COMUNICAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL"

Transcript

1 COMUNICAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL 1. PREMESSA Nel crs degli ultimi anni si è registrata una prgressiva estensine alla clientela al dettagli di prdtti di investiment prima, di fatt, riservati a clienti istituzinali prfessinali (prcess c.d. di retailisatin ). L ingegneria finanziaria può frnire rispste a specifiche esigenze, cnsentend l access a classi d attività finanziarie, segmenti del mercat finanziari e strategie d investiment nrmalmente nn dispnibili agli investitri nn prfessinali. La distribuzine di prdtti finanziari cnntati da prfili di cmplessità rappresenta un area di particlare attenzine per la tutela degli investitri di tip retail. Livelli di cmplessità elevata accrescn le difficltà di cmprensine delle caratteristiche degli investimenti prpsti e sn dunque idnei a pregiudicare la capacità di assumere cnsapevli decisini di investiment. L investiment in prdtti cmplessi richiede inltre una capacità di mnitraggi nel temp e di gestine, attività queste che spess si dimstran prblematiche per gli investitri al dettagli. Gli bblighi di trasparenza hann limitati effetti nel mitigare il divari cgnitiv tra gli intermediari finanziari ed i lr clienti retail, in quant quest ultimi sn nrmalmente dtati di una bassa cultura finanziaria che nn cnsente lr di valutare la qualità dei prdtti d investiment fferti. D altra parte, le regle di crrettezza applicate alla sla fase di distribuzine dei prdtti (le c.d. selling rules) sn talvlta risultate nn sufficienti a prevenire eventi dannsi per gli investitri. In alcuni casi, esse nn sn state implementate in md rbust ed efficace dagli intermediari. In ragine delle asimmetrie infrmative e cgnitive aumenta il rischi per i clienti retail di incrrere incnsapevlmente in significative perdite, indeblendne la fiducia nel crrett funzinament dei mercati finanziari. E nt che tra struttura finanziaria e rischisità di un prdtt nn sussiste una crrispndenza biunivca: è pssibile riscntrare sul mercat prdtti cmplessi caratterizzati da livelli di rischisità cntenuti e prdtti semplici cn rischisità elevate. Tuttavia, si ritiene che l intelligibilità della struttura di un prdtt finanziari rappresenti il presuppst per la cmprensibilità del rischi d investiment sttes, ptendsi altrimenti determinare il fenmen di acquisti nn cnsapevli. 1

2 2. LE RECENTI OPINION DELL ESMA Al fine di innalzare i livelli di tutela sstanziale per i risparmiatri, l Autrità eurpea di vigilanza sui mercati finanziari (ESMA) ha richiamat, in due recenti Opinin 1, l attenzine delle Autrità nazinali sulle misure che gli intermediari devn adttare sin dalle fasi di design/svilupp selezine dei prdtti finanziari cnntati da prfili di cmplessità da destinare al pubblic per la tenuta di un crrett cmprtament cn i prpri clienti. Di seguit si riprta una breve sintesi dei cntenuti delle due Opinin, invitand ad un attenta lettura dei testi integrali reperibili sul sit dell ESMA 2. L Opinin recante MiFID practices fr firms selling cmplex prducts - pubblicata il 7 febbrai evidenzia le specifiche cautele ed i raffrzati presidi rganizzativi, anche di cntrll intern, vlti ad assicurare, nel cncret, la cura diligente e prfessinale dell interesse della clientela in sede di distribuzine di prdtti finanziari cmplessi. Nel dcument dell ESMA è specificamente indicat che se, alla luce della due diligence effettuata dall intermediari, risulta che un determinat prdtt cmpless nn ptrà mai sddisfare al megli gli interessi dei clienti vver che nn sn dispnibili infrmazini sufficienti a valutare le principali caratteristiche di un prdtt ed i relativi rischi, le Autrità Nazinali Cmpetenti dvrebber cntrllare che gli intermediari nn prestin cnsigli su quel prdtt vver si astengan dal venderl (cfr. paragraf n. 14 della citata Opinin) 3. Nel cas di raccmandazini persnalizzate (nell ambit del servizi di cnsulenza), è richiamata l imprtanza per gli intermediari di dtarsi di prcedure di adeguatezza pprtunamente raffrzate per cnsiderare i peculiari prfili dei prdtti cmplessi in rapprt alle caratteristiche della clientela. E pi sttlineata la rilevanza di un infrmativa cmpleta ed affidabile, in particlare sui csti e sulle pssibili difficltà di smbilizz. L Opinin avente ad ggett Structured Retail Prducts - Gd practices fr prduct gvernance arrangements - pubblicata in data 27 marz illustra le attività utili ad assicurare la cura dell interesse degli investitri e ad evitare prassi pregiudizievli nelle fasi di ideazine dei prdtti strutturati e di cmmercializzazine degli stessi. Nel richiamare l imprtanza di un prcess di design dei prdtti guidat dalla dmanda, il dcument evidenzia, fra l altr, la centralità della prduct gvernance e, in tale ambit, di un rbust prduct testing, di un apprfndit scambi infrmativ cn i distributri e di un mnitraggi durante il cicl di vita del prdtt. 1 Cfr. Opinin del 7 febbrai 2014 recante MiFID practices fr firms selling cmplex prducts ed Opinin del 27 marz 2014 recante Structured Retail Prducts - Gd practices fr prduct gvernance arrangements. 2 Rispettivamente agli indirizzi e 3 Traduzine nn ufficiale, il test riginale è il seguente 14. If, fllwing firms due diligence, it appears that a particular cmplex prduct will never meet the best interests f their clients, r there is a lack f sufficient infrmatin available t ascertain the main features and risks f a prduct, NCAs shuld mnitr that firms d nt ffer advice n that envisaged prduct, r sell it at all. 2

3 Sia nella fase di disegn di un prdtt finanziari sia nella fase di cmmercializzazine è richiest agli intermediari di tenere in piena cnsiderazine i bisgni, le caratteristiche sci-ecnmiche e la tlleranza al rischi dei prpri clienti. Ai fini della presente Cmunicazine, ve nn diversamente indicat, si fa riferiment alle definizini cntenute nelle menzinate Opinin. 3. LO STATEMENT DELL ESMA SUI CO.CO. Nell esercizi dei prpri pteri l ESMA ha di recente espress la prpria psizine circa la cmmercializzazine di una specifica categria di prdtti ad alta cmplessità cstituita dai c.d. Cntingent Cnvertible (anche C.C.). L Statement del 31 lugli 2014, recante Ptential Risks Assciated with Investing in Cntingent Cnvertible, è finalizzat ad evidenziare e chiarire agli investitri istituzinali i rischi derivanti da tali prdtti. In ess l Autrità eurpea ha, in prim lug, sttlineat l elevata cmplessità dei prdtti della specie. Viene pi rimarcat l innalzat cnflitt di interesse esistente fra l emittente dell strument, che spess l ffre per prprie necessità di patrimnializzazine, e l investitre, che si trva in presenza di un prdtt cn una struttura particlarmente difficile da valutare. Sn, quindi, richiamati i peculiari prfili di rischi sttesi all strument, cnnessi, fra l altr, al livell del trigger che determina la cnversine, alla inesistenza di una scadenza certa ed alla pssibilità di cancellazine delle cedle previste (sprattutt per i C.C. eleggibili, secnd la nuva disciplina prudenziale, cme additinal tier 1), all inversine della prirità nell assrbiment delle perdite rispett alle azini, alla nvità della struttura che determina cc.dd. rischi scnsciuti (unknwn risks). Sulla scrta di tali prfili di cmplessità e di rischi, l ESMA ritiene che un effettiva cmprensine dei prdtti della specie richieda l svlgiment di analisi che pssn avere lug esclusivamente nell ambit delle capacità e delle risrse prprie di investitri istituzinali esperti. 4. MISURE IN MATERIA DI PRODOTTI COMPLESSI 4.1 Le indicazini della CONSOB sulle Opinin dell ESMA Le Opinin dell ESMA si inseriscn nell attuale cntest nrmativ della Direttiva 2004/39/CE (c.d. MiFID ) che, disegnand un quadr perativ centrat sul cliente, esige dagli peratri una cstante valutazine dell interesse dell investitre in gni fase del prcess di intermediazine. Inltre, le stesse si pngn in linea di cerenza cn quant sarà dettagliatamente previst in tema di prduct gvernance dalla Direttiva 2014/65/UE (c.d. MiFID 2 ) e dalle relative misure di esecuzine. 3

4 La CONSOB, in linea di cntinuità cn gli apprcci di vigilanza maturati in ambit nazinale 4, intende cnfrmarsi alle indicazini frnite dall ESMA. Si richiede pertant agli intermediari che prestan servizi d investiment e svlgn le attività di cui all art. 25-bis, cmma 1, del d.lgs. n. 58/1998 (c.d. TUF ) di cnsiderare debitamente nella lr plicy aziendale gli rientamenti cntenuti nelle due citate Opinin. In particlare si evidenzia che gli intermediari hann il dvere di cndurre autnme valutazini per la delimitazine del perimetr dell fferta di prdtti finanziari, in cerenza cn le cnntazini del prpri target di clientela, anche individuand ex-ante i prdtti che, per caratteristiche intrinseche, nn si prestan alla realizzazine delle esigenze di investiment dei prpri clienti. Si raccmanda, infine, che le indicazini frnite nelle Opinin, in ragine della lr attinenza a temi di natura rganizzativ-prcedurale crrelate all stat di sggett abilitat ai sensi del TUF piuttst che alla cncreta prestazine di un servizi, sian seguite anche dai sggetti abilitati che emettn prdtti finanziari distribuiti pi alla clientela a mezz di altri intermediari. 4.2 Le raccmandazini della CONSOB Cme già evidenziat nel paragraf precedente, l intermediari è sempre tenut ad effettuare una adeguata due diligence su tutti i prdtti cmplessi che intende inserire nella gamma d fferta. Quand a seguit di tale verifica l intermediari accerti che in cncret il prdtt - sia ess inclus men nell elenc allegat alla presente Cmunicazine - nn pssa mai sddisfare al megli gli interessi dei prpri clienti che, rispett ad ess, manchin le infrmazini sufficienti a valutarne le principali caratteristiche ed i rischi, eviterà di prestare cnsigli su quel prdtt di venderl, in cnfrmità a quant previst dal citat paragraf n. 14 dell Opinin dell ESMA MiFID practices fr firms selling cmplex prduct Ferm restand il menzinat dvere dell intermediari di cmpiere valutazini finalizzate ad individuare prdtti cerenti cn il prpri target di clientela, anche per escludere quelli strutturalmente nn adatti, nell allegat elenc sn riprtate a titl esemplificativ alcune tiplgie di prdtti ritenute dalla CONSOB a cmplessità mlt elevata 5. 4 La centralità dei prfili legati alla cerenza tra i prcessi di ideazine e distribuzine dei prdtti e gli interessi della clientela target ha permeat l azine di vigilanza della CONSOB sin dal recepiment nell rdinament nazinale della disciplina MiFID (ttbre 2007), in particlare cn la Cmunicazine n del 2 marz 2009 in materia di prdtti illiquidi, e rappresenta un degli biettivi priritari dell attività di vigilanza indicati nel Pian Strategic d Istitut (cfr. 5 La lista nn è da intendersi cme esaustiva, ma, piuttst, esemplificativa: rimane a cura di gni intermediari, nell ambit della definizine della prpria gamma prdtti ed in relazine alla specifica e cncreta articlazine dei prpri servizi d investiment, individuare strumenti cn livelli di cmplessità analghi superiri, anche avut riguard al prcess cntinu di innvazine finanziaria. A tal fine, ptrann essere valutati gli elementi sistematici della nzine di cmplessità di un prdtt finanziari, cme estraplabili dalla lettura cngiunta dei suddetti dcumenti ESMA nnché dalla disciplina MiFID: 4

5 Qualra l intermediari abbia decis di inserire nella prpria gamma d fferta, sulla scrta delle menzinate valutazini, prdtti ricnducibili alle richiamate tiplgie, la CONSOB raccmanda di prestare un attenzine raffrzata, nel rispett cmunque di tutti i presidi indicati dall ESMA per i prdtti cmplessi e/ strutturati. Csì, in linea cn le previsini dell Opinin MiFID practices fr firms selling cmplex prducts (cfr. paragraf n. 19), gli accrdi cnclusi fra prduttre e distributre per la cnfigurazine della remunerazine dell attività distributiva sarann articlati in maniera tale da nn determinare un innalzament del cnflitt di interesse (ad esempi in ragine di più favrevli mdalità di remunerazine per il distributre 6 ). Nell specific cntest del sistema dell intermediazine nazinale, andrà gestit cn dedicata cura, evitand l esclusiv affidament a presidi di trasparenza, il peculiare cnflitt derivante dal pssibile dppi rul assunt dall intermediari, specie se bancari, di emittente e prestatre di servizi di investiment, in una fase cnntata da pssibili necessità di risrse patrimniali e per il funding (cfr. al riguard anche la psizine del Jint Cmmittee delle tre ESAs del 31 lugli 2014, recante Placement f financial instruments with depsitrs, retail investrs and plicy hlders - Self placement ). Cerentemente cn le indicazini della richiamata Opinin sulle selling practices (cfr. paragrafi da n. 20 a n. 27), nella mappatura dei prdtti si utilizzerann metdi e sistemi avanzati che cnsentan l effettiva cnsiderazine di gni pssibile prfil di cmplessità nnché dei csti, di nrma rilevanti per siffatti prdtti anche in mmenti successivi alla fase di distribuzine. In cnnessine cn i diversi aspetti di cmplessità dei prdtti, la prfilatura della clientela dvrà cnsiderare cn particlare cura e prfndità l esperienza e le cnscenze del cliente sulla scrta di infrmazini ggettive e dettagliate, nnché la sua prpensine al rischi. In una lgica di ulterire valrizzazine dei presidi richiamati nell Opinin, si ritiene che le infrmazini rilevanti andrann acquisite mediante tecniche indirette e nn immediatamente dichiarative, al fine di evitare l autvalutazine da parte del cliente. Alla luce delle evidenze sul mercat dmestic circa la limitata cnsapevlezza da parte dei clienti retail dell imprtanza della diversificazine, andrann impiegati stringenti limiti di cncentrazine in relazine alla dimensine del patrimni dell specific cliente ed alle sue caratteristiche ed biettivi. Sul pian dell infrmativa da frnire alla clientela, specie nella fase di mercat primari e per le perazini negziate in cnt prpri, le indicazini dell ESMA (cfr. paragrafi da n. 28 a n. 30 della menzinata Opinin del 7 febbrai 2014) andrann declinate cn l evidenziazine separata di gni cst, anche implicit (mark-up), del prdtt e del su (1) presenza di elementi pzinali (relativi ad un più fattri di rischi), cndizini e/ meccanismi di amplificazine dell andament del sttstante (effett leva) nella frmula di determinazine del pay-ff del prdtt finanziari, e/ (2) limitata sservabilità del sttstante (ad es. indici prprietari, prtafgli di crediti cartlarizzati, asset nn scambiati in mercati trasparenti) cn cnseguente difficltà di valrizzazine dell strument, e/ (3) illiquidità (ad es. strument nn negziat su alcuna trading venue) difficltà di liquidabilità dell investiment (ad es. assenza di cntrparti istituzinali di mercat, alti csti di smbilizz, barriere all uscita). In tale prspettiva, la negziazine in trading venues può risultare una mdalità di cnteniment dei fattri di cmplessità rappresentati dall illiquidità del prdtt. 6 Resta naturalmente ferm il rispett delle cndizini di percepibilità stabilite dalla disciplina sugli inducements. 5

6 fair value, nnché cn la puntuale rappresentazine del rischi di credit 7, del rischi di mercat e del rischi di liquidità 8 e di gni altra tiplgia di rischi rilevante per l specific investiment. Sulla scrta di quant previst dall Opinin Structured Retail Prducts - Gd practices fr prduct gvernance arrangements (cfr. paragrafi da n. 32 a n. 34 dell Annex 1), le metdlgie applicate per la determinazine delle richiamate infrmazini sarann cerenti cn i criteri ed i mdelli impiegati dagli intermediari a fini interni per la valutazine dei prdtti finanziari nel prtafgli di prprietà, per la redazine del bilanci per finalità di gestine del rischi, nnché per le analisi eventualmente cmpiute in fase di cstruzine della gamma dei prdtti da emettere d ffrire alla clientela. Anche la determinazine dei prezzi sul mercat primari e secndari scaturirà dall applicazine di slide metdlgie cerenti cn i richiamati metdi interni Alla luce delle esperienze di vigilanza maturate e degli indirizzi tratteggiati in sede cmunitaria, la CONSOB ritiene cmunque che, fra le tiplgie di prdtti a cmplessità mlt elevata incluse nel richiamat elenc, quelle di seguit riprtate nn sian nrmalmente adatte alla clientela al dettagli (c.d. retail): i. prdtti finanziari derivanti da perazini di cartlarizzazine di crediti di altre attività; ii. iii. iv. prdtti finanziari per i quali, al verificarsi di determinate cndizini su iniziativa dell emittente, sia prevista la cnversine in azini la decurtazine del valre nminale 9 ; prdtti finanziari credit linked; strumenti finanziari derivati di cui all art. 1, cmma 2, lettere da d) a j) del TUF nn negziati in trading venues, cn finalità diverse da quelle di cpertura; v. prdtti finanziari strutturati 10, nn negziati in trading venues, il cui pay-ff nn rende certa l integrale restituzine a scadenza del capitale investit dal cliente. La CONSOB raccmanda, pertant, che le tiplgie di prdtti di cui ai punti i, ii, iii, iv e v dell allegat elenc nn sian cnsigliate né distribuite in via diretta (nell ambit di servizi esecutivi, assistiti men da quell di cnsulenza 11 ) alla clientela retail Ptrann utilizzarsi, ve ritenuti significativi, parametri quali il livell assunt dal credit spread dell emittente su titli di debit cn scadenze analghe a quella del prdtt, il rating assegnat al medesim (, in mancanza, al su emittente) da agenzie specializzate e/ altri idnei indicatri. 8 In merit si richiaman le indicazini frnite dalla Cmunicazine CONSOB n del 2 marz In tale categria nn rientran le bbligazini cnvertibili ad iniziativa del prtatre. 10 Sn inclusi i prdtti cn leva maggire di 1 (la sglia è da intendersi in valre asslut). Sn cmunque inclusi i prdtti che cnsentn di assumere psizini crte anche se a replica perfetta. 11 Cnsulenza c.d. base. 12 Per le finalità prprie di questa Cmunicazine, si ritiene pprtun chiarire che i servizi di gestine (individuale cllettiv) mitigan la necessità di cmprensine da parte del cliente di tutte le caratteristiche dei singli prdtti inseriti nei prtafgli gestiti (sul punt cfr. anche gli Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID dell ESMA, punt n. 35 lett. b)). In tali casi le scelte di 6

7 Qualra l intermediari, stt la prpria respnsabilità, disattenda la predetta raccmandazine in quant ritenga, a seguit delle valutazini effettuate in cerenza cn quant previst al paragraf n. 14 dell Opinin dell ESMA MiFID practices fr firms selling cmplex prduct (cfr. precedente paragraf n ), che il prdtt in cncret si presti alla realizzazine degli interessi della prpria clientela e che sian dispnibili infrmazini sufficienti a valutarne le principali caratteristiche ed i relativi rischi, ess sarà cmunque chiamat ad adttare, ltre alle misure indicate nel precedente paragraf n , cautele in grad di cntenere in maniera sstanziale l innalzat rischi di nn cnfrmità. In tale cas, è raccmandata la previsine - nel prcess sttes alla definizine della strategia cmmerciale - di una frmale adzine - da parte dei vertici aziendali dell intermediari - di una specifica e mtivata decisine sulla cmmercializzazine di queste tiplgie di prdtti. A quest fine, a crred dell istruttria, l rgan deliberante acquisirà dedicati pareri da parte degli rgani e delle funzini di cntrll per i prfili di rispettiva cmpetenza. Per l assunzine della decisine di cui spra sarann definiti ex ante specifici limiti per l investiment per la clientela attuale e prspettica, cn riguard fra l altr a: caratteristiche sci-ecnmiche del ptenziale cliente, cnsiderand ad esempi: grad di cmpetenza, anche certificat da esperienze prfessinali di studi; età; patrimni minim detenut press l intermediari; sglie quantitative, cnsiderand ad esempi: sglie minime di investiment; sglie massime di cncentrazine nel prtafgli del cliente; mdalità di fferta del prdtt, cnsiderand ad esempi: abbinament sistematic cn un servizi di cnsulenza ad alt valre aggiunt (c.d. cnsulenza avanzata evluta) che preveda anche il mnitraggi peridic del prtafgli, il riesame dell adeguatezza, l interazine cn il cliente sulla scrta delle ridette analisi, la mtivazine dei cnsigli frniti; utilizz del sl canale n-line. investiment sn effettuate, per cnt del cliente, da un intermediari dtat di cmpetenze specifiche e chiamat ad assicurare una cmpiuta valutazine nel cntinu, nell interesse del cliente medesim, della cnfrmità degli investimenti al mandat ricevut. Peraltr, nell ambit delle gestini individuali i clienti ptrann essere pprtunamente infrmati, secnd le mdalità ritenute più efficienti, dell eventuale investiment in titli della specie. 7

8 La distribuzine delle menzinate tiplgie di prdtti nn ptrà cstituire, in via diretta indiretta, presuppst per l ergazine di incentivi al persnale. L intermediari infrmerà in gni cas il cliente, al mment della transazine, circa il fatt che l Autrità nn ritiene il prdtt adatt a clientela al dettagli. L infrmativa sarà assicurata anche nel cas di peratività n-line, cn le mdalità prprie del canale utilizzat. L fferta ai clienti sarà infine accmpagnata da specifici e sstanziali presidi di cntrll nel cntinu, ad gni livell. La funzine di cmpliance prrà attenzine sull effettiv rispett delle regle di cndtta da parte dell intermediari in gni fase del prcess cnness all investiment del cliente in tali tiplgie di titli. 5. DETERMINAZIONI DEGLI INTERMEDIARI ED INFORMATIVA ALLA CONSOB Gli intermediari assumerann le determinazini sulle aree trattate nella presente Cmunicazine nel più breve temp pssibile e, cmunque, entr il 30 giugn 2015, dandne infrmativa alla CONSOB, nell ambit delle cmunicazini peridiche, cn dedicati riferimenti in rdine alla plicy, ai presidi adttati e agli esiti delle attività di cntrll 13. Le decisini in merit assunte dagli intermediari cntribuirann ad rientare le azini di vigilanza dell Istitut. La CONSOB intende infatti valrizzare le infrmazini acquisite nell ambit della prpria attività di supervisine, imprntata a principi risk-based. Il Presidente firma 1 13 La CONSOB riceverà infrmazini in prpsit nell ambit delle cmunicazini peridiche dvute dagli intermediari, ai sensi della Delibera n del 28 aprile 2010, nel crs del 2015 (in particlare nelle relazini sulle mdalità di svlgiment dei servizi e delle attività ed in quelle delle funzini aziendali di cntrll). 8

9 Allegat ELENCO PRODOTTI FINANZIARI A COMPLESSITÀ MOLTO ELEVATA i. prdtti finanziari derivanti da perazini di cartlarizzazine di crediti di altre attività (ad esempi Asset Backed Securities) ii. iii. prdtti finanziari per i quali, al verificarsi di determinate cndizini su iniziativa dell emittente, sia prevista la cnversine in azini la decurtazine del valre nminale (ad esempi Cntingent Cnvertible Ntes, prdtti finanziari qualificabili cme additinal tier 1 ai sensi dell art. 52 del Reglament UE n. 575/2013 (c.d. CRR )) 14 prdtti finanziari credit linked (espsti ad un rischi di credit di sggetti terzi) iv. strumenti finanziari derivati di cui all art. 1, cmma 2, lettere da d) a j) del TUF, nn negziati in trading venues, cn finalità diverse da quelle di cpertura v. prdtti finanziari strutturati 15, nn negziati in trading venues, il cui pay-ff nn rende certa l integrale restituzine a scadenza del capitale investit dal cliente vi. strumenti finanziari derivati di cui all art. 1, cmma 2, lettere da d) a j) del TUF diversi da quelli di cui al punt iv vii. prdtti finanziari 16 cn pay-ff legati ad indici che nn rispettan gli Orientamenti ESMA del 18 dicembre 2012 relativi agli ETF viii. bbligazini perpetue ix. OICR c.d. alternative 14 In tale categria nn rientran le bbligazini cnvertibili ad iniziativa del prtatre. 15 Sn inclusi i prdtti cn leva maggire di 1 (la sglia è da intendersi in valre asslut). Sn cmunque inclusi i prdtti che cnsentn di assumere psizini crte anche se a replica perfetta. 16 Sn inclusi gli OICR e le plizze di ram III V. 9

10 x. prdtti finanziari strutturati, negziati in trading venues, il cui pay-ff nn rende certa l integrale restituzine a scadenza del capitale investit dal cliente xi. prdtti finanziari cn leva 17 maggire di 1 18 xii. UCITS di cui all art. 36 del Reglament UE n. 583/2010 nnché plizze di ram III V cn analghe caratteristiche 17 Sn inclusi gli OICR e le plizze di ram III V nnché quelle perazini su strumenti finanziari per le quali l intermediari presta al cliente il servizi accessri di cui all art. 1, cmma 6, lett. c) del TUF ( la cncessine di finanziamenti agli investitri per cnsentire lr di effettuare un'perazine relativa a strumenti finanziari, nella quale interviene il sggett che cncede il finanziament ). 18 La sglia è da intendersi in valre asslut. Sn cmunque inclusi i prdtti che cnsentn di assumere psizini crte anche se a replica perfetta. 10

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli