ESAMI DI TIROCINIO AVVISO PER GLI STUDENTI SEDE DI NOVARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI TIROCINIO AVVISO PER GLI STUDENTI SEDE DI NOVARA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli NOVARA Tel. Segr , Fax Segr ESAMI DI TIROCINIO AVVISO PER GLI STUDENTI SEDE DI NOVARA Si comunicano di seguito le indicazioni relative allo svolgimento degli esami di tirocinio 1)Le valutazioni di presentazione all esame, derivate dalla sintesi dei giudizi ottenuti in tirocinio, saranno comunicate secondo il calendario di cui all allegato A, tramite affissione sulle bacheche dei relativi anni di corso. In allegato B sono riportate le modalità generali con le quali si procederà a trasformare i giudizi ottenuti in reparto, in valutazioni numeriche. Il coordinatore e i tutor pedagogici si rendono disponibili, previo appuntamento, ad eventuali chiarimenti. 2) La prova scritta, che, come noto, consisterà in 50 quiz redatti con diverse modalità (risposta multipla, completamento di frasi, associazione, ), sarà basata sui contenuti di cui all allegato C e saranno utilizzati, come riferimenti bibliografici, per tutti e tre gli anni, i testi indicati nel medesimo allegato. Si prega di utilizzare il sito degli esami per l iscrizione alla prova scritta. La chiusura dello stesso avverrà indicativamente 4 giorni prima della prova. Le prove di tutti e tre gli anni si terranno presso la sede dei Salesiani nelle date indicate. 3) Nelle date di cui all allegato A, agli studenti del I e II anno, saranno comunicate, tramite bacheche e sito internet, le date e le sedi per lo svolgimento dell accertamento e della discussione relative alla prova pratica. Il Coordinatore della Sede di Novara Claudio De Pieri

2 Allegato A I anno II anno III anno: Prova scritta (test) mercoledì 27 giugno martedì 26 giugno lunedì 25 giugno Comunicazione valutazioni di tirocinio Comunicazione esito test teorico giovedì 5 luglio venerdì 29 giugno venerdì 22 giugno giovedì 5 luglio venerdì 29 giugno mercoledì 27/6 Comunicazione date prova pratica Prova pratica giovedì 5 luglio Accertamento 9-11 luglio venerdì 29 giugno Accertamento 2-4 luglio Discussione: luglio Discussione: 5-6 luglio Discussione: giugno

3 Allegato B In fase transitoria ed in attesa delle nuove schede di valutazione del tirocinio, i criteri che verranno utilizzati per definire le valutazioni di ciascun studente sono i seguenti: attribuzione di un punteggio a ciascuna scheda secondo i criteri di seguito riportati; attribuzione, per il solo terzo anno di una valutazione relativa alla scheda delle tecniche sulla base del numero di tecniche certificate e del livello raggiunto per le stesse; definizione della media delle valutazioni delle diverse esperienze Attribuzione di punteggi numerici alle schede di valutazione. Le schede fin qui utilizzate tendono a valutare aree relative al comportamento, tutte necessarie per il buon esercizio professionale. Considerando che la formazione, e in special modo quella pratica, ha come fine quello di consentire la maturazione di skill comportamentali, il peso del mancato raggiungimento di un livello positivo nell acquisizione di tali abilità, varia necessariamente, in relazione al punto del percorso formativo in cui si trova lo studente. Ne deriva che mentre al primo anno è accettabile che uno studente abbia più voci negative, ciò non può essere altrettanto vero in un terzo anno che prelude all assunzione piena della responsabilità professionale. Una seconda considerazione riguarda il fatto che, l espressione dei giudizi, in quanto soggettiva è soggetta a variabilità. E quindi preferibile, in prima istanza, ricondurre la valutazione ad alcune categorie principali, essendo poi la media di più valutazioni, l elemento in grado di differenziare maggiormente i valori relativi di ciascun studente. In terzo luogo, la scheda fin qui utilizzata ha avuto come obiettivo (è presupposto teorico) quello di cogliere, attraverso espressioni di natura qualitativa, la ricchezza delle diverse sfumature comportamentali dello studente, la cui riduzione a fini certificativi deve trovare, per quanto possibile, criteri numerici univoci. Partendo da queste considerazioni, e mantenendo intatti i principi a suo tempo adottati per l espressione dei giudizi in ciascuna voce, (vedi guida per la valutazione del tirocinio) si è approntata la griglia di lettura di seguito riportata. I anno Voci negative su di un totale di 8 4 Giudizi negativi su quattro item o molto negativi su di un numero inferiore di item 3 Giudizi negativi su tre item 2 Giudizi prevalentemente positivi con solo due item negativi 1 Tutti giudizi positivi con un item negativo 0 Tutti giudizi positivi e Criteri Giudizio sintetico Voto corrispondente Gravemente insufficiente 10 Insufficiente 15 Sufficiente 20 Buono 25 Ottimo 30 o 30 e lode molto positivi La segnalazione di uno o più episodi critici se in positivo può portare fino ad un bonus di + 5 punti, se in negativo 5 punti

4 II anno Voci negative su di un totale di 8 3 Giudizi negativi su tre item o molto negativi su di un numero inferiore di item Criteri Giudizio sintetico Voto corrispondente Gravemente insufficiente 2 Giudizi negativi su 2 item Insufficiente 15 1 Giudizi prevalentemente positivi con solo 1 item negativo Sufficiente 20 0 Tutti giudizi positivi Buono 25 0 Tutti giudizi positivi e Ottimo 30 o 30 e lode molto positivi La segnalazione di uno o più episodi critici se in positivo può portare fino ad un bonus di + 5 punti, se in negativo 5 punti III anno Voci negative su di Criteri Giudizio sintetico Voto corrispondente un totale di 8 2 Giudizi negativi o molto Gravemente 10 negativi su due item insufficiente 1 Giudizio gravemente Insufficiente 15 negativo su 1 item 0 Giudizi sufficienti su tutti Sufficiente 20 gli item 0 Tutti giudizi discreti o Buono 25 buoni su tutti gli item 0 Tutti giudizi positivi e Ottimo 30 o 30 e lode molto positivi La segnalazione di uno o più episodi critici se in positivo può portare fino ad un bonus di + 5 punti, se in negativo 5 punti 10 Di seguito sono riportati i criteri utilizzati per la valutazione delle diverse voci della scheda GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL TIROCINIO La scheda per la valutazione del tirocinio e divisa in tre parti. E opportuno che i tutor e gli affiancatori utilizzino le indicazioni affinché vi sia alla fine di ogni anno di corso una valutazione con criteri omogenei. La prima, dal titolo Valori, e tesa ad evidenziare il livello di interiorizzazione di comportamenti a forte caratterizzazione valoriale. La seconda, dal titolo Abilita comportamentali, e tesa a sondare il livello raggiunto nell acquisizione di quei comportamenti che sono richiesti all Infermiere. In queste due parti della scheda sono previste una serie di voci di riferimento come traccia per la valutazione.

5 Di seguito verranno proposti degli esempi, relativi a ciascuna voce, aventi il solo scopo di chiarire il significato della voce da analizzare La valutazione dovra riferirsi a situazioni realmente osservate e non basarsi su semplici opinioni. Nel caso in cui la voce non sia valutabile non si indicherà nessuna valutazione. La terza parte e fondata sul metodo di valutazione attraverso episodi critici riguarda quelle situazioni che, pur accadendo raramente, sono particolarmente significative nel connotare in positivo o negativo gli atteggiamenti o comportamenti dello studente. La valutazione va fatta a cura del coordinatore o del tutor clinico in collaborazione con l affiancatore ed altro personale da questi indicato alla presenza dello studente. Le valutazioni saranno fatte presso la sede del corso. E opportuno svolgere valutazioni in itinere quando l affiancatore e/o il personale infermieristico osservano particolari difficoltà dello studente. PARTE RELATIVA AI VALORI Col termine valori si intendono quelle caratteristiche/convinzioni, rispetto alle quali vi e consenso nella professione, che lo studente deve possedere per poter esercitare la professione di Infermiere. Per ciascuna voce vengono proposti quattro atteggiamenti/comportamenti che possono corrispondere ad un progressivo livello di interiorizzazione del valore, assenza/rifiuto, condiscendenza, identificazione, interiorizzazione. 1) Per assenza/rifiuto si intende un atteggiamento indicativo della non maturazione del valore o di rifiuto dello stesso. 2) Per condiscendenza (o conformismo) si intende una situazione di accettazione passiva, di adeguamento al valore. 3) Per identificazione si intende la situazione in cui lo studente accetta e si identifica nel valore assumendolo a modello di comportamento. 4) Per interiorizzazione si intende un livello di acquisizione del valore tale da far divenire automatici i comportamenti positivi e da porre lo studente nella situazione di gestire i propri comportamenti con flessibilita e discernimento. Rispetto di regole e valori/autodisciplina/flessibilita 1) non rispetto di regole minime quali ad es. la puntualita, la divisa in ordine, la privacy, l utilizzo del cartellino di riconoscimento; 2) si adegua alle regole formali o informali anche quando scorrette ad es. pause lunghe per il caffe, imita acriticamente le prestazioni infermieristiche, svolte in modo scorretto ; 3) condivide, rispetta e si identifica nelle regole e nei valori, e ligio al dovere; 4) fa del rispetto delle regole e dei valori uno stile professionale e le sa interpretare in modo flessibile.ad es. nel caso di ordini palesemente ingiustificati e/o indicazioni scorrette si rifiuta e ne discute l esecuzione. Motivazione 1) dimostra costante disinteresse all attivita ; 2) si impegna nell acquisizione di conoscenze\competenze indicate dal personale di affiancamento; 3) vive l esperienza di apprendimento con interesse costante, mette in rapporto conoscenze teoriche e comportamenti assistenziali; 4) ricerca spontaneamente spiegazioni ed approfondimenti rispetto alle novita che incontra; Responsabilita /Affidabilita 1) non porta a termine i compiti affidati e/o non si rende responsabile di essi; 2) si rende responsabile e porta a termine solo cio che gli e esplicitamente richiesto senza tener conto degli interessi piu generali dell utente o sevizio ai quali e chiamato a rispondere (ad es. porta a termine il giro letti ma non si preoccupa se un paziente non autonomo non e in grado di alimentarsi da solo); 3) Si assume la responsabilita dei compiti affidati tenendo conto delle priorita dell utente o servizio: e parte attiva ed integrante nelle attivita dell U.O; 4) oltre ad essere pienamente affidabile sa assumere posizioni scomode, che gli possono portare difficolta, pur di salvaguardare l interesse prioritario dell utente.

6 Rispetto/Interesse/Disponibilita /Empatia nei riguardi del paziente 1) lavora meccanicamente, non entra in relazione col paziente {o familiari); 2) stabilisce una relazione formale con il paziente, strettamente funzionale al compito assegnato, senza mostrare interesse ad approfondire il rapporto; 3) stabilisce una relazione profonda e di aiuto al paziente coinvolgendosi emotivamente 4) stabilisce una relazione profonda e di aiuto con il paziente mantenendo la capacita di non farsi coinvolgere emotivamente PARTE RELATIVA ALLE ABILITA COMPORTAMENTALI Coi termini abilita comportamentali si intendono quelle caratteristiche psico-relazionali, rispetto alle quali vi e consenso nella professione, che lo studente deve possedere per poter esercitare la professione di Infermiere. Per ciascuna voce viene proposta la descrizione delle caratteristiche dei due estremi (altamente negativo, altamente positivo) di una teorica scala di comportamenti all interno della quale lo studente puo collocarsi in posizioni intermedie. Orientamento ed inserimento negli spazi, nei contesti e nei ruoli (-) dopo un congruo periodo di inserimento lo studente appare ancora disorientato ed avulso dal contesto (+) lo studente si inserisce rapidamente nel conteso operativo sia rispetto alla logistica che all organizzazione che, infine, alle dinamiche sociali, identificando spazi e responsabilita propri ed altrui. Abilità tecniche (-) dopo congruo periodo e sufficiente osservazioni svolge un numero insufficiente di prestazioni tecniche infermieristiche, ovvero dimostra difficoltà nell eseguirle. Non richiede di essere valutato. (+) dopo congruo periodo e sufficiente osservazioni svolge un numero elevato di tecniche infermieristiche con destrezza e competenza. Autocontrollo nelle situazioni semplici critiche o di stress (-) dopo congruo periodo e sufficienti esperienze non e in grado di gestire l emotivita sia in compiti semplici che nella relazione con gli altri; (+) buon autocontrollo in situazioni complesse e critiche. Autonomia/Capacita di decisione ed organizzazione (-) ha bisogno di essere continuamente indirizzato e guidato, non assume iniziative autonome; (+) e pienamente autonomo nelle attivita di sua pertinenza, ricerca nuovi spazi di attivita o di apprendimento distinguendo i propri ambiti di competenza rispetto a quelli altrui. Capacita critica ed autocritica (-) non sa analizzare e valutare il contesto che lo circonda; non e in grado di valutare correttamente i propri limiti e le proprie potenzialita (+) e in grado di analizzare, valutare e proporre critiche costruttive che tengono conto delle variabili presenti nel contesto.; sa valutare correttamente i propri limiti e le proprie potenzialita.

7 Allegato C Conoscenze ed abilità attese alla conclusione del I anno 1. Predisporre piani di assistenza su diagnosi infermieristiche prioritarie 2. Eseguire un esame obiettivo generale dell'adulto (rilievi generali) 3. Effettuare accertamento e anamnesi infermieristica e compilare la cartella infermieristica 4. Identificare le principali diagnosi Infermieristiche 5. Utilizzare i principali software in uso nelle unità operative 6. Effettuare il lavaggio sociale, antisettico e chirurgico delle mani 7. Eseguire un bagno a letto 8. Eseguire cure igieniche genitali e zona perianale 9. Eseguire cure del cavo orale 10. Rifare il letto occupato 11. Preparare il letto per l'operato 12. Effettuare il trasferimento del paziente dal letto alla carrozzina 13. Effettuare la mobilizzazione a letto 14. Prevenire lesioni da pressione 15. Aiutare nella deambulazione 16. Effettuare esercizi di mobilizzazione attiva e passiva 17. Effettuare un clisma evacuativo e medicamentoso 18. Effettuare bendaggi e fasciature 19. Applicare calze elastiche graduate 20. Accettare il paziente per il ricovero ordinario 21. Misurare i parametri cardiocircolatori e respiratori di base (pr.one arteriosa, fr. cardiaca, fr respiratoria,) 22. Effettuare prelievo di sangue venoso 23. Effettuare stick glicemico su prelievo di sangue capillare 24. Effettuare esame delle urine con stick 25. Effettuare prelievo per esami espettorato 26. Effettuare tricotomia con rasoio o creme depilatorie 27. Eseguire bagno antisettico 28. Pulire, disinfettare e predisporre per sterilizzazione il materiale sanitario 29. Assistere e controllare il paziente non autosufficiente nell assunzione dei pasti 30. Assistere il paziente morente e i familiari 31. Preparare la salma 32. Somministrare terapia orale 33. Somministrare terapia per via topica 34. Somministrare terapia per via rettale 35. Somministrare terapia per via intramuscolare 36. Somministrare terapia per via intradermica 37. Somministrare terapia per via sottocutanea 38. Incanulare una vena periferica 39. Sorvegliare il paziente durante la terapia infusionale continua 40. Gestire aerosolterapia 41. Gestire ossigenoterapia con sondino, occhiali e maschera di Venturi Conoscenze ed abilità attese alla conclusione del II anno 42. Oltre a quanto previsto per il I anno; 43. Formulare piani di assistenza 44. Identificare le diagnosi standard correlate a condizioni patologiche frequenti 45. Definire i principali interventi correlati alle diagnosi più comuni 46. Attuare la dimissione e il trasferimento del paziente

8 47. Conoscere ed utilizzare i principali strumenti di valutazione del dolore del dolore 48. Conoscere e far assumere al paziente le diverse posizioni in relazione al quadro clinico 49. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico dell apparato respioratorio 50. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico dell'apparato cardiovascolare 51. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico dell'apparato digestivo 52. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico dell'apparato urinario 53. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico dell'apparato tegumentario 54. Esame obiettivo generale nel bambino 55. Interpretare i dati dei principali esami di laboratorio: glicemia, emocromo, formula, elettroliti, esami di funzionalità epatica e renale 56. Effettuare un ECG 57. Valutare il bilancio idrico (entrate ed uscite) 58. Registrare la pressione arteriosa in bambini di varie eta' 59. Conoscere le indicazioni dietetiche nei principali quadri clinici 60. Somministrare la terapia orale e parenterale ad un neonato 61. Somministrare la terapia orale e parenterale ad un bambino 62. Somministrare terapia per via endovenosa 63. Somministrare ossigeno con apparecchiature ad uso domiciliare 64. Effettuare un cateterismo vescicale transuretrale in persone di ambo i sessi 65. Preparare un campo sterile 66. Medicare le ferite chirurgiche semplici 67. Preparare nutrizione enterale 68. Somministrare terapia enterale 69. Preparare nutrizione parenterale totale 70. Somministrare nutrizione parenterale totale 71. Prelevare campioni ematici per emocoltura 72. Prelevare campioni per urinocoltura 73. Posizionare un sondino naso-gastrico 74. Preparare e monitorare nel post persona sottoposta a indagini radiologiche 75. Preparare e monitorare nel post persona sottoposta a indagini ecografiche 76. Preparare e monitorare nel post persona sottoposta a indagini endoscopiche 77. Preparare e monitorare nel post persona sottoposta a indagini radioisotopiche 78. Preparare e monitorare nel post persona sottoposta a indagini esplorative ed evacuative (toracentesi, paracentesi, rachicentesi, biopsie, ago-aspirato, ecc) 79. Collaborare all'esecuzione di punture esplorative/ biopsie 80. Collaborazione all'esecuzione di endoscopie 81. Collaborare all esecuzione di esami radiologici con mezzo di contrasto 82. Medicare un ulcera vascolare 83. Classificare le lesioni da pressione 84. Medicare un ulcera da pressione 85. Applicare e controllare il monitor per la funzione cardiaca 86. Interpretare le fondamentali anomalie di un tracciato ECG 87. Rilevare la saturazione periferica di ossigeno 88. Medicare ferite chirurgiche seconda intenzione 89. Medicare ferite chirurgiche con drenaggi 90. Gestione drenaggio polmonare 91. Gestione stomie digestive 92. Gestione stomie urinarie 93. Accogliere e sorvegliare il paziente di ritorno dalla camera operatoria 94. Somministrare e sorveglire emo-derivati e terapie marziali in infusione

9 95. Effettuare un'aspirazione di secrezioni oro-naso faringee 96. Effettuare un'aspirazione di secrezioni tracheali 97. Effettuare drenaggio posturale, clapping e vibrazioni Conoscenze ed abilità attese alla conclusione del III anno 98. Oltre a quanto previsto per il I e II anno 99. Identificare le diagnosi inf. standard correlate a condizioni patologiche specialistiche 100. Definire i principali interventi correlati alle diagnosi inf., con riguardo alle diverse condizioni del paziente 101. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico dell'apparato osteoarticolare 102. Rilevare e descrivere i principali segni e sintomi a carico neurologico 103. Utilizzare le principali scale di valutazione 104. Gestire e porre in sicurezza il paziente affetto da turbe della coscienza 105. Sorvegliare ed assistere il paziente in crisi di astinenza da sostanze psicotrope 106. Saper interpretare i dati delle prove di efficacia (EBM-EBN) 107. Realizzare una rianimazione cardio-respiratoria di urgenza senza e con ausili strumentali (BLS) 108. Adottare le misure necessarie all assistenza in urgenza di un paziente in stato di shock 109. Realizzare una defibrillazione elettrica transcutanea 110. Preparare in condizioni di emergenza un accesso venoso 111. Rilevare la pressione venosa centrale 112. Aspirare secrezioni da tubo endotracheale e tracheostomia 113. Controllo dei volumi respiratori in un ventilatore meccanico 114. Valutare le alterazioni degli scambi gassosi mediante la rilevazione di parametri respiratori ed emogasanalitici 115. Collaborare nell'intubazione endotracheale 116. Effettuare richieste di farmaci e presidi al servizio di farmacia 117. Conoscere i criteri di gestione ed approvvigionamento di farmaci, antidoti e presidi nella gestione corrente e d urgenza 118. Gestire il carico e scarico delle sostanze stupefacenti 119. Effettuare/collaborare al prelievo per emogasanalisi 120. Conoscere i criteri utilizzati nel triage e nell accettazione in urgenza 121. Collaborare al posizionamento di un catetere venoso centrale 122. Collaborare al posizionamento trazioni e apparecchi gessati 123. Conoscere i criteri per l attribuzione dei compiti alle diverse figure dell equipe assistenziale 124. Collaborare alla definizione di protocolli e linee guida 125. Collaborare allo svolgimento di attività di ricerca 126. Elaborare piani e svolgere interventi di educazione terapeutica LIBRI DI TESTO CONSIGLIATI (oltre agli appunti dei corsi) 1. R.F.Craven, C.J. Hirnle Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol 1 e 2 Ed. Ambrosiana 2. Brunner, Suddarth Nursing medico chirurgico vol 1 Ed. Ambrosiana 3. B. Kozier e G. Erb Nursing Clinico Tecniche e procedure Ed. Edises 4. L.J. Carpenito-Moyet Diagnosi Infermieristiche Applicazione alla pratica Clinica Ed. Ambrosiana

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Batteria - 04 Pag. 1 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Batteria - 04 Pag. 1 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE: Batteria - 04 Pag. 1 1 QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE COMPONGONO LE PROTEINE? * A) Carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto Solo idrogeno, ossigeno e azoto Solo idrogeno e ossigeno 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli