggio appropriato per le condizioni del nostro paziente, la via di somministrazione, le possibili reazioni avverse e le eventuali controindicazioni. Come ultima linea di difesa, prima che l errore coinvolga il paziente, bisogna inoltre prestare massima attenzione a tutti gli aspetti relativi al processo di somministrazione del farmaco come la gestione, la preparazione e la distribuzione, nonché l etichettatura. Se non si conosce un farmaco bisogna consultare la farmacopea o chiedere al farmacista. Quando si somministra un farmaco, assicuriamoci di seguire i cinque giusti della somministrazione: Paziente giusto Farmaco giusto Dose giusta Tempo giusto Via giusta (metodo o sito) Uno sbagliato in uno qualsiasi di questi punti base può ledere o uccidere il paziente. Gli esperti in materia di sicurezza dei farmaci affermano che quelli presentati sono solo la punta dell iceberg. Altri errori potenzialmente pericolosi consistono nel mancato controllo del registro di somministrazione dei farmaci in seguito alla prescrizione, nell uso di abbreviazioni non standardizzate a livello aziendale o proibite - che possono portare alla somministrazione di farmaci errati o a uno scorretto dosaggio, negli errori di interpretazione di calligrafie difficilmente leggibili, nell impossibilità di ottenere i chiarimenti necessari e negli errori di trascrizione. Pensiamo a quanto spesso e in quanti modi a un paziente non viene somministrato un farmaco o, al contrario, ne viene somministrata una dose in eccedenza. Facciamo un esempio: al paziente non viene somministrata la dose quando la prescrizione non è stata trascritta, il farmaco non è disponibile al momento opportuno, la prescrizione non viene considerata per una svista o la dose viene somministrata a un altro paziente. Sull altro fronte, se l infermiere dimentica di registrare la somministrazione e un secondo infermiere interviene, il paziente riceve un doppio dosaggio. Ciò è molto più frequente nelle pause o all ora dei pasti, quando un altro infermiere deve temporaneamente occuparsi dell assistenza al paziente. Gli ospedali possono adottare alcune misure di sicurezza, come ad esempio i doppi controlli indipendenti, per prevenire gli errori associati a farmaci pericolosi in alte dosi, soprattutto con riferimento ai pazienti pediatrici. In base alla politica delle strutture in cui si opera è possibile realizzare un doppio controllo indipendente, in cui un infermiere procede con il trattamento, mentre l altro indipendentemente verifica che il farmaco, la dose e la via di somministrazione siano corretti. Entrambi, poi, annotano la somministrazione nel registro dei farmaci o inseriscono i dati nel registro clinico informatizzato. Sono le stesse organizzazioni a determinare quali siano i farmaci che richiedono queste precauzioni aggiuntive; alcuni esempi comuni riguardano i farmaci intravenosi ad alto rischio, come l eparina e l insulina. Il seguente caso illustra un errore dovuto a inesattezze nella prescrizione, distribuzione e somministrazione del farmaco. Un medico prescrive un antibiotico a base di doxiciclina scrivendo Vibramycin, 100 mg I.M. b.i.d.. Ma la Vibramycin parenterale può essere somministrata solo per via intravenosa, non intramuscolare. Il farmacista che controlla l ordine si accorge dell errore e inserisce nella confezione una nota sulla fiala indicando che il farmaco deve essere somministrato per via intravenosa. L infermiere non si accorge della nota del farmacista e si attiene all ordine scritto. Risultato: il paziente riceve il farmaco giusto per via sbagliata. Alla base di questo errore c è il medico che ha compilato la prescrizione. Il farmacista avrebbe dovuto contattare il medico per chiarire la prescrizione e avrebbe dovuto avvisare l infermiere in merito alla via di somministrazione del farmaco. L infermiere, non conoscendo la 29

3 News2_08_OK :44 Page 30 via corretta di somministrazione del Vibramycin, avrebbe dovuto consultare una farmacopea aggiornata. Invece, in questa caso, il farmaco è stato somministrato sulla base di una prescrizione errata Monitorare e segnalare i peggioramenti Secondo il processo infermieristico, gli standard assistenziali richiedono una valutazione costante del paziente. Una volta realizzata la valutazione iniziale, fatta la diagnosi infermieristica e avviato il piano di assistenza, è necessario continuare a monitorare le condizioni del paziente e a comunicare l efficacia del trattamento. I segni di peggioramento e i sintomi di una inadeguata risposta al trattamento ci suggeriscono di modificare il piano di assistenza. Molte delle azioni legali condotte contro gli infermieri sono basate sull incapacità di monitorare o riconoscere i cambiamenti nelle condizioni del paziente. Il nostro compito va oltre l attento monitoraggio e la pronta documentazione di qualsiasi cambiamento. Anche se ben realizzati, non riconoscere l importanza del cambiamento, o non comunicarlo chiaramente e tempestivamente al medico, potrebbe mettere a repentaglio il paziente e lasciare la porta aperta alla nostra responsabilità. In alcune azioni legali gli infermieri sono stati accusati di carenze nella comunicazione o negli interventi salvavita (per non aver reagito adeguatamente al peggioramento delle condizioni del paziente). Il seguente esempio mostra perché. Una donna giunge in ospedale lamentando un intenso dolore all addome e alla parte inferiore della schiena. Basandosi sui risultati del test diagnostico, il suo medico sospetta una polmonite al lobo sinistro inferiore. Somministra quindi alla paziente un antibiotico ad ampio spettro. Le condizioni della donna migliorano. In breve tempo però il battito cardiaco della paziente aumenta e la signora incomincia ad avvertire angustia, mancanza di respiro e dolore diffuso. L infermiera non avvisa il medico. Due ore dopo, la paziente va in arresto cardiaco e muore Comunicare con efficacia Oltre a informare il medico in merito allo stato attuale o ai cambiamenti nelle condizioni del paziente, è necessario comunicare chiaramente con i pazienti e i colleghi in ogni fase del processo assistenziale. Le buone competenze comunicative sono essenziali quando: l assistenza del paziente viene affidata a un altra persona; si sta parlando e si sta educando il paziente; si sta interagendo con la famiglia del paziente o con altri visitatori. La comunicazione è un passaggio di informazioni a due vie, che richiede pertanto una buona capacità di ascolto. Ascoltiamo attentamente i familiari: potrebbero essere i primi a capire che qualcosa non va nel bambino o nella persona amata. Una sfida emergente per le professioni sanitarie negli Stati Uniti è rappresentata dal fatto che sempre più pazienti dimostrano una conoscenza limitata dell inglese. Affidiamoci a un interprete professionista esperto in ambito sanitario per tradurre le istruzioni o le domande rivolte al paziente, nonché le sue risposte. Gli ospedali hanno il dovere, se necessario, di fornire gli interpreti. Se non è disponibile un interprete competente in area sanitaria possiamo essere accusati di aver prestato un assistenza infermieristica al di sotto degli standard. La Joint Commission ha individuato uno standard della comunicazione da rispettare nel momento in cui un caregiver affida il paziente a un altro caregiver. In base a quanto previsto dalla Joint Commission, l infermiere che demanda l assistenza deve fornire all infermiere che riceve in carico il paziente tutte le informazioni necessarie sul suo stato attuale, sulle risposte al trattamento durante il turno, su qualsiasi cambiamento nella sua condizione o nel piano del trattamento, oltre a tutte quelle informazioni che possono contribuire alla pianificazione dell assistenza. Gli standard prevedono che la comunicazione durante il trasferimento sia interattiva, al fine di

4 News2_08_OK :44 Page 31 consentire a entrambe le parti di porre domande e minimizzare le interruzioni 3. Il seguente caso dimostra come una comunicazione non efficace possa comportare problemi di tipo legale. A un neonato viene somministrata un infusione di gluconato di calcio per via intravenosa nel piede destro. Durante il trattamento, l infermiere nota una scoloritura e un edema nel sito dell iniezione. Dal momento che il bambino sta per essere trasferito in un altra unità, la nota di trasferimento indica il momento in cui è stato rilevato l edema e il fatto che l infermiere abbia controllato l area prima del trasferimento; comunque, questi dettagli non compaiono nella cartella clinica. Qui infatti vi sono fogli sui quali alcuni degli scritti originali sono stati scarabocchiati e riscritti. Quando i genitori del bambino giungono in ospedale e chiedono al personale informazioni in merito alla ferita, si sentono rispondere che si tratta di una vescica. Con il tempo, però, si genera una grande cicatrice e il bambino ha difficoltà di movimento. I genitori citano in giudizio l infermiere che ha assistito il piccolo 4. Quando discutete dell assistenza ricordate la formula SBAR Per garantire una comunicazione efficace e comprensibile nel momento in cui riportate le condizioni del paziente o lo trasferite, ricordate l acronimo SBAR: S sta per situazione (identificate il paziente e i motivi che hanno portato al ricovero). B sta per background (fornite una breve e significativa storia medica, con analisi e trattamenti completati). A sta per assessment valutazione (descrivete la condizione attuale del paziente). R sta per raccomandazione (discutete il piano assistenziale del paziente). Se ricevete un nuovo paziente assicuratevi di ottenere tutte queste informazioni dal caregiver che vi ha preceduti. Per ulteriori informazioni e per scaricare una copia dei due strumenti SBAR dal sito dell Institute for Helthcare Improvement visitate il sito 4.Attribuire compiti responsabilmente In generale, oggi i pazienti ospedalizzati sono più acuti rispetto al passato. Dal momento che gli infermieri esperti non sono numerosi, stanno ricomparendo i team infermieristici che si avvalgono di personale non abilitato. In qualità di infermieri, dovete capire chi ha le competenze necessarie e le conoscenze per far fronte alle esigenze del paziente ogni volta che attribuite mansioni assistenziali a qualcun altro. Quando assegnate un compito, siete comunque responsabili dell assistenza e dovete attribuire adeguatamente, supervisionando la persona che svolge il compito. Per far ciò in sicurezza, dovete sapere cosa il vostro Board of Nursing statale (profilo professionale) vi permette di attribuire ad altri. Vi sono Stati che non specificano quali siano i compiti delegabili, altri invece lo fanno. Alcuni esempi di compiti comunemente attribuibili negli Stati Uniti sono l igiene o l inserimento di un catetere urinario permanente. I 5 giusti per attribuire ad un altro caregiver forniscono una guida facile da ricordare: persona giusta, compito giusto, circostanze giuste, direzione giusta, supervisione giusta. La persona giusta si riferisce sia all infermiere sia a colui che svolgerà il compito al suo posto. Per dirigere e supervisionare con adeguatezza, dovete essere infermieri abilitati e dovete conoscere le qualifiche e le competenze del vostro staff. Il compito giusto è quello che può essere attribuito in sicurezza per uno specifico paziente. Solitamente si tratta di compiti routinari (procedure invariate e standard) e che presentano il minimo rischio e risultati prevedibili. Non attribuiamo compiti complessi che richiedono una valutazione o un giudizio di tipo infermieristico. Per determinare le circostanze giuste, consideriamo tutti i fattori rilevanti, fra cui l appropriatezza del contesto e le risorse disponibili. I compiti che si adattano al criterio compiti giusti potrebbero non essere appropriati se le circostanze (fra cui le condizioni del paziente) non consentono l attribuzione. Ad esempio, non deve essere consentito asse- 31

5 News2_08_OK :44 Page gnare ad un operatore di supporto la deambulazione di un paziente a elevato rischio di caduta. Dare la direzione giusta significa fornire una descrizione chiara e coincisa del compito che state attribuendo, in cui siano esplicitati i limiti obiettivi e le aspettative. Un esempio in tal senso potrebbe essere il seguente: Quando misuri la pressione del signor Rossi, il range accettabile varia fra 80/120 e 80/140. Se leggi un valore al di fuori di questo range, per favore segnalamelo immediatamente. Per garantire la supervisione giusta è necessario conoscere le qualifiche e le competenze del vostro staff, i risultati dei compiti attribuiti e quindi attuare un accurata valutazione. A volte è opportuno intervenire personalmente: in qualità di infermieri supervisori, siamo comunque responsabili del paziente e dobbiamo valutare la sua condizione e la risposta ai trattamenti. Di seguito si riporta un esempio di attribuzione inadeguata che mette seriamente a repentaglio il paziente. Un infermiera chiede a una operatrice di supporto (OSS) di rilevare il livello di glucosio di un paziente. L OSS si reca nella stanza del paziente e apparentemente fa quanto richiesto. Al cambio del turno, l infermiera le chiede quali siano le misure rilevate. L OSS risponde che durante il test sullo schermo è apparso EEEEE. L infermiera le domanda se ha ripetuto il test, e questa risponde di no, precisando di aver riportato la lettura nel grafico del paziente. Un successivo test indica che il livello di glucosio è superiore a 800 mg/dl. Il paziente viene trasferito in terapia intensiva. La violazione dei cinque giusti nell attribuzione è evidente in questo scenario. L operatrice non era adeguatamente formata all uso del glucometro e non era la persona giusta, in quelle circostanze, per svolgere il compito. Il livello di glucosio del paziente era stabile prima che l infermiera assegnasse l incarico? Anche la giusta direzione e la giusta supervisione erano carenti in questo esempio. Bisognava al contrario specificare il range di glucosio ammissibile e richiedere la segnalazione immediata qualora non fosse all interno di tale range. Aspettare fino alla fine del turno per chiedere il risultato è un altro serio errore di valutazione. 5. Documentare in modo accurato e tempestivo Registrare nella cartella clinica (e/o infermieristica) in modo accurato e tempestivo è fondamentale per queste ragioni: La cartella clinica è un documento legale previsto dalle leggi e dai regolamenti dello Stato È un mezzo di comunicazione fra caregiver che assicura la continuità dell assistenza. È usata per la ricerca e la formazione. È impiegata per dare fondatezza alle richieste di rimborsi da parte dell assicurazione. Può essere usata come prova nei processi legali, al fine di stabilire se l assistenza prestata ha risposto agli standard legali di assistenza. Un regola base per una corretta documentazione consiste nell attenersi alle politiche e alle procedure della struttura in cui operate. Le politiche organizzative generalmente dettagliano quali forme vadano impiegate, come registrare successivamente un dato e come correggere un errore. Non seguire le procedure dell organizzazione può generare incoerenze, in grado di compromettere la sicurezza del paziente e creare problemi legali quando si è citato in giudizio. Per quanto professionale possa apparire un infermiere nel corso di un processo, una documentazione trascurata può dare alla giuria un impressione molto negativa. La situazione seguente dimostra i pericoli insiti in una documentazione distratta. Un uomo si ferisce alla gamba sinistra cadendo da un camion. In pronto soccorso viene ingessato, quindi ricoverato in ospedale per il trattamento delle ferite. Il giorno dopo inizia ad avvertire una sensazione di intorpidimento al piede sinistro. Il medico esamina il paziente e annota che le dita dei piedi sono fredde e diventano sempre più intorpidite ; perciò rimuove la parte superiore del gesso. Il giorno seguente il paziente lamenta un forte dolore al piede sinistro e l infermiere allerta un altro medico. Esaminando il paziente e notan-

6 News2_08_OK :44 Page 33 do che ha una sindrome compartimentale, il secondo medico svolge una fasciotomia, ma i problemi circolatori del paziente permangono fino all amputazione. Viene intentata un causa per malpractice nei confronti del medico, dell ospedale e del personale infermieristico. Dal momento che i controlli orari non sono stati registrati nella cartella clinica, la corte deve decidere se la negligenza dell infermiere sia stata parzialmente responsabile dell amputazione Conoscere e seguire le politiche e le procedure della struttura Le politiche e le procedure istituzionali aiutano a stabilire gli standard assistenziali nel caso si venga portati in giudizio. Le politiche e le procedure di assistenza al paziente devono essere basate su una pratica attuale e riconosciuta; devono essere aggiornate regolarmente e devono altresì essere realistiche. Qualsiasi minima deviazione dalla procedura che arrechi danno al paziente può rendere responsabili gli infermieri e la struttura; pertanto è necessaria un po di flessibilità. Per esempio, invece di stabilire che i segni vitali del paziente devono essere rilevati ogni 4 ore, è meglio affermare entro le 4 ore o ogni 4 ore con un margine di più o meno 30 minuti. Ciò consente di avere un certo margine. L infermiere del seguente caso viene citato per non aver seguito le indicazioni e le procedure dell ospedale. Un infermiere di area acuta applica un costrittore al polso di un paziente prima di lasciare brevemente la sua stanza. Quando ritorna, il paziente è accanto al letto e pende agganciato per il polso. A causa del dolore lamentato viene sottoposto ai raggi x, che mostrano la presenza di una frattura. Il paziente cita in giudizio l infermiere, affermando che è stato il costrittore a causare la frattura. Un testimone afferma nel corso del processo che l applicazione dei costrittori ai polsi non rientra nelle procedure dell ospedale. In ogni caso il paziente non ha potuto provare che sia stato il costrittore a causare la frattura Usare correttamente le attrezzature In qualità di infermieri, dobbiamo assicurarci di essere stati addestrati all uso corretto delle attrezzature impiegate per l assistenza al paziente. Occorre comprenderne la finalità e come utilizzarle, rispettando le politiche e le procedure. Non bisogna mai di tirare a indovinare. Il seguente caso dimostra come un paziente possa venir danneggiato da un uso scorretto delle attrezzature mediche. Una paziente sta per essere sottoposta a isteroscopia. Alla macchina manca una clip e gli infermieri collegano impropriamente le linee. La paziente muore e la famiglia cita in giudizio l ospedale. Le prove indicano che l attrezzatura era perfettamente funzionante al momento dell acquisto. Dimostrano inoltre che due degli infermieri deputati all assistenza della paziente non erano stati addestrati all uso dell attrezzatura. Quest ultimo aspetto potrebbe aver causato l incidente 7. Gli standard nella pratica Aderendo ai sette principi dell assistenza infermieristica indicati, possiamo contribuire alla tutela dei nostri pazienti, rispettando gli standard dell assistenza infermieristica nella pratica quotidiana ed evitando problemi di natura legale. Riferimenti bibliografici: 1. Gasson v. East Jefferson General Hospital, 628 So. 2d 256 (LA 1993) and 687 So. 2d 120 (1996). 2. Flores v. Cyborski, 629 N.E. 2d 74 IL (1993). 3. The Joint Commission National Patient Safety Goals. Accessed November 2, Federico F. Responding to a medication error. Forum (Risk Management Foundation, Harvard Medical Institutions). 23(2):18, May Dillon v. Medical Center Hospital, 648 N.E (1993). 6. Lyons v. Hahnemann University Hospital, (3rd Cir., 2004). 7. Chin v. St Barnabas Medical Center, 711 A.2d 352-NY (1998) 33

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Nota: l articolo è riferito a contesti differenti

Nota: l articolo è riferito a contesti differenti pubblicazioni Signore e signori della giuria, vi presento... la documentazione infermieristica Titolo originale: Ladies and gentlemen of the jury, I present... the nursing documentation Nursing, January

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

Prof. Tarcisio Niglio LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona Dr.Moretti Vincenzo Progetto Ministeriale

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Agenda - Introduzione - Prescrizioni farmacologiche in degenza - Preparazione e somministrazione di farmaci

Dettagli

Aspetti medico legali nel management delle reazioni avverse a farmaci

Aspetti medico legali nel management delle reazioni avverse a farmaci A.S.L. 2 Torino S.C. Medicina Legale Roberto Testi Congresso SIAAC Aspetti medico legali nel management delle reazioni avverse a farmaci Firenze, 10 ottobre 2014 Complicanza Evento avverso prevedibile

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario Sicurezza dei pazienti e qualità: quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario La cornice per la Qualità Coinvolgimento dei pazienti e della popolazione avversi

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

La gestione del rischio nella assistenza domiciliare

La gestione del rischio nella assistenza domiciliare La gestione del rischio nella assistenza domiciliare Gli aspetti metodologici della gestione del rischio nelle attività domiciliari: le peculiarità Roma, 22 maggio 2013 Dott.ssa Simona Amato La letteratura

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Procedura generale sanitaria Prescrizione e somministrazione della terapia

Procedura generale sanitaria Prescrizione e somministrazione della terapia Pagina di 1/12 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 3 2. Campo di applicazione... 3 3. Diagramma di flusso... 3 4. Responsabilità... 4 5. Descrizione delle attività... 5 5.1. Prescrizione della terapia...

Dettagli

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Accreditamento Rischio clinico Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Page 1 Il coordinatore : ha la responsabilità di sostenere lo sviluppo di una cultura basata sulla necessità

Dettagli

Maria Mongardi - 5 Convegno Nazionale AISLEC - Anno 2007

Maria Mongardi - 5 Convegno Nazionale AISLEC - Anno 2007 !" # $ Infermiere - Professione Intellettuale espletameto di attività di natura prevalentemente intellettuale riguardanti determinati e specifici settori operativi di interesse collettivo o di rilevanza

Dettagli

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA - tassonomia e classificazione degli errori - errori e clima organizzativo Dott. a Patrizia Bevilacqua IPASVI Brescia, Ottobre/Novembre 2010 Quali sono gli attori coinvolti?

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

IL D.LGS. 81/08 TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

IL D.LGS. 81/08 TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO IL D.LGS. 81/08 TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO SCOPO DELLA NORMATIVA RIDURRE IL RISCHIO DELL ESPOSIZIONE A SITUAZIONI DI PERICOLO RISCHIO:

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE LE NORME DEL D.M. 388/03 LE RESPONSABILITA DEL PERSONALE SCOLASTICO PRESENZA

Dettagli

sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Gestione farmacologica del dolore: Esperienze a confronto

sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Gestione farmacologica del dolore: Esperienze a confronto MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Gestione farmacologica del dolore: Esperienze a confronto Emanuele Castagno S.C. Pediatria d Urgenza, OIRM, Torino

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS)

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE Le componenti: DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA: 1. modalità di erogazione dell'assistenza (care

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di

Dettagli

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è quello di descrivere gli standard tecnici per l espletamento delle attività di vigilanza sui farmaci e sui dispositivi ; tali standard tecnici

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali U.O. Accreditamento e Qualità PR.UQ.QPS-ISMETT001 PROCEDURA Pagina 1 di 7 INDICE I. POLITICA... 2 II. SCOPO..... 2 III. AMBITO DI APPLICAZIONE.... 2 IV. DEFINIZIONI. 2 V. PROCEDURA..... 3 REV. PROPOSTA

Dettagli

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI RADIOTERAPIA INFORMAZIONI Lo scopo di questo opuscolo è fornire al paziente e ai familiari alcune semplici informazioni per conoscere meglio la radioterapia e affrontare il trattamento nel modo più sereno

Dettagli

CONGRESSO REGIONALE FADOI ANìMO PUGLIA

CONGRESSO REGIONALE FADOI ANìMO PUGLIA CONGRESSO REGIONALE FADOI ANìMO PUGLIA BISCEGLIE, 22-23 NOVEMBRE 2013 L IMPORTANZA DELL EDUCAZIONE ALLA LUCIA METTA ASLBAT La gestione del paziente diabetico alla dimissione è un punto di partenza cruciale

Dettagli

Il progetto TESEO ha lo scopo di sperimentare una modalità formativa per Medici di Medicina Generale (MMG) nell ambito della Terapia del Dolore e

Il progetto TESEO ha lo scopo di sperimentare una modalità formativa per Medici di Medicina Generale (MMG) nell ambito della Terapia del Dolore e Il progetto TESEO ha lo scopo di sperimentare una modalità formativa per Medici di Medicina Generale (MMG) nell ambito della Terapia del Dolore e delle Cure Palliative. Tale metodologia utilizza il supporto

Dettagli

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 IL DOVERE E IL DIRITTO DI DARE VOCE E CURA AL DOLORE DELLA PERSONA NON IN GRADO DI RIFERIRLO Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 Il dolore è il più soggettivo tra

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Collegio IPASVI di TORINO Torino, 22 novembre 2012 Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara Il sottoscritto STEFANIA DI BERARDINO ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni

Dettagli

Relazione. La documentazione sanitaria

Relazione. La documentazione sanitaria e-mail serv.infermieristico@ausl6palermo.org La professione infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente Relazione La documentazione sanitaria Palermo,

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

La documentazione clinica

La documentazione clinica La documentazione clinica P. Spolaore Sabato 30 novembre 2002, Camposampiero La documentazione sanitaria deve evidenziare: 1. l evento dannoso (trasfusione) 2. la menomazione psico-fisica permanente 3.

Dettagli

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini Brochure per i Pazienti/Genitori TM Cos é l RVU? Il vostro bambino è affetto da una patologia nota con il nome di reflusso vescico-ureterale (RVU). Esistono

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati La Responsabilità Professionale: la documentazione Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati OTTICA DI SISTEMA NELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Estryn-Beharl et al. 2004 e Kaissi et al., 2003 sostengono

Dettagli

Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di

Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di Cosenza - Decreto Presidente della Repubblica 7 Aprile

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA 1 di 8 A cura di: Dott.ssa Elisa Cammarata Dott. Antonio Iacono Dott.ssa Piera Lo Cascio Dott.ssa Caterina Lo Presti Dott. Tommaso Mannone Infermiere complesso operatorio Polichirurgico, P.O. Villa Sofia

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

-------------------------------- ---------------------------------

-------------------------------- --------------------------------- Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione: 10.01.2013 CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI A. ASPETTI ANAGRAFICI A 1 - U.O. coinvolte: Ser.D Bassano e Ser.D Asiago A 2 -Ambito di appartenenza: (selezionare) A 3 - Responsabile Buona Prassi: Sanitario

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA)

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Funzione di Staff Risk Management Responsabile Dr.ssa Manuela Serva PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK-

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

A.S.P. Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale-Cosenza

A.S.P. Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale-Cosenza 3 PERCORSO ASSISTENZIALE PREVENZIONE DEL DANNO DA TERAPIA FARMACOLOGICA A.S.P. Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale-Cosenza U.O. di RISK MANAGEMENT Responsabile : Dott. Berardo S. Cavalcanti

Dettagli

L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE. Daniela Musca

L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE. Daniela Musca L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE Daniela Musca Infermiere di triage... Nasce nel 1996 in seguito alla pubblicazione delle linee guida sul sistema di emergenza urgenza sanitaria emanate dal Ministero

Dettagli

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia)

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) pubblicazioni Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) Il presente articolo è tratto dall elaborato

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010

ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010 REDAZIONE Dr. Luigi Aprea - Dr. Alberto Firenze APPROVAZIONE Dr. Claudio Scaglione

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.)

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Mod. JD SID DSRI Data 05/05/09 Pagina 1 di 6 DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Dipendenza gerarchica (Scopo della posizione) organizzative Posizione organizzativa Responsabile delle attività infermieristiche

Dettagli

Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato

Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato Pergusa 6 Dicembre 2013 Sala Congressi Hotel Garden Processo infermieristico o Nursing Il processo infermieristico

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA IPOGLICEMIA Bellini Elisa Azienda Ospedaliera Sant'Anna - Como Presidio Ospedaliero Cantù-Mariano Comense Struttura di Mariano Comense Direttore della scuola formatori OSDI COMO 14 15 GIUGNO 2013 HOTEL

Dettagli

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG Marco Musella Italian Health Literacy Project (HLP-IT) DAOSan - Master Universitario di II Livello In Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA PRESCRIZIONE

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA PRESCRIZIONE Pagina 1 di 8 PRESCRIZIONE Nome/Funzione Data Firma Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Redazione Martino Responsabile UFA Dott. Carlo Santangelo Dirigente Medico U.O.C. Oncologia Dott. Giuseppe Scollo Farmacista

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA Patrizio Di Denia Agenzia sanitaria Emilia-Romagna Riferimenti normativi Il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 prevede che le attività di monitoraggio

Dettagli

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI)

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI) Lo staff è composto da dirigenti medici : dott. Egidio Barbi, Direttore Dipartimento di Pediatria Direttore: Prof. Alessandro Ventura S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott.

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

La sicurezza del paziente come. obiettivo prioritario per il sistema. sanitario

La sicurezza del paziente come. obiettivo prioritario per il sistema. sanitario Il riordinamento della sanità in Alto Adige A.O. Niguarda La sicurezza del paziente come obiettivo prioritario per il sistema sanitario Modelli di riferimento A.O. Niguarda Australian Patient Safety Foundation

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Questa pagina vuole essere un informativa circa il sollievo dal dolore postoperatorio per il vostro bambino attraverso l utilizzo di un

Dettagli

DESG Teaching Letter 1

DESG Teaching Letter 1 DESG Teaching Letter 1 IPOGLICEMIZZANTI ORALI I pazienti affetti da diabete mellito non-insulino-dipendente sono generalmente meno informati e meno motivati sul trattamento del loro disturbo metabolico

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

Standard per Ospedali e per la Sicurezza del paziente

Standard per Ospedali e per la Sicurezza del paziente per Ospedali e per la Sicurezza del paziente Progetto per il servizio triennale di valutazione delle aziende sanitarie accreditate e di trasferimento del know-how alle Aziende Sanitarie Locali Joint Commission

Dettagli

Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G.Pini

Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G.Pini Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G.Pini Allegato 4 L attività di Risk Management e la gestione del rischio nell Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G. Pini L AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli