Iniezione intramuscolare e sottocutanea: i risultati di un indagine multicentrica su prove di efficacia e pratica assistenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniezione intramuscolare e sottocutanea: i risultati di un indagine multicentrica su prove di efficacia e pratica assistenziale"

Transcript

1 ESTRATTO DA TESI Iniezione intramuscolare e sottocutanea: i risultati di un indagine multicentrica su prove di efficacia e pratica assistenziale Tiziana Sola Estratto della tesi di Laurea in Infermieristica a.a Relatore: Inf. AFD Elena Costa Coordinatore: DAI Paolo Musatti Università degli Studi di Brescia sede di Chiari (BS) INTRODUZIONE Non sempre le conoscenze apprese nel corso delle lezioni di infermieristica del triennio, confrontate con la prassi assistenziale quotidiana, trovano il riscontro dovuto. In diverse occasioni di tirocinio, ho potuto osservare alcune differenze tra quanto è contenuto nelle più recenti raccomandazioni provenienti dalla letteratura scientifica e i comportamenti professionali adottati in relazione alla somministrazione di farmaci per via intramuscolare e sottocutanea. Il presente lavoro si è dunque proposto lo scopo di studiare questo divario, attraverso un indagine multicentrica e lo strumento del questionario. La scelta di approfondire il tema dell iniezione per via intramuscolare e sottocutanea è stata giustificata dal fatto che si tratta di una prestazione che appartiene alla tradizionale competenza infermieristica e che spesso non viene valutata per l importanza che effettivamente riveste. Infatti, dal punto di vista tecnico, la mera esecuzione di un iniezione intramuscolare o sottocutanea è generalmente considerata di facile applicazione, tuttavia occorre sottolineare che anche il più semplice atto richiede conoscenze, competenza e responsabilità, caratteristiche proprie del professionista infermiere. Lo scenario legislativo che si è andato delineando negli ultimi anni ha determinato un radicale mutamento del ruolo dell infermiere come professionista, il quale ha il dovere di migliorare costantemente le proprie conoscenze scientifiche, per applicarle alle prestazioni di propria competenza. Le prestazioni che l infermiere assicura devono rispettare requisiti di elevata qualità assistenziale e, per questo, devono essere costantemente aggiornate sulla base dei risultati della ricerca scientifica. Gli operatori sanitari sono oggi richiamati all importanza di basare decisioni e comportamenti non solo sull esperienza o sul parere dei colleghi, ma anche su quanto viene riportato in letteratura. L'EbN (Evidence-based Nursing) rappresenta pertanto un nuovo modello per l'infermiere, che comporta l'applicazione nel quotidiano professionale delle migliori prove d efficacia disponibili quando si prendono decisioni assistenziali. Il ruolo dell infermiere nella somministrazione dei farmaci è sempre più complesso, l atto di somministrazione della terapia è di competenza infermieristica e la tecnica che lo sostiene deve essere condotta in modo collaborativo e non meccanicistico. La prima parte dell elaborato descrive le competenze, le responsabilità e la professionalità dell infermiere in relazione alla somministrazione dei farmaci per via intramuscolare e sottocutanea. Un breve excursus storico dell EbN introduce il capitolo che riporta le più recenti prove di efficacia sull argomento e quanto gli attuali testi di infermieristica enunciano nei confronti della somministrazione di farmaci per via intramuscolare e sottocutanea. Per conoscere le ultime evidenze scientifiche, ho consultato diversi testi universitari, articoli e siti internet, dove ho potuto reperire molte informazioni per quanto riguarda le iniezioni intramuscolari. In rete sono presenti numerosi articoli in inglese che trattano sia 20

2 Iniezione intramuscolare e sottocutanea della disinfezione della cute, sia delle possibili complicanze relative all utilizzo di una sede piuttosto che di un'altra. MATERIALI E METODI Partendo da ciò che è emerge dalla letteratura, ho elaborato e successivamente distribuito agli infermieri un questionario composto da 30 domande, di cui 25 chiuse e 5 aperte, riguardanti la somministrazione di farmaci per via intramuscolare e sottocutanea. Sono stati coinvolti circa 200 infermieri, che operano in 17 Unità Operative chirurgiche, mediche e ortopediche, appartenenti a 4 differenti A z i e n d e Ospedaliere di Brescia e provincia. La scelta delle sedi (Medicina Generale, Ortopedia e Chirurgia) è conseguente alla valutazione che, in questi settori, l infermiere utilizza più frequentemente per la somministrazione di farmaci le vie intramuscolare e sottocutanea. Gli infermieri coinvolti hanno collaborato con disponibilità alla compilazione del questionario (200 distribuiti, 146 raccolti, 73% di rispondenza), dimostrando interesse e sottolineando, in alcuni casi, come avessero sottovalutato il sapere che sta alla base di tale attività. La raccolta e l elaborazione dei dati hanno però permesso di constatare che non sempre quello che si conosce corrisponde a quello che si dovrebbe sapere. Le realtà operative coinvolte afferiscono all Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia (59 questionari restituiti), all Azienda Ospedaliera Mellino Mellini di Chiari (P.O. di Chiari, Iseo e Orzinuovi; 43 questionari restituiti), all Azienda Sanitaria Locale della Va l l e c a m o n i c a (18 questionari restituiti) e all Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (26 questionari restituiti). RISULTATI La raccolta e l elaborazione dei dati hanno confermato che la conoscenza degli infermieri rispetto all argomento trattato è ancora lontana da quello che le evidenze scientifiche enunciano. Per questo, al termine dell elaborato, sono proposte due procedure per la somministrazione di farmaci per via intramuscolare e per via sottocutanea (NdR: quella relativa alla via sottocutanea non è qui riportata in quanto simile metodologicamente alla prima), che potrebbero essere adottati o comunque servire come stimolo per un aggiornamento professionale. Infatti, un cambiamento significativo non avviene mai all improvviso, ma lentamente e a piccoli passi. L elaborazione dei dati ricavati dai questionari ha evidenziato interessanti informazioni circa le conoscenze infermieristiche rispetto alla somministrazione di farmaci per via intramuscolare e sottocutanea: 1. sede di iniezione: in letteratura, la sede considerata più sicura, di facile accesso e meno dolorosa è la ventro-glutea. Dall analisi dei dati è emerso che l 82% degli infermieri considera la sede dorsoglutea come sede d elezione e solo il 9,5% ha indicato la sede ventro-glutea. L attenzione dell infermiere nella scelta della sede di iniezione è influenzata da caratteristiche precise: quantità del farmaco, stato nutrizionale, condizioni generali del paziente. Il 47% del campione ha indicato come caratteristiche influenti solamente lo stato nutrizionale del paziente e le sue condizioni generali, senza tenere in considerazione la quantità di farmaco da somministrare; 2. localizzazione della sede: per procedere alla localizzazione della sede prescelta, è raccomandato l utilizzo di punti di repere precisi. Il 66,5% degli infermieri ha indicato di localizzare la sede visivamente e mediante palpazione e non ha descritto i punti di repere; 3. dose somministrabile: le ultime evidenze riportano le quantità massime somministrabili per sede (4 ml nel muscolo dorso-gluteo, 5 ml nel muscolo ventrogluteo, 2 ml nel muscolo deltoide e 5 ml nel muscolo vasto laterale). Alla domanda su tale argomento, il 39% ha fornito risposte incomplete, indicando correttamente solo la quantità somministrabile nella sede dorsoglutea, il 17% non ha risposto alla domanda, e il 44% ha indicato correttamente le quantità; 4. calibro dell ago: per la scelta del calibro dell ago, espresso in gauge, viene raccomandato di considerare il volume e le caratteristiche del farmaco e lo spessore del tessuto adiposo del paziente. Il 42,5% ha invece indicato come caratteristiche influenti nella scelta del calibro l obiettivo di provocare meno dolore. Il 24% ha indicato lo spessore del tessuto adiposo e il 25% il volume e le caratteristiche del farmaco; 5. disinfezione della cute: attualmente si ritiene che, se il paziente è in normali condizioni igieniche e sono rispettate le condizioni di asepsi nella preparazione del farmaco da parte dell infermiere, la disinfezione della cute può essere evitata. A l l a domanda relativa alla disinfezione della sede d iniezione, l 86% ha risposto di disinfettare sempre la sede per l iniezione per via intramuscolare e solo in 14% non sempre. Per la somministrazione per via sottocutanea, il 94,5% disinfetta sempre la sede, il 5,5% non sempre; 6. tamponamento: terminata l iniezione, si deve tam- 21

3 Formazione e ricerca ponare delicatamente e non massaggiare. Gli infermieri hanno indicato, per la via intramuscolare, il massaggio della zona per favorire l assorbimento (52%), il tamponamento senza massaggio (36%), né tamponamento né massaggio (12%). Per via sottocutanea: l 80% tampona delicatamente e non massaggia, il 20% non tampona e non massaggia; 7. manovra di Lesser: in letteratura è raccomandata sempre la manovra di Lesser nel somministrare farmaci per via intramuscolare. L 82% degli infermieri ha detto di utilizzarla sempre, l 11% ritiene corretto utilizzarla in relazione alla quantità del farmaco da somministrare; 8. angolatura: nell eseguire un iniezione per via sottocutanea, l ago deve essere introdotto con un angolatura da 45 a 90 rispetto al piano cutaneo. La scelta dell angolatura è presa dopo aver valutato le caratteristiche del tessuto adiposo del paziente. Il 52% degli infermieri ha indicato di introdurre l ago con angolatura da 45 a 90, il 25% di introdurre l ago sempre a 45, il 16% sempre a 90, l 8% sempre con angolatura inferiore a 45 ; 9. somministrazione di eparina calcica: la sede ritenuta più idonea per la somministrazione d eparina calcica a basso peso molecolare è la regione addominale, ad eccezione della zona periombelicale. Il 79% ha indicato correttamente la regione addominale, mentre il 16,5% ha indicato la regione deltoidea e il 4,5% la regione antero-laterale della coscia. Nell eseguire un iniezione d eparina calcica a basso peso molecolare, le evidenze raccomandano di non eseguire la manovra di Lesser, perché non necessaria e potenzialmente dannosa e di non eliminare l aria presente nella siringa preconfezionata. Il 42,5% degli infermieri ritiene corretto eseguire sempre la manovra di Lesser, il 39% dice di non eseguirla mai e l 8,5% dice che dipende dalla sede in cui si sta somministrando il farmaco. Il 79% non elimina l aria dalla siringa, il 20,5% elimina l aria dalla siringa preconfezionata. CONCLUSIONI Dai dati raccolti ed elaborati emerge una notevole discrepanza tra ciò che la letteratura raccomanda e ciò che viene messo in pratica quotidianamente dagli infermieri intervistati, in relazione alla somministrazione della terapia per via intramuscolare e sottocutanea e le conoscenze attuali degli infermieri. La ricerca dimostra l importanza fondamentale di un corretto e sistematico aggiornamento professionale e la necessità di tradurre tale aggiornamento in concreti strumenti operativi, quali protocolli e procedure, nello svolgimento della professione infermieristica. Solo in alcune delle unità operative selezionate per lo studio dispongono di protocolli aggiornati e di facile consultazione. Operare in questa direzione, intensificando l elaborazione e l adozione di strumenti di standardizzazione costantemente aggiornati secondo l evidenza scientifica, può sicuramente portare a un miglioramento della qualità delle prestazioni infermieristiche; condividere questi strumenti, renderli oggetto di studio e d aggiornamento, portarli a conoscenza di tutti gli infermieri può essere il punto di partenza di un processo di cambiamento ormai indispensabile per il futuro infermieristico. La crescita del professionista infermiere deve avvenire attraverso la possibilità di riflettere sul proprio operato: se questo percorso è assente, risulta molto difficile imparare a crescere. Pertanto, è necessario avviare un percorso di cambiamento culturale, un apertura verso le innovazioni dettate dall evidenza, perché il riconoscimento sociale della professione dipende innanzitutto dal comportamento dei professionisti. Momenti istituzionalizzati in cui gli infermieri si incontrano e mettono a confronto le loro esperienze, le analizzino e le aggiornino, sono di fondamentale importanza per la crescita della professione. BIBLIOGRAFIA - Drawing up and administering intramuscular injections: a review of literature, J Advanced Nursing, 3, Intramuscular Injection: Review and Guidelines, Indian Pediatrics, 40, Le iniezioni intramuscolari, Riv. dell Infermiere, 3, Preventing sciatic nerve injury from intramuscular injection: literature review, J Advanced Nursing, 3, A. Apostoli et Al., L iniezione intramuscolare: una procedura da riscrivere?, Nursing Oggi, 1, A. Huber et Al., Cheklists dell assistenza, Rosini, Firenze, C. Sironi et Al. Tecniche infermieristiche, Masson, Milano, KC.Sorensen, J.Luckman, Il Nursing di base con approccio fisiopatologico e psicologico, Piccin, Padova, L. Sasso, C. M. Bonvento, C. Gagliano, Scienze infermieristiche generali e cliniche, McGraw-Hill, Milano, P. Cavicchioli et Al., Elementi di base dell assistenza infermieristica, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, P. Chiari, D. Mosci, P. Baldazzi, Corso di formazione sull iniezione intramuscolare, Med3, R.F. Craven, C.J. Hirnle, Principi fondamentali dell assistenza infermieristica, Casa Editrice A m b r o s i a n a, Milano,

4 Iniezione intramuscolare e sottocutanea Allegato 1. Protocollo per la somministrazione di farmaci per via intramuscolare 23

5 Formazione e ricerca Allegato 1. (seguito) 24

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE PARENTERALE INFERMIERISTICA CLINICA Dott.ssa Fiorentini Rita Dott.ssa Palma Elisabetta Via Parenterale - vantaggi Somministrazione di farmaci liquidi, che vengono iniettati -mediante

Dettagli

Etica nella pratica assistenziale quotidiana. Indagine sull applicazione del Codice deontologico nella realtà operativa di un azienda ospedaliera.

Etica nella pratica assistenziale quotidiana. Indagine sull applicazione del Codice deontologico nella realtà operativa di un azienda ospedaliera. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE RIASSUNTO DELL ELABORATO FINALE Etica

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fanari Francesco Data di nascita 20/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE Gestione infermieristica

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità Operativa/Unità Organizzativa Numero telefonico dell

Dettagli

Esercizi di Fine Unità 9 Per i Capitoli 33, 34, 35 e 36

Esercizi di Fine Unità 9 Per i Capitoli 33, 34, 35 e 36 Esercizi di Fine Unità 9 Per i Capitoli 33, 34, 35 e 36 SEZIONE 1: VERIFICA QUELLO CHE HAI APPRESO Attività A: Farmacologico (nome della molecola). 2. Topica. 3. Transdermica. 4. Nitroglicerina. 5. Serbatoio

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO

PRESENTAZIONE DEL CORSO AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA DIPARTIMENTO SPECIALITA MEDICO CHIRURGICHE, SCIENZE RADIOLOGICHE E SANITA PUBBLICA PRESENTAZIONE

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it mmario2002@libero.it

3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it mmario2002@libero.it Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Mario Madeo Indirizzo via C. Colombo 19, 20090, Trezzano sul Naviglio (Mi) Telefono 02/5396972 3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Fusco Giuditta Data di nascita 17/06/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio infermiere ASL DI PRATO Posizione Organizzativa - Infermieristica

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT)

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Membri del Gruppo di Ricerca: Prof. Roger Watson (UK) Prof. Giancarlo Icardi (IT) Dott.ssa Antonella

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 IL DOVERE E IL DIRITTO DI DARE VOCE E CURA AL DOLORE DELLA PERSONA NON IN GRADO DI RIFERIRLO Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 Il dolore è il più soggettivo tra

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche

CURRICULUM VITAE. Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Luciana Andreis Data di nascita 12.12.1952 Amministrazione ASLCn1 Incarico attuale Coordinatore Risk Management Numero telefonico ufficio 0174676411 Fax dell

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

CURRICULUM VITAE Prof.ssa Kitergiata Iannelli

CURRICULUM VITAE Prof.ssa Kitergiata Iannelli CURRICULUM VITAE Prof.ssa Kitergiata Iannelli INFORMAZIONI PERSONALI Psicologo, psicoterapeuta Via Trento, 5 52042 Loro Ciuffenna (AR), Italia Mobile +39 3881001037 kitergiata@yahoo.it TITOLI ACCADEMICI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SCAGLIA MARCO Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Data di nascita 17

Dettagli

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA CURRICULUM DI STUDIO

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA  CURRICULUM DI STUDIO CURRICULUM VITAE Cognome - Nome: PASQUOT LOREDANA Nata a San Donà di Piave (VE) il 6 aprile 1957 Residenza: Via Quadronno 4, 20122 MILANO Cittadinanza: Italiana Stato Civile: Coniugata con Ermes Fornasier.

Dettagli

Momento educativo durante la degenza. Valutazione delle sue conoscenze rispetto alla malattia e del comportamento a rispetto della dieta

Momento educativo durante la degenza. Valutazione delle sue conoscenze rispetto alla malattia e del comportamento a rispetto della dieta I compiti e le competenze dell infermiere nei confronti del diabetico ospedalizzato vanno al di là del l aspetto puramente assistenziale ma rappresentano un caposaldo del momento formativo ed educativo

Dettagli

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Infermiera Pediatrica Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Infermiera Pediatrica Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Plaja Francesca Indirizzo Telefono Cellulare 339.52.97.173 E-mail Nemo997@vodafone.it fplaja@scamilloforlanini.rm.it

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia)

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) pubblicazioni Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) Il presente articolo è tratto dall elaborato

Dettagli

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA)

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA) L INFERMIERE NEL CONTESTO LAVORATIVO DEL PRONTO SOCCORSO; LA MOTIVAZIONE DELLA RICERCA: DALLA IDEAZIONE, ALLO STUDIO DEI DATI, ALLE PROPOSTE PER IL CAMBIAMENTO. Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome NICOLA POLETTI ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o

Dettagli

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome SACCO GIOVANNA Data di nascita 01/04/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA AZIENDA

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012)

PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012) PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012) Pagine 10 Bracciale Luigi Corea Gerardo B. A. Passafaro Salvatore Valeri Patrizio Camicioli Ivo Russo Ornella D Elia Gianluca

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE LA CHIAVE DI SVOLTA

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

ERRORE CLINICO: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL PROCESSO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA. Dr.ssa Tonia Marina ZACHEO

ERRORE CLINICO: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL PROCESSO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA. Dr.ssa Tonia Marina ZACHEO ERRORE CLINICO: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL PROCESSO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA Padova 25 settembre 2008 nessuno può evitare di fare errori, la cosa più grande è imparare da essi. (K. Popper) 1 OBIETTIVI

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giuseppe Marmo marmogiuseppe@tiscali.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

1) Eliana Arder, Imparare a dirsi addio, Sagre Proedi Editore

1) Eliana Arder, Imparare a dirsi addio, Sagre Proedi Editore BIBLIOGRAFIA 1) Eliana Arder, Imparare a dirsi addio, Sagre Proedi Editore 2) Coletto Elena, L infermiere e il dolore del paziente, in Lega Italiana per la lotta contro i tumori, Sezione di treviso, Atti

Dettagli

Scheda Curriculum Vitae EUROPEO

Scheda Curriculum Vitae EUROPEO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono DONATELLA ALBINI E-mail Nazionalità ITALIANA Data di nascita Codice fiscale Date (da a)

Dettagli

Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico

Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico Il questionario conoscitivo rischio clinico è stato somministrato, nel corso dell anno 2006, a tutti i dipendenti dell Azienda Ospedaliera Ospedale

Dettagli

Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità

Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità relatore: Mario Calci Coordinatore Gruppo Regionale Triage FVG Sistemi di verifica e valutazione per la sostenibilità In psicologia la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Parenti Mita mparenti@regione.emilia-romagna.it Pagina 1 - Curriculum vitae di Parenti Mita ESPERIENZA

Dettagli

Master I livello Area Critica per Infermieri A.A. 2013/2014. AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO codice bando INF/14

Master I livello Area Critica per Infermieri A.A. 2013/2014. AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO codice bando INF/14 Prot. N. 6/2013 Pos. K/04 Master I livello Area Critica per Infermieri A.A. 2013/2014 AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO codice bando INF/14 DATA DI PUBBLICAZIONE: 20 dicembre 2013 DATA

Dettagli

La gestione del rischio nella assistenza domiciliare

La gestione del rischio nella assistenza domiciliare La gestione del rischio nella assistenza domiciliare Gli aspetti metodologici della gestione del rischio nelle attività domiciliari: le peculiarità Roma, 22 maggio 2013 Dott.ssa Simona Amato La letteratura

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Riassunto dell Elaborato Finale

Riassunto dell Elaborato Finale Riassunto dell Elaborato Finale L accompagnamento infermieristico della Persona affetta da Scompenso Cardiaco nella gestione della nuova vita quotidiana, utilizzando l educazione terapeutica, nella fase

Dettagli

L iniezione d insulina

L iniezione d insulina BD Medical - Diabetes Care L iniezione d insulina 05_L'iniezione.indd 1 11-11-2009 11:26:38 Indice Strumenti per l iniezione di insulina Somministrarsi l insulina con la penna Somministrarsi l insulina

Dettagli

Medico di Assistenza Primaria CRA Cittadella Viale della stazione 5-35013 - Cittadella (PD)

Medico di Assistenza Primaria CRA Cittadella Viale della stazione 5-35013 - Cittadella (PD) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono cell 339/2507088 Fax E-mail mario.morello@email.it MORELLO MARIO VIA AGOSTINO CONTARELLO n 28-35136 PADOVA Nazionalità

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Revisione n. 7 del 20 GIUGNO 2013 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - II semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori

Dettagli

FORM ATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI TAMPIERI MICAELA

FORM ATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI TAMPIERI MICAELA FORM ATO EUROPEO PER I L CURRI CULUM VI TAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome TAMPIERI MICAELA Luogo e Data di nascita COPPARO(FERRARA) 25/01/1952 Nazionalità ITALIANA Date (da a) 1976-1977 Nome e

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere. Posizione Organizzativa - CHIRURGIA GENERALE

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere. Posizione Organizzativa - CHIRURGIA GENERALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lauria Tiziana Data di nascita 18/04/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Sala del Tempio 2 Dall AFD al Master. Inquadramento storico della formazione e sviluppo in relazione all esercizio professionale e agli assetti organizzativi G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Il Coordinamento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GALEAZZO MARILENA Indirizzo VIA L. PELLIZZO 39 Telefono Fax E-mail marilena.galeazzo@sanita.padova.it Nazionalità

Dettagli

Ospedale generale di zona Moriggia-Pelascini di Gravedona ed Uniti (CO) Dal settembre 2002 ad oggi

Ospedale generale di zona Moriggia-Pelascini di Gravedona ed Uniti (CO) Dal settembre 2002 ad oggi Nome e indirizzo del datore di Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali mansioni e responsabilità Presidio Ospedaliero di Morbegno (SO) CAL dialisi Infermiera professionale Assistenza infermieristica

Dettagli

IL DOLORE. Come riconoscerlo, come combatterlo. 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE)

IL DOLORE. Come riconoscerlo, come combatterlo. 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE) IL DOLORE Come riconoscerlo, come combatterlo 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE) Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 136405, edizione 1 Responsabile scientifico Prof. Andrea Di Lauro Destinatari

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PEGHETTI ANGELA Nazionalità Italiana Data di nascita 21 febbraio 1961 ESPERIENZA LAVORATIVA Collaborazione

Dettagli

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 INDICE: 1. Premessa 3 1.1. Linea guida di prevenzione delle cadute accidentali del paziente ricoverato 3 1.2. Progetto di Gestione dei rischi in sala operatoria 4 1.3.

Dettagli

Inserimento nell èquipe assistenziale dell OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria

Inserimento nell èquipe assistenziale dell OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria ORGANIZZAZIONE In una regione dove da tempo si sta provvedendo alla formazione complementare in assistenza sanitaria degli OSS qualche infermiere ha sentito l esigenza di studiare il problema del dove

Dettagli

- dal dicembre 2005 sono stata infermiera presso i reparti di Rianimazione e Anestesia Pediatrica;

- dal dicembre 2005 sono stata infermiera presso i reparti di Rianimazione e Anestesia Pediatrica; F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VISANI SARA E-mail sara.visani71@gmail.com Nazionalità italiana Data di nascita 11/10/1971 Luogo di nascita Brescia) Codice Fiscale

Dettagli

Prandelli Matteo. matteo.prandelli@aod.it

Prandelli Matteo. matteo.prandelli@aod.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Prandelli Matteo Telefono Fax E-mail matteo.prandelli@aod.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE COGNOME NOME VENDRAMIN TOSCA Professione : CPSE Coordinatore corso di Laurea Sede lavorativa Tortona Tel.: 0131/1858051 Fax: 0131/1858068 E-mail: tvendramin@aslal.it CURRICULUM F ORMATO EUROPEO PER IL

Dettagli

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri.

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. [ Corso Residenziale] Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. Quando la teoria diventa good clinical practice: grandi cambiamenti costanti nel tempo. 1 di 1 [ Programma

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Lo scrivente Ivano Giuliani, nato a Terracina il 22/02/1963, ed ivi residente in via Arene n 158, tel. 0773/723069, dichiara nel seguente curriculum

Dettagli

ANìMO e ricerca: un anno di lavoro. Letizia Tesei

ANìMO e ricerca: un anno di lavoro. Letizia Tesei ANìMO e ricerca: un anno di lavoro Letizia Tesei Il sottoscritto Tesei Letizia ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate 1. L azione dell Assistente Sanitaria per l indagine nella convivenza del malato. I Convegno delle Assistenti Sanitarie dei Consorzi Provinciali Antitubercolari,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FERRETTI ANGIOLA Luogo e Data di nascita BRESCIA 18/11/1962 Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire C.I. Fisiopatologia Applicata All infermieristica Infermieristica Clinica (CFU2) D. Calatozzo, F. Frisone Italiano Lo studente al termine del corso sarà in grado di identificare e definire i bisogni di

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

La formazione continua in Riabilitazione Psicosociale

La formazione continua in Riabilitazione Psicosociale La formazione continua in Riabilitazione Psicosociale Indicazioni derivanti da un indagine sui bisogni formativi degli operatori della riabilitazione psicosociale in Lombardia gruppo di lavoro SIRP.Lo

Dettagli

Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato

Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato Pergusa 6 Dicembre 2013 Sala Congressi Hotel Garden Processo infermieristico o Nursing Il processo infermieristico

Dettagli

Professioni sanitarie della prevenzione

Professioni sanitarie della prevenzione Professioni sanitarie della prevenzione Bergamo, 14 aprile 2014 Mario Poloni mpoloni@asl.bergamo.it Monica Brembilla, Antonia Crippa, Lucia Fontana L evoluzione delle Professioni Sanitarie Legge 42/99

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN NURSING AVANZATO IN AREA CRITICA A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) Lingua Italiano ANAGRAFICA DEL CORSO - A Percentuale di frequenza obbligatoria 85% del monte

Dettagli

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati Silvia Guerra Note introduttive/1 Nella medicina cinese, la pelle è l organo che nel neonato media tutti i processi fisiologici ed i rapporti con l esterno, assumendo grandi potenzialità terapeutiche.

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA - SEDE FORMATIVA DI NOVARA ANNO ACCADEMICO 2015/16 PERSONALE DIRIGENTE

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA - SEDE FORMATIVA DI NOVARA ANNO ACCADEMICO 2015/16 PERSONALE DIRIGENTE Anno di 1 I 1 I ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA - SEDE FORMATIVA DI NOVARA Semestre Attività di Complemento richiesta n ore Prof ilo professionale richiesto Esercitazioni

Dettagli

Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com

Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Progettare una ricerca bibliografica

Progettare una ricerca bibliografica A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, art. 47 e successive modifiche ed integrazioni) NON SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE-ESENTE DA BOLLO (D.P.R. 28 dicembre 2000,

Dettagli

FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI

FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI Formazione FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ DI GENOVA PRESSO GLI STUDI DEI MMG: IMPRESSIONI E COMMENTI ANDREA STIMAMIGLIO, RICCARDO

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso

Dettagli