L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche"

Transcript

1 I laboratori ICQRF L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche LA CONTAMINAZIONE AGROALIMENTARE Ministero della Salute Roma 16 marzo 2011 Rosa Maria Marianella Dirigente dell Ufficio PREF IV e del Laboratorio Centrale di Roma Direzione Generale della prevenzione e repressione frodi Via Del Fornetto n Roma Telefono: 06/ Fax: 06/ E mail:

2 I LABORATORI ICQRF MIPAAF ICQRF MODENA CONEGLIANO/SUSEGANA DG PREF DG PREF I DG PREF II DG VICO PERUGIA ROMA SALERNO CATANIA DG PREF III PREF IV Indirizzo coordinamento e vigilanza tecnica monitoraggio e verifica della qualità aggiornamento delle metodiche ufficiali di analisi promozione di attività di studio e ricerca promozione di prove interlaboratorio direzione laboratorio centrale di revisione

3 I LABORATORI ICQRF CONEGLIANO/SUSEGANA MODENA PERUGIA SALERNO CATANIA COMPETENZE controlli ufficiali finalizzati alla verifica della conformità merceologica Vitivinicolo Bevande spiritose Oli e grassi Lattiero caseario Cereali e derivati Miele Ortofrutta Conserve vegetali Prodotti a base di carne Agricoltura biologica Sementi Fertilizzanti Mangimi Biostimolanti Prodotti fitosanitari OGM

4 STRUTTURA CENTRALE COORDINAMENTO Indirizzo coordinamento e vigilanza tecnica delle attività di analisi Monitoraggio e verifica della qualità Aggiornamento delle metodiche ufficiali di analisi Promozione di attività di studio e ricerca Promozione di prove interlaboratorio

5 STRUTTURA CENTRALE COORDINAMENTO LABORATORI MONDO ESTERNO UFFICI ICQRF CENTRALI E PERIFERICI UFFICIO PREF IV Indirizzo coordinamento e vigilanza tecnica delle attività di analisi Indirizzo e coordinamento Gruppo Qualità Coordinamento 10 sottocommissioni metodi ufficiali di analisi Direzione Sezione Prove interlaboratorio LABORATORI ICQRF Direzione laboratorio centrale di Roma

6 RIORGANIZZAZIONE INTERNA ICQRF n. laboratori Potenziamento delle sedi Ridistribuzione delle competenze e del personale Riqualificazione del parco strumentale

7 I RISULTATI OTTENUTI Nell ambito della riorganizzazione dell ICQ, il passaggio da 22 laboratori a 5 più il laboratorio centrale di Roma ha comportato notevoli vantaggi Abbattimento dei costi di gestione Il sistema laboratorio ICQRF opera sempre di più in modo omogeneo e compatto Tutta la rete laboratori è accreditata Si sono ridotti i tempi per lo svolgimento delle analisi di prima e seconda istanza Sistematica verifica della rete dei laboratori ICQRF in tutti gli aspetti procedurali (Attività istituzionale; Qualità; Ricerca e Sicurezza) Incremento dei campioni processati (si è passati da circa 6000 a circa oooo campioni annui )

8 Per i laboratori preposti ai controlli ufficiali, l analisi dei costi è un annoso problema, soprattutto per quei laboratori la cui attività spazia dalla verifica della conformità dei prodotti analizzati alla ricerca di eventuali analiti illecitamente impiegati e/o generati dall utilizzo di processi tecnologici non consentiti. Il problema è diventato ancora più pressante dal momento in cui i laboratori operano in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC in quanto ciò se da un lato dà garanzia alla qualità del dato analitico prodotto dall altro comporta un aumento dei costi di gestione dei laboratori.

9 LABORATORIO UFFICIALE ICQRF DISTRIBUZIONE DELLE ATTIVITÀ

10 UFFICIO PREF IV Indirizzo coordinamento e vigilanza tecnica delle attività di analisi ripartire i campioni programmati in funzione della quantità e delle tipologie previste, tenuto conto dei settori merceologici di competenza assegnati a ciascun laboratorio; la distribuzione delle competenze è correlata all azione di controllo ICQRF e deve essere equilibrata tra i vari laboratori in modo da garantire Efficienza Efficacia e Flessibilità definire le priorità e di conseguenza i tempi di analisi da rispettare in funzione delle varie tipologie di indagini Ambiti di applicazione Assegnazione settori Laboratori specialistici Definizione dei Protocolli analitici

11 DISTRIBUZIONE DELLE COMPETENZE ANALITICHE 2011 PIANO DI CAMPIONAMENTO

12 DISTRIBUZIONE DELLE COMPETENZE ANALITICHE 2011 CATANIA CONEGLIANO MODENA PERUGIA SALERNO VITIVINICOLO OLIO MANGIMI FERTILIZZANTI LATTIERO CASEARIO AGR BIO CEREALI DERIVATI CONSERVE POMODORO SEMENTI MIELE FITOFARMACI BEV. SPIRIT. NUOVA COMPETENZA SETTORE SPECIALISTICO L istituzione di Laboratori specialistici permette di avere sul territorio poli analitici capaci di coprire l intera potenzialità di analisi nell ambito di un singolo settore, che rappresentano strumenti essenziali per l evoluzione tecnologica della struttura e punti di riferimento sul territorio per l esecuzione di analisi specialistiche e per la risoluzione di particolari problematiche tecniche, evitando ogni dispersione professionale

13 DEFINIZIONE DEI PROTOCOLLI ANALITICI L individuazione di protocolli analitici standard avviene attraverso una continua analisi del rischio basata su Analisi del contesto Indirizzi normativi (comunitari, nazionali) Monitoraggio delle irregolarità riscontrate in analisi (database informatico) Attuazione di piani di controllo mirati Riguarda ogni settore merceologico e singola tipologia di prodotto Permette di ottenere una più efficiente risposta analitica i termini di Riscontro irregolarità Numero campioni analizzati Tempi di analisi

14 RIQUALIFICAZIONE DEL PARCO STRUMENTALE Nel ultimo quadriennio èstato effettuato un potenziamento della dotazione strumentale del vari laboratori dell ICQRF, con particolare riguardo alle tematiche: Presenza di residui di fitofarmaci in prodotti BIO Tracciabilità degli alimenti In accordo con le recenti linee guida comunitarie per garantire una maggiore sensibilità analitica e affidabilità del dato si è proceduto Acquisizione strumentazione LC MS/MS Upgrade strumentazione GC MS/MS Relativamente alla tracciabilità degli alimenti Upgrade del NMR in dotazione al Laboratorio di Catania con uno strumento a 400 MHz Acquisizione di n. 2 sistemi IRMS

15 UFFICIO PREF IV Indirizzo e coordinamento Gruppo Qualità Nell ambito dell accreditamento, la scelta strategica èstata l istituzione presso l Ufficio PREF IV di gruppi di lavoro specifici Gruppo qualità armonizzazione del sistema qualità dei laboratori adozione di procedure gestionali condivise gestione collegiale dei rilievi dell ente di accreditamento Accredia e delle conseguenti azioni correttive armonizzazione delle modalità di espressione dell incertezza di misura Sezione Prove Interlaboratorio gestione di circuiti interlaboratorio per la valutazione dell accordo analitico tra i laboratori implementazione di prove analitiche per la verifica di parametri utili al rilievo di frodi emergenti aggiornamento di metodi di prova obsoleti o non conformi ai requisiti della normativa vigente

16 UFFICIO PREF IV Coordinamento 10 sottocommissioni metodi ufficiali di analisi 1. Mosti vini e aceti 2. Oli e grassi 3. Conserve alimentari 4. Alimenti per animali 5. Cereali e derivati 6. Sementi 7. Fertilizzanti 8. Fitofarmaci 9. Latte e derivati 10. Miele Ufficializzazione metodi di analisi Definizione dei parametri di precisione Espressione di pareri tecnici nei settori specifici

17 Contaminazioni da prodotti fitosanitari in agricoltura biologica I. Possono essere impiegati esclusivamente alcuni prodotti fitosanitari specificatamente autorizzati e contenenti le s.a. previste dalla normativa europea. Il sistema di controllo dei prodotti biologici TRE LIVELLI : 1) Processo produttivo Organismi di controllo riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e Regioni e province autonome 2) Prodotti già certificati pronti alla vendita Organismi pubblici di controllo (tra cui ICQRF). Controlli di laboratorio sulla produzione biologica in termini di sostanze fitosanitarie non consentite. 3) Su segnalazione di un altro stato membro (notifica OFIS) verifica con O.d.C, controlli sul campo.

18 Controlli in laboratorio La programmazione annuale fornisce indicazioni sulla quantità e sul tipo di campioni da prelevare. Gli accertamenti analitici sono effettuati dai laboratori ICQRF in conformità ai criteri di qualità stabiliti dalla norma europea UNI CEI EN ISO/IEC Il Laboratorio di Catania, polo analitico di riferimento per le analisi multiresiduali, effettua già da molti anni l analisi dei residui di fitofarmaci sui prodotti da agricoltura biologica e ha accreditato i metodi di prova riguardanti l analisi dei residui di fitofarmaci su alimenti di origine vegetale. Metodo UNI EN 15662:2009 QuEChERS Che soddisfa l esigenza di operare con un metodo analitico di riferimento.

19 Controlli in laboratorio Campioni conformi : circa 96 % Campioni non conformi (presenza di s.a. > (LDQ)) 1) non rispetto delle prescrizioni normative riferite al metodo di produzione biologico (frode commerciale). Azione Notizia di reato. 2) contaminazioni accidentali e tecnicamente inevitabili. Azione Segnalazione presso O.d.C. (D.M. 23/12/2010)

20 CONCLUSIONI La riorganizzazione dei Laboratori dell ICQRF ha permesso di aumentare l efficienza e l efficacia della struttura attraverso la razionalizzazione delle risorse complessive Il coordinamento a livello centrale lavora nella direzione di garantire l omogeneità dell operato dei laboratori attraverso: adozione di procedure comportamentali condivise che intervengono su tutte le aree di attività del laboratorio (attività di analisi, qualità, ricerca finalizzata a contrastare le frodi), puntando al miglioramento continuo delle prestazioni. (in linea con quanto indicato dalla norma UNI EN ISO 17025:2005); presenza di un punto di riferimento competente su tutti gli aspetti dell attività ed in grado di tradurre gli obiettivi istituzionali in obiettivi operativi.

21 Grazie per l attenzione

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF)

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) L ICQRF è l organo tecnico di controllo ufficiale del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 12 marzo 2014. Disposizioni per la designazione dei laboratori che possono eseguire l analisi dei campioni prelevati durante i controlli

Dettagli

FORESTALI Dirigente - ICQRF - UFFICIO TERRITORIALE DI ROMA

FORESTALI Dirigente - ICQRF - UFFICIO TERRITORIALE DI ROMA INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUCHETTA PAOLA Data di nascita 09/11/1952 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia E Dirigente - ICQRF - UFFICIO TERRITORIALE DI ROMA

Dettagli

UFFICIO DELLE DOGANE DI RAVENNA

UFFICIO DELLE DOGANE DI RAVENNA I Laboratori Chimici dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli costituiscono dal 1886 l Organo tecnico dell Amministrazione finanziaria e doganale italiana L Agenzia delle Dogane è nata dalla riorganizzazione

Dettagli

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei

Dettagli

Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari

Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari Giuseppe PUGLIA Teramo, 12 dicembre 2014

Dettagli

Ruolo del. Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM. nel controllo ufficiale degli alimenti e dei mangimi

Ruolo del. Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM. nel controllo ufficiale degli alimenti e dei mangimi Ruolo del Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM nel controllo ufficiale degli alimenti e dei mangimi Ilaria Ciabatti Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza

Dettagli

La Qualità. nei Laboratori Chimici delle Dogane. Prestigio della tradizione e valorizzazione della competenza

La Qualità. nei Laboratori Chimici delle Dogane. Prestigio della tradizione e valorizzazione della competenza La Qualità nei Laboratori Chimici delle Dogane Prestigio della tradizione e valorizzazione della competenza Forum della Pubblica Amministrazione Fiera di Roma 11 maggio 2005 Indagine sulle merci analisi

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI (PREF) allegato A Linea di attività Ufficio responsabile dell'attuazione Prodotto Indicatori di Prodotto Obiettivo Individuazione e implementazione di modelli per l analisi e la gestione del rischio di

Dettagli

Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent

Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent Ministero politiche agricole alimentari e forestali Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent 1 L ICQRF è organo Tecnico di controllo del Ministero

Dettagli

Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari

Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari Giuseppe PUGLIA Teramo, 12 dicembre 2014

Dettagli

GIORNI LAVORA TIVI NUMERO PERSONE

GIORNI LAVORA TIVI NUMERO PERSONE TIV UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE GABINETTO DEL MINISTRO 4 21 84 0 84 100,00 0,00 GABINETTO DEL MINISTRO SOTTOSEGRETARIO DI STATO 4 21 84 0 84 100,00 0,00 UFFICIO DEL CONSIGLIERE DIPLOMATICO 7 21 147

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDITAMENTO E VALUTAZIONI DI CONFORMITA Gli schemi di accreditamento per EGE, ESCo, SGE e Energy Auditor Daniele D Amino Funzionario tecnico Roma - 26 giugno

Dettagli

LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE

LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE 1 INTRODUZIONE Lo scopo di questa presentazione é evidenziare

Dettagli

ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario

ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario supporto analitico e tecnico-scientifico alle ASL e agli altri organi di vigilanza, per i controlli di acque destinate al consumo umano, alimenti e bevande,

Dettagli

Il sistema QV -Qualità Verificata della Regione del Veneto nell ambito dei Sistemi qualità nazionali

Il sistema QV -Qualità Verificata della Regione del Veneto nell ambito dei Sistemi qualità nazionali Il sistema QV -Qualità Verificata della Regione del Veneto nell ambito dei Sistemi qualità nazionali Legnaro - 25 giugno 2014 Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2001,

Dettagli

Comune Fabriano. Protocollo Generale, Servizio Progettazione, Servizio Edilizia Privata. Progetto di Certificazione secondo le norme ISO 9000

Comune Fabriano. Protocollo Generale, Servizio Progettazione, Servizio Edilizia Privata. Progetto di Certificazione secondo le norme ISO 9000 Comune Fabriano Protocollo Generale, Servizio Progettazione, Servizio Edilizia Privata Progetto di Certificazione secondo le norme ISO 9000 Formazione per auditor interni 25 maggio 2009 1 SOMMARIO Il significato

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITA E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IL CAPO DELL ISPETTORATO VISTI gli artt. 4, comma 2, 14, 16 e 17 del Decreto legislativo

Dettagli

Contaminazione delle filiere alimentari. Dr. D'Aurizio Guglielmo P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare

Contaminazione delle filiere alimentari. Dr. D'Aurizio Guglielmo P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare Contaminazione delle filiere alimentari 1 Regolamenti del pacchetto igiene 2 Separazione delle responsabilità fra OSA e Autorità Competenti OSA: responsabilità disposizioni di dare piena contenute particolare

Dettagli

OGGETTO: Domanda per il riconoscimento dell idoneità all esecuzione della verifica periodica di strumenti metrici.

OGGETTO: Domanda per il riconoscimento dell idoneità all esecuzione della verifica periodica di strumenti metrici. [marca da bollo] Alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Ufficio Metrico Viale Gallipoli, 39 73100 Lecce OGGETTO: Domanda per il riconoscimento dell idoneità all esecuzione della verifica

Dettagli

L Accreditamento: il valore aggiunto che esprime la differenza fra il numero e il dato

L Accreditamento: il valore aggiunto che esprime la differenza fra il numero e il dato La chimica della sicurezza e dello sviluppo sostenibile Arcavacata 22-23 Giugno 2015 L Accreditamento: il valore aggiunto che esprime la differenza fra il numero e il dato s.serra@arpacal.it Agenzia Regionale

Dettagli

L accreditamento dei laboratori: la verifica di competenza di chi fa le prove

L accreditamento dei laboratori: la verifica di competenza di chi fa le prove L accreditamento dei laboratori: la verifica di competenza di chi fa le prove Silvia Tramontin - Direttore Dip. Laboratori di prova La conoscenza quale riferimento del giornalismo di informazione: spiegare

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo

LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo CONTROLLO DELLA SICUREZZA DEI CIBI NELL UNIONE EUROPEA o Controlli sulla sicurezza alimentare o Sistemi di sicurezza o Legislazione

Dettagli

L Ente Italiano di Accreditamento. Il ruolo dell accreditamento

L Ente Italiano di Accreditamento. Il ruolo dell accreditamento L Ente Italiano di Accreditamento Nuovi strumenti per la trasparenza e la qualificazione delle imprese della Green Economy Il Nuovo Codice Appalti e la ISO 37001 Il ruolo dell accreditamento Filippo Trifiletti

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Pregiatissimo Signor Bruno Dorigatti Presidente del Consiglio Provinciale SEDE Proposta di mozione n. 4 Proposta di trasferimento competenze sulla tutela della qualità e repressione delle frodi sui prodotti

Dettagli

ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari

ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari VICO - Direzione generale per il riconoscimento degli organismi di controllo

Dettagli

PROBLEMATICHE DEI CONFRONTI INTERLABORATORIO

PROBLEMATICHE DEI CONFRONTI INTERLABORATORIO PROBLEMATICHE DEI CONFRONTI INTERLABORATORIO Elisa Pierboni Laboratorio OGM-PG IZSUM Confronti interlaboratorio La partecipazione ai circuiti interlaboratorio è una modalità indicata dalla norma ISO 17025:2005

Dettagli

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF)

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L ICQRF è l organo tecnico di controllo ufficiale del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

SEMINARIO La vendita dei prodotti on line: normativa di riferimento e responsabilità degli operatori

SEMINARIO La vendita dei prodotti on line: normativa di riferimento e responsabilità degli operatori SEMINARIO La vendita dei prodotti on line: normativa di riferimento e responsabilità degli operatori Il ruolo dell ICQRF nel controllo dei prodotti agroalimentari Il Dipartimento dell'ispettorato centrale

Dettagli

PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti

PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti 2009-2011 2011 Analisi dei risultati anno 2009 Anna Rita Mosetti Ministero della Salute Direzione

Dettagli

CONVEGNO L ATTIVITA DELL AGENZIA DELLE DOGANE IN AMBITO REACH. CHELAB - NORMACHEM Verona, 21 aprile 2009. Regolamento 1907/2006 REACH

CONVEGNO L ATTIVITA DELL AGENZIA DELLE DOGANE IN AMBITO REACH. CHELAB - NORMACHEM Verona, 21 aprile 2009. Regolamento 1907/2006 REACH CONVEGNO Regolamento 1907/2006 REACH L ATTIVITA DELL AGENZIA DELLE DOGANE IN AMBITO REACH CHELAB - NORMACHEM Verona, 21 aprile 2009 Dott. Ssa Cristina Area Satta Centrale ACVCT Verifiche Ufficio e metodologia

Dettagli

Requisiti dei laboratori non annessi alle industrie alimentari e requisiti di un certificato di analisi, interpretazione del risultato.

Requisiti dei laboratori non annessi alle industrie alimentari e requisiti di un certificato di analisi, interpretazione del risultato. Requisiti dei laboratori non annessi alle industrie alimentari e requisiti di un certificato di analisi, interpretazione del risultato. 1 Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province

Dettagli

Qualità degli alimenti

Qualità degli alimenti Qualità degli alimenti La qualità viene definita come la capacità di soddisfare le esigenze del cliente che usufruisce di un prodotto o servizio. Esistono fattori qualitativi oggettivi, che dipendono dall'alimento,

Dettagli

L AUDIT COME STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA FILIERA ALIMENTARE

L AUDIT COME STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA FILIERA ALIMENTARE L AUDIT COME STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA FILIERA ALIMENTARE Dalla produzione primaria alla commercializzazione 18 Novembre 2016 Dott.ssa Rosella Badino Consulente HACCP Il punto di vista degli Operatori

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE E GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE

LA CERTIFICAZIONE E GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE LA CERTIFICAZIONE E GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE Cenni sugli schemi di certificazione AICQ-SICEV e sulla Certificazione del Personale Dott. T.Miccoli Dott. M.Bettinelli 1 CERTIFICAZIONE Spesso si confonde

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Segreteria ICQRF - Prot. Interno N.0001083 del 20/09/2016 IL CAPO DELL ISPETTORATO VISTO il Decreto Legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, nella Legge 7 agosto 1986, n. 462,

Dettagli

XV Corso - Convegno sull attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio. Roma 21 dicembre 2010

XV Corso - Convegno sull attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio. Roma 21 dicembre 2010 XV Corso - Convegno sull attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio. Roma 21 dicembre 2010 La Buona Pratica di Laboratorio e la norma ISO 17025: due sistemi a Luciana Croci Istituto Superiore

Dettagli

ACCREDITAMENTO LABORATORI DI ANALISI UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005. Dr.ssa Eletta Cavedoni Cosmolab srl Tortona

ACCREDITAMENTO LABORATORI DI ANALISI UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005. Dr.ssa Eletta Cavedoni Cosmolab srl Tortona ACCREDITAMENTO LABORATORI DI ANALISI UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 Dr.ssa Eletta Cavedoni Cosmolab srl Tortona UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 Titolo: Requisiti generali per la competenza dei laboratori

Dettagli

Domanda di Accreditamento per Laboratori di prova

Domanda di Accreditamento per Laboratori di prova Titolo/Title Domanda di Accreditamento per Laboratori di prova Application for Accreditation of Testing Laboratories Sigla/Reference DA-02 Revisione/Revision 04 Data/Date Redazione Approvazione Autorizzazione

Dettagli

Cereali biologici di qualità

Cereali biologici di qualità Cereali biologici di qualità Scelta varietale ed interventi agronomici per il miglioramento quanti-qualitativo e la valorizzazione della produzione cerealicola biologica marchigiana e dei prodotti derivati.

Dettagli

L ISPETTORATO Tutela dei consumatori e delle produzioni di qualità

L ISPETTORATO Tutela dei consumatori e delle produzioni di qualità Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari L ISPETTORATO Tutela dei consumatori e delle produzioni di qualità Giornata della Trasparenza

Dettagli

DATA BIO FEDERBIO INTEGRITY PLATFORM

DATA BIO FEDERBIO INTEGRITY PLATFORM DATA BIO FEDERBIO INTEGRITY PLATFORM DATA BIO chi è Da una collaborazione tra ACCREDIA e FEDERBIO nasce DATA BIO per rispettare gli impegni indicati nel Documento Tecnico RT16 5.2. Gestione dei documenti

Dettagli

Istituti di Vigilanza. LE NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. n. 115/2014

Istituti di Vigilanza. LE NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. n. 115/2014 Istituti di Vigilanza LE NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. n. 115/2014 novembre 2014 Certificazioni cosa cambia? Col D.M. 115 il Ministero dell Interno coinvolge soggetti terzi per verificare i requisiti minimi

Dettagli

ORTOFRUTTA DI QUALITA. Tra esigenze di mercato e aspettative del consumatore, evitando confusione e malattie nervose da burocrazia

ORTOFRUTTA DI QUALITA. Tra esigenze di mercato e aspettative del consumatore, evitando confusione e malattie nervose da burocrazia ORTOFRUTTA DI QUALITA. Tra esigenze di mercato e aspettative del consumatore, evitando confusione e malattie nervose da burocrazia Giampiero Reggidori Ufficio Produzioni Agricole APO CONERPO (Bologna)

Dettagli

Le prove valutative nell ambito del monitoraggio ambientale. Maria Belli ISPRA Servizio Metrologia Ambientale

Le prove valutative nell ambito del monitoraggio ambientale. Maria Belli ISPRA Servizio Metrologia Ambientale Le prove valutative nell ambito del monitoraggio ambientale Maria Belli ISPRA Servizio Metrologia Ambientale Direttiva 2009/90/CE Perché questa presentazione? Specifiche tecniche per le analisi chimiche

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 29 aprile 2010, n. 75 Riordino e

Dettagli

Il Polo di Innovazione AGRIFOOD. Incontro Confindustria Poli di Innovazione, Gennaio 2016

Il Polo di Innovazione AGRIFOOD. Incontro Confindustria Poli di Innovazione, Gennaio 2016 Il Polo di Innovazione AGRIFOOD Incontro Confindustria Poli di Innovazione, Gennaio 2016 Polo di Innovazione Agroalimentare 2009-2015 Dal 2009 è attivo il Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione

Dettagli

SERVIZIO ISPETTORATO PROVINCIALE DELL AGRICOLTURA DI PALERMO

SERVIZIO ISPETTORATO PROVINCIALE DELL AGRICOLTURA DI PALERMO SERVIZIO ISPETTORATO PROVINCIALE DELL AGRICOLTURA DI PALERMO Il Servizio si articola nell Ufficio di segreteria, nelle Unità Operative con sede presso lo stesso e presso le sedi decentrate denominate Condotte

Dettagli

Obblighi di pubblicazione concernenti i controlli sulle imprese (art.25) - Servizio Veterinario di Igiene degli Allevamenti e Produzioni zootecniche

Obblighi di pubblicazione concernenti i controlli sulle imprese (art.25) - Servizio Veterinario di Igiene degli Allevamenti e Produzioni zootecniche allevamenti vitelli a carne bianca, tutti minime per la protezione dei vitelli D.Lvo 7 luglio 2011, n.126 - Piano Nazionale Benessere Animale nota Ministero della Salute prot. 0013029 - P- 13/07/2010 -

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento La conoscenza quale riferimento del giornalismo di informazione: spiegare il sistema delle certificazioni e dell'accreditamento di beni e servizi Le certificazioni

Dettagli

Accreditamento dei laboratori per la prova Trichinella nella carne: il punto della situazione

Accreditamento dei laboratori per la prova Trichinella nella carne: il punto della situazione ACCREDIA L ente italiano di accreditamento IL RISKIO TRICHINELLA E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI Servizio Sanitario Regionale Emilia-Romagna Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Modena, 7 aprile

Dettagli

WORKSHOP. Regolamento 689/2008 sull esportazione/importazione prodotti chimici pericolosi

WORKSHOP. Regolamento 689/2008 sull esportazione/importazione prodotti chimici pericolosi WORKSHOP Regolamento 689/2008 sull esportazione/importazione prodotti chimici pericolosi Il ruolo dell Agenzia delle dogane nell import/export di prodotti chimici FEDERCHIMICA Milano, 24 marzo 2009 Dott.

Dettagli

L ACCREDITAMENTO ISO 15189 DEI LABORATORI MEDICI 29/30 ottobre 11/12/13 e 25/26/27 novembre 2014 Aula CUGAS, via Jappelli 1/A - Padova

L ACCREDITAMENTO ISO 15189 DEI LABORATORI MEDICI 29/30 ottobre 11/12/13 e 25/26/27 novembre 2014 Aula CUGAS, via Jappelli 1/A - Padova L ACCREDITAMENTO ISO 15189 DEI LABORATORI MEDICI 29/30 ottobre 11/12/13 e 25/26/27 novembre 2014 Aula CUGAS, via Jappelli 1/A - Padova QUESTIONARIO Il test si supera se le risposte esatte sono 23 sul totale

Dettagli

VITTORIO SILANO II Universita di Roma

VITTORIO SILANO II Universita di Roma I CONTROLLI ESTERNI SULLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI EFFETTUATI DALLE PUBBLICHE AUTORITÀ NAZIONALI ED EUROPEE : PRESENTE E FUTURO VITTORIO SILANO II Universita di Roma Milano, 28 marzo 2014 MODALITA PER

Dettagli

Corso di formazione specifica per Esperto in Gestione dell Energia - EGE

Corso di formazione specifica per Esperto in Gestione dell Energia - EGE in collaborazione con Corso di formazione specifica per Esperto in Gestione dell Energia - EGE Corso della durata di 40 ore Corso propedeutico alla certificazione UNI CEI 11339:2009 SEA Servizi Energia

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Regioni e Province Autonome Assessorati Agricoltura Loro Sedi Oggetto: Decreto ministeriale n. 18354 del 27/11/2009, recante Disposizioni per l attuazione dei regolamenti (CE) n. 834/2007, n. 889/2008

Dettagli

RT-27 Prescrizioni per l'accreditamento degli organizzatori delle prove valutative interlaboratorio

RT-27 Prescrizioni per l'accreditamento degli organizzatori delle prove valutative interlaboratorio ACCREDIA L ente italiano di accreditamento RT-27 Prescrizioni per l'accreditamento degli organizzatori delle prove valutative interlaboratorio Paolo Bianco Direttore Dipartimento Laboratori di prova Via

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 28/36 DEL

DELIBERAZIONE N. 28/36 DEL Oggetto: D.Lgs 14.8.2012, n. 150 e Decreto Interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l organizzazione del servizio di controllo

Dettagli

nella pubblica amministrazione PROTOCOLLO D INTESA

nella pubblica amministrazione PROTOCOLLO D INTESA Il Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione Il Ministro della Giustizia PROTOCOLLO D INTESA Per la realizzazione di interventi di digitalizzazione, evoluzione ed integrazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITÀ E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI LABORATORIO DI PERUGIA ICQRF

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PIANO

REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PIANO REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PIANO Novembre 2003 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina la composizione, le attribuzioni e le modalità di funzionamento dell Ufficio di Piano, costituito a norma

Dettagli

Modena, 28 maggio 2009 Michele Fusillo

Modena, 28 maggio 2009 Michele Fusillo ASSALZOO Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici Presenta CODEX ASSALZOO Modena, 28 maggio 2009 Michele Fusillo Igiene dei mangimi Reg. CE n. 183/2005 Art. 20: Manuali di corretta

Dettagli

CONVEGNO. «Dogane e Imprese: Percorsi virtuosi per garantire la legalità ed accrescere la competitività nel mercato globale»

CONVEGNO. «Dogane e Imprese: Percorsi virtuosi per garantire la legalità ed accrescere la competitività nel mercato globale» CONVEGNO «Dogane e Imprese: Percorsi virtuosi per garantire la legalità ed accrescere la competitività nel mercato globale» Bologna 9 aprile 2014 I Laboratori Chimici delle Dogane polo scientifico di eccellenza

Dettagli

LABORATORIO ACCREDITATO DI TARATURA

LABORATORIO ACCREDITATO DI TARATURA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 LABORATORIO ACCREDITATO DI TARATURA della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Prato 12 13 Centro di Taratura LAT N 208 Accreditated Calibration Laboratory

Dettagli

Il regolamento europeo prevede alcune regole principali per la coltivazione dei prodotti biologici:

Il regolamento europeo prevede alcune regole principali per la coltivazione dei prodotti biologici: La normativa [ ] L A NORMAT I VA L N LA LEGGE CHE REGOLA IL SETTORE Il diffondersi dell agricoltura biologica e l incremento dei consumi di prodotti biologici ha fatto sì che anche le Istituzioni europee

Dettagli

La certificazione UNI CEI 11352. Paolo Gianoglio Milano, 28 marzo 2012

La certificazione UNI CEI 11352. Paolo Gianoglio Milano, 28 marzo 2012 La certificazione UNI CEI 11352 Paolo Gianoglio Milano, 28 marzo 2012 L esigenza di una norma (1/3) Un aspetto cruciale per il corretto sviluppo di un fiorente mercato, che possa sfruttare al massimo il

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 12745 del 26/06/2015 Designazione della Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di La Spezia quale autorità pubblica di controllo ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

CURRICULUM PER AUDITOR ED ISPETTORI CAMPO. Azienda Usl 7 Zona Valdichiana. U.F. Sanità Pubblica Veterinaria

CURRICULUM PER AUDITOR ED ISPETTORI CAMPO. Azienda Usl 7 Zona Valdichiana. U.F. Sanità Pubblica Veterinaria CAPITOLO Daniela Cardelli CAMPO Azienda Usl 7 Zona Valdichiana Informazioni personali U.F. Sanità Pubblica Veterinaria Via O. Maestri, 2 Torrita di Siena Tel. 0577 689451 Fax 0577 685117 Mail : d.cardelli@usl7.toscana.it

Dettagli

UNI EN 16636 PEST MANAGEMENT SERVICES

UNI EN 16636 PEST MANAGEMENT SERVICES UNI EN 16636 PEST MANAGEMENT SERVICES PERCHÉ CERTIFICARSI UNI EN 16636 Dimostrare al cliente l impegno e professionalità del servizio Garantire personale formato e competente BENEFICI AZIENDE DI DISINFESTAZIONE

Dettagli

Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare Attività anno 2010 Obiettivi anno 2011

Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare Attività anno 2010 Obiettivi anno 2011 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Varese DIREZIONE SANITARIA Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare Attività anno 2010 Obiettivi anno 2011 Sicurezza Alimentare www.asl.varese.it Varese,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 15308 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE ALIMENTAZIONE 1 marzo 2016, n. 55 Decreto 16 febbraio 2012. Sistema nazionale di vigilanza sulle

Dettagli

TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre Torino Lingotto Fiere

TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre Torino Lingotto Fiere TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre 2011 - Torino Lingotto Fiere ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario supporto analitico e tecnico-scientifico alle ASL e agli altri organi di vigilanza, per

Dettagli

Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino

Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere di Commercio piemontesi

Dettagli

PROGRAMMA INTERREGIONALE AGRICOLTURA - QUALITA

PROGRAMMA INTERREGIONALE AGRICOLTURA - QUALITA IBERAZIONE N. PROGRAMMA INTERREGIONALE AGRICOLTURA - QUALITA Obiettivi e contenuti L obiettivo che il programma si pone è quello di qualificare e certificare le produzioni agricole, attraverso controlli

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 10 gennaio 2006, n. 1

REGOLAMENTO REGIONALE 10 gennaio 2006, n. 1 520 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 7 del 13-1-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 gennaio 2006, n. 1 Requisiti minimi e criteri generali per il riconoscimento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM.

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 703 09/12/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18479 DEL 24/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM.

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 25/03/2014

Dettagli

Assicurazione della qualità del dato in un laboratorio di radioattività ambientale: metodologia ed applicazioni pratiche

Assicurazione della qualità del dato in un laboratorio di radioattività ambientale: metodologia ed applicazioni pratiche Assicurazione della qualità del dato in un laboratorio di radioattività ambientale: metodologia ed applicazioni pratiche Porzio L., Albertone L., Marga M.,Tozzi G. Arpa Piemonte Dipartimento Tematico Radiazioni

Dettagli

Stato di applicazione del regolamento R.E.A.Ch. Nella Regione Veneto

Stato di applicazione del regolamento R.E.A.Ch. Nella Regione Veneto Stato di applicazione del regolamento R.E.A.Ch. Nella Regione Veneto Come si sta organizzando il piano della sorveglianza e controlli Tecnico della Prevenzione Dott. Massimo Peruzzo Entrata in vigore in

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 12731 del 26/06/2015 Autorizzazione a 3A PTA Parco Tecnologico Agroalimentare dell Umbria Soc. Cons. a r.l. a svolgere le attività di controllo di cui all art. 13 del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

Armonizzazione metodi di misura, analisi e campionamento - metrologia ambientale. Maria Belli già ISPRA

Armonizzazione metodi di misura, analisi e campionamento - metrologia ambientale. Maria Belli già ISPRA Armonizzazione metodi di misura, analisi e campionamento - metrologia ambientale Maria Belli già ISPRA Area A: armonizzazione metodi di analisi campionamento e misura Metrologia ambientale Obiettivo strategico

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI LABORATORI CHE ESEGUONO LE ANALISI NELL AMBITO DELL AUTOCONTROLLO DELLE IMPRESE ALIMENTARI Proposta finale

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI LABORATORI CHE ESEGUONO LE ANALISI NELL AMBITO DELL AUTOCONTROLLO DELLE IMPRESE ALIMENTARI Proposta finale LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI LABORATORI CHE ESEGUONO LE ANALISI NELL AMBITO DELL AUTOCONTROLLO DELLE IMPRESE ALIMENTARI Proposta finale INDICE 1- Premessa... 2 2- Scopo delle linee guida...

Dettagli

Regolamento di riorganizzazione della struttura operativa dell'ispettorato centrale repressione frodi

Regolamento di riorganizzazione della struttura operativa dell'ispettorato centrale repressione frodi NORMATIVA / ISTITUZIONI / NORMATIVA VIGENTE Decreto 13 febbraio 2003, n. 44 (Regolamento di riorganizzazione della struttura operativa dell'ispettorato centrale repressione frodi - Testo vigente) N.d.R.:

Dettagli

BIOEVOLUTION. laboratorio chimico batteriologico

BIOEVOLUTION. laboratorio chimico batteriologico BIOEVOLUTION laboratorio chimico batteriologico Azienda Nata nel 1971, Byolact si evolve e cambia nome in Bioevolution, società operante nel campo dell igiene alimentare ed ambientale, garantendo consulenza

Dettagli

Riccardo Aleandri- CREA. Roma, 31 maggio 2016

Riccardo Aleandri- CREA. Roma, 31 maggio 2016 Riccardo Aleandri- CREA Roma, 31 maggio 2016 Da dove siamo partiti Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (MISE) Piano Nazionale della Ricerca (MIUR) Piano strategico per l innovazione e

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI REQUISITI DELLA NORMA ISO 9001 - SA 8000 AGGIORNATO A NOVEMBRE 2012 Doc. Riesame della Direzione Novembre

Dettagli

I passi per la certificazione del Sistema di Gestione dell Energia in conformità alla norma ISO Giovanni Gastaldo Milano, 4 ottobre 2011

I passi per la certificazione del Sistema di Gestione dell Energia in conformità alla norma ISO Giovanni Gastaldo Milano, 4 ottobre 2011 del Sistema di Gestione dell Energia in conformità alla norma ISO 50001 Giovanni Gastaldo Milano, 4 ottobre 2011 Un SISTEMA PER LA GESTIONE DELL ENERGIA CERTIFICATO è utile alle Organizzazioni che intendono:

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio Pag. 1 di 5 DOCUMENTO TECNICO Patate, cipolle e carote arricchite in selenio CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it Redatto il 2010-04-01

Dettagli

ACCREDIA - L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA - L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA - L Ente Italiano di Accreditamento Certificazioni accreditate per il GPP ACCREDITAMENTO E VALUTAZIONE DI CONFORMITA Daniele D Amino Funzionario tecnico Milano - 8 aprile 2016 ACCREDITAMENTO E

Dettagli

R.Raffaelli. Bologna, 5 dicembre 2013

R.Raffaelli. Bologna, 5 dicembre 2013 R.Raffaelli Bologna, 5 dicembre 2013 Prima Convention Annuale Verificatori Interni SGQ Bologna 21.11.2011 Argomento di riferimento: Le Verifiche ispettive interne: principi ed elementi di criticità Relatore

Dettagli

PERCORSO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. DIRETTORE ORGANIZZAZIONE SISTEMI E SERVIZI Nicola De Iorio Frisari Verona 21/04/2017

PERCORSO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. DIRETTORE ORGANIZZAZIONE SISTEMI E SERVIZI Nicola De Iorio Frisari Verona 21/04/2017 PERCORSO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DIRETTORE ORGANIZZAZIONE SISTEMI E SERVIZI Nicola De Iorio Frisari Verona 21/04/2017 Il NOSTRO DISEGNO STRATEGICO Acque Veronesi si fissa come obiettivo

Dettagli

Attuazione di confronti interlaboratorio per Laboratori di Taratura Accreditati

Attuazione di confronti interlaboratorio per Laboratori di Taratura Accreditati ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Attuazione di confronti interlaboratorio per Laboratori di Taratura Accreditati Funzionario tecnico ACCREDIA-DT DT - Giulia Suriani Incontro tematico Prove valutative

Dettagli

(articolo 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e comma 4bis dell articolo 49 della Legge 30 luglio 2010 n. 122)

(articolo 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e comma 4bis dell articolo 49 della Legge 30 luglio 2010 n. 122) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) laboratori che eseguono la verificazione periodica degli strumenti di misura ai sensi del Decreto Ministeriale 10 dicembre 2001 con esclusione di quelli

Dettagli

I PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROGETTO TERGEO

I PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROGETTO TERGEO I PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROGETTO TERGEO P.A. BIANCO - CIRIVE Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia - Università degli Studi Milano Presidente Comitato Tecnico

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG VICO - Segreteria VICO - Prot. Interno N.0012812 del 17/08/2017 Autorizzazione a Triveneta certificazioni S.r.l. a svolgere le attività di controllo ai sensi dell art. 64 della Legge 12 dicembre 2016,

Dettagli

Scenario, storia ed etica dell'agricoltura Biologica. Maria Ciaula -13 settembre 2016 Fondazione ITS "Basile - Caramia"

Scenario, storia ed etica dell'agricoltura Biologica. Maria Ciaula -13 settembre 2016 Fondazione ITS Basile - Caramia Scenario, storia ed etica dell'agricoltura Biologica Maria Ciaula -13 settembre 2016 Fondazione ITS "Basile - Caramia" Regolamento 834/2007 Il metodo di produzione biologico esplica pertanto una duplice

Dettagli

Ruolo ed attività degli enti di certificazione

Ruolo ed attività degli enti di certificazione Tecnico Superiore in Agricoltura Biologica Ruolo ed attività degli enti di certificazione francesco digregorio Locorotondo, Tecnico Superiore in Agricoltura Biologica Ruolo ed attività degli enti di certificazione

Dettagli

Bologna 9 settembre Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali

Bologna 9 settembre Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali Direzione generale dello Sviluppo Rurale, Infrastrutture e Servizi Servizio Fitosanitario Centrale Il registro dei fertilizzanti autorizzati per l agricoltura biologica Maurizio Desantis & Maria Antonietta

Dettagli

Giovanna. Carlini. San Pietro Avellana (IS) Roma Via Altavilla Irpina, 31 CAP Tel

Giovanna. Carlini. San Pietro Avellana (IS) Roma Via Altavilla Irpina, 31 CAP Tel CURRICULUM VITAE NOME COGNOME LUOGO DI NASCITA Giovanna Carlini San Pietro Avellana (IS) DATA DI NASCITA 24.06.1964 RESIDENZA PROFESSIONE Roma Via Altavilla Irpina, 31 CAP 00177 Tel. 06298706 Funzionario

Dettagli

Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore

Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore I regolamenti contenuti nel pacchetto igiene rivedono un po tutte le regole della sicurezza

Dettagli