ESAME DI STATO: attuali modalita di svolgimento e competenze core certificate, esperienze a confronto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO: attuali modalita di svolgimento e competenze core certificate, esperienze a confronto"

Transcript

1 COMMISSIONE NAZIONALE DEI CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ESAME DI STATO: attuali modalita di svolgimento e competenze core certificate, esperienze a confronto Giornata di Studio Brescia 24 febbraio 2009 Luigi Cirio, Pietro Altini, Patrizia Massariello, Valerio Dimonte

2 Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Sedi - A.O.U. S. G. Battista Torino, ASL To 2, ASL To 4 - Sede A.O.U. S. G. Battista Torino AA 1997/ /08 ha Laureato 1588 Studenti - Metodica d esame OBJECTIVE STRUCTURED CLINICAL EXAMINATION (OSCE)

3 Regolamento del Corso (art. 20) L esame finale, con valore abilitante, comprende la dimostrazione di abilità professionali e la redazionediscussione di un elaborato. Omissis.l esame finale deve valutare non tanto il possesso delle conoscenze, quanto la capacità dello studente di applicarle per sviluppare le competenze professionali previste dallo specifico professionale. Omissis la prova pratica è intesa a misurare la capacità di applicare le metodologie professionali specifiche a situazioni reali e simulate.

4 FASI METODOLOGICHE DEFINIZIONE DELLE CORE COMPETENCE DA VALUTARE DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE PROVE 4

5 DEFINIZIONE DELLE CORE COMPETENCE (1) Selezione delle core competenze per la definizione degli: - Obiettivi di Tirocinio - Obiettivi dei Corsi Integrati attraverso il confronto e la condivisione con: Docenti, Coordinatori, Tutor Clinici, Infermiere Esperti dei Corsi di Laurea in Infermieristica afferenti all Università di Torino. Ambiti di definizione delle Core Competenze Cognitivo, Psicomotorio, Relazionale 5

6 DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE (1) Criteri di stesura delle prove -Accuratezza/affidabilità nella scelta delle abilità da sottoporre all esame -Validità delle performance richieste agli studenti per la dimostrazione della competenza acquisita -Oggettività delle misurazioni -Impostazione standardizzata e riproducibile nelle diverse sessioni

7 DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE (2) Scelte metodologiche del gruppo di progettazione - Costruire prove specifiche per ogni livello di abilità da valutare - Ricavare ogni prova da obiettivi specifici di apprendimento maggiormente rappresentativi per l espressione delle abilità scelte - Costruire griglie di valutazione con precisi indicatori di competenza osservabili per ogni punteggio attribuibile

8 DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE (3) Scelte metodologiche del gruppo di progettazione - Utilizzare scale omogenee per ogni criterio identificato - Identificare per ogni criterio il punteggio minimo accettabile per la performance dello studente - Identificare rispetto al punteggio globale delle prove, il punteggio minimo accettabile

9 DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE (4) ORIGINE DELLE PROVE - Prove cognitive: espressione dei casi clinici analizzati e discussi nelle docenze - Prove gestuali: espressione dell attività didattica di laboratorio realizzate nel corso dei tre anni - Prove relazionali: espressione della sperimentazione didattica triennale finalizzata all acquisizione di competenze nella relazione d aiuto 9

10 DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE (5) STRUTTURA DELLE PROVE - Un copione con la descrizione delle modalità organizzative e gestionali della prova - Una check list per la prova gestuale e relazionale con la sequenza dei diversi atti assistenziali/relazionali da osservare/verificare ed i diversi punteggi attribuiti ad ogni azione svolta - Una griglia valutativa per la verifica della prova cognitiva - Istruzioni scritte rivolte allo studente, ai simulatori ed ai valutatori in modo che tutti ricevano sempre lo stesso tipo di informazioni 10

11 DISEGNO E SVILUPPO DELLE PROVE (6) SISTEMA VALUTATIVO Le singole prove hanno lo stesso punteggio Viene calcolata la media delle 4 prove costituenti la prova pratica Viene giudicato idoneo il candidato che ha raggiunto il 60% del punteggio previsto, normalizzato a 100 per il risultato migliore riscontrato nella singola sessione 11

12 PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE PROVE (1) SETTING / MODALITA ORGANIZZATIVE - Aule attrezzate come laboratori - Le prove vengono scelte o sorteggiate fra quelle a disposizione - I valutatori/simulatori ricevono istruzioni sulle modalità di gestione delle prove d esame - Terminate le prove lo studente lascia la sede dell esame senza venire a contatto con i colleghi - Per la simulazione delle abilità gestuali si utilizza un manichino - Per la simulazione delle abilità relazionali si utilizza un simulatore scelto fra Tutor o Infermieri guida di tirocinio - Il numero di Valutatori/Simulatori impegnati in una sessione d esame varia da (2 ogni stazione) 12

13 PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE PROVE (2) NUMERO DI STAZIONI - Gli studenti valutati giornalmente nell esame sono max 70 - Prove Cognitive 6 studenti contemporaneamente - Psicomotorie e relazionali 1 studente per volta - Le stazioni attivate contemporaneamente sono 7-1 cognitive - 3 psicomotorie e relazionali TEMPI Durata delle singole prove; - Cognitive: 10 -Psicomotorie 9 - Relazionali: 10 - Durata complessiva dell esame per ciascun candidato: 39 13

14 PUNTI DI FORZA Riflessione sulle competenze da apprendere Buona correlazione fra OSCE e valutazione di tirocinio per gli studenti che presentano maggiori difficoltà formative Omogenizzazione e coinvolgimento del gruppo di formatori Alto gradimento dei valutatori/simulatori che apprezzano il confronto con i colleghi Permette la valutazione dell azione tutoriale 14

15 PUNTI DI DEBOLEZZA Numero prove non sufficienti per l esaustività delle competenze core Difficoltà nelle prove relazionali a riprodurre dinamiche, clima e scenari aderenti alla realtà Incerta affidabilità della valutazioni della stessa prova fatta da tutor diversi Basso gradimento degli studenti (stressante prova cognitiva e decontestualizzata prova relazionale) Organizzazione complessa (aule laboratorio occupate per lungo tempo, alto numero di risorse umane e materiali necessarie, necessità di molti valutatori/simulatori). 15

16 Grazie per l attenzione

ROSANNA LOMBARDI 25.05.1960. Collaboratore professionale sanitario Esperto cat. DS (infermiere) AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE

ROSANNA LOMBARDI 25.05.1960. Collaboratore professionale sanitario Esperto cat. DS (infermiere) AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica ROSANNA LOMBARDI 5.05.960 Collaboratore professionale sanitario Esperto cat. DS (infermiere) Amministrazione AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA

Dettagli

Proposta Formativa Corsi di Aggiornamento Professionale/Formazione Permanente

Proposta Formativa Corsi di Aggiornamento Professionale/Formazione Permanente Scopo e campo d applicazione Il corso si propone di completare il percorso fatto nel corso base al fine di approfondire le conoscenze dei partecipanti in tema di metodi di apprendimento-insegnamento e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella;

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella; COGNOME NOME EULOGIO CATERINA Professione : Infermiera Sede lavorativa A.S.L.BI Tel.: 0158409333 Fax: 0158401931 E-mail: caterina.eulogio@infermieribiella.it CURRICULUM Formazione e studi 1975 Diploma

Dettagli

I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR

I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR LA FORMAZIONE TECNICO-PRATICA NEL CORSO DI LAUREA TRMIR: METODOLOGIE ED ESPERIENZE DEGLI STUDENTI I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR Dr. Mauro Curzel Coordinatore delle attività formative Corso

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono Lavoro 011.6336797/5799 Fax 0116334990 E-mail dcurci@cittadellasalute.to.it daniele.curci@unito.it Nazionalità ITALIANA Data di nascita 30/08/1976 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Prefazione al manuale del docente >ƵĐŝĂŶŽ sğʃžƌğ Ğ 'ŝƶɛğɖɖğ sğŷƚƌŝőůŝă

Prefazione al manuale del docente >ƵĐŝĂŶŽ sğʃžƌğ Ğ 'ŝƶɛğɖɖğ sğŷƚƌŝőůŝă i diari e il momento centrale della visita in ambulatorio e a domicilio, nella quale lo studente non assiste passivamente, ma esercita il ruolo attivo dell osservatore critico. Poiché tutto ciò che si

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

FORMATORI DI TUTOR CLINICI

FORMATORI DI TUTOR CLINICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Scienze Chirurgiche Master Universitario di 1 Livello FORMATORI DI TUTOR CLINICI Direttore: Prof. Leopoldo Sarli Coordinatori Scientifici: : Dott.ssa Diletta

Dettagli

L ESAME FINALE DEL CORSO ASA, OSS: STRATEGIE PER UNA VALUTAZIONE OBIETTIVA

L ESAME FINALE DEL CORSO ASA, OSS: STRATEGIE PER UNA VALUTAZIONE OBIETTIVA L ESAME FINALE DEL CORSO ASA, OSS: STRATEGIE PER UNA VALUTAZIONE OBIETTIVA 17 ottobre 2009 Angelo Benedetti 1 OBIETTIVI Conoscere le modalità di svolgimento dell esame finale dei percorsi formativi Asa,

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULL EFFICACIA DELL APPRENDIMENTO IN SIMULAZIONE

STUDIO OSSERVAZIONALE SULL EFFICACIA DELL APPRENDIMENTO IN SIMULAZIONE ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in INFERMIERISTICA Polo Scientifico Didattico di Ravenna STUDIO OSSERVAZIONALE SULL EFFICACIA DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE REGIONALE. L infermiere con competenze specialistiche nel percorso chirurgico e nelle tecniche di Camera Operatoria

CORSO DI ALTA FORMAZIONE REGIONALE. L infermiere con competenze specialistiche nel percorso chirurgico e nelle tecniche di Camera Operatoria CORSO DI ALTA FORMAZIONE REGIONALE L infermiere con competenze specialistiche nel percorso chirurgico e nelle tecniche di Camera Operatoria Gruppo di lavoro Mattia Glauber, Direttore U.O.C. Cardiochirurgia

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Consensus Conference sul Tirocinio

Consensus Conference sul Tirocinio Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie Consensus Conference sul Tirocinio La valutazione delle competenze cliniche: risultati preliminari L. Saiani, S. Bielli, A. Brugnolli,

Dettagli

Eperienze tutoriali nel tirocinio dello studente universitario. La realtà di Brescia. M. Cadei. Professione e Università

Eperienze tutoriali nel tirocinio dello studente universitario. La realtà di Brescia. M. Cadei. Professione e Università Professione e Università Eperienze tutoriali nel tirocinio dello studente universitario. La realtà di Brescia. M. Cadei TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Scuola Diretta a Fini Speciali di Tecnico di Laboratorio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PIANO DIDATTICO Istituzione del Master Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CENTANARO ROBERTA Indirizzo 2, VIA ANGELO MASINA, 16143 GENOVA (GE) Telefono 010 8315607 Fax 010 555 6649

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Il Regolamento didattico del Corso, in conformità alla normativa vigente, prevede per il tirocinio

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Corso di Laurea triennale in I N F E R M I E R I S T I C A - A.A. 2015-2018

Corso di Laurea triennale in I N F E R M I E R I S T I C A - A.A. 2015-2018 REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991 Corso di Laurea triennale in I N F E R M I E R I S T I C A - A.A. 2015-2018

Dettagli

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica 1. Finalità Il tirocinio del Corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma

UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma OSPEDALE COTTOLENGO - Torino Corso di Laurea in Infermieristica Corso infermieri guida di tirocinio novembre 2014

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI. SVILUPPO DEL Sé, RELAZIONE DI AIUTO, COUNSELING

PERCORSI FORMATIVI. SVILUPPO DEL Sé, RELAZIONE DI AIUTO, COUNSELING PERCORSI FORMATIVI SVILUPPO DEL Sé: RIFLETTERE, RI-COSTRUIRE, RI-ELABORARE OttObre 2011- GiuGnO 2013 Risorse e criticità della propria storia personale per una pratica professionale consapevole RELAZIONE

Dettagli

I L C O R S O D I L A U R E A

I L C O R S O D I L A U R E A I L C O R S O D I L A U R E A 1) DOVE SI TROVA LA SEDE DEL CORSO DI LAUREA DI TORINO? 2) DA CHE COSA DIPENDE L ISCRIZIONE ALL UNA O ALL ALTRA SEDE? 3) QUALI SONO LE ZONE DOVE SI SVOLGERA IL TIROCINIO?

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia Allegato 1 G PROGRAMMA FORMATIVO DEGLI EVENTI ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia CT04-2009 1. PREMESSA La formalizzazione di una esperienza di

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - POLICLINICO A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - POLICLINICO A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - POLICLINICO A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA A cura di DAI Sr. Lina Poddighe, Dott. Salvatore Bifano, Dott.sa Elena

Dettagli

I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa

I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa CONFERENZA PERMANENTE DELLE CLASSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE COMMISSIONE NAZIONALE DEI CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa

Dettagli

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro 6 TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION Sessione Etica professionale Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro Torino, 14 ottobre 2010 Valerio Dimonte Valerio.dimonte@unito.it

Dettagli

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia 5 a Conferenza Nazionale GIMBE Dall'Evidence-based Practice alla Clinical Governance Bologna, 5 febbraio 2010 Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea

Dettagli

LAUREA IN INFERMIERISTICA "N" SEDE DI BRACCIANO Presidente Prof. ADRIANO REDLER Direttrice Didattica Dr.ssa SERENELLA SAVINI

LAUREA IN INFERMIERISTICA N SEDE DI BRACCIANO Presidente Prof. ADRIANO REDLER Direttrice Didattica Dr.ssa SERENELLA SAVINI LAUREA IN INFERMIERISTICA "N" SEDE DI BRACCIANO Presidente Prof. ADRIANO REDLER Direttrice Didattica Dr.ssa SERENELLA SAVINI REGOLAMENTO TIROCINIO CLINICO PREMESSA Nella formazione dello studente infermiere

Dettagli

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE dal Dott..... nato a. il. ricercatore per il raggruppamento disciplinare n.. (D.M. 4 ottobre 2000 e modifiche D.M. 18 marzo 2005). Da consegnare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A246 - Lingua e civiltà francese Il tirocinio formativo attivo (TFA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI MODENA (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)

Dettagli

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono.

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono. Modelli e Metodi del Tutorato nei tirocini delle professioni sanitarie e sociali Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Michele Tansella Comitato scientifico Prof. Michele Tansella

Dettagli

a.a. 2013/2014 1 ANNO

a.a. 2013/2014 1 ANNO Insegnamento: TIROCINIO FORMATIVO a.a. 2013/2014 1 ANNO Docente: Stefano Bertoldi, Diego Giacometti, Diego Valentini Numero ore: 375 (300 di esperienza diretta in sede di tirocinio+75 di rielaborazione

Dettagli

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Regolamento di Tirocinio per i laureati nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e del Corso di Laurea Specialistica (58/S) e Magistrale in Psicologia (classe LM51), anche ai

Dettagli

Format questionario selezione formatori

Format questionario selezione formatori Allegato B Format questionario selezione formatori Progetto sperimentale Competence Based Approach WP 4 - Costruzione e sperimentazione di un sistema di monitoraggio dei processi formativi a garanzia della

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Regolamento Didattico del di Laurea Specialistica in SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE CLASSE DELLE LAUREE UNIVERSITARIE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Pagina 1 di 9 Pagina 1 - Curriculum vitae di F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Data e Luogo di nascita Residenza / Domicilio Codice

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FUGGETTA LEONARDO Telefono Cell. 335 777 3704 Fax Uff. 011 2402067 E-mail leonardo.fuggetta@unito.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

Infermiere specializzato in area critica Scuola E. Nasi Ospedale Martini, Torino. Il 11/06/97

Infermiere specializzato in area critica Scuola E. Nasi Ospedale Martini, Torino. Il 11/06/97 CURRICULUM Dati anagrafici Sciretti Massimiliano Residente a Torino Via Monginevro 180 Lavoro Asl TO1 Presidio Ospedale Martini Via Tofane 71 011-70952403 3476867579 3204323817 Email massimilianosciretti@libero.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE Allegato al D.R. n 735 del 2 maggio 2006 REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FERRETTI CARMELA Indirizzo VIA VENTIMIGLIA 3, 10126 TORINO Telefono 011/313.4471-4472 Fax 011/313.4408 E-mail

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

PERSICO ANNA MARIA INDIRIZZO PROFESSIONALE P.O. S.ANNA VIA VENTIMIGLIA, 3 10126 TORINO

PERSICO ANNA MARIA INDIRIZZO PROFESSIONALE P.O. S.ANNA VIA VENTIMIGLIA, 3 10126 TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Foto INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PERSICO ANNA MARIA INDIRIZZO PROFESSIONALE P.O. S.ANNA VIA VENTIMIGLIA, 3 10126 TORINO Telefono

Dettagli

PIANO FORMATIVO 2014/2015

PIANO FORMATIVO 2014/2015 PIANO FORMATIVO 2014/2015 Il CFP Francesco d Assisi La Cooperativa "Francesco d'assisi" gestisce da più di otto anni un Centro di Formazione Professionale accreditato presso la Regione Veneto, rivolto

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

AREA CRITICA ED EMERGENZA IN AMBITO INFERMIERISTICO

AREA CRITICA ED EMERGENZA IN AMBITO INFERMIERISTICO Master di I livello AREA CRITICA ED EMERGENZA IN AMBITO INFERMIERISTICO (MA 048) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO Area critica ed emergenza in ambito infermieristico OBIETTIVI FORMATIVI Il master

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

Modulo formativo per docenti sull uso delle nuove tecnologie - uso della LIM nella pratica didattica ESPERTO D 1- allegato al CURRICULUM VITAE

Modulo formativo per docenti sull uso delle nuove tecnologie - uso della LIM nella pratica didattica ESPERTO D 1- allegato al CURRICULUM VITAE Obiettivo D1 -D1-FSE-2011-224 Modulo formativo per docenti sull uso delle nuove tecnologie - uso della LIM nella pratica didattica ESPERTO D 1- allegato al CURRICULUM VITAE Cognome e Nome CANDIDATO Titolo

Dettagli

Divisione Didattica e Studenti

Divisione Didattica e Studenti Divisione Didattica e Studenti Settore Alta Formazione Decreto del Rettore Repertorio n. 239/2014 Prot. n. 5051 del 17/04/2014 Tit. III Cl. 5 Oggetto: Istituzione e attivazione della II edizione del Corso

Dettagli

Teorie, metodi e strumenti per la formazione nelle professioni sanitarie

Teorie, metodi e strumenti per la formazione nelle professioni sanitarie Percorsi Formativi FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI Teorie, metodi e strumenti per la formazione nelle professioni sanitarie Master Universitario di secondo

Dettagli

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A 55 risposte su 70 email inviate. 78 % Contesto e Risorse La struttura dell'edificio è considerata in modo positivo 98,1 % dei docenti. I laboratori sono adeguatamente attrezzati per il 66 % dei docenti.

Dettagli

FORMATORI DI TUTOR CLINICI

FORMATORI DI TUTOR CLINICI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN FORMATORI DI TUTOR CLINICI A.A. 2014/15 Istituito ai sensi del D.M. 22/10/2004 n. 270, realizzato ai sensi dell art. 7 del Regolamento

Dettagli

Al corso sono attribuiti 60 CFU.

Al corso sono attribuiti 60 CFU. U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I G E N O V A DIPARTIMENTO GESTIONE E FORMAZIONE STUDENTI ED ATTIVITA INTERNAZIONALI SERVIZIO ALTA FORMAZIONE SETTORE VIII D.R.n. 78 IL RETTORE Visto l art. 31

Dettagli

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Corsi di specializzazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ASL AL SEDE DI TORTONA - PIAZZA FELICE CAVALLOTTI 7 Telefono 0131 865423 Fax E-mail mderosso@aslal.it

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE.

CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE. CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE. LE PROVE D ESAME: MODALITA DI CONDUZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE. 24 settembre 2010 Angelo Benedetti 1 LA COMMISSIONE COSTITUITA

Dettagli

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Psicologia

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso

IL RETTORE DECRETA. Art. 1 Tipologia, durata e denominazione del corso DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 300 Vercelli VC Tel. 06 6 59 Fax 06 0 89 progetti.didattica@uniupo.it Decreto del Rettore Repertorio n. 544/05 Prot. n. 45 del 8/07/05 Titolo III

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici Il percorso formativo dell infermiere: dalla conoscenza alla competenza Dr. Ciro Carbone Presidente Collegio

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA (CLASSE LM-46 ODONTOIATRIA

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO Definizione e significato degli esami di stato L Esame di Stato per l abilitazione alla professione di assistente sociale e di assistente sociale specialista consiste

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO PG 2016 SETTORE E AREA DI INTERVENTO E 03 Educazione e promozione culturale/animazione culturale verso i giovani OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

Disciplina del corso di formazione per Operatore Socio Sanitario

Disciplina del corso di formazione per Operatore Socio Sanitario Allegato parte integrante Allegato 2 - Disciplina del corso di formazione per Operatore socio sanitario Allegato 2 Disciplina del corso di formazione per Operatore Socio Sanitario Articolo 1 (Principi

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 PERSONALE COMPARTO

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 PERSONALE COMPARTO CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA Semestre integrato Disciplina Attività di Complemento richiesta n ore Profilo professionale richiesto 1 I Scienze infermieristiche Metodologia

Dettagli

Conferenza Nazionale CdLLMPS Giunta - 20 marzo 2013 Assemblea - Portonovo 12 settembre 2013

Conferenza Nazionale CdLLMPS Giunta - 20 marzo 2013 Assemblea - Portonovo 12 settembre 2013 Linee di indirizzo per la prova finale dei Corsi di Laurea afferenti alle classi delle professioni sanitarie (DIM 19 febbraio 2009) avente valore di esame di abilitazione all esercizio professionale. Conferenza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SCAGLIA MARCO Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Data di nascita 17

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO CLINICO REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO CLINICO A.A. 2012/2013 Versione III 20/03/2013 - Nuovo Ordinamento 1 PREMESSA Il regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Riabilitative delle

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Istituto di Igiene FONDAZIONE POLIAMBULANZA ISTITUTO OSPEDALIERO BRESCIA 10 corso parallelo di Laurea triennale in Infermiere

Dettagli

A l e s s a n d r a D a n i e l i

A l e s s a n d r a D a n i e l i V I A J A M O R E T T I, 1 2 V A R E S E T E L E F O N O 3 3 9 5 9 3 7 8 8 7 I N D I R I Z Z O M A I L a l e. d a n i e l i @ h o t m a i l. i t A l e s s a n d r a D a n i e l i INFORMAZIONI PERSONALI

Dettagli

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA a) PER IL SETTORE CONCORSUALE /M1, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE MED/45 PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA

Dettagli

Master Management Infermieristico Università Cattolica Sacro Cuore Il 27/03/2006 con Menzione di merito

Master Management Infermieristico Università Cattolica Sacro Cuore Il 27/03/2006 con Menzione di merito CURRICULUM Dati anagrafici Sciretti Massimiliano Residente a Torino Lavoro Asl TO1 Presidio Ospedale Martini Via Tofane 71 011-70952403 3204323817 Email massimiliano.sciretti@unito.it Titolo di studio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE COMPETENZE ESPERTE

CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE COMPETENZE ESPERTE CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE COMPETENZE ESPERTE L INFERMIERE CON COMPETENZE ESPERTE NEL PERCORSO CHIRURGICO E NELLE TECNICHE DI SALA OPERATORIA INDICE PREMESSA...3 PROGETTO FORMATIVO...4 Obiettivo generale

Dettagli

LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE TRA RICERCA E DIDATTICA NELL ANALISI DEI DATI DI ESPOSIZIONE

LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE TRA RICERCA E DIDATTICA NELL ANALISI DEI DATI DI ESPOSIZIONE Convegno Nazionale Lo sviluppo inizia qui: assistenza, ricerca e didattica nelle professioni sanitarie Reggio Emilia, 11-12 dicembre 2008 LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE

Dettagli

Portfolio e tutorato on-line

Portfolio e tutorato on-line Conferenza Permanente delle Classi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Integrare e-learning nella formazione universitaria: potenzialità, applicazioni e sfide Bologna, 11-12 settembre

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Manifesto degli studi Anno Accademico 2014-2015 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE INFERMIERISTICHE

Dettagli

Progettista di Formazione

Progettista di Formazione PROGETTISTA DESCRIZIONE PROFILO FUNZIONE TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZA LAVORATIVA Picco Guido Nato a Torino (TO) il 14.01.1957 Residente a Moncalieri (To), Strada San Michele 1/3 Rif. Tel. 335.1328239

Dettagli

Associazione di Sanità solidale e Iniziative di Utilità Sociale ASIUS

Associazione di Sanità solidale e Iniziative di Utilità Sociale ASIUS Associazione di Sanità solidale e Iniziative di Utilità Sociale ASIUS Sito: www.asius.onweb.it E-Mail: sanitàsolidale@gmail.com Via Paternum 179 San Pietro Patierno - Napoli LAUREE TRIENNALI PER LE PROFESSIONI

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giuseppe Marmo marmogiuseppe@tiscali.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Destrebecq Anne Lucie Indirizzo Via Dante n.3/13 cap. 20068 Peschiera Borromeo (Milano) Italy Telefono

Dettagli

LINEE GUIDA DIDATTICO-AMMINISTRATIVE CORSO T.F.A. A.A. 2011/12

LINEE GUIDA DIDATTICO-AMMINISTRATIVE CORSO T.F.A. A.A. 2011/12 LINEE GUIDA DIDATTICO-AMMINISTRATIVE CORSO T.F.A. A.A. 2011/12 Il presente documento riassume: la normativa nazionale relativa al TFA per le parti di interesse, la nota MIUR n. 549 del 28/02/2013 inviata

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO MASTER - AGGIORNAMENTO

PERCORSO FORMATIVO MASTER - AGGIORNAMENTO Istituto Comprensivo Statale di Barga Istituto Comprensivo Statale di Borgo a Mozzano Istituto Comprensivo Statale di Coreglia Antelminelli Istituto Comprensivo Statale di Gallicano Istituto Comprensivo

Dettagli

Crediti assegnati: 37.5 Durata: 30 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di formazione

Crediti assegnati: 37.5 Durata: 30 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di formazione 00798 Formazione al ruolo di tutor clinici per infermieri appartenenti alle équipes ospedaliere e territoriali denominate "Team Teaching" per il tirocinio degli studenti. (IRCCRO_00798) Crediti assegnati:

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli