Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)(IdSua: )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)(IdSua:1512276)"

Transcript

1 Informazioni generali sul Corso Stu Università Nome del Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il Eventuale inrizzo internet del laurea Tasse Modalità svolgimento Stu BARI Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria Infermiere)(IdSua:52276) L/SNT - Professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Nursing italiano Pdf inserito: visualizza convenzionale Referenti e Strutture Presidente (o Referente o Coornatore) del CdS Organo Collegiale gestione del stuo Struttura dattica Eventuali strutture dattiche coinvolte CICINELLI Ettore Consiglio Classe delle Professioni Sanitarie della classe SNT/0; Consiglio Interclasse delle Professioni Sanitarie ASL BA; Consiglio Interclasse delle Professioni Sanitarie ASL TA; Consiglio Interclasse delle Professioni Sanitarie (Polo del Salento) ASL BR - LE Scuola Mecina DellEmergenza e dei Trapianti Organi (DETO) Dipartimento "Intersciplinare Mecina (DIM)" Scienze Biomeche ed Oncologia Umana Scienze Meche Base, Neuroscienze ed Organi Senso Jonico in "Sistemi Giurici ed Economici del Meterraneo: società, ambiente, culture"

2 Docenti Riferimento N. COGNOME NOME SETTORE QUALIFICA PESO TIPO SSD. ALFONSO Raffaello MED/40 RU Base/Caratterizzante 2. ALTAMURA Maria MED/04 RU Base. BATTAGLIA Michele MED/ PO Caratterizzante 4. BETTOCCHI Carlo MED/ RU Caratterizzante 5. BRIENZA Nicola MED/4 PA Base/Caratterizzante 6. CACCAVO Domenico MED/04 RU Base 7. CARRATU' Pierluigi MED/0 RU Caratterizzante 8. CICCONE Marco Matteo MED/ PA Caratterizzante 9. COSCIA Maria Franca MED/42 RU Base/Caratterizzante 0. D'AGOSTINO Donato MED/2 RU Caratterizzante. DE NITTO Emanuele BIO/0 RU Base 2. DITONNO Pasquale MED/ PA Caratterizzante. GATTI Pietro MED/09 RU Base/Caratterizzante 4. LAULETTA Gianfranco MED/09 RU Base/Caratterizzante 5. LAVOLPE Vito Grazio MED/05 RU Caratterizzante 6. MANNO Carlo MED/4 RU Caratterizzante 7. MIRAGLIOTTA Giuseppe MED/07 PO Base 8. PELLEGRINO Nelly Maria MED/04 RU Base 9. RANIERI Giuseppe MED/09 PA Base/Caratterizzante 20. RESTA Leonardo MED/08 PO Caratterizzante 2. RINALDI Marcella MED/8 RU Base/Caratterizzante 22. RUGGIERI Maddalena MED/05 RU Caratterizzante 2. SANTACROCE Luigi MED/07 RU Base. SERIO Gabriella MED/08 PA Caratterizzante 25. SPECCHIA Giorgina MED/5 PO Caratterizzante 26. TAFURI Silvio MED/42 RD Base/Caratterizzante 27. VENTURA Maria Teresa MED/09 PA Base/Caratterizzante 28. ZAGARIA Antonella MED/5 RD Caratterizzante PASCARIELLO IACOPO ANDRISANI MATTEO

3 Rappresentanti Studenti GENTILE MARZIA FEDELE SARAH BRUNETTA MARTA Gruppo gestione AQ ETTORE CICINELLI GIUSEPPE RANIERI CONCETTA TASSIELLI MARZIA GENTILE PIETRO DENTICO VINCENZO DI NICOLA MARCELLA RINALDI MARIANGELA TOMA NICOLA BRIENZA SALVATORE SANTACROCE IACOPO PASCARIELLO MARTA BRUNETTA MARINA MUSTI LUIGI SANTACROCE INES RICCI DONATO VITTORE Tutor Ettore CICINELLI Giuseppe RANIERI Ines RICCI Pietro DENTICO Nicola BRIENZA Salvatore SANTACROCE Luigi SANTACROCE Donato VITTORE Rosanna POLVERINO Concetta TASSIELLI Mariangela TOMA Vito Grazio LAVOLPE Cosimo CALDARARO Carlo MANNO Fulvia DE MATTEIS Vincenza GIANNOTTI Laura ERRICO Cesare CALAMITA Maria CAPUTO Rosa Anna PALERMO Battista BACCARO Antonia BORRELLI Giuseppe NOTARNICOLA Il Corso Stuo in breve Il laurea in Infermieristica abilita alla professione infermiere e si articola su 6 poli formativi: Bari Policlinico, Bari "Di Venere", Acquaviva delle Fonti (BA) "Miulli", ASL Taranto, ASL Lecce, Brinsi "Perrino". Il à svolto in lingua italiana e ad accesso programmato.

4 La durata legale del stu, adeguata al D.M. 270/04, à tre anni, con frequenza obbligatoria. Gli studenti hanno a sposizione tre sessioni esame, con appelli nel dell'anno solare. Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i CFU nelle attivitã formative previste dal piano degli stu, compresi quelli relativi all'attivitã tirocinio professionale. La prova finale à organizzata, con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universitã e della Ricerca concerto con i Ministri del Lavoro e della Salute, in due sessioni definite a livello nazionale cui la prima, norma, si tiene nel periodo ottobre-novembre e la seconda in marzo-aprile. Si allega il piano degli stu Pdf inserito: visualizza

5 QUADRO A Consultazione con le organizzazioni rappresentative - a livello nazionale e internazionale - della produzione beni e servizi, delle professioni Durante la riunione per la consultazione delle organizzazioni rappresentative delle parti sociali interessate sono stati esposti i criteri generali stabiliti dai decreti ministeriali per la definizione degli obiettivi formativi qualificanti e specifici ciascun laurea nelle Professioni Sanitarie e dei risultati apprenmento attesi espressi tramite i descrittori Dublino. Tutti i presenti hanno espresso convisione per i criteri seguiti nella trasformazione degli ornamenti dattici secondo le norme definite dai relativi Regolamenti. In particolare à stata evidenziata la necessitã decare uno spazio formativo ampio respiro alle attivitã comprese nei settori scientifico-sciplinari specifici del profilo professionale (settori da a MED/50) sia per la dattica frontale sia per il tirocinio. Per quest'ultimo à emersa la necessitã avvalersi personale qualificato appartenente al SSN per il coornamento del tirocinio e per l'attivitã tutorato. A tal fine si à ritenuto necessario proporre l'estensione del rapporto convenzionale a strutture in possesso adeguati requisiti, pubbliche e private, ospedaliere e territoriali, in modo da avere a sposizione docenti qualificati su un ampio e versificato spettro competenze. QUADRO A2.a Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati Infermiere funzione in un contesto lavoro: Il Dm 79/994 invidua nella figura professionale dell'iinfermiere il professionista sanitario responsabile dell'assistenza generale infermieristica. L'assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa à natura tecnica, relazionale ed educativa. competenze associate alla funzione: Le principali funzioni dell'infermiere sono la prevenzione delle malattie, l'assistenza ai malati e ai sabili tutte le etã e l'educazione sanitaria sbocchi professionali: Il laureato in Infermieristica svolge la sua attivitã professionale in regime pendenza o libero professionale. Campi impiego sono inviduabili sia nel settore pubblico che privato. Sbocchi professionali principali sono lâospedale, le ASL, con particolare riguardo allâassistenza domiciliare sul territorio, lâuniversitã, sia per gli aspetti assistenziali che ricerca e formazione. QUADRO A2.b Il prepara alla professione (cofiche ISTAT). Professioni sanitarie infermieristiche - (.2...)

6 QUADRO A Requisiti ammissione Possono essere ammessi al Corso Laurea in Infermieristica i candati che siano in possesso del ploma scuola secondaria superiore o altro titolo stuo conseguito all'estero ritenuto idoneo. L'accesso al Corso Laurea à a numero programmato in base alla Legge 2 agosto 999 n. 264 e prevede un esame ammissione che consiste in una prova con test a scelta multipla. Per essere ammessi al Corso Laurea in Infermieristica à richiesto il possesso un'adeguata preparazione nei campi della biologia, della chimica, della fisica e della matematica. Agli studenti che siano stati ammessi al con una votazione inferiore a quanto stabilito nel regolamento dattico del laurea, saranno assegnati obblighi formativi aggiuntivi in tali scipline. Allo scopo consentire l'annullamento dell'eventuale debito formativo accertato, saranno attivati piani recupero personalizzati sotto la responsabilitã dei docenti titolare delle scipline. I debiti formativi si ritengono assolti con una verifica verbalizzata sulla parte integrata contestualmente al regolare esame dei relativi insegnamenti. Il bando relativo al con ammissione viene pubblicato annualmente on line dopo l'emanazione del relativo D.M: ed à consultabile al seguente QUADRO A4.a Obiettivi formativi specifici del Corso Il Corso laurea in Infermieristica si propone il conseguimento degli obiettivi formativi seguito definiti. Il laureato, al termine del per triennale, deve essere in grado : Promozione e mantenimento della salute - gestire con interventi preventivi e assistenziali rivolti alle persone assistite, alla famiglia e alla comunitã ; - attivare e sostenere le capacitã residue della persona per promuovere l'adattamento alle limitazioni e alterazioni prodotte dalla malattia e alla mofica degli stili vita; - progettare e realizzare, collaborando con altri professionisti, interventi informativi ed educativi controllo dei fattori rischio rivolti al singolo e a gruppi; - educare le persone a stili vita sani e moficare quelli a rischio. Organizzazione e continuitã dell'assistenza - definire le prioritã degli interventi sulla base dei bisogni assistenziali, delle esigenze organizzative e dell'utilizzo ottimale delle risorse sponibili; - progettare e realizzare, collaborando con altri - gestire e organizzare l'assistenza infermieristica un gruppo pazienti (anche notturna); - stinguere i bisogni assistenza da quelli assistenza infermieristica fferenziando il contributo degli operatori supporto da quello degli infermieri; - attribuire e supervisionare le attivitã assistenziali al personale supporto; - gestire i sistemi informativi cartacei ed informatici supporto all'assistenza; - documentare l'assistenza infermieristica erogata in accordo ai principi legali ed etici; - assicurare ai pazienti ed alle persone significative, le informazioni sua competenza, rilevanti e aggiornate sul loro stato salute; - presporre le conzioni per la missione della persona assistita, in collaborazione con i membri dell'equipe; - garantire la continuitã dell'assistenza tra turni versi, tra servizi/strutture versi; - utilizzare strumenti integrazione professionale (riunioni, incontri team, scussione casi); - lavorare in modo integrato nell'equipe rispettando gli spazi competenza; - stabilire relazioni professionali e collaborare con altri professionisti sanitari nella consapevolezza delle specificitã dei versi ruoli professionali e delle loro integrazioni con l'assistenza infermieristica;

7 - assumere funzioni guida verso degli operatori supporto e/o gli studenti. Sicurezza e controllo del rischio nei contesti presa in carico - assicurare un ambiente fisico e psicosociale efficace per la sicurezza dei pazienti; - utilizzare le pratiche protezione dal rischio fisico, chimico e biologico nei luoghi lavoro; - adottare le precauzioni per la movimentazione manuale dei carichi; - adottare strategie prevenzione del rischio infettivo (precauzioni standard) nelle strutture ospedaliere e comunitã. Relazione aiuto e adattamento/salute Mentale - attivare e gestire una relazione aiuto e terapeutica con l'utente, la sua famiglia e le persone significative; - gestire i processi assistenziali generazionali e genere; - inviduare e gestire in collaborazione con altri professionisti, alterazioni comportamentali maggiormente frequenti e rischio per il paziente: confusione mentale, sorientamento, agitazione; - sostenere, in collaborazione con l'ã quipe, l'assistito e la famiglia nella fase terminale e nel lutto; - contribuire, in collaborazione con altri professionisti, alla gestione delle situazioni sagio psichico in particolare nelle fasi stabilizzazione; - comunicare in modo efficace con modalitã verbali, non verbali e scritte le valutazioni e le decisioni infermieristiche nei team sanitari intersciplinari. Infermieristica clinica a pazienti con problemi prioritari salute acuti e cronici (materno-infantile/adulti/anziani) - gestire l'assistenza infermieristica a pazienti (etã peatrica, adulta ed anziana) con problemi respiratori acuti e cronici, problemi caro-vascolari, problemi metabolici e reumatologici, problemi renali acuti e cronici, problemi gastro-intestinali acuti e cronici, problemi epatici, problemi neurologici, problemi oncologici, problemi infettivi, problemi ortopeci e traumatologici, problemi ostetrico-ginecologiche, patologie ematologiche, alterazioni comportamentali e cognitive, situazioni sagio/sturbo psichico; - accertare e gestire l'assistenza infermieristica nei pazienti con problemi cronici e sabilitã ; - gestire l'assistenza infermieristica perioperatoria; - accertare con tecniche e modalitã strutturate e sistematiche i problemi dell'assistito attraverso l'inviduazione delle alterazioni nei modelli funzionali (attivitã ed esercizio, percezione e mantenimento della salute, nutrizione e metabolismo, modello eliminazione, riposo e sonno, cognizione e percezione, concetto sã, ruolo e relazioni, coping e gestione stress, sessualitã e riproduzione, valori e convinzioni); - attivare e sostenere le capacitã residue della persona per promuovere l'adattamento alle limitazioni e alterazioni prodotte dalla malattia e alla mofica degli stili vita; - identificare i bisogni assistenza infermieristica della persona e le sue reazioni correlate alla malattia, ai trattamenti in atto, all'istituzionalizzazione, alle moficazioni nelle attivitã vita quotiana, alla qualitã vita percepita; - vigilare e monitorare la situazione clinica e psicosociale dei pazienti, identificando precocemente segni aggravamento del paziente; - attivare gli interventi necessari per gestire le situazioni acute e/o critiche; - inviduare e prevenire i fattori scatenanti la riacutizzazione nei pazienti cronici. Applicazione e gestione dei percorsi agnostici e terapeutici - garantire la somministrazione sicura della terapia e sorvegliarne l'efficacia; - attivare processi decisionali sulla base delle conzioni del paziente, dei valori alterati dei parametri, referti ed esami laboratorio; - gestire percorsi agnostici assicurando l'adeguata preparazione del paziente e la sorveglianza successiva alla procedura; - integrare l'assistenza infermieristica nel progetto cure multisciplinari. Educazione del paziente e metodologie intervento nella comunitã - attivare reti assistenza informali per sostenere l'utente e la famiglia in progetti cura a lungo termine; - elaborare con la persona e la famiglia progetti educativi per sviluppare abilitã autocura; - sostenere l'apprenmento pazienti all'autogestione dei problemi assistenziali; - educare i caregivers alla gestione dei problemi della persona assistita; - gestire missione dei pazienti.

8 Metodo clinico - accertare i bisogni assistenza infermieristica attraverso meto e strumenti accertamento - utilizzare il processo assistenza infermieristica nella presa in carico degli utenti; - rideterminare la pianificazione infermieristica sulla base dell'evoluzione dei problemi del paziente - prevedere l'evoluzione dei bisogni assistenza infermieristica della persona; - valutare i risultati dell'assistenza erogata e riadattare la pianificazione infermieristica sulla base dell'evoluzione dei problemi del paziente; Prove efficacia - ricercare la letteratura sulla base dei quesiti emersi nella pratica clinica - analizzare criticamente la letteratura; - utilizzare nella pratica le migliori evidenze declinandole sulla base dei valori, convinzioni, preferenze dell'utente, delle risorse sponibili e del giuzio clinico Autoapprenmento - accertare i bisogni apprenmento confrontandosi con il mentor/tutor; - progettare un piano apprenmento per gestire le attivitã formative professionalizzanti - richiedere confronto al supervisore nei contesti apprenmento clinico; - elaborare il piano delle proprie proposte elettive (corsi e attivitã professionalizzanti); - elaborare il proprio portfolio. Tecniche - eseguire le tecniche infermieristiche definite dagli standard del Corso Laurea. QUADRO A4.b Risultati apprenmento attesi Conoscenza e comprensione Capacità applicare conoscenza e comprensione Area Generica Conoscenza e comprensione I laureati infermieristica devono conoscere e comprendere le - scienze biomeche per la comprensione dei processi fisiologici e patologici connessi allo stato salute e malattia delle persone nelle verse etã della vita; - scienze psico sociali e umanistiche per la comprensione delle namiche relazionali normali e patologiche e delle reazioni fesa o adattamento delle persone a situazioni sagio psichico, sociale e sofferenza fisica; - le teorie apprenmento e del cambiamento per la comprensione dei processi educativi rivolti ai cittani o ai pazienti; - scienze infermieristiche generali e cliniche per la comprensione dei campi intervento dellâinfermieristica, del metodo clinico che guida un approccio efficace allâassistenza, delle tecniche operative intervento e delle evidenze che guidano la presa decisioni; - scienze etiche, legali e sociologiche per la comprensione della complessitã organizzativa del Sistema Sanitario, dellâimportanza e dellâutilitã agire in conformitã alla normativa e alle rettive nonchã al rispetto dei valori e dei lemmi etici che si presentano via via nella pratica quotiana; sono finalizzate inoltre a favorire la comprensione dellâautonomia professionale, delle aree integrazione e interpendenza con altri operatori del team cura;

9 - scienze igienico-preventive per la comprensione dei determinanti salute, dei fattori rischio, delle strategie prevenzione sia inviduali che collettive e degli interventi volti a promuovere la sicurezza degli operatori sanitari e degli utenti; - scipline informatiche e linguistiche con particolare approfonmento della lingua inglese per la comprensione della letteratura scientifica infermieristica sia cartacea che on line. Capacità applicare conoscenza e comprensione I laureati infermieristica devono mostrare capacitã applicare conoscenze e comprendere nei seguenti ambiti: - integrare le conoscenze le abilitã e le attituni dellâassistenza per erogare una cura infermieristica sicure, efficaci e basate sulle evidenze; - utilizzare un corpo conoscenze teoriche derivanti dal Nursing, dalle scienze biologiche comportamentali e sociali e da altre scipline per riconoscere i bisogni delle persone assistite nelle varie etã e sta sviluppo nelle verse fasi della vita; - integrare le conoscenze infermieristiche teoriche e pratiche con le scienze biologiche, psicologiche, socio culturali e umanistiche utili per comprendere gli invidui tutte le etã, gruppi e comunitã ; - utilizzare modelli teorici e modelli ruolo dellâinterno del processo assistenza per facilitare la crescita, lo sviluppo e lâadattamento nella promozione, mantenimento e recupero della salute dei cittani; - interpretare e applicare i risultati della ricerca alla pratica infermieristica e collegare i processi ricerca allo sviluppo teorico della sciplina infermieristica; - erogare unâassistenza infermieristica sicura e basata sulle evidenze per aggiungere i risultati salute o uno stato compenso dellâassistito; - condurre una valutazione completa e sistematica dei bisogni assistenza del singolo inviduo; - utilizzare tecniche valutazione per raccogliere dati in modo accurato sui principali problemi salute degli assistiti; - analizzare e interpretare in modo accurato i dati raccolti meante lâaccertamento dellâassistito; - pianificare lâerogazione dellâassistenza infermieristica in collaborazione con gli utenti e con il team cura intersciplinare; - valutare i progressi delle cure in collaborazione con il team intersciplinare; - facilitare lo sviluppo un ambiente sicuro per lâassistito assicurando costante vigilanza infermieristica; - gestire una varietã attivitã che sono richieste per erogare lâassistenza infermieristica ai pazienti in versi contesti cura sia ospedalieri che territoriali e residenziali. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: Visualizza Insegnamenti Chiu Insegnamenti ANATOMIA E FISIOLOGIA url BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA url SCIENZE DELLA VITA url FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA url SCIENZE BIOMEDICHE url INGLESE SCIENTIFICO url SCIENZE UMANE url TIROCINIO url MEDICINA CLINICA url ASSISTENZA SPECIALISTICA IN CHIRURGIA url ASSISTENZA SPECIALISTICA IN MEDICINA url SCIENZE CHIRURGICHE url INFERMIERISTICA CLINICA E DI COMUNITA' url INFERMIERISTICA MATERNO - INFANTILE url TIROCINIO 2 url INFERMIERISTICA IN AREA CRITICA E NELL'EMERGENZA url ASPETTI ETICO-GIURIDICI DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA url INFERMIERISTICA NELLA DISABILITA' NEUROPSICHICA E FISICA url LABORATORI PROFESSIONALI url TIROCINIO url

10 QUADRO A4.c Autonomia giuzio Abilità comunicative Capacità apprenmento Autonomia giuzio I laureati infermieristica devono mostrare autonomia giuzio attraverso le seguenti abilitã : - assumere decisioni assistenziali; - decidere prioritã su gruppi pazienti; - decidere gli interventi da attribuire al personale supporto; - attuare l'assistenza infermieristica personalizzando le scelte sulla base delle similituni e fferenze delle persone assistite rispetto a valori, etnia e pratiche socio culturali; - decidere gli interventi assistenziali appropriati che tengono conto delle influenze legali, politiche, geografiche, economiche, etiche e sociali; - valutare criticamente gli esiti delle decisioni assistenziali assunte sulla base degli outcomes del paziente e degli standard assistenziali; - assumere la responsabilitã e rispondere del proprio operato durante la pratica professionale in conformitã al profilo, al coce deontologico e a standard etici e legali; - assumere decisioni attraverso un approccio scientifico risoluzione dei problemi del paziente; - analizzare i problemi organizzativi e proporre soluzioni; - decidere in situazioni a versitã posizioni (conflitti o lemmi). Abilità comunicative I laureati d'infermieristica devono sviluppare le seguenti abilitã comunicative: - utilizzare abilitã comunicazione appropriate (verbali, non verbali e scritte) con gli utenti tutte le etã e con le loro famiglie all'interno del processo assistenziale e/o con altri professionisti sanitari in forma appropriata verbale, non verbale e scritta: - utilizzare modalitã comunicazione appropriate nel team multi professionale; - utilizzare principi insegnamento e apprenmento per interventi informativi o educativi specifici rivolti a singoli utenti, a famiglie e a gruppi, e altri professionisti (operatori supporto, studenti infermieri, infermieri); - sostenere e incoraggiare gli utenti verso scelte salute, rinforzando abilitã coping, l'autostima e potenziando le risorse sponibili; - gestire conflitti derivanti da posizioni verse; - facilitare il coornamento dell'assistenza per raggiungere gli esiti cura sanitari concordati; - collaborare con il team cura per concordare modalitã operativi e realizzare l'applicazione e lo sviluppo protocolli e linee guida. Capacità apprenmento I laureati infermieristica devono sviluppare le seguenti capacitã autoapprenmento: - sviluppare abilitã stuo inpendente; - mostrare la capacitã coltivare i dubbi e tollerare le incertezze derivanti dallo stuo e dall'attivitã pratica; - sviluppare la capacitã porsi interrogativi sull'esercizio della propria attivitã, pertinenti nei tempi, nei luoghi e agli interlocutori; - mostrare la capacitã ricercare con continuitã le opportunitã autoapprenmento; - mostrare capacitã autovalutazione delle proprie competenze e delineare i propri bisogni sviluppo e apprenmento; - mostrare capacitã apprenmento collaborativo e convisione della conoscenza all'interno delle equipe lavoro; - mostrare capacitã e autonomia nel cercare le informazioni necessarie per risolvere problemi o

11 incertezze della pratica professionale, selezionando criticamente fonti secondarie e primarie evidenze ricerca. QUADRO A5 Prova finale Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i creti nelle attivitã formative previste dal piano degli stu, compresi quelli relativi all'attivitã tirocinio. Alla preparazione della tesi sono assegnati 6 CFU. La prova à organizzata, con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universitã e della Ricerca concerto con il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in due sessioni definite a livello nazionale. La prova finale, con valore esame Stato abilitante, si compone : - una prova pratica nel della quale lo studente deve mostrare aver acquisito le conoscenze e abilitã teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale; - redazione un elaborato una tesi e sua ssertazione. Scopo della tesi à quello impegnare lo studente in un lavoro formalizzazione, progettazione e ricerca, che contribuisca sostanzialmente al completamento della sua formazione professionale e scientifica. Il contenuto della tesi deve essere inerente a tematiche o scipline strettamente correlate al profilo professionale.

12 QUADRO B.a Descrizione del per formazione Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: infermieristica QUADRO B.b Descrizione dei meto accertamento Gli esami si svolgono successivamente alla conclusione del periodo delle lezioni, esclusivamente nei perio previsti per gli appelli d'esame e in date comunicate alla Segreteria dattica del Corso Stuo, affisse nella bacheca e sponibili nel sito web del Corso Stuo. Gli esami profitto sono pubblici e pubblica à la comunicazione del voto finale. La pubblicitã delle prove scritta à garantita dall'accesso agli studenti ai propri elaborati prima della registrazione del voto d'esame. La valutazione del profitto, per ciascun integrato, à verificata meante un esame sostenuto alla presenza della Commissione, cui fanno parte tutti i docenti degli insegnamenti, presieduta dal Coornatore del Corso integrato. Ogni Titolare un modulo dattico à tenuto ad incare, prima dell'inizio dell'anno accademico, e contestualmente alla programmazione dattica, il programma e le specifiche modalitã svolgimento dell'esame previste per il suo insegnamento. Tale programma à pubblicato sul sito web del Corso Stuo e puã² essere richiesto alla Segreteria dattica del Corso Stuo. L'esame potrã essere svolto in forma scritta, orale o mista, secondo quanto verrã comunicato dai docenti durante lo svolgimento delle lezioni. Al termine della prova esame la Commissione esprimerã una valutazione in trentesimi. La valutazione delle competenze professionali acquisite dallo studente durante l'attivitã tirocinio costituisce la sintesi del per formativo documentato dal libretto tirocinio e da schede valutative compilate dai Tutors professionali. Al termine ciascun anno la valutazione del tirocinio à certificata in trentesimi meante un esame sostenuto fronte ad una commissione costituita dal Coornatore tirocinio, con le funzioni Presidente della Commissione esame, da un docente e da un Tutor professionale appartenenti allo specifico settore professionale.. Ogni "scheda insegnamento", in collegamento informatico al Quadro A4-b, inca, oltre al programma dell'insegnamento, anche il modo cui viene accertata l'effettiva acquisizione dei risultati apprenmento da parte dello studente. QUADRO B2.a Calendario del Corso Stuo e orario delle attività formative per tutte le se del ACQUAVIVA DELLE FONTI Ente Ecclesiastico Miulli, sp 27 Acqu-Sant km 4,

13 BARI AUSL BA, P.O. DI VENERE, Via Ospedale Di Venere BARI AOU Policlinico, Piazza Giulio Cesare BRINDISI AUSL BR, P.O. DI SUMMA - PERRINO, ss 7 per Mesagne LECCE AUSL LE, P.O. VITO FAZZI, Piazzetta Muratore TARANTO AUSL TA, P.O. SS. ANNUNZIATA, Via Bruno TRICASE ENTE ECCLESIASTICO "PIA FONDAZIONE PANICO" - Via S. Pio X n. 4, 709 TRICASE (LE) QUADRO B2.b Calendario degli esami profitto per tutte le se del ACQUAVIVA DELLE FONTI Ente Ecclesiastico Miulli, sp 27 Acqu-Sant km 4, BARI AUSL BA, P.O. DI VENERE, Via Ospedale Di Venere BARI AOU Policlinico, Piazza Giulio Cesare BRINDISI AUSL BR, P.O. DI SUMMA - PERRINO, ss 7 per Mesagne LECCE AUSL LE, P.O. VITO FAZZI, Piazzetta Muratore TARANTO AUSL TA, P.O. SS. ANNUNZIATA, Via Bruno TRICASE ENTE ECCLESIASTICO "PIA FONDAZIONE PANICO" - Via S. Pio X n. 4, 709 TRICASE (LE) QUADRO B2.c Calendario sessioni della Prova finale per tutte le se del ACQUAVIVA DELLE FONTI Ente Ecclesiastico Miulli, sp 27 Acqu-Sant km 4, BARI AUSL BA, P.O. DI VENERE, Via Ospedale Di Venere BARI AOU Policlinico, Piazza Giulio Cesare BRINDISI AUSL BR, P.O. DI SUMMA - PERRINO, ss 7 per Mesagne LECCE AUSL LE, P.O. VITO FAZZI, Piazzetta Muratore TARANTO AUSL TA, P.O. SS. ANNUNZIATA, Via Bruno

14 QUADRO B Docenti titolari insegnamento Sono garantiti i collegamenti informatici alle pagine del portale ateneo decate a queste informazioni. N. Settori Insegnamento Cognome Nome Ruolo Creti Ore Docente per. BIO/6 ANATOMIA UMANA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link LOFRUMENTO DARIO DOMENICO 6 2. BIO/6 ANATOMIA UMANA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link RIBATTI DOMENICO PO 6. BIO/6 ANATOMIA UMANA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link SCHINO PIETRO 6 4. BIO/6 ANATOMIA UMANA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link DOCENTE FITTIZIO 6 5. BIO/0 BIOCHIMICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link DE NITTO EMANUELE RU 2 6. BIO/0 BIOCHIMICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link DOCENTE FITTIZIO 2 7. BIO/0 BIOCHIMICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link SARDANELLI ANNA MARIA PA 2 8. BIO/0 BIOCHIMICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link SANTORO ANGELO 2 9. BIO/ BIOLOGIA APPLICATA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link GUIDA GABRIELLA RU 2 0. BIO/ BIOLOGIA APPLICATA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link RIZZI GIUSEPPE 2

15 . BIO/ BIOLOGIA APPLICATA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link BASILE ROSA 2 2. BIO/ BIOLOGIA APPLICATA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link BUCCI CECILIA 2. BIO/ BIOLOGIA APPLICATA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link DOCENTE FITTIZIO 2 4. FIS/07 FISICA APPLICATA (modulo FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA) link DOCENTE FITTIZIO 2 5. FIS/07 FISICA APPLICATA (modulo FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA) link PILI GIORGIO 2 6. FIS/07 FISICA APPLICATA (modulo FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA) link BELLUSCIO MICHELE 2 7. BIO/09 FISIOLOGIA APPLICATA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link CARETTO ANTONIO 2 8. BIO/09 FISIOLOGIA APPLICATA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link DIFONZO MARCELLO 2 9. BIO/09 FISIOLOGIA APPLICATA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link DOCENTE FITTIZIO BIO/09 FISIOLOGIA APPLICATA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link SCHINO PIETRO 2 2. BIO/09 FISIOLOGIA APPLICATA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link CORSI PATRIZIA RU BIO/09 FISIOLOGIA APPLICATA (modulo ANATOMIA E FISIOLOGIA) link LOBREGLIO GIAMBATTISTA 2

16 2. MED/0 GENETICA MEDICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link GENTILE MATTIA 2. MED/0 GENETICA MEDICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link DOCENTE FITTIZIO MED/0 GENETICA MEDICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link MAURO SALVATORE PIETRO MED/0 GENETICA MEDICA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link RESTA MARIA GABRIELLA MED/42 IGIENE GENERALE E APPLICATA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link COSCIA MARIA FRANCA RU MED/42 IGIENE GENERALE E APPLICATA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link FORTUNATO ANGELO RU MED/42 IGIENE GENERALE E APPLICATA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link DOCENTE FITTIZIO 2 0. MED/42 IGIENE GENERALE E APPLICATA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link TAFURI SILVIO RD 2. INFERMIERISTICA GENERALE E CLINICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link GERMINI FRANCESCO 2 2. INFERMIERISTICA GENERALE E CLINICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link LACATENA CARMELA 2. INFERMIERISTICA GENERALE E CLINICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link ANTONAZZO MARCELLO 2 4. INFERMIERISTICA GENERALE E CLINICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link DOCENTE FITTIZIO 2 INFERMIERISTICA GENERALE E

17 5. CLINICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link VITA ANNAMARIA 2 6. INFERMIERISTICA GENERALE E CLINICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link D'ACCOLTI DONATELLA 2 7. INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link DILISO LEONARDO 2 8. INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link TASSIELLI CONCETTA 2 9. INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link PARISI FRANCESCA INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link DOCENTE FITTIZIO 2 4. INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link LATERZA ANTONIETTA INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link GIANNOTTI VINCENZA 2 4. INFERMIERISTICA IN SANITÃ PUBBLICA E PREVENTIVA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link POLVERINO ROSANNA INF/0 INFORMATICA (modulo FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA) link LAVOLPE VITO GRAZIO RU INF/0 INFORMATICA (modulo FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA) link DOCENTE FITTIZIO L-LIN/2 INGLESE SCIENTIFICO link DOCENTE FITTIZIO 6 LOIACONO

18 47. L-LIN/2 INGLESE SCIENTIFICO link ANNA L-LIN/2 INGLESE SCIENTIFICO link DE RAMUNDO CLAUDIA INGRID BIO/7 ISTOLOGIA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link BONA MARIA ROSA BIO/7 ISTOLOGIA (modulo SCIENZE DELLA VITA) link DOCENTE FITTIZIO 2 5. MED/07 MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link MIRAGLIOTTA GIUSEPPE PO MED/07 MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link SANTACROCE LUIGI RU 2 5. MED/07 MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link MONTANARO STEFANIA MED/07 MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link DOCENTE FITTIZIO MED/07 MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link PALUMBO CLAUDIO MED/04 PATOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link CACCAVO DOMENICO RU MED/04 PATOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link ALTAMURA MARIA RU MED/04 PATOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link ROSSIELLO MARIA ROSARIA RU MED/04 PATOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link MUSCELLA ANTONELLA 2

19 60. MED/04 PATOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE BIOMEDICHE) link LAVOLPE VITO GRAZIO RU 2 6. PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link MASI VITO PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link DOCENTE FITTIZIO 6 6. PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link CALDARARO COSIMO PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link TOMA MARIA ANGELA PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link PARISI FRANCESCA PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link ERRICO LAURA PRINCIPI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA (modulo BASI DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA) link GERMINI FRANCESCO M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link VOLPE PAOLA MARIA M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link SERIO ANGELO VINCENZO M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link DE CARO MARIA RU 2 7. M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link DOCENTE FITTIZIO 2

20 72. M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link FORINO ANNAMARIA 2 7. M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link VULCANO CARLA M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA (modulo SCIENZE UMANE) link COPPOLA MARIA TERESA M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link FORINO ANNAMARIA M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link TADDEO MARGHERITA M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link VULCANO CARLA M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link DOCENTE FITTIZIO M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link RUBERTI MARIA GIUSEPPINA M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link LANCIONI GIULIO PO 2 8. M-PSI/0 PSICOLOGIA GENERALE (modulo SCIENZE UMANE) link DI FONZO FRANCESCA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI E CLINICHE (modulo SCIENZE UMANE) link D'ACCOLTI DONATELLA 2 8. SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI E CLINICHE (modulo SCIENZE UMANE) link GIANNOTTI VINCENZA 2

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Mecina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE CORSO DI FORMAZIONE PRIVACY AGLI INCARICATI AL TRATTAMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PRESIDIO PER LA QUALITA DELLA FORMAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI 1) La Scheda Unica Annuale del (SUA-) e in particolare la sezione

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

italiano convenzionale

italiano convenzionale Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria di Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

DEL PER TUAZIONE QUALITÀ

DEL PER TUAZIONE QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTEE LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE E L ATT TUAZIONE DEL SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATEN EO Sistema d Assicurazione della Ateneo INDICE 1. Scopo 2 2. Acronimi

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli