Programma quadro d insegnamento per i dcii di formazione delle scuole specializzate superiori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma quadro d insegnamento per i dcii di formazione delle scuole specializzate superiori"

Transcript

1 Q 8~ ri ~ fl Organisation fahike nationaie du monde du travail Sant4.J 1 1 Organizzazione Nationale Dach-Organisation mantello dcl mondo der Arbeitswelt del IavoroGesundheit per ii settore sanitano BGS ASCFS ASCFS Schweizerischer Gesundheit und Verband Soziales Bildungszentren de Association form tionwisse sant&social des centres Associazione di formazionesvizzera sociosanitaria dei Programma quadro d insegnamento per i dcii di formazione delle scuole specializzate superiori cure infermieristiche con II titolo legalmente proteff0 infermiera dipl. SSS infermiere dipl. SSS Organi responsabili: OdASantö Organizzazione man tello del mondo del lavoro per II settore sanitario, Seilerstrasse 22, 3011 Berna ASCFS - Associazione svizzera dei centri di formazione sociosanitaria, sede, Gloriastrasse 16, 8006 Zurigo Approvato dall ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia Stato FEB. ~O11

2 Indice 1 Introduzione Organi responsabili Esame periodico del programma quadro d insegnamento per la formazione 1.3 Posizione 1.4 Titolo Profilo professionale e competenze da raggiungere Campo lavorativo e contesto Vista d insieme dei processi di lavoro Processi di lavoro e competenze da raggiungere 9 3 Ammissione al ciclo di formazione della Scuola Specializzata Superiore Condizioni di ammissione Procedura di ammissione Riconoscimento di qualifiche già acquisite 3.4 CFC OSS Ciclo di formazione Orientamento del ciclo di formazione Durata del ciclo di formazione Campo di formazione Scuola Campo di formazione Training e Transfert (TT) Campo di formazione Pratica professionale (periodi di pratica) Organizzazione dei periodi di pratica Condizioni quadro per i periodi di pratica Ripartizione delle ore di formazione in funzione dei campi di formazione Coordinamento dei campi di formazione Presa in considerazione delle direttive dell'unione europea 17 5 Procedura di qualifica conclusiva Ammissione alla procedura di qualifica Obiettivo della procedura di qualifica Elementi della procedura di qualifica Strumenti di valutazione Diploma Modalità in caso d insuccesso 20 6 Entrata in vigore 20 Appendice 1: Repertorio delle fonti 22 Appendice 2: Glossario 24 Appendice 3: Presa in considerazione del DL I 27 2

3 1. Introduzione Il presente programma quadro (PQ) d insegnamento per il ciclo di formazione dell infermierae diplomata-o 1 SSS 2 contiene numerose innovazioni rispetto alle prescrizioni della legge precedente (CRS). Il processo di attuazione del PQ deve inoltre permettere di realizzare una formazione professionale moderna, di compiere un indagine critica di quanto già esiste e di percorrere nuove vie. La legge federale sulla formazione professionale (LFPr) ha accolto il principio del partenariato dichiarandolo programma. Formulato esplicitamente all articolo 1 della LFPr, tale principio condiziona e influenza l intera formazione professionale. Il partenariato tra gli operatori della formazione e le aziende per lo svolgimento della pratica costituisce perciò il fondamento per i cicli di formazione innovativi di infermiera-e diplomata-o SSS. Il PQ serve come base per ulteriori regolamentazioni e accordi (quali convenzioni e contratti di formazione tra partner della formazione). Le responsabilità all interno del partenariato devono essere regolamentate e avere carattere vincolante. Per la formazione dell infermiera-e diplomata-o SSS delle direttive europee 3 disciplinano le parti teoriche e pratiche della formazione stessa e il relativo coordinamento. Queste direttive devono essere prese in considerazione nell attuazione del PQ Organi responsabili L Organizzazione nazionale mantello del mondo del lavoro per il settore sanitario OdASanté 5 e l'associazione svizzera dei centri di formazione sociosanitaria (ASCFS) assumono congiuntamente la responsabilità del presente PQ Esame periodico del programma quadro d insegnamento per la formazione Il periodico aggiornamento del PQ è compito comune degli organi responsabili. Gli organi responsabili creeranno un gruppo di lavoro per l aggiornamento del PQ. 1 Nella versione italiana si utilizzano le forme femminili e maschili divise da barretta orizzontale 2 Scuola Specializzata Superiore 3 vedi Direttiva 2005/36/CE. 4 vedi Art. 23 cpv 2 OFPr; Art. 7 cpv 3 OERic-SSS. 5 Organizzazione professionale, datori di lavoro, fornitori di prestazioni sanitarie 3

4 1.3. Posizione Come illustrato nella Figura 1, il ciclo di formazione dell infermiera-e diplomata-o della Scuola Specializzata Superiore (SSS) si basa su un titolo di studio di livello secondario II (Certificato federale di capacità, scuola di grado diploma, maturità) 6. La formazione seguita con successo e sancita con il titolo di infermiera-e diplomata-o SSS consente di seguire una specializzazione ulteriore nel campo delle cure (ad es.: corsi postdiploma e studi postdiploma delle scuole specialistiche superiori; esami federali, scuole universitarie professionali). Figura 1: Il sistema di formazione dell Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) 6 vedi Art. 26 cpv 2 LFPr 4

5 1.4. Titolo Il ciclo di formazione secondo il presente PQ, seguito con successo, è sancito con il titolo seguente: - dipl. Pflegefachfrau HF / dipl. Pflegefachmann HF - Infirmière diplômée ES / Infirmier diplômé ES - Infermiera dipl. SSS / Infermiere dipl. SSS La traduzione inglese raccomandata per questo titolo è la seguente: - Nurse with College of PET 7 degree Il titolo è congruente con la denominazione professionale dei cicli di formazione secondo le prescrizioni della legge precedente. 7 Professional Education and Training 5

6 2. Profilo professionale e competenze da raggiungere Il profilo professionale è un elemento centrale del PQ. 8 Esso consiste in un campo lavorativo e in un contesto, in processi di lavoro e in competenze professionali chiave (vedi Figura 2). Nel testo che segue i diversi concetti vengono descritti. ecc. Figura 2: Struttura del profilo professionale Campo lavorativo e contesto Il PQ descrive i compiti professionali centrali, il loro posto nel contesto professionale e gli attori coinvolti. 9 Processi di lavoro I processi di lavoro sono dedotti dal campo lavorativo e dal contesto. Essi descrivono come sono eseguiti, rispettivamente gestiti, i compiti professionali chiave. 10 Competenze Le competenze sono dedotte dai processi di lavoro. Esse descrivono ciò che un-a professionista deve sapere e saper fare per adempiere ai compiti professionali chiave (vale a dire ai processi di lavoro) 11. La definizione più avanti è basata sulla terminologia del processo di Copenhagen : 12 8 vedi Art. 7 cpv 1 OERic-SSS; Guida PQ 9 vedi Guida PQ 10 vedi Guida PQ 11 vedi Guida PQ 12 vedi Glossario utilizzato nel processo di Copenhagen 6

7 Le competenze indicano la capacità di rendere operative delle conoscenze, delle abilità e del know-how in situazioni di lavoro abituali o nuove. Esse sono costituite dal sapere, dal sapere fare e dal sapere essere. Esse sono definite dall'orientamento in funzione dell'obiettivo, dell'autonomia, dell'iniziativa, della responsabilità, del contesto relazionale, dei mezzi usati e del profilo di esigenza dell'infermiera-e diplomata-o SSS. La competenza comprende i seguenti elementi: - competenza cognitiva: applicazione di teorie/concetti e di conoscenze implicite (tacit knowledge) acquisite dall esperienza - competenza funzionale: capacità e know-how necessari per esercitare un attività concreta - competenza personale: comportamento in situazioni di lavoro - competenza etica: valori personali e socioprofessionali Queste nozioni di competenza forniscono un quadro per i modelli di competenza scelti dagli operatori della formazione. Si rinuncia a una definizione più precisa di queste nozioni per permettere agli operatori della formazione di definire i loro modelli di competenza in funzione delle condizioni regionali Campo lavorativo e contesto Le attività dell infermiera-e diplomata-o SSS comprendono un ampio spettro di compiti nell ambito delle prestazioni sanitarie, ossia: 13 - Cura e assistenza di ammalati fisici e psichici o di persone disabili in tutte le fasi della vita e provenienti da diversi ambiti socioculturali - Prevenzione delle malattie e promozione della salute - Collaborazione allo sviluppo di strategie politiche per la promozione della salute a lungo termine della popolazione - ecc. Le attività possono essere suddivise nel modo seguente secondo il continuum delle cure infermieristiche: 14 - Mantenimento e promozione della salute, prevenzione - Malattie acute - Convalescenza e riabilitazione - Cura di lunga durata - Cure palliative L infermiera-e diplomata-o SSS si assume la responsabilità professionale per l intero processo delle cure e per l esecuzione dei compiti organizzativi e medicotecnici delegateledelegategli. Essa-esso lavora in maniera efficiente, analitica, sistematica 15, basata sull evidenza e in modo riflessivo. Essa-esso tiene conto dei principi etici e giuridici, dello stato di salute, dei bisogni e delle risorse, dell età, del genere, della biografia, dello stile di vita e dell ambiente sociale delle-dei pazienti, nonché dell ambiente culturale, economico e sociale. 13 vedi International Council of Nurses (ICN) 14 vedi Spichiger, E. e altri (2006) 15 Essa utilizza delle classificazioni di referenza, quali NursingData o altre classificazioni; vedi NURSING data (2006) 7

8 Essa-esso stabilisce una comunicazione professionale e delle relazioni professionali adeguate con le-i pazienti e con i loro familiari. Essa-esso comunica e collabora a livello intra e interprofessionale. Essa-esso si sforza di gestire con cura e attualità le conoscenze. Essa-esso continua a formarsi e assume degli incarichi di formazione e d istruzione. Essa-esso contribuisce allo svolgimento efficiente dei processi logistici e amministrativi. Essa-esso pianifica, organizza, coordina, delega e sorveglia i compiti infermieristici. Tuttavia essa-esso non si assume nessuna responsabilità di gestione del personale a livello dirigente. L infermiera-e diplomata-o SSS lavora in diverse istituzioni 16 della salute pubblica e del sociale e anche al domicilio delle-dei pazienti Vista d insieme dei processi di lavoro L infermiera-e diplomata-o SSS agisce in un campo lavorativo che pone delle esigenze sempre più complesse per via delle evoluzioni sociali e delle condizioni quadro mutevoli. I processi di lavoro indicati nel presente PQ sono caratterizzati dunque dai seguenti fattori: 17 - Complessità: il numero elevato di variabili impreviste e mutevoli caratterizza in modo particolare il processo di cura - Opacità: le numerose variabili che non sono a priori identificabili per le persone coinvolte e che rappresentano dei pericoli potenziali richiedono una gestione esplicita delle conoscenze da parte dei professionisti - Interdipendenza: le numerose variabili interdipendenti richiedono un analisi efficiente, una collaborazione intra e interprofessionale ed una comunicazione differenziata. - Dinamica: i cambiamenti rapidi delle situazioni pongono delle esigenze elevate riguardo all organizzazione. Si distinguono dieci processi di lavoro che sono suddivisi in quattro processi principali: Processo di cura 1. Raccolta dei dati e anamnesi 2. Diagnosi infermieristica e pianificazione delle cure 3. Intervento infermieristico 4. Risultati delle cure infermieristiche e documentazione Processo di comunicazione 5. Comunicazione e gestione delle relazioni 6. Comunicazione intra e interprofessionale Management delle conoscenze 7. Formazione continua 8. Funzione d insegnamento e di formazione 16 Le istituzioni hanno dei mandati di prestazione. I mandati di prestazione sono regolamentati dalle pianificazioni ospedaliere cantonali conformemente all Art. 39 della LAMal oppure da altre pianificazioni riguardo gli ambiti della salute e del sociale (ad es.: per le cure extraospedaliere, le case per anziani, ecc.); vedi LAMal. 17 vedi Guida PQ 8

9 Processo organizzativo 9. Organizzazione e gestione 10. Logistica e amministrazione 2.3. Processi di lavoro e competenze da raggiungere Il processo di lavoro e le competenze da raggiungere sono descritte qui di seguito. Le competenze specifiche ai processi di lavoro sono enumerate sotto. Processo di cura 1. Raccolta dei dati e anamnesi L infermiera-e diplomata-o SSS effettua l assessment e, se necessario, il ri-assessment. Ciò include l accertamento e la valutazione della situazione attuale delle-dei pazienti in campo fisico, cognitivo, psichico e sociale, e prende in considerazione la biografia della persona e il vissuto della malattia da parte delle-dei pazienti. Essa-esso valuta inoltre il loro bisogno di cure, i loro bisogni e le loro risorse. 1.1 L infermiera-e diplomata-o SSS compie la valutazione clinica e prende le decisioni di sua competenza. Essa-esso configura la cura in modo tale che venga tenuto conto dei valori, dei diritti e degli interessi delle-dei pazienti. 1.2 L infermiera-e diplomata-o SSS riconosce le crisi e le situazioni a rischio, le valuta e prende gli opportuni provvedimenti. 2. Diagnosi infermieristica e pianificazione delle cure L infermiera-e diplomata-o SSS individua e valuta i problemi di salute attuali o potenziali delle-dei pazienti, nonché le loro risorse. Essa-esso formula le diagnosi infermieristiche. Essa-esso stabilisce degli obiettivi in accordo con le-i pazienti e/o con i loro familiari e pianifica le cure. 2.1 L infermiera-e diplomata-o SSS formula le diagnosi infermieristiche e pianifica delle misure specifiche appropriate alla situazione per affrontare in maniera efficiente i problemi di salute, i conflitti e le situazioni di crisi. Essa-esso a questo scopo fa riferimento a modelli, metodi e concetti adeguati. 2.2 L infermiera-e diplomata-o SSS definisce insieme alle/ai pazienti le risorse che concorrono alla profilassi e al superamento di problemi e che possono contribuire alle cure. 3. Intervento infermieristico L infermiera-e diplomata-o SSS organizza, esegue e controlla gli interventi di cura in base a conoscenze scientifiche e servendosi di criteri basati sull evidenza. 3.1 L infermiera-e diplomata-o SSS sostiene le-i pazienti per il raggiungimento della migliore qualità di vita possibile. Essa-esso li sostiene dal punto di vista della loro autonomia e della loro indipendenza. Essa-esso crea le condizioni che consentono il coinvolgimento delle-dei pazienti nei processi decisionali. 3.2 L infermiera-e diplomata-o SSS sceglie, nel quadro della responsabilità affidatale, i metodi, le misure e le tecniche adeguate. Essa-esso li applica in modo corretto e effettua il suo lavoro con professionalità. 3.3 L infermiera-e diplomata-o SSS organizza e promuove per se stessa-o delle misure di prevenzione e di promozione della salute. All occorrenza essa-esso chiede la collaborazione altrui per questo scopo. 9

10 3.4 L infermiera-e diplomata-o SSS prende parte a programmi per l inserimento o il reinserimento di persone a rischio o ammalate. Essa-esso esegue questi programmi in maniera autonoma o in collaborazione intra e interprofessionale. 3.5 L infermiera-e diplomata-o SSS fa fronte anche a situazioni impreviste e in rapido mutamento. Essa-esso collabora efficientemente in seno all équipe intra e interprofessionale in situazioni critiche e complesse. 4. Risultati delle cure infermieristiche e documentazione L infermiera-e diplomata-o SSS verifica l efficacia delle cure sulla base dei risultati (misurabili) e mirando alla garanzia della qualità. Essa-esso porta a termine i processi di cura, configura le dimissioni e i trasferimenti. Essa-esso documenta gli aspetti significativi del processo di cura. 4.1 L infermiera-e diplomata-o SSS valuta sistematicamente l efficienza e i risultati degli interventi di cura. 4.2 L infermiera-e diplomata-o SSS analizza sistematicamente le situazioni di cura in base a concetti, teorie e modelli. Essa-esso riporta in altre situazioni di lavoro e di cura le conoscenze acquisite. 4.3 L infermiera-e diplomata-o SSS rispetta i principi etici e riflette su questi ultimi nonché sulle normative giuridiche e professionali. Essa-esso affronta i dubbi etici e prende posizione. 4.4 L infermiera-e diplomata-o SSS applica dei metodi e degli standard per il rilevamento delle prestazioni e per la garanzia di qualità, essa-esso valuta i risultati (misurabili). Essa-esso partecipa allo sviluppo di metodi e di standard per il rilevamento delle prestazioni e per la garanzia di qualità. 4.5 L infermiera-e diplomata-o SSS si procura dei risultati di ricerca e li utilizza nel suo lavoro quotidiano. 4.6 L infermiera-e diplomata-o SSS gestisce il dossier di cura delle-dei pazienti in maniera completa e corretta, comprensibile per l insieme dell équipe intraprofessionale. Processo di comunicazione 5. Comunicazione e gestione delle relazioni Scegliendo i mezzi di comunicazione idonei, l infermiera-e diplomata-o SSS stabilisce e mantiene con le-i pazienti, nonché con i loro familiari, un rapporto di fiducia e empatia. 5.1 L infermiera-e diplomata-o SSS organizza la comunicazione e le relazioni in modo che siano adeguate alla situazione, che rispondino ai bisogni delle-dei pazienti, nonché dei loro familiari, che favoriscano il benessere generale e che all occorrenza attenuino i timori e altri fenomeni di stress psichico. 5.2 L infermiera diplomata SSS sviluppa dei programmi di formazione sulla salute e adatti ai destinatari (individui, famiglie, gruppi). Essa-esso procede in modo autonomo o in collaborazione intra e/o interprofessionale. 5.3 L infermiera-e diplomata-o SSS s impegna per la migliore protezione possibile della sfera privata e della personalità delle-dei pazienti durante tutto il periodo di assistenza. 10

11 6. Comunicazione intra e interprofessionale L infermiera-e diplomata-o SSS assicura il flusso delle informazioni in seno all équipe intraprofessionale. 6.1 L infermiera-e diplomata-o SSS informa con precisione, tempestivamente e adeguatamente l équipe intra e interprofessionale in merito alla situazione e agli sviluppi dello stato di salute delle-dei pazienti. 6.2 L infermiera-e diplomata-o SSS si procura delle informazioni mirate. Essa-esso sceglie mezzi e vie appropriati per l informazione, applicandoli in modo adeguato e efficiente. Management delle conoscenze 7. Formazione continua L infermiera-e diplomata-o SSS continua a formarsi costantemente. 7.1 L infermiera-e diplomata-o SSS percepisce la situazione professionale come un opportunità di formazione e di apprendimento; essa-esso argomenta la sua pratica a partire dai risultati di ricerca. 7.2 L infermiera-e diplomata-o SSS valuta la qualità del suo stesso lavoro e utilizza le sue esperienze personali con l intento di formulare dei giudizi critici e costruttivi, nonché per lavorare in modo autonomo. 8. Funzione d insegnamento e di formazione L infermiera-e diplomata-o SSS assume delle funzioni d insegnamento e d inquadramento. 8.1 L infermiera-e diplomata-o SSS sostiene le studentesse e gli studenti durante il loro periodo di pratica. Essa-esso istruisce studentesse e studenti dei diversi cicli di formazione e promuove i loro processi di apprendimento. Processo organizzativo 9. Organizzazione e gestione L infermiera-e diplomata-o SSS assume la gestione professionale nell ambito delle cure. Essa-esso svolge compiti di pedagogia professionale. Essa-esso collabora efficacemente con l equipe intra e interprofessionale. 9.1 L infermiera-e diplomata-o SSS contribuisce in modo attivo e costruttivo alla collaborazione intra e interprofessionale 9.2 L infermiera-e diplomata-o SSS coordina le risorse esistenti e le utilizza in modo adeguato e efficiente. 9.3 L infermiera-e diplomata-o SSS analizza i processi organizzativi della propria istituzione, rispettivamente della propria unità organizzativa, e partecipa alla loro strutturazione. 9.4 L infermiera-e diplomata-o SSS assume mansioni di coordinamento professionale, di delega, d istruzione e di sorveglianza nell équipe intraprofessionale. 11

12 10. Logistica e amministrazione L infermiera-e diplomata-o SSS imposta, in maniera autonoma o in collaborazione con le persone e i servizi incaricati, le condizioni quadro strutturali utili per le cure. Nel quadro della propria attività, essa-esso contribuisce allo svolgimento efficiente dei processi amministrativi L infermiera-e diplomata-o SSS presta attenzione che le attrezzature e il materiale a disposizione siano utilizzati a regola d arte. In questo contesto, essa-esso considera criteri economici e ecologici L infermiera-e diplomata-o SSS configura l ambiente in modo da tenere conto dello stato di salute e del benessere delle-dei pazienti e da favorirne gli interventi terapeutici L infermiera-e diplomata-o SSS esegue i compiti di cura che le-gli sono delegate-i, tenendo conto dei processi di lavoro intra e interprofessionali specifici, nonché dei processi amministrativi prescritti dall istituzione, rispettivamente dall unità organizzativa alla quale appartiene. Essa-esso promuove l efficienza di questi processi di lavoro. 12

13 3. Ammissione al ciclo di formazione della Scuola Specializzata Superiore 3.1. Condizioni di ammissione Le candidate e i candidati sono ammesse-i al ciclo di formazione se dispongono dei seguenti requisiti 18 : - Un titolo di formazione di livello secondario II riconosciuto in Svizzera o altro titolo equivalente - Hanno superato con successo il test attitudinale 3.2. Procedura di ammissione La procedura di ammissione è applicata per tutte le candidate e i candidati. Gli operatori di formazione sono responsabili della procedura di ammissione e la regolamentano Riconoscimento di qualifiche già acquisite Le competenze acquisite precedentemente possono essere prese in considerazione. In questo contesto, esistono le possibilità seguenti: - Abbreviazioni individuali: gli operatori di formazione competenti decidono la loro politica in materia di riconoscimento degli acquisiti e della loro eventuale presa in considerazione 20 - Professioni della salute a livello terziario: gli operatori di formazione applicano una procedura standard per tenere conto delle competenze già acquisite durante l esercizio di una professione sanitaria. Essi possono di conseguenza ridurre la durata della formazione. - La presa in considerazione standardizzata di alcuni acquisiti in certe professioni della salute è regolamentata nell appendice CFC OSS Il riconoscimento del certificato federale di capacità (CFC) dell operatrice-operatore sociosanitaria-o (OSS) è regolamentato a due livelli: 1. Le competenze sono riconosciute individualmente fino alla fine dei primi cicli di formazione dell OSS organizzati secondo la nuova ordinanza di formazione (nel 2012). La regolamentazione di questi riconoscimenti è competenza dei cantoni. 2. Al termine delle prime formazioni OSS organizzate secondo la nuova ordinanza di formazione, il certificato federale di capacità di operatriceoperatore sociosanitaria-o sarà considerato come formazione nello stesso settore per il ciclo di formazione dell infermiera-e diplomata-o SSS. Il numero di ore di formazione sarà fissato a quella data, tenendo conto delle basi legali svizzere e europee 18 Essa [la formazione professionale superiore] presuppone il conseguimento di un attestato federale di capacità, una formazione scolastica superiore di cultura generale o una qualifica equivalente. (Art. 26 cpv 2 LFPr); vedi anche Art. 13 OERic-SSS. 19 vedi Art. 13 OERic-SSS 20 vedi Art. 4 cpv 2 OFPr 13

14 4. Ciclo di formazione 4.1. Orientamento del ciclo di formazione Il ciclo di formazione è orientato verso la pratica. 21 Il dispositivo di formazione garantisce che le persone in formazione raggiungano le competenze che permetteranno loro di lavorare in modo autonomo in tutti i campi lavorativi delle cure infermieristiche. La scelta dei contenuti della formazione e dei periodi di pratica permette un certo approfondimento in campi lavorativi specifici delle cure infermieristiche 22. L orientamento ampio della formazione prende in considerazione le direttive europee specifiche alla formazione nelle cure infermieristiche. 23 La formazione può anche essere proposta durante l impiego. In questo caso si esige almeno un attività professionale al 50% nel campo delle cure infermieristiche. L attività professionale deve essere organizzata in maniera che le condizioni richieste al capitolo 4.5 del PQ relative al campo di formazione Pratica professionale possano essere adempiute Durata del ciclo di formazione Il ciclo di formazione comprende un minimo di 5400 ore di formazione e dura tre anni se è seguito a tempo pieno e senza interruzione. Nel caso di ciclo di formazione in corso d impiego l'attività professionale deve essere organizzata secondo l'oeric-sss. 24 I cicli di formazione seguiti durante l impiego sono prolungati in funzione del tasso d occupazione. In generale non si estendono oltre quattro anni se sono seguiti a tempo pieno e senza interruzione. Il dispositivo di formazione è composto da tre campi di formazione descritti in modo più dettagliato nei capitoli 4.3, 4.4 e Campo di formazione Scuola La responsabilità del campo di formazione Scuola appartiene agli operatori di formazione. Il campo di formazione Scuola consente di acquisire delle conoscenze professionali inerenti al campo delle scienze infermieristiche e delle scienze fondamentali di riferimento. Le studentesse e gli studenti acquisiscono in questo contesto delle conoscenze, delle attitudini e delle capacità grazie ai contenuti di formazione strutturati (moduli). Il campo di formazione Scuola offre la possibilità di trattare delle teorie, dei concetti e dei modelli in modo sistematico e con un certo distacco dal campo lavorativo. Lo studio personale e la formazione a distanza comprendono al minimo il 10% e al massimo il 20% della totalità delle ore di formazione nel campo di formazione Scuola. 21 vedi Art. 2 OERic-SSS 22 vedi a questo proposito il capitolo 4.5, Campo di formazione Pratica professionale 23 vedi Direttiva 2005/36/CE 24 vedi Art.4, cpv 3 OERic-SSS 14

15 La formazione teorica, che prepara per il lavoro in campi professionali infermieristici specifici 25, comprende al massimo un terzo della totalità delle ore di formazione nel campo di formazione Scuola. Le esigenze poste al corpo docente nel campo di formazione Scuola sono regolamentate dall art. 12 dell Ordinanza SSS Campo di formazione Training e Transfert (TT) In un contesto di apprendimento e/o di luoghi di esercizio confacenti allo scopo, il campo di formazione Training e Transfert permette: di esercitare in modo mirato le capacità e le attitudini, nonché le competenze professionali. di esercitare la competenza di argomentazione clinica di apprendere grazie alla riflessione e alla sistematizzazione sulla base di esperienze pratiche di apprendere il transfert dalla teoria alla pratica, nonché dalla pratica alla teoria La formazione TT è gestita sotto la comune responsabilità degli operatori della formazione e delle aziende per lo svolgimento della pratica. Le esigenze poste alle formatrici e ai formatori sono definite nell art. 45 della LFPr. 4.5 Campo di formazione Pratica professionale (periodi di pratica) I periodi di pratica sono dei periodi di formazione durante i quali le studentesse e gli studenti sono impegnati nella pratica professionale in istituzioni di salute pubblica o del sociale; assunzioni che si svolgono nel quadro del ciclo di formazione SSS. L organizzazione e la scelta dei periodi di pratica permettono d acquisire delle competenze infermieristiche a largo spettro delle cure sanitarie. I periodi di pratica riguardano i contenuti prescritti dagli operatori di formazione. Il periodo di pratica consente un apprendimento basato su un esperienza riflessiva 26. Inoltre i periodi di pratica promuovono la socializzazione nel campo lavorativo e lo sviluppo della persona in formazione Organizzazione dei periodi di pratica Le condizioni seguenti devono essere adempiute: - La durata della formazione pratica è di 72 settimane in totale in caso di una formazione a tempo pieno di 5400 ore di studio. La durata di un periodo di pratica particolare è di 16 settimane al minimo e di 24 settimane al massimo. È possibile interrompere un periodo di pratica con delle parti di formazione scolastica. Gli operatori di formazione e le aziende per lo svolgimento della pratica decidono e regolamentano insieme la durata esatta di un periodo di pratica per l intero ciclo di formazione (ossia, la durata dei periodi di pratica non è definita individualmente). - Per garantire un largo orientamento al ciclo di formazione, almeno tre campi lavorativi delle cure (vedi Figura 3) devono essere coperti con periodi di pratica. Rimane tuttavia possibile formarsi in modo più approfondito in un 25 Campi lavorativi delle cure, vedi punto Rauner, F. (2004) 15

16 campo lavorativo specifico, dato che al massimo due terzi di una formazione pratica possono essere svolti in campi lavorativi identici o similari (ad es.: approfondimento in un campo lavorativo somatico o psichiatrico o con delle-dei pazienti che si trovano nella stessa fase di vita o in un ambiente identico o similare). - Durante la formazione pratica, le esperienze professionali devono essere svolte nell insieme dello spettro del continuum delle cure. Allo stesso modo, delle esperienze professionali devono essere fatte con delle-dei pazienti in tutte le fasi della vita. Campi lavorativi delle cure con mandato di prestazione dell azienda per lo svolgimento della pratica nei campi seguenti : Cura e assistenza di persone affette da malattie croniche Cura e assistenza di bambini, di adolescenti, di famiglie e di donne Cura e assistenza di persone affette da disturbi psichici Cura e assistenza di persone in riabilitazione Cura e assistenza di persone affette da malattie somatiche Cura e assistenza a domicilio Figura 3: Campi lavorativi delle cure È raccomandato cambiare una volta azienda per lo svolgimento della pratica durante la formazione. L attestato dei periodi di pratica svolti è una parte del supplemento al diploma redatto dall operatore di formazione Condizioni quadro per i periodi di pratica Le aziende per lo svolgimento della pratica sono responsabili della formazione nella pratica. 28 Esse dispongono di un concetto relativo alla formazione pratica delle-degli studentessestudenti. L azienda per lo svolgimento della pratica e l operatore della formazione elaborano insieme degli obiettivi per la formazione pratica. La pianificazione della destinazione dei praticanti, l infrastruttura esistente e l inquadramento della formazione dell azienda per lo svolgimento della pratica sono adeguati e permettono alle studentesse e agli studenti di raggiungere gli obiettivi del periodo di pratica definiti dal ciclo di formazione. Un azienda per lo svolgimento della pratica può offrire un posto di pratica per il 150% dei posti che, nell unità organizzativa corrispondente, sono occupati da infermiere-i diplomate-i SSS o di formazione equivalente nel campo lavorativo delle cure e di cui l impiego nell azienda per lo svolgimento della pratica è come minimo del 60%. Le-gli infermiere-i diplomate-i che seguono e formano le-gli studentesse-studenti dispongono di una formazione di infermiera-e diplomata-o SSS o di una formazione giudicata equivalente 27 vedi supplemento al diploma 28 vedi Art.10 OERic-SSS 28 Contenuti come da elenco nell Art. 48 OFPr 16

17 nel campo lavorativo delle cure, di un esperienza professionale nello stesso campo lavorativo e di una qualifica in pedagogia professionale equivalente a 100 ore di formazione 28. Le-gli infermiere-i diplomate-i che assumono la responsabilità della formazione nell azienda per lo svolgimento della pratica possiedono una formazione di infermiera-e diplomata-o SSS o una formazione giudicata equivalente nel campo lavorativo, un esperienza professionale di almeno due anni nel campo lavorativo e una qualifica pedagogica professionale equivalente a 600 ore di formazione Ripartizione delle ore di formazione in funzione dei campi di formazione - Campo di formazione Scuola: 50% del ciclo di formazione, di cui il 10% della formazione per il TT. - Campo di formazione Pratica professionale: 50% del ciclo di formazione, di cui il 10% della formazione per il TT. Le competenze non sono specificatamente legate a uno dei tre campi di formazione, ma risultano dall unione di questi tre campi. 4.7 Coordinamento dei campi di formazione La formazione Scuola e il Training e Transfert preparano le studentesse e gli studenti in modo mirato alla Pratica professionale (periodo di pratica). L operatore di formazione è responsabile del coordinamento dei tre campi di formazione e della coerenza dei concetti di formazione. Il coordinamento dei tre campi di formazione è regolamentato dal programma d insegnamento. La collaborazione fra i tre campi di formazione è regolamentata contrattualmente. Le esigenze seguenti devono essere adempiute in materia di coordinamento: - Gli aspetti essenziali delle cure, tali il continuum delle cure, sono compresi nel programma d insegnamento - La coerenza dei concetti di formazione della scuola, della pratica professionale e del TT è garantita - La ripartizione degli incarichi fra i campi di formazione è regolamentata - Lo strumento di coordinamento è trasparente per i tre campi di formazione 4.8 Presa in considerazione delle direttive dell Unione europea Lo sviluppo delle competenze (vedi capitolo 2) si basa sul programma di studio secondo l allegato della direttiva 2005/36/CE del parlamento europeo e del consiglio: A. Insegnamento teorico a. Assistenza infermieristica: b. Materie fondamentali: c. Scienze sociali: Orientamento ed etica professionali Principi generali dell'assistenza sanitaria e infermieristica Principi dell'assistenza infermieristica in materia di: medicina generale e specializzazioni mediche Anatomia e fisiologia Patologia Batteriologia, virologia e parassitologia Biofisica, biochimica e radiologia Dietetica Igiene: Sociologia Psicologia Principi di amministrazione Principi di insegnamento Legislazioni sociale e sanitaria Aspetti giuridici della professione 17

18 chirurgia generale e specializzazioni chirurgiche puericultura e pediatria igiene assistenza alla madre e al neonato igiene mentale e psichiatria assistenza alle persone anziane e geriatria Profilassi educazione sanitaria Farmacologia B. Insegnamento clinico Assistenza infermieristica in materia di: medicina generale e specializzazioni mediche chirurgia generale e specializzazioni chirurgiche puericultura e pediatria igiene assistenza alla madre e al neonato igiene mentale e psichiatria assistenza alle persone anziane e geriatria assistenza a domicilio Figura 4: Elementi richiesti secondo la direttiva 2005/36/CE 18

19 5. Procedura di qualifica conclusiva 5.1. Ammissione alla procedura di qualifica Le studentesse e gli studenti devono avere acquisito il livello di competenza del primo e del secondo anno di formazione, ne fa parte la verifica degli obiettivi del periodo di pratica. Il regolamento di ammissione agli elementi b) e c) (vedi sotto) dell esame include anche il raggiungimento delle competenze dell ultimo anno di formazione. Altre condizioni di ammissione alla procedura di qualifica conclusiva saranno fissate dagli operatori di formazione nel regolamento di promozione Obiettivo della procedura di qualifica Nel quadro della procedura di qualifica, le studentesse e gli studenti dimostrano di avere acquisito le competenze contenute nel profilo professionale (vedi capitolo 2.3) Elementi della procedura di qualifica La procedura di qualifica comprende i seguenti elementi d esame: a) Lavoro di diploma o progetto orientato verso la pratica: quest ultimo è effettuato durante l ultimo anno di formazione nel campo di formazione Scuola. b) Qualifica del periodo di pratica: la valutazione conclusiva è effettuata dall azienda per lo svolgimento della pratica durante la seconda metà dell ultimo periodo di pratica. c) Colloquio d esame di almeno 30 minuti: esso ha luogo nelle ultime 12 settimane dell ultimo anno di formazione. Il colloquio d esame è condotto dall operatore di formazione. Le aziende per lo svolgimento della pratica partecipano al colloquio d esame e alla sua valutazione tramite un esperta o un esperto neutrale. Il colloquio d esame si basa su un esempio di caso e serve alla verifica delle conoscenze teoriche a esso legate e alla verifica della capacità di argomentazione della-dello studentessa-studente Strumenti di valutazione L operatore di formazione utilizza per le valutazioni degli strumenti adatti alla verifica delle competenze professionali. Vige la seguente griglia di valutazione: A: ottimo, B: molto buono, C: buono, D: soddisfacente, E: sufficiente, F: insufficiente 5.5. Diploma Il diploma di infermiera SSS viene rilasciato quando la studentessa o lo studente ha superato ciascuna delle tre parti dell esame. 29 vedi Art. 8 OERic-SSS 19

20 5.6. Modalità in caso d insuccesso Se la studentessa o lo studente non supera la procedura di qualifica, essa-esso ha la possibilità di rimediare a seconda dell elemento non superato: essa-esso può migliorare una volta il lavoro di diploma o il progetto, o ripetere una volta la qualifica del periodo di pratica e/o il colloquio d esame. La qualifica del periodo di pratica può essere ripetuta non prima di sei mesi dal precedente periodo di pratica. Se la studentessa o lo studente non supera per la seconda volta uno degli elementi della procedura di qualifica, essa è definitivamente da considerare non superata. 6. Entrata in vigore Il piano quadro per Infermiera-e diplomata-o SSS entra in vigore il 1 gennaio Emanato dall Organizzazione nazionale mantello del mondo del lavoro per il settore sanitario e la Conferenza svizzera delle formazioni in cure infermieristiche di livello terziario CSFI. Berna, il 04 settembre 2007 Organizzazione mantello del mondo del lavoro per il settore sanitario Il Presidente Conferenza svizzera delle formazioni in cure infermieristiche di livello terziario CSFI La Presidente Dr. Bernhard Wegmüller Ursula Müller Il presente programma quadro d insegnamento viene approvato. Berna, il Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia La Direttrice Dr. Ursula Renold 20

PROGRAMMA DI FORMAZIONE INFERMIERE DIPLOMATO INFERMIERA DIPLOMATA SCUOLA SPECIALIZZATA SUPERIORE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE INFERMIERE DIPLOMATO INFERMIERA DIPLOMATA SCUOLA SPECIALIZZATA SUPERIORE PROGRAMMA DI FORMAZIONE INFERMIERE DIPLOMATO INFERMIERA DIPLOMATA SCUOLA SPECIALIZZATA SUPERIORE Bellinzona, 18 agosto 2008 Programma di formazione della Scuola specializzata superiore in cure infermieristiche

Dettagli

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 414.711.5 del 4 luglio 2000 (Stato 1 gennaio 2015) Il Dipartimento federale dell'economia, della formazione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

«specialista in attivazione dipl. SSS» «specialista in attivazione dipl. SSS»

«specialista in attivazione dipl. SSS» «specialista in attivazione dipl. SSS» Programma quadro d insegnamento per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori «attivazione» con il titolo legalmente protetto «specialista in attivazione dipl. SSS» «specialista in attivazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni

Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni Rapporto del Consiglio federale sul sostegno alla formazione professionale duale (in adempimento al postulato Favre 08.3778) Berna,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Per facilitare la lettura del testo, si è scelto di non utilizzare esplicitamente la formulazione

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli